Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 B amera dell'conomia F ' B F ' B l è il entro di Formazione anageriale e estione d mpresa della amera di ommercio di Bologna istituito allo scopo di fornire, con il contributo di docenti e trainers di rilievo nazionale ed internazionale, servizi reali in ambito formativo e tecnico-gestionale a favore delle organizzazioni aziendali. affinamento delle capacità imprenditoriali e manageriali nonché lo sviluppo e la qualificazione delle professionalità sono infatti esigenze particolarmente sentite dagli operatori economici che aspirano al mantenimento ed al miglioramento della propria competitività sui mercati di riferimento. l opera pertanto proprio al fine di rispondere a tali bisogni tramite la promozione e la realizzazione di corsi, seminari, convegni ed altri servizi finalizzati alla formazione, all aggiornamento ed al perfezionamento manageriale degli imprenditori, dei dirigenti, dei quadri e degli operatori delle diverse categorie economiche. attività del è iniziata nel 1987 e ha visto, sino ad oggi, la realizzazione di corsi e seminari finalizzati alla preparazione, all aggiornamento ed al perfezionamento professionale di imprenditori ed operatori appartenenti ai diversi settori economici. ssa prosegue con la programmazione per il 2010 di 242 corsi e seminari la cui gestione metodologica sarà caratterizzata, oltre che dallo svolgimento di lezioni teoriche attuate in modo tradizionale, anche dall utilizzo, differenziato a seconda della tipologia corsuale, di diversificate metodologie didattiche quali role playing, simulazioni video-registrate, e-learning, analisi di casi aziendali, project work, business game, lavori di gruppo, sessioni outdoor e on the job. n particolare, il, secondo una visione ed un'analisi internazionale degli approcci scientifici e gestionali in materia di eccellenza della performance aziendale, realizza il rogramma nternazionale di viluppo delle ompetenze conomiche e anageriali, caratterizzato dalla presenza di alcune delle massime autorità, a livello mondiale, dell'conomia e del anagement e dalla partecipazione, sino ad oggi, di nove remi obel per l'conomia. attività del è infine tesa a fornire anche un puntuale servizio di informazione economica, di consulenza e di assistenza gestionale a favore di coloro che intendono iniziare o sviluppare qualificati processi innovativi nell ambito sia della creazione che della gestione della propria impresa corsi e seminari realizzati F partecipanti ore/formazione erogate ' 85 B convegni di carattere nazionale À aspiranti imprenditori fruitori del partecipanti ai corsi e seminari realizzati nel corsi e seminari realizzati nel ore/formazione erogate nel 2009

2 B amera dell'conomia F ' B À F F a programmazione formativa interaziendale prevista per il 2010 è contraddistinta dalla individuazione di 213 tipi di interventi formativi differenziati in 20 aree tematiche: K QÀ & B F F F QF a gestione didattica per il raggiungimento degli obiettivi formativi prefissati è quindi affidata ad oltre 400 qualificati relatori provenienti dal mondo universitario, dalle libere professioni, dal anagement, dall'esperienza amministrativa ed imprenditoriale nonchè ad autorevoli ed accreditati esperti internazionali dell'conomia e del anagement, ed è contraddistinta dall'attuazione di sistematici momenti di verifica e di collegamento con la realtà gestionale ed operativa. F : servizio ad hoc finalizzato all'analisi ed alla definizione, all'interno del catalogo, di percorsi formativi individuali destinati a formare o perfezionare i più diversificati profili professionali. X H: processo di training personalizzato, svolto da esperti senior nel settore dello sviluppo delle isorse mane e destinato a persone che sono orientate a migliorare la propria performance e a crescere sul piano personale e professionale. : attività professionale in cui il ounsellor, attraverso le proprie conoscenze e competenze, aiuta la ersona a trovare possibili soluzioni ad una situazione di disagio relazionale; in ambito lavorativo la finalità è di sostenere e sviluppare le potenzialità della ersona promuovendone atteggiamenti attivi, propositivi e stimolando le capacità di scelta. F n considerazione delle differenziate configurazioni organizzative e delle esigenze formative che caratterizzano le aziende private, gli enti pubblici, le associazioni e gli studi professionali, il progetta e realizza interventi formativi ad hoc finalizzati all'analisi e allo sviluppo di specifici contenuti e competenze che vengono affrontatecon particolare riferimento ed attenzione alle peculiarità dell'organizzazione committente. F ' opo l'analisi dei bisogni formativi si procede alla progettazione ed alla pianificazione delle attività e quindi alla realizzazione dei corsi attraverso il controllo costante della qualità dell'intero processo formativo. articolare importanza è inoltre rivolta all'analisi ed alla verifica dei risultati conseguiti con la realizzazione dei percorsi formativi, B ponendo una specifica attenzione ai sistemi di valutazione dei cambiamenti e dei miglioramenti individuali ed organizzativi attivati. F F l, in quanto nte accreditato dalla egione milia omagna, progetta e realizza, anche per singole aziende, attività di formazione cofinanziata dal Fondo ociale uropeo, presentando le relative proposte agli nti finanziatori in occasione dei bandi pubblicati periodicamente.

3 B amera dell'conomia F ' B Frank espedes aphael ohen ary Becker Jeremy ifkin oger Hallowell James irrlees ichael pendolini Felix uesta Fernandez ouglas nderson ric askin James Heckman ichard ormann Joseph tiglitz obert alford dward e Bono l crede in una visione internazionale e globale del pensiero e delle teorie economiche e manageriali nonché nell'efficacia formativa della testimonianza autorevole. ra i relatori dei seminari e degli eventi organizzati dal, ormai numerose sono state le presenze delle massime autorità, a livello mondiale, dell'conomia e del anagement. n particolare, il realizza il rogramma nternazionale di viluppo delle ompetenze conomiche e anageriali, che giungerà, nel 2010, alla X edizione e che ha visto, negli anni, la partecipazione di oltre 1750 imprenditori e manager. Questo percorso, che è strutturato in sei incontri che vedono la presenza di alcuni tra i più autorevoli pensatori ed esperti internazionali in materia, determina l'acquisizione cognitiva di importanti contributi scientifici, stimolando le menti da un punto di vista contenutistico ed emotivo. e differenziate iniziative del orientate all'interpretazione degli scenari economici ed all'analisi dei principali modelli di anagement hanno visto il contributo dei seguenti relatori, di assoluto rilievo internazionale: ouglas nderson reside della J.. Hurtsman chool of Business della tah tate niversity Jan rdui sicoterapeuta, coach e formatore ary Becker remio obel per l'conomia 1992 abriel Bitran ocente del di Boston Frank espedes ocente presso l'harvard Business chool aphael ohen ocente alla hunderbird niversity (hoenix) avid roson ssociated rofessor presso l'dwin. ox chool of Business della outhern ethodist niversity Felix uesta Fernandez sperto di ustomer elationship anagement dward de Bono assima autorità sul ensiero creativo e laterale obert ilts ofondatore della rogrammazione euro inguistica hristopher yson sperto di coaching per top manager obert alford ocente di management alla olumbia niversity raduate chool of Business saac etz ocente di nnovation anagement all'uropean chool of anagement (arigi) oger Hallowell artner del enter for xecutive evelopment di Boston James Heckman remio obel per l'conomia 2000 James Hillman adre della psicologia moderna, docente presso le niversità di Yale, hicago e allas ichael Jacobides ocente presso la ondon Business chool Hubert Jaoui ioniere europeo per l'nnovazione, il arketing, la reatività ric askin remio obel per l'conomia 2007 James irrlees remio obel per l'conomia 1996 obert undell remio obel per l'conomia 1999 ichard ormann assima autorità del ervice arketing era eiffer sicoterapeuta e formatrice dward rescott remio obel per l'conomia 2004 Jeremy ifkin onsigliere internazionale sulle tendenze socio-economiche arlos alum residente del alum nternational esources nc. hilip later ocente presso l'niversità di anta ruz obert olow remio obel per l'conomia 1987 ichael pence remio obel per l'conomia 2001 ichael pendolini Fondatore del Benchmarking Joseph tiglitz remio obel per l'conomia 2001 onald ull rofessore presso la ondon Business chool Julio elasco oach, esperto di motivazione dei gruppi aul Watzlawick assimo esponente sulla omunicazione interpersonale James Hillman obert olow abriel Bitran aul Watzlawick ichael pence arlos alum obert ilts hristopher yson dward rescott onald ull hilip later obert undell era eiffer avid roson Julio elasco Jan rdui saac etz Hubert Jaoui ichael Jacobides

4 B amera dell'conomia X niversità degli tudi di Bologna e Bologna rogramma rometheus X XX dizione F ' B onfederazione taliana irigenti d'zienda.. F n considerazione della necessità di un costante affinamento delle capacità gestionali e relazionali in ambito professionale da parte di coloro che ricoprono incarichi di responsabilità nella gestione d impresa, l xecutive aster rometheus è finalizzato a far acquisire le conoscenze specifiche relative alle diverse funzioni aziendali ed una visione intersettoriale dei processi che interagiscono nell impresa. xecutive aster rometheus è inoltre teso a sviluppare e perfezionare le competenze professionali dei partecipanti attraverso un sistematico approccio interdisciplinare nonché ad affinare le abilità, le tecniche manageriali, gli stili e gli atteggiamenti direzionali, secondo una visione strategica della prospettiva aziendale. rivolto esclusivamente ad imprenditori, dirigenti e quadri direttivi che credono nell importanza strategica di un approccio globale alle organizzazioni e di una conseguente visione interfunzionale delle dinamiche aziendali. l rogramma inizierà il giorno 5 novembre 2010 e si svolgerà nelle giornate di venerdì tardo pomeriggio e sabato mattina. a struttura del rogramma, dopo un iniziale fase di warming up, prevede quattro fasi programmatiche: la prima è caratterizzata dall individuazione e dall analisi delle peculiarità dell ambiente all interno del quale si muove il istema mpresa, ponendo particolare attenzione agli aspetti macro e micro economici; la seconda fase è dedicata, secondo un'ottica interdisciplinare, all analisi degli aspetti relativi ad undici sottosistemi aziendali; la terza è centrata sull analisi di tematiche aziendali quali i sistemi di qualità, lo sviluppo delle abilità manageriali e comunicative ed i sistemi informativi, caratterizzati dalla spiccata trasversalità alle diverse funzioni dell impresa; la quarta ed ultima fase, a compimento di un percorso già ampiamente strutturato su metodologie didattiche attive, privilegia il coinvolgimento personale dei partecipanti attraverso la realizzazione di project work differenziati. l corpo docente è composto da 26 autorevoli relatori provenienti dal mondo universitario, dalla dirigenza, dalla libera professione e dalla consulenza aziendale. rogramma X H F ' l coaching è una metodologia all'avanguardia nell'area della formazione - consulenza. onsiste in un processo di training personalizzato, svolto da esperti senior nel settore dello sviluppo delle ersone e destinato a coloro che mirano a gestire meglio il proprio lavoro e a crescere sul piano personale e professionale. l coach, nel linguaggio sportivo, è infatti colui che allena, colui che tiene sotto controllo e migliora costantemente le performances dei giocatori. B Questa figura da alcuni anni viene utilizzata anche nell'ambito dello sviluppo manageriale, dove il coach è colui che segue la persona in modo individuale e personalizzato, svolgendo un programma di sviluppo personale orientato al miglioramento della performance. n ambito manageriale, per coaching si intende un'azione di sviluppo personalizzata e mirata al rafforzamento di determinate competenze nella persona (coachee) destinataria dell'intervento. l coach assiste e stimola il coachee nella individuazione delle aree di miglioramento, nella definizione di obiettivi realistici di crescita, nel dare feedback e riconoscere i progressi compiuti, nella misurazione e controllo di ciò che ancora resta da fare. l percorso formativo intende fornire gli strumenti, i modelli e le metodologie per diventare coach e quindi figura di riferimento nei contesti professionali e manageriali in cui si opera. 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 25 marzo 2010.

5 B amera dell'conomia F ' B rogramma ímesis X niversità degli tudi di Bologna tudio di sicodramma di Bologna X X dizione Federation of uropean sychodrama raining rganizations F tudio di sicodramma di ilano a formazione professionale, manageriale, organizzativa ed istituzionale, la consulenza e l addestramento alle più diverse attività lavorative ed ai ruoli sociali significativi, si stanno orientando verso modalità didattiche sempre più imperniate sulle metodologie attive. er coloro che si occupano di formazione diviene pressante la necessità di saper gestire queste metodologie, acquisendo le competenze per progettare gli interventi formativi con i tempi e le modalità ottimali per l apprendimento dei partecipanti. l rogramma ímesis dà quindi la possibilità ai partecipanti di costruire attivamente una serie di competenze tecniche e teoriche che consentano loro di presidiare metodologie attive, perfezionando le proprie capacità operative e relazionali e qualificando, al tempo stesso, il proprio profilo professionale per meglio situarsi in un mercato sempre più competitivo. xecutive aster ímesis si propone inoltre di condurre i partecipanti attraverso un percorso didattico che li prepari ad utilizzare i diversi tipi di "giochi formativi" come strumenti per l apprendimento individuale e di gruppo. partecipanti impareranno a progettare, scegliere e contestualizzare i giochi e le esercitazioni da utilizzare, a condurne e facilitarne lo svolgimento ed infine ad ottimizzarne le caratteristiche didattiche creando anche una piacevole e proficua atmosfera nel gruppo dei destinatari dell'azione formativa. 'xecutive aster è rivolto a formatori, insegnanti, psicologi, operatori sociali, docenti universitari, manager e quadri che si occupano di formazione e di addestramento interno alle organizzazioni. 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 6 maggio rogramma Homerus X F ' F B a finalità del percorso è fornire a coloro che nelle organizzazioni si occupano di gestione, sviluppo e formazione delle risorse umane, logiche, metodi e strumenti per integrare la dimensione esperienziale, emotiva e cognitiva dell apprendimento. obiettivo è far comprendere dal punto di vista teorico e sperimentale i nessi profondi tra emozioni ed apprendimento, favorendo il riconoscimento, lo stimolo, la gestione delle emozioni nei processi formativi degli adulti. ttraverso l utilizzo di metodologie innovative si porterà i partecipanti a comprendere ed utilizzare, in ottica progettuale e secondo logiche di processo, modalità formative che utilizzano le narrazioni (storie e metafore, il cinema, la letteratura, la poesia, i format televisivi) e i linguaggi artistici (in particolare, teatro, arti visive, musica). 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 7 maggio 2010.

6 B amera dell'conomia F ' B X anagerial bilities rogram onfederazione taliana irigenti d'zienda.. X BÀ F er organizzare i processi aziendali in modo "eccellente" ed essere in grado di valorizzare e gestire adeguatamente la "persona", occorre che coloro che ricoprono incarichi di responsabilità aziendale presidino con sicurezza le proprie abilità manageriali. l, anagerial bilities rogram, è un rogramma formativo interaziendale che rappresenta una risposta coordinata all esigenza di coloro che intendono perfezionare le proprie doti manageriali al fine di gestire efficacemente i rapporti professionali con colleghi e collaboratori. e metodologie didattiche non solo permettono di attivare una riflessione di tipo teorico, unita alla possibilità di disegnare una autodiagnosi delle proprie competenze manageriali, ma consentono altresì, anche a seguito del costante utilizzo di metodi formativi di tipo attivo, di adottare modelli e strumenti di reale sviluppo e potenziamento delle proprie capacità. l è strutturato sui seguenti 16 interventi formativi monotematici, inseriti nelle ree anagement, otenziamento ndividuale e viluppo delle persone, con le sue 205 ore/formazione, è pertanto uno dei progetti più completi esistenti in materia nel panorama formativo nazionale. 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 26 marzo rogramma gorà X K F dizione ' ealizzare volumi adeguati di vendita salvaguardando la redditività, in mercati turbolenti e competitivi, è un'azione complessa e richiede sia la definizione di una strategia di marketing efficace, sia buone competenze gestionali nell'operatività quotidiana. B l programma dell'xecutive aster include tutti gli aspetti del marketing strategico ed operativo, dalle nozioni di base per una gestione di marketing corretta, alle tecniche più evolute di analisi e valutazione dei mercati, fondamentali per aumentare l'efficacia delle scelte strategiche di marketing. n un'ottica di integrazione contenutistica e metodologica, vengono affrontati inoltre tutti gli elementi del marketing operativo, la gestione del portafoglio prodotti, i prezzi, il servizio al cliente, i canali distributivi, la pubblicità, le nuove tecnologie, la stesura del conto economico di previsione e la redazione del piano di marketing. l percorso formativo vedrà anche la trattazione di innovativi approcci al marketing e alla comunicazione esterna quali: second life, ambient marketing e marketing tribale, lovemark, viral e guerrilla marketing. 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 23 marzo 2010.

7 B amera dell'conomia F ' B niversità degli tudi di Bologna rogramma eneca X F XX dizione importanza e la criticità dell attivazione di percorsi formativi all interno di organizzazioni complesse hanno evidenziato la centralità strategica di una efficace gestione dei processi di apprendimento, sia per poter effettivamente determinare una crescita personale e professionale dei singoli e dei gruppi destinatari dell azione formativa, sia per consolidare l azione di miglioramento della qualificazione dei professionisti della formazione. l rogramma eneca è rivolto principalmente a coloro che si occupano di gestione delle risorse umane e di formazione in aziende, sia private che pubbliche, a formatori, a consulenti aziendali, a dirigenti, coordinatori e tutor di centri e di scuole di formazione. Ha la finalità di creare un laboratorio di meta-formazione, in cui coloro che sono i protagonisti principali dei percorsi di apprendimento possono analizzare le adeguate modalità per gestire i processi e le dinamiche formative, intese nelle loro diverse configurazioni. a partecipazione a tale rogramma, che è caratterizzato dalla sistematica applicazione di metodologie formative di tipo attivo, consentirà un perfezionamento integrato e coordinato, teso ad individuare le logiche, gli strumenti e le metodologie da utilizzare sia nella fase gestionale del processo di formazione (progettazione, aula, valutazione dei risultati) che in quella attinente la dimensione qualitativa del servizio formativo. X 'xecutive aster eneca si articola in undici moduli: F '- ' ' F H ' H F F F F QÀ F 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 22 aprile rogramma mago F X ' B l rogramma mago costituisce un percorso articolato di formazione e di perfezionamento professionale con la finalità di qualificare figure capaci di gestire la comunicazione visiva di una organizzazione, interfacciandosi alla pari con i professionisti del settore. a comunicazione visiva è, infatti, una componente fondamentale del processo complessivo attraverso cui un'organizzazione si presenta all'esterno. ssa richiede tuttavia competenze specifiche e specialistiche difficili da reperire all'interno. onoscere i principi fondamentali della comunicazione visiva permette all'azienda di comprendere e valutare con competenza le proposte dei professionisti del settore in modo da comprendere il loro lavoro e poter interagire alla pari. 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 10 giugno 2010.

8 B amera dell'conomia X ondimpresa rogramma irio X F ' B ' X dizione l processo di globalizzazione delle attività economiche rappresenta uno dei fenomeni economici più importanti a livello mondiale, comportando altresì sfide ed opportunità particolarmente complesse per gli operatori e per i overni di vari paesi. onsiderando, in particolare, la complessità, la differenziazione, la dinamicità e l elevata competitività del mercato internazionale è necessario che le aziende acquisiscano strumenti, capacità e quindi competenze per vincere la sfida proposta dal nuovo scenario economico. 'xecutive aster irio in viluppo delle ompetenze sull nternazionalizzazione ziendale ha quindi la finalità di qualificare figure professionali capaci di gestire l intero processo di internazionalizzazione, con competenze specifiche e differenziate, tali da spaziare dall ambito commerciale a quello legislativo, dal contesto economico-finanziario a quello fiscale e doganale. l rogramma irio è strutturato in sette moduli: K F FH, À FF 2000 BH F, À 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 15 giugno stituto nazionale per il ommercio stero Q dvanced rogram on Quality X QÀ X dizione un percorso formativo che costituisce una risposta articolata alle esigenze di quanti hanno la necessità di seguire l analisi di fattibilità, di elaborare o presidiare l applicazione di programmi di sviluppo della qualità all interno di F ' organizzazioni complesse, private o pubbliche, di piccole, medie o grandi dimensioni. a necessità di ottimizzare l'organizzazione, le proprie procedure interne e le richieste esterne del mercato fanno emergere la motivazione di dare conformità al sistema aziendale, facendo riferimento alle norme 9000:2008, al. gs. 196/2003, alla esponsabilità ociale. dvanced rogram on Quality consente di sviluppare le conoscenze sulle normative vigenti e sulle più recenti innovazioni e di dare indicazioni in merito alle strategie ed alla gestione ottimale delle B attività all interno delle organizzazioni che sono in procinto di attivare un sistema qualità o che hanno la necessità di un costante controllo in itinere. È strutturato su seminari finalizzati non solo all analisi teorica del concetto di qualità e delle sue derivazioni, ma anche all esame applicativo di strumenti e metodologie che connotano i processi di qualità. li interventi formativi che ne fanno parte sono: QÀ:, F, QÀ 9000 K,. gs. 231/01 QÀ ' Y QÀ B BÀ F : QÀ B QÀ 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 13 aprile 2010.

9 B amera dell'conomia F ' B rogramma iogene X dizione F avanti allo scenario particolarmente competitivo che caratterizza l'evoluzione delle organizzazioni è d'importanza centrale sviluppare le competenze strategiche che permettono di selezionare le isorse mane individuandone potenzialità, attitudini e capacità. 'xecutive aster iogene in elezione e alutazione delle isorse mane costituisce una risposta formativa rivolta a soddisfare le esigenze di coloro che intendono perfezionare le proprie competenze sulla gestione specialistica delle ersone nelle organizzazioni. l rogramma si propone di far apprendere tecniche e strumenti per gestire i processi relativi all'individuazione ed alla valutazione delle competenze e delle potenzialità professionali al fine di sviluppare investimenti strategici nell'azienda, fornendo gli elementi per un'analisi coerente delle isorse impegnate nelle organizzazioni con riguardo alle variabili strategiche di profili, posizioni, prestazioni e potenziali. contenuti portanti saranno l'analisi delle metodologie e delle tecniche di selezione delle isorse mane, il bilancio delle competenze nelle organizzazioni, l'ssessment enter, le dinamiche di gruppo, i questionari psico-attitudinali, i colloqui e le applicazioni grafologiche e di rogrammazione euro-inguistica. X 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 14 maggio rogramma uppiter X W dizione a nuova e potente strumentazione professionale dell'mpowerment, resa disponibile non solo dalle origini statunitensi ma soprattutto dallo sviluppo realizzato in talia, permette nuove possibilità a persone e ad aziende. n particolare l'xecutive aster, organizzato in collaborazione con F, è dedicato soprattutto a che vogliono utilizzare meglio se stesse F e le proprie risorse personal-professionali in azienda e sul lavoro, aumentare la propria efficacia e benessere lavorativo, sviluppare il proprio potenziale, sentirsi protagoniste della propria vita anche lavorativa, parallelamente sviluppando progettualità e ' vision, imparando a sbloccare l'effetto dei propri limiti personali storici, reperendo nuove risorse dentro e fuori di sé, differenziando ed integrando le dimensioni del bisogno e del desiderio e la loro energia. elativamente alle, l'xecutive aster uppiter ha come finalità principali la vitalizzazione B delle isorse mane, del clima, della cultura organizzativa, la gestione e lo sviluppo dell'azienda fatta di tante "persona"; l'entusiasmo, la passione, la fiducia, la flessibilità, l'innovatività, i valori umani anche sul lavoro e nella cultura organizzativa aziendale; il supporto "soft" all'innovazione nell'organizzazione. 'xecutive aster è dedicato in particolare a persone che in azienda svolgono ruoli importanti quali: imprenditori e figli di imprenditori; persone che svolgono ruoli di implementazione dell'innovazione nelle imprese; dirigenti e quadri da cui è atteso l'apporto in azienda di nuova cultura organizzativa e professionale; responsabili dello sviluppo isorse mane e responsabili della formazione. 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 28 maggio 2010.

10 B amera dell'conomia X rogramma X dizione F ' B 'assistente di direzione rappresenta una figura professionale strategica all'interno delle organizzazioni, sia come veicolo di trasmissione dell'immagine aziendale, sia come anello di congiunzione fra il management aziendale e l'esterno. 'assistente direzionale ricopre infatti una funzione di vero e proprio coordinamento dell'attività dei manager/capi: dalla gestione dell'agenda alla logistica degli spostamenti, dall'elaborazione dei report di riunioni e incontri alla responsabilità dei rapporti con agenti, fornitori e clienti. ra le skill richieste figurano diplomazia, intraprendenza, curiosità, capacità di risolvere problemi ed imprevisti. a anche la disponibilità a lavorare sotto pressione e, soprattutto, l'attitudine a gestire urgenze e priorità. l ruolo interfunzionale dell'assistente di direzione va, quindi, sostenuto e valorizzato tramite programmi di sviluppo e di affinamento delle conoscenze e delle abilità concernenti la comunicazione interpersonale, la gestione dei processi organizzativi nonché dei rapporti relazionali con le diverse dimensioni aziendali. a partecipazione all'xecutive aster per assistenti di direzione consentirà un perfezionamento personal/professionale integrato e coordinato, teso ad individuare le logiche, gli strumenti e le metodologie per presidiare l'organizzazione ed il controllo delle attività delle segreterie di direzione. l rogramma si struttura in otto moduli, ognuno dei quali affronterà una tematica specifica legata all'affinamento delle skill individuate come strategiche per potenziare le abilità di ruolo del personale che opera nelle segreterie di direzione. 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 26 marzo rogramma ercurius X H X dizione l panorama all interno del quale le aziende si trovano ad operare è caratterizzato da una sfida competitiva sempre più multiforme e quindi dalla necessità crescente di sviluppare competenze in grado di presidiare mercati dinamici e selettivi. a crescita della richiesta F e la differenziazione dell offerta impongono alle aziende la necessità di attuare scelte strategiche orientate alla soddisfazione di differenziate "nicchie" di mercato. xecutive aster ercurius ha la finalità di valorizzare l importanza ' che ricopre la fase di vendita come variabile strategica nelle programmazioni aziendali, mettendo in evidenza ruoli, compiti e metodi per attuare una efficace ed efficiente azione di vendita del prodotto/servizio erogato dall azienda. B lle lezioni in aula saranno affiancati momenti dedicati all analisi di casi aziendali nonché video simulazioni dirette all analisi, all affinamento ed allo sviluppo delle competenze maturate durante l attività professionale. l rogramma si suddivide in quattro parti programmatiche: la prima vuole evidenziare le fasi che caratterizzano un processo di strategia commerciale analizzando, nello specifico, le tecniche e la psicologia applicata alla vendita; la seconda vuole enucleare gli stili negoziali più adeguati alle diverse tipologie di vendita di prodotti/servizi, passando in rassegna le fasi che caratterizzano un processo di vendita; la terza fase riguarda gli aspetti che caratterizzano la "Forza endita"; la quarta ed ultima fase è rivolta all'analisi degli scenari commerciali internazionali ed alla loro influenza sulle dinamiche di vendita. 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 19 novembre 2010.

11 B amera dell'conomia F ' B rogramma exus X dizione Fi F BBH l ruolo della comunicazione, sia verso il proprio interno che rivolta all'esterno, è fondamentale per trasmettere in modo efficace e corretto l'immagine aziendale e per diffondere un clima lavorativo positivo ottimizzando l'efficienza dell'intera organizzazione. a conoscenza nonchè la corretta gestione delle tecniche di comunicazione, anche attraverso gli strumenti più innovativi, costituiscono per un'azienda un presupposto necessario per inserirsi nel mercato di competenza e per ricoprire in esso un ruolo competitivo. 'xecutive aster è strutturato in seminari monotematici finalizzati non solo all'analisi dei metodi e degli strumenti che caratterizzano la comunicazione d'impresa ma anche all'esame applicativo di singoli casi aziendali specifici. li interventi formativi che ne fanno parte sono: BBH 'FF : F B K : B B 'FF ' WK F X 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 6 maggio rogramma ureka X À B dizione e sfide che le aziende devono affrontare nel presente e nel futuro coinvolgono sempre più le competenze relative alla creatività ed alla flessibilità organizzativa. F a disponibilità ad un approccio creativo è, allo stesso tempo, una predisposizione individuale ed una capacità che si può sviluppare con l apprendimento continuo, è una qualità dei singoli e delle organizzazioni, è uno stile di pensiero ma anche un ' insieme di tecniche specifiche. xecutive aster in viluppo della reatività in mbito rganizzativo è un rogramma formativo che offre l opportunità di incontrare relatori e testimoni qualificati sui modelli più efficaci di creatività, di conoscerne gli strumenti e approfondirne l applicabilità nei contesti aziendali di riferimento. l rogramma B consiste in un percorso unitario ed intensivo che si caratterizza per l utilizzo continuo di metodologie didattiche attive contraddistinte dalla sperimentazione pratica delle tecniche di sviluppo delle capacità creative ideate e presentate dai relatori. xecutive aster ureka si pone quindi la duplice finalità di conoscere gli aspetti teorici che descrivono la creatività dal punto di vista psicologico ed organizzativo e di apprendere le differenziate tecniche che consentono di sviluppare le potenzialità del pensiero creativo. l rogramma è rivolto ad imprenditori, dirigenti, manager, impiegati di aziende pubbliche o private, liberi professionisti, formatori e quanti vogliono sviluppare la propria creatività. 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 26 novembre 2010.

12 B amera dell'conomia F ' B X X -F aroce eggio milia e organizzazioni non-profit vivono il problema di dover convivere contemporaneamente con le proprie finalità sociali, le implicazioni morali delle proprie attività e con le esigenze delle imprese immerse in un clima di limitate risorse economiche e in un mercato del lavoro sempre più difficile da governare. È necessario, per le singole organizzazioni, divenire sempre più efficienti e competitive senza perdere di vista la solidarietà come elemento fondante della visione identitaria. Questi due aspetti, oltre a richiedere un grande impegno per poter essere integrati correttamente, devono essere coltivati adeguatamente per poter ottenere buoni risultati immediati ed un solido sviluppo nel tempo. 'obiettivo del percorso è formare responsabili e dirigenti del erzo ettore ponendosi come momento di formazione specifico adatto anche ai referenti della ubblica mministrazione e di quelle aziende private che misurano le proprie performance in funzione del capitale sociale prodotto. 'obiettivo è anche migliorare la professionalità dei dirigenti delle imprese for-profit a favore di una gestione incentrata sulla esponsabilità ociale d'mpresa. 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 18 giugno rogramma edalus X dizione l processo di globalizzazione delle attività economiche ha fortemente modificato il ruolo della logistica: da attività interna all'azienda, con un peso marginale, F ha assunto un ruolo strategico nella definizione delle strategie aziendali. er le aziende, infatti, pressate dalla necessità di ridurre i costi e migliorare i processi, la capacità di programmare e sincronizzare la molteplicità dei flussi di merci e di gestire tutta la relativa informazione ' in funzione del miglioramento della produzione e della commercializzazione è divenuta un vantaggio competitivo. 'xecutive aster in anagement della ogistica ha quindi la finalità di qualificare figure professionali capaci di gestire l'intero B processo logistico. li interventi formativi che ne fanno parte sono: QÀ : F FF :, 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 18 maggio 2010.

13 B amera dell'conomia F ' B rogramma res X dizione 'xecutive aster in mministrazione e ontrollo ziendale, rivolto a imprenditori, dirigenti, quadri e operatori amministrativi, ha l'obiettivo di formare professionisti in grado di operare nei settori amministrativi e gestionali d'impresa con una visione integrata delle problematiche aziendali. l percorso formativo intende, inoltre, soddisfare l'esigenza espressa dalle aziende di competere nei mercati globali, avvalendosi di personale fortemente specializzato nello sviluppo di sistemi di pianificazione e controllo e al tempo stesso in grado di monitorare e garantire la redditività dei business aziendali. li interventi formativi che ne fanno parte sono: B ' B F BÀ B B F F F B ' X 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 11 maggio rogramma ureus X F dizione el mondo pur variegato delle piccole e medie imprese la finanza, e l'amministrazione in genere, sono sempre state viste come strutture necessarie per la gestione dei processi di business; tale visione, ancora oggi predominante, confina inevitabilmente anche la tesoreria ed i suoi operatori nella nutrita schiera dei puri centri di costo. 'affrancamento da tale posizione è in effetti finora avvenuto in misura predominante per la dimensione economica del controllo di gestione con evidenti benefici in termini di recupero di efficienza e di attitudine alla programmazione aziendale. e conseguenze più nocive e frequenti di una simile F ' sottovalutazione sono l'eccessiva onerosità e l'inadeguatezza dei finanziamenti e degli altri servizi bancari, la rischiosità di alcune operazioni finanziarie e la rinuncia a creare "valore" per mezzo della finanza. n questo scenario, è evidente che le imprese che possono disporre di una gestione finanziaria e di una tesoreria efficiente hanno potenzialità maggiori rispetto alla generalità dei concorrenti per poter competere sul mercato di riferimento. 'obiettivo dell'xecutive aster in Finanza ziendale consiste nell'analizzare i diversi temi finanziari che coinvolgono l'azienda senza abbandonare da un lato un rigoroso, ma sintetico, inquadramento teorico e, dall'altro lato, focalizzandosi con decisione sugli strumenti operativi realisticamente B utilizzabili al fine di far acquisire alla tesoreria il ruolo strategico che le viene già attribuito all'interno delle grandi realtà nazionali e internazionali. li interventi formativi che ne fanno parte sono: F :, H B F B H : F : FF F ' F 'À B F B BH 'inizio del rogramma è fissato per il giorno 11 maggio 2010.

14 B amera dell'conomia F ' B n programma avanzato dedicato alle segretarie e alle assistenti di direzione con comprovata esperienza che, attraverso percorsi di perfezionamento, abbiano già acquisito un grado di consapevolezza del proprio ruolo e della propria identità professionale e desiderino ulteriormente arricchire le proprie risorse e le proprie esperienze. l rogramma prevede infatti sia l'arricchimento delle conoscenze e lo sviluppo delle specifiche competenze sia il confronto tra esperienze ed esempi di best practice, affinchè la manifestazione dell'identità di assistente di direzione risponda con maggiore efficacia ed efficienza alle aspettative del ruolo ricoperto in ambito organizzativo. F l propone un rogramma in lingua inglese di sviluppo delle competenze manageriali per offrire da un lato la possibilità a dirigenti, quadri ed imprenditori italiani di approfondire, confrontandosi con colleghi stranieri, alcune importanti tematiche professionali affrontate in una lingua diffusa a livello internazionale, e dall altro l opportunità, a favore di executive stranieri, di conoscere l approccio manageriale e le problematiche delle piccole e medie imprese italiane. n order to maintain and develop the competitiveness in the market it is necessary to possess professional skills specific to the principal applications of managerial sciences. For years has been committed to developing and promoting these skills among talian managers and entrepreneurs, starting from reading the changes taking place in international markets, to programming a training course composed of 5 seminars in nglish which addresses not only to talian managers interested in comparing other professional codes, but also to the uropean colleagues who wish to learn culturally different managerial styles. herefore with the idea in mind to develop a "ross ultural anagement" such a program covers an important role. n addition, it creates the opportunity to confront and exchange experiences, likewise favouring awarness of the talian economic and territorial reality through executives and entrepreneurs who work in other uropean companies. H HQ F B K Y F H HY F H K F K - a formazione attraverso la sperimentazione pratica fa uso di situazioni che esistono al di fuori dell'aula - di qui outdoor training - che permettono di sviluppare le conoscenze attraverso la trasposizione metaforica di quanto vissuto sulla propria vita professionale. 'outdoor training prevede l'integrazione di metodologie didattiche tradizionali come la formazione in aula del docente e i casi di studio con le esercitazioni di gruppo esterne, in un mix finalizzato ad ottenere il massimo beneficio in termini di apprendimento stabile e duraturo. e attività formative di outdoor vengono affiancate da un formatore che preserva il corretto e sicuro svolgimento di esercizi fisici di differenziata complessità preceduti e seguiti da attività d'aula che consentono al gruppo di riflettere sulla esperienza fatta, sui contenuti e la loro trasferibilità in contesti aziendali. l aster in estione delle isorse mane è rivolto a coloro che intendono acquisire e sviluppare le principali competenze legate alla gestione delle ersone in azienda al fine di ricoprire i ruoli organizzativi di esperto o responsabile di processo o di funzione. n particolare si intende approfondire le tematiche legate alla selezione, alla formazione e alla valorizzazione dei collaboratori aziendali ma anche i concetti di amministrazione del personale e gestione buste paga, i contratti di lavoro e le relazioni sindacali. ale percorso essendo rivolto prevalentemente a persone che ancora non operano sistematicamente all'interno dell'area delle prevede una trattazione analitica e approfondita delle tematiche elencate per permettere al partecipante di entrare nella logica organizzativa con adeguati strumenti interpretativi e inserirsi quindi con successo e con una visione integrata nel sistema impresa. ' 'ingresso in azienda, in momenti di turbolenza e instabilità come quelli attuali, presenta numerose criticità sia di tipo tecnico che relazionale. n tale ottica si rendono necessarie numerose e diversificate conoscenze per interpretare il proprio ruolo professionale e svolgere al meglio le proprie attività professionali. ltre alle conoscenze tecniche ricoprono una posizione fondamentale le competenze manageriali legate prevalentemente al saper essere ovvero allo sviluppo congruente di comportamenti organizzativamente efficaci. l programma del aster in estione trategica d'mpresa si pone un duplice obiettivo: da un lato intende analizzare i temi legati alle principali aree e funzioni aziendali nell'ottica di una piena e analitica comprensione degli argomenti da parte del giovane professionista e, in secondo luogo, mira a sviluppare le competenze relazionali e valoriali legate al vissuto aziendale e necessarie per affrontare il sistema azienda in modo positivo, competente e generativo. l gestisce il ervizio di rientamento alle uove mprese, che ha lo scopo di coadiuvare l'aspirante imprenditore nell impostazione gestionale della propria struttura aziendale sia attraverso l'individuazione degli adempimenti amministrativi, civilistici e fiscali da svolgere sia mediante l'analisi e la valutazione delle problematiche che si possono riscontrare all inizio della nuova esperienza professionale. resso il ervizio di rientamento alle uove mprese, al quale si sono rivolti, sino ad oggi, aspiranti imprenditori, è inoltre operativa l'informatizzazione del est di autovalutazione psico-attitudinale per uovi mprenditori, finalizzato all'analisi degli aspetti e delle doti caratteriali e psichiche che costituiscono il presupposto per una funzionale gestione dell'attività imprenditoriale. l inoltre realizza specifici eminari per uovi mprenditori che sono tesi ad individuare ed evitare gli errori che più comunemente vengono commessi sia nella scelta della forma giuridico-commerciale sia nella fase di impostazione della propria gestione imprenditoriale. entro inguistico F ' l entro inguistico del ha la finalità di fornire, mediante la collaborazione di docenti madrelingua, non solo le conoscenze di base ed avanzate, ma anche la terminologia commerciale delle lingue maggiormente diffuse affinché le più variegate attività di carattere professionale intraprese con cittadini ed operatori stranieri possano essere svolte con maggiore efficacia, puntualità e competenza. onsiderando la crescente importanza di nuovi mercati emergenti, il offre inoltre la possibilità di seguire corsi di lingua araba, cinese, giapponese, russa e portoghese, con docenti madrelingua. l, quindi, oltre ad avere un preciso compito di orientamento formativo a livello linguistico, svolge anche un'intensa attività di valutazione del progressivo apprendimento in modo da realizzare, anche tramite video-simulazioni, un processo permanente di affinamento delle conoscenze e delle capacità da esprimere nei colloqui e nei rapporti professionali affrontati in lingua straniera. B entro di nformatica pplicata l rappresenta un punto di coordinamento dei diversi interventi formativi aventi lo scopo di rispondere con qualificata specificità alla necessità di razionalizzare alcune operazioni della gestione aziendale, per ottimizzare i tempi operativi e migliorare la produttività. attività del è quindi caratterizzata dall analisi e dall applicazione dei processi di informatizzazione delle principali funzioni aziendali ed è contraddistinta dalla progettazione e dalla realizzazione di interventi formativi su commessa attuati tramite il sistematico utilizzo di personal computer al fine di sviluppare le competenze professionali in ambito informatico. F ssociazione artecipanti ttività Formativa ssociazione artecipanti ttività Formativa è sorta, su iniziativa di numerosi iscritti ai corsi realizzati dal, al fine di proseguire, in un ottica di sviluppo della formazione permanente, il processo di apprendimento personale e di scambio di esperienze instaurato con la partecipazione agli interventi corsuali. econdo tale visione l F, con la collaborazione del, organizza seminari e momenti di incontro e di studio con qualificati relatori su temi attinenti le dinamiche aziendali, al fine sia di realizzare occasioni di perfezionamento delle proprie conoscenze ed abilità professionali, sia di sviluppare i processi di comunicazione e di relazione interpersonale in una logica di condivisione del senso di appartenenza.

15 B amera dell'conomia F ' B 01 H BB (livello base) Fornire la sensibilità per l auto-osservazione e le conoscenze di gestione del linguaggio verbale, paraverbale e non verbale che risultano essere di fondamentale importanza nel processo di comunicazione in pubblico, inteso nelle sue diverse configurazioni 14 ore, 26 marzo e 9 aprile (intera giornata) 02 Fornire strumenti e modelli interpretativi utili ai manager impegnati nella gestione di "family business" e interessati ad approfondire i temi del passaggio generazionale 7 ore, 31 marzo (intera giornata) 03 HK ssere consapevoli del proprio stile manageriale e delle competenze acquisite nello svolgimento della propria attività professionale rappresenta il presupposto per la crescita e l'evoluzione della professionalità. l corso è finalizzato a monitorare i punti di forza e di debolezza che caratterizzano le modalità di gestione manageriale allo scopo di poter valorizzare i primi e di colmare i gap che caratterizzano i secondi 14 ore, 12 e 13 aprile (intera giornata) 04 H H nalizzare i principi e le tecniche da applicare per un'efficace espressione della propria leadership e per un'efficace guida dei propri collaboratori 14 ore, 22 e 23 aprile (intera giornata) 05 J nalizzare approcci e metodologie efficaci per il coordinamento di risorse umane e materiali orientate al raggiungimento di un obiettivo definito 14 ore, 26 e 27 aprile (intera giornata) 06 Fornire le opportune conoscenze per la gestione delle negoziazioni e delle trattative finalizzate non solo alla cessione di beni o servizi ma anche, ed in particolar modo, al raggiungimento degli obiettivi aziendali o alla gestione di rapporti economici e professionali 14 ore, 13 e 14 maggio (intera giornata) 07 H: viluppare consapevolezza, conoscenze e capacità in riferimento ad un nuovo ruolo aziendale: il manager come coordinatore e figura preposta alla gestione degli individui in ambito organizzativo 7 ore, 27 maggio (intera giornata) 08 ndividuare i metodi e le tecniche di gestione del tempo funzionali al superamento degli ostacoli che si interpongono nella fase gestionale dell'attività manageriale e professionale 14 ore, 11 e 18 giugno (intera giornata) 09 H Fornire strumenti concreti di sviluppo della leadership personale attraverso l'analisi delle modalità più efficaci di gestione e ottimizzazione delle risorse emotive individuali e di quelle dei collaboratori impegnati nel processo relazionale 7 ore, 21 giugno (intera giornata) 10 À : FF FF nalizzare le tecniche e le metodologie per sviluppare il processo creativo del pensiero e per utilizzare e potenziare i correlati strumenti applicativi 12 ore, 5 e 6 luglio (lunedì pomeriggio e martedì intera giornata) 11 ndividuare ed analizzare gli elementi inerenti il processo di delega la cui applicazione consente all'organizzazione di pianificare con maggiore efficacia le attività aziendali, di distribuire i processi decisionali implicati nel raggiungimento di determinati obiettivi e di valutare il rendimento e le potenzialità dei propri collaboratori 7 ore, 23 settembre (intera giornata) 12 FF À efinire ed analizzare i processi logici che permettono al manager di essere più incisivo e puntuale nei momenti decisionali che caratterizzano la propria attività in azienda, sia sotto l'aspetto gestionale che sotto quello organizzativo 14 ore, 4 e 5 ottobre (intera giornata) 13 B K: FF viluppare competenze sulle tecniche più adeguate per ottenere presentazioni in pubblico del proprio lavoro e delle proprie relazioni che siano di forte impatto comunicativo e di grande efficacia 14 ore, 11 e 18 ottobre (intera giornata) 14 Y : FF B nalizzare strumenti e modelli per permettere al manager di valorizzare pienamente il contributo unico che ogni "persona" può apportare all'organizzazione in quanto espressione del proprio genere, della propria cultura, nazionalità, età, background e della propria esperienza 7 ore, 12 ottobre (intera giornata) 15 H BB (livello avanzato) pprofondire le conoscenze di gestione del linguaggio, della postura e della comunicazione non verbale tramite la continua applicazione di metodologie didattiche attive 14 ore, dal 15 ottobre al 6 novembre (venerdì in orario pomeridiano e sabato mattina) 16 F iscernere tra contrasto e conflitto e conoscere le tecniche esistenti per la gestione del conflitto. a lettura del conflitto come processo esclusivamente negativo è infatti superata dalla consapevolezza di potere adottare modalità e tecniche per gestire adeguatamente i conflitti in ambito aziendale 12 ore, 25 e 26 ottobre (intera giornata) 17 H urante i processi comunicativi interpersonali, la vendita o i rapporti negoziali, l'obiettivo degli interlocutori è giungere ad una soluzione positiva del rapporto per ottenere risultati efficaci e produttivi. l corso analizza e suggerisce le modalità comportamentali più adeguate per raggiungere i risultati desiderati, attraverso una gestione attenta e attiva delle dinamiche relazionali nel contesto di riferimento 12 ore, 25 e 26 novembre (intera giornata) 01 'FF 02 'FF B F W Fornire tecniche per scrivere efficacemente documenti, elineare le modalità e gli strumenti adeguati per relazioni e scritti di varia natura nei contesti adottare un comportamento assertivo, inteso come organizzativi e professionali. endere il linguaggio capacità ' di esprimere le proprie posizioni senza essere FF igliorare l'efficacia comunicativa attraverso: l'affinamento dell'espressività vocale, l'eliminazione delle inflessioni dialettali e la correzione degli errori fonetici 7 ore, 30 marzo (intera giornata) scritto più incisivo e sintetico, al fine di comprendere e farsi comprendere al meglio nella redazione dei testi 03 'À: ne' aggressivi ne' passivi 7 ore, 4 maggio (intera giornata) 04 F W Fornire, attraverso una metodologia attiva ed esperienziale, elementi adeguati per raggiungere e mantenere un soddisfacente livello di autostima e self empowerment, anche al fine di una gestione efficace del proprio ruolo in azienda 7 ore, 25 maggio (intera giornata) B 14 ore, 28 aprile e 5 maggio (intera giornata) 05 - nalizzare le caratteristiche di un modello interpretativo delle relazioni interpersonali, con particolare riferimento alla negoziazione ed alla valutazione dell'efficacia della propria comunicazione 18 ore, dal 14 al 16 giugno (lunedì, martedì e mercoledì mattina) 06 À viluppare la capacità di interpretare e gestire situazioni critiche o di emergenza, così da poter decidere nel lasso di tempo più breve possibile cosa fare o non fare, quando e se intervenire, come agire o non agire 12 ore, 28 e 29 giugno (intera giornata) 07 ' viluppare la capacità di porre attenzione alla comunicazione del proprio interlocutore ed ai segnali che ci giungono, allo scopo di migliorare la relazione con gli altri attraverso l'attivazione di tecniche di ascolto attivo 7 ore, 8 ottobre (intera giornata) 08 Fornire strategie e strumenti per far fronte al continuo mutamento ed alla aggressiva competitività di cui è permeata la realtà economica che fanno dello stress un elemento inevitabile 12 ore, 28 e 29 ottobre (intera giornata)

16 B amera dell'conomia F ' B 09 ' : H nalizzare ed approfondire la conoscenza di una delle tecniche più efficaci di gestione del conflitto ed in generale delle dinamiche inconsce che stanno alla base di qualsiasi colloquio 7 ore, 8 novembre (intera giornata) 10 H Fornire strumenti di apprendimento più adeguati alle esigenze di aggiornamento, approfondimento ed ampliamento delle proprie conoscenze e dei propri interessi, facendo fronte alla cronica carenza di tempo cui si è sottoposti, soprattutto in ambito professionale 22 ore, dal 15 novembre al 6 dicembre (intera giornata) 11 l progetto formativo si propone di valorizzare l impatto comunicativo della propria immagine nonchè della propria identità personal/professionale, attraverso l individuazione non solo dell abbigliamento, ma anche dei colori ideali, degli abbinamenti vincenti, dei colori "amici" e dei colori "nemici" 7 ore, 3 dicembre (intera giornata) 12 F : À F uggerire un percorso di autorealizzazione attraverso l'autoanalisi delle proprie abilità personali e professionali, per uno sviluppo efficace dell'attività lavorativa. alutare la propria attitudine alla leadership, intesa come guida e motivazione di se stessi e dei propri collaboratori 14 ore, 14 e 15 dicembre (intera giornata) 01 : B Fornire metodi e tecniche per l'ottimizzazione del processo di selezione di nuove professionalità in contesti organizzativi dinamici 14 ore, 22 e 29 marzo (intera giornata) 02 B nalizzare le principali criticità legate alla gestione e motivazione dei collaboratori sia in termini di selezione che di valorizzazione delle risorse, ponendo particolare attenzione alle particolarità organizzative presenti nelle aziende agro-alimentari 7 ore, 8 aprile (intera giornata) 03 B : rasformare in valore il proprio sapere e saper fare e quello dei collaboratori significa "diagnosticare" efficacemente potenzialità, capacità, conoscenze. l corso ha la finalità di far apprendere tecniche e strumenti per gestire la valutazione delle competenze e potenzialità al fine di effettuare un intervento strategico sull'azienda 7 ore, 21 aprile (intera giornata) 04 W Fornire efficaci strumenti per chi, in azienda, si occupa della persona e per conoscere ed acquisire esperienza sulle principali applicazioni dell'approccio empowering in azienda 7 ore, 7 maggio (intera giornata) 05 B viluppare conoscenze e capacità relative a: imparare a motivare e a motivarsi, sapere sviluppare bisogni e desideri, acquisire competenze nella progettazione dei sistemi premianti e del lavoro per obiettivi, valutare le aspettative lavorative e le capacità di cooperazione 7 ore, 17 maggio (intera giornata) 06 F : escrivere i presupposti organizzativi, le metodologie di colloquio e gli strumenti che possono essere utilizzati da esponsabili del ersonale o da esponsabili di funzione durante colloqui motivazionali o di valutazione con i propri collaboratori 7 ore, 26 maggio (intera giornata) 07 F Fornire metodologie e strumenti in grado di supportare il processo di selezione e gestione delle isorse mane inteso come percorso di individuazione e valorizzazione di "ersone" ad alto potenziale con competenze, professionalità e valori adatti ad occupare posizioni organizzative di particolare importanza 7 ore, 22 giugno (intera giornata) 08 ' : H Fornire tecniche di analisi e di valutazione del clima aziendale, inteso come strumento di lettura delle relazioni nelle organizzazioni, al fine di permettere di individuare e presidiare le criticità nei rapporti interpersonali all'interno dei contesti aziendali 12 ore, 6 e 7 ottobre (mercoledì intera giornata e giovedì mattina) 09 H : FF Fornire un quadro generale per la gestione moderna delle risorse umane in azienda che tenga in considerazione le attività di inserimento di conoscenze e di valutazione delle persone nella logica dell'mpowerment del potenziale umano 21 ore, dal 13 al 27 ottobre (intera giornata) 10 Favorire l'acquisizione delle basi teoriche e tecniche che permettono di stabilire in tempo reale qual è la strategia più adeguata in funzione degli interlocutori, degli obiettivi e del contesto professionale in cui si opera 7 ore, 14 ottobre (intera giornata) 11 - B: pprofondire la consapevolezza del proprio ruolo e delle reciprocità implicate nel ruolo stesso, verificando i "codici comuni" di comunicazione nelle relazioni tra capo e collaboratore 10 ore, 3 e 4 novembre (mercoledì intera giornata e giovedì mattina) 12 B nalizzare in termini critici le metodologie più adeguate di gestione dei collaboratori aziendali, individuando i modelli relazionali, di leadership e di incentivazione necessari per ottimizzare i rapporti con essi e migliorarne le relative prestazioni 14 ore, 9 e 10 novembre (intera giornata) 13 Fornire schemi applicativi, metodologie e modelli di gestione basati sull'analisi delle competenze nei contesti aziendali con particolare riferimento alle variabili strategiche di profilo, posizione, prestazione e potenziale 14 ore, 23 e 24 novembre (intera giornata) 14 B :, FF ffinare le abilità di costituzione di team efficaci ed analizzare le modalità mediante le quali gestire e motivare il gruppo di lavoro 12 ore, 30 novembre e 1 dicembre (intera giornata) K K 01 FF BB F F F a conoscenza della soddisfazione dei propri clienti l piano di arketing rappresenta la parte consente di regolare e migliorare la qualità offerta fondamentale per la programmazione ed il controllo dall'azienda stessa. l corso vuole evidenziare dell'attività commerciale di un'azienda. l corso l'importanza della rilevazione della customer pertanto ' si propone di analizzare sia la fase di e aziende sono sempre più frequentemente chiamate ad elaborare piani comunicativi aziendali finalizzati all'incremento della propria visibilità sul mercato. l corso intende quindi analizzare, con particolare riferimento alla dimensione economica e gestionale, gli elementi essenziali per l'elaborazione di un piano di comunicazione pubblicitario B 7 ore, 20 aprile (intera giornata) 7 ore, 30 marzo (intera giornata) 7 ore, 18 marzo (intera giornata) K 02 satisfaction e indicare quali sono le modalità di ricerca, gli strumenti ed i mezzi con cui si possono controllare e gestire le attività aziendali successive alla rilevazione 7 ore, 23 marzo (intera giornata) K 03 K: pianificazione, sia la fase di controllo, esaminando altresì gli scostamenti rispetto agli obiettivi, al fine di individuare le opportune azioni correttive K 04 F FF : H Fornire le tecniche ed i metodi per gestire la comunicazione telefonica in modo professionale ed efficace sviluppando altresì la capacità di risoluzione delle problematiche che sorgono durante il colloquio telefonico K K 05 B K: F onoscere le caratteristiche e le modalità attuative di una strategia di marketing, che, partendo da una raccolta e da una organizzazione di dati provenienti dal proprio mercato di riferimento, consenta una conoscenza della propria clientela per svilupparne in modo ottimale le potenzialità 12 ore, 29 e 30 aprile (giovedì intera giornata e venerdì mattina) K 06 K : F F nalizzare metodi e strumenti operativi in grado di supportare strategicamente il responsabile marketing e comunicazione nelle delicate fasi di acquisizione, analisi e sistematizzazione delle informazioni provenienti dal proprio mercato di riferimento 7 ore, 3 maggio (intera giornata) K 07 -K: a dimensione emozionale e sensoriale del consumo acquista oggi un valore fondamentale nella definizione delle logiche di marketing. l corso intende analizzare, in una logica di dialogo con il consumatore, le possibili applicazioni degli studi sui processi emotivi ai comportamenti di acquisto e consumo per definire, con maggior efficacia, le diverse strategie di marketing operativo 7 ore, 11 maggio (intera giornata) K 08 B a arca ha un metavalore in chiave comunicativa: trasmette una serie di valori associati alla storia del prodotto e dell'azienda. 'obiettivo del corso è analizzare le applicazioni concrete che gli studi sul brand possono apportare al marketing e alla strategia commerciale soprattutto in termini di percezione cognitiva ed emotiva del cliente 7 ore, 24 maggio (intera giornata)

17 B amera dell'conomia F ' B K 09 B efinire le strategie e gli elementi necessari per giungere alla progettazione di un piano d'azione aziendale efficace e funzionale. o scopo è quello di organizzare le attività per il raggiungimento degli obiettivi e dei risultati in modo coerente rispetto ai tempi, ai costi ed alle risorse disponibili 7 ore, 8 giugno (intera giornata) K 10 - H : FÀ l corso si pone la finalità di fornire strumenti e metodologie per implementare efficacemente nei contesti aziendali il ustomer elationship anagement, in un'ottica di gestione efficace delle relazioni con il cliente e di mantenimento e di sviluppo del relativo processo di fidelizzazione K 11.. WB 2.0: F erificare le reali potenzialità che il canale web può portare al business aziendale attraverso la misurazione dei risultati e l'individuazione delle azioni di miglioramento costante 7 ore, 23 giugno (intera giornata) K 12 K l corso intende approfondire il concetto di marketing non convenzionale per analizzare nuovi approcci creativi e individuare la modalità più efficace di promozione e commercializzazione del proprio prodotto/servizio 7 ore, 29 giugno (intera giornata) K 7 ore, 15 giugno (intera giornata) K 13 K F - nalizzare il concetto di marketing e le sue derivazioni con particolare attenzione al arketing ix ed al ruolo ricoperto nell'ambito della pianificazione strategico-gestionale 27 ore, dal 27 settembre al 18 ottobre (intera giornata) K 14 À (break even point analysis) ffrontare non solo le teorie sui prezzi e la redditività della vendita, ma anche i restanti aspetti pratici dei prezzi di vendita, il calcolo del punto di pareggio e le sue più recenti configurazioni attraverso un'approfondita valutazione delle variabili che lo determinano 14 ore, 19 e 20 ottobre (intera giornata) K 15 K 'evoluzione della presenza sul mercato che caratterizza le aziende di servizi determina la necessità d'intervenire in modo specifico nell'analisi del marketing applicato a questo tipo d'impresa. ale controllo sarà svolto tenendo in considerazione le notevoli differenze che contraddistinguono l'applicazione di questa funzione dalle tecniche di marketing utilizzate per prodotti tangibili 12 ore, 8 e 9 novembre (lunedì intera giornata e martedì mattina) K 16 QÀ : F a soddisfazione del cliente rappresenta l'elemento primario dove indirizzare lo sforzo complessivo di un'organizzazione. l corso vuole analizzare le strategie di gestione dei clienti, ponendo attenzione alla qualità del servizio erogato, dal momento iniziale del contatto con il potenziale consumatore all'assistenza dello stesso nella fase di post-vendita 7 ore, 29 novembre (intera giornata) K 01 H -:, BH, Fornire le conoscenze necessarie per un'efficace gestione della trattativa commerciale tramite l'analisi dei soggetti e delle fasi della vendita nonché individuare gli spazi di miglioramento delle proprie abilità comunicative attraverso momenti di verifica e role-playing 18 ore, dal 23 marzo all'8 aprile 02 Fornire strumenti e modelli per progettare e realizzare spazi promozionali efficaci sui siti aziendali. alutare strategicamente quali azioni intraprendere per aumentare la visibilità della propria organizzazione sul WB 7 ore, 31 marzo (intera giornata) 03 llustrare ed analizzare le nuove tecniche di organizzazione commerciale al fine di applicare contestualmente sia i concetti del arketing ix sia i metodi gestionali opportuni per ottimizzare i rapporti ed i risultati della propria rete commerciale 7 ore, 13 aprile (intera giornata) 04 F : F F - 'fter elling costituisce un'azione sempre più di rilievo poiché con essa il costumer service diventa una componente del "prodotto" di rilevanza strategica per le aziende. l corso vuole fornire le conoscenze su come acquisire e mantenere un legame con ogni cliente innescando una strategia globale di soddisfazione e di qualità del servizio erogato 7 ore, 21 aprile (intera giornata) 05 B: H ella trattativa commerciale, lo sviluppo delle abilità negoziali è un'azione di fondamentale importanza. l corso intende analizzare un nuovo modello di negoziazione in grado di migliorare e incrementare l'efficacia individuale nella relazione con il proprio interlocutore professionale 7 ore, 27 aprile (intera giornata) 06 : ' F l corso si propone di fornire alle figure professionali altamente specializzate dal punto di vista tecnico che si apprestano a gestire l'aspetto commerciale del prodotto/servizio, le principali metodologie e tecniche di vendita 7 ore, 5 maggio (intera giornata) 07 FF F Fornire gli elementi per la realizzazione di una corretta strategia di vendita telefonica in grado di migliorare l'immagine aziendale e l'efficacia della vendita di un prodotto-servizio 7 ore, 12 maggio (intera giornata) 08 'À l corso intende fornire una metodologia di analisi dettagliata dell'attività commerciale aziendale (mission analysis); l'obiettivo è altresì quello di fornire una chiave interpretativa che permetta di intervenire, con maggiore determinazione ed efficacia, sulle politiche di sviluppo strategico dell'azienda 7 ore, 20 maggio (intera giornata) 09 Fornire gli strumenti per gestire e motivare efficacemente il personale di vendita, favorendo una crescita professionale che porti ad una maggiore autorevolezza per la gestione di una rete di vendita 7 ore, 9 giugno (intera giornata) 10 FY YY nalizzare i presupposti teorici e pratici che sono alla base della lealtà del cliente verificando i principali approcci in materia, le metodologie e gli strumenti concreti in grado di aumentare la soddisfazione e passare dal concetto di fidelizzazione a quello di oyalty 7 ore, 16 giugno (intera giornata) 11 nalizzare gli approcci più innovativi alla gestione strategica commerciale ponendo particolare attenzione al tema della riorganizzazione delle reti di vendita 7 ore, 24 giugno (intera giornata) 12 : ' F ffinare le competenze commerciali necessarie per una evoluzione professionale del proprio ruolo di intermediario commerciale modificando, rispetto al passato, gli aspetti essenziali della cura e della "presa in carico" del cliente in un'ottica di global service management 7 ore, 25 giugno (intera giornata) Q 16 F ' nalizzare approfonditamente tutte le fasi del colloquio di vendita tramite l'applicazione costante in aula di metodologie didattiche attive ' a rogrammazione euro inguistica è un efficace modello di sviluppo della comunicazione e viluppare le capacità specifiche di risposta alle obiezioni del cliente ed affrontare, in modo flessibile ed incisivo, i repentini cambiamenti del contesto professionale, diversificando le modalità relazionali e le soluzioni possibili 7 ore, 7 luglio (intera giornata) 9 ore, dal 5 al 19 ottobre (1 incontro settimanale in orario serale) 15 - dell'interazione umana, che studia la struttura dell'esperienza soggettiva. l corso è quindi finalizzato ad analizzare e ad applicare questo importante modello nelle diverse fasi del processo di vendita 'azione di vendita si caratterizza sempre più frequentemente come processo attivo in cui la dinamica relazionale gioca un ruolo predominante. l corso intende fornire strumenti concreti per leggere ed interpretare la componente emotiva del colloquio di vendita al fine di gestire più efficacemente la trattativa commerciale e consolidare il legame instaurato con il cliente B 7 ore, 3 novembre (intera giornata) 12 ore, 25 e 26 ottobre (intera giornata) 17 B F iflettere sulle principali metodologie di pianificazione commerciale con l'obiettivo di ottimizzare la penetrazione del mercato in termini di quota mercato/valore, quota mercato/volume e realizzazione del budget di vendita come strumento per una gestione aziendale strategica 7 ore, 22 novembre (intera giornata)

18 B amera dell'conomia F ' B 01 BBH X a conoscenza nonché la corretta gestione delle tecniche di comunicazione costituiscono, per un'azienda, il presupposto fondamentale per inserirsi nel mercato di competenza e per ricoprire in esso un ruolo competitivo. l corso vuole affrontare le tematiche relative alle relazioni pubbliche ed alle strategie di comunicazione tenendo in particolare considerazione gli aspetti riguardanti le nuove metodologie applicabili 21 ore, 6, 7 e 14 maggio (intera giornata) 02 'FF X Fornire a coloro che ricoprono la funzione di addetto all'ufficio stampa e che vogliono aprirsi ad un'organizzazione più sistematica e ragionata dei propri rapporti con la stampa, le tecniche e le strategie per poter ottimizzare visibilità, promozione ed immagine spesa sul mercato utilizzando ed integrando le diverse opportunità offerte dalle nuove tecnologie 14 ore, 17 e 18 giugno (intera giornata) 03 : F B X 'incremento degli investimenti nelle sponsorizzazioni rende necessaria l'acquisizione di una competenza specifica per ottenere gli indiscutibili vantaggi che questa forma di comunicazione porta. 'obiettivo del corso è fornire le metodologie e gli strumenti per individuare e fidelizzare i partner finanziari nelle iniziative programmate 4 ore, 1 luglio (in orario pomeridiano) 04 X l corso intende fornire ai partecipanti le metodologie e gli strumenti per analizzare ed attuare le diverse attività comunicazionali di un'impresa (relazioni pubbliche, pubblicità, promozione, direct marketing) in un'ottica integrata ed orientata verso i risultati, ottimizzando le risorse economiche investite e posizionando/riposizionando sul mercato il prodotto/servizio 7 ore, 2 luglio (intera giornata) 05 K : X l corso si propone di fornire le tecniche e gli strumenti per gestire la comunicazione aziendale in situazioni critiche, accelerando il processo decisionale, salvaguardando e, quando possibile, rilanciando l'immagine dell'organizzazione 4 ore, 30 settembre (in orario pomeridiano) 06 B B X l blog professionale, che consiste in una sorta di "diario" pubblicato sul web, è uno strumento innovativo per costruire l'immagine aziendale. l corso intende quindi fornire le informazioni di base affinchè i partecipanti possano creare e gestire i propri business blogs 7 ore, 1 ottobre (intera giornata) 07 'FF X ffrontare le tematiche riguardanti i modelli della comunicazione interpersonale e della comunicazione interna ed esterna che si sviluppano in ambito aziendale, con l'obiettivo di fornire ai partecipanti gli strumenti e le metodologie per comprendere un sistema di comunicazione integrata 7 ore, 4 novembre (intera giornata) 08 ' X l corso intende esplorare le nuove frontiere della comunicazione d'impresa, esaminando le modalità per tradurre il messaggio comunicativo tradizionale in uno recepito a livello emozionale e polisensoriale, in un'ottica high touch 7 ore, 5 novembre (intera giornata) 09 WK F X l corso si propone di fornire una gamma di strumenti in grado di arricchire il proprio network attraverso l'individuazione di informazioni e di reti relazionali funzionali alla propria attività e al proprio ruolo professionale 7 ore, 19 novembre (intera giornata) Q À Q 01 QÀ:, F, Q nalizzare il concetto di qualità in tutte le sue derivazioni nonché fornire gli strumenti per giungere alla elaborazione di progetti per la qualità 14 ore, 13 e 14 aprile (intera giornata) Q 02 QÀ 9000 Q escrivere i principali contenuti di innovazione apportati alle norme 9000 dalla revisione dell'anno 2008, nella consapevolezza delle motivazioni di tali cambiamenti, soprattutto accentuati dalle possibilità di integrazione di sistemi di gestione qualità, ambiente e sicurezza 7 ore, 18 maggio (intera giornata) Q 03 ' F QÀ l corso si propone di analizzare gli aspetti comuni del sistema qualità e del controllo di gestione, valutando i vantaggi e gli ostacoli all'integrazione tra i due sistemi, per approfondire le metodologie e gli strumenti possibili di applicazione e di monitoraggio 7 ore, 24 maggio (intera giornata) Q 04 QÀ B n alcune imprese è importante attivare un sistema qualità integrato con la gestione ambientale. 'intervento formativo è pertanto finalizzato ad esaminare le norme relative a tale tematica contenute nelle ore, 7 giugno (intera giornata) Q À Q 05 K :. gs. 231/01 QÀ nalizzare il. gs. 231/2001 e le sue implicazioni sulle imprese per pianificare la realizzazione di un modello di prevenzione e di gestione dei rischi aziendali sinergico al sistema qualità 7 ore, 15 giugno (intera giornata) Q 06 ' Y QÀ Q 'obiettivo è di approfondire gli adempimenti richiesti alle aziende dal.gs. 196/2003, per integrare le regole e le procedure della privacy nel sistema qualità 7 ore, 16 giugno (intera giornata) Q 07 B BÀ Q nquadrare la problematica della responsabilità sociale nell'ambito della vision aziendale, tramite lo sviluppo delle conoscenze di base sul sistema di certificazione 8000, analizzando anche le relazioni esistenti con gli altri schemi di certificazione ( 9000, 14000) e con le politiche di gestione delle risorse umane 7 ore, 28 settembre (intera giornata) Q 08 F : ' QÀ Q Fornire ai partecipanti le conoscenze strumentali necessarie alla rilevazione ed alla verifica dello stato della qualità aziendale (audit) secondo la normativa 9000 e ore, 29 settembre (intera giornata) Q À Q 09 B Q Q F pprofondire le metodologie per la gestione del miglioramento e del cambiamento organizzativo e gli strumenti per attuare un efficace processo di comunicazione a supporto dell'efficacia aziendale ' ffinare e sviluppare le abilità e le conoscenze relative alla soluzione delle problematiche aziendali al fine di erogare e distribuire servizi e prodotti nella logica del continuo perseguimento della qualità esterna ed interna 12 ore, 25 e 26 ottobre (intera giornata) Q 10 QÀ 7 ore, 16 novembre (intera giornata) B & & 01 H Y: / B nalizzare le fasi programmatiche del processo di individuazione e scelta dei nuovi prodotti/servizi aziendali dalla fase di analisi di mercato fino alla definizione della strategia di marketing più adeguata 7 ore, 14 aprile (intera giornata) & 02 er ridurre il prezzo dei prodotti, spesso si interviene solo sul margine di contribuzione. l "esign o ost" è l'insieme di metodologie che affronta il tema della riduzione dei costi analizzando anche: la progettazione del prodotto/servizio, le funzionalità e le caratteristiche dei prodotti della concorrenza, ottimizzazione dei cicli di produzione e costi della non qualità 4 ore, 7 maggio (intera giornata) & 03 F & nalizzare gli elementi essenziali per organizzare e gestire efficacemente la funzione & e gli uffici tecnici aziendali individuando altresì i ruoli, le responsabilità e i requisiti di progetto 7 ore, 18 giugno (intera giornata)

19 B amera dell'conomia F ' B 01 endere efficace la gestione del sistema logistico aziendale attraverso l'utilizzo del sistema integrato di pianificazione ed il contenimento dei costi di servizio 7 ore, 18 maggio (intera giornata) 02 QÀ : a logistica distributiva ed il controllo della rete sono elementi che condizionano la qualità oltre al costo del servizio. 'obiettivo del corso è di fornire strumenti per adeguare le scelte aziendali alle esigenze dei clienti 7 ore, 19 maggio (intera giornata) 03, F nalizzare gli strumenti efficaci per governare il flusso delle merci nel sistema aziendale sviluppando le logiche per ottimizzare il livello delle scorte in funzione del livello di servizio perseguito 7 ore, 8 giugno (intera giornata) 04 a gestione dei materiali è elemento importante per ogni azienda, sia per contenere i costi derivanti da un eccessivo immobilizzo di materiali, sia per essere in grado di far fronte in tempi ragionevoli alla domanda. 'obiettivo è di analizzare e pianificare afficacemente la logistica dei materiali in ingresso 7 ore, 6 luglio (intera giornata) 05 nalizzare e valutare le diverse tipologie di soluzioni da adottare per lo stoccaggio e la movimentazione dei prodotti; individuando i criteri di scelta e le implicazioni gestionali conseguenti 7 ore, 14 settembre (intera giornata) 06 FF Fornire ai partecipanti le conoscenze e gli strumenti di analisi necessari per individuare e gestire le problematiche relative al governo dei costi evidenziando altresì gli efficaci modelli di organizzazione della logistica 7 ore, 15 settembre (intera giornata) 07 : dentificare i principali trend di trasformazione delle strutture e delle culture organizzative e fornire strumenti efficaci per sviluppare il ruolo della logistica come protagonista del cambiamento 7 ore, 19 ottobre (intera giornata) 08, nterpretare normative e convenzioni in materia di trasporto, spedizione e logistica. ndividuare elementi essenziali (clausole e condizioni) per la conclusione di un contratto di trasporto, spedizione e deposito 4 ore, 9 novembre (in mattinata) 09 nalizzare la componente assicurativa (rischi e responsabilità) nella valutazione di situazioni logistiche 4 ore, 9 novembre (in orario pomeridiano) 01 :, H H ndividuare le risposte più efficaci ai dilemmi organizzativi che si pongono in contesti aziendali in rapida evoluzione, determinando le variabili chiave e fornendo spunti di riflessione e strumenti per la riprogettazione organizzativa, in particolare nelle situazione di crisi. aranno inoltre valutati gli approcci organizzativi e gestionali emergenti. 14 ore, 3 e 4 maggio (intera giornata) 02 : FBÀ, BÀ, À cquisire strumenti di riprogettazione organizzativa nell'ottica di processo per implementare un'organizzazione snella, focalizzata sul servizio, ed efficiente, definendo i trend evolutivi in atto, individuando obiettivi di taglio dei costi e di miglioramento e riorganizzazione del servizio. 7 ore, 25 maggio (intera giornata) 03 cquisire strumenti per il riorientamento delle strategie aziendali in periodi di crisi, caratterizzati da alta turbolenza ed imprevedibilità. ogliere quindi i trend delle pressioni in atto, i rischi e le opportunità, individuando le variabili chiave su cui operare e definendo il modo di ri-formare l'approccio strategico. 7 ore, 21 giugno (intera giornata) 04 B nalizzare i sistemi più efficaci per la raccolta, l'analisi, l'archiviazione e la distribuzione delle informazioni all'interno delle organizzazioni, con la finalità di fornire validi supporti alle decisioni delle diverse funzioni aziendali. 7 ore, 18 ottobre (intera giornata) 05 : alateo, cerimoniale, relazioni pubbliche hanno il ruolo di regolare le attività di rappresentanza dell'azienda e dei suoi esponenti. l corso vuole analizzare e confrontare le abitudini organizzative che possono supportare le aziende nella trasmissione dei propri valori all'interno ed all'esterno dell'organizzazione 7 ore, 26 novembre (intera giornata) 01 : B 02 BÀ 03 F B F () 'entrata in vigore del. gs. 81/08 prevede, in materia di sicurezza del lavoro, determinate figure e nalizzare le competenze del responsabile del servizio responsabilità aziendali. 'incontro è finalizzato a di prevenzione e protezione aziendale focalizzando definire i diversi profili coinvolti dal quadro normativo l'attenzione ' su quanto previsto dal. gs. 81/08, dal ssere in grado di operare all'interno del ervizio di revenzione e rotezione sia in qualità di addetto che di responsabile in riferimento ai recenti mutamenti normativi contenuti nel..gs 195/03 32 ore, dal 22 marzo al 19 aprile (intera giornata) vigente e le responsabilità previste a carico dei medesimi sia in sede civile che penale.gs.195/03 e dai relativi aggiornamenti 16 ore, 13 e 14 aprile (intera giornata) 04 'F F l nuovo esto unico ulla sicurezza prevede l'obbligo dei datori di lavoro di "adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento di cui agli articoli 36 e 37". n particolare l'art 37 prevede, che il datore di lavoro assicuri a ciascun lavoratore una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza. l corso vuole fornire un quadro generale sul miglioramento di sicurezza esalute B 4 ore, 30 marzo (in orario pomeridiano) 4 ore, 23 aprile (in orario pomeridiano) B 05 B reare una figura professionale in grado di intervenire e rispondere alle esigenze di risparmio energetico e di sostenibilità ambientale espresse sia dal mondo imprenditoriale che pubblico 7 ore, 28 aprile (in orario pomeridiano) 06 F () Fornire al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza nozioni in materia di salute e sicurezza tali da controllare e prevenire i rischi nell'ambiente di lavoro in collaborazione e confronto con l'organizzazione aziendale per poter verificare l'efficacia dei sistemi di sicurezza adottati 32 ore, dal 5 al 26 maggio (intera giornata) 07 : H ssere in grado di operare all'interno del ervizio di revenzione e rotezione sia in qualità di addetto che di responsabile in riferimento ai recenti mutamenti normativi contenuti nel..gs 195/03 con particolare riferimento ai rischi di natura psicosociale 28 ore, dal 10 al 24 maggio (intera giornata) 08 B, Fornire un contributo in merito alle novità normative in ambito di gestione ambientale per permettere alle aziende di impostare la propria attività e il proprio business in conformità con i nuovi decreti e le disposizioni legislative vigenti 4 ore, 8 giugno (in orario pomeridiano) B

20 B amera dell'conomia F ' B B 09 H - Fornire le conoscenze sul tema dei rischi da stress lavoro-correlato per sviluppare consapevolmente la promozione di una cultura della prevenzione e del benessere a livello organizzativo 7 ore, 28 giugno (in orario pomeridiano) 10 F Fornire le informazioni di base per una gestione corretta delle problematiche dei rifiuti in azienda, in ottemperanza al. gs. 152/06 4 ore, 6 ottobre (in orario pomeridiano) 11 Fornire ai partecipanti gli strumenti idonei e necessari per effettuare, in sicurezza, un intervento di "primo soccorso" nell'ambiente di lavoro, in attesa dell'arrivo dei mezzi istituzionali di soccorso 12 ore, 27 e 28 ottobre (mercoledì intera giornata e giovedì mattina) 12 : Fornire un quadro esaustivo sulle nuove norme in materia di prevenzione incendi quali il... 12/01/98 n. 37 e il.. 10/03/98, descrivere quindi l'iter burocratico a carico delle aziende ed analizzare l'elaborazione del piano di emergenza aziendale 4 ore, 23 novembre (in orario pomeridiano) F F 01 F nalizzare le metodologie di progettazione degli interventi formativi con particolare riguardo alla gestione ed al controllo delle tre dimensioni strutturali: il sistema cliente/partecipante e l'analisi dei fabbisogni, il rapporto con la committenza, la funzionalità e l'efficacia della docenza 18 ore, 22, 23 e 24 aprile (giovedì e venerdì intera giornata e sabato mattina) F 02 ' - ' n considerazione della progressiva importanza dell'utilizzo di nuovi strumenti e metodi didattici ci si prefigge lo scopo di sensibilizzare i formatori alla necessità di innovare le proprie competenze in merito alle nuove tecnologie formative di tipo multimediale 11 ore, 21 e 22 maggio (venerdì intera giornata e sabato mattina) F 03 Fornire ai partecipanti una sintesi ed una sistematizzazione delle principali teorie e leggi dell'apprendimento relative a processi di formazione per adulti, con particolare attenzione alla formazione come occasione didattica individuale e setting di interazione di gruppo 11 ore, 10 e 11 giugno (giovedì pomeriggio e venerdì intera giornata) F 04 F a metodologia dell'utdoor presuppone una preparazione adeguata dei formatori per offrire proposte qualitativamente valide. 'obiettivo è di sperimentare l'outdoor training, analizzare le modalità di formazione outdoor più diffuse nonchè di verificare le differenze rispetto alla formazione tradizionale e sulle sue diverse possibilità 7 ore, 12 giugno (intera giornata) F F 05 ' erificare, secondo un'ottica evolutiva, come la progettazione formativa possa, anche attraverso processi di empowerment, modificarsi ed affinarsi rispetto a scenari dell'apprendimento, che, per ragioni sociali e metodologiche, sono in continuo mutamento 7 ore, 1 luglio (intera giornata) F 06 H viluppare logiche e modelli per interpretare efficacemente gli stili di leadership, i comportamenti organizzativi, le loro configurazioni e peculiarità, nella consapevolezza dell'importanza di riconoscere al formatore un ruolo sempre più dinamico quale facilitatore degli apprendimenti 7 ore, 2 luglio (intera giornata) F 07 ' ndividuare metodologie e comportamenti finalizzati all'efficace gestione delle attività e delle dinamiche dei gruppi in apprendimento 21 ore, dal 10 al 18 settembre (venerdì intera giornata e sabato mattina) F 08 F F Fornire logiche e metodologie per sviluppare processi di apprendimento in uno scenario di lifelong learning, focalizzando l'attenzione su come cambiano le skills del formatore in sistemi di diffusione della conoscenza 7 ore, 7 ottobre (intera giornata) F F 09 H F ondurre i partecipanti attraverso un percorso didattico che li prepari ad utilizzare i diversi tipi di "giochi formativi" come strumenti per l'apprendimento individuale e di gruppo 11 ore, 8 e 9 ottobre (venerdì intera giornata e sabato mattina) F 10 F Fornire la metodologia per pianificare la valutazione di un'attività formativa, con riguardo alle variabili di maggior rilievo, ai fini di una verifica della dimensione progettuale 11 ore, 5 e 6 novembre (venerdì intera giornata e sabato mattina) F 11 QÀ F saminare il processo di analisi, progettazione, erogazione e controllo dell'azione formativa con particolare attenzione alla qualità del servizio erogata e percepita 11 ore, 3 e 4 dicembre (venerdì intera giornata e sabato mattina) 01 BÀ Fornire una corretta metodologia tecnico-contabile che consenta di presiedere alle determinazioni quantitative e qualitative del capitale e del reddito d'esercizio 36 ore, dal 23 marzo al 29 aprile 02 B nalizzare le tematiche riguardanti i rendiconti economico-finanziari ed in particolar modo il bilancio d'esercizio secondo i diversi aspetti della normativa civilistica vigente ed i principi contabili di generale accettazione, consentendo ai "non addetti" alla funzione amministrazione e controllo di operare con report e prospetti contabili 14 ore, 14 e 21 aprile (intera giornata) 03 FBÀ ': F B llustrare le diverse tipologie contrattuali di inquadramento dei collaboratori dell'impresa, con particolare riferimento agli aspetti di carattere economico-finanziario e giuslavoristico, dopo l'introduzione della legge Biagi 7 ore, 27 aprile (intera giornata) 04 FF F: B F nalizzare, nei diversi aspetti fiscali, contrattuali e di bilancio, la gestione della contabilità fornitori 7 ore, 28 aprile (intera giornata) 05 B 06 B 07 B ' F F nalizzare e valutare tutti gli aspetti dei costi del nalizzare le tematiche riguardanti il bilancio personale al fine di presidiare correttamente la fase d'esercizio, osservando gli argomenti connessi al budgetaria attraverso l'utilizzo adeguato di metodi e prospetto obbligatorio ex lege secondo i diversi aspetti tecniche di calcolo. l corso si propone, inoltre, di della normativa civilistica vigente ed i principi verificare ' gli scostamenti dei dati consuntivi rispetto nalizzare tutti gli aspetti concernenti la normativa e la prassi amministrativa in materia di rapporti di lavoro, nonché gli aspetti previdenziali e di sicurezza sociale fondamentali per una corretta e funzionale gestione amministrativa del personale 33 ore, dal 10 maggio al 21 giugno contabili di generale accettazione 18 ore, dall'11 al 19 maggio (intera giornata) a quelli previsionali 7 ore, 25 maggio (intera giornata) 08 B mparare a misurare la solidità patrimoniale e la redditività delle aziende tramite l'applicazione degli indici di bilancio; conoscere lo strumento del rendiconto finanziario, importante integrazione del bilancio di esercizio 14 ore, dal 7 al 16 giugno (2 incontri settimanali in orario pomeridiano) B 09 BÀ roporre le modalità per passare dalla sola contabilità generale all'implementazione della contabilità analitica, quale irrinunciabile presupposto per il controllo dei costi e della gestione aziendale 14 ore, dal 20 al 29 settembre (2 incontri settimanali in orario pomeridiano) 10 llustrare le diverse tipologie contrattuali di inquadramento dei lavoratori subordinati dell'impresa, con particolare riferimento agli aspetti di carattere normativo ed economico 7 ore, 11 ottobre (intera giornata) 11 F Fornire una conoscenza teorica ed applicativa degli innovativi principi e processi del Business erformance anagement, individuando e gestendo i numerosi indicatori di eccellenza delle prestazioni in tutte le fasi del processo organizzativo. 7 ore, 18 ottobre (intera giornata) 12 B nalizzare, nei diversi aspetti funzionali, la gestione del magazzino, al fine di ottimizzare il controllo delle scorte in un'ottica più allargata di economicità competitiva e di redditività aziendale 14 ore, 20 e 27 ottobre (intera giornata)

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli