I MICRORNA E LA REGOLAZIONE DELLA SINTESI PROTEICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I MICRORNA E LA REGOLAZIONE DELLA SINTESI PROTEICA"

Transcript

1 Marco Marino I MICRORNA E LA REGOLAZIONE DELLA SINTESI PROTEICA INTRODUZIONE Sebbene le tecniche per analizzare i livelli di espressione degli RNA siano conosciute da almeno un paio di decine di anni i MicroRNA sono sempre stati poco considerati dagli studiosi per via della comune idea che l unico destino dei filamenti di RNA fosse quello di dare origine a proteine. In base a tale dogma tutti gli RNA di corte dimensioni venivano scartati, a volte venendo etichettati come miseri prodotti di degradazione di RNA più lunghi. Tale dogma è stato messo in crisi nel 1993 da Lee, il quale scoprì in C.Elegans le funzioni del gene Lin-4. Questo gene, essenziale regolatore della divisione cellulare allo stadio larvale, dava origine ad un RNA di 61 nucleotidi che veniva processato in un secondo tempo in un RNA più corto di 22 nucleotidi di lunghezza. Tale prodotto è risultato essere perfettamente complementare ad un tratto della regione 3 UTR del gene Lin-14 e, cosa strana, quando Lin-4 veniva espresso si assisteva alla scomparsa sia della proteina Lin-14 sia del messaggero dal quale veniva tradotta. Questa scoperta ha destato forte scalpore ma non è stata presa in debita considerazione poiché non esistono ortologhi di Lin-4 all interno delle altre specie (si è poi scoperto in seguito che ciò è dovuto alla divergenza tra le specie). Tale permanenza nell ombra è però bruscamente terminata nel 2000, quando, sempre in C.Elegans, il gruppo di Reinhart ha scoperto il gene Lin-7, gene con funzione analoga a quella di Lin-4 ma con un bersaglio tuttora sconosciuto. Tale gene presenta però ortologhi sia in Drosophila che nell uomo e tale scoperta ha di fatto iniziato la caccia ai MicroRNA, rivelando che anche gli RNA possono giocare un ruolo nella regolazione della sintesi proteica. Tuttora si conoscono circa 150 MicroRNA nell uomo, ma tale numero (secondo alcuni) è probabilmente destinato a crescere. TERMINOLOGIA Prima di iniziare a descrivere i meccanismi di biogenesi e di azione dei MicroRNA è opportuno fare una breve panoramica terminologica-funzionale sull argomento. Innanzitutto il termine più corretto per indicare IN GENERALE l insieme degli RNA di piccole dimensioni è smallrna (Rna piccoli). Tale famiglia si divide in quattro sottofamiglie, suddivisione che rispecchia le differenze qualitative e funzionali dei vari smallrna. Tali sottofamiglie sono: 1) sirna (Short Interfering RNAs): piccoli RNA a doppio filamento di nucleotidi generati da RNA a doppio filamento molto più lunghi (di solito un singolo RNA ripiegato ad hairpin). Tali RNAs mediano il silenziamento genico portando alla degradazione dell RNA messaggero cui sono PERFETTAMENTE complementari, oppure provocano il silenziamento della trascrizione andando a rimodellare la cromatina a livello delle sequenze codificanti i geni cui sono complementari. 2) MiRNA (MicroRNA): piccoli RNA lunghi nucleotidi codificati nel genoma di molti organismi. Tali RNA non sono però perfettamente complementari alla sequenza dell RNA bersaglio (uno o due mismatch) e di fatto ne provocano solo un blocco della traduzione senza causarne la degradazione 3) TncRNAs (Tiny Non Coding RNA): sono stati scoperti di recente in C.elegans e sono lunghi nucleotidi. Non possiedono una forte complementarietà di sequenza e sembrano non essere generati da hairpin sebbene molti di essi sembrano essere processati da Dicer. I tncrna non sono conservati nelle specie e non si conosce la loro funzione

2 4) SmRNA Small Regulatory RNA): Sono gli ultimi ad essere stati scoperti e sono RNA a doppio filamento di 20 nucleotidi. Sono stati isolati da cellule staminali neuronali dell ippocampo di topi adulti. Questi RNA sono complementari a sequenze genomiche dette silencer neurone-specifici e sembrano essere utili per evitare che geni neuronali si esprimano in cellule che non neuronali. Nei neuroni invece funzionano al contrario reclutando proteine in grado di aumentare l espressione di geni neuroni-specifici. Tali smallrnas vengono trascritti dal genoma e possono essere organizzati in tre modi diversi: 1) Possono trovarsi clusterizzati in regione genomiche discrete ed essere regolati da un promotore proprio. Questi smallrna vengono trascritti in forma policistronica e clivati nelle forme attive in un secondo tempo. (Geni Hox e cluster del cromosoma 13 nell uomo) 2) Possono essere generati dagli introni di geni attivamente trascritti. In seguito allo splicing di mrna immaturi gli introni possono essere riciclati e usati come repressori dell mrna da cui derivano con un meccanismo di feedback negativo. In questo caso sono regolati dal promotore del gene da cui derivano 3) Possono anche trovarsi singolarmente sparsi nel genoma regolati da un promotore proprio e non essere parte di un cluster. BIOGENESI DEI MicroRNA La prima fase della biogenesi dei MicroRNA (e dei sirna) consiste nella trascrizione di una breve sequenza genomica da parte di una RNA polimerasi non ancora identificata. Tale trascrizione porta alla formazione dei cosiddetti primary MicroRNA (pri-mirna) la cui lunghezza può variare da qualche centinaia a qualche migliaia di basi. Tali pri-mirna, che contengo i mirna in forma policistronica, si ripiegano fino ad assumere una struttura terziaria presentanti diversi loop dai quali deriveranno successivamente i vari mirna. I pri-mirna vengono poi successivamente riconosciuti da Drosha (una delle RNAsi III presenti a livello nucleare) a livello dei loop e clivati nei pre-mirna (mirna immaturi) di lunghezza pari a circa 70 nucleotidi e caratterizzati da una peculiare estremità protruding al 3 di due nucleotidi. Tale struttura è importante per gli step di maturazione successivi in quanto il riconoscimento dei mirna da parte delle proteine coinvolte in tale processo avviene a livello di questa regione, caratteristica del clivaggio da parte delle RNAsi III. Drosha è presente solo in Drosofila e negli organismi superiori, indice che si tratta di una aggiunta recente in termini evolutivi, sebbene meccanismi come l RNA interference sia già presenti in lievito. Successivamente il pre-mirna viene riconosciuto dalla proteina esportina-5 a livello dell estremità protruding al 3 la quale ne premette la traslocazione nel citoplasma con un meccanismo Ran-GTP mediato. Il pre-mirna traslocato nel citoplasma viene riconosciuto da Dicer a livello della protrusione al 3. Il riconoscimento è mediato da un dominio di Dicer detto PAZ, molto specifico per le suddette protrusioni. Tale dominio è però un aggiunta recente alla struttura di Dicer poiché il Dicer di lievito non lo possiede suggerendo la presenza di altri metodi di riconoscimento del substrato. Il clivaggio da parte di Dicer completa la maturazione dei mirna e dei sirna nella forma finale di filamenti double-stranded di 22 nucleotidi.

3 A questo punto i destini dei mirna e dei sirna si dividono: i mirna reclutano la proteina ago-1 (la quale possiede anch essa un dominio PAZ) che successivamente recluta le proteine Gemin3 e Gemin4 generando un complesso in grado di bloccare la traslazione dei ribosomi sull RNA messaggero bloccandone di fatto la traduzione ma non causandone la degradazione. I sirna invece reclutano lo stesso la proteina ago-1 (sempre perché possiede il dominio PAZ) ma quest ultima in questo caso recluta tutti gli elementi del complesso RISC portando alla fine alla degradazione del messaggero. Sebbene la proteina chiave coinvolta sia sempre la stessa (ago-1), come si può notare gli effetti sono profondamente diversi: ciò può essere causato dal fatto che il mirna, non essendo perfettamente complementare all mrna bersaglio, causi una distorsione della doppia elica RNA- RNA quando si lega al messaggero. Tale distorsione si riflette sulla struttura terziaria della proteina Ago-1 che finisce col reclutare cofattori diversi rispetto a quelli che recluta quando si trova a legare un sirna (RISC), il quale, essendo perfettamente complementare all mrna bersaglio, non genera di fatto distorsioni sulla doppia elica RNA-RNA e fa assumere alla proteina ago-1 una conformazione diversa.

4 Concludendo: Il destino del mrna dipende dai fattori reclutati da Ago-1. Il reclutamento differenziale può essere spiegato con una diversa conformazione della proteina Ago-1a seconda della presenza o dell assenza di distorsioni nella doppia elica di RNA causata Da eventuali mismatch tra il messaggero e lo smallrna.

5 Come può la cellula interrompere il meccanismo di silenziamento? Tuttora il meccanismo esatto non si conosce, tuttavia si ipotizza il reclutamento di una RNAasi T che cliva l estremità protruding al 3 generando un estremità blunt non più riconosciuta dai domini PAZ e portando allo smembramento dei complessi attivi (o rendendo i mirna e i sirna invisibili agli effettori). DROSHA E IL COMPLESSO MICROPROCESSOR Contrariamente a quanto spiegato sopra, Drosha non è enzimaticamente attivo se non viene reclutato in un complesso proteico ben preciso. In particolare Drosha può essere reclutato all interno di due complessi proteici distinti: uno definito grande (large) e uno piccolo (small). Il complesso grande comprende 19 polipeptidi tra cui RNA-associated proteins (elicasi, ribonucleasi, proteine con domini di legame all RNA) e la famiglia delle proteine coinvolte nel sarcome di Ewing, mentre il complesso piccolo comprende solo Drosha e la proteina DGCR8, che deleto provoca la sindrome di DeGeorge. Tale scoperta è stata fatta mediante trasfezione in cellule Hek293T con il costrutto Flag-Drosha ed eseguendo successivamente una IP con anticorpo α-flag. È il complesso più piccolo ad essere stato definito Microprocessor in quanto si è dimostrato essere sufficiente per processare i pri-mirna in pre-mirna. Tale osservazione è supportata da tre risultati sperimentali: 1) Microprocessor purificato mediante IP α-flag mostra una forte attività catalità in vitro.

6 2) Coimmunoprecipitazione con α-flag dei costrutti flag-dgcr8 mostrano la presenza di Drosha e la purificazione di Microprocessor usando i costrutti Flag-DGCR8 mostra la medesima attività enzimatica in vitro. 3) L attività catalitica può essere ricostituita in vitro con Drosha e DGCR8 ricombinanti.

7 DGCR8 è una proteina evolutivamente conservata che contiene un dominio di legame ad RNA a doppio filamento e un dominio WW in grado di legare una regione ricca in proline di Drosha. La sua delezione provoca la sindrome di DeGeorge. Riguardo al complesso grande non si sa molto: è grossomodo della stesse dimensioni del complesso SWI-SNF ma poco si sa dire sulla sua funzione. Non si può escludere una sua attività nella processazione dei mirna in quanto se ne rivela una debole attività in vitro e inattivazione di alcuni suoi componenti in vivo mostra solo un lieve calo dei livello di MiRNA maturi, non però paragonabili agli effetti dell inibizione di DGCR8. E probabile che il coinvolgimento del complesso grande nella maturazione dei mirna sia solo marginale e che tale complesso venga usato solo nel processamento dei RNA pre-ribosomiali (come già dimostrato). In ogni caso l enzima Drosha rappresenta un chiaro esempio di come l attività di un enzima sia dovuta al pool di cofattori che vengono reclutati con esso. PREDIZIONE DEI mirna A LIVELLO GENOMICO La capacità dei mirna di essere attivi anche senza una perfetta complementarietà di sequenza ha profonde implicazioni sia nella determinazione dello spettro dei geni bersaglio sia nel loro uso tecnico nel silenziamento genico. Tuttora esistono molti approcci bioinformatici per predire la struttura dei mirna, soprattutto per determinare se una sequenza gnomica può dare origine o meno ad un mirna.

8 Uno dei server più usati è MFOLD: esso, immettendo una sequenza genomica come imput, è in grado di predire con un piccolo margine di errore se essa può dare origine ad un pri-mirna. I criteri usati nell analisi sono: - dimensioni della finestra di nucleotidi da considerare - lunghezza del loop - match tra le basi (numero ed estensione) - numero ed estensione dei mismatch - variazioni alle estremità 3 o 5 (le quali, fornendo regioni di riconoscimento per le proteine effettrici sono soggette a constrain strutturali maggiori) Ogni parametro viene valutato con uno score e tanto più alto è lo score finale tanto è probabile che quella sequenza gnomica dia origine effettivamente ad un pri-mirna. Un approccio più rapido può consistere nell usare BLASTN per cercare la sequenza di un mirna all interno di un genomi di specie diverse, al fine di identificarlo direttamente dall intero genoma. Tale approccio può rivelarsi estremamente impreciso data la divergenza di sequenze tra le specie. TECNICHE DI ANALISI DELL ESPRESSIONE DEI mirna Ci sono tre motodologie per analizzare i livelli di espressione dei mirna: il primo consiste nell eseguire un classico northern blot con una sonda contro il mirna di interesse, il secondo prevede l uso dei microarray e il terzo consiste nell applicare una metodologia abbastanza recente chiamata MIRmasa. ANALISI MEDIANTE MICROARRAY Recentemente è stata messa a punto una variante del microarray classico per poterlo ottimizzare nei confronti dei mirna, in particolare per garantire che tale approccio possa identificare un mirna direttamente dal suo precursore. Per ottenere ciò sono stati disegnati due chips di DNA contenenti le sequenze MIR (microrna) attualmente conosciute introducendole in frammenti di 60-mer in varie condizioni. Il primo chips è stato usato per vedere se i MIR venivano riconosciuti all interno dei loro precursori: per ogni MIR sono state scelte le loro regioni upstream e downstream presenti nel genoma e come controllo sono stati usati frammenti con mutazioni all interno e al di fuori delle sequenze dei MIR e/o fiancheggiati da sequenze non umane (per discriminare i MIR in condizione di precursori o MIR singoli). Tale chip di controllo è stato ibridizzato con lcrna (labeled crna) di HeLA cells come controllo e si è visto dare un segnale proporzionale all abbondanza dei mirna in tali cellule. Il secondo chip è stato usato per discriminare la sensibilità della tecnica di fronte ad alcune variabili tra cui la disposizione dei MIR, la loro localizzazione all interno della sonda (NB: le sonde sono di 60 nt mentre i mirna sono lunghi 20 nt) e la presenza di mismacht. Sono state usate anche sonde contenenti MIR in singola, doppia e tripla copia. Il chip includeva un totale di 150 MIR umani presentati in varie situazioni e/o fiancheggiati da sequenze non umane. Risultati: la comparazione tra sonde contenenti il precursore+mir e sonde MIR+sequenze non umane davano segnali simili mentre precursori senza MIR o con forme di essi troncate davano segnali sensibilmente minori o addirittura nessun segnale. Mismatch nelle regioni esterne ai MIR non causavano perdita di segnale mentre mismatch all interno dei MIR provocavano un forte calo del segnale. Controlli con solo sequenze esterne non davano segnale. Il secondo chip includeva MIR in tre posizioni diverse all interno delle sonde per valutare se la posizione dei MIR aveva importanza: MIR localizzati al 5 della sonda davano segnali forti mentre MIR al 3 davano segnali più modesti (a parità di sequenza). Ciò può essere spiegato con il fatto che le sonde venivano legate al supporto del chip a livello delle regioni 3 per cui tanto più il MIR si trovava al 3 della sonda (e quindi alla base del chip) tanto più il segnale risultava smorzato dal supporto. MIR in duplex o triplex (doppia o tripla copia) davano ancora segnali più bassi, probabilmente a causa di autoquenching dei fluorofori usati. L introduzione di mismatch al 5 causavo un forte calo del

9 segnale mentre l introduzione di mismatch al 3 causavano un decremento più modesto (ovviamente a parità di mismatch). E stato eseguito anche un test di ibridazione a 60. L aumento di temperatura aumenta le condizioni di stringenza nell ibridazione e si è osservato che in tale condizione l introduzione anche di un solo mismacht all interno della sequenza dei MIR abbatteva il livello del segnale. Con tre mismacht il segnale praticamente si azzervava. Ciò può avere due importanti applicazioni: innanzitutto è possibile discriminare i mirna dai sirna e inoltre è possibile analizzare la diversa espressione tissutale dei vari mirna in quanto mirna con anche solo una base di differenza hanno espressioni tissutali diverse (è quindi una analisi molto più sensibile del northern).

10

11 ANALISI MEDIANTE MIRMASA Questa semplice tecnica è stata inserita da un paio d anni nello studio dell espressione dei mirna (o dei sirna). L estratto totale di RNA viene incubato contemporaneamente con due sonde: una complementare ad una metà del mirna di interesse marcata con un fluoroforo (capture oligo), l altra complementare all altra metà del mirna e marcata con biotina (detection oligo). Dopo l incubazione di esegue una purificazione con sfere ricoperte di streptavidina e si catturano i detection oligo. Se nell estratto non sono presenti i mirna di interesse si purificano solo i detection oligo e non i capture oligo per cui la frazione purificata non emette luce se stimolata con le lunghezze d onda dei fluorofori usati, se invece i mirna sono presenti essi ibrideranno contemporaneamente le due sonde e la purificazione con le biglie selezionerà sia i detection oligo, sia i mirna che i capture per cui il purificato sarà fluorescente (indice di presenza del mirna di interesse). Inoltre è una tecnica quantitativa: l intensità del segnale è direttamente proporzionale alla quantità di mirna presenti nell estratto totale.

12 BIBLIOGRAFIA: MicroRNA expression detected by oligonucleotide microarrays: System establishment and expression profiling in human tissues Omer Barad,1,3 Eti Meiri,1,3 Amir Avniel,1,3 Ranit Aharonov,1 Adi Barzilai,1 Isaac Bentwich,1 Uri Einav,1 Shlomit Gilad,1 Patrick Hurban,2 Yael Karov,1 Edward K. Lobenhofer,2 Eilon Sharon,1 Yoel M. Shiboleth,1 Marat Shtutman,1 Zvi Bentwich,1 and Paz Einat1,4 mirnas on the move: mirna biogenesis and the RNAi machinery Elizabeth P Murchison and Gregory J Hannon1 The Microprocessor complex mediates the genesis of micrornas Richard I. Gregory*, Kai-ping Yan*, Govindasamy Amuthan, Thimmaiah Chendrimada, Behzad Doratotaj, Neil Cooch & Ramin Shiekhattar The RNAi revolution Carl D. Novina and Phillip A. Sharp

RNA non codificanti ed RNA regolatori

RNA non codificanti ed RNA regolatori RNA non codificanti ed RNA regolatori RNA non codificanti ed RNA regolatori Piccoli RNA non codificanti RNA regolatore microrna RNAi e sirna Piccoli RNA non codificanti Gli RNA non codificanti (ncrna)

Dettagli

Riassunto della presentazione dal titolo I mirna, lo sviluppo ontogenico e la trasformazione tumorale: nuovi meccanismi molecolari all opera

Riassunto della presentazione dal titolo I mirna, lo sviluppo ontogenico e la trasformazione tumorale: nuovi meccanismi molecolari all opera Riassunto della presentazione dal titolo I mirna, lo sviluppo ontogenico e la trasformazione tumorale: nuovi meccanismi molecolari all opera 1- I microrna sono coinvolti in numerosi meccanismi molecolari

Dettagli

Regolazione dell espressione genica imputabile esclusivamente a regolatori di natura proteica?

Regolazione dell espressione genica imputabile esclusivamente a regolatori di natura proteica? Regolazione dell espressione genica imputabile esclusivamente a regolatori di natura proteica? 18 1 Watson-Baker-Bell-Gann-Levine-Losick Biologia molecolare del gene Gli RNA regolatori Già gli studi di

Dettagli

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico RNA interference Tecnica che permette di interferire con l espressione di alcuni geni mediante la trasfezione di piccoli frammenti di RNA a doppio filamento in grado di antagonizzare l RNA messaggero corrispondente.

Dettagli

Piccoli RNA non codificanti RNA regolatore microrna RNAi e sirna

Piccoli RNA non codificanti RNA regolatore microrna RNAi e sirna Piccoli RNA non codificanti RNA regolatore microrna RNAi e sirna Gli RNA non codificanti (ncrna) giocano un ruolo fondamentale nei sistemi biologici complessi, pur non codificando alcuna proteina. Tra

Dettagli

DNA non codificante ncdna

DNA non codificante ncdna DNA non codificante ncdna Teorie sul ruolo genetico RNAi e mirna Liberamente tratto dalla tesina del Dr. Emiliano Mancini ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti

Dettagli

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Livelli di controllo dell espressione genica Rivisitazione del concetto di gene Per gli organismi eucariotici più evoluti il dogma un gene = una proteina

Dettagli

Il nobel per l interferenza dell RNA

Il nobel per l interferenza dell RNA Il nobel per l interferenza dell RNA Andrew Fire e Craig Mello, i due vincitori del Premio Nobel 2006 per la Medicina e la Fisiologia. I due biologi molecolari vengono premiati per aver scoperto uno dei

Dettagli

Incontro con bioinformatici

Incontro con bioinformatici Incontro con bioinformatici Giuseppe Macino Universita di Roma La Sapienza Quanto DNA e contenuto nei genomi di Amoeba dubia 670 miliardi c.b Zea maize 4 miliardi c.b. Homo sapiens 2,9 miliardi c.b Arabidopsis

Dettagli

Bioinformatica RNA non codificanti ed RNAi. Dott. Alessandro Laganà

Bioinformatica RNA non codificanti ed RNAi. Dott. Alessandro Laganà Bioinformatica RNA non codificanti ed RNAi Dott. Alessandro Laganà Piccoli RNA non codificanti Struttura dell RNA RNA regolatore microrna RNAi e sirna 2 Bioinformatica: RNA non codificanti ed RNAi L RNA

Dettagli

Come funzionano gli oligo Antisenso? RNA WORLD. mrna. Regolare l espressione genica tramite molecole di RNA. Come funzionano gli oligo antisenso?

Come funzionano gli oligo Antisenso? RNA WORLD. mrna. Regolare l espressione genica tramite molecole di RNA. Come funzionano gli oligo antisenso? RNA WORLD RNA Come funzionano gli oligo Antisenso? mrna Non coding RNA AAAAAAA rrna trna snrna snorna RNA Antisenso sirna Arresto della traduzione Proteina incompleta o nessuna sintesi MECCANISMO PASSIVO

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 La modificazione dell RNA e la traduzione

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 La modificazione dell RNA e la traduzione Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 La modificazione dell RNA e la traduzione La maturazione del trascritto primario I microrna Le componenti del macchinario di traduzione Il meccanismo della traduzione

Dettagli

I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI

I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI Davide Schiavone Biochimica A.A. 2004-2005 I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI I processi di difesa antivirale operati da RNA sfruttano diversi meccanismi che sono raggruppati sotto il nome di RNA silencing.

Dettagli

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali Soluzioni ai problemi del Capitolo 15 Domande concettuali C1. 1. La struttura DNA-cromatina. Questo livello comprende l amplificazione genica, un aumento del numero di copie; riarrangiamenti di geni, come

Dettagli

Dal macroscopico al microscopico. L interpretazione molecolare Giuseppe Macino La Sapienza Roma

Dal macroscopico al microscopico. L interpretazione molecolare Giuseppe Macino La Sapienza Roma Dal macroscopico al microscopico. L interpretazione molecolare Giuseppe Macino La Sapienza Roma Animali buoni Animali pericolosi Animali fastidiosi Animali inutili Cromosomi umani Quanto DNA e contenuto

Dettagli

La regolazione genica nei eucarioti

La regolazione genica nei eucarioti La regolazione genica nei eucarioti Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri Differenziamento negli eucarioti pluricellulari Negli eucarioti le cellule specializzate dei vari tessuti contengono

Dettagli

Regolazione genica post- trascrizionale

Regolazione genica post- trascrizionale 18. L RNA regolatore contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale Regolazione genica post- trascrizionale L espressione

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

MODIFICAZIONI POST-TRASCRIZIONALI. 5 NT non tradotto 3 NT

MODIFICAZIONI POST-TRASCRIZIONALI. 5 NT non tradotto 3 NT MODIFICAZIONI POST-TRASCRIZIONALI 5 NT non tradotto 3 NT Numero introni per gene n esoni = n introni +1 Media esoni: 150 basi Introni: anche migliaia di basi Sequenze consenso presenti sul pre-mrna e

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

Il metabolismo dell RNA. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

Il metabolismo dell RNA. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie Il metabolismo dell RNA I vari tipi di RNA Il filamento di DNA che dirige la sintesi dello mrna è chiamato filamento stampo o filamento antisenso. L altro filamento che ha sequenza identica a quella dello

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Diagnosi genetiche molecolari

Diagnosi genetiche molecolari Diagnosi genetiche molecolari INDICAZIONI per la diagnosi genetica Ricorrenza nella famiglia di una malattia genetica - identificazione dei portatori - confermare la diagnosi basata sul quadro clinico

Dettagli

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto La regolazione genica nei procarioti Alcune proteine vengono prodotte dalla cellula ad un ritmo relativamente costante e l attività dei geni che codificano queste proteine non è regolata in modo sofisticato.

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

RNA interference e sue applicazioni

RNA interference e sue applicazioni RNA interference e sue applicazioni Cosa è l RNA interference Come funziona Funzione biologica nei diversi organismi Come può essere utilizzata per fini applicativi e di genetica funzionale Che cosa è

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione DNA RNA Trascrizione RNA PROTEINE Traduzione Dove avvengono? GLI EUCARIOTI I PROCARIOTI Cambell, Reece Biologia ZANICHELLI Trascrizione Sintesi di

Dettagli

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI Marcatura di acidi nucleici Una sonda per ibridazione è una molecola di DNA marcata, con una sequenza complementare al DNA bersaglio da individuare. Poiché la sonda

Dettagli

Struttura e funzione dei geni. Paolo Edomi - Genetica

Struttura e funzione dei geni. Paolo Edomi - Genetica Struttura e funzione dei geni 1 Il DNA è il materiale genetico La molecola di DNA conserva l informazione genetica: topi iniettati con solo DNA di batteri virulenti muoiono 2 Proprietà del DNA Il DNA presenta

Dettagli

Silenziamento genico sequenza specifico. Pathway di regolazione dell'espressione genica provocato da dsrna.

Silenziamento genico sequenza specifico. Pathway di regolazione dell'espressione genica provocato da dsrna. ( RNAi ) RNA Interference Silenziamento genico sequenza specifico. Pathway di regolazione dell'espressione genica provocato da dsrna. E un meccanismo naturale in piante, funghi, insetti e mammiferi. Cronologia:

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GLI INSEGNANTI DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI INGEGNERIA GENETICA E SUE APPLICAZIONI

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GLI INSEGNANTI DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI INGEGNERIA GENETICA E SUE APPLICAZIONI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GLI INSEGNANTI DELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI INGEGNERIA GENETICA E SUE APPLICAZIONI mercoledì 5 maggio 2004 La regolazione dell'espressione genica prof. Giovanna Viale - Università

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

Regolazione dell espressione genica EUCARIOTI

Regolazione dell espressione genica EUCARIOTI Regolazione dell espressione genica EUCARIOTI Regolazione della espressione genica Molte proteine sono comuni a tutte le cellule RNA polimerasi, proteine ribosomali, enzimi che regolano il metabolismo,

Dettagli

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti Dal DNA all RNA La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA MOLECOLARE Gene Regione di DNA che porta l informazione (= che CODIFICA) per una catena polipeptidica o per

Dettagli

Definizione di genoteca (o library) di DNA

Definizione di genoteca (o library) di DNA Definizione di genoteca (o library) di DNA Collezione completa di frammenti di DNA, inseriti singolarmente in un vettore di clonaggio. Possono essere di DNA genomico o di cdna. Libreria genomica: collezione

Dettagli

Replicazione del DNA

Replicazione del DNA Replicazione del DNA la replicazione del DNA viene effettuata da ENZIMI: DNA-polimerasi (catalizza la formazione del legame fosfodiestere) ogni filamento fa da stampo (enzima diretto dallo stampo) le DNA-polimerasi

Dettagli

Corso di aggiornamento sulle Biotecnologie CusMiBio

Corso di aggiornamento sulle Biotecnologie CusMiBio Corso di aggiornamento sulle Biotecnologie CusMiBio Regolazione dell espressione genica dal DNA alle proteine Prof. Paolo Plevani, Aula 200, 22/09/2014 LEARNING WEEK Qualche novità e/o stimolo sul controllo

Dettagli

La rimozione degli introni e la successiva unione degli esoni devono essere estremamente accurate per gli mrna. Sequenze targets per lo splicing

La rimozione degli introni e la successiva unione degli esoni devono essere estremamente accurate per gli mrna. Sequenze targets per lo splicing Modificazioni post- trascrizionali dell RNA La rimozione degli introni e la successiva unione degli esoni devono essere estremamente accurate per gli mrna. Sequenze targets per lo splicing degli introni:

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Indice dell'opera. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Sommario

Indice dell'opera. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Sommario Indice dell'opera Prefazione Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Capitolo 2 DNA: il materiale genetico La ricerca del materiale genetico La composizione

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA.

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA. TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA RT-PCR REAL TIME PCR NORTHERN BLOTTING ANALISI POST-GENOMICHE Conoscere la sequenza genomica di un organismo non è che l inizio di una serie di esperimenti

Dettagli

IL RUOLO DELLE MOLECOLE DI RNA ANTISENSO NELLA REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA IN EUCARIOTI

IL RUOLO DELLE MOLECOLE DI RNA ANTISENSO NELLA REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA IN EUCARIOTI IL RUOLO DELLE MOLECOLE DI RNA ANTISENSO NELLA REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA IN EUCARIOTI Slide 9 I RIBOZIMI: La scoperta di RNA dotati di attività catalitica ha profondamente cambiato la visione

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Sequenziamento ed analisi dell esoma intero (All Exon)

Sequenziamento ed analisi dell esoma intero (All Exon) Sequenziamento ed analisi dell esoma intero (All Exon) Obiettivi La procedura ha l obiettivo di sequenziare solo le regioni trascritte e codificanti del genoma che rappresentano, almeno nell uomo, circa

Dettagli

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli:

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: -isolare un gene (enzimi di restrizione) -clonaggio (amplificazione) vettori -sequenziamento -funzione Il gene o la sequenza

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Genetica delle neoplasie ematologiche Individua le alterazioni genetiche ed epigenetiche presenti nei vari disordini onco-ematologici www.fisiokinesiterapia.biz Fattori estrinseci Ambiente Danno genotossico

Dettagli

C2. Il rilascio del fattore sigma marca il passaggio alla fase di allungamento della trascrizione.

C2. Il rilascio del fattore sigma marca il passaggio alla fase di allungamento della trascrizione. Soluzioni ai problemi del Capitolo 12 Domande concettuali C1. A. I geni dei trna codificano molecole di trna e i geni degli rrna le molecole di rrna che si trovano nei ribosomi. Esistono anche dei geni

Dettagli

A che servono le piante transgeniche?

A che servono le piante transgeniche? A che servono le piante transgeniche? Ricerca di base Applicazioni Ricerca di base Favorire la comprensione e lo studio del ruolo fisiologico di molti geni Effetti correlati alla sovraespressione o alla

Dettagli

Analisi molecolare dei geni

Analisi molecolare dei geni Analisi molecolare dei geni Denaturazione e rinaturazione di una molecola di DNA Si rompono i legami idrogeno 100 C Denaturazione del DNA Rinaturazione per riassociazione delle sequenze complementari Ogni

Dettagli

Ibridizzazione in situ

Ibridizzazione in situ ANALISI DELL RNA Northen blot E un metodo simile a quello di traferimento e di ibridizzazione del DNA (Southern blot) e si usa per sondare molecole di RNA. Gli mrna sono molecole brevi, in genere meno

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

PCR (Polymerase Chain Reaction)

PCR (Polymerase Chain Reaction) PCR (Polymerase Chain Reaction) Metodo enzimatico estremamente rapido e semplice per produrre una quantità illimitata di copie della sequenza di un singolo gene Sometime a good idea comes to yow when you

Dettagli

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR)

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) PCR: reazione polimerasica a catena Inventata da Kary Mullis negli anni 80 (premio Nobel 1993) Serve per ottenere una grande quantita

Dettagli

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte PCR Prof.ssa Flavia Frabetti PCR o reazione di polimerizzazione a catena Fine anni 80 Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte Permette di estrarre

Dettagli

I PROGETTI OMICI. Studiano gli elementi biologici nel loro insieme TRASCRITTOMICA PROTEOMICA

I PROGETTI OMICI. Studiano gli elementi biologici nel loro insieme TRASCRITTOMICA PROTEOMICA 1 I PROGETTI OMICI Studiano gli elementi biologici nel loro insieme TRASCRITTOMICA PROTEOMICA Studia il contenuto in mrna di una cellula (in differenti fasi di sviluppo, in risposta a vari stimoli o a

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Elementi di Bioinformatica. Genomica. Introduzione

Elementi di Bioinformatica. Genomica. Introduzione Corso di Elementi di Bioinformatica Ingegneria Biomedica AA 2013-14 Elementi di Bioinformatica Genomica Introduzione Genomica Genomica (genomics) Riguarda lo studio del genoma degli organismi viventi e,

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica. Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi.

Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica. Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi. Next-generation sequencing, annotazione, ed espressione genica Giulio Pavesi Dip. Bioscienze Università di Milano giulio.pavesi@unimi.it Il primo passo... Abbiamo la sequenza completa del DNA di un organismo:

Dettagli

sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale

sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale RNAi Introduction RNAi = RNA interference Il termine è utilizzato per descrivere l interferenza dell RNA come meccanismo naturale e anche come

Dettagli

Progettazione di primer per PCR. Verifica della specificità

Progettazione di primer per PCR. Verifica della specificità Progettazione di primer per PCR. Verifica della specificità La PCR (Polymerase Chain Reaction) ha progressivamente assunto importanza tra le tecnologie ricombinanti in quanto in diversi protocolli applicativi

Dettagli

Lezioni di biotecnologie

Lezioni di biotecnologie Lezioni di biotecnologie 2 Lezione 3 Biotecnologie avanzate 3 L evoluzione delle biotecnologie Le biotecnologie hanno conosciuto un evoluzione continua, grazie anche agli avanzamenti tecnologici. Infatti

Dettagli

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA 0) CONCETTI BASE La trasformazione delle informazioni genetiche in proteine richiede due passaggi: la trascrizione del DNA in mrna e la traduzione dell mrna in una

Dettagli

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 e loro applicazione in studi pre-clinici. Il trasferimento genico è una tecnologia

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 22

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 22 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 22 La trascrizione procariotica dell RNA Concetti chiave: L RNA polimerasi è simile alla DNA polimerasi nella struttura e

Dettagli

Genoma umano: illusioni, realtà, prospettive

Genoma umano: illusioni, realtà, prospettive Genoma umano: illusioni, realtà, prospettive Giovedì 15 Marzo 2007 - ore 17.30 Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Venezia Giuseppe Borsani e Gerolamo Lanfranchi, coordina Fabio Pagan Il flusso

Dettagli

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B Downloaded from www.immunologyhomepage.com Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B I geni che codificano i recettori per gli antigeni (BCR e TCR) sono presenti in uno

Dettagli

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Preparazione dei campioni: (Estrazione del DNA o dell RNA dal tessuto di interesse) Analisi delle mutazioni: SSCP DHPLC Dot blot - Southern - PCR (ARMS

Dettagli

RNA 29/10/2014. Struttura chimica del RNA

RNA 29/10/2014. Struttura chimica del RNA I Nucleotidi Hanno Tre Componenti Solo DNA Solo RNA Acidi nucleici RNA http://www.uic.edu/classes/phys/phys461/phys450/anjum04/ Struttura chimica del RNA http://www.ncbi.nlm.nih.gov/b ooks/nbk26887/figure/a978/?

Dettagli

REGOLAZIONE DELL'ESPRESSIONE GENICA

REGOLAZIONE DELL'ESPRESSIONE GENICA REGOLAZIONE DELL'ESPRESSIONE GENICA Con ESPRESSIONE GENICA si intende quella serie di eventi che dall'attivazione della trascrizione di un gene, conducono alla produzione della proteina corrispondente.

Dettagli

L adattamento dei batteri. Strategie di adattamento

L adattamento dei batteri. Strategie di adattamento L adattamento dei batteri Strategie di adattamento mutazione trasferimento genico orizzontale regolazione dell espressione genica regolazione della trascrizione regolazione della traduzione regolazione

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine)

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) Isolamento e purificazione di DNA e RNA -Rompere la membrana cellulare -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) -Separare gli acidi nucleici tra loro -Rompere la membrana

Dettagli

Plasmidi come vettori di clonaggio

Plasmidi come vettori di clonaggio Plasmidi come vettori di clonaggio Un vettore plasmidico di buona qualità deve possedere le seguenti proprietà: 1. Piccole dimensioni (

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

2. SCOPO E STRATEGIE ADOTTATE

2. SCOPO E STRATEGIE ADOTTATE 2. SCOPO E STRATEGIE ADOTTATE Lo scopo del lavoro è la derivazione di fibroblasti bovini con modificazioni mirate, in modo da ottenere integrazioni di DNA esogeno in regioni specifiche del genoma. Questo

Dettagli

Oltre il DNA: alla scoperta dei m eccanismi molecolari che regolano lo svilup po e la fisiologia della cellula

Oltre il DNA: alla scoperta dei m eccanismi molecolari che regolano lo svilup po e la fisiologia della cellula Oltre il DNA: alla scoperta dei m eccanismi molecolari che regolano lo svilup po e la fisiologia della cellula Prof. Paolo Macchi, PhD Lab of Molecular and Cellular Neurobiology - CIBIO Univ. Trento www.unitn.it/cibio

Dettagli

REPLICAZIONE DEL DNA

REPLICAZIONE DEL DNA REPLICAZIONE DEL DNA La replicazione (o anche duplicazione) è il meccanismo molecolare attraverso cui il DNA produce una copia di sé stesso. Ogni volta che una cellula si divide, infatti, l'intero genoma

Dettagli

microrna Cinzia Di Pietro Dipartimento GF Ingrassia Biologia, Genetica e Bioinformatica G. Sichel Università degli Studi di Catania dipietro@unict.

microrna Cinzia Di Pietro Dipartimento GF Ingrassia Biologia, Genetica e Bioinformatica G. Sichel Università degli Studi di Catania dipietro@unict. microrna Cinzia Di Pietro Dipartimento GF Ingrassia Biologia, Genetica e Bioinformatica G. Sichel Università degli Studi di Catania dipietro@unict.it I MicroRNAs (mirnas) sono dei piccoli RNAs non codificanti

Dettagli

Dal Genotipo al Fenotipo

Dal Genotipo al Fenotipo Dal Genotipo al Fenotipo Dal Fenotipo normale al Fenotipo patologico Regolazione dell espressione genica Figure 7-1 Molecular Biology of the Cell ( Garland Science 2008) Una cellula differenziata contiene

Dettagli

Bioinformatica (1) Introduzione. Dott. Alessandro Laganà

Bioinformatica (1) Introduzione. Dott. Alessandro Laganà Bioinformatica (1) Introduzione Dott. Alessandro Laganà Dott. Alessandro Laganà Martedi 15.30 16.30 Studio Assegnisti - 1 Piano (Davanti biblioteca) Dipartimento di Matematica e Informatica (Città Universitaria)

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE TRASCRIZIONE Processo mediante il quale una sequenza di DNA (un gene) viene copiata in una sequenza di RNA Dalla trascrizione derivano gli mrna, che verranno tradotti

Dettagli

Bioinformatica. Marin Vargas, Sergio Paul

Bioinformatica. Marin Vargas, Sergio Paul Bioinformatica Marin Vargas, Sergio Paul 2013 Wikipedia: La bioinformatica è una disciplina scientifica dedicata alla risoluzione di problemi biologici a livello molecolare con metodi informatici. La bioinformatica

Dettagli

Seminario. Domini modulari delle proteine 1

Seminario. Domini modulari delle proteine 1 Seminario Proteine della matrice DOMINI E MODULI Domini modulari delle proteine 1 La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette

Dettagli

Organizzazione del genoma umano II

Organizzazione del genoma umano II Organizzazione del genoma umano II Lezione 7 & Pseudogeni I Pseudogeni non processati : convenzionali ed espressi * Copie non funzionali del DNA genomico di un gene. Contengono esoni, introni e spesso

Dettagli

8-06-2010. BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING. BLOTTING delle proteine: NORTHERN BLOTTING SOUTHERN BLOTTING

8-06-2010. BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING. BLOTTING delle proteine: NORTHERN BLOTTING SOUTHERN BLOTTING 8-06-2010 TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR REAL TIME PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING BLOTTING delle proteine: MICROARRAYS MACROARRAYS

Dettagli

Microarray. (in parte da Wikipedia)

Microarray. (in parte da Wikipedia) Microarray (in parte da Wikipedia) Un DNA microarray (comunemente conosciuto come gene chip, DNA chip, o biochip) è costituito da una collezione di microscopiche sonde di DNA attaccate ad una superficie

Dettagli

Le basi chimiche dell ereditarietà

Le basi chimiche dell ereditarietà Le basi chimiche dell ereditarietà 1 Il codice della vita Il DNA, o acido desossiribonucleico, è cos7tuito da lunghe catene di nucleo7di; ogni nucleo7de è composto da uno zucchero (deossiribosio), un gruppo

Dettagli

Fibrillina Sindrome di Marfan sindrome di Marfan sindrome di Marfan Sindrome di Marfan Fibrillina 1

Fibrillina Sindrome di Marfan sindrome di Marfan sindrome di Marfan Sindrome di Marfan Fibrillina 1 Genoma La determinazione e la conoscenza dell intera sequenza genomica è la condizione necessaria per comprendere la biologia di un determinato organismo Il genoma contiene le istruzioni (geni) per la

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

Molecular basis of the X-linked Dyskeratosis disease: insights from Drosophila

Molecular basis of the X-linked Dyskeratosis disease: insights from Drosophila Molecular basis of the X-linked Dyskeratosis disease: insights from Drosophila La ricerca è stata finalizzata allo studio della Discheratosi congenita X-linked (X-DC), una malattia genetica caratterizzata

Dettagli

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2 Domini modulari delle proteine 1 Proteine della matrice DOMINI E MODULI La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette domini,

Dettagli

DNA footprinting. Interazioni DNA-proteine. Il promotore è la regione di DNA al 5 di un gene, dove si lega la RNA polimerasi.

DNA footprinting. Interazioni DNA-proteine. Il promotore è la regione di DNA al 5 di un gene, dove si lega la RNA polimerasi. Interazioni DNA-proteine Il promotore è la regione di DNA al 5 di un gene, dove si lega la RNA polimerasi. L analisi della sequenza dei primi promotori nei batteri non rivelò, come atteso, la stessa sequenza

Dettagli

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani LE MOLECOLE INFORMAZIONALI Lezioni d'autore Treccani Introduzione (I) I pionieri della biologia molecolare, scoperta la struttura degli acidi nucleici, pensarono di associare al DNA una sequenza di simboli,

Dettagli

DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA

DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA REPLICAZIONE DEL DNA (SINTESI o DUPLICAZIONE) MODELLO SEMICONSERVATIVO Meselson e Stahl (1958) DNA POLIMERASI CROMOSOMA NON DUPLICATO CROMOSOMA DUPLICATO (CROMATIDI FRATELLI)

Dettagli