Il bambino straniero adottato Percorsi e strategie di inserimento familiare fra trauma migratorio e trauma da abuso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il bambino straniero adottato Percorsi e strategie di inserimento familiare fra trauma migratorio e trauma da abuso"

Transcript

1 04_Prospettiva_pp_49_ :05 Pagina 56 Il bambino straniero adottato Percorsi e strategie di inserimento familiare fra trauma migratorio e trauma da abuso Marco Chistolini - psicoterapeuta, esperto di adozione internazionale, consulente del CIAI 1. Chi sono i bambini che vengono adottati internazionalmente C è un generale consenso nel ritenere che i figli adottivi abbiano maggiori problemi, psicologici e comportamentali, dei loro coetanei non adottati. La letteratura nazionale ed internazionale è unanime su questo aspetto. Hjern, Lindblad, Vinnerljung (2002) hanno effettuato qualche anno fa in Svezia una ricerca, forse una delle più estese mai realizzate, nella quale, grazie alle informazioni provenienti dallo Swedish Register Population, è stato possibile confrontare tra loro: un gruppo di adottivi composto da soggetti (8700 di origine asiatica e 2620 di origine latinoamericana); un gruppo di 2343 fratelli biologici degli adottivi, un gruppo di 4006 immigrati e la popolazione generale pari a persone. I risultati hanno mostrato che gli adottivi hanno, rispetto alla popolazione non adottata, sei volte di più la probabilità di commettere suicidio, da 3 a 4 volte maggiore possibilità di avere disturbi mentali; 5 volte più probabilità di fare uso di droghe, da 2 a 3 volte di abusare di alcol o commettere dei crimini. Nella stessa ricerca, però, si evidenzia come l 82% dei maschi e il 92% delle femmine si sono bene adattati, presentando un livello di funzionamento psichico e sociale nella norma. La letteratura indica che nel determinare l esito dell adozione sono in gioco numerose variabili, generalmente indicate con il termine di fattori di rischio e fattori protettivi. Uno dei più importanti è sicuramente quello dell età del bambino al momento dell adozione. Vi è generale consenso nel ritenere che al suo crescere aumentino le probabilità di insuccesso o che vi sia maggiore probabilità che si verifichino difficoltà importanti nell adottato (di adattamento, di apprendimento o nel senso di comportamenti devianti). Va però detto che non tutti gli studi confermano tale assunto, attribuendo un peso meno rilevante a questa variabile. Altro aspetto concordemente ritenuto importante nel determinare il rischio di insuccesso adottivo è quello delle istituzionalizzazioni che hanno preceduto l inserimento in famiglia. E.W. Ames (1997) ha confrontato un gruppo di bambini adottati dalla Romania, precedentemente istituzionalizzati per almeno 8 mesi, un gruppo ugualmente adottato dalla Romania senza previa istituzionalizzazione e bambini nati in Canada non adottati. Il confronto tra i tre gruppi mostra, tra l altro, che il gruppo precedentemente istituzionalizzato aveva un più basso livello cognitivo, tanto più deficitario quanto maggiore era stata la permanenza nell istituto. Vi sono poi le conseguenze che posso- no derivare allo sviluppo neurobiologico del bambino a causa delle condizioni svantaggiate in cui si sono realizzate la gravidanza, il parto e i primi anni di vita (sappiamo bene come l assunzione di droga o alcol durante la gravidanza, la malnutrizione, il parto prematuro possano influire negativamente sullo sviluppo neurologico del bambino). Da ultimo, non certo per frequenza né per importanza, vanno ricordati gli effetti a breve, medio e lungo termine dell aver esperito situazioni di violenza e/o grave deprivazione. È ormai nota, anche se ancora spesso sottovalutata, la complessa e articolata costellazione di reazioni, psichiche, comportamentali, neurologiche, di tipo posttraumatico che possono far seguito a tali esperienze. Un altra conseguenza particolarmente grave e pericolosa è quella della possibilità di successive vittimizzazioni del bambino adottato. Può accadere, infatti, che egli possa mettere in atto comportamenti violenti, oppositivi, provocatori, che possono suscitare reazioni aggressive e/o denigranti nei genitori adottivi o in altri adulti di riferimento, non in grado di gestirle correttamente. Stesso rischio si può verificare quando il bambino presenta un atteggiamento seduttivo e la presenza di condotte sessualizzate, comportamenti tipici di chi è stato vittima 56 N. 63/08

2 04_Prospettiva_pp_49_ :05 Pagina 57 di abuso sessuale, esponendolo al rischio di sperimentare nuovamente questo tipo di trauma. Altri recenti studi hanno, inoltre, evidenziato che le differenze tra soggetti adottati e non adottati, pur presenti, hanno una rilevanza meno significativa di quanto comunemente si pensa. M. H. van IJzendoorn and F. Juffer (2006), hanno realizzato un imponente lavoro di meta-analisi esaminando numerose ricerche realizzate in diversi paesi sull andamento delle adozioni. Questo lavoro ha preso in esame un totale di 265 studi, relativi a soggetti adottati e non adottati considerati come gruppo di controllo. I risultati sono, per molti aspetti, sorprendenti. Gli autori, infatti, affermano che: Abbiamo trovato solo piccole differenze tra i bambini adottati e quelli nonadottati Gli adottati, paragonati ai non adottati, mostrano complessivamente maggiori problemi di comportamento, più sintomi esternalizzanti e internalizzanti ma in quantità contenute. Valutazioni simili sono espresse da Palacios nel libro Psychological Issues in adoption (2005). L autore propone che, per valutare la efficacia dello strumento adozione, sia più corretto comparare le performance dei bambini adottati con quelle di coloro che, partiti dalla stessa condizione di abbandono, sono rimasti in istituto. Quando questa comparazione viene effettuata i risultati sono clamorosamente a vantaggio dei bambini adottati. Riportando questi dati non si vuol certo minimizzare la portata delle difficoltà che caratterizzano tanti bambini adottati nei diversi contesti di vita, quanto piuttosto porre l attenzione sul fatto che l adozione, contrariamente a come spesso viene considerata, è una condizione esistenziale che non definisce caratteristiche omogenee e generalizzabili a tutti coloro che vi appartengono. È frequente, infatti, riferirsi ai bambini adottati come se l essere tali li rendesse portatori tutti delle medesime peculiarità, equiparando l adozione ad una condizione morbosa che comporta un quadro di problematicità omogeneo. Pare più corretto e rispondente alla realtà, considerare l adozione come una condizione esistenziale, uno scenario, che può presentare situazioni estremamente diversificate in quantità e qualità. Sappiamo, infatti, che ci sono bambini adottati che hanno avuto storie costellate da esperienze traumatiche e bambini con un percorso di vita certamente difficile, ma non particolarmente penalizzante. Ciò ci spiega perché alcune adozioni vanno male e altre, la stragrande maggioranza, funzionano bene. Questa varietà di situazioni, come vedremo più avanti, si registrano anche relativamente alle prestazioni scolastiche. In altre parole si tratta di attribuire alle esperienze dolorose vissute dal bambino, che costituiscono degli indubbi fattori di rischio, un significato non deterministico che lascia spazio a percorsi di vita soddisfacenti. Purtroppo, non di rado, coloro che lavorano con le persone in difficoltà sono portate ad avere una specifica e selettiva attenzione sugli aspetti di problematicità trascurando il potenziale di risorse e competenze che ogni persona, in misura ovviamente diversa, porta con sé. A questo proposito è istruttivo un esempio riportato da Elena Malaguti nel suo libro Costruire la resilienza (2005). In una ricerca condotta da J. Kaufman e E. Zigler (1987), del dipartimento di psicologia di Yale, è emerso che in un gruppo di 282 genitori 49 di essi erano stati maltrattati durante l infanzia. Tra i figli del gruppo complessivo di genitori sono stati rilevati 10 bambini maltrattati che in 9 casi erano figli dei genitori a loro volta maltrattati da piccoli. È facile dedurne che il 90% dei bambini maltrattati, considerati nella ricerca, ha avuto almeno un genitore che ha subito maltrattamento infantile. Se ci fermassimo qui l informazione ricavata sarebbe imponente: chi è stato maltrattato diventa genitore maltrattante in una altissima percentuale di casi! In realtà se esaminiamo i numeri in un modo diverso le indicazioni che emergono sono assai più rassicuranti. Basta notare, infatti, che dei 49 genitori che hanno subito maltrattamento solo 9 (circa il 20%) sono diventati maltrattanti, mentre nell 80% dei casi le cose sono andate diversamente! Indicazioni sulla possibilità di un recupero positivo anche quando si è avuto un infanzia particolarmente difficile, ci vengono anche dal lavoro svolto da Rutter e Rutter (1993). Naturalmente assumere un atteggiamento attento alle risorse e fiducioso di un possibile recupero della svantaggio iniziale, non deve significare negare o sottovalutare le numerose difficoltà che possono caratterizzare la frequenza scolastica dei bambini adottati. Si tratta piuttosto di assumere un approccio che coniughi l attenzione alle problematiche del bambino e dei genitori con la capacità di valorizzare le competenze di cui gli stessi sono portatori. Sintetizzando quanto fin qui esposto possiamo affermare che: 1. L adozione costituisce una condizione esistenziale delicata, caratterizzata da alcuni temi sensibili che comportano significative criticità, che si presentano estremamente diverse, caso per caso, in quantità e qualità. Andando da un estremo di gravi patologie intra-psichiche e/o del comportamento, a condizioni di funzionamento psicologico ampiamente nella norma. 2. La crescita del soggetto adottato e il compito dei suoi genitori, si presentano complessi e richiedono accompagnamento e sostegno adeguati. 3. L esito dell adozione, che è nella maggioranza dei casi positivo, dipende da numerosi fattori che interagiscono tra loro durante il percorso, rinforzandosi o compensandosi reciprocamente. 4. In un certo numero limitato di casi (tra il 10 ed il 20% nelle N. 63/08 57

3 04_Prospettiva_pp_49_ :05 Pagina 58 adozioni difficili e tra l 1 ed il 3% nelle altre), la relazione tra genitori e bambino non ha l effetto riparativo sperato e il legame si rompe definitivamente dando luogo al fenomeno del fallimento adottivo (disruption). 2. La dimensione etnica In modo simile al minore immigrato anche il bambino adottato internazionalmente deve affrontare il compito di integrare due duplici appartenenze: quella alla propria etnia originaria e quella al nuovo contesto di vita. Generalmente, dopo l adozione e con il trascorrere degli anni, si realizza un inevitabile processo di distanziamento dalla cultura di origine. Tale fenomeno è attribuibile a diverse ragioni, sia di carattere cognitivo (l inevitabile oblio di abitudini, suoni, significati, ecc.), sia di carattere psicologico (la necessità di voltare pagina e assimilarsi alla nuova famiglia. Tipico, in questo senso, è il fenomeno della lingua madre dimenticata nello spazio di poche settimane. Ritengo che questo processo di italianizzazione sia inevitabile ed opportuno. Infatti, giorno dopo giorno, il bambino, impara e fa sue le componenti tipiche della cultura italiana (lingua, alimentazione, abitudini, fiabe, tradizioni, storia, ecc.) sia nell interazione con i familiari, sia con l ambiente (scuola, coetanei, ecc.) e costruisce la sua appartenenza al nuovo contesto culturale, che gradualmente diventa suo. Non va dimenticato che l adozione comporta anche questo aspetto: consentire al minore di costruire una appartenenza completa e sostanziale al contesto che lo accoglie, non solo di tipo affettivo, ma anche culturale nel senso più esteso del termine. Ciò premesso si pone il problema di come coniugare la costruzione di questo nuovo senso di appartenenza con quello precedentemente costruito con l etnia originaria. Chiaramente non si può pensare che il bambino cancelli il bagaglio culturale che ha maturato nel suo Paese di origine. Ciò non sarebbe giusto né possibile. Soprattutto quando egli ha vissuto un tempo piuttosto lungo nel suo Paese di origine e/o è portatore di caratteristiche somatiche che lo identificano come appartenente ad un altra etnia, indipendentemente dal tempo vissuto in Italia. Ne consegue che si debba lavorare per far si che il bambino prima e l adulto poi, possano avere una identità composita e ben integrata, che consenta di tenere assieme, in modo coerente, tanto la sua parte etnica originaria quanto quella, successiva, italiana. È evidente che il raggiungimento di questo obiettivo richiede uno sforzo di attivazione su più piani che dovrebbe avere per protagonisti soprattutto i genitori, ma che potrebbe e dovrebbe giovarsi dell aiuto di altre agenzie educative come la scuola. La questione non è semplice né banale e rappresenta una sfida per tutti noi. Si tratta di chiedersi chi sono questi bambini/ragazzi/adulti adottati provenienti da altri luoghi. Essi sono per molti aspetti italiani (cittadini italiani, figli di italiani, nipoti di italiani, ecc.) e per altri stranieri (nati e vissuti in un altro Paese, di diversa madre lingua, somaticamente differenti, ecc.). È frequente che questi soggetti, che crescono incrociando dentro di loro due mondi diversi, si trovino collocati da una parte o dall altra di queste due appartenenze, senza che vi sia possibilità di integrazione e di riconoscimento della loro originale specificità. Con gradazioni diverse caso per caso, infatti, si deve riconoscere che questi bambini/adolescenti/adulti rappresentano una categoria di cittadini un po speciale, portatori di una pluralità di appartenenze (geografiche, affettive, biografiche, esperenziali, ecc.) che è importante riconoscere, rispettare e valorizzare. Se non si parte da questo dato di fatto, dal riconoscimento della peculiarità rappresentata dall essere provenienti da un altro Paese e figli biologici di persone di altra etnia ma, contemporaneamente, figli di genitori italiani e dell Italia cittadini, non sarà mai possibile acquisire un approccio adeguato nel relazionarsi a figli adottivi. Credo che tutto ciò comporti la necessità di riconsiderare la nostra idea di italianità. Dobbiamo chiederci cosa significhi essere italiani oggi, quali caratteristiche precisino appropriatamente questa appartenenza, per muoverci verso la definizione di un nuovo costrutto di italianità che sappia includere storie e caratteristiche diverse a cominciare da quelle somatiche (può sembrare banale dirlo, ma dobbiamo considerare che ormai essere italiani non significa più necessariamente avere la pelle chiara). 3. Il compito dei genitori adottivi e il ruolo dei servizi Da quanto affermato dovrebbe essere chiara la delicatezza e la complessità del compito che spetta ai genitori adottivi. Essi dovranno, innanzitutto, costruire una relazione nutriente e riparativa con il bambino. Parallelamente dovranno accompagnarlo e sostenerlo nell affrontare, oltre che le consuete sfide della crescita, le specifiche questioni che caratterizzano l adozione e che possiamo denominare temi sensibili dell adozione (TSA), quali: 1. L informazione sull essere stati adottati. 2. La rottura del legame con i genitori naturali (l abbandono) ed il confronto con il passato. 3. La costruzione di una positiva identità di genitori adottivi. 4. La costruzione di una equilibrata identità etnica. 5. La costruzione di una buona relazione di attaccamento bambino-genitori. 6. L inserimento a scuola e nel contesto sociale. 7. La presenza di traumi specifici. 58 N. 63/08

4 04_Prospettiva_pp_49_ :05 Pagina 59 In questo difficile compito assume una fondamentale importanza che i genitori adottivi possano contare sull accompagnamento ed il sostegno, adeguato e competente, degli operatori psico-sociali. Appare, quindi, importante che gli enti locali e le aziende sanitarie, sotto il coordinamento delle regioni, costruiscano progetti di intervento articolati ed efficaci di post-adozione, ricorrendo anche alla competenza e all esperienza degli enti autorizzati. Purtroppo non sono pochi i casi in cui le famiglie adottive sono lasciate sostanzialmente sole e gli interventi di aiuto e cura sono attivati tardivamente, quando la situazione è ormai gravemente compromessa. Altro aspetto importante è quello relativo alla continuità del sostegno nel tempo. L adozione, infatti, costituisce una condizione esistenziale che non si esaurisce negli anni, ma permane definitivamente, proponendo e ri-proponendo tematiche tipiche che vanno affrontate e risolte nelle diverse tappe della vita (basti pensare all adolescenza o all assunzione del ruolo genitoriale). In questa ottica appare opportuna l offerta di interventi di sostegno specifici per le diverse tappe del ciclo di vita familiare. Chiaramente considerando che, come sottolineato in precedenza, le problematiche ed i bisogni del bambino possono essere assai diversificati, è importante che il sostegno sia organizzato in modo da essere flessibile e saper calibrare, in qualità e quantità, gli interventi sulla base delle specifiche esigenze di ciascun nucleo familiare. In particolare pare utile distinguere due differenti livelli di lavoro: Il primo è quello che possiamo definire sostegno standard, che trova la sua motivazione nel fatto che tutte le famiglie adottive, a prescindere dalle loro caratteristiche, si trovano ad affrontare alcuni temi impegnativi, per i quali è necessario che siano seguite e sostenute. Il secondo è quello che deve essere attivato sulla base di specifiche esigenze presentate dal nucleo adottivo. Questa altra dimensione risponde ad una logica sartoriale che costruisce il suo prodotto sulla base dei bisogni specifici del cliente (Chistolini, in corso di pubblicazione). Chiaramente per stimare quali siano i bisogni che caratterizzano la famiglia adottiva, dovrà essere effettuata una valutazione accurata della situazione della stessa finalizzata a definire quali interventi è necessario attivare in suo favore. Si dovranno pertanto raccogliere informazioni esplorando diverse aree quali: composizione della famiglia e anamnesi del bambino e della coppia, informazioni sanitarie, profilo di personalità dei coniugi, composizione e ruolo delle famiglie estese, scelte organizzative in merito alla gestione del bambino, atteggiamento relativamente ai TSA (temi sensibili dell adozione), aspetti psicologici e comportamentali del bambino, capacità cognitive del bambino, rete istituzionale. Da questa valutazione dovrà scaturire un progetto di intervento articolato, rispondente agli specifici bisogni del nucleo familiare. Vorrei concludere sottolineando la enorme delicatezza e potenzialità del percorso adottivo: un incontro magico di storie, bisogni e risorse diverse che può generare recuperi sorprendenti o dare luogo a vicende cariche di delusione e sofferenza infinita. Sta a noi fare del nostro meglio, con umiltà ed impegno, perché siano sempre più numerose le storie con esito positivo. BIBLIOGRAFIA AMES E.W., The development of Romanian orphanage children adopted to Canada, Final report to Human Resources Development, Canada, BARTH R.P., BROOKS D. (1999), Adults transracial and in racial adoptees: effects of race, gender, adoptive family structure and placement history on adjustment outcome, American Journal of Orthopsychiatry, 69, BARTH R.P., BERRY M., (1988), Adoption and disruptions: Rates, risks and responses, New York: Aldine de Gruyter. BERTETTI B., CHISTOLINI M., RANGONE G., VADILONGA F. (2003), L adolescenza ferita: un modello di presa in carico integrata nelle gravi crisi dell adolescenza, FrancoAngeli Milano. BRODZINSKY D.M., PALACIOS J. (a cura di) (2005), Psychological issues in adoption. Research and practice, Oxford University Press, New York. CAVALLO M. (a cura di) (1995), Adozioni dietro le quinte, FrancoAngeli, Milano. CAVALLO M. (a cura di) (1999), Viaggio come nascita. Genitori e operatori di fronte all adozione internazionale, FrancoAngeli, Milano. CHISTOLINI M. (2003), Il decreto di idoneità: motivazioni ed indicazioni, in Adozioni internazionali sul territorio e nei servizi, a cura dell Istituto degli Innocenti, Collana della Commissione per le Adozioni Internazionali, CHISTOLINI M. (2003), Il decreto di idoneità: motivazioni ed indicazioni, in Adozioni internazionali sul territorio e nei servizi, a cura dell Istituto degli Innocenti, Collana della Commissione per le Adozioni Internazionali, CHISTOLINI M. (2003), Le informazioni nell adozione: quale significato nella crescita del bambino, Minorigiustizia n. 3/2003. FrancoAngeli, Milano. CHISTOLINI M. (2006a), Adozione e scuola. Linee guida e strumenti per operatori, insegnanti, genitori, Franco- Angeli, Milano. CHISTOLINI M. (2006b), Il passaggio del bambino dalle strutture residenziali alla famiglia adottiva, Minorigiustizia n. 4/2006, FrancoAngeli, Milano. N. 63/08 59

5 04_Prospettiva_pp_49_ :05 Pagina 60 CHISTOLINI M. (in corso di pubblicazione), Il post-adozione fra progettazione ed azione, a cura dell Istituto degli Innocenti. Collana della Commissione per le Adozioni Internazionali. GREEN A.H (1994), La violenza sessuale infantile: conseguenze immediate e a lungo temine e loro trattamento, Terapia Familiare, n. 46. GROOTHUES M., BECKETT J., O CONNOR H., (2001), Successful outcomes: a follow-up study of children adopted from Romania into the UK; Adoption Quarterly, n. 2. HJERN P., LINDBLAD K., VINNERLJUNG M. (2002), Suicide, psychiatric illness, and social maladjustment in intercountry adoptees in Sweden: a cohort study, The Lancet. ISTITUTO DEGLI INNOCENTI (a cura di) (2003), Percorsi problematici dell adozione internazionale, Collana della Commissione per le Adozioni Internazionali. MOORE J., FOMBONNE E. (1999), Psychopathology in adopted and nonadopted children: a clinical sample, 60 American Journal of Orthopsychiatry, 69, PALACIOS J., SANCHEZ-SÀNDOVAL Y., LEÒN E. (2005), Intercountry adoption disruption in Spain, Adoption Quarterly, vol. 9, n. 1. PARK S. M., GREEN C. E. (2000), Is transracial adoption in the best interests of ethnic minority children? Questions concerning legal and scientific interpretations of a child s best interests, Adoption Quarterly, vol. 3, n. 4. RUTTER M., RUTTER M. (1993), Developing Minds: Challenge and Continuity Accross the Life Span, Basic Books, New York. SHARMA, A.R., MCGUE, M.K., & BENSON, P.L. (1996), The emotional and behavioral adjustment of United States adopted adolescents, Part I. An overview Children and Youth Services Review, 18: SMITH S.L., HOWARD J.A. (1999), Promoting successful adoption: Practice with troubled families, Thousand Oaks, C.A.: Sage. STAMS, G.J., JUFFER, F. (2000), The deve- N. 63/08 lopment and adjustment of 7 yearold children adopted in infancy, Journal of child psychology and psychiatry, 2000, 8, STREISSGUTH A.P, CONNER, P.D. (2001) Fetal alcohol syndrome and other effects of prenatal alcohol: Developmental cognitive neuroscience implications. In C.A. NELSON, M. LUCIANA (a cura di), Handbook of cognitive developmental neuroscience, MIT Press, Cambridge MA. VAN IJZENDOORN M.H., JUFFER F. (2006), The Emanuel Miller Memorial Lecture 2006: Adoption as intervention. Meta-analytic evidence for massive catch-up and plasticity in physical, socio-emotional, and cognitive development, Centre for Child and Family Studies, Leiden University, The Netherlands. VERHULST, F.C., ALTHAUS, M., & VERSLUIS-DEN BIEMAN, H.J.M. (1990), Problem behavior in international adoptees: II. Age at placement. Journal American academy of child and adolescent psychiatry, 29, P E R S O N A

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO

VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO Silvia Mazzoni 1, Brunella De Stefano 2 Introduzione Gli studi dei ricercatori e dei clinici sugli effetti della conflittualità dei

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Parte prima: Attaccamento andato male I Capitolo: Un caso di violenza Ci sono genitori che non possono attingere come

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza.

L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza. L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza. Stefania Alfano* Rosa Miniaci** * Psicologa-Specialista in Psicoterapia Familiare ** Psicologa- Psicoterapeuta sistemico-relazionale in formazione

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Robert Agnew e la General Strain Theory (GST)

Robert Agnew e la General Strain Theory (GST) 1 Robert Agnew e la General Strain Theory (GST) INTRODUZIONE Le origini della GST. Le teorie dello Strain La GST General Strain Theory (Teoria Generale della tensione), le sue origine attinge dalle altre

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Come cambia la cura dell infanzia

Come cambia la cura dell infanzia UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 8 Come cambia la cura dell infanzia Un quadro comparativo dei servizi educativi e della cura per la prima infanzia nei paesi economicamente avanzati La presente

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

UFFICIO PROTEZIONE E PUBBLICA TUTELA DEI MINORI

UFFICIO PROTEZIONE E PUBBLICA TUTELA DEI MINORI UFFICIO PROTEZIONE E PUBBLICA TUTELA DEI MINORI Orientamenti per la comunicazione tra scuola e servizi sociali e sociosanitari per la protezione e tutela dei diritti dei bambini e dei ragazzi nel contesto

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli