GIANNI BALLARANI. (in Annali 2001 della Facoltà di Giurisprudenza della LUMSA, Giappichelli, 2002, p. 291 ss.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIANNI BALLARANI. (in Annali 2001 della Facoltà di Giurisprudenza della LUMSA, Giappichelli, 2002, p. 291 ss.)"

Transcript

1 GIANNI BALLARANI L ADOZIONE DA PARTE DEL SINGOLO: SPUNTI DI RIFLESSIONE (in Annali 2001 della Facoltà di Giurisprudenza della LUMSA, Giappichelli, 2002, p. 291 ss.) SOMMARIO: I. Introduzione - II. L iter giurisprudenziale del caso Di Lazzaro e le opinioni in dottrina - III. A mò di conclusione. I. Introduzione 1 Corrisponde agli interessi preminenti del minore l adozione da parte del singolo? È ammissibile il concetto di nucleo familiare monoparentale? Cosa si intende oggi per famiglia? Questi alcuni degli interrogativi direttamente connessi alla tematica in commento ed ai quali si deve far riferimento per un corretto approccio giuridico alla questione. Per poter essere in grado di comprendere a pieno la portata di tali questioni è necessario analizzare l istituto dell adozione - nella fattispecie dell adozione da parte del singolo - nell impianto della legge n. 184 del , alla luce della Convenzione di Strasburgo del 1967 e delle interpretazioni giurisprudenziali e dottrinali in materia, per concludere con la recente legge , n. 149 che è intervenuta a modificare la disciplina sull adozione e sull affidamento dei minori, nonché il titolo VIII del libro primo del codice civile 3. 1 Data la recente legge di modifica dell istituto dell adozione, del 28 marzo 2001, n. 149, si ritiene necessario riportare in nota le disposizioni di cui agli articoli in commento, nella versione della precedente normativa del La legge 4 maggio 1983, n. 184, rubricata Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori, è pubblicata nel supplemento ordinario alla G.U. 17 maggio 1983, n La legge 28 marzo 2001, n. 149, rubricata sotto la dizione Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori, nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile è pubblicata sulla G.U. 26 aprile 2001, n. 96. Per un primo commento alla legge cfr. A.-F. FINOCCHIARO, Adozione e affidamento dei minori - Commento alla nuova disciplina (l. 28 marzo 2001, n. 149 e d.l. 24 aprile 2001, n. 150), in Quaderni di Diritto e Giustizia, Giuffrè, Milano, 2001; C. M. BIANCA, Diritto Civile, 2. La famiglia, le successioni, Appendice di aggiornamento, Giuffré, Milano,

2 L evoluzione normativa ha come punto d origine la Convenzione europea in materia di adozione di minori, firmata a Strasburgo dai Paesi membri del Consiglio d Europa il 24 aprile del 1967, il cui sesto articolo, al I paragrafo, prevede la possibilità per il singolo individuo di adottare 4. L art. 1 della Convenzione, nella traduzione italiana, dispone che ogni parte contraente si impegna a rendere la propria legislazione conforme alle disposizioni della II Parte della Convenzione; II parte, rubricata sotto la dizione Disposizioni fondamentali, in cui è ricompreso l art. 6. L art. 25 accorda, altresì, alle parti aderenti alla Convenzione - al momento della firma o del deposito degli strumenti di ratifica - la facoltà di formulare un massimo di due riserve (non di carattere generale) aventi ad oggetto le disposizioni della II Parte della Convenzione medesima. Nel 1974 la Convenzione viene ratificata in Italia con la legge n In sede di ratifica il legislatore italiano non si è avvalso della possibilità, contemplata all articolo 25, di formulare riserva relativa alla lettera di cui all articolo 6, in parte qua prevedeva l adozione da parte del singolo. L articolo 6, di conseguenza, è stato pienamente recepito dall ordinamento italiano. Il 4 maggio 1983, in Italia, l istituto dell adozione viene riformato dalla legge n. 184 che, accordando tutela preminente all interesse del minore, informa l istituto medesimo al principio dell imitatio naturae. In tal senso, l articolo 6 della stessa dispone che l adozione può essere concessa solo a coniugi uniti in matrimonio da almeno tre anni tra i quali non sussista separazione personale neppure di fatto; mentre la possibilità per il singolo di adottare è prevista solamente a fronte della morte o della sopravvenuta incapacità di uno dei due coniugi durante l affidamento preadottivo (art. 25, IV comma), ovvero per il caso di intervenuta separazione tra i coniugi affidatari (art. 25, V comma), ovvero ancora nei casi particolari di cui all articolo Convention Européenne en matière des enfants (Convenzione di Strasburgo, 1967), art. 6, par. 1: La législation ne peut permettre l adoption d un enfant que par deux personnes unies en mariage, qu elles adoptent simultanément ou successivement, ou par un seul adoptant. 5 La legge 22 maggio 1974, n. 357 di ratifica ed esecuzione della Convenzione europea in materia di adozione di minori, firmata a Strasburgo il 24 aprile 1967, è pubblicata sulla G.U. 21 agosto 1974, n Art. 25, quarto comma, legge n. 184 del 1983: Se uno dei due coniugi muore o diviene incapace durante l affidamento preadottivo, l adozione, nell interesse del minore, può essere ugualmente disposta ad istanza dell altro coniuge nei confronti di entrambi, con effetto, per il coniuge deceduto, dalla data della morte. Art. 25, quinto comma: Se nel corso dell affidamento preadottivo interviene separazione tra 2

3 La giustificazione della previsione normativa è da individuare nella più indicata forma di tutela di cui il minore necessita: la famiglia tradizionalmente intesa come tale, ossia nell accezione di luogo degli affetti formato da due figure parentali (di sesso diverso) 7. In tal guisa, risulta più agevole comprendere la ratio della tassatività dei casi che accordano al singolo la possibilità di adottare; non è previsto un diritto dell uomo ad avere un figlio 8, mentre è previsto il diritto di un minore ad avere una famiglia ed una debita tutela ordinamentale in questo senso. Così la previsione di adozione da parte del singolo è limitata, da un lato, alle situazioni in cui si ritiene non consigliabile provocare ulteriori traumi al minore in stato di abbandono, come il distacco da persone con cui già ha istaurato un rapporto affettivo (IV e V comma, artt. 25; lett. a e b, art. 44); ovvero, dall altro, ai casi in cui per ragioni di età (adolescenziale) del minore o di condizioni personali (handicap psico-fisici) risulta impossibile l affidamento preadottivo (lett. c, art. 44) 9. La disciplina dell istituto dell adozione è stata, come precedentemente accennato, di recente novellata dalla legge di modifica 149/ 01. La nuova normativa, pur introducendo rilevanti modificazioni al sistema dell 83 (prevalentemente di ordine i coniugi affidatari, l adozione può essere disposta nei confronti di uno solo o di entrambi, nell esclusivo interesse del minore, qualora il coniuge o i coniugi ne facciano richiesta. Art. 44, legge n. 184 del 1983: I minori possono essere adottati anche quando non ricorrano le condizioni di cui al primo comma dell art. 7: a) da persone unite al minore orfano di padre e di madre, da vincolo di parentela fino al sesto grado o da rapporto stabile e duraturo preesistente alla perdita dei genitori; b) dal coniuge nel caso in cui il minore sia figlio anche adottivo dell altro coniuge; c) quando vi sia la constatata impossibilità di affidamento preadottivo. L adozione nei casi indicati nel precedente comma, è consentita anche in presenza di figli legittimi. Nei casi in cui alle lettere a) e c) l adozione è consentita, oltre che ai coniugi, anche a chi non è coniugato. Art. 7, primo comma, legge n. 184 del 1983: L adozione è consentita a favore dei minori dichiarati in stato di adottabilità ai sensi degli articoli seguenti. 7 Questa linea speculativa è a fondamento anche della Convenzione di Strasburgo; attraverso l analisi letterale dell art. 6 della stessa, infatti, è chiaramente ravvisabile l intenzione di segnare i limiti entro i quali gli Stati membri aderenti avrebbero dovuto disciplinare l istituto. In tal senso, la norma, laddove prevede che la possibilità di adottare sia accordata a persone unite in matrimonio o ad un solo adottante, si esprime attraverso una formulazione negativa: La legislation ne peut permettre l adoption d un enfant que intendendo, dunque, imporre agli Stati aderenti il divieto di permettere l adozione al di fuori della previsione normativa stessa, ossia a coppie di fatto e a coppie omosessuali, come sarà meglio chiarito nel corso della trattazione. 8 Così come è stato anche sostenuto dalla Corte Costituzionale nella recente sentenza 6 luglio 1994, n. 281, in Rep. Foro it., 1994, voce: Adozione, nn. 68 e 69 e in Dir. fam., 1994, p Cfr. Corte Cost. 16 maggio 1994, n

4 procedurale), consistenti nella integrazione e sostituzione di articoli o di parti di essi, ha disatteso le speranze di quanti attendevano l innovazione dell istituto con riguardo alla legittimazione piena per i singoli all adozione, non apportando, in tal senso, modifica alcuna alla precedente disciplina e, dunque, negando la possibilità ai singoli di essere ricompresi tra i soggetti legittimati all adozione piena. Già il nuovo titolo sancisce ulteriormente, ufficializzandolo, il riconoscimento del preminente diritto del minore ad una famiglia, là dove l art. 1 opera la sostituzione del titolo della precedente legge , n. 184 (Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori) con il seguente: Diritto del minore ad una famiglia, e ciò può essere oggetto di una lettura a suffragio della negazione di un presunto diritto dell uomo ad avere un figlio (come, del resto, già accennato) ancorché, in linea con i primi commentatori 10, si deve rilevare come, a fronte di poche modifiche sostanziali, la nuova legge operi prevalentemente una innovazione lessicale che, di fatto, poco incide sui contenuti. L art. 6 della legge di modifica recepisce ed integra la disciplina del precedente art. 6, l. 184/ 83, disponendo, al I comma, che L adozione è consentita a coniugi uniti in matrimonio da almeno tre anni. Tra i coniugi non deve sussistere e non deve aver avuto luogo negli ultimi tre anni separazione personale nemmeno di fatto, e specificando al IV comma che Il requisito della stabilità del rapporto di cui al I comma può ritenersi realizzato anche quando i coniugi abbiano convissuto in modo stabile e continuativo prima del matrimonio per un periodo di tre anni 11, nel caso in cui il Tribunale per i minorenni accerti la continuità e la stabilità della convivenza, avuto riguardo a tutte le circostanze del caso concreto. L art. 21, l. 149/ 01, ancorché intervenga a modificare l art. 25 della precedente legge dell 83, lascia altresì invariate le disposizioni di cui al IV e V comma, che come 10 Vedi, in tal senso, A.-F. FINOCCHIARO, cit., nella parte di presentazione dell opera e, diffusamente, in tutto il lavoro. 11 Con riferimento alla opportunità di accordare ai conviventi more uxorio la possibilità di adottare, si è favorevolmente espressa autorevole dottrina che, riguardo ai contenuti della legge n. 184 del 1983, ha sostenuto che sarebbe stata utile l adozione del minore da parte dei conviventi, fondata su una convivenza stabile e seria ; così, P. PERLINGERI, Il diritto civile nella legalità costituzionale, ESI, Napoli, 1991, p

5 precedentemente detto, riguardavano la possibilità per il singolo di adottare a fronte di speciali circostanze. Proprio riguardo all eccezione di cui al V comma dell art. 21, l. 149/ 01, ove è contemplata la possibilità di concedere l adozione ad uno solo dei coniugi - o ad entrambi - qualora, nel corso dell affidamento preadottivo, a fronte di una pronuncia di separazione personale, esso perseveri - o essi perseverino - nella richiesta di adozione, non debbono sorgere dubbi interpretativi ponendola in relazione alla norma di cui all art. 6 della stessa legge, laddove esso dispone che possono adottare i coniugi sposati da almeno tre anni e tra i quali non sussista, e non abbia avuto luogo, separazione personale neppure di fatto. Questo perché la norma di cui al V comma dell art. 21, facendo stretto riferimento all affidamento preadottivo, specifica implicitamente la giustificazione di essa con l interesse primario del minore, il quale, dato il corso dell affidamento medesimo, ha già instaurato un rapporto affettivo con gli affidatari. L art. 25, l. 149/ 01, interviene ad integrare l art. 44 della legge dell 83 inserendo alla lett. d il contenuto di cui alla lett. c della precedente versione, con riferimento alla costatata impossibilità di affidamento preadottivo, e prevedendo, alla nuova lett. c, il caso in cui il minore si trovi nelle condizioni indicate dall art. 3, I comma, l , n e sia orfano di padre e di madre. Il medesimo art. 25, al III comma, oltre ad estendere la previsione di consentire l adozione sia ai coniugi sia a chi non è coniugato, anche alla nuova lett. c (previsione di cui al III comma dell articolo 44 della superata legge), inserisce, modificandola, anche la norma di cui al precedente IV comma, la quale ora stabilisce che, qualora l adottante sia persona coniugata e non separata, l adozione potrà essere tuttavia disposta solo a seguito di richiesta da parte di entrambi i coniugi, mentre la vecchia formulazione prevedeva, per lo stesso caso, che il minore doveva essere adottato da entrambi i coniugi. 12 La legge. 5 febbraio 1992, n. 104, rubricata Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate e pubblicata nel supplemento ordinario alla G.U. 17 febbraio 1992, n. 39, al I comma dell art.3 (Soggetti aventi diritto) definisce come persona handicappata Colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo si svantaggio sociale o di emarginazione. 5

6 Ancora, l articolo modifica anche il contenuto del V comma della precedente versione, limitando la previsione del divario di età di diciotto anni di coloro che intendono adottare rispetto al minore, ai soli casi sub lett. a e d del I comma. Una prima analisi dell articolo novellato porta a considerare l evidente intenzione del legislatore, resa palese tanto dalla puntualizzazione di cui alla lett. c in distinzione rispetto alla lett. d, quanto dal minor rigore di cui al nuovo IV comma e dalla differente formulazione riguardo l adottante coniugato e non separato, di agevolare ulteriormente l adozione di quei minori che si trovino in condizioni decisamente particolari, e ciò al fine di dare loro una ulteriore chance 13. Ancorché parte della dottrina abbia in passato sostenuto, attraverso una lettura critica delle norme di cui all art. 44, una celata ipocrisia della legge con riferimento all adozione da parte di singoli limitata ai casi più drammatici 14, leggendo la norma 13 Come osserva attenta dottrina, infatti, Attraverso l adozione in casi particolari si realizza [ ] l attuazione di una disciplina variamente articolata, che consente, nella peculiarità dei casi concreti, di conseguire il risultato più idoneo a soddisfare il diritto del minore a realizzarsi come persona. Pertanto le differenze di regime giuridico devono trovare la loro giustificazione in una scelta motivata nell interesse del minore, scelta che non determina una concorrenza tra i vari tipi di adozione, in quanto l adozione meno piena si presenta con caratteri di specificità, sussidiarietà, residualità; difatti l adozione in casi particolari manifesta la sua utilità e può intervenire solo quando l adozione piena sia inammissibile in diritto: quando, cioè, il minore non è abbandonato (art. 44, lett. a e b, legge n. 184 del 1983) o quando l adozione piena è di fatto irrealizzabile (art. 44 lett. c, legge n. 184 del 1983) : così L. ROSSI CARLEO, voce: Adozione dei minori, in Enc. Dir., aggiornamento I, Giuffré, Milano, 1997, p In tal senso vedi D. BONAMORE, L adozione speciale deve essere speciale, nota a Appello Roma 25 settembre 1993, in Giust. Civ. 1994, p. 247, il quale sostiene che proprio con riguardo a quei minori con problemi sanitari gravi o handicappati e, dunque, più bisognosi, il legislatore dell 83 ricorre agli ausiliari, ai supplenti, ai panchinari [ ]: i singoli, dei quali l art. 1 della stessa legge non fa parola, prospettando poi due possibili interpretazioni della scelta del legislatore, entrambe sarcastiche ma non aderenti alla realtà fattuale; con la prima sostiene che il legislatore si è prefigurato che un individuo solo [ ] possa dedicare, a chi è più bisognoso, cure, affetto, attenzioni [ ] maggiori e migliori che non una coppia sposata, la quale magari qualche volta [ ] penserà anche a se stessa, dimenticando, però, che la possibilità accordata al singolo di adottare non è preclusiva per la coppia; mentre con la seconda, che sostiene essere l unica vera, argomenta che il legislatore dell 83 e la maggior parte di coloro che affronterebbero la crociata contro i singoli, i diversi [ ], quando parlano di adozione speciale, ai bambini, in realtà, non ci pensano per niente, ovvero poco. Un bambino sano, bello, intelligente, buono è una gioia per tutti [ ]. Sfortuna o fortuna hanno voluto che fosse abbandonato. A chi darlo? Nemmeno sprecare il fiato: alla coppia regolare [ ]. I bambini gravemente ammalati e gli handicappati, al contrario, sono una croce [ ], hanno bisogno e pretendono cure e dedizione continue, sacrifici, tempo e denaro. [ ] A chi affidarli in adozione? Alle belle coppie regolarmente sposate? Eh no! [ ] Si chiamino allora i supplenti, gli ausiliari [ ] di cui sopra, non considerando che, al contrario, la previsione normativa, a fronte di un oggettivo problema di inserimento difficoltoso, consente di allargare il ventaglio delle limitate possibilità di essere adottati proprio a quei bambini che hanno gravi problemi, perché è tristemente ovvio che non tutti sono pronti ad affrontare realtà difficili, ed allora è bene non escludere 6

7 correttamente, risulta evidente che la previsione della possibilità di adottare per il singolo - che si affianca a quella delle coppie unite in matrimonio - va letta nel senso di cui sopra, ossia come offerta di maggiori possibilità per coloro che si trovano nei casi particolari previsti dall articolo stesso. In quest ottica si è portati, dunque, a considerare criticamente i rilievi mossi da detta dottrina con riguardo alla presunta incoerenza del sistema normativo dell 83. La sostenuta contraddittorietà dei casi particolari di adozione, rispetto alle finalità stesse dell istituto, è informata sul rilievo che se la ratio dello stesso è la tutela dell interesse del minore, che normalmente si esplica attraverso l inserimento del medesimo in una famiglia formata da una coppia di coniugi sposata da almeno tre anni, accordare al singolo la possibilità di adottare per il caso in cui il minore sia affetto da gravi problemi sanitari o da handicap, sembra essere quanto mai in contrasto con dette finalità, in quanto proprio colui che si trova nell impossibilità di un affidamento preadottivo è sicuramente ancor più bisognoso dell assistenza genitoriale, dato che all abbandono si aggiunge la precarietà dello stato di salute. Salvo che la tesi riportata non tiene in considerazione il fatto che al minore, nella previsione dell art. 44, è offerta anche la possibilità di essere adottato dal singolo, in aggiunta alla ovvia possibilità di essere adottato da una coppia, secondo il più tradizionale principio dell imitatio naturae, ampliando, così, il ventaglio di possibilità di adozione 15, come del resto argomentato in nota (cfr., infra, nota 11). alcuna possibilità. Ciò conferma anche l eccezionalità della norma di cui all art. 44, che, come si vede, non è di certo volta ad una presunta tutela della coppia perfetta, bensì al preminente interesse del minore di vivere godendo del suo diritto primario ad una famiglia, a prescindere dallo stato di salute psico-fisica in cui versa. Ciò è ulteriormente supportato anche dal disposto di cui all art. 57, l. 184/ 83, ove con riguardo proprio all adozione in casi particolari, ex art. 44, specifica che essa deve realizzare il preminente interesse del minore ed è compito del giudice verificarlo assieme alla verifica della ricorrenza delle circostanze di cui all art. 44; ma non solo, l art. 29 l. 149/ 01 è intervenuto sostituendo la lettera a) dell art. 57, prevedendo dettagliatamente che il Tribunale debba verificare l idoneità effettiva e la capacità di educare e di istruire il minore, la situazione personale ed economica, la salute, l ambiente familiare degli adottanti. 15 Con riferimento ai requisiti degli adottanti, anche prima dell entrata in vigore della nuova disciplina, la dottrina era concorde nel ritenere che l adozione in casi particolari è consentita sia alla coppia sposata che all adottante singolo, con la necessaria precisazione che quest ultimo è legittimato in tal senso soltanto qualora non sussista convivenza coniugale, così, C. EBENE COBELLI, voce: Adozione, II, Adozione in casi speciali, in Enc. Giur. Treccani, I, Roma, 1988, p. 3, ribadendo il limite posto dalla 7

8 II. L iter giurisprudenziale del caso Di Lazzaro e le opinioni in dottrina La questione circa l ammissibilità o meno di ricomprendere tra i soggetti legittimati ad adottare anche il singolo è stata, negli anni, oggetto di un ampio dibattito che, prendendo le mosse da un controverso caso giurisprudenziale, ha coinvolto, oltre la dottrina, anche l opinione pubblica (data la notorietà del personaggio protagonista della vicenda) ed il formante legislativo (attraverso la formulazione di una pluralità di progetti di legge tra loro contrapposti proprio con riguardo alla tematica sull adozione del single). Il caso è quello dell attrice Dalila Di Lazzaro, la quale, nel 1992 l attrice inoltra, presso il Tribunale per i minorenni di Roma, domanda di adozione come persona singola, ai sensi dell articolo 6 della Convenzione di Strasburgo. Il Tribunale respinge l istanza asserendo che la proposta della Di Lazzaro si basa sull erroneo presupposto che il suddetto articolo contenga l obbligo per il diritto interno di prevedere, tra i soggetti pienamente legittimati ad adottare, anche il singolo e sottolineando come nel nostro ordinamento l adozione da parte dei singoli sia consentita solo nei casi tassativamente predeterminati di cui agli articoli 25, IV e V comma, e 44 della legge n. 184/ Avverso tale provvedimento l istante propone reclamo alla Corte d appello di Roma - sezione minorenni - contestando la non operatività della norma pattizia. La Corte d appello, ritenendo che la norma pattizia abbia acquistato forza autoapplicativa nell ordinamento interno in virtù dell ordine di esecuzione, il quale conferisce natura speciale alle norme pattizie rendendole immodificabili da leggi successive fino alla revoca dell ordine di esecuzione in base al principio pacta sunt servanda di cui all articolo 10 Cost., ritenendo quindi la norma dell articolo 6 direttamente vincolante e, di conseguenza, non abrogato dalla legge 184/ 83, solleva la Convenzione concernente l esclusione delle coppie di fatto dai soggetti legittimati all adozione ; sul punto vedi, inoltre, L. ROSSI CARLEO, voce: Adozione dei minori, cit., p Tribunale min. Roma, 28 marzo 1993, in Rep. Foro it., 1993, voce Adozione, n. 67; Giust. civ., 1993, I, p. 2821, con nota di A. BEGHÈ LORETI; id.,1994, I, p. 247, con nota di D. BONAMORE; Giur. it., 1994, I, 2, c. 234, con nota di L. LENTI e L. ROSSI CARLEO. 8

9 questione di legittimità costituzionale - in relazione agli articoli 3, 29, e 30, Cost. - dell articolo 6 della Convenzione europea di Strasburgo , recepito dal nostro ordinamento in virtù dell art. 2 della legge di ratifica , n. 357, nella parte in cui permette senza limiti l adozione di un minore da parte di un solo adottante, 17. Il 9 luglio 1993 la Corte d appello sospende il giudizio rimettendo gli atti alla Corte Costituzionale. Il 16 maggio 1994 la Corte Costituzionale dichiara, con sentenza 18 interpretativa di rigetto, la questione non fondata. La norma impugnata, nel giudizio della Consulta, non è autoapplicativa 19, essa delimita l ambito delle scelte legislative in ordine alla legittimazione all adozione di minori, senza vincolare gli Stati aderenti ad ammettere tutte le soluzioni. La legge italiana sull adozione non contrasta il precetto di cui all articolo 6 della Convenzione ammettendo solo la prima delle due alternative e limitando a casi particolari la possibilità per il singolo di adottare. Nell interpretazione del giudice di legittimità costituzionale, dunque, la norma pattizia non conferisce ai giudici italiani competenti il potere di concedere l adozione ai singoli fuori dal limite entro cui tale potere è attribuito dalla legge nazionale e non può essere interpretata nel senso di vincolare il legislatore italiano ad ammettere senza limiti l adozione del singolo. La norma attribuisce al legislatore nazionale una mera facoltà e non è autoapplicativa, ossia non è direttamente applicabile nei rapporti intersoggettivi privati. 17 Ord. App. Roma, 25 settembre 1993, in Rep. Foro it., 1993, voce Adozione, n. 67; Giur. it., 1994, I, 2, c. 234, con nota di L. LENTI e L. ROSSI CARLEO; Giur. merito, 1994, p. 442, con nota di M. GUGLIELMI; Giust. Civ., 1993, I, p. 2821, con nota di A. BEGHÈ LORETI; id.,1994, I, p. 247, con nota di D. BONAMORE; Nuove leggi civ., 1993, p. 1398, con nota di C. FIORAVANTI. 18 Ord. Corte. Cost. 16 maggio 1994, n. 183, Rep. Foro it., 1994, voce Adozione, n. 67; Giust. Civ., 1994, I, pp e 2107, con nota di D. BONAMORE e M. GUGLIELMI; Dir. fam., 1994, pp e 2999, con nota di M. DOGLIOTTI. 19 Si legge nella sentenza della Corte costituzionale che la norma pattizia non conferisce immediatamente ai giudici italiani competenti il potere di concedere l adozione di minori a persone singole fuori dai limiti entro cui tale potere è attribuito alla legge nazionale [ ]. Destinatari immediati della norma contenuta nell art. 6 sono i legislatori nazionali. [ ] La norma in esame non è, per definizione, autoapplicativa, ossia direttamente applicabile nei rapporti intersoggettivi privati, occorrendo a tale effetto l interposizione di una legge interna che determini i presupposti di ammissione e gli effetti dell adozione da parte di una persona singola. Cfr. C.Cost. 16 maggio 1994, n. 183, in Riv. cit. 9

10 La Consulta, pur sottolineando l esigenza alla base dell istituto dell adozione di inserire il minore abbandonato in una famiglia (intesa, sulla base dell art. 29 della Costituzione, come società naturale fondata sul matrimonio 20 ), chiarisce che, fermo questo criterio di preferenza per l adozione da parte di una coppia di coniugi, nei principii di cui agli articoli 3, 29 e 30, Cost., nulla vieta una innovazione legislativa che riconosca, in misura più ampia, la possibilità che l adozione da parte del singolo sia giudicata in concreto più conveniente all interesse del minore 21. Esaurito l incidente di costituzionalità, il giudizio davanti alla Corte d appello si chiude il 28 novembre 1994, decretando la legittimità della proposta di adozione della Di Lazzaro ai sensi dell articolo 6 della Convenzione di Strasburgo 22. A seguito della dichiarazione di costituzionalità della norma pattizia, il giudice a quo, riproponendo l interpretazione del carattere self-executing della norma, riforma il provvedimento del Tribunale e conclude per la legittimazione della Di Lazzaro a proporre la propria disponibilità ad adottare al di fuori dei limiti fissati dalla legge n. 184 del Avverso il decreto emesso dalla Corte d appello di Roma ha proposto ricorso straordinario per Cassazione il Procuratore Generale presso la Corte d appello, ex art. 111 Cost, contestando la linea interpretativa della Corte stessa sull art. 6 della Convenzione e sollevando la questione circa il vincolo posto da una sentenza interpretativa di rigetto della Corte Costituzionale 23. La Suprema Corte, con sentenza n del 21 luglio 1995 ha accolto il ricorso del Procuratore Generale cassando senza rinvio la sentenza impugnata 24. Accogliendo 20 Matrimonio inteso come rapporto affettivo coniugale piuttosto che come atto. 21 Cfr. Corte Cost. 16 maggio 1994, n. 183, in Riv. cit. 22 Decr. App. Roma, sez. minorenni, , in Giur. merito, 1995, p. 214, con nota di M. GUGLIELMI; Giust. Civ., 1995, 241, con nota di A. BEGHÈ LORETI-ORLANDI; id., p. 1355, con note di D. BONAMORE e G. MANERA. 23 Al ricorso ha resistito con controricorso la Di Lazzaro eccependo il difetto di legittimazione ad impugnare del Procuratore Generale, il carattere non decisorio e definitorio del provvedimento impugnato e l inosservanza dei termini per proporre ricorso; eccezioni che sono state respinte tutte dalla Corte di Cassazione. 24 Cass., 21 luglio 1995, n. 7950, in Foro it., 1995, I, 12, c. 3409; id., 1996, I, 1, c. 628, con nota di C. PIETRANGELI; Giust. civ., 1995, I, 10, p. 2332; Corriere Giur., 1995, 9, p. 1059, con nota di V. CARBONE; 10

11 l interpretazione a supporto del ricorso fornita dal Procuratore Generale presso la Corte d appello, secondo il S. C., il vincolo posto da una sentenza interpretativa di rigetto impedisce al giudice che ha sollevato la questione di legittimità costituzionale di riproporre la medesima interpretazione della norma oggetto del giudizio. In tal senso, infatti, il giudizio di legittimità costituzionale crea un vincolo per il giudice a quo che si concretizza nella impossibilità di una interpretazione in contrasto con la disposizione dichiarata costituzionalmente legittima, ancorché, secondo un consolidato orientamento dottrinale e giurisprudenziale 25, il vincolo vada accolto in senso negativo, essendo limitato all interpretazione della norma nel senso disatteso e restando, dunque, possibile una differente interpretazione. Nell interpretare l art. 6 della Convenzione, la Suprema Corte di Cassazione aderisce alla posizione assunta dalla Corte Costituzionale precisando come i destinatari della norma di cui all art. 6 siano i legislatori nazionali e dunque negando il carattere autoapplicativo della norma stessa. Alla luce dell interpretazione fornita dalla Corte di Cassazione, l adozione legittimante di un minore da parte di una persona singola è consentita in Italia nei (soli) limiti in cui il legislatore del 1983 (utilizzando la facoltà all uopo attribuitagli dall art. 6 della Convenzione di Strasburgo) l ha in concreto disciplinata e cioè nella ricorrenza dei presupposti di cui agli artt. 25, IV e V comma e 44 della citata legge n. 184 del La pronuncia della Suprema Corte, in armonia con la previsione della Consulta, evidenzia come tali disposizioni, non derogando ai principii generali dell istituto, abbiano carattere particolare e non eccezionale, realizzando una tecnica alternativa di attuazione della finalità primaria dell adozione che è quella di assicurare al minore, che ne è privo, l effettività di una vita familiare: inteso, per famiglia [ ] il luogo degli Nuova Giur. Civ. Comm., 1996, 2, p. 525, con nota di CRISTIANI; Giur. it., 1997, I, 1, c. 697, con nota di A. GABRIELLI. 25 vedi, in giurisprudenza, Corte Cost. 25 maggio 1990, n. 268, in Foro it. 1990, I, c. 3067; in dottrina, SANDULLI, Natura, riflessioni ed effetti delle pronunzie della Corte costituzionale sulla legittimità delle leggi, in Riv. trim. dir. pubb., 1959, p. 37; contra, cfr. V. CRISAFULLI, Lezioni di diritto costituzionale, II, Giuffrè, Milano, 1984, 400, il quale ritiene il giudice a quo positivamente vincolato all applicazione della norma in armonia con l interpretazione fornita dalla Corte Costituzionale. 26 Cfr. Cass. 21 luglio 1995, n. 7950, in riv. cit. 11

12 affetti indipendentemente dal numero dei suoi componenti. Dal che anche il corollario di una non pregiudiziale esclusione di una interpretazione estensiva od analogica delle riferite disposizioni, in quanto appunto non eccezionali 27 Pur aderendo in via generale alla posizione assunta dalla Suprema Corte, si ritiene, altresì, di non poter condividere l interpretazione fornita con riguardo alla natura non eccezionale delle norme di cui sopra. È opinione condivisa che, nella determinazione dell eccezionalità di una norma, dipendendo l eccezione dall agire in deroga ai principii generali che regolano i singoli istituti, debba intervenire un giudizio ermeneutico e valutativo con riguardo ai principi informatori degli istituti, in relazione alle finalità da essi perseguite 28. Parte della dottrina, aderendo alla linea speculativa del S. C., sostiene la non eccezionalità delle norme di cui agli artt. 25, IV e V comma e 44 della l. 184/ 83, argomentando - sulla base dell intenzione del legislatore di proteggere i valori esistenziali del minore da adottare realizzando [ ] il principio dell effettività di una vita familiare 29 - che le norme di cui sopra, essendo finalizzate al perseguimento del medesimo scopo dell istituto e, dunque, coincidendo anch esse con l intento di rendere operante il diritto di tutti ad una famiglia 30, tendono alla realizzazione del valore intrinseco dell adozione [ ] ricorrendo ad una forma diversa di adozione 31 e dunque non derogano ai principii generali dell istituto; l eccezione, secondo detta dottrina, non riguarda la norma, bensì la condizione dell adottando. 27 Cfr. Cass. 21 luglio 1995, n. 7950, in riv. cit. 28 Sulla natura eccezionale di una norma, vedi D. BARBERO, Sistema istituzionale del diritto privato italiano, UTET, Torino, 1950, p. 62, il quale definisce l eccezionalità come una specialità più ridotta ai casi singolarmente indicati, che, in vista di singolari circostanze, vengono sottoposti ad una disciplina la quale, rispetto alla disciplina comune, ha carattere di deviazione e perciò valore di eccezione ; sulla valutazione in merito all eccezionalità, cfr. P. PERLINGERI, Il diritto civile nella legalità costituzionale, ESI, Napoli, 1991, p F. RUSCELLO, L adozione da parte del singolo: natura non eccezionale della sua disciplina normativa e diritto alla famiglia, in Esercitazioni di istituzioni di diritto privato, a cura di Giove e Ruscello, Foggia, 1996, p F. RUSCELLO, L adozione da parte del singolo: natura non eccezionale della sua disciplina normativa e diritto alla famiglia, cit. 31 F. RUSCELLO, L adozione da parte del singolo: natura non eccezionale della sua disciplina normativa e diritto alla famiglia, cit. 12

13 Argomentando a contrariis, la natura eccezionale delle norme di cui sopra, per altro ampiamente supportata in dottrina 32, è determinata dal fatto che, se è vero che l eccezione cade sulla condizione particolare dell adottando, è proprio la condizione stessa posta a fondamento dell eccezionale previsione normativa; di guisa che, la possibilità per il singolo di adottare è intimamente connessa alla condizione particolare, e non viceversa. Non è, infatti, la condizione dell adottando ad essere eccezionale, ma è essa, data la sua particolarità, a determinare l eccezione nella disciplina ordinaria. Essa condizione è posta, dunque, a giustificazione della eccezionalità delle norme. Ciò trova conferma proprio nella definizione fornita dal S. C. di norma eccezionale, dipendendo detta eccezione dall agire in deroga ai principii generali dell istituto, atteso che le norme di cui all art. 25, IV e V comma e di cui all art. 44, agiscono in deroga rispetto alla previsione di cui all art. 6, l. 184/ 83, proprio con riferimento ai soggetti legittimati ad adottare, ammettendo, a fronte di speciali circostanze (art. 25, IV e V comma) ovvero di casi particolari (art. 44), anche (ma non esclusivamente) il singolo e consentendo, dunque, l adozione oltre i limiti posti dall art. 6. Ciò detto, è altresì evidente che, ancorché le norme di cui sopra siano eccezionali come previsione, non si è in presenza di una adozione di intensità e tutela inferiore rispetto alla adozione c.d. piena 33, quanto meno dal punto di vista del rapporto che si instaura tra adottato ed adottante. I numerosi interventi dottrinali che hanno fatto seguito alle varie fasi dell iter giurisprudenziale del caso Di Lazzaro, dunque, hanno avuto riguardo, tanto ai contenuti dell ordine di esecuzione della Convenzione di Strasburgo ed al carattere 32 A supporto dell eccezionalità della previsione normativa dei casi particolari, vedi, per tutti, L. SACCHETTI, Il commento dell adozione e dell affidamento, Rimini, 1986, p. 321, ed in particolare L. ROSSI CARLEO, voce: Adozione dei minori, cit., là dove sostiene che se nell adozione piena il legislatore ha fissato con estremo rigore una serie di requisiti per gli adottanti, all inverso, per l adozione in casi particolari, si è ritenuto opportuno derogare alla rigidità dei requisiti, mentre si è inteso fissare con intransigenza quelli che si individuano, appunto, come casi particolari. La ratio della norma è evidente: nella prevalenza delle ipotesi si richiede la sussistenza delle condizioni ritenute ottimali per il minore; in ipotesi specifiche è possibile derogare a quei requisiti, pur di offrire al minore una tutela che [ ] è più idonea. 33 F. RUSCELLO, L adozione da parte del singolo: natura non eccezionale della sua disciplina normativa e diritto alla famiglia, cit. 13

14 autoapplicativo o meno delle norme pattizie, quanto al tenore letterale dell art. 6 della Convenzione di Strasburgo. Con riguardo all ordine di esecuzione della Convenzione, ci si è chiesti se esso imponesse o meno l obbligo per gli Stati aderenti di ammettere l adozione da parte del singolo. In tal senso, ancorché parte della dottrina e della giurisprudenza 34, abbiano sostenuto che la norma contenesse l obbligo positivo per il legislatore italiano di prevedere l adozione da parte del singolo, altra dottrina 35 alla quale si ritiene di aderire, in armonia con l interpretazione fornita tanto dalla Corte costituzionale 36 quanto dalla Corte di Cassazione 37, ha sostenuto che la norma di cui all art. 6 della Convenzione non obbliga positivamente a prevedere l adozione da parte del singolo o da parte di una coppia di coniugi 38, bensì pone il divieto per gli Stati contraenti di rendere possibile adottare oltre i limiti posti dalla norma stessa e, dunque, alle coppie conviventi ed omosessuali. Ciò è chiaramente riscontrabile attraverso l analisi del tenore letterario della norma, la quale, attraverso l espressione negativa La legislation ne peut permettre l adoption d un enfant que par deux personnes unies en mariage, qu elles adoptent simultanément ou successivement, ou par un seul adoptant, piuttosto che formare un obbligo positivo, 34 Vedi D. BONAMORE, L adozione speciale deve essere speciale, nota a App. Roma 25 settembre 1993, in Giust. civ. 1994, p. 247; C. FIORAVANTI, L adozione in base all art. 6 par. 1 della Convenzione di Strasburgo, nota a App. Roma 25 settembre 1993, in Nuove leggi civ., 1993, p. 1400; in giurisprudenza vedi Ord. App. Roma 25 settembre 1993, in Rep. Foro it., 1993, voce Adozione, n A. BEGHÈ LORETI, La normativa internazionale e quella italiana in tema di adottabilità di un minore da parte di persona sola, nota a App. Roma, 25 settembre 1993, in Giust. Civ., 1993, I, p. 2827; V. CARBONE, Adozione di minore da unico adottante: manca la norma, in Corriere giur., 1995, p. 1063; M. DOGLIOTTI, La Corte costituzionale esclude l adozione da parte del singolo e dà consigli al futuro legislatore, in Dir. fam., 1994, p. 3000; M. GUGLIELMI, Ammissibilità dell adozione del singolo adottante, in Giur. merito, 1994, p. 448; L. LENTI, L adozione da parte di persone singole: la legge 184 e la Convenzione di Strasburgo, in Giur. it., 1994, I, 2, c. 237; F. PIETRANGELI, L adozione del singolo, la Convenzione di Strasburgo del 24 aprile 1967 e la legislazione vigente: critica ad una recente sentenza della Corte di cassazione, in Foro it., 1996, I, 1, c. 628; L. ROSSI CARLEO, Molto rumore per nulla: l adozione da parte del singolo, in Giur. it., 1994, I, 2, c Ord. Corte Cost. 16 settembre 1994, n. 183, cit. 37 Cass. 21 luglio 1995, n. 7950, cit. 38 La Convenzione non fa menzione della durata del rapporto di coniugio al fine della determinazione dei soggetti legittimati ad adottare. In tal senso, non contrasta la previsione operata dalla legge n. 149 del 2001 al IV comma dell art. 6, riguardo alla possibilità che ad adottare siano i coniugi i quali, ancorché non abbiano raggiunto i tre anni di matrimonio, abbiano convissuto in modo stabile e continuativo per un periodo di almeno tre anni prima delle nozze. 14

15 chiaramente impone il divieto di cui sopra, conferendo al legislatore interno una mera facoltà. Ancora riguardo al dettato dell art. 6 della Convenzione, il testo, oltre ad essere espresso in forma negativa, crea una sostanziale alternativa in merito alla previsione dei soggetti ammessi ad adottare, i coniugi sposati da almeno tre anni ed il singolo; alternativa resa palese dall utilizzo della particella disgiuntiva ou, o nel testo italiano, preferita alla congiunzione et. Benché, come è stato correttamente notato in dottrina 39, l uso della particella disgiuntiva ou nel testo originale, fosse inevitabile, dato che se si fosse fatto uso della copulativa et si sarebbe incorsi nel macroscopico errore di consentire l adozione alla coppia ed al singolo, ossia ad una coppia più un terzo soggetto, si è portati a criticare la medesima dottrina là dove, sostenendo che I soggetti in grado di dichiararsi pronti ad adottare un bambino possono dunque essere, a norma della Convenzione internazionale e della legge italiana che l ha introdotta nel diritto interno, sia una coppia sposata sia un singolo 40, asserisce che entrambi i soggetti (coppia di coniugi e singolo individuo) debbano essere al pari ammessi all adozione. Convenendo ancora con l interpretazione fornita dal Supremo Collegio ed ampiamente supportata in dottrina 41, si ribadisce che la norma di cui all art. 6 crea un alternativa tra le soluzioni e, esprimendosi in senso negativo, non impone l obbligo per il legislatore interno di prevederle entrambe. Essa si limita a tracciare i confini tra ciò che è consentito, e ciò che non è consentito, lasciando libertà al legislatore interno, 39 D. BONAMORE, L adozione speciale deve essere speciale, nota a App. Roma 25 settembre 1993, in Giust. civ. 1994, p. 247, il quale evidenzia come, nel precetto dell art. 6 [ ] le due categorie di individui cui compete il diritto di proporsi per l adozione speciale sono legate dalla particella invariabile o che rientra nel novero delle congiunzioni. Al contrario della copulativa e, che lega due elementi della proposizione o due proposizioni fra di loro (citando testualmente S. BATTAGLIA e V. PERTICONE, La grammatica italiana, Torino, 1968, 435). 40 D. BONAMORE, L adozione speciale deve essere speciale, in op. cit., A. BEGHÈ LORETI, La normativa internazionale e quella italiana in tema di adottabilità di un minore da parte di persona sola, nota a App. Roma, 25 settembre 1993, in Giust. Civ., 1993, I, p. 2827; G. CATTANEO, L adozione da parte di persone sole o di due persone non coniugate, in Studi in onore di Cesare Grassetti, Giuffrè, Milano, 1980, p

16 destinatario primo della normativa dato il carattere non self-executing della norma, di scegliere le soluzioni che ritiene più idonee tra quelle prospettate dalla Convenzione 42. In ultimo, con riferimento al carattere self-executing della norma pattizia 43, a fronte dell interpretazione positiva fornita dalla Corte d appello 44 e sostenuta da parte della dottrina 45, la quale ha ritenuto che l art. 6 della Convenzione abbia acquistato forza autoapplicativa nell ordinamento interno, tanto la Corte costituzionale, quanto la Cassazione, hanno negato il carattere self-executing della norma, affermando che essa attribuisce al legislatore una mera facoltà e non è direttamente applicabile ai rapporti intersoggettivi privati 46. Detta interpretazione, ampiamente supportata in dottrina 47, muove dal corretto presupposto che la Convenzione di Strasburgo, come precedentemente detto, detta le linee guida della normativa, senza tuttavia dare una disciplina di dettaglio alla materia, lasciando al legislatore interno, destinatario primo 42 Ciò porta a muovere una ulteriore critica alla tesi dottrinale di chi sostiene che, ancorché sia evidente che una sola soluzione (citando criticamente A. BEGHÈ LORETI, La normativa internazionale e quella italiana in tema di adottabilità di un minore da parte di persona sola, cit., p. 2828) è [ ]sufficiente [ ], questo riguarda il momento ad opera dei giudici. Si è ossia portati a confondere la fase genetica della norma con la sua attuazione. La legge [ ] costruisce un obbligazione [ ] alternativa. O si accetta la norma, come ha fatto l Italia, o non si accetta. Se si accetta, tuttavia, non si può poi pretendere di circoscriverne l attuazione ad una sola delle due ipotesi previste : così, D. BONAMORE, L adozione speciale deve essere speciale, cit., p L affermazione riguardo all accettazione della norma è estremamente corretta da un punto di vista sia formale che sostanziale. Ma la norma, va accettata nel suo contenuto precettivo, considerando che essa non ha carattere autoapplicativo e che dunque i destinatari di essa sono i singoli legislatori, così come chiaramente sostenuto sia dal Giudice di legittimità costituzionale, sia dalla Suprema Corte. Il che significa che se la normativa esprime una facoltà alternativa, sarà poi compito del destinatario della Convenzione, ossia del legislatore interno, disciplinarne i limiti che egli ritiene più aderenti alle finalità dell istituto italiano dell adozione. Compito del giudice è sì scegliere la soluzione considera più idonea al caso concreto, ma entro i limiti di cui sopra, definiti dalla legge nazionale, sulla base delle indicazioni fornite dal dettato della Convenzione. 43 Secondo la dottrina prevalente, il carattere autoapplicativo di una norma pattizia è determinato dal non necessario intervento integrativo da parte del legislatore interno; la norma acquista piena efficacia in virtù del solo ordine di esecuzione. In tal senso, vedi, per tutti, CONDORELLI, Il giudice italiano e i trattati internazionali. Gli accordi self-executing e non self-executing nella giurisprudenza, Padova, 1974, passim. 44 Ord. App. Roma, 25 settembre 1993, cit. 45 Vedi F. PIETRANGELI, L adozione del singolo, la Convenzione di Strasburgo del 24 aprile 1967 e la legislazione vigente: critica ad una recente sentenza della Corte di cassazione, cit., p. 628; D. BONAMORE, Il principio di razionalità e verità della legge, le sentenze della Corte costituzionale e l ingresso nell ordinamento dell adozione speciale da parte del singolo (art. 6, l. 22 maggio 1974 n. 357), in Giust. civ., 1994, II, p Cfr., infra, nota Vedi, sul punto, A. BEGHÈ LORETI, La normativa internazionale e quella italiana in tema di adottabilità di un minore da parte di persona sola, cit., p. 2827; C. FIORAVANTI, L adozione in base all art. 6 par. 1 della Convenzione di Strasburgo, cit., p

17 della normativa, il compito di determinare, attraverso la legge, i contenuti dell istituto entro i confini segnati dalla Convenzione. III. A mò di conclusione Benché sia facilmente constatabile che, allo stato attuale, esistono compagini familiari composte da un solo genitore ed uno o più figli, dato che l ordinamento garantisce al minore in stato di abbandono la massima tutela, si può argomentare, a conforto della previsione restrittiva del dettato normativo, che la scelta (ponderata) del legislatore del in armonia con la precedente normativa dell 83 - di limitare ai soli coniugi uniti in matrimonio da almeno tre anni la possibilità di adottare 48, essendo informata sulla necessità di fornire ad esso (già di fatto leso dalla situazione di abbandono) una assistenza familiare massima, ossia un foyer stable et harmonieux 49, abbia tenuto in debita considerazione che detta tutela si realizzi pienamente ed esclusivamente con l inserimento del medesimo nel miglior gruppo familiare disponibile, di norma composto da due figure parentali. Ciò in considerazione anche dell eventualità del potersi realizzare situazioni paradossali in cui, il minore adottato subisca, ad esempio, la perdita di un genitore adottivo. Di conseguenza è possibile addurre ragioni a conforto della eccezionalità delle norme che disciplinano l adozione in casi particolari e che accordano al singolo la possibilità di rendersi disponibile all adozione, nonché supportare la negazione, sancita dalla legge 149/ 01, dell ammettere il singolo tra i soggetti legittimati all adozione piena. È evidente, in tal senso, il trauma che provocherebbe al minore la perdita, già, di uno solo dei genitori adottivi; inutile a dirsi cosa significherebbe per il minore la perdita del solo genitore adottivo; basti, così, pensare alla conseguente riapertura di una nuova procedura di adozione con il sorgere di nuovi legami, a seguito della reiterata situazione di abbandono. Tutto ciò nel presunto interesse del minore! 48 Contenendo la legittimazione del singolo all adozione, alle speciali circostanze di cui agli invariati IV e V comma dell art. 25, ed ai casi particolari sub lett. a, c e d dell art. 44 novellato 49 Dizione di cui all art. 8, par. 2, della Convenzione di Strasburgo. 17

18 Pur volendo prescindere dagli aspetti giuridici del rapporto di filiazione adottiva, il legame fisico e psichico che si instaura tra adottato e adottante è il presupposto fondamentale e, allo stesso tempo, lo scopo ultimo dell adozione dei minori di età 50. Se è vero che ad adottare il minore è l adulto, è per altro vero, che il rapporto è reciproco e che la parte debole di esso è il minore: è l lui che l ordinamento accorda la massima tutela. Sul presupposto che il leit motiv dell istituto dell adozione è garantire il diritto del minore ad una famiglia in virtù della preminente tutela di cui sopra e, considerando che, non è ammissibile un diritto (inviolabile) dell uomo ad adottare 51, si è dunque portati, non condividendo l opinione di quanti ritengono che l adozione da parte del singolo possa garantire i medesimi benefici per il minore rispetto all adozione tradizionale da parte di una coppia, ad escludere la possibilità di ammettere il singolo all adozione piena, come del resto ampiamente argomentato da autorevole dottrina 52 e così come confermato dalla vigente legge. 50 Come correttamente argomentato da attenta dottrina, sono, infatti, soprattutto i rapporti affettivi ad essere meritevoli di tutela; così, P. PERLINGERI, Sui rapporti personali nella famiglia, in Rapporti personali nella famiglia a cura di, ESI, Napoli, 1982, p Così come correttamente argomentato dalla Corte costituzionale: cfr. C. Cost , n. 281, in Foro it., Rep. 1994, voce: Adozione, nn. 68 e 69, ove ha asserito che non rientra tra i diritti inviolabili dell uomo (di cui all art. 2 Cost.) l aspirazione per il singolo di adottare. 52 Vedi P. TRIMARCHI, in Commentario al diritto italiano della famiglia, a cura di Cian, Oppo, Trabucchi, Cedam, Padova, 1993, 68; nonché A. BEGHÈ LORETI, La normativa internazionale e quella italiana in tema di adottabilità di un minore da parte di persona sola, nota a App. Roma, 25 settembre 1993, in Giust. Civ., 1993, I, p. 2827, la quale evidenzia come considerare una famiglia quella volutamente monoparentale equivarrebbe a negare il diritto del bambino ad una famiglia completa con una figura paterna ed una materna. 18

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente Guido NEPPI MODONA Giudice Annibale MARINI "

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO. A000951, 1 A000951 FONDAZIONE INSIEME onlus. SENTENZA N. 6078 DEL 18/03/2006 FAMIGLIA ADOZIONE INTERNAZIONALE DA PARTE DI SINGLE LIMITI DI AMMISSIBILITÀ La Cassazione conferma il principio secondo il quale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3461

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3461 Senato della Repubblica LEGISLATURA N. 3461 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa dei senatori BUGNANO, LANNUTTI e MASCITELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 SETTEMBRE 2012 Modifiche alla legge 4 maggio 1983,

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985

Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985 Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985 Aissatou Diatta contro Land Berlino - (Domanda di pronunzia pregiudiziale, proposta dal Bundesverwaltunhgd Gericht). Lavoratori migranti Diritto di soggiorno della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d'iniziativa della deputata RAVETTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d'iniziativa della deputata RAVETTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3832 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa della deputata RAVETTO Modifiche alla legge 4

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero III, ottobre/dicembre 2014 Riconoscimento in Italia di sentenza straniera di adozione da parte

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3338 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BISCARDINI, CASILLO, CREMA, LABELLARTE e MARINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 10 MARZO 2005 Modifiche alla legge

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo.

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. SOMMARIO INTRODUZIONE 1. 2. Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. La recente legge di riforma delle adozioni: luci ed ombre. p. 11 18

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Legge 19 ottobre 2015 n. 173

Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare. (G.U. n. 252 del 29 ottobre 2015) Entrata

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo,

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili

Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili Federico Vanetti In un precedente commento sulle disposizioni transitorie

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE Tribunale di Cuneo, 17 febbraio 2010, n. 100 Alberto Serpico L art. 540, comma II, c.c., dispone che al coniuge,

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI SOMMARIO: 1. I soggetti religiosi. Premessa 2. Le persone fisiche 3. Gli enti religiosi (rinvio) 4. Le confessioni religiose *** 1. I SOGGETTI RELIGIOSI. PREMESSA I soggetti

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 «Politica di immigrazione Diritto al ricongiungimento familiare dei figli minori di cittadini di paesi terzi Tutela dei diritti

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4478 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BELLILLO, ADDUCE, ANGIONI, BIELLI, BOGI, BULGARELLI, COLUCCINI, MAURA COSSUTTA, DEIANA, MAZZARELLO,

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE Gli effetti di una rottura coniugale, come è noto, sono numerosi e coinvolgono questioni psicologiche, affettive, mutamenti di stile, di vita, limitazioni

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

Cass. civ. Sez. VI, 14 ottobre 2014, n. 21633

Cass. civ. Sez. VI, 14 ottobre 2014, n. 21633 Primi passi nell interpretazione dei rapporti tra tribunale per i minorenni e tribunale ordinario secondo il nuovo art.38 delle disposizioni di attuazione del codice civile Cass. civ. Sez. VI, 14 ottobre

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

Roma, 15 gennaio 2015

Roma, 15 gennaio 2015 Roma, 15 gennaio 2015 Forum delle associazioni familiari Audizione presso la Commissione Giustizia del Senato nel dibattito sulla regolamentazione delle unioni civili Il Forum ringrazia il Presidente e

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE Esaminati gli atti del procedimento iscritto al n. 344/2007 R.G., sciogliendo la riserva che precede; OSSERVA Va, innanzitutto,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

*** IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

*** IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE «Minori: ricorre lo stato di abbandono quando la vita offerta al minore non è in grado di assicurargli un normale sviluppo psico-fisico» (Cassazione civile sez. I, 25 giugno 2014, numero: 14448) Minore-

Dettagli

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI

L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI SOMMARIO: 1. Il valore probatorio delle dichiarazioni del minore in ambito civile e, in particolare, nei procedimenti di separazione e divorzio

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni IMMIGRAZIONE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Campania Legge della Regione Campania 8 febbraio 2010, n. 6 recante Norme per l inclusione sociale, economica e culturale

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA Sull esercizio del c.d. potere di soccorso in materia di gare pubbliche Inquadramento della

Dettagli

Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità.

Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità. Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità. Tribunale di Roma 27.09.2010 n. 14015 Dott.ssa Marrocco Z.E. (Avv. Maciejak) - INPS In

Dettagli

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014 Annunziata & Conso La recente sentenza del Tribunale di Roma del 20 maggio 2014, n. 11384, offre l occasione per fare il punto

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria

Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria n. 11/12 A. Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, riunito in camera di consiglio, con l intervento

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

SENTENZA N.385 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE

SENTENZA N.385 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE SENTENZA N.385 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente - Fernanda CONTRI Giudice - Guido NEPPI MODONA

Dettagli

Presidente della Repubblica, conflitto di attribuzioni e patrocinio dell Avvocatura dello Stato: spunti e problemi. di Antonio De Vita*

Presidente della Repubblica, conflitto di attribuzioni e patrocinio dell Avvocatura dello Stato: spunti e problemi. di Antonio De Vita* Presidente della Repubblica, conflitto di attribuzioni e patrocinio dell Avvocatura dello Stato: spunti e problemi di Antonio De Vita* La contrapposizione tra il Presidente della Repubblica e il Ministro

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

Adozione internazionale da parte di single legittima ''in casi particolari'' Corte Costituzionale, ordinanza 29.07.2005 n.

Adozione internazionale da parte di single legittima ''in casi particolari'' Corte Costituzionale, ordinanza 29.07.2005 n. Adozione internazionale da parte di single legittima ''in casi particolari'' Corte Costituzionale, ordinanza 29.07.2005 n. 347 (Luigi Viola) Con l ordinanza 347/05 la Corte Costituzionale, pur dichiarando

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

----------------------------------------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------------------------------------- Titolarità formale e sostanziale del trattamento dei dati personali: la sentenza della Suprema Corte di Cassazione 6927/2016 sula legittimazione passiva della Banca d Italia quale gestore dell archivio

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

ADOZIONE LEGITTIMANTE.

ADOZIONE LEGITTIMANTE. ADOZIONE LEGITTIMANTE. CASS. CIV., SEZ. I, 14 FEBBRAIO 2011, N. 3572. In tema di adozione legittimante, l'art. 6 l. n. 184/83 pone il principio conformatore dell'istituto secondo il quale tale adozione

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395.

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395. OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014 2. MATERNITÀ SURROGATA: LA NORMATIVA DELL UNIONE EUROPEA NON CONTEMPLA IL DIRITTO DI UNA MADRE COMMITTENTE AD OTTENERE UN CONGEDO RETRIBUITO

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO Segnalazione di contrasto Rel. n. 123 Roma, 21 giugno 2012 Oggetto: TRIBUTI (IN GENERALE) - DISCIPLINA DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE (RIFORMA

Dettagli

FABBRI, GRANAIOLA, IDEM, LO GIUDICE, MANASSERO, PADUA, PAGLIARI, PEZZOPANE, PIZZETTI, PUPPATO, SANTINI, SCALIA, SOLLO, SPILABOTTE

FABBRI, GRANAIOLA, IDEM, LO GIUDICE, MANASSERO, PADUA, PAGLIARI, PEZZOPANE, PIZZETTI, PUPPATO, SANTINI, SCALIA, SOLLO, SPILABOTTE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1209 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PUGLISI, FEDELI, MATTESINI, LUMIA, AMATI, ASTORRE, BERTUZZI, CIRINNÀ, COLLINA, D ADDA, Stefano ESPOSITO, FABBRI,

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Tribunale di Milano Sezione controversie di lavoro Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione regionale di controllo per la Puglia. Nella camera di consiglio del 16 giugno 2014 composta da:

REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione regionale di controllo per la Puglia. Nella camera di consiglio del 16 giugno 2014 composta da: Deliberazione n. 131/PAR/2014 REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione regionale di controllo per la Puglia Nella camera di consiglio del 16 giugno 2014 composta da: Consigliere Luca Fazio Presidente

Dettagli

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici:

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici: App. Firenze, 27 giugno 2008 Matrimonio tra omosessuali L istituto del matrimonio non costituisce una istituzione pre-giuridica ( come ad es. la famiglia) né un diritto fondamentale dell individuo, da

Dettagli