Chi sono i genitori adottivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chi sono i genitori adottivi"

Transcript

1 La separazione nelle famiglie adottive e la mediazione familiare di Ivana Lazzarini, mediatrice familiare GeA, vicepresidente dell Associazione Italiaadozioni, redattrice del sito Una coppia di genitori adottivi alle prese con la propria separazione, porta nella stanza di mediazione una specificità, che il mediatore deve conoscere per poter lavorare al meglio proprio con questa famiglia. La coppia genitoriale si aspetta di trovare un aiuto competente rispetto alla propria situazione. Il modo, infatti, in cui questa famiglia si è originata e le caratteristiche della genitorialità adottiva sono peculiari di questo percorso. Parimenti i figli, che questi genitori presentificano, hanno una storia importante da tenere in considerazione quando si parla di loro. Il mediatore, quindi, deve sapere che cosa significa adottare e chi sono i bambini che vanno in adozione. Chi sono i genitori adottivi Il cammino che due coniugi fanno quando decidono di diventare famiglia è più o meno il medesimo per tutte le coppie, sino a quando in una coppia ci si accorge che i figli non arrivano; a quel punto le strade iniziano a differenziarsi. Per i coniugi sterili inizia il calvario della sofferenza, dei sensi di colpa, si va in crisi, si ricorre alle tecniche di fecondazione assistita, si pensa all adozione e nel frattempo passano mesi, anni. Questo periodo, a volte, mette a dura prova la coppia. C è chi tenta innumerevoli volte di avere il figlio desiderato con l aiuto della scienza e ce la fa e c è chi non ce la fa neppure così, c è chi il figlio riesce a farlo naturalmente quando non lo sperava più, c è chi adotta subito e c è chi adotta perché la scienza non è servita, c è chi desiste dal diventare genitore. Nell adozione questo periodo di lutto serve, se elaborato, a incontrare empaticamente il lutto dell abbandono biologico e della storia che il proprio figlio adottivo porta con sé. La sofferenza della coppia guarita nel diventare genitore, guarisce la sofferenza di quel bambino che diventa figlio. Per far questo le coppie vengono formate dai servizi territoriali e dai tribunali. L iter adottivo prevede che la coppia, cha ha dato la propria disponibilità all adozione in tribunale, venga accompagnata dai servizi sociali di residenza a riflettere sulla propria storia e venga preparata all adozione. Tramite più colloqui con gli assistenti sociali, gli psicologi e i giudici viene verificata la capacità genitoriale adottiva della coppia e per quanto riguarda l adozione internazionale, al termine dell iter, viene rilasciato dal Tribunale dei Minori un decreto d idoneità all adozione. Le coppie idonee per poter adottare all estero, devono scegliere un ente italiano intermediario a cui conferire il mandato, a cui, cioè, affidare l incarico di trovare il proprio figlio nel mondo. L ente fa compiere nuovamente ai futuri genitori un iter di incontri con i propri operatori, per poter effettuare il miglior abbinamento tra la coppia e un minore adottabile dei Paesi nei quali opera. Sia che la famiglia si sia originata con l adozione nazionale che con l adozione internazionale, è previsto per legge un anno di affidamento preadottivo 1. I servizi territoriali monitorano con incontri e colloqui 1 Ho volutamente cercato di descrivere un iter il più possibile semplificato che possa essere comune all adozione nazionale e a quella internazionale. Ho tralasciato quindi le differenze che ci sono e le procedure che riguardano le adozioni ad alto rischio giuridico. Per chi volesse approfondire le tematiche adottive rimando al sito

2 l andamento e la riuscita dell adozione, per redigere una relazione finale che viene inviata al Tribunale. Se il risultato è positivo, viene definitivamente conclusa l adozione e il minore diventa per sempre figlio di quei genitori prendendone il cognome. Nell adozione internazionale oltre ai servizi, anche gli operatori dell ente seguono la nuova famiglia, che deve sostenere quindi doppi colloqui. Molti Paesi da cui provengono i figli adottivi richiedono le relazioni sull inserimento e la crescita del bambino. I genitori sono tenuti, aiutati dagli operatori dell ente, a mandare regolarmente nel tempo notizie, aggiornamenti, fotografie sulla propria adozione (alcuni Paesi richiedono una relazione annuale addirittura sino alla maggiore età del bambino). Aver chiaro come si genera una famiglia adottiva, ci permette di concludere che i genitori adottivi sono genitori abituati ai colloqui con i diversi operatori, sono genitori che hanno dovuto lavorare su di sé e sulla propria capacità genitoriale e infine sono genitori che hanno dovuto imparare a confrontarsi e a fare propria la storia dolorosa dei loro figli. Aspetti questi che il mediatore familiare deve avere ben presenti quando inizia la mediazione. Chi è il bambino adottivo 2 Attualmente in Italia la maggior parte dei bambini adottati proviene dall estero. Per i bambini che nascono in Italia, infatti, l adozione rappresenta ormai un rimedio estremo a cui fare ricorso solo in caso di abbandono alla nascita o quando la famiglia d origine non possa offrire neppure un minimo di cura e di affetto. La permanenza nel nucleo d origine, che può essere sostenuta con incentivi economici e con forme di assistenza sociale, resta la soluzione preferita nel nostro ordinamento giuridico. Le adozioni di bambini provenienti dall estero sono invece in costante aumento. Attualmente entrano in Italia per adozione internazionale circa minori all anno provenienti da oltre 70 paesi, anche se la maggior parte arriva da cinque stati: Federazione Russa, Ucraina, Colombia, Etiopia e Brasile. Si tratta di bambini che sempre più spesso giungono in Italia già grandicelli, dopo un periodo più o meno lungo di permanenza in istituto, sovente con significative carenze sul piano fisico e/o psicologico e conseguenti problematiche affettive e comportamentali. Negli anni recenti, infatti, il diffondersi anche nei Paesi di provenienza dei minori, di politiche volte a prevenire il fenomeno dell abbandono e a rendere residuale il ricorso all adozione internazionale, ha avuto come conseguenza la crescita delle adozioni internazionali considerate più complesse: bambini in età scolare, portatori di problematiche sanitarie e/o di handicap, gruppi di fratelli 3. Un bambino che sperimenta, alla nascita o successivamente, la separazione forzata dai genitori biologici vive un esperienza traumatica di cui porterà sempre la ferita. Se a essa si sono accompagnati maltrattamenti o abusi, ripetute rotture di legami e cambiamenti di ambienti di vita, la capacità di fidarsi rimarrà a lungo fragile e precaria, così come la possibilità di creare successivi solidi legami di affetto. La sofferenza sperimentata, per essere superata, avrà bisogno di genitori dotati di una particolare disponibilità, di una capacità empatica e di una forza d animo non comuni. L elaborazione emotiva dell esperienza dell abbandono e dell istituzionalizzazione è possibile, ma non è facile. L adozione è strumento d elezione per restituire fiducia nella coerenza e continuità della vita a chi ha sperimentato il trauma psicologico della perdita. Ma bisogna mettere in conto che prima o poi il tema dell abbandono riemergerà insieme al timore, spesso manifestato attraverso agiti, del ripetersi dell esperienza di essere rifiutati. I genitori dovranno essere in grado di interpretare correttamente e 2 di Livia Botta, psicologa e psicoterapeuta, 3 le cosiddette adozioni special needs

3 tollerare, a volte per lungo tempo, modalità di attaccamento disfunzionali, che potranno manifestarsi in comportamenti instabili o iperattivi o al contrario oblativi e compiacenti. Potrà anche rendersi necessario riconoscere e soddisfare bisogni affettivi e psicologici non sempre corrispondenti all età anagrafica dei bambini. Il bambino adottato è anche un bambino che, all ingresso nella nuova famiglia, vive certamente una nuova opportunità, ma anche un ulteriore esperienza di sradicamento, che può disorientarlo. Innanzitutto ha perso il precedente contesto di vita, carente ma conosciuto; si ritrova al centro di azioni di cura che probabilmente gli sono estranee, lontano dagli odori, dal cibo e dal clima della sua terra, dai suoi paesaggi, dal suono della sua lingua. A volte separato anche dal suo nome, perché molti genitori preferiscono usare un nome italiano. E anche queste sono perdite che devono essere faticosamente elaborate. Anche se ogni bambino è unico e irripetibile e ogni adozione è diversa dalle altre, bisogna comunque tener presente che i bambini adottati soprattutto se passati attraverso plurime esperienze di abbandoni e perdite sono sempre portatori di una sofferenza legata al venir meno della continuità dell esperienza di vita. Questo aspetto fondamentale deve essere ben chiaro al mediatore, perché il figlio della coppia in mediazione vivrà una nuova sofferenza e una nuova esperienza di rottura a causa della separazione dei suoi genitori. La mediazione con le coppie adottive Se dobbiamo confrontare come avviene la separazione di una famiglia biologica e la separazione di una famiglia adottiva non notiamo differenze: in entrambi i casi si litiga, si soffre, si va in tribunale, si cercano due case, etc. Non cambia neppure il modo in cui condurre la mediazione: i colloqui individuali, di coppia, le tecniche di mediazione, gli stessi problemi concreti portati dai genitori, etc. Esiste però una differenza importante rispetto a come vivono la separazione i soggetti coinvolti, genitori e figli. Quello che cambia nella famiglia adottiva è la storia che porta con sé: dei perfetti sconosciuti si sono incontrati, si sono riconosciuti genitori e figli, e giorno dopo giorno sono diventati una famiglia. Famiglia che dovrà trovare stabilità affettiva, dovrà diventare riparatrice delle sofferenze e dovrà dare solide radici a figli che si confronteranno con la loro origine faticosa. A differenza delle famiglie biologiche, questi vissuti potranno far provare ai genitori adottivi che si separano ulteriori sensi di colpa e ai loro figli potranno far sperimentare nuove rotture e cambiamenti. Formazione del mediatore rispetto ai genitori Il mediatore deve avere presente il vissuto dei genitori adottivi per accoglierli empaticamente rispetto alla peculiarità della loro realtà familiare. Tutti i genitori si sentono in colpa verso i loro figli per essere la causa della fine dell ideale della famiglia unita, ma a questa colpa i genitori adottivi sommano la colpa del fallimento del progetto adottivo verso bambini già seriamente provati dalla vita. Senso di colpa provato generalmente sia da chi chiede la separazione sia da chi la subisce. Entrambi i genitori, infatti, hanno paura che i propri figli vivano con la separazione coniugale un secondo abbandono o comunque un ennesimo trauma nella loro esistenza già dolorosa e faticosa. L esperienza di questi bambini è che si affidano e si fidano di adulti che poi li fanno soffrire: Oltre ai genitori biologici neanche noi siamo stati in grado di dare una famiglia a questi

4 bambini, "I nostri figli hanno già sofferto tanto e adesso li facciamo soffrire anche noi", "Questi bambini continuano a pagare le scelte che fanno gli adulti per loro". Il senso di colpa che i genitori adottivi provano spesso è accentuato anche da ciò che i parenti, i vicini di casa, le maestre dicono, giudicandoli: "Era meglio se li lasciavano al loro paese questi poveri bambini", "Cosa li hanno adottati a fare che non sono stati capaci di tenere unita la famiglia, Adesso che ha fatto un figlio suo con la nuova compagna, di quello adottato non si ricorderà più, Ora che si sono lasciati, si pentirà di avere adottato. La sofferenza per riuscire a diventare genitore, l abitudine ai colloqui con gli psicologi e il senso di colpa legato all adozione sono gli aspetti che il mediatore deve tenere presente quando incontra i genitori adottivi. E importante sottolineare che l abitudine ai colloqui con gli operatori ha sia una valenza positiva sia una negativa. La prima si riscontra nel fatto che i genitori adottivi chiedono aiuto senza difficoltà. Ritengono possibile andare dallo psicologo o chiedere un sostegno specialistico se si ravvisa un problema. La seconda, invece, è presente nel rischio che uno dei due coniugi non voglia venire in mediazione, soprattutto se non ha ben chiaro di cosa si tratta, assimilandola all ennesimo colloquio invasivo e giudicante. Per alcuni genitori può esserci anche la paura di essere considerati inidonei e per questo motivo temere di perdere il proprio figlio 4. Formazione del mediatore rispetto ai figli Sapere chi è il bambino adottivo serve al mediatore per parlare con cognizione di causa proprio di quel bambino che i genitori presentificano nella stanza di mediazione. Ogni bambino soffre se la mamma e il papà non si amano più e non vivono più insieme a casa, come lui invece desidererebbe. Questo bambino dovrebbe poter affrontare il suo primo evento luttuoso, e poi magari anche superare la fatica e il dolore per la separazione, supportato da due genitori sufficientemente buoni anche se separati. Per un figlio adottato, invece, la separazione coniugale è un ennesima prova da sostenere, una sofferenza che si somma ad altre sofferenze, infertegli proprio dagli adulti di cui avrebbe dovuto fidarsi. Nuovamente. Il mediatore deve sapere che i figli adottati hanno alle spalle vissuti importanti che li hanno segnati. Sono bambini che spesso hanno problemi di autostima, bambini che provano rabbia, ansia, paura, bambini che tendono a colpevolizzarsi per quanto è loro accaduto e un figlio adottato può vedere addirittura nella sua stessa adozione la causa della separazione di mamma e papà. L abbandono è il minimo comune denominatore che questi bambini hanno vissuto: chi ti ha generato non ti ha tenuto con sé. All abbandono si aggiungono la vita in orfanotrofio, la trascuratezza, l affido, a volte l adozione fallita, addirittura la violenza e perfino l abuso. Il perché dell abbandono, la ricerca delle origini e la vita trascorsa nei primi anni del bambino così importanti per lo sviluppo, lasciano tracce indelebili. Per tutta la vita chi è stato adottato deve fare i conti con la propria storia. Deve lavorare tanto per cucire il prima e il dopo dell adozione aiutato dai genitori e se necessario anche dagli esperti, perché a volte l amore di mamma e papà non è 4 Per approfondire questi aspetti rimando alla relazione di Paola Re Genitorialità adottiva e separazione, Convegno Simef, Firenze, ottobre 2013.

5 sufficiente per medicare ferite troppo profonde. Questi figli hanno investito fiducia, amore, speranza nella loro nuova famiglia e si ritrovano ancora una volta a dover affrontare una separazione e un cambiamento. Punti di forza per la mediazione L abitudine a lavorare sulla propria capacità genitoriale dei genitori adottivi e la resilienza dei figli adottati sono gli aspetti che aiuteranno il mediatore nella conduzione e nella riuscita del percorso di mediazione. I genitori adottivi dovrebbero essere abituati a mettersi in discussione e a farsi carico della sofferenza dei figli. La preparazione fatta sia con i servizi territoriali e i tribunali, sia con gli enti preposti all adozione internazionale li ha sempre interrogati sulla loro genitorialità. Dovrebbero quindi essere capaci e predisposti a venirsi incontro nell interesse della tutela dei figli e questo dovrebbe facilitare il lavoro di mediazione. Inoltre incontrare un mediatore che sa cosa significa adottare e che conosce l adozione, li farà sentire compresi e accolti rispetto alla peculiarità dei loro figli. Figli che sono necessariamente campioni di resilienza: sono sopravvissuti all abbandono, all istituto, al cambiamento di abitudini, di riferimenti e nell adozione internazionale si sono adattati anche al cambiamento di paese, di lingua e di clima. Un bambino adottivo, inoltre, potrà essere ricco di risorse che i suoi coetanei cresciuti nella stabilità familiare non possiedono, come ad esempio un autonomia più sviluppata o una maggiore capacità di trovare soluzione a problemi concreti anche complessi. Il meditatore dovrà avere presente questi aspetti per comprendere e aiutare i genitori adottivi che incontra. La separazione dei propri genitori è senza dubbio un ulteriore prova da affrontare in una breve esistenza, ma i figli adottati possono farcela anche questa volta se, - come tutti i figli, biologici e non -, hanno dei genitori che, amandoli, continuano insieme a prendersi cura di loro.

6 Breve bibliografia sull adozione Chistolini Marco, La famiglia adottiva. Come accompagnarla e sostenerla. Franco Angeli, Il libro, destinato agli operatori del settore, contiene una prima parte teorica dove vengono illustrate le principali tematiche che riguardano l adozione e una seconda parte che descrive gli interventi che possono facilitare un migliore inserimento del bambino nella famiglia adottiva. Commissione per le adozioni internazionali, Il post-adozione fra progettazione e azione. Formazione nelle adozioni internazionali e globalità del percorso adottivo, Istituto degli Innocenti, Studi e ricerche n. 7, Firenze Completo ed esauriente, tratta i temi che riguardano il post adozione, le linee guida degli enti, le problematiche psicologiche del periodo post adottivo, le metodologie di intervento. Può essere scaricato gratuitamente dal sito dell Istituto degli Innocenti: Cosmo MP, L alchimia adottiva, La Meridiana, 2011 Un libro che racconta le esperienze di alcuni operatori del settore. Entrare in contatto con la diversità, con l altro da sé consente di godere della continua scoperta che c è qualcos altro da conoscere, da scoprire, che può meravigliarci e farci crescere o, al contrario, farci molta paura e, quindi, bloccarci Di Sauro Rosario, Marchegiani Francesca, L adozione, le radici dell appartenenza. Aracne Editore, Libro scritto per operatori, descrive lo sviluppo psicologico tradizionale e quello specifico del bambino adottivo dall infanzia all adolescenza, le aspettative del bambino adottato e i fattori protettivi dell adozione. Genni Miliotti A., Ci vuole un paese: adozione e ricerca delle origini. Testimonianze e strumenti per un viaggio possibile. Franco Angeli, Uno strumento per chi, operatori o genitori, accompagnano i ragazzi adottati in questo percorso di ricerca del proprio passato. Majocchi L., Ho adottato mamma e papà. Storie di adozione Internazionale, Centro Studi Erickson, Il libro vuole dimostrare, attraverso i racconti che non basta avere tanto amore da dare per dare risposta ai bisogni di un bambino adottivo, ma che i genitori devono fare un percorso di maturazione e di crescita per permettere lo sviluppo di un buon legame di attaccamento da parte del figlio nei loro confronti. Rizzo Grazia, L adozione di un bambino straniero. Una ricerca sulla socializzazione preventiva. Rubettino Editore, 2009 Il libro racconta l esperienza dell autrice e di altre coppie adottive, sul significato dell adozione, che è quello di accompagnare il figlio a continuare la sua storia personale, in un altra famiglia e in un altro contesto di vita. Sivieri M.T., Ho attraversato l oceano, Ed. CLEUP Un romanzo, che racconta la storia di Juan, ragazzo Colombiano adottato, che torna in Colombia per ritrovare le sue origini. Un viaggio interiore e concreto, dove il vissuto del ragazzo si intreccia alle descrizioni del paese e della sua cultura. Sogaro Linda, Controcorrente. Dall abbandono e un adozione felice: una sedicenne racconta, Armando Editore Romanzo molto coinvolgente, scritto da una studentessa di liceo che racconta la sua storia, descrivendo come da un abbandono, un adozione fallita e una riuscita, si possa ritrovare la serenità e la pienezza di una vita felice. Toselli Monica, Adottare un figlio, Giunti Demetra Editore Una guida per genitori che vogliono intraprendere questo percorso, dal momento della decisione a quando il bambino entra in famiglia. Vadilonga F. (a cura di), Curare l adozione. Modelli di presa in carico dei percorsi adottivi. Cortina Raffaello Un libro destinato principalmente agli operatori del settore. Gli autori presentano un modello d intervento delle famiglie adottive, già da loro ampiamente sperimentato, basato sulla teoria dell attaccamento. Sostengono che occorre aiutare il bambino a creare un solido legame di attaccamento e a modificare di conseguenza i suoi schemi mentali.

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

La collaborazione del Mediatore Familiare con il CTU e con il terapeuta della coppia e del singolo. Isabella Buzzi www.mediazioneinfamiglia.

La collaborazione del Mediatore Familiare con il CTU e con il terapeuta della coppia e del singolo. Isabella Buzzi www.mediazioneinfamiglia. La collaborazione del Mediatore Familiare con il CTU e con il terapeuta della coppia e del singolo Isabella Buzzi www.mediazioneinfamiglia.it Particolarità del mediatore familiare rispetto alle questioni

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione.

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. SOS scuola Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. Un aiuto per decidere quando inserirlo a scuola Il

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI Il progetto si propone l obiettivo di avvicinare con maggiore consapevolezza il mondo della scuola

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Bambini in comunità e bambini in affido

Bambini in comunità e bambini in affido Bambini in comunità e bambini in affido I bambini, allontanati dal loro nucleo familiare, che si trovano presso le comunità o presso le famiglie affidatarie hanno tante cose in comune e tante differenze

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

Che cosa è l Affidamento?

Che cosa è l Affidamento? Che cosa è l Affidamento? L affidamento,, diversamente dall adozione adozione, è l accoglienza temporanea nella propria casa di un bambino o di un ragazzo. A Torino esiste sin dal 1976,, a livello nazionale

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE Legge 184/83 E la prima normativa specifica che disciplina l adozione e l affidamento dei minori. Legge 28 marzo 2001 n.149 Disciplina dell adozione

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante.

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante. chi siamo prefazione L età adulta è lo specchio della nostra infanzia. Infanzia che può diventare un aiuto o un ostacolo, nella vita futura. Quali possono essere le basi per il nostro sviluppo futuro,

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Genova e gli affidi familiari Come città aderente alla sperimentazione

Dettagli

Separati ma ancora famiglia: la genitorialità continua. Dott.ssa Valentina Montuschi Dott.ssa Cristina Pucci Psicologhe Psicoterapeute familiari

Separati ma ancora famiglia: la genitorialità continua. Dott.ssa Valentina Montuschi Dott.ssa Cristina Pucci Psicologhe Psicoterapeute familiari Separati ma ancora famiglia: la genitorialità continua Dott.ssa Valentina Montuschi Dott.ssa Cristina Pucci Psicologhe Psicoterapeute familiari Ti sposerò perché Il matrimonio si fonda su un contratto

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro)

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Costanza Marzotto Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia, Università

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE. Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo

L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE. Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo L ADOZIONE. DA LEGGERE CAPIRE Pubblicazioni ed articoli online sull adozione, a misura di genitore adottivo PERCORSI PROBLEMATICI DELL ADOZIONE INTERNAZIONALE AA.VV Istituto Degli Innocenti, 2003 Questo

Dettagli

DALLA FAMIGLIA CHE MALTRATTA ALLA FAMIGLIA CHE RIPARA. M. T. PEDROCCO BIANCARDI Ravenna, 17.5.2011

DALLA FAMIGLIA CHE MALTRATTA ALLA FAMIGLIA CHE RIPARA. M. T. PEDROCCO BIANCARDI Ravenna, 17.5.2011 DALLA FAMIGLIA CHE MALTRATTA ALLA FAMIGLIA CHE RIPARA M. T. PEDROCCO BIANCARDI Ravenna, 17.5.2011 LA FAMIGLIA VA MALE QUANDO La coppia è impegnata in conflitti reciproci C è un solo genitore I genitori

Dettagli

TRA IL DIRE ED IL FARE

TRA IL DIRE ED IL FARE PROGETTO TRA IL DIRE ED IL FARE SOSTEGNO ALLE COMPETENZE GENITORIALI ADOTTIVE L intervento psico-sociale nel post adozione SOGGETTI ISTITUZIONALI Comune di Messina - Dipartimento sociale ASP5 Messina -

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA)

COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA) 30 OTTOBRE 2011 Gruppo Famiglie Adottive Roseto degli Abruzzi (TE) Affiliato LE RADICI E LE ALI COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA) CICLO VITALE DELLA COPPIA

Dettagli

LE FAMIGLIE AFFIDATARIE

LE FAMIGLIE AFFIDATARIE Torino 20.03.2014 LE FAMIGLIE AFFIDATARIE CATERINA MONTALI psicologa psicoterapeuta dirigente I livello Referente Area Affidi e Adozioni, Referente Progetto Neonati S.C. Neuropsichiatria Infantile ASLTO2

Dettagli

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona SEDI E ORARI FELTRE - SEDE CENTRALE Via Marconi, 7 Nel Consultorio Familiare sono presenti le seguenti figure professionali: Amministrativo Tel. 0439 883170 Fax 0439 883172 Indirizzo e-mail: consultorio.familiare@ulssfeltre.veneto.i

Dettagli

C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI

C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI C I T T A D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI SETTORE VIII SERVIZI SOCIALI, POLITICHE GIOVANILI E SPORT PROGETTO DOPOSCUOLA PINOCCHIO 1 PREMESSA Nell'ambito del programma degli interventi e servizi socio-assistenziali,

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011 L accompagnamento della famiglia affidataria Difficoltà delle FA Con il minore accolto Con i Servizi All interno della propria famiglia - difficoltà individuali - difficoltà di coppia - difficoltà con

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

La centralità dei bambini. Dai bisogni della coppia ai bisogni dei bambini

La centralità dei bambini. Dai bisogni della coppia ai bisogni dei bambini + La centralità dei bambini Dai bisogni della coppia ai bisogni dei bambini + L esperienza dell abbandono Dove e come vengono abbandonati i bambini? + I bambini Vengono abbandonati piccolissimi dentro

Dettagli

L affido, una delle risposte possibili

L affido, una delle risposte possibili Associazione Centro Studi Psicologia Sistemica Infanzia, Adolescenza, Adulti Centro Co.Me.Te. Arezzo - Cortona Consulenza, Mediazione, Terapia L affido, una delle risposte possibili Sportello B.E.S. Scuola

Dettagli

Relatore: Dott. Gregorio Mazzonis, psicologo, psicoterapeuta e consulente Associazione CIAI.

Relatore: Dott. Gregorio Mazzonis, psicologo, psicoterapeuta e consulente Associazione CIAI. Relazione Incontro del 24 Febbraio 2009 I TRAUMI DELLA SEPARAZIONE Relatore: Dott. Gregorio Mazzonis, psicologo, psicoterapeuta e consulente Associazione CIAI. La prima considerazione da fare in merito

Dettagli

Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità

Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità Marco Chistolini

Dettagli

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio Flash** Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio di Laurie Israel* Uno degli aspetti più interessanti e soddisfacenti del mio lavoro è assistere le persone

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI I I figli crescono Primo incontro 25.11.06 La scuola superiore: l adolescente l tra scuola e famiglia Secondo incontro17.02.07 La relazione tra genitori e figli adolescenti:

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande Dagli Appennini alle Ande Bollettino N 34 Settembre 2010 Leggiamo insieme!... Sulla vita fuori dall hogar L importanza dell impiego La prevalenza del cuore Sulla vita fuori dall hogar Nell ambito del progetto

Dettagli

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi.

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. PERCHÈ LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nella storia della coppia la separazione, anche se non prevista, qualche volta è inevitabile.

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

Per adottare. Informazioni per le famiglie

Per adottare. Informazioni per le famiglie Per adottare Informazioni per le famiglie L adozione tutela il diritto dei bambini in stato di abbandono di essere accolti all interno di nuclei familiari che rispondano adeguatamente ai loro bisogni fisiologici

Dettagli

STUDIARE, PERCHE? Trascrizione da parte degli studenti di Capri dell incontro con Marco Bersanelli, docente di astrofisica

STUDIARE, PERCHE? Trascrizione da parte degli studenti di Capri dell incontro con Marco Bersanelli, docente di astrofisica STUDIARE, PERCHE? Trascrizione da parte degli studenti di Capri dell incontro con Marco Bersanelli, docente di astrofisica 1) Com è possibile ridestare la voglia di studiare e cos ha risvegliato in te

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email. I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.it CTI Monza, 20 Novembre 2015 Prima parte: comprendere

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

Raccontami una fiaba REGIONE ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI E ISTRUZIONE

Raccontami una fiaba REGIONE ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI E ISTRUZIONE Raccontami una fiaba GIUNTA REGIONE MARCHE ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI E ISTRUZIONE Ancona, novembre 2003 Rcaccontami una fi aba Concorso nelle scuole della regione sulle narrazioni di qui e d altrove

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO FINALITA Proposta di un protocollo di buone prassi per l accoglienza di minori adottati: - promuovere una rete di supporto, comunicazione,

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

Anna Frank. C.T.P. Adulti

Anna Frank. C.T.P. Adulti Anna Frank Tito Maccio Plauto San Giorgio C.T.P. Adulti Scuola Secondaria di primo grado Via Anna Frank di Cesena Progetto Macramè MEDIATORI CULTURALI aa.ss. 2008/2009-2009/2010 2009/2011 Scuola Secondaria

Dettagli

Alunni:Mennella Angelica e Yan Xiujing classe 3 sez. A. A. Metodo per l intervista: video intervista con telecamera. video intervista con cellulare

Alunni:Mennella Angelica e Yan Xiujing classe 3 sez. A. A. Metodo per l intervista: video intervista con telecamera. video intervista con cellulare Alunni:Mennella Angelica e Yan Xiujing classe 3 sez. A A. Metodo per l intervista: video intervista con telecamera intervista con solo voce registrata video intervista con cellulare intervista con appunti

Dettagli

Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it

Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it 12 Istituto Comprensivo A.Moro 1 Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it GIANNA BERETTA MOLLA - Via N. Sauro, 1 - Sabbio

Dettagli

L'esperienza scolastica è fondamentale per la crescita di ogni bambino.

L'esperienza scolastica è fondamentale per la crescita di ogni bambino. L'esperienza scolastica è fondamentale per la crescita di ogni bambino. La scuola rappresenta un luogo ricco di potenzialità (nuove esperienze, competenze, autonomia, relazioni ecc.). Per i bambini adottati

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 L implementazione della chat in Telefono Azzurro è partita il 7 dicembre 2010, allineando l Italia ai diversi servizi di consulenza

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

PARLIAMO DI SESSUALITA CON I NOSTRI FIGLI

PARLIAMO DI SESSUALITA CON I NOSTRI FIGLI PARLIAMO DI SESSUALITA CON I NOSTRI FIGLI Educare i bambini all affettività e all amore di Rosangela Carù 1) Significato di sessualità - differenza tra genialità e sessualità - differenza tra informazione

Dettagli

ABUSO SESSUALE SU MINORI. A cura del MAL.AB di TRIESTE

ABUSO SESSUALE SU MINORI. A cura del MAL.AB di TRIESTE AUMENTO DELLA CAPACITÀ DI INDIVIDUAZIONE RELATIVO ALLA SITUAZIAZIONE DI ABUSO SESSUALE SU MINORI A cura del MAL.AB di TRIESTE Presentazione Chi siamo Cos è il Mal.Ab. Perché è stato pensato questo evento

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE. Rimini 13 ottobre 2010

ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE. Rimini 13 ottobre 2010 Servizio Polifunzionale per l Adozione Internazionale ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE Rimini 13 ottobre 2010 Intervento dell Ente Autorizzato

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI I BENEFICI DELLA COMUNICAZIONE IN FAMIGLIA Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata FORMATO FAMIGLIA

Dettagli