REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA PER LA SICUREZZA DEL LAVORO E DELL AMBIENTE (ISLA F74 E F001)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA PER LA SICUREZZA DEL LAVORO E DELL AMBIENTE (ISLA F74 E F001)"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA PER LA SICUREZZA DEL LAVORO E DELL AMBIENTE (ISLA F74 E F001) Dicembre 2013 Il presente regolamento è redatto secondo quanto disposto nell art. 29 del REGOLAMENTO DIDATTICO dell Ateneo. Lo studente può accedere all esame di Laurea richiedendo, in tempo utile, l assegnazione del titolo dell Elaborato Finale (Relazione), attestato da un docente con funzione di relatore (eventualmente assistito da un correlatore, anche esterno, o da un tutor aziendale), inerente una delle attività volte all acquisizione di competenze utili ai fini dell inserimento nel mondo del lavoro. La richiesta potrà essere avanzata non prima del conseguimento di 120 CFU e dovrà seguire, a seconda della tipologia di elaborato, una delle tre procedure di seguito indicate. Il punteggio è espresso in centodecimi. La media complessiva dei voti è pesata rispetto al numero di CFU, ovvero ogni voto contribuisce alla media in proporzione al numero di CFU cui dà luogo il relativo insegnamento. Gli insegnamenti per cui è previsto il solo risultato di approvato non contribuiscono alla media complessiva. Per l assegnazione della Lode Accademica è necessario che il punteggio di base (calcolato sugli esami del curriculum) non sia inferiore a 103/110 e la proposta deve essere presentata, in forma scritta, dal Relatore al Presidente della Commissione di Laurea prima della seduta e deve essere approvata all unanimità dalla Commissione stessa. La prova finale consisterà in una discussione di 15 minuti in seduta pubblica (a mezzo presentazione Power Point) di fronte ad apposita Commissione di Laurea, composta da cinque Docenti di corsi ufficiali inseriti nel Manifesto degli Studi per l anno accademico in corso. Eventuali componenti esterni (correlatori o tutori aziendali) potranno essere presenti, ma senza diritto di voto. indicata dallo studente sul frontespizio dell Elaborato Finale. Pag. 1

2 Tipologie* di Elaborati Finali e rispettiva procedura da seguire 1. TEMA DI LAUREA: si tratta di una ricerca bibliografica e viene classificato come stage interno, quindi NON viene gestito dallo Sportello Stage. Lo studente deve: - compilare, con il Relatore (Tutor Universitario), la SCHEDA DI RICHIESTA STAGE CURRICULARE Interno all Ateneo (reperibile al seguente link: - consegnare, previo appuntamento via , la suddetta scheda al Tutor per gli studenti laureandi che provvederà all accertamento del raggiungimento dei 120 CFU e della abilitazione alla lingua inglese. Il nominativo del Tutor per gli studenti laureandi è reperibile al seguente link: - eventuali variazioni di date (rispetto a quelle dichiarate nella scheda di richiesta stage curriculare) vanno tempestivamente comunicate via mail al Tutor per gli studenti laureandi - al termine del lavoro (non è necessario il registro presenze), lo studente deve compilare, con il Relatore (Tutor Universitario), la DICHIARAZIONE DI AVVENUTO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ DI TIROCINIO (reperibile al seguente link: consegnarla al Tutor per gli studenti laureandi in occasione dell appello in cui verrà verbalizzato il tirocinio formativo. 2. RELAZIONE DI TIROCINIO: si tratta di un tirocinio, svolto dallo studente presso aziende esterne, enti pubblici o studi professionali, della durata di almeno 3 mesi e classificato come stage esterno, quindi gestito dallo Sportello Stage. Sono previste due figure, quella del Relatore (Tutor Didattico Organizzativo) e quella del Tutor Aziendale. È, inoltre, prevista la compilazione di un REGISTRO PRESENZE, che lo studente potrà scaricare al seguente link: che dovrà essere firmato dal Tutor Aziendale. indicata dallo studente sul frontespizio dell Elaborato Finale. Pag. 2 e e

3 Lo studente deve: - verificare se l azienda (o ente o studio professionale), presso cui intende svolgere il tirocinio, risulta già convenzionata/o, oppure no, con il nostro Ateneo. Se esiste già una convenzione, lo studente passa direttamente alla fase successiva; in caso contrario, deve scaricare la CONVENZIONE SINGOLA DI TIROCINIO (a) (reperibile al seguente link: trasmetterla via mail all azienda/ente per la compilazione; - scaricare, sia in caso di esistenza di convenzione che in caso di stipula di nuova convenzione, il PROGETTO FORMATIVO INDIVIDUALE (b) (reperibile al seguente link: da predisporre, in collaborazione con l azienda/ente ospitante, riempiendo i campi compilabili evidenziati in grassetto grigio sul modulo. Specificare sempre, nel campo Ambito/i di inserimento, la formula stage itinerante per garantire la totale copertura assicurativa allo studente in tutti i suoi spostamenti; - rinominare il file (b) indicando il codice del corso di afferenza e il proprio nome (F74_PF_Cognome_Nome.doc OPPURE F001_PF_Cognome_Nome.doc) e spedirlo tramite posta elettronica, unitamente al testo della CONVENZIONE (a), allo Sportello Stage Quest ultimo, verificata la correttezza delle informazioni riportate, provvederà ad inviare i testi definitivi all azienda/ente ospitante per la firma da parte del legale rappresentante. Lo studente dovrà provvedere a recuperare gli originali firmati presso l azienda/ente e dovrà consegnarli allo Sportello Stage almeno 1 mese prima della data presunta di inizio tirocinio; - lo Sportello Stage verificherà il raggiungimento dei 120 CFU e ne darà comunicazione al Tutor per gli studenti laureandi, che provvederà all accertamento dell abilitazione alla lingua inglese. Lo Sportello Stage invierà, inoltre, al Relatore (Tutor Didattico Organizzativo) copia del progetto formativo per informarlo dell imminente attivazione del tirocinio. Il Relatore (Tutor Didattico Organizzativo) provvederà ad informare via mail il Tutor per gli studenti laureandi dell argomento trattato, della durata, della tipologia di Elaborato Finale e del luogo di svolgimento per consentire il indicata dallo studente sul frontespizio dell Elaborato Finale. Pag. 3 e

4 tempestivo e costante aggiornamento del database dei laureandi; tale database, compilato e aggiornato dal Tutor per gli studenti laureandi, sarà dallo stesso inviato con periodicità semestrale al Presidente ed al vice-presidente del Corso di Laurea ISLA; - il tirocinante sarà invitato a ritirare presso lo Sportello Stage la documentazione definitiva (convenzione in duplice copia + progetto formativo in triplice copia) con alcuni giorni di anticipo sull inizio dello stage. Lo studente dovrà consegnarne copia all azienda/ente e trattenere una copia per sé. Al momento dell attivazione dello stage, lo Sportello Stage consegnerà allo studente anche due QUESTIONARI DI VALUTAZIONE DEL SERVIZIO E DELL'ATTIVITÀ DI TIROCINIO: uno dovrà essere compilato dallo studente ed uno dall ente/azienda ospitante al termine del periodo di tirocinio; - nel caso fosse necessario prorogare lo stage oltre il termine fissato nel progetto formativo, oppure sospendere per qualsiasi motivo l attività di tirocinio, lo studente dovrà anticipare allo Sportello Stage, via fax o mail (fax: o mail: la SCHEDA DI SOSPENSIONE- ESTENSIONE/MODIFICA STAGE (reperibile al seguente link: Tale scheda dovrà pervenire allo Sportello Stage con almeno 15 gg di anticipo sul termine primo. Per avviare la pratica, è necessario che la scheda venga firmata sia dal Tutor Aziendale che dallo studente. Per ogni proroga, sarà predisposto un nuovo progetto formativo (sempre in triplice copia): lo studente dovrà consegnarne copia all azienda/ente e trattenere una copia per sé. Lo Sportello Stage invierà, inoltre, al Relatore (Tutor Didattico Organizzativo) copia del nuovo progetto formativo per informarlo; - nel caso di interruzione dello stage (ad es. per raggiungimento del monte ore previsto), lo studente dovrà compilare la SCHEDA DI INTERRUZIONE STAGE (reperibile al seguente link: e anticiparla via fax o mail allo Sportello Stage (fax: o mail: firmata sia dal Tutor Aziendale che dallo studente. Lo Sportello Stage provvederà ad informare il Relatore (Tutor Didattico Organizzativo); indicata dallo studente sul frontespizio dell Elaborato Finale. Pag. 4

5 - alla fine del periodo di tirocinio, lo studente dovrà far vistare dal proprio Relatore (Tutor Didattico Organizzativo) le eventuali SCHEDE DI SOSPENSIONE- ESTENSIONE/MODIFICA STAGE E/O DI INTERRUZIONE STAGE in originale, se utilizzate nella fase di svolgimento. Dovrà, inoltre, richiedere al proprio Tutor Aziendale la compilazione della RELAZIONE CONGIUNTA SULL ATTIVITÀ E SULLA REALIZZAZIONE DELL OBIETTIVO PREVISTO DAL PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (reperibile al seguente link: allegata ai progetti formativi inviati dallo Sportello Stage), che dovrà essere firmata anche dal Relatore (Tutor Didattico Organizzativo); - consegnare, in originale, allo Sportello Stage le SCHEDE DI SOSPENSIONE- ESTENSIONE/MODIFICA STAGE E/O DI INTERRUZIONE STAGE (se presenti), il REGISTRO PRESENZE, la RELAZIONE CONGIUNTA SULL ATTIVITÀ E SULLA REALIZZAZIONE DELL OBIETTIVO PREVISTO DAL PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO, nonché i due QUESTIONARI DI VALUTAZIONE DEL SERVIZIO E DELL'ATTIVITÀ DI TIROCINIO (STUDENTE/ENTE-AZIENDA), consegnati all'inizio dello stage insieme alla documentazione ufficiale di attivazione; - a valle della presentazione della documentazione di cui sopra, lo Sportello Stage rilascerà allo studente una ricevuta che attesterà il regolare svolgimento dello stage e che dovrà essere consegnata al Tutor per gli studenti laureandi in occasione dell appello in cui verrà verbalizzato il tirocinio formativo. 3. TESI DI LAUREA: si tratta di una ricerca sperimentale, della durata di almeno 8 mesi. Di norma, è prevista una sola figura, quella del Relatore (Tutor Universitario), se la ricerca sperimentale ha luogo interamente presso le strutture dell Università (con possibilità di indicare uno o più Correlatori interni o esterni): in tal caso, viene classificata come stage interno, quindi NON viene gestita dallo Sportello Stage. Tuttavia, se la ricerca sperimentale dovesse svolgersi totalmente o parzialmente presso aziende esterne, enti, studi professionali o laboratori non appartenenti all Università, verrebbe classificata come stage esterno, quindi andrebbe gestita dallo Sportello Stage. In questo caso, occorre indicare anche un Tutor Aziendale ed il Relatore fungerebbe da Tutor Didattico Organizzativo. indicata dallo studente sul frontespizio dell Elaborato Finale. Pag. 5 ed

6 3A) TESI DI LAUREA SVOLTA INTERAMENTE PRESSO LE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ (Relatore = Tutor Universitario + eventuali Correlatori). Lo studente deve: - scaricare la SCHEDA DI RICHIESTA STAGE CURRICULARE - Interno all Ateneo (reperibile al seguente link: compilarla con il proprio Relatore (Tutor Universitario); - consegnare, previo appuntamento via , la suddetta scheda al Tutor per gli studenti laureandi che provvederà all accertamento del raggiungimento dei 120 CFU e della abilitazione alla lingua inglese; - eventuali variazioni di date (rispetto a quelle dichiarate nella scheda di richiesta stage curriculare) vanno tempestivamente comunicate via mail al Tutor per gli studenti laureandi - al termine del lavoro (non è necessario il registro presenze), lo studente deve compilare, con il Relatore (Tutor Universitario), la DICHIARAZIONE DI AVVENUTO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ DI TIROCINIO (reperibile al seguente link: consegnarla al Tutor per gli studenti laureandi in occasione dell appello in cui verrà verbalizzato il tirocinio formativo. 3B) TESI DI LAUREA SVOLTA TOTALMENTE O PARZIALMENTE PRESSO AZIENDE ESTERNE, ENTI, STUDI PROFESSIONALI O LABORATORI NON APPARTENENTI ALL UNIVERSITÀ (Relatore = Tutor Didattico Organizzativo + Tutor Aziendale). Lo studente deve: - verificare se l azienda (o ente o studio professionale o laboratorio non appartenente all Università), presso cui intende svolgere totalmente o parzialmente la ricerca sperimentale, risulta già convenzionata/o, oppure no, con il nostro Ateneo. Se esiste già una convenzione, lo studente passa direttamente alla fase successiva; in caso contrario, deve indicata dallo studente sul frontespizio dell Elaborato Finale. Pag. 6 e e

7 scaricare la CONVENZIONE SINGOLA DI TIROCINIO (a) (reperibile al seguente link: e trasmetterla via mail all azienda/ente per la compilazione; - scaricare, sia in caso di esistenza di convenzione che in caso di stipula di nuova convenzione, il PROGETTO FORMATIVO INDIVIDUALE (b) (reperibile al seguente link: da predisporre, in collaborazione con l azienda/ente, riempiendo i campi compilabili evidenziati in grassetto grigio sul modulo. Specificare sempre, nel campo Ambito/i di inserimento, la formula stage itinerante per garantire la totale copertura assicurativa allo studente in tutti i suoi spostamenti; - rinominare il file (b) indicando il codice del corso di afferenza e il proprio nome (F74_PF_Cognome_Nome.doc OPPURE F001_PF_Cognome_Nome.doc) e spedirlo tramite posta elettronica, unitamente al testo della CONVENZIONE (a), allo Sportello Stage Quest ultimo, verificata la correttezza delle informazioni riportate, provvederà ad inviare i testi definitivi all azienda/ente per la firma da parte del legale rappresentante. Lo studente dovrà provvedere a recuperare gli originali firmati presso l azienda/ente e dovrà consegnarli allo Sportello Stage almeno 1 mese prima della data presunta di inizio tirocinio; - lo Sportello Stage verificherà il raggiungimento dei 120 CFU e ne darà comunicazione al Tutor per gli studenti laureandi, che provvederà all accertamento dell abilitazione alla lingua inglese. Lo Sportello Stage invierà, inoltre, al Relatore (Tutor Didattico Organizzativo) copia del progetto formativo per informarlo dell imminente attivazione del tirocinio. Il Relatore (Tutor Didattico Organizzativo) provvederà ad informare via mail il Tutor per gli studenti laureandi dell argomento trattato, della durata, della tipologia di Elaborato Finale e del luogo di svolgimento per consentire il tempestivo e costante aggiornamento del database dei laureandi; tale database, compilato e aggiornato dal Tutor per gli studenti laureandi, sarà dallo stesso inviato con periodicità semestrale al Presidente ed al vice-presidente del Corso di Laurea ISLA; indicata dallo studente sul frontespizio dell Elaborato Finale. Pag. 7

8 - il tirocinante sarà invitato a ritirare presso lo Sportello Stage la documentazione definitiva (convenzione in duplice copia + progetto formativo in triplice copia) con alcuni giorni di anticipo sull inizio dello stage. Lo studente dovrà consegnarne copia all azienda/ente e trattenere una copia per sé. Al momento dell attivazione dello stage, lo Sportello Stage consegnerà allo studente anche due QUESTIONARI DI VALUTAZIONE DEL SERVIZIO E DELL'ATTIVITÀ DI TIROCINIO: uno dovrà essere compilato dallo studente ed uno dall ente/azienda ospitante al termine del periodo di tirocinio; - durante il periodo di svolgimento della tesi, lo studente dovrà compilare un REGISTRO PRESENZE, che potrà scaricare al seguente link: e che dovrà essere firmato dal Tutor Aziendale; - nel caso fosse necessario prorogare lo stage oltre il termine fissato nel progetto formativo, oppure sospendere per qualsiasi motivo l attività di tirocinio, lo studente dovrà anticipare allo Sportello Stage, via fax o mail (fax: o mail: la SCHEDA DI SOSPENSIONE- ESTENSIONE/MODIFICA STAGE (reperibile al seguente link: Tale scheda dovrà pervenire allo Sportello Stage con almeno 15 gg di anticipo sul termine primo. Per avviare la pratica, è necessario che la scheda venga firmata sia dal Tutor Aziendale che dallo studente. Per ogni proroga, sarà predisposto un nuovo progetto formativo (sempre in triplice copia): lo studente dovrà consegnarne copia all azienda/ente e trattenere una copia per sé. Lo Sportello Stage invierà, inoltre, al Relatore (Tutor Didattico Organizzativo) copia del nuovo progetto formativo per informarlo; - nel caso di interruzione dello stage (ad es. per raggiungimento del monte ore previsto), lo studente dovrà compilare la SCHEDA DI INTERRUZIONE STAGE (reperibile al seguente link: e anticiparla via fax o mail allo Sportello Stage (fax: o mail: firmata sia dal Tutor Aziendale che dallo studente. Lo Sportello Stage provvederà ad informare il Relatore (Tutor Didattico Organizzativo); indicata dallo studente sul frontespizio dell Elaborato Finale. Pag. 8

9 - alla fine del periodo di tirocinio, lo studente dovrà far vistare dal proprio Relatore (Tutor Didattico Organizzativo) le eventuali SCHEDE DI SOSPENSIONE- ESTENSIONE/MODIFICA STAGE E/O DI INTERRUZIONE STAGE in originale, qualora utilizzate nella fase di svolgimento. Dovrà, inoltre, richiedere al proprio Tutor Aziendale la compilazione della RELAZIONE CONGIUNTA SULL ATTIVITÀ E SULLA REALIZZAZIONE DELL OBIETTIVO PREVISTO DAL PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (reperibile al seguente link: allegata ai progetti formativi inviati dallo Sportello Stage), che dovrà essere firmata anche dal Relatore (Tutor Didattico Organizzativo); - consegnare, in originale, allo Sportello Stage le SCHEDE DI SOSPENSIONE- ESTENSIONE/MODIFICA STAGE E/O DI INTERRUZIONE STAGE (se presenti), il REGISTRO PRESENZE, la RELAZIONE CONGIUNTA SULL ATTIVITÀ E SULLA REALIZZAZIONE DELL OBIETTIVO PREVISTO DAL PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO, nonché i due QUESTIONARI DI VALUTAZIONE DEL SERVIZIO E DELL'ATTIVITÀ DI TIROCINIO (STUDENTE/ENTE-AZIENDA), consegnati all'inizio dello stage insieme alla documentazione ufficiale di attivazione; - a valle della presentazione della documentazione di cui sopra, lo Sportello Stage rilascerà allo studente una ricevuta che attesterà il regolare svolgimento dello stage e che dovrà essere consegnata al Tutor per gli studenti laureandi in occasione dell appello in cui verrà verbalizzato il tirocinio formativo; NOTA 1: Talvolta, potrebbe capitare che il Tirocinio Formativo o la Tesi di Laurea abbia, in parte o totalmente, luogo presso abitazioni private. In questi casi, il Relatore deve inviare comunicazione al Direttore del Dipartimento di Scienza e Alta Tecnologia (DiSAT). Volta per volta, andrà valutato se lo stage in questione si configuri come interno, gestito dalla Commissione Stage ISLA (Tutor per gli studenti laureandi), o come esterno, gestito dallo Sportello Stage. NOTA 2: È prevista la possibilità che due studenti lavorino in coppia sullo stesso argomento di ricerca sperimentale (Tesi di Laurea). Tuttavia, gli Elaborati Finali prodotti dovranno indicata dallo studente sul frontespizio dell Elaborato Finale. Pag. 9 ed

10 essere due, diversificati nel titolo e nei contenuti, così come due dovranno essere le presentazioni Power Point in sede di discussione di Laurea ( minuti a disposizione). 4. ATTIVITÀ LAVORATIVA GIÀ IN CORSO RICONOSCIUTA COME TIROCINIO: l attività deve essere in corso da almeno 6 mesi continuativi, non necessariamente full time, ma con un numero di ore di impegno 225 h (9 CFU). Questo caso viene totalmente gestito dalla Segreteria Studenti di Via Ravasi, cui lo studente deve rivolgersi per ritirare l apposita modulistica (modulo per presentare istanza al CCS del Corso di Laurea ISLA, cui va allegata la documentazione comprovante l attività lavorativa in corso). Il CCS ISLA, ricevuta tale documentazione dalla Segreteria Didattica, delibererà in merito e provvederà all accertamento del raggiungimento dei 120 CFU e della abilitazione alla lingua inglese. Se la richiesta verrà accolta ed approvata dal CCS, la Segreteria Studenti provvederà alla registrazione on line del riconoscimento dell attività lavorativa già in corso e lo studente non dovrà né iscriversi, né presentarsi in occasione dell appello di verbalizzazione del tirocinio formativo. Per la modulistica inerente la Domanda di Ammissione all esame di Laurea, si rimanda all apposito link: Verbalizzazione del tirocinio formativo Almeno una settimana prima di ogni Sessione di Laurea, il Tutor per gli studenti laureandi provvederà alla pubblicazione di un appello per la verbalizzazione digitale del tirocinio formativo (9 CFU), cui gli studenti dovranno regolarmente iscriversi e a cui si dovranno presentare muniti di: - Libretto cartaceo (se non ancora consegnato alla Segreteria Studenti); - Dichiarazione di avvenuto svolgimento dell attività di tirocinio (per Tema di Laurea e Tesi di Laurea, nel caso in cui questa si sia svolta interamente presso le strutture dell Università); - Ricevuta rilasciata dallo Sportello Stage (per Relazione di Tirocinio e Tesi di Laurea, nel caso in cui questa si sia svolta totalmente o parzialmente presso strutture esterne all Università). indicata dallo studente sul frontespizio dell Elaborato Finale. Pag. 10

11 Valutazione dell Elaborato Finale È possibile accedere all'esame di Laurea presentando una relazione finale. Ogni relazione finale deve contenere: 1. Copertina/Frontespizio (disponibile al seguente link: _2013.pdf); 2. Indice; 3. Introduzione; 4. Corpo della relazione; 5. Conclusioni; 6. Bibliografia; 7. Allegati (eventuali); 8. Ringraziamenti. Si rimanda ai documenti Linee guida per la stesura dell Elaborato Finale LibreOffice, Word2003, Word2007 (disponibile al seguente link: per ogni approfondimento riguardante il formato. Di seguito, per ogni tipologia di Elaborato Finale, vengono delineati i tratti distintivi che verranno presi in considerazione dalla Commissione di Laurea in sede di valutazione. 1. TEMA DI LAUREA (max 4 punti): in caso di relazione bibliografica, il candidato deve presentare un approfondimento personale. I riferimenti alla bibliografia devono essere ampi e numerosi, anche comprendendo la letteratura scientifica internazionale. Gli argomenti di approfondimento possono essere scelti tra i temi proposti in un corso o in un seminario professionalizzante, d accordo con un relatore universitario. Una relazione bibliografica avrà una lunghezza indicativa compresa tra le 40 e le 60 pagine. 2. RELAZIONE DI TIROCINIO o ATTIVITÀ LAVORATIVA GIÀ IN CORSO RICONOSCIUTA COME TIROCINIO (max 4 punti): in caso di relazione di tirocinio, il candidato deve presentare con chiarezza il proprio percorso di stage, non limitandosi a indicata dallo studente sul frontespizio dell Elaborato Finale. Pag. 11

12 presentare l'approccio teorico o la legislazione in materia. Se lo studente ha già in corso un attività lavorativa, che viene riconosciuta come stage, tale attività deve comunque essere oggetto di relazione (ma, in questo caso, non è prevista la figura del relatore) e l'esperienza deve essere discussa criticamente e contestualizzata nel proprio percorso formativo. Una relazione di tirocinio avrà una lunghezza indicativa compresa tra le 40 e le 60 pagine. 3. TESI DI LAUREA (max 8 punti): tratti distintivi delle tesi, rispetto agli altri lavori, sono: capacità di definire chiaramente: - il problema; - gli obiettivi del lavoro; - il procedimento seguito per il loro raggiungimento; numero significativo di esperimenti, rilevazioni o calcoli; interpretazione critica dei risultati ottenuti; contestualizzazione del lavoro nella bibliografia scientifica internazionale. Una tesi avrà una lunghezza indicativa compresa tra le 80 e le 120 pagine. indicata dallo studente sul frontespizio dell Elaborato Finale. Pag. 12

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE Art. 1 Riferimenti Normativi L articolo 21 del Regolamento didattico dell Università degli

Dettagli

Marca da bollo Valore vigente

Marca da bollo Valore vigente Pag 1 di 5 Marca da bollo Valore vigente DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT Al Magnifico Rettore dell'università degli Il/la sottoscritto/a matr. nato/a a prov. il residente in via comune prov CAP telefono

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA GIURISPRUDENZA

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA GIURISPRUDENZA Marca da bollo da 16,00 DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA GIURISPRUDENZA Al Magnifico Rettore dell'università degli Studi di Brescia Il/la sottoscritto/a matr. residente a prov cap in via n recapito

Dettagli

Regolamento della prova finale

Regolamento della prova finale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE FACOLTÀ DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Corso di Studio in Scienze della Comunicazione Regolamento della prova finale 1. CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale rappresenta

Dettagli

DOMANDA DI LAUREA QUANDO

DOMANDA DI LAUREA QUANDO DOMANDA DI LAUREA Per il conseguimento della Laurea, Laurea Specialistica, Laurea Magistrale e Laurea Magistrale a ciclo unico è necessario superare una prova finale. La modalità di svolgimento è fissata

Dettagli

Art. 4 - Relatore della tesi di laurea e assegnazione del correlatore Art. 5 Commissione di laurea e discussione dell elaborato

Art. 4 - Relatore della tesi di laurea e assegnazione del correlatore Art. 5 Commissione di laurea e discussione dell elaborato Indicazioni a cura del Consiglio di Corso di Studio di Scienze della Formazione Primaria concernente la tesi, le attività di tirocinio e l esame finale. Art. 1 Oggetto Il presente documento disciplina

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA CARATTERISTICHE DELLA PROVA FINALE La prova finale dei corsi di laurea triennali è in forma

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 1 LIVELLO Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale (Scuola ICAT - CdP 14-4-2011)

REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 1 LIVELLO Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale (Scuola ICAT - CdP 14-4-2011) REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 1 LIVELLO Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale (Scuola ICAT - CdP 14-4-2011) Cap. 1 Commissioni di Laurea Art. 1 Membri delle Commissioni di Laurea.

Dettagli

Procedura. per l attivazione e lo svolgimento del tirocinio in azienda o del progetto formativo

Procedura. per l attivazione e lo svolgimento del tirocinio in azienda o del progetto formativo Procedura per l attivazione e lo svolgimento del tirocinio in azienda o del progetto formativo Laurea in Ingegneria Chimica e dei Materiali (ex D.M. 270/04) Versione del 29 ottobre 2015 SOMMARIO Tirocini

Dettagli

Procedura per la determinazione del voto di laurea Il voto finale di laurea è espresso in centodecimi, alla composizione del quale contribuiscono:

Procedura per la determinazione del voto di laurea Il voto finale di laurea è espresso in centodecimi, alla composizione del quale contribuiscono: Regolamento per la prova finale del corso di laurea in Sicurezza Igienicosanitaria degli Alimenti (SIA) in vigore dall anno di immatricolazione 2009-2010 ex DM 270/2004 Premessa La prova finale si concretizza

Dettagli

MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO

MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO A.A. 2015/2016 INDICE 1. Tirocinio curriculare MPSI... 3 1.1 Tirocinio curriculare esterno... 3 1.2 Tirocinio curriculare

Dettagli

2 TIPOLOGIE DI 3 CFU ELABORATO FINALE. Tipologia a) Tipologia b)

2 TIPOLOGIE DI 3 CFU ELABORATO FINALE. Tipologia a) Tipologia b) 2 TIPOLOGIE DI ELABORATO FINALE 3 CFU Tipologia a) Tipologia b) Compilativa breve «Tratta in breve un argomento molto specifico» Es. Comparazione del tenore in lipidi tra snack dolci e salati Tesi sperimentale

Dettagli

REGOLAMENTO DI FACOLTA PER LA PROVA FINALE DEGLI ESAMI DI LAUREA

REGOLAMENTO DI FACOLTA PER LA PROVA FINALE DEGLI ESAMI DI LAUREA REGOLAMENTO DI FACOLTA PER LA PROVA FINALE DEGLI ESAMI DI LAUREA Il Preside, richiamato l art. 35 del regolamento didattico di Ateneo, nonchè l importanza degli esami di laurea e la necessità di addivenire

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA REGOLAMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA, DELLE LAUREE SPECIALISTICHE E DELLE LAUREE MAGISTRALI

FACOLTA DI ECONOMIA REGOLAMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA, DELLE LAUREE SPECIALISTICHE E DELLE LAUREE MAGISTRALI FACOLTA DI ECONOMIA REGOLAMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA, DELLE LAUREE SPECIALISTICHE E DELLE LAUREE MAGISTRALI (modificato con delibere dei Cdf del 28 maggio 2003, 17 dicembre

Dettagli

28/10/2014 DOVETROVO LE PROPOSTE? 2 TIPOLOGIE DI ELABORATO FINALE 3 CFU CARATTERISTICHE DELLE 2 TIPOLOGIE DI. Tipologia a) Tipologia b)

28/10/2014 DOVETROVO LE PROPOSTE? 2 TIPOLOGIE DI ELABORATO FINALE 3 CFU CARATTERISTICHE DELLE 2 TIPOLOGIE DI. Tipologia a) Tipologia b) 2 TIPOLOGIE DI ELABORATO FINALE 3 CFU Tipologia a) Tipologia b) Compilativa breve «Tratta in breve un argomento molto specifico» Es. Comparazione del tenore in lipidi tra snack dolci e salati Tesi sperimentale

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento e la valutazione della Tesi di Laurea o Tirocinio + Prova Finale

Regolamento per lo svolgimento e la valutazione della Tesi di Laurea o Tirocinio + Prova Finale Regolamento per lo svolgimento e la valutazione della Tesi di Laurea o Tirocinio + Prova Finale Il presente regolamento è stato redatto tenendo conto del regolamento del corso di Laurea in Ingegneria Biomedica

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO REGOLAMENTO del Corso di Laurea magistrale a ciclo Unico in Giurisprudenza ( Classe LMG /01 ) Anno Accademico di istituzione: 2006/2007 Art. 1. Organizzazione del corso di studio 1. È istituito presso

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLO STAGE

DOMANDE FREQUENTI SULLO STAGE DOMANDE FREQUENTI SULLO STAGE Premessa importante Che differenza c è tra stage e tirocinio? Nell ambito dei Corsi di studio afferenti al Dipartimento DiSSGeA il termine stage si usa per indicare un periodo

Dettagli

C.d.L. Triennale in Scienze motorie C.d.L. Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività motorie preventive e adattate

C.d.L. Triennale in Scienze motorie C.d.L. Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività motorie preventive e adattate C.d.L. Triennale in Scienze motorie C.d.L. Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività motorie preventive e adattate REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO FORMATIVO E DI STAGE Il presente Regolamento

Dettagli

Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO DELLE PROVE FINALI PER I CORSI DI LAUREA EX DM 270/04 (Approvato CDF 9-3-2011) 1. Riferimenti normativi. 1.1. Decreto Ministeriale 22-10-2004 n. 270, art. 10 (Obiettivi ed attività

Dettagli

Regolamento della Prova Finale di Laurea Magistrale

Regolamento della Prova Finale di Laurea Magistrale Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Regolamento della Prova Finale di Laurea Magistrale (Approvato CdF 13-6-2012) 1. Elaborazione della tesi e presentazione del titolo 1.1 La prova

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Area Didattica e Orientamento Facoltà di Studi Umanistici Ufficio Tirocini

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Area Didattica e Orientamento Facoltà di Studi Umanistici Ufficio Tirocini UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Area Didattica e Orientamento Facoltà di Studi Umanistici Ufficio Tirocini Corsi di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche Corso di Laurea Specialistica in Psicologia

Dettagli

REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE SCUOLA DELLE SCIENZE UMANE E DEL PATRIMONIO CULTURALE Corso di studi: Teatro cinema e spettacolo multimediale REGOLAMENTO DEI TIROCINI DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE GENERALITÀ. ATTIVAZIONE E SVOLGIMENTO

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Al Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Brescia

Al Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Brescia Marca da bollo da 14,62 DOMANDA DI DISCUSSIONE TESI DI LAUREA CORSI DI LAUREA QUADRIENNALE V.O. ECONOMIA Al Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Brescia I/la sottoscritto/a Matr. recapito telefonico/cellulare:

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA NORME PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA DI LAUREA MAGISTRALE PRESSO IL DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, DEGLI ALIMENTI E DELL AMBIENTE A) ESAME DI LAUREA Art. 1 Ammissione

Dettagli

AVVISO PER I LAUREANDI DELLA SESSIONE AUTUNNALE a.a. 2014/2015

AVVISO PER I LAUREANDI DELLA SESSIONE AUTUNNALE a.a. 2014/2015 FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA, LINGUE E BENI CULTURALI Segreteria studenti SPORTELLO UNICO Edificio Sperimentale Via Calasso 3/A I 73100 Lecce F +39 0832 295400 E maria.cozza@unisalento.it E cinzia.desimone@unisalento.it

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE, DEGLI ALIMENTI E DELL AMBIENTE NORME PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA DI LAUREA DI I LIVELLO A) ESAME DI LAUREA Art. 1 Ammissione Lo studente

Dettagli

AVVISO PER I LAUREANDI DELLA SESSIONE ESTIVA a.a. 2014/2015

AVVISO PER I LAUREANDI DELLA SESSIONE ESTIVA a.a. 2014/2015 " FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA, LINGUE E BENI CULTURALI Segreteria studenti SPORTELLO UNICO AVVISO PER I LAUREANDI DELLA SESSIONE ESTIVA a.a. 2014/2015 Edificio Sperimentale Via Calasso 3/A I 73100 Lecce

Dettagli

Gestione Tesi Online

Gestione Tesi Online Gestione Tesi Online Guida docente Versione 2.0 Autore Gruppo di lavoro Esse3 Stato Approvato Fase Sperimentazione Revisore Prof. V. Auletta Data 07/03/2016 Distribuito a: Docenti dell Ateneo Sommario

Dettagli

Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari

Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari 1 Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari 1) Tipologia A conclusione del Corso di studio, gli studenti sono tenuti a sostenere un esame finale che consiste nella discussione

Dettagli

OFFERTE DI TU/STAGE E MODALITA DI ACCESSO Consultando il sito http://www.polimi.it/stage si potranno avere tutte le informazioni.

OFFERTE DI TU/STAGE E MODALITA DI ACCESSO Consultando il sito http://www.polimi.it/stage si potranno avere tutte le informazioni. TIROCINIO UNIVERSITARIO (TU) Il TU fa parte del curriculum didattico e comporta l acquisizione di un predeterminato numero di crediti. Per il Corso di Laurea in Ingegneria Informatica, AA. 2006/7, i crediti

Dettagli

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale REGOLAMENTO PER I TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO E GLI STAGE (approvato nella seduta 9 luglio 2013) Art. 1 Scopo Il presente

Dettagli

A.A. 2016/2017 PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE

A.A. 2016/2017 PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE A.A. 2016/2017 PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE Economia aziendale Classe 84/S, Economia aziendale e management Classe LM- 77, Economia aziendale quadriennale Giurisprudenza Classe LMG/01,

Dettagli

6 - LAUREANDI. 2. Quali sono le scadenze entro le quali devo presentare la documentazione per l ammissione all esame di laurea?

6 - LAUREANDI. 2. Quali sono le scadenze entro le quali devo presentare la documentazione per l ammissione all esame di laurea? 6 - LAUREANDI 1. Quali sono le sessioni previste per l esame di laurea? Le sessioni sono quattro; quella estiva che si svolge nel mese di Luglio, la 1^ autunnale con sedute nel mese di Ottobre, la 2^ autunnale

Dettagli

Guida per la compilazione on line del. modulo di assegnazione dell elaborato finale

Guida per la compilazione on line del. modulo di assegnazione dell elaborato finale Guida per la compilazione on line del modulo di assegnazione dell elaborato finale 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. INSERIMENTO MODULO ASSEGNAZIONE ELABORATO FINALE / TESI... 4 2. FAQ...13 2 INTRODUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO INERENTE LA TESI DI LAUREA, L ESAME FINALE DI LAUREA,

REGOLAMENTO INERENTE LA TESI DI LAUREA, L ESAME FINALE DI LAUREA, LE MODALITA' DI SVOLGIMENTO DEL LABORATORIO DI TESI DI LAUREA del Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura U.E. Nuovo Ordinamento CdCS del 20-10-2010, 03-11-2010, 10-11-2010,

Dettagli

REGOLAMENTO TESI DI LAUREA E DI DIPLOMA UNIVERSITARIO (approvato nel CF del 14/03/2007 in vigore dalla sessione di laurea di novembre 2007)

REGOLAMENTO TESI DI LAUREA E DI DIPLOMA UNIVERSITARIO (approvato nel CF del 14/03/2007 in vigore dalla sessione di laurea di novembre 2007) REGOLAMENTO TESI DI LAUREA E DI DIPLOMA UNIVERSITARIO (approvato nel CF del 14/03/2007 in vigore dalla sessione di laurea di novembre 2007) CAPO 1 - LA PROVA FINALE Art. 1.1 Sintesi La prova finale consiste

Dettagli

ISTRUZIONI PER EFFETTUARE LA DOMANDA DI CONSEGUIMENTO TITOLO

ISTRUZIONI PER EFFETTUARE LA DOMANDA DI CONSEGUIMENTO TITOLO ISTRUZIONI PER EFFETTUARE LA DOMANDA DI CONSEGUIMENTO TITOLO Fasi della procedura e tempistica Per la presentazione della domanda di ammissione alla prova finale, gli studenti devono eseguire le attività

Dettagli

Regolamentazione delle Tesi di laurea per il CdL in Scienze della Formazione Primaria

Regolamentazione delle Tesi di laurea per il CdL in Scienze della Formazione Primaria Regolamentazione delle Tesi di laurea per il CdL in Scienze della Formazione Primaria 1. Alcune norme per lo svolgimento della tesi di laurea del CdL in Scienze della Formazione primaria (Ordinamento previgente)

Dettagli

Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Giurisprudenza

Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Giurisprudenza Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Giurisprudenza Regolamento per la prova finale dei corsi di laurea triennali (approvato nella seduta del Consiglio del Dipartimento di Giurisprudenza del

Dettagli

TITOLO DEFINITIVO DELLA TESI DI LAUREA

TITOLO DEFINITIVO DELLA TESI DI LAUREA Marca da bollo da 14,62 DOMANDA DI DISCUSSIONE TESI DI LAUREA CORSI DI LAUREA QUADRIENNALE V.O. ECONOMIA Al Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Brescia I/la sottoscritto/a Matr. recapito telefonico/cellulare:

Dettagli

TFA - Tirocinio Formativo Attivo VADEMECUM PROVA FINALE a.a. 2014/2015

TFA - Tirocinio Formativo Attivo VADEMECUM PROVA FINALE a.a. 2014/2015 TFA - Tirocinio Formativo Attivo VADEMECUM PROVA FINALE a.a. 2014/2015 SOMMARIO 1. SCADENZE 2 2. CARATTERISTICHE DELLA PROVA D ESAME FINALE 2 3. SCELTA ED ASSEGNAZIONE DEL RELATORE 2 4. CARATTERISTICHE

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano a Stranieri.

ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano a Stranieri. REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER DI I LIVELLO IN DIDATTICA DELL ITALIANO A STRANIERI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano

Dettagli

REGOLAMENTO - TESI DI LAUREA Valido per: CDL QUINQUENNALE IN ARCHITETTURA (VECCHIO ORDINAMENTO) Articolo 1

REGOLAMENTO - TESI DI LAUREA Valido per: CDL QUINQUENNALE IN ARCHITETTURA (VECCHIO ORDINAMENTO) Articolo 1 REGOLAMENTO - TESI DI LAUREA Valido per: CDL QUINQUENNALE IN ARCHITETTURA (VECCHIO ORDINAMENTO) INTRODUZIONE Articolo 1 Il Corso di laurea si conclude con la presentazione e discussione di una tesi progettuale,

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli. Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli. Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Manifesto degli studi Anno Accademico 2014-2015 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE INFERMIERISTICHE

Dettagli

DOMANDA DI LAUREA VECCHIO ORDINAMENTO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

DOMANDA DI LAUREA VECCHIO ORDINAMENTO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT Pag 1 di 5 Marca da bollo Valore vigente AL MAGNIFICO RETTORE dell'università degli Il/La sottoscritto/a matr. nato/a a prov. il residente in via comune prov CAP telefono fisso cellulare e-mail personale

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA Marca da bollo da 16,00 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT CORSI DI LAUREA QUADRIENNALE V.O. Al Magnifico Rettore dell'università degli Studi di Brescia Il/la

Dettagli

#IomiLaureo Guida alle procedure per la laurea

#IomiLaureo Guida alle procedure per la laurea #IomiLaureo Guida alle procedure per la laurea Cosa fare in Segreteria Studenti: Domanda di Laurea Modulo Come Quando Allegati BARI FOGGIA TARANTO www.poliba.it Didattica Servizi di Segreteria Modulistica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE (classe L-19 Scienze dell educazione e della formazione)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

CALENDARIO ATTIVITA DIDATTICA A.A. 2015/2016 L articolazione del calendario si inquadra in un modello organizzativo delle attività didattiche

CALENDARIO ATTIVITA DIDATTICA A.A. 2015/2016 L articolazione del calendario si inquadra in un modello organizzativo delle attività didattiche CALENDARIO ATTIVITA DIDATTICA A.A. 2015/2016 L articolazione del calendario si inquadra in un modello organizzativo delle attività didattiche tendente a favorire l efficacia degli impegni di apprendimento

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA RICHIESTA DELLA PROVA FINALE E DELLA TESI DI LAUREA PER IL DIPLOMA ACCADEMICO DI I e II LIVELLO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA RICHIESTA DELLA PROVA FINALE E DELLA TESI DI LAUREA PER IL DIPLOMA ACCADEMICO DI I e II LIVELLO GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA RICHIESTA DELLA PROVA FINALE E DELLA TESI DI LAUREA PER IL DIPLOMA ACCADEMICO DI I e II LIVELLO Ai sensi dell art. 23 - Prova finale e conseguimento del titolo di studio - del

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM-6 FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN.

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM-6 FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN. MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2013/2014 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Classe LM- FACOLTA SCIENZE MM.FF.NN. 1.ASPETTI GENERALI Il Corso di Laurea Magistrale in Biologia Cellulare

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Norme relative alle attività formative dei Corsi di Laurea in Ingegneria dell informazione per il conseguimento di una migliore conoscenza del mondo del lavoro 1 Tali norme, nella loro versione preliminare,

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE A.A. 2014/2015 Anno Accademico 2014/2015 I ANNO II ANNO III ANNO E2401P - Scienze e tecniche psicologiche (Classe L-24 D.M. 270/2004) Attivato Attivato

Dettagli

Ufficio Mobilità Internazionale Università degli Studi di Milano Bicocca Via Dell Innovazione 10 20126 Milano

Ufficio Mobilità Internazionale Università degli Studi di Milano Bicocca Via Dell Innovazione 10 20126 Milano BANDO DI MOBILITÀ INTERNAZIONALE PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA DI DOPPIA LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE INDUSTRIALI E DI DOPPIA LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SUL TIROCINIO ACCADEMICO TRIENNALE

DOMANDE FREQUENTI SUL TIROCINIO ACCADEMICO TRIENNALE DOMANDE FREQUENTI SUL TIROCINIO ACCADEMICO TRIENNALE Cos è il tirocinio Accademico Pre-lauream? Il tirocinio Accademico è il tirocinio che si svolge durante il corso laurea triennale, serve per acquisire

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE 1. Modalità di svolgimento dell esame di Laurea Magistrale Ai sensi dell art.29, comma 2 del Regolamento Didattico di Ateneo, lo

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE

REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE Art. 1 Esame di Laurea Per essere ammesso a sostenere l Esame di Laurea, lo Studente deve aver seguito tutti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA PROVA FINALE

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA PROVA FINALE II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA NORME PER I LAUREANDI DEI CORSI DI LAUREA E DI LAUREA SPECIALISTICA DELLA II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 2 LIVELLO (Corsi di Laurea Magistrale - D.M. 270/04)) Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale

REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 2 LIVELLO (Corsi di Laurea Magistrale - D.M. 270/04)) Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale CdP 20/04/2012 Int. GdS 20/06/2013 REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 2 LIVELLO (Corsi di Laurea Magistrale - D.M. 270/04)) Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale Cap.1 - Commissioni di

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ESAME DI LAUREA Marca da bollo da 16,00 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT CORSI DI LAUREA SPECIALISTICA/MAGISTRALE Al Magnifico Rettore dell'università degli Studi di Brescia

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello

Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello Art. 1 Principi generali di riferimento 1. Il titolo di Diploma Accademico,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Area di Scienze ed Ingegneria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Area di Scienze ed Ingegneria Regolamento sul riconoscimento dei periodi di studio all estero per i Corsi di Studio dell' TITOLO 1: INFORMAZIONI GENERALI Art. 1 Programmi di Mobilità Internazionale I programmi di mobilità internazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE

REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE Allegato al D.R. n 735 del 2 maggio 2006 REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE 1 CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale

Dettagli

CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO

CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO Approvato dal Consiglio Accademico con delibera n. 4-0 Emanato con decreto del Direttore prot. n. 1425-21/03/2016 SOMMARIO Premessa... 3 Art. 1 - Definizioni...

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Regolamento disciplinante la procedura di attivazione dei tirocini e stage (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 14 marzo 2007) (Approvato dal Consiglio di

Dettagli

Vademecum per i tirocini

Vademecum per i tirocini Vademecum per i tirocini CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN SCIENZE PEDAGOGICHE Approvato dal Consiglio di Dipartimento del 19 maggio 2015 PRESENTAZIONE E

Dettagli

Regolamentazione delle Tesi di laurea

Regolamentazione delle Tesi di laurea Regolamentazione delle Tesi di laurea Vademecum della Commissione Didattica di Facoltà approvato nel Consiglio di Facoltà del 4 novembre 2009 Premessa. Dal Regolamento Didattico d Ateneo sulle prove finali

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame PREMESSA Il documento ha lo scopo di definire e regolamentare le procedure connesse con la prenotazione degli esami on line in fase di prima applicazione.

Dettagli

REGOLAMENTO PROVE FINALI E TESI.

REGOLAMENTO PROVE FINALI E TESI. REGOLAMENTO PROVE FINALI E TESI. Art. 1 - Definizioni 1. Per il conseguimento della Laurea (L) lo studente deve sostenere una prova finale consistente in una discussione su un elaborato scritto relativo

Dettagli

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ART. 1 PRINCIPI GENERALI DI RIFERIMENTO 1. Il titolo

Dettagli

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016 Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale Anno accademico 2015/2016 Delibera Senato Accademico n. 122 del 24 giugno 2015 Procedure e termini relativi

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO SCIENZE DEL FARMACO TIROCINIO PROFESSIONALE REGOLAMENTO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO SCIENZE DEL FARMACO TIROCINIO PROFESSIONALE REGOLAMENTO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO SCIENZE DEL FARMACO TIROCINIO PROFESSIONALE REGOLAMENTO Articolo 1 Scopo e definizione Il tirocinio di pratica professionale ha lo scopo di completare la formazione universitaria,

Dettagli

Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Giurisprudenza Regolamento per la prova finale dei corsi di laurea magistrale/specialistica

Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Giurisprudenza Regolamento per la prova finale dei corsi di laurea magistrale/specialistica Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Giurisprudenza Regolamento per la prova finale dei corsi di laurea magistrale/specialistica (approvato nella seduta del Consiglio del Dipartimento di Giurisprudenza

Dettagli

Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Economia e Giurisprudenza

Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Economia e Giurisprudenza Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Economia e Giurisprudenza Regolamento Didattico del Corsi di Laurea triennale in: Economia aziendale (Classe L 18 Classe delle lauree in Scienze dell'economia

Dettagli

Master Universitario di I livello INGEGNERIA METALLURGICA a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di I livello INGEGNERIA METALLURGICA a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Università degli Studi di Udine Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Udine Master Universitario di I livello INGEGNERIA METALLURGICA a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Corso di Laurea Specialistica in Statistica e Informatica per l Economia e la Finanza Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

DOMANDA Dove posso reperire informazioni riguardanti le modalità di iscrizione e pagamento delle tasse?

DOMANDA Dove posso reperire informazioni riguardanti le modalità di iscrizione e pagamento delle tasse? Come è possibile ottenere informazioni dalla Segreteria Studenti? L Università degli Studi del Sannio aggiorna regolarmente le informazioni disponibili sul sito internet (www.unisannio.it). Informazioni

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA. COMPLEMENTARE (Master PrevManagement)

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA. COMPLEMENTARE (Master PrevManagement) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevManagement) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli