Chi sono i genitori adottivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chi sono i genitori adottivi"

Transcript

1 La separazione nelle famiglie adottive e la mediazione familiare di Ivana Lazzarini, mediatrice familiare GeA, vicepresidente dell Associazione Italiaadozioni, redattrice del sito Una coppia di genitori adottivi alle prese con la propria separazione, porta nella stanza di mediazione una specificità, che il mediatore deve conoscere per poter lavorare al meglio proprio con questa famiglia. La coppia genitoriale si aspetta di trovare un aiuto competente rispetto alla propria situazione. Il modo, infatti, in cui questa famiglia si è originata e le caratteristiche della genitorialità adottiva sono peculiari di questo percorso. Parimenti i figli, che questi genitori presentificano, hanno una storia importante da tenere in considerazione quando si parla di loro. Il mediatore, quindi, deve sapere che cosa significa adottare e chi sono i bambini che vanno in adozione. Chi sono i genitori adottivi Il cammino che due coniugi fanno quando decidono di diventare famiglia è più o meno il medesimo per tutte le coppie, sino a quando in una coppia ci si accorge che i figli non arrivano; a quel punto le strade iniziano a differenziarsi. Per i coniugi sterili inizia il calvario della sofferenza, dei sensi di colpa, si va in crisi, si ricorre alle tecniche di fecondazione assistita, si pensa all adozione e nel frattempo passano mesi, anni. Questo periodo, a volte, mette a dura prova la coppia. C è chi tenta innumerevoli volte di avere il figlio desiderato con l aiuto della scienza e ce la fa e c è chi non ce la fa neppure così, c è chi il figlio riesce a farlo naturalmente quando non lo sperava più, c è chi adotta subito e c è chi adotta perché la scienza non è servita, c è chi desiste dal diventare genitore. Nell adozione questo periodo di lutto serve, se elaborato, a incontrare empaticamente il lutto dell abbandono biologico e della storia che il proprio figlio adottivo porta con sé. La sofferenza della coppia guarita nel diventare genitore, guarisce la sofferenza di quel bambino che diventa figlio. Per far questo le coppie vengono formate dai servizi territoriali e dai tribunali. L iter adottivo prevede che la coppia, cha ha dato la propria disponibilità all adozione in tribunale, venga accompagnata dai servizi sociali di residenza a riflettere sulla propria storia e venga preparata all adozione. Tramite più colloqui con gli assistenti sociali, gli psicologi e i giudici viene verificata la capacità genitoriale adottiva della coppia e per quanto riguarda l adozione internazionale, al termine dell iter, viene rilasciato dal Tribunale dei Minori un decreto d idoneità all adozione. Le coppie idonee per poter adottare all estero, devono scegliere un ente italiano intermediario a cui conferire il mandato, a cui, cioè, affidare l incarico di trovare il proprio figlio nel mondo. L ente fa compiere nuovamente ai futuri genitori un iter di incontri con i propri operatori, per poter effettuare il miglior abbinamento tra la coppia e un minore adottabile dei Paesi nei quali opera. Sia che la famiglia si sia originata con l adozione nazionale che con l adozione internazionale, è previsto per legge un anno di affidamento preadottivo 1. I servizi territoriali monitorano con incontri e colloqui 1 Ho volutamente cercato di descrivere un iter il più possibile semplificato che possa essere comune all adozione nazionale e a quella internazionale. Ho tralasciato quindi le differenze che ci sono e le procedure che riguardano le adozioni ad alto rischio giuridico. Per chi volesse approfondire le tematiche adottive rimando al sito

2 l andamento e la riuscita dell adozione, per redigere una relazione finale che viene inviata al Tribunale. Se il risultato è positivo, viene definitivamente conclusa l adozione e il minore diventa per sempre figlio di quei genitori prendendone il cognome. Nell adozione internazionale oltre ai servizi, anche gli operatori dell ente seguono la nuova famiglia, che deve sostenere quindi doppi colloqui. Molti Paesi da cui provengono i figli adottivi richiedono le relazioni sull inserimento e la crescita del bambino. I genitori sono tenuti, aiutati dagli operatori dell ente, a mandare regolarmente nel tempo notizie, aggiornamenti, fotografie sulla propria adozione (alcuni Paesi richiedono una relazione annuale addirittura sino alla maggiore età del bambino). Aver chiaro come si genera una famiglia adottiva, ci permette di concludere che i genitori adottivi sono genitori abituati ai colloqui con i diversi operatori, sono genitori che hanno dovuto lavorare su di sé e sulla propria capacità genitoriale e infine sono genitori che hanno dovuto imparare a confrontarsi e a fare propria la storia dolorosa dei loro figli. Aspetti questi che il mediatore familiare deve avere ben presenti quando inizia la mediazione. Chi è il bambino adottivo 2 Attualmente in Italia la maggior parte dei bambini adottati proviene dall estero. Per i bambini che nascono in Italia, infatti, l adozione rappresenta ormai un rimedio estremo a cui fare ricorso solo in caso di abbandono alla nascita o quando la famiglia d origine non possa offrire neppure un minimo di cura e di affetto. La permanenza nel nucleo d origine, che può essere sostenuta con incentivi economici e con forme di assistenza sociale, resta la soluzione preferita nel nostro ordinamento giuridico. Le adozioni di bambini provenienti dall estero sono invece in costante aumento. Attualmente entrano in Italia per adozione internazionale circa minori all anno provenienti da oltre 70 paesi, anche se la maggior parte arriva da cinque stati: Federazione Russa, Ucraina, Colombia, Etiopia e Brasile. Si tratta di bambini che sempre più spesso giungono in Italia già grandicelli, dopo un periodo più o meno lungo di permanenza in istituto, sovente con significative carenze sul piano fisico e/o psicologico e conseguenti problematiche affettive e comportamentali. Negli anni recenti, infatti, il diffondersi anche nei Paesi di provenienza dei minori, di politiche volte a prevenire il fenomeno dell abbandono e a rendere residuale il ricorso all adozione internazionale, ha avuto come conseguenza la crescita delle adozioni internazionali considerate più complesse: bambini in età scolare, portatori di problematiche sanitarie e/o di handicap, gruppi di fratelli 3. Un bambino che sperimenta, alla nascita o successivamente, la separazione forzata dai genitori biologici vive un esperienza traumatica di cui porterà sempre la ferita. Se a essa si sono accompagnati maltrattamenti o abusi, ripetute rotture di legami e cambiamenti di ambienti di vita, la capacità di fidarsi rimarrà a lungo fragile e precaria, così come la possibilità di creare successivi solidi legami di affetto. La sofferenza sperimentata, per essere superata, avrà bisogno di genitori dotati di una particolare disponibilità, di una capacità empatica e di una forza d animo non comuni. L elaborazione emotiva dell esperienza dell abbandono e dell istituzionalizzazione è possibile, ma non è facile. L adozione è strumento d elezione per restituire fiducia nella coerenza e continuità della vita a chi ha sperimentato il trauma psicologico della perdita. Ma bisogna mettere in conto che prima o poi il tema dell abbandono riemergerà insieme al timore, spesso manifestato attraverso agiti, del ripetersi dell esperienza di essere rifiutati. I genitori dovranno essere in grado di interpretare correttamente e 2 di Livia Botta, psicologa e psicoterapeuta, 3 le cosiddette adozioni special needs

3 tollerare, a volte per lungo tempo, modalità di attaccamento disfunzionali, che potranno manifestarsi in comportamenti instabili o iperattivi o al contrario oblativi e compiacenti. Potrà anche rendersi necessario riconoscere e soddisfare bisogni affettivi e psicologici non sempre corrispondenti all età anagrafica dei bambini. Il bambino adottato è anche un bambino che, all ingresso nella nuova famiglia, vive certamente una nuova opportunità, ma anche un ulteriore esperienza di sradicamento, che può disorientarlo. Innanzitutto ha perso il precedente contesto di vita, carente ma conosciuto; si ritrova al centro di azioni di cura che probabilmente gli sono estranee, lontano dagli odori, dal cibo e dal clima della sua terra, dai suoi paesaggi, dal suono della sua lingua. A volte separato anche dal suo nome, perché molti genitori preferiscono usare un nome italiano. E anche queste sono perdite che devono essere faticosamente elaborate. Anche se ogni bambino è unico e irripetibile e ogni adozione è diversa dalle altre, bisogna comunque tener presente che i bambini adottati soprattutto se passati attraverso plurime esperienze di abbandoni e perdite sono sempre portatori di una sofferenza legata al venir meno della continuità dell esperienza di vita. Questo aspetto fondamentale deve essere ben chiaro al mediatore, perché il figlio della coppia in mediazione vivrà una nuova sofferenza e una nuova esperienza di rottura a causa della separazione dei suoi genitori. La mediazione con le coppie adottive Se dobbiamo confrontare come avviene la separazione di una famiglia biologica e la separazione di una famiglia adottiva non notiamo differenze: in entrambi i casi si litiga, si soffre, si va in tribunale, si cercano due case, etc. Non cambia neppure il modo in cui condurre la mediazione: i colloqui individuali, di coppia, le tecniche di mediazione, gli stessi problemi concreti portati dai genitori, etc. Esiste però una differenza importante rispetto a come vivono la separazione i soggetti coinvolti, genitori e figli. Quello che cambia nella famiglia adottiva è la storia che porta con sé: dei perfetti sconosciuti si sono incontrati, si sono riconosciuti genitori e figli, e giorno dopo giorno sono diventati una famiglia. Famiglia che dovrà trovare stabilità affettiva, dovrà diventare riparatrice delle sofferenze e dovrà dare solide radici a figli che si confronteranno con la loro origine faticosa. A differenza delle famiglie biologiche, questi vissuti potranno far provare ai genitori adottivi che si separano ulteriori sensi di colpa e ai loro figli potranno far sperimentare nuove rotture e cambiamenti. Formazione del mediatore rispetto ai genitori Il mediatore deve avere presente il vissuto dei genitori adottivi per accoglierli empaticamente rispetto alla peculiarità della loro realtà familiare. Tutti i genitori si sentono in colpa verso i loro figli per essere la causa della fine dell ideale della famiglia unita, ma a questa colpa i genitori adottivi sommano la colpa del fallimento del progetto adottivo verso bambini già seriamente provati dalla vita. Senso di colpa provato generalmente sia da chi chiede la separazione sia da chi la subisce. Entrambi i genitori, infatti, hanno paura che i propri figli vivano con la separazione coniugale un secondo abbandono o comunque un ennesimo trauma nella loro esistenza già dolorosa e faticosa. L esperienza di questi bambini è che si affidano e si fidano di adulti che poi li fanno soffrire: Oltre ai genitori biologici neanche noi siamo stati in grado di dare una famiglia a questi

4 bambini, "I nostri figli hanno già sofferto tanto e adesso li facciamo soffrire anche noi", "Questi bambini continuano a pagare le scelte che fanno gli adulti per loro". Il senso di colpa che i genitori adottivi provano spesso è accentuato anche da ciò che i parenti, i vicini di casa, le maestre dicono, giudicandoli: "Era meglio se li lasciavano al loro paese questi poveri bambini", "Cosa li hanno adottati a fare che non sono stati capaci di tenere unita la famiglia, Adesso che ha fatto un figlio suo con la nuova compagna, di quello adottato non si ricorderà più, Ora che si sono lasciati, si pentirà di avere adottato. La sofferenza per riuscire a diventare genitore, l abitudine ai colloqui con gli psicologi e il senso di colpa legato all adozione sono gli aspetti che il mediatore deve tenere presente quando incontra i genitori adottivi. E importante sottolineare che l abitudine ai colloqui con gli operatori ha sia una valenza positiva sia una negativa. La prima si riscontra nel fatto che i genitori adottivi chiedono aiuto senza difficoltà. Ritengono possibile andare dallo psicologo o chiedere un sostegno specialistico se si ravvisa un problema. La seconda, invece, è presente nel rischio che uno dei due coniugi non voglia venire in mediazione, soprattutto se non ha ben chiaro di cosa si tratta, assimilandola all ennesimo colloquio invasivo e giudicante. Per alcuni genitori può esserci anche la paura di essere considerati inidonei e per questo motivo temere di perdere il proprio figlio 4. Formazione del mediatore rispetto ai figli Sapere chi è il bambino adottivo serve al mediatore per parlare con cognizione di causa proprio di quel bambino che i genitori presentificano nella stanza di mediazione. Ogni bambino soffre se la mamma e il papà non si amano più e non vivono più insieme a casa, come lui invece desidererebbe. Questo bambino dovrebbe poter affrontare il suo primo evento luttuoso, e poi magari anche superare la fatica e il dolore per la separazione, supportato da due genitori sufficientemente buoni anche se separati. Per un figlio adottato, invece, la separazione coniugale è un ennesima prova da sostenere, una sofferenza che si somma ad altre sofferenze, infertegli proprio dagli adulti di cui avrebbe dovuto fidarsi. Nuovamente. Il mediatore deve sapere che i figli adottati hanno alle spalle vissuti importanti che li hanno segnati. Sono bambini che spesso hanno problemi di autostima, bambini che provano rabbia, ansia, paura, bambini che tendono a colpevolizzarsi per quanto è loro accaduto e un figlio adottato può vedere addirittura nella sua stessa adozione la causa della separazione di mamma e papà. L abbandono è il minimo comune denominatore che questi bambini hanno vissuto: chi ti ha generato non ti ha tenuto con sé. All abbandono si aggiungono la vita in orfanotrofio, la trascuratezza, l affido, a volte l adozione fallita, addirittura la violenza e perfino l abuso. Il perché dell abbandono, la ricerca delle origini e la vita trascorsa nei primi anni del bambino così importanti per lo sviluppo, lasciano tracce indelebili. Per tutta la vita chi è stato adottato deve fare i conti con la propria storia. Deve lavorare tanto per cucire il prima e il dopo dell adozione aiutato dai genitori e se necessario anche dagli esperti, perché a volte l amore di mamma e papà non è 4 Per approfondire questi aspetti rimando alla relazione di Paola Re Genitorialità adottiva e separazione, Convegno Simef, Firenze, ottobre 2013.

5 sufficiente per medicare ferite troppo profonde. Questi figli hanno investito fiducia, amore, speranza nella loro nuova famiglia e si ritrovano ancora una volta a dover affrontare una separazione e un cambiamento. Punti di forza per la mediazione L abitudine a lavorare sulla propria capacità genitoriale dei genitori adottivi e la resilienza dei figli adottati sono gli aspetti che aiuteranno il mediatore nella conduzione e nella riuscita del percorso di mediazione. I genitori adottivi dovrebbero essere abituati a mettersi in discussione e a farsi carico della sofferenza dei figli. La preparazione fatta sia con i servizi territoriali e i tribunali, sia con gli enti preposti all adozione internazionale li ha sempre interrogati sulla loro genitorialità. Dovrebbero quindi essere capaci e predisposti a venirsi incontro nell interesse della tutela dei figli e questo dovrebbe facilitare il lavoro di mediazione. Inoltre incontrare un mediatore che sa cosa significa adottare e che conosce l adozione, li farà sentire compresi e accolti rispetto alla peculiarità dei loro figli. Figli che sono necessariamente campioni di resilienza: sono sopravvissuti all abbandono, all istituto, al cambiamento di abitudini, di riferimenti e nell adozione internazionale si sono adattati anche al cambiamento di paese, di lingua e di clima. Un bambino adottivo, inoltre, potrà essere ricco di risorse che i suoi coetanei cresciuti nella stabilità familiare non possiedono, come ad esempio un autonomia più sviluppata o una maggiore capacità di trovare soluzione a problemi concreti anche complessi. Il meditatore dovrà avere presente questi aspetti per comprendere e aiutare i genitori adottivi che incontra. La separazione dei propri genitori è senza dubbio un ulteriore prova da affrontare in una breve esistenza, ma i figli adottati possono farcela anche questa volta se, - come tutti i figli, biologici e non -, hanno dei genitori che, amandoli, continuano insieme a prendersi cura di loro.

6 Breve bibliografia sull adozione Chistolini Marco, La famiglia adottiva. Come accompagnarla e sostenerla. Franco Angeli, Il libro, destinato agli operatori del settore, contiene una prima parte teorica dove vengono illustrate le principali tematiche che riguardano l adozione e una seconda parte che descrive gli interventi che possono facilitare un migliore inserimento del bambino nella famiglia adottiva. Commissione per le adozioni internazionali, Il post-adozione fra progettazione e azione. Formazione nelle adozioni internazionali e globalità del percorso adottivo, Istituto degli Innocenti, Studi e ricerche n. 7, Firenze Completo ed esauriente, tratta i temi che riguardano il post adozione, le linee guida degli enti, le problematiche psicologiche del periodo post adottivo, le metodologie di intervento. Può essere scaricato gratuitamente dal sito dell Istituto degli Innocenti: Cosmo MP, L alchimia adottiva, La Meridiana, 2011 Un libro che racconta le esperienze di alcuni operatori del settore. Entrare in contatto con la diversità, con l altro da sé consente di godere della continua scoperta che c è qualcos altro da conoscere, da scoprire, che può meravigliarci e farci crescere o, al contrario, farci molta paura e, quindi, bloccarci Di Sauro Rosario, Marchegiani Francesca, L adozione, le radici dell appartenenza. Aracne Editore, Libro scritto per operatori, descrive lo sviluppo psicologico tradizionale e quello specifico del bambino adottivo dall infanzia all adolescenza, le aspettative del bambino adottato e i fattori protettivi dell adozione. Genni Miliotti A., Ci vuole un paese: adozione e ricerca delle origini. Testimonianze e strumenti per un viaggio possibile. Franco Angeli, Uno strumento per chi, operatori o genitori, accompagnano i ragazzi adottati in questo percorso di ricerca del proprio passato. Majocchi L., Ho adottato mamma e papà. Storie di adozione Internazionale, Centro Studi Erickson, Il libro vuole dimostrare, attraverso i racconti che non basta avere tanto amore da dare per dare risposta ai bisogni di un bambino adottivo, ma che i genitori devono fare un percorso di maturazione e di crescita per permettere lo sviluppo di un buon legame di attaccamento da parte del figlio nei loro confronti. Rizzo Grazia, L adozione di un bambino straniero. Una ricerca sulla socializzazione preventiva. Rubettino Editore, 2009 Il libro racconta l esperienza dell autrice e di altre coppie adottive, sul significato dell adozione, che è quello di accompagnare il figlio a continuare la sua storia personale, in un altra famiglia e in un altro contesto di vita. Sivieri M.T., Ho attraversato l oceano, Ed. CLEUP Un romanzo, che racconta la storia di Juan, ragazzo Colombiano adottato, che torna in Colombia per ritrovare le sue origini. Un viaggio interiore e concreto, dove il vissuto del ragazzo si intreccia alle descrizioni del paese e della sua cultura. Sogaro Linda, Controcorrente. Dall abbandono e un adozione felice: una sedicenne racconta, Armando Editore Romanzo molto coinvolgente, scritto da una studentessa di liceo che racconta la sua storia, descrivendo come da un abbandono, un adozione fallita e una riuscita, si possa ritrovare la serenità e la pienezza di una vita felice. Toselli Monica, Adottare un figlio, Giunti Demetra Editore Una guida per genitori che vogliono intraprendere questo percorso, dal momento della decisione a quando il bambino entra in famiglia. Vadilonga F. (a cura di), Curare l adozione. Modelli di presa in carico dei percorsi adottivi. Cortina Raffaello Un libro destinato principalmente agli operatori del settore. Gli autori presentano un modello d intervento delle famiglie adottive, già da loro ampiamente sperimentato, basato sulla teoria dell attaccamento. Sostengono che occorre aiutare il bambino a creare un solido legame di attaccamento e a modificare di conseguenza i suoi schemi mentali.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici tema n o 1 La problematica del maltrattamento dei minori ha assunto dimensioni drammatiche, oggetto spesso di interventi dei mezzi di informazione: si illustri il ruolo dell Assistente sociale in questo

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

Rovereto, 9 maggio 20011 I BISOGNI DEL BAMBINO ADOTTATO

Rovereto, 9 maggio 20011 I BISOGNI DEL BAMBINO ADOTTATO Rovereto, 9 maggio 20011 I BISOGNI DEL BAMBINO ADOTTATO Una premessa che mi pare importante fare è che ci troviamo di fronte a situazioni molto variegate, diverse una dall altra in quanto gli aspetti che

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE. Rimini 13 ottobre 2010

ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE. Rimini 13 ottobre 2010 Servizio Polifunzionale per l Adozione Internazionale ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE Rimini 13 ottobre 2010 Intervento dell Ente Autorizzato

Dettagli

Mamma e papà si sono lasciati: la separazione dei genitori vissuta dal bambino Claudia Nissi 9.04.2015

Mamma e papà si sono lasciati: la separazione dei genitori vissuta dal bambino Claudia Nissi 9.04.2015 Mamma e papà si sono lasciati: la separazione dei genitori vissuta dal bambino Claudia Nissi 9.04.2015 Quali difficoltà devono affrontare i figli dopo la separazione dei genitori? Genitori e figli hanno

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

Antonio e Roberta Bergaminelli. L adozione non è un gioco

Antonio e Roberta Bergaminelli. L adozione non è un gioco Antonio e Roberta Bergaminelli L adozione non è un gioco Antonio e Roberta Bergaminelli, L adozione non è un gioco Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino Pianezzola Giulia In questi ultimi anni le adozioni nazionali

Dettagli

La collaborazione del Mediatore Familiare con il CTU e con il terapeuta della coppia e del singolo. Isabella Buzzi www.mediazioneinfamiglia.

La collaborazione del Mediatore Familiare con il CTU e con il terapeuta della coppia e del singolo. Isabella Buzzi www.mediazioneinfamiglia. La collaborazione del Mediatore Familiare con il CTU e con il terapeuta della coppia e del singolo Isabella Buzzi www.mediazioneinfamiglia.it Particolarità del mediatore familiare rispetto alle questioni

Dettagli

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI I GIUGNO 2011 Ospedale Infantile Regina Margherita Dott.ssa Anna Maria Colella Direttore ARAI Regione Piemonte Cenni legislativi LA

Dettagli

Relatore: Dott. Gregorio Mazzonis, psicologo, psicoterapeuta e consulente Associazione CIAI.

Relatore: Dott. Gregorio Mazzonis, psicologo, psicoterapeuta e consulente Associazione CIAI. Relazione Incontro del 24 Febbraio 2009 I TRAUMI DELLA SEPARAZIONE Relatore: Dott. Gregorio Mazzonis, psicologo, psicoterapeuta e consulente Associazione CIAI. La prima considerazione da fare in merito

Dettagli

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE Legge 184/83 E la prima normativa specifica che disciplina l adozione e l affidamento dei minori. Legge 28 marzo 2001 n.149 Disciplina dell adozione

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

L ADOZIONE A SCUOLA. A cura di Dott.ssa Stefania Panero

L ADOZIONE A SCUOLA. A cura di Dott.ssa Stefania Panero L ADOZIONE A SCUOLA A cura di Dott.ssa Stefania Panero LA STORIA L adozione è un istituto estremamente antico. Una delle sue prime evidenze storiche si ritrova nel II millennio A.C. nel codice babilonese

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Capire per intervenire La spiegazione che ciascuno di noi si dà del comportamento altrui definisce gli

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE. Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo

L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE. Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo PERCORSI PROBLEMATICI DELL ADOZIONE INTERNAZIONALE AA.VV Istituto Degli Innocenti, 2003 Questo

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE SIMEF - FIRENZE 4/5 OTTOBRE 2013

CONVEGNO NAZIONALE SIMEF - FIRENZE 4/5 OTTOBRE 2013 Dott.ssa M. Laura Cosulich Psicoterapeuta Mediatrice Familiare Formatrice Associazione GeA Didatta SIMeF CONVEGNO NAZIONALE SIMEF - FIRENZE 4/5 OTTOBRE 2013 LA SEPARAZIONE NELLE FAMIGLIE ADOTTIVE STORIA

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Francesca Belforte con direttore dell Istituto Mille e una Meta, Livorno "INformazione Psicologia Psicoterapia

Dettagli

L affido, una delle risposte possibili

L affido, una delle risposte possibili Associazione Centro Studi Psicologia Sistemica Infanzia, Adolescenza, Adulti Centro Co.Me.Te. Arezzo - Cortona Consulenza, Mediazione, Terapia L affido, una delle risposte possibili Sportello B.E.S. Scuola

Dettagli

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione.

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. SOS scuola Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. Un aiuto per decidere quando inserirlo a scuola Il

Dettagli

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate N. 51/11 DEL 24.9.2008 Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate 1. Premessa Attualmente in

Dettagli

In fase di sottoscrizione

In fase di sottoscrizione Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l'emilia Romagna Ufficio XI Ambito Territoriale di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Assessorato al welfare

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante.

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante. chi siamo prefazione L età adulta è lo specchio della nostra infanzia. Infanzia che può diventare un aiuto o un ostacolo, nella vita futura. Quali possono essere le basi per il nostro sviluppo futuro,

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli

Separati ma ancora famiglia: la genitorialità continua. Dott.ssa Valentina Montuschi Dott.ssa Cristina Pucci Psicologhe Psicoterapeute familiari

Separati ma ancora famiglia: la genitorialità continua. Dott.ssa Valentina Montuschi Dott.ssa Cristina Pucci Psicologhe Psicoterapeute familiari Separati ma ancora famiglia: la genitorialità continua Dott.ssa Valentina Montuschi Dott.ssa Cristina Pucci Psicologhe Psicoterapeute familiari Ti sposerò perché Il matrimonio si fonda su un contratto

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

DALLA FAMIGLIA CHE MALTRATTA ALLA FAMIGLIA CHE RIPARA. M. T. PEDROCCO BIANCARDI Ravenna, 17.5.2011

DALLA FAMIGLIA CHE MALTRATTA ALLA FAMIGLIA CHE RIPARA. M. T. PEDROCCO BIANCARDI Ravenna, 17.5.2011 DALLA FAMIGLIA CHE MALTRATTA ALLA FAMIGLIA CHE RIPARA M. T. PEDROCCO BIANCARDI Ravenna, 17.5.2011 LA FAMIGLIA VA MALE QUANDO La coppia è impegnata in conflitti reciproci C è un solo genitore I genitori

Dettagli

Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico

Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico di Maria Anna Formisano 1 Introduzione Il termine insuccesso scolastico generalmente interpreta il mancato risultato positivo dell istruzione e,

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie?

1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie? 1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie? Il tema del controllo è trasversale a tutti gli operatori (assistenti

Dettagli

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona SEDI E ORARI FELTRE - SEDE CENTRALE Via Marconi, 7 Nel Consultorio Familiare sono presenti le seguenti figure professionali: Amministrativo Tel. 0439 883170 Fax 0439 883172 Indirizzo e-mail: consultorio.familiare@ulssfeltre.veneto.i

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO FINALITA Proposta di un protocollo di buone prassi per l accoglienza di minori adottati: - promuovere una rete di supporto, comunicazione,

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Bastianoni P., Panizza P. (2013). Un sguardo al cielo. Elaborare il lutto. Carocci Editore, Roma.

Bastianoni P., Panizza P. (2013). Un sguardo al cielo. Elaborare il lutto. Carocci Editore, Roma. Aggiornamento 21.03.15 Andolfi M. D Elia A. (2007). Le perdite e le risorse della famiglia. Raffaello Cortina Editore, Milano. Il volume si rivolge principalmente ai professionisti che lavorano con le

Dettagli

I viaggi e le storie. La preparazione della coppia al Paese di origine del bambino

I viaggi e le storie. La preparazione della coppia al Paese di origine del bambino CONTRIBUTI DEGLI ENTI AUTORIZZATI NEI SEMINARI DI APPROFONDIMENTO (LA PREPARAZIONE DELLA COPPIA AL PAESE DI ORIGINE DEL BAMBINO) I viaggi e le storie. La preparazione della coppia al Paese di origine del

Dettagli

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011 L accompagnamento della famiglia affidataria Difficoltà delle FA Con il minore accolto Con i Servizi All interno della propria famiglia - difficoltà individuali - difficoltà di coppia - difficoltà con

Dettagli

DIPENDENZA AFFETTIVA AL FEMMINILE

DIPENDENZA AFFETTIVA AL FEMMINILE DIPENDENZA AFFETTIVA AL FEMMINILE Milano, 19 giugno 2014 Dott.sa Monica Loiodice AMORE SANO/MALATO DIPENDENZA DALLA MADRE DIPENDENZA AFFETTIVA CARATTERISTICHE E COMPORTAMENTI DIPENDENZA AFFETTIVA DIPENDENZA

Dettagli

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

LA MEDIAZIONE FAMILIARE LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nel corso dell ultimo decennio, in Italia, si è organizzato un movimento di opinione con lo scopo di promuovere con un approccio conciliativo e sull esempio di esperienze internazionali

Dettagli

Relazione Incontro del 28 Ottobre 2014. CASA DOLCE CASA Gli ingredienti per STARE BENE IN FAMIGLIA

Relazione Incontro del 28 Ottobre 2014. CASA DOLCE CASA Gli ingredienti per STARE BENE IN FAMIGLIA Relazione Incontro del 28 Ottobre 2014 CASA DOLCE CASA Gli ingredienti per STARE BENE IN FAMIGLIA Relatrici: Dott.ssa Barbara Meroni (Psicologa e psicoterapeuta gestaltica) L argomento della serata è dedicato

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Dal 1/1/2013 al 31/12/2013. Tra i quali tre ragazzi sono entrati una seconda volta. Presenza media giornaliera. 28 detenuti

Dal 1/1/2013 al 31/12/2013. Tra i quali tre ragazzi sono entrati una seconda volta. Presenza media giornaliera. 28 detenuti Dal 1/1/2013 al 31/12/2013 139 Tra i quali tre ragazzi sono entrati una seconda volta Presenza media giornaliera 28 detenuti 10,56% 6,34% 5,63% 9,16% 11,27% 14 anni 15 anni 16 anni 17 anni 18 anni 19 anni

Dettagli

I TEMPI DELL ADOZIONE

I TEMPI DELL ADOZIONE 58 CAPITOLO 4 I TEMPI DELL ADOZIONE 4.1 IL PERCORSO DEL BAMBINO: DALL ABBANDONO ALL ADOZIONE UNA DELLE NOVITÀ SALIENTI del rapporto 2008 è rappresentata dal monitoraggio sui dati che permettono di tracciare

Dettagli

STRATEGIE DI INTERVENTO NEL POST-ADOZIONE REALIZZAZIONE DI UN GRUPPO DI SOSTEGNO PER GENITORI ADOTTIVI

STRATEGIE DI INTERVENTO NEL POST-ADOZIONE REALIZZAZIONE DI UN GRUPPO DI SOSTEGNO PER GENITORI ADOTTIVI 1 Project Work STRATEGIE DI INTERVENTO NEL POST-ADOZIONE REALIZZAZIONE DI UN GRUPPO DI SOSTEGNO PER GENITORI ADOTTIVI Autore Rosalia Mazzi Servizio: Gestione Associata Servizi Sociali e Sociosanitari Distretto

Dettagli

L INSERIMENTO DEL BAMBINO ADOTTATO A SCUOLA Relatrice: Dr.ssa Lambri Catia

L INSERIMENTO DEL BAMBINO ADOTTATO A SCUOLA Relatrice: Dr.ssa Lambri Catia L INSERIMENTO DEL BAMBINO ADOTTATO A SCUOLA Relatrice: Dr.ssa Lambri Catia La scuola è importantissima nella crescita psicologica e cognitiva di un bambino, infatti già a partire dalla scuola materna,

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO Il servizio di mediazione e sostegno SMS, nei suoi diversi ambiti di applicazione ha come caratteristica la restituzione di responsabilità e di autodeterminazione alle parti del sistema famiglia che si

Dettagli

Come aiutare a scuola i bambini e ragazzi adottati

Come aiutare a scuola i bambini e ragazzi adottati S1 Come aiutare a scuola i bambini e ragazzi adottati Silvia Andrich Baselga di Pinè 2 aprile 2011 Diapositiva 1 S1 Silvia; 27/03/2011 L importanza della scuola La scuola è fondamentale per la crescita

Dettagli

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo 1. Informazione preliminare all eventuale conferimento incarico. Il primo approccio al GVS avviene di solito per telefono: la coppia è invitata

Dettagli

La centralità dei bambini. Dai bisogni della coppia ai bisogni dei bambini

La centralità dei bambini. Dai bisogni della coppia ai bisogni dei bambini + La centralità dei bambini Dai bisogni della coppia ai bisogni dei bambini + L esperienza dell abbandono Dove e come vengono abbandonati i bambini? + I bambini Vengono abbandonati piccolissimi dentro

Dettagli

IL POST ADOZIONE (Ilia Galimberti)

IL POST ADOZIONE (Ilia Galimberti) IL POST ADOZIONE (Ilia Galimberti) IL POST ADOZIONE - PREMESSA Negli ultimi anni gli interventi diretti alle famiglie adottive si sono molto ampliati, per una raggiunta consapevolezza che l esperienza

Dettagli

IL PERCORSO ADOTTIVO DAL DESIDERIO AI BANCHI DI SCUOLA. Centro Adozioni ASL Lodi Dott.ssa Laura Cuzzani Lodi 19 Novembre 2015

IL PERCORSO ADOTTIVO DAL DESIDERIO AI BANCHI DI SCUOLA. Centro Adozioni ASL Lodi Dott.ssa Laura Cuzzani Lodi 19 Novembre 2015 IL PERCORSO ADOTTIVO DAL DESIDERIO AI BANCHI DI SCUOLA La storia: L.184/1983 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori L.476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

IL PERCORSO DELL ADOZIONE

IL PERCORSO DELL ADOZIONE Dipartimento Tutela Materno Infantile e della Genitorialità U.O.C. Procreazione Cosciente ------ Municipi ex V VII VIII - X IL PERCORSO DELL ADOZIONE note di informazione ed orientamento per le coppie

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO A seguito dell assemblea dei nuovi iscritti, i genitori sono invitati ad un colloquio con l educatrice di riferimento. Questa si pone come tramite tra il servizio e la famiglia,

Dettagli

Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità

Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità Marco Chistolini

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi 1 Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi INTRODUZIONE L Associazione Family Time nasce con l obiettivo di offrire un contributo alla tutela dei minori e delle loro famiglie.

Dettagli

Genitori e figli adolescenti tra regole, sanzioni e comprensione Dr. Fabrizio Guaita Direttore SEPS ULSS 13

Genitori e figli adolescenti tra regole, sanzioni e comprensione Dr. Fabrizio Guaita Direttore SEPS ULSS 13 Genitori e figli adolescenti tra regole, sanzioni e comprensione Dr. Fabrizio Guaita Direttore SEPS ULSS 13 Progetto Family Network Comune di Spinea 05 febbraio 2015 Tre mondi paralleli : OLTRE I 50 ANNI:

Dettagli

LE FAMIGLIE AFFIDATARIE

LE FAMIGLIE AFFIDATARIE Torino 20.03.2014 LE FAMIGLIE AFFIDATARIE CATERINA MONTALI psicologa psicoterapeuta dirigente I livello Referente Area Affidi e Adozioni, Referente Progetto Neonati S.C. Neuropsichiatria Infantile ASLTO2

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

LA NARRAZIONE EMOTIVA. AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi

LA NARRAZIONE EMOTIVA. AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi LA NARRAZIONE EMOTIVA AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi NARRAZIONE EMOTIVA E RACCONTO DELLA STORIA ADOTTIVA Narrazione emotiva (Vadilonga e coll., 2010) come approccio al racconto delle

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE...

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE... Come crescere tuo figlio secondo natura Hai difficoltà nel crescere tuo figlio? Ecco una notizia per te. Ci sono genitori che comprendono i bisogni del proprio figlio e con il quale costruiscono nel tempo

Dettagli

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino Premessa AiBi - Amici dei Bambini è un Organizzazione Umanitaria Internazionale costituita il 21 gennaio 1986, i cui principi ispiratori nascono

Dettagli

L'AUTOSTIMA SI IMPARA COME SI IMPARA A CAMMINARE ED A SCRIVERE

L'AUTOSTIMA SI IMPARA COME SI IMPARA A CAMMINARE ED A SCRIVERE Relazione Incontro del 22 Febbraio 2011 Gli stili di attaccamento e l autostima nel bambino adottato Indicazioni e suggerimenti per contribuire allo sviluppo affettivo dei nostri figli Relatore: dott.

Dettagli

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Genova e gli affidi familiari Come città aderente alla sperimentazione

Dettagli

Programma: 130 ore ( 9,00-17,00) Modulo1: 25 ottobre 26 ottobre

Programma: 130 ore ( 9,00-17,00) Modulo1: 25 ottobre 26 ottobre Master in Psicologia Giuridica Programma: 130 ore ( 9,00-17,00) Modulo1: 25 ottobre 26 ottobre Introduzione Generale alla Psicologia Giuridica Lo psicologo giuridico in ambito civile Lo psicologo giuridico

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI Il progetto si propone l obiettivo di avvicinare con maggiore consapevolezza il mondo della scuola

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008 Oggetto: Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e Istituzione di equipe

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLE BAD NEWS AI BAMBINI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA. Aosta, 28 gennaio 2015

LA COMUNICAZIONE DELLE BAD NEWS AI BAMBINI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA. Aosta, 28 gennaio 2015 LA COMUNICAZIONE DELLE BAD NEWS AI BAMBINI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA Aosta, 28 gennaio 2015 Dott.ssa Elvira Venturella Dott.ssa Meri Madeo NUCLEO PSICOLOGICO EMERGENZA Il NPE, servizio di Guardia Attiva

Dettagli

Intervento dott.ssa Luz Carmenza Gomez Lopez Referente Nova in Colombia dal 2010 Bologna, 9 settembre 2011. Gentilissimi Assistenti al Convegno.

Intervento dott.ssa Luz Carmenza Gomez Lopez Referente Nova in Colombia dal 2010 Bologna, 9 settembre 2011. Gentilissimi Assistenti al Convegno. Intervento dott.ssa Luz Carmenza Gomez Lopez Referente Nova in Colombia dal 2010 Bologna, 9 settembre 2011 Gentilissimi Assistenti al Convegno. Vi presento un cordiale e sentito saluto a nome proprio e

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli