DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE QUINTA AAT TECNICO DEI SERVIZI DELL ACCOGLIENZA TURISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE QUINTA AAT TECNICO DEI SERVIZI DELL ACCOGLIENZA TURISTICA"

Transcript

1 , ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Sezioni associate I.T.I. G. L. LAGRANGE - I.P.S.A.R. G.BRERA via Litta Modignani, MILANO Tel /54 Fax DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE QUINTA AAT TECNICO DEI SERVIZI DELL ACCOGLIENZA TURISTICA Anno scolastico 2014/2015 1

2 INDICE DOCUMENTO V A TECNICO DEI SERVIZI DELL ACCOGLIENZA 1 Presentazione del Consiglio di Classe 2 Presentazione della classe 3 Gli obiettivi didattico-educativi nel corso di studi 4 I contenuti 5 Modalità di lavoro e strumenti di verifica del Consiglio di Classe 6 Scelta delle discipline per l Esame di Stato 7 Preparazione specifica in vista dell Esame di Stato e criteri di valutazione delle prove di esame 8 Risultati ottenuti relativi ai debiti formativi 9 Criteri per la valutazione e l attribuzione del credito scolastico e formativo 10 Attività integrative e complementari curriculari ed extracurriculari 11 Allegato A Relazioni e programmi delle singole discipline 12 Allegato B Simulazione prove di esame 2

3 1 Presentazione del Consiglio di Classe La composizione del Consiglio di Classe è la seguente: Docente Morisani Maria Milano Cristina Milano Cristina Tognoli Daniela Giuggioloni Sabrina Lubrano Lavandera Barbara Gusselli Paola Martelosio Cristina Conte Alfredo Barbuto Tiziana Zangelmi Lucia Giuttari Gabriella Candela Aurora Materia di insegnamento Religione Italiano Storia Inglese Francese Matematica e Informatica Lab.servizi acc.turistica Diritto tecniche amm.ve Alimenti e Alimentazione Tecniche di Comunicazione Educazione fisica Sostegno Sostegno La prof.ssa Milano Cristina ha svolto la funzione di docente coordinatore. 2 Presentazione della classe La classe è formata da15 alunni, di cui 2 maschi e13 femmine.tutti provenienti dalla 4AAT tranne un alunna proveniente da un altro Istituto Alberghiero inseritasi in 5AAT nel mese di ottobre scorso. Il profilo della classe può essere così sintetizzato: LIVELLO COMPORTAMENTALE La classe, a parte alcune eccezioni ha manifestato nel corso dell anno un discreto rispetto degli impegni scolastici, nei confronti delle attività d aula e dello studio individuale a casa. La frequenza di alcuni allievi,una in particolare, è stata altalenante e discontinua.. A partire dall'inizio del secondo quadrimestre alcune criticità sono state in parte superate grazie ad un maggior impegno e ad una maggiore consapevolezza dei compiti da assolvere.pertanto la situazione complessiva,se pur con alcune criticita',e' migliorata. LIVELLO AFFETTIVO-RELAZIONALE Gli studenti godono di una discreta socializzazione. Sono presenti sottogruppi all interno della classe che sono andati progressivamente integrandosi. 3

4 L atteggiamento nei confronti dei docenti è risultato positivo ed empatico da un punto di vista emotivo e collaborativo e costruttivo soprattutto nell'ultimo periodo. LIVELLO COGNITIVO La partecipazione alle lezioni non attiva e costante e l alto numero di assenze soprattutto di un alunna hanno contribuito al non pieno raggiungimento degli obiettivi didattici.,soprattutto per quello che riguarda il primo quadrimestre..alcuni miglioramenti in alcune discipline hanno permesso di raggiungere discreti risultati per alcuni alunni,per alcuni permangono diverse criticita'. 3 Gli obiettivi didattico-educativi del corso di studi Il biennio finale di Tecnico dell Accoglienza Turistica ha come principale obiettivo quello di rafforzare e sviluppare il percorso didattico degli operatori dell accoglienza. Il corso offre concrete possibilità di inserimento lavorativo nel settore dei servizi alberghieri fissi e mobili Obiettivi trasversali formativi comportamentali Rispetto delle diversità (di cultura, di razza, di sesso, di età, ecc.) e senso di solidarietà; Rispetto dell ambiente e delle strutture scolastiche (aule, banchi, laboratori, palestra, ecc.); Rispetto delle regole previste dal Regolamento di Istituto relative alla puntualità, alle assenze, al decoro e alla disciplina personale; Rispetto del corpo docente, dei compagni e del personale scolastico; Capacità di autocontrollo e di assunzione di responsabilità di fronte ai richiami per infrazione alla regola; Comportamento scolastico coerente con il lavoro della classe e con le esigenze di una vita di gruppo; Abitudine a partecipare attivamente alle lezioni, con interventi pertinenti, nel rispetto dei tempi e dei modi, e con risposte efficaci; Consapevolezza della necessità di un applicazione regolare e continua al pomeriggio per lo svolgimento dei compiti e per lo studio; Abitudine all autovalutazione anche al fine della scelta successiva al biennio. Obiettivi trasversali cognitivi Capacità di osservazione, di analisi e di riflessione come metodo di indagine di un fenomeno; Abitudine a seguire una procedura scritta, cercando di rispettare la sequenzialità delle operazioni; 4

5 Acquisizione di un buon metodo di studio, abitudine a un lavoro sistematico, organizzato e autonomo; Capacità di leggere e comprendere i libri di testo, cogliendone le informazioni essenziali, le parole-chiave, i nessi logici, schematizzandone il contenuto; Capacità di esporre oralmente e per iscritto gli argomenti delle varie discipline con chiarezza, coerenza, usando un lessico appropriato e specifico; Capacità di prendere appunti durante le lezioni; Capacità di rielaborare personalmente gli argomenti appresi (e di trasferire le conoscenze da un ambito disciplinare all altro). Materie di insegnamento Disciplina Classe 4 Classe 5 Lettere Italiane 4 4 Storia 2 2 Matematica lingua straniera: Inglese lingua straniera: Francese 3 3 Diritto e Tecniche amm.ve 6 6 Scienze e cultura dell alimentazione 2 2 Lab.servizi acc. Turistica 4 4 Tecniche di Comunicazione 2 2 Educazione Fisica 2 2 Religione * 1 1 * per gli allievi che si avvalgono dell insegnamento della religione cattolica. 5

6 Attivita' integrative curricolari ed extra curricolari. GIORNO - MESE Venerdì 07 Novembre'14 Venerdì 14 Novembre'14 Giovedì 18 Dicembre'14 Mercoledì 04 Marzo'15 Venerdì 06 Marzo'15 Lunedì 09 Marzo'15 INCONTRI/EVENTI PRESSO L'ISTITUTO Progetto Educazione alla legalità (LIBERA) beni confiscati alla mafia Corso RANSTAD - sicurezza sul lavoro Incontro AVIS (donazione del sangue) Corso RANSTAD - sicurezza sul lavoro Lunedì 23 Marzo'15 Presentazione EXPO Milano 2015 Lunedì 13 Aprile/Venerdì 17 Aprile'15 INCONTRI/EVENTI FUORI ISTITUTO Convegno - Marketing Summit c/o spazio anniluce MI (Grassi, Salvetti, Zini, Gregio, Ferrari) Incontro informativo (Informagiovani) c/o Comune di Milano Viaggio d'istruzione Monaco - Rovereto Mercoledì 06 Maggio'15 Visita EXPO Milano 2015 Mercoledì 27 Maggio'15 4 I contenuti Progetto Educazione alla legalità visione film Anime Nere Per i programmi delle singole discipline si rimanda a quelli che, coerentemente con gli obiettivi generali specificati, sono stati sviluppati dai docenti e sono presentati nelle relazioni finali, che risultano essere parte integrante del presente documento. 5 Modalità di lavoro e strumenti di verifica del Consiglio di Classe Il Consiglio di Classe, durante l intera programmazione annuale, ha utilizzato modalità di lavoro e strumenti di verifica piuttosto omogenei nelle varie discipline, come viene illustrato nella tabella seguente: 6

7 MODALITA DI LAVORO ITA STO ING MAT 2L A.T. T.C. ALI DIR. E.F. REL. Lezione frontale X X X X X X X X X X X Lezione partecipata X X X X X X X X X X X Lezione pratica X X Lavoro di gruppo X X X X X X X X X X Discussione guidata X X X X X X X X X X X Supporto audiovisivi X X X X X X X Uscite didattiche X X X STRUMENTI DI VERIFICA ITA STO ING MAT 2L A.T. T.C. ALI DIR. E.F. REL. Colloquio X X X X X X X X X Interrogazione X X X X X X X X X Prova pratica X X Prova strutturata/semistrutturata X X X X X X X X X Esercitazioni X X X X X X X X X X 6 Scelta delle discipline per l'esame di Stato Il Consiglio di Classe, considerata la scelta effettuata dal Ministero nella designazione del numero dei commissari interni (3), volendo dare rilevanza alle discipline di indirizzo tecnico professionale, sviluppate dagli allievi lungo tutto il percorso scolastico, ha designato all'unanimità, quali commissari, i seguenti docenti: DOCENTI CRISTINA MILANO PAOLA GUSSELLI FABRINA GIUGGIOLONI DISCIPLINE ITALIANO e STORIA LABORATORIO SERVIZI ACCOGLIENZA FRANCESE 7

8 7 Preparazione specifica in vista dell'esame di Stato e criteri di valutazione delle prove di esame: Il Consiglio di Classe ha organizzato momenti specifici di simulazione delle prove scritte che si sono concretizzati, nel secondo quadrimestre, in sei prove, due per tipologia di prova, prima, seconda e terza prova scritta. In particolare, per quanto riguarda le simulazioni della terza prova, il Consiglio di Classe ha focalizzato l'attenzione su quelle della tipologia B (quesiti a risposta singola) che, viste le caratteristiche della classe, meglio si prestano a far emergere le capacità, le competenze e le conoscenze acquisite da parte degli studenti. A tale proposito si segnala che il Consiglio di Classe si è orientato nella scelta di quesiti relativi a discipline non oggetto delle prime due prove scritte e in grado di verificare le conoscenze acquisite in ambito professionale. Pur nel rispetto della normativa vigente, il Consiglio di Classe ritiene opportuno, sulla base delle simulazioni effettuate, che la terza prova possa avere le seguenti modalità: Quattro discipline coinvolte; Tre domande aperte per disciplina; Risposte sintetiche, utilizzando massimo 10 righe per ogni risposta; Tempo di durata della prova: 3 ore 8

9 Per la valutazione delle prove il Consiglio di Classe ha adottato le griglie e i criteri sotto riportati: Prima prova INDICATORI Traccia A ) Analisi e commento, di un testo letterario e non, in prosa o in poesia Puntegg io massim o 1. Completezza analisi: aspetti morfosintattici, stilistici, retorici 5 2. Proprietà terminologica dell analisi letteraria mirata ad una lettura articolata 6 3. Organizzazione ed elaborazione delle risposte alle domande proposte in modo 2 di arrivare ad un discorso organico 4. Esame del significato fino ad arrivare ad una interpretazione contestualizzata 2 TOTALE 15 INDICATORI Traccia B ) Sviluppo di un argomento storico politico, socio economico,artistico letterario tecnico scientifico Puntegg io massim o Saggio breve 1. capacità di avvalersi in modo esatto del materiale proposto 5 2. capacità di elaborare in modo completo e critico il materiale 5 3. capacità di far emergere il proprio punto di vista 3 4. capacità di individuare un registro stilistico adeguato all argomento 2 Articolo di giornale 1. individuazione del destinatario 6 2. possesso di conoscenze relative all argomento 4 3. taglio originale personale 3 4. linguaggio coerente con l argomento e il destinatario 2 TOTALE 15 INDICATORI Traccia C ) Sviluppo di un argomento di carattere storico Puntegg io massim o 1. conoscenza esatta in senso diacronico e sincronico 5 2. organizzazione dei fatti distinti dall interpretazione 5 3. analisi della complessità dell evento storico nei suoi vari aspetti per arrivare 3 ad una valutazione critica 4. competenze linguistiche lessicali di tipo storiografico 2 TOTALE 15 INDICATORI Traccia D ) Trattazione di un tema su un argomento di ordine generale Puntegg io massim o 6 1. Superare le convinzioni personali basate su informazione orecchiate frutto del pensiero quotidiano 2. conoscere la questione e i problemi connessi 4 Puntegg io attribui to Puntegg io attribui to Puntegg io attribui to Puntegg io Attribui to 9

10 3. costruire un discorso ordinato e coerente dove emerga il nucleo centrale e sia 3 ben motivata la trattazione 4. possedere le competenze linguistiche adatte al tema discusso 2 TOTALE 15 Seconda prova Indicatori Punteggio massimo Livelli Pertinenza 4 a) Non è pertinente alla traccia richiesta b) Risponde alle richieste solo in parte e alcuni argomenti non sono inerenti c) I contenuti sono pertinenti e riguardano tutte le richieste della traccia Conoscenza dei contenuti e capacità di rielaborazione critica Capacità espressive e uso del linguaggio tecnico appropriato TOTALE 15 8 a) i concetti sono scarsi, superficiali e generici b) i concetti presenti non sono sempre adeguatamente sviluppati c) i concetti sono espressi in modo accettabile anche se non adeguatamente approfonditi d) gli argomenti richiesti sono tutti adeguatamente sviluppati e) i concetti espressi sono numerosi, corretti e ben approfonditi 3 a) mancanza di linguaggio tecnico, esposizione poco coerente e frammentaria b) uso del linguaggio tecnico accettabile, esposizione lineare c) linguaggio tecnico adeguato, esposizione coerente Punteggio per livello Punteggio Attribuito GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO COMMISSIONE CLASSE VAAT CANDIDATO:. DATA: 10

11 Argomento proposto dal candidato : Adesione al progetto culturale 1 8 Contenuti e chiarezza espositiva Tematiche disciplinari Conoscenze: acquisizione dei contenuti max = 9 punti Scarse 1-2 Ignora notizie essenziali nei contenuti disciplinari richiesti Limitate 3-4 Evidenzia diffuse carenze nei contenuti disciplinari richiesti Sufficienti 5 Si orienta su quanto richiesto Sicure 6-7 Dimostra possesso convincente dei diversi argomenti richiesti Rigorose 8-9 Dimostra di possedere conoscenze ampie, chiare e approfondite su ogni argomento Competenze: padronanza linguistica e abilità logico operativa max = 5 punti Scarse 1 Si esprime con difficoltà ed evidenzia scarse abilità operative Limitate 2 Si esprime correttamente ma organizza e applica le conoscenze in modo parziale, anche se guidato Sufficienti 3 Si esprime correttamente, anche se con linguaggio non sempre specifico e se guidato sa organizzare le conoscenze Sicure 4 Si esprime con linguaggio appropriato e specifico, e sa operare con opportuni procedimenti risolutivi Rigorose 5 Si esprime con linguaggio rigoroso, sa organizzare in modo autonomo le conoscenze e pervenire a coerenti conclusioni Capacità: elaborazione e collegamenti interdisciplinari max = 5 punti Scarse 1 Espone in modo mnemonico Limitate 2 Necessita di frequenti suggerimenti nell esposizione Sufficienti 3 Espone le informazioni in modo coerente, e se guidato, raccorda informazioni desunte da discipline diverse Sicure 4 Argomenta in modo convincente e sintetizza organicamente dati e relazioni pluridisciplinari Rigorose 5 Argomenta in modo personale e rielabora autonomamente le conoscenze con significativi collegamenti interdisciplinari Discussione prove scritte L esito sarà integrato con un massimo di 3 punti per l autocorrezione TOT. /30 GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA. COMMISSIONE CLASSE VAAT CANDIDATO:. 4 DISCIPLINE: 11

12 TIPOLOGIA B : 3 domande aperte per disciplina. DOMAN DE Domanda 1 Domanda 2 Domanda 3 DESCRITTO PUN RI TI Conoscenza 2 dei contenuti Comprension 2 e/applicazion e/esposizione Linguaggio 1 Conoscenza 2 dei contenuti Comprension 2 e/applicazion e/esposizione Linguaggio 1 Conoscenza 2 dei contenuti Comprension 2 e/applicazion e/esposizione Linguaggio 1 TOTALE PER DISCIPLINA max 15 PUNTEGGIO TOTALE max 60 VOTO IN QUINDICESIMI TERZA PROVA SCRITTA* Il voto in quindicesimi si ottiene dividendo il totale punti per il numero delle discipline oggetto della prova, arrotondando il risultato ottenuto al numero intero. Argomento proposto dal candidato : Discussione prove scritte L esito sarà integrato con un massimo di 3 punti per l autocorrezione TOT. /30 12

13 8 Risultati ottenuti relativi ai debiti formativi Gli allievi hanno sostenuto l esame di qualifica nell anno scolastico 2009/2010. Nessun allievo presenta debiti residui. 9 Criteri per la valutazione e l'attribuzione del credito scolastico e formativo Il Consiglio di Classe, fatti propri i criteri formulati dal Collegio Docenti, ha deciso di considerare, ai fini dell attribuzione dei punti di credito, compreso il punto relativo alle attività extrascolastiche, le seguenti variabili da vagliare caso per caso: interesse e partecipazione assidui e fattivi al dialogo educativo impegno costante nello studio individuale frequenza ad attività complementari ed integrative svolte nell ambito scolastico valutazione dell esito relativo all area professionalizzante attività svolte nell ambito extrascolastico con particolare riferimento all area di indirizzo (partecipazione proficua a stage, corsi professionali aggiuntivi, attività lavorativa esercitata nel campo di indirizzo, corsi di lingue, attività sportive, attività di volontariato e di tipo socio-assistenziale). Tutte le attività esemplificate devono essere opportunamente documentate. Per l attribuzione dei punti di credito ci si riferisce alla tabella A Decreto Ministeriale n. 42 del 22 maggio 2007, che stabilisce, come credito massimo, 25 punti. TABELLA A (sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323) CREDITO SCOLASTICO Candidati interni 13

14 Media dei voti CREDITO SCOLASTICO (punti) I anno II anno III anno M = < M = < M = < M = Il presente documento è stato redatto ed approvato all'unanimità nella seduta del consiglio di classe del 7 maggio 2015 Il Consiglio di Classe 14

15 Docente Materia di insegnamento Firma del docente Morisani Religione Maria Milano Italiano Cristina Milano Storia Cristina Tognoli Inglese Daniela Giuggioloni Francese Fabrina Lubrano Matematica e Informatica Barbara Gusselli Lab.servizi acc. Turistica Paola Martelosio Diritto tecniche amm.ve Cristina Conte Alimenti e Alimentazione Alfredo Barbuto Tecniche di comunicazione Tiziana Zangelmi Educazione fisica Lucia Giuttari Gabriella Sostegno Candela Aurora Sostegno Milano 7 Maggio 2015 Il Dirigente Scolastico 15

16 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA D ESAME D ITALIANO Testo:"Letteratura Modulare"Il Novecento,Sambugar,Sala',ed.La Nuova Italia. CLASSE 5AAT PROF. CRISTINA MILANO _ IL PRIMO NOVECENTO I caratteri del periodo Le coordinate storico politiche Le trasformazione economiche e sociali Psicoanalisi L io non è padrone a casa propria Il romanzo europeo del primo novecento I caratteri del genere _ LA POESIA ITALIANA DEL PRIMO NOVECENTO G. Pascoli La vita e le opere Il poeta non arringa e non trascina da Il Fanciullino Arano da Myricae Lavandare da Myricae Temporale da Myricae Lampo da Myricae testi a confronto: il Tuono e Temporale di Pascoli Nebbia da Canti di Castelvecchio G. D Annunzio La vita e le opere La produzione letteraria fra crisi e mistificazione Il Piacere,Il ritratto di un esteta La pioggia nel pineto da Alcyone Notturno,La sabbia del tempo 16

17 L. Pirandello La vita e le opere La coscienza decadentismo Il sentimento del contrario da L umorismo Salute.da Il fu Mattia Pascal La patente Il treno ha fischiato lettura critica tra Agrigento e Roma La carriola Italo Svevo La vita e le opere Marginalità ed europeismo La coscienza di Zeno Zeno un malato sano L'ultima sigaretta Un rapporto conflittuale Le coordinate storico politiche Società ed economia I modelli culturali degli anni fra le due guerre Totalitarismo La guerra Introduzione al tema Giuseppe Ungaretti La vita e le opere Veglia da L allegria Fratelli da L allegria San martino del carso da L allegria Soldati da L'allegria Il porto sepolto da L'allegria Sono una creatura da L'allegria Mattina da L allegria Professoressa Alunni 17

18 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA D ESAME DI STORIA (Testo: STORIA IN CORSO IL NOVECENTO E LA GLOBALIZZAZIONE 3 EDIZ.SCOLASTICHE BRUNO MONDADORI. GIORGIO DE VECCHI GIORGIO GIOVANNETTI) CLASSE 5ATT Prof. Cristina Milano _ L INIZIO DEL XX SECOLO: Situazione politica e fermenti sociali _LA PRIMA GUERRA MONDIALE La crisi degli equilibri politici europei Situazione pre-bellica Lo scoppio del conflitto Il primo anno di guerra (1914) I socialisti tedeschi votano I crediti di guerra L Italia dalla neutralità all entrata in guerra Posizioni a confronto: Mussolini e Giolitti sulla guerra La guerra di logoramento ( ) La svolta del 1917 La fine del conflitto (1918) I trattati di pace e il nuovo assetto geopolitica d Europa I quattordici punti di Wilson La delusione dell Italia Il bilancio della guerra _L EUROPA DOPO LA GRANDE GUERRA Il governo provvisorio e i Soviet Lenin e le Tesi di aprile La rivoluzione d ottobre 18

19 La guerra civile La nascita dell URSS e l internazionalismo Verso la costruzione del socialismo La crisi del dopoguerra La fondazione dei Fasci di combattimento Dal governo Litti alla marcia su Roma La costruzione del regime La crisi dei grandi imperi La Repubblica di Weimar _ LA SITUAZIONE INTERNAZIONE NEGLI ANNI VENTI E TRENTA Le tensioni dell area meridionale I movimenti indipendentisti in India e in Nord Africa La costruzione dello Stato fascista in Italia: le scelte economiche I rapporti con la chiesa e la concessione dello Stato I Patti lateranensi Gentile e la teoria dello Stato fascista Propaganda e dissenso La politica estera e le leggi razziali La fine della Repubblica di Weimar e il nazismo in Germania Lo Stato totalitario in Germania Lo stalinismo in Unione Sovietica Il nuovo assetto istituzionale nell URSS _LA SECONDA GUERRA MONDIALE Verso il confitto e le prime operazioni. La guerra lampo : inizia la crisi del patto tripartito : il crollo del fascismo : la conclusione del conflitto e la sconfitta del nazismo La conferenza di Potsdam e l aspetto postbellico I trattati di pace Professoressa Alunni 19

20 PROGRAMMA DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE CLASSE 5^A AT ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE: Prof. ssa Cristina Martelosio RELAZIONE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE ASPETTI EDUCATIVI E COGNITIVI La classe durante l anno scolastico ha mantenuto un comportamento corretto nel rispetto delle Regole d Istituto e d aula ed ha dimostrato quasi sempre collaborazione e disponibilità al dialogo educativo. Gli studenti hanno partecipato con attenzione alle lezioni e il loro interesse ed impegno, sia in classe che a casa, è stato nel complesso positivo. Occorre tuttavia segnalare una diffusa difficoltà nella rielaborazione personale dei contenuti a causa di uno studio ancora poco sistematico e prevalentemente scolastico. Mediamente le esercitazioni si sono svolte sotto la mia guida e anche i compiti assegnati per casa sono stati sempre corretti in classe e hanno costituito spunto per chiarimenti e richiami ad argomenti precedenti ad essi collegati. STRUMENTI DIDATTICI Gli strumenti didattici utilizzati sono stati: libro di testo, fotocopie, appunti, codice civile, lavagna, strumenti informatici e fonti autentiche (opuscoli, dépliants, articoli online). LINEE METODOLOGICHE Al fine di raggiungere gli obiettivi di apprendimento programmati ho ritenuto opportuno adottare una prassi didattica ispirata ad una opportuna flessibilità nella modalità di insegnamento, basata su lezioni sia frontali che interattive. Ho proceduto, inoltre, a sistematizzazioni alla lavagna dei concetti fondamentali, alla lettura e analisi di brani, allo svolgimento di prove d esame relative ad anni precedenti. A modulo ultimato, prima delle verifiche, sono state svolte esercitazioni riepilogative sia teoriche che pratiche. Le modalità di verifica utilizzate sono state prove scritte, interrogazioni e prove simulate. I criteri di valutazione adottati sono stati quelli inseriti nel presente documento che verranno presi in considerazione per la correzione della prova di esame. SVOLGIMENTO DEL PROGRAMMA Il programma è stato svolto in tutte le sue parti come risulta dalla tavola di programmazione di inizio anno ad eccezione dei Contratti di trasporto che sono stati trattati nelle loro linee essenziali. COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA DEL QUARTO ANNO: La riclassificazione dei prospetti di bilancio Analisi di bilancio tramite i principali indici patrimoniali, finanziari ed economici Esercizi relativi alla rielaborazione dello Stato patrimoniale e del Conto economico e calcolo degli indici e svolgimento del tema ministeriale, sessione ordinaria, Anno Scolastico 2013/

21 LE NUOVE DINAMICHE DEL MERCATO TURISTICO Turismo e mercato turistico La domanda turistica e l offerta turistica Il valore economico del turismo Le attuali tendenze del mercato turistico: nazionale e internazionale Internet e gli strumenti telematici La sostenibilità del turismo Il turismo integrato Gli indici di turisticità Approfondimenti: - Una breve storia del turismo - Una forma di ospitalità tutta italiana: l albergo diffuso - Tuscia Welcome: il progetto che integra il turismo - Le nuove professioni del turismo Esercizi relativi all analisi di brani e documenti TECNICHE DI MARKETING TURISTICO E WEB MARKETING Il marketing: aspetti generali Il marketing management Il marketing strategico e operativo L analisi della situazione interna ed esterna (L analisi dell ambiente, della domanda e della concorrenza, la ricerca di marketing, la segmentazione del mercato, targeting e posizionamento) Il marketing mix Il ciclo di vita del prodotto e le strategie di marketing in funzione del Cvp Il piano di marketing (Analisi dell ambiente esterno e interno: Swot Analysis, definizione degli obiettivi, scelta delle strategie: marketing mix, controllo e valutazione ) Web marketing Il marketing turistico integrato Il marketing della destinazione turistica Approfondimenti: - I principali metodi per la determinazione dei prezzi nel settore turistico - alberghiero - Marketing mix di un hotel - Analisi SWOT di un hotel Esercizi relativi all analisi di brani, documenti e casi aziendali GESTIONE STRATEGICA E BUSINESS PLAN La gestione dell impresa Gli aspetti generali della gestione strategica La pianificazione strategica La programmazione Business idea e progetto imprenditoriale Lo studio di fattibilità: il business plan I contenuti del business plan I preventivi di impianto (Il preventivo degli investimenti, finanziario, economico e patrimoniale) 21

22 La valutazione dei dati e la fase di start up Approfondimenti: - la Matrice BCG Esercizi relativi: - ad esempi di business plan di un ristorante, di un hotel e di un tour operator di piccole dimensioni - alla costruzione di un semplice business plan con dati a scelta I CONTRATTI DI VIAGGIO Il turismo e le imprese di viaggi Aspetti economici, finanziari e organizzativi dell attività di organizzazione e produzione I contratti atipici fra tour operator e fornitori Il catalogo e il preventivo Il contratto di viaggio Il voucher e altri documenti di viaggio LA DISCIPLINA DEI CONTRATTI DI SETTORE Premessa Il Codice del Turismo Il contratto di vendita del pacchetto turistico La Carta dei diritti del Turista Le norme che tutelano i viaggiatori nel trasporto aereo Le norme che tutelano i viaggiatori nel trasporto marittimo Le norme che tutelano i viaggiatori nel trasporto ferroviario Le norme che tutelano i viaggiatori nel trasporto su strada VIAGGIARE NELL UE La politica dei trasporti La tutela dei viaggiatori Approfondimenti: - Il decalogo UE dei passeggeri - Principali diritti dei passeggeri nell UE libro di testo: F. Cammisa, P. Matrisciano, G. Pietroni DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE della struttura ricettiva - Volume C Accoglienza turistica SCUOLA & AZIENDAPer la Disciplina dei contratti di settore e Viaggiare nell UE si è utilizzato il seguente libro di testo: Caterina De Luca, Maria Teresa Fantozzi DIRITTO E TECNICA AMMINISTRATIVA DELL IMPRESA TURISTICA LIVIANA Firma degli studenti 22 Firma del docente Cristina Martelosio

23 Programma lingua e civiltà Inglese Prof.ssa Tognoli Daniela Classe V sez. A TST Anno Scolastico 2014/15 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA D ESAME DELLA CLASSE V A TST LINGUA E CIVILTA INGLESE Indicazioni metodologiche-didattiche La docente prof. D.Tognoli, già insegnante della classe nei due precedenti anni scolastici, ha inteso continuare un lavoro di approfondimento e potenziamento delle abilità linguistiche dei propri studenti già avviato nei precedenti anni di corso. Nella prima parte dell anno è stato necessario favorire un lavoro di revisione di alcune strutture morfo-sintattiche e di alcuni argomenti ritenuti pre-requisiti essenziali del 5 anno con attività svolte in classe o con esercitazioni assegnate a casa. Gli argomenti e i brani trattati sono stati scelti dal manuale in adozione o dal materiale fornito dall insegnante i cui contenuti sono stati analizzati in classe al fine di potenziare la capacità di decodifica e codifica di un testo in L2. Lo studio di alcuni argomenti ha inoltre agevolato il collegamento interdisciplinare con alcune materie di indirizzo quali accoglienza turistica e alimentazione. Si è molto insistito sul lavoro di analisi, sull ampliamento e l approfondimento delle informazioni esplicite e implicite dei contenuti nella loro globalità e nel dettaglio, utilizzando questionari, la redazione di brevi riassunti e sintetiche relazioni. Una particolare attenzione è stata rivolta al potenziamento della produzione orale che ha implicato un lavoro non sempre agevole a causa di alcune resistenze da parte di studenti che mostravano difficoltà nella memorizzazione ed esposizione dei contenuti appresi. Le verifiche scritte sono state impostate come simulazioni di terza prova e valutate utilizzando una griglia di correzione che teneva conto dei seguenti parametri: 23

24 La corretta impostazione nella trattazione dell argomento proposto La scelta del registro adeguato La pertinenza dei contenuti rispetto alla traccia data e l efficacia comunicativa La padronanza del linguaggio settoriale La correttezza ortografica, grammaticale e lessicale L organizzazione logica del contenuto La scorrevolezza Le verifiche orali, relative al programma svolto, sono state valutate considerando la capacità di comprensione, la pertinenza, la completezza e la rielaborazione dei contenuti appresi nonché la correttezza fonetica, grammaticale lessicale dell esposizione. Al termine del percorso di studi, solo una parte degli studenti è in grado di esporre gli argomenti studiati in un inglese semplice e con un lessico specifico. Gli obiettivi disciplinari risultano raggiunti solo da una parte degli allievi, parzialmente raggiunti per il resto della classe. CONTENUTI DISCIPLINARI Module 1: AROUND ITALY Unit 1: Tourism promotion The seven Ps of marketing (page )* Promoting Italy: destinations, places and offers Tourist organisations in Italy (page 140)* Unit 2: Incoming tourism A long lasting love (page 150)* Visiting Italy (page 151)* Cities of art: Venice (page )* Florence (page )* Rome (page )* Grammar: revision of some forms of the passive voice Place and time prepositions imperative form Connectors Common expressions used to ask about opinions, likes and preferences Vocabulary: terminology and structures to describe sightseeing tours, historical and artistic features of some art cities and to promote Italian destinations. Module 2: EUROPE AND BEYOND Unit 1: Around Europe The wonders of Europe (page 190)* Why visit the U.K. (page )* A brief history of London (page )* Swinging London (page 198)* A tour of London (page )* 24

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Progettazione

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Progettazione LA DIDATTICA PER COMPETENZE: NUOVI STRUMENTI PER L ACQUISIZIONE, LA VALUTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Liceo Artistico "G. Sello" - Udine Anno scolastico 2014/2015 UNITÀ DI APPRENDIMENTO

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: Docente: IV^ D S.I.A. MAA MATEMATICA Prof. Michele PAVEGGIO Situazione di partenza della classe La classe risulta formata da 18 alunni,

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA Pag. 1 di 11 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIPARTIMENTO DI INDIRIZZO RIM SPAGNOLO CLASSE BIENNIO TRIENNIO RIUNIONE DEL 10 settembre 2015 Orario di inizio 9,00 orario di conclusione 11.00 PRESENTI : Prof.ssa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Istituto Professionale - Settore Industriale Indirizzo: Abbigliamento e Moda

Istituto Professionale - Settore Industriale Indirizzo: Abbigliamento e Moda Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel: 035 250547 035 253492 Fax: 035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno LICEO A. MEUCCI - APRILIA (LT) Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno Le linee guida per la programmazione annuale si riferiscono al secondo

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO E DIDATTICA FRANCESE ANNO SCOLASTICO 2007-2008

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE Tel. 0331635718 fax 0331679586 info@isisfacchinetti.it www.isisfacchinetti.it ISIS C. Facchinetti Sede: via Azimonti, 5 21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità UNI EN ISO 9001 : 2008 SCHEDA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014 Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Anno scolastico 2013/2014 CLASSE V SEZ. B INDIRIZZO: TURISTICO APPROVATO IL: 14 MAGGIO 2014 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. STEFANO

Dettagli

COMPETENZE PROFESSIONALI

COMPETENZE PROFESSIONALI Pagina 1 di 13 ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE MASOCH MONICA ECONOMIA AZIENDALE e GEOPOLITICA V C RIM OBBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

ROGRAMMAZIONE ATTIVITA' DIDATTICA A.S. 2014-2015

ROGRAMMAZIONE ATTIVITA' DIDATTICA A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA Via G. D Annunzio, 15-36100 VICENZA Tel. 0444563544 Fax 0444962574 sito web: www.itcfusinieri.eu E-mail: protocollo@itcfusinieri.it -vitd010003@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO "G. ASPRONI E. FERMI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO G. ASPRONI E. FERMI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO "G. ASPRONI E. FERMI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016 Docente: Carla Ada Piu Disciplina: Matematica e Complementi di matematica CLASSE

Dettagli

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 I.P.S.I.A E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA Classe 5C Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 Prof. Rossano Rossi La programmazione è stata sviluppata seguendo le linee guida ministeriali

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. FRUZZETTI

Dettagli

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti 1. Una prima parte descrittiva e informativa costituita dalle seguenti voci Denominazione Il nome dell unità Compito prodotto

Dettagli

Scuola statale Italiana di Madrid Sezione Liceo Scientifico Programmazione curricolare di Matematica Classe IV B Anno scolastico 2015/2016

Scuola statale Italiana di Madrid Sezione Liceo Scientifico Programmazione curricolare di Matematica Classe IV B Anno scolastico 2015/2016 Scuola statale Italiana di Madrid Sezione Liceo Scientifico Programmazione curricolare di Matematica Classe IV B Anno scolastico 2015/2016 Prof. Novaresio Domenico Obiettivi generali trasversali Nel corso

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Asse* LINGUAGGI Materia SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE COORDINATORE/I MAROTTA ROBERTO VINCENZO 1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Da acquisire al

Dettagli

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BRAGAGLIA Via Casale Ricci, s.n.c. 03100 FROSINONE (FR) Tel. 0775-9100

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

Istituto Comprensivo di Carugate Scuola Secondaria di I grado C. Baroni Programmazione: lingua spagnola Anno scolastico 2015/16 CLASSI TERZE

Istituto Comprensivo di Carugate Scuola Secondaria di I grado C. Baroni Programmazione: lingua spagnola Anno scolastico 2015/16 CLASSI TERZE Istituto Comprensivo di Carugate Scuola Secondaria di I grado C. Baroni Programmazione: lingua spagnola Anno scolastico 2015/16 CLASSI TERZE Finalità e senso della disciplina - In affinità con le altre

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 Docente Materia Classe DE CERCE LINA MATEMATICA 5 C I.T.C. 1. Finalità... 2. Obiettivi didattici... 3. Contenuti... 4. Tempi... 5. Metodologia e strumenti...

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e- mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate FONDAZIONE MALAVASI SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: prof. Alessandro Boselli CLASSE IV SEZ. A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere:

Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere: Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa PUPPINI SILVIA Classe 1 C Materia FRANCESE Anno Scolastico 2015/2016 B Obiettivi generali da raggiungere:

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli