1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8"

Transcript

1 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 4 3 Funzion invrsa 6 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 8 5 Soluzioni dgli srcizi 9 In qusta dispnsa affrontiamo il conctto di funzion, nlla sua gnralità. Succssivamnt, nll dispns ch sguono, ci concntrrmo in particolar sull funzioni rali. 1 Il conctto di funzion Qui dfiniamo un conctto assolutamnt fondamntal in matmatica: il conctto di funzion. Siano X Y du insimi. Una funzion f da X a Y è una lgg, una corrispondnza ch associa ad ogni lmnto di X uno d un solo lmnto di Y. Quindi pr ogni x X sist uno d un solo y Y associato ad x. Tal y si indica con il simbolo f(x) si può chiamar il valor dlla funzion f in x. Formalmnt si scriv f : X Y pr dir appunto ch x X! y Y : y = f(x) (la scrittura si lgg: pr ogni x ch appartin ad X sist un unico y in Y tal ch y è ugual ad f(x)). L insim X di dic il dominio dlla funzion f, l insim Y si dic il codominio dlla funzion f. Si dic anch ch la funzion f è da X ad Y, oppur dfinita in X a valori in Y. S voglio dfinir una funzion particolar dvo spcificar il suo dominio, il suo codominio la lgg di corrispondnza. Ad smpio, s scrivo f : N N, con f(n) = n + 1, intndo considrar la funzion f, dfinita in N, a valori in N, ch associa ad ogni numro natural il numro stsso aumntato di uno. Pr indicar una funzion in gnral si può scrivr smplicmnt f; s c è la ncssità di indicarn dominio codominio scrivo f : X Y. A volt si usano l notazioni y = f(x) oppur x f(x), ch prò non spcificano dominio codominio; x si chiama l argomnto dlla funzion f f(x) è dtto a volt anch l immagin di x attravrso la funzion f. Nlla figura a fianco è rapprsntata una funzion dall insim X = {a, b, c, d} all insim Y = {, f, g, h, i}. Qualch smpio: La scrittura f : N N, con f(n) = n, n N dfinisc la funzion f dall insim di numri naturali nll insim di numri naturali ch associa ad ogni natural il suo doppio. La scrittura f : N N N, con f(m, n) = m + n, m, n N dfinisc la funzion f dall insim dll coppi di numri naturali nll insim di numri naturali ch associa ad ogni coppia la somma dll du componnti. Un altro smpio è la funzion f : N N 0, ch associa ad ogni n N il numro di divisori di n. 1 In qusto caso non è così smplic la formulazion dlla lgg di corrispondnza. 1 Accordiamoci sul fatto ch 1 non è un divisor di alcun numro natural ch nssun numro è divisor di s stsso. Ecco prché ho scritto ch il codominio è N 0, cioè i naturali con lo zro: infatti f(1) = 0. Abbiamo anch, pr capir com funziona, f() = 0 ( è divisibil pr 1 pr s stsso), f(3) = 0 così pr tutti i numri primi, ch sono appunto divisibili solo pr 1 pr s stssi. Invc f(4) = 1 (il ), f(6) = (il il 3),..., f(100) = 7 (,4,5,10,0,5,50),... Qusta funzion ha valor zro sui numri primi solo su qusti. X a b c d f g Y h i

2 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica Altr dfinizioni importanti. Supponiamo di avr una funzion f : X Y. S A X si chiama immagin di A attravrso f l insim f(a) = { f(a) : a A }. A X f(a) Y Ossrvazioni L immagin di A è quindi l insim dgli lmnti f(a), al variar di a nll insim A; si tratta dll insim di valori ch la funzion può assumr in corrispondnza dgli lmnti dll insim A d è chiaramnt un sottoinsim di Y, quindi f(a) Y. Si ossrvi, com caso particolar, ch f({x}) = {f(x)}, pr ogni x X, cioè l immagin dll insim {x} è l insim il cui unico lmnto è f(x). Nll altro caso particolar A = X l immagin di X attravrso f, cioè f(x), è dtta anch l immagin di f. Si tratta dll insim di tutti i valori ch la funzion può assumr. Non è dtto ch tal insim sia tutto l insim Y. S B Y si chiama controimmagin (o immagin invrsa) di B attravrso f l insim f 1 (B) = { x X : f(x) B }. f 1 (B) X B Y Ossrvazion È tradizionalmnt un conctto difficil pr molti studnti. La controimmagin di un insim B (B è un sottoinsim di Y ) è quindi l insim dgli lmnti di X la cui immagin sta in B. Ovviamnt quindi f 1 (B) X. Nl caso particolar B = Y la controimmagin di Y, cioè f 1 (Y ) è ugual ad X, dato ch tutti gli lmnti di X hanno corrispondnt in Y. Si noti anch ch ovviamnt la controimmagin di {f(x)} contin x, ma in gnral ssa può contnr anch altri lmnti oltr ad x, dato ch possono ssrci altri lmnti ch hanno pr immagin f(x). Si rifltta infatti ch una cosa è dir ch ad ogni x X corrispond un solo f(x) ( tutt l funzioni hanno qusta proprità), altra cosa è dir ch dato un y Y sso sia il corrispondnt di un solo x X. Qualch smpio su immagin controimmagin. Data la funzion f : N N, con f(n) = n, l immagin dlla funzion (cioè l immagin di tutto il dominio, com abbiamo visto) è l insim di numri naturali pari. L immagin dll insim A = {1,, 3, 4, 5} è l insim di numri naturali pari minori o uguali a 10 possiamo scrivr quindi f(a) = {, 4, 6, 8, 10}. L immagin di naturali dispari è ancora l insim di naturali pari. Com si vd, l immagin di una funzion, non è ncssariamnt ugual al codominio. La controimmagin dll insim B = {10, 11, 1, 13, 14, 15} è l insim {5, 6, 7} scrivrmo quindi f 1 (B) = {5, 6, 7}. La controimmagin dll insim di numri dispari è l insim vuoto. Data la funzion f : N N, con f(n) = n, l immagin dll insim A = {1,, 3, 4, 5} è l insim {1, 4, 9, 16, 5}. L immagin dlla funzion è vidntmnt l insim di naturali ch sono quadrati, quindi anch qui solo una part di naturali. La controimmagin dll insim B = {n N : n 100} è l insim {n N : n 10}. La controimmagin dll insim di numri pari è l insim di numri pari, mntr la controimmagin di dispari è data dai dispari: qusto prché il quadrato di un numro pari è un numro pari, mntr il quadrato di un numro dispari è un numro dispari. Data la funzion f : N N N, con f(m, n) = m + n, l immagin dll insim L immagin dlla funzion è l insim N \ {1}. 3 A = { (1, 1), (1, ), (, 1), (1, 3), (3, 1) } è l insim {, 3, 4}. La controimmagin dll insim B = {10} è l insim { (1, 9), (, 8), (3, 7), (4, 6), (5, 5), (6, 4), (7, 3), (8, ), (9, 1) }. Quindi, s x X con f(x) indichiamo l immagin di x attravrso f, d è un lmnto di Y ; s A X, con f(a) indichiamo l immagin di A attravrso f, d è un sottoinsim di Y. 3 Ricordo ch \ è il simbolo di diffrnza tra insimi: N \ {1} è l insim di naturali divrsi da 1.

3 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 3 Vdiamo ora du proprità ch possono avr l funzioni. Dfinizion Diciamo ch la funzion f : X Y è inittiva s ad lmnti distinti di X associa lmnti distinti di Y. Formalmnt, f è inittiva s t, z X, t z f(t) f(z). Diciamo invc ch la funzion f : X Y è surittiva s la sua immagin coincid con il codominio. Formalmnt, f è surittiva s f(x) = Y. Diciamo infin ch f è biittiva s è contmporanamnt inittiva surittiva. g g d c f c f c g b a d funzion inittiva b a d funzion non inittiva b f a funzion surittiva d c b f a funzion non surittiva A commnto dll rapprsntazioni qui sopra, la prima da sinistra illustra una funzion inittiva poiché a lmnti distinti associa lmnti distinti. La sconda non è inittiva prché gli lmnti a c hanno la stssa immagin. La trza è surittiva prché tutti gli lmnti dl codominio, ch è {, f, g}, sono immagin di qualch lmnto dl dominio. Infin la quarta non è surittiva prché l lmnto dl codominio non è immagin di alcun lmnto dl dominio. Possiamo anch notar ch solo la prima è inittiva solo la trza è surittiva. Ossrvazioni Una funzion è inittiva s solo s pr ogni y Y l immagin invrsa di {y} contin al più un lmnto. Qusto significa infatti ch non ci sono lmnti in X ch hanno la stssa immagin. Una funzion è surittiva s solo s pr ogni y Y l immagin invrsa di {y} contin almno un lmnto. Qusto significa infatti ch ogni lmnto di Y è immagin di qualch lmnto di X quindi ch f(x) = Y. Quindi una funzion è biittiva s solo s pr ogni y Y l immagin invrsa di {y} contin sattamnt un (uno uno solo) lmnto. Vdiamo qualch smpio con l funzioni ch abbiamo già usato prima. Data la funzion f : N N, con f(n) = n, ssa è inittiva, dato ch numri naturali distinti hanno ovviamnt immagini distint. La funzion non è surittiva dato ch, com già ossrvato, la sua immagin è formata dai soli numri pari, ch non sono tutti i numri naturali. Quindi qusta funzion non è biittiva. Anch la funzion f : N N, con f(n) = n, è inittiva ma non surittiva. La funzion f : N N N, con f(m, n) = m + n, non è né inittiva, né surittiva. Infatti l du coppi (1, ) (, 1) hanno la stssa immagin 3. 4 La funzion non è nmmno surittiva dato ch, com già ossrvato, l immagin è N \ {1} non tutto N. Un smpio di funzion biittiva è invc la funzion f : Z Z, con f(z) = z + 1. Essa è inittiva dato ch aggiungndo 1 a du numri intri distinti si ottngono intri distinti. Essa è anch surittiva dato ch l immagin è tutto l insim Z. 5 g Esrcizio 1.1 Data la funzion f : N N, con f(n) = n + 1, pr ogni n N, si dtrmini (a) l immagin dll insim {1,, 3}; (b) l immagin di f; (c) l insim f 1 ({1,, 3}), cioè la controimmagin dll insim {1,, 3}. (d) La funzion f è biittiva? 4 Si ricordi ch la funzion è inittiva s l immagini sono distint pr ogni sclta di valori distinti nl dominio. Quindi basta trovar un solo controsmpio, cioè un caso in cui qusto non si vrifica, pr provar ch la funzion non è inittiva. 5 Pr provar qusto basta ad smpio dimostrar ch, dato un qualunqu numro intro t sist almno una controimmagin, cioè un intro z tal ch z + 1 = t. Tal intro è ovviamnt t 1. Si noti ch la stssa lgg di corrispondnza dfinita in N anziché in Z (cioè la funzion f : N N, con f(n) = n + 1) è inittiva ma non surittiva!

4 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 4 Esrcizio 1. Data la funzion (a) l immagin dll insim {1,, 3}; f : Z Z, con f(z) = z + 1, pr ogni z Z, si dtrmini (b) l insim f 1 ({1,, 3}), cioè la controimmagin dll insim {1,, 3}. (c) È vro ch f(n) = f(z)? La funzion f è biittiva? Esrcizio 1.3 Data la funzion f : Z Z, con f(z) = z 10, pr ogni z Z, si dtrmini (a) l immagin dll insim {0, 1,, 3}; (b) l immagin di f; (c) l insim f 1 ({0, 1,, 3}), cioè la controimmagin dll insim {0, 1,, 3}; (d) l insim f 1 (N), cioè la controimmagin dll insim N. Esrcizio 1.4 Data la funzion { n s n è pari f : N N, con f(n) = n s n è dispari, si dtrmini (a) l immagin dll insim {1,, 3}; (b) la controimmagin dll insim {n N : n 10}. Funzion composta Siano X, T Y tr insimi siano f g du funzioni, con f : X T g : T Y. Prima di dar una dfinizion formal di funzion composta, crco di dar l ida. Dato un qualunqu lmnto x X, applicando la funzion f possiamo ottnr l lmnto f(x) T. A qusto ora possiamo applicar la funzion g, ottnndo così l lmnto g(f(x)) Y. Prtanto vniamo così a dfinir una funzion ch ad ogni x X associa un lmnto in Y. Essa prnd il nom di funzion composta di f g si indica col simbolo g f. Si noti l ordin in cui vngono scritt l du funzioni: scrivndo g f (ch quival a g(f)) vuol dir ch prima opra f poi opra g. Ecco la dfinizion formal: si chiama funzion composta di f g la funzion g f : X Y, dfinita da (g f)(x) = g(f(x)), pr ogni x X. f X T Y g f Ossrvazioni Si noti ch, nlla funzion composta g f, l immagin attravrso la prima (nl nostro caso la f) divnta l argomnto dlla sconda (la g). Il simbolo è appunto il simbolo di composizion tra funzioni. Si noti ancora ch nlla nostra dfinizion il codominio dlla prima funzion (la f) coincid col dominio dlla sconda (la g). La cosa è rilvant: qusto consnt di scrivr g(f(x)), dato ch f(x) appartin crtamnt al dominio di g. Invc potrbb non avr significato la scrittura f(g(x)), dato ch g(x) Y Y potrbb non avr nulla a ch far con X, ch è il dominio di f. Quindi l ordin di composizion dll funzioni è fondamntal. Possiamo dir ch la composizion tra funzioni è un smpio di oprazion (tra funzioni) non commutativa. Vdiamo ora qualch smpio sulla composizion. g

5 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 5 Siano f : N N, con f(n) = n + 1 g : N N, con g(n) = n. Possiamo costruir la funzion composta g f, ch avrà pr dominio N pr codominio N. La sua sprssion è pr dfinizion (g f)(n) = g(f(n)) = (n + 1), pr ogni n N. In qusto caso si può costruir anch la funzion composta (f g)(n) = f(g(n)) = n + 1, anch ssa da N ad N. Si noti ch l du sprssioni dll funzioni compost non sono uguali. Siano f : Z N, con f(z) = z + 1 g : N Z, con g(n) = ( 1) n. Possiamo costruir la funzion composta g f, ch avrà pr dominio Z pr codominio Z. La sua sprssion è pr dfinizion (g f)(z) = g(f(z)) = ( 1) f(z) = ( 1) z +1, pr ogni z Z. Anch in qusto caso possiamo costruir pur la funzion composta f g, dato ch il codominio di g il dominio di f coincidono. La funzion composta f g avrà pr dominio N pr codominio N. La sua sprssion è pr dfinizion (f g)(n) = f(g(n)) = (g(n)) + 1 = (( 1) n ) + 1 = ( 1) n + 1 =, pr ogni n N. Com si vd g f f g sono du funzioni divrs, sia prché sono dfinit tra insimi divrsi, sia prché hanno sprssioni divrs (g f val 1 o 1, mntr f g val smpr ). Quindi in gnral ricordar ch primo: non è dtto si possa far la composizion in ntrambi i snsi scondo: quando anch si può far, può portar a funzioni compltamnt divrs tra loro. Indichiamo con P l insim di naturali pari, cioè {, 4, 6,...} siano f : P P, con f(p) = p g : P N, con g(p) = p. 6 Possiamo costruir la funzion composta g f, ch avrà pr dominio P pr codominio N. La sua sprssion è pr dfinizion (g f)(p) = g(f(p)) = p / = p, pr ogni p P. 4 Non è invc possibil costruir la funzion composta f g. Possiamo constatarlo in du modi. Il primo è molto smplic: considriamo p = crchiamo di calcolar (f g)() = f(g()). Dato ch g() = 1, non possiamo calcolar f(1) in quanto 1 non è pari. Il scondo modo è fors più gnral: dato ch g(p) = p, f(g(p)) avrbb sprssion f(p ) = (p/) ma s p è pari non ncssariamnt p è divisibil pr 8 quindi in qualch caso la f non la posso calcolar. Siano f : N Z, con f(n) = ( 1) n g : Z Q, con g(z) = z z+1. 7 = p /4 = p 8, Possiamo costruir la funzion composta g f, ch avrà pr dominio N pr codominio Q. La sua sprssion è pr dfinizion (g f)(n) = g(f(n)) = [f(n)] f(n)+1 = [( 1) n ] ( 1)n +1, pr ogni n N. Possiamo vdr facilmnt ch, pr n pari (g f)(n) = = 1 pr n dispari (g f)(n) = ( 1) 1+1 = 1. Quindi la funzion composta è la funzion ch val 1 pr ogni numro natural. In qusto caso non si può costruir la funzion composta f g, dato ch il codominio dlla g è l insim di numri razionali, mntr il dominio di f è l insim di naturali. Possiamo anch ossrvar ch l sprssion dlla funzion composta f g si può formalmnt scrivr, d è (f g)(z) = ( 1) zz+1, ma ch tal scrittura può prdr di significato: si pnsi ad smpio al suo significato pr z =. 6 L du dfinizioni di f g mritano un commnto, pr capir ch sono ntramb bn post. S p è un numro pari, allora p è divisibil pr 4 di consgunza p è divisibil pr, cioè è pari ( quindi posso scrivr f : P P). Pr quanto riguarda la funzion g, s p è pari, allora p è crtamnt un numro natural (non ncssariamnt pari) quindi posso scrivr g : P N. Si rifltta sul fatto ch occorr smpr chidrsi s una data dfinizion sia bn posta, in quanto potrbb sfuggir qualch dttaglio ch invc la rnd priva di snso. Un smpio di dfinizion mal posta è f : N N, con f(n) = n : infatti, s n è dispari, n non è un numro natural. 7 Si ossrvi ch la potnza z z+1 è smpr dfinita d è un numro razional. Ad smpio si ha g(0) = 0 1 = 0, g( 1) = ( 1) 0 = 1 g( ) = ( ) 1 = 1.

6 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 6 Ossrvazion Riflttndo sulla dfinizion di funzion composta si può ossrvar ch ssa può ssr dfinita in una situazion lggrmnt più gnral, qulla in cui il codominio dlla prima funzion è contnuto nl dominio dlla sconda. Siano allora f : X T g : V Y sia T V. g La funzion g f : X Y, dfinita com prima da (g f)(x) = g(f(x)), f V è la funzion composta di f g. Qusto può ssr util in alcuni casi pr dfinir la funzion composta X T Y in qusta situazion più gnral. Ad smpio, con l funzioni f : Z Z, con f(z) = z + 1 g : Z N, con g(z) = z, si può crtamnt costruir la funzion composta g f, con dominio Z codominio N d sprssion (g f)(z) = g(f(z)) = f(z) = z+1, pr ogni z Z. Ma tnndo in considrazion quanto dtto poco fa possiamo anch costruir la funzion composta f g, con dominio Z codominio Z d sprssion (f g)(z) = f(g(z)) = g(z) + 1 = z + 1 = z , pr ogni z Z. Esrcizio.1 Dat l funzioni f : Z N, con f(z) = z + g : N N, con g(n) = n + 1, si scrivano l sprssioni dll funzioni compost f g g f; Esrcizio. Dat l funzioni f : Z Z, con f(z) = z g : Z Z, con g(t) = t, (a) si scrivano l sprssioni dll funzioni compost f g g f; l du funzioni coincidono? (b) Qual è l immagin dll insim {, 1, 0, 1, } attravrso l du funzioni compost? (c) Qual è la controimmagin dll insim {, 1, 0, 1, } attravrso l du funzioni compost? 3 Funzion invrsa S X è un insim, la funzion ch ad ogni x X associa l lmnto x stsso si chiama funzion idntità su X. La indichiamo con il simbolo i X. Prtanto i X : X X i X (x) = x, x X. X x Si tratta di una funzion molto smplic, ch può ssr dfinita in un qualunqu insim. È la funzion ch in pratica non trasforma nulla, facndo corrispondr ad ogni lmnto l lmnto stsso. Vniamo ora alla dfinizion di funzion invrsa. Sia f : X Y. La funzion f si dic invrtibil s sist una funzion g : Y X tal ch g f = i X f g = i Y. X f g Y Ossrvazion Si tratta di una dfinizion non oprativa: non ci dic com far pr riconoscr s una funzion è invrtibil oppur no. L invrtibilità di una f dipnd dall sistnza o mno di un altra funzion, la g. La richista ch si fa sulla g è ch la composizion con la f, ni du vrsi, dia com risultato la funzion idntità, sia su X sia su Y. S f è invrtibil, la funzion g si chiama funzion invrsa di f si indica col simbolo f Il simbolo è lo stsso già usato pr indicar la controimmagin. Là prò dfiniva un insim, qui dfinisc una funzion.

7 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 7 Alcun funzioni sono invrtibili, altr non lo sono. Prima di vdr alcuni smpi, vdiamo un risultato gnral ch fornisc una condizion ncssaria sufficint affinché una funzion sia invrtibil. Tal condizion facilita la vrifica dll invrtibilità dll funzioni. Proposizion La funzion f : X Y è invrtibil s solo s f è biittiva. Dimostrazion Si tratta di dimostrar la ncssità la sufficinza, cioè ch s f è invrtibil allora f è biittiva, vicvrsa, s f è biittiva allora f è invrtibil. Cominciamo con la ncssità. S f è invrtibil, significa pr dfinizion ch sist una funzion g : Y X tal ch la composizion di g con f (ni du snsi) dà la funzion idntità, cioè tal ch f(g(y)) = y, y Y g(f(x)) = x, x X. Ora dalla prima sgu ch, prso un qualunqu y Y, g(y) è un lmnto di X ch la f trasforma in y, quindi f è surittiva. S sistss un altro lmnto x, divrso da g(y), tal ch f(x) = y, allora dalla sconda avrmmo g(f(x)) = g(y) = x, quindi si avrbb x = g(y). Prtanto f è anch inittiva quindi biittiva. Vicvrsa, s f è biittiva, cioè inittiva surittiva, allora pr ogni y Y, c è un solo lmnto x X tal ch f(x) = y. Allora possiamo dfinir in Y la funzion g ch ad ogni y associa qusto unico x. A qusto punto è chiaro ch f(g(y)) = y, y Y g(f(x)) = x, x X, quindi f è invrtibil. Vdiamo alcuni smpi. Abbiamo già visto prima ch la funzion f : Z Z, con f(z) = z + 1 è biittiva. Troviamo la sua funzion invrsa. Prso un qualunqu t Z, l lmnto z Z tal ch f(z) = z +1 = t è vidntmnt z = t 1. Quindi la funzion invrsa è la g(t) = t 1, con g : Z Z. La funzion f : Z Z, con f(z) = z è biittiva, ssndo inittiva surittiva (facil srcizio). Quindi ssa è invrtibil. La sua funzion invrsa è vidntmnt la funzion stssa, dato ch f(f(z)) = f( z) = ( z) = z pr ogni z Z. Abbiamo visto ch la funzion f : N N, con f(n) = n non è biittiva in quanto non è surittiva. S prò com codominio prndiamo l insim P di numri pari, cioè poniamo f : N P, con f(n) = n, allora la funzion f è biittiva quindi invrtibil. La sua funzion invrsa è naturalmnt la funzion g : P N, con g(p) = p. Qusto smpio mostra ch l invrtibilità di una funzion può dipndr dal dominio o dal codominio ch scgliamo. Infatti qui abbiamo fatto divntar la funzion surittiva cambiando il suo codominio. (Esmpio difficil) Anch la funzion f : N Z, con f(n) = 1 4 ( 1)n (n + ( 1) n 1) è biittiva (lo si vrifichi distingundo i du casi n pari d n dispari costrundo una tablla ch riporti n f(n) pr i primi valori di n). Prtanto è invrtibil. La funzion invrsa è la funzion g : Z N dfinita da z z > 0 g(z) = 1 z z < 0 1 z = 0. Tornrmo con altri smpi quando saminrmo l funzioni di R in R. Esrcizio 3.1 Data la funzion { n + 1 s n è dispari f : N N, con f(n) = n 1 s n è pari, si dtrmini (a) l immagin dll insim {1,, 3, 4}; è vro ch pr ogni A N l immagin di A è A? (b) l immagin di f; (c) la controimmagin dll insim {1,, 3}. (d) La funzion f è invrtibil?

8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 8 Esrcizio 3. si dtrmini Data la funzion (a) l immagin dll insim {1,, 3, 4}; (b) l immagin di f; { f : N N, con f(n) = (c) la controimmagin dll insim {1,, 3, 4}. (d) La funzion f è invrtibil? n/ s n è pari (n + 1)/ s n è dispari, 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion Anch qui do prima l ida di conctti ch voglio sporr. Talvolta c è la ncssità o la convninza di considrar una funzion in una part dl suo dominio: si parlrà allora di una rstrizion dlla funzion stssa. Altr volt, data una funzion, sarà util considrarn un altra ch è dfinita sattamnt com la prima nl dominio di qusta, inoltr è dfinita anch in qualch altro punto: parlrmo di prolungamnto. Ecco l dfinizioni formali. Data una qualunqu funzion f : X Y, s A è un sottoinsim di X, si dfinisc rstrizion di f all insim A la funzion f A : A Y, con f A (a) = f(a), pr ogni a A (f A si lgg f ristrtta all insim A). Si tratta dlla funzion, dfinita su un sottoinsim dl dominio di f, ch ni punti di tal insim coincid con f. Un paio di smpi: Data la funzion f : R R, con f(x) = x, la sua rstrizion all intrvallo [0, + ) è la funzion g : [0, + ) R, con g(x) = x, pr ogni x 0. Data la funzion f : (0, + ) R, con f(x) = (1 + 1 x )x, la sua rstrizion all insim N è la funzion g : N R, con g(n) = ( n) n, pr ogni n N. L utilità di qusto conctto sta nl fatto ch, rinunciando ad una part dl dominio dlla f, si può ottnr una funzion ch ha qualch proprità in più risptto ad f. Si considri il primo smpio: la funzion x x, dfinita in tutto R, non è invrtibil (non è inittiva). S prò prndiamo la sua rstrizion in [0, + ) prndiamo qusto stsso intrvallo com codominio, la funzion risulta invrtibil. Data una qualunqu funzion f : X Y, s A è un insim ch contin X (cioè X A), si dfinisc prolungamnto di f all insim A la funzion h : A Y, con h(x) = f(x), pr ogni x X. 9 Si noti ch, ssndo X A, ogni x ch sta in X sta anch in A. Si tratta di una funzion, dfinita in un insim più grand di X, ch ristrtta ad X coincid con f. Anch qui un paio di smpi: Data la funzion f : N R, con f(n) = 1 n, un suo prolungamnto all insim N 0 (i naturali con lo zro) è, ad smpio, la funzion { 1/n n N f 0 : N 0 R, con f 0 (n) = 0 n = 0. Data la funzion f : R \ {0} R, con f(x) = x x, un suo prolungamnto a tutto R è la funzion h : R R, con g(x) = x, pr ogni x R. Si noti, in qust ultimo smpio, ch sarbb rrato pnsar ch l sprssion x x in tutto R, in quanto x x x = x. Infatti, x = x solo s x 0. 9 Avrmmo potuto anch dir h : A Y, tal ch h X = f. dfinisca già una funzion

9 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 9 5 Soluzioni dgli srcizi Esrcizio 1.1 (a) Dato ch f(1) =, f() = 5 f(3) = 10, l immagin dll insim {1,, 3} è {, 5, 10}. (b) Una scrittura gnral dll immagin di f, ch possiamo indicar con f(n), è f(n) = {n + 1 : n N}, cioè l insim di numri naturali ch si possono scrivr com n + 1, dov n è un qualch numro natural. Crto qusta non dic molto. Possiamo anch lncar i primi lmnti di qusto insim, cioè scrivr f(n) = {, 5, 10, 17, 6, 37,...}. (c) Sono i naturali ch hanno pr immagin 1, oppur 3: quindi (soltanto può ssr immagin di qualcosa) f 1 ({1,, 3}) = {1}. (d) La funzion non è biittiva, dato ch non è surittiva: infatti, com si vd sopra, l immagin di f non coincid con tutto l insim N. In qusta szion spsso l domand chidono di fornir insimi. Gli insimi possono ssr talvolta scritti indicando tutti gli lmnti dll insim (qusto ovviamnt si può far solo s l insim è finito, cioè ha un numro finito di lmnti). Altr volt può ssr prfribil l altra notazion, qulla ch dfinisc un insim attravrso una proprità di suoi lmnti. Esrcizio 1. Si noti ch la lgg ch dfinisc la funzion f è la stssa dll srcizio prcdnt, cambiano invc gli insimi tra cui è dfinita la funzion, ch ora sono Z Z. (a) Chiaramnt è lo stsso insim dl punto (a) di prima, dato ch N Z: {, 5, 10}. (b) f 1 ({1,, 3}) è qusta volta l insim { 1, 0, 1}, infatti f(0) = 1 f( 1) = f(1) =. (c) Non è vro ch f(n) = f(z). Infatti f(z) = f(n) {1}. La funzion non è biittiva, pr lo stsso motivo di prima. Esrcizio 1.3 (a) f({0, 1,, 3}) = { 10, 9, 8, 7}. (b) f(z) = {z Z : z 10}. (c) f 1 ({0, 1,, 3}) = {±10, ±11, ±1, ±13}. (d) f 1 (N) = {±11, ±1, ±13,...} = {z Z : z 11}. Esrcizio 1.4 (a) f({1,, 3}) = {1, 3, 4}. (b) f 1 ({n N : n 10}) = {1,, 3, 5, 7, 9}.

10 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 10 Esrcizio.1 Considriamo prima f g. È una funzion da N a N. Si ha (f g)(n) = f(g(n)) = f(n + 1) = (n + 1) + = 4n + 4n + 3. Considriamo ora g f. È una funzion da Z a N. Si ha (g f)(z) = g(f(z)) = g(z + ) = (z + ) + 1 = z + 5. Esrcizio. (a) Entramb l funzioni compost, cioè f g g f, sono funzioni da Z in Z. Poi (f g)(z) = f(g(z)) = f(z ) = z (g f)(z) = g(f(z)) = g( z ) = z. L du sprssioni, pur ssndo formalmnt divrs, coincidono (ricordar la dfinizion di valor assoluto). (b) (f g)({, 1, 0, 1, }) = {0, 1, 4}. Ovviamnt l altra è ugual. (c) (f g) 1 ({, 1, 0, 1, }) = { 1, 0, 1} l altra è ugual. Esrcizio 3.1 In qusto caso può ssr util costruir una tablla ch riporti n f(n) pr i primi valori di n. Così facndo si capisc com opra la funzion. (a) f({1,, 3, 4}) = {1,, 3, 4}. Non è vro ch pr ogni A N l immagin di A è A (com invc succd pr l insim {1,, 3, 4}. Infatti ad smpio f({1,, 3}) = {1,, 4}. (b) L immagin di f è f(n) = N. (c) f 1 ({1,, 3}) = {1,, 4}. (d) La funzion f è invrtibil, dato ch è sia inittiva sia surittiva. Non fornisco una dimostrazion formal. Diciamo solo smplicmnt ch dalla tablla di valori, una volta capito com opra la funzion, risultano vr qust su du proprità: valori distinti hanno immagini distint (la funzion è quindi inittiva); tutti i numri naturali dl codominio sono immagin di qualch natural dl dominio (cioè f(n) = N quindi f è surittiva). Esrcizio 3. Anch qui può ssr util la tablla di primi valori. (a) f({1,, 3, 4}) = {1, }. (b) L immagin di f è N. (c) La controimmagin dll insim {1,, 3, 4} è l insim {n N : n 8}. (d) La funzion f non è invrtibil, dato ch, pur ssndo surittiva, non è inittiva: infatti ad smpio f(1) = f() = 1.

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma

Dettagli

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI UNIVR Facoltà di Economia Corso di Matmatica finanziaria 008/09 ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI Domini di funzioni di du variabili Esrcizio a f, = log +. L unica condizion di sistnza è data dalla disquazion

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO EUROSCUOLA ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI BIANCHI SCUOLE PARITARIE PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO CLASSI MATERIA PROF. QUARTA TURISMO Matmatica Andra Brnsco Làvor ANNO SCOLASTICO

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y.

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y. INTRODUZIONE Ossrviamo, in primo luogo, ch l funzioni sponnziali sono dlla forma a con a costant positiva divrsa da (il caso a è banal pr cui non sarà oggtto dl nostro studio). Si possono allora vrificar

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ FUNZINI E LR RAPPRESENTAZINE Tst di autovalutazion 0 0 0 0 0 50 60 70 80 90 00 n Il mio puntggio, in cntsimi, è n Rispondi a ogni qusito sgnando una sola dll 5 altrnativ. n Confronta l tu rispost

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Esercizio 1. Cov(X,Y)=E(X,Y)- E(X)E(Y).

Esercizio 1. Cov(X,Y)=E(X,Y)- E(X)E(Y). Esrcizi di conomtria: sri 4 Esrcizio Siano, Z variabili casuali distribuit scondo la lgg multinomial di paramtri n, p, p, p p p.. Calcolar la Covarianza tra l variabili d. Soluzion Dat du variabili dinit

Dettagli

Studio di funzione. R.Argiolas

Studio di funzione. R.Argiolas Studio di unzion R.Argiolas Introduzion Prsntiamo lo studio dl graico di alcun unzioni svolt durant l srcitazioni dl corso di analisi matmatica I assgnat nll prov scritt. Ringrazio anticipatamnt tutti

Dettagli

Unità didattica: Grafici deducibili

Unità didattica: Grafici deducibili Unità didattica: Grafici dducibili Dstinatari: Allivi di una quarta lico scintifico PNI tal ud è insrita nllo studio dll funzioni rali di variabil ral. Programmi ministriali dl PNI: Dal Tma n 3 funzioni

Dettagli

Funzioni lineari e affini. Funzioni lineari e affini /2

Funzioni lineari e affini. Funzioni lineari e affini /2 Funzioni linari aini In du variabili l unzioni linari sono dl tipo a b l unzioni aini sono dl tipo a b c Il graico di una unzion linar è un piano passant pr l origin il graico di una unzion ain è un piano.

Dettagli

1) La probabilità di ciascun evento elementare è non negativa. 2) La somma delle probabilità di tutti gli eventi elementari vale 1.

1) La probabilità di ciascun evento elementare è non negativa. 2) La somma delle probabilità di tutti gli eventi elementari vale 1. CAPITOLO SECONDO CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Spazi di probabilità, vnti smplici d vnti composti Indichiamo con S lo spazio dgli vnti. Esso è un insim, i cui lmnti sono dtti vnti. Nl lancio di un dado, lo

Dettagli

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k 1 AMMORTAMENTO AMMORTAMENTO Dbito inizial D 0 si volv (al tasso fisso t) D k = D k-1 (1+t) R k [D k dbito (rsiduo) al tmpo k, R k pagamnto al tmpo k ] Condizioni [D n =0 : stinzion dl dbito in n priodi

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

Quaderni del Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Parma. Francesca Fiorenzi ALBERO BINARIO LIBERO. Novembre 1996 n.

Quaderni del Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Parma. Francesca Fiorenzi ALBERO BINARIO LIBERO. Novembre 1996 n. Quadrni dl Dipartimnto di Matmatica Univrsità dgli Studi di Parma Francsca Fiornzi ALBERO BINARIO LIBERO Novmbr 1996 n. 153 1 2 Francsca Fiornzi ALBERO BINARIO LIBERO SOMMARIO Un albro binario libro è

Dettagli

p(e 3 ) = 31 [R. c) e d)]

p(e 3 ) = 31 [R. c) e d)] CAPITOLO SECONDO CALCOLO DELLE PROBABILITÀ - ESERCIZI I.) Anna, Batric Carla fanno una gara di corsa. Stimo ch Anna Carla siano ugualmnt vloci ch Batric abbia probabilità doppia dll altr du di vincr la

Dettagli

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI Dal libro di tsto Zinkiwicz Taylor, Capitolo 14 pag. 398 Il mtodo dgli lmnti finiti fornisc una soluzion approssimata dl problma lastico; tal approssimazion driva non dall avr discrtizzato il dominio in

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Sttor Programmazion, Controlli La popolazion in tà da 0 a 2 anni rsidnt nl comun di Bologna Maggio 2007 La prsnt nota è stata ralizzata da un gruppo di dirignti funzionari dl Sttor Programmazion, Controlli

Dettagli

ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENTE

ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENTE Esrcitazioni dl corso di trasmissioni numrich - Lzion 4 6 Fbbraio 8 ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENE I du sgnali passa basso di figura sono utilizzati pr la trasmission di simboli binari quiprobabili

Dettagli

per tutti i visitatori disponibile tutti i giorni gratuito con il biglietto della mostra Contiene un album una matita una gomma questo manuale

per tutti i visitatori disponibile tutti i giorni gratuito con il biglietto della mostra Contiene un album una matita una gomma questo manuale pr tutti i visitatori disponibil tutti i giorni gratuito con il biglitto dlla mostra Contin un album una matita una gomma qusto manual Un manual pr visitar la mostra ossrvar 1 chi è già un po sprto chi

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

Opuscolo sui sistemi. Totogoal

Opuscolo sui sistemi. Totogoal Opuscolo sui sistmi Totogoal Più info Conoscnz calcistich pr vincr Jackpot alti Informazioni dttagliat costantmnt aggiornat sul Totogoal, sui programmi Toto sui risultati rpribili su Tltxt, a partir dalla

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES

SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES LUCA LUSSARDI 1. La dinamica di Black-Schols Il modllo di Black-Schols pr i mrcati finanziari assum com ipotsi fondamntal ch i przzi di bni finanziari sguano una bn dtrminata

Dettagli

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6.

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6. Corso di laura: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta PRECORSI DI MATEMATICA PROPORZIONI Ossrvar l sgunti figur: Cosa possiamo dir di ss? Ch la suprfici dlla figura A sta alla suprfici dlla figura B com sta a 6.

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo Argomnti L acqua dl rubintto è buona, ma non ci fidiamo Massimo Labra Maurizio Casiraghi Ch rapporto hanno gli italiani con l acqua? Molti prfriscono qulla in bottiglia. Cosa li guida nlla sclta? Il gusto

Dettagli

Politiche fiscali per la famiglia

Politiche fiscali per la famiglia Politich fiscali pr la famiglia Tatiana Onta Lo Stato social fonda l su radici nlla Costituzion: infatti, compito dllo Stato è il sostgno alla famiglia alla matrnità, 1 utilizzando l ntrat gnrat da un

Dettagli

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6.

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6. Corso di laura: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta PRECORSI DI MATEMATICA PROPORZIONI Ossrvar l sgunti figur: Cosa possiamo dir di ss? Ch la suprfici dlla figura A sta alla suprfici dlla figura B com sta a 6.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI Gnralità INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI Una acchina lttrica rotant è un convrtitor di nrgia ccanica in lttrica (gnrator) o, vicvrsa, di nrgia lttrica in ccanica (otor). Il fnono

Dettagli

I limiti della pubblicità televisiva

I limiti della pubblicità televisiva Consumatori in cifr I limiti dlla pubblicità tlvisiva Lucia Canzi Michl Cavuoti Prmssa 134 In Italia la rgolamntazion dlla pubblicità in tlvision è costituita da una sri di lggi, dcrti, rgolamnti codici

Dettagli

la mente cosciente... oltre i neuroni?

la mente cosciente... oltre i neuroni? la mnt coscint... oltr i nuroni? smbra ch ci sia un problma insolubil pr la scinza! com puo il mondo fisico produrr qualcosa con l carattristich dlla mnt coscint? un problma cosi difficil ch qualcuno lo

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

Lezione 5. Analisi a tempo discreto di sistemi ibridi. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 5 1

Lezione 5. Analisi a tempo discreto di sistemi ibridi. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 5 1 Lzion 5. nalisi a tmpo discrto di sistmi ibridi F. Prvidi - Controlli utomatici - Lz. 5 Schma dlla lzion. Introduzion 2. nalisi a tmpo discrto di sistmi ibridi 3. utovalori di un sistma a sgnali campionati

Dettagli

2.2 L analisi dei dati: valutazioni generali

2.2 L analisi dei dati: valutazioni generali 2.2 L analisi di dati: valutazioni gnrali Di sguito (figur 7-) vngono riportat l informazioni più intrssanti rilvat analizzando globalmnt la banca dati dll tichtt raccolt. Considrando ch l tichtta nutrizional

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA Documnto: OPQTA20120001 ISTRUZIONE OPERATIVA Data: 19/03/2012 Prparato: Ufficio CPI Guida di rifrimnto rapido compilazion FORMAT COMAP pr PMI La prsnt guida dscriv l modalità di dtrminazion di costi orari

Dettagli

Responsabilità del posteggiatore e diritti dell utente

Responsabilità del posteggiatore e diritti dell utente Rsponsabilità dl postggiator diritti dll utnt Danil Monsi Qusto articolo tratta dlla qualificazion giuridica dl contratto atipico di postggio dlla sua assimilabilità al contratto di dposito. La rsponsabilità

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO Abbiamo iniziato a lggr in class Nonno Tano la casa dll strgh. Lo scopo ra ascoltar comprndr. Sguir la mastra ch dava sprssività alla lttura imparar da lla a lggr.

Dettagli

Alla Cortese Attenzione Spett. le PROCURA DELLA REPUBBLICA Presso il Tribunale di Genova Piazza Portoria 1 16121 Genova. AREA GIURISTIZIONALE

Alla Cortese Attenzione Spett. le PROCURA DELLA REPUBBLICA Presso il Tribunale di Genova Piazza Portoria 1 16121 Genova. AREA GIURISTIZIONALE Vrona, lì 8 Sttmbr 2010 Alla Corts Attnzion Sptt. l PROCURA DELLA REPUBBLICA Prsso il Tribunal di Gnova Piazza Portoria 1 16121 Gnova. AREA GIURISTIZIONALE Oggtto: ESPOSTO DENUNCIA. Richista di accrtamnto

Dettagli

Suzuki generico. N e data : 40036-01/03/2014 Diffusione : NC Pagina 115 : Periodicità : Bimestrale Dimens. 92.74 : % Elabor4x4_40036_115_10.

Suzuki generico. N e data : 40036-01/03/2014 Diffusione : NC Pagina 115 : Periodicità : Bimestrale Dimens. 92.74 : % Elabor4x4_40036_115_10. Diffusion : NC Pagina 115 : Priodicità : Bimstral Dimns 9274 : % Elabor4x4_40036_115_10pdf Sito wb: wwwlaborarorg WEB 6 kiiikroktani 7igo 417- Libik _ 1 / 7 Diffusion : NC Pagina 116 : Priodicità : Bimstral

Dettagli

APPUNTI DI MACROECONOMIA

APPUNTI DI MACROECONOMIA Brtocco G., Kalajzić A. Mourad Agha G. Univrsità dgli Studi dll Insubria Dipartimnto di Economia Anno accadmico 2014-2015 APPUNTI DI MACROECONOMIA (Sconda part pp. 175-296) Il modllo IS-LM pr una conomia

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

Il prezzo del petrolio e dei carburanti tra maggio e settembre 2008

Il prezzo del petrolio e dei carburanti tra maggio e settembre 2008 Consumatori in cifr Il przzo dl ptrolio di carburanti tra maggio sttmbr 2008 Marco Bulfon Introduzion 142 Nl corso dll ultimo anno i przzi intrnazionali di molt matri prim hanno subìto un comportamnto

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni La politica dgli incntivi al consumo: dimnsioni, carattristich, valutazion, problmi 1 Augusto Ninni Nll articolo si discut la politica dgli incntivi al consumo, insriti nl Dcrto lgg n. 40 dl 25 marzo 2010.

Dettagli

Studio l italiano! 1. In questa lezione impari a: 1 Per iniziare. * salutare. * presentare te stesso e altre persone. * chiedere la provenienza

Studio l italiano! 1. In questa lezione impari a: 1 Per iniziare. * salutare. * presentare te stesso e altre persone. * chiedere la provenienza Studio l italiano! In qusta lzion impari a: * salutar * prsntar t stsso altr prson * chidr la provninza Pr iniziar Pr m l Italia è... Quando pnsi all Italia, ch cosa ti vin in mnt? * far domand in class

Dettagli

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano Big Switch: prospttiv nl mrcato lttrico italiano Ottavio Slavio I mrcati lttrici libralizzati non smpr consntono ai consumatori finali di trarr vantaggio dalla concorrnza tra i produttori. Il caso ingls

Dettagli

2. L ambiente celeste

2. L ambiente celeste unità 2. L ambint clst L EVOLUZIONE DI UNA STELLA nana Bruna s la massa inizial è poco infrior a qulla dl Sol nana Bianca Nbulosa Protostlla fusion nuclar stlla dlla squnza principal dl diagramma HR gigant

Dettagli

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero Mrcato global dll matri prim: il caso Frrro Mauro Fontana In un priodo di fort crisi, com qullo ch attualmnt stiamo vivndo, il vincolo dl potr di acquisto di consumatori assum un importanza fondamntal

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A AREA PERSONALE Ufficio Prsonal tcnico amministrativo Macrata, li 30.10.2008 Prot. N. 11694 IPP/29 d Ai Magnifici Rttori dll Univrsità Ai Dirttori

Dettagli

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 CANTON z j J COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - TICINO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 Modifica parzial dii art. 56 di Rgolamnto organico i dipndnti comunali (ROD) con l insrimnto di nuov funzioni

Dettagli

Piano di lavoro a.s. 2013-2014 Insegnamento: Matematica Classe: 1B Docente: prof.ssa Sarah Baratta

Piano di lavoro a.s. 2013-2014 Insegnamento: Matematica Classe: 1B Docente: prof.ssa Sarah Baratta LICEO SCIENTIFICO AMALDI Piano di lavoro a.s. 2013-2014 Insgnamnto: Matmatica Class: 1B Docnt: prof.ssa Sarah Baratta Obittivi dlla disciplina Comptnz Utilizzar l tcnich procdur di calcolo studiat Formalizzar

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

SESSIONE ORDINARIA 2012 CORSI SPERIMENTALI

SESSIONE ORDINARIA 2012 CORSI SPERIMENTALI PROBLEMA SESSIONE ORDINARIA 0 CORSI SPERIMENTALI Sia ( x) ln ( x) ln x sia ( x) ln ( x) ln x.. Si dtrmino i domini di di.. Si disnino, nl mdsimo sistma di assi cartsiani ortoonali Oxy, i raici di di..

Dettagli

dossier a cura di Alessandro Massari

dossier a cura di Alessandro Massari I REFERENDUM REGIONALI ABROGATIVI, CONSULTIVI, PROPOSITIVI dossir a cura di Alssandro Massari PREMESSA... 2 1. RIMBORSI SPESE... 2 2. REFERENDUM PREVISTI NELLE DISPOSIZIONI STATUTARIE DELLE REGIONI A STATUTO

Dettagli

Contesto. I dettagli del testo in votazione. Comunicato stampa

Contesto. I dettagli del testo in votazione. Comunicato stampa Dipartimnto fdral dll ambint, di trasporti, dll nrgia dll comunicazioni DATEC Sgrtria gnral SG-DATEC Srvizio stampa Argomntario Risanamnto dlla gallria autostradal dl San Gottardo: posizion dl Consiglio

Dettagli

Il costo di cittadinanza

Il costo di cittadinanza Il costo di cittadinanza Brnardo Pizztti La rinnovata attnzion di opinion pubblica Parlamnto al sttor di srvizi pubblici locali non può ssr limitata ai soli asptti di organizzazion di srvizi, ma dv ssr

Dettagli

La ricchezza delle famiglie: confronto internazionale 1. Riccardo De Bonis

La ricchezza delle famiglie: confronto internazionale 1. Riccardo De Bonis La ricchzza dll famigli: confronto intrnazional 1 Riccardo D Bonis L articolo confronta la ricchzza dll famigli italian con qulla di altri si Pasi industrializzati. L famigli italian occupano una posizion

Dettagli

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni.

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni. ,352),/,352)(66,21$/,1(*/,(17,/2&$/,813266,%,/(02'(//2', '(6&5,=,21('(//$9252 GL5LFFDUGR*LRYDQQHWWL&H3$±/,8& A distanza di circa quattro anni dalla introduzion dl nuovo sistma di inquadramnto dl prsonal

Dettagli

ORGANO GOLD PIANO COMPENSI. E Facile, E semplice. E caffè. Italia

ORGANO GOLD PIANO COMPENSI. E Facile, E semplice. E caffè. Italia ORGANO GOLD PIANO COMPENSI E Facil, E smplic. E caffè. Italia INDICE Indic INTRODUZIONE...2 PIANO COMPENSI...3 DEFINIZIONI ED ACRONIMI.4 COME DIVENTARE UN INCARICATO ALLE VENDITE OG...5 I SETTE MODI PER

Dettagli

MUORE A QUATTRO ANNI PERCHÉ I GENITORI MEDICI NON LA VACCINANO PER IL MORBILLO

MUORE A QUATTRO ANNI PERCHÉ I GENITORI MEDICI NON LA VACCINANO PER IL MORBILLO http://www.glistatignrali.com/biologia_mdicina_ricrca_sanita/morir-a-4-anni-prch... Pagina 1 di 6 SALUTE (HTTP://WWW.GLISTATIGENERALI.COM/TOPIC/SANITA-3/) MUORE A QUATTRO ANNI PERCHÉ I GENITORI MEDICI

Dettagli

Corso di Laurea in Economia Matematica per le applicazioni economiche e finanziarie. Esercizi 4

Corso di Laurea in Economia Matematica per le applicazioni economiche e finanziarie. Esercizi 4 Corso di Laura in Economia Matmatica pr l applicazioni conomich finanziari Esrcizi 4 Vrificar s l sgunti funzioni, nll intrvallo chiuso indicato, soddisfano l ipotsi dl torma di Roll, in caso affrmativo,

Dettagli

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta Alcun dfinizioni corrnti Umbrto Margiotta Di cosa è fatto intanto un? Di una squnza apparntmnt smplic linar lmnti ch, anch s vrsamnt dfiniti d splicitati, ricorrono in ogni contsto istruzion o progtto

Dettagli

Distribuzione libraria e concorrenza

Distribuzione libraria e concorrenza Distribuzion libraria concorrnza Luca Pllgrini Il tsto, ch va ltto com commnto all articolo di Innocnzo Pontrmoli in qusto numro di, affronta il tma dlla distribuzion libraria, in particolar in rapporto

Dettagli

AEROPORTI LOMBARDI E LIBERISMO ACCADEMICO - GLI STA...

AEROPORTI LOMBARDI E LIBERISMO ACCADEMICO - GLI STA... 1 di 7 07/10/2015 1.25 MILANO (HTTP://WWW.GLISTATIGENERALI.COM/TOPIC/MILANO/) AEROPORTI LOMBARDI E LIBERISMO ACCADEMICO MARCO GIOVANNIELLO (HTTP://WWW.GLISTATIGENERALI.COM/USERS /MARCOGIOV/) z 6 ottobr

Dettagli

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014 Dlibrazion n. 246 dl 10 april Dirttor Gnral Dr. Robrto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Dirttor Amministrativo Carlo Albrto Trsalvi Dirttor Sanitario Giuspp Giorgio Inì Dirttor Social Il prsnt

Dettagli

0.06 100 + (100 100)/4 (100 + 2 100)/3

0.06 100 + (100 100)/4 (100 + 2 100)/3 A. Prtti Svolgimnto di tmi d sam di MDEF A.A. 5/ PROVA CONCLUSIVA DI MATEMATICA pr l DECISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Vicnza, 5// ESERCIZIO. Trovar una prima approssimazion dl tasso di rndimnto a scadnza

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 Laboratorio di Didattica Musal a cura dl dll Associazion Cultural RArt La musica di Orfo ATTIVITÀ: Visita guidata laboratorio didattico. FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da dfinir in bas alla

Dettagli

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA prot2581_14.pdf http://www.istruzion.it/allgatì/2014/prot2581 M1URAOODGOS prot. 2581 Roma, 09/04/2014 isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA MATERNA ELftfctfTArtE H MEDIA «WALETTO (CTl Ai Dirttori Gnrali dgli

Dettagli

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi.

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi. IT I Grazi pr avr sclto un tlcomando Mliconi. Consrvar il prsnt librtto pr futur consultazioni. Il tlcomando Facil 1 è stato studiato pr comandar un tlvisor. Grazi alla sua ampia banca dati è in grado

Dettagli

I CAMBIAMENTI DI STATO

I CAMBIAMENTI DI STATO I CAMBIAMENTI DI STATO Il passaggio a uno stato in cui l molcol hanno maggior librtà di movimnto richid nrgia prché occorr vincr l forz attrattiv ch tngono vicin l molcol Ni passaggi ad uno stato in cui

Dettagli

Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nel mercato elettrico britannico

Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nel mercato elettrico britannico Argomnti Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nl mrcato lttrico britannico Pt Moory Il Big Switch ralizzato da Which? - organizzazion di consumatori ingls - è la dimostrazion ch un gruppo d acquisto

Dettagli

Errore standard di misurazione. Calcolare l intervallo del punteggio vero

Errore standard di misurazione. Calcolare l intervallo del punteggio vero Error sandard di misurazion Calcolar l inrvallo dl punggio vro Problmi di prcision La prsnza noa dll rror di misura rnd incro il significao dl punggio onuo. L andibilià dl s ci informa di quano rror di

Dettagli

Liberalizzazione del commercio: forse ci siamo? Luca Pellegrini

Liberalizzazione del commercio: forse ci siamo? Luca Pellegrini Libralizzazion dl commrcio: fors ci siamo? Luca Pllgrini Pr la gran part dlla attività commrciali la libralizzazion è finalmnt arrivata. Ma rsta ancora qualch ara di protzion ingiustificata in alcuni comparti

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Economia comportamentale e scelte del consumatore

Economia comportamentale e scelte del consumatore Economia comportamntal sclt dl consumator Marco Novars L approccio comportamntal all conomia sta acquisndo smpr maggior visibilità. Tra i suoi punti fondamntali c è la critica all ida ch l prson siano

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto Gstion Imprsa social vs altr form non profit: costi gstionali amministrativi a confronto di Maurizio Stti Lo studio di un caso Tra imprsa social form giuridich concorrnti (ONLUS, associazioni di promozion

Dettagli

Informazioni in Rete

Informazioni in Rete Argomnti Informazioni in Rt Marco Gambaro Ngli ultimi anni Intrnt è divntato part dlla nostra vita quotidiana ha trasformato profondamnt il ruolo i confini di mzzi di comunicazion tradizionali attravrso

Dettagli

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio Sanità fdralismo fiscal Maria Flavia Ambrosanio Qusto contributo illustra l voluzion dlla spsa sanitaria a livllo rgional i principali fattori ch l hanno dtrminata, l diffrnz, talvolta anch profond, ch

Dettagli

Abolizione del contributo di ricarica nella telefonia mobile: i consumatori ci guadagnano?

Abolizione del contributo di ricarica nella telefonia mobile: i consumatori ci guadagnano? Argomnti Abolizion dl contributo di ricarica nlla tlfonia mobil: i consumatori ci guadagnano? Maria Rosa Battaggion, Nicoltta Corrochr, Lornzo Zirulia L liminazion dl contributo di ricarica sull cart prpagat

Dettagli

APPROFONDIMENTO MANAGEMENT

APPROFONDIMENTO MANAGEMENT APPROFONDIMENTO MANAGEMENT Iniziativa Comunitaria Equal II Fas IT G2 CAM - 017 Futuro Rmoto Approfondimnto LIQUIDAZIONI E VERSAMENTI IVA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LIQUIDAZIONE

Dettagli

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di Lampad di Lampad di MY HOME 97 Lampad Carattristich gnrali Scopi dll illuminazion Ngli ambinti rsidnziali gli apparcchi di illuminazion non sono imposti da lggi o norm, ma divntano comunqu prziosi ausilii.

Dettagli

GRANDEZZE OPERATIVE DELLE MACCHINE OPERANTI CON FLUIDI INCOMPRIMIBILI. v 1. + v 2 2. + gz ( 2. + z

GRANDEZZE OPERATIVE DELLE MACCHINE OPERANTI CON FLUIDI INCOMPRIMIBILI. v 1. + v 2 2. + gz ( 2. + z CAPITOLO 5 GRANDEZZE OPERATIVE DELLE MACCHINE OPERANTI CON FLUIDI INCOMPRIMIBILI 5.1) Prvalnza salto motor. S considriamo un gnrico impianto idraulico in cui sia insrita una macchina oprant in rgim stazionario

Dettagli

Terremoti: intervento pubblico e/o assicurazione privata 1

Terremoti: intervento pubblico e/o assicurazione privata 1 Argomnti Trrmoti: intrvnto pubblico /o assicurazion privata 1 Luigi Buzzacchi Marcllo Pagnini 2 La prassi italiana basata su intrvnti x post da part dllo Stato nl caso di catastrofi naturali prsnta asptti

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELL IRPEF TRA LIVELLI DI GOVERNO:

LA CONDIVISIONE DELL IRPEF TRA LIVELLI DI GOVERNO: LA CONDIVISIONE DELL IRPEF TRA LIVELLI DI GOVERNO: ALCUNE QUESTIONI APERTE Francsca Gastaldi, Ernsto Longobardi Albrto Zanardi Introduzion La riforma dl sistma di finanziamnto dll rgioni dll autonomi locali,

Dettagli