RAPPORTO DI VALUTAZIONE INTERMEDIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO DI VALUTAZIONE INTERMEDIA"

Transcript

1 RAPPORTO DI VALUTAZIONE INTERMEDIA SERVIZIO DI VALUTAZIONE INDIPENDENTE INTERMEDIA DEL QCS OB di Vision & Value The London School of Economics and Political Science 30 Dicembre 2003 (prima parte)

2 INDICE SINTESI, PRINCIPALI CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI...5 PREMESSA PARTE I - DEFINIZIONE DEL DISEGNO DI VALUTAZIONE DEL QCS ATTIVITÀ SVOLTE NELLA DEFINIZIONE DEL DISEGNO DI VALUTAZIONE FOCALIZZAZIONE DEL PROGETTO E DELLA PRIMA FASE DELLA VALUTAZIONE LA RICOSTRUZIONE DELLA TEORIA GENERALE DEL QUADRO COMUNITARIO DI SOSTEGNO IPOTESI E METODI PER LA VALUTAZIONE E SCELTA DEI CASI DOMANDE DI VALUTAZIONE E LA STRUTTURA DEL RAPPORTO PIANO DELLE ATTIVITÀ PARTE II LA VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEL QCS LA SITUAZIONE DI PARTENZA IL SISTEMA QCS GLI OBIETTIVI GENERALI E LA STRATEGIA AD ESSI SOTTESA IL SISTEMA DEI PROGRAMMI DI SPESA E DEGLI ASSI COME ELEMENTO OPERATIVO DI ATTUAZIONE DEL QCS LE RELAZIONI TRA QCS E ALTRE POLITICHE GESTITE DA ALTRI SOGGETTI ISTITUZIONALI GLI STRUMENTI GESTIONALI DEL QCS IL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE ISTITUZIONALE Il sistema premiale Il sistema degli standard minimi IL CIRCUITO DI DELIBERAZIONE E CONFRONTO I Comitati di sorveglianza I Gruppi di lavoro I Forum delle parti economiche e sociali IL CIRCUITO DI CONTROLLO, MONITORAGGIO E VALUTAZIONE LE AZIONI DI SISTEMA E DI ASSISTENZA TECNICA...109

3 2.3 GLI EFFETTI SULLE CAPACITÀ ISTITUZIONALI GLI EFFETTI SULLA CAPACITÀ DI GESTIONE DEI PROGRAMMI DI SVILUPPO DELLE AMMINISTRAZIONI TITOLARI GLI EFFETTI SULL ATTIVITÀ ORDINARIA DELLE AMMINISTRAZIONI TITOLARI GLI EFFETTI SULLE ALTRE AMMINISTRAZIONI IL RUOLO DEL QCS NELLO SVILUPPO DELLA RETE DEI CENTRI PER L IMPIEGO IL CONTRIBUTO DEL QCS AL COMPLETAMENTO NELL ATTIVAZIONE DI SPORTELLI UNICI APPROFONDIMENTI SU VARIABILI ESOGENE DI PARTICOLARE CRITICITÀ I RISULTATI ED I LIMITI DEL PARTENARIATO L ACCELERAZIONE DEL DECENTRAMENTO LE AZIONI DI INFORMAZIONE E LE ASPETTATIVE DELLA SOCIETÀ CIVILE GLI EFFETTI DEL QCS SULL AMBIENTE DI RIFERIMENTO L ANALISI PER ASSI ATTRAVERSO GLI INDICATORI DI CONTESTO PRIMI ESITI E VALIDITÀ DEI CANALI DI IMPATTO ANALISI E INTEGRAZIONI ALLE VARIABILI DI ROTTURA PARTE III - GLI EFFETTI DEL QCS PER TEMI E PRIORITÀ TRASVERSALI SERVIZI DI TRASPORTO SERVIZI IDRICI LA PROGRAMMAZIONE INTEGRATA TERRITORIALE SVILUPPO URBANO CONTRIBUTO ALLA STRATEGIA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE CONTRIBUTO ALLO SVILUPPO DELLA SICUREZZA, DELLA LEGALITÀ E DELL EMERSIONE CAPACITÀ DI PROMOZIONE DELLE PARI OPPORTUNITÀ SVILUPPO DELLA INTERNAZIONALIZZAZIONE SVILUPPO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE SVILUPPO RURALE SVILUPPO DELLA RICERCA E DEL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO TURISMO

4 SECONDA PARTE 3.13 RISORSE CULTURALIERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO RISORSE AMBIENTALIERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO PESCA...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 4 REVISIONE DELLA VALUTAZIONE EX ANTEERRORE. IL SEGNALIBR 5 PROSSIMI PASSI ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. * DA VALUTAZIONI TEMATICHE 4

5 SINTESI, PRINCIPALI CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI Lo stadio di avanzamento della nostra riflessione è ancora parziale. I risultati sono il prodotto di una indagine approfondita e le nostre ipotesi sono spunti progettuali che richiedono verifiche (per valutarne la fattibilità amministrativa e di consenso ) da parte dell Amministrazione ed approfondimenti per renderle maggiormente operative. Quali in prima battuta le conclusioni del nostro rapporto? E quali le indicazioni di miglioramento che il valutatore indipendente fornisce all Autorità di Gestione del Quadro Comunitario di Sostegno? Presentiamo di seguito in breve l approccio metodologico (che descriviamo in dettaglio nel prossimo capitolo) e, subito dopo, le prime evidenze che emergono dalle analisi per settori e per assi. Il cuore del rapporto è però nello studio delle capacità istituzionali e del miglioramento dei meccanismi concepiti per facilitarne la crescita. Le risposte alle domande di valutazione corrispondono ai questiti che abbiamo progressivamente identificato nel disegno di valutazione e contengono una sintesi dei riscontri fatti sulla efficacia del processo di attuazione, nonché l identificazione delle aree nelle quali costruire gli interventi correttivi. Le ipotesi di miglioramento sono relative a ciascuna delle specifiche componenti di quello che chiamiamo Sistema QCS e dunque i suggerimenti sono relativi a modifiche dell impianto organizzativo e concettuale che l Autorità di Gestione promuove e sostiene. Alcuni di essi sono attivabili in tempi brevi (e sono finalizzabili alla revisione di metà percorso da completare nei prossimi mesi), altri presentano complessità (regolamentari, di consenso, di ampiezza dei cambiamenti richiesti) che li collocano in tempi medio lunghi (quelli della definizione del prossimo ciclo di programmazione). Approccio metodologico La necessità di fornire risposte in tempi brevi ha orientato il nostro lavoro verso tre scelte metodologiche fondamentali: 1. una forte enfasi sulla ricostruzione della teoria del QCS; tale teoria difficilmente ricavabile sulla base della sola lettura dei documenti di programmazione disegna un processo organizzativo ma anche una serie di ipotesi di concatenazione tra decisioni e fatti che ne conseguono; la valutazione indipendente è nella impostazione concordata con l Amministrazione la verifica della validità della teoria e della previsione che essa fa sulle intensità di tali relazioni tra fasi del processo di attuazione; all effettivo materializzarsi del percorso che il QCS ipotizza, è, del resto, legata la possibilità che il QCS produca il valore aggiunto che dal QCS stesso si attende; 5

6 2. a ciascuna delle ipotesi della teoria del qcs corrispondono una serie di domande sulla efficacia del processo di attuazione; 3. a tali domande il valutatore fa corrispondere una serie di ipotetiche risposte che vengono verificate attraverso analisi specifiche per settore e casi realizzati con l intento di capire cosa stia realmente succedendo a valle del processo di attuazione. Tale approccio ha comportato una notevole interazione tra metodi (e dunque la mobilitazione di un gruppo di lavoro molto interdisciplinare), nonché un rapporto assai intenso tra valutatore e amministrazione (attraverso lo Steering Group). Tale percorso iterativo è, a nostro avviso, l unico possibile rispetto alla complessità della domanda valutativa (più ampia di quella che avremmo affrontato se avessimo dovuto semplicemente misurare l impatto). Tale iterazione - destinata a continuare fino al termine della valutazione - è stato resa possibile dal forte investimento che l amministrazione ha fatto su questo progetto. Prime evidenze dall analisi generale e quella per assi e settori A questo stadio di avanzamento del QCS, più che gli effetti di tipo economico e sociale (generali e per settore di intervento) sono rilevanti gli effetti sulle capacità istituzionali. La risposta puntuale alle domande valutative per settore è, dunque, da perfezionare nella seconda parte del progetto ed, in effetti, molte delle analisi per settore sono, ad oggi, finalizzate a capire in che misura, nelle diverse aree dell amministrazione, l avanzamento organizzativo ed istituzionale sta procedendo. I risultati sull ambiente esterno sono segnali rilevanti ma non definitivi. Al momento ci sembra opportuno segnalare che: 1. in termini generali gli obiettivi che complessivamente il QCS si poneva in termini di forte crescita (superiore alla media europea) a partire dalla seconda parte del ciclo di programmazione, appaiono essere ancora conseguibili; esiste, tuttavia, un ritardo dovuto principalmente al peggioramento della congiuntura internazionale, ma anche al più lento avvio - rispetto alle ipotesi iniziali - delle politiche del QCS, dovuto sia ad un più graduale profilo temporale della spesa pubblica in conto capitale nel Mezzogiorno, sia alla mancanza di forti segnali nelle dinamiche degli indicatori collegati alle necessarie discontinuità nelle aspettative e nei comportamenti dei mercati e degli operatori (variabili di rottura). Le simulazioni compiute mostrano che il recupero è possibile, ma richiede una piena e convincente realizzazione delle politiche previste nella seconda fase del ciclo di programmazione. (vedi capitolo sulla revisione della valutazione ex ante ); il tasso di occupazione appare, invece, ancora molto lontano sia dai traguardi fissati per il 2005 dal Piano Nazionale per l Occupazione (58,5%) sia da quelli della Strategia Europea dell Occupazione per il 2010 (70%) e tale preoccupazione diventa ancora magiore se si osserva l andamento dell occupazione femminile; 2. il ritardo nella produzione delle discontinuità appare confermato come abbiamo accennato - dalle variabili di rottura il cui miglioramento dovrebbe anticipare (nella logica del QCS) l espansione economica che gli obiettivi generali descrivono; un esame delle variabili di rottura disegna un panorama con alcuni segnali di miglioramento (esportazioni, attrazione di consumi turistici, attrazione di investimenti esteri) ed altri di peggioramento (specializzazione in settori in 6

7 espansione, differenziale nei tassi sugli impieghi); i miglioramenti sono, però, quasi sempre dovuti ad una dinamica positiva che riguarda l intero Paese e non corrispondono a riduzioni del gap nei confronti del Centro Nord (con l eccezione della propensione all intensità di accumulazione di capitale, laddove l Obiettivo 1 mostra prestazioni migliori del Centro Nord), mentre i peggioramenti sono, in parte, spiegati da qualche difetto nella costruzione dell indicatore (ad esempio nel caso della criminalità); in generale, non si legge, comunque, nei parametri di rottura né una ulteriore crisi ma neppure la discontinuità che il QCS deve conseguire; 3. la maggioranza degli indicatori che misurano l evoluzione dei fenomeni che il QCS considera rilevanti, confermano che non esiste un Mezzogiorno inteso come area omogenea; le disaggregazioni per regioni e province dicono che le differenze tra aree sono sensibili sia in termini assoluti che in termini di evoluzione nel tempo di alcune variabili 1 ; non tutte le aree sono in ritardo (almeno non rispetto alle medie nazionali) ed alcuni relativi peggioramenti delle Regioni obiettivo 1 appaiono statisticamente spiegati solo da alcune di esse 2. A queste che sono indicazioni complessive, si aggiungono delle prime evidenze sul funzionamento del QCS per assi 1. La valutazione tematica sull ambiente evidenzia che l organizzazione prevista dal QCS per gli interventi ambientali appare adeguata (pertinente e rilevante) a livello regionale, mentre a livello nazionale le molte e sostanziali differenze tra programmi - e tra amministrazioni consiglierebbero assetti variabili, da applicare caso per caso e probabilmente fase per fase (del programma). I POCS, al momento non costituiscono condizione né necessaria né sufficiente per un ottimale cooperazione tra AdG ed AA: POCS articolati bene ma non applicati o applicati male supportano meno l integrazione operativa delle AA e delle TF rispetto a POCS più schematici, tuttavia integrati nei fatti da attività non previste e formalizzate nel documento. 1 Ad esempio, l indice di specializzazione che indica un vantaggio della Campania e della Basilicata rispetto alle medie nazionali o, in maniera ancora più clamorosa, l indice di criminalità che, addirittura, indica che, praticamente, una sola Regione (la Campania) spiega buona parte dello svantaggio del Mezzogiorno nel suo complesso e quasi tutto il peggioramento della variabile negli ultimi due anni. Analoghi messaggi possono, del resto, arrivare dalla disaggregazione su base provinciale della variabile obiettivo generale: alcune province (Sassari, Siracusa) registrano, infatti, da tempo un prodotto interno per lordo per abitante superiore alla soglia (settanta cinque per cento) al di sotto della quale le Regioni si qualificano come Obiettivo 1. 2 La differenziazione del Mezzogiorno in termini di fenomeni reali che si sviluppano è, tuttavia, contraddetta da una percezione del Mezzogiorno come area con tratti economico sociali comuni che continua a prevalere fuori dalle Regioni Obiettivo 1. Tale percezione è in parte illusoria, ed ha, tuttavia, effetti reali nell approccio al Mezzogiorno di una quota rilevante dei grandi gruppi finanziari ed industriali (lo dimostra come sia, nonostante le differenze, omogenea la penalizzazione delle diverse aree del Sud in termini di differenziale sui tassi per gli impieghi tra Obiettivo 1 e Centro Nord). Una ipotesi che il valutatore trova interessante sviluppare è capire se un effetto indesiderato del QCS possa essere stato quello di aver ostacolato l emersione di questa diversificazione nelle percezioni esterne, nonchè lo sviluppo di politiche pubbliche e private che superassero il concetto probabilmente obsoleto di mezzogiorno. 7

8 La collaborazione tra AdG e AA in generale si è mostrata importante in tre momenti cruciali: la predisposizione dei bandi, l identificazione di batterie di indicatori ambientali, la progettazione e selezione dei PIT (in ambito POR). Sia pure con visibili differenze nei diversi PO, si può affermare che complessivamente il valore aggiunto dell AA in tali momenti è stato consistente. Il sistema degli indicatori non sembra rispondere efficacemente alle necessità di conoscenza degli effetti delle realizzazioni dei PO sul contesto ambientale. Gli indicatori ambientali previsti nei CdP rappresentano, rispetto a quelli indicati nelle VEA, un minimo comune limitato al soddisfacimento delle prescrizioni comunitarie sul Programma. Tutti gli aspetti delle interazioni tra attori della governance ambientale si riferiscono ad un livello di operatività tecnico, sia pure ad alto livello nella gerarchia amministrativa. Nulla però, all interno di qualsivoglia insieme di prescrizioni del QCS, può sostituire la presenza di un commitment a livello decisionale. Questi messaggi sulla questione delle capacità istituzionali che provengono dal settore sono coerenti e funzionali allo sviluppo delle indicazioni complessive sulla organizzazione del QCS. Le ipotesi di miglioramento specifiche per la priorità sono contenute nella valutazione tematica presentata nella terza parte del rapporto. 2. L analisi valutativa sulle risorse culturali ha preso in considerazione il modo con cui ogni Regione ha proceduto nell attuazione del proprio CdP, approfondendo anche gli aspetti gestionali attraverso alcuni casi di studio, scelti tra i diversi progetti integrati. E stato possibile, in questo modo, identificare taluni modelli ricorrenti sotto il profilo procedurale, territoriale, socio-economico e gestionale. Lo sforzo di modellizzazione dei dati finanziari per singoli progetti, ha fatto emergere come principale criticità, e quindi come nodo centrale dell analisi, il rapporto tra PIS progettazione integrata settoriale (intesa come integrazione a livello regionale di interventi settoriali sul patrimonio culturale) e PIT progettazione integrata territoriale (intesa come integrazione a livello locale di interventi intersettoriali). Rispetto a questa questione emergono approcci differenziati, tuttavia il modello prevalente e pressoché esclusivo è basato sullo sviluppo turistico-culturaleambientale, con scarsa attenzione salvo alcune eccezioni agli altri comparti della filiera legata alla valorizzazione dei beni culturali (editoria, restauro, oggettistica, eventi, istruzione e formazione, ambiente culturale). Per quanto riguarda gli impatti istituzionali, si riscontrano effetti differenziati a livello regionale centrale (prevalente l interesse verso il controllo delle procedure attuative e soprattutto della spesa) e a livello locale (prevalente l interesse verso la ricerca di nuove forme di gestione del territorio e del partenariato economico, sociale e istituzionale). Il Ministero Beni ed Attività Culturali, attraverso lo strumento dell Accordo Programma Quadro (rilevante anche sotto il profilo finanziario) non sempre si è inserito o gli è stato consentito di inserirsi efficacemente in questa dialettica. Importante, a questo punto, sarà perciò il contributo che potrà essere dato attraverso il PON ATAS. All interno della problematica istituzionale, l aspetto gestione degli interventi a regime suscita attenzioni rilevanti, forse eccessivamente enfatizzate. L impressione, in questa fase intermedia del ciclo, è che le teorizzazioni ed i modelli proposti siano 8

9 meno interessanti di alcune esperienze emergenti dalle indagini di campo, sulle quali andrebbe approfondita l osservazione e l analisi. 3. L attuazione delle misure del QCS che maggiormente dovrebbero contribuire al conseguimento degli obiettivi della strategia europea per l occupazione fa emergere che le amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno non hanno ancora del tutto colmato un ritardo in termini di ridefinizione delle proprie politiche della formazione e delle politiche attive sul funzionamento del mercato del lavoro. Tale ritardo (che comunque non è generalizzato a tutte le amministrazioni e tutte le misure) si riflette anche in una complessiva carenza (relativamente all importanza degli interventi in questione) degli strumenti di monitoraggio e valutazione decentrati. Ciò affatica il governo degli interventi dell Asse III e più in generale del FSE. La revisione recente della stessa strategia europea per l occupazione, del resto, se da un lato avvicina tale strategia a quella (distinta) che è finalizzata alla coesione, dall altro suggerisce un ripensamento dell impianto programmatorio rispetto al contributo che il QCS può fornire alla SEO; in particolar modo, se politica di coesione e strategia europea per l occupazione vengono riconosciuti come politiche distinte anche se correlate, bisogna, ai fini del prossimo ciclo, considerare probabilmente la necessità di dedicare in maniera ancora più finalizzata una specifica unità programmatoria del QCS ed un sistema di governo specifico agli interventi finalizzati agli obiettivi della SEO. La riflessione sulla ricerca mostra, a questo stadio di approfondimento, differenze molto forti tra amministrazioni in termini di capacità di attivare collegamenti con il mondo della innovazione tecnologica, coinvolgere le imprese, concepire e realizzare programmi di spesa impegnativi. Non è ancora chiaro in che misura nell ambito della ricerca le amministrazioni facciano scelta di settori e stadi di sviluppo della ricerca, se tali eventuali scelte siano giustificate dalla domanda interna o internazionale, se il QCS incoraggi non solo investimenti ma la promozione di quella cultura dell innovazione che è fondamentale per sostenere economie che decidano di puntare sull innovazione. 4. La programmazione integrata territoriale fa emergere (l analisi è ancora da sistematizzare) una significativa diversificazione di esperienze. A buoni programmi 3 non corrispondono necessariamente progettazioni di elevata qualità e viceversa progetti interessanti sembrano essere compatibili con programmazioni affrettate. In alcuni casi le esperienze appaiono innovative ed in grado di superare anche alcuni dei limiti implementativi della programmazione territoriale tipica del periodo precedente all attuale ciclo; spesso, si nota, tuttavia, ad un livello sub regionale una carenza di capacità istituzionali e manageriali e di autonomia finanziaria degli organismi chiamati a gestire questi programmi. I PIT riescono, in definitiva, ad esprimere anche eccellenze e tuttavia l intero processo di programmazione territoriale e di crescita delle capacità non appare presidiato da processi di sviluppo sufficientemente strutturati. 9

10 Per ciò che concerne gli interventi sul turismo (rilevanti vista la priorità assegnata dal QCS e da una qualsiasi analisi del potenziale di diverse aree Obiettivo 1) sembrano scontare un ritardo in termini di sviluppo di strumenti di intelligenza (analisi della clientela propria e di quella potenziale, dei concorrenti e del proprio posizionamento relativo) e di comunicazione della propria offerta. Una riflessione ulteriore andrebbe sviluppata sul rapporto (spesso un po confuso) tra turismo e risorse culturali, nonché sulla efficacia della scelta di non aver dedicato al turismo un asse specifico della programmazione. Gli interventi sullo sviluppo rurale dimostrano che raramente le Regioni sviluppano una strategia che attiva tutte le misure, tutte le leve previste dal QCS per intervenire nel settore. Raramente la crescita delle aree rurali evidenzia un approccio di tipo strategico e lo stesso succede per ciò che concerne la valorizzazione delle filiere. 5. L analisi dell Asse Cinque ha compiuto una prima verifica del se e fino a che punto ci sia stata l attivazione di strategie di sviluppo differenziate a livello regionale e subregionale per rispondere alle diverse potenzialità territoriali, in particolare delle grandi città quali snodi da cui passano le innovazioni istituzionali e socioeconomiche. Si sono scelti i casi di best practices di Napoli e Catania che profilano due strategie diverse di innesco di sviluppo, rispettivamente basate sulla continuità di leadership politica locale coinvolta in prima persona e sullo sviluppo del partenariato con università e settori di servizi avanzati. In entrambi i casi si è osservata la traduzione della strategia di rottura del QCS in progetti integrati, di cui uno a valenza sub-comunale (Napoli) e l altro sovra-comunale (Catania). 6. L Asse sei raccoglie alcune delle politiche più innovative (società informazione, internazionalizzazione, sicurezza) e, peraltro, produce innovazione anche nelle politiche dei trasporti (con una enfasi al riequilibrio modale ma, soprattutto, una attenzione molto più forte allo sviluppo di una strategia complessiva). Tali innovazioni appaiono tutte aver prodotto risultati rilevanti di crescita di capacità istituzionali (al ministero innovazione e tecnologie, al ministero esteri e quello delle attività produttive, al ministero dell interno e quello dei trasporti, presso le diverse amministrazioni regionali) e di primi esiti (rilevanti le prestazioni registrate da quelli dedicati all avanzamento delle pratiche di governo elettronico, ma anche il riequilibrio modale va nella direzione auspicata dal programmatore, mentre importanti sembrano essere le prestazioni in termini di propensione all esportazione e capacità di attrazione di investimenti esteri che le politiche di internazionalizzazione hanno assecondato). Tuttavia quasi dappertutto questi percorsi virtuosi appaiono da consolidare, difendere, sviluppare ulteriormente nella seconda metà del ciclo di programmazione. Le risposte alle domande di valutazione Sulla base del lavoro di valutazione complessivo (sull andamento di alcuni indicatori particolarmente rilevanti), di quello per assi (che è, come abbiamo detto, 10

11 ancora incompleto), nonché sulla base dei riscontri dei casi e dell analisi dei meccanismi gestionali, possiamo, dunque, sintetizzare i principali risultati del progetto che corrispondono ad altrettante risposte per ciascuna delle domande valutative che precisiamo nella parte metodologica. A ciascuna risposta è collegata una prima identificazione di riflessioni strategiche per il futuro che specifichiamo nel paragrafo successivo sulle ipotesi di miglioramento. Emergono dunque nove risposte principali ai quesiti (nel capitolo sulla metodologia essi sono esplicitati) che la valutazione intermedia ha posto: 1. Il QCS dopo il grande sforzo iniziale sembra aver in parte esaurito la propria capacità di rapportarsi ai territori. O per meglio dire tale capacità si esaurisce laddove la concertazione iniziale non è diventata metodo ordinario di assunzione di decisioni. La perdita di apertura può ridurre (nella prossima fase di riprogramazione) la capacità di differenziarsi per area (regioni diverse ma anche diversi territori sub regionali) e di adattarsi in maniera sufficientemente veloce ad una modifica delle situazioni di riferimento (intendendo per esse sia quelle amministrative istituzionali che economico sociali). In realtà, lo sforzo fatto all inizio del ciclo non può essere ripetuto. Naturalmente il QCS (le amministrazioni) si concentrano sulle proprie scadenze e ciò può avere come conseguenza quella di ridurre progressivamente lo spazio per la innovazione a favore dell adempimento. Se inizialmente il QCS ha investito in un momento che oltre che di identificazione di progettualità, è stato di crescita culturale, nella seconda metà è necessario che il confronto tra amministrazioni titolari e soggetti portatori di interessi sia sulla base della ricerca della massima efficienza possibile. L atteggiamento delle amministrazioni può, a nostro avviso, diventare più positivo se chi si propone dall esterno riesce a proporre soluzioni e ad apportare valore aggiunto. In realtà l analisi del territorio (comunque più diffusa e radicata di quanto non lo fosse nella passata programmazione) continua ad essere pienamente efficace laddove essa diventa metodo ordinario e nel merito delle questioni (in alcuni contesti ad esempio il caso sulla Società dell Informazione in Basilicata, ciò è avvenuto). Per riuscire a riportare il QCS verso il territorio è, a nostro avviso, importante rivedere l ingegneria degli strumenti specifici che sono deputati al collegamento tra Amministrazioni e parti (non solo quelle economico sociali) ed a questo tema sono dedicati gli approfondimenti sui Comitati di Sorveglianza, i Forum, i Gruppo di Lavoro. 2. Il Quadro Comunitario di Sostegno si presenta come un atto di programmazione il cui livello di complessità (organizzativa e concettuale) e di ambizione è particolarmente elevato. Tale complessità produce, tuttavia, un problema informativo che si riflette sia sulla chiarezza degli obiettivi che sul funzionamento dei suoi meccanismi attuativi. La griglia degli obiettivi articolati in indicatori posti a diverso livello non chiarisce sempre il collegamento tra di essi e quello delle unità programmatorie (programmi, assi, misure, azioni). Ciò può disperdere la capacità dell impianto strategico di responsabilizzare amministrazioni, responsabili di misure su specifici traguardi. 11

12 Inoltre alcune delle scelte strategiche fondamentali (ad esempio quella del canale di impatto incentrato sulle variabili di rottura) sono, anche per la complessità concettuale, scarsamente conosciute. Quello che era un messaggio politico (e dunque una leva di cambiamento della cultura della programmazione) tradotto in una teoria di funzionamento del sistema, rischia di diventare una scelta puramente tecnica ridimensionata rispetto alle previsioni iniziali. Le ipotesi di miglioramento sono, nel medio periodo, di reimpostare il sistema in maniera che l articolazione di tutti gli obiettivi (da ridurre) e quella delle unità programmatorie siano maggiormente riconducibili tra di loro. La nostra ipotesi è di cominciare ad utilizzare la seconda metà del ciclo di programmazione per sperimentare sistemi in grado di responsabilizzare amministrazioni e dirigenti su risultati di esito o di impatto. Bisogna inoltre completare il percorso di razionalizzazione del circuito di monitoraggio e valutazione. Al problema del monitoraggio dedichiamo l avvio di un approfondimento che sottolinea quanto in realtà sia determinante rispetto alla questione tecnologica quella del consenso della rete di soggetti che alimentano e vengono informati dal sistema. 3. Stanno aumentando le capacità istituzionali (in maniera differenziata per Regioni e con una forte differenza tra livello regionale e quello locale), ed il QCS sta contribuendo in maniera significativa a questo risultato. Rilevante a questo proposito,oltreché gli esiti positivi connessi ai sistemi premiali (vedi oltre), i primi esiti che arrivano dai casi di Sviluppo Locale e Turismo. Gli Enti Locali, pur se dotati spesso di volontà e dinamismo particolare, dimostrano di fare scelte meno focalizzate, meno capaci di fornire valore aggiunto. La gabbia di regole, sanzioni che ha costretto le Amministrazioni Regionali ad adottare strategie (Ricerca, Trasporti, Società Informazione) e atti di programmazione complessi (in materia ambientale, ad es.) ha prodotto risultati (che vanno aldilà dl QCS) che senza il Quadro non si sarebbero probabilmente prodotti. A questo proposito il valutatore ritiene che urgente sia la necessità di capire se e come sistemi di incentivazione istituzionale, di regole possa essere replicato tra Regioni ed Enti Locali (peraltro alcune Regioni stanno già sperimentando meccanismi di questo genere). Stessa cosa è dimostrata dal fatto che, in alcuni casi (Scuola, alcune Regioni) gli uffici incaricati di gestire il QCS siano più avanti ed anzi stiano trainando gli altri nell attuazione delle riforme. Tuttavia questo fatto che il QCS è più avanti è contemporaneamente una dimostrazione di forza ed un elemento di debolezza. 4. L integrazione tra amministrazioni si sta diffondendo: i risultati però sono più nella direzione di evitare sovrapposizioni (ad esempio tra MAP e Ricerca) che in quella di trovare sinergie (che appaiono scarse anche tra risorse culturali e turismo). Rilevante ci pare la questione del rafforzamento del governo degli effetti del QCS rispetto agli obiettivi della Strategia Europea per l Occupazione che richiede di proseguire nell integrazione di messaggio e di orientamento strategico tra le 12

13 amministrazioni di coordinamento e amministrazioni responsabili del FSE ai diversi livelli. Ciò che manca ancora di più è la concentrazione. Tranne alcuni casi (Ricerca che si muove nell ambito di un Piano Nazionale o Trasporti che è responsabile di Grandi Progetti) non si riscontrano scelte specifiche. Il problema si pone in senso diverso se l obiettivo della concentrazione è quello di beneficiare chi ne ha veramente bisogno (ponendosi un problema di equità) rispetto a quello di individuare come generare sviluppo in maniera più veloce (problema di efficienza). Nel primo caso la soluzione del problema potrebbe trovarsi a livello micro (bandi, criteri di ammissione è la questione centrale nel caso dello sviluppo rurale ); nel secondo ha a che fare con un livello strategico che è dopo l enunciazione degli obiettivi politici, prima della attuazione e che però è ancora largamente assente (presuppone in molti casi analisi competitive su scala internazionale, valutazione di alternative). 6. In alcuni contesti è confermata la nostra ipotesi iniziale è, cioè, che non solo non ci sono ancora impatti (come era lecito aspettarsi). A volte, tuttavia, non si è neppure innescato quel meccanismo di modifiche dei comportamenti dei primi beneficiari, miglioramento delle aspettative che prelude ad una vera crescita. In altri ambienti, invece, i primi esiti sembrano essere stati anticipati rispetto alle previsioni. Il confronto nel caso Città che presentiamo definisce quali sono gli aspetti che fanno la differenza. Per il QCS, a nostro avviso, può derivarne una conferma di quella che era una sua intuizione iniziale: in realtà sarebbe concettualmente sbagliato immaginare che gli effetti sul territorio camminano nell ambiente target ormai senza più nessun controllo / governo da parte dell amministrazione. Il canale di impatto deve essere invece presidiato, gli esiti vanno anticipati attraverso la comunicazione, monitorati senza limitarsi a vedere la variazione delle grandezze economiche ma le reazioni delle persone nei segmenti target (imprenditori, donne, giovani), cercando di sentire attraverso una strumentazione sofisticata se le rotture stanno per arrivare, in quali contesti, sotto quali condizioni organizzative. 7. Il partenariato risulta rispetto all inizio del periodo di programmazione indebolito. Ma per tale essenziale componente del QCS vale quello che abbiamo detto in precedenza. L attuazione del Quadro può essere una sfida ma anche una opportunità notevole: in fin dei conti il problema del QCS è lo stesso che ha il partenariato: riuscire a raggiungere potenzialmente tutti i cittadini. Una analisi specifica ha approfondito questa questione ed ha identificato anche le linee attraverso le quali rilanciare il partenariato in sede di attuazione del Quadro: specializzare per temi una parte degli incontri ed una parte delle partecipazioni e dei contributi, definire strumenti che strutturino le domande da parte delle amministrazioni e l offerta del punto di vista che le parti sociali ed economiche offrono. 8. Il decentramento che condiziona la capacità dell amministrazione centrale (e dello stesso Ministero dell Economia) di orientare comportamenti e scelte risulta rispetto al 1999 accelerato (la riforma del Titolo V) ma anche più 13

14 contraddittorio (il trasferimento di conoscenze e risorse non procede con lo stesso passo dell attribuzione delle responsabilità) e dinamico (il principio di sussidiarietà comporta una flessibilità praticamente continua nella distribuzione dei poteri). Il QCS e le relazioni tra amministrazioni di livello diverso, soprattutto in quel PO laboratorio che è il PON ATAS, costituisce la palestra più avanzata di questo decentramento a geometria variabile. Del PON ATAS, peraltro, va valorizzata l innovazione e resa più flessibile la modalità di incontro tra domanda ed offerta di assistenza tecnica. La geometria variabile che, nella pratica quotidiana, sempre di più caratterizza l esercizio della allocazione di una determinata responsabilità (o programma di spesa) ad un dato livello istituzionale rappresenta, in effetti, una sfida che comporta un ripensamento della logica stessa della programmazione, della lunghezza dei suoi cicli, dei meccanismi di revisione delle architetture istituzionali che a ciascun periodo corrispondono. Ulteriore elemento di riflessione operativa è quello sulle modalità attraverso le quali competenze, informazioni si travasano tra amministrazioni a diverso livello: la scelta è spesso tra la formulazione di linee guida (orientamenti, regole, determinazione di standard) e l affiancamento. La seconda opzione (se finalizzata ad un determinato obiettivo) è più efficace ma comporta costi superiori. L esperienza del QCS sembra dimostrare che è spesso una combinazione delle due leve (ad esempio nel settore ambientale, ma anche in quello della crescita delle capacità di valutazione) a produrre i risultati migliori. Infine, molto meno avanzato è il quadro dei rapporti tra Regioni ed Enti Locali (come dimostrerebbe il caso da noi raccolto nelle risorse idriche ) e la capacità del QCS di influenzarli per come è attualmente strutturato. 8. La Politica sta facendo una differenza rilevante in termini sia di effetti del QCS sul territorio che di effetti sulle capacità istituzionali. L atteggiamento della Politica appare la variabile più fortemente differenziata nei diversi contesti regionali ed è essa quella che spiega gran parte delle differenze di prestazioni. Il risultato è che un coinvolgimento più forte, più continuo e più trasparente migliori la resa. Tali dimensioni sono nella nostra risultati dipendenti dalla forza del singolo governatore e della sua giunta, dalla sua competenza/ conoscenza delle possibilità che il QCS offre. A livello di Amministrazioni Centrali ci aspettiamo un coinvolgimento minore ma comunque dipendente dalla dimensione del PO rispetto al volume di spesa per investimenti discrezionali che quel Ministero ha a disposizione. Tuttavia, lo studio (in particolare alcuni dei casi e delle analisi per settore) dimostrerebbe che in realtà la Politica non è, del tutto variabile esogena: una buona amministrazione può e deve produrre il coinvolgimento della Politica ed, al contrario, un intervento corretto della Politica facilita e porta a compimento percorsi di crescita della amministrazione. 9. L ultimo riscontro appare collegato al primo risultato: il QCS sconta, in diversi programmi e sue manifestazioni, una sua sostanziale solitudine e l auto referenzialità della sua classe dirigente. 14

15 Il QCS appare solo anzi lo è di più rispetto al 1999 nei confronti del resto della PA (ciò riduce la sua efficacia come strumento di attivazione di cambiamento organizzativo), della Politica, delle parti sociali ed economiche, e soprattutto della Società Civile. Nonostante il miglioramento generalizzato di capacità e plausibilmente di risultati, la Società civile appare oggi meno sensibile: ad esempio, sui PIT sembra che sia mobilitata meno aspettativa ed impegno di quanto non lo sia stato sulle altre esperienze di sviluppo locale (Patti Territoriali, ad esempio) della passata programmazione. Tentativi peraltro coraggiosi di suscitare aspettative (come quello della diffusione della cultura della legalità in aree ad alto tasso di criminalità) scontano alcune difficoltà. Il QCS ha, a nostro avviso, bisogno di riuscire, tra le altre cose, a considerare come seria, importante la sfida del consenso. Ha bisogno di dialogare con chi è più esterno, di raggiungere i propri utenti accorciando i canali di impatto (come fa per vocazione del Ministero nel PON Scuola) e raggiungere più velocemente i destinatari. Ha bisogno, inoltre, di una vera e propria azione di marketing di sé stesso che gli strumenti di informazione e pubblicità riescano solo parzialmente a soddisfare. Le risposte alle domande di valutazione sono quindi il presupposto per la identificazione di specifici interventi sulla struttura del QCS. Ipotesi di intervento Le ipotesi di intervento sono, come abbiamo detto più volte, a livello del QCS e,dunque, nostro interlocutore principale è l AdG del QCS. Tuttavia, poiché il Disegno di Valutazione prevede anche la fornitura di indicazioni che possono essere utili nella negoziazione del prossimo ciclo di programmazione, alcune osservazioni si spingono anche a livello di impianto regolamentare complessivo. Su questo secondo aspetto l interlocutore è anche la Commissione Europea. Infine, dal nostro lavoro ed in particolare dall analisi delle politiche trasversali emergono indicazioni che potremmo sviluppare anche in funzione delle riflessioni che le singole AdG dei PO stanno facendo. Strategia. L elemento della discontinuità delle caratteristiche di contesto come scelta fondamentale si conferma come decisione di grande importanza e grande attualità. Tuttavia, lo abbiamo già detto, tale strategia và probabilmente resa più chiara e meglio conosciuta, in grado di cambiare in maniera pervasiva la cultura della programmazione e dell attuazione a tutti i livelli. In questo senso, la strategia può essere migliorata chiarendo la sua architettura logica. Nel medio lungo periodo, come si diceva, le variabili di rottura del QCS, il cui scopo è quello di evidenziare il processo di cambiamento durante l attivazione del programma, possono essere migliorate. In particolare si sottolinea l esigenza di: a) una maggiore specificazione e disaggregazione delle variabili di rottura già esistenti; b) una ricostruzione di serie temporali più lunghe per le singole variabili; 15

16 c) una maggiore disaggregazione territoriale, possibilmente a livello provinciale; d) un maggiore raccordo con gli indicatori di contesto dei principali assi del QCS; e) un collegamento più chiaro con gli obiettivi generali. Le variabili di rottura, verrebbero, dunque, confermate e rafforzate come snodo del processo di programmazione e tuttavia verrebbero valorizzate come elemento in grado di responsabilizzare l amministrazione ed ancora di più la politica. Si può inoltre immaginare una negoziazione di traguardi su ciascuna variabile ed azioni comunicative mirate che comunichino ai cittadini (o a specifici segmenti) le previsioni che ciascuna amministrazione pensa di poter conseguire. Un ulteriore semplificazione e razionalizzazione può essere anche ipotizzata all interno degli assi tra obiettivi di diverso livello e diverse misure. Il breve termine, la seconda parte del ciclo di programmazione dovrebbe essere, a nostro avviso, utilizzata per cominciare a fare sperimentazioni di meccanismi di responsabilizzazione su outcomes. Una ipotesi è dedicare una premialità anche piccola al raggiungimento di dati traguardi sulle variabili di rottura. Collegamento con altre politiche pubbliche. Le integrazioni con le strategie di internazionalizzazione e con le politiche sul mercato del lavoro sono state analizzate in analisi specifiche nella parte III. Quelle con le riforme della amministrazione pubblica sono in effetti distribuite in diverse parti del rapporto. In generale la sensazione è che il QCS non venga utilizzato abbastanza per il valore che potrebbe fornire: poter essere un laboratorio di modelli e soluzioni che naturalmente si diversificano e forniscono prestazioni distinte. L ipotesi preliminare è di utilizzare l esperienza del QCS come strumento di supporto alle decisioni per chi governa politiche più ampie. Questa dimensione è, per la verità, già valorizzata da una serie di raccolte di analisi e casi studio che strutture come Formez realizzano. Il sistema dei PO e degli assi, e la scelta allocativa tra di essi. Va certamente confermata la scelta di regionalizzare i programmi operativi. Le Regioni investono tendenzialmente di più (in termini politici, di cambiamento) nella programmazione comunitaria e sono certamente maggiormente in grado di percepire le differenze tra territori. Per ciò che concerne i PON bisognerà evidentemente rivedere la fattibilità alla luce delle evoluzioni istituzionali ancora in corso. In teoria, una struttura come il PON ATAS, rafforzata come abbiamo accennato, potrebbe costringere maggiormente le amministrazioni centrali a considerare il rapporto con le Regioni come propria missione istituzionale centrale e offrire maggiore margini di flessibilità nella programmazione. In generale, in un quadro che è sempre di più di geometria variabile nella allocazione di responsabilità a diversi livelli istituzionali, bisognerà verificare (nel tempo e probabilmente con scadenze più ravvicinate di quelle della programmazione su sette anni) a quale amministrazione conviene distribuire date competenze e, nel caso, di quelle allocate ad amministrazioni centrali bisognerà verificare dove effettivamente non solo il disegno istituzionale (che peraltro introduce elementi di flessibilità) ma l economia di scala (grandi progetti, necessità di leggere o rapportarsi a contesti internazionali) suggerisce l intervento della programmazione nazionale. 16

17 Anche sulla struttura per Assi, ai fini del prossimo ciclo di programmazione andrà fatta, come emerge dalle analisi per settori che stiamo conducendo, una serie di riflessioni: non è del tutto ovvia la scelta di tenere sicurezza, internazionalizzazione, trasporti e società dell informazione nello stesso asse; non è da escludere la riproposizione di un asse dedicato al turismo. In generale, tuttavia, due ipotesi vanno a nostro avviso verificate: a) la possibilità per le Regioni di scegliere una propria struttura all interno di una lista pre definita di assi (alcuni dei quali rimarrebbero, comunque, comuni ) obbligatori per tutti ed altri da scegliere tra una serie limitata di possibili opzioni; una simile ipotesi potrebbe in futuro incoraggiare la scelta tra priorità diverse ma anche perché oggettivamente non tutte le Regioni sembrano aver bisogno di intervenire su tutte le priorità; b) ma soprattutto bisogna garantire che a ciascuna unità programmatoria corrisponda una più cogente conseguenza in termini di presenza di un sistema di valutazione e governo (questa esigenza appare particolarmente forte per l asse dedicato allo sviluppo della infrastruttura di politica attiva sul mercato del lavoro e per quello finalizzato allo sviluppo locale peraltro su entrambe queste urgenze ci appare possibile un potenziamento anche nel breve termine delle funzioni e delle possibilità dei gruppi di lavoro dedicati al presidio di queste questioni ed un più forte coordinamento dei momenti valutativi che già esistono). Il sistema di incentivazione istituzionale. Esso articolato in premi e sanzioni ha ottenuto risultati importanti descritti nelle sezioni specifiche. Attraverso queste regole sono stati ottenuti avanzamenti istituzionali significativi e persino risultati che sono andai aldilà dell ambito della programmazione comunitaria. Soprattutto, i premi hanno dimostrato di poter creare una comunità di amministrazioni che accetta di essere misurata, di scambiarsi esperienze, persino, di fare massa critica per chiedere l applicazione di certe innovazioni. Per quest ultima ragione noi consigliamo già nel breve di continuare l investimento nei meccanismi premiali: essi dimostrano di stimolare un comportamento nelle amministrazioni che è più di apprendimento che di adattamento (come nella terminologia utilizzata dal framework generale sulle relazioni tra capacità istituzionali e effetti presentata nella metodologia). Tuttavia, i meccanismi vanno rivisti approfondendo le opzioni discusse nel paragrafo specifico. In generale, già nella seconda metà del ciclo si dovrebbe: a. fare sperimentazione di premi collegati a outcomes; b. costruire algoritmi premiali in grado di valutare la qualità dei progetti (per classi omogenee); c. negoziare con le singole amministrazioni consentendo una certa quota di differenziazione negli indicatori obiettivi scelti e nei traguardi da raggiungere; d. favorire l estensione dei meccanismi premiali ad altri soggetti rilevanti (comunità di Enti Locali, PIT,..). Nel prossimo ciclo di programmazione bisognerebbe sviluppare una riforma più organica e valorizzazione del sistema e, dunque: 17

18 a. graduare le sanzioni previste rispetto al non ottenimento di determinati standard minimi (attualmente la minaccia di una non ammissibilità dell intera spesa corre il rischio di essere punizione eccessiva per essere effettivamente applicata); b. definire il meccanismo delle premialità in maniera da distinguerlo in maniera più netta da quella degli standard minimi fissando obiettivi corrispondenti realmente a valori di eccellenza; c. completare il sistema con parametri agganciati alle prestazioni di risultato; d. migliorare gli indicatori di avanzamento organizzativo in maniera da poterli utilizzare anche come sistema di controllo; e. rendere continuo il monitoraggio dei parametri relativi ai premi e diluire nel tempo l assegnazione di riserve; f. allargare il numero di soggetti istituzionali (anche gli Enti Locali) coinvolti dalle premialità (eventualmente replicati a livello di POR); g. verificare l ipotesi di premi che siano direttamente destinati ai dirigenti responsabili di certe prestazioni. Il circuito di Comitati di Sorveglianza, Gruppi di Lavoro, Forum Per ciò che concerne i Comitati una ipotesi è quella di renderli, nel breve, più operativi riducendo i temi all ordine del giorno e scegliendo per ciascun Comitato un tema dominante. Tuttavia, se il Comitato dovesse rimanere un momento di confronto sull intera programmazione o se dovessero rimanere tale funzione ad alcuni dei Comitati, si potrebbe, al contrario, utilizzare questo momento come leva di comunicazione e coinvolgimento dei vertici politici. Sia la prima (rafforzare i Comitati come sede di analisi) che la seconda ipotesi (utilizzarli come leva di comunicazione) comporta un lavoro di preparazione di questi incontri di tipo diverso. La comunicazione istituzionale che precede i Comitati richiede sistemi e competenze particolari. L informazione dovrà essere sintetizzata, differenziata per utenti e la sua qualità va monitorata per essere progressivamente migliorata. La composizione dei Gruppi di Lavoro va rivista. Va rafforzata la componente tecnica, coinvolti maggiormente esperti provenienti dal privato e dal terzo settore. Una ipotesi è, persino, di affidarne la direzione a portatori di competenze che non appartengono alla amministrazione. I Forum, così come il partenariato, devono conquistarsi la propria legittimità (che va aldilà di ciò che formalmente viene riconosciuto dai regolamenti) nella capacità di allargare il numero di interessi rappresentati nel processo di attuazione del QCS, nonché di contribuire a risolvere i problemi. Anche i Forum potrebbero, soprattutto in fase di attuazione, riunirsi per specifici temi ed a questo proposito una riflessione va fatta sulla convenienza di tenere separati GdL e Forum. Nel medio lungo periodo va impostata una riflessione sul ruolo istituzionale di questi strumenti. Il Comitato in particolare soffre, forse, di una commistione di ruoli (decisione collegiale, analisi per intervento) sul quale occorre probabilmente riflettere in funzione del prossimo ciclo. Il PON ATAS e l assistenza tecnica. 18

19 Questo tipo di programmazione si mostra uno degli strumento più innovativi e, dunque, difficili da realizzare. Il principio è quello di continuare la novità, svilupparla ulteriormente, consolidare i meccanismi. L innovazione va intesa, come spieghiamo meglio nello specifico paragrafo sulle azioni di assistenza tecnica, in termini di rafforzamento dei meccanismi valutativi dei diversi PO e di ingegnerizzazione dei meccanismi attraverso i quali domanda (da parte delle Regioni) di assistenza tecnica ed offerta (da parte delle AACC) si incontrano. Tali ipotesi si collocano tendenzialmente nel medio lungo periodo (vista la difficoltà di cambiare una programmazione in corso che già mostra alcuni segnali di debolezza). Ancora ai fini della prossima programmazione va semplificata, razionalizzata la struttura di governo del PON. Cruciale a nostro avviso è replicare la struttura PON ATAS (tra Ministeri e Regioni) sul segmento istituzionale che lega Regioni e Enti Locali. Tuttavia anche in un PON ATAS di livello nazionale va sviluppata l idea di una assistenza diretta che task force centrali forniscano direttamente agli Enti Territoriali (come del resto già succede in parte per PIT, Centri per l Impiego, Sportelli Unici). Il tema della assistenza tecnica riporta anche alla questione (più ampia) del rapporto tra amministrazioni e fornitori di valori professionali esterni. Lo sforzo deve essere quello di utilizzare tutti i momenti di confronto con i fornitori di competenze esterni alla amministrazione per radicare gli strumenti che l amministrazione deve acquisire. L analisi dei costi benefici sulla esternalizzazione di servizi rispetto alla predisposizione in casa di date funzioni, deve essere realizzata in maniera più puntuale per singole attività e con riferimento alle capacità istituzionali di ciascuna amministrazione. Il circuito di controlli, valutazione, monitoraggio ed il sistema degli indicatori. Di tale sistema va più accuratamente effettuata una analisi di costi e benefici. I costi di adempimento da parte di soggetti a diverso livello (che peraltro se eccessivi peggiorano tendenzialmente la qualità del dato) rispetto ai benefici di ottenere informazioni utili per evitare, individuare o prevenire irregolarità (controlli) oppure per prendere decisioni (valutazione). I controlli vanno dunque razionalizzati ed in un ottica di spostamento progressivo dell attenzione verso i risultati finali, in parte ridotti. Bisogna, peraltro, garantire che essi siano addizionali rispetto ad attività di controllo che le amministrazioni pubbliche già operano. La valutazione è molto migliorata per merito, a nostro avviso, soprattutto dello sforzo del MEF. Anche nel breve è tuttavia utile riflettere sulla creazione di steering group su ogni Regione che sappiano rappresentare al proprio interno l intero sistema cliente: non solo l amministrazione titolare, ma anche l AdG del QCS, la Commissione Europea, una selezione di partner e probabilmente anche di soggetti attuatori. Tale opzione concentrerebbe il confronto ad un solo luogo che, tuttavia, dovrebbe essere efficientemente gestito. In generale le ipotesi di riflessione sono nella direzione di un ulteriore rafforzamento della valutazione come momento utile per la riprogrammazione e come riflessione strategica utile per la politica. 19

20 Il sistema di monitoraggio va rafforzato completando la migrazione dei sistemi informativi su web. La soluzione vera però non è di natura informatica ma nella natura dei rapporti tra istituzioni e tra di essi e beneficiari finali. Vanno aumentati (anzi spesso creati) una serie di vantaggi che colui che alimenta il sistema ne può trarre nel fornire informazioni (statistiche, applicazioni che facilitano la gestione). Vanno diminuiti i costi e, tuttavia, tale diminuzione passa attraverso una riduzione degli indicatori. Bisogna puntare su pochi indicatori chiave (eventualmente uno su misura) in grado di segnalare in maniera affidabile come un dato fenomeno (amministrativo o economico) si sta sviluppando. Essi, una volta ridotti, devono essere significativi, valorizzati nel valore ex ante e nel valore obiettivo (eventualmente il miglioramento deve essere anche temporizzato nell arco temporale che collega l inizio della programmazione alla fine). Infine le azioni di informazione. Il QCS non riesce ed è una opinione condivisa da molti efficacemente a vendere la sua importanza, i risultati conseguiti, le opportunità che presenta. Le attività di pubblicità, di informazione e quelle di sensibilizzazione sono rilevanti e, però, non disegnano ancora una strategia complessiva di marketing del QCS: il grado di integrazione tra di esse può e deve essere aumentato (per non disperdere le risorse rispetto alle soglie minime di scala che sono necessarie); non esistono ancora informazioni rilevate con sufficiente continuità sulla conoscenza del Quadro presso segmenti rilevanti. Tuttavia, più in generale e su un piano di importanza ancora superiore, rileva il fatto che l informazione non è ancora considerata attività strategica e dunque da presidiare attraverso i vertici amministrativi e politici impegnati sul processo di attuazione. Considerare il marketing, l informazione, più in generale, la capacità del QCS di rapportarsi al territorio come attività centrale nel processo di attuazione significa, senz altro, organizzare un azione coordinata di comunicazione (coordinata a livello QCS per raggiungere le economie di scala minime per poter raggiungere gli utenti destinatari finali del quadro), ma anche mobilitare tutte, tendenzialmente, tutte le amministrazioni ed i soggetti attuatori in una attività diffusa, quotidiana, ordinaria di dialogo con il mondo esterno all attuazione del QCS. Significa capire che comunicare e coinvolgere la società civile non è una incombenza, un mestiere in più che si aggiunge al portafoglio di competenze che un amministratore pubblico deve possedere, ma, al contrario, il compito principale di istituzioni che decidono di attivare programmi di sviluppo economico e sociale complessi come il QCS. Le raccomandazioni appena presentate sono tutti elementi di riflessione che possono essere a nostro avviso utili sia per l esercizio di revisione di metà periodo che di impostazione del prossimo ciclo. 20

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*)

LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*) LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*) settembre 2001 INDICE 1 Contenuti generali e finalità del criterio Qualità del sistema di valutazione degli effetti sull occupazione

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento IGI Istituto Grandi Infrastrutture Convegno Roma, 18/03/2015 Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento Le novità delle nuove direttive europee appalti e concessioni e il

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

Programmazione e Valutazione ex ante il quadro logico nel PO 14-20

Programmazione e Valutazione ex ante il quadro logico nel PO 14-20 Programmazione e Valutazione ex ante il quadro logico nel PO 14-20 [presentazione e discussione della nota tecnica] Paola Casavola DPS UVAL 25 giugno 2014 IL «quadro logico di programmazione» Rappresentazione

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli