DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE QUINTA AAT TECNICO DEI SERVIZI DELL ACCOGLIENZA TURISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE QUINTA AAT TECNICO DEI SERVIZI DELL ACCOGLIENZA TURISTICA"

Transcript

1 , ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Sezioni associate I.T.I. G. L. LAGRANGE - I.P.S.A.R. G.BRERA via Litta Modignani, MILANO Tel /54 Fax DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE QUINTA AAT TECNICO DEI SERVIZI DELL ACCOGLIENZA TURISTICA Anno scolastico 2014/2015 1

2 INDICE DOCUMENTO V A TECNICO DEI SERVIZI DELL ACCOGLIENZA 1 Presentazione del Consiglio di Classe 2 Presentazione della classe 3 Gli obiettivi didattico-educativi nel corso di studi 4 I contenuti 5 Modalità di lavoro e strumenti di verifica del Consiglio di Classe 6 Scelta delle discipline per l Esame di Stato 7 Preparazione specifica in vista dell Esame di Stato e criteri di valutazione delle prove di esame 8 Risultati ottenuti relativi ai debiti formativi 9 Criteri per la valutazione e l attribuzione del credito scolastico e formativo 10 Attività integrative e complementari curriculari ed extracurriculari 11 Allegato A Relazioni e programmi delle singole discipline 12 Allegato B Simulazione prove di esame 2

3 1 Presentazione del Consiglio di Classe La composizione del Consiglio di Classe è la seguente: Docente Morisani Maria Milano Cristina Milano Cristina Tognoli Daniela Giuggioloni Sabrina Lubrano Lavandera Barbara Gusselli Paola Martelosio Cristina Conte Alfredo Barbuto Tiziana Zangelmi Lucia Giuttari Gabriella Candela Aurora Materia di insegnamento Religione Italiano Storia Inglese Francese Matematica e Informatica Lab.servizi acc.turistica Diritto tecniche amm.ve Alimenti e Alimentazione Tecniche di Comunicazione Educazione fisica Sostegno Sostegno La prof.ssa Milano Cristina ha svolto la funzione di docente coordinatore. 2 Presentazione della classe La classe è formata da15 alunni, di cui 2 maschi e13 femmine.tutti provenienti dalla 4AAT tranne un alunna proveniente da un altro Istituto Alberghiero inseritasi in 5AAT nel mese di ottobre scorso. Il profilo della classe può essere così sintetizzato: LIVELLO COMPORTAMENTALE La classe, a parte alcune eccezioni ha manifestato nel corso dell anno un discreto rispetto degli impegni scolastici, nei confronti delle attività d aula e dello studio individuale a casa. La frequenza di alcuni allievi,una in particolare, è stata altalenante e discontinua.. A partire dall'inizio del secondo quadrimestre alcune criticità sono state in parte superate grazie ad un maggior impegno e ad una maggiore consapevolezza dei compiti da assolvere.pertanto la situazione complessiva,se pur con alcune criticita',e' migliorata. LIVELLO AFFETTIVO-RELAZIONALE Gli studenti godono di una discreta socializzazione. Sono presenti sottogruppi all interno della classe che sono andati progressivamente integrandosi. 3

4 L atteggiamento nei confronti dei docenti è risultato positivo ed empatico da un punto di vista emotivo e collaborativo e costruttivo soprattutto nell'ultimo periodo. LIVELLO COGNITIVO La partecipazione alle lezioni non attiva e costante e l alto numero di assenze soprattutto di un alunna hanno contribuito al non pieno raggiungimento degli obiettivi didattici.,soprattutto per quello che riguarda il primo quadrimestre..alcuni miglioramenti in alcune discipline hanno permesso di raggiungere discreti risultati per alcuni alunni,per alcuni permangono diverse criticita'. 3 Gli obiettivi didattico-educativi del corso di studi Il biennio finale di Tecnico dell Accoglienza Turistica ha come principale obiettivo quello di rafforzare e sviluppare il percorso didattico degli operatori dell accoglienza. Il corso offre concrete possibilità di inserimento lavorativo nel settore dei servizi alberghieri fissi e mobili Obiettivi trasversali formativi comportamentali Rispetto delle diversità (di cultura, di razza, di sesso, di età, ecc.) e senso di solidarietà; Rispetto dell ambiente e delle strutture scolastiche (aule, banchi, laboratori, palestra, ecc.); Rispetto delle regole previste dal Regolamento di Istituto relative alla puntualità, alle assenze, al decoro e alla disciplina personale; Rispetto del corpo docente, dei compagni e del personale scolastico; Capacità di autocontrollo e di assunzione di responsabilità di fronte ai richiami per infrazione alla regola; Comportamento scolastico coerente con il lavoro della classe e con le esigenze di una vita di gruppo; Abitudine a partecipare attivamente alle lezioni, con interventi pertinenti, nel rispetto dei tempi e dei modi, e con risposte efficaci; Consapevolezza della necessità di un applicazione regolare e continua al pomeriggio per lo svolgimento dei compiti e per lo studio; Abitudine all autovalutazione anche al fine della scelta successiva al biennio. Obiettivi trasversali cognitivi Capacità di osservazione, di analisi e di riflessione come metodo di indagine di un fenomeno; Abitudine a seguire una procedura scritta, cercando di rispettare la sequenzialità delle operazioni; 4

5 Acquisizione di un buon metodo di studio, abitudine a un lavoro sistematico, organizzato e autonomo; Capacità di leggere e comprendere i libri di testo, cogliendone le informazioni essenziali, le parole-chiave, i nessi logici, schematizzandone il contenuto; Capacità di esporre oralmente e per iscritto gli argomenti delle varie discipline con chiarezza, coerenza, usando un lessico appropriato e specifico; Capacità di prendere appunti durante le lezioni; Capacità di rielaborare personalmente gli argomenti appresi (e di trasferire le conoscenze da un ambito disciplinare all altro). Materie di insegnamento Disciplina Classe 4 Classe 5 Lettere Italiane 4 4 Storia 2 2 Matematica lingua straniera: Inglese lingua straniera: Francese 3 3 Diritto e Tecniche amm.ve 6 6 Scienze e cultura dell alimentazione 2 2 Lab.servizi acc. Turistica 4 4 Tecniche di Comunicazione 2 2 Educazione Fisica 2 2 Religione * 1 1 * per gli allievi che si avvalgono dell insegnamento della religione cattolica. 5

6 Attivita' integrative curricolari ed extra curricolari. GIORNO - MESE Venerdì 07 Novembre'14 Venerdì 14 Novembre'14 Giovedì 18 Dicembre'14 Mercoledì 04 Marzo'15 Venerdì 06 Marzo'15 Lunedì 09 Marzo'15 INCONTRI/EVENTI PRESSO L'ISTITUTO Progetto Educazione alla legalità (LIBERA) beni confiscati alla mafia Corso RANSTAD - sicurezza sul lavoro Incontro AVIS (donazione del sangue) Corso RANSTAD - sicurezza sul lavoro Lunedì 23 Marzo'15 Presentazione EXPO Milano 2015 Lunedì 13 Aprile/Venerdì 17 Aprile'15 INCONTRI/EVENTI FUORI ISTITUTO Convegno - Marketing Summit c/o spazio anniluce MI (Grassi, Salvetti, Zini, Gregio, Ferrari) Incontro informativo (Informagiovani) c/o Comune di Milano Viaggio d'istruzione Monaco - Rovereto Mercoledì 06 Maggio'15 Visita EXPO Milano 2015 Mercoledì 27 Maggio'15 4 I contenuti Progetto Educazione alla legalità visione film Anime Nere Per i programmi delle singole discipline si rimanda a quelli che, coerentemente con gli obiettivi generali specificati, sono stati sviluppati dai docenti e sono presentati nelle relazioni finali, che risultano essere parte integrante del presente documento. 5 Modalità di lavoro e strumenti di verifica del Consiglio di Classe Il Consiglio di Classe, durante l intera programmazione annuale, ha utilizzato modalità di lavoro e strumenti di verifica piuttosto omogenei nelle varie discipline, come viene illustrato nella tabella seguente: 6

7 MODALITA DI LAVORO ITA STO ING MAT 2L A.T. T.C. ALI DIR. E.F. REL. Lezione frontale X X X X X X X X X X X Lezione partecipata X X X X X X X X X X X Lezione pratica X X Lavoro di gruppo X X X X X X X X X X Discussione guidata X X X X X X X X X X X Supporto audiovisivi X X X X X X X Uscite didattiche X X X STRUMENTI DI VERIFICA ITA STO ING MAT 2L A.T. T.C. ALI DIR. E.F. REL. Colloquio X X X X X X X X X Interrogazione X X X X X X X X X Prova pratica X X Prova strutturata/semistrutturata X X X X X X X X X Esercitazioni X X X X X X X X X X 6 Scelta delle discipline per l'esame di Stato Il Consiglio di Classe, considerata la scelta effettuata dal Ministero nella designazione del numero dei commissari interni (3), volendo dare rilevanza alle discipline di indirizzo tecnico professionale, sviluppate dagli allievi lungo tutto il percorso scolastico, ha designato all'unanimità, quali commissari, i seguenti docenti: DOCENTI CRISTINA MILANO PAOLA GUSSELLI FABRINA GIUGGIOLONI DISCIPLINE ITALIANO e STORIA LABORATORIO SERVIZI ACCOGLIENZA FRANCESE 7

8 7 Preparazione specifica in vista dell'esame di Stato e criteri di valutazione delle prove di esame: Il Consiglio di Classe ha organizzato momenti specifici di simulazione delle prove scritte che si sono concretizzati, nel secondo quadrimestre, in sei prove, due per tipologia di prova, prima, seconda e terza prova scritta. In particolare, per quanto riguarda le simulazioni della terza prova, il Consiglio di Classe ha focalizzato l'attenzione su quelle della tipologia B (quesiti a risposta singola) che, viste le caratteristiche della classe, meglio si prestano a far emergere le capacità, le competenze e le conoscenze acquisite da parte degli studenti. A tale proposito si segnala che il Consiglio di Classe si è orientato nella scelta di quesiti relativi a discipline non oggetto delle prime due prove scritte e in grado di verificare le conoscenze acquisite in ambito professionale. Pur nel rispetto della normativa vigente, il Consiglio di Classe ritiene opportuno, sulla base delle simulazioni effettuate, che la terza prova possa avere le seguenti modalità: Quattro discipline coinvolte; Tre domande aperte per disciplina; Risposte sintetiche, utilizzando massimo 10 righe per ogni risposta; Tempo di durata della prova: 3 ore 8

9 Per la valutazione delle prove il Consiglio di Classe ha adottato le griglie e i criteri sotto riportati: Prima prova INDICATORI Traccia A ) Analisi e commento, di un testo letterario e non, in prosa o in poesia Puntegg io massim o 1. Completezza analisi: aspetti morfosintattici, stilistici, retorici 5 2. Proprietà terminologica dell analisi letteraria mirata ad una lettura articolata 6 3. Organizzazione ed elaborazione delle risposte alle domande proposte in modo 2 di arrivare ad un discorso organico 4. Esame del significato fino ad arrivare ad una interpretazione contestualizzata 2 TOTALE 15 INDICATORI Traccia B ) Sviluppo di un argomento storico politico, socio economico,artistico letterario tecnico scientifico Puntegg io massim o Saggio breve 1. capacità di avvalersi in modo esatto del materiale proposto 5 2. capacità di elaborare in modo completo e critico il materiale 5 3. capacità di far emergere il proprio punto di vista 3 4. capacità di individuare un registro stilistico adeguato all argomento 2 Articolo di giornale 1. individuazione del destinatario 6 2. possesso di conoscenze relative all argomento 4 3. taglio originale personale 3 4. linguaggio coerente con l argomento e il destinatario 2 TOTALE 15 INDICATORI Traccia C ) Sviluppo di un argomento di carattere storico Puntegg io massim o 1. conoscenza esatta in senso diacronico e sincronico 5 2. organizzazione dei fatti distinti dall interpretazione 5 3. analisi della complessità dell evento storico nei suoi vari aspetti per arrivare 3 ad una valutazione critica 4. competenze linguistiche lessicali di tipo storiografico 2 TOTALE 15 INDICATORI Traccia D ) Trattazione di un tema su un argomento di ordine generale Puntegg io massim o 6 1. Superare le convinzioni personali basate su informazione orecchiate frutto del pensiero quotidiano 2. conoscere la questione e i problemi connessi 4 Puntegg io attribui to Puntegg io attribui to Puntegg io attribui to Puntegg io Attribui to 9

10 3. costruire un discorso ordinato e coerente dove emerga il nucleo centrale e sia 3 ben motivata la trattazione 4. possedere le competenze linguistiche adatte al tema discusso 2 TOTALE 15 Seconda prova Indicatori Punteggio massimo Livelli Pertinenza 4 a) Non è pertinente alla traccia richiesta b) Risponde alle richieste solo in parte e alcuni argomenti non sono inerenti c) I contenuti sono pertinenti e riguardano tutte le richieste della traccia Conoscenza dei contenuti e capacità di rielaborazione critica Capacità espressive e uso del linguaggio tecnico appropriato TOTALE 15 8 a) i concetti sono scarsi, superficiali e generici b) i concetti presenti non sono sempre adeguatamente sviluppati c) i concetti sono espressi in modo accettabile anche se non adeguatamente approfonditi d) gli argomenti richiesti sono tutti adeguatamente sviluppati e) i concetti espressi sono numerosi, corretti e ben approfonditi 3 a) mancanza di linguaggio tecnico, esposizione poco coerente e frammentaria b) uso del linguaggio tecnico accettabile, esposizione lineare c) linguaggio tecnico adeguato, esposizione coerente Punteggio per livello Punteggio Attribuito GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO COMMISSIONE CLASSE VAAT CANDIDATO:. DATA: 10

11 Argomento proposto dal candidato : Adesione al progetto culturale 1 8 Contenuti e chiarezza espositiva Tematiche disciplinari Conoscenze: acquisizione dei contenuti max = 9 punti Scarse 1-2 Ignora notizie essenziali nei contenuti disciplinari richiesti Limitate 3-4 Evidenzia diffuse carenze nei contenuti disciplinari richiesti Sufficienti 5 Si orienta su quanto richiesto Sicure 6-7 Dimostra possesso convincente dei diversi argomenti richiesti Rigorose 8-9 Dimostra di possedere conoscenze ampie, chiare e approfondite su ogni argomento Competenze: padronanza linguistica e abilità logico operativa max = 5 punti Scarse 1 Si esprime con difficoltà ed evidenzia scarse abilità operative Limitate 2 Si esprime correttamente ma organizza e applica le conoscenze in modo parziale, anche se guidato Sufficienti 3 Si esprime correttamente, anche se con linguaggio non sempre specifico e se guidato sa organizzare le conoscenze Sicure 4 Si esprime con linguaggio appropriato e specifico, e sa operare con opportuni procedimenti risolutivi Rigorose 5 Si esprime con linguaggio rigoroso, sa organizzare in modo autonomo le conoscenze e pervenire a coerenti conclusioni Capacità: elaborazione e collegamenti interdisciplinari max = 5 punti Scarse 1 Espone in modo mnemonico Limitate 2 Necessita di frequenti suggerimenti nell esposizione Sufficienti 3 Espone le informazioni in modo coerente, e se guidato, raccorda informazioni desunte da discipline diverse Sicure 4 Argomenta in modo convincente e sintetizza organicamente dati e relazioni pluridisciplinari Rigorose 5 Argomenta in modo personale e rielabora autonomamente le conoscenze con significativi collegamenti interdisciplinari Discussione prove scritte L esito sarà integrato con un massimo di 3 punti per l autocorrezione TOT. /30 GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA. COMMISSIONE CLASSE VAAT CANDIDATO:. 4 DISCIPLINE: 11

12 TIPOLOGIA B : 3 domande aperte per disciplina. DOMAN DE Domanda 1 Domanda 2 Domanda 3 DESCRITTO PUN RI TI Conoscenza 2 dei contenuti Comprension 2 e/applicazion e/esposizione Linguaggio 1 Conoscenza 2 dei contenuti Comprension 2 e/applicazion e/esposizione Linguaggio 1 Conoscenza 2 dei contenuti Comprension 2 e/applicazion e/esposizione Linguaggio 1 TOTALE PER DISCIPLINA max 15 PUNTEGGIO TOTALE max 60 VOTO IN QUINDICESIMI TERZA PROVA SCRITTA* Il voto in quindicesimi si ottiene dividendo il totale punti per il numero delle discipline oggetto della prova, arrotondando il risultato ottenuto al numero intero. Argomento proposto dal candidato : Discussione prove scritte L esito sarà integrato con un massimo di 3 punti per l autocorrezione TOT. /30 12

13 8 Risultati ottenuti relativi ai debiti formativi Gli allievi hanno sostenuto l esame di qualifica nell anno scolastico 2009/2010. Nessun allievo presenta debiti residui. 9 Criteri per la valutazione e l'attribuzione del credito scolastico e formativo Il Consiglio di Classe, fatti propri i criteri formulati dal Collegio Docenti, ha deciso di considerare, ai fini dell attribuzione dei punti di credito, compreso il punto relativo alle attività extrascolastiche, le seguenti variabili da vagliare caso per caso: interesse e partecipazione assidui e fattivi al dialogo educativo impegno costante nello studio individuale frequenza ad attività complementari ed integrative svolte nell ambito scolastico valutazione dell esito relativo all area professionalizzante attività svolte nell ambito extrascolastico con particolare riferimento all area di indirizzo (partecipazione proficua a stage, corsi professionali aggiuntivi, attività lavorativa esercitata nel campo di indirizzo, corsi di lingue, attività sportive, attività di volontariato e di tipo socio-assistenziale). Tutte le attività esemplificate devono essere opportunamente documentate. Per l attribuzione dei punti di credito ci si riferisce alla tabella A Decreto Ministeriale n. 42 del 22 maggio 2007, che stabilisce, come credito massimo, 25 punti. TABELLA A (sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323) CREDITO SCOLASTICO Candidati interni 13

14 Media dei voti CREDITO SCOLASTICO (punti) I anno II anno III anno M = < M = < M = < M = Il presente documento è stato redatto ed approvato all'unanimità nella seduta del consiglio di classe del 7 maggio 2015 Il Consiglio di Classe 14

15 Docente Materia di insegnamento Firma del docente Morisani Religione Maria Milano Italiano Cristina Milano Storia Cristina Tognoli Inglese Daniela Giuggioloni Francese Fabrina Lubrano Matematica e Informatica Barbara Gusselli Lab.servizi acc. Turistica Paola Martelosio Diritto tecniche amm.ve Cristina Conte Alimenti e Alimentazione Alfredo Barbuto Tecniche di comunicazione Tiziana Zangelmi Educazione fisica Lucia Giuttari Gabriella Sostegno Candela Aurora Sostegno Milano 7 Maggio 2015 Il Dirigente Scolastico 15

16 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA D ESAME D ITALIANO Testo:"Letteratura Modulare"Il Novecento,Sambugar,Sala',ed.La Nuova Italia. CLASSE 5AAT PROF. CRISTINA MILANO _ IL PRIMO NOVECENTO I caratteri del periodo Le coordinate storico politiche Le trasformazione economiche e sociali Psicoanalisi L io non è padrone a casa propria Il romanzo europeo del primo novecento I caratteri del genere _ LA POESIA ITALIANA DEL PRIMO NOVECENTO G. Pascoli La vita e le opere Il poeta non arringa e non trascina da Il Fanciullino Arano da Myricae Lavandare da Myricae Temporale da Myricae Lampo da Myricae testi a confronto: il Tuono e Temporale di Pascoli Nebbia da Canti di Castelvecchio G. D Annunzio La vita e le opere La produzione letteraria fra crisi e mistificazione Il Piacere,Il ritratto di un esteta La pioggia nel pineto da Alcyone Notturno,La sabbia del tempo 16

17 L. Pirandello La vita e le opere La coscienza decadentismo Il sentimento del contrario da L umorismo Salute.da Il fu Mattia Pascal La patente Il treno ha fischiato lettura critica tra Agrigento e Roma La carriola Italo Svevo La vita e le opere Marginalità ed europeismo La coscienza di Zeno Zeno un malato sano L'ultima sigaretta Un rapporto conflittuale Le coordinate storico politiche Società ed economia I modelli culturali degli anni fra le due guerre Totalitarismo La guerra Introduzione al tema Giuseppe Ungaretti La vita e le opere Veglia da L allegria Fratelli da L allegria San martino del carso da L allegria Soldati da L'allegria Il porto sepolto da L'allegria Sono una creatura da L'allegria Mattina da L allegria Professoressa Alunni 17

18 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA D ESAME DI STORIA (Testo: STORIA IN CORSO IL NOVECENTO E LA GLOBALIZZAZIONE 3 EDIZ.SCOLASTICHE BRUNO MONDADORI. GIORGIO DE VECCHI GIORGIO GIOVANNETTI) CLASSE 5ATT Prof. Cristina Milano _ L INIZIO DEL XX SECOLO: Situazione politica e fermenti sociali _LA PRIMA GUERRA MONDIALE La crisi degli equilibri politici europei Situazione pre-bellica Lo scoppio del conflitto Il primo anno di guerra (1914) I socialisti tedeschi votano I crediti di guerra L Italia dalla neutralità all entrata in guerra Posizioni a confronto: Mussolini e Giolitti sulla guerra La guerra di logoramento ( ) La svolta del 1917 La fine del conflitto (1918) I trattati di pace e il nuovo assetto geopolitica d Europa I quattordici punti di Wilson La delusione dell Italia Il bilancio della guerra _L EUROPA DOPO LA GRANDE GUERRA Il governo provvisorio e i Soviet Lenin e le Tesi di aprile La rivoluzione d ottobre 18

19 La guerra civile La nascita dell URSS e l internazionalismo Verso la costruzione del socialismo La crisi del dopoguerra La fondazione dei Fasci di combattimento Dal governo Litti alla marcia su Roma La costruzione del regime La crisi dei grandi imperi La Repubblica di Weimar _ LA SITUAZIONE INTERNAZIONE NEGLI ANNI VENTI E TRENTA Le tensioni dell area meridionale I movimenti indipendentisti in India e in Nord Africa La costruzione dello Stato fascista in Italia: le scelte economiche I rapporti con la chiesa e la concessione dello Stato I Patti lateranensi Gentile e la teoria dello Stato fascista Propaganda e dissenso La politica estera e le leggi razziali La fine della Repubblica di Weimar e il nazismo in Germania Lo Stato totalitario in Germania Lo stalinismo in Unione Sovietica Il nuovo assetto istituzionale nell URSS _LA SECONDA GUERRA MONDIALE Verso il confitto e le prime operazioni. La guerra lampo : inizia la crisi del patto tripartito : il crollo del fascismo : la conclusione del conflitto e la sconfitta del nazismo La conferenza di Potsdam e l aspetto postbellico I trattati di pace Professoressa Alunni 19

20 PROGRAMMA DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE CLASSE 5^A AT ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE: Prof. ssa Cristina Martelosio RELAZIONE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE ASPETTI EDUCATIVI E COGNITIVI La classe durante l anno scolastico ha mantenuto un comportamento corretto nel rispetto delle Regole d Istituto e d aula ed ha dimostrato quasi sempre collaborazione e disponibilità al dialogo educativo. Gli studenti hanno partecipato con attenzione alle lezioni e il loro interesse ed impegno, sia in classe che a casa, è stato nel complesso positivo. Occorre tuttavia segnalare una diffusa difficoltà nella rielaborazione personale dei contenuti a causa di uno studio ancora poco sistematico e prevalentemente scolastico. Mediamente le esercitazioni si sono svolte sotto la mia guida e anche i compiti assegnati per casa sono stati sempre corretti in classe e hanno costituito spunto per chiarimenti e richiami ad argomenti precedenti ad essi collegati. STRUMENTI DIDATTICI Gli strumenti didattici utilizzati sono stati: libro di testo, fotocopie, appunti, codice civile, lavagna, strumenti informatici e fonti autentiche (opuscoli, dépliants, articoli online). LINEE METODOLOGICHE Al fine di raggiungere gli obiettivi di apprendimento programmati ho ritenuto opportuno adottare una prassi didattica ispirata ad una opportuna flessibilità nella modalità di insegnamento, basata su lezioni sia frontali che interattive. Ho proceduto, inoltre, a sistematizzazioni alla lavagna dei concetti fondamentali, alla lettura e analisi di brani, allo svolgimento di prove d esame relative ad anni precedenti. A modulo ultimato, prima delle verifiche, sono state svolte esercitazioni riepilogative sia teoriche che pratiche. Le modalità di verifica utilizzate sono state prove scritte, interrogazioni e prove simulate. I criteri di valutazione adottati sono stati quelli inseriti nel presente documento che verranno presi in considerazione per la correzione della prova di esame. SVOLGIMENTO DEL PROGRAMMA Il programma è stato svolto in tutte le sue parti come risulta dalla tavola di programmazione di inizio anno ad eccezione dei Contratti di trasporto che sono stati trattati nelle loro linee essenziali. COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA DEL QUARTO ANNO: La riclassificazione dei prospetti di bilancio Analisi di bilancio tramite i principali indici patrimoniali, finanziari ed economici Esercizi relativi alla rielaborazione dello Stato patrimoniale e del Conto economico e calcolo degli indici e svolgimento del tema ministeriale, sessione ordinaria, Anno Scolastico 2013/

21 LE NUOVE DINAMICHE DEL MERCATO TURISTICO Turismo e mercato turistico La domanda turistica e l offerta turistica Il valore economico del turismo Le attuali tendenze del mercato turistico: nazionale e internazionale Internet e gli strumenti telematici La sostenibilità del turismo Il turismo integrato Gli indici di turisticità Approfondimenti: - Una breve storia del turismo - Una forma di ospitalità tutta italiana: l albergo diffuso - Tuscia Welcome: il progetto che integra il turismo - Le nuove professioni del turismo Esercizi relativi all analisi di brani e documenti TECNICHE DI MARKETING TURISTICO E WEB MARKETING Il marketing: aspetti generali Il marketing management Il marketing strategico e operativo L analisi della situazione interna ed esterna (L analisi dell ambiente, della domanda e della concorrenza, la ricerca di marketing, la segmentazione del mercato, targeting e posizionamento) Il marketing mix Il ciclo di vita del prodotto e le strategie di marketing in funzione del Cvp Il piano di marketing (Analisi dell ambiente esterno e interno: Swot Analysis, definizione degli obiettivi, scelta delle strategie: marketing mix, controllo e valutazione ) Web marketing Il marketing turistico integrato Il marketing della destinazione turistica Approfondimenti: - I principali metodi per la determinazione dei prezzi nel settore turistico - alberghiero - Marketing mix di un hotel - Analisi SWOT di un hotel Esercizi relativi all analisi di brani, documenti e casi aziendali GESTIONE STRATEGICA E BUSINESS PLAN La gestione dell impresa Gli aspetti generali della gestione strategica La pianificazione strategica La programmazione Business idea e progetto imprenditoriale Lo studio di fattibilità: il business plan I contenuti del business plan I preventivi di impianto (Il preventivo degli investimenti, finanziario, economico e patrimoniale) 21

22 La valutazione dei dati e la fase di start up Approfondimenti: - la Matrice BCG Esercizi relativi: - ad esempi di business plan di un ristorante, di un hotel e di un tour operator di piccole dimensioni - alla costruzione di un semplice business plan con dati a scelta I CONTRATTI DI VIAGGIO Il turismo e le imprese di viaggi Aspetti economici, finanziari e organizzativi dell attività di organizzazione e produzione I contratti atipici fra tour operator e fornitori Il catalogo e il preventivo Il contratto di viaggio Il voucher e altri documenti di viaggio LA DISCIPLINA DEI CONTRATTI DI SETTORE Premessa Il Codice del Turismo Il contratto di vendita del pacchetto turistico La Carta dei diritti del Turista Le norme che tutelano i viaggiatori nel trasporto aereo Le norme che tutelano i viaggiatori nel trasporto marittimo Le norme che tutelano i viaggiatori nel trasporto ferroviario Le norme che tutelano i viaggiatori nel trasporto su strada VIAGGIARE NELL UE La politica dei trasporti La tutela dei viaggiatori Approfondimenti: - Il decalogo UE dei passeggeri - Principali diritti dei passeggeri nell UE libro di testo: F. Cammisa, P. Matrisciano, G. Pietroni DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE della struttura ricettiva - Volume C Accoglienza turistica SCUOLA & AZIENDAPer la Disciplina dei contratti di settore e Viaggiare nell UE si è utilizzato il seguente libro di testo: Caterina De Luca, Maria Teresa Fantozzi DIRITTO E TECNICA AMMINISTRATIVA DELL IMPRESA TURISTICA LIVIANA Firma degli studenti 22 Firma del docente Cristina Martelosio

23 Programma lingua e civiltà Inglese Prof.ssa Tognoli Daniela Classe V sez. A TST Anno Scolastico 2014/15 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA D ESAME DELLA CLASSE V A TST LINGUA E CIVILTA INGLESE Indicazioni metodologiche-didattiche La docente prof. D.Tognoli, già insegnante della classe nei due precedenti anni scolastici, ha inteso continuare un lavoro di approfondimento e potenziamento delle abilità linguistiche dei propri studenti già avviato nei precedenti anni di corso. Nella prima parte dell anno è stato necessario favorire un lavoro di revisione di alcune strutture morfo-sintattiche e di alcuni argomenti ritenuti pre-requisiti essenziali del 5 anno con attività svolte in classe o con esercitazioni assegnate a casa. Gli argomenti e i brani trattati sono stati scelti dal manuale in adozione o dal materiale fornito dall insegnante i cui contenuti sono stati analizzati in classe al fine di potenziare la capacità di decodifica e codifica di un testo in L2. Lo studio di alcuni argomenti ha inoltre agevolato il collegamento interdisciplinare con alcune materie di indirizzo quali accoglienza turistica e alimentazione. Si è molto insistito sul lavoro di analisi, sull ampliamento e l approfondimento delle informazioni esplicite e implicite dei contenuti nella loro globalità e nel dettaglio, utilizzando questionari, la redazione di brevi riassunti e sintetiche relazioni. Una particolare attenzione è stata rivolta al potenziamento della produzione orale che ha implicato un lavoro non sempre agevole a causa di alcune resistenze da parte di studenti che mostravano difficoltà nella memorizzazione ed esposizione dei contenuti appresi. Le verifiche scritte sono state impostate come simulazioni di terza prova e valutate utilizzando una griglia di correzione che teneva conto dei seguenti parametri: 23

24 La corretta impostazione nella trattazione dell argomento proposto La scelta del registro adeguato La pertinenza dei contenuti rispetto alla traccia data e l efficacia comunicativa La padronanza del linguaggio settoriale La correttezza ortografica, grammaticale e lessicale L organizzazione logica del contenuto La scorrevolezza Le verifiche orali, relative al programma svolto, sono state valutate considerando la capacità di comprensione, la pertinenza, la completezza e la rielaborazione dei contenuti appresi nonché la correttezza fonetica, grammaticale lessicale dell esposizione. Al termine del percorso di studi, solo una parte degli studenti è in grado di esporre gli argomenti studiati in un inglese semplice e con un lessico specifico. Gli obiettivi disciplinari risultano raggiunti solo da una parte degli allievi, parzialmente raggiunti per il resto della classe. CONTENUTI DISCIPLINARI Module 1: AROUND ITALY Unit 1: Tourism promotion The seven Ps of marketing (page )* Promoting Italy: destinations, places and offers Tourist organisations in Italy (page 140)* Unit 2: Incoming tourism A long lasting love (page 150)* Visiting Italy (page 151)* Cities of art: Venice (page )* Florence (page )* Rome (page )* Grammar: revision of some forms of the passive voice Place and time prepositions imperative form Connectors Common expressions used to ask about opinions, likes and preferences Vocabulary: terminology and structures to describe sightseeing tours, historical and artistic features of some art cities and to promote Italian destinations. Module 2: EUROPE AND BEYOND Unit 1: Around Europe The wonders of Europe (page 190)* Why visit the U.K. (page )* A brief history of London (page )* Swinging London (page 198)* A tour of London (page )* 24

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli