S L O V E N I A CONGIUNTURA ottobre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S L O V E N I A CONGIUNTURA ottobre 2013"

Transcript

1 S L O V E N I A CONGIUNTURA ottobre 2013 Ufficio di Lubiana QUADRO GENERALE La Slovenia è un paese giovane, divenuto indipendente dalla Federazione jugoslava nel 1991, ma ha compiuto notevoli progressi per adeguarsi ai modelli economici occidentali, iniziando, come tanti Paesi dell Europa centro-orientale, quel processo di transizione verso la liberalizzazione della propria struttura economica. acceleratosi con l ingresso nell Unione europea nel 2004 e nell Euro-zona e nel sistema Schengen nel INFORMAZIONI DI BASE L economia slovena è concentrata principalmente sui servizi (ca. il 66% del PIL sloveno), prevalenti su industria (31,5%) e agricoltura (2,5%). I settori principali sono: metalmeccanica (automotive, macchine utensili), elettronica, energie rinnovabili, trasporti e logistica, industria del legno e della plastica, metallurgia, chimico e farmaceutico, ICT, turistico (turismo termale e casinò). PERCHE SLOVENIA Il mercato è di dimensioni limitate (due milioni di abitanti), ma offre una serie di vantaggi competitivi, connessi con la sua posizione geografica e le sue vicende storico-politiche, quali: Contiguità geografica con l Italia. Crocevia tra due importanti corridoi paneuropei (il Corridoio V da ovest ad est e il Corridoio X da nord a sud), che la rendono una porta di accesso privilegiata verso i Balcani occidentali, cui è legata, da una forte conoscenza del mercato, della lingua, delle tradizioni e della cultura. Buon livello delle infrastrutture, soprattutto stradali (750 chilometri di autostrade e strade veloci con due connessioni autostradali con l'italia), portuali (Porto di Capodistria) e telecomunicazioni, oltre a chilometri di ferrovie da modernizzare e all'aeroporto di Lubiana/Brnik (privo di collegamenti diretti con l Italia) Manodopera qualificata ed altamente produttiva, arricchita dalla presenza delle minoranze linguistiche italiana e slovena Favorevole tassazione sugli utili delle imprese (17%). Superficie km2 Capitale Lubiana Principali città Maribor, Kranj, Koper, Celje, Novo mesto, Nova Gorica Paesi confinanti Italia, Austria, Ungheria, Croazia Popolazione (49,5% uomini, 50,5% donne) Densità della popolazione 101 abitanti / km2 Gruppi etnici Sloveni (83,1%), Serbi, Croati, Bosniaci ecc. Lingua ufficiale Sloveno, nelle zone bilingue anche italiano e ungherese Religioni Cattolica 57,8%, Ortodossa 2,3%, Musulmana 2,4%, altre 27,4%, atei 10,1% Membro EU, Schengen, NATO, ONU, BERS, OCSE, ILO, WTO ecc. Valuta Euro (dal 01/01/2007) PIL milioni di Euro (dati 2012) PIL pro capite Euro (dati 2012) Salari medi 1.525,47 Euro (lordi), 991,44 Euro (netti 2012) Debito pubblico 63,1% del PIL (stima 2013)

2 QUADRO MACROECONOMICO La Slovenia sta vivendo una fase di profonda recessione tra le peggiori nell area euro, iniziata nel 2009, con la forte contrazione del PIL (-7,9%), cui è seguita, dopo due anni di debole crescita (+1,3% nel 2010 e +0,7% nel 2011), una nuova flessione nel 2012 (-2,5%), anno in cui il PIL sloveno ha raggiunto i 35,32 miliardi di Euro ( Euro pro capite). Anche nel primo semestre 2013, si conferma una decrescita del PIL del 3,2% (17,2 miliardi di Euro, contro i 17,6 miliardi dello stesso periodo del 2012), dovuta alla contrazione della domanda interna (-3,4%), della spesa pubblica (-3,1%), dei consumi privati (-2,0%) e degli investimenti fissi lordi (-8,1%). A luglio 2013, le esportazioni di beni (pari al 63% del PIL sloveno) rimangono l'unica voce positiva (+2,6% su base annua), le importazioni sono rimaste pressoché invariate, il saldo commerciale è ancora negativo (-290 milioni di euro), ma si è ridotto del 53,1% rispetto allo stesso periodo del Una situazione indotta dagli effetti della crisi internazionale su un economia fortemente exportoriented (76% del PIL), dalla sottocapitalizzazione del sistema bancario e dalla contrazione della domanda interna per la politica di austerità portata avanti dal Governo in questi ultimi anni. La debolezza del sistema economico riflette i limiti del modello di sviluppo adottato prima del Il mercato sloveno infatti è dominato dalla presenza di oligopoli locali in cui si concentrano rilevanti attività economiche (nel settore bancario, assicurativo, grande distribuzione, etc.), e da un ampia partecipazione statale, diretta ed indiretta, in ca. 100 imprese, di medie e grandi dimensioni che dominano i settori chiave (energetico, trasporti ed infrastrutture, telecomunicazioni, finanziario, grande distribuzione, etc.). Andamento del PIL sloveno dal 1996 al 2012 Variazione PIL 7,0 5,8 5,0 5,3 4,3 4,4 3,6 3,5 3,8 4,0 3,4 2,9 2,9 1,3 0, ,5-7,9 Anno Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno Banca dati SI-STAT, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana ad ottobre 2013 Le previsioni secondo l'imad (Istituto per le analisi macroeconomiche e lo sviluppo) restano negative ancora per l intero 2013 (PIL -2,4%, PIL complessivo pari a 34,94 miliardi di Euro e PIL pro capite Euro) e 2014 (PIL -0,8%) e solo nel 2015 è prevista una lieve ripresa dello 0,4%. La previsioni della Banca di Slovenia (BS) invece, indicano per il 2013 una decrescita del PIL del -2,6% e del -0,7% per il 2014, con una crescita del +1,4% solo nel

3 CAPITALE LUBIANA Altitudine: 298 m Superficie: 163,8 km2 Abitanti: (2011) Densità: ab./km2 Lubiana: il castello nel centro città Drago: simbolo della Capitale Lubiana La produzione industriale nei primi nove mesi del 2013 è scesa dell 1,5%, contro la flessione del -1,1% registrata nel 2012, anno in cui la produzione aveva raggiunto il valore di 18,5 miliardi di Euro, con il 72% delle entrate derivanti dalle esportazioni, soprattutto nei settori componentistica per veicoli ed elettrica. Il tasso di inflazione (IPC) nei primi dieci mesi del 2013 ha registrato un aumento dell 1,9% rispetto al 2012, dovuto soprattutto al rincaro dei prezzi per bevande e tabacco (+7,9%), ristorazione ed alberghiero (+7,6%), prodotti alimentari (+3,9%). Secondo le stime IMAD per il 2013 l inflazione raggiungerà il 2%, contro l inflazione media del 2,6% del In aumento la disoccupazione, soprattutto giovanile. Ad agosto 2013 il tasso di disoccupazione registrato era del 12,8% (nel 2008 era del 6,7%) e le previsioni IMAD per il 2013 prevedono un tasso del 13,3%. Il tasso di disoccupazione ILO, nel secondo trimestre 2013 era del 10,3%, e a fine dell anno potrebbe raggiungere il 10,7%. Nel secondo trimestre del 2013 la domanda interna ha registrato una contrazione del 3,4% rispetto allo stesso periodo del 2013, scendono in particolare i consumi pubblici (-3,1%), i consumi privati (-2%) e gli investimenti fissi lord (-8,1%). La Banca di Slovenia prevede che la domanda interna nel 2013 scenderà del 4,8%. Ad agosto 2013, il salario medio è sceso dello 0,1% nominale (-0,4% reale rispetto a luglio 2013), 3 soprattutto nel comparto pubblico (-1,5%, contro una lieve crescita dello 0,2% nel settore privato), attestandosi a 989,52 euro, contro i 991,44 Euro del 2012 (1.525,47 Euro di salario medio lordo). I conti pubblici preoccupano, non tanto per la loro entità, quanto per il trend negativo in rapida ascesa. Il deficit, a fine 2013 dovrebbe raggiungere il 5,7% del PIL (2 miliardi di Euro), il rapporto debito/pil dovrebbe sfiorare il tetto del 60%. La crisi del settore bancario, che negli ultimi anni ha dovuto confrontarsi con una catena di fallimenti di imprese e con una crescente percentuale di crediti collaterali inesigibili, pari a circa il 20% del portafoglio (circa 8 miliardi di euro ed un quinto del PIL sloveno) ha investito le tre maggiori banche (NLB, NKBM e Abanka che rappresentano quasi 50% del mercato), tutte controllate dallo Stato ed ha reso urgente la loro ricapitalizzazione. Le due banche italiane, UniCredit (5 Banca slovena con il 6,21% del mercato) e Banka Koper (Gruppo Intesa-San Paolo, 7 Banca slovena con 5,11% del mercato) hanno continuato a generare profitti e non hanno necessità immediate di ricapitalizzazione. L immissione di nuovo capitale sarà definita a conclusione dei risultati degli stress test richiesti dalla Commissione Europea su un campione di dieci banche slovene (rappresentative del 75% del mercato) ed attesi per dicembre 2013.

4 Il Governo sloveno - dopo aver piazzato con successo titoli di stato a 18 mesi sul mercato europeo, per un ammontare complessivo di 1,1 miliardi di Euro, e bond a media e lunga scadenza sul mercato americano per 3,5 miliardi di dollari - in maggio ha evitato l'apertura da parte della Commissione europea della procedura per squilibri macroeconomici eccessivi e ha ottenuto una proroga di due anni (fino al 2015) per ricondurre il deficit entro la soglia del 3%, grazie ad un Piano Nazionale di Riforme, incentrato su: consolidamento fiscale (aumento dell'aliquota IVA ordinaria al 22% e di quella ridotta al 9,5% dal 1 luglio 2013, riduzione della spesa pubblica e mantenimento della tassa del 17% sui redditi d'impresa), ricapitalizzazione del sistema bancario, attraverso il trasferimento alla "bad bank" (BAMC - Bank Asset Management Company) dei crediti inesigibili, privatizzazioni delle partecipazioni statali e ricorso a partnership pubblico-private in vari settori delle infrastrutture pubbliche (termoelettrico, idroelettrico, completamento dell'asse autostradale, modernizzazione del sistema ferroviario e l'ampliamento del porto di Capodistria), piano di ristrutturazione delle imprese e misure per stimolare la crescita e l'occupazione, riforme strutturali (riforma di lavoro e riforma pensionistica approvata dal Parlamento nel 2012). Principali indicatori macroeconomici dal 2008 al 2015 Indicatori macroeconomici previsione 2014 previsione 2015 previsione IMAD BS IMAD BS IMAD BS PIL PIL reale (var%) 3,4-7,9 1,3 0,7-2,5-2,4-2,6-0,8-0,7 0,4 1,4 PIL nominale (in miliardi di Euro, prezzi correnti) 37,24 35,42 35,49 36,15 35,32 34,91-35,13-35,75 - PIL pro capite (in Euro, prezzi correnti) INFLAZIONE Tasso di inflazione - IPC (var%) 5,7 0,9 1,8 1,8 2,6 2,0-1,9-1,4 - Tasso di inflazione - IAPC (var%) 5,5 0,9 2,1 2,1 2,8-2,2-1,7-1,5 PRODUTTIVITA Produttività di lavoro (PIL per occupato, var%) 0,8-6,2 3,5 2,4-1,7-0,1 0,0 0,6 1,8 1,1 1,7 Produzione industriale (var%) 2,5-17,3 7,1 1,3-1, OCCUPAZIONE Tasso di disoccupazione ILO () 4,4 5,9 7,3 8,2 8,9 10,7-11,0-10,6 - Tasso di disoccupazione registrato () 6,7 9,1 10,7 11,8 12,0 13,3-13,6-13,5 - DOMANDA INTERNA Domanda interna (var%) 3,2-10,3-0,5-0,3-6,4 - -4,8 - -3,0 - -0,7 Consumi privati (var%) 2,3-0,1 1,5 0,8-4,8-3,5-3,8-2,7-3,3 0,5-0,6 Consumi pubblici (var%) 5,9 2,5 1,3-1,6-1,3-2,5-2,5-1,5-1,8-1,0-2,0 Investimenti fissi lordi (var%) 7,1-23,8-15,3-5,5-8,2-1,6-3,3-4,0-2,7-0,9 0,8 DEBITO Deficit di bilancio (fine periodo, in miliardi di Euro -0,70-2,25-2,08-2,29-1,36-2,00 (MF) Deficit di bilancio (% sul PIL) -1,9-6,3-5,9-6,3-3,8-5,7 (MF) - Debito pubblico (fine periodo, in miliardi di Euro) 8,18 12,46 13,74 17,02 19,20 22,04 (MF Debito pubblico (% sul PIL) 22,0 35,2 38,7 47,1 54,4 63,1 (MF) Fonte: Istituto/Ufficio di Statistica sloveno (SURS), Banca della Slovenia (BS), Istituto per le Ricerche Macroeconomiche e lo Sviluppo (IMAD), Ministero delle Finanze (MF), elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana ad ottobre

5 RISCHIO PAESE Agenzia di Rating Rischio Paese Fitch BBB+ diminuito a maggio 2013, rispetto al precedente (A-) Moody s Ba1 diminuito ad aprile 2013, rispetto al precedente (Baa2) Standard & Poor s A- diminuito a maggio 2013, rispetto al precedente (AA-) PRIVATIZZAZIONE Nell ambito della strategia di privatizzazione che sarà completata entro dicembre 2013, con la dismissione di ulteriori partecipazioni statali, il Governo sloveno ha varato, agli inizi di giugno, una prima lista di 15 imprese slovene partecipate da privatizzare, nei settori telecomunicazioni (Telekom Slovenije), finanziario (NKBM), chimico (Helios, Cinkarna Celje), logistica aeroportuale (Adria Airways, Adria Airways Tehnika e Aeroporto di Lubiana), turismo (Terme Olimia Bazeni), metalmeccanica (Unior), alta tecnologia (Fotona), fieristico (Gospodarsko Razstavisce), articoli sportivi (Elan), chimico, grafico, cartario (Aero), cartario (Palma) ed agroalimentare (Zito). di vendita è stato appena avviato con la firma dell accordo tra i principali proprietari statali e l inizio della ricerca della società di consulenza che curerà la privatizzazione. Per la società Helios il processo di privatizzazione è stato ultimato (vendita all azienda austriaca Ring International), Elan e Fotona sono in fase avanzate di vendita, per Adria Airways e Aero il processo di vendita è già iniziato, per l Aeroporto di Lubiana, Cinkarna Celje, Telekom Slovenije e Zito il processo 5

6 COMMERCIO ESTERO Il Paese presenta un forte grado di apertura al commercio internazionale, soprattutto verso l area dell Unione Europea ed una forte dipendenza dalle importazioni internazionali. Il commercio estero sloveno è stato in continua crescita dal 2000 al 2009, anno in cui, a causa della crisi finanziaria, ha subito un forte calo, pari al 19% per l export e al 25% per l import. Secondo i dati dell Ufficio Sloveno di Statistica l interscambio commerciale sloveno nel 2012 ha raggiunto il valore di 43,14 miliardi di Euro (importazioni slovene per 22,08 miliardi di Euro e esportazioni per 21,06 miliardi di Euro) ed un saldo commerciale negativo pari a 1,02 miliardi di Euro. Nei primi sette mesi del 2013, l interscambio commerciale sloveno è aumentato del 1,2% rispetto allo stesso periodo del 2012, raggiungendo il valore di 25,75 miliardi di Euro, di cui esportazioni per 12,73 miliardi (+2,6%) ed importazioni per 13,02 miliardi di Euro (-0,05%) ed un saldo negativo della bilancia commerciale per circa 290 milioni di Euro. Principali Paesi partner in Slovenia nei primi sette mesi del 2013 (per interscambio) Serbia 2,4% Polonia 2,6% Altri 33,5% Rep. Ceca 2,6% Croazia 2,8% Fed. Russa 3,5% Ungheria 3,7% Germania 20,0% Italia 13,8% Austria 9,9% Francia 5,1% Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno Banca dati SI-STAT, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana ad ottobre 2013 L UE resta il tradizionale partner commerciale sloveno, sia come mercato di destinazione (70% delle esportazioni slovene) sia come mercato di provenienza (75% delle importazioni). I principali partner commerciali sono la Germania (quota del 20%), l Italia (13,8%) e l Austria (9,9%). Andamento delle esportazioni e importazioni slovene di beni dal 2000 al 2012 Valore in milioni di Euro Anno Export Import Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno Banca dati SI-STAT, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana ad ottobre

7 Paese Interscambio commerciale sloveno nei primi sette mesi del 2013 INTERSCAMBIO SLOVENO PAESI CLIENTI EXPORT SLOVENO PAESI FORNITORI IMPORT SLOVENO 01-07/2013 Var. su Paese 01-07/2013 Var. su Paese 01-07/2013 Valore Quota 01-07/ Valore Quota 01-07/ Valore Quota in 2012 in 2012 in milioni milioni milioni di Euro di Euro di Euro Var. su Totale ,0 1,2 Totale ,0 2,6 Totale ,0-0,046 1 Germania ,0 1,6 1 Germania ,6-1,8 1 Germania ,4 5,3 2 Italia ,8-8,4 2 Italia ,8 5,1 2 Italia ,8-16,3 3 Austria ,9 0,9 3 Austria ,5 6,1 3 Austria ,3-2,6 4 Francia ,1 2,8 4 Francia 720 5,7-0,2 4 Francia 601 4,6 6,5 5 Ungheria 948 3,7 5,9 5 Fed. Russa 618 4,9 17,8 5 Ungheria 588 4,5 2,6 6 Fed. Russa 900 3,5 17,6 6 Polonia 382 3,0 3,5 6 Croazia 587 4,5 14,2 7 Croazia 721 2,8-45,1 7 Serbia 380 3,0 1,5 7 Paesi Bassi 381 2,9-5,7 8 Rep. Ceca 679 2,6 6,0 8 Ungheria 360 2,8 11,6 8 Rep. Ceca 328 2,5-1,2 9 Polonia 673 2,6 3,9 9 Rep. Ceca 351 2,8 13,8 9 Cina 324 2,5-7,6 10 Serbia 611 2,4 2,7 10 BIH 325 2,6-3,4 10 Polonia 291 2,2 4,5 11 Paesi Bassi 591 2,3-11,1 11 UK 261 2,1-8,6 11 Fed. Russa 281 2,2 17,1 12 BIH 533 2,1-2,3 12 Slovacchia 241 1,9 17,9 12 Spagna 258 2,0-5,4 13 UK 518 2,0 9,8 13 Paesi Bassi 210 1,7-19,4 13 UK 257 2,0 38,2 14 Slovacchia 447 1,7 11,8 14 Stati Uniti 207 1,6 0,8 14 Belgio 255 2,0-4,0 15 Cina 404 1,6-4,7 15 Romania 169 1,3-3,2 15 Corea Sud 238 1,8 54,4 Altri ,9 15,9 Altri ,9 3,1 Altri ,8 2,1 Nota: UK Regno Unito, BIH Bosnia ed Erzegovina Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno Banca dati SI-STAT, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana ad ottobre / 2012 Le principali esportazioni slovene restano, in ordine di importanza, autoveicoli, prodotti farmaceutici, apparecchiature elettriche e per uso domestico non elettriche, macchinari ed apparecchiature, prodotti chimici, prodotti della metallurgia, prodotti in metallo, prodotti in gomma e materie plastiche, coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio, computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali e di misurazione, energia elettrica, gas e vapore, prodotti alimentari nonché carta e prodotti in carta. Principali settori di esportazioni slovene nei primi sette mesi del 2013 Le principali importazioni slovene comprendono, in ordine di importanza, coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio, prodotti chimici, autoveicoli, rimorchi e semirimorchi, prodotti della metallurgia, macchinari e apparecchiature, prodotti alimentari, apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche, prodotti alimentari, prodotti in metallo, prodotti farmaceutici, computer e prodotti di elettronica e ottica; prodotti dell agricoltura, silvicoltura e pesca, raccolta rifiuti per trasformazione, prodotti delle miniere nonché carta e prodotti in carta. Principali settori di importazioni slovene nei primi sette mesi del 2013 Computer e prodotti ottici 3,1% Coke e derivati dal petrolio 3,7% Prodotti in gomma e plastica 4,8% Prodotti in metallo 5,1% Altri 24,4% Metalli 7,1% Veicoli 12,6% Prodotti chimici 8,0% Prodotti farmaceutici 10,8% Apparecchiature elettriche 10,8% Altri macchinari, apparecchiature 9,7% Computer e prodotti ottichi 4,3% Prodotti farmacutici 4,4% Prodotti in metallo 4,7% Alimentari 5,5% Altri 27,3% Aparecchiature elettriche 5,6% Coke e derivati di petrolio 10,8% Prodotti chimici 10,7% Veicoli 10,6% Altri macchinari, apparecchiature 8,0% Metalli 8,2% Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno Banca dati SI-STAT, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana ad ottobre

8 INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI Investimenti diretti esteri in Slovenia dal 1994 al 2012 (Stock) Anno , , , , , , , , , , , , ,8 Valore in milioni di Euro , , , , , ,1 Fonte: Banca di Slovenia, elaborato dall Agenzia ICE Lubiana ad ottobre 2013 La Slovenia resta, tra i Paesi UE, quello con il più basso tasso di investimenti diretti esteri (IDE) pro capite, dovuto alla scarsa capacità di attrazione ed alla presenza un sistema economico/finanziario controllato da una abnorme componente pubblica, sotto forma di partecipazioni statali incrociate in tutti i settori (sistema bancario ed assicurativo, grande distribuzione, produzione e distribuzione di energia, telecomunicazioni, trasporti). A dicembre 2012 gli IDE in Slovenia hanno raggiunto gli 11,7 miliardi di Euro (+0,08%), un valore doppio rispetto agli IDE sloveni all estero (5,6 miliardi di Euro). Dal 1994 gli investimenti diretti esteri sono aumentati più di undici volte (passando da 1.080,8 milioni di Euro nel 1994 a ,3 milioni di Euro a dicembre 2012), con una crescita media annuale, nel periodo del 13%. Al 2012 si registrano in Slovenia operazioni concentrate in aziende slovene, con capitale straniero. fatturato netto, al 25,4% dell utile netto, al 40,0% del valore delle esportazioni e al 43,1% del valore delle importazioni slovene di beni e servizi. Gli IDE sono concentrati per il 72,1% nella regione centrale Osrednjeslovenska (Lubiana), sul litorale sloveno e nel Carso Obalno-kraska (5,4%), nell oltre Drava Podravska (4,2%) e nella Gorenjska (3,9%). I principali investitori 1 sono i Paesi dell UE con ca. l 82,7% del valore degli IDE sloveni: Austria (quota 47,8%), Italia (7%), Germania (6,3%), Francia (5,3%), Croazia (4,4%) e Paesi Bassi (4,4). Tra i Paesi extra U.E., la Svizzera è il secondo investitore, con una quota dell 8,7% (1.015 milioni di Euro). In crescita nel 2012, gli investimenti provenienti dal Belgio (+59,9%), dalla Svizzera (+9,7%) e dalla Germania (+5,0%). In calo gli investimenti provenienti da Danimarca (-24,8%), Lussemburgo (- 13,6%), Regno Unito (-10,3%), Ungheria (-8,8%) e Croazia (-7,4%). Gli IDE giocano un importante ruolo nell economia slovena, in quanto pur rappresentando solo il 4,5% del settore privato, il 19,8% del capitale aziendale e il 21,7% degli addetti, contribuiscono al 28,2% del 8 1 La Banca di Slovenia nella classificazione degli IDE utilizza il criterio del Paese di origine dei flussi finanziari e non quello del Paese dell investitore. Pertanto, la graduatoria privilegia l Austria e mette in posizione più arretrata Italia e Germania, in quanto ad esempio gli investimenti italiani di Unicredit e quelli della catena di distribuzione tedesca Hofer, sono classificati come investimenti austriaci.

9 Principali paesi investitori esteri in Slovenia nell anno 2012 Investimenti (stock) in milioni di Euro Quota Variazione Paese di origine /2011 Totale , ,3 100,0 100,0 0,1 1 Austria 5.725, ,8 48,9 47,8-2,1 2 Svizzera 925, ,8 7,9 8,7 9,7 3 Italia 816,0 817,6 7,0 7,0 0,2 4 Germania 732,5 769,0 6,3 6,6 5,0 5 Francia 615,0 621,7 5,2 5,3 1,1 6 Croazia 554,9 514,1 4,7 4,4-7,4 7 Paesi Bassi 502,3 510,2 4,3 4,4 1,6 8 Regno Unito 406,8 364,9 3,5 3,1-10,3 9 Belgio 197,2 315,3 1,7 2,7 59,9 10 Lussemburgo 222,9 192,6 1,9 1,6-13,6 11 Cipro 154,1 154,6 1,3 1,3 0,3 12 Serbia 88,1 84,8 0,8 0,7-3,7 13 Ungheria 79,2 72,2 0,7 0,6-8,8 14 Repubblica Ceca 70,4 69,4 0,6 0,6-1,4 15 Danimarca 74,6 56,1 0,6 0,5-24,8 Altri 550,9 562,2 4,7 4,8 2,1 Fonte: Banca di Slovenia, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana ad ottobre Gli IDE sono concentrati nel settore dei servizi (il 73,2%), in particolare: finanziario (40,1%), commercio al dettaglio (7,2%), commercio all ingrosso (7,1%), immobiliare (6,2%), farmaceutico (6,2%), energia elettrica (2,5%) e produzione di prodotti minerali non metallici (2,0%). Principali settori di investimento degli investitori esteri in Slovenia al 2012 Produzione prodotti minerali non metallici 2,0% Fornitura energia elettrica 2,5% Altri 28,7% Farmaceutico 6,2% Immobiliare 6,2% Commercio all ingrosso (escluso veicoli) 7,1% Finanziario (escluso assicurazioni) 40,1% Commercio al dettaglio (escluso veicoli) 7,2% Fonte: Banca di Slovenia, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana ad ottobre

10 RAPPORTI ECONOMICI CON L ITALIA 1. INTERCAMBIO CON L ITALIA Malgrado le dimensioni del mercato, la Slovenia alimenta un importante interscambio commerciale con l'italia e rappresenta il nostro principale partner nell'area balcanica (Paesi dell ex Iugoslavia), con una quota del 42,6% nei primi sette mesi Nel 2012, l Italia è stata il primo fornitore e il secondo partner commerciale, con una quota di mercato del 15%, un interscambio commerciale di 6,49 miliardi di Euro (di cui esportazioni in Slovenia per 4,11 miliardi di Euro ed importazioni dalla Slovenia per 2,38 miliardi di Euro) ed un saldo positivo della bilancia commerciale pari a 1,73 miliardi di Euro. A luglio 2013, l Italia si riconferma come il secondo partner commerciale, ma il livello dell interscambio, pari a 3,56 miliardi di Euro, scende dell 8,4% rispetto allo stesso periodo del Tale andamento si discosta con i dati generali sull interscambio sloveno con il resto del mondo, che segnano un incremento dell 1,2%. Le esportazioni italiane verso la Slovenia sono scese a 2,05 miliardi (-16,3%), le importazioni sono salite a 1,51 miliardi di Euro (+5,1%) e il saldo della nostra bilancia commerciale, resta positivo per un importo di 548 milioni di Euro (-46.3%). Anno/ periodo Interscambio commerciale tra Italia e Slovenia dal 2000 ai primi sette mesi del 2013 Valore in milioni di Euro Interscambio Esportazioni italiane Importazioni italiane Saldo commerciale Variazione anno/periodo precedente Valore in milioni di Euro Variazione anno/periodo precedente Valore in milioni di Euro Variazione anno/periodo precedente Valore in milioni di Euro Variazione anno/periodo precedente , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , / / , , , ,3 Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana ad ottobre 2013 L Italia esporta principalmente, in ordine di importanza, coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio (-40,2% rispetto allo stesso periodo del 2012), prodotti della metallurgia (-7,6%), prodotti chimici (-2,6%), macchinari e apparecchiature (-10,3%), autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (-6,9%), prodotti alimentari (+5,6%), apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (-1,3%), articoli in gomma e materie plastiche (-13,8%), prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura (+5,3%) e prodotti in carta (-6,5%). 10 L Italia importa, in ordine di importanza, prodotti chimici (+10,1%), prodotti della metallurgia (-7,9%), autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (+41%), energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata, anche da fonti rinnovabili (-12,7%), altri prodotti quali raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti; recupero dei materiali (-7,1%), coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio (+57,5%), prodotti alimentari (+3,5%), macchinari e apparecchiature (-2,47%), apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (-2,4%) e prodotti in legno (+9,5%).

11 Interscambio commerciale tra Italia e Slovenia nei primi sette mesi del 2013, per settori Codice ATECO Valore delle importazioni italiane dalla Slovenia in Euro 01-07/ / Differenza 01-07/2013 / 01-07/2012 Valore delle esportazioni italiane verso la Slovenia in Euro 01-07/ /2013 Differenza 01-07/2013 / 01-07/2012 TOTALE , ,3 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA , ,3 01 Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, , ,8 caccia e servizi connessi 02 Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali , ,6 03 Pesca e acquacoltura , ,4 B ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE , ,8 05 Estrazione di carbone (esclusa torba) ,2 06 Estrazione di petrolio greggio e di gas naturale ,3 07 Estrazione di minerali metalliferi ,4 08 Altre attività di estrazione di minerali da cave e , ,3 miniere C ATTIVITÀ MANIFATTURIERE , ,5 10 Industrie alimentari , ,6 11 Industria delle bevande , ,9 12 Industria del tabacco ,6 13 Industrie tessili , ,3 14 Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di , ,0 articoli in pelle e pelliccia 15 Fabbricazione di articoli in pelle e simili , ,4 16 Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero , ,4 (esclusi i mobili); fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio 17 Fabbricazione di carta e di prodotti di carta , ,5 18 Stampa e riproduzione di supporti registrati ,4 19 Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla , ,2 raffinazione del petrolio 20 Fabbricazione di prodotti chimici , ,6 21 Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di , ,0 preparati farmaceutici 22 Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche , ,8 23 Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di , ,9 minerali non metalliferi 24 Metallurgia , ,6 25 Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi , ,2 macchinari e attrezzature) 26 Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e , ,4 ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi 27 Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed , ,3 apparecchiature per uso domestico non elettriche 28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca , ,3 29 Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi , ,9 30 Fabbricazione di altri mezzi di trasporto , ,8 31 Fabbricazione di mobili , ,9 32 Altre industrie manifatturiere , ,7 D FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GAS, , ,5 VAPORE E ARIA CONDIZIONATA 35 Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria , ,5 condizionata E FORNITURA DI ACQUA; RETI FOGNARIE, , ,7 ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI E RISANAMENTO 38 Attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei , ,7 rifiuti; recupero dei materiali J SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE , ,6 58 Attività editoriali , ,3 59 Attività di produzione cinematografica, di video e di , ,3 programmi televisivi, di registrazioni musicali e sonore M ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E ,1 TECNICHE 71 Attività degli studi di architettura e d'ingegneria; ,1 collaudi ed analisi tecniche R ATTIVITÀ ARTISTICHE, SPORTIVE, DI , ,2 INTRATTENIMENTO E DIVERTIMENTO 90 Attività creative, artistiche e di intrattenimento , ,8 91 Attività di biblioteche, archivi, musei ed altre attività culturali Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana ad ottobre 2013

12 2. INVESTIMENTI ITALIANI L Italia nel 2012 si conferma come il terzo Paese investitore (secondo tra i Paesi U.E.), con investimenti diretti del valore complessivo di 817,6 milioni di Euro ed una quota del 7,0%, registrando un incremento degli IDE pari a 1,6 milioni (+0,2%) rispetto al Gli IDE italiani sono concentrati in 494 aziende slovene per un totale di 637 operazioni (469 investimenti green field, 160 investimenti in aziende esistenti e 8 investimenti in filiali, istituzioni e fondazioni). Le aree di maggiore attrazione sono l area di Lubiana, il litorale ed il Carso e i settori prioritari sono: finanziario, escluso servizi di assicurazione (quota del 40,0%, con Banka Koper - Intesa San Paolo, UniCredit), chimico (12,9%), commercio all ingrosso, escluso veicoli (11,3%), assicurativo (5,0%, con Generali). Principali settori di investimento degli investitori italiani in Slovenia a fine 2012 Assicurativo 5,0% Altri 30,8% Commercio all'ingrosso, escluso veicoli 11,3% Chimico 12,9% Fonte: Banca di Slovenia, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana ad ottobre Finanziario, escluso assicurazio ni 40,0% 3. SETTORI PRIORITARI I settori prioritari sono: metalmeccanica (automotive, macchine utensili), elettronica, chimico, farmaceutico, metallurgia, industria del legno, industria della plastica, ICT, energie rinnovabili, trasporti e logistica, turismo (termale, casinò). Principali settori dell economia slovena nel 2012 Settore N aziende N dipendenti Fatturato (in miliardi di Euro) Export (in miliardi di Euro Automotive ,3 2,9 Chimico & ,9 3,7 Farmaceutico Elettrico & ,9 2,9 Elettronico ICT ,1 0,9 Industria del ,0 0,5 legno Logistica & ,6 1,6 Distribuzione Macchine & lavorazione metalli ,4 3,9 Fonte: InvestSlovenia, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana ad ottobre

13 4. PRESENZA ITALIANA IN SLOVENIA Azienda Italiana Investimento in Slovenia Settore Altan prefabbricatti S.p.A., San Quirino (PN) Marinvest d.o.o. Tomažičeva ulica 4 A, 6310 Izola Isola Nautico (Porto di Isola) Aquafil S.p.A., Arco (TN), Gruppo Bonazzi Julon d.d. Letališka cesta 15, 1000 Ljubljana Chimico - tessile (Produzione filati) Assicurazioni Generali S.p.A., Trieste (TS) 2 Generali Zavarovalnica d.d. Kržičeva ulica 3, 1000 Ljubljana Assicurativo Autogril S.p.A., Novara (NO) Autogrill d.o.o. Turnerjeva ulica 35, 2313 Fram Agroalimentare (Aree di ristoro presso stazioni di servizio) B. Pacorini S.r.l., Trieste (TS) Pacorini Ltd d.o.o. Verdijeva ulica 1, 6000 Koper Capodistria Trasporti e logistica Cecomp S.p.A., Torino (TO) Cecomp Slovenia d.o.o. Brezence 8, 8216 Mirna Peč Automotive (Produzione lamiera stampata per l'industria automobilistica) Crif S.p.A., Bologna (BO) Crif S.p.A., Podružnica Koper Pristaniška ulica 4, 6000 Koper Capodistria Finanziario (Informazioni creditizie) ENI S.p.A, Roma 3 Agip Slovenija d.o.o. (Eni Slovenija d.o.o.) Trg republike 3, 1000 Ljubljana Energetico (Commercio combustibili) ENI S.p.A., Roma Adriaplin d.o.o. Dunajska cesta 7, 1000 Ljubljana Energetico (Distribuzione gas) Eurospin Italian S.p.A., Sona (VR) Eurospin Eko d.o.o. Renški Podkraj 64, 5292 Renče Agroalimentare (GDO agroalimentare) Fantoni S.p.A., Osoppo (UD) Lesonit d.d. Ulica Nikole Tesle 11, 6250 Ilirska Bistrica Legno (Produzione pannelli di fibra, lavorazione legno) Fin.Fer S.p.A., Udine (UD) Kovinar d.o.o. Spodnji Plavž Jesenice Metalmeccanico (Produzione reti elettrodaldate per edilizia) Flenco Fluid System S.r.l., Avigliana (TO) Flenco d.o.o. Rogozniška cesta 14, 2250 Ptuj Metalmeccanico (Sistemi industriali) Gruppo Benetton, Ponzano Veneto (TV) Megastore Benetton BTC City Ljubljana Šmartinska cesta 152, 1000 Ljubljana + una rete commerciale di 30 negozi esclusivi e 20 negozi con offerta differenziata in 15 diverse città slovene Moda (Abbigliamento) 2 tramite la controllata azienda olandese Generali PPF Holding B.V., Amsterdam 3 tramite la filiale olandese ENI International B.V., Amsterdam 13

14 Azienda Italiana Investimento in Slovenia Settore Ilcam S.p.A., Cormons (GO) Ilmest d.o.o. Industrijska ulica 5, 5000 Nova Gorica Legno (Lavorazione legno, produzione e vendita mobili) Intesa Sanpaolo S.p.A., Torino (TO) Jejčič Božan, Monrupio (TS) KB 1909 S.p.A. Metal Trading International S.r.l., Gorizia (GO) Gergolet Dario, Doberdo Del Lago (GO) S.I.A.D. S.p.A., Bergamo (BG) Safilo S.p.A., Belluno (BL) Savi Pietro, Santa Croce (TS) Savi Natalino, Sgonico (TS) Sol S.p.A., Monza Sol S.p.A., Monza Sol S.P.A., Monza UniCredit S.p.A., Roma 4 Banka Koper d.d. Pristaniška ulica 14, 6502 Koper Capodistria Espresso d.o.o. Fajfarjeva ulica 33, 1000 Ljubljana KB Kapitalski trgi, finančno svetovanje, d.o.o. Slovenska cesta 27, 1000 Ljubljana TDR Legure d.o.o. Tovarniška cesta 51, 2342 Ruše Istrabenz plini d.o.o. Sermin 8A, 6000 Koper Capodistria Carrera Optyl d.o.o. Ljutomerska cesta 38 A, 2270 Ormož Savi Guerrino d.o.o. Cesta na Lenivec 53, 6210 Sežana Energetika ŽJ d.o.o. Cesta železarjev 8, 4270 Jesenice SPG - Sol Plin Gorenjska d.o.o. Cesta železarjev 8, 4270 Jesenice TPJ Proizvodnja in prodaja tejničnih plinov d.o.o. Cesta 1. maja 42, 4270 Jesenice Unicredit Banka Slovenija d.d. Šmartinska cesta 140, 1000 Ljubljana Bancario Agroalimentare (Commercio e rappresentza Illy caffè) Finanziario (Gestione partecipazioni, consulenza finanziaria) Metalmeccanico (Produzione e commercio leghe) Energetico (Produzione e distribuzione gas) Moda (Produzione occhiali) Edile (Produzione e montaggio infissi in alluminio) Energetico (Produzione energia elettrica in idrocentrali) Chimico (Produzione, ricerca applicata e commercializzazione di gas tecnici - industriali, puri e medicinali) Chimico (Produzione, ricerca applicata e commercializzazione di gas tecnici - industriali, puri e medicinali) Bancario Fonte: Agenzia ICE di Lubiana, ottobre tramite la controllata UniCredit Bank Austria AG, Vienna, Austria 14

15 ATTIVITA AGENZIA ICE DI LUBIANA 1. INIZIATIVE REALIZZATE NEL CORSO DEL 2013 N Data/periodo Titolo iniziativa Luogo Tipologia Settore gennaio 2013 Macef - gennaio 2013 Milano-Rho Missione operatori Artigianato febbraio 2013 Seatec 2013 Marina di Carrara Missione operatori Nautica 3 14 febbraio 2013 Italian Business and Banking Forum Lubiana Forum Business/banking 4 19 febbraio 2013 Presentazione della Guida ai Vini della Regione FVG e degustazione Lubiana Presentazione Guida e degustazione Agroalimentare marzo 2013 Fiera della Meccanizzazione Agricola Savigliano Missione operatori Macchine agricole marzo 2013 Corso restauro Italia - itinerante Missione operatori Restauro aprile 2013 Fiera Gusto & Buon Gusto Lubiana Fiera mercato Agroalimentare 8 23 aprile 2013 Here is the Chair Lubiana Seminario Arredo design maggio 2013 Tuttofood 2013 Milano-Rho Missione operatori Agroalimentare giugno 2013 Italian Festival 2013: Corso di cucina italiana per cuochi professionisti giugno 2013 Mostra autonoma di gioielleria a Varsavia giugno 2013 Italian Festival 2013: Corsi professionali di preparazione della pizza e del gelato giugno 2013 Italian Festival 2013: Seminario sulla moda eco-sostenibile e mostra Nero su Bianco Lubiana Corso formazione Agroalimentare Varsavia Missione operatori Gioielleria Lubiana Corso formazione Agroalimentare Lubiana Seminario e mostra Moda giugno 2013 Mostra Autonoma Articoli Sportivi Treviso Missione operatori Articoli sportivi settembre settembre 2013 Italijafest Pirano e Isola Fiera mercato Agroalimentare settembre 2013 Macef - settembre 2013 Milano-Rho Missione operatori Artigianato settembre 2013 Conferenza stampa "Gusti di frontiera" Lubiana Conferenza stampa Agroalimentare settembre 2013 Cersaie 2013 Bologna Missione operatori Arredo ottobre 2013 Italian Festival 2013: The Experience of Italian Design at Ambient Lubiana Seminario e mostra Arredo ottobre 2013 Simac Tanning Tech 2013 Bologna Fiera mercato Macchine per cuoio ottobre 2013 Agrilevante 2013 Bari Missione operatori Macchine agricole ottobre 2013 Expodental 2013 Milano Missione operatori Attrezzature dentarie ottobre 2013 Italijafest Lubiana Fiera mercato Agroalimentare ottobre 2013 Host 2013 Milano-Rho Missione operatori Ho.re.ca ottobre 2013 Italian Doc Screenings Palermo Missione operatori Cinematografia (documentari) ottobre 2013 Italian Festival 2013: Italian Food Week at Citypark Lubiana Azioni c/o GDO Agroalimentare ottobre 2013 Smart City Exhibition 2013 Bologna Missione operatori Ambiente novembre 2013 Il Giardino della Toscana in Europa Massarosa/ Viareggio Missione operatori Florovivaismo 15

16 2. INIZIATIVE DA REALIZZARE E prevista la realizzazione delle seguenti iniziative: Italia-Slovenia Investment Forum, Milano, dicembre 2013, Missione operatori a SEATEC 2014 (nautica), Marina di Carrara, febbraio 2014, Italian festival in Slovenia (workshop nei settori: lavorazione legno, energetica e apparecchiature dentali), Lubiana, 1 trimestre 2014, Technology days (energie rinnovabili, meccanica industriale, infrastrutture e logistica), Lubiana, marzo e maggio PRESENZA ISTITUZIONALE ITALIANA Ambasciata d Italia a Lubiana Snežniška ulica Ljubljana, Slovenia Tel Fax Sito: Ambasciatore: Rossella Franchini Sherifis Agenzia ICE di Lubiana Cankarjeva cesta Ljubljana, Slovenia Tel Fax Sito: Direttore: Alessandra Rainaldi Il lago Bled Il monte Triglav - Tricorno La città Piran - Pirano Consolato Generale d Italia a Capodistria Riva Belvedere Koper Capodistria, Slovenia Tel Fax Sito: Console Generale: Maria Cristina Antonelli Istituto Italiano di Cultura in Slovenia Breg Ljubljana, Slovenia Tel Fax Sito: Direttore: Angelo Izzo 16

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

0 m. 15 km Stazione ferroviaria Koper - Capodistria. 50 m P BOUTIQUE HOTEL LOCALITÀ

0 m. 15 km Stazione ferroviaria Koper - Capodistria. 50 m P BOUTIQUE HOTEL LOCALITÀ BOUTIQUE HOTEL NELLE IMMEDIATE VICINANZE DI STRUTTURE SPORTIVE, PISTE CICLISTICE E RICREATIVE ALBERGO CON TRADIZIONE, APERTO TUTTI GIORNI DELL'ANNO PIÙ DI 2400 ORE DI SOLE ANNUALI LOCALITÀ 15 km Stazione

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di:

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di: Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia in occasione di: 1 Agenda 1 PROGETTO EXPO IS NOW! 2 PROGETTO CIBUS E' ITALIA PADIGLIONE CORPORATE FEDERALIMENTARE/FIERE DI PARMA 3

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI 13 L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI RAPPORTO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI FOGGIA INDICE PREMESSA 3 IL SISTEMA DELLE IMPRESE 5 IL MERCATO DEL LAVORO 18 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE 24 IL

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari

Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari 2011 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Direzione Generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Via XXIX Novembre 1847, 23-09123 Cagliari Coordinamento generale:

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli