I MINORI PRIVI DI UN AMBIENTE FAMILIARE IN ITALIA: SERVE UNA RIFORMA DELL AFFIDO E DELL ADOZIONE?

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I MINORI PRIVI DI UN AMBIENTE FAMILIARE IN ITALIA: SERVE UNA RIFORMA DELL AFFIDO E DELL ADOZIONE?"

Transcript

1 I MINORI PRIVI DI UN AMBIENTE FAMILIARE IN ITALIA: SERVE UNA RIFORMA DELL AFFIDO E DELL ADOZIONE? Questo documento intende approfondire la realtà dei minori che, in Italia, vivono al di fuori del proprio ambiente familiare di origine, in rapporto all attuale efficacia degli istituti giuridici di tutela l adozione e l affido familiare - e alla luce della necessità di garantire a tutti i bambini medesimi diritti e opportunità, primo fra tutto il diritto ad avere una famiglia stabile e certa. Una fotografia del panorama italiano attuale - che parta dai bisogni dei bambini, analizzi le risorse delle famiglie e approfondisca gli strumenti di intervento - risulta fondamentale ai fini di poter delineare eventuali proposte di riforma. IL PANORAMA ITALIANO: I DATI I bambini e i ragazzi privi di un ambiente familiare I bambini e gli adolescenti fuori dalla famiglia, alla data del 31 dicembre 2008 sono stati stimati in , in aumento rispetto al precedente aggiornamento del 2005 quando erano In particolare, nel 2008 risultano i minori accolti nelle comunità di accoglienza, con un incremento del 34,2% rispetto al 2005, e i minori in affidamento familiare, con un incremento del 21% rispetto al In termini relativi, i bambini e i ragazzi fuori della famiglia, al 31/12/2008, sono pari a 3 su minorenni residenti. Nelle comunità di accoglienza prevalgono gli adolescenti nella fascia anni (il 39,7%) ma molto alta è la presenza di bambini nella fascia di età 0-10 anni (il 31,4%); prevale la componente maschile (il 55,5%) e vi è un incidenza doppia di stranieri (il 32,4% nel 2008) di cui la maggior parte sono minori non accompagnati (il 56,3%). Nell affidamento familiare si riscontra una prevalenza di adolescenti prossimi alla maggiore età (il 55% nella fascia 11-17) ma vi è una percentuale elevata di bambini della fascia 3-10 anni (il 38,6%), equamente distribuiti tra maschi e femmine, con una quota crescente di stranieri (il 16%), equamente distribuiti tra affido a parenti (50,1%) e a terzi (46,6%), con una fortissima prevalenza dell affidamento giudiziale (72,4%) su quello consensuale (21,3%) e una quota preponderante di affidi di durata superiore ai 2 anni: il 55,9% di cui il 32,7% in affido da oltre 4 anni, sebbene tale percentuale sia in diminuzione negli anni. Relativamente alla diffusione dell istituto dell affido familiare, dal 1999 al 2007, il numero di casi è cresciuto notevolmente, con un aumento del 64,7% mentre si segna una battuta di arresto fra il 2007 e il 2008, con una diminuzione del 9,5%. In generale, manca un sistema informativo nazionale, costantemente monitorato, sui minori affidati e ospitati nei servizi residenziali, che dovrebbe essere raccordato con le funzioni di vigilanza attribuite ai procuratori della Repubblica presso i TM sui minori ricoverati, così come raccomandato anche dal Comitato ONU. Sul fronte dell adozione nazionale, sono disponibili solo dati disaggregati per tribunale e nulla che riguardi età e caratteristiche dei bambini adottati e di quelli adottabili. I dati quantitativi disponibili 2 ci riferiscono che nel 2010 sono stati dichiarati adottabili minorenni, pronunciati 776 affidamenti preadottivi e 932 adozioni legittimanti. Gran parte dei minori adottabili trova una famiglia adottiva in tempi relativamente brevi: ogni anno si registrano mediamente oltre 90 decreti di adozione nazionale ogni 100 minorenni dichiarati adottabili. Resta così una percentuale di minorenni che pur essendo adottabili non vengono adottati e di cui non abbiamo né numeri né dati precisi ma che sappiamo essere grandi e/o con disabilità accertata: c.d. special needs. Purtroppo, ancora ad oggi, non vengono forniti dati sull età e su eventuali disabilità dei minori adottabili. Inoltre, i casi dei bambini adottabili non sono facilmente abbinabili con tutte le disponibilità delle famiglie, presentate nei diversi Tribunali per i Minorenni italiani. 1 Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e delle Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare o accolti nei servizi residenziali nella propria regione. Dati al 31/12/2008, Istituto degli Innocenti, febbraio Dati provvisori aggiornati al 20/2/2012 inviati dal Ministero della Giustizia Direzione Generale statistica al Gruppo CRC ai fini della redazione del Rapporto in data 30/3/2012. I dati precedenti erano quelli forniti dall Istat e fermi al

2 La causa è anche da ricercarsi nella mancanza della Banca Dati Nazionale dei Minori Dichiarati Adottabili e delle coppie disponibili all adozione 3, malgrado siano trascorsi oltre 10 anni da quando avrebbe dovuto essere operativa, ma anche a causa del mancato sostegno alle adozioni difficili, ai sensi dell art. 6 comma 8 legge 184/83 che prevede che lo Stato e gli enti locali possono adottare misure di carattere anche economico per sostenere le adozioni di minori con più di 12 anni e/o con handicap accertato. Ad oggi solo la Regione Piemonte ha adottato misure in questo senso. Difficile fare delle valutazioni numeriche e/o di merito relativamente al numero di bambini segnalati per l adozione internazionale e poi non adottati perché non si hanno dati ma sappiamo, nell operatività come ente autorizzato e dal confronto con altri enti, che sono numerose le segnalazioni di bambini per i quali non si riesce a trovare una famiglia in Italia, e che tali bambini sono prevalentemente grandi e/o con problematiche di salute significative. Sul fronte dell adozione internazionale abbiamo sempre dati aggiornati che ci dicono che siamo il secondo Paese al mondo per numero di bambini adottati e che questi bambini sono sempre più grandi di età, con un lieve progressivo aumento anche nel 2011 (l età media è di 6,1 rispetto ai 6,0 del 2010) e con una maggioranza di bambini nella fascia di età 5-10 anni che rappresentano il 51,4% del totale di cui oltre l 11% di bambini con più di 10 anni. Nel 2011 sono stati adottati in Italia 4022 bambini provenienti da 57 diversi Paesi. Il 41,8% degli Stati di provenienza non ha ratificato la Convenzione de L Aja del : la Federazione Russa (il 19,4%) con la quale vi è un Accordo Bilaterale del 2008; la Bielorussia (il 3,6%) che ha solo un Processo verbale di collaborazione del 2001; l Ucraina, l Etiopia, il Congo e la Lettonia che non hanno nessun accordo e da cui complessivamente provengono il 18,8% dei minori adottati. Come raccomandato dal Comitato ONU, è fortemente auspicabile che la Commissione per le Adozioni Internazionali (CAI) si attivi per siglare accordi bilaterali con questi Paesi, al fine di garantire il rispetto dei diritti dei minori, primo fra tutti quello di essere adottato solo se in effettivo stato di abbandono. I bambini che vengono adottati in Italia, poi, arrivano per il tramite di 65 diversi enti autorizzati che applicano modalità e procedure di accompagnamento, abbinamento e sostegno all estero e in Italia molto diverse e differenziate. L elevato numero degli enti presenti sul nostro territorio, anomalia italiana, rende non solo difficile per le coppie la scelta dell ente a cui affidare l incarico ma anche per la CAI garantire un accurato e puntuale controllo sull operatività degli enti in Italia e all estero. Sarebbe auspicabile così come anche raccomandato dal Comitato ONU 5 prevedere una riduzione numerica degli enti, magari elevando gli standard di qualità. Complessivamente possiamo dire che i bambini che hanno bisogno di essere adottati, sia in Italia che all estero, sono sempre più grandi e/o con problemi di salute o di disabilità e sarebbe auspicabile così come anche raccomandato dal Comitato ONU 6 - avviare ricerche aggiornate sugli esiti di queste adozioni, anche relativamente alle percentuali degli eventuali fallimenti adottivi. Ricerche passate attestano questo dato sotto il 2% sia per l internazionale che per la nazionale, ma tali ricerche sono ormai datate 7. Nel periodo il 69% dei Tribunali per i Minorenni che hanno aderito alla rilevazione 8 hanno registrato un totale di 19 restituzioni di bambini adottati al TM. In questi casi, i Tribunali per i Minorenni individuano nell inadeguatezza genitoriale la motivazione del fallimento. Gli adulti disponibili all affido e all adozione E noto che, rispetto alle esigenze attuali, la disponibilità all affido da parte di coppie o di single sia effettivamente carente. Così come è noto che le coppie disponibili all adozione, soprattutto nazionale ma 3 Prevista dall art.40 l.149/01 e da regolamento Ministero Giustizia con decreto 91/2004. Il 4 luglio 2012 si terrà dinanzi al TAR del Lazio l udienza pubblica della causa RG 370/2012 promossa da Ai.Bi. ex D.Lgs. n.198/2009 contro l inadempimento del Ministero Giustizia (c.d. class action). 4 Ratificata dall Italia con l. 476/ Pur prendendo atto delle misure intraprese dalla CAI, il Comitato continua ad esprimere preoccupazione in merito all elevato numero di agenzie di adozione private, all inadeguatezza del sistema di monitoraggio e alle denunce di proventi finanziari conseguiti da alcune parti nella procedura di adozione. 6 (d) Ensure systematic follow-up on the well-being of children adopted during the previous years and on the causes and consequences of break-down of adoption. 7 Percorsi problematici dell adozione internazionale, Istituto degli Innocenti, Relazione sullo stato di attuazione delle legge 149/01 anni /9/2011 2

3 anche internazionale, siano percentualmente in sovrannumero rispetto al numero di bambini adottabili in Italia e all estero. Mancano i dati relativi al numero di coppie o single disponibili all affidamento ma la diminuita disponibilità delle famiglie affidatarie emerge chiaramente dalla citata Relazione 9 secondo cui i TM ritengono essere inadeguato il numero di famiglie disponibili all affidamento e solo il 25% ritiene tal numero solo parzialmente sufficiente. Le cause vanno ricercate innanzitutto nella necessità di un investimento sulla promozione e sul sostegno all affido familiare quando invece si denunciano i pesanti tagli alla spesa sociale di questi ultimi anni che hanno colpito pesantemente questo settore più di altri. Sul fronte dell adozione nazionale i dati ufficiali 10 evidenziano ancora il sovrannumero di coppie disponibili rispetto al numero di minori adottabili: si calcolano oltre 10 coppie disponibili per ogni minore adottabile. Questa situazione garantisce al Tribunale la possibilità di poter scegliere, tra un vasto numero di coppie, la famiglia più idonea per quel bambino. Recentemente si inizia però a registrare un progressivo calo numerico delle domande 11. Rispetto all adozione internazionale, il calo delle disponibilità è progressivo: si passa dalle domande di disponibilità presentate nel 2008 alle del 2010 con un calo percentuale numerico, in questi due anni, del 7,9% 12. Il calo numerico delle coppie ritenute idonee è poi evidente: i decreti di idoneità emessi dai Tribunali per i minorenni sono passati dai del 2008 ai del 2010, con una diminuzione percentuale nei due anni del 17,8% e di oltre il 30% rispetto al Nell ultimo anno, oltre coppie hanno adottato circa bambini: una progressiva diminuzione di coppie idonee potrebbe portare, nel medio periodo, ad una significativa diminuzione del numero di adozioni. Sicuramente in questi anni si è fatto molto in termini di informazione e formazione degli aspiranti genitori adottivi ed è possibile che una maggior consapevolezza del progetto adottivo abbia portato anche, in alcuni casi, a favorire un processo di auto-selezione rispetto alle proprie aspettative e potenzialità. I motivi di questa diminuzione sono però in gran parte da ricercarsi nei costi troppo elevati dell adozione 14 ma soprattutto nell innalzamento dell età media dei bambini adottabili e nei tempi di attesa molto lunghi 15. Rispetto alla caratteristiche delle coppie e ai requisiti richiesti, rileviamo una sostanziale differenza tra coloro che possono candidarsi per diventare genitori adottivi e coloro che possono fare gli affidatari. I genitori adottivi, oltre a rispettare determinati requisiti quali il matrimonio, la convivenza pluriennale e l età minima e massima, sono soggetti a formazione e valutazione di idoneità prima da parte dei nostri tribunali e poi da parte degli enti e delle Autorità centrali competenti. Gli affidatari, invece, possono essere anche coppie di fatto o single, non devono rispettare nessun limite di età e non sono sottoposti ad una preventiva valutazione giudiziale circa la loro idoneità. 9 Relazione sullo stato di attuazione della legge 149/01 anni , pag. 7. Va evidenziato inoltre che nella precedente rilevazione (anni ) il dato relativo alla valutazione positiva era appena il 15%. 10 Dati aggiornati inviati dal Ministero della Giustizia al Gruppo CRC in data 30/3/2012 in quanto quelli pubblicati sul sito sono fermi al Nel 2006 oltre domande, nel 2010 solo Dati aggiornati inviati dal Ministero della Giustizia al Gruppo CRC in data 30/3/ Coppie e bambini nelle adozioni internazionali Report sui fascicoli anno 2011, dati provvisori. Dati aggiornati inviati dal Ministero della Giustizia al Gruppo CRC in data 30/3/ La recente ricerca del Cergas Bocconi colloca il valore delle spese sostenute dagli enti solo sul territorio nazionale in almeno euro. I costi si trasferiscono inevitabilmente sulle famiglie, rendendo molto oneroso il percorso adottivo, specie in un contesto complessivo di crisi economica. E sempre più numerose sono perciò le segnalazioni di famiglie che si avvicinano all istituto dell adozione internazionale, ma vi rinunciano proprio a causa dei crescenti oneri economici. Sintesi dei risultati della ricerca Cergas sono disponibili nei siti degli enti promotori dell indagine come il CIAI, o in Ricordiamo che il ricorso alle fecondazioni assistite e simili è aumentato di oltre il 30% in 4 anni, con costi elevatissimi. 15 I tempi lunghi sono dovuti alla procedura per ottenere l idoneità dal TM,che spesso supera gli 8 mesi previsti per legge e alla procedura estera. Si calcolano dai 2 ai 4 anni di attesa anche perché spesso le coppie non rappresentano una risposta alle realtà dei bisogni dei bambini segnalati dall estero. 3

4 IL PANORAMA GIURIDICO: GLI ISTITUTI DI TUTELA L adozione legittimante: presuppone, da parte del TM, la definizione di stato di abbandono del minore e la dichiarazione della sua adottabilità. L adozione comporta la cessazione dei rapporti dell adottato verso la famiglia di origine (art. 27, comma 3) 16. Hanno effetto di adozione legittimante sia l adozione nazionale che l internazionale: nell adozione nazionale, la pronuncia è successiva ad un periodo di affido pre-adottivo di 1 anno; nell adozione internazionale, viene dichiarata attraverso delibazione della sentenza straniera di adozione ovvero, qualora la sentenza straniera lo preveda, attraverso pronuncia di affido pre-adottivo e poi dichiarazione di adozione legittimante. L adozione non legittimante: o adozione in casi particolari, nella nostra legislazione è disciplinata a favore di minori che non sono in stato di adottabilità e che sono in una delle situazioni espressamente contemplate dalla legge 184/83 all art. 44 : a) il minore orfano di padre e di madre può essere adottato da persone unite al minore da vincolo di parentela fino al sesto grado o da preesistente rapporto stabile e duraturo; b) il minore adottato dal coniuge del genitore biologico o adottivo; c) il minore portatore di handicap, orfano di padre e di madre; d) il minore per il quale vi è la constatata impossibilità di affidamento preadottivo. Tale adozione è consentita anche ai single, non elimina i rapporti con la famiglia di origine, crea solo uno status personale tra adottante e adottato 17 ed è revocabile nel verificarsi di alcune situazioni gravi 18. Con la revoca vengono meno tutti gli effetti dell adozione. Le adozioni in casi particolari costituiscono una parte considerevole delle adozioni nazionali: nel 2010 sono state pronunciate 644 adozioni in casi particolari, costituendo così il 40,86% delle adozioni nazionali. Dalla Relazione sullo stato di attuazione della legge 149/01, si evince che il caso previsto dall art. 44 lett. d) l. 184/83 - il minore per il quale vi è la constatata impossibilità di affidamento preadottivo - è utilizzato dai Tribunali per i Minorenni essenzialmente nel passaggio dall affido all adozione, sia nel caso in cui gli affidatari diventino genitori adottivi sia nel caso che il minore venga adottato da altra famiglia, al fine di preservare i significativi legami con la famiglia che lo aveva in affido ovvero quando si ravvisi l opportunità di preservare i rapporti con i genitori naturali, anche nei casi in cui questi non esercitino più la potestà genitoriale 19. Va altresì rilevato al riguardo che, nelle situazioni specifiche, la giurisprudenza non sempre è d accordo circa la corretta attuazione della legge n. 184/1983 e s.m.: c è chi ritiene che l attuale legge già consentirebbe, nell interesse superiore del minore affidato dichiarato adottabile, la possibilità che egli venga adottato con adozione legittimante dagli affidatari che l hanno accolto, anche se essi hanno avuto rapporti con la famiglia di origine del minore, qualora siano disponibili e siano ritenuti idonei dal T.M e soprattutto quando gli affidatari rispettino i requisiti previsti dall art.6 legge 184/83 20 ; altri però pensano che questa interpretazione vada in conflitto con il principio di segretezza insito nell adozione legittimante e richiamato dagli artt.lli 27 e 73 della legge stessa. Se l affidatario è invece single o coppia non unita in matrimonio, l unica possibilità consentita dalla nostra legge è fuor di dubbio l adozione non legittimante. 16 tanto che sono previste sanzioni di tipo detentivo e pecuniario in capo a chi, in ragione del proprio ufficio, fornisce qualsiasi notizia atta a rintracciare un minore adottato o fornisce notizie circa lo stato di figlio adottivo (art. 73, comma 1). 17 A norma dell art. 55 legge sull adozione si applica, tra l altro, l art. 300 c.c., secondo cui l adottato conserva tutti i diritti e i doveri verso la sua famiglia di origine e non estende la propria qualità di figlio adottivo ai parenti dell adottante. Si applica, altresì, l art. 304 c.c., in base al quale l adozione non attribuisce all adottante alcun diritto ereditario alla successione dell adottato. È applicabile, infine, l art. 299 c.c. che, pur prevedendo l acquisto del cognome da parte dell adottante, sancisce la conservazione del cognome della famiglia d origine. 18 l adottato che abbia compiuto i quattordici anni e abbia attentato alla vita dell adottante o del suo coniuge o dei suoi discendenti ovvero abbia commesso nei loro confronti un delitto punibile con pena detentiva non inferiore nel minimo a tre anni; l adottante che abbia commesso i fatti delittuosi sopra indicati nei confronti dell adottato, del coniuge o degli ascendenti o discendenti di lui ovvero che abbia violato i doveri di mantenere, istruire ed educare l adottato. 19 Relazione sullo stato di attuazione della legge 149/01 anni , presentata in Senato dal Ministero della Giustizia il 1/9/11 20 L art.6 l.184/83 prevede che l adozione legittimante possa essere consentita solo a coniugi uniti in matrimonio e conviventi da almeno 3 anni, con delle limitazioni anche circa la differenza di età tra adottante e adottato. 4

5 Per tutelare l interesse superiore del minore e la continuità dei suoi affetti riteniamo che sia ormai diventata indispensabile un analisi ragionata sui casi - avendo disponibili i dati disaggregati in riferimento alle diverse tipologie di casi particolari individuati dall art.44 - al fine di valutare la necessità concreta di una possibile riforma legislativa che sia il più possibile volta ad applicare in maniera più estesa l adozione di tipo legittimante. Ricordiamo infatti che, in base al principio del preminente interesse del minore richiamato anche dal Comitato ONU, non dovrebbe essere ammissibile creare, con l adozione, differenti categorie di figli: posto il diritto del bambino ad avere una sistemazione stabile e certa, l adozione dovrebbe essere sempre legittimante. L adozione aperta: non disciplinata dalla legge italiana, si chiama così perché si ispira all open adoption di origine anglosassone. E stata in alcuni casi applicata dalla nostra giurisprudenza 21, che ha pronunciato adozioni legittimanti ma con il mantenimento dei rapporti con la famiglia di origine. Nelle passate legislature si è tentato di disciplinare tale istituto normandolo ma i disegni di legge presentati 22, non hanno però avuto seguito. Se è vero quindi, come affermano alcuni operatori di diritto 23, che ormai la giurisprudenza si avvia verso modelli di adozioni aperte, sarebbe certamente auspicabile, come raccomandato dal Comitato ONU 24 che, nel preminente interesse del minore, tale istituto fosse esplicitamente disciplinato per legge. Alcuni operatori sono contrari ad una riforma di legge in quanto sostengono che già la legge attuale, nel disciplinare l adozione legittimante, non escluda il mantenimento dei rapporti di fatto, e non di quelli giuridici, tra adottato e membri della famiglia di origine, accogliendo l interpretazione giurisprudenziale che l art. 27, 3 comma l. 184/1983, nel sancire la cessazione dei rapporti dell adottato verso la famiglia di origine, deve intendersi riferito ( ) ai soli rapporti di tipo giuridico 25. Anche tali operatori, però - consapevoli delle numerose e discordanti interpretazioni giurisprudenziali in materia - ritengono quanto meno auspicabile un confronto tra i differenti soggetti coinvolti al fine di ricercare una prassi comune tra i TM in merito ad una interpretazione giurisprudenziale condivisa e uniforme. Relativamente alle ragioni a favore e contrarie all open adoption si rimanda al documento allegato di Marco Chistolini L affido familiare: abbiamo visto che la maggioranza degli affidamenti familiari il 55,9% - ha durata superiore ai 2 anni, di cui il 32,7 ha durata superiore ai 4 anni. Questo dato ci riporta ad una situazione piuttosto diffusa, sul nostro territorio, di minori che vivono all interno di famiglie affidatarie in una condizione di incertezza che non termina entro i due anni ma che perdura precariamente, a volte sine die, cioè fino alla maggiore età, quando poi si interrompe qualsiasi rapporto di tipo giuridico con la famiglia affidataria. Trascorsi i 24 mesi, il TM può infatti prorogare la durata dell affido ma solo quando la sospensione dell affidamento rechi pregiudizio al minore (art.4, c.4, l.184/83). Sono invece gli stessi Tribunali a riportare 21 Tribunale per i Minorenni di Roma, 5/7/88 in Dir. Fam p. 105; Corte d Appello di Torino, 3/2/94, in Dir. Fam p.152; Corte d Appello di Roma, 28/5/1998, in Dir. Fam. 2001, p.1463; Tribunale per i Minorenni di Roma, 16/1/1999 in Dir. Fam. 2000, p. 144; Tribunale per i Minorenni di Bologna, 9/9/2000 in Dir. Fam. 2001, p Nella XIV legislatura sono stati presentati i seguenti disegni di legge: A.S:3589 Modifiche alla legge 4/5/1983 n. 184 in materia di adozione aperta, presentato in Senato in data 15/9/2005; A.C Modifiche alla legge 4/4/1983 n. 184 in materia di adozione aperta e di adozione mite presentato alla Camera in data 17/3/2005; A.C. Modifiche alla legge 4/5/1983 n. 184 in materia di adozione aperta Presentato alla Camera in data 8 marzo Piercarlo Pazè Questioni e prospettive della conoscenza delle origini nell adozione in Minori e Giustizia n. 2/2011 p The Committee, nothing the practice since 2003 of open adoption, expresses concern at the lack of a firm and coherent legal basis for such adoptions and the risks of inderteminate placemente in foster families 25 Così il TM dell Emilia Romagna del 28/11/2002 in Minori e Giustizia n.1/2003 pag Più recentemente il TM di Torino che, pur rigettando la domanda di mantenimento dei legami di fatto del bambino adottivo con i genitori di origine, così argomenta: si precisa che questo Tribunale non è pregiudizialmente contrario all istituto della c.d. adozione aperta, da taluni denominata adozione mite, ossia a quella forma che pur rispettando il modello dell adozione legittimante, può prevedere una qualche modalità di mantenimento dei rapporti tra l adottato e i genitori o altri componenti del nucleo di origine, in Minori e Giustizia n. 4/2008 pag Meno recenti vedi.: TM Roma, 5/7/88 in Dir. Fam p. 105; Corte d Appello Torino, 3/2/94, in Dir. Fam p.152; Corte d Appello Roma, 28/5/1998, in Dir. Fam. 2001, p.1463; TM Roma, 16/1/1999 in Dir. Fam. 2000, p. 144; TM Bologna, 9/9/2000 in Dir. Fam. 2001, p.79. 5

6 che la decisione di proroga nel 13% dei casi è stata presa in considerazione del superiore interesse del minore mentre nel 69,7% a causa della persistenza dei disagi nella famiglia di origine 26. Tale dato indica una preoccupante resistenza degli operatori psico-sociali e dei giudici minorili a ricorrere all istituto dell adozione anche quando l irrecuperabilità della famiglia di origine è chiara ed accertata. Si segnala che il DDL 2805 di riforma in materia di riconoscimento dei figli naturali già approvato alla Camera il 30/6/2011 e attualmente in discussione al Senato all art. 7 comma o) prevede che nella legge si specifichi la nozione di abbandono morale e materiale dei figli con riguardo alla provata irrecuperabilità delle capacità genitoriali in un tempo ragionevole da parte dei genitori, fermo restando che le condizioni di indigenza dei genitori o del genitore esercente la potestà genitoriale non possono essere di ostacolo all esercizio del diritto del minore alla propria famiglia. Tale dispositivo sta creando reazioni contrapposte da parte di alcune associazioni: Anfaa è fortemente contraria mentre Aibi e l Unione Camere Minorili la appoggiano ma sarebbe necessario approfondirne le implicazioni. Dal momento che tutti i bambini hanno diritto a vivere in un contesto familiare di relazioni affettive definitivo e stabile nel tempo i casi di proroga dell affido dovrebbero essere residuali e limitati nel tempo. In tal senso potrebbe essere utile una riforma legislativa della legge 184/83, così come già riformata dalla legge 149/01 in modo che sia previsto che la proroga dell affido possa essere disposta una volta sola, fino ad un massimo di ulteriori 12 mesi e che, qualora il minore affidato sia successivamente dichiarato adottabile, il TM, valutato il suo superiore interesse, scelga la famiglia migliore per lui tra tutti coloro che hanno presentato domanda di adozione tenendo in considerazione anche l'eventuale candidatura degli affidatari o dell'affidatario, anche non avente i requisiti richiesti dall'art. 6, in virtù del principio della continuità degli affetti. Una questione dibattuta: il diritto dell adottato adulto, non riconosciuto alla nascita, a conoscere origini e identita dei genitori biologici La legge 149/01, di riforma della legge 184/83, ha stabilito, all art.28, il diritto per tutti i bambini adottivi di essere messi a conoscenza, da parte dei propri genitori adottivi, della propria condizione di figlio adottivo. Inoltre, al comma 5 si prevede la possibilità, per l adottivo adulto, di accedere ad informazioni che riguardano la sua origine e l identità dei genitori biologici. Tale possibilità è però espressamente negata, al comma 7, a chi non è stato riconosciuto alla nascita, per l evidente ragione di garantire nel tempo il diritto all anonimato della donna che partorisce in ospedale garantendo così, di conseguenza, la fondamentale tutela del diritto del nascituro alla vita e alla salute. Recentemente però, si è riaperto il dibattito circa la possibilità di estendere il diritto di accesso alle proprie origini e all identità dei genitori biologici anche a chi, ormai adulto, non è stato riconosciuto alla nascita. Nel corso dell attuale legislatura, anche su istanza di alcune associazioni di figli adottivi adulti, sono state presentate in questo senso alcune proposte di legge 27 di riforma della legge 184/83 tra cui si prevede anche la modifica dell art. 28, comma 7. Il problema dibattuto nasce dalla questione che la legge italiana vieta al figlio non riconosciuto alla nascita non solo di aver accesso ai dati identificativi della madre che abbia dichiarato di non voler essere nominata, ma anche di accedere alle informazioni che riguardano la sua origine. Gli archivi, infatti, non conservano i dati riguardanti i genitori dei figli non riconosciuti. Questi dati non sono infatti riportati negli atti di nascita e, dopo l emanazione del regolamento di stato civile n. 396 è stata introdotta anche la prassi di certificati di assistenza al parto anonimi, che non consentono di risalire al genitore neppure per motivi sanitari 28. Tale situazione priva di fatto l adottivo adulto, non riconosciuto alla nascita, di poter 26 Relazione sullo stato di attuazione della legge 149/01 anni 2004, 2005, La relazione è stata redatta grazie ai dati trasmessi dal 75,9% del totale dei TM. Nella Relazione più recente relativa agli anni alla quale hanno contribuito solo il 69% del totale dei TM non sono state riportate le motivazioni delle proroghe degli affidi: Tali motivazioni possono essere tuttavia riferibili al persistere degli elementi di disagio sociale e relazionale all interno della famiglia di origine, pag N del presentata dall On. Zinzi e altri; n.2919 del presentata dall On. Paniz; n del presentata dall On. Bossa e Murer 28 Per un approfondimento : Pazè P. Questioni e prospettive della conoscenza delle origini nell adozione in Minori e Giustizia n. 2/2011, p.95 6

7 conoscere e comprendere la propria storia personale, e di mantenere così un senso di continuità delle varie fasi della propria crescita. A livello internazionale ricordiamo che la stessa Convenzione de L Aja del 1993 sulla tutela dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale, ratificata da oltre 50 Paesi, agli artt.li 16 e 30, prevede la conservazione di ogni informazione disponibile sull origine del bambino e sull identità dei suoi genitori anche al fine specifico di poter risalire ai dati sanitari del minore e della sua famiglia. Si esprime così un principio che dovrebbe valere anche per l adozione nazionale. La questione ci sembra importante e meriterebbe di trovare una soluzione, innanzitutto relativamente all obbligo di conservazione dei dati sanitari e sulla storia pregressa, al loro eventuale accesso e trasmissione anche a chi non è stato riconosciuto alla nascita. Inoltre si ritiene auspicabile approfondire la questione riguardante l eventualità che la donna che abbia esercitato la facoltà di rimanere nell anonimato abbia, poi, negli anni, la possibilità di esprimere in forma spontanea e non perché contattata o sollecitata il proprio consenso a fornire le proprie generalità identificative di modo che il figlio biologico qualora ne faccia richiesta al TM possa averne accesso. ALCUNI POSSIBILI CONTESTI DI INTERVENTO Sulla base delle considerazioni sopra esposte, riportiamo le criticità individuate rispetto alle quali sollecitare interventi e/o proposte di riforma: 1. Minori in comunità di accoglienza e in affido familiare: promozione al Dipartimento per le Politiche della Famiglia presso il Ministero per la Cooperazione Internazionale e l Integrazione dell avvio di un sistema informativo nazionale, costantemente monitorato, sui minori affidati e ospitati nei servizi residenziali, che dovrebbe essere raccordato con le funzioni di vigilanza attribuite ai procuratori della Repubblica presso i TM sui minori ricoverati, così come raccomandato anche dal Comitato ONU. 2. Affido familiare: sollecitazione allo Stato, alle Regioni e agli Enti locali, nell ambito delle rispettive competenze, di un investimento sulla promozione e sul sostegno all affido familiare quando invece si denunciano i pesanti tagli alla spesa sociale di questi ultimi anni che hanno colpito pesantemente questo settore più di altri. 3. Adozione nazionale: sollecitazione al Ministero della Giustizia dell avvio della Banca Dati Nazionale dei Minori Dichiarati Adottabili e delle coppie disponibili all adozione, ai sensi dell art. 40 legge 149/01 e del regolamento del Ministero della Giustizia adottato con decreto n. 91 del Adozione internazionale: sollecitare la Commissione per le Adozioni Internazionali (CAI) affinchè si attivi per siglare accordi bilaterali con tutti quei Paesi di origine dei minori che non hanno firmato la Convenzione de L Aja del 1993 e che rappresentano, attualmente, oltre il 40% del totale, al fine di garantire il rispetto dei diritti dei minori, primo fra tutti quello di essere adottato solo se in effettivo stato di abbandono. 5. Adozione internazionale: sollecitazione alla CAI per la definizione di standard di qualità più elevati rispetto all operatività degli enti autorizzati al fine di sollecitare un ridimensionamento numerico degli stessi. 6. Adozioni: sollecitazione al Dipartimento per le Politiche della Famiglia presso il Ministero per la Cooperazione Internazionale e l Integrazione e alla CAI Commissione per le Adozioni Internazionali dell avvio di ricerche aggiornate sugli esiti delle adozioni realizzate in Italia, anche relativamente alle percentuali degli eventuali fallimenti adottivi (c.d. restituzioni). 7. Adozione non legittimante: sollecitazione al Ministero della Giustizia della pubblicazione dei dati aggiornati, disaggregati in riferimento alle diverse tipologie di casi particolari individuati dall art.44, al fine di valutare di avviare una riflessione in merito alla necessità di promuovere una possibile riforma legislativa che sia il più possibile volta ad applicare in maniera più estesa l adozione di tipo legittimante. 8. Adozione aperta: promozione al Parlamento di una riforma legislativa al fine di normare tale istituto non contemplato dal diritto ma di fatto creato dalla giurisprudenza. 7

8 9. Affido familiare sine die: promozione al Parlamento di una riforma legislativa della legge 184/83, così come già riformata dalla legge 149/01 in modo che sia previsto che la proroga dell affido possa essere disposta una volta sola, fino ad un massimo di ulteriori 12 mesi e che, qualora il minore affidato sia successivamente dichiarato adottabile, il TM, valutato il suo superiore interesse, scelga la famiglia migliore per lui tra tutti coloro che hanno presentato domanda di adozione tenendo in considerazione anche l'eventuale candidatura degli affidatari o dell'affidatario, anche non avente i requisiti richiesti dall'art. 6, in virtù del principio della continuità degli affetti. 10. Adottivi non riconosciuti alla nascita: promozione al Ministero della Giustizia (?) di una regolamentazione uniforme, su tutto il territorio, relativamente alla conservazione dei dati sanitari e della storia pregressa, al loro eventuale accesso e trasmissione anche a chi non è stato riconosciuto alla nascita e avvio del confronto anche con altre associazioni di genitori adottivi e di figli adottivi adulti circa l opportunità di sollecitare una riforma legislativa al Parlamento al fine permettere l accesso all identità dei genitori biologici anche a quei figli adottivi adulti non riconosciuti alla nascita nel caso in cui la madre biologica che abbia esercitato la facoltà di rimanere nell anonimato abbia, poi, negli anni, espresso in forma spontanea e non perché contattata o sollecitata il proprio consenso a fornire le proprie generalità identificative. Milano, 29 settembre 2012 CIAI Centro Studi Te.: 02/

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3461

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3461 Senato della Repubblica LEGISLATURA N. 3461 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa dei senatori BUGNANO, LANNUTTI e MASCITELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 SETTEMBRE 2012 Modifiche alla legge 4 maggio 1983,

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo.

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. SOMMARIO INTRODUZIONE 1. 2. Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. La recente legge di riforma delle adozioni: luci ed ombre. p. 11 18

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia.

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia. Nuovo testo della Legge n. 184 del 1983 Diritto del minore ad una famiglia come modificata dalla legge del 28/3/2001 n. 149 TITOLO I Principi generali Art. 1 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

Legge 19 ottobre 2015 n. 173

Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare. (G.U. n. 252 del 29 ottobre 2015) Entrata

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Si parla disottrazione internazionale del minore in due casi: a) Quando il minore viene condotto all estero dal genitore non affidatario senza il consenso dell altro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali Allegato 1 parte integrante della proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale n. 603 avente ad oggetto: Istituzione del Garante dei Diritti per l Infanzia e l Adolescenza e contestuale approvazione

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità

Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità Marco Chistolini

Dettagli

di individuare l Az. ULSS 18 quale destinataria del contributo regionale per tutti i Comuni sottoscrittori.

di individuare l Az. ULSS 18 quale destinataria del contributo regionale per tutti i Comuni sottoscrittori. ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI DELL ULSS N 18 PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI ECONOMICI LEGATI ALLA TUTELA DEI MINORI (rette per inserimento in struttura di minori e contributi per le famiglie

Dettagli

MODIFICHE DEL CODICE CIVILE IN TEMA DI FILIAZIONE NATURALE IN DISCUSSIONE ALLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DELLA CAMERA

MODIFICHE DEL CODICE CIVILE IN TEMA DI FILIAZIONE NATURALE IN DISCUSSIONE ALLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DELLA CAMERA MODIFICHE DEL CODICE CIVILE IN TEMA DI FILIAZIONE NATURALE IN DISCUSSIONE ALLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DELLA CAMERA (Riconoscimento figli naturali. C. 2519 Mussolini, C. 3184 Bindi, C. 3247 Palomba, C. 3915

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3338 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BISCARDINI, CASILLO, CREMA, LABELLARTE e MARINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 10 MARZO 2005 Modifiche alla legge

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

Minori fuori dalla famiglia: comunità, affido, adozione...

Minori fuori dalla famiglia: comunità, affido, adozione... openproject RACCONTARE GLI ANELLI DEBOLI Seminario di informazione sui temi sociali per i giornalisti delle Marche Minori fuori dalla famiglia: comunità, affido, adozione... 5 Novembre 2010 Comunità di

Dettagli

NON SERVONO PIÙ ADOZIONI INTERNAZIONALI: SERVE UN MAGGIOR RISPETTO DELLA SUSSIDIARIETÀ DELL ADOZIONE.

NON SERVONO PIÙ ADOZIONI INTERNAZIONALI: SERVE UN MAGGIOR RISPETTO DELLA SUSSIDIARIETÀ DELL ADOZIONE. ADOZIONE: DIRITTO DEI BAMBINI SOLI E SENZA FAMIGLIA, NON DEGLI ADULTI CHE VOGLIONO UN FIGLIO Osservazioni critiche e Proposte relativamente a quanto affermato dall associazione Amici dei Bambini nel Manifesto

Dettagli

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Genova e gli affidi familiari Come città aderente alla sperimentazione

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4348 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MURA, DI PIETRO, BORGHESI, CAMBURSANO, DI GIUSEPPE, DI STANISLAO, EVANGELISTI, FAVIA, ANIELLO

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

REGOLAMENTO CAPITOLO 1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO CAPITOLO 1 NORME GENERALI Approvato Regolamento del Consiglio dei Ministri Della Repubblica di Belarus N. 122 del 31/01/2007 Sulla procedura dell adozione internazionale e della tutela e curatela internazionale REGOLAMENTO CAPITOLO

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

Indice degli argomenti trattati:

Indice degli argomenti trattati: LE ADOZIONI E GLI ADEMPIMENTI DELL'UFFICIALE DI STATO CIVILE E ANAGRAFE. Donato Berloco Volume di circa 300 pagine Euro 36,00 (10% sconto abbonati Lo Stato Civile Italiano ) Sepel, Giugno 2011 Indice degli

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

ADOZIONI ADOZIONE. Istituto tipico del diritto di famiglia CREA un rapporto di parentela civile tra adottante ed adottato

ADOZIONI ADOZIONE. Istituto tipico del diritto di famiglia CREA un rapporto di parentela civile tra adottante ed adottato ADOZIONI ADOZIONE Istituto tipico del diritto di famiglia CREA un rapporto di parentela civile tra adottante ed adottato 1 Un po di storia.. tutelare le aspettative di successione prima Legge 431/1967

Dettagli

La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia

La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia Laura De Carlo La Laura De Carlo 22.04.2015 2.2015 Nozione di Minore Straniero Minore Straniero o Straniero Minorenne? Minore: accertamento dell et

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine Avvocati Messina Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Protocollo d intesa per l istituzione di un Punto Informativo

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente Guido NEPPI MODONA Giudice Annibale MARINI "

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Disabilità e Inidoneità Il punto di vista del lavoratore. Avv. Roberta Palotti. 22 Settembre 2015

Disabilità e Inidoneità Il punto di vista del lavoratore. Avv. Roberta Palotti. 22 Settembre 2015 Disabilità e Inidoneità Il punto di vista del lavoratore Avv. Roberta Palotti 1 22 Settembre 2015 Congedo ex art. 7, d.lgs. n. 119/2011 diritto ai lavoratori disabili - con invalidità superiore al 50%

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

DICHIARANO DI ESSERE DISPONIBILI ALL ADOZIONE DI UN MINORE STRANIERO (adozione internazionale)

DICHIARANO DI ESSERE DISPONIBILI ALL ADOZIONE DI UN MINORE STRANIERO (adozione internazionale) Al Tribunale per i minorenni di Trento I sottoscritti coniugi: cognome e nome (marito) nato a il cognome e nome (moglie) nato a il residenti in prov. via Cap. tel. ASL n. di coniugati (data) luogo prov.

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4478 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BELLILLO, ADDUCE, ANGIONI, BIELLI, BOGI, BULGARELLI, COLUCCINI, MAURA COSSUTTA, DEIANA, MAZZARELLO,

Dettagli

Domanda per la richiesta dell assegno di maternità (ai sensi dell art.66 della legge 448/98)

Domanda per la richiesta dell assegno di maternità (ai sensi dell art.66 della legge 448/98) COMUNE DI IMPRUNETA (Provincia di Firenze) Servizio Affari Generali Ufficio Socio Educativo Domanda per la richiesta dell assegno di maternità (ai sensi dell art.66 della legge 448/98) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

Minori stranieri non accompagnati richiedenti asilo e non richiedenti asilo: due sistemi di protezione convergenti?

Minori stranieri non accompagnati richiedenti asilo e non richiedenti asilo: due sistemi di protezione convergenti? Minori stranieri non accompagnati richiedenti asilo e non richiedenti asilo: due sistemi di protezione convergenti? Dott.ssa Francesca Biondi Dal Monte Pisa, 30 gennaio 2015 La tutela internazionale del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

FABBRI, GRANAIOLA, IDEM, LO GIUDICE, MANASSERO, PADUA, PAGLIARI, PEZZOPANE, PIZZETTI, PUPPATO, SANTINI, SCALIA, SOLLO, SPILABOTTE

FABBRI, GRANAIOLA, IDEM, LO GIUDICE, MANASSERO, PADUA, PAGLIARI, PEZZOPANE, PIZZETTI, PUPPATO, SANTINI, SCALIA, SOLLO, SPILABOTTE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1209 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PUGLISI, FEDELI, MATTESINI, LUMIA, AMATI, ASTORRE, BERTUZZI, CIRINNÀ, COLLINA, D ADDA, Stefano ESPOSITO, FABBRI,

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI Art. 1 premessa Art. 2 finalità e obiettivi del Servizio Art. 3 modalità e definizioni Art. 4 requisiti e Banca dati delle famiglie

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

Che cosa è l Affidamento?

Che cosa è l Affidamento? Che cosa è l Affidamento? L affidamento,, diversamente dall adozione adozione, è l accoglienza temporanea nella propria casa di un bambino o di un ragazzo. A Torino esiste sin dal 1976,, a livello nazionale

Dettagli

Per adottare. Informazioni per le famiglie

Per adottare. Informazioni per le famiglie Per adottare Informazioni per le famiglie L adozione tutela il diritto dei bambini in stato di abbandono di essere accolti all interno di nuclei familiari che rispondano adeguatamente ai loro bisogni fisiologici

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

SPC s.r.l. Scuola di Psicoterapia Comparata Fondata da Patrizia Adami Rook

SPC s.r.l. Scuola di Psicoterapia Comparata Fondata da Patrizia Adami Rook LA MEDIAZIONE FAMILIARE IN ITALIA PASSATO, PRESENTE E FUTURO I versione: 30 marzo 2006 Ultima revisione: 15 maggio 2008 A partire dal 1970, anno di introduzione della legge sul divorzio, assistiamo nel

Dettagli

A N N A L O M B A R D O - U F F I C I O V A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I B O L O G N A

A N N A L O M B A R D O - U F F I C I O V A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I B O L O G N A IL PERCORSO NORMATIVO IN MATERIA DI ADOZIONI A SCUOLA Linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati MIUR 18 dicembre 2014 Due punti: Cosa ci dicono le Linee di indirizzo

Dettagli

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Pubblicata

Dettagli

Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011

Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011 Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011 Sintesi intervento della dottoressa Liviana Marelli - Il diritto alla protezione dei bambini e dei ragazzi è un concetto ampio che

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese

C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese SERVIZI SOCIALI DETERMINAZIONE n. 39 del 12 marzo 12 OGGETTO: approvazione bando di mobilità per cambi alloggio all interno del patrimonio di edilizia

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

che il figlio o i figli sono nati o entrati nella propria famiglia anagrafica il: / / e che

che il figlio o i figli sono nati o entrati nella propria famiglia anagrafica il: / / e che che il figlio o i figli sono nati o entrati nella propria famiglia anagrafica il: / / e che sono regolarmente soggiornanti e residenti nel territorio dello Stato (solo nel caso in cui l evento si sia verificato

Dettagli

STORIE TRA PARENTESI

STORIE TRA PARENTESI ---- Ministero della Giustizia Dipartimento Giustizia Minorile Centro per la Giustizia Minorile per la Lombardia Milano ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA STRADA DELL'ADOZIONE

LA STRADA DELL'ADOZIONE LA STRADA DELL'ADOZIONE FONTE: Commissione per le Adozioni Internazionali 2011 1ª TAPPA : La dichiarazione di disponibilità TEMPI: entro 15 giorni dalla presentazione della dichiarazione il Tribunale deve

Dettagli

*** IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

*** IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE «Minori: ricorre lo stato di abbandono quando la vita offerta al minore non è in grado di assicurargli un normale sviluppo psico-fisico» (Cassazione civile sez. I, 25 giugno 2014, numero: 14448) Minore-

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA

CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA Prima della firma della Convenzione de L Aja sulla protezione dei minori e sulla cooperazione in materia di adozione internazionale (1995), in Polonia l adozione era regolata

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con deliberazione consiliare n. del I N D I C E Art. 1. Finalità

Dettagli

Caso 5.6. 5. L adozione internazionale

Caso 5.6. 5. L adozione internazionale Caso 5.6 5. L adozione internazionale A quale autorità giudiziaria gli adottanti devono ricorrere qualora, a seguito di una dichiarazione di adozione emessa dallo stato ucraino, gli stessi lamentino che

Dettagli

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli.

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli. L. 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 1 marzo 2006, n. 50) Art.1 Modifiche al codice civile. 1. L'articolo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 61 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori EUFEMI, CUTRUFO, CICCANTI, MELELEO, RONCONI, GABURRO e ZANOLETTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º GIUGNO 2001 (*)

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO PROPOSTA DI LEGGE: ISTITUZIONE DEL FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO SOCIO-EDUCATIVO, SCOLASTICO E FORMATIVO DEI FIGLI DELLE VITTIME D'INCIDENTI MORTALI SUL LAVORO A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

Dettagli

CapitoloIV 4. L ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE

CapitoloIV 4. L ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Ambiente familiare e misure alternative CapitoloIV 4. L ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE 42. Il Comitato raccomanda che l Italia: a) introduca il principio dell interesse superiore del bambino come

Dettagli

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati.

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO Roma, 10 luglio 2001 Circolare n. 138 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli