Rovereto, 9 maggio I BISOGNI DEL BAMBINO ADOTTATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rovereto, 9 maggio 20011 I BISOGNI DEL BAMBINO ADOTTATO"

Transcript

1 Rovereto, 9 maggio I BISOGNI DEL BAMBINO ADOTTATO Una premessa che mi pare importante fare è che ci troviamo di fronte a situazioni molto variegate, diverse una dall altra in quanto gli aspetti che concorrono a determinarle sono molteplici. Possiamo avere bambini/situazioni che non presentano grosse difficoltà o che evolvono in tempi brevi come possiamo avere bambini/situazioni che presentano difficoltà impegnative, consistenti, durature. Possiamo avere fasi nel ciclo vitale della famiglia adottiva non problematiche come possiamo avere fasi per la stessa famiglia in cui si manifestano delle difficoltà (l ingresso a Scuola, l adolescenza ) Resta il fatto che TUTTI i bambini adottati hanno vissuto una perdita importante, quella della loro madre, dei loro genitori, perdita che determina la particolarità, la delicatezza della loro situazione, della quale dovrà essere tenuto conto, che dovrà essere affrontata. Un secondo aspetto che mi pare importante evidenziare in premessa riguarda il fatto che il bambino adottato è un bambino ferito che ha vissuto una perdita, è un bambino che può avere vissuto traumi, mancanze, ma è anche un bambino che ha delle risorse, che è portatore di ricchezze, di potenzialità, di originalità, di talenti, che gli adulti che si occuperanno di lui (i genitori, gli insegnanti) avranno il piacere, il compito di far emergere, di valorizzare. Riferendosi a queste situazioni è importante quindi tenere presente il doppio versante della problematicità/danno ma anche della risorsa/potenzialità. Doppio versante che è importante venga tenuto conto anche rispetto alla famiglia del bambino come al suo paese di provenienza. Rispetto alla famiglia: una famiglia che ha delle risorse ma anche i suoi limiti, come tutti i genitori, come tutte le persone; famiglia che rispetto alla filiazione, 1

2 all adozione ha avuto un percorso doloroso, impegnativo, che per quanto riguarda il rapporto con il bambino nella fase iniziale sta vivendo un momento delicato che è quella della conoscenza reciproca, della creazione della relazione, ma che anche successivamente potrà trovarsi a vivere momenti/situazioni di difficoltà. Rispetto al paese d origine del bambino sarà importante avere in mente le sofferenze che esso può rievocare nel bambino, la nostalgia che può emergere, le problematiche che lo caratterizzano, ma anche le sue cose buone, le sue ricchezze, le sue particolarità, le esperienze positive che il bambino può avere avuto. Quando un bambino può essere dichiarato adottabile? La legge prevede che un bambino possa essere dichiarato adottabile quando è stata accertata la sua condizione di abbandono morale e materiale. Quando questa si verifica? Nelle situazioni in cui il genitore decide di lasciare il proprio figlio, e questo può verificarsi alla nascita (sono i bambini che non vengono riconosciuti), come in anni successivi (bambini che vengono lasciati sulla strada, lasciati negli istituti a cui erano stati affidati ) quando i genitori muoiono e non c è nessuno nella rete parentale che possa occuparsi del bambino (pensiamo alle gravi calamità) nei casi di grave ed irreversibile incapacità genitoriale. Può sembrare contraddittorio parlare di stato di abbandono in famiglia ma non lo è. In giurisprudenza è stato precisato che la condizione di abbandono non ricorre soltanto nell ipotesi di rifiuto intenzionale ma anche quale conseguenza di una condotta che impedisca o esponga a grave rischio lo sviluppo del minore. L abbandono si realizza quando c è trascuratezza grave, maltrattamento, violenza, abuso. Deve venire accertata una incapacità affettiva, educativa, 2

3 relazionale molto grave con prognosi di irreversibilità, con gravi conseguenze sullo sviluppo del bambino. Queste sono tutte situazioni in cui il bambino vive la mancanza, l interruzione del rapporto con le figure genitoriali, che ha vissuto situazioni di carenza affettiva, educativa oltre che materiale. Bambino che successivamente, prima dell adozione può avere vissuto un esperienza di istituzionalizzazione, più o meno lunga, di comunità, di affido, intessendo relazioni che poi si concluderanno, potendo vivere ancora una volta, a seconda delle realtà, situazioni di deprivazione e carenza. Quali sono le emozioni vissute dal bambino nell abbandono? Se una perdita è difficile da sopportare per un adulto che ha la possibilità di darsi una spiegazione e ha delle risorse interne, immaginiamo per un bambino. Il bambino che vive una situazione di abbandono non è in grado di attribuire un significato preciso agli eventi che vive: non riesce a spiegarsi perché i propri genitori non ci sono più, perché è rimasto solo, perché si trova in una situazione nuova, con persone sconosciute. Un bambino percepisce questa situazione in modo confuso, non riesce a capire, a dare un senso a quello che stà succedendo. Il bambino non riesce a pensare, ad esprimere con parole il suo disagio. E un disagio che sente dentro di lui, sulla sua pelle, nella sua pancia, a cui non riesce a dare voce. Il bambino nella sua mente cerca di giustificare i propri genitori, di salvarli dalla verità che egli stesso non può ammettere. Oppure trasferisce su di sé la responsabilità di questo evento (è colpa mia, sono stato cattivo). 3

4 Non capace di esprimere con le parole quello che sta vivendo il bambino lo farà con il comportamento, comportamento di rabbia, di angoscia. Gli adulti devono essere in grado di comprendere, interpretare, sostenere questa sensazione di disagio e malessere. Le caratteristiche della situazione di abbandono: Numerosi sono gli studi che hanno descritto le condizioni dei bambini in stato di abbandono e le problematiche affettive e relazionali prima dell inserimento nella famiglia adottiva. Innanzitutto il bambino abbandonato ha subito la perdita delle proprie figure genitoriali. L abbandono non è una situazione che viene scelta; è un evento patito, verso cui il bambino non ha la possibilità di reagire. Egli è costretto da forze maggiori ad interrompere la relazione con i propri genitori e ad accettare questa situazione. E un evento che irrompe nella vita di tutti i giorni e cambia il corso delle cose: un giorno si era parte di una famiglia, il giorno dopo si è in un ambiente completamente nuovo. Cambia tutto. L abbandono è una perdita, uno sradicamento: significa perdere le persone cui si era legati, anche se il legame era debole, era precario. Era l unico che il bambino aveva. Significa cambiare ambiente. L abbandono comporta una situazione di disorientamento rispetto al passato e al futuro: il bambino perde in breve tempo i punti di riferimento e la possibilità di ipotizzare il futuro. L abbandono è una situazione inimmaginabile: il bambino non ha la possibilità di capire/prevedere che potrebbe esserci qualcosa di diverso dalla situazione che sta vivendo. E al di fuori del suo immaginario perdere i genitori o cambiarli. Pensiamo alle situazioni in cui le figure genitoriali sono presenti ma in modo distorto e disturbante. 4

5 Il rapporto genitore-bambino è sempre più compromesso precario, caratterizzato da conflitto, maltrattamento noncuranza. Si tratta di una forma di abbandono che si consuma nella quotidianità. Il bambino in questo caso ha ancora più difficoltà a capire cosa sta accadendo. Il bambino non riesce ad attribuire un significato agli accadimenti, a quello che sente, non riesce ad individuare i propri genitori come responsabili. La tristezza, la sofferenza, la mancanza che prova è senza nome anche se si insinua giorno dopo giorno minando la sua crescita, la sua fiducia nei confronti degli adulti. Anche nell ipotesi di una condizione di vita pessima sul piano fisico e psicologico il bambino raramente chiede di separarsi dalle figure a lui vicine. Le condizioni precarie non sono un elemento che stimola il desiderio di separarsi dai genitori; anzi è stato dimostrato che la precarietà del rapporto aumenta il legame ( più avverte pericolo, più si lega). Le storie di abbandono sono molto diverse tra loro, sono generate da condizioni differenti, producono situazioni differenti. E molto importante quindi conoscere la storia del singolo bambino per capire la sua situazione, le sue difficoltà, i suoi bisogni. Il comportamento del bambino che ha subito un abbandono: Spesso in chi si avvicina all adozione ma anche nel pensiero comune è presente la convinzione che sia più facilmente affrontabile la situazione di un bambino piccolo perché gli effetti dell abbandono sono meno gravi di quelli su un bambino più grande. In realtà le cose non stanno così perché ciò che genera una situazione più o meno problematica non è l età del bambino ma le esperienze che ha vissuto, la possibilità che egli ha avuto di sperimentare una relazione di accudimento e il tipo di qualità della relazione. 5

6 Per sopravvivere, per crescere bene, dal momento della nascita un bambino ha bisogno di qualcuno che si occupi di lui non solo per essere alimentato, vestito ma soprattutto per avere affetto, calore, sicurezza, valore. Un bambino ha bisogno di: comportamenti affettuosi (si è teneri, accoglienti, dolci, affettuosi) comportamenti protettivi ( ci si interpone tra lui e il mondo vegliando sulla sua salute e difendendolo dai pericoli) comportamenti gratificanti (nutrimento, presenza, contatto, tenerezze, stimoli) comportamenti indulgenti (si tollerano i pianti, si tollera che si sporchi, si ascoltano le sue richieste) valorizzazione (si nota e si ammira quello che lui fa, si esprime apprezzamento) E attraverso queste azioni che il bambino si sente protetto, benvoluto, sente che si tiene a lui, sente di avere valore. E grazie a queste cure, attenzioni che il bambino svilupperà un positivo senso di sé, la fiducia negli altri, che potrà iniziare ad allontanarsi, ad esplorare con fiducia il mondo ciò permettendo lo sviluppo delle proprie funzioni logiche, cognitive. I bambini che nei primi anni di vita sono stati istituzionalizzati o che non hanno avuto una famiglia in grado di rispondere a questi bisogni viceversa presenteranno delle difficoltà in queste aree. Tanto più precoce sarà stato l inserimento in Istituto, importante la carenza vissuta e molto più incisivi e profondi saranno gli effetti sullo sviluppo fisico e psicologico del bambino. Che comportamenti possono avere questi bambini? 1. possono essere bambini ritirati, con un comportamento passivo. 6

7 Questo comportamento è frequente nei bambini istituzionalizzati dai primi mesi di vita. Un ambiente povero di stimoli relazionali e sensoriali porta il bambino ad isolarsi. Si tratta di un bambino che non ha iniziativa, non è attirato ad esplorare l ambiente, a entrare in relazione con gli adulti, tende ad isolarsi e a ritirarsi. E come se le emozioni fossero bloccate, come se in lui non esistesse gioia o piacere, ma neanche dolore e sofferenza. Bambino congelato. A volte di fronte a situazioni di dolore, magari sul piano fisico, il bambino non reagisce piangendo ma allontanandosi in silenzio. Sono bambini che presentano una forte insicurezza. non riescono ad esprimere le proprie esigenze, i propri sentimenti, il proprio sé. 2. A questo comportamento se ne contrappone un altro, anch esso frequente nei bambini che hanno subito un abbandono: l irrefrenabilità, l eccitazione. In tal caso i bambini sono in continuo movimento, non riescono a soffermarsi su nulla. Questo atteggiamento si ripropone anche nella relazione che i bambini faticano a sostenere, sfuggono. Sono bambini che non riescono a sostenere lo sguardo, che non ascoltano. 3. Altri bambini invece strutturano un comportamento di estrema dipendenza dalle figure adulte: dimostrano di aver bisogno delle figure genitoriali, talvolta anche degli insegnanti in ogni momento; non tollerano la distanza fisica invasi dalla paura di essere nuovamente abbandonati. E come se fosse un bisogno insaziabile. 4. E possibile incontrare anche bambini che vengono detti indifferenziati affettivamente che si attaccano ad ogni adulto che incontrano. 5. In altri casi il bambino sviluppa una maturità anticipata, dovuta alle condizioni in cui vive. Questa situazione è frequente nel Sud America dove i bambini sin da piccoli sono abituati a provvedere a sé stessi. Sono bambini che faticano a relazionarsi con l adulto, ad accettare le relazioni, la cura da questi. 7

8 Sono bambini che ostentano sicurezza, abituati a cavarsela. L aver vissuto l abbandono, la deprivazione è quindi un esperienza che segna profondamente il bambino che influenzerà il suo modo di relazionarsi, il suo funzionamento anche cognitivo, la stima, l immagine di sé. Il vissuto che può provare chi è stato lasciato è quello di sentirsi sbagliato, brutto, non degno di essere amato. L incontro: il momento della conoscenza reciproca: L incontro tra genitori e bambino è un momento molto delicato della formazione della famiglia adottiva perché unisce due storie con le loro ferite, due mondi fino a quel momento lontani, estranei. La storia del genitore che per arrivare all adozione ha avuto un percorso lungo, impegnativo, che ha vissuto una perdita importante, dolorosa, quella della possibilità procreativa, perdita che può averlo messo in crisi come singolo, come coppia. Coppia che dopo avere elaborato il lutto per la propria perdita si avvicina all adozione, scelta non facile, immediata, magari non subito condivisa dal partner. Una volta che la coppia ha affrontato l iter necessario (il percorso per ottenere l idoneità all adozione, il percorso che ha portato al deposito dell istanza al paese straniero) si apre il periodo dell attesa dell abbinamento che dura mediamente due anni, ma può durarne anche tre, quattro. La coppia si rende disponibile all adozione non scegliendo l età del bambino, le sue caratteristiche, fisiche-psichiche, il sesso, piena di timori rispetto all incontro con il bambino, alla possibilità, capacità di occuparsi di lui: Mi accetterà, mi vorrà bene, mi piacerà, sarò capace? 8

9 Coppia che nel periodo dell attesa avrà fantasticato sul bambino, si sarà fatta delle aspettative, si sarà creata un immagine nella mente che dovrà fare i conti con la realtà, spesso diversa da quella immaginata. La storia del bambino: per il bambino l incontro è un momento ancor più complesso: per la sua storia che lo porta a vivere una condizione di fragilità, in quanto spesso i bambini non vengono preparati a ciò che vivranno, in quanto il bambino potrebbe non avere mai vissuto la dimensione familiare, in quanto il bambino potrebbe non avere l età per comprendere l affermazione questi sono la tua mamma e il tuo papà oppure potrebbe intuirne il significato ma comunque impaurito da una situazione di cui non conosce gli esiti. Anche se il bambino percepisce l interesse, la disponibilità dei genitori nei suoi confronti è comunque impaurito, preoccupato. Difficilmente il bambino può immaginare realtà e relazioni diverse da quelle avute fino a quel momento. La realtà per un bambino è costituita dalle persone, dalle cose che lo circondano e rappresenta l unica situazione a lui familiare. Anche le condizioni più deprivanti, per il solo fatto di essere le uniche conosciute sono quelle che gli offrono sicurezza. Lo stato emotivo di un bambino che stà per essere adottato non è quindi caratterizzato da serenità ma da un profondo disorientamento con manifestazioni di ansia, ritiro, inibizione, rabbia, agitazione. Vengono meno i propri punti di riferimento, le persone e le cose significative. Il bambino ha bisogno di conoscere i suoi genitori: chi sono, cosa vogliono da me, cosa mi succederà, posso fidarmi, non fidarmi. I genitori hanno bisogno di conoscere il loro bambino, quel bambino con i suoi comportamenti, le sue abitudini, i suoi bisogni. 9

10 L inserimento del bambino in famiglia, l arrivo in Italia è un momento delicato per i protagonisti della vicenda adottiva: sia il bambino sia i genitori si trovano di fronte ad un cambiamento radicale della loro vita. Per i genitori è un periodo di riorganizzazione familiare: si assumono nuovi ruoli, si modifica la relazione di coppia. Il bambino che entra in famiglia impone nuovi ritmi, nuove abitudini, nuove relazioni. I coniugi perdono la dimensione di coppia, aspetto magari non percepito inizialmente ma che successivamente si fa sentire, devono sperimentarsi nella veste di genitori assumendo un nuovo ruolo, trovare un alleanza nell esercizio della genitorialità. I genitori saranno impegnati nel permettere al bambino di costruire, ricostruire le sicurezze che in passato sono state messe duramente alla prova. Devono sapersi calare in un ruolo ripartivo nei confronti del proprio figlio permettendogli di far emergere i bisogni più profondi. Nel momento in cui il bambino entra in famiglia, arriva in Italia entra in nuovo universo. Intorno a lui cambia tutto: l ambiente,il clima, gli odori, i sapori, gli usi, i costumi, la modalità della relazione, la lingua. In una situazione in cui la relazione con i genitori è all inizio. Difficilmente gli adulti sono consapevoli dello sforzo richiesto a questi bambini, delle fatiche immani che stanno affrontando. Il bambino avrà bisogno di tempo e disponibilità da parte degli adulti per entrare in relazione con loro, per riuscire a fidarsi, per riuscire a modificare le proprie modalità di relazione. 10

11 Sarà poter vivere la stabilità, l affidabilità delle relazioni, il calore, l affetto che permetterà di tranquillizzare questi bambini, di creare lo spazio per un nuovo legame di attaccamento. Il bambino ha bisogno di una base sicura a cui rivolgersi, di un genitore che lo accetti per come è, che lo guardi, che lo ascolti, che lo tenga nella mente, che lo contenga, che lo coccoli, che lo rassicuri, che lo aiuti ad esprimersi, che lo aiuti a dare un senso a ciò che gli è accaduto. Solo attraverso questo percorso il bambino diventerà figlio e i coniugi padre e madre. Percorso che ha bisogno di tempo, un grande investimento affettivo, elasticità, la capacità di saper tollerare la frustrazione di una mancanza di risposta immediata, le provocazioni. Percorso in cui sarà importante sforzarsi di guardare dietro le quinte, di capire cosa il bambino stà esprimendo con quel comportamento. E sempre importante fermarsi, interrogarsi sul perché delle cose. Solo dopo che i legami si saranno avviati, che il bambino si è rassicurato, tranquillizzato, sarà possibile pensare che questi possa affrontare contesti esterni alla famiglia. Arrivare da un altro mondo significa portare con sé diversità somatica, etnica, culturale, oltre che linguistica. Il bambino ha bisogno costantemente di ricevere valutazioni positive sulla propria persona, sulle sue caratteristiche fisiche, capacità, abilità. Se i genitori, gli adulti che si occupano di lui riusciranno a trasmettere al bambino messaggi di accoglienza, stima e valore per le parti che egli individua come differenze il bambino riuscirà con il tempo ad accettare, a ritenere positive quelle caratteristiche che può vivere come scomode, minacciose. Il bambino ha bisogno di sentire che il suo popolo, la sua cultura sono rispettati, valorizzati. 11

12 Il tentativo del bambino è quello di ridurre la differenza, di sentirsi uguale alle persone cui è legato, con cui vive. Se il bambino percepirà in primis dai propri genitori, ma anche dagli insegnanti, dagli adulti che gli stanno intorno sicurezza ed apprezzamento per le sue caratteristiche imparerà ad accettare e valorizzare le sue parti diverse, a reggere e sopportare situazioni di confronto sociale molto impegnative. Per far ciò il bambino ha bisogno di tempo, di continue conferme. Non è un aspetto che si affronta una volta per tutte, sono aspetti negli anni potranno riemergere. Se un bambino non è molto piccolo avrà assimilato comportamenti, abitudini, gusti caratteristici della propria cultura d origine. Se è naturale che il processo di inserimento del bambino in un altro contesto culturale lo porti a riconoscere le regole di comportamento di quell ambiente non è altrettanto positivo obbligare il bambino a rinunciare alla sua identità, ad adattarsi, ma parteciperà con i suoi genitori alla costruzione di un nuovo equilibrio e di un identità familiare dove i diversi elementi si intersecano. L integrazione è un processo in cui gli aspetti di entrambe le persone si uniscono per originare un nuovo stile, frutto della negoziazione reciproca. L integrazione si realizza nell accoglienza e nel rispetto delle differenze. E importante evidenziare l estrema differenza esistente tra la situazione del bambino adottato e quella del bambino immigrato che talvolta tendono a venire assimiliate. Teniamo presente che il bambino straniero migra con la sua famiglia, fonte si stabilità, di sicurezza per lui; cosa che non si verifica con l adozione in quanto i legami sono in fase di costruzione. Il bambino adottato ha una storia dolorosa, difficile alle spalle di cui va tenuto conto. Mentre per il bambino immigrato confrontarsi con tali aspetti non rappresenterà una difficoltà è necessaria molta cautela nel farlo con il bambino adottato che può non essere pronto e disponibile a rievocare. 12

13 Mentre il bambino immigrato parla la stessa lingua del nucleo familiare ed ha la possibilità di esprimersi, il bambino adottato non parla ancora la lingua familiare e non avrà la possibilità di esprimersi. I tratti somatici per il bambino straniero sono un forte segno di appartenenza alla famiglia, per il bambino adottato sono il tratto evidente di una situazione di diversità, della filiazione adottiva. Per concludere: quando varca la soglia della scuola il bambino sta vivendo una situazione molto complessa: stà costruendo legami affettivi con il nucleo familiare, tra voler affidarsi e la paura di farlo, vuole intrecciare relazioni con i pari ma ne ha paura, ha il desiderio di apprendere ma è bloccato dal timore di non farcela e a volte anche da difficoltà cognitive causate dalla situazione di deprivazione affettiva e di stimoli vissuta. Ha un passato spesso segnato da dolore e solitudine e un presente carico di nuove sfide. Ma la partenza difficile non sempre ha valore predittivo rispetto agli esiti scolastici, rispetto allo sviluppo più complessivo. I bambini adottati se aiutati, e aiutati bene possono recuperare. La scuola può contribuire significativamente al percorso di recupero, di crescita del bambino, attraverso una buona accoglienza, delle buone relazioni, dei percorsi mirati che tengano conto di bisogni e possibilità. ass. soc. Francesca Zanella Comunità della Vallagarina Bibliografia: Prepararsi all adozione di Loredana Paradiso ed. Unicopoli 1999 Il cammino dell adozione di Anna Oliverio Ferraris ed. Rizzoli

14 Bambini/adolescenti immigrati e le loro famiglie nel rapporto con i Servizi Seminario di Formazione Provincia Autonoma di Trento Le adozioni internazionali con i paesi di origine Seminario di Formazione - Provincia Autonoma di Trento 2005 Insieme a Scuola a cura dell Istituto degli Innocenti di Firenze

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli