Adozione e Scuola. famiglia ROVIGO. Tema: Vademecum per l inserimento scolastico del bambino adottato REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adozione e Scuola. famiglia ROVIGO. Tema: Vademecum per l inserimento scolastico del bambino adottato REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18"

Transcript

1 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Regione del Veneto AZIENDA ULSS n. 19 Adozione e Scuola Tema: la mia famiglia Vademecum per l inserimento scolastico del bambino adottato

2

3 Prefazione Assessorato alle Politiche Sociali della Regione Veneto È importante la collaborazione tra Istituzioni per la realizzazione di interventi mirati e territoriali specifici tramite l attuazione di Progetti di ricerca-azione. Il lavoro presentato si radica nel Territorio delle due Aziende Socio-Sanitarie della Provincia di Rovigo, l AA. ULSS 18 di Rovigo e l AA. ULSS 19 di Adria, ed è partito dall ascolto da parte degli operatori dei bisogni specifici portati dalle famiglie adottive e dal mondo della scuola. Nel progetto è stato coinvolto un Ente Autorizzato, l Associazione SOS Bambino I.A. onlus di Vicenza, nell ottica di collaborazione e integrazione di Servizi, promossa ormai da molti anni dalla Regione Veneto e l UPS di Rovigo. Il Vademecum è quindi il risultato di un lavoro integrato e complesso, tra i primi realizzati a livello regionale e nazionale, tra operatori del mondo della scuola, famiglie e operatori territoriali. Il percorso è stato costruito puntando sulla continuità e la complessità dell intervento, iniziato nel con la formazione degli insegnanti e proseguito nel con la supervisione del gruppo di lavoro e la stesura e la verifica delle linee operative. È possibile immaginare la collaborazione come una rete che sostiene e mette in comunicazione realtà vicine e lontane diverse. Ci auguriamo che il vademecum sia uno di quei fili che possano orientare nella complessità degli incontri e delle storie familiari coinvolte nell adozione. Assessore Regionale alle Politiche Sociali Dott. Stefano Valdegamberi 1

4 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Azienda ULSS 18 ROVIGO Raccontami la notte in cui sono nato è una splendida novella che la scrittrice e giornalista Concita de Gregorio ha inserito nel suo ultimo libro Una madre lo sa. È un racconto di un racconto: quello che due genitori fanno al loro piccolo, adottato di recente, spiegando come l amore materno e paterno nasca e cresca con forza anche quando le mamme e i papà sono di cuore, e non solo di pancia. Istituzioni e Scuole hanno lavorato fianco a fianco per giungere alla pubblicazione di questo vademecum, di facile lettura ma dai contenuti importanti, per aiutare scuole e famiglia a condividere l inserimento dei bambini adottati. Si tratta di un percorso complesso, affascinante e nello stesso tempo coinvolgente; l obiettivo è offrire ai piccoli le migliori opportunità di crescita, affettività e sviluppo relazionale. In questo cammino emerge come sia di fondamentale importanza il ruolo giocato dalla scuola e dai suoi insegnanti: mai come per le famiglie che affrontano un adozione, la scuola e i suoi percorsi educativi e affettivi diventano un punto di riferimento irrinunciabile. Direttore Generale Dr. Adriano Marcolongo 2

5 Regione del Veneto AZIENDA ULSS n. 19 Azienda ULSS 19 Adria Tutti coloro che si occupano di adozione sanno come possa essere tormentata l esperienza scolastica dei bambini adottati. Anche gli insegnanti, desiderosi di affrontare con sensibilità ed efficacia le situazioni complesse,sono sprovvisti di informazioni chiare e strumenti adeguati per fronteggiare le dinamiche relazionali e le difficoltà di apprendimento. Allora questo sforzo e desiderio di offrire uno strumento di lavoro condiviso tra tutti gli adulti che si occupano del benessere e delle opportunità di cui questi bambini hanno diritto, ha dato l opportunità di produrre e progettare un percorso di inserimento attraverso questo Vademecum che ha visto la sua realizzazione in un clima di collaborazione e grande speranza di realizzare il nuovo. Durante l ultimo incontro del Percorso di sensibilizzazione e formazione alle coppie aspiranti l adozione che viene realizzato periodicamente dall U.O. Consultorio Familiare di questa A.ULSS 19, viene letto un brano tratto dal libro Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry, quando il protagonista nella sua esplorazione del mondo incontra la volpe e gli propone di essere addomesticato: solo il legame che si creerà dalla conoscenza reciproca, dal rispetto delle loro diversità vissute come ricchezza, permetterà di scoprire un grande segreto: L essenziale è invisibile agli occhi e non si vede bene che con il cuore. Con questa metafora si è soliti augurare alle future famiglie adottive la capacità di realizzare legami genitoriali significativi ed anche, ora, augurare Buon Lavoro a tutti le persone e le agenzie che accompagnano il/la bambino/a adottato/a nel suo ingresso nel mondo della scuola. Direttore Generale Dr. Giuseppe Dal Ben 3

6 Ufficio Scolastico Provinciale Ufficio Interventi Educativi In un tessuto sociale, oramai diffusamente percorso e pervaso da progressive 1 dinamiche di trasformazione dell istituto familiare, come dimostrato e tematizzato da 2 copiosa letteratura, non solo sociologica, affrontare il tema, rectius, il problema dell inserimento scolastico del bambino adottato corrisponde ad una coraggiosa operazione intellettuale, carica di ricadute pedagogiche e didattiche di indubbia potenzialità, come decisamente dimostrato da questo Vademecum. Questo agile ed esaustivo strumento, infatti, esito di una efficace sinergia interistituzionale, Aziende U.L.S.S. 18 e 19 e mondo della scuola, e di una lodevole collaborazione con una realtà di società civile, significativa nel campo delle problematiche dell infanzia, quale è quella di S.O.S. Bambino I.A. onlus, si presenta come un lavoro, non solo intellettuale, ma a marcata vocazione progettuale, riguardante almeno quattro ambiti tematici correlabili a dinamiche socio-istituzionali, tendenzialmente antitetiche a quelle, vigenti e vincenti, di disintegrazione familiare e scolastica. Il Vademecum affronta, in definitiva, da un lato, la questione dell adozione come «modo complesso di diventare famiglia sia dal punto di vista psicologico e relazionale sia dal punto di vista procedurale», dall altro il problema della «genitorialità sociale» tipica del percorso adottivo, per poi distendersi nel farsi carico di questioni, altamente complesse, come quella del rapporto tra famiglia adottiva e scuola, nonché quella riguardante la calibratura dell istituzione scolastica e delle sue risorse per l integrazione piena e, non ultima, per la valorizzazione del bambino adottato e del suo vissuto nella realtà scolastica. Questioni di estrema problematicità, si dirà, proprio dal punto di vista della loro essenziale portata funzionale ai processi di integrazione (integrazione in famiglia, integrazione nella scuola, integrazione scuola-famiglia), atteso, per far solo un classico esempio, ben noto in dottrina, la caratteristica insuperabile di loosely-coupled system (sistema lascamente 3 connesso) applicabile alle realtà scolastiche, secondo la celeberrima lezione weickiana. Questioni complesse, eppure inevitabili, poiché rinviano ad una posta in gioco che supera l orizzonte scolastico e familiare, per approdare, in buona sostanza, all orizzonte, decisivo, dell integrazione sociale, lato sensu, e quindi, della tenuta dei legami sociali e dell intera società. Risulta persino banale dover giustificare una siffatta asserzione; è ovvio, infatti, come famiglia e scuola siano agenzie di socializzazione (primaria e secondaria, rispettivamente) fondamentali per la tenuta dell intera trama del sociale e come i rapporti fra scuola e le altre agenzie di socializzazione costituiscano il perno essenziale per il 4 mantenimento delle connettività del corpo sociale. Attorno a questo specifico punto ruota inevitabilmente un tema che da tempo è rimasto un po trascurato o, forse anche volutamente, mal-trattato. Integrazione scuola-famiglia, rapporti tra scuola ed altre ZANATTA,Anna Laura, Le nuove famiglie, Il Mulino, Bologna, FRANCESCATO, Donata, Quando l amore finisce, Il Mulino, Bologna, 1992; KAUFMANN, Jean-Claude, Trame coniugali. Panni sporchi e rapporto di coppia, Dedalo, Bari, WEICK, Karl E., Le organizzazioni scolastiche come sistemi a legame debole, in ZAN, Stefano (a cura di), Logiche di azione organizzativa, Il Mulino, Bologna, 1988, pp Sul punto, in una letteratura smisurata: FISCHER, Lorenzo, Il rapporto fra scuola e agenzie di socializzazione, in Id., Sociologia della scuola, Il Mulino, Bologna, 2003, pp

7 agenzie di socializzazione non corrispondono ad uno svilimento progressivo, o addirittura ad un annientamento, delle precipue e rispettive funzioni della scuola e delle altre agenzie di socializzazione, prima tra tutte la famiglia, come se la scuola potesse ridursi ad un indistinto milieu socializzante, di ludica ricreazione infinita, dimenticando che il suo 5 ruolo essenziale, che è (e dovrebbe rimanere) quello dell istruzione e la famiglia, viceversa, potesse assumere un ruolo marginale o non educativo o addirittura dis-educativo, magari 6 in termini di rivendicazionismi genitocratici, proprio in un momento storico nel quale, sempre di più, l educazione appare momento formativo introduttivo, essenziale e decisivo, per l istruzione e l apprendimento. Il Vademecum si fonda sull assunzione di questa fondamentale consapevolezza e trae coerenti conseguenze, sotto il profilo applicativo, discostandosi, così, da un demagogismo pedagogico che da tempo indica percorsi astratti e valorizza in questo modo la funzione precipua della scuola e di quanti vi operano: quella di educare istruendo e di 7 istruire educando. Dirigente Dr. Renzo Paolo Vedova SCHIZZEROTTO,Antonio, BARONE, Carlo, Sociologia dell istruzione, Il Mulino, Bologna, FRABBONI, Franco, Una scuola possibile. Modelli e pratiche per il sistema formativo italiano, Laterza, Roma-Bari, 2008, p.42. PIAZZA, Stefano, VEDOVA, Renzo Paolo, Educare istruendo, istruire educando: note minime in tema di educazione alla cittadinanza democratica e alla legalità nella scuola secondaria, in L Amministrazione Italiana, n. 12, 2007, pp

8 Sommario Prefazione Assessorato alle Politiche Sociali della Regione Veneto - D ott. Stefano Valdegamberi Azienda ULSS 18 Rovigo-Dott. Adriano Marcolongo Azienda ULSS 19 Adria - Dott. Giuseppe Dal Ben Ufficio Scolastico Provinciale, Ufficio Interventi Educativi - D ott. Renzo Paolo Vedova Un Vademecum. Perché? pag. 7 Adozione e scuola. Come è strutturato il vademecum pag. 9 I percorsi per diventare famiglia: breve descrizione dell iter adottivo Le strade per diventare figlio e allievo. Storie e bisogni dei bambini pag. 11 pag. 13 Le risorse della scuola. Modalità operative pag. 17 Primo Inserimento e passaggi fra ordini di scuola Famiglia, identità e storia personale Lettera ai colleghi Bibliografia pag. 21 pag. 22 Allegati: Schede operative pagg

9 Un Vademecum. Perché? Il vademecum è stato elaborato da un gruppo di lavoro composto da insegnanti, operatori dei Servizi Sociali Territoriali dell A. ULSS 18 di Rovigo e A. ULSS 19 di Adria e dell Ente Autorizzato SOS Bambino I.A. onlus nell ambito dei Progetti Pilota finanziati dalla Regione Veneto nei bienni e per il Sostegno alla Famiglia Adottiva Il Progetto Pilota della Regione Veneto ha visto la collaborazione delle due AA. ULSS 18 e 19, dell Ente Autorizzato SOS Bambino, dell USP di Rovigo, delle Scuole della Provincia di Rovigo e di famiglie adottive del territorio Obiettivi dei Progetti Pilota: promuovere la cultura dell accoglienza, potenziare e valorizzare le competenze delle figure scolastiche, migliorare e potenziare la relazione tra famiglia adottiva, alunni, personale docente e Servizi Territoriali, fornire strumenti operativi di lettura e decodifica delle dinamiche relazionali e comunicative, riflettere e costruire unità operative e didattiche, individuare e formare una figura di riferimento in ogni plesso scolastico con maggiori competenze in tema di adozione. Il Progetto Pilota ha coinvolto 28 insegnanti (14 di Rovigo e 14 di Adria) in una formazione specifica sul tema Adozione e Scuola per un totale di 57 ore complessive articolate in 4 azioni: due incontri aperti anche alla cittadinanza e due moduli (uno formativo e uno di supervisione). La partecipazione degli insegnanti è stata buona e il progetto si è avvalso di figure professionali dei Servizi Territoriali (Equipe Adozione, Consultorio Familiare, Neuropsichiatria Infantile e dell Età Evolutiva) e di formatori esperti che si occupano degli aspetti psicologici e sociali dell adozione e dell apprendimento. Al termine del percorso è emersa la proposta di strutturare un vademecum utilizzabile anche dalle scuole e dagli insegnanti che non avevano usufruito della formazione. Nell ambito del Progetto Pilota Regionale si è quindi realizzato un percorso mirato (elaborazione, supervisione interna ed esterna, sperimentazione in alcune scuole e presentazione alla cittadinanza) con insegnanti in precedenza formati per la stesura del presente vademecum. Gli incontri sono stati coordinati dagli operatori delle ULSS di Rovigo, Ass. Soc. Maddalena Berzacola e Dott.ssa Emma Benà (Psicologa Volontaria) e Adria, Ass. Soc. Maria Vianello e dalla Dott.ssa Anna Maria Barbiero, psicologa e psicoterapeuta dell Ente Autorizzato S.O.S. Bambino I.A. onlus. Il materiale è stato supervisionato dalle responsabili dei Consultori Familiari di Rovigo ed Adria: Dott.ssa Silvana Milanese A. ULSS 18 e Dott.ssa Maria Chiara Roccato, A. ULSS 19; la supervisione tecnica esterna è del Prof. Cesare Cornoldi dell Università degli Studi di Padova. 7

10 Il gruppo di lavoro Operatori servizi territoriali: Maddalena Berzacola, Assistente Sociale ULSS 18 Rovigo Emma Benà Psicologa Volontaria ULSS 18 Rovigo Maria Vianello, Assistente Sociale ULSS 19 Adria Operatori Enti Autorizzati: Anna Maria Barbiero, Psicologa e Psicoterapeuta Ente Autorizzato SOS Bambino I.A. o.n.l.u.s., coordinazione tecnica del progetto Supervisione tecnica Prof. Cesare Cornoldi, Professore Ordinario dell Università degli Studi di Padova, Psicologia dell apprendimento e della Memoria Insegnanti: Rossana Cavallini, I. C. Adria 1 Scuola Primaria Vittorino da Feltre Cristina Ganzaroli, I. C. Costa di Rovigo Scuola Primaria Arquà Polesine Lorella Ghiotti, I. C. Badia Polesine Paola Gottardi, I. C. Adria 2 Scuola Primaria Edmondo De Amicis Monica Previato, I. C. Adria 2 (A. S ) dal 2006, IPSSAAR Adria G. Cipriani Paola Provetti, I. C. Lendinara Scuola Primaria F.G. Baccari Maria Rosaria Fonso, I. C. Adria 1 Scuola per l Infanzia Arcobaleno 8

11 Adozione e scuola. Come è strutturato il vademecum Il vademecum vuole offrire spunti di riflessione e suggerire modalità operative nell accompagnamento della famiglia e del bambino adottato all interno della realtà scuola per avvicinare Famiglia, Scuola, Servizi Territoriali. Lo scritto è suddiviso in aree tematiche: i percorsi per diventare famiglia adottiva, le strade per diventare figlio e allievo, le risorse della scuola. 1. I percorsi per diventare famiglia: breve descrizione dell iter adottivo L adozione è un modo complesso di diventare famiglia sia dal punto di vista psicologico e relazionale sia dal punto di vista procedurale. La famiglia può portare nel rapporto con l istituzione scuola una parte del vissuto di genitorialità sociale tipico del percorso adottivo: i coniugi devono raccontare aspetti che riguardano il privato e l intimità della coppia e della famiglia per riflettere insieme agli operatori sociali sulle reali possibilità di diventare genitori attraverso l adozione. L intimità della scelta di essere genitori è quindi condivisa e valutata perché l adozione sia una possibilità per il bambino. La coppia al momento del confronto con la scuola può quindi enfatizzare il bisogno di privato e scegliere di non parlare dell adozione. Conoscere l iter della coppia e i suoi vissuti può aiutare i dirigenti scolastici e gli insegnanti ad accompagnare la famiglia che entra nel mondo della scuola, informandola sulle risorse presenti in ambito scolastico. In alcuni casi la famiglia può avere paura del giudizio e il bisogno di normalizzare, ad esempio con inserimenti scolastici troppo precoci, pertanto una conoscenza di tali aspetti può permettere alla scuola indicazioni e spunti di riflessione appropriati. Inoltre, la coppia che arriva all adozione dopo aver affrontato un iter così lungo, può avere delle aspettative molto alte nei confronti del bambino e tali aspettative si manifestano soprattutto a scuola nel chiedere al bambino, spesso arrivato da pochi mesi, un rendimento scolastico uguale a quello dei compagni che hanno frequentato la scuola italiana dall età di tre anni. 2. Le strade per diventare figlio e allievo: Il bambino ripropone a scuola le modalità di rapporto che conosce per relazionarsi con adulti e coetanei; pertanto, per decodificare alcune richieste di aiuto e offrire nuove occasioni di relazione, può essere importante conoscere alcune esperienze del suo passato. Nel capitolo vi è un accenno anche alla gestione e alla regolazione delle emozioni, spesso carente in bambini che hanno avuto interruzioni nella continuità dell accudimento che porta al vissuto di abbandono. In allegato si trova una scheda, elaborata dal gruppo di lavoro, per raccogliere 9

12 attraverso un colloquio con la famiglia alcune informazioni utili ad accogliere in modo appropriato il bambino (al primo ingresso a scuola o nel passaggio tra ordini di scuola). Il senso della scheda va spiegato ai genitori, specificando che le informazioni non vengono utilizzate per discriminare il bambino, ma per attivare le risorse più adatte ad offrirgli un ambiente relazionale e fisico adeguato. 3. Le risorse della scuola La famiglia si rivolge alla scuola per l iscrizione del bambino e ha bisogno di trovare un Istituzione competente rispetto ai bisogni specifici di cui il nucleo familiare può essere portatore. In ogni scuola dovrebbe esserci almeno una figura di riferimento preparata sul tema dell adozione a cui, sia la famiglia sia gli altri insegnanti, possono rivolgersi nelle diverse fasi: primo inserimento o passaggio di ordine di scuola e scelta dei percorsi didattici più opportuni. Si propone la riflessione su alcuni argomenti e parole: se i temi della famiglia e la ricostruzione della storia sono significativi per tutti i bambini, nell adozione è difficile che tali argomenti siano neutri, il che non significa che debbano essere necessariamente problematici. È necessario, quindi, pensare ad attività in cui il bambino non si senta mancante, così come importante è strutturare percorsi che valorizzino le capacità di pensare e la curiosità di tutti i bambini. Alcune attività possono invece essere così emotivamente sollecitanti da costituire un interferenza all apprendimento. In allegato vengono proposte alcune piste di lavoro, elaborate e selezionate dagli insegnanti del gruppo di lavoro, come spunto per la costruzione di percorsi didattici efficaci. 10

13 I percorsi per diventare famiglia: breve descrizione dell iter adottivo (*) Premessa La coppia che vuole adottare un bambino deve affrontare un percorso lungo e impegnativo, sia per quanto riguarda le modalità previste dalla legge, sia per quanto riguarda i tempi di attesa rispetto all arrivo del bambino. La legge italiana prevede che ci sia un idoneità da parte di chi necessariamente deve essere una coppia coniugata- vuole accogliere un bambino. Questa idoneità deve essere verificata da parte dei Servizi Socio-Sanitari Pubblici, attraverso colloqui individuali e di coppia- con il personale preposto (Psicologo e Assistente Sociale). Questo perché un figlio adottivo non è solo la risposta ad un bisogno di maternità o paternità o la risposta al desiderio di compiere un gesto di solidarietà, ma adottare è qualche cosa di più: è accogliere nella propria famiglia un bambino o una bambina, generato da altri, con una sua storia e che ha bisogno di nuovi genitori, di una nuova famiglia come una seconda possibilità di vita. Accogliere un bambino, che ha vissuto l esperienza dell abbandono, richiede da parte dei futuri genitori capacità specifiche di sostegno e riparazione, rispetto a quanto egli ha vissuto prima di essere adottato. Inoltre, il bambino adottivo ha una sua storia personale, una sua origine biologica, sociale e culturale, diversa da quella della coppia adottiva, con cui tutti genitori e bambino- dovranno continuamente confrontarsi e non sempre questo può risultare facile da affrontare. Non esiste un modello ideale di coppia dichiarabile idonea all adozione, ma piuttosto si individua se il funzionamento di ogni singola coppia può essere adatto o meno ad accogliere un bambino. Percorso La legge 476/98, con cui l Italia ha ratificato la Convenzione dell Aja del 1993, introduce due importanti novità: 1) la Commissione Nazionale per le Adozioni Internazionali (CAI), organismo centrale che ha funzioni di controllo sulle adozioni e di collaborazione con le Autorità Straniere, per garantire la tutela del minore adottato; 2) gli Enti Autorizzati, mediatori in materia di adozione internazionale e curano l abbinamento all estero del bambino con la coppia adottiva. Prima di questa legge, infatti, la coppia dichiarata idonea all adozione quando si recava all estero, per la conoscenza del bambino, affrontava una parte delicata ed importante del percorso adottivo senza supporto. Esisteva infatti il cosiddetto fai da te, che non dava garanzie, in quanto era la coppia che attraverso intermediari, non sempre qualificati, arrivava all abbinamento di un bambino, ma sostanzialmente senza un controllo specifico da parte degli organismi statali (sia italiani che esteri). Con l Ente Autorizzato, a cui ci si deve rivolgere necessariamente per poter adottare all estero, la coppia viene maggiormente tutelata e sostenuta nella fase estera dell adozione. La legge 476/98 prevede che ogni Regione organizzi all interno del proprio territorio, il percorso adottivo coordinando le diverse Agenzie Pubbliche (Tribunale per i Maddalena Berzacola, Assistente Sociale ULSS 18 Rovigo Il materiale è stato rielaborato a partire dal testo Linee Guida della Regione Veneto 11

14 Minorenni, Aziende Socio Sanitarie) e Private (Enti Autorizzati), che a diversi livelli e a vari titoli, operano nell ambito dell adozione. La Regione Veneto ha individuato il seguente percorso, suddiviso in quattro fasi. Prima fase: prima della presentazione della domanda al Tribunale per i Minorenni, viene previsto un percorso di informazione/sensibilizzazione sulle tematiche dell adozione, suddiviso in due parti, la prima gestita dall Equipe Adozioni delle Aziende Sanitarie, la seconda dagli Enti Autorizzati. Seconda fase: presentazione della domanda al Tribunale per i Minorenni che incarica le Equipe Adozioni di svolgere un indagine psico-sociale, alla fine della quale viene inviata una relazione di idoneità o non idoneità al Tribunale per i Minorenni, il quale emette il decreto solo in caso di idoneità. Terza fase: è la fase più difficile da prevedere come durata. Infatti è la cosiddetta fase dell attesa. Per quanto riguarda l adozione nazionale, la coppia, ottenuta l idoneità, deve solo aspettare di essere convocata dal Tribunale per i Minorenni, perché è stata abbinata ad un bambino. Questa attesa può durare anche 4 anni. Nell adozione internazionale, la coppia deve attivarsi per conferire l incarico ad uno degli Enti Autorizzati, affinché curi per essa l abbinamento di un bambino all estero. Per decidere a chi dare questo mandato, la coppia ha tempo un anno e la scelta verrà fatta in base anche al Paese estero presso cui intende adottare. Questo percorso può avere un attesa di circa 2-3 anni. Quarta fase: è quella dell arrivo del bambino e del post-adozione: essa varia a seconda se l adozione è nazionale o internazionale. Per l adozione nazionale è previsto un anno di affido pre-adottivo in cui i Servizi Socio- Sanitari, su mandato del Tribunale per i Minorenni, seguono l inserimento del bambino nella nuova famiglia (tale sostegno è previsto anche per le Nazioni che non hanno sottoscritto l accordo dell Aja). Per l adozione internazionale, il periodo di sostegno può durare uno o più anni, tempo in cui i Paesi di origine chiedono che vi sia un aggiornamento periodico delle condizioni del bambino. In questo caso, i genitori adottivi possono scegliere di farsi seguire o dall Equipe Adozioni, oppure dall Ente Autorizzato. In ogni caso, terminati i periodi previsti dalla legge, i Servizi Socio Sanitari Territoriali rimangono a disposizione della nuova famiglia per qualsiasi tipo di richiesta, come per ogni altra famiglia del proprio territorio. Pertanto la famiglia in difficoltà o la scuola in difficoltà possono richiedere il supporto ai Servizi Territoriali in particolare alle Equ ipe Adozione di Rovigo e Adria (Vedi allegato 1). 12

15 Le strade per diventare figlio e allievo Storie e bisogni dei bambini (*) Il bambino adottato non è necessariamente un bambino problematico. L ingresso a scuola e il confronto con adulti significativi e coetanei possano essere occasioni relazionali preziose nella sua crescita, così come in quella di tutti gli altri bambini. Il bambino presenta delle modalità di reazione alle situazioni che dipendono dalle sue caratteristiche personali, ma anche dalle esperienze precedenti all ingresso a scuola. La specificità del bambino adottato è di diventare figlio di persone da cui non è nato, e di aver affrontato l interruzione della continuità dell accudimento, in un età piuttosto precoce, sperimentando quindi un vissuto di abbandono. Il bambino è portatore di una diversità di storia che può emergere in diversi momenti della vita scolastica (ad esempio nel parlare di famiglia, storia personale) e rispetto alla quale ha bisogno di sentirsi riconosciuto e, se lo richiede ascoltato, ma non costretto a svelarsi o sentirsi diverso. Ogni bambino ha una sua storia più o meno faticosa alle spalle, ma il tratto comune è il cambiamento di vita, avvenuto senza tenere conto dei suoi bisogni di protezione, cura e continuità, per cui il bambino che arriva a scuola ha affrontato un viaggio fisico e psicologico diverso da quello di suoi compagni di classe. Spesso i bambini stranieri adottati e i bambini immigrati con le famiglie sono accomunati. Esistono però delle peculiarità: il bambino adottato è un bambino che è emigrato da solo e che è arrivato in un nuovo contesto familiare e sociale, perdendo i suoi punti di riferimento precedenti. Ha quindi dei bisogni di inserimento e di comprensione diversi da quelli del bambino immigrato che è un bambino straniero per la comunità ma che vive il senso di appartenenza in famiglia. Il bambino adottato si trova inizialmente ad essere estraneo e straniero sia nel contesto sociale sia nella famiglia in cui è stato accolto, con il tempo i legami familiari lo faranno sentire di essere a casa nella famiglia adottiva, ma per lui resterà il fatto di essere nato in un altro Paese e di non assomigliare somaticamente e quindi di non potersi rispecchiare nei genitori con cui cresce. sono: Alcuni aspetti che possono essere significativi nella evoluzione del bambino età di arrivo in Italia; esperienze precedenti all adozione; strutturazione dei legami affettivi all interno della famiglia di arrivo, che richiedono tempi lunghi; elaborazione della storia personale; scolarità pregressa; capacità di attenzione e concentrazione; capacità di apprendimento e livello di apprendimento della lingua italiana; eventuali diversità somatiche. Dott.ssa Barbiero, psicologa e psicoterapeuta, Consulente Ente Autorizzato SOS Bambino I.A. onlus 13

16 Per quanto riguarda l età di arrivo in famiglia, negli ultimi anni, si registra un innalzamento progressivo dell età media. Spesso il bambino arriva in famiglia in età idonea a frequentare la Scuola per l Infanzia, ma un precoce inserimento in ambiente comunitario può bloccare il processo di attaccamento alle figure genitoriali. È importante che la scuola aiuti i genitori che si rivolgono ad essa per la pre-iscrizione a riflettere sul bisogno di darsi tempo come famiglia. È opportuno quindi invitare i genitori a ritardare l inserimento scolastico per dedicare un tempo più lungo allo stare insieme per scoprire il gusto di essere famiglia. Al momento dell inserimento in famiglia e successivamente a scuola, il bambino può esprimere il suo disorientamento, assumendo dei comportamenti tipici di età inferiori, quindi regredendo. Questo segnale è una richiesta di aiuto e comprensione, occorre quindi affiancare il bambino, accompagnandolo nelle nuove scoperte. Rispetto all apprendimento della lingua italiana, a seconda del Paese di provenienza e dell età di arrivo, il bambino può essere facilitato nell apprendimento della lingua parlata e della comunicazione di base, che ha a che fare con il linguaggio concreto e funzionale. Va monitorato e valutato l apprendimento della lingua dello studio, che rimanda a concetti astratti e all uso di linguaggi figurati, rispetto a cui il bambino può avere una comprensione imprecisa e superficiale. Va quindi verificato il reale grado di comprensione ed apprendimento e si può eventualmente supportare il bambino a scuola e/o a casa con percorsi di ampliamento del vocabolario e consolidamento del lessico, nei diversi registri. Il bambino che diventa figlio attraverso l adozione può avere alle spalle percorsi molti diversi. Può essere nato in Italia da persone italiane o straniere ed essere stato adottato precocemente, o arrivare da un Paese straniero più o meno lontano geograficamente e per abitudini di vita. Le esperienze precedenti all adozione vissute dal bambino possono essere raggruppate in due grandi aree: la precoce istituzionalizzazione e la permanenza e il successivo allontanamento da famiglie in situazione di disagio. L esperienza della precoce istituzionalizzazione è più frequente per bambini provenienti da Paesi dell Est Europa e del Sud-Est Asiatico. Queste esperienze possono portare a una discreta capacità di adesione ai modelli comportamentali proposti dalla scuola, può essere presente però una difficoltà ad approfondire gli apprendimenti e introiettare le regole e i significati. L adulto può essere temuto; spesso sono carenti il concetto di famiglia e la capacità di autoregolazione delle emozioni, in quanto nelle istituzioni i comportamenti erano guidati da regole esterne. Mediamente i bambini hanno povertà di esperienze sensoriali e ludiche e l apprendimento ne risente in quanto può esserci povertà di schemi. Può essere indicato un ampliamento del lessico affettivo e relazionale attraverso specifici percorsi di educazione alle emozioni rivolti all intero gruppo classe. In parte diverso è il percorso di bambini che vivono per un periodo nella famiglia biologica, che presenta condizioni di disagio familiare e sociale, e poi vengono collocati per un periodo di tempo variabile presso un Istituzione: Istituto per i bambini provenienti dall Africa e dall India, e da alcune zone del Centro e Sud America, casa famiglia più frequente per bambini provenienti dal Sud America. Il bambino può aver vissuto esperienze di trascuratezza o maltrattamento in 14

17 seguito alle quali le sue risorse emotive possono essere state inibite. Può quindi presentarsi un bambino piuttosto adeguato sul piano dei comportamenti, a volte appare più maturo dell età anagrafica, ma con difficoltà o meglio ambivalenza nelle relazioni con l adulto e con i coetanei. Spesso si assiste anche all inibizione delle capacità di pensare e quindi il bambino, pur essendo intelligente, si blocca o si allontana davanti ad alcuni apprendimenti, che potrebbero riattivare ricordi e sensazioni dolorose. Il bambino che arriva nella famiglia adottiva ha bisogno di tempo per intrecciare legami e attaccarsi alle nuove figure di riferimento, per questo è importante che l inserimento a scuola avvenga alcuni mesi dopo l arrivo del bambino in famiglia. Si ricorda che qualora il bambino arrivi in età di obbligo scolastico, con opportuna valutazione da parte di chi lo segue (Equipe Adozioni o Ente Autorizzato), può rimanere a casa con i genitori per un periodo che permetta la strutturazione di un minimo di conoscenza e legame prima di affrontare l inserimento nel mondo scolastico. Le difficoltà scolastiche possono presentarsi in momenti diversi e coinvolgere vari aspetti della vita scolastica: rendimento scolastico, comportamento, rapporto con i compagni. La letteratura non è concorde su una maggiore incidenza di disturbi specifici di apprendimento tra i bambini adottati, ma conferma una maggiore vulnerabilità rispetto a difficoltà di apprendimento e di concentrazione. Spesso il bambino non ha potuto sviluppare pienamente le sue capacità di autoregolazione e di metacognizione, pertanto può incontrare difficoltà nell apprendimento, collegate a questi aspetti. Possono essere presenti inibizioni affettive e/o difficoltà strutturali. Un altra chiave di lettura per cogliere e decodificare la fatica di apprendere e la ricerca di relazione con l insegnante è data dalla tipologia di attaccamento. Il bambino può aver sviluppato un attaccamento evitante, che lo porta a difendersi dall angoscia per l abbandono, spostando l attenzione e la rabbia su caratteristiche inanimate dell ambiente; impara quindi a non soffermarsi e a non elaborare le esperienze troppo dolorose, ma anche a non rievocare le rappresentazioni che possono riferirsi anche indirettamente ad esse. Questo modo di approcciarsi alla realtà, di evitare di approfondire, è in contrasto con i passaggi richiesti per l apprendimento. Altri bambini, invece, imparano a proteggersi, cercando di esercitare un controllo su di sé, sugli altri e sulle relazioni e richiedendo costantemente la presenza dell adulto, ma nello stesso tempo avendo atteggiamenti ambivalenti rispetto alla possibilità di essere aiutati. Infine, in un bambino che ha vissuto eventi traumatici e maltrattamento, possono riscontrarsi discontinuità della coscienza, per cui, quando vengono affrontati temi che possono richiamare esperienze particolarmente dolorose, può esserci una dissociazione, cioè una discontinuità nella percezione che, tra le altre cose, rende problematico l apprendimento. Altri aspetti importanti da considerare sono la significatività degli apprendimenti elamotivazione. che si basa tra l altro sull autostima e sulla percezione di auto-efficacia del bambino, e sui feed-back che il bambino ha rispetto alle sue capacitàdi apprendere e comportarsi come gli altri. È quindi fondamentale che la valutazione scolastica sia fatta in termini di progressi più che di rendimento e profitto, soprattutto in 15

18 quelle situazioni in cui il bambino parte da un livello di scolarità diverso rispetto a quello dei coetanei. Infine imparare richiede energie che possono essere impiegate in altri ambiti, per esempio nell inserimento familiare e nell attaccamento ai genitori o nel farsi accettare e diventare parte del gruppo classe. Quando il bambino appare distratto, ci si può chiedere dove è e se c è un modo di riportarlo nel gruppo e nel presente. Il bambino adottato può essere portatore di differenze relazionali e somatiche più o meno evidenti. Nel primo periodo il bambino va aiutato nella conoscenza dei compagni e degli insegnanti tenendo conto che gli impliciti culturali che regolano la socializzazione dipendono dal contesto di appartenenza: il bambino, se è arrivato da poco, può non comprendere bene le regole di socializzazione con i coetanei e con gli adulti. Ognuno di noi come essere umano ha bisogno di essere riconosciuto e quindi sentirsi unico e speciale, ma anche di far parte di un gruppo al quale in alcuni momenti uniformarsi (pensiamo alla pre-adolescenza). I bambini vanno educati all accettazione delle diversità di cui siamo tutti portatori e per il bambino con un colore della pelle e dei tratti somatici poco comuni nel Paese di arrivo può essere più faticoso sentirsi come gli altri. Soprattutto durante la preadolescenza, la paura di essere visto come diverso può portare ad atteggiamenti di rottura e di sfida per spostare l attenzione su ciò che si fa piuttosto che su ciò che si è. In base alla situazione del gruppo classe, si potranno valutare gli interventi più idonei a favorire la conoscenza e l accettazione reciproca, tenendo presente che è importante differenziare per fasce di età. Solitamente il pre-adolescente non gradisce che venga evidenziata una sua diversità, ma preferisce gestire in modo autonomo la condivisione di eventuali aspetti specifici (essere adottato, essere nato in un altro Paese, saper parlare un altra lingua) facendo riferimento a un singolo insegnante, piuttosto che portando e condividendo la difficoltà con l intera classe. 16

19 Le risorse della scuola. Modalità operative (*) Primo Inserimento e passaggi di ordine di scuola Nel POF, o nella presentazione della scuola, dovrebbe essere inserito se c è una competenza specifica sul tema adozione, e se la scuola ha tra il suo personale una figura di riferimento formata con competenze specifiche sul tema. Tale figura di riferimento (il dirigente o un insegnante) potrebbe: facilitare i contatti scuola-famiglia (prima dell inserimento nella classe), raccogliendo le informazioni utili all inserimento nella classe e aiutando la famiglia a conoscere il contesto relazionale in cui verrà inserito il bambino; supportare i docenti nella scelta dei materiali didattici e nell analisi critica degli stessi; diventare interlocutore di riferimento nei rapporti con il territorio, Per la scuola non vi è modo di sapere se un alunno è adottato, se non è la famiglia a dirlo: tale informazione può essere utile e si ritiene che la famiglia possa far presente questa specificità, se è aiutata a fidarsi dell Istituzione che ha di fronte. Potrebbe essere questo servizio o un referente con competenze specifiche in tema di adozione, che effettua un colloquio conoscitivo con i genitori rispetto alla situazione del bambino, per valutare la necessità di eventuali supporti o accorgimenti specifici. Nel caso di primo inserimento scolastico, il colloquio servirà a raccogliere le informazioni utili per determinare la classe di iscrizione. Il colloquio di presentazione con i genitori dovrebbe essere effettuato sia in sede di primo inserimento, sia nel passaggio di ordine per comprendere meglio il funzionamento del bambino-ragazzo, conoscere i suoi eventuali bisogni specifici (ad esempio rispetto al contatto con gli adulti e con i coetanei) e le esperienze di scolarizzazione pregresse. Informazioni utili sono ad esempio: composizione nucleo familiare; da quanto tempo il bambino-ragazzo è in Italia ed età di arrivo (se il bambino è appena arrivato approfondire motivazioni all inserimento scolastico - eventualmente dando anche indicazioni sui tempi minimi e rimandando ai Servizi o all Ente Autorizzato); paese di provenienza e esperienze precedenti con adulti e bambini; eventuali situazioni difficili per il bambino (es. separazioni, momenti di gioco libero, rimproveri) e modalità di reazione, cosa lo aiuta e cosa lo ostacola o lo disorienta; se la famiglia è seguita dai Servizi Sociali (ULSS, Equipe Adozione, Servizio dell Età Evolutiva) o da un Ente Autorizzato. Se i Servizi sono a Elaborato dal gruppo di lavoro. 17

20 conoscenza dell inserimento del bambino, eventuali indicazioni specifiche; come è stata spiegata al bambino la sua storia personale o come vorrebbero farlo, eventuali nodi critici; Se l allievo ha già frequentato la scuola in Italia e si tratta di un passaggio da un ordine di scuola all altra può essere utile raccogliere anche informazioni sul percorso scolastico e di socializzazione. Si allega (allegato 3) la traccia, elaborata dal gruppo di lavoro, per il colloquio con i genitori. L iscrizione (aspetti burocratici e amministrativi) viene svolta dalla segreteria e segue le procedure di qualsiasi altro bambino: l alunno viene perciò iscritto alla classe corrispondente all anno di nascita. Nel caso non ci sia documentazione sulla pregressa scolarizzazione o vengano segnalate dalla famiglia o dai Servizi difficoltà con la lingua italiana o aspetti relativi alla maturazione psicosociale, il bambino può essere iscritto (così come prevede la legge) alla prima classe inferiore rispetto alla data di nascita. Questa decisione viene presa dal Dirigente Scolastico dopo un accurata valutazione e, nel caso in cui il bambino presenti delle difficoltà di comportamento o di apprendimento, la scuola si pone come tramite con altri Servizi Territoriali per poter usufruire degli ausili o delle valutazioni necessarie. Qualora il bambino arrivi in età di obbligo scolastico, dopo un opportuna valutazione da parte di chi segue il bambino e una relativa certificazione (Equipe Adozioni o Ente Autorizzato), il bambino può rimanere a casa con i genitori per un periodo che permetta la strutturazione di un minimo di conoscenza e legame prima di affrontare l inserimento nel mondo scolastico. Qualora si registrassero segnali di disagio o bisogni specifici è importante ricordare che la famiglia e la scuola non sono sole in quanto esistono i Servizi delle Aziende ULSS a cui si può richiedere un intervento professionale. Si allega in appendice scheda con i riferimenti territoriali delle AA. ULSS di Rovigo ed Adria per la richiesta di consulenza sia rispetto all inserimento sia per eventuali difficoltà relazionali nel gruppo classe (Allegato 1 e 2). Parlando di famiglia, identità e storia personale Sin dalla Scuola per l Infanzia e nell arco di tutto il percorso scolastico, il tema dell identità e dell appartenenza al nucleo familiare viene affrontato e condiviso per aiutare il bambino a conoscersi e a collocarsi nelle realtà storiche e relazionali. Spesso c è un errata sovrapposizione tra il concetto di genitorialità e famiglia biologica (chi ci fa nascere) e il concetto di famiglia affettiva e relazionale: le persone a cui voglio bene, che mi rispettano e mi aiutano a crescere. Impostando la riflessione sull appartenenza e sul concetto di famiglia come affetto, tutti i bambini possono partecipare e sentirsi di poter condividere alcune parti della propria storia ed esperienza, se invece le attività propongono riflessioni tipo la mamma è quella di cui sentivo battere il cuore quando ero nella sua pancia, il bambino adottato può essere esposto a situazioni difficili. Nella Scuola dell Infanzia si affronta il tema dell identità per aiutare il bambino a collocarsi nel tempo, mentre nella Scuola Primaria si approfondisce il tema della storia 18

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli