La banca e la responsabilità ambientale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La banca e la responsabilità ambientale."

Transcript

1 La banca e la responsabilità ambientale. Una visione dall interno. Master in Marketing Territoriale Università Cattolica di Milano - sede di Piacenza milan budapest frankfurt london paris prague A D V A N C E D M A R K E T I N G P R O J E C T S

2 OBIETTIVI E METODOLOGIA La ricerca si è posta come obiettivo l analisi della relazione tra le banche e l ambiente secondo l autopercezione del management delle banche stesse. Si è voluto cioè indagare cosa le banche pensano di sé stesse a proposito della problematica ambientale, in particolare a proposito di impatto indiretto Per impatti indiretti intendiamo quelli riconducibili alle attività di terzi con cui la banca si relaziona [famiglie, imprese, pubblica amministrazione, territorio, ecc.]. Si tratta degli effetti [positivi/negativi] che intervengono sull ambiente a causa del comportamento di soggetti esterni verso i quali la banca può avere una certa influenza attraverso azioni finalizzate all adozione di scelte ecocompatibili. La ricerca si è svolta con un questionario semistrutturato inviato online alle principali banche italiane. Le inviate sono state 242 e le risposte valide e anonime [tranne per chi ha voluto indicare volontariamente il proprio nome] sono state 57, rappresentanti oltre i 2/3 del sistema bancario [in numero di sportelli] 2 La ricerca si è svolta nel periodo 1-31 marzo 2007.

3 OBIETTIVI E METODOLOGIA La ricerca è stata svolta da Globiz. Globiz è specializzata in progetti di marketing ad alto contenuto di valore focalizzati particolarmente sul settore bancario e finanziario Il Progetto Green Globe Banking è ideato e realizzato da Globiz con il patrocinio di Parklife, Ministero Ambiente, Planet Life Economy Foundation, Mumat-Master di Marketing Territoriale Università Cattolica di Milano sede di Piacenza. 3

4 DESCRIZIONE CAMPIONE Le banche rispondenti al questionario rappresentano oltre i 2/3 del sistema bancario italiano [in numero di sportelli] 68% 38% 33% 28% 62% 39% 4 Maschi Femmine anni anni anni

5 BANCHE DEL CAMPIONE Intesasanpaolo Cariparma Banca Popolare dell Emilia Romagna Banca Toscana Iccrea Credito Cooperativo Banca di Cesena Rasbank Banca Friuladria BPU Banca Unipol Banca Popolare di Vicenza Banca Popolare di Milano Banca Agricola Mantovana BNL CartaSi Cassa Padana Cassa Risparmio Firenze Carige Unicredit Group Capitalia Banca Cremonese Banca Antonveneta Banca Popolare di Verona Cassa Risparmio di Ferrara BCC Emilbanca Banca Etica Banca Popolare dell Alto Adige Banca Popolare della Provincia di Teramo Bcc Sesto San Giovanni Bit Credito Cooperativo Credito Trevigiano BCC Romagna Est Federcasse Credito Cooperativo Veneto Banca Banca Sella Credit Suisse Banca Monte dei Paschi di Siena 5

6 FUNZIONI DEI RISPONDENTI Resp. Mkt Resp. Bil. Sociale Resp. R.E. Resp. Investor Rel. Altro 2,1 6,4 21,3 Il presidio della responsabilità ambientale è forse ancora un po disperso nell organizzazione 23,4 46,8 Addetto marketing Addetto public and community relations Addetto settore responsabilità sociale Assistente direttore marketing e comunicazione Assistente marketing Collaboratore bilancio sociale Comunicazione istituzionale Responsabile Csr Direttore generale Membro della funzione studi Resp. formazione e comunicazione Resp. rapporti banche Responsabile bilancio Responsabile compliance Responsabile del sistema di gestione ambientale Responsabile di progetto speciale Segmento famiglie Vice direttore generale 6

7 BILANCIO DI RESPONSABILITA SOCIALE La sua banca pubblica il bilancio di responsabilità sociale? 21% Da quanto tempo? più di 5 anni 31,3 da 2 a 5 anni 62,5 79% un anno 3,1 NO SI non ricordo 3,1 più di 3 39,4 da 2 a 3 45,5. ma la responsabilità sociale assume già un certo peso nell utilizzo delle risorse. 1 non ricordo 6,1 9,1 Quante persone sono coinvolte nella redazione del documento? 7

8 Percezioni. Master in Marketing Territoriale Università Cattolica di Milano - sede di Piacenza milan budapest frankfurt london paris prague A D V A N C E D M A R K E T I N G P R O J E C T S

9 SENSIBILITA VERSO LA QUESTIONE AMBIENTALE Qual è il livello di sensibilità della sua banca rispetto alla questione ambientale e in particolare alla tematica dell impatto indiretto? 3, e il livello di sensibilità dei seguenti ruoli aziendali? La diffusione della cultura ambientale ha una direzione centro-periferia e soprattutto topdown. Il ruolo decisivo è delle funzioni di vertice. 3,3 TOP MANAGEMENT 3,1 RESP. DI AREA FUNZIONALE 3,0 PERSONALE OPERATIVO 9 3, RESP. FILIALI/AGENZIE

10 COINVOLGIMENTO E PROIEZIONE A suo avviso, quanto la responsabilità ambientale della sua banca è cresciuta nel tempo? 3, Per nulla Poco Abbastanza Molto Moltissimo A suo avviso, quanto dovrebbe ancora crescere nel prossimo futuro? Per nulla Poco Abbastanza Molto Moltissimo 3,8 10 La banca si sente sufficientemente coinvolta e ritiene che il futuro le assegnerà un ruolo sempre più importante nella tutela ambientale

11 Comportamenti e proposte. Master in Marketing Territoriale Università Cattolica di Milano - sede di Piacenza milan budapest frankfurt london paris prague A D V A N C E D M A R K E T I N G P R O J E C T S

12 COMPORTAMENTI E PROPOSTE Verso quali segmenti la sua banca dovrebbe indirizzarsi per valorizzare al meglio la sua azione in tema di rispetto e tutela ambientale? 4,0 PICCOLE/MEDIE IMPRESE 3,8 3,8 3,9 AZIENDE PUBBLICHE GRANDI IMPRESE FAMIGLIE 3,4 ARTIGIANI 3,0 3,3 PROFESSIONISTI SINGOLE CATEGORIE [automobilisti, insegnanti, ] Per nulla Poco Abbastanza Molto Moltissimo

13 COMPORTAMENTI E PROPOSTE Tra le categorie o i comparti produttivi, quali sono maggiormente sensibili al tema ambientale? 3^ INDICATA 2^ INDICATA 1^ INDICATA AZIENDE EXPORT GDO PUBBLICI ESERCIZI TESSILE ASSICURAZIONI AUTOMOTIVE CHIMICA-PHARMA AGROALIMENTARE ARTIGIANATO EDILIZIA ENTI PUBBLICI 13

14 COMPORTAMENTI E PROPOSTE Quali sono i principali interventi [prodotti, servizi, progetti ad hoc, eventi] che attualmente la sua banca ha in essere? COSA COME ENERGIE RINNOVABILI RECUPERO URBANO EDILIZIA SOSTENIBILE RECUPERO/DIFFEREN ZIAZIONE RIFIUTI IMPATTO DIRETTO FINANZIAMENTI AGEVOLATI ANALISI AMBIENTALE DEL CREDITO FORMULE ASSICURATIVE COIVOLGIMENTO TERRITORIO AZIONI DI SENSIBILIZZAZIONE PROGETTI EUROPEI O SOVRANAZIONALI La banca agisce a tutto campo sia con strumenti tipici del suo core business sia con azioni che valorizzano un ruolo guida nei confronti della comunità. 14

15 COMPORTAMENTI E PROPOSTE Quali sono i principali interventi [prodotti, servizi, progetti ad hoc, eventi] che attualmente la sua banca ha in essere? 1 Intervento citato Agenda 21 Analisi ambientale del credito CasaClima Coinvolgimento del Territorio Finanziamenti e consulenze agevolati per chi investe in fonti di energia rinnovabile Finanziamenti agevolati per chi investe in fonti di energia Finanziamenti speciali per energia solare Energetiche Prodotti a impatto sociale Progetti europei Raccolta differenziata di rifiuti speciali Raccolta differenziata interna RC inquinamento Welcome Energy 2 Intervento citato Accordo con Regione Lombardia per finanziare l'installazione in aziende agricole di impianti di biogas Acquisto di apparecchiature d'ufficio a basso impatto ambientale antine Sociali Auto Coperture assicurative per catastrofi naturali e eventi atmosferici Finanziamenti ambientali per imprese - Spazio Energia Prodotti di investimento e finanziamento 'verdi' Utilizzo carta riciclata ecologica Uso di energie rinnovabili 3 Intervento citato Asilo nido interno Progetti di recupero rifiuti Riciclo della plastica, della carta e del legno Risparmio nei consumi di energia Campagna di sensibilizzazione ad un uso responsabile dell'acqua Interventi a sostegno di raccolta fondi per Associazioni ONLUS Recupero di un complesso Palladiano quale centro servizi Utilizzo carta riciclata VERBALIZZAZIONI 15

16 COMPORTAMENTI E PROPOSTE La sua banca prevede di sviluppare nel 2007 nuovi interventi per l ambiente? 29,5 27,3 Prodotti e servizi Progetti ad hoc 22,7 Eventi 11,4 Non prevede interventi 9,1 Altro Si va verso la definizione di offerte più strutturate incrementando prodotti e progetti mirati. Solo 1 intervistato su 10 non prevede interventi per il risposte multiple

17 Il Mercato. Master in Marketing Territoriale Università Cattolica di Milano - sede di Piacenza milan budapest frankfurt london paris prague A D V A N C E D M A R K E T I N G P R O J E C T S

18 IL MERCATO Secondo le sue conoscenze, quali servizi e/o prodotti ispirati alla tutela e alla valorizzazione dell ambiente vengono offerti dal sistema bancario italiano? CasaClima Fondo Terra BioPrestito C/C progetto Insieme Credito per Impianti Fotovoltaici Welcome Energy PRODOTTO/INIZIATIVA Finanziamento per l energia eolica/solare Mutui agevolati su progetti ambientali Linea Verde Agricoltura Biologica Finanziamento al Fotovoltaico Carte di credito o debito che devolvono una parte delle commissioni a finalità ambientali Finanziamenti specifici per interventi di miglioramento ambientali Fondi etico-ambientali Mutui per fonti rinnovabili BANCA BCC IN COOPERAZIONE MPS ICCREA VARIE ETICREDITO BANCA MARCHE BANCA ETICA BANCA TOSCANA ALTRE Lo scenario tratteggia una dinamica ipocompetitiva. L analisi della concorrenza è scarsa e le best practice di riferimento per gli operatori sono ancora poco numerose. 18

19 IL MERCATO A livello europeo conosce degli esempi meritevoli di essere seguiti? 74% NO SI Il ritardo italiano nei confronti dell Europa è testimoniato dalla quasi completa mancanza di conoscenza di esperienze eccellenti estere. 26% Quali? Servizi della Co-operative Bank UK Finanziamenti per interventi di risparmio energetico a ESCO [Energy Service Company] Collaborazione con Gaz de France [Crédit Agricole] 19

20 Il Cliente e la Comunicazione. Master in Marketing Territoriale Università Cattolica di Milano - sede di Piacenza milan budapest frankfurt london paris prague A D V A N C E D M A R K E T I N G P R O J E C T S

21 IL CLIENTE E LA COMUNICAZIONE Quanto, secondo lei, i clienti della sua banca conoscono quanto la banca fa per la tutela e valorizzazione dell'ambiente? Quanto spesso la sua banca riceve richieste di informazioni su servizi o prodotti orientati al rispetto ambientale? 2, Per nulla Poco Abbastanza Molto Moltissimo 2,7 La comunicazione non valorizza l impegno della banca e il cliente non ritiene ancora la banca un interlocutore del tutto credibile Mai Raramente Ogni Tanto Spesso Molto spesso 21

22 La legislazione. Master in Marketing Territoriale Università Cattolica di Milano - sede di Piacenza milan budapest frankfurt london paris prague A D V A N C E D M A R K E T I N G P R O J E C T S

23 LA LEGISLAZIONE Pensa che si debba intervenire anche sul piano legislativo per favorire la responsabilità ambientale delle banche? 39% 61% SI NO 23

24 LA LEGISLAZIONE SI Iniziative volontarie non sono sufficienti Si dovrebbe definire cosa si intende per prodotto [bancario o finanziario] ambientalmente responsabile al fine di evitare abusi o difficoltà di scelta tra i consumatori Per 'costringere' le banche ad intervenire in maniera più precisa Per incentivare gli interventi nel settore ma non solo in ambito bancario Per innescare un meccanismo di competizione virtuosa tra le Banche attraverso acceleratori legislativi che armonizzino le finalità ambientali/sociali e quelle di business. Perchè bisogna far nascere un'esigenza forte nelle persone Perchè solo di fronte ad un obbligo legislativo verranno attivati efficaci meccanismi di responsabilità ambientale Per obbligare le Banche che non lo fanno a pensarci Tutelare i ceti deboli con prodotti adeguati, tutelare le imprese con servizi efficienti, orientare il credito verso la sostenibilità del sistema produttivo NO Certe sensibilità non vanno 'forzate'. I risultati arrivano solo se ci si crede davvero. La responsabilità sociale deve rimanere nell'ambito della volontarietà, andando a costituire un elemento di competitività dell'impresa Penso che la RS debba essere una scelta e non un'imposizione Le banche hanno la conoscenza degli investimenti sia in azienda che nelle famiglie. VERBALIZZAZIONI 24

25 LA LEGISLAZIONE Quanto, secondo lei, lo stato italiano è consapevole della rilevanza di questo tema? 2, Per nulla Poco Abbastanza Molto Moltissimo Cosa dovrebbero fare il governo e le STRATEGIE INCENTIVAZIONE istituzioni prioritariamente? SENSIBILIZZAZIONE REGOLE 25

26 LA LEGISLAZIONE Cosa dovrebbero fare il governo e le istituzioni prioritariamente? VERBALIZZAZIONI REGOLE Fare rispettare rigorosamente le regole già in essere Stabilire dei limiti e delle multe per chi non li rispetta Decretare delle norme concrete Legiferare adeguatamente Stabilire delle regole Fare normative specifiche da far rispettare per conservare l'ambiente Punire gli imbroglioni ed evasori INCENTIVAZIONE Agevolazioni fiscali Introdurre agevolazioni per le aziende che mettono in atto programmi di responsabilità sociale Incentivi Nei settori in cui il ritorno economico è molto basso o l'investimento iniziale (es. energia da fonti rinnovabili) è molto alto dovrebbe fornire incentivi Offrire defiscalizzazioni a chi ci pensa Incentivare le Aziende ad investire nel settore. SENSIBILIZZAZIONE Diffondere la cultura ambientale Intervenire a livello scolastico Sensibilizzare di più Preoccuparsi della situazione Dedicare più risorse e tempo al problema Riconoscere la situazione STRATEGIA Pianificazioni di risparmio energetico e di programmazione del territorio Sradicare le lobby e promuovere la concorrenza e l'apertura del sistema economico Buone prassi italiane e straniere Intervenire sulle strutture governate direttamente 26

27 Conclusioni. 10 punti per il paradigma del Green Globe Banking Master in Marketing Territoriale Università Cattolica di Milano - sede di Piacenza milan budapest frankfurt london paris prague A D V A N C E D M A R K E T I N G P R O J E C T S

28 CONCLUSIONI 1. Il sistema bancario italiano si trova nella fase di introduzione del ciclo di vita della tematica ambientale. le banche, presumibilmente trascinate dalla crescente sensibilità dei mass media e da un opinione pubblica sempre più informata dei rischi ambientali, stanno approcciando timidamente il tema, ma ritengono che molto presto potrebbe diventare un argomento fortemente caratterizzante dell attività bancaria. 2. E un percorso evidentemente ancora lungo ma alcuni segnali sembrano essere sufficientemente forti e positivi: La dotazione di risorse assegnata alle strutture di Corporate Social Responsibility, in cui la problematica ambientale rientra a pieno titolo Un buon livello di sensibilità al problema ambientale autopercepito dalla banca La direzione top-down della sensibilità interna che assegna un ruolo propositivo e proattivo alle direzioni centrali e al top management La previsione di interventi nella struttura dell offerta [prodotti/servizi] o di marketing [progetti ad hoc] coerenti con l impegno ambientale che la banca viene man mano assumendo. 28

29 CONCLUSIONI 3. E altresì interessante notare la crescita del trend positivo rilevato nei confronti della responsabilità ambientale e di una pressante richiesta di maggior coinvolgimento ambientale che le banche si assegnano. 4. Le piccole e medie imprese e le aziende pubbliche sono indicate come target prioritari: evidentemente la banca coglie il ruolo decisivo di queste categorie e la necessità di coadiuvarle verso comportamenti ambientalmente sostenibili. 5. Si rilevano peraltro dei segnali contraddittori come la presenza sul mercato di prodotti/servizi bancari ancora modesta. Non si assiste ad una dinamica competitiva aggressiva. Questo porta ad alcune considerazioni: Le banche già attive sul mercato giocano in positivo la mancanza di concorrenza acquisendo un vantaggio competitivo intercettando per prime un nuovo target trasversale Gli spazi di mercato sono peraltro ancora molto ampi per l introduzione di nuovi competitor e per alimentare l immagine di un nuovo ruolo della banca a favore dell ambiente La comunicazione, forse per priorità diverse, non valorizza sufficientemente l impegno della banca laddove esiste, con il risultato che il mercato non conosce le best practice e il consumatore finale fatica ad assegnare alla banca un ruolo credibile nella dinamica della sostenibilità ambientale 29

30 CONCLUSIONI 6. Per il motivo precedente non si approfondisce l analisi di mercato e non vengono rilevate best practice o benchmark sia italiani che stranieri, anche se non mancano punte di eccellenze pur se in uno scenario ancora caratterizzato da iniziative con taglio tattico più che strategico. 7. In effetti le banche indirizzano la propria sensibilità su variegati temi della compatibilità ambientale senza un precisa vision di sistema: dalle energie rinnovabili all edilizia sostenibile, passando per la questione dei rifiuti e del recupero urbano, ecc. 8. E interessante notare che la banca agisce con due differenti business model, anche se spesso incrociati tra loro: Da una parte agisce come istituzione finanziaria utilizzando adeguatamente gli strumenti del suo core business [finanziamenti, credito o addirittura prodotti di bancassurance] Dall altra agisce come leader dl territorio innescando comportamenti virtuosi tra i differenti player della comunità [azioni di sensibilizzazione e di coinvolgimento, capofila di progetti europei] 9. Gli operatori bancari si dividono circa la necessità di intervenire sul piano normativo per favorire la responsabilità ambientale della banca, anche se viene comunemente riconosciuta una scarsa attenzione delle istituzioni al rapporto tra banca e ambiente. 30

31 CONCLUSIONI 10.Si può dire che, forse preoccupata dalla instabilità tipica di mercati in fase di crescita, al governo e alle istituzioni venga richiesto l elaborazione di un frame concettuale entro cui collocare norme, strategie, incentivi e promozione. Insomma le banche sembrano chiedere di mettere i paletti, ovvero punti di riferimento intorno ai quali elaborare le proprie politiche di mercato. 31

32 IL PROSSIMO PASSO Globiz ha messo punto un nuovo disegno di ricerca per cogliere le attese dei consumatori. Una ricerca che indaga differenti pubblici di riferimento delle banche e si rapporta con le best practice europee. 4 differenti pubblici per offrire un vasto spettro interpretativo per le iniziative delle banche Professionisti dell ambiente Responsabili aziendali Responsabili istituzioni Clienti delle banche 4 fasi per disporre di un analisi completa e approfondita 1^ fase Analisi desk dello scenario europeo In collaborazione con Mumat Università Cattolica Milano Facoltà Economia sede di Piacenza 2^ fase Analisi qualitativa 48 interviste cliniche face to face 4 colloqui di gruppo [focus group] 3^ fase Analisi quantitativa interviste telefoniche 32 4^ fase Reporting Analisi, conclusioni e suggerimenti strategici

33 CONTATTI MARCO FEDELI managing director docente di marketing ed economia aziendale università di genova m GLOBIZ srl Advanced Marketing Projects viale zara milano italy t f milan budapest frankfurt london paris prague 33

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI Rassegna Stampa PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI 12 Giugno 2015 Scritto da: Redazione Grande successo per la prima serata

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Affrontare l anno che verrà (e quelli successivi) responsabilmente

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli