COOPERATIVE OPERAIE DI TRIESTE, ISTRIA E FRIULI S.C.R.L.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COOPERATIVE OPERAIE DI TRIESTE, ISTRIA E FRIULI S.C.R.L."

Transcript

1 CONCORDATO PREVENTIVO N. 4/2014 COOPERATIVE OPERAIE DI TRIESTE, ISTRIA E FRIULI S.C.R.L. PERIZIA DI STIMA DEI PUNTI VENDITA - PDV - PERITO STIMATORE DOTT. MATTEO MONTESANO VIA SAN NICOLO N TRIESTE TEL FAX

2 Sommario 1. L INCARICO IL PROCESSO VALUTATIVO BASE INFORMATIVA ED ANALISI FONDAMENTALE LA DOCUMENTAZIONE QUADRO MACROECONOMICO E DI SETTORE Il settore della GDO Evoluzione del settore I conti della distribuzione italiana Il costo del capitale del settore Le valutazioni relative del settore ANALISI PDV COOP OP Punti Vendita nella Provincia di Trieste Punti Vendita nella Provincia di Pordenone Punti Vendita nella Provincia di Gorizia Punti Vendita nella Provincia di Udine ANALISI OFFERTE PERVENUTE Offerta XXXXXXXX Offerta XXXXXXXXX Offerta XXXXXXXX Punti Vendita senza offerte ANALISI FONDAMENTALE METODOLOGIE DI VALUTAZIONE Metodo Reddituale Metodo dei multipli ANALISI DI SENSITIVITY CONCLUSIONI... 61

3 1. L INCARICO Il sottoscritto dott. Matteo Montesano, dottore commercialista iscritto all Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trieste, al n. 292, con studio in Trieste, via San Nicolò n. 10, è stato incaricato dalle Cooperative Operaie di Trieste, Istria e Friuli Società Cooperativa -, con sede in Trieste, via Caboto n. 19/10 (di seguito Coop Op ), società operante nel settore della grande distribuzione alimentare e non ( Gdo ), di procedere alla stima dei propri rami aziendali rappresentati dai punti vendita (di seguito Pdv ). La presente stima si inserisce nell ambito della procedura di concordato preventivo a cui le Coop Op sono state ammesse con decreto del Tribunale di Trieste di data 17/03/2015. La domanda di concordato preventivo origina dallo stato di grave crisi della società e della conseguente difficoltà ad adempiere regolarmente alle proprie obbligazioni scadute, situazione che aveva già condotto il Tribunale a nominare l avv. Maurizio Consoli quale amministratore giudiziario ai sensi dell art. 15, VIII co. L.F.. Tale nomina si instaurava nel contesto del procedimento n. 65/2014 R.G. promosso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trieste, ai sensi dell art. 7 L.F., per la dichiarazione di fallimento di Coop Op. Il piano concordatario tende alla salvaguardia, nelle limiti delle concrete possibilità, dei rami d azienda (Pdv) e dei connessi livelli occupazionali. Tale attività conservativa è avvenuta, e sta tuttora avvenendo, mediante il mantenimento in funzione dei singoli Pdv al fine di permettere una loro acquisizione da parte di altri operatori del settore che garantisca la prosecuzione dell attività, preservando altresì i livelli occupazionali. La continuazione dell attività commerciale, sino all omologazione del concordato, è pertanto concepita unicamente in funzione ed ai soli fini della successiva vendita a terzi dei rami d azienda (da qui la natura liquidatoria della procedura in essere). Per questo motivo, la valutazione viene effettuata nella prospettiva della continuità (going concern). Oggetto della presente valutazione sono i Pdv rientranti nel perimetro dell attivo concordatario, qualificabili giuridicamente come rami d azienda, comprensivi di impianti, macchinari, attrezzature, mobili, registratori di cassa ed arredi in genere, oltre che delle licenze/autorizzazioni/permessi commerciali e dei contratti strettamente connessi all attività svolta, dei rapporti di lavoro e dell avviamento. In questa definizione di rami aziendali non viene fatta rientrare né la componente immobiliare, in prevalenza locali di proprietà di Coop Op o di sue società controllate, che è già stata oggetto di separata valutazione, né le merci, che per loro caratteristica sono continuamente in movimento e quindi necessitano di una valorizzazione specifica, secondo determinate regole, in un dato istante temporale. Non è oggetto Pag. 1

4 della presente perizia nemmeno la valutazione delle passività aziendali (ad es. trattamento di fine rapporto ed oneri differiti del personale dipendente) il cui eventuale accollo nell ambito dell acquisizione d azienda costituirebbe una modalità di pagamento del prezzo e quindi un valore da detrarsi dall attivo acquisito. Il numero dei punti vendita esistenti è di 43, localizzati nella Regione Friuli Venezia Giulia (precisamente 25 nella provincia di Trieste, 3 in quella di Udine, 5 in quella di Gorizia e 10 in quella di Pordenone). Alla procedura sono pervenute da parte di primari operatori del settore tre offerte ferme di acquisto per n. 28 Pdv, comprensivi della parte mobiliare (con accordo separato riferito alle merci), immobiliare (tranne in un caso) e dell avviamento. Ambito della valutazione PDV OGGETTO VALUTAZIONE ATTREZZ. IMPIANTI AVVIAMENTO A CUI DETRARRE PASSIVITA ACCOLLATE NON OGGETTO VALUTAZIONE IMMOBILI MERCI L attività di liquidazione dei Pdv, in base al piano presentato, avverrà coerentemente con le previsioni di cui all art. 107 L.F., richiamato dall art. 182 L.F., ovvero tramite l esperimento di procedure competitive, da qui la necessità di addivenire ad una stima degli assets da cedere in un ottica di continuità (seppur continuità intesa quale prosecuzione da parte di un soggetto diverso dal debitore Coop Op). Pag. 2

5 L attività svolta dal presente perito rappresenta un giudizio del valore di mercato dei Pdv, stimato con criteri e compiendo scelte di metodo sulla base delle informazioni disponibili, valore che può differire dai prezzi di mercato, determinati in questo caso dalle caratteristiche e dagli interessi dello specifico acquirente. Si dichiara la sussistenza delle condizioni di indipendenza richieste dal tipo di mandato ricevuto. Pur essendo ancora nella versione di Bozza per la pubblica consultazione, il sottoscritto ha tratto ampio spunto dai Principi Italiani di Valutazione IL PROCESSO VALUTATIVO Il giudizio sul valore dei Pdv è da considerarsi una valutazione piena, fondata su uno svolgimento completo del processo valutativo avvenuto attraverso le seguenti fasi: 1. la costituzione e l apprezzamento della base informativa; 2. l applicazione dell analisi fondamentale; 3. la selezione della metodologia o delle metodologie di stima più idonee agli scopi della valutazione; 4. l identificazione dei principali fattori di rischio, delle modalità più idonee per il loro trattamento e l evidenza degli effetti sul risultato della valutazione attraverso analisi di sensitivity; 5. la costruzione di una razionale sintesi valutativa. La base informativa generalmente comprende l analisi strategica, cioè il quadro macroeconomico ed il quadro di settore, l analisi storica riguardante i risultati del passato, l informazione patrimoniale e sui tassi, l analisi di società e transazioni comparabili. L analisi fondamentale è il processo che organizza tutte le informazioni, le seleziona, le controlla, le elabora, le interpreta, ne compone le eventuali contraddizioni e le traduce in strumenti formali idonei alla proiezione dei flussi, alla stima del costo-opportunità del capitale o alle valutazioni relative. 3. BASE INFORMATIVA ED ANALISI FONDAMENTALE 3.1. LA DOCUMENTAZIONE 1 Principi Italiani di Valutazione (PIV), Bozza per la pubblica consultazione, emanati da Organismo Italiano di Valutazione (OIV), 1 dicembre Pag. 3

6 La base informativa è stata costruita avvalendosi sia di dati esterni alla società, sia di dati interni. La disponibilità di documenti esterni ha permesso di procedere all analisi del quadro macroeconomico e di settore, oltre che allo studio dei tassi. I dati acquisiti dall azienda sono stati i bilanci di esercizio, la reportistica direzionale aziendale, che include l analisi della redditività dei singoli punti vendita, l inventario dei cespiti riferiti ai diversi punti vendita, i contratti di locazione, le perizie di stima immobiliari e le licenze/autorizzazioni/permessi amministrativi. L esame di tale documentazione ha permesso l analisi degli aspetti contabili, finanziari, economici e patrimoniali della società ed in particolare dei Pdv oggetto di stima QUADRO MACROECONOMICO E DI SETTORE E ormai da anni che si assiste ad un rallentamento dell economia in generale, testimoniato nel nostro Paese da tassi negativi di crescita del PIL sia nel 2012 che nel 2013, con una lieve ripresa nel PIL - a prezzi correnti Fonte: Istat Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi positivi segnali per l economia italiana, tuttavia, all interno di un quadro ancora eterogeneo 2. Il continuo miglioramento delle opinioni di consumatori e imprese non trova un pieno riscontro nelle informazioni sui 2 Tratto da Nota mensile sull andamento dell economia italiana Istat, marzo Pag. 4

7 volumi produttivi. A gennaio, nel manifatturiero la quota di settori in espansione si conferma su valori prossimi al 60%. Il mercato del lavoro presenta ancora segnali contrastanti, pur in presenza di un aumento delle ore lavorate nel quarto trimestre Il processo di deflazione si è stabilizzato. Il clima di fiducia dei consumatori ha avuto negli ultimi anni un andamento negativo, che solamente dal 2013 ha dimostrato una ripresa Fiducia consumatori Fiducia dei consumatori Nord est Fiducia dei consumatori Italia Fonte: Istat Il settore della GDO La società opera nell ambito della Distribuzione Moderna, la quale costituisce una risposta del mercato alle mutate condizioni della domanda, in termini di preferenze e abitudini di acquisto dei consumatori, ed ha in parte integrato, in parte sostituito, il tradizionale sistema di distribuzione al dettaglio. Con specifico riferimento al formato, gli esercizi commerciali facenti parte della Gdo vengono suddivisi e raggruppati in quattro tipologie, che si differenziano tra di loro per dimensione, ampiezza (numero prodotti) e profondità (numero referenze per ogni prodotto) degli assortimenti, caratteristiche espositive, posizionamento di prezzo, 3 L indice è calcolato dall Istat nell ambito dell indagine sulla fiducia dei consumatori rivolta a valutare l ottimismo/pessimismo dei consumatori italiani. Pag. 5

8 numerosità delle casse, presenza di banchi per i prodotti freschi, disponibilità di parcheggi e ulteriori servizi resi al consumatore. Le fonti regolamentari e la prassi del settore hanno, in particolare, identificato le quattro tipologie di formato distributivo descritte qui di seguito, tutte con superficie di vendita superiore ai 200 mq. Le prime tre categorie di punto vendita (supermercato, ipermercato, superette), in particolare, risultano identificate sulla base della classe dimensionale della superficie di vendita, mentre l ultima (discount) risulta definita in modo meno univoco, sulla base di un insieme di parametri di tipo qualitativo. Supermercato: Esercizio di vendita al dettaglio operante nel campo alimentare, organizzato prevalentemente a libero servizio con pagamento all'uscita, che dispone di una superficie di vendita superiore ai 400 mq e di un vasto assortimento di prodotti di largo consumo ed in massima parte preconfezionati, nonché, eventualmente, di alcuni articoli non alimentari di uso domestico corrente. Il numero di referenze offerte da un supermercato è generalmente compreso tra e articoli. Tuttavia, l'ampiezza e la profondità della gamma di prodotti offerti, la dimensione del bacino d'utenza, così come la presenza di altri servizi, quali la disponibilità di parcheggio, l'orario di apertura, il numero di casse, ecc. variano considerevolmente in funzione della dimensione del punto vendita. I supermercati vengono infatti ulteriormente distinti in: - piccoli (dimensione compresa tra i 400 mq e gli 800 mq); - medi (dimensione compresa tra gli 800 mq e i mq); - grandi (il segmento dei c.d. superstore, di dimensione compresa tra i mq e i mq). I supermercati di piccola e media dimensione sono prevalentemente ubicati nelle zone più centrali dei singoli comuni, non dispongono sempre di parcheggi e svolgono soprattutto un servizio di prossimità o di quartiere, attraendo i consumatori dislocati in un raggio di distanza generalmente compreso entro i 15 minuti. I supermercati di grandi dimensioni sono invece prevalentemente localizzati in zone più periferiche e hanno un'area di gravitazione maggiore (generalmente compresa entro i 20 minuti di auto). Essi hanno inoltre un numero di referenze molto alto, paragonabile a quello degli ipermercati, e, come gli ipermercati, devono obbligatoriamente disporre di un adeguato parcheggio. Ipermercato: Esercizio al dettaglio con superficie di vendita superiore ai mq, suddiviso in reparti (alimentare e non alimentare), ciascuno dei quali aventi, rispettivamente, le caratteristiche di supermercato e di grande magazzino. Pag. 6

9 L'ipermercato è organizzato prevalentemente a libero servizio, deve disporre obbligatoriamente di un adeguato parcheggio e offre un assortimento di prodotti molto vasto, composto da un numero di referenze generalmente compreso tra e (inclusi i prodotti non alimentari). Il bacino di attrazione dell'ipermercato può essere, per i punti vendita di maggiori dimensioni, anche pari o superiore ai 30 minuti di percorrenza in auto. All interno degli ipermercati viene ulteriormente distinto il segmento degli iperstore, compreso tra i e i metri quadrati. Superette: Punto vendita al dettaglio di prodotti alimentari o grocery organizzato come supermercato, con libero servizio e pagamento all'uscita. Si distingue dal supermercato per la superficie, che è compresa tra i 200 e i 400 mq. La superette offre una gamma relativamente ampia, ma generalmente poco profonda (numero di marche e di referenze per ciascun prodotto) di prodotti alimentari. Svolge un servizio di prossimità e attira consumatori in un raggio che generalmente non supera i 10 minuti di percorrenza. Le superette vengono anche denominate minimercati, secondo le definizioni utilizzate dall Osservatorio Nazionale sul Commercio del Ministero dello Sviluppo Economico. Tuttavia, nell uso corrente, il termine minimercato viene utilizzato in senso più ampio, ad indicare tutti i negozi alimentari non specializzati e a libero servizio di dimensione compresa tra i 100 e i 400 mq. Discount: Punto vendita al dettaglio organizzato integralmente a libero servizio, con una superficie generalmente compresa tra i 200 e i mq e con una gamma di prodotti alquanto limitata (è disponibile un numero di referenze solitamente inferiore a 1.000) che esclude, nella maggior parte dei casi, il reparto freschissimo e i prodotti di marca. Questa tipologia di punti vendita differisce dalle precedenti per l'utilizzo di attrezzature espositive molto semplici, per la rapida rotazione dello stock e per la fornitura ai clienti di un servizio ridotto. Tali fattori rientrano in una generale politica di riduzioni di costi che consente ai discount di posizionarsi ad un livello di prezzo inferiore rispetto alle altre categorie di punti vendita. I discount possono essere a loro volta distinti in: - hard discount, formula di derivazione tedesca, nella quale viene perseguita una politica molto spinta di riduzione dei costi attraverso l'utilizzo di un esiguo numero di dipendenti, un'esposizione "spartana" delle merci e un assortimento rigorosamente limitato ai prodotti confezionati e non di marca. Generalmente gli hard discount hanno anche dimensione più contenuta rispetto ai soft discount; Pag. 7

10 - soft discount, formula nella quale la politica di riduzione dei costi è meno marcata ed è quindi prevista la presenza di un certo numero di prodotti di marca e a peso variabile. Esiste infine una categoria di punti vendita, indicata come minimarket, costituita da punti vendita di dimensione compresa tra i 100 e i 200 mq, gestiti però a libero servizio e affiliati, in molti casi, a una catena distributiva più ampia. L inclusione di tale categoria di punti vendita nel settore della Gdo, piuttosto che nel settore della distribuzione tradizionale non viene effettuata con criteri uniformi dalle società di ricerche di mercato e dagli stessi operatori e soggetti attivi nel settore. Nella banca dati della società Nielsen, i punti vendita a libero servizio di dimensione compresa tra i 100 e 400 mq (superette + mimarket) vengono tutti considerati parte del settore della Gdo e inclusi in una tipologia distributiva denominata Libero Servizio. Classificazione punti vendita della GDO Fonte: Autorità garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) Si segnala, infine, che l impianto definitorio previsto dalla normativa che regola il rilascio delle autorizzazioni commerciali per il dettaglio tradizionale e per la distribuzione moderna utilizza una linea di demarcazione tra i due settori ulteriormente diverse da quella appena illustrata, definendo: - esercizi di vendita al dettaglio di vicinato (e quindi distribuzione tradizionale ) i negozi aventi superficie di vendita non superiore a 150 mq, nei comuni con popolazione residente inferiore a abitanti, e non superiore a 250 mq, nei comuni con popolazione residente superiore a abitanti; - esercizi di vendita al dettaglio di media struttura gli esercizi con superficie di vendita da 250 a mq; Pag. 8

11 - esercizi di vendita al dettaglio di grande struttura gli esercizi con superficie di vendita superiore a mq Evoluzione del settore In termini di incidenza sul totale del commercio alimentare, fresco e confezionato, la distribuzione moderna è passata dal 50,2% del 1996 al 72,4% del A fronte di tale andamento si sono registrati una netta contrazione del dettaglio tradizionale, passato dal 40,6% circa del 1996 all attuale 17,5%, e un leggero rafforzamento del peso degli altri canali (commercio ambulante, gli acquisti diretti presso le aziende agricole, ecc.), passati dal 9,2% al 10,1%. Anche il trend di crescita dell incidenza della Gdo sul totale delle vendite al dettaglio di prodotti alimentari sembra in netto rallentamento. Evoluzione pesi dei canali - Alimentari (Fresco + Confezionato) Quote di Mercato % 100,0% 90,0% 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 0,0% 9,2% 9,8% 10,2% 10,3% 10,3% 10,4% 10,2% 10,1% 10,0% 10,1% 10,1% 27,1% 22,1% 20,8% 19,5% 19,2% 18,5% 18,3% 18,2% 17,9% 17,5% 40,6% 63,1% 67,7% 68,9% 70,2% 70,4% 71,3% 71,6% 71,8% 72,0% 72,4% 50,2% GDO Tradizionale Ambulanti, Vari Fonte: dati Federdistribuzione Il supermercato si conferma il format distributivo della Grande Distribuzione più diffuso. 4 Nel Friuli Venezia Giulia la L.R. n. 29 del 5/12/2005 prevede che l apertura degli esercizi di vicinato e delle media strutture di vendita sino a 400 mq, sono soggette a comunicazione di inizio attività, le medie strutture di vendita superiori a mq 400 sono soggetto ad autorizzazione del Comune e le grandi strutture di vendita sono autorizzate dal Comune in base a quanto previsto dal Piano Comunale del Commercio. Pag. 9

12 100% 90% 9,80% 10,10% 10,00% 10,10% 10,10% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 27,10% 6,20% 12,00% 37,30% 18,30% 18,20% 17,90% 17,50% 9,50% 10,00% 10,50% 11,10% 10,40% 10,00% 9,40% 9,00% 39,60% 40,10% 40,60% 41,20% 10% 0% 7,60% 12,10% 11,70% 11,50% 11,10% Ipermercati > mq Supermercati e Superstore Libero servizio Hard Discount Negozi Tradizionali Ambulanti, Vari Fonte: dati Federdistribuzione La diffusione della distribuzione moderna e la sua incidenza come canale distributivo non sono uniformi sul territorio nazionale. Le differenze a livello regionale sono particolarmente marcate, sia considerando l incidenza numerica dei punti vendita della Gdo sul totale degli esercizi commerciali del settore alimentare, sia considerando la diffusione delle sue superfici di vendita, misurata in termini di metratura disponibile per migliaia di abitanti. A livello di macroripartizione geografica solo il canale supermercati evidenzia un dato omogeno tra i diversi territori. Nel Sud del Paese, ed in minor misura nel Centro, infatti, prevalgono maggiormente i formati di prossimità (libero servizio e discount). Nel Nord, invece, sono i canali di maggiori dimensioni (ipermercati e superstore) a caratterizzare i modelli distributivi territoriali 5. 5 Come si vede non vi è uniformità di definizioni nell ambiti dei diversi studi. Queste analisi considerano i superstore gli esercizi compresi tra i e mq, mentre nelle classificazioni precedenti i superstore erano considerati quelli con superficie tra i ed i mq. Pag. 10

13 Fonte: Nielsen Largo Consumo gen L effetto combinato del drammatico calo dei consumi delle famiglie, unito alla continua crescita degli spazi commerciali di vendita degli ultimi anni, ha contribuito a saturare il mercato della Gdo italiana, che oggi si caratterizza sempre più per essere un settore maturo e probabilmente in eccesso di capacità produttiva. La superficie di vendita della grande distribuzione alimentare italiana si è ridotta nel 2013 dello 0,2%. Il processo di restringimento si è concentrato sui formati di minori dimensioni (piccoli super ed esercizi a libero servizio) e nell area meridionale del Paese, dove gli effetti della recessione e il cambiamento di approccio del consumatore alla spesa, alimentare e non, sono stati più marcati. L evoluzione della superficie di vendita della Gdo italiana Fonte: Guida Nielsen Largo Consumo gen Accanto ai format di più piccola dimensione, anche gli ipermercati sono penalizzati dallo sfavorevole andamento del mercato e dalla competizione esercitata dalle grandi superfici specializzate e dall offerta online. Pag. 11

14 All opposto, risultano in netta crescita i punti vendita orientati a specifici segmenti merceologici (specialisti drug), di prezzo (discount), di servizio e assortimento sui prodotti alimentari (superstore). Alcuni dati illustrano efficacemente il fenomeno: rispetto al 2007 le superfici di vendita dei discount e dei superstore sono rispettivamente cresciute del 62% e del 35%, mentre in termini numerici solo nell ultimo anno essi hanno messo a segno una espansione numerica di circa il 2%. Fonte: Guida Nielsen al largo consumo Indicazioni di medesimo tenore possono essere ricavate dal confronto sul valore del venduto tra 2007 e 2013: la rete dei discount ha raggiunto un sesto delle vendite complessive della Gdo (solo nel 2007 era inferiore al 10%), mentre i superstore hanno visto crescere la propria quota di mercato dal 10,7% al 13,6%. In sofferenza gli ipermercati, soprattutto quelli di maggiori dimensioni (in flessione tra 2007 e 2013 dal 9,9% all 8,3% delle vendite) ed i supermercati di prossimità ( metri quadri di superficie commerciale), che cedono 2 punti percentuali. Fonte: Ufficio Studi Ancc-Coop su dati Nielsen Pag. 12

15 Fonte: Nielsen All origine dell affermazione dei canali più performanti si colloca soprattutto la capacità di tali formati di tenere le vendite a parità di perimetro della rete: le vendite per metro quadro di area di superficie commerciale premiano in particolare proprio il superstore, la cui resa a metro quadro arriva a sfiorare nel 2013 gli 8 mila euro. D altro canto, pur a fronte di un livello di produttività per metro quadro più contenuto, è il discount l unico segmento di mercato in grado di far segnare un incremento della produttività nell ultimo biennio, ad ulteriore conferma del fatto che tale canale costituisce oramai un elemento centrale dell offerta distributiva italiana. Fonte: Nielsen Il trend del fatturato alimentare e non alimentare al dettaglio è caratterizzato nel suo complesso da una dinamica decrescente dal 2008, toccando nel 2013 il valore più basso. Se il 2012 è passato alla storia come l anno peggiore per i consumi dal secondo dopoguerra, la situazione non sembra migliorare nel settore della vendita al dettaglio. A causa dei bisogni primari e fisiologi della popolazione, il settore alimentare ha risentito meno del decrescere a delle vendite rispetto al settore non alimentare. Procedendo con la segmentazione del mercato del retail secondo le sue tipologie distributive si osserva la continuità del fenomeno della cannibalizzazione dei negozi di Pag. 13

16 piccole superfici da parte delle aziende della Gdo al fine di mantenere i propri livelli di perdita o limitarne la contrazione. In un contesto economico in cui la complessiva spesa media mensile familiare ha toccato nel 2013 il suo peggior valore dal 2008, gli acquisti alimentari ritornano al minimo livello dal 2009 ( 461 al mese per famiglia): dal 2012 al 2013 una famiglia ha speso mediamente 7,6 euro in meno per acquistare alimenti e bevande 6. Spesa media mensile familiare ANNO FVG Totale Alimentari Non alimentari ,09 435, , ,38 424, , ,69 439, , ,26 437, , ,27 398, , ,73 428, , ,56 393, , ,45 401, ,43 ANNO ITALIA Totale Alimentari Non alimentari ,05 460, , ,27 468, , ,91 477, , ,26 466, , ,77 461, , ,64 475, , ,07 466, , ,80 466, , I conti della distribuzione italiana Le gravi difficoltà del mercato hanno determinato nel 2013 un ulteriore peggioramento dei bilanci della distribuzione italiana, schiacciata tra la crescita dei prezzi delle altre componenti della filiera e la perdurante asfitticità del mercato finale. Le performance della distribuzione commerciale non dipendono soltanto dalla dinamica della domanda e dalle scelte competitive degli operatori del mercato. Soprattutto in Italia, infatti, larga parte dei risultati sono funzione delle scelte e delle 6 I 7,6 di minore spesa dal 2012 al 2013 corrispondono ad un minore spesa effettiva di 18,67, parzialmente compensata da una crescita dei prezzi al consumo pari a 11,07. Pag. 14

17 politiche competitive adottate dagli attori degli altri stadi della filiera ed in particolare dall industria dei beni di largo consumo. Negli ultimi dieci anni i prezzi alimentari al consumo sono aumentati nella media europea in maniera sostanzialmente sincrona con quella dei prezzi industriali. In Italia invece, i prezzi al consumo sono cresciuti molto meno, mentre l industria ha fatto segnare un incremento anche superiore alla media europea. Il differenziale tra prezzi all industria e prezzi al dettaglio è stato in Italia pari a circa 6 punti percentuali. Fonte: Ufficio Studi Ancc-Coop su dati Eurostat Tale circostanza trova conferma nei conti economici delle imprese distributive e commerciali: il livello dell EBITDA (margine operativo al lordo degli ammortamenti e della parte finanziaria) dell industria alimentare e della distribuzione commerciale nel periodo evidenzia una più marcata redditività dell industria nei confronti della distribuzione commerciale già a livello europeo. In Italia, invece, se le imprese industriali approssimano il dato medio europeo, le performance delle imprese distributive sono in media inferiori rispetto agli altri grandi mercati europei. Malgrado la caduta degli ultimi due anni, i consumi complessivi degli italiani sono previsti in leggero rialzo. Fonte: Ufficio Studi Ancc-Coop su dati Eurostat Pag. 15

18 Anche il rendimento del capitale proprio (misurato dall indicatore ROE) negli ultimi anni si è attestato su valori prossimi allo zero (nel 2013 addirittura negativi) mentre nel periodo era del 9,5%. Fonte: Mediobanca Nel 2013 i maggiori operatori della Gdo alimentare per quota di mercato sono stati: Coop Italia 7 (15%), Conad (11,4%), Selex (8,4%), Esselunga (8,2%), Auchan (7,3%), Carrefour (5,9%), Eurospin (4,7%), Despar (4,7%), Sigma (3,6%) e Gecos (3,2%). Il fatturato dei cinque gruppi Italiani della Gdo alimentare, qui esaminati insieme a Metro, e le relative variazioni percentuali sul 2009 e sul 2012 sono indicati nella tabella che segue: Fatturato (milioni di euro) Fonte: Mediobanca Esselunga ha confermato nel 2013 i ricavi per mq di superficie di gran lunga superiori (dati calcolati sui soli punti vendita di proprietà) con oltre euro/mq, contro i 7 L aggregato Coop comprende Unicoop Firenze, Coop Liguria, Unicoop Tirreno, Coop Adriatica, Coop Centro Italia, Nuova Coop, Coop Estense, Coop Nordest e Ipercoop Sicilia. Pag. 16

19 circa euro medi dei Gruppi censiti. Gli altri gruppi si collocano tra i euro/mq delle Coop (-2.5% sul 2009, -0.6% sul 2012) ed i euro/mq di Gecos (- 7,6% sul 2009, -4,9% sul 2012). Flessioni significative hanno interessato Carrefour (- 15.8%) e Auchan (-13.9%). Fatturato per mq ( ) Fonte: R&S Mediobanca All interno dell aggregato Coop, solo Unicoop Firenze ha riportato vendite per mq paragonabili a quelle di Esselunga con circa euro per mq (seguita da Coop Liguria a euro circa). Fonte: R&S Mediobanca La struttura del conto economico unitamente ad alcuni indicatori di efficienza e redditività, ed il cumulo dei risultati netti nel quinquennio sono riportati nelle tabelle che seguono. Pag. 17

20 Conti economici in % del fatturato 2013 Fonte: R&S - Mediobanca Nel 2013 Esselunga ha segnato i margini sul fatturato migliori, già a partire dal valore aggiunto (19,6%), precedendo la Coop (18,8%), oltre ad avare l incidenza del costo del lavoro più bassa sulle vendite. Ne discende un margine operativo netto (MON) per Esselunga che si attesta al 5,3 % seguito da Gecos all 1,2% e dalla Coop allo 0,4%. Negativi i due gruppi francesi. La Coop recupera a livello di risultato corrente grazie all apporto della gestione finanziaria. Ratio economico patrimoniali nel 2013 Fonte: R&S - Mediobanca Il ROE è pari al 15% per Esselunga, contro il 4,6% Gecos e il 13% della Coop, mentre i due gruppi francesi hanno chiuso nel 2013 in perdita netta. Il livello di difficoltà di Carrefour e Auchan-SMA è segnato dal rapporto tra costo del lavoro e valore aggiunto, per entrambe superiore al 100: ciò significa che la ricchezza prodotta non è sufficiente a ripagare la forza lavoro impiegata. Pag. 18

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA GDO IC43 PREMESSA GENERALE... 4 PRIMA PARTE I SOGGETTI E LE FORME DELLA COMPETIZIONE ORIZZONTALE NELLA GDO... 8 CAPITOLO I LA GDO: CARATTERISTICHE, FORMATI DISTRIBUTIVI

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli