Lo svilupo dell attaccamento oltre la prima infanzia: costruire la relazione di attaccamento con i bambini late-adopted

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo svilupo dell attaccamento oltre la prima infanzia: costruire la relazione di attaccamento con i bambini late-adopted"

Transcript

1 Lo svilupo dell attaccamento oltre la prima infanzia: costruire la relazione di attaccamento con i bambini late-adopted Blaise Pierrehumbert Service Universitaire de Psychiatrie de l'enfant et de l'adolescent, Lausanne 1

2 Deprivazione precoce & Sviluppo successivo 2

3 Una breve panoramica storica degli studi sulla deprivazione: René Spitz ( ) 3

4 Rene Spitz, ( Hospitalism An Inquiry Into the Genesis of Psychiatric Conditions in Early Childhood, 1945) orfanotrofi ( Ospitalizzazione- Un inchiesta nella genesi delle condizioni psichiatriche nella prima infanzia, 1945) 4

5 Harry Harlow ( ) 5

6 H.F. Harlow («The nature of love», 1958) 6

7 John Bowlby ( ) 7

8 12 Nessuna separazione 6 26 Separazione dalla madre (fra 6 mesi e i 5 anni) Separazione + carenza affettiva John Bowlby ( The nature of the child's tie to his mother, 1958) («La natura del legame madre-bambino», 1958) 8

9 Un «periodo critico»? 9

10 Jill Hodges and Barbara Tizard (1989) Adottati Reinseriti in famiglia biologica 4 anni Non att. No att. 8 anni Att. normale Att. debole 16 anni Att. normale Solo 50% di att. «profondo» 10

11 Quasi autistico * disturbi dell attaccamento QI, ADHD Problemi della condotta Istituto, gravi deprivazioni Trascuratezza, avversità, scarse cap. genitoriali * I sintomi a livello mimico dei disturbi pervasivi dello sviluppo (Shin et al., 1999); Pattern quasi-autistici in seguito a grave precoce deprivazione globale (Rutter et al., 1999) 11

12 I disturbi reattivi dell attaccamento 12

13 Jack Tizard, Barbara Tizard (1967) Lo sviluppo sociale di bambini di 2 anni in strutture residenziali. Nachtwey 1990 www_dpchallenge_com_image_php_image_id_ Bambini che non si interessano all altro Bambini che si «aggrappano» a chiunque («Socievolezza indiscriminata») 13

14 (DSM-IV, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali): «Il disturbo reattivo dell attaccamento è caratterizzato da una modalità di relazione sociale notevolmente disturbata e inadeguata rispetto al livello di sviluppo, che si presenta nella maggior parte delle situazioni. Inizia prima dei 5 anni di età ed è associato ad una carenza di cure manifesta Si tratta di un disturbo dell attaccamento indiscriminato, non selettivo, generalizzato. 14

15 (1) Tipo Inibito Incapacità persistente di iniziare interazioni sociali e di rispondervi in maniera adeguata al livello di sviluppo, che si traduce in risposte eccessivamente inibite, ipervigili, o altamente ambivalenti e contradditorie (per es., approccio/fuga; rifiuto di lasciarsi consolare, attenzione fredda) 15

16 (frammento di un immagine che mostra una reazione tipica di questi bambini: ritrarre le braccia di fronte ad un contatto) 16

17 (2) Tipo Disinibito Modalità di attaccamento diffuso. Il bambino mostra socievolezza indiscriminata e una mancanza di selettività nella scelta delle figure di attaccamento (ad es. familiarità eccessiva con gli estranei). 17

18 «Disturbances of attachment interview» Intervista sui disturbi dell attaccamento Anna Smyke, Charles H. Zeanah (1999) Esempi di domande che vengono rivolte al caregiver: 1. Ha un adulto particolare che preferisce? Quale? Come dimostra questa preferenza? Potrebbe fornirmi un esempio specifico? 2. Sembra poco interessato a interagire o relazionarsi con gli altri? Questo succede perché si ritira in se stesso? Perché è spaventato/impaurito? Per disinteresse? 3. Ha mai pensato che potrebbe facilmente andarsene con uno sconosciuto? Cosa gliel'ha fatto pensare? Potrebbe fornirmi un esempio preciso? ( ) 18

19 % Type Bambini istituzionalizzati (Romania): studio di Zeanah (2005): n=95 ba in istituto + 50 ba in «famiglie (mai stati in istituto), età media = 23 mois; % di soggetti con punteggio > 3 alla scala della «Disturbances of attachment interview» (Smyke & Zeanah, 1999) 19

20 S. Habersaat et al., 2010: N=358 adolescenti adottati In Québec (Canada) da paesi stranieri. Informazioni raccolte: disturbi del comportamento (CBCL compilata da genitori e adolescenti); età all adozione

21 Internalizing Externalizing * 2 0 <6m 6-12m 12-24m >24m S. Habersaat et al. (2010; 2011): Età all adozione e disturbi del comportamento * Problemi esternalizzati: es. ADHD

22 Deprivazione precoce & Sviluppo neurocomportamentale 22

23 Carlson & Earls (1997) Ciclo del cortisolo in bambini cresciuti in famiglia (normale ritmo circadiano) e in orfanotrofio* (ciclo appiattito) *Leagane: orfanotrofio, in romeno 23

24 Parental home care Center-based childcare Dettling et al. (2000): qualità dei servizi di cura e ciclo diurno del cortisolo (in bambini nonistitutionalizzati) 24

25 12.00 Mean salivary cortisol concentrations nmol/l Témoins Abusés «organisés» (secure, détachés ou préoccupés ) 2.00 TSST delay Abusés désorganisés minutes Pierrehumbert et al. (2009): Soppressione della risposta allo stress in soggetti adulti che hanno vissuto traumi nell infanzia (abuso), e attaccamento disorganizzzato 25

26 Attaccamento & Istituzionalizzazione 26

27 Bambini istituzionalizzati (Romania): studio di Smyke et al. (2002). Standard: bambini con un n elevato di caregiver (circa 20); réduit: gruppo pilota con circa 4 caregiver; famille: gruppo controllo di bambini in famiglia ; età: mesi; caregivers intervistati con la «Disturbances of attachment interview» (punteggi alle scale) 27

28 Favori Non favori 1 0 inhibé désinhibé Bambini istituzionalizzati (Romania): studio di Smyke et al. (2002). Gruppo «standard»; caregiver intervistati con la «Disturbances of attachment interview» (punteggi alle scale) per i bambini identificati o no (dai caregiver) come «preferiti», cocchi di uno specifico caregiver 28

29 Un numero limitato di caregiver (o la familiarità: essere i preferiti ) riduce l incidenza dei disturbi reattivi dell attaccamento. Questi disturbi non sono quindi istituzionali, ma sono legati alla deprivazione relazionale. La familiarità faciliterebbe, nel bambino, l esperienza di sicurezza. Un caregiver deve quindi avere un comportamento materno? Ma cosa ne è allora della separazione in caso di un eventuale adozione? 29

30 Il «maternage insolito» (M. David & G. Appel) L Istituto di Emmi Pikler, Il Loczy (Budapest), che non «produce» disturbi dell attaccamento 30

31 Le caratteristiche del «maternage insolito» Limitazione della disponibilità, della sensibilità e della «responsività» (sincronia). Dall altro lato, però: prevedibilità, accordo affettivo, dialogo infra-verbale, focalizzazione congiunta dell attenzione, condivisione degli affetti. Limitazione volontaria dell anticipazione dei bisogni del bambino (restare al di qua delle sue richieste, evitare l interferenza). Importanza della mediazione delle emozioni. 31

32 Il «maternage insolito» non impedisce certamente l «esperienza di sicurezza», la regolazione delle emozioni, la condivisione del piacere e la scoperta del mondo. Photo Marian Reismann, (Devenir, 4, 1991, p. 11) 32

33 Il corso dell attaccamento in seguito all adozione 33

34 T1 T RO EA T Studio di Chisholm, 1998: Sicurezza dell attaccamento verso il genitore adottivo (item del AQS di Waters & Deane) fra i bambini provenienti dagli orfanotrofi romeni. RO: n=46, adottati a 18 mesi, prima in istituto. EA (early adopt., adozioni precoci): n=30, adottati prima dei 4 mesi. T (gruppo di controllo): n=46 non adottati). Età a T1: 30 mesi (in media); a T2: 54 mesi (in media) 34

35 T1 T RO EA Studio di Chisholm, 1998: Attaccamento indiscriminato (disinibito): intervista con i genitori di bambini adottati da orfanotrofi romeni (RO: n=46, adottati a 18 mesi; EA: n=30, adottati prima dei 4 mesi). Età a T1: 30 mesi (in media); T2: 54 mesi (media) 35

36 La sicurezza dell attaccamento nei confronti dei genitori adottivi accresce dopo l adozione, ma persiste una tendenza agli attaccamenti indiscriminati, anche molti anni dopo l adozione. 36

37 Genitorialità & Adozione 37

38 Scopo dell attaccamento: trovare un sentimento di sicurezza ( feel secure ) Per raggiungere questo scopo, ciascuno sviluppa delle strategie che sono state adattate al suo contesto. Si tende a ripetere ciò che si conosce. Ciò è normale (l assimilazione piagetiana). Le strategie del bambino sono quelle che gli hanno permesso di sopravvivere. Ma le strategie possono continuare ad adattarsi (l accomodazione di Piaget); non tutto riconduce al passato. 38

39 i tamarini, gli uisititì e l homo sapiens 39

40 Implicazioni evolutive dell alloparentalità: l educazione condivisa Siena, Ospedale di S. Maria della Scala, affresco di Domenico di Bartolo (dettaglio),

41 ... l allattamento mercenario Clouet 41

42 una plasticità evolutiva interspecifica nicobastone_com

43 i fratelli e sorelle «classificatori» alle isole Salomone... 43

44 ... e l adozione 44

45 I miti fondatori sono frequentemente basati sull «esposizione» di un bambino e sulla sua adozione 45

46 Romolo e Remo 46

47 L edonismo del caregiving Camille et Lucile Desmoulins, 1792, Jacques Louis DAVID 47

48 SNF N 3200B /1, Fondation pour la Psychiatrie de la Petite Enfance, Fondation Biaggi, Loterie Romande), F. Ansermet, A. Moessinger, C. Muller-Nix, A. Borghini, M. Forcada-Guex, L. Jaunin, B. Pierrehumbert, C. Peter, S. Habersaat, J. Nessi, M. Monnier et al. SNF N 3200BO Olivier Halfon, Olivier Chouchena, Markus Heinrichs, Giusi Daniele, Nathalie Glatz, Raffaella Torrisi, Nevena Dimitrova, Blaise Pierrehumbert KLS ; Fondation FORCE. F.Ansermet, Raffaella Torrisi, Maja Beck-Popovic, Olivier Halfon, Dominique Laufer, Blaise Pierrehumbert SNF N Ayala Borghini, Martin Preisig, Jean-François Tolsa, Jardena Puder, Raffaella Torrisi, Dominique Laufer, Blaise Pierrehumbert 48

49 European Association of Developmental Psychology University of Lausanne Institute of Psychology (IP / SSP) Department of Child and Adolescent Psychiatry (SUPEA / DP / CHUV)

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

La Valutazione dell Attaccamento

La Valutazione dell Attaccamento La Valutazione dell Attaccamento La Strange Situation L Adult Attachment Interview La I.A.L. (Intervista sull Attaccamento in età di Latenza) La Strange Situation La S.S. è una modalità osservativa che

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Perché non dovrei essere un bambino con ADHD?

Perché non dovrei essere un bambino con ADHD? Perché non dovrei essere un bambino con ADHD? Disturbo da Deficit Attentivo e Iperattività alias ADHD Bambino Terapia cognitivo comportamentale e/o Psico-educativa Genitori Parent-training Scuola Consulenza

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

L'ATTACCAMENTO COME PROSPETTIVA PER LA COMPRENSIONE DELL'ADHD

L'ATTACCAMENTO COME PROSPETTIVA PER LA COMPRENSIONE DELL'ADHD VII Congresso Nazionale Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività 14-16 maggio 2009 Padova Furio Lambruschi L'ATTACCAMENTO COME PROSPETTIVA PER LA COMPRENSIONE DELL'ADHD S.B.P.C. Scuola Bolognese

Dettagli

ADOLESCENTI ADOTTATI ED ATTACCAMENTO: SPUNTI DI RIFLESSIONE E DI INTERVENTO DALLA RICERCA BARBARA ONGARI, PAOLA MOLINA

ADOLESCENTI ADOTTATI ED ATTACCAMENTO: SPUNTI DI RIFLESSIONE E DI INTERVENTO DALLA RICERCA BARBARA ONGARI, PAOLA MOLINA ADOLESCENTI ADOTTATI ED ATTACCAMENTO: SPUNTI DI RIFLESSIONE E DI INTERVENTO DALLA RICERCA BARBARA ONGARI, PAOLA MOLINA Ringraziamenti La ricerca è stata resa possibile dal finanziamento ottenuto da: Fondazione

Dettagli

ATTACCAMENTI TRAUMATICI

ATTACCAMENTI TRAUMATICI ATTACCAMENTI TRAUMATICI Giovanni Liotti Scuola di Psicoterapia Cognitiva Convegno Attaccamento Traumatico Napoli, 12 Aprile 2013 Sviluppo Traumatico Sviluppo della personalità che avviene in contesti relazionali

Dettagli

RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO. Jesús Palacios Università di Siviglia

RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO. Jesús Palacios Università di Siviglia RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO Jesús Palacios Università di Siviglia Milano, 10 giugno, 2011 Ricerca sull adozione La ricerca sull adozione é un fenomeno relativamente recente Si

Dettagli

Sviluppare l attaccamentol

Sviluppare l attaccamentol Sviluppare l attaccamentol Lo sviluppo affettivo del bambino: Costruzione dei legami significativi a partire dalla prima infanzia, che influenzano lo sviluppo della personalità Modello teorico più attuale:

Dettagli

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Centro Territoriale per l Integrazione degli alunni con disabilità Treviso Centro Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Attention Deficit Hyperactivity Disorders

Dettagli

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Caserta, 10 Gennaio 2014 Psicologa/Psicoterapeuta Consultorio Istituto Toniolo Napoli

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

ADOZIONE E ADHD. S. Giribone, I. Maraucci, D. Besana. SOC Neuropsichiatria Infantile Azienda Ospedaliera Alessandria

ADOZIONE E ADHD. S. Giribone, I. Maraucci, D. Besana. SOC Neuropsichiatria Infantile Azienda Ospedaliera Alessandria ADOZIONE E ADHD S. Giribone, I. Maraucci, D. Besana SOC Neuropsichiatria Infantile Azienda Ospedaliera Alessandria Razionale dello studio 1. Riscontro nella nostra casistica di un elevato numero di pz

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 3 e 4 dr.ssa Raffaella Faggioli I moduli 3 e 4 dell ADOS Permettono l osservazione diretta dei comportamenti di ragazzi e adulti in situazione

Dettagli

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Già nella vita fetale ci sono sensibilità alla luce, al suono, al dolore, movimenti coordinati

Dettagli

Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro. Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A.

Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro. Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A. Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A. ASL 5 Pisa Eziologia L ADHD è un disturbo ad eziologia multifattoriale

Dettagli

PSICODIAGNOSI PER L ETA EVOLUTIVA

PSICODIAGNOSI PER L ETA EVOLUTIVA CENTRO DI PSICOLOGIA CLINICA & PSICOTERAPIA CENTRO DI PSICOLOGIA GIURIDICA CENTRO TEST & PSICODIAGNOSI PSICODIAGNOSI PER L ETA EVOLUTIVA Test clinici Osservazione dell interazione bambino-genitori VIII

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

Assessorato alla Città Solidale - Direzione Servizi alla Persona Progetto Affido Familiare. Affido Near. Ottobre 2005

Assessorato alla Città Solidale - Direzione Servizi alla Persona Progetto Affido Familiare. Affido Near. Ottobre 2005 Assessorato alla Città Solidale - Direzione Servizi alla Persona Affido Near Ottobre 2005 Perché un progetto affido neonati Nel 2001 gli abbinamenti erano attuati a livello territoriale: in mancanza di

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PSICOLOGIA GIURIDICA AMBITO CIVILE E PENALE Adulti e Minorile Anno Accademico 2013-14 II Edizione

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PSICOLOGIA GIURIDICA AMBITO CIVILE E PENALE Adulti e Minorile Anno Accademico 2013-14 II Edizione MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PSICOLOGIA GIURIDICA AMBITO CIVILE E PENALE Adulti e Minorile Anno Accademico 2013-14 II Edizione 1. Fondamenti di psicologia Giuridica Definizione della Psicologia

Dettagli

ATTACCARSI PER CRESCERE E SEPARARSI PER CRESCERE:

ATTACCARSI PER CRESCERE E SEPARARSI PER CRESCERE: ATTACCARSI PER CRESCERE E SEPARARSI PER CRESCERE: La teoria dell attaccamento conseguenze della separazione-privazione delle cure materne secondo Bowlby Relatore:Dott.ssa Marilena Tiburzi L attaccamento

Dettagli

I Disturbi del Neurosviluppo

I Disturbi del Neurosviluppo Giornata Mondiale per la consapevolezza dell Auismo Sala della Protomoteca - Campidogio Istituto Superiore di Sanità 2 aprile 2014 I Disturbi del Neurosviluppo hanno una prevalenza circa del 12%. possono

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Profilo delle diverse tipologie di BES

Profilo delle diverse tipologie di BES Profilo delle diverse tipologie di BES Con la Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 e la CM n. 8 del 6 marzo 2013 che ha per oggetto l attuazione della direttiva Strumenti d intervento per alunni

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino Pianezzola Giulia In questi ultimi anni le adozioni nazionali

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

servizi e interventi rivolti ai MINORI e alle FAMIGLIE

servizi e interventi rivolti ai MINORI e alle FAMIGLIE servizi e interventi rivolti ai MINORI e alle FAMIGLIE Le politiche per la famiglia e la minore età Negli ultimi decenni molti cambiamenti sociali hanno contribuito a trasformare la famiglia, sia dal punto

Dettagli

L'APPROCCIO COGNITIVISTA AI DISTURBI DELLA CONDOTTA IN ETÀ EVOLUTIVA: INTERVENTI PREVENTIVI E TERAPEUTICI

L'APPROCCIO COGNITIVISTA AI DISTURBI DELLA CONDOTTA IN ETÀ EVOLUTIVA: INTERVENTI PREVENTIVI E TERAPEUTICI SITCC 2014 DIARIO DI BORDO NOVE Sabato, 17 maggio 2014 L'APPROCCIO COGNITIVISTA AI DISTURBI DELLA CONDOTTA IN ETÀ EVOLUTIVA: INTERVENTI PREVENTIVI E TERAPEUTICI PSICOTERAPIA COGNITIVA IN LIGURIA Seminari

Dettagli

Legame di attaccamento e ansia da separazione

Legame di attaccamento e ansia da separazione Maria Maddalena Bisogni Caterina Brizzi / Luca Cardinali Emanuele Coluccia Legame di attaccamento e ansia da separazione ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 Allegato al Prot. n. 78357 del 14.3.2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 RAGAZZI IN COMUNITA Comprendere l adolescente per aiutarlo a crescere 5 incontri di formazione e aggiornamento per Educatori

Dettagli

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Corso finanziato dalla Provincia di Torino SEMINARIO IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Storia e prospettive dell affidamento di bambini piccolissimi Considerazioni e questioni aperte, a partire

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Operatori e famiglie nell affidamento di neonati

Operatori e famiglie nell affidamento di neonati FrancoAngeli Collana diretta da Vittorio Cigoli ed Eugenia Scabini Ondina Greco, Ivana Comelli, Raffaella Iafrate Tra le braccia un figlio non tuo Operatori e famiglie nell affidamento di neonati PSICOLOGIA

Dettagli

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA AUTISMO Il termine autismo identifica una disabilità permanente complessa, di natura neurobiologica, che si manifesta ed è identificabile nella prima infanzia sulla base di difficoltà di comunicazione,

Dettagli

Modelli di attaccamento nei bambini adottati in seconda infanzia e nelle loro madri adottive: un esemplificazione clinica.

Modelli di attaccamento nei bambini adottati in seconda infanzia e nelle loro madri adottive: un esemplificazione clinica. Modelli di attaccamento nei bambini adottati in seconda infanzia e nelle loro madri adottive: un esemplificazione clinica. Ester D Onofrio, Cecilia Serena Pace, Viviana Guerriero, Giulio Cesare Zavattini,

Dettagli

Informazioni personali. Istruzione e formazione. Via Ronchi 24, 20134, Milano, Italia Cellulare +39 340 4876657 gaia.pasculli@live.

Informazioni personali. Istruzione e formazione. Via Ronchi 24, 20134, Milano, Italia Cellulare +39 340 4876657 gaia.pasculli@live. Informazioni personali Nome / Cognome Gaia Pasculli Indirizzo Via Ronchi 24, 20134, Milano, Italia Cellulare +39 340 4876657 E-mail gaia.pasculli@live.com Cittadinanza Italiana Data di nascita 08/06/1984

Dettagli

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder 1 1. COS E ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder E Un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, gestione

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

L INSERIMENTO DEL BAMBINO ADOTTATO A SCUOLA Relatrice: Dr.ssa Lambri Catia

L INSERIMENTO DEL BAMBINO ADOTTATO A SCUOLA Relatrice: Dr.ssa Lambri Catia L INSERIMENTO DEL BAMBINO ADOTTATO A SCUOLA Relatrice: Dr.ssa Lambri Catia La scuola è importantissima nella crescita psicologica e cognitiva di un bambino, infatti già a partire dalla scuola materna,

Dettagli

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Dalla Diagnosi Funzionale al PEI Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Effetti del non Valutare Sopravvalutare Problemi di comportamento (isolamento) Sottovalutare

Dettagli

GEODE AEPER Sabato 4 ottobre 2014. PREVENIRE E CURARE LE CRISI ADOTTIVE Francesco Vadilonga f.vadilonga@tiscali.it

GEODE AEPER Sabato 4 ottobre 2014. PREVENIRE E CURARE LE CRISI ADOTTIVE Francesco Vadilonga f.vadilonga@tiscali.it GEODE AEPER Sabato 4 ottobre 2014 PREVENIRE E CURARE LE CRISI ADOTTIVE SCALETTA SCENARI E MODELLI ADOTTIVI ATTACCAMENTO E ADOZIONE COSA RENDE DIFFICILE L ADOZIONE SOSTENERE E CURARE L ADOZIONE LE CRISI

Dettagli

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME)

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel. 3480457173 e-mail: inmediaonlus@libero.it

Dettagli

Psicopatologia dello sviluppo e anoressia infantile: continuità omotipica ed eterotipica*

Psicopatologia dello sviluppo e anoressia infantile: continuità omotipica ed eterotipica* Psicopatologia dello sviluppo e anoressia infantile: continuità omotipica ed eterotipica* MASSIMO AMMANITI, LOREDANA LUCARELLI, SILVIA CIMINO, FRANCESCA D OLIMPIO Sapienza Università degli Studi, Roma

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

Rischio Psicosociale. Prima parte:

Rischio Psicosociale. Prima parte: Rischio Psicosociale Prima parte: 1. La salute in ambito lavorativo: un bene individuale e collettivo irrinunciabile 2. Il rischio da stress e la nuova normativa Accordo Europeo del 8-10- 2004; D.Lgs 9-4-2008

Dettagli

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006)

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Disturbi d Ansia in età prescolare Disturbi d Ansia in età di latenza Depressione in adolescenza Depressione in età di latenza ANSIA DEPRESSIONE Disturbi

Dettagli

!"#$%&%'#()*+&&%),-#&.//%! B#C:%%&!D&$(&!E()%.--(*&!F&$1#/#!

!#$%&%'#()*+&&%),-#&.//%! B#C:%%&!D&$(&!E()%.--(*&!F&$1#/#! !"#$%&%'#()*+&&%),-#&.//%! "#$%#!&''()*+,#!-.$!/.!&0,(12!3#$4&+,.!-.$!'/(!&/)**(!(*! %(1)&5(#*.!6(!7&*6(8&-!*.//&!%8)#/&!6.//9(*3&*5(&!.!*.//&!%8)#/&! -$(4&$(&:! ;:;:!?@A! B#C:%%&!D&$(&!E()%.--(*&!F&$1#/#!

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

S.C. di NPI ASL CN 1- Savigliano Fossano Saluzzo

S.C. di NPI ASL CN 1- Savigliano Fossano Saluzzo S.C. di NPI ASL CN 1- Savigliano Fossano Saluzzo D.ssa Francesca Ragazzo Descrivere cosa si prova a vivere con un bambino ADHD è inspiegabile: è un rapporto fatto di odioamore, un sentimento nuovo tutto

Dettagli

Rovereto, 9 maggio 20011 I BISOGNI DEL BAMBINO ADOTTATO

Rovereto, 9 maggio 20011 I BISOGNI DEL BAMBINO ADOTTATO Rovereto, 9 maggio 20011 I BISOGNI DEL BAMBINO ADOTTATO Una premessa che mi pare importante fare è che ci troviamo di fronte a situazioni molto variegate, diverse una dall altra in quanto gli aspetti che

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

Basi scientifiche degli interventi precoci

Basi scientifiche degli interventi precoci Basi scientifiche degli interventi precoci S.Vito al Tagliamento, 5 Aprile 2013 Tolmezzo, 6 Aprile 2013 Giorgio Tamburlini Centro per la Salute del Bambino onlus Il razionale e le evidenze Razionale neurobiologico

Dettagli

Via Casalicolo, 20 25085 Gavardo (BS) Piazza Aldo Moro 19, Gavardo (BS) damianodereani@yahoo.it. www.perizia-psicologica.com

Via Casalicolo, 20 25085 Gavardo (BS) Piazza Aldo Moro 19, Gavardo (BS) damianodereani@yahoo.it. www.perizia-psicologica.com F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono 3284618897 Studio E-mail Nazionalità DEREANI DAMIANO Via Casalicolo, 20 25085 Gavardo

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE.

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. ELEMENTO FONDANTE DELLO SVILUPPO E DELLA MATURAZIONE DELLA PERSONALITA DEI NOSTRI FIGLI, PUO MANIFESTARSI NEGLI ATTACCHI DI PANICO COME UNA FIAMMATA IMPROVVISA CHE TRAVOLGE

Dettagli

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare A cura di Dr.ssa BOVE Daniela Laura Cooperativa Sociale AMANI Comune di Brindisi Roma, 18 Gennaio 2010 cambiamenti

Dettagli

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio 178 Interviews Interviste Intervjuoj 5 luglio 2011 Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio Intervista a Maria Teresa Guasti Mauro Viganò Presentazione Maria Teresa Guasti è professore ordinario

Dettagli

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile.

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile. PROCEDURA UNIFICATA E CONDIVISA DEI RAPPORTI TRA SERVIZI SOCIALI DELLA PROVINCIA E LA S.C. SMRIA (DSM) AUSL DI FERRARA PER L ATTIVITA SOCIO SANITARIA INTEGRATA PER MINORI. La mancanza di una procedura

Dettagli

I bambini adottati a scuola

I bambini adottati a scuola Francesco Vadilonga, psicologo, psicoterapeuta, responsabile del Servizio specialistico di sostegno alle adozioni difficili e presa in carico delle crisi adottive 33 34 I nuovi scenari adottivi Nell ultimo

Dettagli

CURRICULUM VITAE. aurea in psicologia, indirizzo applicativo, votazione 110/110 e lode, La Sapienza, 1983;

CURRICULUM VITAE. aurea in psicologia, indirizzo applicativo, votazione 110/110 e lode, La Sapienza, 1983; ANTONELLA DI BERTO MANCINI DOTT.SSA PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA brillaluna@libero.it CURRICULUM VITAE ATTIVITA PROFESSIONALE PSICOLOGA DIRIGENTE DI I LIVELLO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE AREA TUTELA SALUTE

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

ALLEGATO N 1. Testo: Luigi D Isa PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA ed. Hoepli

ALLEGATO N 1. Testo: Luigi D Isa PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA ed. Hoepli ALLEGATO N 1 Anno scolastico 2013/2014 Classe 5 D Disciplina: Docente: PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA TERESA STAGLIANO Testo: Luigi D Isa PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA ed. Hoepli Ore di lezione settimanali:

Dettagli

Consultorio Familiare

Consultorio Familiare Distretto Sanitario di Trebisacce Consultorio Familiare Botero: Famiglia Il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un presidio socio-sanitario pubblico che offre interventi di tutela e di prevenzione

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA?

L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA? L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA? ADHD: STRUTTURARE L AMBIENTE E MIGLIORARE IL COMPORTAMENTO CTI ADRIA ROVIGO E BADIA POLESINE INCONTRI LABORATORIALI

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL)

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) Premessa La tutela della Salute materno- infantile e la riabilitazione in età evolutiva, ha valenza strategica nei sistemi sanitari, sia per le ripercussioni sul

Dettagli

L Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili di Fondazione Sospiro:

L Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili di Fondazione Sospiro: L Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili di Fondazione Sospiro: Marilena Zacchini Referente Servizio Psicoeducativo Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili Fondazione Sospiro

Dettagli

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Alla scuola materna Alcuni bambini iperattivi non riescono

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

Progetto ABA per l autismo

Progetto ABA per l autismo Progetto Paletta e secchiello... per costruire insieme una realtà diversa PREMESSA Nella zona del Vicentino, come in altri Comuni d Italia, si osserva una mancanza di risorse nella riabilitazione dei soggetti

Dettagli

PROGETTO CAREGIVER ''Sostenere chi sostiene''

PROGETTO CAREGIVER ''Sostenere chi sostiene'' PROGETTO CAREGIVER ''Sostenere chi sostiene'' Studio Associato di Psicologia Dott.ssa Boschetti Manuela Dott.ssa Bronzetti Romina Dott.ssa Croatti Roberta Dott.ssa Zanotti Ilenia Cell. 334 8458393 Cell.

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

L attività dell Associazione si basa su due principi-guida:

L attività dell Associazione si basa su due principi-guida: Presentazione sintetica dell Associazione (www.areag.net) CHI È AREA G L Associazione Area G onlus, attiva dal 1991, si occupa di problematiche adolescenziali e postadolescenziali viste in relazione con

Dettagli

ISTITUTO DI TERAPIA FAMILIARE DI BOLOGNA Direttore: Tullia Toscani e.mail: info@itfb.it - sito internet: www.itfb.it

ISTITUTO DI TERAPIA FAMILIARE DI BOLOGNA Direttore: Tullia Toscani e.mail: info@itfb.it - sito internet: www.itfb.it Firenze, 17 Novembre 2012 presso Istituto Terapia Familiare di Firenze TRAUMA PSICOLOGICO: CONOSCE DI BASE DELLA PSICOTRAUMATOLOGIA PER IL TERAPEUTA FAMILIARE TULLIA TOSCANI Psicologo clinico e psicoterapeuta

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

CARATTERISTICHE PRIMARIE

CARATTERISTICHE PRIMARIE IL PERCORSO DI PRESA IN CARICO MULTIMODALE DEL DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E IPERATTIVITA. L INTERVENTO PSICOLOGICO Risultati di un esperienza pilota Dott.ssa Vanzin Laura Dott.ssa Valli Angela

Dettagli

Progetto Migrazione e Disagio Psichico

Progetto Migrazione e Disagio Psichico Progetto Migrazione e Disagio Psichico Milano, 6 marzo 2009 Maria Antonella Costantino Unità Operativa di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Dipartimento per la Salute della Donna, del Bambino

Dettagli

L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA

L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA Testi Barbara Raffaeli - Provincia di Rimini, Servizio Politiche Sociali Micaela Donnini e Tamara Zangheri - Azienda Usl di Rimini, S.S. Responsabilità genitoriale

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Atti del seminario organizzato dal CTA - Centro di Terapia dell Adolescenza dal titolo:

Atti del seminario organizzato dal CTA - Centro di Terapia dell Adolescenza dal titolo: Atti del seminario organizzato dal CTA - Centro di Terapia dell Adolescenza dal titolo: Adozione e percorsi di sviluppo. Temi clinici e strategie di intervento Condotto da David Brodzinsky, professore

Dettagli

ADHD DIAGNOSI E IMPLICAZIONI FAMILIARI E SCOLASTICHE

ADHD DIAGNOSI E IMPLICAZIONI FAMILIARI E SCOLASTICHE Cesena 11 aprile 2012 Furio Lambruschi Daniela Fabbri ADHD DIAGNOSI E IMPLICAZIONI FAMILIARI E SCOLASTICHE AUSL - Cesena Scuola Bolognese di Psicoterapia Cognitiva Fattori centrali nell ADHD n Limitato

Dettagli

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa BISOGNI BISOGNI I MINORI E LE FAMIGLIE I MINORI E LE FAMIGLIE Educativa Educativa Avere un supporto educativo quando si hanno difficoltà nella famiglia, nella vita di relazione, nell'apprendimento e nei

Dettagli

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico una grande famiglia Corso di Formazione Le risorse per il ben-essere della famiglia, tra servizi di assistenza, strumenti di tutela e opportunità di integrazione nella comunità modulo 1-31gennaio 2009

Dettagli

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Luglio 2011 Indice Premessa... pag. 3 Documenti e ricerche... pag. 5 Gli obiettivi... pag.

Dettagli