Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1"

Transcript

1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità biologica e la genitorialità adottiva sono identiche davanti alla legge ma molto diverso è il percorso che porta all una e/o all altra. La scelta della genitorialità adottiva è spesso il desiderio di diventare genitori che, spesso in seguito agli ostacoli alla procreazione, si trasforma in accoglienza. Nella nostra cultura occidentale un momento importante è quello della legittimazione della parentela. Per la nostra cultura la legittimazione della parentela avviene per discendenza di sangue. L adozione è un eccezione a questa regola e necessita un superamento netto di questo pregiudizio. In molti contesti extra europei, invece, l adozione è un metodo normale e comune di formazione dei legami di filiazione o di parentela. La legge sulle adozioni dunque equipara sul piano giuridico le due filiazioni; si tratta di una equivalenza sostanziale che rinforza la costruzione del legame. Nella filiazione naturale la legittimazione esterna assume un valore minore; il parto è condizione necessaria e sufficiente alla legittimazione stessa. Ma quel sentimento complesso che chiamiamo genitorialità è anch esso così automatico? Ovviamente no. È un dato culturale implicito ma nella realtà ci sono bambini che di fatto non crescono con la loro mamma biologica. Dunque, genitori si diventa sia con la procreazione che con l adozione. In questo ultimo caso la scelta di diventare genitori è una scelta sempre voluta, sempre consapevole. Nel corso dell attesa c è un percorso formativo, c è un rito da seguire, sono gli operatori che legittimano (assistenti sociali, psicologi, giudice, ente). La legge italiana permette l adozione anche in presenza di un figlio biologico. Non vi sono norme diverse da applicare. Vengono valutate le situazioni caso per caso senza applicare regole standard. In generale, gli operatori si propongono di imitare la natura (si può parlare di imitazio naturalis ) e si ispirano ai seguenti principi: 1. ogni figlio ha bisogno ed ha diritto al proprio spazio, ad uno spazio esclusivo con mamma e papà; 2. il figlio maggiore è il più grande e deve restare tale anche in seguito all adozione di un fratello; gli operatori, dunque, chiedono al Tribunale di indicare nel decreto di idoneità che il bimbo adottivo debba avere un età significativamente minore di quello già presente in famiglia (per significativamente inferiore si può intendere per esempio 2 anni); 3. il bimbo biologico e quello adottivo presentano una differente origine: l attesa biologica coinvolge principalmente il piano fisiologico, l attesa adottiva il piano emotivo. Il rapporto adottivo tra genitori e figli richiederà del tempo per rafforzarsi. Anche in gravidanza il rapporto non procede automaticamente ma è comunque aiutato dalla natura. Le Radici e le Ali - 30 Settembre 08 - Bambini Adottivi e Biologici insieme in famiglia - 1

2 L adozione, dunque, comporta lo sviluppo di un legame di parentela in un modo nuovo, diverso. Tutto quanto detto suggerisce di portare avanti un progetto alla volta. L attesa contemporanea di un bambino biologico e di uno adottivo è difficilmente superabile dal bambino più fragile (quello adottivo) che ha più bisogno di conferme. Cautelativamente gli operatori (psicologi, assistenti sociali) suggeriscono di evitare la contemporaneità delle due cose. La serata prosegue con la testimonianza di due famiglie che hanno vissuto sia l esperienza della genitorialità adottiva che di quella biologica. Testimonianza di Emilia Emilia ci racconta che lei e Stefano (suo marito), in seguito ai problemi riscontrati nella procreazione e dopo aver tentato attraverso delle cure mediche di diventare genitori biologici, hanno deciso di intraprendere il percorso dell adozione. Dopo aver presentato la domanda di adozione ed aver seguito l iter per ottenere l idoneità, nel marzo del 1999 sono diventati genitori (attraverso un adozione nazionale) di una bambina di 40 giorni che hanno chiamato Benedetta. Emilia e Stefano non avevano più pensato alla possibilità di diventare genitori biologici, dati i loro problemi, semmai ad una seconda adozione. A distanza di due anni, invece, è arrivato il secondo bambino, Matteo, ma stavolta è arrivato dalla pancia della mamma. Emilia descrive le emozioni provate alla scoperta dell attesa biologica. Alla notizia Emilia non era completamente felice ma piuttosto spaventata; provava quasi un senso di colpa verso la sua Benedetta e nei 9 mesi successivi, infatti, cercava di non enfatizzare la sua gravidanza. Alla nascita di Matteo, Emilia e Stefano hanno subito cercato di coinvolgere Benedetta. Ad oggi, i bambini sono molto legati, sono cresciuti insieme, si sentono fratelli, si difendono, si amano e vivono i soliti problemi di gelosia come succede tra due fratelli biologici. Il segreto di questa armonia sta nel fatto che in famiglia si è sempre parlato tanto dell adozione; l argomento non è mai stato visto come un tabù, non ci sono segreti. Quando si parla di adozioni, però, le reazioni sono un po diverse per i due fratellini: Benedetta non ama molto sentire la sua storia, alle volte vorrebbe fare finta di niente (può darsi che il senso dell abbandono venga fuori più avanti, magari nel periodo dell adolescenza). Matteo è quello che fa più domande, di solito nei momenti più inaspettati. Per il ruolo che svolge, Matteo risulta per sua sorella molto terapeutico visto che è lui che pone le domande, Benedetta le ascolta e le elabora. Nella loro famiglia, paradossalmente è Matteo che alle volte si sente escluso, quasi discriminato. Alle volte dice ai genitori che lui è arrivato mentre Benedetta è stata desiderata. In questo caso la nascita biologica sembra assumere la caratteristica di nascita di serie B. Tra le tante domande scomode che sono state poste da Matteo, una delle più difficili a cui dare risposta è stata Ma è possibile che esistano delle mamme che non sono state capaci di crescere i loro figli?. Dato che tale difficoltà è stata condivisa anche da altri genitori presenti all incontro, il Dott. Cravero è intervenuto suggerendo di spiegare le motivazioni prendendo spunto per esempio dal mondo animale. Gli animali che vivono in cattività, che non hanno avuto modo di imparare ad allevare i propri cuccioli, nel caso in cui si riproducano appunto non sono in grado di crescere la propria prole. Si potrebbe anche dire che la mamma di cuore ha imparato dai nonni a prendersi cura di un bambino, ed è anche grazie al loro insegnamento che è in grado di crescere il proprio figlio adottivo. Magari la persona che ti ha messo al mondo non era in grado di farlo poiché non ha avuto nessuno che le ha insegnato a fare la mamma. Le Radici e le Ali - 30 Settembre 08 - Bambini Adottivi e Biologici insieme in famiglia - 2

3 Testimonianza di Francesca e Stefano Francesca e Stefano sono genitori di 4 bambini. Il primo biologico ha 10 anni, il secondo adottivo 8, la terza biologica 5 e l ultimo biologico 4 mesi. L adozione di Andres, bambino colombiano, è avvenuta quando aveva 5 mesi. Sin dall epoca dell università Francesca era affascinata dall idea dell adozione. Dopo il matrimonio arriva il primo bambino biologico, Pietro, con immensa felicità dei genitori. Al momento di allargare ulteriormente la famiglia, Francesca e Stefano decidono di intraprendere il percorso dell adozione. Questa decisione perché, in un mondo chiuso come il nostro volevano costruire una famiglia che fosse testimonianza di apertura ed accoglienza. Dopo i colloqui con psicologi ed assistenti sociali ottengono l idoneità e si affidano ad un noto Ente per l adozione internazionale. Dopo qualche mese arriva loro una proposta di abbinamento con Andres, un bambino colombiano che aveva pochi giorni di vita e che presentava dei problemi fisici (era privo di un arto). Vengono dati loro quattro giorni di tempo per pensare se accettare o meno questo abbinamento. Francesca ci racconta quei quattro giorni come momenti di grande riflessione, di forte intensità, paragonabili al travaglio di un parto. La loro riflessione si basa sul fatto che, l eventuale rifiuto di quell abbinamento avrebbe significato non solo non diventare i genitori di Andres ma avrebbe comportato l abbandono completo della decisione di diventare genitori adottivi. Dunque la scelta era diventare genitori adottivi del piccolo Andres oppure non diventare mai più genitori adottivi. La risposta è stata così positiva ed unanime, sarebbero diventati i genitori del piccolo Andres, senza aver più alcun dubbio. è nostro figlio!. Dopo qualche settimana Francesca, Stefano e Pietro partono per la Colombia per incontrare Andres. La decisione di portare con sé il primo figlio ovviamente ha necessitato un suo forte coinvolgimento in tutta la vicenda ed una sua concreta tutela per affrontare un percorso così importante. Nei periodi successivi al ritorno a casa, Pietro ha fatto alcune domande in merito: Ma tu sei la mia mamma? Ma allora la mamma di Andres dov è? E ancora qualche mese dopo: Ma secondo te la mamma di Andres l ha guardato negli occhi prima di abbandonarlo?. Sono queste le situazioni che si trovano ad affrontare Francesca e Stefano e cercano sempre di trovare le parole che possano dare una risposta ai dubbi dei propri figli e che soprattutto possano tranquillizzarli sull amore che i genitori provano per loro. Come spesso capita sono i fratelli del bimbo adottivo che pongono delle domande ai genitori in merito all adozione, anche qui sono Pietro il primogenito e Cecilia la terza che, in presenza di Andres pongono le loro domande. Il piccolo Andres ascolta le risposte. Asseriscono che la cosa più difficile è spiegare ad un bimbo perché è stato abbandonato e come è arrivato nella famiglia adottiva. A proposito del rapporto tra fratelli, Francesca ci racconta che quando sono arrivati gli altri due fratelli biologici la reazione dei primi due è stata la classica gelosia tra fratelli che si contendono le attenzioni di mamma e papà. Per Andres l arrivo dell ultimo fratellino (che ad oggi ha quattro mesi) è stato molto terapeutico. Infatti, i genitori valorizzano Andres (che ora ha otto anni) rispetto al suo fratellino e sottolineano il fatto che Andres sa fare molte cose rispetto a lui in quanto il suo ruolo è quello di fratello maggiore. In questi ultimi mesi dunque Andres ha acquistato maggiore fiducia in se stesso, nelle sue capacità, la sua autostima è cresciuta molto (cosa che non era successa invece con l arrivo della terza figlia Cecilia rispetto alla quale la differenza tra fratello maggiore e minore risultava meno marcata). Le Radici e le Ali - 30 Settembre 08 - Bambini Adottivi e Biologici insieme in famiglia - 3

4 Dibattito: contemporaneità dell attesa biologica e dell attesa adottiva L intervento del Dott. Cravero suggeriva caldamente di portare avanti un progetto alla volta. A questo proposito intervengono due genitori di un figlio adottivo e di uno biologico concepito pochissimi mesi dopo l adozione del primo (nonostante i problemi alla procreazione che erano stati diagnosticati alla coppia). I bimbi hanno due anni e mezzo di differenza e per ora le cose procedono nel migliore dei modi; anche caratterialmente sembrano essere l uno il completamento dell altro. Questa coppia dunque non si trova del tutto d accordo con quanto afferma il Dott. Cravero sulla necessità di evitare la contemporaneità dell arrivo del bambino adottivo e biologico. Un altro intervento proviene da una mamma di un bambino biologico che all età di 7 anni ha vissuto l adozione di un fratellino boliviano di pochi mesi di vita e poco dopo (sempre in maniera inaspettata visto che i genitori per sette anni non erano riusciti ad avere un altro figlio biologico) anche l arrivo di una sorellina biologica. Grazie anche all aiuto degli assistenti sociali sono riusciti ad affrontare la contemporaneità dei due arrivi ed a gestire con il primogenito la novità di avere, in poco più di 12 mesi e dopo sette anni da figlio unico, ben due fratelli, uno adottivo e uno biologico. Oggi i bambini hanno rispettivamente 14, 8 e 7 anni e sono una famiglia felicissima. Il Dott. Cravero risponde a questi interventi ribadendo che gli operatori non vogliono criminalizzare questo comportamento ma vogliono solamente consigliare di evitare di ritrovarsi nella condizione di contemporaneità. Crescere come gemelli anche se si proviene da storie diverse è possibile. Fino ai 4 anni i bambini non capiscono concretamente la differenza tra bambino adottivo e bambino biologico; vivono le differenze solo sulla base di esperienze concrete. In un primo momento dunque il crescere insieme può favorire il senso di fratellanza ma non possiamo sapere cosa succederà per esempio nel periodo dell adolescenza, quando si è alla ricerca della propria identità. Dibattito: difficile spiegare al bimbo perché è stato abbandonato e come è arrivato in famiglia Durante la testimonianza di Francesca e Stefano la domanda come e perché sono arrivato in questa famiglia coinvolge e interessa tutti i partecipanti all incontro. Il Dott. Cravero interviene e propone di spiegare al bambino la verità e cioè che c è stato un Giudice, che ha a cuore il bene dei bambini e che si è accorto della difficoltà della mamma biologica di crescere quel bambino; ha deciso dunque di affidarlo ad un altra mamma e ad un altro papà che fossero in grado di dargli quelle cure e quell amore di cui tutti i bambini hanno bisogno. Su questo argomento interviene anche Giulia, mamma adottiva da poco più di un anno di due fratellini nati in Etiopia di 6 e 8 anni. Sono due bambini orfani di entrambi i genitori che vivevano con altri due fratelli più grandi. I bambini hanno raccontato di essere stati consegnati alle autorità dal fratello maggiore poiché, nella miseria più assoluta, non era più in grado di crescerli e di farli sopravvivere. Ovviamente i bambini, data la loro età, ricordano perfettamente in quali condizioni materiali e di vita sono stati cresciuti e soffrono molto al pensiero dei fratelli rimasti in Etiopia proprio in quelle condizioni. La loro domanda ricorrente è perché non sono stati adottati anche i loro fratelli, perché i genitori non possono adottare anche loro. Giulia risponde loro che l adozione non dipende da lei ma dalle decisioni di un Giudice e che non sono adottabili perché loro comunque sono in grado di vivere da soli anche lì in Etiopia. Cerca perciò di rassicurarli dicendo che se la sanno cavare da soli proprio perché più adulti. Nonostante questo i bambini restano comunque fortemente addolorati per la distanza dai fratelli. Le Radici e le Ali - 30 Settembre 08 - Bambini Adottivi e Biologici insieme in famiglia - 4

5 Conclusioni La serata si conclude con la certezza che tutti noi, futuri genitori, genitori adottivi e genitori biologici abbiamo imparato che la convivenza di figli biologici e figli adottivi è sicuramente possibile ma necessita ovviamente di tanto impegno da parte dei genitori che devono essere in grado di rispondere alle domande dei propri figli (sia adottivi che biologici), devono saper confutare i loro dubbi cercando di rassicurarli e di farli sentire sempre scelti e voluti in qualsiasi modo siano arrivati in famiglia. A cura di Sabrina - Staff Le Radici e le Ali Paderno Dugnano (MI) Gruppo Famiglie Adottive LE RADICI E LE ALI Tutti i diritti riservati Ogni estrazione e/o riproduzione anche parziale è vietata Le Radici e le Ali - 30 Settembre 08 - Bambini Adottivi e Biologici insieme in famiglia - 5

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

Intervento dott.ssa Luz Carmenza Gomez Lopez Referente Nova in Colombia dal 2010 Bologna, 9 settembre 2011. Gentilissimi Assistenti al Convegno.

Intervento dott.ssa Luz Carmenza Gomez Lopez Referente Nova in Colombia dal 2010 Bologna, 9 settembre 2011. Gentilissimi Assistenti al Convegno. Intervento dott.ssa Luz Carmenza Gomez Lopez Referente Nova in Colombia dal 2010 Bologna, 9 settembre 2011 Gentilissimi Assistenti al Convegno. Vi presento un cordiale e sentito saluto a nome proprio e

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

L'AUTOSTIMA SI IMPARA COME SI IMPARA A CAMMINARE ED A SCRIVERE

L'AUTOSTIMA SI IMPARA COME SI IMPARA A CAMMINARE ED A SCRIVERE Relazione Incontro del 22 Febbraio 2011 Gli stili di attaccamento e l autostima nel bambino adottato Indicazioni e suggerimenti per contribuire allo sviluppo affettivo dei nostri figli Relatore: dott.

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE. Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo

L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE. Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo PERCORSI PROBLEMATICI DELL ADOZIONE INTERNAZIONALE AA.VV Istituto Degli Innocenti, 2003 Questo

Dettagli

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

Cosa desideri dalla vita?

Cosa desideri dalla vita? Cosa desideri dalla vita? L'Amore? L'Amore? Se quello che desideri è l'amore, quello con la A maiuscola Se desideri realmente amarti,amare ed essere riamata Se desideri trovare la persona giusta Se desideri

Dettagli

1. L adozione in casi particolari può rappresentare uno strumento di elusione della legge n. 40/2004?

1. L adozione in casi particolari può rappresentare uno strumento di elusione della legge n. 40/2004? E pur vero che la legge n. 40 si era preoccupata di tutelare comunque il minore concepito mediante ricorso alla fecondazione eterologa (art. 9), sanando la situazione che si fosse venuta a creare con il

Dettagli

PROGRAMMA: SETTEMBRE-DICEMBRE 2011 CENTRO PER LE FAMIGLIE DI FAENZA Insieme ai genitori dalla gravidanza all adolescenza Il Centro per le Famiglie di Faenza è un offerta dei Servizi Sociali Associati dove

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

IL PERCORSO DELL ADOZIONE

IL PERCORSO DELL ADOZIONE Dipartimento Tutela Materno Infantile e della Genitorialità U.O.C. Procreazione Cosciente ------ Municipi ex V VII VIII - X IL PERCORSO DELL ADOZIONE note di informazione ed orientamento per le coppie

Dettagli

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino 1 febbraio 2005 Le coppie che chiedono l adozione di un bambino Anno 2003 L Istat diffonde i risultati dell indagine sulle domande di adozione, condotta per la prima volta nel 2003 presso i 29 tribunali

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire

CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire informazioni dettagliate circa gli interventi offerti dall ente. L obiettivo della

Dettagli

Relazione Incontro del 29 Aprile 2014. SBAGLIANDO SI IMPARA Il diritto all errore nel bambino e nel genitore adottivo

Relazione Incontro del 29 Aprile 2014. SBAGLIANDO SI IMPARA Il diritto all errore nel bambino e nel genitore adottivo Relazione Incontro del 29 Aprile 2014 SBAGLIANDO SI IMPARA Il diritto all errore nel bambino e nel genitore adottivo Relatore: Dott. Marco Porta Psicologo dell età evolutiva L argomento della serata ha

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE...

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE... Come crescere tuo figlio secondo natura Hai difficoltà nel crescere tuo figlio? Ecco una notizia per te. Ci sono genitori che comprendono i bisogni del proprio figlio e con il quale costruiscono nel tempo

Dettagli

Sull adozione internazionale

Sull adozione internazionale I vostri figli non sono figli vostri: sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. Nascono per mezzo di voi e tuttavia non vi appartengono Dimorano con voi e tuttavia non Vi appartengono. Potete

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO INDICE XV Aggiornamento. Disegno di legge delega sullo status giuridico dei figli INTRODUZIONE Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE di GILDA FERRANDO 3 1. Le linee evolutive 7 2. I diritti del bambino

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

I TEMPI DELL ADOZIONE

I TEMPI DELL ADOZIONE 58 CAPITOLO 4 I TEMPI DELL ADOZIONE 4.1 IL PERCORSO DEL BAMBINO: DALL ABBANDONO ALL ADOZIONE UNA DELLE NOVITÀ SALIENTI del rapporto 2008 è rappresentata dal monitoraggio sui dati che permettono di tracciare

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

PREVENZIONE POSSIBILE GIA DURANTE GLI INTERVENTI DI PRE ADOZIONE

PREVENZIONE POSSIBILE GIA DURANTE GLI INTERVENTI DI PRE ADOZIONE PREVENZIONE POSSIBILE GIA DURANTE GLI INTERVENTI DI PRE ADOZIONE Dr.ssa Cristina Paiocchi Psicologa Psicoterapeuta PREMESSA Tutte le coppie che si avvicinano al mondo dell adozione presentano delle caratteristiche

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE DELL ENTE. (aggiornamento 28.10.2011)

CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE DELL ENTE. (aggiornamento 28.10.2011) CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI (aggiornamento 28.10.2011) PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento che fornisce le informazioni fondamentali per le coppie che si rivolgono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA SCUOLA PRIMARIA ALDA COSTA FERRARA CLASSE IV A A.S. 2014/15 PARTECIPIAMO AL CONCORSO Luciana Albieri Edizione2015 Associazione Dammi la Mano SON TUTTE BELLE LE FAMIGLIE

Dettagli

Chi sono i genitori adottivi

Chi sono i genitori adottivi La separazione nelle famiglie adottive e la mediazione familiare di Ivana Lazzarini, mediatrice familiare GeA, vicepresidente dell Associazione Italiaadozioni, redattrice del sito www.italiaadozioni.it.

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS C A R T A D E I S E R V I Z I La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire informazioni dettagliate circa gli interventi che vengono realizzati dall

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA

L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA Testi Barbara Raffaeli - Provincia di Rimini, Servizio Politiche Sociali Micaela Donnini e Tamara Zangheri - Azienda Usl di Rimini, S.S. Responsabilità genitoriale

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

L adozione è uno status che crea nuovi vincoli familiari, che li sostituisce o aggiunge ed è un istituto complesso e di antica tradizione.

L adozione è uno status che crea nuovi vincoli familiari, che li sostituisce o aggiunge ed è un istituto complesso e di antica tradizione. Relazione Incontro del 30 Gennaio 2013 L ADOZIONE OGGI Incontro con il Presidente del Tribunale dei Minori di Milano Relatore: Dott. Mario Zevola Presidente del Tribunale dei Minori di Milano Premessa

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI ISTITUTO COMPRENSIVO POLO I, GALATINA ( LECCE ) Scuola dell Infanzia Plesso di Via Teano a.s. 2013 /2014 Progetto Di Plesso Le storie dove stanno? Ce n è una

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Crisi economica e suicidi in italia

Crisi economica e suicidi in italia a cura del dottor Roberto ciavoni Sociologo Crisi economica e suicidi in italia Crisi e suicidio nel mondo del lavoro Parlarne senza Tabù è la prima forma Di Prevenzione Crisi economica e suicidi in italia

Dettagli

ARAI-Regione Piem onte Federazione Russa Lettonia Moldavia Cina Slovacchia Corea del Sud Guatemala Senegal Capo Verde Burkina Faso Colombia Etiopia Brasile ARAI-Regione Piemonte, Paesi Autorizzati ATTIVITÀ

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE. Rimini 13 ottobre 2010

ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE. Rimini 13 ottobre 2010 Servizio Polifunzionale per l Adozione Internazionale ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE Rimini 13 ottobre 2010 Intervento dell Ente Autorizzato

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia diocesi di Termoli Larino Centro per la Famiglia nella Cittadella della Carità Di cosa si occupa un centro per la famiglia? Informazione sui servizi, le risorse e le opportunità, istituzionali e informali,

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12 Scuola dell Infanzia M.Montessori Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12 Premessa Ogni bambino-a giunge alla Scuola dell Infanzia con un bagaglio di esperienze e conoscenze legate alla propria storia

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

CONVEGNO. Dall esperienza all adozione mite. <>

CONVEGNO. Dall esperienza all adozione mite. <<Ex facto ioritor ius È dal fatto che nasce il diritto>> 1 CONVEGNO Dall esperienza all adozione mite. Arezzo, 3 ottobre 2013 Legami che curano Dott.ssa Ginetta Matracchi Il tema della mia relazione è

Dettagli

L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali

L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali di Germano Palmieri I figli sono figli e basta : si potrebbe sintetizzare così lo spirito della L. 10/12/2012, n. 219, intitolata Disposizioni in

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO

SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO La scuola dell'infanzia San Francesco nasce a Piombino all'inizio degli anni sessanta nell'area della Chiesa dell'immacolata su richiesta della società ILVA che intendeva

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Un libro per amico. Obiettivi:

Un libro per amico. Obiettivi: Un libro per amico Nido d infanzia comunale Meridiana del Comune di Casalecchio di Reno Documentazione a cura di: Angela Mari, Lina Ventura In collaborazione con il CDP Centro Documentazione Pedagogico

Dettagli

Accogliere un figlio: l attesa di un dono

Accogliere un figlio: l attesa di un dono Accogliere un figlio: l attesa di un dono ACCOGLIERE UN FIGLIO: L ATTESA DI UN DONO L UNICITÀ DEI BAMBINI E DEI LORO BISOGNI Dott.ssa Michela Marzorati Neuropsichiatra Infantile Quello che cercherò di

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca Ondina Greco Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla famiglia Università Cattolica, Milano ondina.greco@unicatt.it Provincia di Lecce Corso

Dettagli

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012 PROGETTO YOGA IN CLASSE Scuola Primaria Di Massino Visconti classe seconda Anno scolastico 2011-2012 Responsabili: Maria Pillitteri insegnante di Scuola Primaria Paola Faini insegnante Yoga PRESENTAZIONE

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE Prof. Marta Ghini ESERCITAZIONE Ripasso dell altra volta non condotto dal docente. UNA DISTINZIONE DI TERMINI STEREOTIPO: rappresentazione cognitiva o impressione

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La comunicazione della diagnosi ai genitori del neonato con malattia genetica complessa

La comunicazione della diagnosi ai genitori del neonato con malattia genetica complessa La comunicazione della diagnosi ai genitori del neonato con malattia genetica complessa LUIGI MEMO U.O.C. di Pediatria e Neonatologia Ospedale San Martino Azienda ULSS n 1 BELLUNO Bari, 27 febbraio 2010

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

IL MELOGRANO CENTRO INFORMAZIONE MATERNITA e NASCITA di Gallarate

IL MELOGRANO CENTRO INFORMAZIONE MATERNITA e NASCITA di Gallarate IL MELOGRANO CENTRO INFORMAZIONE MATERNITA e NASCITA di Gallarate Carta dei servizi 2012 INTRODUZIONE... 2 CHI SIAMO... 3 PRINCIPI FONDAMENTALI... 4 I nostri referenti... A CHI CI RIVOLGIAMO... LE NOSTRE

Dettagli

Antonio e Roberta Bergaminelli. L adozione non è un gioco

Antonio e Roberta Bergaminelli. L adozione non è un gioco Antonio e Roberta Bergaminelli L adozione non è un gioco Antonio e Roberta Bergaminelli, L adozione non è un gioco Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Quando la famiglia raddoppia

Quando la famiglia raddoppia AI PADRI, ALLE MADRI, AI FIGLI Quando la famiglia raddoppia Guida INFORMATIVA alla separazione non più coniugi.. ma sempre genitori a cura di FABIO BARZAGLI NETWORK EDUCATIVO PATERNITA.INFO www.paternita.info

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

pagina precedente 41

pagina precedente 41 pagina precedente 41 Marta Campiotti Il cerchio delle donne Marta Campiotti (Varese, 1956). Laureata in Filosofia alla Statale di Milano e diplomata in Ostetricia a Firenze. Nel 1984 si trasferisce a Livigno,

Dettagli