Adozione e formazione: l importanza di accompagnare la nascita della famiglia adottiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adozione e formazione: l importanza di accompagnare la nascita della famiglia adottiva"

Transcript

1 Adozione e formazione: l importanza di accompagnare la nascita della famiglia adottiva A cura della D.ssa Silvia Clementi (assistente sociale, collaboratore junior del Portale di Servizio Sociale Professionale S.O.S. Servizi Sociali On Line Il percorso formativo seguito dalle coppie che intraprendono la strada dell adozione è la conditio sine qua non per il buon esito dell adozione e da esso dipende tutto il cammino successivo all arrivo del bambino. E qui che si deve instaurare quella relazione di fiducia reciproca con gli operatori che permetterà alla famiglia adottiva di avere quel collaboratore di cui avrà bisogno nei momenti di difficoltà. Durante il terzo anno di università a noi studenti di scienze del servizio sociale viene chiesto di scegliere un servizio o un ente di terzo settore all interno del quale svolgere l esperienza di stage. Io ho scelto il Centro Adozioni dell Asl di Brescia perché è un ambito per il quale ho sempre nutrito un certo interesse. Durante lo stage ho avuto così la possibilità di conoscere diverse coppie adottive e di vedere da vicino e contemporaneamente da esterna l importanza del percorso formativo seguito dalle coppie che decidono di intraprendere questa strada. E un cammino difficile caratterizzato da ansia, difficoltà e sofferenza per la coppia che inizia questo percorso quasi sempre con grande entusiasmo e gioia, dimenticando i problemi che sono costitutivi del cammino stesso. Grazie all accompagnamento formativo la coppia impara ad utilizzare al meglio la dimensione del tempo. Il tempo nella genitorialità biologica è ben definito (dura circa 9 mesi in genere), nell adozione invece, il tempo ha un valore diverso e deve essere utilizzato al meglio dalla coppia per prepararsi: pensare al bambino che arriverà, alla propria scelta, alle proprie risorse e limiti al fine di dedicare, quando arriverà il bambino, tutto il tempo esclusivamente a lui. Per comprendere meglio il significato di questa dimensione nell adozione, può essere utile qui rifarsi alla lingua greca poiché ci sono due parole, in greco, per tradurre il termine tempo: Kronos e Kairos. Il Kronos è il tempo delle ore, dei minuti e dei secondi, così come noi intendiamo tradizionalmente tempo. Il Kairos è il tempo della vita, il tempo che conta per ognuno di noi, il tempo in cui accadono avvenimenti speciali e non è quantificabile, è personale ed è il tempo che ognuno di noi si prende nella sua mente per scegliere, meditare. L utilizzo che ogni membro della futura coppia genitoriale fa del Kairos, permetterà di vivere in maniera diversa le varie fasi che portano alla nascita della famiglia adottiva. E auspicabile che la coppia inizi il percorso formativo prima di aver presentato la propria dichiarazione di disponibilità al Tribunale per i minorenni al fine di maturare il significato della propria decisione. Le coppie possono scegliere tra le molteplici iniziative formative offerte non solo dai servizi ma sempre più anche da associazioni di genitori adottivi che sono attivi sul territorio e costituiscono un importante risorsa per tutte le comunità. La loro peculiarità è l assenza di operatori al loro interno e l offerta di dono, fiducia e reciprocità alle persone. Per la stesura del mio elaborato finale di laura, il cui tema è appunto la formazione e l adozione, ho contattato diverse associazioni di genitori adottivi sottoponendo loro un questionario al quale mi

2 hanno risposto o via mail o attraverso colloqui telefonici. Tra le molte mail di risposta ricevute, Gianpaolo che è presidente di una di queste associazioni, a proposito del ruolo di questi enti di terzo settore nell adozione, mi scrive: La preparazione della coppia è uno dei passi più importanti, successivi alla decisione di diventare genitori. Noi come associazione e come genitori adottivi, cerchiamo di dare una mano alle coppie che intraprendono il cammino. Le posizioni su cui viaggiamo sono un po diverse da quelle dei servizi sociali, si pongono su due livelli diversi. Noi come associazione viaggiamo su un piano più emozionale, cercando di far vedere la meta come un aspirazione possibile e non solo come un percorso denso di ostacoli e difficoltà. Parlando delle nostre esperienze e dei nostri vissuti, le persone che decidono di diventare genitori adottivi possono confrontarsi. Sembra indispensabile quindi che i servizi ripensino alle proprie funzioni e ai servizi erogati, tenendo in considerazione l esistenza di queste nuove forme associative presenti sul territorio. La formazione, indipendentemente dall ente che la eroga (asl, enti autorizzati, associazioni) deve permettere alla coppia di vivere un esperienza di empowerment, in altre parole di sentirsi maggiormente capace di fare. Lo strumento principe, per l acquisizione di nuove risorse che permettono il passaggio dalla pensabilità positiva all apertura della reale possibilità di realizzare un desiderio, è la formazione, poiché permette di acquisire competenze mancanti o sviluppare quelle già presenti. (Gheno S., 2005) Durante la formazione le coppie comprendono il loro poter fare, gli operatori rafforzano la propria concezione di saper fare degli aspiranti genitori adottivi in un processo virtuoso che genera un aumento di empowerment non solo per le coppie ma anche per gli operatori stessi. 1 Le persone che pensano di poter realizzare un compito in modo efficace ottengono risultati migliori rispetto a coloro che pensano di non poterlo realizzare. E importante far sentire le persone rilevanti, autonome, in grado di determinare il corso delle decisioni e delle azioni, di esercitare il controllo sul proprio destino, costruirlo e non subirlo, di dare senso e significato a ciò che si fa, liberando l espressività e le potenzialità della coppia stessa. 2 Durante la formazione gli operatori sostengono lo sviluppo di un elevata stima e fiducia nelle coppie che prendono coscienza delle proprie strategie utilizzate in passato per superare eventi drammatici, esplicitando le capacità di resilienza insite in ogni persona. Affinché tale processo possa realizzarsi, però, occorre che la formazione sia pensata e realizzata in ottica relazionale, non centrata cioè sull operatore come se fosse lui l unico depositario del sapere, ma centrata sulla relazione e sull idea che il momento di formazione delle coppie sia un incontro di più saperi tra loro diversi che se messi in moto, grazie proprio alla relazione, producono capitale sociale. Beatrice, futura mamma adottiva al termine del percorso formativo ha affermato: Il percorso formativo ci sta cambiato tantissimo come coppia, ci sta aiutando a metterci in discussione e stiamo 1 L idea di fondo è: tutte le persone hanno empowerment (empowerment come condizione soggettiva). Gli operatori cedono quindi il potere (empowerment come processo), per permettere alle coppie di esperire il loro attraverso la relazione. In questo modo gli operatori ricevono, grazie a tale scambio, nuovo potere. Si verifica così un empowerment relazionale, ossia un potenziamento per entrambe le parti che sono in relazione tra loro, derivante proprio dallo scambio relazionale. 2 Tratto dall articolo Una speciale patente di guida per la disponibilità all adozione internazionale di Carboni S., che è una suora, psicologa e pedagogista responsabile di un Ente Autorizzato in Emilia-Romagna.

3 imparando a riflettere di più sulle nostre possibilità e i nostri limiti. La formazione ci sta unendo molto, ci sentiamo sempre più forti e indistruttibili (che presunzione eh?). Ti trovi a combattere contro mille problemi, magari anche contro i tuoi stessi parenti o amici e sei tu con tuo marito, armati e pronti a sorvolare ogni ostacolo non è cosa da poco. Il fallimento adottivo che si presenta come una situazione problematica diffusa tra le persone coinvolte è collegato al sostegno ricevuto dalla coppia nella fase precedente l adozione. Realizzare l accompagnamento della coppia significa andare insieme, mettere insieme, seguire e quindi essere al fianco della coppia sin dall inizio della scelta. Per realizzare tale sostegno è indispensabile informare e formare la coppia adeguatamente. I genitori adottivi adeguatamente accompagnati e con una buona formazione alle spalle, diventano utenti esperti della loro situazione, potendo così anche mettersi a disposizione di altri che stanno iniziando lo stesso loro percorso. A questo punto si può comprendere meglio il senso dei vari momenti d incontro che le asl propongono alle coppie prima della propria dichiarazione di disponibilità in Tribunale. Così facendo sono le coppie a rivolgersi in prima istanza ai servizi ricoprendo una funzione di committenza verso il servizio stesso (funzione che diversamente svolgerebbe il Tribunale attraverso il mandato d indagine ai servizi). E così che si esercita quella care necessaria ad accompagnare gli utenti verso un apprendimento che li porta a diventare non degli utenti ma dei committenti. Franca e Giacomo sono due genitori adottivi che ho conosciuto agli incontri di gruppo promossi da un associazione e circa l importanza della formazione dichiarano: Il risultato dell adozione così come quello della genitorialità biologica si vede solo nel tempo. Sicuramente la formazione e soprattutto il sentirsi sostenuti nelle varie sfaccettature del percorso, teoricamente, dovrebbe migliorare la situazione o quantomeno facilitarla. E ancora, Sonia mamma adottiva, al termine di un gruppo formativo organizzato dall asl, durante una riflessione sul senso del percorso formativo sostiene: Non si nasce sapendo fare i genitori adottivi e non è una cosa che s impara in famiglia con l esperienza. E necessario capirla e prepararsi a viverla il meglio possibile. Uno dei problemi che ho avuto modo di osservare all interno del Centro Adozioni, è la difficoltà di realizzare una continuità del percorso formativo per la coppia durante la fase dell indagine psicosociale. Spesso, il momento d indagine, è visto dalla coppia, come una mera valutazione da parte dei servizi al fine di ottenere una sorte di abilitazione a diventare genitori adottivi, ma un interpretazione più moderna della legge prevede che: se la coppia viene guidata verso una effettiva e profonda presa di coscienza della complessità dell adozione, il decreto di idoneità perderebbe la sua valenza di autorizzazione e di patentino per diventare la formalizzazione della coscienza della coppia stessa e coloro che accompagnano nel percorso sin dall inizio resterebbero i referenti prioritari delle problematiche successive. Martino e Antonella furono convocati dall assistente sociale per il primo colloquio dell istruttoria. Erano ansiosi e preoccupati; avevano paura di dare un immagine negativa della loro coppia, perché avevano la tendenza ad interrompersi a vicenda e a discutere animatamente di ogni cosa. Avevano deciso così una strategia: in quella occasione avrebbe parlato Martino sulla storia della coppia e Antonella sui motivi dell adozione; erano informati molto bene sui colloqui tenuti nel loro servizio territoriale e avevano potuto prepararsi questo momento. Tutto andò come avevano previsto, fino a che l assistente sociale fece una domanda che non rientrava nella loro previsione; disorientati iniziarono a parlare entrambi contemporaneamente. Antonella lasciò continuare Martino ma, come era solita fare, dopo poco integrò il discorso che concluse Martino. La psicologa scherzando disse

4 che avevano un modo molto articolato di discutere che era segno di una buona integrazione di coppia. Martino e Antonella iniziarono a ridere e raccontarono all assistente sociale e alla psicologa la loro strategia. Questo è l esempio di come un aspetto che per la coppia potrebbe rappresentare un limite, è interpretato da altri come una risorsa. Nei colloqui d indagine psicosociale, la coppia si trova a dover raccontare la propria storia davanti a due sconosciuti che poi dovranno dare una valutazione in merito alla possibilità di adottare uno o più figli. Se la coppia vive questo momento anche come possibilità di sostegno da parte degli operatori, riuscirà ad aumentare ulteriormente la conoscenza di sé sia come singolo che come coppia e comprenderà al meglio le risorse interne presenti. Attraverso il racconto delle difficoltà passate nel corso della propria vita, la coppia può apprendere nuove informazioni di sé che prima non conosceva e vivere così un esperienza di empowerment. Da sempre le storie costituiscono il modo con il quale la persona, come un intero popolo, fa memoria di se stessa, ritrova la continuità della propria esistenza, l unità della propria persona, la propria identità. 3 Dall altra parte se, anche gli operatori vivono questo momento non solo come un giudizio, ma anche come un sostegno, riusciranno ad assumere un atteggiamento di ascolto attivo e di empatia, cogliendo al meglio il punto di vista della coppia. L indagine psicosociale così intesa, rappresenta un momento di formazione reciproca, della coppia e degli operatori, fondamentale per instaurare una relazione di fiducia autentica di lunga durata, tra futuri genitori e operatori. Sono proprio i genitori adottivi a sottolineare la necessità di costruire un legame con gli operatori. Durante un convegno organizzato da un associazione di genitori adottivi Luca, padre adottivo in attesa della seconda adozione, all interno del suo intervento sul proprio percorso adottivo ha affermato: Penso che la formazione possa essere uno strumento di supporto per una buona riuscita dell adozione tuttavia l elemento più importante è la creazione di legami con famiglie e operatori da consultare in caso di bisogno, per non rimanere soli. Dopo aver partecipato ad un primo momento di gruppo in genere le coppie vanno alla ricerca dell incontro con altre coppie che sono nella loro stessa situazione perché hanno appreso l importanza del fare assieme, del non sentirsi soli. Franca e Giacomo sono due genitori adottivi che alla mia domanda sulle modalità che hanno loro consentito una formazione, hanno risposto: La formazione e la conoscenza consentono di essere molto più aperti verso le numerose sfaccettature dell esperienza adottiva. Abbiamo cercato, compatibilmente con le nostre capacità e le nostre conoscenze, di accrescere la nostra formazione da autodidatti, soprattutto attraverso le esperienze degli altri. Questo ci ha conseguentemente reso più pronti al confronto, sia come coppia verso l esterno, che come singoli individui all interno della coppia, fornendoci anche spunti di discussione tra noi e gli aspetti delle nostre personalità fino a quel momento sconosciute, forse anche a noi stessi. La nostra è un esperienza vissuta work in progress, con la vita nel suo procedere, più o meno complicato. Siamo tuttora sempre alla ricerca di confronti ed esperienze che possano aiutarci ad affrontare anche i momenti spesso complicati del quotidiano. L accompagnamento al percorso adottivo aiuta le coppie a comprendere se stanno percorrendo la strada giusta e fornisce loro una reale possibilità di scelta, perché solo grazie al sapere e alla conoscenza è possibile scegliere/optare. 3 Tratto dagli atti del convegno organizzato dall associazione AFAIV Adozione e affido. Sfide e risorse per la famiglia tenutosi a Varese il 19 maggio 2012.

5 Tutti i servizi che si occupano di adozione dovrebbero offrire alle coppie la relazione, certi che il modo migliore per accompagnare la nascita della famiglia adottiva sia proprio la care, il prendersi a cuore ogni singola situazione affinché ognuno possa sentirsi competente della propria esperienza e non da solo. La modalità con cui si realizza l accompagnamento è fondamentale ma l aspetto a mio avviso più importante è permettere alle coppie di vivere un esperienza di potenziamento (empowerment) durante il percorso adottivo, per far sì che siano loro stesse capaci di attivarsi in futuro dinanzi al fronteggiamento di eventuali problemi. Lo strumento più utilizzato per accompagnare la nascita della famiglia adottiva è il gruppo perché favorisce l incontro e il confronto con altre persone aventi delle comunanze. Tutte le persone che hanno raccontato la loro esperienza di preparazione all adozione, hanno evidenziato l importanza di aver instaurato dei legami, grazie ai vari gruppi, con altre coppie. Il gruppo aiuta quindi le persone a sentirsi meno sole e a sostenersi a vicenda. I gruppi organizzati dai servizi hanno in genere una durata breve, di 4 o 5 incontri da circa 3 ore ciascuno e sono composti da circa una decina di coppie disposte a cerchio. Sono presenti due operatori: l assistente sociale e lo psicologo, in alcuni casi è presente anche un osservatore. 4 Entrambi i conduttori cercano di attivare una dinamica relazionale e interattiva tra i partecipanti, stimolando gli scambi verbali, sottolineando i passaggi significativi riguardanti le difficoltà a pensare, nonché mantenere un buon clima di gruppo. Gli operatori seguono una scaletta ben precisa e ad ogni incontro ci sono quindi degli argomenti prefissati da trattare; il gruppo è molto strutturato, tant è vero che gli operatori concordano precedentemente anche le modalità interattive per lavorare con il gruppo. Questa metodologia serve per aiutare le coppie a ragionare su un tema spesso nuovo a cui non avevano mai pensato fino ad ora (ad es. il tema dell abbandono, della famiglia d origine del bambino ecc). Nonostante il gruppo presenti una certa struttura, le coppie dopo aver rotto il ghiaccio, parlano molto, se i due conduttori sono abili nell utilizzo di tecniche d azione. Gli operatori, dopo aver introdotto il tema da trattare con una domanda, lasciano che le coppie discutano tra loro intervenendo solo per dipanare eventuali dubbi rispetto ad alcuni concetti (es. cosa vuol dire stato di abbandono?...). Per evitare che il gruppo diventi una lezione frontale e per stimolare un maggior dialogo interno al gruppo, in genere, i conduttori propongono tecniche di azione come ad es. lettura di storie, riflessioni in sottogruppi, fotolinguaggio, role-playing, che consentono di creare delle dinamiche relazionali. Utilizzando tale metodologia, visti anche i tempi ristretti della durata dei vari incontri, il gruppo si costituisce più velocemente e si crea un clima di condivisione maggiore nonché un alleanza che non è mai automatica. Pasquale, al termine di un gruppo afferma: Il gruppo ti permette di vedere con i tuoi occhi che non sei solo ad affrontare questo percorso. Ti permette di acquisire consapevolezza che anche gli altri 4 La presenza di due figure professionali diverse, che si alternano dando informazioni, risposte e/o attivando la dinamica gruppale mira a favorire, tanto per le coppie che per gli stessi operatori, la possibilità di sperimentare in itinere l integrazione dei loro ruoli e le modalità di pensiero ad essi connessi. In particolare, all assistente sociale spetta il compito di affrontare le tematiche relative alla realtà esterna: aspetti legislativi, istituzionali, temporali, l aspetto relazionale (aspetto sociale dell adozione), ecc.; allo psicologo invece spetta prevalentemente il compito di rilevare ed affrontare le tematiche riguardanti lo sviluppo interno, degli adulti partecipanti e dei bambini.

6 hanno gli stessi tuoi dubbi e le stesse tue paure. Ti permette di confrontarti su argomenti molto profondi e che toccano la sfera personale. Ti permette di far crescere e maturare la tua scelta di diventare genitore adottivo. Vorrei concludere con la testimonianza di una mamma adottiva che ha voluto fornirmi il suo prezioso contributo sul tema mandandomi una mail per la quale la ringrazio, perché secondo me è significativa delle difficoltà che la famiglia adottiva si trova ad affrontare. La formazione non è la soluzione a tutti i problemi ma sicuramente aiuta la coppia a sapere come attivarsi per il fronteggiamento degli stessi. Mail di una mamma adottiva: Contribuisco volentieri ad arricchire la sua conoscenza sull'argomento, non per desiderio di protagonismo, ma perchè ritengo fondamentale che emergano problematiche che, per superficialità e ordinario senso di pudore non vengono descritte nella loro drammaticità. Noi, nonostante tutte le nostre ottime intenzioni, nonchè il supporto dell'associazione delle famiglie adottive, stiamo incontrando difficoltà enormi. Il discorso è ampissimo, ma voglio sottolineare alcuni punti fondamentali che questa storia mi suggerisce di indicare per una corretta preparazione delle coppie per l'adozione: La coppia deve essere molto affiatata e sostenuta da incrollabili (e sottolineo incrollabili) valori umani e morali. Fondamentale "affrontare e preparare" le relazioni con i parenti e in particolare i nonni o comunque chi ha contatti frequenti o di collaborazione con i genitori e con il bambino... possono essere deleteri per il consolidamento dei rapporti con i genitori adottivi. Per cui, oltre al corso alla coppia, sarebbe necessario se non un incontro o di preparazione o addirittura di "allontanamento" per soggetti che non preparati all'adozione possono rivolgersi ai bambini con atteggiamenti altamente protettivi e destabilizzanti per l'affermazione dei ruoli genitoriali, creando una condizione di confusione costante su chi "è cattivo" perchè da delle regole e chi "è buono" perchè "lo capisce e sa quanto ha sofferto" (devastante). Osservare fino a che punto la coppia dispone di sufficiente "dinamismo" e fantasia per poter rendere accattivante la relazione con un figlio e soprattutto quando questo inizia a voler "conoscere di più il mondo " e quindi anche la sua storia. Un figlio adottivo in una famiglia di pantofolai può "esplodere"... ed ha perfettamente ragione!!!! Il figlio adottivo "vuole vivere di più" rispetto a un figlio naturale, vuole riscattare questa sua "differenza", come lui la sente a livello inconscio creandogli una costante inquietudine ed è necessario potergli offrire proposte nuove, mirate e costruttive all'interno di un progetto educativo che possa orientarlo su strade positive. Agli operatori vorrei dire: Quando la coppia viene a chiedere aiuto non sottovalutare i suoi segnali... se è arrivata a farlo è perché non ne può proprio più... Non lasciatela sola, perché tende comunque a isolarsi per l'enorme peso che deve sostenere. Fate in modo di avere un ampio bacino di proposte da offrire alle famiglie ed ai ragazzi che avranno bisogno di orientarsi. Il livello di sofferenza è estremamemte alto e le coppie in difficoltà non hanno bisogno di incontrare "operatori", ma "amici esperti" che gli facciano capire che qualcuno s interessi di loro. Ci sarebbero ancora tante cose da dire, ma desidero sottolineare che gli elementi fondamentali nel vostro ruolo sono il rispetto e l'attenzione verso le persone e, come dice Ernesto Olivero del "Sermig", se si vuole fare del bene, bisogna fare le cose bene.

7 Ritengo infine, che le coppie adeguatamente accompagnate diventino più aperte alle relazioni, più responsabili/attive sul piano civico mostrando voglia d impegnarsi nel sociale, siano in due parole capitale sociale. Bibliografia: -Bombardieri M., Con ali di farfalla. Reggere ai dolori della vita, Paoline, Milano, Cassani Bortoloso M. La formazione delle coppie adottive: racconto di una esperienza, in Barbero Avanzini B., Giustizia minorile e servizi sociali, Franco Angeli, Milano, Folgheraiter F., Saggi di Welfare, Erikson, Trento, Galli J., I gruppi informativi-formativi sull adozione, in Galli J. E Viero F. (a cura di), I percorsi dell adozione. Il lavoro clinico dal pre al post adozione, Armando, Roma, Paradiso L., Prepararsi all adozione. Le informazioni, le leggi, il percorso formativo personale e di coppia per adottare un bambino, Unicopli, Milano, 1999 Le seguenti associazioni sono hanno collaborato rispondendo ad un questionario da me predisposto per raccogliere opinioni e informazioni circa la formazione nell adozione, via mail e attraverso colloqui telefonici: Adottiamo (Nichelino Torino) Celine (San Casciano Firenze) Gruppi Volontari per l Affidamento e l Adozione (Torino) L Altro Marsupio (Treviglio - Bergamo) Petali dal Mondo (Tradate Varese)

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli