Il Servizio Alto Adige

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Servizio Alto Adige"

Transcript

1 Il Servizio Adozioni Alto Adige Da giugno del 2010 è attivo il Servizio Adozioni Alto Adige gestito dall Azienda Servizi Sociali di Bolzano che, su delega della Provincia Autonoma di Bolzano, garantisce l intervento a livello provinciale Il Servizio coordina un gruppo di specialisti/e che hanno il compito non solo di accertare su incarico del Tribunale per i Minorenni se una coppia possiede i requisiti idonei per adottare un/a bambino/a, ma anche di fornire ai genitori adottivi aiuto e consulenza in tutte le problematiche che precedono e seguono l adozione. Il Servizio opera attraverso un equipe composta da 4 assistenti sociali e 4 psicologi/he; un team attento all ascolto e all accoglienza, che opera nel rispetto della dignità della persona, ponendo molta attenzione a garantire equità e trasparenza della procedura adottiva.

2 Come funziona il percorso di adozione nazionale ed internazionale? La coppia presenta disponibilità per l adozione nazionale e/o internazionale presso il Tribunale per i Minorenni. Il Tribunale per i Minorenni invia entro 15 giorni, se la documentazione consegnata risulta completa, la richiesta di indagine psico-sociale al Servizio Adozioni Alto Adige. Entro 120 giorni dall arrivo della richiesta del Tribunale per i Minorenni al Servizio Adozioni Alto Adige, l assistente sociale e lo/a psicologo/a svolgono l indagine psico-sociale sulla coppia e inviano la relazione al Tribunale per i Minorenni. Nei due mesi successivi, il Tribunale, dopo aver sentito la coppia tramite il Giudice onorario e se non ritiene necessari ulteriori approfondimenti, emette il decreto di idoneità o non-idoneità. Per l adozione internazionale, è necessario che, entro un anno 5 dall emissione del decreto, la coppia dia l incarico ad un ente autorizzato ad avviare la pratica per l adozione effettiva. Per l adozione nazionale, il Tribunale per i Minorenni accede all elenco 6 delle coppie disponibili, per scegliere la coppia ritenuta più appropriata alle esigenze del/la minore. E possibile presentare più domande, in tempi diversi e a più Tribunali per i Minorenni, purché se ne dia comunicazione a tutti i tribunali precedentemente interpellati. La domanda decade dopo tre anni dalla presentazione e può essere rinnovata. Nell adozione internazionale, dopo l arrivo del/la bambino/a in Italia, si apre un periodo post-adottivo; mentre, nell adozione nazionale, dopo l abbinamento del/la bambino/a con la coppia adottiva, si apre il periodo dell affidamento pre-adottivo. Entrambi questi periodi hanno la durata orientativa di un anno, alla fine del quale l assistente sociale invia la relazione al Tribunale per i Minorenni.

3 Le attività svolte dal Servizio Colloqui informativi alle coppie aspiranti. Colloqui psico-sociali per l indagine (studio di coppia) per l adozione nazionale e internazionale richiesta dal Tribunale per i Minorenni. Colloqui psico-sociali per l indagine (studio di coppia) in caso di adozione di minori in casi particolari richiesta dal Tribunale per i Minorenni. Stesura della relazione sociale per l adozione nazionale e internazionale nella fase post-adottiva, da inviare al Tribunale per i Minorenni e/o agli enti autorizzati, come previsto dalla Legge. Sostegno sociale e psicologico nella fase pre e post-adottiva. Sostegno alle coppie nella fase di attesa dei minori. Rapporti e collaborazione con il Tribunale per i Minorenni, gli enti autorizzati e l Ufficio Famiglia, donna e gioventù dell Assessorato alle politiche sociali della Provincia Autonoma di Bolzano. Collaborazione con altre istituzioni pubbliche e private sociali e servizi specialistici. Sostegno agli/le adulti/e adottati/e nell accesso alle informazioni sulle famiglie di origine. Consulenze sulle tematiche legate all adozione. Organizzazione di eventi informativi e di sensibilizzazione sul tema dell adozione.

4 Perché seguire un corso di preparazione all adozione? L Ufficio Famiglia, donna e gioventù della Ripartizione Famiglia e Politiche Sociali della Provincia Autonoma di Bolzano propone corsi di preparazione per le coppie aspiranti all adozione. Oltre a fornire le informazioni necessarie sul tema dell adozione, i corsi hanno lo scopo di permettere alle coppie di: maturare consapevolezza rispetto all adozione come scelta specifica della coppia; riflettere sulla propria motivazione all adozione; acquisire conoscenze sulla situazione del/la bambino/a adottivo/a e la sua realtà di provenienza. Se possibile, la frequenza al corso dovrebbe avvenire prima di presentare la dichiarazione di disponibilità al Tribunale per i Minorenni. Per informazioni rivolgersi a: Ufficio Servizio Sviluppo Personale della Ripartizione Famiglia e Politiche Sociali tel sito: politiche-sociali/persone-difficolta/ adozione.asp

5 L indagine psico-sociale L indagine psico-sociale è svolta dal Servizio su incarico del Tribunale per i Minorenni. L indagine, che è parte integrante del processo verso l adozione, viene considerata come un percorso esperienziale verso una genitorialità adottiva consapevole, che pone al centro il benessere del/la minore. Per la parte psicologica, il Servizio si avvale del personale specializzato dei consultori familiari Lilith, Ehe und Erziehungsberatung Südtirol e P.M. Kolbe. Il percorso è organizzato indicativamente nel seguente modo: 3-4 colloqui individuali e/o di coppia con l assistente sociale; 3-4 colloqui individuali e/o di coppia con lo/la psicologo/a; ulteriori colloqui individuali o di coppia da stabilire a seconda della specificità del nucleo familiare (ad esempio, in caso di coabitazione con altri componenti della famiglia); 1 visita domiciliare. L iter prevede che il primo e l ultimo colloquio vengano svolti con la coppia alla presenza congiunta dell assistente sociale e dello/a psicologo/a. I colloqui intermedi, invece, possono avvenire individualmente o in coppia, in presenza di uno o entrambi le/i professioniste/i. Durante l ultimo incontro, l assistente sociale e lo/la psicologo/a provvederanno alla lettura della relazione psico-sociale, che verrà poi inviata al Tribunale per i Minorenni.

6 Tempi di valutazione Una volta ricevuto l incarico dal Tribunale per i Minorenni come previsto dalla Legge 184/83 la valutazione dovrà essere fatta entro 120 giorni (prorogabili in casi particolari). Se nel percorso di valutazione dovessero presentarsi eventi importanti come gravidanze, lutti, malattie, ecc., l equipe valuterà insieme alla coppia se sospendere o proseguire il percorso. Ricevuta la relazione, il Tribunale per i Minorenni convoca gli aspiranti all adozione attraverso un giudice onorario. Entro i due mesi successivi, il Tribunale pronuncia il decreto di idoneità o di non idoneità; oppure, se lo ritiene opportuno, dispone ulteriori approfondimenti. Legislazione di riferimento Legge 4 maggio 1983, n. 184 Diritto del minore ad una famiglia. Legge 28 marzo 2001, n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n.184 recante Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori. Legge Provinciale 2/2002 Provvedimenti per l adozione di minori in Provincia di Bolzano. Legge 31 dicembre 1998, n. 476 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale, fatta a L Aja il 29 maggio Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in tema di adozione di minori stranieri.

7 Adozione Nazionale Le coppie ritenute idonee sono inserite in un apposita banca dati presso il Tribunale per i Minorenni. Da questo elenco viene scelta la coppia ritenuta più appropriata alle esigenze del/la minore. È possibile presentare più domande, in tempi diversi e a più Tribunali per i Minorenni, purché se ne dia comunicazione a tutti i tribunali precedentemente interpellati. La domanda decade dopo tre anni dalla presentazione e può essere rinnovata. Post Adozione Come previsto dalla legge, sia per l adozione internazionale (nel periodo post-adottivo) sia per quella nazionale (in cui è previsto un periodo di affido pre-adottivo), il Servizio svolge un lavoro di sostegno alla famiglia. Il supporto si articola in base alle necessità specifiche rilevate dall assistente sociale. L intervento da parte dello/la psicologo/a viene attivato su richiesta dell assistente sociale o dei genitori adottivi. Adozione Internazionale Ricevuta l idoneità per realizzare un adozione internazionale valida è necessario rivolgersi, entro un anno, ad un ente autorizzato, il quale svolge un ruolo di intermediario tra il Paese e la coppia adottiva. In caso di decreto di non idoneità, è consentito alla coppia presentare ricorso davanti alla Corte d Appello. Per un supporto informativo o un confronto, si consiglia alle coppie in attesa per l adozione nazionale e/o internazionale di mantenersi in contatto con il Servizio Adozioni Alto Adige.

8 Per contattare il Servizio Direzione Distretto Sociale Gries-S. Quirino Piazza Wilhelm Alexander Loew-Cadonna 12, Bolzano tel fax Il Servizio Adozioni riceve previo appuntamento. Sede centrale Servizio Adozioni Alto Adige Via Vittorio Veneto 5, Bolzano tel oppure fax sito: Sedi distaccate Le coppie residenti nei comprensori dell Alto Adige interessate al Servizio Adozioni possono rivolgersi alle sedi distaccate come riportato di seguito: Comunità comprensoriale Val Venosta Comunità comprensoriale Burgraviato Distretto Sociale Naturno Via Gustav Flora 8, Naturno tel oppure fax Comunità comprensoriale Valle d Isarco Comunità comprensoriale Val Pusteria Comunità comprensoriale Alta Val Isarco Comunità comprensoriale Valle d Isarco Via Stazione 27, Bressanone tel fax Indirizzi utili Consultori Familiari Consultorio Familiare P. M. Kolbe Corso Italia 23, Bolzano dall 1/1/2011: Via Mendola 19 tel fax sito: consultoriokolbe/bolzano.htm Consultorio Familiare Lilith Via Marlengo 29, Merano tel fax sito: Consultorio Familiare Ehe und Erziehungsberatung Südtirol Via Cassa di Risparmio 13, Bolzano tel fax sito: Tribunale per i Minorenni di Bolzano Corso Libertà 23, Bolzano tel fax giustizia.it (solo per informazioni) sito: Associazione Genitori Adottivi ed Affidatari Altoatesini Via Dr. Streiter 1/b, Bolzano tel fax sito: Commissione per le adozioni internazionali Provincia Autonoma di Bolzano Ripartizione Famiglia e Politiche Sociali - Ufficio Famiglia, donna e gioventù Via Canonico Gamper 1, Bolzano tel oppure fax sito: minori-famiglie/famiglia.asp Per una lista aggiornata degli enti autorizzati consultare il sito: minori-famiglie/famiglia.asp

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Impressum Novembre 2012 Editore Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Famiglia e politiche sociali

Dettagli

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

istituito formalmente nel 2009 con deliberazione della Giunta Provinciale.

istituito formalmente nel 2009 con deliberazione della Giunta Provinciale. Da alcuni anni la presenza nella scuola di bambine e bambini adottati in ambito nazionale ed internazionale risulta significativa anche nella realtà locale della provincia di Bolzano. È un fenomeno nuovo

Dettagli

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE Linee guida per genitori ed insegnanti Conoscere per accogliere I minori adottati nella provincia di Bolzano 478 negli ultimi 10 anni 30 nuove adozioni

Dettagli

PROTOCOLLI TRA REGIONE LAZIO E TRIBUNALE DEI MINORENNI A TUTELA DEI MINORI

PROTOCOLLI TRA REGIONE LAZIO E TRIBUNALE DEI MINORENNI A TUTELA DEI MINORI PROTOCOLLI TRA REGIONE LAZIO E TRIBUNALE DEI MINORENNI A TUTELA DEI MINORI ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Con i protocolli contenuti in questa pubblicazione intendiamo formulare risposte innovative

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali. Adottiamoci un percorso per futuri genitori

Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali. Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali L adattamento del testo alla provincia di Rimini è stato

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

Per adottare. Informazioni per le famiglie

Per adottare. Informazioni per le famiglie Per adottare Informazioni per le famiglie L adozione tutela il diritto dei bambini in stato di abbandono di essere accolti all interno di nuclei familiari che rispondano adeguatamente ai loro bisogni fisiologici

Dettagli

IL PERCORSO DELL ADOZIONE

IL PERCORSO DELL ADOZIONE Dipartimento Tutela Materno Infantile e della Genitorialità U.O.C. Procreazione Cosciente ------ Municipi ex V VII VIII - X IL PERCORSO DELL ADOZIONE note di informazione ed orientamento per le coppie

Dettagli

Sull adozione internazionale

Sull adozione internazionale I vostri figli non sono figli vostri: sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. Nascono per mezzo di voi e tuttavia non vi appartengono Dimorano con voi e tuttavia non Vi appartengono. Potete

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013

Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013 Le Adozioni Affinchè si possa dar luogo all adozione è necessaria: la dichiarazione dello stato di abbandono di un minore l'idoneità dei

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI ADOZIONI PER UN PERCORSO METODOLOGICO: DALLA FASE PREPARATORIA ALL ABBINAMENTO AL POST ADOZIONE

LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI ADOZIONI PER UN PERCORSO METODOLOGICO: DALLA FASE PREPARATORIA ALL ABBINAMENTO AL POST ADOZIONE ALLEGATO D) LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI ADOZIONI PER UN PERCORSO METODOLOGICO: DALLA FASE PREPARATORIA ALL ABBINAMENTO AL POST ADOZIONE Premessa La legge n. 184/1983, Diritto del minore ad una famiglia,

Dettagli

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino 1 febbraio 2005 Le coppie che chiedono l adozione di un bambino Anno 2003 L Istat diffonde i risultati dell indagine sulle domande di adozione, condotta per la prima volta nel 2003 presso i 29 tribunali

Dettagli

Questo opuscolo è una guida sintetica per tutti coloro che si avvicinano al mondo dell adozione.

Questo opuscolo è una guida sintetica per tutti coloro che si avvicinano al mondo dell adozione. Premessa Questo opuscolo è una guida sintetica per tutti coloro che si avvicinano al mondo dell adozione. Il testo fornisce le principali indicazioni relative al procedimento di adozione nazionale ed internazionale

Dettagli

Il percorso delle adozioni della regione Emilia-Romagna: dalle linee di indirizzo ai programmi provinciali di Monica Malaguti (ottobre 2006) Indice

Il percorso delle adozioni della regione Emilia-Romagna: dalle linee di indirizzo ai programmi provinciali di Monica Malaguti (ottobre 2006) Indice Il percorso delle adozioni della regione Emilia-Romagna: dalle linee di indirizzo ai programmi provinciali di Monica Malaguti (ottobre 2006) Indice Premessa pag. 4 Verso le linee di indirizzo regionali

Dettagli

ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO

ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO 1 ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO Premessa La Convenzione dell Aja (1993) riconosce che l adozione internazionale può offrire l'opportunità di dare una famiglia permanente

Dettagli

LA STRADA DELL'ADOZIONE

LA STRADA DELL'ADOZIONE LA STRADA DELL'ADOZIONE FONTE: Commissione per le Adozioni Internazionali 2011 1ª TAPPA : La dichiarazione di disponibilità TEMPI: entro 15 giorni dalla presentazione della dichiarazione il Tribunale deve

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire

CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire informazioni dettagliate circa gli interventi offerti dall ente. L obiettivo della

Dettagli

Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6

Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6 SERVIZIO ADOZIONI ASS6 Progetto regionale Genitorialità fragile e tutela dei minori LA SCUOLA INCONTRA L ADOZIONE Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6 4 Indicazioni e procedure

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI Approvato con Deliberazione C.d.A. N. 12 del 31/05/2004 REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI PREMESSA La legge n.184 del 4 maggio 1983, così come modificata dalla Legge n.149 del 28 marzo

Dettagli

Premessa. Servizio programmazione interventi sociali testo esito dell incontro del tavolo tecnico del 15 dicembre 2009. 1

Premessa. Servizio programmazione interventi sociali testo esito dell incontro del tavolo tecnico del 15 dicembre 2009. 1 Protocollo regionale di intesa in materia di adozione internazionale tra Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Aziende per i Servizi sanitari, Enti autorizzati di cui all articolo 39 ter della legge

Dettagli

Linee guida per la scuola e i servizi sociali

Linee guida per la scuola e i servizi sociali Assessorato alla Salute e alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione e allo Sport AFFIDAMENTO FAMILIARE E ADOZIONE: L INSERIMENTO SCOLASTICO Linee guida per la scuola e i servizi sociali Marzo 2009

Dettagli

Atto di Programmazione sullo sviluppo dei servizi di protezione e cura e delle risorse accoglienti. D.G.R.V. 8 AGOSTO 2008 n. 2416

Atto di Programmazione sullo sviluppo dei servizi di protezione e cura e delle risorse accoglienti. D.G.R.V. 8 AGOSTO 2008 n. 2416 Atto di Programmazione sullo sviluppo dei servizi di protezione e cura e delle risorse accoglienti D.G.R.V. 8 AGOSTO 2008 n. 2416 Biennio 2009-2010 Atto di programmazione sullo sviluppo dei servizi di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

Piano Regionale per il sostegno al percorso di adozione nazionale e internazionale dei minori

Piano Regionale per il sostegno al percorso di adozione nazionale e internazionale dei minori R E G I O N E P U G L I A Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali Via Caduti di Tutte le Guerre, 15-70123 Bari Tel.0805403562

Dettagli

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona

Un servizio per la famiglia, la coppia e la persona SEDI E ORARI FELTRE - SEDE CENTRALE Via Marconi, 7 Nel Consultorio Familiare sono presenti le seguenti figure professionali: Amministrativo Tel. 0439 883170 Fax 0439 883172 Indirizzo e-mail: consultorio.familiare@ulssfeltre.veneto.i

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

TERZA RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 149/2001

TERZA RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 149/2001 TERZA RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 149/2001 Giugno 2013 Sommario Premessa... 5 Capitolo 1 Le attività delle autorità giudiziarie. La rilevazione del Dipartimento Giustizia minorile

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS C A R T A D E I S E R V I Z I La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire informazioni dettagliate circa gli interventi che vengono realizzati dall

Dettagli

Ordine regionale dei Medici Chirurgi ed Odontoiatri Centro Regionale Adozioni Internazionali. Assessorato Regionale alle Politiche Sociali

Ordine regionale dei Medici Chirurgi ed Odontoiatri Centro Regionale Adozioni Internazionali. Assessorato Regionale alle Politiche Sociali Ordine regionale dei Medici Chirurgi ed Odontoiatri Centro Regionale Adozioni Internazionali Assessorato Regionale alle Politiche Sociali Normativa Legge 4 Maggio 1983, n.184 Diritto del Minore ad una

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Consultorio Familiare LA CASA di Erba CARTA DEI SERVIZI E lo strumento del quale il Consultorio si è dotato per rendere più facilmente visibili i servizi offerti a coloro che intendono

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. REGOLAMENTO COMUNALE n. 57 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. Allegato B Alla deliberazione di Consiglio Comunale nr 34 del 31/3/2004 Protocollo operativo tra Centro

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA

L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA L AFFIDO: RISORSA PREZIOSA PER LA COMUNITA Testi Barbara Raffaeli - Provincia di Rimini, Servizio Politiche Sociali Micaela Donnini e Tamara Zangheri - Azienda Usl di Rimini, S.S. Responsabilità genitoriale

Dettagli

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Giancarlo Galardi. Decreto N 1165 del 26 Marzo 2012

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Giancarlo Galardi. Decreto N 1165 del 26 Marzo 2012 REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO INCLUSIONE SOCIALE SETTORE POLITICHE PER IL CONTRASTO AL DISAGIO SOCIALE. Il Dirigente

Dettagli

ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE. Rimini 13 ottobre 2010

ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE. Rimini 13 ottobre 2010 Servizio Polifunzionale per l Adozione Internazionale ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE Rimini 13 ottobre 2010 Intervento dell Ente Autorizzato

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

TRA IL DIRE ED IL FARE

TRA IL DIRE ED IL FARE PROGETTO TRA IL DIRE ED IL FARE SOSTEGNO ALLE COMPETENZE GENITORIALI ADOTTIVE L intervento psico-sociale nel post adozione SOGGETTI ISTITUZIONALI Comune di Messina - Dipartimento sociale ASP5 Messina -

Dettagli

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice, Istituto degli Innocenti La Regione Toscana

Dettagli

Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como. adozione e affido. come orientarsi, a chi rivolgersi

Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como. adozione e affido. come orientarsi, a chi rivolgersi Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como adozione e affido come orientarsi, a chi rivolgersi Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell'ambito della propria famiglia. Questo è

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI

DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI COORDINAMENTO DISTRETTI Responsabile Procedimento: Dott. Danilo Corrà - mail: danilo.corra@ulss12.ve.it; numero di telefono: 041.2608735 DESCRIZIONE PROCEDIMENTO 1 Gestione

Dettagli

Anna Maria Colella 1

Anna Maria Colella 1 Anna Maria Colella 1 L Agenzia regionale per le adozioni internazionali Regione Piemonte: Il primo servizio pubblico iscritto nell albo degli enti autorizzati (Legge N. 476/98, Art. 39 bis) Sommario: 1.

Dettagli

Centro Adozioni dell ASL di Brescia

Centro Adozioni dell ASL di Brescia Guida pratica all adozione, con Il informazioni Centro Adozioni tecniche, dell ASL di Brescia garantisce a tutte le coppie interessate accoglienza, indicazioni informazione di percorso formazione, e consigli

Dettagli

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa

I MINORI E LE FAMIGLIE. Educativa. Educativa BISOGNI BISOGNI I MINORI E LE FAMIGLIE I MINORI E LE FAMIGLIE Educativa Educativa Avere un supporto educativo quando si hanno difficoltà nella famiglia, nella vita di relazione, nell'apprendimento e nei

Dettagli

Programma: 130 ore ( 9,00-17,00) Modulo1: 25 ottobre 26 ottobre

Programma: 130 ore ( 9,00-17,00) Modulo1: 25 ottobre 26 ottobre Master in Psicologia Giuridica Programma: 130 ore ( 9,00-17,00) Modulo1: 25 ottobre 26 ottobre Introduzione Generale alla Psicologia Giuridica Lo psicologo giuridico in ambito civile Lo psicologo giuridico

Dettagli

Antonio e Roberta Bergaminelli. L adozione non è un gioco

Antonio e Roberta Bergaminelli. L adozione non è un gioco Antonio e Roberta Bergaminelli L adozione non è un gioco Antonio e Roberta Bergaminelli, L adozione non è un gioco Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento

Dettagli

Carta del Servizio di Consultorio Familiare

Carta del Servizio di Consultorio Familiare Carta del Servizio di Consultorio Familiare UOSD infanzia Adolescenza e Famiglia Azienda Ulss 18 Rovigo 1 Premessa La Carta del Servizio di Consultorio Familiare rappresenta un aggiornato e chiaro strumento

Dettagli

Assessorato alla Città Solidale - Direzione Servizi alla Persona Progetto Affido Familiare. Affido Near. Ottobre 2005

Assessorato alla Città Solidale - Direzione Servizi alla Persona Progetto Affido Familiare. Affido Near. Ottobre 2005 Assessorato alla Città Solidale - Direzione Servizi alla Persona Affido Near Ottobre 2005 Perché un progetto affido neonati Nel 2001 gli abbinamenti erano attuati a livello territoriale: in mancanza di

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Servizio Politiche Sociali, Culturali, Pari Opportunità e Relazioni Internazionali Le attività realizzate dagli Enti Autorizzati nel post-adozione ed il raccordo con i Servizi

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI FINALIZZATI ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE IN INDIA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI FINALIZZATI ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE IN INDIA CONTRATTO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI FINALIZZATI ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE IN INDIA (Art.31 della legge 4 maggio 1983. n.184) INTERNATIONAL ADOPTION - Associazione per la Famiglia, con sede legale e operativa

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

VADEMECUM AREA MINORI E FAMIGLIE

VADEMECUM AREA MINORI E FAMIGLIE VADEMECUM AREA MINORI E FAMIGLIE PREMESSA L Azienda Servizi Sociali di Bolzano, attraverso il vademecum minori e famiglie ha perseguito l obiettivo di elaborare uno strumento di lavoro comune per le assistenti

Dettagli

I SIGNIFICATI DELL ADOZIONE

I SIGNIFICATI DELL ADOZIONE Corso di Laurea specialistica (ordinamento ex D.M. 509/1999) in POLITICHE E SERVIZI SOCIALI Tesi di Laurea I SIGNIFICATI DELL ADOZIONE Dal desiderio di un figlio a tutti i costi ad un progetto di tutela

Dettagli

Interventi per la non autosufficienza

Interventi per la non autosufficienza I.P. 02 Interventi per la non autosufficienza L Alto Adige che mi aiuta AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 24 - Sozialwesen PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 24 - Politiche

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

CAMERA MINORILE DI LECCE. In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere

CAMERA MINORILE DI LECCE. In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere CAMERA MINORILE DI LECCE In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere Minorili del 29 gennaio 2005, ed in vista del congresso dell Unione che si terrà a Gallipoli

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI INERENTI L ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE Legge 184/83 come modificata dalle leggi 476/98 e 149/01

PROTOCOLLO OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI INERENTI L ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE Legge 184/83 come modificata dalle leggi 476/98 e 149/01 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI INERENTI L ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE Legge 184/83 come modificata dalle leggi 476/98 e 149/01 18 novembre 2009 PROTOCOLLO

Dettagli

Gli interventi per la non autosufficienza

Gli interventi per la non autosufficienza I.P. 06 Gli interventi per la non autosufficienza L Alto Adige che mi aiuta Due anni di legge provinciale - Un primo bilancio AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 24 - Familie und Sozialwesen PROVINCIA

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

REGIONE PIEMONTE. Assessorato al Welfare e Lavoro. Assessore Teresa Angela Migliasso. Direttore Giampaolo Albini. A cura di:

REGIONE PIEMONTE. Assessorato al Welfare e Lavoro. Assessore Teresa Angela Migliasso. Direttore Giampaolo Albini. A cura di: A B C D E L L A D O Z I O N E I n f o r m a z i o n i p e r l e c o p p i e c h e s i a v v i c i n a n o a l p r o g e t t o a d o t t i v o 1 REGIONE PIEMONTE Assessorato al Welfare e Lavoro Assessore

Dettagli

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo 1. Informazione preliminare all eventuale conferimento incarico. Il primo approccio al GVS avviene di solito per telefono: la coppia è invitata

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

L affidamento familiare e la filiazione adottiva

L affidamento familiare e la filiazione adottiva L affidamento familiare e la filiazione adottiva D ANGIO G., RECCO A., OTTOBRE P., LEGA G. L affidamento familiare L affidamento familiare, così come l adozione, è un istituto disciplinato dalla legge

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

Marlengo. Gruppo SEL SPA. Via Canonico Michael Gamper 9 39100 Bolzano T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 E info@hydros.bz.it I www.hydros.bz.

Marlengo. Gruppo SEL SPA. Via Canonico Michael Gamper 9 39100 Bolzano T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 E info@hydros.bz.it I www.hydros.bz. Prati di Vizze Curon Barbiano-Ponte Gardena Brunico-Valdaora Lasa Marlengo Premesa Centro di teleconduzione Bolzano La nostra acqua. La nostra energia. Marlengo Impianto idroelettrico Curon/Val Venosta

Dettagli

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione REGOLAMENTO PER IL LIVELLO ASSOCIATO DELL AFFIDO FAMILIARE Articolo 1 - Oggetto 1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione associata

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Curriculum vitae redatto in forma di dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà (art 47 DPR 28 dicembre 2000, n.445)

Curriculum vitae redatto in forma di dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà (art 47 DPR 28 dicembre 2000, n.445) Curriculum vitae redatto in forma di dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà (art 47 DPR 28 dicembre 2000, n.445) Il sottoscritto SIGNORONI GIACOMO nato a Gardone Val Trompia il 28 febbraio 1974

Dettagli

PRESENTAZIONE. Queste Linee guida rappresentano uno strumento importante per l accoglienza e

PRESENTAZIONE. Queste Linee guida rappresentano uno strumento importante per l accoglienza e PRESENTAZIONE Queste Linee guida rappresentano uno strumento importante per l accoglienza e l inclusione dei bambini adottati e delle loro famiglie. L esigenza di elaborare questo documento non è nata

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

Fare adozione. materiali e testimonianze per l innovazione. Istituzione Gian Franco Minguzzi Provincia di Bologna

Fare adozione. materiali e testimonianze per l innovazione. Istituzione Gian Franco Minguzzi Provincia di Bologna Fare adozione materiali e testimonianze per l innovazione Assessorato alle Politiche Sociali. Immigrazione. Progetto Giovani. Cooperazione Internazionale Istituzione Gian Franco Minguzzi Provincia di Bologna

Dettagli

Consultorio Familiare

Consultorio Familiare Distretto Sanitario di Trebisacce Consultorio Familiare Botero: Famiglia Il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un presidio socio-sanitario pubblico che offre interventi di tutela e di prevenzione

Dettagli

ARAI-Regione Piem onte Federazione Russa Lettonia Moldavia Cina Slovacchia Corea del Sud Guatemala Senegal Capo Verde Burkina Faso Colombia Etiopia Brasile ARAI-Regione Piemonte, Paesi Autorizzati ATTIVITÀ

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE LA CASA RIFUGIO Finalità La Casa Rifugio è una struttura nella

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile.

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile. PROCEDURA UNIFICATA E CONDIVISA DEI RAPPORTI TRA SERVIZI SOCIALI DELLA PROVINCIA E LA S.C. SMRIA (DSM) AUSL DI FERRARA PER L ATTIVITA SOCIO SANITARIA INTEGRATA PER MINORI. La mancanza di una procedura

Dettagli

M G I U S T I Z I A N O R I L E

M G I U S T I Z I A N O R I L E M G I U S T I Z I A N O R I L E L applicazione della Legge 4 maggio 1983 n. 184 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori negli anni 1993-1999 Analisi statistica A cura del Servizio Statistico

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014. REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO

Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014. REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014 REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO Art.1 - FINALITA' DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO LINEE GUIDA SPAZIO NEUTRO La recente diffusione nei paesi occidentali delle pratiche di Luogo Neutro a sostegno del diritti dei bambini e degli adolescenti al mantenimento della relazione con i propri

Dettagli

Carta dei Servizi. Carta dei Servizi - Sezione IV: Adozione Internazionale. Adozione Internazionale. Chi Siamo. Che cosa facciamo

Carta dei Servizi. Carta dei Servizi - Sezione IV: Adozione Internazionale. Adozione Internazionale. Chi Siamo. Che cosa facciamo Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Cooperazione allo Sviluppo Dove Siamo Servizi alle Famiglie Adozione Internazionale Ultimo aggiornamento Novembre 2015 Sez.IV - 1 /22 Indice

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

(Testo D.G.R. 7 maggio 2002, n. 37-5948 e s.m.i.)

(Testo D.G.R. 7 maggio 2002, n. 37-5948 e s.m.i.) Statuto per l organizzazione ed il funzionamento della Agenzia regionale per le adozioni internazionali Regione Piemonte a norma dell art. 4 comma 8 della legge regionale 16 novembre 2001, n. 30 (Testo

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE

LINEE GUIDA REGIONALI ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE Giunta Regionale della Campania LINEE GUIDA REGIONALI ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE Delibera n 1666 del 24 aprile 2002 Pubblicato sul Bollettino Ufficiale delle Regione Campania n 29 del 17 giugno

Dettagli

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli