Le domande centrali della psicologia dello sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le domande centrali della psicologia dello sviluppo"

Transcript

1 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo 1./ 2./ 3./ 4./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? CONTINUITA VS. DISCONTINUITA = Lo sviluppo è un processo che avviene in modo continuo o discontinuo? INNATO VS. APPRESO? = Qual è il rapporto tra fattori biologici ed esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? DOMINIO-SPECIFICO VS. DOMINIO-GENERALE? = Lo sviluppo coinvolge in ogni momento in modo uniforme tutto il sistema cognitivo, o ha luogo secondo modalità diverse per ogni specifica area della conoscenza, ossia per ogni dominio dell attività cognitiva? 1

2 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo 1./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? COSA si sviluppa? Tutte le teorie dello sviluppo hanno fornito una risposta a questa domanda, proponendo una particolare visione del sistema cognitivo. Livello descrittivo Specificare qual è la natura e l organizzazione del sistema cognitivo nel corso del tempo Cosa cambia in gruppi di età diverse. 2

3 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo 1./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? COME avviene lo sviluppo? Domanda assai più complessa, a cui non tutti gli approcci teorici hanno saputo rispondere. Quali sono i meccanismi responsabili dei cambiamenti cui il sistema cognitivo va incontro nel corso del tempo, ossia la loro natura e le loro modalità di funzionamento. 3

4 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo 1./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? TEORIE STRUTTURALI Teorie che, a partire dal comportamento del bambino, inferiscono qual è l ORGANIZZAZIONE del sistema cognitivo alle diverse età. TEORIE FUNZIONALI Teorie che, a partire dal comportamento del bambino, inferiscono COME FUNZIONA il sistema cognitivo alle diverse età. NB: Lo studio della mente, così come del suo sviluppo, è avvenuta, per lungo tempo, in modo relativamente separato dai dati neurofisiologici. 4

5 LE RISPOSTE DEL COMPORTAMENTISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? Burrhus Frederic Skinner Qualsiasi abilità che è appropriata all età può essere insegnata: -fornendo a colui che apprende RINFORZI immediati e POSITIVI. -SUDDIVIDENDO IL COMPITO in passi successivi sufficientemente semplici -RIPETENDO le istruzioni il più possibile Gli insegnanti devono imparare come insegnare. E necessario che gli vengano insegnati metodi di insegnamento più efficaci. Il RINFORZO POSITIVO è più efficace della PUNIZIONE nel determinare una modificazione di comportamento. La conseguenza della punizione è apprendere ad evitare la punizione stessa, piuttosto che apprendere la modalità di comportamento corretta. 5

6 LE RISPOSTE DEL COMPORTAMENTISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? Ciò che si sviluppa è la catena di associazioni tra stimoli e risposte. Il cambiamento riguarda singole unità di comportamento osservabile, indipendenti l una dall altra, ciascuna delle quali è sotto il controllo di singole variabili comportamentali. Lo sviluppo avviene grazie al funzionamento di un complesso di leggi di associazione innate che legano gli stimoli esterni alle risposte comportamentali del soggetto. 6

7 LE RISPOSTE DEL COSTRUTTIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? Ciò che si sviluppa è la struttura del sistema cognitivo nella sua totalità: lo sviluppo cognitivo implica una modificazione sostanziale delle strutture mentali che il bambino utilizza per interagire con la realtà Il passaggio da uno stadio all altro dello sviluppo avviene grazie ad una serie di meccanismi generali determinati biologicamente (adattamento, organizzazione, equilibrazione). 7

8 LE RISPOSTE DEL COGNITIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo? RISPOSTA COMPLESSA!!! In termini generali lo sviluppo cognitivo viene inteso come lo sviluppo dei processi che manipolano l informazione, accompagnato dall incremento nella capacità di creare rappresentazioni sempre più complesse e sofisticate dell ambiente Processi: regole, strategie, capacità di elaborazione Rappresentazioni prodotti dell elaborazione (conoscenza di base) 8

9 LE RISPOSTE DEL COGNITIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo? RISPOSTA COMPLESSA!!! AUMENTA LA CAPACITÀ DI ELABORAZIONE CAMBIA IL CODICE RAPPRESENTAZIONALE INCREMENTA LA CONOSCENZA DI BASE SI MODIFICANO LE STRATEGIE SI SVILUPPA LA METACOGNIZIONE 9

10 Lo sviluppo cognitivo come cambiamento del Codice rappresentazionale Sviluppo cognitivo inteso come sviluppo dell abilità di creare rappresentazioni sempre più complesse e sofisticate dell ambiente Bruner [1973] durante lo sviluppo la conoscenza è mediata da 3 codici rappresentazionali diversi: 1) Codice ESECUTIVO (azione) 2) Codice ICONICO (immagine) 3) Codice SIMBOLICO (linguaggio) [0-2 anni] [dai 2 ai 6 anni] [dai 6/7 anni] 10

11 La RETE RAPPRESENTAZIONALE degli esperti contiene un numero maggiore di concetti, di proprietà associate ai concetti e di connessioni tra concetti e tra proprietà NON ESPERTO ESPERTO Esempio: Chi e Koeske (1983), bambino di 4 anni esperto di dinosauri 11

12 LE RISPOSTE DEL COGNITIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo? Risposta complessa, che chiama in causa un insieme diversificato di competenze Con l età i bambini acquisiscono : una capacità sempre maggiore di prestare attenzione, e quindi di codificare l informazione rilevante, delle regole o delle strategie sempre più efficienti e sofisticate, un patrimonio di conoscenza di base sempre più vasto una conoscenza e una comprensione metacognitiva del funzionamento della propria mente sempre maggiore. N.B. attenzione ai rapporti tra i cambiamenti che avvengono nelle diverse componenti 12

13 LE RISPOSTE DEL COGNITIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Come avviene lo sviluppo? LO SVILUPPO COME AUTOMODIFICAZIONE Il sistema cognitivo si automodifica attraverso il suo stesso funzionamento Ruolo dei meccanismi di autoregolazione interni, attraverso i quali l individuo modifica il proprio funzionamento cognitivo alla luce del feedback prodotto dalle proprie operazioni mentali o dalle proprie azioni N.B. ruolo primario del feedback negativo nello stimolare il cambiamento 13

14 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo 1./ 2./ 3./ 4./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? CONTINUITA VS. DISCONTINUITA = Lo sviluppo è un processo che avviene in modo continuo o discontinuo? INNATO VS. APPRESO? = Qual è il rapporto tra fattori biologici ed esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? DOMINIO-SPECIFICO VS. DOMINIO-GENERALE? = Lo sviluppo coinvolge in ogni momento in modo uniforme tutto il sistema cognitivo, o ha luogo secondo modalità diverse per ogni specifica area della conoscenza, ossia per ogni dominio dell attività cognitiva? 14

15 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo 2./ CONTINUITA VS. DISCONTINUITA = Lo sviluppo è un processo che avviene in modo continuo o discontinuo? Che cosa cambia e che cosa rimane costante nel tempo? E possibile individuare delle funzioni o dei processi che rimangono stabili e che non si modificano nel corso dello sviluppo? Lo sviluppo può essere descritto come un processo: QUANTITATIVO E CONTINUO Lo sviluppo viene descritto come somma e accumulazione di piccoli cambiamenti nel tempo (Es., comportamentismo) I cambiamenti quantitativi si riferiscono a cambiamenti di frequenza e grado di un certo comportamento (Es. produzione linguistica). QUALITATIVO E DISCONTINUO Lo sviluppo viene visto in termini di comparsa di nuove capacità (Es., Piaget) I cambiamenti qualitativi comportano cambiamenti nella struttura e nell organizzazione del sistema cognitivo (Es. Sviluppo della memoria) 15

16 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo Si tratta di un cambiamento continuo e graduale o viceversa discontinuo e improvviso? CONTINUO Cambiamento Quantitativo al tempo stesso continui e discontinui Posizioni intermedie DISCONTINUO Cambiamento Qualitativo (coinvolge l organizzazione di base e/o le modalità di funzionamento del sistema) 16

17 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo Il problema continuità/discontinuità rimanda al problema del rapporto tra STRUTTURE FUNZIONI Funzioni stabili, strutture discontinue (i.e., Piaget) Strutture stabili, processi che si modificano (i.e., HIP) 17

18 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo Il problema continuità/discontinuità rimanda al problema del rapporto tra PRESTAZIONI cambiamenti osservabili nelle abilità e nei comportamenti COMPETENZE processi sottostanti a tali cambiamenti Comportamenti diversi possono essere mediati dallo stesso processo sottostante (i.e., attività rappresentativa) Comportamenti simili possono essere mediati da processi diversi (i.e., grasping) Una teoria può essere contemporaneamente continua e discontinua (es. Piaget) 18

19 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo CURVE a U I cambiamenti nel formato rappresentazionale (COMPETENZA), non portano di necessità a un corrispondente incremento nell efficienza del comportamento (PRESTAZIONE), che, al contrario, può andare incontro a un momentaneo deterioramento, producendo una tipica curva di sviluppo a U. 19

20 Es. Iperregolarizzazione dei verbi - Aperto/Aprito - (Brown, 1973; Marcus et al., 1992). cambiamento comportamentale trasformazioni nel formato delle rappresentazioni PRESTAZIONE 1. Forma passata dei verbi irregolari OK 2. Forma passata dei verbi irregolari NO 3. Forma passata dei verbi irregolari OK COMPETENZA 1. Ripetizione 2. Regola (iperregolarizzazione) 3. Regola + eccezioni 20

21 PRESTAZIONE PRESTAZIONE CURVE EVOLUTIVE a U : una sfida per la psicologia dello sviluppo I cambiamenti nel formato rappresentazionale (COMPETENZA), non portano di necessità a un corrispondente incremento nell efficienza del comportamento (PRESTAZIONE), che, al contrario, può andare incontro a un momentaneo deterioramento, producendo una curva di sviluppo a U. TEMPO TEMPO 21

22 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo CONTINUITA : Persistenza di funzioni e processi nel corso dello sviluppo (modelli cognitivisti) CONTINUITA STABILITA Permanere nel tempo delle differenze individuali osservate all interno di un gruppo. Come si misura? Correlazioni significative tra le prestazioni di uno stesso soggetto nello stesso compito o in compiti diversi in momenti successivi dello sviluppo. 22

23 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo Continuità OMOTIPICA: la prestazione A1 correla nel tempo con la prestazione A2 dello stesso soggetto perché vi è identità di comportamento. 23

24 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo Continuità omotipica: A1 A2 Bornstein e Sigman,

25 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo Continuità OMOTIPICA: la prestazione A1 correla nel tempo con la prestazione A2 dello stesso soggetto perché vi è identità di comportamento. Continuità ETEROTIPICA: la prestazione A1 correla nel tempo con la prestazione B2 dello stesso soggetto in un compito diverso perché, pur essendo comportamenti diversi, vi è identità nel processo sottostante. (Es. durata attenzione visiva prima infanzia capacità intellettive e verbali in età scolare).. 25

26 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo CONTINUITA PREDITTIVITA E possibile prevedere l andamento dello sviluppo di un dato aspetto del comportamento sulla base delle conoscenze che si hanno sul suo stato attuale? Solo se si assume l esistenza di una certa continuità nello sviluppo. Continuità eterotipica: A1 B2 26

27 LE RISPOSTE DEL COGNITIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 4) Lo sviluppo è un processo continuo o discontinuo? LO SVILUPPO COME PROCESSO CONTINUO Lo sviluppo cognitivo è inteso come un processo continuo e quantitativo poichè consiste nell incremento dell efficienza con la quale i processi di base o di controllo manipolano l informazione, e in un conseguente aumento delle rappresentazioni, ossia della conoscenza che deriva dal funzionamento dei processi stessi Idea di sviluppo come passaggio graduale dalla condizione di INESPERTO ESPERTO 27

28 1./ 2./ 3./ 4./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? CONTINUITA VS. DISCONTINUITA = Lo sviluppo è un processo che avviene in modo continuo o discontinuo? INNATO VS. APPRESO? = Qual è il rapporto tra fattori biologici ed esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? DOMINIO-SPECIFICO VS. DOMINIO-GENERALE? = Lo sviluppo coinvolge in ogni momento in modo uniforme tutto il sistema cognitivo, o ha luogo secondo modalità diverse per ogni specifica area della conoscenza, ossia per ogni dominio dell attività cognitiva? 28

29 4./ DOMINIO-SPECIFICO VS. DOMINIO-GENERALE? = Lo sviluppo coinvolge in ogni momento in modo uniforme tutto il sistema cognitivo, o ha luogo secondo modalità diverse per ogni specifica area della conoscenza, ossia per ogni dominio dell attività cognitiva? 29

30 LO SVILUPPO COGNITIVO è sostenuto da un architettura della mente DOMINIO-GENERALE o DOMINIO-SPECIFICA? Fodor (1983) mente dominio-generale mela mente dominio-specifica arancia DOMINIO l insieme specializzato delle rappresentazioni che fanno da supporto ad una specifica area della conoscenza, e delle procedure che servono per manipolare tali rappresentazioni (es. linguaggio, matematica, fisica ) MICRODOMINI all interno di ciascun dominio è possibile individuare dei sottoinsiemi di conoscenze (es. comprensione delle parole, conservazione del numero ) 30

31 Lo sviluppo dell attività cognitiva è sostenuto da un architettura della mente e da una struttura neurale indipendente dal dominio In ogni momento dello sviluppo, l attività cognitiva è sostenuta da un unica struttura cognitiva sottostante che controlla in modo unitario tutto il funzionamento mentale. Quando in un area della conoscenza si verifica un cambiamento, ne vengono simultaneamente influenzati tutti i domini cognitivi (es.: Piaget; modelli comportamentisti) dominio-specifica o modulare La struttura cognitiva che vincola l attività cognitiva è costituita da un insieme di elaboratori che funzionano in modo autonomo, e che processano solo alcuni tipi di informazioni relative a una specifica area della conoscenza. Lo sviluppo ha luogo secondo modalità diverse per ogni dominio dell attività cognitiva (es.: modelli cognitivisti dell HIP) 31

32 LE RISPOSTE DEL COMPORTAMENTISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo Lo sviluppo coinvolge in modo uniforme tutte le aree del comportamento o avviene in modo diverso all interno dei diversi domini? La struttura dell attività cognitiva è rappresentata da una catena di associazioni tra stimoli e risposte che si formano attraverso processi di apprendimento di ambito generale che si applicano a tutte le aree della conoscenza (domini). Le associazioni si formano grazie all esistenza di un insieme di sistemi fisiologici, di carattere ereditario, e di un complesso di leggi di associazione. 32

33 Lo sviluppo coinvolge in modo uniforme tutte le aree del comportamento o avviene in modo diverso all interno dei diversi domini? LE RISPOSTE DEL COSTRUTTIVISMO La teoria piagetiana può essere considerata un esempio rappresentativo di una visione dello sviluppo dominio-generale. Lo sviluppo implica cambiamenti di ambito generale nelle strutture cognitive sottostanti il comportamento e il pensiero del bambino, perché i processi funzionali che producono il cambiamento agiscono nello stesso modo su tutti gli aspetti del sistema cognitivo secondo modalità simili da dominio a dominio. 33

34 LE RISPOSTE DEL COGNITIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo LO SVILUPPO COME PROCESSO DOMINIO-SPECIFICO Lo sviluppo è un processo che riguarda singoli domini, all interno dei quali il bambino diviene capace di creare rappresentazioni sempre più sofisticate dell informazione e di sviluppare procedure sempre più specializzate. Sviluppo cognitivo = sv. di domini specializzati, sostenuto da un architettura cognitiva generale N.B. superamento del concetto di STADIO 34

35 CLASSIC STUDIES: I NEONATI PREFERISCONO I VOLTI Goren, Sarty, & Wu, 1975 Morton & Johnson, 1991 Valenza, Simion, Macchi Cassia, & Umiltà,

36 I volti schematici possono essere descritti come una collezione di proprietà strutturali e configurali (see Johnson & Morton, 1991, p.135, Box 6.1) Asimmetria nella distribuzione degli elementi nella parte superiore vs. inferiore della configurazione (più elementi nella parte superiore) Una relazione spaziale congruente tra la distribuzione degli elementi interni e la forma del contorno esterno. 36

37 Simion et al., Developmental Science. Upright vs upside-down geometrical configurations UPRIGHT UPSIDE-DOWN Tecnica Preferenza visiva Variabili dipendenti: numero di risposte di orientamento tempo totale di fissazione Risultati: Numero di risposte di orientamento: UPRIGHT 21.8 UPSIDE-DOWN 18.4 p<.01 Tempo totale di fissazione: UPRIGHT UPSIDE-DOWN 85.5 s 54.2 s p<

38 Tecnica: Preferenza visiva Variabili dipendenti: Numero di orientamenti Tempo totale di fissazione (sec) > UPRIGHT FACE 16 INVERTED FACE newborns p<.02 p<.03 > TOP-HEAVY CONFIG. 16 BOTTOM-HEAVY CONFIG newborns p<.01 p<.001 = UPRIGHT FACE TOP-HEAVY CONFIG newborns n.s. n.s. (Turati, Simion, Milani, Umiltà, Developmental Psychology; Macchi Cassia, Turati, & Simion, Psychological Science) 38

39 1./ 2./ 3./ 4./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? CONTINUITA VS. DISCONTINUITA = Lo sviluppo è un processo che avviene in modo continuo o discontinuo? INNATO VS. APPRESO? = Qual è il rapporto tra fattori biologici ed esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? DOMINIO-SPECIFICO VS. DOMINIO-GENERALE? = Lo sviluppo coinvolge in ogni momento in modo uniforme tutto il sistema cognitivo, o ha luogo secondo modalità diverse per ogni specifica area della conoscenza, ossia per ogni dominio dell attività cognitiva? 39

40 3./ INNATO vs. APPRESO? = Qual è il rapporto tra fattori biologici ed esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? Cosa determina il cambiamento? NATURA Dibattito Nature - Nurture ESPERIENZA Fattori genetici Fattori ambientali Es. Chomsky Es. Teorie comportamentiste 40

41 Empirismo: John Locke ( ) William James ( ) Esperienza Tabula rasa Esperienza Terribile e rumorosa confusione Progressivo accumularsi di conoscenze Ordine e conoscenza * Posizione intrinsecamente evolutiva 41

42 Empirismo: Concezione meccanicistica: Lo sviluppo è causato da forze esterne ed agenti che agiscono su una mente passiva simile ad una macchina. Capacità predittiva completa: lo sviluppo è causato da forze esterne. L individuo è passivo. 42

43 LE RISPOSTE DEL COMPORTAMENTISMO Qual è il rapporto tra i fattori biologici e l esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? Il cambiamento e lo sviluppo sono provocati interamente dall apprendimento. Viene presupposto un organismo predisposto all apprendimento, che possiede la capacità innata di associare uno stimolo a una risposta. La mente del neonato è bombardata da un insieme caotico di stimolazioni e non contiene conoscenze innate e predeterminate (tabula rasa). Il bambino è un passivo accumulatore di conoscenza 43

44 Alla nascita non c è alcuna conoscenza innata L acquisizione delle conoscenze avviene attraverso i sensi Lo sviluppo procede mediante esperienza associativa Tutta la conoscenza deriva dall esperienza Stimoli Sensazioni corporee Mondo percettivo Associazioni Attraverso le associazioni, le sensazioni - grezze e separate - si aggregano in percezioni 44 dotate di significato

45 Empirismo moderno La mente umana si sviluppa grazie all informazione che proviene dall ambiente. La struttura dell ambiente esterno determina la forma che la mente prenderà nel corso dello sviluppo. La conoscenza prende forma grazie all estrazione delle regolarità statistiche presenti nell ambiente esterno (Es. connessionismo). 45

46 Kirkham, Slemmer & Johnson (2002). Visual statistical learning in infancy: evidence for a domain-general learning mechanism, Cognition, 83, bambini di 2, 5, 8 mesi - abituazione visiva Sequenza random di elementi Sequenza di coppie di elementi Sequenza di triplette di elementi 46

47 Innatismo: La conoscenza non può essere acquisita solo per apprendimento in un tempo così breve. Gli individui sono dotati sin dalla nascita di idee o categorie di conoscenza in grado di garantire il funzionamento percettivo. La mente sin dalla nascita impone un Posizione ordine agli input sensoriali, trasformando le sensazioni in percezioni Forma Categorie Percettive Innate dotate di significato. 47 Cartesio ( ) Kant ( ) Movimento Grandezza

48 Innatismo: Concezione organismica (Leibniz, ): L enfasi va posta sull intero piuttosto che sulle parti. Il mondo è composto di unità organizzate, intrinsecamente e spontaneamente attive e autoregolantisi. Piuttosto che soffermarsi sulle cause antecedenti, la visione organismica prende in considerazione proprietà intrinseche. L uomo, per natura, è un unità attiva e organizzata in continuo cambiamento. 48

49 Innatismo: Un organismo attivo dà forma alla propria esperienza piuttosto che prendere forma da essa. Gli organismi attivi sono dotati di scopi e sanno prestare attenzione, ragionare, e percepire in maniera selettiva. Tutto questo fa sì che l organismo attivo sia in grado di selezionare modificare o respingere influenze provenienti dall ambiente (White, 1976) 49

50 Innatismo moderno L ontogenesi ricapitola la filogenesi. Lo sviluppo è il processo attraverso il quale le istruzioni contenute nel nostro patrimonio genetico, selezionate nel corso della filogenesi, vengono eseguite in assenza di perturbazioni esterne. Alcuni contenuti di conoscenza sono specificati per via innata, e lo sviluppo consiste in un processo di puro arricchimento di questo iniziale nucleo di conoscenze. (Es. Innatismo rappresentazionale, Spelke) L ambiente e l esperienza fungono da innesco, attraverso il quale le conoscenze specificate per via innata si manifestano. L ambiente non può alterare in nessun modo il corso dello sviluppo 50

51 Approccio interazionista SVILUPPO prodotto dell interazione tra fattori innati e fattori acquisiti attraverso l esperienza NB: Una data influenza ereditaria può comportare diversi effetti comportamentali in ambienti diversi e, viceversa, un dato ambiente può avere effetti diversi su persone con diverso patrimonio genetico. 51

52 LE RISPOSTE DEL COSTRUTTIVISMO Qual è il rapporto tra i fattori biologici e l esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? La posizione costruttivista di Piaget è intermedia tra quella innatista e quella empirista. Attraverso l esperienza, il bambino costruisce il proprio sistema cognitivo a partire da pochi riflessi innati. L esperienza ha un ruolo cruciale nel consentire al bambino di costruire la propria conoscenza: viene interpretata attraverso le strutture cognitive già esistenti. Tali strutture cognitive vengono costruite attraverso l esperienza. 52

53 La teoria di Piaget Ipotesi innatista Le strutture cognitive hanno un origine esclusivamente interna Piaget respinge Piaget propone Ipotesi ambientalista Le strutture cognitive hanno un origine esclusivamente ambientale Teoria organismica L individuo non è un passivo recettore di influenze ambientali, né un veicolo di idee innate, ma un attivo costruttore delle proprie conoscenze 53

54 MAIN EFFECT MODEL PATRIMOINIO GENETICO + - AMBIENTE AMBIENTE * INNATISMO Lo sviluppo è unidirezionale EMPIRISMO APPROCCIO INTERAZIONISTA PATRIMONIO GENETICO + - AMBIENTE MEDIUM MEDIUM * Il patrimonio genetico e l ambiente interagiscono, ma l interazione tra i due fattori è statica 54

55 LIVELLO DI SVILUPPO - MATURAZIONE Modello di Aslin, 1981 POSSIBILI ESITI EVOLUTIVI Mantenimento Perdita Facilitazione Mantenimento Perdita Induzione ASSENZA DI MATURAZIONE Nessun effetto NASCITA ESPERIENZA ETA ADULTA I possibili esiti che l intervento dell esperienza può produrre a seconda del livello di maturazione raggiunto da una determinata abilità a base biologica: 1) mantenimento 2) facilitazione 3) perdita 4) induzione 55

56 Critica: Il modello è unidirezionale, perché prevede che l esperienza possa modificare le capacità determinate geneticamente, ma non formula alcuna previsione circa le possibili modalità attraverso le quali le abilità determinate geneticamente possono influenzare l apprendimento di nuove conoscenze. Descrive l influenza dell esperienza sulle funzioni determinate geneticamente ma. non prevede la possibilità che il livello di maturazione delle funzioni determinate geneticamente possa influenzare natura e qualità dell esperienza di cui l individuo può usufruire Esempio: il livello di maturazione e di funzionalità raggiunto dal sistema visivo alla nascita determina il tipo di informazioni visive che il bambino è in grado di selezionare e influenza di conseguenza le possibilità di apprendimento di cui il neonato dispone nell ambiente visivo. 56

57 * (Sameroff, 1975) Dotazione genetica ed esperienza co-determinano lo sviluppo, influenzandosi reciprocamente in un processo di interazione dinamica. Nel corso dello sviluppo, attraverso l interazione tra gli elementi preesistenti e l ambiente esterno, emergono meccanismi e processi che non facevano parte del patrimonio biologico innato del soggetto. 57

58 Lo sviluppo ontogenetico consiste nel processo attraverso il quale i geni interagiscono con l ambiente a vari livelli per produrre strutture organiche complesse come il cervello e i processi cognitivi che esso supporta Livelli di interazione Molecolare Cellulare Organismo Tipo di ambiente Ambiente interno Ambiente interno Ambiente tipico della specie Ambiente tipico dell individuo Non c è nessun aspetto dell individuo che può essere definito genetico in senso stretto. Esistono molti tipi di ambienti che esercitano la loro influenza a diversi livelli. 58

59 Hamer (2002) 59

60 L attività genetica non segue un programma strettamente preordinato, ma è regolata da segnali che provengono sia dall ambiente interno che dall ambiente esterno. Nei canarini: Espressione del gene ZENK, coinvolto nella regolazione dell attività sinaptica. Attività motoria legata al canto Esposizione al canto di altri canarini Incremento nell espressione di questo gene nelle aree motorie Incremento nell espressione di questo gene nelle aree uditive (Jarvis et al., 1997). Il grado di espressione del gene dipende dal tipo di canto a cui è esposto: Canto della propria specie > espressione maggiore Canto di altre specie > espressione minore (Mello et al., 1992). L espressione genetica è fortemente influenzata dalla specifica esperienza a cui l individuo è esposto. 60

61 Gottlieb (1995) 61

62 62

63 Concetto di EPIGENESI processo per il quale da uno stato di relativa globalità, indifferenziazione e disorganizzazione, ogni sistema biologico complesso passa a uno stato di progressiva diversificazione e maggiore complessità, attraverso continui scambi bidirezionali tra organismo e ambiente. 63

64 Gottlieb (1992) distingue tra: EPIGENESI PREDETERMINATA: il rapporto tra struttura e funzione nel corso dello sviluppo è di tipo unidirezionale Geni Strutture neurali Funzioni psichiche Esperienza * Ontogenesi ricapitola la filogenesi Es. Approccio maturazionista L informazione procede lungo una sola direzione dai geni alle proteine. Crick, 1958: DNA RNA proteine Il genoma costituisce una sorta di impronta, di piano preordinato per la costruzione e la determinazione dell organismo. Nel 1960: Retrovirus: RNA DNA Il più noto è il virus dell'immunodeficenza umana (HIV) Un enzima di trascrittasi inversa è in grado di retrotrascrivere il genoma del virus da RNA a DNA. 64

65 Gottlieb (1992) distingue tra: EPIGENESI PROBABILISTICA: il rapporto tra struttura e funzione nel corso dello sviluppo è di tipo bidirezionale Geni Strutture neurali Funzioni psichiche Esperienza Es. Neuroscienze cognitive dello sviluppo Il genoma è parte di un sistema di sviluppo olistico e bidirezionale dell organismo, aperto ai segnali che hanno origine dall interno della cellula stessa (citoplasma) o dall esterno della cellula (ormoni), così come dai segnali che provengono dall ambiente esterno all organismo. Il genoma si esprime in maniera appropriata solo in risposta alla stimolazione che ha origine dall interno e dall esterno dell organismo. Es. In alcune specie di rettili, temperatura di incubazione determina il sesso dell individuo. Nematodi, presenza o assenza di cibo, facilitazione o inibizione della trascrizione del genoma. Specie umana, esposizione a fattori di rischio (fumo, dieta), sviluppo di malattie a cui si è predisposti. Nel feto, madri esposte a forte stress, maggior probabilità di parti pretermine o neonati sottopeso 65 (ormoni relati allo stress raggiungono il feto attraverso la placenta).

66 EPIGENESI PROBABILISTICA Lo sviluppo è caratterizzato da momenti di instabilità nei quali le potenzialità sono massime, e da momenti di successiva stabilità. A partire da un iniziale stato di equipotenzialità, lo sviluppo consiste nel progressivo restringimento dei percorsi e degli esiti evolutivi possibili. Lo stato finale dipende dall insieme specifico di vincoli che hanno agito in momenti precisi dello sviluppo. 66

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner 1. Il concetto di sviluppo cognitivo. In Psicologia, per sviluppo cognitivo si intende lo sviluppo

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO SV.

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Psicologia dello sviluppo A cura di Luisa Camaioni Paola Di Blasio Edizioni Il Mulino Sommario: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. Lo studio dello sviluppo Lo sviluppo fisico e motorio Lo sviluppo percettivo Lo sviluppo

Dettagli

Modelli teorici sull apprendimento di una L2

Modelli teorici sull apprendimento di una L2 Modelli teorici sull apprendimento di una L2 (D00013) Mauro Pichiassi Università per Stranieri di Perugia Pisa, 2009 ISBN: 978-88-6725-016-5 Ultima revisione 24 Settembre 2012 Presentazione del modulo

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO

L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO 1 L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO Punto di convergenza tra le discipline biologiche, psicologiche e sociali, l ecologia dello sviluppo umano è un indirizzo di studio e ricerca che si propone di indagare

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

NATURA E CAUSE SVILUPPO

NATURA E CAUSE SVILUPPO NATURA E CAUSE SVILUPPO 1) Natura del cambiamento? Quantitativa -> graduale cambiamento nel tempo -> COMPORTAMENTISMO: b. è organismo plasmato da esperienze e apprendimento Qualitativa -> comparsa di nuove

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL COGNITIVISMO, HOWARD GARDNER E LA TEORIA DELLE INTELLIGENZE MULTIPLE DI

IL COGNITIVISMO, HOWARD GARDNER E LA TEORIA DELLE INTELLIGENZE MULTIPLE DI IL COGNITIVISMO, HOWARD GARDNER E LA TEORIA DELLE INTELLIGENZE MULTIPLE DI Il Cognitivismo è basato su alcuni capisaldi individuati dal suo maggiore esponente, Howard Gardner. In opposizione al comportamentismo,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

modulo 15 Fasi di sviluppo dell età evolutiva e relativi problemi socio-educativi 1. LE PRINCIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO 2.

modulo 15 Fasi di sviluppo dell età evolutiva e relativi problemi socio-educativi 1. LE PRINCIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO 2. Fasi di sviluppo dell età evolutiva e relativi problemi socio-educativi 1. LE PRINCIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO 1.1 Psicoanalisi: Sigmund Freud 1.2 Jean Piaget 1.3 Teorie dell attaccamento 1.4 Teorie comportamentiste

Dettagli

Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria.

Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. PROBLEM SOLVING: analisi comparativa di diversi registri linguistici. Tesi di:

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

LA TEORIA VYGOTSKIJANA

LA TEORIA VYGOTSKIJANA LA TEORIA VYGOTSKIJANA Le ricerche di Vygotskij e quelle più recenti della psicologia cognitivista, hanno dimostrato che una buona cooperazione fornisce la base dello sviluppo individuale. Ad esempio nel

Dettagli

LE TEORIE DELL APPRENDIMENTO MARCO COINU

LE TEORIE DELL APPRENDIMENTO MARCO COINU LE TEORIE DELL APPRENDIMENTO MARCO COINU Dispense didattiche per il Corso di Progettazione Didattica per la Formazione a Distanza Prof. Valerio Eletti Facoltà di Scienze della Comunicazione Università

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

La teoria del disuso è stata abbandonata, però è servita di base alla formulazione delle teorie sulla memoria a breve termine.

La teoria del disuso è stata abbandonata, però è servita di base alla formulazione delle teorie sulla memoria a breve termine. PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO COGNITIVO - SVILUPPO DELLA MEMORIA Le principali spiegazioni dell oblio due concezioni: una passiva, che spiega l oblio col deterioramento della traccia in assenza di esercizio

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Giocare é comunicare.

Giocare é comunicare. Giocare é comunicare. Presentazione del progetto ADIO, AdioScan (realizzazione e copyright CID, Centro Informatica Disabilità cp 61 CH 6903 Lugano (Svizzera)). Gabriele Scascighini, direttore del Centro

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)?

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Si parla di disturbi specifici di apprendimento (dsa) nel caso in cui il soggetto indenne da problemi di ordine cognitivo, neurologico, sensoriale, presenti

Dettagli