Adozione e formazione: l importanza di accompagnare la nascita della famiglia adottiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adozione e formazione: l importanza di accompagnare la nascita della famiglia adottiva"

Transcript

1 Adozione e formazione: l importanza di accompagnare la nascita della famiglia adottiva A cura della D.ssa Silvia Clementi (assistente sociale, collaboratore junior del Portale di Servizio Sociale Professionale S.O.S. Servizi Sociali On Line Il percorso formativo seguito dalle coppie che intraprendono la strada dell adozione è la conditio sine qua non per il buon esito dell adozione e da esso dipende tutto il cammino successivo all arrivo del bambino. E qui che si deve instaurare quella relazione di fiducia reciproca con gli operatori che permetterà alla famiglia adottiva di avere quel collaboratore di cui avrà bisogno nei momenti di difficoltà. Durante il terzo anno di università a noi studenti di scienze del servizio sociale viene chiesto di scegliere un servizio o un ente di terzo settore all interno del quale svolgere l esperienza di stage. Io ho scelto il Centro Adozioni dell Asl di Brescia perché è un ambito per il quale ho sempre nutrito un certo interesse. Durante lo stage ho avuto così la possibilità di conoscere diverse coppie adottive e di vedere da vicino e contemporaneamente da esterna l importanza del percorso formativo seguito dalle coppie che decidono di intraprendere questa strada. E un cammino difficile caratterizzato da ansia, difficoltà e sofferenza per la coppia che inizia questo percorso quasi sempre con grande entusiasmo e gioia, dimenticando i problemi che sono costitutivi del cammino stesso. Grazie all accompagnamento formativo la coppia impara ad utilizzare al meglio la dimensione del tempo. Il tempo nella genitorialità biologica è ben definito (dura circa 9 mesi in genere), nell adozione invece, il tempo ha un valore diverso e deve essere utilizzato al meglio dalla coppia per prepararsi: pensare al bambino che arriverà, alla propria scelta, alle proprie risorse e limiti al fine di dedicare, quando arriverà il bambino, tutto il tempo esclusivamente a lui. Per comprendere meglio il significato di questa dimensione nell adozione, può essere utile qui rifarsi alla lingua greca poiché ci sono due parole, in greco, per tradurre il termine tempo: Kronos e Kairos. Il Kronos è il tempo delle ore, dei minuti e dei secondi, così come noi intendiamo tradizionalmente tempo. Il Kairos è il tempo della vita, il tempo che conta per ognuno di noi, il tempo in cui accadono avvenimenti speciali e non è quantificabile, è personale ed è il tempo che ognuno di noi si prende nella sua mente per scegliere, meditare. L utilizzo che ogni membro della futura coppia genitoriale fa del Kairos, permetterà di vivere in maniera diversa le varie fasi che portano alla nascita della famiglia adottiva. E auspicabile che la coppia inizi il percorso formativo prima di aver presentato la propria dichiarazione di disponibilità al Tribunale per i minorenni al fine di maturare il significato della propria decisione. Le coppie possono scegliere tra le molteplici iniziative formative offerte non solo dai servizi ma sempre più anche da associazioni di genitori adottivi che sono attivi sul territorio e costituiscono un importante risorsa per tutte le comunità. La loro peculiarità è l assenza di operatori al loro interno e l offerta di dono, fiducia e reciprocità alle persone. Per la stesura del mio elaborato finale di laura, il cui tema è appunto la formazione e l adozione, ho contattato diverse associazioni di genitori adottivi sottoponendo loro un questionario al quale mi

2 hanno risposto o via mail o attraverso colloqui telefonici. Tra le molte mail di risposta ricevute, Gianpaolo che è presidente di una di queste associazioni, a proposito del ruolo di questi enti di terzo settore nell adozione, mi scrive: La preparazione della coppia è uno dei passi più importanti, successivi alla decisione di diventare genitori. Noi come associazione e come genitori adottivi, cerchiamo di dare una mano alle coppie che intraprendono il cammino. Le posizioni su cui viaggiamo sono un po diverse da quelle dei servizi sociali, si pongono su due livelli diversi. Noi come associazione viaggiamo su un piano più emozionale, cercando di far vedere la meta come un aspirazione possibile e non solo come un percorso denso di ostacoli e difficoltà. Parlando delle nostre esperienze e dei nostri vissuti, le persone che decidono di diventare genitori adottivi possono confrontarsi. Sembra indispensabile quindi che i servizi ripensino alle proprie funzioni e ai servizi erogati, tenendo in considerazione l esistenza di queste nuove forme associative presenti sul territorio. La formazione, indipendentemente dall ente che la eroga (asl, enti autorizzati, associazioni) deve permettere alla coppia di vivere un esperienza di empowerment, in altre parole di sentirsi maggiormente capace di fare. Lo strumento principe, per l acquisizione di nuove risorse che permettono il passaggio dalla pensabilità positiva all apertura della reale possibilità di realizzare un desiderio, è la formazione, poiché permette di acquisire competenze mancanti o sviluppare quelle già presenti. (Gheno S., 2005) Durante la formazione le coppie comprendono il loro poter fare, gli operatori rafforzano la propria concezione di saper fare degli aspiranti genitori adottivi in un processo virtuoso che genera un aumento di empowerment non solo per le coppie ma anche per gli operatori stessi. 1 Le persone che pensano di poter realizzare un compito in modo efficace ottengono risultati migliori rispetto a coloro che pensano di non poterlo realizzare. E importante far sentire le persone rilevanti, autonome, in grado di determinare il corso delle decisioni e delle azioni, di esercitare il controllo sul proprio destino, costruirlo e non subirlo, di dare senso e significato a ciò che si fa, liberando l espressività e le potenzialità della coppia stessa. 2 Durante la formazione gli operatori sostengono lo sviluppo di un elevata stima e fiducia nelle coppie che prendono coscienza delle proprie strategie utilizzate in passato per superare eventi drammatici, esplicitando le capacità di resilienza insite in ogni persona. Affinché tale processo possa realizzarsi, però, occorre che la formazione sia pensata e realizzata in ottica relazionale, non centrata cioè sull operatore come se fosse lui l unico depositario del sapere, ma centrata sulla relazione e sull idea che il momento di formazione delle coppie sia un incontro di più saperi tra loro diversi che se messi in moto, grazie proprio alla relazione, producono capitale sociale. Beatrice, futura mamma adottiva al termine del percorso formativo ha affermato: Il percorso formativo ci sta cambiato tantissimo come coppia, ci sta aiutando a metterci in discussione e stiamo 1 L idea di fondo è: tutte le persone hanno empowerment (empowerment come condizione soggettiva). Gli operatori cedono quindi il potere (empowerment come processo), per permettere alle coppie di esperire il loro attraverso la relazione. In questo modo gli operatori ricevono, grazie a tale scambio, nuovo potere. Si verifica così un empowerment relazionale, ossia un potenziamento per entrambe le parti che sono in relazione tra loro, derivante proprio dallo scambio relazionale. 2 Tratto dall articolo Una speciale patente di guida per la disponibilità all adozione internazionale di Carboni S., che è una suora, psicologa e pedagogista responsabile di un Ente Autorizzato in Emilia-Romagna.

3 imparando a riflettere di più sulle nostre possibilità e i nostri limiti. La formazione ci sta unendo molto, ci sentiamo sempre più forti e indistruttibili (che presunzione eh?). Ti trovi a combattere contro mille problemi, magari anche contro i tuoi stessi parenti o amici e sei tu con tuo marito, armati e pronti a sorvolare ogni ostacolo non è cosa da poco. Il fallimento adottivo che si presenta come una situazione problematica diffusa tra le persone coinvolte è collegato al sostegno ricevuto dalla coppia nella fase precedente l adozione. Realizzare l accompagnamento della coppia significa andare insieme, mettere insieme, seguire e quindi essere al fianco della coppia sin dall inizio della scelta. Per realizzare tale sostegno è indispensabile informare e formare la coppia adeguatamente. I genitori adottivi adeguatamente accompagnati e con una buona formazione alle spalle, diventano utenti esperti della loro situazione, potendo così anche mettersi a disposizione di altri che stanno iniziando lo stesso loro percorso. A questo punto si può comprendere meglio il senso dei vari momenti d incontro che le asl propongono alle coppie prima della propria dichiarazione di disponibilità in Tribunale. Così facendo sono le coppie a rivolgersi in prima istanza ai servizi ricoprendo una funzione di committenza verso il servizio stesso (funzione che diversamente svolgerebbe il Tribunale attraverso il mandato d indagine ai servizi). E così che si esercita quella care necessaria ad accompagnare gli utenti verso un apprendimento che li porta a diventare non degli utenti ma dei committenti. Franca e Giacomo sono due genitori adottivi che ho conosciuto agli incontri di gruppo promossi da un associazione e circa l importanza della formazione dichiarano: Il risultato dell adozione così come quello della genitorialità biologica si vede solo nel tempo. Sicuramente la formazione e soprattutto il sentirsi sostenuti nelle varie sfaccettature del percorso, teoricamente, dovrebbe migliorare la situazione o quantomeno facilitarla. E ancora, Sonia mamma adottiva, al termine di un gruppo formativo organizzato dall asl, durante una riflessione sul senso del percorso formativo sostiene: Non si nasce sapendo fare i genitori adottivi e non è una cosa che s impara in famiglia con l esperienza. E necessario capirla e prepararsi a viverla il meglio possibile. Uno dei problemi che ho avuto modo di osservare all interno del Centro Adozioni, è la difficoltà di realizzare una continuità del percorso formativo per la coppia durante la fase dell indagine psicosociale. Spesso, il momento d indagine, è visto dalla coppia, come una mera valutazione da parte dei servizi al fine di ottenere una sorte di abilitazione a diventare genitori adottivi, ma un interpretazione più moderna della legge prevede che: se la coppia viene guidata verso una effettiva e profonda presa di coscienza della complessità dell adozione, il decreto di idoneità perderebbe la sua valenza di autorizzazione e di patentino per diventare la formalizzazione della coscienza della coppia stessa e coloro che accompagnano nel percorso sin dall inizio resterebbero i referenti prioritari delle problematiche successive. Martino e Antonella furono convocati dall assistente sociale per il primo colloquio dell istruttoria. Erano ansiosi e preoccupati; avevano paura di dare un immagine negativa della loro coppia, perché avevano la tendenza ad interrompersi a vicenda e a discutere animatamente di ogni cosa. Avevano deciso così una strategia: in quella occasione avrebbe parlato Martino sulla storia della coppia e Antonella sui motivi dell adozione; erano informati molto bene sui colloqui tenuti nel loro servizio territoriale e avevano potuto prepararsi questo momento. Tutto andò come avevano previsto, fino a che l assistente sociale fece una domanda che non rientrava nella loro previsione; disorientati iniziarono a parlare entrambi contemporaneamente. Antonella lasciò continuare Martino ma, come era solita fare, dopo poco integrò il discorso che concluse Martino. La psicologa scherzando disse

4 che avevano un modo molto articolato di discutere che era segno di una buona integrazione di coppia. Martino e Antonella iniziarono a ridere e raccontarono all assistente sociale e alla psicologa la loro strategia. Questo è l esempio di come un aspetto che per la coppia potrebbe rappresentare un limite, è interpretato da altri come una risorsa. Nei colloqui d indagine psicosociale, la coppia si trova a dover raccontare la propria storia davanti a due sconosciuti che poi dovranno dare una valutazione in merito alla possibilità di adottare uno o più figli. Se la coppia vive questo momento anche come possibilità di sostegno da parte degli operatori, riuscirà ad aumentare ulteriormente la conoscenza di sé sia come singolo che come coppia e comprenderà al meglio le risorse interne presenti. Attraverso il racconto delle difficoltà passate nel corso della propria vita, la coppia può apprendere nuove informazioni di sé che prima non conosceva e vivere così un esperienza di empowerment. Da sempre le storie costituiscono il modo con il quale la persona, come un intero popolo, fa memoria di se stessa, ritrova la continuità della propria esistenza, l unità della propria persona, la propria identità. 3 Dall altra parte se, anche gli operatori vivono questo momento non solo come un giudizio, ma anche come un sostegno, riusciranno ad assumere un atteggiamento di ascolto attivo e di empatia, cogliendo al meglio il punto di vista della coppia. L indagine psicosociale così intesa, rappresenta un momento di formazione reciproca, della coppia e degli operatori, fondamentale per instaurare una relazione di fiducia autentica di lunga durata, tra futuri genitori e operatori. Sono proprio i genitori adottivi a sottolineare la necessità di costruire un legame con gli operatori. Durante un convegno organizzato da un associazione di genitori adottivi Luca, padre adottivo in attesa della seconda adozione, all interno del suo intervento sul proprio percorso adottivo ha affermato: Penso che la formazione possa essere uno strumento di supporto per una buona riuscita dell adozione tuttavia l elemento più importante è la creazione di legami con famiglie e operatori da consultare in caso di bisogno, per non rimanere soli. Dopo aver partecipato ad un primo momento di gruppo in genere le coppie vanno alla ricerca dell incontro con altre coppie che sono nella loro stessa situazione perché hanno appreso l importanza del fare assieme, del non sentirsi soli. Franca e Giacomo sono due genitori adottivi che alla mia domanda sulle modalità che hanno loro consentito una formazione, hanno risposto: La formazione e la conoscenza consentono di essere molto più aperti verso le numerose sfaccettature dell esperienza adottiva. Abbiamo cercato, compatibilmente con le nostre capacità e le nostre conoscenze, di accrescere la nostra formazione da autodidatti, soprattutto attraverso le esperienze degli altri. Questo ci ha conseguentemente reso più pronti al confronto, sia come coppia verso l esterno, che come singoli individui all interno della coppia, fornendoci anche spunti di discussione tra noi e gli aspetti delle nostre personalità fino a quel momento sconosciute, forse anche a noi stessi. La nostra è un esperienza vissuta work in progress, con la vita nel suo procedere, più o meno complicato. Siamo tuttora sempre alla ricerca di confronti ed esperienze che possano aiutarci ad affrontare anche i momenti spesso complicati del quotidiano. L accompagnamento al percorso adottivo aiuta le coppie a comprendere se stanno percorrendo la strada giusta e fornisce loro una reale possibilità di scelta, perché solo grazie al sapere e alla conoscenza è possibile scegliere/optare. 3 Tratto dagli atti del convegno organizzato dall associazione AFAIV Adozione e affido. Sfide e risorse per la famiglia tenutosi a Varese il 19 maggio 2012.

5 Tutti i servizi che si occupano di adozione dovrebbero offrire alle coppie la relazione, certi che il modo migliore per accompagnare la nascita della famiglia adottiva sia proprio la care, il prendersi a cuore ogni singola situazione affinché ognuno possa sentirsi competente della propria esperienza e non da solo. La modalità con cui si realizza l accompagnamento è fondamentale ma l aspetto a mio avviso più importante è permettere alle coppie di vivere un esperienza di potenziamento (empowerment) durante il percorso adottivo, per far sì che siano loro stesse capaci di attivarsi in futuro dinanzi al fronteggiamento di eventuali problemi. Lo strumento più utilizzato per accompagnare la nascita della famiglia adottiva è il gruppo perché favorisce l incontro e il confronto con altre persone aventi delle comunanze. Tutte le persone che hanno raccontato la loro esperienza di preparazione all adozione, hanno evidenziato l importanza di aver instaurato dei legami, grazie ai vari gruppi, con altre coppie. Il gruppo aiuta quindi le persone a sentirsi meno sole e a sostenersi a vicenda. I gruppi organizzati dai servizi hanno in genere una durata breve, di 4 o 5 incontri da circa 3 ore ciascuno e sono composti da circa una decina di coppie disposte a cerchio. Sono presenti due operatori: l assistente sociale e lo psicologo, in alcuni casi è presente anche un osservatore. 4 Entrambi i conduttori cercano di attivare una dinamica relazionale e interattiva tra i partecipanti, stimolando gli scambi verbali, sottolineando i passaggi significativi riguardanti le difficoltà a pensare, nonché mantenere un buon clima di gruppo. Gli operatori seguono una scaletta ben precisa e ad ogni incontro ci sono quindi degli argomenti prefissati da trattare; il gruppo è molto strutturato, tant è vero che gli operatori concordano precedentemente anche le modalità interattive per lavorare con il gruppo. Questa metodologia serve per aiutare le coppie a ragionare su un tema spesso nuovo a cui non avevano mai pensato fino ad ora (ad es. il tema dell abbandono, della famiglia d origine del bambino ecc). Nonostante il gruppo presenti una certa struttura, le coppie dopo aver rotto il ghiaccio, parlano molto, se i due conduttori sono abili nell utilizzo di tecniche d azione. Gli operatori, dopo aver introdotto il tema da trattare con una domanda, lasciano che le coppie discutano tra loro intervenendo solo per dipanare eventuali dubbi rispetto ad alcuni concetti (es. cosa vuol dire stato di abbandono?...). Per evitare che il gruppo diventi una lezione frontale e per stimolare un maggior dialogo interno al gruppo, in genere, i conduttori propongono tecniche di azione come ad es. lettura di storie, riflessioni in sottogruppi, fotolinguaggio, role-playing, che consentono di creare delle dinamiche relazionali. Utilizzando tale metodologia, visti anche i tempi ristretti della durata dei vari incontri, il gruppo si costituisce più velocemente e si crea un clima di condivisione maggiore nonché un alleanza che non è mai automatica. Pasquale, al termine di un gruppo afferma: Il gruppo ti permette di vedere con i tuoi occhi che non sei solo ad affrontare questo percorso. Ti permette di acquisire consapevolezza che anche gli altri 4 La presenza di due figure professionali diverse, che si alternano dando informazioni, risposte e/o attivando la dinamica gruppale mira a favorire, tanto per le coppie che per gli stessi operatori, la possibilità di sperimentare in itinere l integrazione dei loro ruoli e le modalità di pensiero ad essi connessi. In particolare, all assistente sociale spetta il compito di affrontare le tematiche relative alla realtà esterna: aspetti legislativi, istituzionali, temporali, l aspetto relazionale (aspetto sociale dell adozione), ecc.; allo psicologo invece spetta prevalentemente il compito di rilevare ed affrontare le tematiche riguardanti lo sviluppo interno, degli adulti partecipanti e dei bambini.

6 hanno gli stessi tuoi dubbi e le stesse tue paure. Ti permette di confrontarti su argomenti molto profondi e che toccano la sfera personale. Ti permette di far crescere e maturare la tua scelta di diventare genitore adottivo. Vorrei concludere con la testimonianza di una mamma adottiva che ha voluto fornirmi il suo prezioso contributo sul tema mandandomi una mail per la quale la ringrazio, perché secondo me è significativa delle difficoltà che la famiglia adottiva si trova ad affrontare. La formazione non è la soluzione a tutti i problemi ma sicuramente aiuta la coppia a sapere come attivarsi per il fronteggiamento degli stessi. Mail di una mamma adottiva: Contribuisco volentieri ad arricchire la sua conoscenza sull'argomento, non per desiderio di protagonismo, ma perchè ritengo fondamentale che emergano problematiche che, per superficialità e ordinario senso di pudore non vengono descritte nella loro drammaticità. Noi, nonostante tutte le nostre ottime intenzioni, nonchè il supporto dell'associazione delle famiglie adottive, stiamo incontrando difficoltà enormi. Il discorso è ampissimo, ma voglio sottolineare alcuni punti fondamentali che questa storia mi suggerisce di indicare per una corretta preparazione delle coppie per l'adozione: La coppia deve essere molto affiatata e sostenuta da incrollabili (e sottolineo incrollabili) valori umani e morali. Fondamentale "affrontare e preparare" le relazioni con i parenti e in particolare i nonni o comunque chi ha contatti frequenti o di collaborazione con i genitori e con il bambino... possono essere deleteri per il consolidamento dei rapporti con i genitori adottivi. Per cui, oltre al corso alla coppia, sarebbe necessario se non un incontro o di preparazione o addirittura di "allontanamento" per soggetti che non preparati all'adozione possono rivolgersi ai bambini con atteggiamenti altamente protettivi e destabilizzanti per l'affermazione dei ruoli genitoriali, creando una condizione di confusione costante su chi "è cattivo" perchè da delle regole e chi "è buono" perchè "lo capisce e sa quanto ha sofferto" (devastante). Osservare fino a che punto la coppia dispone di sufficiente "dinamismo" e fantasia per poter rendere accattivante la relazione con un figlio e soprattutto quando questo inizia a voler "conoscere di più il mondo " e quindi anche la sua storia. Un figlio adottivo in una famiglia di pantofolai può "esplodere"... ed ha perfettamente ragione!!!! Il figlio adottivo "vuole vivere di più" rispetto a un figlio naturale, vuole riscattare questa sua "differenza", come lui la sente a livello inconscio creandogli una costante inquietudine ed è necessario potergli offrire proposte nuove, mirate e costruttive all'interno di un progetto educativo che possa orientarlo su strade positive. Agli operatori vorrei dire: Quando la coppia viene a chiedere aiuto non sottovalutare i suoi segnali... se è arrivata a farlo è perché non ne può proprio più... Non lasciatela sola, perché tende comunque a isolarsi per l'enorme peso che deve sostenere. Fate in modo di avere un ampio bacino di proposte da offrire alle famiglie ed ai ragazzi che avranno bisogno di orientarsi. Il livello di sofferenza è estremamemte alto e le coppie in difficoltà non hanno bisogno di incontrare "operatori", ma "amici esperti" che gli facciano capire che qualcuno s interessi di loro. Ci sarebbero ancora tante cose da dire, ma desidero sottolineare che gli elementi fondamentali nel vostro ruolo sono il rispetto e l'attenzione verso le persone e, come dice Ernesto Olivero del "Sermig", se si vuole fare del bene, bisogna fare le cose bene.

7 Ritengo infine, che le coppie adeguatamente accompagnate diventino più aperte alle relazioni, più responsabili/attive sul piano civico mostrando voglia d impegnarsi nel sociale, siano in due parole capitale sociale. Bibliografia: -Bombardieri M., Con ali di farfalla. Reggere ai dolori della vita, Paoline, Milano, Cassani Bortoloso M. La formazione delle coppie adottive: racconto di una esperienza, in Barbero Avanzini B., Giustizia minorile e servizi sociali, Franco Angeli, Milano, Folgheraiter F., Saggi di Welfare, Erikson, Trento, Galli J., I gruppi informativi-formativi sull adozione, in Galli J. E Viero F. (a cura di), I percorsi dell adozione. Il lavoro clinico dal pre al post adozione, Armando, Roma, Paradiso L., Prepararsi all adozione. Le informazioni, le leggi, il percorso formativo personale e di coppia per adottare un bambino, Unicopli, Milano, 1999 Le seguenti associazioni sono hanno collaborato rispondendo ad un questionario da me predisposto per raccogliere opinioni e informazioni circa la formazione nell adozione, via mail e attraverso colloqui telefonici: Adottiamo (Nichelino Torino) Celine (San Casciano Firenze) Gruppi Volontari per l Affidamento e l Adozione (Torino) L Altro Marsupio (Treviglio - Bergamo) Petali dal Mondo (Tradate Varese)

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Treviglio, 30 maggio 2015 Maria Coelli 1 La formazione e la consulenza ai gruppi AMA è svolta

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico

Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico di Maria Anna Formisano 1 Introduzione Il termine insuccesso scolastico generalmente interpreta il mancato risultato positivo dell istruzione e,

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo)

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo) Allegato B SOS. Dpt Consultorio Familiare, Tutela Minori ed Adolescenza Tel. 0425/393752 Fax 0425/393739 La Responsabile: Dott.ssa Silvana Milanese fam.inf.ado@azisanrovigo.it Scheda progettuale DGR 1098

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!!

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!! Il è parte dell Area Rimettere le Ali del Borgo Ragazzi Don Bosco, insieme alla Casa Famiglia, al Centro diurno, al Centro di ascolto psico-educativo SOS Ascolto Giovani. Dal 2002 si occupa di sensibilizzare,

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

GRUPPI DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE NATURALI

GRUPPI DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE NATURALI GRUPPI DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE NATURALI Nell ambito del progetto Due per uno- Famiglie e Servizi per l affido- gli operatori del Servizio Minori hanno gestito l intervento relativo al sostegno di gruppo

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

CLOTILDE CAMERATA CHIARA SIMEONI COORDINA DOMIZIANA AVANZINI

CLOTILDE CAMERATA CHIARA SIMEONI COORDINA DOMIZIANA AVANZINI CLOTILDE CAMERATA CHIARA SIMEONI COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI 1 L ordine delle idee deve procedere secondo l ordine delle

Dettagli

MINIMASTER Lavorare con le Famiglie e i Minorenni

MINIMASTER Lavorare con le Famiglie e i Minorenni MINIMASTER Lavorare con le Famiglie e i Minorenni Lavorare con le famiglie e i minorenni sottoposti a procedimenti dell Autorità Giudiziaria Milano, 23 ottobre 20 novembre, 11 dicembre, 15 gennaio, 19

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

LA MEDIAZIONE FAMILIARE LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nel corso dell ultimo decennio, in Italia, si è organizzato un movimento di opinione con lo scopo di promuovere con un approccio conciliativo e sull esempio di esperienze internazionali

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi 1 Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi INTRODUZIONE L Associazione Family Time nasce con l obiettivo di offrire un contributo alla tutela dei minori e delle loro famiglie.

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

EDUCAZIONE AFFETTIVA

EDUCAZIONE AFFETTIVA PER LE SCUOLE MATERNE PROPOSTA PEL 'ANNO SCOLASTICO 2015-2016 EDUCAZIONE AFFETTIVA a cura della dott.ssa Giulia Disegna psicologa clinica EMOZIONI, CICOGNE, CAVOLI ED ALTRI ORTAGGI Come educare all affettività

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

SCEGLIERE CON CONSAPEVOLEZZA. Come i genitori possono aiutare i figli in questo percorso

SCEGLIERE CON CONSAPEVOLEZZA. Come i genitori possono aiutare i figli in questo percorso SCEGLIERE CON CONSAPEVOLEZZA Come i genitori possono aiutare i figli in questo percorso Dott.ssa Cinzia Ginevri Blasi Orientare significa... Porsi in una condizione di ascolto Indicare un percorso Garantire

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile CRESCERE PER AIUTARE A CRESCERE Un percorso in sostegno alla genitorialità

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Giornata Europea sulla Depressione

Giornata Europea sulla Depressione Giornata Europea sulla Depressione Giornate europee sulla Depressione: ottobre 2011 Programma Titolo Progetto Mandato di Ricerca internazionale Depressione: identikit & arresto! Convegno sulla solitudine

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

Come avviare una consulenza al ruolo?

Come avviare una consulenza al ruolo? Come avviare una consulenza al ruolo? Alcune riflessioni a cura di Daniela Patruno 1. La settimana scorsa ho visto un film appena uscito: Le coach, del regista di O. Doran, con Richard Berry nel ruolo

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi. Principi dell'auto aiuto.

Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi. Principi dell'auto aiuto. Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi Principi dell'auto aiuto. Un gruppo di auto-aiuto è un'alleanza tra persone che hanno problemi od obiettivi simili e che cercano di affrontare

Dettagli

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi.

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. PERCHÈ LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nella storia della coppia la separazione, anche se non prevista, qualche volta è inevitabile.

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

SICUREZZA E : CITTADINANZA LEGALITA

SICUREZZA E : CITTADINANZA LEGALITA ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE EDUCARE è COSTRUZIONE DI SENSO gruppo classe = gruppo di lavoro? ma si differenzia da questo, che è regolato da ruoli, norme e obiettivi precisi e condivisi, perché non è la norma nella sua interezza che

Dettagli

CENTRO FEDERATO INER VERONA

CENTRO FEDERATO INER VERONA CENTRO FEDERATO INER VERONA Via Seminario, 8 37129 Verona Referente: Giancarla Stevanella Segreteria :da Lunedì a Venerdì dalle 9,30 alle 14,00 Tel. 045 9276227 - fax 045 9276226 e mail: iner.verona@fecunditas.it

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER FACILITATORI DI GRUPPI

CORSO DI FORMAZIONE PER FACILITATORI DI GRUPPI CORSO DI FORMAZIONE PER FACILITATORI DI GRUPPI Ascoltare e dare voce a bambini e adolescenti che affrontano la transizione separativa Novara, giugno 2015 A cura di: Laura Gaiotti, Assistente sociale specialista,

Dettagli

1ª FASE Accoglienza + Osservazione descrittiva 30 ore. 2ª FASE Osservazione mirata 40 ore. 3ª FASE Stesura e attuazione di un progetto 50 ore 2

1ª FASE Accoglienza + Osservazione descrittiva 30 ore. 2ª FASE Osservazione mirata 40 ore. 3ª FASE Stesura e attuazione di un progetto 50 ore 2 Il tirocinio universitario per Educatori della prima infanzia : un opportunità di formazione e di innovazione per le istituzioni coinvolte (Elena Mignosi, ricercatrice universitaria e responsabile-supervisore

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Raffaele Crescenzo abstract Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 INFANZIA E GIOVANI Open Group Lab Open Group Riferimenti e contatti Cittadinanza è il contenitore comune a tutte le nostre proposte. I nostri laboratori hanno come obiettivo

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it

Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it 12 Istituto Comprensivo A.Moro 1 Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it GIANNA BERETTA MOLLA - Via N. Sauro, 1 - Sabbio

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Francesca Belforte con direttore dell Istituto Mille e una Meta, Livorno "INformazione Psicologia Psicoterapia

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Denominazione Ente: SOS VILLAGGIO DEL FANCIULLO STRA SIGRA D EUROPA Coop. Di Solidarietà Sociale. Indirizzo: Via H. Gmeiner, 25 38100 Trento Titolo progetto: Settore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Paride Del Pozzo Via S.Sprito, 6 - PIMONTE (NA) - C.A.P.: 80050 - Tel: 0818792130 - Fax: 0818749957 NAIC86400X@istruzione.it - http://www.icsdelpozzo.it C.MEC. NAIC86400X C.F.

Dettagli