15) Trascrizione di atto formato all'estero che contenga lacune.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "15) Trascrizione di atto formato all'estero che contenga lacune."

Transcript

1 TRASCRIZIONE 1) Richiesta di trascrizione di un atto formato all'estero. La richiesta di trascrizione di un atto dello stato civile formato all'estero può essere presentata direttamente dall'interessato, come espressamente previsto dall'art. 12, comma 11, ord.st.civ., oltre che provenire dall'autorità diplomatica o consolare italiana. In ogni caso l'atto dovrà essere tradotto, legalizzato e, una volta pervenuto in Italia, debitamente trascritto. 2) Trascrizioni necessarie ad accertare uno status. La trascrizione di un atto può essere chiesta solo da chi vi abbia interesse; se lo status di una persona (ad esempio quello relativo alla sua cittadinanza, acquisito iure sanguinis) risulti aliunde (da estratti o certificazioni), non vi sarà la necessità di trascrivere gli atti di nascita dei nonni o dei bisnonni o degli àvoli. Se, però, non vi sia altro modo di dimostrare lo status di una persona, l interessato potrà chiedere la trascrizione in Italia degli atti relativi. 3) Documenti provenienti da una Curia vescovile. Non pare che si possano legittimare per la trascrizione i documenti provenienti da una Curia vescovile o, in genere, dall autorità ecclesiastica (salvo, ovviamente, l atto di matrimonio, secondo il Concordato). Tali documenti possono solo essere presi in considerazione e discrezionalmente valutati (delibati) in caso di distruzione o smarrimento dei registri dello stato civile, per la ricostituzione degli atti perduti (artt. 38 e 39 del vecchio regolamento). 4) Trascrizione dell'atto di nascita presso il Comune di residenza. La trascrizione dell atto di nascita anche presso il Comune di residenza dei genitori (o della madre, o del padre) del nato deve essere eseguita ai sensi dell art. 12, comma 8, ord.st.civ. Tale trascrizione si ispira al principio, applicato, più largamente che nel precedente, dal nuovo Ordinamento, che l evento (nascita, morte ecc.) deve essere registrato non soltanto presso il Comune nella cui circoscrizione esso é avvenuto, ma anche presso il Comune in cui l interessato risiede: ciò, soprattutto, per utilità di quest ultimo. L art. 12, comma 9, addirittura, dispone che in caso di cambiamento di residenza, gli atti conservati nel comune di provenienza devono essere comunicati dall ufficiale dello stato civile del comune di provenienza a quello del comune dove la persona stabilisce la propria residenza, per la trascrizione". 5) Trascrizione ordinata dall'autorità giudiziaria. Quando la trascrizione é ordinata dall autorità giudiziaria con suo provvedimento, l ufficiale dello stato civile é tenuto ad eseguirla, non essendogli consentito, per difetto assoluto di competenza, di sindacare la legittimità dell atto. Per quanto concerne il cognome dell adottato, provvede l art. 299 cod.civ., richiamato dall art. 55 della legge 4 maggio 1983, n.184. Nel caso prospettato, conformemente a quanto detto, l ufficiale dello stato civile dovrà provvedere alla trascrizione del provvedimento dell autorità giudiziaria italiana relativo all adozione avvenuta all estero, non essendogli consentito di valutare se questa contrasti con il precedente riconoscimento di paternità naturale. Per quanto concerne il cognome dell adottato, non essendovi stata al riguardo una pronuncia del tribunale, si dovrà interessare la competente procura della Repubblica per l inizio di una eventuale procedura di rettificazione. Si richiama l art. 41, comma 2, della legge 31 maggio 1995, n.218, per il quale restano ferme le disposizioni delle leggi speciali in materia di adozione dei minori. La competenza in materia di adozione di minori in casi particolari (artt. 44 sgg. della legge n.184 del 1983) spetta al tribunale per i minorenni. 6) Segni diacritici. Spiega il dizionario, a proposito del vocabolo "diacritico", che così si chiama "un segno grafico che modifica un altro segno". Nella lingua italiana, ad esempio, sono segni diacritici gli accenti e l'apostrofo; in quella francese la cediglia (ç), in quella spagnola l'accento circonflesso (~), ecc. L'art. 34, secondo comma, ord.st.civ., (che riproduce, in parte, l'art. 72, secondo comma, del previgente regolamento, inserito dall'art. 2 della legge 31 ottobre 1966, n.935) considera specificatamente i nomi stranieri imposti (attribuiti) a cittadini italiani: tali nomi devono essere espressi in lettere dell'alfabeto italiano, fra esse comprese le lettere J, K, X, Y, W, "e, dove possibile, anche con i segni diacritici propri dell'alfabeto della lingua di origine del nome". L'imposizione di nomi stranieri a cittadini italiani potrà aver luogo in occasione della nascita, o quando del nome si chiede il cambiamento o la sostituzione, o nel caso dell'adozione del cittadino italiano da parte di stranieri, o del matrimonio della cittadina italiana con straniero. In tutti questi casi non mi riesce di immaginare quando sussista una materiale impossibilità per l'ufficiale dello stato civile di apporre al nome da attribuire i segni diacritici propri dell'alfabeto di appartenenza: se l'apparecchiatura, meccanica od elettronica, con la quale l'atto viene formato, non contenga tali segni, l'ufficiale potrebbe e dovrebbe

2 vergarli a mano, sin tanto che non divengano operativi gli archivi informatici, ai sensi dell'art. 25 del regolamento del 1939, mantenuto temporaneamente in vigore dall'art. 109, secondo comma, del nuovo. Vi sono però dei segni diacritici, appartenenti soprattutto alle lingue slave e nordiche, per i quali sorgerebbero difficoltà pressoché insormontabili nella riproduzione su atti e documenti emessi da amministrazioni pubbliche diverse da quella demografica, in particolar modo da quella finanziaria. In tali ipotesi, al fine di raggiungere quell'allineamento, giustamente auspicato, l'ufficiale dello stato civile dovrebbe ignorare i segni diacritici non propri dell'alfabeto italiano e non riprodurli negli atti da lui formati, approfittando di quell'inciso "dove possibile", inserito nel secondo comma dell'art. 34, diversamente da come era scritto l'art. 72 del previgente ordinamento. Per quell'allineamento di cui s'é detto, occorrerebbe, a questo punto, che venisse formata una elencazione dei segni riproducibili negli atti formati non soltanto dagli ufficiali dello stato civile ma anche da altre amministrazioni. Per esempio: la cediglia dell'alfabeto francese é accettata dall'amministrazione finanziaria nella scritturazione del nome François? Si potrebbe giungere ad una elencazione regolatrice, dopo necessarie riunioni, per via di un decreto presidenziale, previo l'assenso del Consiglio dei Ministri. Diverso problema sorge nell'ipotesi di un nome straniero da attribuire ad un cittadino straniero nato in Italia o che gli appartenga quando muoia in Italia o quando si tratti di trascrivere un atto formato all'estero relativo ad un cittadino straniero. In questi casi non vi é dubbio che il nome straniero debba essere riprodotto con i segni diacritici propri della lingua dello Stato di appartenenza (art. 24, primo comma, della legge 31 maggio 1995, n.218). Qui, addirittura, sarebbero necessarie Convenzioni internazionali per una regolamentazione uniforme della materia, che derogasse alla disciplina linguistica di ciascuno Stato, relativamente ai segni diacritici. Il problema si ripropone nel caso di lingue straniere che abbiano un alfabeto diverso da quello italiano (ad esempio: cinese, arabo, cirillico, greco, ecc. ecc.). In queste ipotesi si dovrà provvedere alla traduzione dell'atto in lingua italiana (art. 22); per quanto riguarda i nomi, non essendo questi traducibili, si dovrà ricorrere al mezzo della translitterazione. 7) Trascrizione di atti ai sensi dell'art. 19 ord.st.civ. Come é stato più e più volte ribadito nel corso degli anni, l'art. 19 dell'attuale ord.st.civ. consente soltanto una riproduzione di atti dello stato civile formati all'estero relativi a cittadini stranieri residenti in Italia: tali riproduzioni (trascrizioni) non hanno alcuna rilevanza per l'ordinamento italiano e costituiscono soltanto una via di comodo per detti stranieri, ai quali é così offerto il modo di avere una copia integrale degli atti di cui sono intestatari senza dover ricorrere, alcune volte con grave incomodo, agli ufficiali del loro Paese di appartenenza. Da ciò deriva che l'ufficiale del Comune di residenza dello straniero non deve, né può, indagare se l'atto di cui é chiamato a fare la trascrizione, sia o no in contrasto con l'ordine pubblico italiano: a tale formalità non é dunque applicabile l'art. 18 del Regolamento (ecco, pertanto, la trascrivibilità di atti di matrimonio fra omosessuali, o fra bambini, o tra fratello e sorella). L'assoluta estraneità (alienità) dell'atto impedisce altresì all'ufficiale italiano di apportare modificazioni, correzioni od altro al testo originario, che, tuttavia, deve essere tradotto in lingua italiana nei modi prescritti, e legalizzato. All'ufficiale italiano é altresì vietato di apporre nell'atto medesimo annotazioni di altri atti, provvedimenti, dichiarazioni da lui stesso ricevuti o acquisiti, trattandosi, si ripete, di atto formato all'estero da altra autorità, che non ha rilevanza in Italia ed é soltanto qui riprodotto. Se, invece quell'annotazione fu apposta in calce o a margine dell'atto originario dall'autorità straniera e di essa si chieda, pure dagli interessati, la trascrizione, ai sensi del citato art.19, l'ufficiale italiano potrà farne riproduzione nel'atto trascritto esistente nei suoi registri, o, anche, potrà nuovamente trascrivere l'atto integrato dall'annotazione. Tale regime, a mio avviso, vale anche per quanto concerne le convenzioni matrimoniali. Esse, formate per atto pubblico -artt.162, 163 cod.civ.- (o, all'estero, per atto equivalente), per essere annotate sull'atto di matrimonio trascritto in Italia ai sensi dell'art. 19 ord.st.civ., dovranno previamente essere annotate in quello originale esistente nel Paese straniero in cui il matrimonio fu celebrato, e poi, a richiesta degli interessati, in quello trascritto in Italia. Resta fermo il punto che l'annotazione disposta dall'autorità giudiziaria deve essere eseguita, anche se in contrasto con quanto sin qui detto, a norma dell'art. 453 cod.civ. 8) Caso di intrascrivibilità dell'atto di matrimonio. Sanabilità. Sarebbe non trascrivibile, perché contrario a inderogabili norme di ordine pubblico, l'atto del matrimonio contratto in Brasile da Luigi Rossi, cittadino italiano per derivazione dall'avo paterno, maggiore di età, con la cittadina brasiliana Maria Bianchi, quattordicenne. Si richiama qui, a conferma, l'art. 8, n. 1, secondo comma, della legge 25 marzo 1985, n.121. Sono tuttavia da tener presenti le ipotesi di validazione del matrimonio contratto con violazione del limite dell'età, contemplate dall'art. 117, comma 2, cod.civ., a loro volta riprese dal citato art. 8, n.1, terzo comma, della legge n.121 del Nel caso di specie, come pare, dal matrimonio é nata prole, per cui una domanda di dichiarazione di nullità del vincolo dovrebbe ex lege essere respinta. Conseguentemente, a mio avviso, l'atto di matrimonio di cui trattasi può essere trascritto e, con esso, l'atto di nascita di Carla Neri, anch'essa cittadina italiana per derivazione paterna. 9) Trascrizione di atto di matrimonio. Come é dato di capire dalla nota del Comune di A, l'atto di matrimonio di Mario Bianchi, divenuto cittadino italiano, colà residente, trattenuto in originale dalla questura di..., fu dapprima inviato per copia conforme a detto

3 Comune, che lo trascrisse; quindi per copia integrale al Comune di B, ove il cittadino aveva trasferito la propria residenza, che pure lo trascrisse. Non si vede la ragione di procedere all'annullamento di una delle due trascrizioni, dato che entrambe sono state fatte, l'una dopo l'altra, nei comuni di successiva residenza dell'interessato, ai sensi dell'art. 10, comma 1, ord.st.civ. 10) Trascrizione di atto di nascita dell'adottato. Non conosco gli accordi fra i Governi d'italia e del Vietnam in materia di adozione internazionale cui l'interrogante si richiama, né le ragioni che saranno portate per iscritto (art. 7 ord.st.civ.) dall'ufficiale dello stato civile per rifiutare la trascrizione dell'atto di nascita dell'adottato. Solo se tali motivi fossero manifestamente infondati ed evidentemente pretestuosi si potrebbe forse azzardare un'ipotesi di reato di omissione di atti d'ufficio. La circostanza, nella specie, che il tribunale abbia ordinato la trascrizione del provvedimento di adozione non importa, ovviamente, che si debba trascrivere l'atto di nascita anche in presenza di vizi o difetti. Contro il rifiuto formale dell'ufficiale, l'art. 95, primo comma, ammette chi vi abbia interesse ad opporsi con ricorso al tribunale competente. 11) Trascrizione di moduli plurilingue La Convenzione fatta a Vienna l'8 settembre 1976, relativa al rilascio di estratti plurilingue di atti dello stato civile, fu ratificata dall'italia con legge 21 dicembre 1978, n.870, ed entrò qui in vigore il 30 luglio Gli estratti formati sulla base dei modelli allegati alla Convenzione sono evidentemente lacunosi, ma, in osservanza della Convenzione medesima, devono essere trascritti come sono dall'ufficiale che li riceve. Ad esempio, nell'estratto dell'atto di nascita sono indicati il nome e il cognome del nato, il luogo e la data di nascita, il nome e il cognome dei genitori, senza alcuna specificazione se si tratti di filiazione legittima o naturale (con o senza riconoscimento -in questo caso ovviamente senza indicazione dei genitori-). Se sopravverranno, per parte dell'interessato o dell'autorità diplomatica o consolare o su richiesta dell'ufficiale stesso, ulteriori elementi integrativi, se ne dovrà prender nota nell'atto originariamente trascritto mediante la procedura della rettificazione. Né si dica che l'ordinamento dato con D.P.R. 3 novembre 2000, n.396, art.29, é successivo alla Convenzione di Vienna che, pertanto, dovrebbe ritenersi implicitamente denunciata dall'italia. Tale Convenzione ha natura di norma speciale e, pertanto, resta salva indipendentemente dal sopravvenire di una norma di carattere generale che espressamente non la abroghi. 12) Trascrizione di atti di nascita. Deve essere trascritto l'atto di nascita; su di esso si farà l'annotazione dell'avvenuto riconoscimento. Del relativo atto non si deve fare la trascrizione 13) Trascrizione di atti formati all'estero. Dovendosi trascrivere un atto dello stato civile formato all'estero da autorità straniera, esso deve essere previamente legalizzato dall'autorità diplomatica o consolare italiana competente, indipendentemente dal fatto che il Ministero dell'interno non abbia ritenuto necessario tale adempimento ai fini della concessione della cittadinanza italiana (art.21, comma 3, ord.st.civ.). L'ufficiale dello stato civile dovrà intanto provvedere alla trascrizione del decreto ministeriale (art. 24, lett. "a"), poi dell'atto di nascita (art.28, comma 2, lett. "b"), quando gli perverrà, infine all'annotazione su questo del decreto (art.49, lett. "i"). La trascrizione é, infatti, un atto autonomo e indipendente da quelli relativi alla concessione della cittadinanza, e non si può ritenere, a mio avviso, che il buon esito della procedura volta alla concessione valga a superare la mancanza di un requisito richiesto per tutt'altro adempimento. 14) Trascrizione di sentenza di divorzio pronunciata all'estero. La sentenza di divorzio pronunciata all'estero riguardo a due cittadini italiani può essere trascritta nei registri del comune ove il matrimonio concordatario é stato a suo tempo trascritto, previo riconoscimento della efficacia di tale provvedimento in Italia da parte dell'ufficiale dello stato civile, ai sensi dell'art. 64, legge 31 maggio 1995, n.218. L'art. 12, comma 11, ord.st.civ. ammette chiunque vi abbia interesse a richiedere la trascrizione di un atto: lo sposo é senza dubbio legittimato alla richiesta di trascrizione della sentenza di divorzio. Se la sentenza presentata per la trascrizione é scritta in lingua straniera, essa deve essere tradotta in lingua italiana: se a ciò, come pare nella specie, non abbia già provveduto l'autorità diplomatica o consolare, dovrà sovvenire, a sue spese, la parte interessata tramite un traduttore ufficiale od un interprete, come stabilito dall'art. 22 ord.st.civ. Se neppure l'interessato provveda, poiché la trascrizione, una volta richiesta, deve essere eseguita, trattandosi di un adempimento di interesse pubblico, sarà l'ufficiale dello stato civile a disporre per la traduzione, a mezzo di un traduttore ufficiale o di un interprete, sempre ai sensi dell'art.22 cit., e, in questo caso, a spese del comune. L'ufficiale, ancorché a conoscenza della lingua straniera, si ritiene che non sia abilitato alla traduzione. 15) Trascrizione di atto formato all'estero che contenga lacune.

4 La trascrizione di un atto formato dall'autorità straniera, relativo a cittadino italiano, va eseguita, per riassunto, riportando i dati in esso contenuti, ancorché lacunosi; l'atto sarà eventualmente rettificato in un momento successivo (artt. 95 sgg. ord.st.civ.) qualora sia stato possibile acquisire gli elementi mancanti. 16) Idem Gli atti formati all'estero inviati o presentati per la trascrizione in Italia possono essere lacunosi (vedi, ad esempio, i moduli plurilingue predisposti da Convenzioni internazionali). E' compito dell'ufficiale dello stato civile di eseguire la trascrizione (per riassunto) dell'atto nel suo assetto attuale. Ove in momento successivo pervengano ulteriori elementi integrativi, ad opera della parte interessata o dell'autorità diplomatica o consolare, o dell'omologo straniero dell'ufficiale dello stato civile, all'uopo richiesto, si dovrà provvedere con la procedura di rettificazione (artt. 95 sgg. ord.st.civ.). 17) Traduzione dell'atto da trascrivere. l'ufficiale di stato civile del comune di... osserva che l'autorità consolare in... con l'apposizione del timbro del suo Ufficio, sottoscritta dal Console o da un funzionario a ciò preposto, ha certificato semplicemente la conformità della traduzione inviata al Comune all'originale di essa, ma non anche la esattezza della traduzione, che deve essere attestata, con l'apposizione della sua firma in calce all'atto, dal traduttore. Senonché, l'art. 22 ord.st.civ. stabilisce, letteralmente, che l'autorità diplomatica o consolare deve certificare "conforme al testo straniero" la traduzione inviata in Italia assieme ai documenti scritti in tale lingua, presumendo, ovviamente, che tale autorità sia in grado di verificare la corrispondenza dei due testi. Non si richiede, dunque, che la traduzione sia stata sottoscritta dal traduttore, assumendosi l'autorità diplomatica o consolare la responsabilità dell'attestazione della conformità della traduzione al testo straniero e facendo propria, pertanto, la traduzione medesima. Diversamente viene regolato il caso in cui la traduzione sia stata eseguita da un traduttore ufficiale o da un interprete. 18) Trascrizione. Nomi stranieri di località contenuti nell'atto da trascrivere o in atti formati in Italia Se si deve trascrivere (sia pure per riassunto) un atto formato all'estero, le indicazioni in esso contenute devono essere riprodotte senza portare loro alcuna modificazione. E' fatta salva la possibilità di una correzione, ai sensi dell'art. 98, comma 2, ord.st.civ. Se, diversamente, i nomi di località straniere devono essere inseriti in un atto da formare in Italia, si ritiene che essi, dovendo essere estesi in lingua italiana, vadano scritti nella corrispondente forma italiana, ove esista ("Londra" per "London", "Parigi" per "Paris", "Colonia" per "Kôln", "Amburgo" per "Hamburg", e via dicendo). Qualora, invece, non esista la traduzione italiana di un nome di località straniera, dovrà essere iscritto nell'atto il detto nome nella sua forma originaria. 19) Trascrizione dell'atto di nascita. Annotazioni Si dovrà trascrivere (per riassunto) l'atto di nascita del neo cittadino con le indicazioni in esso contenute, senza alterarle (art. 28, comma 2, lett."b", ord.st.civ.); pure si dovrà trascrivere (per riassunto) il decreto di concessione della cittadinanza italiana con le indicazioni in esso contenute, senza alterarle (art. 24, lett."a"). Sull'atto di nascita si dovrà poi annotare tale decreto di concessione (art. 49, lett. "i"). L'atto di nascita, se del caso, sarà rettificato, con l'apposita procedura di cui agli artt. 95 sgg., indicando esattamente il luogo della nascita; il provvedimento di rettifica, a sua volta, sarà annotato in calce o a margine della trascrizione del decreto che ha conferito la cittadinanza. Le correzioni della registrazione anagrafica e del passaporto, di conseguenza, saranno adempimenti rimessi alle autorità competenti. 20) Trascrizione parziale di atto di nascita Aggiungerei, alle argomentazioni sui riconoscimenti, un paragrafo per suggerire all'ufficiale dello stato civile come si dovrebbe comportare quando gli giungesse per la trascrizione (per riassunto) dall'estero un atto di nascita comprendente una indicazione di paternità o di maternità o un riconoscimento non ammessi dal nostro ordinamento. Ritengo che di tale atto debba essere trascritta necessariamente la parte relativa alla nascita, essendo di vitale interesse pubblico che venga presa nota nei registri dello stato civile dell'evento della nascita all'estero di un cittadino italiano, e che debba essere invece rifiutata, con adeguata motivazione, la trascrizione della parte non ammissibile relativa all'indicazione od al riconoscimento dell'ascendenza. E' ovvio che la cittadinanza italiana, jure sanguinis, debba risultare dall'atto nella parte in cui la indicazione od il riconoscimento dell'ascendenza sia ammissibile. 21) Trascrizione di matrimoni islamici Nel caso di specie, conformemente al parere del Consiglio di Stato del 7 giugno 1988, si deve ritenere valido, anche per l'ordinamento italiano, il primo matrimonio contratto secondo il rito islamico in Roma dinanzi ad un'autorità

5 islamica a ciò legittimata, il , da AA, cittadino somalo, con altra cittadina somala; tanto che, una volta che costui abbia acquistato la cittadinanza italiana, di quel matrimonio potrà chiedere la trascrizione. Il Consiglio di Stato ha ritenuto, nel su richiamato parere, che il matrimonio islamico, poiché sortisce effetti pari a quelli prodotti da un matrimonio civile celebrato in Italia dinanzi all'autorità italiana, non urta contro i principi fondamentali del nostro ordinamento. Solo in casi particolari (quando, ad esempio, si tratti di un matrimonio poligamico o di un matrimonio che si celebra a seguito di un divorzio per ripudio) la trascrizione non potrà avvenire, ai sensi dell'art.18 ord.st.civ. e dell'art.16 della legge 31 maggio 1995, n.218. Il matrimonio contratto da AA nel 1994 fu sciolto, stando a quanto si dice nel decreto del Tribunale di..., secondo il rito del ripudio: questo é uno dei casi in cui il divorzio islamico non può essere riconosciuto dall'ordinamento italiano, anche secondo il parere del Consiglio di Stato, essendo in patente contrasto con i principi dell'ordine pubblico; ciò anche se al ripudio (unilaterale) del marito corrisponda il consenso della moglie. L'ufficiale dello stato civile, pertanto, deve rifiutare ogni adempimento richiesto al fine che tale divorzio risulti nei registri del suo ufficio. Del secondo matrimonio, che é certamente invalido perché contratto durante la vigenza del primo e, soprattutto, perché contratto secondo l'ordinamento islamico, che ammette il marito ad avere quattro mogli contemporaneamente, l'ufficiale dello stato civile neppure può prendere atto, rifiutando la richiesta di trascrizione, tanto più che questa é stata fatta da un cittadino italiano. Va osservato che il principio della validità interinale del matrimonio sin tanto che il giudice non ne abbia pronunciato con sentenza la nullità, nel caso in esame non può essere osservato stante la radicale incapacità del matrimonio di cui trattasi di produrre qualsiasi effetto, sia pure temporaneo o interinale, nel nostro ordinamento. Il figlio nato dal primo matrimonio, a mio avviso, é legittimo. Gli altri tre, nati da un matrimonio invalido, sono figli naturali, allo stato non riconosciuti. A questo punto che dire del decreto del tribunale di...? In ogni caso a tale decreto l'ufficiale dello stato civile non può dare esecuzione (impossibilità giuridica), perché con esso si dispone che il detto ufficiale esegua la cancellazione dai registri della popolazione residente nel Comune di...(registri anagrafici) dell'annotazione relativa al primo matrimonio contratto da AA. Ad evitare guai, anche sul piano penale (rifiuto di atti d'ufficio), sarà bene che l'ufficiale dello stato civile comunichi diffusamente per iscritto al pubblico ministero presso il tribunale di... le ragioni del proprio ulteriore rifiuto. 22) Intrascrivibilità di atti contrari alla legge italiana. Il cittadino straniero non acquista la cittadinanza italiana se non ricorrono tutte le condizioni stabilite dalla legge italiana. Se alcune di queste non sussistono o perché mancano del tutto o perché sono invalide essendo regolate da una legge straniera in contrasto insanabile con quella italiana, non si produce in Italia l'effetto dell'acquisto. L'acquisizione della cittadinanza italiana é un esempio: ma il ragionamento é lo stesso riguardo al prodursi o al non prodursi di un qualsiasi effetto nell'ordinamento giuridico italiano a seguito di un evento relativo ad un cittadino straniero. Così, il riconoscimento di un figlio incestuoso (art. 251 cod.civ.) o fatto in contrasto con lo stato di figlio legittimo (art.253) non può produrre alcun effetto in Italia, ancorché secondo l'ordinamento dello Stato d'origine di quel cittadino tale effetto sia ammesso e consentito. Più in generale, si deve aver riguardo alla sostanza degli status, anche sulla base della documentazione ad essi relativa: l'ufficiale dello stato civile, se si avvede che un atto del suo ufficio, a lui richiesto, é illegittimo, non può compierlo e deve opporre un rifiuto, motivato per iscritto. La trascrizione di un atto é vietata se questo é contrario all'ordine pubblico italiano (art.18 ord.st.civ.): caso emblematico é quello della trascrizione di un atto di matrimonio fra persone omosessuali. Anche se la trascrizione fosse operata (non avendo essa funzione costitutiva, ma solo pubblicitaria), lo status di una persona sarebbe, secondo la legge italiana, invalido, e resterebbe tale, anche se esso fosse stato posseduto da sempre, validamente secondo una legge straniera. Certo, se l'adempimento fosse imposto all'ufficiale dello stato civile da un'autorità che per legge ne avesse il potere (un provvedimento del giudice, un decreto del Ministro o del Capo dello Stato, un accertamento o un'attestazione della cittadinanza da parte del sindaco) egli non potrebbe rifiutarlo; resterebbe comunque salva l'ipotesi in cui esso fosse poi dichiarato nullo, per invalidità dell'atto che lo ha determinato, e cancellato dai registri a seguito di rettifica. Va anche tenuto presente il principio della validità interinale di un atto nullo sino a che questo sia dichiarato tale. In tutti questi casi, gli effetti che l'atto possa avere avuto nell'ordinamento, vengono ablati in radice sin dall'origine (ex tunc), fatti salvi, però, i provvedimenti che la legge abbia previsto a salvaguardia di soggetti ignari o incolpevoli (v., ad es., gli artt.128 sgg., 279 cod.civ.). 23) Funzione pubblicistica della trascrizione, dell'annotazione, dell'iscrizione. Poiché la trascrizione, come l'annotazione e la iscrizione (v. gli artt.450 e 451 c.c.), ha una mera funzione di pubblicità (e solo in rari casi, come quello del matrimonio concordatario, una funzione costitutiva), con una molto relativa forza probatoria, presuppone l'esser venuta in essere una situazione giuridicamente rilevante, produttrice di diritti o della cessazione o modificazione di diritti. E' ad essa che occorre aver riguardo essenzialmente, ed alla sua titolarità; e poi alla sua pubblicità ed agli effetti che ne scaturiscono. E' così che un atto dello stato civile presuppone la sussistenza di una situazione di diritto

6 sostanziale (nascita, morte, matrimonio, ecc.) che viene iscritta o trascritta negli appositi registri od archivi, dando ad essa la dovuta pubblicità. Pertanto, l'interesse alla trascrizione (ma, direi più ampiamente, alla iscrizione o all'annotazione) fa capo a colui che dalla situazione venuta in essere (e da documentare presso l'ufficio dello stato civile) trae titolo per la sussistenza di diritti giuridicamente tutelati o per la modificazione o la cessazione di questi. A questo punto, non può permanere un diritto che contrasti con la situazione sostanziale riconosciuta come valida ed efficace dal sistema, così come necessariamente vien meno l'interesse negativo a che di tale sopravvenienza non sia data documentazione. Gli adempimenti richiesti dalla legge all'ufficiale dello stato civile sono di natura pubblicistica e debbono essere eseguiti: l'omissione é sanzionata e può costituire reato. Va ricordato, infine, che la trascrizione, oltre che da chiunque vi abbia interesse, può essere richiesta anche dalla pubblica autorità. Ove sorga contrasto circa la sussistenza di opposti diritti, l'autorità giudiziaria dovrà dirimere la controversia e decidere quale fra essi prevalga o se uno di essi é venuto meno.

12) Riconoscimento di figlio naturale da parte di donna straniera coniugata.

12) Riconoscimento di figlio naturale da parte di donna straniera coniugata. FILIAZIONE NATURALE 1) Atto di nascita di minore naturale nato all'estero. Trascrizione. Riconoscimento. L atto di nascita di un minore, nato all'estero fuori del matrimonio, deve essere trascritto, riportando

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

FORMULE PER GLI ATTI DELLO STATO CIVILE Allegato "A" al decreto ministeriale 5 aprile 2002

FORMULE PER GLI ATTI DELLO STATO CIVILE Allegato A al decreto ministeriale 5 aprile 2002 Decreto Ministeriale 5 aprile 2002 Approvazione delle formule per la redazione degli atti dello stato civile nel periodo antecedente l'informatizzazione degli archivi dello stato civile Articolo 1 Sono

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE La iscrizione all'aire e' obbligatoria se la durata prevista per il soggiorno all' estero e' superiore ai dodici mesi.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Le procure provenienti dall estero

Le procure provenienti dall estero Le procure provenienti dall estero A cura dell Avv. Emanuella Prascina Riferimenti: - Art. 106 n. 4 L. Not.: Nell'archivio notarile distrettuale sono depositati e conservati: 4. gli originali e le copie

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 20 novembre 1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari Preambolo (G.U.

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

I certificati anagrafici

I certificati anagrafici I certificati anagrafici I certificati anagrafici sono rilasciati dal Comune di residenza e attestano le risultanze delle iscrizioni nell'anagrafe della popolazione residente (APR) e degli italiani residenti

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) TITOLO I Principi generali (3)

L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) TITOLO I Principi generali (3) L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 17 maggio 1983, n. 133, S.O. (2) Titolo così sostituito dall'art. 1, L. 28 marzo 2001, n. 149. TITOLO

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali 1. Ogni cittadino è libero, salvi gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALL INFORMAZIONE ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 40 dd. 17.10.1995

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA COMUNE DI MASER (TV) ESENTE da Marca da bollo COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA Il/La sottoscritto/a: DA COMPILARSI IN CASO DI PERSONA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

VADEMECUM PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

VADEMECUM PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI Aggiornato alla data del 09/03/2011 VADEMECUM PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI (Legge n. 53/1994) Con la legge 53/1994 si è attribuita agli Avvocati la facoltà di notificazione degli atti giudiziari,

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

D.P.R. 15 luglio 1988, n. 574

D.P.R. 15 luglio 1988, n. 574 D.P.R. 15 luglio 1988, n. 574 NORME DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO SPECIALE PER LA REGIONE TRENTINO- ALTO ADIGE IN MATERIA DI USO DELLA LINGUA TEDESCA E DELLA LINGUA LADINA NEI RAPPORTI DEI CITTADINI CON

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 30

DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 30 DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 30 Attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell'unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995)

I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995) I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995) Comparto Regioni e Autonomie locali Luglio 2013 INDICE Introduzione... 2 Permesso per lutto... 4 Permesso per matrimonio... 11 Permesso per concorsi

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Modulo "Dichiarazione di residenza" per soggetti senza fissa dimora abituale

Modulo Dichiarazione di residenza per soggetti senza fissa dimora abituale ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 12/02/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/34613-modulo-dichiarazione-di-residenza-persoggetti-senza-fissa-dimora-abituale Autori: Modulo "Dichiarazione di residenza"

Dettagli

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici Altri atti o documenti - 13 maggio 2004 Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici sottoscritto da: Conferenza dei Rettori delle Università

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

REGOLAMENTO ANAGRAFICO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE (legge 24 Dicembre 1954, n. 1228 D.P.R. 30 Maggio 1989, n. 223)

REGOLAMENTO ANAGRAFICO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE (legge 24 Dicembre 1954, n. 1228 D.P.R. 30 Maggio 1989, n. 223) REGOLAMENTO ANAGRAFICO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE (legge 24 Dicembre 1954, n. 1228 D.P.R. 30 Maggio 1989, n. 223) avvertenze e note illustrative allegato: istruzioni per l ordinamento ecografico e modelli

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli