Il bambino straniero adottato Percorsi e strategie di inserimento familiare fra trauma migratorio e trauma da abuso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il bambino straniero adottato Percorsi e strategie di inserimento familiare fra trauma migratorio e trauma da abuso"

Transcript

1 04_Prospettiva_pp_49_ :05 Pagina 56 Il bambino straniero adottato Percorsi e strategie di inserimento familiare fra trauma migratorio e trauma da abuso Marco Chistolini - psicoterapeuta, esperto di adozione internazionale, consulente del CIAI 1. Chi sono i bambini che vengono adottati internazionalmente C è un generale consenso nel ritenere che i figli adottivi abbiano maggiori problemi, psicologici e comportamentali, dei loro coetanei non adottati. La letteratura nazionale ed internazionale è unanime su questo aspetto. Hjern, Lindblad, Vinnerljung (2002) hanno effettuato qualche anno fa in Svezia una ricerca, forse una delle più estese mai realizzate, nella quale, grazie alle informazioni provenienti dallo Swedish Register Population, è stato possibile confrontare tra loro: un gruppo di adottivi composto da soggetti (8700 di origine asiatica e 2620 di origine latinoamericana); un gruppo di 2343 fratelli biologici degli adottivi, un gruppo di 4006 immigrati e la popolazione generale pari a persone. I risultati hanno mostrato che gli adottivi hanno, rispetto alla popolazione non adottata, sei volte di più la probabilità di commettere suicidio, da 3 a 4 volte maggiore possibilità di avere disturbi mentali; 5 volte più probabilità di fare uso di droghe, da 2 a 3 volte di abusare di alcol o commettere dei crimini. Nella stessa ricerca, però, si evidenzia come l 82% dei maschi e il 92% delle femmine si sono bene adattati, presentando un livello di funzionamento psichico e sociale nella norma. La letteratura indica che nel determinare l esito dell adozione sono in gioco numerose variabili, generalmente indicate con il termine di fattori di rischio e fattori protettivi. Uno dei più importanti è sicuramente quello dell età del bambino al momento dell adozione. Vi è generale consenso nel ritenere che al suo crescere aumentino le probabilità di insuccesso o che vi sia maggiore probabilità che si verifichino difficoltà importanti nell adottato (di adattamento, di apprendimento o nel senso di comportamenti devianti). Va però detto che non tutti gli studi confermano tale assunto, attribuendo un peso meno rilevante a questa variabile. Altro aspetto concordemente ritenuto importante nel determinare il rischio di insuccesso adottivo è quello delle istituzionalizzazioni che hanno preceduto l inserimento in famiglia. E.W. Ames (1997) ha confrontato un gruppo di bambini adottati dalla Romania, precedentemente istituzionalizzati per almeno 8 mesi, un gruppo ugualmente adottato dalla Romania senza previa istituzionalizzazione e bambini nati in Canada non adottati. Il confronto tra i tre gruppi mostra, tra l altro, che il gruppo precedentemente istituzionalizzato aveva un più basso livello cognitivo, tanto più deficitario quanto maggiore era stata la permanenza nell istituto. Vi sono poi le conseguenze che posso- no derivare allo sviluppo neurobiologico del bambino a causa delle condizioni svantaggiate in cui si sono realizzate la gravidanza, il parto e i primi anni di vita (sappiamo bene come l assunzione di droga o alcol durante la gravidanza, la malnutrizione, il parto prematuro possano influire negativamente sullo sviluppo neurologico del bambino). Da ultimo, non certo per frequenza né per importanza, vanno ricordati gli effetti a breve, medio e lungo termine dell aver esperito situazioni di violenza e/o grave deprivazione. È ormai nota, anche se ancora spesso sottovalutata, la complessa e articolata costellazione di reazioni, psichiche, comportamentali, neurologiche, di tipo posttraumatico che possono far seguito a tali esperienze. Un altra conseguenza particolarmente grave e pericolosa è quella della possibilità di successive vittimizzazioni del bambino adottato. Può accadere, infatti, che egli possa mettere in atto comportamenti violenti, oppositivi, provocatori, che possono suscitare reazioni aggressive e/o denigranti nei genitori adottivi o in altri adulti di riferimento, non in grado di gestirle correttamente. Stesso rischio si può verificare quando il bambino presenta un atteggiamento seduttivo e la presenza di condotte sessualizzate, comportamenti tipici di chi è stato vittima 56 N. 63/08

2 04_Prospettiva_pp_49_ :05 Pagina 57 di abuso sessuale, esponendolo al rischio di sperimentare nuovamente questo tipo di trauma. Altri recenti studi hanno, inoltre, evidenziato che le differenze tra soggetti adottati e non adottati, pur presenti, hanno una rilevanza meno significativa di quanto comunemente si pensa. M. H. van IJzendoorn and F. Juffer (2006), hanno realizzato un imponente lavoro di meta-analisi esaminando numerose ricerche realizzate in diversi paesi sull andamento delle adozioni. Questo lavoro ha preso in esame un totale di 265 studi, relativi a soggetti adottati e non adottati considerati come gruppo di controllo. I risultati sono, per molti aspetti, sorprendenti. Gli autori, infatti, affermano che: Abbiamo trovato solo piccole differenze tra i bambini adottati e quelli nonadottati Gli adottati, paragonati ai non adottati, mostrano complessivamente maggiori problemi di comportamento, più sintomi esternalizzanti e internalizzanti ma in quantità contenute. Valutazioni simili sono espresse da Palacios nel libro Psychological Issues in adoption (2005). L autore propone che, per valutare la efficacia dello strumento adozione, sia più corretto comparare le performance dei bambini adottati con quelle di coloro che, partiti dalla stessa condizione di abbandono, sono rimasti in istituto. Quando questa comparazione viene effettuata i risultati sono clamorosamente a vantaggio dei bambini adottati. Riportando questi dati non si vuol certo minimizzare la portata delle difficoltà che caratterizzano tanti bambini adottati nei diversi contesti di vita, quanto piuttosto porre l attenzione sul fatto che l adozione, contrariamente a come spesso viene considerata, è una condizione esistenziale che non definisce caratteristiche omogenee e generalizzabili a tutti coloro che vi appartengono. È frequente, infatti, riferirsi ai bambini adottati come se l essere tali li rendesse portatori tutti delle medesime peculiarità, equiparando l adozione ad una condizione morbosa che comporta un quadro di problematicità omogeneo. Pare più corretto e rispondente alla realtà, considerare l adozione come una condizione esistenziale, uno scenario, che può presentare situazioni estremamente diversificate in quantità e qualità. Sappiamo, infatti, che ci sono bambini adottati che hanno avuto storie costellate da esperienze traumatiche e bambini con un percorso di vita certamente difficile, ma non particolarmente penalizzante. Ciò ci spiega perché alcune adozioni vanno male e altre, la stragrande maggioranza, funzionano bene. Questa varietà di situazioni, come vedremo più avanti, si registrano anche relativamente alle prestazioni scolastiche. In altre parole si tratta di attribuire alle esperienze dolorose vissute dal bambino, che costituiscono degli indubbi fattori di rischio, un significato non deterministico che lascia spazio a percorsi di vita soddisfacenti. Purtroppo, non di rado, coloro che lavorano con le persone in difficoltà sono portate ad avere una specifica e selettiva attenzione sugli aspetti di problematicità trascurando il potenziale di risorse e competenze che ogni persona, in misura ovviamente diversa, porta con sé. A questo proposito è istruttivo un esempio riportato da Elena Malaguti nel suo libro Costruire la resilienza (2005). In una ricerca condotta da J. Kaufman e E. Zigler (1987), del dipartimento di psicologia di Yale, è emerso che in un gruppo di 282 genitori 49 di essi erano stati maltrattati durante l infanzia. Tra i figli del gruppo complessivo di genitori sono stati rilevati 10 bambini maltrattati che in 9 casi erano figli dei genitori a loro volta maltrattati da piccoli. È facile dedurne che il 90% dei bambini maltrattati, considerati nella ricerca, ha avuto almeno un genitore che ha subito maltrattamento infantile. Se ci fermassimo qui l informazione ricavata sarebbe imponente: chi è stato maltrattato diventa genitore maltrattante in una altissima percentuale di casi! In realtà se esaminiamo i numeri in un modo diverso le indicazioni che emergono sono assai più rassicuranti. Basta notare, infatti, che dei 49 genitori che hanno subito maltrattamento solo 9 (circa il 20%) sono diventati maltrattanti, mentre nell 80% dei casi le cose sono andate diversamente! Indicazioni sulla possibilità di un recupero positivo anche quando si è avuto un infanzia particolarmente difficile, ci vengono anche dal lavoro svolto da Rutter e Rutter (1993). Naturalmente assumere un atteggiamento attento alle risorse e fiducioso di un possibile recupero della svantaggio iniziale, non deve significare negare o sottovalutare le numerose difficoltà che possono caratterizzare la frequenza scolastica dei bambini adottati. Si tratta piuttosto di assumere un approccio che coniughi l attenzione alle problematiche del bambino e dei genitori con la capacità di valorizzare le competenze di cui gli stessi sono portatori. Sintetizzando quanto fin qui esposto possiamo affermare che: 1. L adozione costituisce una condizione esistenziale delicata, caratterizzata da alcuni temi sensibili che comportano significative criticità, che si presentano estremamente diverse, caso per caso, in quantità e qualità. Andando da un estremo di gravi patologie intra-psichiche e/o del comportamento, a condizioni di funzionamento psicologico ampiamente nella norma. 2. La crescita del soggetto adottato e il compito dei suoi genitori, si presentano complessi e richiedono accompagnamento e sostegno adeguati. 3. L esito dell adozione, che è nella maggioranza dei casi positivo, dipende da numerosi fattori che interagiscono tra loro durante il percorso, rinforzandosi o compensandosi reciprocamente. 4. In un certo numero limitato di casi (tra il 10 ed il 20% nelle N. 63/08 57

3 04_Prospettiva_pp_49_ :05 Pagina 58 adozioni difficili e tra l 1 ed il 3% nelle altre), la relazione tra genitori e bambino non ha l effetto riparativo sperato e il legame si rompe definitivamente dando luogo al fenomeno del fallimento adottivo (disruption). 2. La dimensione etnica In modo simile al minore immigrato anche il bambino adottato internazionalmente deve affrontare il compito di integrare due duplici appartenenze: quella alla propria etnia originaria e quella al nuovo contesto di vita. Generalmente, dopo l adozione e con il trascorrere degli anni, si realizza un inevitabile processo di distanziamento dalla cultura di origine. Tale fenomeno è attribuibile a diverse ragioni, sia di carattere cognitivo (l inevitabile oblio di abitudini, suoni, significati, ecc.), sia di carattere psicologico (la necessità di voltare pagina e assimilarsi alla nuova famiglia. Tipico, in questo senso, è il fenomeno della lingua madre dimenticata nello spazio di poche settimane. Ritengo che questo processo di italianizzazione sia inevitabile ed opportuno. Infatti, giorno dopo giorno, il bambino, impara e fa sue le componenti tipiche della cultura italiana (lingua, alimentazione, abitudini, fiabe, tradizioni, storia, ecc.) sia nell interazione con i familiari, sia con l ambiente (scuola, coetanei, ecc.) e costruisce la sua appartenenza al nuovo contesto culturale, che gradualmente diventa suo. Non va dimenticato che l adozione comporta anche questo aspetto: consentire al minore di costruire una appartenenza completa e sostanziale al contesto che lo accoglie, non solo di tipo affettivo, ma anche culturale nel senso più esteso del termine. Ciò premesso si pone il problema di come coniugare la costruzione di questo nuovo senso di appartenenza con quello precedentemente costruito con l etnia originaria. Chiaramente non si può pensare che il bambino cancelli il bagaglio culturale che ha maturato nel suo Paese di origine. Ciò non sarebbe giusto né possibile. Soprattutto quando egli ha vissuto un tempo piuttosto lungo nel suo Paese di origine e/o è portatore di caratteristiche somatiche che lo identificano come appartenente ad un altra etnia, indipendentemente dal tempo vissuto in Italia. Ne consegue che si debba lavorare per far si che il bambino prima e l adulto poi, possano avere una identità composita e ben integrata, che consenta di tenere assieme, in modo coerente, tanto la sua parte etnica originaria quanto quella, successiva, italiana. È evidente che il raggiungimento di questo obiettivo richiede uno sforzo di attivazione su più piani che dovrebbe avere per protagonisti soprattutto i genitori, ma che potrebbe e dovrebbe giovarsi dell aiuto di altre agenzie educative come la scuola. La questione non è semplice né banale e rappresenta una sfida per tutti noi. Si tratta di chiedersi chi sono questi bambini/ragazzi/adulti adottati provenienti da altri luoghi. Essi sono per molti aspetti italiani (cittadini italiani, figli di italiani, nipoti di italiani, ecc.) e per altri stranieri (nati e vissuti in un altro Paese, di diversa madre lingua, somaticamente differenti, ecc.). È frequente che questi soggetti, che crescono incrociando dentro di loro due mondi diversi, si trovino collocati da una parte o dall altra di queste due appartenenze, senza che vi sia possibilità di integrazione e di riconoscimento della loro originale specificità. Con gradazioni diverse caso per caso, infatti, si deve riconoscere che questi bambini/adolescenti/adulti rappresentano una categoria di cittadini un po speciale, portatori di una pluralità di appartenenze (geografiche, affettive, biografiche, esperenziali, ecc.) che è importante riconoscere, rispettare e valorizzare. Se non si parte da questo dato di fatto, dal riconoscimento della peculiarità rappresentata dall essere provenienti da un altro Paese e figli biologici di persone di altra etnia ma, contemporaneamente, figli di genitori italiani e dell Italia cittadini, non sarà mai possibile acquisire un approccio adeguato nel relazionarsi a figli adottivi. Credo che tutto ciò comporti la necessità di riconsiderare la nostra idea di italianità. Dobbiamo chiederci cosa significhi essere italiani oggi, quali caratteristiche precisino appropriatamente questa appartenenza, per muoverci verso la definizione di un nuovo costrutto di italianità che sappia includere storie e caratteristiche diverse a cominciare da quelle somatiche (può sembrare banale dirlo, ma dobbiamo considerare che ormai essere italiani non significa più necessariamente avere la pelle chiara). 3. Il compito dei genitori adottivi e il ruolo dei servizi Da quanto affermato dovrebbe essere chiara la delicatezza e la complessità del compito che spetta ai genitori adottivi. Essi dovranno, innanzitutto, costruire una relazione nutriente e riparativa con il bambino. Parallelamente dovranno accompagnarlo e sostenerlo nell affrontare, oltre che le consuete sfide della crescita, le specifiche questioni che caratterizzano l adozione e che possiamo denominare temi sensibili dell adozione (TSA), quali: 1. L informazione sull essere stati adottati. 2. La rottura del legame con i genitori naturali (l abbandono) ed il confronto con il passato. 3. La costruzione di una positiva identità di genitori adottivi. 4. La costruzione di una equilibrata identità etnica. 5. La costruzione di una buona relazione di attaccamento bambino-genitori. 6. L inserimento a scuola e nel contesto sociale. 7. La presenza di traumi specifici. 58 N. 63/08

4 04_Prospettiva_pp_49_ :05 Pagina 59 In questo difficile compito assume una fondamentale importanza che i genitori adottivi possano contare sull accompagnamento ed il sostegno, adeguato e competente, degli operatori psico-sociali. Appare, quindi, importante che gli enti locali e le aziende sanitarie, sotto il coordinamento delle regioni, costruiscano progetti di intervento articolati ed efficaci di post-adozione, ricorrendo anche alla competenza e all esperienza degli enti autorizzati. Purtroppo non sono pochi i casi in cui le famiglie adottive sono lasciate sostanzialmente sole e gli interventi di aiuto e cura sono attivati tardivamente, quando la situazione è ormai gravemente compromessa. Altro aspetto importante è quello relativo alla continuità del sostegno nel tempo. L adozione, infatti, costituisce una condizione esistenziale che non si esaurisce negli anni, ma permane definitivamente, proponendo e ri-proponendo tematiche tipiche che vanno affrontate e risolte nelle diverse tappe della vita (basti pensare all adolescenza o all assunzione del ruolo genitoriale). In questa ottica appare opportuna l offerta di interventi di sostegno specifici per le diverse tappe del ciclo di vita familiare. Chiaramente considerando che, come sottolineato in precedenza, le problematiche ed i bisogni del bambino possono essere assai diversificati, è importante che il sostegno sia organizzato in modo da essere flessibile e saper calibrare, in qualità e quantità, gli interventi sulla base delle specifiche esigenze di ciascun nucleo familiare. In particolare pare utile distinguere due differenti livelli di lavoro: Il primo è quello che possiamo definire sostegno standard, che trova la sua motivazione nel fatto che tutte le famiglie adottive, a prescindere dalle loro caratteristiche, si trovano ad affrontare alcuni temi impegnativi, per i quali è necessario che siano seguite e sostenute. Il secondo è quello che deve essere attivato sulla base di specifiche esigenze presentate dal nucleo adottivo. Questa altra dimensione risponde ad una logica sartoriale che costruisce il suo prodotto sulla base dei bisogni specifici del cliente (Chistolini, in corso di pubblicazione). Chiaramente per stimare quali siano i bisogni che caratterizzano la famiglia adottiva, dovrà essere effettuata una valutazione accurata della situazione della stessa finalizzata a definire quali interventi è necessario attivare in suo favore. Si dovranno pertanto raccogliere informazioni esplorando diverse aree quali: composizione della famiglia e anamnesi del bambino e della coppia, informazioni sanitarie, profilo di personalità dei coniugi, composizione e ruolo delle famiglie estese, scelte organizzative in merito alla gestione del bambino, atteggiamento relativamente ai TSA (temi sensibili dell adozione), aspetti psicologici e comportamentali del bambino, capacità cognitive del bambino, rete istituzionale. Da questa valutazione dovrà scaturire un progetto di intervento articolato, rispondente agli specifici bisogni del nucleo familiare. Vorrei concludere sottolineando la enorme delicatezza e potenzialità del percorso adottivo: un incontro magico di storie, bisogni e risorse diverse che può generare recuperi sorprendenti o dare luogo a vicende cariche di delusione e sofferenza infinita. Sta a noi fare del nostro meglio, con umiltà ed impegno, perché siano sempre più numerose le storie con esito positivo. BIBLIOGRAFIA AMES E.W., The development of Romanian orphanage children adopted to Canada, Final report to Human Resources Development, Canada, BARTH R.P., BROOKS D. (1999), Adults transracial and in racial adoptees: effects of race, gender, adoptive family structure and placement history on adjustment outcome, American Journal of Orthopsychiatry, 69, BARTH R.P., BERRY M., (1988), Adoption and disruptions: Rates, risks and responses, New York: Aldine de Gruyter. BERTETTI B., CHISTOLINI M., RANGONE G., VADILONGA F. (2003), L adolescenza ferita: un modello di presa in carico integrata nelle gravi crisi dell adolescenza, FrancoAngeli Milano. BRODZINSKY D.M., PALACIOS J. (a cura di) (2005), Psychological issues in adoption. Research and practice, Oxford University Press, New York. CAVALLO M. (a cura di) (1995), Adozioni dietro le quinte, FrancoAngeli, Milano. CAVALLO M. (a cura di) (1999), Viaggio come nascita. Genitori e operatori di fronte all adozione internazionale, FrancoAngeli, Milano. CHISTOLINI M. (2003), Il decreto di idoneità: motivazioni ed indicazioni, in Adozioni internazionali sul territorio e nei servizi, a cura dell Istituto degli Innocenti, Collana della Commissione per le Adozioni Internazionali, CHISTOLINI M. (2003), Il decreto di idoneità: motivazioni ed indicazioni, in Adozioni internazionali sul territorio e nei servizi, a cura dell Istituto degli Innocenti, Collana della Commissione per le Adozioni Internazionali, CHISTOLINI M. (2003), Le informazioni nell adozione: quale significato nella crescita del bambino, Minorigiustizia n. 3/2003. FrancoAngeli, Milano. CHISTOLINI M. (2006a), Adozione e scuola. Linee guida e strumenti per operatori, insegnanti, genitori, Franco- Angeli, Milano. CHISTOLINI M. (2006b), Il passaggio del bambino dalle strutture residenziali alla famiglia adottiva, Minorigiustizia n. 4/2006, FrancoAngeli, Milano. N. 63/08 59

5 04_Prospettiva_pp_49_ :05 Pagina 60 CHISTOLINI M. (in corso di pubblicazione), Il post-adozione fra progettazione ed azione, a cura dell Istituto degli Innocenti. Collana della Commissione per le Adozioni Internazionali. GREEN A.H (1994), La violenza sessuale infantile: conseguenze immediate e a lungo temine e loro trattamento, Terapia Familiare, n. 46. GROOTHUES M., BECKETT J., O CONNOR H., (2001), Successful outcomes: a follow-up study of children adopted from Romania into the UK; Adoption Quarterly, n. 2. HJERN P., LINDBLAD K., VINNERLJUNG M. (2002), Suicide, psychiatric illness, and social maladjustment in intercountry adoptees in Sweden: a cohort study, The Lancet. ISTITUTO DEGLI INNOCENTI (a cura di) (2003), Percorsi problematici dell adozione internazionale, Collana della Commissione per le Adozioni Internazionali. MOORE J., FOMBONNE E. (1999), Psychopathology in adopted and nonadopted children: a clinical sample, 60 American Journal of Orthopsychiatry, 69, PALACIOS J., SANCHEZ-SÀNDOVAL Y., LEÒN E. (2005), Intercountry adoption disruption in Spain, Adoption Quarterly, vol. 9, n. 1. PARK S. M., GREEN C. E. (2000), Is transracial adoption in the best interests of ethnic minority children? Questions concerning legal and scientific interpretations of a child s best interests, Adoption Quarterly, vol. 3, n. 4. RUTTER M., RUTTER M. (1993), Developing Minds: Challenge and Continuity Accross the Life Span, Basic Books, New York. SHARMA, A.R., MCGUE, M.K., & BENSON, P.L. (1996), The emotional and behavioral adjustment of United States adopted adolescents, Part I. An overview Children and Youth Services Review, 18: SMITH S.L., HOWARD J.A. (1999), Promoting successful adoption: Practice with troubled families, Thousand Oaks, C.A.: Sage. STAMS, G.J., JUFFER, F. (2000), The deve- N. 63/08 lopment and adjustment of 7 yearold children adopted in infancy, Journal of child psychology and psychiatry, 2000, 8, STREISSGUTH A.P, CONNER, P.D. (2001) Fetal alcohol syndrome and other effects of prenatal alcohol: Developmental cognitive neuroscience implications. In C.A. NELSON, M. LUCIANA (a cura di), Handbook of cognitive developmental neuroscience, MIT Press, Cambridge MA. VAN IJZENDOORN M.H., JUFFER F. (2006), The Emanuel Miller Memorial Lecture 2006: Adoption as intervention. Meta-analytic evidence for massive catch-up and plasticity in physical, socio-emotional, and cognitive development, Centre for Child and Family Studies, Leiden University, The Netherlands. VERHULST, F.C., ALTHAUS, M., & VERSLUIS-DEN BIEMAN, H.J.M. (1990), Problem behavior in international adoptees: II. Age at placement. Journal American academy of child and adolescent psychiatry, 29, P E R S O N A

Il sostegno postadottivo: obiettivi e contenuti

Il sostegno postadottivo: obiettivi e contenuti L INTERVENTO PSICOSOCIALE NEL POST-ADOZIONE Il sostegno postadottivo: obiettivi e contenuti Marco Chistolini Psicologo e psicoterapeuta familiare Importanza del post-adozione Dice il proverbio: «tra il

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino Pianezzola Giulia In questi ultimi anni le adozioni nazionali

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

L adozione di un bambino già grande e l arrivo dell adolescenza Marco Chistolini Adolescenza adottiva L adozione è una condizione esistenziale che ha tratti comuni e profonde differenze. Questo assunto

Dettagli

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Francesca Belforte con direttore dell Istituto Mille e una Meta, Livorno "INformazione Psicologia Psicoterapia

Dettagli

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour.

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Centro di Solidarietà di Reggio Emilia/Italy Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Relazione 1: Il sistema della protezione di minori con problemi

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

Adolescenti adottati autori di reato: un ricerca esplorativa

Adolescenti adottati autori di reato: un ricerca esplorativa Adolescenti adottati autori di reato: un ricerca esplorativa di Laura Benini *, Cecilia Ragaini **, Rosa Rosnati *** 1. Adolescenza: una nuova prova per il minore adottato La ricerca sull adozione ha focalizzato

Dettagli

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi 1 Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi INTRODUZIONE L Associazione Family Time nasce con l obiettivo di offrire un contributo alla tutela dei minori e delle loro famiglie.

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE Le famiglie di fronte alla disabilità La situazione di disabilità viene vissuta come inaccettabile o, per meglio dire, come un lutto familiare. (Dell

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

IL POST ADOZIONE (Ilia Galimberti)

IL POST ADOZIONE (Ilia Galimberti) IL POST ADOZIONE (Ilia Galimberti) IL POST ADOZIONE - PREMESSA Negli ultimi anni gli interventi diretti alle famiglie adottive si sono molto ampliati, per una raggiunta consapevolezza che l esperienza

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO. Jesús Palacios Università di Siviglia

RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO. Jesús Palacios Università di Siviglia RICERCA SULL ADOZIONE. IMPLICAZIONI PER L INTERVENTO Jesús Palacios Università di Siviglia Milano, 10 giugno, 2011 Ricerca sull adozione La ricerca sull adozione é un fenomeno relativamente recente Si

Dettagli

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste La violenza sui minori Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste DEFINIZIONE OMS 1999 L abuso o il maltrattamento sull infanzia è rappresentato da

Dettagli

Giornata sull adozione, Cesare Cornoldi, Università di Padova

Giornata sull adozione, Cesare Cornoldi, Università di Padova Giornata sull adozione, Baselga,2/IV/11 Cesare Cornoldi, Università di Padova Alcune domande Il bambino (straniero) adottato a scuola: quali esiti scolastici? Questi b. pongono specifici problemi per la

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile SONO UN GRANDE!!!! Progetto per l accrescimento dell autostima di

Dettagli

DALLA FAMIGLIA CHE MALTRATTA ALLA FAMIGLIA CHE RIPARA. M. T. PEDROCCO BIANCARDI Ravenna, 17.5.2011

DALLA FAMIGLIA CHE MALTRATTA ALLA FAMIGLIA CHE RIPARA. M. T. PEDROCCO BIANCARDI Ravenna, 17.5.2011 DALLA FAMIGLIA CHE MALTRATTA ALLA FAMIGLIA CHE RIPARA M. T. PEDROCCO BIANCARDI Ravenna, 17.5.2011 LA FAMIGLIA VA MALE QUANDO La coppia è impegnata in conflitti reciproci C è un solo genitore I genitori

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

Indice. Gli autori Ringraziamenti Introduzione {Francesco Vadilonga) 2. Il bambino nella famiglia adottiva 23 {Francesco Vadilonga)

Indice. Gli autori Ringraziamenti Introduzione {Francesco Vadilonga) 2. Il bambino nella famiglia adottiva 23 {Francesco Vadilonga) Indice Gli autori Ringraziamenti Introduzione {Francesco Vadilonga) Verso un nuovo modello di adozione Adozione ed esperienze traumatiche La struttura del libro xi xm xv XV XXII XXVI PARTE PRIMA Lo scenario

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

StudieRicerche. I percorsi dell adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie

StudieRicerche. I percorsi dell adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie StudieRicerche Collana della Commissione per le adozioni internazionali I percorsi dell adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie Indagine conoscitiva sulle coppie che hanno adottato nel

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI

PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI PREPARAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA SULLE PROBLEMATICHE DELL INTEGRAZIONE DEI MINORI STRANIERI ADOTTATI Il progetto si propone l obiettivo di avvicinare con maggiore consapevolezza il mondo della scuola

Dettagli

Perché non dovrei essere un bambino con ADHD?

Perché non dovrei essere un bambino con ADHD? Perché non dovrei essere un bambino con ADHD? Disturbo da Deficit Attentivo e Iperattività alias ADHD Bambino Terapia cognitivo comportamentale e/o Psico-educativa Genitori Parent-training Scuola Consulenza

Dettagli

Dott.ssa Eleonora Giannelli

Dott.ssa Eleonora Giannelli Dott.ssa Eleonora Giannelli Tratteremo: La scelta del partner Il cambiamento nella coppia Coppie sane e disfunzionali: quale differenza? Transazione alla genitorialità Premesse sistemiche Il colloquio

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

TRA IL DIRE ED IL FARE

TRA IL DIRE ED IL FARE PROGETTO TRA IL DIRE ED IL FARE SOSTEGNO ALLE COMPETENZE GENITORIALI ADOTTIVE L intervento psico-sociale nel post adozione SOGGETTI ISTITUZIONALI Comune di Messina - Dipartimento sociale ASP5 Messina -

Dettagli

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011 L accompagnamento della famiglia affidataria Difficoltà delle FA Con il minore accolto Con i Servizi All interno della propria famiglia - difficoltà individuali - difficoltà di coppia - difficoltà con

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Seminari 2016. febbraio. marzo. aprile. Sala Conferenze corso Stati Uniti 11/H -Torino Orario 9:30-16:30

Seminari 2016. febbraio. marzo. aprile. Sala Conferenze corso Stati Uniti 11/H -Torino Orario 9:30-16:30 Sala Conferenze corso Stati Uniti 11/H -Torino Orario 9:30-16:30 24 febbraio 23 marzo 15 aprile Dario Merlino Bambini che rifiutano i genitori: scenari relazionali e protezione del sé. Marco Chistolini

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Caserta, 10 Gennaio 2014 Psicologa/Psicoterapeuta Consultorio Istituto Toniolo Napoli

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA La nostra Associazione Mariposa si pone come obiettivo quello di approfondire la percezione ed il grado di conoscenza del tema della violenza assistita dai minori

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI PER L'ACCOGLIENZA DEI MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI PER L'ACCOGLIENZA DEI MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO Ri Distretto Sociosanitario 17 Riviera e Val di Vara MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI PER L'ACCOGLIENZA DEI MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO Il giorno ventinove

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE Allegato B PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE PREMESSA Negli ultimi anni l attenzione al disagio in generale,

Dettagli

Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità

Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Quando l affidamento familiare è sinedie: criticità e potenzialità Marco Chistolini

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Strumenti e metodologie nel post-adozione: le esperienze plurime dei gruppi

Strumenti e metodologie nel post-adozione: le esperienze plurime dei gruppi Strumenti e metodologie nel post-adozione: le esperienze plurime dei gruppi Marco Chistolini Psicologo e psicoterapeuta familiare Il gruppo è, indubbiamente, una della modalità più importanti ed efficaci

Dettagli

Le relazioni tra pari

Le relazioni tra pari Le relazioni tra pari Al di fuori della famiglia Oltre ai genitori, altre persone influenzano lo sviluppo del bambino (in modo diretto o indiretto). I bambini passano Sviluppo cognitivo molto tempo con

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6

Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6 SERVIZIO ADOZIONI ASS6 Progetto regionale Genitorialità fragile e tutela dei minori LA SCUOLA INCONTRA L ADOZIONE Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6 4 Indicazioni e procedure

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Mettere il bambino al centro: progetti per storicizzare e narrarsi 2. La scatola dei ricordi. Le scatole/mondo-casa-valigia e dentro me!

Mettere il bambino al centro: progetti per storicizzare e narrarsi 2. La scatola dei ricordi. Le scatole/mondo-casa-valigia e dentro me! Mettere il bambino al centro: progetti per storicizzare e narrarsi 2 La scatola dei ricordi. Le scatole/mondo-casa-valigia e dentro me! Mettere il bambino al centro: basta un disegno per dirsi Vulnerabili?

Dettagli

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Cooperativa sociale LULE onlus Sede legale: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) Sede operativa: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) tel (02) 94965244 tel

Dettagli

Progetto educativo d Istituto

Progetto educativo d Istituto Istituto Privato d Istruzione Superiore Progetto educativo d Istituto A.S. 2014 / 2015 Progetto educativo del Nuovo Istituto Meucci PREMESSA Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la

Dettagli

TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA. ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD

TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA. ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD Cariati, il 6 ottobre 2012 OSSERVAZIONI SUL PROGETTO Accoglienza temporanea nelle famiglie italiane TUTELA DEI DIRITTI DEI MINORI

Dettagli

La relazione con la famiglia d origine

La relazione con la famiglia d origine La relazione con la famiglia d origine a cura di Assistente sociale Giuseppina Griguoli e Educatrice professionale Caterina Bellei del Servizio Tutela Minori Unione dei Comuni del Distretto Ceramico PERCHÉ

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici tema n o 1 La problematica del maltrattamento dei minori ha assunto dimensioni drammatiche, oggetto spesso di interventi dei mezzi di informazione: si illustri il ruolo dell Assistente sociale in questo

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Bressanone, 9 aprile 2009 Adolescenza: definizioni e caratteristiche Periodo della vita che si colloca fra la preadolescenza ed i 17 anni;

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione scolastica del bambino adottato

Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione scolastica del bambino adottato Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione scolastica del bambino adottato Premessa Il progetto "Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione scolastica del bambino adottato" nasce dall'esigenza,

Dettagli

Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita. Maura Gelati Università di Lecce

Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita. Maura Gelati Università di Lecce Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita Maura Gelati Università di Lecce 1. Integrazione Oggi la legislazione italiana garantisce a tutti i soggetti in situazione di disabilità di assolvere

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO 20-21 maggio 2011 La necessità del sostegno territoriale alle famiglie Dr.ssa Alessandra Bianchi Psicoterapeuta A.G.S.A.T. CHE COS E IL DISTURBO AUTISTICO? L'Autismo è un

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

Bozza di Percorso Integrato per la Valutazione delle Competenze Genitoriali

Bozza di Percorso Integrato per la Valutazione delle Competenze Genitoriali Bozza di Percorso Integrato per la Valutazione delle Competenze Genitoriali A. La segnalazione tra servizi (Servizio Sociale, Psicologia, Npi, Ser.T., Alcologia, Salute Mentale) in presenza di minori con

Dettagli

DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO

DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO PATRIZIA MILESI, ISABELLA ALBERICI Dipartimento di Psicologia, Università Cattolica di Milano Introduzione Varie ricerche hanno dimostrato

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

DATI 114: ANALISI DELLA CASISTICA NEL PERIODO 1 GENNAIO - 31 DICEMBRE 2013

DATI 114: ANALISI DELLA CASISTICA NEL PERIODO 1 GENNAIO - 31 DICEMBRE 2013 DATI 114: ANALISI DELLA CASISTICA NEL PERIODO 1 GENNAIO - 31 DICEMBRE 2013 Le analisi che seguono sono relative al periodo compreso tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2013. 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELLE

Dettagli

LE ADOZIONI COMPLESSE

LE ADOZIONI COMPLESSE PROVINCIA DI PIACENZA PREVENIRE E CURARE LE CRISI ADOTTIVE Lunedì 9.9.2012 LE ADOZIONI COMPLESSE SCENARI E MODELLI ADOTTIVI IL VECCHIO MODELLO ADOTTIVO In passato la famiglia adottiva era pensata del tutto

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali la normativa

Bisogni Educativi Speciali la normativa Bisogni Educativi Speciali la normativa 27 DICEMBRE 2012 DIRETTIVA MINISTERIALE «Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica»

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Genova e gli affidi familiari Come città aderente alla sperimentazione

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

Nel 1987. Associazione GeA - Genitori Ancora

Nel 1987. Associazione GeA - Genitori Ancora Nel 1987 è stata fondata l Associazione GeA - Genitori Ancora l associazione a sostegno di genitori e figli che ha introdotto in Italia la conoscenza e la pratica della mediazione familiare per prevenire

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Famiglie vulnerabili: ascolto del disagio e sperimentazione di nuove forme di sostegno

Famiglie vulnerabili: ascolto del disagio e sperimentazione di nuove forme di sostegno Famiglie vulnerabili: ascolto del disagio e sperimentazione di nuove forme di sostegno Nuove forme di famiglia, nuove sfide educative L aumento della popolazione anziana La prolungata permanenza dei giovani

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli