economico congiunturale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "economico congiunturale"

Transcript

1 indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 55 Osservatorio economico congiunturale indicatori ll punto sull economia della provincia di

2 56 Economica Numero 6 novembre-dicembre I RISULTATI DI BILANCIO I risultati economici qui presentati riguardano un campione di 7.59 aziende, pari al % delle imprese di capitali della provincia. Si sottolinea che si tratta di un campione stabile nel triennio di valutazione, costituito cioè dalle stesse imprese in tutti e tre gli anni. La stabilità del campione rende significativo il confronto dei risultati aggregati nel periodo di valutazione. Tra il 9 e il le imprese di capitali della provincia di hanno registrato un incremento del valore della produzione del 6%, favorito da una crescita abbastanza costante in tutto il periodo. Anche le altre grandezze economiche (valore aggiunto, EBIT, risultato ante imposte e netto) risultano in progresso grazie a una performance notevole tra il 9 e il, non inficiata dal rallentamento registrato nell anno successivo. Nel il valore aggiunto è pari al 7% del valore della produzione. Le imprese in utile sono il 6% del campione considerato; il loro numero aumenta leggermente rispetto all anno precedente, mentre cresce di oltre il 7% il loro valore della produzione aggregato. Le sole società per azioni in utile, invece, diminuiscono in numero, ma aumentano dell 8% il valore della produzione totale. In termini di valore della produzione, le società di capitali modenesi rappresentano il,6% del totale regionale; su valori inferiori al % è il loro peso rispetto al valore aggiunto, all EBIT e all utile ante imposte. Rispetto a tutte le grandezze considerate, i valori assoluti come i medi e i mediani sono decisamente al di sopra dei corrispondenti valori a livello nazionale. Il confronto con i risultati di altri territori va considerato solo come indicazione di massima poiché la rilevanza del campione di società di capitali esaminato rispetto al totale delle società di capitali operanti nel territorio è molto diversa da provincia/regione a provincia/regione per ragioni di procedure camerali. é Le differenze per classe dimensionale delle imprese Tra il 9 e il la parte del sistema produttivo della provincia di costituita dalle società di capitali ha beneficiato di un discreto rafforzamento sul piano della dimensione delle imprese. La dimensione media delle imprese in termini di valore della produzione è cresciuta da, milioni di euro a quasi,5 milioni di euro; meno consistente la crescita della mediana del valore della produzione, passata da 6. euro circa a 76. euro circa. Questi aumenti trovano corrispondenza nell evoluzione della distribuzione delle imprese per classe dimensionale. Mentre nel 9 le grandi imprese erano lo,8% del totale e le medie il,%, nel esse erano rispettivamente lo,9% e il,%; incrementi percentuali corrispondenti, nel campione La dinamica del fatturato: tasso di crescita per dimensioni d impresa (val. %) 5 / /9 /9,,9 5,,6 7, 7,9 8, 8, 5,5,6,,6 5 Micro Piccole Medie Grandi

3 considerato in questa analisi, a un aumento complessivo di 7 unità. Nello stesso periodo sono invece diminuite le micro aziende dall 8,% al 79,%. L evoluzione della struttura dimensionale del tessuto produttivo si riflette nel diverso andamento dei risultati economici registrato dai vari aggregati dimensionali delle aziende. Le grandi e le medie, infatti, realizzano tra il 9 e il un incremento del valore della produzione aggregato nell ordine del %. Le piccole e le micro, invece, rimangono praticamente stabili. Tutte le categorie dimensionali beneficiano di consistenti incrementi dell EBIT e dell utile. Per quanto riguarda il patrimonio netto, le grandi imprese si rafforzano tra il 9 e il di oltre il 6%; le medie e le piccole, invece, sono in regresso. Incoraggiante, infine, il rafforzamento patrimoniale registrato dall aggregato delle micro imprese. Nel, il 6% del valore della produzione complessivo risulta realizzato dalle imprese del manifatturiero, energia e minerario e un altro 8% circa da quelle del commercio. L economia della provincia di risulta, dunque, molto concentrata in questi due settori; tale concentrazione si ritrova, per altro, anche rispetto al valore aggiunto (dove il manifatturiero pesa da solo per oltre il 57%), e ancor di più rispetto all utile ante imposte e netto. Una rilevanza relativamente significativa hanno poi le costruzioni e i servizi alle imprese, con un valore della produzione tra il 5 e il 7% del totale. Commercio e manifatturiero, energia e minerario spiccano anche per dimensione media delle imprese, con valori rispettivamente di 8, milioni di euro e 6, milioni di euro; tra gli altri comparti, il valore medio più alto, pari a,6 milioni di euro, si osserva nei trasporti e spedizioni. La situazione risulta in parte diversa se si considerano i valori mediani. Il manifatturiero, energia e minerario si colloca al primo posto con, milioni di euro, insieme a trasporti e spedizioni con un valore analogo; segue il commercio con,9 milioni di euro. Il diverso posizionamento dei settori rispetto ai valori medi e mediani lascia prefigurare che nel commercio esistano un nucleo ristretto di imprese di dimensioni relati- Si ricorda che sono considerate grandi le imprese con valore della produzione superiore a 5 milioni di euro; medie le imprese con valore della produzione compreso tra e 5 milioni di euro; piccole le imprese con valore della produzione compreso tra e milioni di euro; micro le imprese con valore della produzione inferiore ai milioni di euro. Economica Numero 6 novembre-dicembre 57 é I risultati per comparto produttivo indicatori Valore della produzione e ROI per settore economico (valori mediani e %) Valore della produzione e ROI per settore economico Valori mediani e percentuali 5 Altri settori Attività manifatturiere, energia, minerarie R O I Servizi alle imprese Agricoltura e attività connesse Commercio Trasporti e spedizioni Costruzioni Assicurazioni e credito Turismo Valore mediano della produzione

4 58 Economica Numero 6 novembre-dicembre é Leggermente ridimensionato il calo produttivo ROI per anno (val. %) ROS per anno (val. %) ROE per anno (val. %) 5,5,5,5,5,5,6,,5,5,5,5,8, ,9,6 7, 7,9,5,5 Totale In utile Totale In utile Totale In utile vamente grandi e un numero ampio di piccole e micro aziende. La concentrazione relativa nel manifatturiero è invece relativamente minore con meno imprese di piccola dimensione. In tutti i comparti le imprese in utile risultano numericamente maggiori di quelle in perdita. Il saldo positivo è particolarmente forte nel caso del manifatturiero, energia e minerario, dei servizi alle imprese e del commercio. Nel il ROI complessivo si ferma a un modesto,6%, valore analogo a quello del. Il risultato delle sole società in utile è migliore ma non va oltre il,%. Anche il ROE appare molto modesto, pari al,6%, in leggero calo rispetto al,9% del. Per questo indicatore, la differenza con le sole società in utile risulta invece piuttosto significativa, poiché queste registrano un valore complessivo pari al 7,9% (migliorando, per altro, il 7,% del ). Il grado di indipendenza finanziaria (proporzione dell attivo finanziato con capitale proprio) rimane abbastanza stazionario, senza grandi differenze tra le imprese profittevoli e quelle non, su valori tra il e il 6%. Tra i comparti e considerando le sole società in utile, i ROI più alti si osservano nel manifatturiero, energia e minerario (6,%) e nel turismo (5,%). I ROE più consistenti sono ancora nel turismo (6,8%) e nell assicurazione e credito (,8%). L andamento congiunturale del trimestre La Camera di commercio ha intervistato un campione rappresentativo di 7 imprese in tutto il territorio provinciale, con la collaborazione di CNA e Confindustria, nell ambito dell indagine trimestrale sull andamento congiunturale del settore manifatturiero. Il trimestre dell anno, che comprende i mesi estivi post sisma, è stato caratterizzato da un trend negativo di tutte le principali variabili esaminate, seppur meno pesante di quanto mostrato nel periodo aprile-giugno. La produzione industriale in quantità è risultata in calo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno del 7,7%, dato leggermente inferiore al 9,6% registrato, sempre a livello tendenziale, nel trimestre precedente. Se si considera la variazione congiunturale del trimestre rispetto al trimestre si evidenzia un 7,%. Anche l andamento del fatturato è negativo (,6% la variazione tendenziale del trimestre), ma meno grave rispetto a quanto mostrato nel trimestre. La quota di fatturato proveniente dalle vendite all estero è invece in costante aumento e raggiunge il,% nel trimestre luglio-settembre. In flessione è risultata la domanda interna: gli ordini dal mercato domestico, infatti, hanno mostrato, sempre a livello tendenziale, un calo pari al 8,8%. Per la prima volta dall inizio del, scende in territorio negativo anche la variazione percentuale degli ordini esteri, pari al,%, sempre nel trimestre, rispetto allo stesso periodo.

5 Economica Numero 6 novembre-dicembre 59 Per quanto riguarda l occupazione, nel campione si è registrato un leggero decremento degli addetti durante il corso del trimestre luglio-settembre:,%. Le difficoltà segnalate dalle imprese in campione su tutti gli altri indicatori iniziano a intaccare i livelli occupazionali. L indagine congiunturale analizza anche dati qualitativi relativi alle previsioni espresse dalle imprese per i successivi tre mesi (ottobre-dicembre ). La quota di imprese che prevedono un calo della produzione è diminuita passando dal,% nel trimestre al 7,6% nel. Aumentano di contro le quote delle imprese che prospettano un aumento (6,5%) e che indicano stazionarietà (55,9%). Le prospettive sull occupazione mostrano un incremento della quota di imprese che prevede stazionarietà che raggiunge il ragguardevole valore dell 86,7%. Rispetto ai primi trimestri dell anno, in questo trimestre aumentano notevolmente le imprese che sono pessimiste circa l andamento dei mercati, sia per quanto concerne quello domestico, sia per quelli mondiali. Ben il 7,% delle aziende intervistate si aspetta un calo degli ordini interni; circa quelli esteri, questa quota, comunque maggioritaria, si attesta sul 68%. indicatori : produzione, fatturato ed esportazioni dell industria manifatturiera (var. % trimestrali rispetto allo stesso periodo dell anno precedente) Produzione Fatturato Esportazioni* Media anno,7 8,9,7 Media anno 7, 8,9 8,7 trimestre,5, 6,7 trimestre 8,8 9,, trimestre 5, 7, 6,9 trimestre,7,8,8 trimestre,6, 7, trimestre 9,6 6,,8 trimestre 7,7,6 n.d. * Dati ISTAT. Fonte: elaborazioni Camera di commercio di su dati indagine congiunturale e ISTAT. : ordini interni ed esteri dell industria manifatturiera (var. % trimestrali rispetto allo stesso periodo dell anno precedente) Ordini interni Ordini esteri Media anno 5,,9 Media anno, 7, trimestre 7,5,5 trimestre, 5,5 trimestre, 9, trimestre,8,5 trimestre,,6 trimestre,,5 trimestre 8,8, Fonte: elaborazioni Camera di commercio di su dati indagine congiunturale e ISTAT.

6 Economica Numero 6 novembre-dicembre -, previsione delle imprese sulle prospettive a breve della produzione 6Figura (Frequenze percentuali) : previsione delle imprese sulle prospettive a breve della produzione (frequenze %) é 7 In aumento 6 Stazionarie 5 In diminuzione Ancora debole la domanda trim. trim. trim. trim. trim. trim. trim. interna Fonte: elaborazioni Camera di commercio di su dati indagine congiunturale. Figura -, giudizi sugli ordini interni : giudizi (Frequenze sugli ordini percentuali) interni (frequenze %) Alti Normali Bassi trim. trim. trim. trim. trim. trim. trim. Fonte: Figura elaborazioni -, Camera giudizi commercio sugli ordini esteri su dati indagine congiunturale. : giudizi (Frequenze sugli ordini percentuali) esteri (frequenze %) trim. trim. trim. trim. trim. trim. trim. Fonte: elaborazioni Camera di commercio di su dati indagine congiunturale. Alti Normali Bassi a flettere i mercati esteri éiniziano

7 indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 6 Dall elaborazione dei dati per settore di attività emergono i seguenti andamenti. Industria alimentare: dopo i positivi risultati registrati nel e nella prima metà del, il trend è in costante peggioramento. Nel trimestre si registra un calo della produzione del,% (rispetto allo stesso trimestre dell anno precedente). Meno grave ma comunque negativo è l andamento del fatturato (,%). Caratterizzate dal segno meno sono anche le variazioni percentuali tendenziali degli ordinativi: 9,9% gli ordini interni e,% quelli esteri. La quota di fatturato ottenuta sui mercati internazionali è in leggero aumento e raggiunge il 6,%. Industria tessile e maglieria: il campione di questo settore comprende diverse imprese aventi sede nelle zone colpite dal sisma. Dopo il trend fortemente avverso registrato nel trimestre aprile-giugno, si evidenzia un miglioramento anche se le variazioni tendenziali continuano a essere negative:,% la produzione,,% il fatturato,,% gli ordini interni. Aumenta in modo sensibile la quota di vendite destinate all estero (56,%), anche se gli ordinativi da paesi stranieri sono in calo del %. Industria dell abbigliamento: l unico dato in positivo che presenta il settore nel trimestre è quello relativo al fatturato che aumenta a livello tendenziale del +8,8%; tutti gli altri indicatori segnano una flessione che va dal 9,6% per la produzione in quantità al,5% per gli ordini dal mercato domestico, al 8,9% per quelli esteri, dato preoccupante, considerando che la quota di fatturato proveniente dai mercati internazionali si attesta sul 56,6%. Settore ceramico: nel trimestre si attenua il trend sfavorevole mostrato dal settore nel trimestre precedente, ma anche in questo caso le variazioni rimangono negative. La produzione è calata del,7% sempre rispetto al trimestre dello scorso anno; il fatturato diminuisce del 5,7%, mentre gli ordini hanno registrato contrazioni del 5,% dall interno e del,% dall estero. In aumento la quota di export sul fatturato totale (9,%). Settore biomedicale: dopo il tracollo registrato nel trimestre a causa degli eventi sismici, si registra un miglioramento degli indicatori, che permangono tuttavia in territorio negativo, fatta eccezione per l incremento registrato negli ordini dall estero (+5,%), dato che lascia ben sperare considerando che la quota di export ha raggiunto il 57,8%. Risultano ancora in calo, anche se più contenuto, la produzione ( 5,6%), il fatturato ( 6%) e gli ordini interni (,%). Settore meccanico: l indagine analizza i diversi comparti che evidenziano, nel trimestre in esame, un andamento negativo anche se meno grave di quanto mostrato nel trimestre. Per le lavorazioni meccaniche si assiste a diminuzioni del 6,6% per la produzione, del 5,7% per il fatturato, del 9,7% per gli ordini interni, del,8% per quelli dall estero. Per i produttori di macchine e apparecchi meccanici si evidenzia una diminuzione della produzione ( 6,%) e del fatturato (,%); la flessione degli ordini interni ( 5,%) è in minima parte compensata dall aumento di quelli esteri (+,9%). Per il comparto apparecchiature elettriche ed elettroniche si registrano cali sia per la produzione sia per il fatturato (rispettivamente 8,7% e,%); in forte calo gli ordini interni ( 6,5%), mentre rimangono pressoché stazionari quelli dall estero (+,%). Settore mezzi di trasporto: la produzione in quantità è diminuita a livello tendenziale del 6,7%, mentre il fatturato ha mostrato un lieve incremento, +,7%. Gli ordinativi dal mercato interno hanno registrato una flessione del,%, mentre quelli dai mercati esteri sono aumentati del +5,%. Nel complesso la rilevazione del trimestre ha evidenziato un lieve miglioramento di tutti gli indicatori, che sono tuttavia ancora caratterizzati da segno negativo. I dati risentono ovviamente ancora della difficile situazione dell area colpita dal sisma di maggio; le imprese si stanno riorganizzando e risollevando e questo è emerso nell evoluzione delle principali variabili considerate, quali produzione, fatturato e ordini, che presentano ancora variazioni tendenziali negative, anche se meno pesanti di quanto rilevato nel trimestre dell anno.

8 Economica Numero 6 novembre-dicembre 6 : dinamica settoriale della produzione (var. % rispetto al corrispondente periodo dell anno precedente) Media trim. trim. trim. Alimentare,8,9 5,, Tessile e maglieria,9 9,,, Abbigliamento,, 7, 9,6 indicatori Piastrelle e lastre in ceramica 5,8,8,8,7 Lavorazioni meccaniche e prodotti in metallo,8,7,9 6,6 Macchine e apparecchi meccanici 5,, 7,5 6, Macchine e apparecchiature elettriche ed elettroniche,,, 8,7 Biomedicale,8 5,6, 5,6 Mezzi di trasporto 7,5,6,5 6,7 Altre industrie manifatturiere,7, 9,, Totale industria manifatturiera 7,,6 9,6 7,7 Fonte: elaborazioni Camera di commercio di su dati indagine congiunturale.

9 6 LA MOVIMENTAZIONE DEL REGISTRO IMPRESE provincia voce tipologia assoluto anno_prec trim_prec ITALIA Economica Numero 6 novembre-dicembre MODENA Iscrizioni Società di persone 99-7,5-7, -, MODENA Iscrizioni Imprese individuali 587-8, -7 -,7 Nel MODENA trimestre Iscrizioni le iscrizioni Totali di nuove imprese nella provincia di 9 sono -6,6 state -,9 -, 9, MODENA il % in meno Cessazioni del precedente non Società d'ufficio trimestre, di capitali e il 6,6% in meno delle 97iscrizioni nello, -5,8 8,7 stesso MODENA trimestre del Cessazioni (mentre non Società a d'ufficio livello di nazionale persone la riduzione è stata 85 del,%).,9,, Oltre il % delle nuove iscritte è costituito da società di capitali, mentre circa il 6% MODENA Cessazioni non Imprese d'ufficio individuali 59,6-7,5,5 da imprese individuali. MODENA Cessazioni non Totali d'ufficio 697 -, 5 Le cessazioni (non d ufficio) sono state in totale 697, con una riduzione del,% rispetto MODENA a quelle registrate Cessazioni nel precedente Società di trimestre, capitali ma un aumento 98del % rispetto -,9 -,5 -, al valore MODENA dello stesso Cessazioni trimestre dello Società scorso di persone anno (risultato meno peggiore 89 di quello,7 5,6 9,6 medio MODENA MODENA nazionale, Iscrizioni che Cessazioni Società risulta di pari capitali Imprese a +5%). 9 individuali,9 -, -5,5 5, -6,9, Il confronto MODENA tra iscrizioni Cessazioni e cessazioni Totali(non d ufficio) mostra dunque 76 un saldo positivo -, -6,5,5 di unità, pari a circa il % delle nuove iscritte. Il saldo positivo riguarda tutte le tipologie di società, ma risulta proporzionalmente più elevato per quelle di capitali, dove le iscritte sono il doppio delle cessate. TAVO Dinamica iscrizioni per forma giuridica (var. % trimestre rispetto allo Dinamica stesso trimestre iscrizioni per dell anno forma giuridica precedente) Variazione % III trimestre rispetto allo stesso trimestre anno precedente 5 5 5,9 5,5 Società di capitali 7,5, Società di persone 8,,7 Imprese individuli Quasi il 5% delle nuove iscritte classificate si concentra in due comparti: commercio (%) e costruzioni (%). Piuttosto numerose anche le nuove entrate nei servizi alle imprese (,7%) e nel manifatturiero, energia e minerario (%). Molto modeste, ma in linea con il loro peso relativo, le nuove iscrizioni negli altri comparti produttivi. Rispetto al precedente trimestre di quest anno, le iscrizioni diminuiscono fortemente in tutti i comparti, con punte particolarmente elevate nell agricoltura e nei trasporti e spedizioni. Anche a confronto del trimestre, le iscrizioni diminuiscono in tutti i comparti, a eccezione delle costruzioni, che segnano un aumento di quasi il 5% 6,6, Totali Dinamica cessazioni per forma giuridica (var. % trimestre rispetto allo Dinamica stesso trimestre cessazioni dell anno per forma precedente) giuridica Variazione % III trimestre rispetto allo stesso trimestre anno precedente , 8,7 Società di capitali é Iscrizioni e cessazioni per comparto produttivo,9, Società di persone,6,5 Imprese individuli Italia Italia 5 Totali

10 LA _CON ,,,7,,8 5,6 (in forte controtendenza con l andamento nazionale pari al 5,6%). Commercio e costruzioni assorbono gran parte delle cessazioni (non d ufficio) di imprese classificate: il 6,5% il primo e il % il secondo. Il 7% delle cessazioni riguarda le imprese del manifatturiero, energia e minerario. A eccezione di agricoltura e trasporti e spedizioni, in tutti i comparti le iscrizioni sono maggiori delle cessazioni; particolarmente significativo il differenziale nel turismo, dove le prime sono il doppio delle seconde. Le imprese cosiddette femminili, giovanili e straniere hanno registrato un numero molto elevato di nuove aziende; al primo posto si colloca la categoria delle imprese giovanili con 78 nuove iscritte (% del totale nuove iscritte), seguita da quella delle imprese femminili con 8 (6% del totale nuove,8 alimentare, Economica Numero 6 novembre-dicembre 65 commercio e pubblici tessile abb. 7,9 Dinamica iscrizioni per attività economica esercizi 7,5 Dinamica Variazione iscrizioni % III trimestre per attività economica rispetto allo (var. stesso % trimestre trimestre anno precedente rispetto allo stesso trimestre dell anno altre industrie 7,6 industrie precedente) 8,6 manifatturiere ceramica, Agricoltura Industria Costruzioni manifatturiera trasporti e magazzinaggio -,8 provincia natgiuvoce assolutomodena var_trimprec ITALIA Commercio MO Società Turismo femminile di capitali Trasporti 9,7 Assicurazioni -, Servizi TAVOLA Altri _con settori MO Società giovanile di capitali 9 -,7 -,, MO Società straniera di capitali e spedizioni 9-8, e credito -,alle imprese MO Società femminile di persone 5 -,8 -,8-7 MO Società giovanile di persone 6-5,8 -,7-5 MO Società straniera Italia di persone, -8,6 -,7 MO Imprese femminile8 individuali -8,5-7 -,5 MO Imprese giovanile individuali,8 -, -, MO Imprese straniera individuali 78 -, -7 -,7 MO Altre forme femminile 5 66,7 -, MO Altre forme giovanile -7,7 5,7 MO Altre forme straniera -,9-55,6 7, MO Totale femminile8 imprese -5,6 - MO Totale giovanile imprese 78-5, -5, -, Iscrizioni MO Totale imprese straniera femminili, -,giovanili -7, -,8 e straniere per territorio (var. % trimestre rispetto allo stesso trimestre dell anno precedente) 5 6 5, 8, 8,5 8,5 6,5 5,,,8 6,7 5,6 5,,, Femminile Giovanile Straniera, 6,6 9,6,,5 Italia,8 indicatori metalmeccanico 9 Le imprese femminili sono quelle la cui partecipazione di genere risulta complessivamente superiore al 5%, mediando la composizione di quote di partecipazione e cariche attribuite. Le imprese giovanili sono quelle in cui la partecipazione di persone under 5 risulta complessivamente superiore al 5%, mediando la composizione di quote di partecipazione e cariche attribuite. Le imprese straniere sono quelle in cui la partecipazione di persone non cittadine italiane risulta complessivamente superiore al 5%, mediando la composizione di quote di partecipazione e cariche attribuite.

11 66 Economica Numero 6 novembre-dicembre iscritte) e straniere con (% del totale nuove iscritte). Per tutte le tre categorie considerate, tuttavia, le iscrizioni nel trimestre risultano nettamente inferiori rispetto a quelle del trimestre precedente, così come in rapporto alle iscrizioni nello stesso trimestre. Gran parte delle nuove imprese giovanili, femminili o straniere nasce nella forma di imprese individuali. In questo trimestre, per tutte le tre categorie considerate, tra il 77 e l 8% delle iscrizioni avviene nella forma societaria appunto dell impresa individuale. È importante precisare che non è possibile aggregare i risultati delle tre categorie di imprese "femminili", "giovanili" e "straniere" e considerarle un unico insieme. Infatti, il metodo di rilevazione dei dati prevede che un'impresa rientrante contemporaneamente in più di una categoria sia conteggiata in tutte le categorie di appartenenza. Questo, nel caso di aggregazione dei valori delle singole categorie, determinerebbe un'evidente duplicazione (o addirittura "triplicazione") dei valori. La maggior parte delle imprese femminili nasce nel commercio, con una buona presenza anche nel manifatturiero, energia, minerario e nel turismo. Le imprese giovanili prediligono costruzioni e commercio, così come i nuovi imprenditori stranieri ; questi ultimi hanno anche una presenza relativamente consistente nel manifatturiero, energia, minerario. LE PROCEDURE CONCORSUALI Nel trimestre sono state aperte 6 procedure per fallimento, pari allo,8 imprese, valore vicino a quello medio italiano (pari a,). L 8% dei fallimenti ha riguardato società di capitali, con un incidenza superiore a quella media italiana. Si sono avuti anche 8 concordati o altre forme di accordi prefallimentari. Le procedure concorsuali hanno riguardato prevalentemente, nell ordine, imprese nel manifatturiero, energia, minerario, nelle costruzioni e nel commercio.

12 SCIOGLIMENTI E LIQUIDAZIONI Gli scioglimenti e le liquidazioni volontarie sono stati, pari al,9 imprese, un valore in linea con la media italiana. Quasi il 55% ha riguardato società di capitali. Le liquidazioni e scioglimenti sono più numerosi nei servizi alle imprese e nel commercio, dove hanno un incidenza sul totale delle imprese abbastanza simile a quella media nazionale. Piuttosto numerose anche le operazioni di questo tipo nel manifatturiero, energia, minerario, dove infatti hanno mostrato un incidenza piuttosto superiore a quella media nazionale. Economica Numero 6 novembre-dicembre 67 PROTESTI Nel trimestre del sono stati levati a.89 protesti, di cui.588 cambiali, 6 assegni e 5 tratte accettate. Rispetto al trimestre dell anno precedente il numero di effetti protestati è diminuito del,6%. Il valore degli effetti è di,9 milioni di euro, con un calo del 5,% rispetto allo stesso periodo del. Le istanze di cancellazione sono state 59 e i protesti pvcancellati. att fall_tricor fall_tricor_ita MODENAITALIA cpar_tricorcpar_tricor_ita perc_cparperc_cpar_ita MO Dall inizio Agricoltura dell anno e al attività settembre connesse 5 i protesti levati, sono, TAVOLA 6_CON MO complessivamente Attività manifatturiere, 7., con energia, una 5 diminuzione minerarie del,79 9,% 5,, MO rispetto Costruzioni ai primi nove mesi 9del. 85,7,5 88,5, MO Il valore Commercio complessivo degli 6effetti protestati 55,8 ammonta, a 7,6 79,5 MO milioni di Turismo euro, con un calo del,% 97 rispetto all anno, precedente. Assicurazioni e Credito,9 5, 8, MO Trasporti e Spedizioni 6,9,65 9, MO MO Le istanze Servizi di cancellazione alle imprese si fermano 75 a,6 (erano 5,6nei 75, MO primi tre Altri trimestri settoridel ) e i protesti 59 cancellati sono,6 5 7,6,7 MO Totale Imprese Classificate.86,5,6 8 5,,9 ( 5,7% rispetto ai 7 al settembre dell anno scorso). indicatori I fallimenti per settore economico (n. procedure su. imprese attive nel territorio, trimestre ),,9,8,79,7,65,6,5,,,,8,,,9,6,6,6 Agricoltura e attività connesse Attività Costruzioni manifatturiere, energia, minerarie Commercio Turismo Trasporti e spedizioni Assicurazioni e credito Servizi alle imprese Altri settori Italia

13 68 Economica Numero 6 novembre-dicembre pv att liqui_tricor liqui_tricor_ita MODENA ITALIA altriliqu_tricor altriliqui_tricor_ita perc_altriliqui perc_altriliqui_ita MO Agricoltura e attività 6 connesse,,, TAVOLA 8_CON MO Attività manifatturiere, 85 energia,,minerarie,9, MO Costruzioni 89,8,6 6,7 MO Commercio 5 79,,8 9, MO Turismo 96,, 7, MO Trasporti e Spedizioni 9,7,6 5, MO Assicurazioni e Credito,7, MO Servizi alle imprese 8 6,,6 6,8 MO Altri settori 95,58,6 8, MO Totale Imprese Classificate.88,77,5 7,5 Scioglimenti e liquidazioni per settore economico (n. procedure su. imprese attive nel territorio, trimestre ),5,5,5,,9,6,8,,8,,,7,6,6,,58,6,5,7,5,, Agricoltura e attività connesse Attività manifatturiere, energia, minerarie Costruzioni Commercio Turismo Trasporti Assicurazioni Servizi e spedizioni e credito alle imprese Altri settori Italia

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

RAPPORTO ECONOMICO SULLA PROVINCIA DI MODENA NELL ANNO 2013

RAPPORTO ECONOMICO SULLA PROVINCIA DI MODENA NELL ANNO 2013 RAPPORTO ECONOMICO SULLA PROVINCIA DI MODENA NELL ANNO 2013 Modena, aprile 2014 La struttura del sistema produttivo modenese Lo stock di imprese L aggregato delle imprese nella provincia di Modena nel

Dettagli

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena 5indicatori REGISTRO IMPRESE: si rafforza la struttura imprenditoriale I dati della movimentazione a fine settembre 213 in provincia di SALDO TRA ISCRIZIONI E CESSAZIONI Nel 3 trimestre del 213 il tessuto

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CAGLIARI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CAGLIARI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2012 elaborazioni a: Marzo 2012 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 BILANCI Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Risultati economici 0. Analisi

Dettagli

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese III trimestre 2015 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Novembre 2015 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

Note per la lettura dei report

Note per la lettura dei report Note per la lettura dei report Report strutturali 0. IMPRESE REGISTRATE PER STATO DI ATTIVITÀ. ANNO 2012 E TASSO DI CRESCITA 2012 Contiene la distribuzione dell insieme delle imprese registrate, ovvero

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 STESSO INSIEME DI BILANCI NEI 3 ANNI Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale di

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2013 STESSO INSIEME DI BILANCI NEI 3 ANNI Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale di imprese

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2014 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2013 BILANCI Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Risultati economici 1. Analisi dei

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO

OSSERVATORIO ECONOMICO Nell ultimo trimestre del 2013 gli indicatori di produzione (-5,8%), fatturato (-5,1%), ordinativi (-7,3%) e export (-0,4%) si riportano a valori sostanzialmente simili a quelli del secondo trimestre,

Dettagli

Flash Industria 3.2011

Flash Industria 3.2011 08 novembre 2011 Flash Industria 3.2011 Nel terzo trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una crescita del +2,0 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI L andamento dell Industria di Roma e Provincia nel quarto trimestre del 2002 è risultato sostanzialmente negativo. Con riferimento al Comune, i

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo Nota congiunturale Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo L indagine congiunturale di previsione per il primo trimestre 2016 di Confindustria Cuneo evidenzia

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 STESSO INSIEME DI BILANCI NEI 3 ANNI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale di imprese

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

Movimprese IV trimestre e anno 2013. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese IV trimestre e anno 2013. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese IV trimestre e anno 2013 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Gennaio 2014 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

ANDAMENTO DEGLI ORDINI Primo trimestre 2016

ANDAMENTO DEGLI ORDINI Primo trimestre 2016 ANDAMENTO DEGLI ORDINI Primo trimestre 216 Il primo trimestre 216 evidenzia segnali confortanti sia sul mercato domestico che su quello estero. L industria italiana delle tecnologie per la lavorazione

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

MOVIMPRESE I trimestre 2015

MOVIMPRESE I trimestre 2015 MOVIMPRESE estre L ANDAMENTO DEMOGRAFICO DOPO UN ANNO DIFFICILE. PRIMI SEGNALI DI UNA INVERSIONE DI TENDENZA? Il primo trimestre dell anno è di consueto caratterizzato da valori demografici negativi, a

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1%

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1% Venezia, 26 dicembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale Unioncamere del Veneto sulle imprese del commercio e dei servizi III trimestre 2008 I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

Il settore metalmeccanico in provincia di Padova Al 30 giugno 2011

Il settore metalmeccanico in provincia di Padova Al 30 giugno 2011 Il settore metalmeccanico in provincia di Padova Al 30 giugno 2011 Collana Rapporti N. 631 INDICE 3 - Presentazione e sintesi 4 Parte 1^ Insediamenti produttivi a pag. 1.1- Totale provincia di Padova

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI RISULTATI GENERALI Nel secondo trimestre del 2006 le imprese dei Servizi hanno giudicato alto il livello degli ordini e della domanda. Rispetto al trimestre precedente

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Alcuni indicatori economici Focus sull artigianato nella provincia di Vicenza Dati a supporto della mobilitazione nazionale Rete Imprese

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA SECONDO SEMESTRE 2011 SOMMARIO Premessa... p. 2 L indagine congiunturale in

Dettagli

Giuria della Congiuntura

Giuria della Congiuntura Giuria della Congiuntura Centro studi e ricerche economico sociali l evoluzione congiunturale dell industria manifatturiera delle Marche risultati del 1 trimestre 2015 e previsioni per il 2 trimestre 2015

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno.

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SETTIMO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 214 CON 46.5 AZIENDE ANALIZZATE protagonisti della ripresa: già nel biennio 213-14

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica OSSERVATORIO SULLE IMPRESE Anno 2013 Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica Note e avvertenze Le imprese registrate comprendono oltre alle imprese attive anche le posizioni

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010 Economie regionali L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 21 Perugia luglio 21 2 1 73 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SISTEMA ECONOMICO E PRODUTTIVO DELLA SICILIA NEL 2013

L ANDAMENTO DEL SISTEMA ECONOMICO E PRODUTTIVO DELLA SICILIA NEL 2013 L ANDAMENTO DEL SISTEMA ECONOMICO E PRODUTTIVO DELLA SICILIA NEL 2013 Analisi dei dati statistici e risultati della seconda indagine empirica sulle imprese siciliane 2013 Parte I analisi dei dati statistici

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IL TRASPORTO CAMIONISTICO DI MERCI IN INTERPORTO BOLOGNA

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI RISULTATI GENERALI Nel settore dei Servizi, come noto, sono presenti realtà produttive molto varie e tra loro non omogenee. Il settore ha dato nel complesso segni di

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili QUADERNO tecnico n.2 2015 dell edilizia n.3 2015 FUORI DAL TUNNEL primo identikit delle imprese edili sommario Introduzione p. 3 Le cartine di tornasole dell edilizia p. 4 I segnali positivi p. 5 Identikit

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli