(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007)"

Transcript

1 OSSERVAZIONI ANIA SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO ISVAP IN MATERIA DI CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE, CONTRASSEGNO E MODULO DI DENUNCIA DI SINISTRO DELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DEI VEICOLI A MOTORE E DEI NATANTI (DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007) Si formulano le seguenti osservazioni relative allo schema di regolamento in oggetto, emanato in attuazione delle disposizioni di cui agli articoli Certificato di assicurazione e contrassegno - e 143 Denuncia di sinistro - del Codice delle assicurazioni private (d. lgs n. 209/2005). Articolo 2 - Definizioni Lettera h) Per quanto concerne i semirimorchi, questi ultimi sono definiti dall articolo 56, comma 3, del Codice della Strada (d. lgs n. 285/1992): occorrerebbe pertanto rettificare il riferimento contemplato dalla lettera h), che rinvia espressamente al comma 2 dell articolo 56 citato. Articolo 6 Caratteristiche del certificato di assicurazione per i veicoli a motore Alla lettera b) si propone che venga inserita l opzione: domicilio/residenza del contraente, in quanto molto spesso nella realtà operativa il contraente fornisce i dati della sua residenza anagrafica. Alla lettera d) si segnala che l espressione dati di identificazione del telaio e del motore dovrebbe essere sostituita con l espressione dati di identificazione del telaio o del motore. Si ritiene infatti che i due dati siano alternativi e non complementari. 1

2 Comma 3 Questa disposizione dell articolo 6 in esame, per un refuso, è stata erroneamente numerata di nuovo come comma 1. Si evidenzia inoltre che accanto al termine rimorchio dovrebbe essere riportato anche il termine semirimorchio. Con riferimento ai rimorchi e ai semirimorchi, inoltre, si ritiene opportuno aggiungere un nuovo comma 4, per riprodurre la disposizione dell ultimo comma dell attuale articolo 14 del D.P.R. n. 973/1970, vale a dire: Se detti veicoli stazionano distaccati dalla motrice su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate, debbono essere muniti del contrassegno. Articolo 9 Caratteristiche del contrassegno Alla lettera b), si segnala che dopo l espressione rimorchi dovrebbe essere aggiunta l espressione semirimorchi, peraltro correttamente compresi nella previsione del successivo comma 2. Ancora con riferimento alla lettera b), in analogia con quanto osservato sub articolo 6 per quanto concerne il contenuto del certificato di assicurazione, si osserva che l espressione dati di identificazione del telaio e del motore recata dallo schema di provvedimento dovrebbe essere sostituita con la dizione dati di identificazione del telaio o del motore. Si ritiene infatti che i due dati siano alternativi e non complementari. Alla lettera f), è stata introdotta una previsione analoga a quella della lettera h) del precedente articolo 6 che disciplina il certificato di assicurazione per i veicoli: per le imprese operanti in libertà di prestazione di servizi, infatti, è prevista l indicazione delle generalità e dell indirizzo del rappresentante per la gestione dei sinistri in Italia. Lo schema di regolamento tuttavia non ha variato le ridotte dimensioni del modello di contrassegno attualmente in uso (allegato 1 al provvedimento in parola). Non è chiaro, pertanto, come le imprese operanti in LPS possano in concreto rispettare la nuova previsione, apparendo insufficiente lo spazio disponibile sul contrassegno. In analogia a quanto segnalato a proposito dell articolo 6, con riferimento ai rimorchi e ai semirimorchi andrebbe inoltre aggiunto un nuovo comma 3, per riprodurre la disposizione dell ultimo comma dell attuale articolo 14 del D.P.R. n. 973/1970, vale a dire: Se detti veicoli stazionano distaccati dalla motrice su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate, debbono essere muniti del contrassegno. 2

3 Articolo 10 Veicoli circolanti con targa provvisoria e veicoli usati circolanti per prova collaudo o dimostrazione Rispetto alla disposizione oggi vigente, viene precisato che la specifica copertura assicurativa per tali veicoli, di natura facoltativa e della durata massima di 5 giorni non è rinnovabile. Al riguardo, si osserva che il termine non rinnovabile potrebbe indurre in equivoci interpretativi, potendo lasciare intendere che rispetto ad un dato veicolo non possa essere applicata una nuova copertura provvisoria per le finalità previste dalla norma. Si ritiene peraltro che la disposizione intenda impedire l applicazione di proroghe della copertura massima di 5 giorni, come già previsto dalla prassi operativa. Sarebbe quindi opportuno sostituire l espressione non rinnovabile con non prorogabile. Articolo 11 Modalità di rilascio del certificato di assicurazione e del contrassegno e documenti provvisoriamente equipollenti La prima parte della presente disposizione stabilisce che, a norma dell articolo 127, comma 3, del Codice delle assicurazioni, il certificato e il contrassegno sono rilasciati al contraente, a cura e spese delle imprese di assicurazione, contestualmente al pagamento del premio o della rata di premio r.c. auto e comunque non oltre il termine di cinque giorni da tale data. L ultima parte del comma 1, poi, inserisce una previsione specifica per le imprese che operino con tecniche di vendita a distanza (via internet e telefono), stabilendo che in tal caso i documenti in parola siano fatti pervenire al domicilio del contraente entro il medesimo termine. Anche in questo caso, si propone di sostituire l espressione domicilio con quella domicilio/residenza del contraente, in quanto molto spesso nella realtà operativa il contraente fornisce i dati della sua residenza anagrafica. Comma 2 La disposizione in esame, per comprensibili e condivisibili motivi di speditezza delle operazioni di rilascio della documentazione in favore dei contraenti, tende ad ampliare la tipologia dei documenti provvisoriamente sostitutivi del certificato e del contrassegno non oltre il termine di cinque giorni. A tal fine, oltre al rilascio da parte dell impresa della quietanza di pagamento del premio, si stabilisce innanzi tutto che la quietanza stessa possa essere trasmessa anche via telefax o per via telematica, tenendo opportunamente conto delle modalità operative delle imprese di assicurazione operanti con tecniche di vendita a distanza. 3

4 Inoltre, si stabilisce che in assenza di quietanza l obbligo di assicurazione possa essere provato con una dichiarazione rilasciata dall impresa, anche trasmessa via telefax o per via telematica, nonché con il bollettino di conto corrente o con l ordine di bonifico bancario: in ogni caso da detti documenti devono essere desumibili la denominazione dell impresa e il numero di polizza. A tale riguardo, pur comprendendo le motivazioni poste a fondamento di tale estensione, la possibilità di avvalersi del bollettino di conto corrente o della ricevuta del bonifico bancario suscita estrema perplessità per i potenziali usi impropri che ne potrebbero derivare, in relazione alla maggior facilità di contraffazione e/o di alterazione di documenti non provenienti dall impresa di assicurazione. Senza contare che, in tal modo, non si agevolerebbe certo l attività di controllo delle Autorità preposte alla verifica dell adempimento dell obbligo assicurativo. Si precisa, inoltre, che il limite più grave di tale estensione è costituto dalla circostanza che si consentirebbe di provare l assolvimento dell obbligo assicurativo mediante un atto prodotto unilateralmente dal soggetto destinatario dell obbligo. Né sembrerebbe sanare le potenzialità negative di tale meccanismo la previsione che nei documenti in parola vengano riportati unilateralmente il nominativo dell impresa di assicurazione e il numero di polizza r.c. auto cui si riferisce il versamento. In considerazione di quanto innanzi osservato si propone pertanto di eliminare il bollettino di conto corrente e la ricevuta di bonifico bancario dal novero dei documenti temporaneamente sostitutivi del certificato e del contrassegno a fini probatori dell assolvimento dell obbligo di assicurazione r.c. auto. Articolo 12 Rilascio di duplicati del certificato di assicurazione e del contrassegno La disposizione in esame riprende quasi integralmente la previsione dell articolo 18, comma 1, del D.P.R. n. 973/1970, stabilendo che l impresa con cui è stato stipulato il contratto è tenuta, su richiesta e a spese dell assicurato, a rilasciare un duplicato del certificato o del contrassegno nel caso in cui tali documenti siano stati sottratti, o smarriti o non siano più nella disponibilità del contraente per qualsiasi altra causa. A tale proposito, si propone di aggiungere, dopo l espressione altra causa, il termine giustificata, così come previsto nel vigente testo dell articolo 18 citato. Per quanto riguarda le imprese di assicurazione operanti con tecniche di vendita a distanza, si segnala che il loro peculiare modus operandi richiederebbe l inserimento della seguente specifica previsione: Le imprese che operano con tecniche di vendita a distanza, in caso di mancato recapito del certificato, del contrassegno e degli altri documenti assicurativi da parte del servizio postale, a richiesta del contraente, ne rilasciano un duplicato senza oneri a suo carico. 4

5 Comma 3 Il testo del nuovo provvedimento riproduce, inoltre, la vigente disposizione che stabilisce, come condizione preventiva per il rilascio del duplicato del contrassegno o del certificato di assicurazione che risultino smarriti o sottratti o non più nella disponibilità del contraente per altra causa, la preventiva denuncia alle Autorità competenti. Si comprende e si condivide pienamente lo scopo della norma, volta a dare contezza della reale necessità della richiesta di duplicato. Si rileva, peraltro, che nella prassi operativa si riscontrano sempre più spesso resistenze da parte delle Autorità a raccogliere le denuncie in questione. Il problema è noto anche all Istituto di vigilanza, che ci risulta abbia avuto in passato contatti con alcune Amministrazioni di pubblica sicurezza per chiarire i termini della questione. Si chiede pertanto di valutare l attualità della disposizione in parola anche alla luce degli eventuali, successivi approfondimenti condotti con le predette Amministrazioni. Al contempo, se la questione risultasse ancora problematica, si chiede all Istituto di valutare la possibilità di sostituire la denuncia con autocertificazioni a cura dell interessato, in cui si formalizzi l assunzione della piena responsabilità di quanto dichiarato. Comma 4 La disposizione riproduce la norma del comma 2 dell articolo 18, D.P.R. n. 973/1970, confermando l obbligo di annotare sull esemplare della polizza in possesso dell impresa l avvenuta emissione di un duplicato dei documenti assicurativi nonché l obbligo di indicare in caratteri rossi la dicitura duplicato" su certificato e contrassegno. Per tener conto di modalità operative più correnti, si propone di sostituire il testo del comma 4 con il seguente: Il rilascio del duplicato viene registrato dall impresa di assicurazione. Sul certificato e sul contrassegno è apposta con caratteri di particolare evidenza l indicazione «duplicato» Articolo 19 Entrata in vigore Poiché i documenti assicurativi r.c. auto oggetto del presente regolamento necessitano in ogni caso di alcuni aggiornamenti (ad esempio, per quanto concerne i riferimenti normativi prestampati su tali documenti), si sottopone all Istituto di vigilanza la richiesta che le imprese possano utilizzare almeno fino al 31 marzo 2008 anche i moduli cartacei già prestampati e ancora in giacenza, consentendo l esaurimento delle scorte ed il connesso risparmio di costi, analogamente a quanto accordato dall Istituto in altre occasioni. 5

Regolamento n. 13 del 6 febbraio 2008 concernente la disciplina: del certificato di assicurazione e contrassegno e del modulo di denuncia di sinistro

Regolamento n. 13 del 6 febbraio 2008 concernente la disciplina: del certificato di assicurazione e contrassegno e del modulo di denuncia di sinistro Regolamento n. 13 del 6 febbraio 2008 concernente la disciplina: del certificato di assicurazione e contrassegno e del modulo di denuncia di sinistro 1 Consolidamento della disciplina Per la maggior parte

Dettagli

REGOLAMENTO N. 13 DEL 6 FEBBRAIO 2008. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 13 DEL 6 FEBBRAIO 2008. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 13 DEL 6 FEBBRAIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DEL CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE, DEL CONTRASSEGNO E DEL MODULO DI DENUNCIA DI SINISTRO DI CUI AL TITOLO X (ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Sezione II Sezione III Sezione IV

Sezione II   Sezione III Sezione IV REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DEL CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE E CONTRASSEGNO E DEL MODULO DI DENUNCIA DI SINISTRO DI CUI AL TITOLO X (ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E I NATANTI)

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007 SCHEMA DI REGOLAMENTO IN MATERIA DI CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE, CONTRASSEGNO E MODULO DI DENUNCIA DI SINISTRO DELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DEI VEICOLI A MOTORE

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1970, n.973. (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 maggio 1992, n. 114, S.O.

Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1970, n.973. (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 maggio 1992, n. 114, S.O. Decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1970, n.973 Regolamento di esecuzione della L.24 dicembre 1969, n.990, sull'assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione

Dettagli

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 25/2007)

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 25/2007) OSSERVAZIONI ANIA SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO ISVAP CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E I NATANTI

Dettagli

Oggetto: DECRETO LEGGE 24/1/2012 N.1 DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CONCORRENZA, LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE E LA COMPETITIVITA

Oggetto: DECRETO LEGGE 24/1/2012 N.1 DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CONCORRENZA, LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE E LA COMPETITIVITA CIRCOLARE 11/12 Da: DANNI E RETI A: Agenzie in gestione libera e in economia Struttura Commerciale Territoriale Struttura Territoriale Sinistri Ispettori Amministrativi e Tecnici Uffici di Sede Milano,

Dettagli

N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015. Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C.

N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015. Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C. N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015 Annulla / Sostituisce: Oggetto: Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C. Auto Emittente: BROKER Destinatari: A tutti

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

OSSERVAZIONI DI ACI - NAPOLI. Oggetto: Documento di consultazione n.12/2007 del 18 ottobre 2007

OSSERVAZIONI DI ACI - NAPOLI. Oggetto: Documento di consultazione n.12/2007 del 18 ottobre 2007 OSSERVAZIONI DI ACI - NAPOLI Oggetto: Documento di consultazione n.12/2007 del 18 ottobre 2007 In relazione allo Schema di regolamento in materia di certificato di assicurazione, contrassegno e modulo

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo)

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo) REGOLAMENTO N. 34 DEL 19 MARZO 2010 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROMOZIONE E COLLOCAMENTO A DISTANZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE DI CUI AGLI ARTICOLI 183 E 191, COMMA 1, LETTERE A)

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

Interventi di ristrutturazione edilizia Bonus mobili per giovani coppie

Interventi di ristrutturazione edilizia Bonus mobili per giovani coppie CIRCOLARE N. 7 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 marzo 2016 OGGETTO: Interventi di ristrutturazione edilizia Bonus mobili per giovani coppie Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Dettagli

Responsabilità Civile Natanti a Motore

Responsabilità Civile Natanti a Motore Responsabilità Civile Natanti a Motore Condizioni Generali di Assicurazione L Impresa assicura, in conformità alle norme della Legge e del Regolamento, i rischi della responsabilità civile per i quali

Dettagli

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 18 DEL 18 MARZO 2008 Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 (art.

Dettagli

Condizioni di assicurazione

Condizioni di assicurazione Mod. 5251 RCA - Ed. 08/14 Autovetture Condizioni di assicurazione 1 di 96 2 di 96 1.1 DECORRENZA DELLA GARANZIA E PAGAMENTO DEL PREMIO L assicurazione ha effetto dal giorno e dall ora indicati in polizza

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 9/2015

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 9/2015 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 9/2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. 7 Note sull Autore...» 8 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 Il nuovo «codice delle assicurazioni» 1. D.L.vo 7 settembre 2005, n. 209. Codice delle assicurazioni

Dettagli

Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n..

Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n.. Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n.. Regolamento recante la definizione del «contratto base» di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE C.D.A N. 10 IN DATA 15.04.2016 Allegato allo schema di convenzione per la gestione del Servizio di

Dettagli

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 OGGETTO: art. 123 del decreto legislativo n. 175 del 17 marzo 1995: obblighi di informativa nei contratti di assicurazione diretta diversa dalla assicurazione sulla vita.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

Questionario R.C. Merloni e Normativa

Questionario R.C. Merloni e Normativa Le informazioni trascritte nel presente modulo sono ad uso esclusivo di Euroconsul S.r.l. e verranno trattate con la massima riservatezza al solo fine di ottenere la quotazione del rischio dalle principali

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

PERMESSI ZTL, LE NUOVE TARIFFE IN VIGORE DAL 17/9

PERMESSI ZTL, LE NUOVE TARIFFE IN VIGORE DAL 17/9 PERMESSI ZTL, LE NUOVE TARIFFE IN VIGORE DAL 17/9 PERMESSO R (Residenti) Residenti in una delle ZTL di Roma (1 per ogni residente). con potenza fino 1 permesso 91,62 91,62 91,62 91,62 2 permesso 336,62

Dettagli

Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia. Circolare n.18/e del 24 giugno 2014

Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia. Circolare n.18/e del 24 giugno 2014 Fiscal Flash La notizia in breve N. 119 25.06.2014 Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia Circolare n.18/e del 24 giugno 2014 Categoria: IVA Sottocategoria: Fattura L Agenzia delle Entrate, dopo aver

Dettagli

IX COMMISSIONE PERMANENTE

IX COMMISSIONE PERMANENTE Mercoledì 16 settembre 2015 166 Commissione IX IX COMMISSIONE PERMANENTE (Trasporti, poste e telecomunicazioni) S O M M A R I O SEDE CONSULTIVA: Legge annuale per il mercato e la concorrenza. Nuovo testo

Dettagli

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI ROMA, 12 GIUGNO 2014 1. I reclami concernenti l accertamento dell osservanza delle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 disciplinanti la trasparenza e le modalità di offerta al

Dettagli

Art. 21 (Requisiti per l iscrizione delle persone fisiche)

Art. 21 (Requisiti per l iscrizione delle persone fisiche) Un soggetto chiede di conoscere i requisiti richiesti ad una società di formazione per poter gestire i corsi di formazione professionale, attestarne la partecipazione ed il superamento di eventuali test

Dettagli

Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E

Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E Oggetto: Decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito con modificazioni dalla legge 24 novembre 2006, n. 286 - art. 1, commi

Dettagli

C CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre 2007).

C CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre 2007). C CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,07 marzo 2008 OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre

Dettagli

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal 2720/2009 sono indicate in rosso Esame semplificato per l iscrizione alla sezione A del RUI per iscritti alle

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA A1993/08-3 DISCIPLINARE DI GARA Allegato B) Alla determina n. del OGGETTO: Disciplinare di gara per il servizio di somministrazione lavoro a tempo determinato. Art. 1 Procedura semplificata ai sensi degli

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A ALLEGATO N. 7A e 7B del Regolamento ISVAP n. 5/2006 INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A Comunicazione informativa

Dettagli

Articolo Comma Osservazioni e proposte

Articolo Comma Osservazioni e proposte Documento di consultazione n. 5/2013 Regolamento su Obblighi di adeguata verifica della clientela e di registrazione Attuativo dell art. 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231 Legenda

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

36%. Chiarimenti ministeriali.

36%. Chiarimenti ministeriali. SERVIZIO INFORMATIVO ANGAISA 36%. Chiarimenti ministeriali. Circolare Agenzia Entrate n. 24 del 10.06.2004 Circolare Ministerale - Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa e Contenzioso - 10

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI DEL CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA DI CUI ALL ART. 28, COMMA 1, DEL DECRETO LEGGE 24 GENNAIO

Dettagli

VISTO l avviso di trattativa privata pubblicato sulla G.U.R.I. n del -,

VISTO l avviso di trattativa privata pubblicato sulla G.U.R.I. n del -, Potenza, Prot. n / 71AL Denominazione e Indirizzo completo del concorrente raccomandata A/R n. Oggetto: TRATTATIVA PRIVATA PER LA VENDITA DEL COMPLESSO IMMOBILIARE EX CENTRO ORTOFRUTTICOLO CO.META DI BERNALDA,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CONVENZIONE CENTRALIZZATA IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO FASE DI SPERIMENTAZIONE

CONVENZIONE CENTRALIZZATA IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO FASE DI SPERIMENTAZIONE CONVENZIONE CENTRALIZZATA IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO FASE DI SPERIMENTAZIONE tra il Ministero dell Economia e delle Finanze, Dipartimento degli Affari Generali, del Personale e dei

Dettagli

VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi P a g i n a 1 Aggiornamento 30 giugno 2014 VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

Dettagli

Direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e lo scambio di documenti per via telematica.

Direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e lo scambio di documenti per via telematica. ALLEGATO A) Direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e lo scambio di documenti per via telematica. 1. Premessa Le presenti direttive disciplinano le comunicazioni telematiche

Dettagli

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO Ai sensi dell art. 125 comma 12 del D. Lgs. n. 163 del 2006 e s.m.i., avente ad oggetto il Codice

Dettagli

RISOLUZIONE N.11/E. Roma, 13 febbraio 2013

RISOLUZIONE N.11/E. Roma, 13 febbraio 2013 RISOLUZIONE N.11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria - Allegati alla dichiarazione di successione - art. 30 del D.Lgs.

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello Obblighi di rilevazione e comunicazione ai sensi dell art. 7, sesto comma, D.P.R. n. 605 del 1973 Casi di esclusione

OGGETTO: Istanza di interpello Obblighi di rilevazione e comunicazione ai sensi dell art. 7, sesto comma, D.P.R. n. 605 del 1973 Casi di esclusione RISOLUZIONE N. 119/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 maggio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Obblighi di rilevazione e comunicazione ai sensi dell art. 7, sesto comma, D.P.R. n.

Dettagli

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: RECENTI NOVITA IN MATERIA DI IMPOSTE INDIRETTE Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle

Dettagli

Rinnovo, cambio di residenza, perdita dei documenti o della targa (ultimo aggiornamento 29/05/2012)

Rinnovo, cambio di residenza, perdita dei documenti o della targa (ultimo aggiornamento 29/05/2012) Rinnovo, cambio di residenza, perdita dei documenti o della targa (ultimo aggiornamento 29/05/2012) 1. Cosa fare per aggiornare i documenti di guida e di circolazione in caso di cambio di residenza? La

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

Periodico informativo n. 83/2013. Decreto del fare e sanzioni previste dal Codice della Strada

Periodico informativo n. 83/2013. Decreto del fare e sanzioni previste dal Codice della Strada Periodico informativo n. 83/2013 Decreto del fare e sanzioni previste dal Codice della Strada Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo comunicarle che il Decreto del

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 166242_ protocollo Disposizioni in materia di immatricolazione di autoveicoli, motoveicoli e loro rimorchi anche nuovi di cui all art. 1, comma 9 del decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito

Dettagli

I processi di Genial+: le modifiche al contratto e la gestione dei sinistri

I processi di Genial+: le modifiche al contratto e la gestione dei sinistri I processi di Genial+: le modifiche al contratto e la gestione dei sinistri 1 Obiettivo Al termine di questa unità sarai in grado di: Conoscere i processi di Genial+, il loro funzionamento e i vantaggi

Dettagli

CITTA' DI ALCAMO ************

CITTA' DI ALCAMO ************ ALLEGATO B CITTA' DI ALCAMO PROVINCIA DI TRAPANI ************ REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELL AUTOPARCO (allegato alla delibera di C.C. n. 92 del 21/7/2011) Art. 1 Principi generali

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO

DOMANDA DI CONTRIBUTO DOMANDA DI CONTRIBUTO Al Ministero del lavoro e delle politiche sociali Direzione Generale del terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese Divisione III Via Fornovo, 8 Pal. C 00192 ROMA

Dettagli

Prot. n. 0004601 del 05/02/2015 Monterotondo, 5 febbraio 2015

Prot. n. 0004601 del 05/02/2015 Monterotondo, 5 febbraio 2015 Prot. n. 0004601 del 05/02/2015 Monterotondo, 5 febbraio 2015 Al Dirigente del Dipartimento Governo del Territorio arch. Luca Lozzi Al Dirigente del Dipartimento Risorse Finanziarie ed Economiche dr.ssa

Dettagli

Contributi per l'acquisto di autoambulanze e di beni strumentali

Contributi per l'acquisto di autoambulanze e di beni strumentali Via Battuti Rossi, 6/A 47121 Forlì Via dell Arrigoni, 308 47522 Cesena Contributi per l'acquisto di autoambulanze e di beni strumentali Sul sito internet del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

RC Natanti. Edizione 03/06. MRA - Mod. 3004. Il presente allegato forma parte integrante della polizza MRA - Mod. 3003 - Ed. 03/03

RC Natanti. Edizione 03/06. MRA - Mod. 3004. Il presente allegato forma parte integrante della polizza MRA - Mod. 3003 - Ed. 03/03 RC Natanti MRA - Mod. 3004 Edizione 03/06 Il presente allegato forma parte integrante della polizza MRA - Mod. 3003 - Ed. 03/03 INDICE DEFINIZIONI pag. 1 CONDIZIONI GENERALI pag. 2 CONDIZIONI SPECIALI

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO BANDO DI MOBILITA VOLONTARIA AI SENSI DELL ART. 30 DEL D. LGS. N. 165/2001 e S. M. PER LA COPERTURA A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO

Dettagli

BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti

BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti Rivisitata da molteplici interventi normativi ed assoggettata ad altrettanti chiarimenti ministeriali, nonché di carattere previdenziale, sembra che ad oggi

Dettagli

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Roma, 16 gennaio 2001 Alle Aziende Associate Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Circolare n. 16465 L o r o S e d i OGGETTO: Ccnl 23 maggio 2000 per i dirigenti di aziende industriali. Art. 12. Facciamo seguito

Dettagli

Studio Associato Franchin e Ronchiato

Studio Associato Franchin e Ronchiato News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi DURC in edilizia privata: ripristinata la validità temporale a 90 giorni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 42/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 24 settembre 2009 OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. 2 Indice 1. Premessa 2. Rapporti continuativi 3. Operazioni extra-conto 4. Informazioni

Dettagli

ALLEGATO ASC alla Polizza N Convenzione tariffaria Auto Intelligente AGENZIA COD.AGENZIA SUB/BROKER POLIZZA N.

ALLEGATO ASC alla Polizza N Convenzione tariffaria Auto Intelligente AGENZIA COD.AGENZIA SUB/BROKER POLIZZA N. c:\form\logo\ c:\form\logo\bmilanop2.bmp 15 30 c:\form\logo\firma_milano.png c :\FORM \LOGO\MINESCOMPESTMPA.JPG c :\FORM \LOGO\TESTOLOGOMILANO_BN_150.BMP 70 1 10 c:\form\logo\lmilano.wmf 52 Milano Assicurazioni

Dettagli

Istruzioni applicative per la tenuta dei registri assicurativi

Istruzioni applicative per la tenuta dei registri assicurativi Istruzioni applicative per la tenuta dei registri assicurativi Allegato 1 A) Istruzioni di carattere generale a) I casi di erronea annotazione per i quali è consentito lo storno ai sensi dell articolo

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Visto uscire per non imponibilità Iva: prove alternative

Visto uscire per non imponibilità Iva: prove alternative Visto uscire per non imponibilità Iva: prove alternative L'apposizione del visto uscire è un adempimento espressamente attribuito all'autorità doganale competente qualunque sia il tipo o la modalità della

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione ISVAP *** ** ***

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione ISVAP *** ** *** ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazione Private e di Interesse Collettivo Via Del Quirinale, 21 00187 ROMA *** ** *** PROPOSTE DI EMENDAMENTO AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012; SCHEMA

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità di cui all articolo

Dettagli

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A

INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A ALLEGATO N. 7A e 7B del Regolamento ISVAP n. 5/2006 INFORMAZIONI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DELLA PROPOSTA O, QUALORA NON PREVISTA, DEL CONTRATTO N. 7A Comunicazione informativa

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 aprile 2007 OGGETTO: Definizione della posizione dei contribuenti interessati dagli eventi sismici e vulcanici dell ottobre 2002 nel

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI IN MODALITÀ ELETTRONICA

DISCIPLINARE PER LA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI IN MODALITÀ ELETTRONICA DISCIPLINARE PER LA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI IN MODALITÀ ELETTRONICA Approvato con Delibera di GC n. 133 del 10 luglio 2014 C O M U N E D I C O L L E F E R R O Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA STIPULAZIONE

Dettagli

CONVENZIONE CENTRALIZZATA IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO FASE DI SPERIMENTAZIONE. Tra

CONVENZIONE CENTRALIZZATA IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO FASE DI SPERIMENTAZIONE. Tra CONVENZIONE CENTRALIZZATA IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO FASE DI SPERIMENTAZIONE Tra il Ministero dell Economia e delle Finanze, Dipartimento degli Affari Generali, del Personale e dei

Dettagli

NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO

NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO GLI ULTIMI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISOLUZIONE N. 85 DEL 12 MARZO 2002 Circolare n. 10/2002 Documento

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL NUOVO OBBLIGO CON DECORRENZA DAL 31 MARZO 2015

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL NUOVO OBBLIGO CON DECORRENZA DAL 31 MARZO 2015 Segnalazioni Novità Prassi Interpretative LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL NUOVO OBBLIGO CON DECORRENZA DAL 31 MARZO 2015 A partire dal 31 marzo 2015 scatterà

Dettagli

Oggetto: Comunicazione Isvap del 19/4/2012 su alcune disposizioni contenute nella Legge n.27/2012

Oggetto: Comunicazione Isvap del 19/4/2012 su alcune disposizioni contenute nella Legge n.27/2012 CIRCOLARE 43/12 Da: DANNI E RETI A: Agenzie in gestione libera e in economia Struttura Commerciale Territoriale Struttura Territoriale Sinistri Ispettori Amministrativi e Tecnici Uffici di Sede Milano,

Dettagli

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale della Toscana Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI

Dettagli

Bollettino Anno III - n. 2. Febbraio 2008

Bollettino Anno III - n. 2. Febbraio 2008 Bollettino Anno III - n. 2 Febbraio 2008 (Legge 12 agosto 1982, n.576 e successive modificazioni ed integrazioni) (Legge 12 agosto 1982, n.576 e successive modificazioni ed integrazioni) Bollettino Anno

Dettagli

POSITION PAPER. aprile 2010

POSITION PAPER. aprile 2010 Risposta alla consultazione COVIP Schema di regolamento sulle procedure relative all autorizzazione all esercizio dell attività delle forme pensionistiche complementari, alle modifiche degli statuti e

Dettagli

Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti

Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti Titolo I - Albo Pretorio Informatico 1. Albo Pretorio L Albo Pretorio on line

Dettagli

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293)

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Misure per favorire l iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza Capo III DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RC AUTO 1

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLO STANDARD DI MODALITA OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL OBBLIGO DI CONFRONTO DELLE

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Roma, 25 luglio 12 SPETT.LE ISVAP ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO VIA DEL QUIRINALE, 21 00187 ROMA

Roma, 25 luglio 12 SPETT.LE ISVAP ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO VIA DEL QUIRINALE, 21 00187 ROMA Roma, 25 luglio 12 SPETT.LE ISVAP ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO VIA DEL QUIRINALE, 21 00187 ROMA Lo scrivente Roberto Salvi, nella sua qualità di Presidente

Dettagli

ALLEGATO AFC alla Polizza N Convenzione tariffaria Auto Intelligente AGENZIA COD.AGENZIA SUB/BROKER POLIZZA N. CONDIZIONI AUTO INTELLIGENTE

ALLEGATO AFC alla Polizza N Convenzione tariffaria Auto Intelligente AGENZIA COD.AGENZIA SUB/BROKER POLIZZA N. CONDIZIONI AUTO INTELLIGENTE c:\form \LOGO\ c:\form\logo\bmilanop2.bmp 15 30 c:\form\logo\firma_milano.png c:\form\logo\m INESCOMPESTMPA.J PG c:\form\logo\testologomilano_bn_150.bmp 70 1 10 c:\form\logo\lmilano.wmf 52 Milano Assicurazioni

Dettagli

BANDO D ESAMI I N F O R M A

BANDO D ESAMI I N F O R M A BANDO D ESAMI per il conseguimento dell idoneità professionale di autotrasportatore di merci per conto terzi e viaggiatori- ANNO 2016- Il Dirigente del Servizio: TRASPORTI della Provincia di Ascoli Piceno,

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO il D.Lgs 24.06.2003, n. 209 e s.m.i. Attuazione della direttiva 2000/53/Ce relativa ai veicoli fuori uso ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO il D.Lgs 24.06.2003, n. 209 e s.m.i. Attuazione della direttiva 2000/53/Ce relativa ai veicoli fuori uso ; Garanzie finanziarie previste per le operazioni di smaltimento e/o recupero dei rifiuti, nonché per la bonifica dei siti contaminati. Nuova disciplina e revoca della D.G.R. n. 132 del 22.02.2006. LA GIUNTA

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

L Assicurazione R.C. auto in Italia: analisi e proposte

L Assicurazione R.C. auto in Italia: analisi e proposte L Assicurazione R.C. auto in Italia: analisi e proposte INTRODUZIONE INDICE PRIMA PARTE: ANALISI DEL MERCATO ANALISI TECNICA DEL RAMO R.C. AUTO IN ITALIA DAL 1994 AL 1999 Premessa 1. I premi del lavoro

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli