Informazioni per presentare una domanda d'adozione 3. Procedura d adozione secondo la convenzione dell aia 10

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazioni per presentare una domanda d'adozione 3. Procedura d adozione secondo la convenzione dell aia 10"

Transcript

1

2 Sommario Informazioni per presentare una domanda d'adozione 3 Procedura d adozione secondo la convenzione dell aia 10 Procedura d adozione per i paesi che non hanno firmato la convenzione dell'aia 12 Ricerca origini 16 Bibliografia 17 Alcuni indirizzi web 19 L opuscolo informativo sulle adozioni può essere richiesto anche tramite , al seguente indirizzo: 2

3 Informazioni per presentare una domanda d'adozione L'adozione è l'atto giuridico che stabilisce un rapporto di paternità e maternità fra due adulti e un bambino non nato da loro. Adottare significa dare una famiglia a un bambino che non ce l'ha, fornirgli gli strumenti necessari alla crescita indipendentemente dal luogo di origine e dal colore della sua pelle. Un bambino che cresce senza genitori corre il rischio di perdere la fiducia in se stesso, nella società e nelle sue istituzioni. Sono questi i principi fondamentali, i primi pensieri che devono animare chi prende in considerazione l'idea di adottare un bambino, svizzero o straniero. Un'idea che comporta grande consapevolezza, un'immensa pazienza per quanto riguarda procedure, controlli, attesa. E una certa spesa iniziale soprattutto nei casi dell'adozione internazionale. I Requisiti indispensabili per l'inoltro di una richiesta d'avvio della procedura d'adozione. La domanda può essere inoltrata quando i coniugi sono sposati da 4 anni o quando il coniuge più giovane ha compiuto 34 anni d'età, in nessun caso l'adozione del minore potrà essere pronunciata prima del raggiungimento delle condizioni dell'art. 264a CCS Inoltre in caso di gravidanza, di cura della sterilità o di procreazione assistita in corso non è possibile iniziare una procedura per d'adozione in ragione delle implicazioni psico-sociali. Inoltro della richiesta La richiesta di accertamento dell'idoneità per ottenere l'affidamento di un minorenne in vista di adozione dev'essere inoltrata per iscritto al seguente indirizzo: Ufficio del Tutore Ufficiale Autorità centrale canton Ticino LF-CAA Viale Officina Bellinzona Tel (91) Fax ++41(91) Essa deve contenere le generalità esatte dei richiedenti (vedi l annesso modulo, in fondo a questo fascicolo). Nella fase iniziale è necessario compilare il modulo e procedere all autodichiarazione della propria situazione allegando: o una fotografia recente o copia libretto di famiglia o copia della notifica di tassazione o copia dell'ultimo certificato di salario o il consenso a poter chiedere informazioni 3

4 In seguito prima del rilascio dell autorizzazione provvisoria per accogliere un minore in affidamento preadottivo si dovrà produrre o la biografia personale o il certificato di domicilio o l'estratto dell'ufficio esecuzioni e fallimenti o l'estratto del casellario giudiziale o il questionario medico (certificato) o l'obbligo di mantenimento Per una buona collaborazione con il nostro ufficio è necessario che ogni cambiamento della vostra situazione personale, ambientale, economica e sociale ci venga tempestivamente comunicata La Convenzione dell Aia sull adozione (CAA) del 29 maggio Questa convenzione ha per oggetto: o garanzie in caso di adozioni internazionali (standard minimo) o sistema di cooperazione al fine di assicurare il rispetto di queste garanzie e quindi prevenire la sottrazione, la vendita e la tratta dei minori o riconoscimento reciproco delle adozioni La Legge federale relativa alla Convenzione dell Aia sull adozione (LF-CAA) del 22 giugno 2001 Questa legge definisce i compiti dell autorità centrale cantonali (ACC): o accertamento dell idoneità dei futuri genitori adottivi o decisione matching o eventuale decisione relativa al ritorno nel suo Stato d origine del minore o rilascio del certificato di adozione conforme alla Convenzione e i compiti dell autorità centrale federale (ACF) o trasmissione di incartamenti internazionali o consulenza alle Autorità centrali cantonali nelle questioni giuridiche o rappresentanza della Svizzera verso Autorità centrali estere o istruzione generali sull attuazione della Convenzione o promozione dello scambio di esperienze tra le Autorità centrali cantonali, gli uffici di collocamento in vista d adozione e l Autorità centrale federale o coordinamento in materia d adozione Le modifiche riguardano inoltre il Codice civile svizzero (CCS), l Ordinanza sul collocamento in vista d adozione (OCAdo), l Ordinanza sull accoglimento di minori a scopo di affiliazione di adozione (OAMin) e l Ordinanza sugli emolumenti per le prestazioni in materia d adozione. 4

5 Accertamento dell'idoneità Dando priorità al bene del bambino adottabile, l'idoneità dei richiedenti ad adottare deve essere accertata con adeguate indagini di natura sociale da parte dell'operatore sociale del Servizio, al quale i richiedenti dovranno dare con trasparenza assoluta tutte le informazioni necessarie nel corso di diversi colloqui, sia presso il domicilio che nei nostri uffici. L'indagine riguarderà in particolare l'attitudine a educare il minorenne, la situazione personale e economica, la salute, l'ambiente famigliare, i motivi per i quali hanno desiderio di adottare un minore. L'operatore sociale sentirà inoltre sulla richiesta d'adozione gli ascendenti, in particolare se conviventi, e se esistono i discendenti, (di regola a partire da 12 anni viene chiesto il consenso per scritto). Le motivazioni che hanno spinto i richiedenti ad orientarsi verso l'adozione e la loro idoneità generale, saranno elaborate anche con uno studio psicologico facendo capo a consulenti scelti dal Servizio. Le eventuali relative spese peritali saranno a carico dei richiedenti. Autorizzazione provvisoria per l'affidamento di un minorenne in vista d'adozione Ad indagine positivamente conclusa verrà rilasciata ai richiedenti l'autorizzazione provvisoria per l'affidamento di un minorenne in vista di adozione con una validità di 18 mesi. Nel caso l'attesa si prolungasse oltre questo tempo, i richiedenti dovranno chiedere una proroga con domanda motivata. Durante tutta la procedura sussiste l'obbligo d'informare tempestivamente l'ufficio del Tutore Ufficiale di ogni cambiamento delle condizioni personali, ambientali, economiche e sociali che hanno determinato il rilascio dell'autorizzazione provvisoria, pena la sua nullità. I tempi Anche per i genitori adottivi è necessario un'attesa senz'altro più lunga di quella di una gravidanza. Questi tempi possono essere lunghi, sempre troppo lunghi per l'ansia dei genitori di conoscere, vedere, abbracciare il figlio/la figlia e iniziare con lui il nuovo cammino. Durante questi mesi hanno luogo scambi di documenti, traduzioni, legalizzazioni, iter molto importanti per garantire la legalità della procedura d adozione in modo da mettere al centro per tutte le persone coinvolte il bene del minore. Il viaggio Fatta eccezione per pochissimi paesi che consentono agli enti autorizzati di accompagnare il bambino in Svizzera, i genitori devono partire per un soggiorno nel Paese d'origine del figlio che può variare dalle tre alle dieci settimane, secondo le normative estere. Anche in questo caso è fondamentale l'assistenza dei rappresentanti degli enti, come poi lo è una volta a casa, per superare le difficoltà e permettere che l'adozione abbia uno sviluppo positivo. L'adozione in un Paese della Convenzione dell'aia prevede condizioni particolari da tenere in considerazione. Vi rendiamo attenti sul fatto che il fanciullo non possiede ancora la nazionalità svizzera, bensì quella d origine, per cui dovete verificare se è necessario un visto d entrata per gli eventuali Paesi dove intendete attraversare la dogana. Per esempio se rientrate con il fanciullo dall America latina e avete quale destinazione l aeroporto internazionale di Milano Malpensa dovete presentare il suo visto d entrata per l Italia, necessario per raggiungere la Svizzera. Queste informazioni si possono ottenere al Consolato d Italia a Lugano. 5

6 L'arrivo Non appena il bambino sarà entrato sul nostro territorio, la famiglia dovrà presentare all Ufficio regionale degli stranieri (URS) competente per il proprio luogo di domicilio la domanda di dimora-soggiorno che risulta sul retro della copia dell assicurazione o dell autorizzazione, unitamente all atto di nascita, fotocopie del passaporto e se necessario le fotografie. Nessun altro atto dovrà essere richiesto alla famiglia (per es. decreto di adozione estero ecc.) All istanza dovrà pure essere allegata fotocopia dell autorizzazione d entrata della Sezione dei permessi e dell immigrazione. Per le adozioni in Svizzera e nei paesi non firmatari dalla Convenzione dell Aia è necessario un periodo di affidamento preadottivo L'affidamento preadottivo è un periodo di prova per adulti e bambini, della durata di almeno un anno, che inizia con la vita in comunione domestica in Svizzera. Pur essendo l'adozione una filiazione di natura legale, si evolve felicemente se il rapporto tra adulti e bambini ha la possibilità di radicarsi a livelli profondi, che lo rendono simile all'attaccamento naturale. Occorre sottolineare la preziosità del lavoro di chiarificazione e di sostegno riguardo all'interazione genitori-figlio che gli operatori sociali possono svolgere nel periodo di affidamento preadottivo. I genitori adottanti dovranno offrire tutta la loro collaborazione e disponibilità, e non aver timore di rivolgersi al Servizio al sorgere di impreviste difficoltà, avuto riguardo sempre al prioritario interesse del minorenne. L'adozione potrà essere pronunciata solamente quando i futuri genitori adottivi abbiano prodigato al(la) bambino(a) cure e provveduto alla sua educazione durante almeno un anno, e l'insieme delle circostanze consenta di prevedere che il vincolo di filiazione servirà al suo bene senza pregiudicare, in modo non equo, altri figli dei genitori adottivi (art. 264 CCS). Per avere un giudizio sulla presenza di questi favorevoli presupposti nei confronti del minorenne, il decorso del collocamento sarà seguito da un operatore sociale del Autorità centrale cantonale LF-CAA o di altri servizi autorizzati. Pronuncia dell'adozione Al positivo concludersi dell'affidamento preadottivo, l'operatore sociale ed il tutore del minorenne redigeranno il proprio rapporto-parere all'intenzione della Sezione degli enti locali a Bellinzona (per il tramite dell'ufficio di Vigilanza sullo Stato Civile), alla quale i genitori presenteranno la domanda di adozione corredata dai documenti i documenti in originale (atto di nascita, sentenza d adozione) che serviranno a decretare l adozione, questi documenti non verranno più restituiti, ma saranno consultabili in ogni momento chi desiderasse conservare tra la propria documentazione privata è invitato a richiedere alle autorità estere il rilascio di ulteriori esemplari dell'atto di nascita, della sentenza d'adozione straniera. L adozione è pronunciata dall autorità cantonale competente del domicilio dei genitori adottivi. La Sezione degli enti locali da pure comunicazione alla Sezione dei permessi e dell'immigrazione. 6

7 Adozione da Paesi firmatari della Convenzione dell'aia L'elenco dei Paesi che hanno ratificato la convenzione dell'aia sull'adozione e a provvedimenti per la protezione del minore nelle adozioni internazionali può essere consultata in Internet alla pagina la Convenzione è la n. 33. All 'autorità centrale cantonale LF-CAA può pure essere richiesto un elenco stampato dei Paesi aderenti alla CAA. Basi legali 210 Codice civile svizzero (CCS), del 10 dicembre 1907 Legge federale relativa alla Convenzione dell AIA sull adozione e a provvedimenti per la protezione del minore nelle adozioni internazionali (LF-CAA), del 22 giugno Ordinanza federale sugli emolumenti per le prestazioni in materia d'adozione internazionale, del 29 novembre 2002 Ordinanza federale sul collocamento in vista d'adozione (OCAdo), del 29 novembre 2002 Ordinanza federale sull'accoglimento di minori a scopo di affiliazione e di adozione (OAMin), del 19 ottobre 1977 Legge federale sul diritto internazionale privato (LDIP), del 18 dicembre 1987 Legge federale sugli stranieri (LStr)) concernente la dimora e il domicilio degli stranieri (LDDS), del del 16 dicembre 2005 Queste Leggi si possono consultare alla pagina internet Rimedi legali Contro le decisioni in genere dell'ufficio del Tutore Ufficiale (Autorità centrale cantonale LF- CAA), in particolare per quanto attiene il rilascio, il rifiuto o la revoca dell'autorizzazione d'idoneità al collocamento in vista di adozione, è data agli interessati la possibilità di ricorso al Consiglio di Stato entro 15 giorni dall'intimazione della decisione (art.7 Regolamento concernente il collocamento dei minorenni in vista d'adozione dell' ). Informazioni di carattere generale Adozione interna (bambini nati o domiciliati in Svizzera) Il numero di bambini adottabili nati in Svizzera è estremamente ridotto, per cui i candidati ad una adozione di questo genere devono considerare un tempo di attesa che può variare dai 3 ai 5 o più anni. Adozione internazionale Circa la procedura per l'inoltro della richiesta, per l'accertamento dell'idoneità ad adottare e l'ottenimento dell'autorizzazione ad accogliere il minorenne, si richiama quanto detto sopra. Dovranno inoltre essere ossequiati i dispostivi dell'ordinanza sull accoglimento di minori a scopo di affiliazione e di adozione (OAMin), che recita testualmente: 7

8 Come trovare un(a) bambino(a) adottabile? I richiedenti potranno, una volta in possesso dell'autorizzazione provvisoria per l'affidamento di un minorenne in vista d'adozione, ottenere informazioni e sostegno concreto dagli enti intermediari in possesso dell'autorizzazione federale, e nel limite delle conoscenze dal Autorità centrale cantonale. Da parte nostra raccomandiamo di far capo agli intermediari riconosciuti poiché in questo modo si può essere sicuri di non partecipare, anche inconsapevolmente, al vergognoso traffico di minori. Invitiamo i richiedenti a paragonare i vari enti, i loro scopi, il modo di operare ed i costi. In Svizzera non sussiste ancora l'obbligo di far capo ad un intermediario. In Ticino una minoranza dei richiedenti si dà da fare autonomamente, con l'aiuto di parenti o amici sul posto, nel rispetto delle leggi vigenti in tutti i paesi coinvolti. Per ulteriori informazioni rinviamo all elenco degli intermediari riconosciuti annesso. Una versione aggiornata può essere consultata nel sito web alla pagina Rappresentanza legale del bambino Tanto al bambino domiciliato in Svizzera, quanto a quello proveniente dall'estero non adottato nel Paese d origine secondo la LF-CAA, l'autorità tutoria competente dovrà obbligatoriamente nominare un tutore che rappresenti il minorenne fino alla pronuncia dell'adozione, in quanto trattasi di minorenne non sottoposto all'autorità parentale di alcun genitore, essendo lo stesso o gli stessi stati privati di tale autorità per aver dato il consenso all'adozione del figlio (cfr. art. 312 cifra 2 e 368 CCS). Per ragioni di opportunità e di collisione d'interesse con i futuri genitori adottivi, viene nominato il Tutore Ufficiale. Obbligo di mantenimento I genitori adottanti hanno l'obbligo di provvedere al mantenimento del minore in affidamento preadottivo giusta l'art. 276 e seguenti del CCS. Il dovere di mantenimento continua anche nel caso in cui l'affidamento preadottivo venisse revocato per decisone dell'autorità o per rinuncia dei genitori. Si osserva inoltre che in caso di handicap del minore l'assicurazione Invalidità (AI) verserà le sue prestazioni solamente se sono soddisfatte le condizioni sotto citate: secondo gli art. 6 e 9 della Legge federale sull'assicurazione invalidità i minorenni stranieri hanno diritto ai provvedimenti d'integrazione; se prima dell'invalidità hanno avuto il loro domicilio civile nella Svizzera ininterrottamente per 15 anni; oppure sono nati invalidi in Svizzera; oppure, quando l'invalidità si è manifestata, vi risiedevano ininterrottamente da un anno o dalla nascita. Inoltre il padre, o la madre, prima dell'invalidità', dev'essere assicurato e aver pagato i contributi almeno per dieci anni interi o aver avuto domicilio civile nella Svizzera ininterrottamente per quindici anni. 8

9 Adozione singola (o del figlio del coniuge) Fermo restando il presupposto di cui all'art. 264 CCS (cure ed educazione per almeno due anni), un coniuge può adottare il figlio dell'altro se è sposato da almeno cinque anni (art. 264a cpv. 3 CCS). Sono sempre d'obbligo il consenso del o dei genitori di sangue e l'inchiesta sociale per accertare la presenza dei requisiti essenziali che possano far presumere che l'adozione servirà al bene del figlio. In casi particolari l'autorità potrà fare astrazione dal consenso del o dei genitori (art. 265c CCS). Questa richiesta d'adozione va presentata per iscritto al Dipartimento delle Istituzioni, Ufficio di Vigilanza sullo stato Civile, Residenza Governativa, 6500 Bellinzona. Adozione da parte di una persona singola e adozione di persone maggiorenni La legge mette l'accento sull'adozione di minori da parte di richiedenti coniugati. L'adozione da parte di una persona singola (art. 264b) e l'adozione di una persona maggiorenne (art 266) rappresentano casi eccezionali e di conseguenza il legislatore ha previsto condizioni particolari. Richiedenti di cittadinanza straniera Giusta l'art. 75 cpv. 1 della Legge Federale sul diritto internazionale privato (LDIP), le autorità svizzere sono competenti a pronunciare l'adozione di minorenni da parte di coniugi stranieri domiciliati in Svizzera. Per quanto concerne il diritto applicabile, l'art. 77 LDIP stabilisce che i presupposti dell'adozione in Svizzera sono regolati dal diritto svizzero. Ove risulti tuttavia che un'adozione non sarebbe riconosciuta nello Stato d'origine dei coniugi adottanti stranieri, con conseguente grave pregiudizio per il figlio, l'autorità tiene conto anche dei presupposti giusta il diritto di detto Stato; se anche in tal caso il riconoscimento non sembra assicurato, l'adozione non può essere pronunciata. 9

10 Procedura d adozione secondo la Convenzione dell Aia Invio della domanda d'adozione per l'ottenimento dell'autorizzazione provvisoria, necessaria per accogliere un bambino straniero in vista d'adozione all'ufficio del tutore ufficiale (Autorità centrale del Cantone Ticino) 6501 Bellinzona Rapporto di valutazione sociale: uno specialista (assistente sociale) è incaricato dall'ufficio del tutore ufficiale di svolgere l'inchiesta psico-sociale con il coinvolgimento di uno psicologo del Servizio medico psicologico L Ufficio del tutore ufficiale valuta l'idoneità e se ci sono i requisiti necessari formalizza l'autorizzazione provvisoria per l'affidamento di un minore straniero in vista d'adozione L'identità del minore è conosciuta si fa l'autorizzazione provvisoria già con il nome del fanciullo Autorizzazione provvisoria "generica" se i dati del minore sono sconosciuti Rifiuto del rilascio dell'autorizzazione provvisoria. L'Ufficio del tutore ufficiale, con la collaborazione della famiglia e dell'ente intermediario, prepara un dossier sui futuri genitori adottivi comprendente l'autorizzazione provvisoria o definitiva, il rapporto di valutazione sociale e altri documenti necessari a dipendenza del Paese, tradotti e con le autenticazioni/le legalizzazioni / le postille necessarie Contro la decisione è dato ricorso al Consiglio di Stato nel termine di 15 giorni dall intimazione. Il dossier sui genitori adottivi é trasmesso all'autorità centrale federale a Berna, che lo esamina prima di spedirlo all'autorità centrale del Paese d'origine del minore. Decisione di "matching": dal momento in cui l identità del fanciullo è conosciuta e i consensi richiesti sono stati ottenuti, e i genitori adottivi hanno accettato di accogliere il fanciullo, l Ufficio del tutore ufficiale decide se la procedura può proseguire. 10

11 Decisione di "matching" positiva Decisione di "matching" negativa Autorizzazione all'adozione da parte dell''ufficio del tutore ufficiale se l'adozione è pronunciata nel Paese d'origine del minore Genitori adottivi svizzeri: documento d'entrata rilasciato dall'autorità centrale federale. Genitori adottivi stranieri: la Sezione dei Permessi dell'immigrazione, 6501 Bellinzona rilascia un visto d'entrata e garantisce il rilascio di un permesso di dimora-soggiorno. Comunicazione all autorità centrale federale al servizio dei permessi e dell immigrazione e all Ufficio del tutore ufficiale/commissione tutoria regionale Istituzione di una misura di curatela in caso d'adozione per almeno un anno conformemente all art. 17 LF-CAA Il Paese d'origine del fanciullo non pronuncia l'adozione La Sezione dei permessi dell'immigrazione, 6501 Bellinzona rilascia un visto d'entrata e garantisce il rilascio di un permesso di dimora - soggiorno. Dopo l entrata in Svizzera: l Ufficio del tutore ufficiale rilascia l autorizzazione definitiva per l'affidamento di un minorenne straniero in vista di adozione, e informa la Sezione dei permessi e dell immigrazione e alla Commissione tutoria regionale. Istituzione di una misura di tutela fino all adozione e per almeno un anno giusta l art. 368 CCS. Designazione del tutore ufficiale di zona quale rappresentante legale del minore. Collocamento famigliare preadottivo del minore fino alla adozione. Contro la decisione è dato ricorso al Consiglio di Stato nel termine di 15 giorni dall intimazione. 11

12 Procedura d adozione per i Paesi che non hanno firmato la Convenzione dell'aia Invio della domanda d'adozione per l'ottenimento dell'autorizzazione provvisoria, necessaria per accogliere un bambino straniero in vista d'adozione all'ufficio del tutore ufficiale (Autorità centrale del Cantone Ticino) 6501 Bellinzona Rapporto di valutazione sociale: uno specialista (assistente sociale) è incaricato dall'ufficio del tutore ufficiale di svolgere l'inchiesta psico-sociale con il coinvolgimento di uno psicologo del Servizio medico psicologico L Ufficio del tutore ufficiale valuta l'idoneità e se ci sono i requisiti necessari formalizza l'autorizzazione provvisoria per l'affidamento di un minore straniero in vista d'adozione L'identità del minore è conosciuta si fa l'autorizzazione provvisoria già con le generalità del minore Autorizzazione provvisoria "generica" se i dati del minore sono sconosciuti Rifiuto del rilascio dell'autorizzazione provvisoria. La famiglia con la collaborazione dell'ente internazionale prepara la documentazione da trasmettere all'autorità del Paese d'origine che a dipendenza dello Stato dovrà essere tradotta e completata con le necessarie autenticazioni/legalizzazioni/postille. Contro la decisione è dato ricorso al Consiglio di Stato nel termine di 15 giorni dall intimazione. L'autorità del Paese d'origine del minore con l'intermediario o con l'istituto dove vive il minore contatteranno la famiglia indicandogli l'identità del fanciullo che potranno accogliere. 12

13 Affidamento preadottivo o decisione di adozione estera Il Paese d'origine del fanciullo pronuncia l'adozione. L'adozione non può essere riconosciuta immediatamente in Svizzera. Il Paese d'origine del fanciullo non pronuncia l'adozione La Sezione dei permessi dell'immigrazione, 6501 Bellinzona rilascia un visto d'entrata e garantisce il rilascio di un permesso di dimora - soggiorno. Dopo l entrata in Svizzera: l Ufficio del tutore ufficiale rilascia l autorizzazione definitiva per l'affidamento di un minorenne straniero in vista di adozione, e informa la Sezione dei permessi e dell immigrazione e alla Commissione tutoria regionale. Istituzione di una misura di tutela fino all adozione e per almeno un anno giusta l art. 368 CCS. Designazione del tutore ufficiale di zona quale rappresentante legale del minore. Collocamento famigliare preadottivo del minore fino alla adozione. Ufficio del tutore ufficiale vigila l'affidamento preadottivo Preavviso sulla pronuncia dell'adozione della Commissione tutoria regionale e del tutore affinché la Sezione degli enti locali (art N.1 del CCS) Decisione d'adozione della Sezione degli enti locali (istituita dall'ufficio di vigilanza sullo stato civile) 13

14 Informazioni statistiche Questi grafici danno una visione generale sulle origini e sull'età dei bambini. Vi invitiamo inoltre a tenere presente che gli schemi indicano solo delle cifre e non gli aspetti umani. Quando si riflette sulla scelta dell età e del paese d'origine del/la bambino/a, bisogna essere prudenti e non ci si può basare solo su dei numeri. Bambini accolti, dal 2005 al 2009, in affidamento preadottivo in Ticino, secondo il Paese di provenienza, USA Ucraina Togo Tailandia Svizzera Russia Ruanda Rep. Serbia Polonia Panama Pakistan Marocco Madagascar India Haiti Etiopia Croazia Colombia Bulgaria Brasile Bolivia Argentina

15 Bambini accolti in affidamento preadottivo in Ticino, nel 2009, secondo l età all arrivo 1 anno 2 anni 3 anni 4-5 anni 6-7 anni anni Bambini accolti, secondo l età, in affidamento preadottivo in Ticino dal 2000 al 2009, anno 2 anni 3 anni 4-5 anni 6-7 anni 8-9 anni anni > 12 anni 15

16 Ricerca origini Spesso le persone adottate desiderano conoscere i propri genitori biologici. Il legislatore ha introdotto il 1. gennaio 2003 il nuovo art. 268c nel Codice civile svizzero che riconosce il diritto alla persona adottata di ricevere informazioni circa l'identità dei genitori del sangue Queste ricerche potranno essere intraprese in ogni tempo da chi è stato adottato a partire dal compimento del 18esimo anno d età (raggiungimento della maggior età). Si potrà farlo prima di aver raggiunto tale età se sussiste un interesse degno di protezione). La richiesta dovrà essere inoltrata all'autorità cantonale competente (per il Ticino l'ufficio di vigilanza sullo stato civile, Piazza Governo, 6501 Bellinzona) che dovrà, nella misura del possibile, informare i genitori di sangue della ricerca in corso. Generalmente se i genitori biologici vivono all'estero i tempi della ricerca saranno abbastanza lunghi e potrà anche capitare che non sia possibile rintracciarli. Se i genitori del sangue rifiutano di stabilire un contatto personale, l'adottato ne sarà informato e sarà reso attento sui loro diritti. Se nonostante il loro rifiuto cercherà comunque di contattarli ciò potrà costituire una lesione illecita dei diritti della personalità dei genitori naturali. Le spese di ricerca verranno fatturate all'interessato. L'Ufficio del Tutore Ufficiale è stato invece designato quale ufficio incaricato di consigliare le persone adottate in queste ricerche. 16

17 Bibliografia Auhagen-Stephanos U., "La maternità negata. La paura inconscia di un figlio desiderato, Bollati Boringhieri, 1993 Bragance A., "Anibal", Laffont, (Hors Collection) 1991 Cavallo M., "Adozioni dietro le quinte. Esperienze di vita a confronto dalla voce dei figli, dei genitori, degli operatori, Franco Angeli Milano, 1996 Chicoine J.F., Lemieux J, Genitori adottivi e figli del mondo, Erikson, 2004 Chistolini M, Raymondi M., Scenari e sfide dell adozione internazionale, Franco Angeli, 2009 De Rienzo E., Saccoccio C., Tonitto F., Varengo G., Storie di figli adottivi. (l adozione vista da protagonisti), UTET, 2006 Dell'Antonio A.M., "Le problematiche psicologiche dell'adozione nazionale e internazionale in appendice la legge sull'adozione", Giuffrè, 1986 Dell'Antonio A.M., "Bambini di colore in affido e in adozione", Raffello Cortina, 1994 Dilani G., L orsacchiotto non più solo: l adozione raccontata ai bambini, Ancora, 2006 Farri Monaco M., Peiba Castellani P., "Il figlio del desiderio: quale genitore per l'adozione, Bollati Boringhieri, 1994 Fay Greene M., Mamma Africa, Mondatori, 2008 Forni E., Gandolfi Negrini E., "A loro la parola.i figli adottati dal Terzo mondo raccontano la loro esperienza, Piemme Giorgi S., Cavalcando l arcobaleno, Magi, 2003 Genni Miliotti A., Una famiglia un po diversa, Presitive Press, 1999 Genni Miliotti A,. Mamma di pancia, mamma di cuore, Scienza, 2003 Genni Miliotti A, E Nicokolaj va a scuola: adozione e successo scolastico, Franco Angeli Genni Miliotti A., Quelli che non so di me, Fabbri, 2007 Genni Miliotti A., Abbiamo adottato un bambino: consigli e indicazioni per genitori adottivi e non solo, Franco Angeli, 2007 Homes A.M., La figlia dell altra, Feltrinelli, 2007 Ianigro E.R., Scarpati M., Nei paesi dell adozione: le adozioni internazionali tra ragioni e racconti del cuore, Mammeonline, 2007 Jelloun Tahar B., "Il razzismo spiegato a mia figlia", Bompiani, 1998 Mirò A., Figlia del Gange, Sperling & Kupfer, 2006 Monestier B, Sono venuti a prendermi la vita. Storia di un adozione, Piume, 2005 Newton Verrier N., Renouer avec soi, De Boeck, 2008 Oliviero Ferraris A., Il cammino dell adozione, Rizzoli, 2002 Pas Bagdadi M., Chi è la mia vera mamma?, Franco Angeli, 2002 Polli L., Maestra sai sono nato adottato, Mammaonline, 2004 Quémada N., Cure materne e adozione, UTET, 2000 Ricciardi Ruoco M., Corchia F., Come adottare un bambino e farlo felice, Giorgio Bernardini,

18 Saffian S., Itaca. Ricordi una figlia adottiva, Colbacco, 2001 Santanera F., Tonizzo F., Aliberti E., "Ti racconto l'adozione. Inserto per i genitori adottivi di bambini italiani e stranieri, UTET, 1997 Schlesinger C. A., Adozione e oltre, Borla, 2006 Schulz B., Tochter Indira, Ullstein, 2003 Tonizzo F., Micucci D., Adozione: Perchè e come, UTET, 1994 Toselli M., Adottare un figlio: guida per i genitori, Giunti Demetra,

19 Alcuni indirizzi WEB Association espace adoption Association pour Adoptés et Adoptants Associazione di famiglie adottive di bambini tailandesi Associazione nazionale famiglie adottive e affidatarie Centro italiano aiuti all infanzia Dipartimento federale di giustizia e polizia Ufficio federale di giustizia Hague conference on private international law conférence de la haye de droit international privé (Convenzione n. 33) Schweizerische fachstelle für adoption Ufficio del tutore ufficiale Autorità centrale cantonale Associazione di mamme haft/internationale_adoption/herkunftslaender.html 19

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) TITOLO I Principi generali (3)

L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) TITOLO I Principi generali (3) L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 17 maggio 1983, n. 133, S.O. (2) Titolo così sostituito dall'art. 1, L. 28 marzo 2001, n. 149. TITOLO

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Promemoria 21. Maggiore età

Promemoria 21. Maggiore età Promemoria 21 Molte persone in formazione compiono 18 anni durante la formazione professionale di base, diventando quindi maggiorenni. Questo comporta diversi cambiamenti a livello giuridico, sia per le

Dettagli

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI : ASPETTI GIURIDICI

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI : ASPETTI GIURIDICI COMUNE DI BOLOGNA SETTORE COORDINAMENTO SERVIZI SOCIALI SERVIZIO GENITORIALITÀ ED INFANZIA 40122 Bologna Viale Vicini 20 tel. 051/203770 fax 051/203768 Bologna, 26.09.2003 I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr)

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) 3.6. Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) del 22 giugno 2006 I. Disposizioni generali Art.

Dettagli

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali 1. Ogni cittadino è libero, salvi gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

I MINORI NON ACCOMPAGNATI

I MINORI NON ACCOMPAGNATI I MINORI NON ACCOMPAGNATI Qualche dato Negli ultimi 7 anni i minori stranieri non accompagnati segnalati in Italia sono stati oltre 50 mila, con una media annuale di circa 7700 minori. La maggior parte

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi (LIPIn) 831.26 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

Per una famiglia adottiva. Informazioni per le famiglie interessate all adozione internazionale

Per una famiglia adottiva. Informazioni per le famiglie interessate all adozione internazionale Per una famiglia adottiva Informazioni per le famiglie interessate all adozione internazionale Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Pari Opportunità Commissione per le adozioni internazionali

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

FORMULE PER GLI ATTI DELLO STATO CIVILE Allegato "A" al decreto ministeriale 5 aprile 2002

FORMULE PER GLI ATTI DELLO STATO CIVILE Allegato A al decreto ministeriale 5 aprile 2002 Decreto Ministeriale 5 aprile 2002 Approvazione delle formule per la redazione degli atti dello stato civile nel periodo antecedente l'informatizzazione degli archivi dello stato civile Articolo 1 Sono

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 27/09/2007 S O M M A

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n.394 1, Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE La Repubblica d Austria, la Repubblica Francese, la Repubblica Federale

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito...

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito... 1. Cognome / (x) 2. Cognome alla nascita (cognome/i precedente/i) / (x) 3. Nome/i / (x) 4. Data di nascita (giorno-mese-anno)... 8. Sesso /...: Maschile/... Femminile/... Ambasciata d Italia... Domanda

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Modulo "Dichiarazione di residenza" per soggetti senza fissa dimora abituale

Modulo Dichiarazione di residenza per soggetti senza fissa dimora abituale ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 12/02/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/34613-modulo-dichiarazione-di-residenza-persoggetti-senza-fissa-dimora-abituale Autori: Modulo "Dichiarazione di residenza"

Dettagli

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura dei minori non deambulanti, comprendente:

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura dei minori non deambulanti, comprendente: Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura dei minori non deambulanti, comprendente: Modello finalizzato a richiedere per la 1 volta la tessera

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 40 dd. 17.10.1995

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Giovanni de Filippo Giuseppe Marotta. Le notificazioni civili: istruzioni per l uso

Giovanni de Filippo Giuseppe Marotta. Le notificazioni civili: istruzioni per l uso Giovanni de Filippo Giuseppe Marotta Le notificazioni civili: istruzioni per l uso 175 risposte sulle notificazioni in Italia degli atti giudiziari nel processo civile e 10 cose da sapere prima di chiedere

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva LPP Swiss Life, Zurigo (Fondazione) Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento disciplina: a) le modalità per l esercizio del diritto di accesso;

Dettagli

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune IV/ MINISTERO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DEGLI AFFARI SOCIALI Centro di assistenza sociale I dati vanno scritti con lettere maiuscole. Prima di compilare il modulo leggere attentamente le istruzioni

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

12) Riconoscimento di figlio naturale da parte di donna straniera coniugata.

12) Riconoscimento di figlio naturale da parte di donna straniera coniugata. FILIAZIONE NATURALE 1) Atto di nascita di minore naturale nato all'estero. Trascrizione. Riconoscimento. L atto di nascita di un minore, nato all'estero fuori del matrimonio, deve essere trascritto, riportando

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli