Carta dei servizi. (ultima revisione dicembre 2011)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta dei servizi. (ultima revisione dicembre 2011)"

Transcript

1 Carta dei servizi A d o z i o n e I n t e r n a z i o n a l e (ultima revisione dicembre 2011)

2 L adozione L adozione è l atto giuridico che stabilisce un rapporto di paternità e di maternità fra due adulti e un bambino non nato da loro. Adottare significa dare una famiglia ad un bambino che non l ha più, indipendentemente dal luogo di origine e dal colore della sua pelle. Un bambino che cresce senza genitori corre il rischio di perdere la fiducia in se stesso, nella società e nelle sue istituzioni.

3 INDICE PERCHE UNA CARTA DEI SERVIZI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE PRESENTAZIONE DI RETE SPERANZA ONLUS Chi siamo Cosa intendiamo per adozione Cosa significa adottare un bambino straniero I bambini di cui si occupa Rete Speranza Paesi esteri nei quali RETE SPERANZA è autorizzata ad operare Organizzazione adozioni internazionali Italia I referenti all estero IMPEGNO DI SUSSIDIARIETÀ L ASSISTENZA DI RETE SPERANZA METODOLOGIA DEL PERCORSO ADOTTIVO Informazione preliminare all eventuale conferimento incarico Incontro informativo con gli aspiranti all adozione Conferimento dell incarico Preparazione della coppia Acquisizione della documentazione per la formazione del dossier Deposito del dossier all estero: modalità e tempi Momento in cui occorre revocare la disponibilità all adozione nazionale Iniziative per la gestione dei tempi dell attesa Proposta di adozione e preparazione all incontro con il bambino Preparazione alla partenza Assistenza all estero e incontro con il bambino Le procedure Rientro in Italia Post-adozione COSTI IL TRATTAMENTO FISCALE CAMBIO ENTE PROCEDURE PER LA RESTITUZIONE O LA REVOCA DELL INCARICO

4 PERCHE UNA CARTA DEI SERVIZI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE RETE SPERANZA ONLUS ha redatto questa Carta dei Servizi per l adozione internazionale allo scopo di informare con trasparenza coloro che si rivolgono all ente per conoscerne le modalità operative nelle procedure di adozione internazionale, i progetti di sussidiarietà e cooperazione internazionale. RETE SPERANZA ONLUS, nel perseguire l obiettivo di garantire ai minori il diritto ad una famiglia in cui crescere, opera nella trasparenza sempre garantendo la qualità del proprio lavoro sia per le procedure di adozione internazionale che nel lavoro in loco con progetti di cooperazione internazionale e di sussidiarietà all adozione. Dopo una breve presentazione dell associazione, della sua missione e dei principi secondo i quali opera, verranno elencate procedure, attività e servizi offerti alle coppie che si dichiarano disponibili all adozione internazionale conferendo l incarico a RETE SPERANZA ONLUS. PRESENTAZIONE DI RETE SPERANZA ONLUS Chi siamo Siamo un associazione di ispirazione cristiana, libera, autonoma e aperta a tutti sorta per aiutare i minori del Brasile. Fondata in Italia nel 1988 ed eretta ONLUS nel Abbiamo ottenuto dal Governo italiano l autorizzazione all attività nelle procedure di adozione internazionale nel Tale autorizzazione è stata riconfermata dalla Commissione per le Adozioni Internazionali e, attualmente, RETE SPERANZA ONLUS è iscritta all albo degli enti autorizzati pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 31 ottobre Cosa intendiamo per adozione Quando RETE SPERANZA si costituì - negli anni 80 - andò ad inserirsi in un contesto sociale in cui il rapporto genitore-figlio veniva concepito in gran parte sulla base del vincolo di sangue. L adozione, che di per sé irrideva a tale vincolo, era considerata una sfida. L adozione internazionale poi, mettendo in discussione anche il concetto o meglio il pregiudizio di razza, sembrava poco proponibile. Oggi ci sembra che la società abbia compreso ed accettato che il rapporto padre-figlio, madre-figlio non è a senso unico e non scaturisce con automatismo da un fatto biologico. È il vivere per e il vivere con che crea un rapporto pieno, autentico e naturale anche fra persone di cultura e razza diversa. Siamo persuasi che chiunque si occupi di adozione abbia il dovere di operare partendo dalle attese del minore e si debba sempre porre come suo intermediario, suo interprete e suo scudo. Ciò deve essere valido per noi e per gli operatori dei servizi sociali, per la coppia che si candida come genitore e per gli esperti che ne valutano il grado di maturità così come per i magistrati del Tribunale per i Minorenni che, in Camera di Consiglio, ne decretano o meno l idoneità, così come per i politici che sono chiamati a legiferare. Come RETE SPERANZA quando parliamo di adozione partiamo dal bambino, il cui diritto riteniamo sempre preminente; e quando parliamo di adozione internazionale ci riferiamo soltanto a minori in reale situazione di abbandono, per i quali il bene insostituibile della famiglia non può in alcun modo essere recuperato nell ambito della comunità di origine. Ne consegue che l adozione internazionale, di cui facciamo esperienza da più di vent anni, va intesa come uno degli strumenti disponibili e idonei per restituire ad un innocente, che ne è stato spogliato, il diritto ad avere un futuro, a crescere come persona, attraverso la disponibilità di due adulti che solo lui promuoverà un giorno padre e madre. La differenza di colore o di cultura, di latitudine o di longitudine non impedirà che un bambino nato in una qualsiasi parte del mondo divenga figlio di un uomo e di una donna che vivono agli antipodi. RETE SPERANZA quindi propone l adozione internazionale in Italia come concreto riconoscimento dell uguaglianza di tutti i bambini e del fondamentale diritto alla famiglia come ambiente insostituibile in cui si realizzano le condizioni necessarie per l equilibrato sviluppo del minore. A quest idea si collega un affermazione di principio che ha avuto e mantiene una carica provocatoria: non è solo l atto sessuale del concepimento, non è solo l atto biologico della procreazione a stabilire il rapporto genitore-figlio, ma il vivere insieme nella reciproca quotidiana disponibilità. Per questi motivi, l adesione a RETE SPERANZA non può prescindere da un autentica disponibilità ad accogliere un bambino in situazione di abbandono senza discriminazioni o preclusioni circa il suo Paese di nascita o il colore della sua pelle.

5 Cosa significa adottare un bambino straniero In considerazione dei particolari aspetti e della complessità insita nell adozione di un minore straniero, RETE SPERANZA cerca negli aspiranti genitori adottivi, oltre ad una reale disponibilità affettiva, una sensibilità e apertura tali da offrire la massima garanzia al minore che sarà loro affidato. Non bisogna infatti mai dimenticare né sottovalutare le difficoltà che il bambino straniero incontrerà per ambientarsi in una famiglia diversa da quella d origine e dall Istituto nel quale ha successivamente vissuto. Non sarà solo il bambino a doversi adattare a un mondo nuovo, ma anche i genitori dovranno adattarsi a lui e saper accettare la sua personalità, il suo carattere e la sua storia. L adozione internazionale, suggerita esclusivamente da motivi ideologici, da terapia di coppia o in alternativa al bambino italiano che non si trova, può rappresentare una pericolosa avventura per il bambino e per la famiglia che lo accoglie se quest ultima non sarà passata attraverso una profonda maturazione affettiva dei suoi componenti, che consenta di far diventare figlio un bambino che non è nato da loro e che non gli somiglia né nei tratti somatici, né nel colore della pelle. I bambini di cui si occupa RETE SPERANZA Sono bambini di età compresa tra gli 0 e i 13 anni - in molti casi fratelli - già dichiarati in situazione di abbandono e che vivono in Istituto. Attualmente l autorizzazione della Commissione per le Adozioni Internazionali ci consente di operare in BRASILE e BIELORUSSIA. Ogni bambino ha la sua storia! Le cause che li hanno privati delle cure, del calore e dell affetto delle loro famiglie sono molteplici. A provocare l abbandono concorrono spesso l illegittimità, la disgregazione familiare e sociale, alcuni effetti della povertà e dell ignoranza; ma questi bambini hanno un destino comune: vivere in solitudine nella massa anonima di un orfanotrofio. L abbandono e l istituzionalizzazione, è ormai universalmente riconosciuto, rischiano di togliere al bambino la possibilità di sviluppare in modo armonioso tutte le sue potenzialità, favorendo l insorgere di disturbi del comportamento e del carattere che possono sfociare in forme di asocialità e/o patologia psichica. Più grave ancora è la situazione dei bambini portatori di handicap (esiti di polio, sordità, cardiopatie) che possono essere curati con buoni risultati se inseriti in famiglia, ma che peggiorano notevolmente in assenza di cure. Paesi Esteri nei quali RETE SPERANZA è autorizzata ad operare RETE SPERANZA è autorizzata dalla Commissione per le Adozioni Internazionali ad operare in Brasile e Bielorussia. Delibera 21/2000/AE/AUTCC del : autorizzazione all attività nelle procedure di adozione internazionale in Brasile. Delibera 11/2001/AE/EST/CC del : autorizzazione all attività nelle procedure di adozione internazionale in Bielorussia. Delibera 12/2010/AE/EST/TER del : autorizzazione ambito territoriale macroaree B e C. Delibera 44/2010/AE/AUT/TER del : autorizzazione ambito territoriale Regione Lazio. Organizzazione adozioni internazionali in Italia Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia (Intera macroarea B) Sede di riferimento: Via Vittorio Emanuele, Varedo (MB) Telefono: 0362/ Fax: 0362/ Responsabile sede: Donghi Letizia Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Sardegna (Intera macroarea C) Sede di riferimento: Via XX Settembre, Terni (TR) Telefono: 340/ Responsabile sede: Ferraresi Michela Lazio (Macroarea D) sede di riferimento: Via XX Settembre, Terni (TR) Telefono: 340/ Responsabile sede: Scipioni Clorinda I referenti all estero Brasile: Rappresentante nazionale Alex Nunes de Almeida Bielorussia: Rappresentante nazionale Olga Ganja

6 Nei Paesi con i quali è autorizzata ad operare, RETE SPERANZA ha scelto di privilegiare il rapporto con l Autorità Centrale e, previa verifica, con le istituzioni pubbliche o private che abbiano ottenuto un riconoscimento dalle proprie autorità locali, con i Ministeri e Dipartimenti Pubblici o con la Magistratura minorile. In ogni caso, l attenzione di RETE SPERANZA è quella di aprire e mantenere rapporti con referenti istituzionali che possono fornire ogni tipo di garanzia rispetto alle condizioni di abbandono dei minori e alle procedure seguite per l iter adottivo. Riguardo agli istituti che ospitano i bambini, si tratta di strutture il cui taglio organizzativo varia a seconda delle finalità e della metodologia d intervento; sono comunque situazioni che, al di là di ogni sforzo profuso, spesso possono fornire scarso aiuto nell organizzazione del tempo e delle attività dei minori, così come scarso può essere il riferimento personale e gli stimoli affettivi-educativi di cui, invece, i bambini necessitano. Il rapporto adulti-minori è sovente penalizzato dal numero inadeguato dei primi e, anche laddove risultasse sufficiente non riuscirebbe mai a dare qualitativamente quanto può dare una famiglia. IMPEGNO DI SUSSIDIARIETÀ RETE SPERANZA ONLUS, collabora all estero con partner locali per la realizzazione di progetti di cooperazione secondo il principio di sussidiarietà, che considera l adozione internazionale come l ultima soluzione possibile per il minore dopo aver valutato tutte le possibilità di reinserimento nella famiglia di origine o allargata, oppure in adozione nazionale. Per questo i nostri progetti all estero perseguono due obiettivi: con i corsi professionali aiutiamo le donne ed i ragazzi di basso reddito dando loro una formazione professionale e seguendoli nell inserimento nel mondo del lavoro, e stiamo sviluppando un progetto rivolto in particolare a ragazzi adottabili ma grandi, quindi senza possibilità di essere inseriti nemmeno in una famiglia sostituta straniera, per garantire loro una formazione umana e professionale che li aiuti nell ingresso nel mondo del lavoro una volta che dovranno lasciare l istituto in cui hanno vissuto fino alla maggiore età. L ASSISTENZA DI RETE SPERANZA L assistenza che RETE SPERANZA è in grado di offrire si può così riassumere: informazione sull adozione internazionale e sulle procedure; preparazione della coppia alle problematiche insite nell adozione internazionale; verifica delle concrete prospettive di adozione; accompagnamento della coppia per tutto l iter dell adozione internazionale; preparazione ed integrazione della documentazione predisposta dalla famiglia, spedizione del fascicolo nel Paese d origine del bambino tramite corriere aereo, traduzioni e traduzioni giurate; organizzazione del viaggio; informazioni sul Paese, sulle procedure, sugli adempimenti burocratici da assolvere; assistenza all estero; informazioni su tutto l iter relativo alla pratica d adozione prima e dopo l arrivo del bambino in Italia; attività di sostegno alle famiglie nel periodo dell attesa e dopo l adozione. METODOLOGIA DEL PERCORSO ADOTTIVO Informazione preliminare all eventuale conferimento incarico Il primo contatto avviene telefonicamente o via alle coppie interessate (con o senza decreto di idoneità) che contattano RETE SPERANZA vengono fornite le prime informazioni riguardo l attività relativa all adozione internazionale, con riguardo ai Paesi al momento operativi. Incontro informativo con gli aspiranti all adozione Per le coppie interessate ad approfondire l informazione vengono fissati incontri di conoscenza presso la sede territorialmente competente. I Responsabili delle sedi incontrano le coppie singolarmente arricchendo le informazioni fornite al primo contatto ed analizzando con loro la relazione dei Servizi ed i termini del Decreto di idoneità, con particolare attenzione agli eventuali limiti indicati al fine di verificare l effettiva possibilità di intraprendere il percorso adottivo con RETE SPERANZA. Conferimento dell incarico Il conferimento dell incarico viene accettato esclusivamente dopo l incontro della coppia con i responsabili della sede competente e l approfondimento da parte dell equipe adozioni del contenuto della relazione dei Servizi che ha portato all emissione del Decreto di idoneità; se necessario la coppia verrà convocata per un incontro con la psicologa e il responsabile dell equipe adozioni per entrare nello specifico delle peculiarità della coppia Il conferimento dell incarico comporta l inizio operativo dell iter adottivo e, quindi, il vincolo ad operare esclusivamente con RETE SPERANZA che provvederà ad inoltrare comunicazione del conferimento dell incarico alla Commissione per le Adozioni Internazionali, al Tribunale ed ai Servizi di competenza.

7 Preparazione della coppia Le coppie che hanno conferito incarico a RETE SPERANZA oltre a partecipare ai percorsi definiti più sotto, dovranno, a seguito del deposito del dossier presso l autorità straniera e dell abilitazione della coppia, partecipare ad un corso formativo della durata di un week-end alla presenza della psicologa e di uno o più collaboratori dell equipe adozioni. Il gruppo è formato da un numero di 8/10 coppie e la formazione avviene tramite lavoro attivo, role-playing, simulazioni, stimoli ed attività in sottogruppi. Acquisizione della documentazione per la formazione del dossier Dopo aver verificato che l effettiva disponibilità della coppia possa rispondere alle esigenze dei minori adottabili nei paesi in cui RETE SPERANZA opera, vengono fornite alla coppia tutte le informazioni necessarie per la produzione della documentazione da inviare all estero, dal responsabile della sede che fornisce un dettagliato elenco dei documenti che debbono essere approntati con tutte le istruzioni per una corretta predisposizione del dossier, restando a disposizione per qualsiasi chiarimento necessario. La coppia s impegna a consegnare il dossier dei documenti conforme a quanto richiesto entro 90 giorni dalla consegna dell elenco da parte del responsabile. Una volta pronto il dossier dei documenti, la coppia fissa con il responsabile della sede competente un incontro per un primo controllo dei documenti che verranno inviati alla sede centrale per la verifica definitiva e l invio all autorità straniera del dossier completo e conforme a quanto richiesto. Deposito del dossier all estero: modalità e tempi Il dossier verrà inviato al referente all estero che provvederà alla traduzione di tutti documenti in lingua straniera ed all inoltro alle competenti Autorità Straniere entro e non oltre 90 gg. lavorativi dal suo completamento. Momento in cui occorre revocare la disponibilità all adozione nazionale Al fine di evitare spiacevoli sovrapposizioni di abbinamenti, si richiede di ritirare la disponibilità all adozione nazionale, dopo 6 mesi dall approvazione della documentazione da parte della Ceja di Curitiba, per il Brasile. In caso di convocazione da parte del Tribunale dei Minorenni la coppia è tenuta ad informare RETE SPERANZA prima di recarsi presso il Tribunale, in quanto potrebbe esserci già una proposta di abbinamento da parte delle Autorità straniere non ancora comunicata alla coppia perché in attesa di verifiche sulla documentazione e sullo stato di salute del minore. Iniziative per la gestione dei tempi dell attesa Dare una risposta a chi ci chiede quanto durerà l attesa per arrivare all adozione è estremamente difficile. Compito dell ente, al di là della risposta doverosa ma per forza di cose imprecisa, è rispondere alla necessità di un accompagnamento durante tutto il tempo dell attesa, tempo di fondamentale importanza e di forte valenza anche formativa per sostenere la coppia nel passaggio indispensabile dal bambino (o bambini) desiderato e cercato al bambino straniero che entrerà concretamente a far parte della nuova famiglia. Per questo, pur comprendendo l ansia delle coppie è nostro dovere ricordare che l adozione internazionale richiede tutta una serie di procedure ed un iter burocratico complesso, con tappe da rispettare che hanno tempi non sempre quantificabili; possiamo comunque stimare il tempo medio per la concretizzazione dell adozione in Brasile in 24/30 mesi. Il nostro impegno è di affiancarci alle coppie perché possano prepararsi all adozione internazionale vivendo il tempo dell attesa come occasione di riflessione e trasformazione in vista della migliore accoglienza possibile per il bambino che arriverà. Per questo riteniamo indispensabile che la coppia sia consapevole del lavoro che dovrà fare per rielaborare l immagine del bambino che incontrano inizialmente nella loro fantasia affinché si crei lo spazio, emotivo prima che fisico, per quel bambino particolare ed unico che entrerà a far parte della nuova famiglia. I percorsi di formazione/sostegno per le coppie in attesa di adozione internazionale con RETE SPERANZA comprendono cicli di serate informative, incontri conviviali, momenti di confronto e condivisione con coppie che hanno già adottato, feste, e sono programmati dall equipe adozioni che propone una serie di tematiche che vengono di anno in anno modificate ed arricchite grazie anche agli stimoli ed alle indicazioni che riceviamo proprio dalle coppie coinvolte. La proposta formativa prevede per ogni coppia che conferisce incarico a RETE SPERANZA un percorso-attesa di due anni (indicativamente il tempo d attesa medio). Proposta di adozione e preparazione all incontro con il bambino La proposta di adozione avverrà, tenendo conto delle indicazioni contenute nel decreto di idoneità e di quelle espresse dai professionisti che hanno gestito il corso di preparazione, mediante colloquio con i responsabili adozioni che forniranno tutte le informazioni, in possesso dell ente, riguardanti il/i minore/i. In questa sede verranno valutate, unitamente alla coppia, le possibili difficoltà che potrebbero insorgere conseguentemente alla storia pregressa del/i minore/i. Si precisa che: la coppia è tenuta ad accettare l abbinamento proposto nel caso in cui esso rientri nell intervallo di età individuato in fase di presentazione del dossier dei documenti e rispetti le disponibilità sottoscritte dalla coppia. il rifiuto immotivato dell abbinamento di uno o più minori, che rispecchino i criteri definiti con la coppia, sarà motivo di segnalazione alla Commissione per le Adozioni Internazionali e della restituzione dell incarico. nell ipotesi che l Autorità straniera proponga abbinamenti di più minori fratelli a diverse coppie adottive e che tale proposta venga accettata dagli interessati, i medesimi si dovranno impegnare a mantenere contatti tra i fratelli. RETE SPERANZA non si assume responsabilità per eventuali patologie del minore (fisiche, psicologiche o psichiatriche) non segnalate al momento dell abbinamento. Nell ipotesi di minori con patologie, l eventuale non accettazione della proposta di abbinamento non sarà considerata come rifiuto; verrà invece restituito l incarico qualora la coppia non portasse a termine l adozione dopo aver accettato

8 l abbinamento. Preparazione alla partenza Prima della partenza le coppie parteciperanno ad un incontro presso la sede centrale con il responsabile adozioni che rinnoverà le informazioni sull iter adottivo del paese estero, sulla logistica, ivi compresa quella inerente ai voli aerei A/R, e sull assistenza che sarà fornita dall organizzazione all estero. Assistenza all estero e incontro con il bambino RETE SPERANZA con i propri referenti garantisce il seguente sostegno alle coppie adottive: rappresentare legalmente la coppia davanti alle Autorità, espletando le pratiche burocratiche e legislative e presentando il fascicolo per l istanza di adozione internazionale accogliere dalle istituzioni preposte la proposta di abbinamento richiedere, se necessario e possibile, approfondimenti clinici e quant altro indispensabile per accertare lo stato di salute del/i minore/i organizzare gli eventuali trasferimenti interni coordinare ed accompagnare la coppia all incontro con il/i minore/i sostenere la coppia nell avvicinamento al/i minore/i organizzare un assistenza appropriata per fronteggiare eventuali momenti di crisi, ivi compresa la possibilità di effettuare esami, visite e trattamenti medici, sempre sotto la supervisione del referente all estero che dovrà essere puntualmente informato delle richieste della coppia in tal senso accompagnare la coppia agli incontri istituzionali ai quali sarà convocata dalle Autorità produrre la documentazione necessaria da inoltrare alla Commissione per le Adozioni Internazionali per il rilascio dell Autorizzazione all Ingresso del/i minore/i accompagnare la coppia presso la Rappresentanza italiana all estero per lo svolgimento delle pratiche conclusive per il rientro in Italia Resta inteso che durante il soggiorno all estero la coppia, avendo conferito l incarico per la procedura di adozione internazionale a RETE SPERANZA, è tenuta ad informare preventivamente il referente all estero di qualsiasi azione intenda intraprendere nei confronti del/i bambino/i che, per tutto il periodo di convivenza all estero, non sono ancora figli ma sono stati loro affidati dall autorità straniera. Le indicazioni date di volta in volta del referente, in pieno accordo con RETE SPERANZA e nel rispetto delle norme e delle indicazioni dell autorità straniera, devono essere rispettate dalla coppia per la corretta prosecuzione dell iter adottivo. Le procedure BRASILE Tempo di permanenza: 40/45 giorni Alloggiamento: in alloggi a Curitiba di proprietà di RETE SPERANZA, anche se il Tribunale di competenza è situato a 500/600 Km di distanza dalla capitale. Non è mai previsto l utilizzo di strutture alberghiere. Costi: la pratica dell adozione non prevede nessun costo. Nessun avvocato/procuratore interviene nelle nostre pratiche di adozione. I costi sono, invece, da attribuire alle spese dirette. L intera operazione raggiunge la quota indicativa di / Euro, così suddivisa: quota per traduzione documenti (da italiano a portoghese poi da portoghese a italiano, e infine per le relazioni semestrali durante il primo periodo di inserimento in Italia, come richiesto dall autorità straniera), quota per affitto delle nostre strutture, quota per biglietti aerei, quota per spese di gestione dell ente, quota per gli incaricati di RETE SPERANZA in Brasile e, infine, quota di partecipazione per i corsi formativi in Italia. Documentazione: la documentazione da presentare per essere approvata dalla C.E.J.A. (Commissione Statale Giudiziaria per Adozioni) in Brasile, è composta da: certificato di idoneità e relazione psico-sociale rilasciate dal tribunale italiano, domanda di iscrizione alla C.E.J.A., certificato di buona salute psico-fisica, certificato di matrimonio, certificato penale (solo casellario giudiziario), copia autenticata dei passaporti, certificato di stato famiglia (solo se ci sono figli), scheda illustrativa della coppia, una serie di fotografie della coppia e dell abitazione, un album fotografico di presentazione al bambino che gli verrà consegnato ad abbinamento concluso, prima dell arrivo dei genitori dall Italia. BIELORUSSIA Alla fine del 2004, la Bielorussia ha sospeso le adozioni internazionali annullando tutti i certificati di adottabilità già emessi per minori bielorussi. Da allora vengono richiesti direttamente dal Ministero bielorusso i documenti necessari per riaprire pratiche di adozioni nominali presentate dalle coppie italiane in carico agli enti autorizzati prima del blocco.

9 Quindi, attualmente e fino a nuova comunicazione, RETE SPERANZA non accetta conferimenti d incarico per l adozione di minori bielorussi. Rientro in Italia I responsabili adozioni, che sono rimasti in collegamento telefonico/informatico con la coppia e con il referente estero durante l iter adottivo, provvedono a raccogliere le eventuali osservazioni e, quando necessario, concordano con la psicologa un immediato sostegno, anche in collaborazione con i Servizi. Post-adozione RETE SPERANZA, al fine di ottemperare tassativamente nei tempi e nelle modalità concordate con le Autorità straniere, comunica (contestualmente all invio della richiesta di autorizzazione all ingresso della famiglia in Italia alla Commissione Adozioni Internazionali di Roma) alla coppia ed ai Servizi Sociali competenti territorialmente le scadenze fissate per la consegna delle relazioni e del materiale necessario alla formazione dei dossier richiesti dall Autorità straniera. Dopo circa 3 o 4 mesi dal rientro in Italia la coppia verrà convocata ad un incontro con l equipe adozioni e gli psicologi presso la sede di riferimento per un aggiornamento sul percorso della famiglia e per fissare una visita domiciliare dell equipe adozioni. Per la formazione dei dossier post-adozione verranno utilizzate, se disponibili, le relazione redatte dai Servizi Sociali, altrimenti la coppia concorderà con i professionisti presso le sedi di RETE SPERANZA un percorso per la stesura degli aggiornamenti richiesti dall autorità straniera. Dato che siamo convinti dell importanza di proseguire il percorso formativo anche dopo l adozione, programmiamo per le coppie che già hanno adottato un percorso post-adozione di due anni (periodo per il quale l autorità straniera richiede relazioni sull inserimento del minore in famiglia) nel corso del quale continuano i cicli di serate informative, incontri conviviali, momenti di confronto e condivisione con coppie che sono in attesa di adozione, feste. Gli argomenti di questi incontri, programmati dall equipe adozioni vengono concordati di anno in anno con le coppie coinvolte anche in base alle diverse esigenze e richieste. COSTI - Costi Italia Al momento del conferimento dell incarico la coppia dovrà versare 1.000,00 (mille,00 euro) Nell importo sono comprese le seguenti spese: tutti gli incontri formativi organizzati da RETE SPERANZA nel corso dell iter adottivo, per i primi due anni dal conferimento d incarico e per i primi due anni dopo il rientro in Italia. spese segreteria e/o di gestione RETE SPERANZA il costo della spedizione e traduzione della documentazione iniziale Nell importo non sono comprese le seguenti spese: eventuali incontri con la psicologa richiesti dalla coppia o ulteriori relazioni psicologiche integrative spese per le legalizzazioni dei documenti ulteriori spese di spedizione dei documenti non ricomprese in quelle necessarie alla formazione del fascicolo in Italia COSTI - Costi estero Al momento della partenza la coppia dovrà versare l importo totale previsto. Nella quota sono comprese: spese per l referente all estero spese per l interprete spese per l accompagnatore spese di viaggio e soggiorno spese di autentica dei documenti richieste nel Paese d origine del minore spese di traduzione della documentazione spese per passaporto, visti ecc. Nell importo non sono comprese: spese per trasferimenti spese di mantenimento del/dei minori ove richieste dal Paese d origine spese per accertamenti medici ed esami clinici spese per l interprete se utilizzato fuori dai momenti istituzionali Gli importi relativi ai Costi Italia e ai Costi Estero restano invariati nel caso si proceda all adozione di due o più minori contemporaneamente. Costi post adozione Prima della partenza dovranno essere anticipate le spese inerenti l invio e la traduzione dei dossier post-adozione che comprendono le relazioni post-adozione ed il Decreto di trascrizione del provvedimento straniero, richieste dai Paesi d origine dei minori come da impegno assunto con le Autorità Straniere. Brasile: 4 relazioni a cadenza semestrale per i due anni successivi all adozione. Bielorussia: 5 relazioni annuali per i cinque anni successivi all adozione. Il costo di 150,00 per ogni dossier, è relativo all invio, alla traduzione ed al deposito presso l autorità straniera dei dossier. Se fosse necessario avvalersi del lavoro degli psicologi che collaborano con Rete Speranza, in mancanza di relazioni stese dagli operatori dei Servizi Sociali, il costo

10 dipenderà dal percorso stabilito di volta in volta a seconda delle esigenze della coppia. IL TRATTAMENTO FISCALE Tra le novità introdotte dalla nuova legge 476/98, è anche previsto che il 50% delle spese sostenute dai genitori adottivi per l espletamento della procedura d adozione possa essere dedotto dalla dichiarazione dei redditi. La normativa fiscale in materia di oneri deducibili derivanti dall espletamento delle procedure per l adozione internazionale è contenuta nell articolo 10 comma 1 lettera I bis del T.U.I.R. così come modificato dall art. 4 della legge 476/98. L articolo 31 comma 3 della citata legge, prevede che sia l Ente Autorizzato a dover certificare nell ammontare complessivo tali spese. Al fine di poter rendere più semplice il lavoro di certificazione e nel contempo offrire un adeguata assistenza, è fondamentale custodire gli originali dei giustificativi di tutte le spese sostenute. Per quanto riguarda le ricevute d avvenuto pagamento, RETE SPERANZA emetterà esclusivamente quelle riguardanti gli importi direttamente bonificati all associazione. Le spese che la famiglia dovrà affrontare nel corso dell adozione internazionale potranno essere asseverate da RETE SPERANZA esclusivamente dietro presentazione di giustificativi di spesa che dovranno essere rimessi entro e non oltre 40 gg. dal rientro in Italia. CAMBIO ENTE La coppia che intenda conferire incarico a RETE SPERANZA a seguito di revoca di precedente conferimento ad altro ente, dovrà, documentare e l avvenuta revoca dimostrando di aver reso edotti l ente di provenienza, la Commissione per le Adozioni Internazionali, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi di competenza. PROCEDURE PER LA RESTITUZIONE O LA REVOCA DELL INCARICO La coppia che intenda formalizzare la revoca dell incarico dovrà far pervenire detta volontà in forma scritta a mezzo raccomandata A.R. provvedendo ad informare contemporaneamente la Commissione per le Adozioni Internazionali, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi di competenza. Alla coppia è vietato prendere contatti diretti, epistolari o telefonici, o tramite intermediari, con i referenti esteri e/o le Autorità straniere allo scopo di interferire nella pratica adottiva. L eventuale inosservanza comporterà la segnalazione alla Commissione per le Adozioni Internazionali e la restituzione dell incarico. Per un approfondimento delle tematiche legate all adozione, la coppia si impegna a: partecipare al corso di formazione partecipare a tutti gli incontri, conferenze, riunioni di gruppo, organizzate da RETE SPERANZA a scopo informativo e formativo per l adozione sino al termine dell iter adottivo. L inosservanze delle citate indicazioni potrà essere causa di restituzione dell incarico. Il rifiuto dell abbinamento di uno o più minori, che rispecchino i criteri definiti con la coppia, sarà motivo di segnalazione alla Commissione per le Adozioni Internazionali e della restituzione dell incarico. Qualora la coppia non portasse a termine l adozione dopo aver accettato l abbinamento verrà restituito l incarico.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE DELL ENTE. (aggiornamento 28.10.2011)

CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE DELL ENTE. (aggiornamento 28.10.2011) CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI (aggiornamento 28.10.2011) PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento che fornisce le informazioni fondamentali per le coppie che si rivolgono

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Enti Autorizzati per l'adozione internazionale: istruzioni per l'uso

Enti Autorizzati per l'adozione internazionale: istruzioni per l'uso Sezione di Parma e Reggio Emilia Enti Autorizzati per l'adozione internazionale: istruzioni per l'uso Sant Ilario d Enza 26.02.13 UNA INDISPENSABILE PREMESSA L'istituto dell'adozione ha per fine quello

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli

ASSOCIAZIONE AMICI DI DON BOSCO Onlus Sede legale: Via Maria Ausiliatrice, 32 10152 Torino Tel. +39/011.3990102 Fax +39/011.

ASSOCIAZIONE AMICI DI DON BOSCO Onlus Sede legale: Via Maria Ausiliatrice, 32 10152 Torino Tel. +39/011.3990102 Fax +39/011. ASSOCIAZIONE AMICI DI DON BOSCO Onlus Sede legale: Via Maria Ausiliatrice, 32 10152 Torino Tel. +39/011.3990102 Fax +39/011.3990196 E-mail: info@amicididonbosco.org Sito Web: www.amicididonbosco.org Cod.

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO

ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO 1 ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO Premessa La Convenzione dell Aja (1993) riconosce che l adozione internazionale può offrire l'opportunità di dare una famiglia permanente

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali. Assessorato Regionale alle Politiche Sociali

Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali. Assessorato Regionale alle Politiche Sociali Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali Assessorato Regionale alle Politiche Sociali Normativa Legge 4 Maggio 1983, n.184 Diritto del Minore ad una famiglia Legge 31 Dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO CAPITOLO 1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO CAPITOLO 1 NORME GENERALI Approvato Regolamento del Consiglio dei Ministri Della Repubblica di Belarus N. 122 del 31/01/2007 Sulla procedura dell adozione internazionale e della tutela e curatela internazionale REGOLAMENTO CAPITOLO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire

CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire informazioni dettagliate circa gli interventi offerti dall ente. L obiettivo della

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA Esente da bollo ai sensi art. 8 Legge 266/91 Comune di Russi (Provincia di Ravenna) Prot. n. Rep. n. CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA Periodo: dal

Dettagli

ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI. La carta dei servizi è un utile strumento volto a

ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI. La carta dei servizi è un utile strumento volto a ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire informazioni dettagliate circa gli interventi o della Carta dei Servizi è quello di

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

Sull adozione internazionale

Sull adozione internazionale I vostri figli non sono figli vostri: sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. Nascono per mezzo di voi e tuttavia non vi appartengono Dimorano con voi e tuttavia non Vi appartengono. Potete

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

Carta dei Servizi. Carta dei Servizi - Sezione IV: Adozione Internazionale. Adozione Internazionale. Chi Siamo. Che cosa facciamo

Carta dei Servizi. Carta dei Servizi - Sezione IV: Adozione Internazionale. Adozione Internazionale. Chi Siamo. Che cosa facciamo Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Cooperazione allo Sviluppo Dove Siamo Centro Studi Adozione Internazionale Ultimo aggiornamento Marzo 2014 Sez.IV - 1 /21 Indice Indice... 2

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali COMITATO MINORI STRANIERI Il Comitato per i minori stranieri, nella seduta del 14 marzo 2005, ha modificato le Disposizioni generali che stabiliscono i criteri

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA AVVISO DI SELEZIONE PER CONFERIMENTO INCARICO DI SERVIZI ATTINENTI L INGEGNERIA E L ARCHITETTURA DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 EURO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Carta dei Servizi. Carta dei Servizi - Sezione IV: Adozione Internazionale. Adozione Internazionale. Chi Siamo. Che cosa facciamo

Carta dei Servizi. Carta dei Servizi - Sezione IV: Adozione Internazionale. Adozione Internazionale. Chi Siamo. Che cosa facciamo Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Cooperazione allo Sviluppo Dove Siamo Servizi alle Famiglie Adozione Internazionale Ultimo aggiornamento Novembre 2015 Sez.IV - 1 /22 Indice

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI

CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI C onoscenza R esponsabilità E quità A ppartenenza R elazione E ccellenza S icurezza A mbiente L egalità U manità T rasparenza E fficienza CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI Premessa La Carta del Servizio Adozioni

Dettagli

Le nuove Linee di Indirizzo Regionale (LIR) per lo studio di coppia finalizzato alla valutazione e all'accompagnamento per l'idoneità all'adozione

Le nuove Linee di Indirizzo Regionale (LIR) per lo studio di coppia finalizzato alla valutazione e all'accompagnamento per l'idoneità all'adozione Le nuove Linee di Indirizzo Regionale (LIR) per lo studio di coppia finalizzato alla valutazione e all'accompagnamento per l'idoneità all'adozione Nel 2012 la Regione Toscana ha coinvolto un gruppo di

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo 1. Informazione preliminare all eventuale conferimento incarico. Il primo approccio al GVS avviene di solito per telefono: la coppia è invitata

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE LA CASA RIFUGIO Finalità La Casa Rifugio è una struttura nella

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS C A R T A D E I S E R V I Z I La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire informazioni dettagliate circa gli interventi che vengono realizzati dall

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale Codice deontologico per l attività di Adozione Internazionale Gli Enti Autorizzati firmatari del presente documento nel rispetto della Convenzione de L Aja del 1993 in materia di adozione internazionale,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Anna Maria Colella 1

Anna Maria Colella 1 Anna Maria Colella 1 L Agenzia regionale per le adozioni internazionali Regione Piemonte: Il primo servizio pubblico iscritto nell albo degli enti autorizzati (Legge N. 476/98, Art. 39 bis) Sommario: 1.

Dettagli

ANPAS Pubbliche Assistenze Toscane Regolamento Formazione Perché iniziare un regolamento, che si presenta principalmente come strumento tecnico per disciplinare una serie di attività, con la parola Etica?

Dettagli

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento. Principi generali 1. Il Comune di Melegnano riconosce e

Dettagli

Che cosa è l Affidamento?

Che cosa è l Affidamento? Che cosa è l Affidamento? L affidamento,, diversamente dall adozione adozione, è l accoglienza temporanea nella propria casa di un bambino o di un ragazzo. A Torino esiste sin dal 1976,, a livello nazionale

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Anno Accademico 2014/2015 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA Il presente bando - finanziato dall UniMoRe

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA E RELAZIONI PUBBLICHE

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA E RELAZIONI PUBBLICHE Pagina 1 di 5 Documento PER L EFFETTUAZIONE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA E PER Rev. Data Oggetto della revisione 1 01.12.11 1a emissione. Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 9 del 16/01/2012

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE Legge 184/83 E la prima normativa specifica che disciplina l adozione e l affidamento dei minori. Legge 28 marzo 2001 n.149 Disciplina dell adozione

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI

CARTA DEI SERVIZI PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento che fornisce le informazioni fondamentali per le coppie che si rivolgono al Centro Aiuti per l Etiopia per poter intraprendere

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania

Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Approvazione avviso con procedura di valutazione comparativa ex art. 7 comma 6 del D.Lgs. 165/2001 per il conferimento di n.1 incarico

Dettagli

Per adottare. Informazioni per le famiglie

Per adottare. Informazioni per le famiglie Per adottare Informazioni per le famiglie L adozione tutela il diritto dei bambini in stato di abbandono di essere accolti all interno di nuclei familiari che rispondano adeguatamente ai loro bisogni fisiologici

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE 2000 Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 86 del 29 settembre ARTICOLO 1 - RIFERIMENTI LEGISLATIVI L affido è disposto dal Comune, o chi da esso delegato, in

Dettagli

Il Servizio Alto Adige

Il Servizio Alto Adige Il Servizio Adozioni Alto Adige Da giugno del 2010 è attivo il Servizio Adozioni Alto Adige gestito dall Azienda Servizi Sociali di Bolzano che, su delega della Provincia Autonoma di Bolzano, garantisce

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO CHE COS È È un programma di mobilità che permette ai giovani di impegnarsi nel volontariato in un paese diverso da quello di residenza per un periodo non superiore ai 12 mesi.

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce Premessa (SCAMBI EDUCATIVI INDIVIDUALI) ESPERIENZE EDUCATIVE ALL ESTERO Le norme che regolano le Esperienze educative all Estero (gli scambi scolastici) sono poche e, in ogni caso, la premessa da tener

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida Via Brogeda, 21 22100 Como Tel. 031.541180/Fax 031.532927 comprensivocomonord@tiscali.it MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida A cura del Gruppo di Lavoro per l integrazione degli alunni diversamente

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12)

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12) 1 «Jacopo Barozzi» REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12) Art. 1 FINALITA I viaggi di istruzione devono scaturire

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura SETTORE e Area di intervento: Assistenza Minori ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO: Contribuire a migliorare le condizioni

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI SELEZIONE PER TITOLI PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO ESTERNO DI ASSISTENTE SOCIALE

AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI SELEZIONE PER TITOLI PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO ESTERNO DI ASSISTENTE SOCIALE AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI SELEZIONE PER TITOLI PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO ESTERNO DI ASSISTENTE SOCIALE (contratto di collaborazione continuativa) IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA C.A.P. 55011 tel. 0583 / 216455 c.f. 00197110463 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per affidamento incarico del servizio di brokeraggio assicurativo 1 INDICE ART.1 Oggetto

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI PREPARAZIONE PER LE COPPIE ASPIRANTI ALL ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE

LINEE DI INDIRIZZO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI PREPARAZIONE PER LE COPPIE ASPIRANTI ALL ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE ALLEGATO E) LINEE DI INDIRIZZO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI PREPARAZIONE PER LE COPPIE ASPIRANTI ALL ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE A) Premessa La legge n. 184/1983, così come modificata dalla

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA

CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA L Ordine dei farmacisti è un Ente pubblico non economico ausiliario dello Stato, sotto la vigilanza di alcuni Ministeri. Rappresenta tutti i farmacisti

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI Art. 1 premessa Art. 2 finalità e obiettivi del Servizio Art. 3 modalità e definizioni Art. 4 requisiti e Banca dati delle famiglie

Dettagli

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi edizione anno 2011/2012 Presentazione della Cooperativa Sociale A.S.A.R. A.S.A.R Coop. Sociale Via Principe Nicola, 123 Catania Tel / Fax 095-533980 Cell. 3389273899

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 Presentazione dell Associazione La Cascina La nostra storia inizia nel 1982 dall incontro di alcune persone che -come cittadini e volontari- hanno cercato risposte plausibili

Dettagli

art. 1 Finalità e ambito di applicazione

art. 1 Finalità e ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÁ VOLONTARIA CON AZIENDE DEL COMPARTO SANITA E CON AMMINISTRAZIONI DI COMPARTI DIVERSI. PERSONALE DIRIGENTE E NON DIRIGENTE (approvato con deliberazione n. 185

Dettagli

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali PROVINCIA DI POTENZA Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali Protocollo d Intesa tra : Provincia di Potenza - Tribunale per i Minori- Comuni del territorio provinciale PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni COMUNE DI OLIVETO CITRA Provincia di Salerno Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni Approvato con deliberazione C.C. n. 14 del 26.04.2013 In vigore dal 26.04.2013 1 TITOLO I TITOLO I - ISTITUZIONE

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA (cd. TESTAMENTI BIOLOGICI)

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA (cd. TESTAMENTI BIOLOGICI) REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA (cd. TESTAMENTI BIOLOGICI) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 27.. del 4 maggio 2015 INDICE

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE ANTICIPAZIONI DI CUI ALL ART. 27 DELLO STATUTO DEL FOPEN 1. BENEFICIARI Come previsto dal D.Lgs 124/93 e successive modifiche hanno titolo a richiedere l anticipazione

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli