Rovereto, 9 maggio I BISOGNI DEL BAMBINO ADOTTATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rovereto, 9 maggio 20011 I BISOGNI DEL BAMBINO ADOTTATO"

Transcript

1 Rovereto, 9 maggio I BISOGNI DEL BAMBINO ADOTTATO Una premessa che mi pare importante fare è che ci troviamo di fronte a situazioni molto variegate, diverse una dall altra in quanto gli aspetti che concorrono a determinarle sono molteplici. Possiamo avere bambini/situazioni che non presentano grosse difficoltà o che evolvono in tempi brevi come possiamo avere bambini/situazioni che presentano difficoltà impegnative, consistenti, durature. Possiamo avere fasi nel ciclo vitale della famiglia adottiva non problematiche come possiamo avere fasi per la stessa famiglia in cui si manifestano delle difficoltà (l ingresso a Scuola, l adolescenza ) Resta il fatto che TUTTI i bambini adottati hanno vissuto una perdita importante, quella della loro madre, dei loro genitori, perdita che determina la particolarità, la delicatezza della loro situazione, della quale dovrà essere tenuto conto, che dovrà essere affrontata. Un secondo aspetto che mi pare importante evidenziare in premessa riguarda il fatto che il bambino adottato è un bambino ferito che ha vissuto una perdita, è un bambino che può avere vissuto traumi, mancanze, ma è anche un bambino che ha delle risorse, che è portatore di ricchezze, di potenzialità, di originalità, di talenti, che gli adulti che si occuperanno di lui (i genitori, gli insegnanti) avranno il piacere, il compito di far emergere, di valorizzare. Riferendosi a queste situazioni è importante quindi tenere presente il doppio versante della problematicità/danno ma anche della risorsa/potenzialità. Doppio versante che è importante venga tenuto conto anche rispetto alla famiglia del bambino come al suo paese di provenienza. Rispetto alla famiglia: una famiglia che ha delle risorse ma anche i suoi limiti, come tutti i genitori, come tutte le persone; famiglia che rispetto alla filiazione, 1

2 all adozione ha avuto un percorso doloroso, impegnativo, che per quanto riguarda il rapporto con il bambino nella fase iniziale sta vivendo un momento delicato che è quella della conoscenza reciproca, della creazione della relazione, ma che anche successivamente potrà trovarsi a vivere momenti/situazioni di difficoltà. Rispetto al paese d origine del bambino sarà importante avere in mente le sofferenze che esso può rievocare nel bambino, la nostalgia che può emergere, le problematiche che lo caratterizzano, ma anche le sue cose buone, le sue ricchezze, le sue particolarità, le esperienze positive che il bambino può avere avuto. Quando un bambino può essere dichiarato adottabile? La legge prevede che un bambino possa essere dichiarato adottabile quando è stata accertata la sua condizione di abbandono morale e materiale. Quando questa si verifica? Nelle situazioni in cui il genitore decide di lasciare il proprio figlio, e questo può verificarsi alla nascita (sono i bambini che non vengono riconosciuti), come in anni successivi (bambini che vengono lasciati sulla strada, lasciati negli istituti a cui erano stati affidati ) quando i genitori muoiono e non c è nessuno nella rete parentale che possa occuparsi del bambino (pensiamo alle gravi calamità) nei casi di grave ed irreversibile incapacità genitoriale. Può sembrare contraddittorio parlare di stato di abbandono in famiglia ma non lo è. In giurisprudenza è stato precisato che la condizione di abbandono non ricorre soltanto nell ipotesi di rifiuto intenzionale ma anche quale conseguenza di una condotta che impedisca o esponga a grave rischio lo sviluppo del minore. L abbandono si realizza quando c è trascuratezza grave, maltrattamento, violenza, abuso. Deve venire accertata una incapacità affettiva, educativa, 2

3 relazionale molto grave con prognosi di irreversibilità, con gravi conseguenze sullo sviluppo del bambino. Queste sono tutte situazioni in cui il bambino vive la mancanza, l interruzione del rapporto con le figure genitoriali, che ha vissuto situazioni di carenza affettiva, educativa oltre che materiale. Bambino che successivamente, prima dell adozione può avere vissuto un esperienza di istituzionalizzazione, più o meno lunga, di comunità, di affido, intessendo relazioni che poi si concluderanno, potendo vivere ancora una volta, a seconda delle realtà, situazioni di deprivazione e carenza. Quali sono le emozioni vissute dal bambino nell abbandono? Se una perdita è difficile da sopportare per un adulto che ha la possibilità di darsi una spiegazione e ha delle risorse interne, immaginiamo per un bambino. Il bambino che vive una situazione di abbandono non è in grado di attribuire un significato preciso agli eventi che vive: non riesce a spiegarsi perché i propri genitori non ci sono più, perché è rimasto solo, perché si trova in una situazione nuova, con persone sconosciute. Un bambino percepisce questa situazione in modo confuso, non riesce a capire, a dare un senso a quello che stà succedendo. Il bambino non riesce a pensare, ad esprimere con parole il suo disagio. E un disagio che sente dentro di lui, sulla sua pelle, nella sua pancia, a cui non riesce a dare voce. Il bambino nella sua mente cerca di giustificare i propri genitori, di salvarli dalla verità che egli stesso non può ammettere. Oppure trasferisce su di sé la responsabilità di questo evento (è colpa mia, sono stato cattivo). 3

4 Non capace di esprimere con le parole quello che sta vivendo il bambino lo farà con il comportamento, comportamento di rabbia, di angoscia. Gli adulti devono essere in grado di comprendere, interpretare, sostenere questa sensazione di disagio e malessere. Le caratteristiche della situazione di abbandono: Numerosi sono gli studi che hanno descritto le condizioni dei bambini in stato di abbandono e le problematiche affettive e relazionali prima dell inserimento nella famiglia adottiva. Innanzitutto il bambino abbandonato ha subito la perdita delle proprie figure genitoriali. L abbandono non è una situazione che viene scelta; è un evento patito, verso cui il bambino non ha la possibilità di reagire. Egli è costretto da forze maggiori ad interrompere la relazione con i propri genitori e ad accettare questa situazione. E un evento che irrompe nella vita di tutti i giorni e cambia il corso delle cose: un giorno si era parte di una famiglia, il giorno dopo si è in un ambiente completamente nuovo. Cambia tutto. L abbandono è una perdita, uno sradicamento: significa perdere le persone cui si era legati, anche se il legame era debole, era precario. Era l unico che il bambino aveva. Significa cambiare ambiente. L abbandono comporta una situazione di disorientamento rispetto al passato e al futuro: il bambino perde in breve tempo i punti di riferimento e la possibilità di ipotizzare il futuro. L abbandono è una situazione inimmaginabile: il bambino non ha la possibilità di capire/prevedere che potrebbe esserci qualcosa di diverso dalla situazione che sta vivendo. E al di fuori del suo immaginario perdere i genitori o cambiarli. Pensiamo alle situazioni in cui le figure genitoriali sono presenti ma in modo distorto e disturbante. 4

5 Il rapporto genitore-bambino è sempre più compromesso precario, caratterizzato da conflitto, maltrattamento noncuranza. Si tratta di una forma di abbandono che si consuma nella quotidianità. Il bambino in questo caso ha ancora più difficoltà a capire cosa sta accadendo. Il bambino non riesce ad attribuire un significato agli accadimenti, a quello che sente, non riesce ad individuare i propri genitori come responsabili. La tristezza, la sofferenza, la mancanza che prova è senza nome anche se si insinua giorno dopo giorno minando la sua crescita, la sua fiducia nei confronti degli adulti. Anche nell ipotesi di una condizione di vita pessima sul piano fisico e psicologico il bambino raramente chiede di separarsi dalle figure a lui vicine. Le condizioni precarie non sono un elemento che stimola il desiderio di separarsi dai genitori; anzi è stato dimostrato che la precarietà del rapporto aumenta il legame ( più avverte pericolo, più si lega). Le storie di abbandono sono molto diverse tra loro, sono generate da condizioni differenti, producono situazioni differenti. E molto importante quindi conoscere la storia del singolo bambino per capire la sua situazione, le sue difficoltà, i suoi bisogni. Il comportamento del bambino che ha subito un abbandono: Spesso in chi si avvicina all adozione ma anche nel pensiero comune è presente la convinzione che sia più facilmente affrontabile la situazione di un bambino piccolo perché gli effetti dell abbandono sono meno gravi di quelli su un bambino più grande. In realtà le cose non stanno così perché ciò che genera una situazione più o meno problematica non è l età del bambino ma le esperienze che ha vissuto, la possibilità che egli ha avuto di sperimentare una relazione di accudimento e il tipo di qualità della relazione. 5

6 Per sopravvivere, per crescere bene, dal momento della nascita un bambino ha bisogno di qualcuno che si occupi di lui non solo per essere alimentato, vestito ma soprattutto per avere affetto, calore, sicurezza, valore. Un bambino ha bisogno di: comportamenti affettuosi (si è teneri, accoglienti, dolci, affettuosi) comportamenti protettivi ( ci si interpone tra lui e il mondo vegliando sulla sua salute e difendendolo dai pericoli) comportamenti gratificanti (nutrimento, presenza, contatto, tenerezze, stimoli) comportamenti indulgenti (si tollerano i pianti, si tollera che si sporchi, si ascoltano le sue richieste) valorizzazione (si nota e si ammira quello che lui fa, si esprime apprezzamento) E attraverso queste azioni che il bambino si sente protetto, benvoluto, sente che si tiene a lui, sente di avere valore. E grazie a queste cure, attenzioni che il bambino svilupperà un positivo senso di sé, la fiducia negli altri, che potrà iniziare ad allontanarsi, ad esplorare con fiducia il mondo ciò permettendo lo sviluppo delle proprie funzioni logiche, cognitive. I bambini che nei primi anni di vita sono stati istituzionalizzati o che non hanno avuto una famiglia in grado di rispondere a questi bisogni viceversa presenteranno delle difficoltà in queste aree. Tanto più precoce sarà stato l inserimento in Istituto, importante la carenza vissuta e molto più incisivi e profondi saranno gli effetti sullo sviluppo fisico e psicologico del bambino. Che comportamenti possono avere questi bambini? 1. possono essere bambini ritirati, con un comportamento passivo. 6

7 Questo comportamento è frequente nei bambini istituzionalizzati dai primi mesi di vita. Un ambiente povero di stimoli relazionali e sensoriali porta il bambino ad isolarsi. Si tratta di un bambino che non ha iniziativa, non è attirato ad esplorare l ambiente, a entrare in relazione con gli adulti, tende ad isolarsi e a ritirarsi. E come se le emozioni fossero bloccate, come se in lui non esistesse gioia o piacere, ma neanche dolore e sofferenza. Bambino congelato. A volte di fronte a situazioni di dolore, magari sul piano fisico, il bambino non reagisce piangendo ma allontanandosi in silenzio. Sono bambini che presentano una forte insicurezza. non riescono ad esprimere le proprie esigenze, i propri sentimenti, il proprio sé. 2. A questo comportamento se ne contrappone un altro, anch esso frequente nei bambini che hanno subito un abbandono: l irrefrenabilità, l eccitazione. In tal caso i bambini sono in continuo movimento, non riescono a soffermarsi su nulla. Questo atteggiamento si ripropone anche nella relazione che i bambini faticano a sostenere, sfuggono. Sono bambini che non riescono a sostenere lo sguardo, che non ascoltano. 3. Altri bambini invece strutturano un comportamento di estrema dipendenza dalle figure adulte: dimostrano di aver bisogno delle figure genitoriali, talvolta anche degli insegnanti in ogni momento; non tollerano la distanza fisica invasi dalla paura di essere nuovamente abbandonati. E come se fosse un bisogno insaziabile. 4. E possibile incontrare anche bambini che vengono detti indifferenziati affettivamente che si attaccano ad ogni adulto che incontrano. 5. In altri casi il bambino sviluppa una maturità anticipata, dovuta alle condizioni in cui vive. Questa situazione è frequente nel Sud America dove i bambini sin da piccoli sono abituati a provvedere a sé stessi. Sono bambini che faticano a relazionarsi con l adulto, ad accettare le relazioni, la cura da questi. 7

8 Sono bambini che ostentano sicurezza, abituati a cavarsela. L aver vissuto l abbandono, la deprivazione è quindi un esperienza che segna profondamente il bambino che influenzerà il suo modo di relazionarsi, il suo funzionamento anche cognitivo, la stima, l immagine di sé. Il vissuto che può provare chi è stato lasciato è quello di sentirsi sbagliato, brutto, non degno di essere amato. L incontro: il momento della conoscenza reciproca: L incontro tra genitori e bambino è un momento molto delicato della formazione della famiglia adottiva perché unisce due storie con le loro ferite, due mondi fino a quel momento lontani, estranei. La storia del genitore che per arrivare all adozione ha avuto un percorso lungo, impegnativo, che ha vissuto una perdita importante, dolorosa, quella della possibilità procreativa, perdita che può averlo messo in crisi come singolo, come coppia. Coppia che dopo avere elaborato il lutto per la propria perdita si avvicina all adozione, scelta non facile, immediata, magari non subito condivisa dal partner. Una volta che la coppia ha affrontato l iter necessario (il percorso per ottenere l idoneità all adozione, il percorso che ha portato al deposito dell istanza al paese straniero) si apre il periodo dell attesa dell abbinamento che dura mediamente due anni, ma può durarne anche tre, quattro. La coppia si rende disponibile all adozione non scegliendo l età del bambino, le sue caratteristiche, fisiche-psichiche, il sesso, piena di timori rispetto all incontro con il bambino, alla possibilità, capacità di occuparsi di lui: Mi accetterà, mi vorrà bene, mi piacerà, sarò capace? 8

9 Coppia che nel periodo dell attesa avrà fantasticato sul bambino, si sarà fatta delle aspettative, si sarà creata un immagine nella mente che dovrà fare i conti con la realtà, spesso diversa da quella immaginata. La storia del bambino: per il bambino l incontro è un momento ancor più complesso: per la sua storia che lo porta a vivere una condizione di fragilità, in quanto spesso i bambini non vengono preparati a ciò che vivranno, in quanto il bambino potrebbe non avere mai vissuto la dimensione familiare, in quanto il bambino potrebbe non avere l età per comprendere l affermazione questi sono la tua mamma e il tuo papà oppure potrebbe intuirne il significato ma comunque impaurito da una situazione di cui non conosce gli esiti. Anche se il bambino percepisce l interesse, la disponibilità dei genitori nei suoi confronti è comunque impaurito, preoccupato. Difficilmente il bambino può immaginare realtà e relazioni diverse da quelle avute fino a quel momento. La realtà per un bambino è costituita dalle persone, dalle cose che lo circondano e rappresenta l unica situazione a lui familiare. Anche le condizioni più deprivanti, per il solo fatto di essere le uniche conosciute sono quelle che gli offrono sicurezza. Lo stato emotivo di un bambino che stà per essere adottato non è quindi caratterizzato da serenità ma da un profondo disorientamento con manifestazioni di ansia, ritiro, inibizione, rabbia, agitazione. Vengono meno i propri punti di riferimento, le persone e le cose significative. Il bambino ha bisogno di conoscere i suoi genitori: chi sono, cosa vogliono da me, cosa mi succederà, posso fidarmi, non fidarmi. I genitori hanno bisogno di conoscere il loro bambino, quel bambino con i suoi comportamenti, le sue abitudini, i suoi bisogni. 9

10 L inserimento del bambino in famiglia, l arrivo in Italia è un momento delicato per i protagonisti della vicenda adottiva: sia il bambino sia i genitori si trovano di fronte ad un cambiamento radicale della loro vita. Per i genitori è un periodo di riorganizzazione familiare: si assumono nuovi ruoli, si modifica la relazione di coppia. Il bambino che entra in famiglia impone nuovi ritmi, nuove abitudini, nuove relazioni. I coniugi perdono la dimensione di coppia, aspetto magari non percepito inizialmente ma che successivamente si fa sentire, devono sperimentarsi nella veste di genitori assumendo un nuovo ruolo, trovare un alleanza nell esercizio della genitorialità. I genitori saranno impegnati nel permettere al bambino di costruire, ricostruire le sicurezze che in passato sono state messe duramente alla prova. Devono sapersi calare in un ruolo ripartivo nei confronti del proprio figlio permettendogli di far emergere i bisogni più profondi. Nel momento in cui il bambino entra in famiglia, arriva in Italia entra in nuovo universo. Intorno a lui cambia tutto: l ambiente,il clima, gli odori, i sapori, gli usi, i costumi, la modalità della relazione, la lingua. In una situazione in cui la relazione con i genitori è all inizio. Difficilmente gli adulti sono consapevoli dello sforzo richiesto a questi bambini, delle fatiche immani che stanno affrontando. Il bambino avrà bisogno di tempo e disponibilità da parte degli adulti per entrare in relazione con loro, per riuscire a fidarsi, per riuscire a modificare le proprie modalità di relazione. 10

11 Sarà poter vivere la stabilità, l affidabilità delle relazioni, il calore, l affetto che permetterà di tranquillizzare questi bambini, di creare lo spazio per un nuovo legame di attaccamento. Il bambino ha bisogno di una base sicura a cui rivolgersi, di un genitore che lo accetti per come è, che lo guardi, che lo ascolti, che lo tenga nella mente, che lo contenga, che lo coccoli, che lo rassicuri, che lo aiuti ad esprimersi, che lo aiuti a dare un senso a ciò che gli è accaduto. Solo attraverso questo percorso il bambino diventerà figlio e i coniugi padre e madre. Percorso che ha bisogno di tempo, un grande investimento affettivo, elasticità, la capacità di saper tollerare la frustrazione di una mancanza di risposta immediata, le provocazioni. Percorso in cui sarà importante sforzarsi di guardare dietro le quinte, di capire cosa il bambino stà esprimendo con quel comportamento. E sempre importante fermarsi, interrogarsi sul perché delle cose. Solo dopo che i legami si saranno avviati, che il bambino si è rassicurato, tranquillizzato, sarà possibile pensare che questi possa affrontare contesti esterni alla famiglia. Arrivare da un altro mondo significa portare con sé diversità somatica, etnica, culturale, oltre che linguistica. Il bambino ha bisogno costantemente di ricevere valutazioni positive sulla propria persona, sulle sue caratteristiche fisiche, capacità, abilità. Se i genitori, gli adulti che si occupano di lui riusciranno a trasmettere al bambino messaggi di accoglienza, stima e valore per le parti che egli individua come differenze il bambino riuscirà con il tempo ad accettare, a ritenere positive quelle caratteristiche che può vivere come scomode, minacciose. Il bambino ha bisogno di sentire che il suo popolo, la sua cultura sono rispettati, valorizzati. 11

12 Il tentativo del bambino è quello di ridurre la differenza, di sentirsi uguale alle persone cui è legato, con cui vive. Se il bambino percepirà in primis dai propri genitori, ma anche dagli insegnanti, dagli adulti che gli stanno intorno sicurezza ed apprezzamento per le sue caratteristiche imparerà ad accettare e valorizzare le sue parti diverse, a reggere e sopportare situazioni di confronto sociale molto impegnative. Per far ciò il bambino ha bisogno di tempo, di continue conferme. Non è un aspetto che si affronta una volta per tutte, sono aspetti negli anni potranno riemergere. Se un bambino non è molto piccolo avrà assimilato comportamenti, abitudini, gusti caratteristici della propria cultura d origine. Se è naturale che il processo di inserimento del bambino in un altro contesto culturale lo porti a riconoscere le regole di comportamento di quell ambiente non è altrettanto positivo obbligare il bambino a rinunciare alla sua identità, ad adattarsi, ma parteciperà con i suoi genitori alla costruzione di un nuovo equilibrio e di un identità familiare dove i diversi elementi si intersecano. L integrazione è un processo in cui gli aspetti di entrambe le persone si uniscono per originare un nuovo stile, frutto della negoziazione reciproca. L integrazione si realizza nell accoglienza e nel rispetto delle differenze. E importante evidenziare l estrema differenza esistente tra la situazione del bambino adottato e quella del bambino immigrato che talvolta tendono a venire assimiliate. Teniamo presente che il bambino straniero migra con la sua famiglia, fonte si stabilità, di sicurezza per lui; cosa che non si verifica con l adozione in quanto i legami sono in fase di costruzione. Il bambino adottato ha una storia dolorosa, difficile alle spalle di cui va tenuto conto. Mentre per il bambino immigrato confrontarsi con tali aspetti non rappresenterà una difficoltà è necessaria molta cautela nel farlo con il bambino adottato che può non essere pronto e disponibile a rievocare. 12

13 Mentre il bambino immigrato parla la stessa lingua del nucleo familiare ed ha la possibilità di esprimersi, il bambino adottato non parla ancora la lingua familiare e non avrà la possibilità di esprimersi. I tratti somatici per il bambino straniero sono un forte segno di appartenenza alla famiglia, per il bambino adottato sono il tratto evidente di una situazione di diversità, della filiazione adottiva. Per concludere: quando varca la soglia della scuola il bambino sta vivendo una situazione molto complessa: stà costruendo legami affettivi con il nucleo familiare, tra voler affidarsi e la paura di farlo, vuole intrecciare relazioni con i pari ma ne ha paura, ha il desiderio di apprendere ma è bloccato dal timore di non farcela e a volte anche da difficoltà cognitive causate dalla situazione di deprivazione affettiva e di stimoli vissuta. Ha un passato spesso segnato da dolore e solitudine e un presente carico di nuove sfide. Ma la partenza difficile non sempre ha valore predittivo rispetto agli esiti scolastici, rispetto allo sviluppo più complessivo. I bambini adottati se aiutati, e aiutati bene possono recuperare. La scuola può contribuire significativamente al percorso di recupero, di crescita del bambino, attraverso una buona accoglienza, delle buone relazioni, dei percorsi mirati che tengano conto di bisogni e possibilità. ass. soc. Francesca Zanella Comunità della Vallagarina Bibliografia: Prepararsi all adozione di Loredana Paradiso ed. Unicopoli 1999 Il cammino dell adozione di Anna Oliverio Ferraris ed. Rizzoli

14 Bambini/adolescenti immigrati e le loro famiglie nel rapporto con i Servizi Seminario di Formazione Provincia Autonoma di Trento Le adozioni internazionali con i paesi di origine Seminario di Formazione - Provincia Autonoma di Trento 2005 Insieme a Scuola a cura dell Istituto degli Innocenti di Firenze

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

La relazione con la famiglia d origine

La relazione con la famiglia d origine La relazione con la famiglia d origine a cura di Assistente sociale Giuseppina Griguoli e Educatrice professionale Caterina Bellei del Servizio Tutela Minori Unione dei Comuni del Distretto Ceramico PERCHÉ

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Bressanone, 9 aprile 2009 Adolescenza: definizioni e caratteristiche Periodo della vita che si colloca fra la preadolescenza ed i 17 anni;

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

La centralità dei bambini. Dai bisogni della coppia ai bisogni dei bambini

La centralità dei bambini. Dai bisogni della coppia ai bisogni dei bambini + La centralità dei bambini Dai bisogni della coppia ai bisogni dei bambini + L esperienza dell abbandono Dove e come vengono abbandonati i bambini? + I bambini Vengono abbandonati piccolissimi dentro

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Bambini in comunità e bambini in affido

Bambini in comunità e bambini in affido Bambini in comunità e bambini in affido I bambini, allontanati dal loro nucleo familiare, che si trovano presso le comunità o presso le famiglie affidatarie hanno tante cose in comune e tante differenze

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA)

COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA) 30 OTTOBRE 2011 Gruppo Famiglie Adottive Roseto degli Abruzzi (TE) Affiliato LE RADICI E LE ALI COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA) CICLO VITALE DELLA COPPIA

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Francesca Belforte con direttore dell Istituto Mille e una Meta, Livorno "INformazione Psicologia Psicoterapia

Dettagli

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione.

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. SOS scuola Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. Un aiuto per decidere quando inserirlo a scuola Il

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi.

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. PERCHÈ LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nella storia della coppia la separazione, anche se non prevista, qualche volta è inevitabile.

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE Le famiglie di fronte alla disabilità La situazione di disabilità viene vissuta come inaccettabile o, per meglio dire, come un lutto familiare. (Dell

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE ASPETTI DELLA MALATTIA Il tipo di malattia La gravità Il livello di cronicità L impatto sociale della

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE

VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE neanche con un fiore!! VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE Tipologie di violenza e aspetti psicologici Ciriè 9 maggio 2012 Servizio di Psicologia Ospedaliera Area Consultori Familiari Direttore

Dettagli

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011 L accompagnamento della famiglia affidataria Difficoltà delle FA Con il minore accolto Con i Servizi All interno della propria famiglia - difficoltà individuali - difficoltà di coppia - difficoltà con

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Non poter avere figli: il supporto che cura

Non poter avere figli: il supporto che cura Non poter avere figli: il supporto che cura Sterilità, infertilità, fecondazione assistita: diagnosi pesanti, appesantite dal dubbio di non poter avere (mai) figli. Si supera? Ne parliamo con Emilse Dumit,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI I I figli crescono Primo incontro 25.11.06 La scuola superiore: l adolescente l tra scuola e famiglia Secondo incontro17.02.07 La relazione tra genitori e figli adolescenti:

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Intrecci familiari e modelli relazionali: la prospettiva della gestalt Therapy

Intrecci familiari e modelli relazionali: la prospettiva della gestalt Therapy www.gestaltherapy.it Istituto di Gestalt Therapy Hcc Kairòs Scuola Post Universitaria di Specializzazione in Psicoterapia della Gestalt Riconosciuta dal MIUR DDMM 9.5.1994, 7.12.2001, 24.10.2008 RAGUSA

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus PRINCIPI DELL INTERVENTO EFFICACE NEI CASI DI SOSPETTO ABUSO

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

Mamma e papà si sono lasciati: la separazione dei genitori vissuta dal bambino Claudia Nissi 9.04.2015

Mamma e papà si sono lasciati: la separazione dei genitori vissuta dal bambino Claudia Nissi 9.04.2015 Mamma e papà si sono lasciati: la separazione dei genitori vissuta dal bambino Claudia Nissi 9.04.2015 Quali difficoltà devono affrontare i figli dopo la separazione dei genitori? Genitori e figli hanno

Dettagli

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro)

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Costanza Marzotto Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia, Università

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

L ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA

L ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA L ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA Come affrontarla a scuola e in famiglia. Centro AP - Psicologia e Psicosomatica Piazza Trasimeno, 2-00198 Roma - Tel: 06 841.41.42 - www.centroap.it 1 Perché tanta attenzione?

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale Dolore frustrazione e legami affettivi nel ciclo vitale Dottoressa Tiziana Mizzoni Psicologa e Psicoterapeuta Gestazione Spazio mentale del bambino Pensare Individuale Pensare Comune Maturità della Coppia

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA!

MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA! FABRIZIO FANTONI psicologo psicoterapeuta LICEO CASIRAGHI - 8 NOVEMBRE 2014 MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA! Le invarianti Gli adolescenti hanno sempre gli stessi compiti di sviluppo: pensare un

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie?

1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie? 1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie? Il tema del controllo è trasversale a tutti gli operatori (assistenti

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO A seguito dell assemblea dei nuovi iscritti, i genitori sono invitati ad un colloquio con l educatrice di riferimento. Questa si pone come tramite tra il servizio e la famiglia,

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

"ASCOLTATEMI ASCOLTATEVI ASCOLTIAMOCI

ASCOLTATEMI ASCOLTATEVI ASCOLTIAMOCI "ASCOLTATEMI ASCOLTATEVI ASCOLTIAMOCI Genitorialità e sviluppo affettivo A cura della dr.ssa Nadia Badioli COS E LA GENITORIALITA Funzione complessa che incorpora sia aspetti individuali sia aspetti di

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

LA MUSICA DELLE FAMIGLIE D ORIGINE IN MOVIMENTO: NOTE SUL RIGO

LA MUSICA DELLE FAMIGLIE D ORIGINE IN MOVIMENTO: NOTE SUL RIGO LA MUSICA DELLE FAMIGLIE D ORIGINE IN MOVIMENTO: NOTE SUL RIGO Ricerca - azione sulle modalità di lavoro con famiglie naturali di minori in affido Esperienza del gruppo di lavoro della provincia di Parma

Dettagli

Famiglie vulnerabili: ascolto del disagio e sperimentazione di nuove forme di sostegno

Famiglie vulnerabili: ascolto del disagio e sperimentazione di nuove forme di sostegno Famiglie vulnerabili: ascolto del disagio e sperimentazione di nuove forme di sostegno Nuove forme di famiglia, nuove sfide educative L aumento della popolazione anziana La prolungata permanenza dei giovani

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

TRE STEP PER AFFRONTARE L ANSIA DA SEPARAZIONE

TRE STEP PER AFFRONTARE L ANSIA DA SEPARAZIONE TRE STEP PER AFFRONTARE L ANSIA DA SEPARAZIONE La tua situazione forzata E capitato a Monica di divorziare dal marito dopo 10 anni di matrimonio e nonostante fossero passati ormai 8 anni, ha molte difficoltà

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli