Le domande centrali della psicologia dello sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le domande centrali della psicologia dello sviluppo"

Transcript

1 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo 1./ 2./ 3./ 4./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? CONTINUITA VS. DISCONTINUITA = Lo sviluppo è un processo che avviene in modo continuo o discontinuo? INNATO VS. APPRESO? = Qual è il rapporto tra fattori biologici ed esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? DOMINIO-SPECIFICO VS. DOMINIO-GENERALE? = Lo sviluppo coinvolge in ogni momento in modo uniforme tutto il sistema cognitivo, o ha luogo secondo modalità diverse per ogni specifica area della conoscenza, ossia per ogni dominio dell attività cognitiva? 1

2 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo 1./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? COSA si sviluppa? Tutte le teorie dello sviluppo hanno fornito una risposta a questa domanda, proponendo una particolare visione del sistema cognitivo. Livello descrittivo Specificare qual è la natura e l organizzazione del sistema cognitivo nel corso del tempo Cosa cambia in gruppi di età diverse. 2

3 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo 1./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? COME avviene lo sviluppo? Domanda assai più complessa, a cui non tutti gli approcci teorici hanno saputo rispondere. Quali sono i meccanismi responsabili dei cambiamenti cui il sistema cognitivo va incontro nel corso del tempo, ossia la loro natura e le loro modalità di funzionamento. 3

4 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo 1./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? TEORIE STRUTTURALI Teorie che, a partire dal comportamento del bambino, inferiscono qual è l ORGANIZZAZIONE del sistema cognitivo alle diverse età. TEORIE FUNZIONALI Teorie che, a partire dal comportamento del bambino, inferiscono COME FUNZIONA il sistema cognitivo alle diverse età. NB: Lo studio della mente, così come del suo sviluppo, è avvenuta, per lungo tempo, in modo relativamente separato dai dati neurofisiologici. 4

5 LE RISPOSTE DEL COMPORTAMENTISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? Burrhus Frederic Skinner Qualsiasi abilità che è appropriata all età può essere insegnata: -fornendo a colui che apprende RINFORZI immediati e POSITIVI. -SUDDIVIDENDO IL COMPITO in passi successivi sufficientemente semplici -RIPETENDO le istruzioni il più possibile Gli insegnanti devono imparare come insegnare. E necessario che gli vengano insegnati metodi di insegnamento più efficaci. Il RINFORZO POSITIVO è più efficace della PUNIZIONE nel determinare una modificazione di comportamento. La conseguenza della punizione è apprendere ad evitare la punizione stessa, piuttosto che apprendere la modalità di comportamento corretta. 5

6 LE RISPOSTE DEL COMPORTAMENTISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? Ciò che si sviluppa è la catena di associazioni tra stimoli e risposte. Il cambiamento riguarda singole unità di comportamento osservabile, indipendenti l una dall altra, ciascuna delle quali è sotto il controllo di singole variabili comportamentali. Lo sviluppo avviene grazie al funzionamento di un complesso di leggi di associazione innate che legano gli stimoli esterni alle risposte comportamentali del soggetto. 6

7 LE RISPOSTE DEL COSTRUTTIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? Ciò che si sviluppa è la struttura del sistema cognitivo nella sua totalità: lo sviluppo cognitivo implica una modificazione sostanziale delle strutture mentali che il bambino utilizza per interagire con la realtà Il passaggio da uno stadio all altro dello sviluppo avviene grazie ad una serie di meccanismi generali determinati biologicamente (adattamento, organizzazione, equilibrazione). 7

8 LE RISPOSTE DEL COGNITIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo? RISPOSTA COMPLESSA!!! In termini generali lo sviluppo cognitivo viene inteso come lo sviluppo dei processi che manipolano l informazione, accompagnato dall incremento nella capacità di creare rappresentazioni sempre più complesse e sofisticate dell ambiente Processi: regole, strategie, capacità di elaborazione Rappresentazioni prodotti dell elaborazione (conoscenza di base) 8

9 LE RISPOSTE DEL COGNITIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo? RISPOSTA COMPLESSA!!! AUMENTA LA CAPACITÀ DI ELABORAZIONE CAMBIA IL CODICE RAPPRESENTAZIONALE INCREMENTA LA CONOSCENZA DI BASE SI MODIFICANO LE STRATEGIE SI SVILUPPA LA METACOGNIZIONE 9

10 Lo sviluppo cognitivo come cambiamento del Codice rappresentazionale Sviluppo cognitivo inteso come sviluppo dell abilità di creare rappresentazioni sempre più complesse e sofisticate dell ambiente Bruner [1973] durante lo sviluppo la conoscenza è mediata da 3 codici rappresentazionali diversi: 1) Codice ESECUTIVO (azione) 2) Codice ICONICO (immagine) 3) Codice SIMBOLICO (linguaggio) [0-2 anni] [dai 2 ai 6 anni] [dai 6/7 anni] 10

11 La RETE RAPPRESENTAZIONALE degli esperti contiene un numero maggiore di concetti, di proprietà associate ai concetti e di connessioni tra concetti e tra proprietà NON ESPERTO ESPERTO Esempio: Chi e Koeske (1983), bambino di 4 anni esperto di dinosauri 11

12 LE RISPOSTE DEL COGNITIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo? Risposta complessa, che chiama in causa un insieme diversificato di competenze Con l età i bambini acquisiscono : una capacità sempre maggiore di prestare attenzione, e quindi di codificare l informazione rilevante, delle regole o delle strategie sempre più efficienti e sofisticate, un patrimonio di conoscenza di base sempre più vasto una conoscenza e una comprensione metacognitiva del funzionamento della propria mente sempre maggiore. N.B. attenzione ai rapporti tra i cambiamenti che avvengono nelle diverse componenti 12

13 LE RISPOSTE DEL COGNITIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 1) Come avviene lo sviluppo? LO SVILUPPO COME AUTOMODIFICAZIONE Il sistema cognitivo si automodifica attraverso il suo stesso funzionamento Ruolo dei meccanismi di autoregolazione interni, attraverso i quali l individuo modifica il proprio funzionamento cognitivo alla luce del feedback prodotto dalle proprie operazioni mentali o dalle proprie azioni N.B. ruolo primario del feedback negativo nello stimolare il cambiamento 13

14 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo 1./ 2./ 3./ 4./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? CONTINUITA VS. DISCONTINUITA = Lo sviluppo è un processo che avviene in modo continuo o discontinuo? INNATO VS. APPRESO? = Qual è il rapporto tra fattori biologici ed esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? DOMINIO-SPECIFICO VS. DOMINIO-GENERALE? = Lo sviluppo coinvolge in ogni momento in modo uniforme tutto il sistema cognitivo, o ha luogo secondo modalità diverse per ogni specifica area della conoscenza, ossia per ogni dominio dell attività cognitiva? 14

15 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo 2./ CONTINUITA VS. DISCONTINUITA = Lo sviluppo è un processo che avviene in modo continuo o discontinuo? Che cosa cambia e che cosa rimane costante nel tempo? E possibile individuare delle funzioni o dei processi che rimangono stabili e che non si modificano nel corso dello sviluppo? Lo sviluppo può essere descritto come un processo: QUANTITATIVO E CONTINUO Lo sviluppo viene descritto come somma e accumulazione di piccoli cambiamenti nel tempo (Es., comportamentismo) I cambiamenti quantitativi si riferiscono a cambiamenti di frequenza e grado di un certo comportamento (Es. produzione linguistica). QUALITATIVO E DISCONTINUO Lo sviluppo viene visto in termini di comparsa di nuove capacità (Es., Piaget) I cambiamenti qualitativi comportano cambiamenti nella struttura e nell organizzazione del sistema cognitivo (Es. Sviluppo della memoria) 15

16 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo Si tratta di un cambiamento continuo e graduale o viceversa discontinuo e improvviso? CONTINUO Cambiamento Quantitativo al tempo stesso continui e discontinui Posizioni intermedie DISCONTINUO Cambiamento Qualitativo (coinvolge l organizzazione di base e/o le modalità di funzionamento del sistema) 16

17 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo Il problema continuità/discontinuità rimanda al problema del rapporto tra STRUTTURE FUNZIONI Funzioni stabili, strutture discontinue (i.e., Piaget) Strutture stabili, processi che si modificano (i.e., HIP) 17

18 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo Il problema continuità/discontinuità rimanda al problema del rapporto tra PRESTAZIONI cambiamenti osservabili nelle abilità e nei comportamenti COMPETENZE processi sottostanti a tali cambiamenti Comportamenti diversi possono essere mediati dallo stesso processo sottostante (i.e., attività rappresentativa) Comportamenti simili possono essere mediati da processi diversi (i.e., grasping) Una teoria può essere contemporaneamente continua e discontinua (es. Piaget) 18

19 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo CURVE a U I cambiamenti nel formato rappresentazionale (COMPETENZA), non portano di necessità a un corrispondente incremento nell efficienza del comportamento (PRESTAZIONE), che, al contrario, può andare incontro a un momentaneo deterioramento, producendo una tipica curva di sviluppo a U. 19

20 Es. Iperregolarizzazione dei verbi - Aperto/Aprito - (Brown, 1973; Marcus et al., 1992). cambiamento comportamentale trasformazioni nel formato delle rappresentazioni PRESTAZIONE 1. Forma passata dei verbi irregolari OK 2. Forma passata dei verbi irregolari NO 3. Forma passata dei verbi irregolari OK COMPETENZA 1. Ripetizione 2. Regola (iperregolarizzazione) 3. Regola + eccezioni 20

21 PRESTAZIONE PRESTAZIONE CURVE EVOLUTIVE a U : una sfida per la psicologia dello sviluppo I cambiamenti nel formato rappresentazionale (COMPETENZA), non portano di necessità a un corrispondente incremento nell efficienza del comportamento (PRESTAZIONE), che, al contrario, può andare incontro a un momentaneo deterioramento, producendo una curva di sviluppo a U. TEMPO TEMPO 21

22 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo CONTINUITA : Persistenza di funzioni e processi nel corso dello sviluppo (modelli cognitivisti) CONTINUITA STABILITA Permanere nel tempo delle differenze individuali osservate all interno di un gruppo. Come si misura? Correlazioni significative tra le prestazioni di uno stesso soggetto nello stesso compito o in compiti diversi in momenti successivi dello sviluppo. 22

23 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo Continuità OMOTIPICA: la prestazione A1 correla nel tempo con la prestazione A2 dello stesso soggetto perché vi è identità di comportamento. 23

24 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo Continuità omotipica: A1 A2 Bornstein e Sigman,

25 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo Continuità OMOTIPICA: la prestazione A1 correla nel tempo con la prestazione A2 dello stesso soggetto perché vi è identità di comportamento. Continuità ETEROTIPICA: la prestazione A1 correla nel tempo con la prestazione B2 dello stesso soggetto in un compito diverso perché, pur essendo comportamenti diversi, vi è identità nel processo sottostante. (Es. durata attenzione visiva prima infanzia capacità intellettive e verbali in età scolare).. 25

26 Le domande centrali della psicologia dello sviluppo CONTINUITA PREDITTIVITA E possibile prevedere l andamento dello sviluppo di un dato aspetto del comportamento sulla base delle conoscenze che si hanno sul suo stato attuale? Solo se si assume l esistenza di una certa continuità nello sviluppo. Continuità eterotipica: A1 B2 26

27 LE RISPOSTE DEL COGNITIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo 4) Lo sviluppo è un processo continuo o discontinuo? LO SVILUPPO COME PROCESSO CONTINUO Lo sviluppo cognitivo è inteso come un processo continuo e quantitativo poichè consiste nell incremento dell efficienza con la quale i processi di base o di controllo manipolano l informazione, e in un conseguente aumento delle rappresentazioni, ossia della conoscenza che deriva dal funzionamento dei processi stessi Idea di sviluppo come passaggio graduale dalla condizione di INESPERTO ESPERTO 27

28 1./ 2./ 3./ 4./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? CONTINUITA VS. DISCONTINUITA = Lo sviluppo è un processo che avviene in modo continuo o discontinuo? INNATO VS. APPRESO? = Qual è il rapporto tra fattori biologici ed esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? DOMINIO-SPECIFICO VS. DOMINIO-GENERALE? = Lo sviluppo coinvolge in ogni momento in modo uniforme tutto il sistema cognitivo, o ha luogo secondo modalità diverse per ogni specifica area della conoscenza, ossia per ogni dominio dell attività cognitiva? 28

29 4./ DOMINIO-SPECIFICO VS. DOMINIO-GENERALE? = Lo sviluppo coinvolge in ogni momento in modo uniforme tutto il sistema cognitivo, o ha luogo secondo modalità diverse per ogni specifica area della conoscenza, ossia per ogni dominio dell attività cognitiva? 29

30 LO SVILUPPO COGNITIVO è sostenuto da un architettura della mente DOMINIO-GENERALE o DOMINIO-SPECIFICA? Fodor (1983) mente dominio-generale mela mente dominio-specifica arancia DOMINIO l insieme specializzato delle rappresentazioni che fanno da supporto ad una specifica area della conoscenza, e delle procedure che servono per manipolare tali rappresentazioni (es. linguaggio, matematica, fisica ) MICRODOMINI all interno di ciascun dominio è possibile individuare dei sottoinsiemi di conoscenze (es. comprensione delle parole, conservazione del numero ) 30

31 Lo sviluppo dell attività cognitiva è sostenuto da un architettura della mente e da una struttura neurale indipendente dal dominio In ogni momento dello sviluppo, l attività cognitiva è sostenuta da un unica struttura cognitiva sottostante che controlla in modo unitario tutto il funzionamento mentale. Quando in un area della conoscenza si verifica un cambiamento, ne vengono simultaneamente influenzati tutti i domini cognitivi (es.: Piaget; modelli comportamentisti) dominio-specifica o modulare La struttura cognitiva che vincola l attività cognitiva è costituita da un insieme di elaboratori che funzionano in modo autonomo, e che processano solo alcuni tipi di informazioni relative a una specifica area della conoscenza. Lo sviluppo ha luogo secondo modalità diverse per ogni dominio dell attività cognitiva (es.: modelli cognitivisti dell HIP) 31

32 LE RISPOSTE DEL COMPORTAMENTISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo Lo sviluppo coinvolge in modo uniforme tutte le aree del comportamento o avviene in modo diverso all interno dei diversi domini? La struttura dell attività cognitiva è rappresentata da una catena di associazioni tra stimoli e risposte che si formano attraverso processi di apprendimento di ambito generale che si applicano a tutte le aree della conoscenza (domini). Le associazioni si formano grazie all esistenza di un insieme di sistemi fisiologici, di carattere ereditario, e di un complesso di leggi di associazione. 32

33 Lo sviluppo coinvolge in modo uniforme tutte le aree del comportamento o avviene in modo diverso all interno dei diversi domini? LE RISPOSTE DEL COSTRUTTIVISMO La teoria piagetiana può essere considerata un esempio rappresentativo di una visione dello sviluppo dominio-generale. Lo sviluppo implica cambiamenti di ambito generale nelle strutture cognitive sottostanti il comportamento e il pensiero del bambino, perché i processi funzionali che producono il cambiamento agiscono nello stesso modo su tutti gli aspetti del sistema cognitivo secondo modalità simili da dominio a dominio. 33

34 LE RISPOSTE DEL COGNITIVISMO alle domande centrali della psicologia dello sviluppo cognitivo LO SVILUPPO COME PROCESSO DOMINIO-SPECIFICO Lo sviluppo è un processo che riguarda singoli domini, all interno dei quali il bambino diviene capace di creare rappresentazioni sempre più sofisticate dell informazione e di sviluppare procedure sempre più specializzate. Sviluppo cognitivo = sv. di domini specializzati, sostenuto da un architettura cognitiva generale N.B. superamento del concetto di STADIO 34

35 CLASSIC STUDIES: I NEONATI PREFERISCONO I VOLTI Goren, Sarty, & Wu, 1975 Morton & Johnson, 1991 Valenza, Simion, Macchi Cassia, & Umiltà,

36 I volti schematici possono essere descritti come una collezione di proprietà strutturali e configurali (see Johnson & Morton, 1991, p.135, Box 6.1) Asimmetria nella distribuzione degli elementi nella parte superiore vs. inferiore della configurazione (più elementi nella parte superiore) Una relazione spaziale congruente tra la distribuzione degli elementi interni e la forma del contorno esterno. 36

37 Simion et al., Developmental Science. Upright vs upside-down geometrical configurations UPRIGHT UPSIDE-DOWN Tecnica Preferenza visiva Variabili dipendenti: numero di risposte di orientamento tempo totale di fissazione Risultati: Numero di risposte di orientamento: UPRIGHT 21.8 UPSIDE-DOWN 18.4 p<.01 Tempo totale di fissazione: UPRIGHT UPSIDE-DOWN 85.5 s 54.2 s p<

38 Tecnica: Preferenza visiva Variabili dipendenti: Numero di orientamenti Tempo totale di fissazione (sec) > UPRIGHT FACE 16 INVERTED FACE newborns p<.02 p<.03 > TOP-HEAVY CONFIG. 16 BOTTOM-HEAVY CONFIG newborns p<.01 p<.001 = UPRIGHT FACE TOP-HEAVY CONFIG newborns n.s. n.s. (Turati, Simion, Milani, Umiltà, Developmental Psychology; Macchi Cassia, Turati, & Simion, Psychological Science) 38

39 1./ 2./ 3./ 4./ COSA vs. COME? = Che cosa si modifica nel corso dello sviluppo e come avvengono queste modificazioni? CONTINUITA VS. DISCONTINUITA = Lo sviluppo è un processo che avviene in modo continuo o discontinuo? INNATO VS. APPRESO? = Qual è il rapporto tra fattori biologici ed esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? DOMINIO-SPECIFICO VS. DOMINIO-GENERALE? = Lo sviluppo coinvolge in ogni momento in modo uniforme tutto il sistema cognitivo, o ha luogo secondo modalità diverse per ogni specifica area della conoscenza, ossia per ogni dominio dell attività cognitiva? 39

40 3./ INNATO vs. APPRESO? = Qual è il rapporto tra fattori biologici ed esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? Cosa determina il cambiamento? NATURA Dibattito Nature - Nurture ESPERIENZA Fattori genetici Fattori ambientali Es. Chomsky Es. Teorie comportamentiste 40

41 Empirismo: John Locke ( ) William James ( ) Esperienza Tabula rasa Esperienza Terribile e rumorosa confusione Progressivo accumularsi di conoscenze Ordine e conoscenza * Posizione intrinsecamente evolutiva 41

42 Empirismo: Concezione meccanicistica: Lo sviluppo è causato da forze esterne ed agenti che agiscono su una mente passiva simile ad una macchina. Capacità predittiva completa: lo sviluppo è causato da forze esterne. L individuo è passivo. 42

43 LE RISPOSTE DEL COMPORTAMENTISMO Qual è il rapporto tra i fattori biologici e l esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? Il cambiamento e lo sviluppo sono provocati interamente dall apprendimento. Viene presupposto un organismo predisposto all apprendimento, che possiede la capacità innata di associare uno stimolo a una risposta. La mente del neonato è bombardata da un insieme caotico di stimolazioni e non contiene conoscenze innate e predeterminate (tabula rasa). Il bambino è un passivo accumulatore di conoscenza 43

44 Alla nascita non c è alcuna conoscenza innata L acquisizione delle conoscenze avviene attraverso i sensi Lo sviluppo procede mediante esperienza associativa Tutta la conoscenza deriva dall esperienza Stimoli Sensazioni corporee Mondo percettivo Associazioni Attraverso le associazioni, le sensazioni - grezze e separate - si aggregano in percezioni 44 dotate di significato

45 Empirismo moderno La mente umana si sviluppa grazie all informazione che proviene dall ambiente. La struttura dell ambiente esterno determina la forma che la mente prenderà nel corso dello sviluppo. La conoscenza prende forma grazie all estrazione delle regolarità statistiche presenti nell ambiente esterno (Es. connessionismo). 45

46 Kirkham, Slemmer & Johnson (2002). Visual statistical learning in infancy: evidence for a domain-general learning mechanism, Cognition, 83, bambini di 2, 5, 8 mesi - abituazione visiva Sequenza random di elementi Sequenza di coppie di elementi Sequenza di triplette di elementi 46

47 Innatismo: La conoscenza non può essere acquisita solo per apprendimento in un tempo così breve. Gli individui sono dotati sin dalla nascita di idee o categorie di conoscenza in grado di garantire il funzionamento percettivo. La mente sin dalla nascita impone un Posizione ordine agli input sensoriali, trasformando le sensazioni in percezioni Forma Categorie Percettive Innate dotate di significato. 47 Cartesio ( ) Kant ( ) Movimento Grandezza

48 Innatismo: Concezione organismica (Leibniz, ): L enfasi va posta sull intero piuttosto che sulle parti. Il mondo è composto di unità organizzate, intrinsecamente e spontaneamente attive e autoregolantisi. Piuttosto che soffermarsi sulle cause antecedenti, la visione organismica prende in considerazione proprietà intrinseche. L uomo, per natura, è un unità attiva e organizzata in continuo cambiamento. 48

49 Innatismo: Un organismo attivo dà forma alla propria esperienza piuttosto che prendere forma da essa. Gli organismi attivi sono dotati di scopi e sanno prestare attenzione, ragionare, e percepire in maniera selettiva. Tutto questo fa sì che l organismo attivo sia in grado di selezionare modificare o respingere influenze provenienti dall ambiente (White, 1976) 49

50 Innatismo moderno L ontogenesi ricapitola la filogenesi. Lo sviluppo è il processo attraverso il quale le istruzioni contenute nel nostro patrimonio genetico, selezionate nel corso della filogenesi, vengono eseguite in assenza di perturbazioni esterne. Alcuni contenuti di conoscenza sono specificati per via innata, e lo sviluppo consiste in un processo di puro arricchimento di questo iniziale nucleo di conoscenze. (Es. Innatismo rappresentazionale, Spelke) L ambiente e l esperienza fungono da innesco, attraverso il quale le conoscenze specificate per via innata si manifestano. L ambiente non può alterare in nessun modo il corso dello sviluppo 50

51 Approccio interazionista SVILUPPO prodotto dell interazione tra fattori innati e fattori acquisiti attraverso l esperienza NB: Una data influenza ereditaria può comportare diversi effetti comportamentali in ambienti diversi e, viceversa, un dato ambiente può avere effetti diversi su persone con diverso patrimonio genetico. 51

52 LE RISPOSTE DEL COSTRUTTIVISMO Qual è il rapporto tra i fattori biologici e l esperienza nella determinazione dei cambiamenti che avvengono nel corso dello sviluppo? La posizione costruttivista di Piaget è intermedia tra quella innatista e quella empirista. Attraverso l esperienza, il bambino costruisce il proprio sistema cognitivo a partire da pochi riflessi innati. L esperienza ha un ruolo cruciale nel consentire al bambino di costruire la propria conoscenza: viene interpretata attraverso le strutture cognitive già esistenti. Tali strutture cognitive vengono costruite attraverso l esperienza. 52

53 La teoria di Piaget Ipotesi innatista Le strutture cognitive hanno un origine esclusivamente interna Piaget respinge Piaget propone Ipotesi ambientalista Le strutture cognitive hanno un origine esclusivamente ambientale Teoria organismica L individuo non è un passivo recettore di influenze ambientali, né un veicolo di idee innate, ma un attivo costruttore delle proprie conoscenze 53

54 MAIN EFFECT MODEL PATRIMOINIO GENETICO + - AMBIENTE AMBIENTE * INNATISMO Lo sviluppo è unidirezionale EMPIRISMO APPROCCIO INTERAZIONISTA PATRIMONIO GENETICO + - AMBIENTE MEDIUM MEDIUM * Il patrimonio genetico e l ambiente interagiscono, ma l interazione tra i due fattori è statica 54

55 LIVELLO DI SVILUPPO - MATURAZIONE Modello di Aslin, 1981 POSSIBILI ESITI EVOLUTIVI Mantenimento Perdita Facilitazione Mantenimento Perdita Induzione ASSENZA DI MATURAZIONE Nessun effetto NASCITA ESPERIENZA ETA ADULTA I possibili esiti che l intervento dell esperienza può produrre a seconda del livello di maturazione raggiunto da una determinata abilità a base biologica: 1) mantenimento 2) facilitazione 3) perdita 4) induzione 55

56 Critica: Il modello è unidirezionale, perché prevede che l esperienza possa modificare le capacità determinate geneticamente, ma non formula alcuna previsione circa le possibili modalità attraverso le quali le abilità determinate geneticamente possono influenzare l apprendimento di nuove conoscenze. Descrive l influenza dell esperienza sulle funzioni determinate geneticamente ma. non prevede la possibilità che il livello di maturazione delle funzioni determinate geneticamente possa influenzare natura e qualità dell esperienza di cui l individuo può usufruire Esempio: il livello di maturazione e di funzionalità raggiunto dal sistema visivo alla nascita determina il tipo di informazioni visive che il bambino è in grado di selezionare e influenza di conseguenza le possibilità di apprendimento di cui il neonato dispone nell ambiente visivo. 56

57 * (Sameroff, 1975) Dotazione genetica ed esperienza co-determinano lo sviluppo, influenzandosi reciprocamente in un processo di interazione dinamica. Nel corso dello sviluppo, attraverso l interazione tra gli elementi preesistenti e l ambiente esterno, emergono meccanismi e processi che non facevano parte del patrimonio biologico innato del soggetto. 57

58 Lo sviluppo ontogenetico consiste nel processo attraverso il quale i geni interagiscono con l ambiente a vari livelli per produrre strutture organiche complesse come il cervello e i processi cognitivi che esso supporta Livelli di interazione Molecolare Cellulare Organismo Tipo di ambiente Ambiente interno Ambiente interno Ambiente tipico della specie Ambiente tipico dell individuo Non c è nessun aspetto dell individuo che può essere definito genetico in senso stretto. Esistono molti tipi di ambienti che esercitano la loro influenza a diversi livelli. 58

59 Hamer (2002) 59

60 L attività genetica non segue un programma strettamente preordinato, ma è regolata da segnali che provengono sia dall ambiente interno che dall ambiente esterno. Nei canarini: Espressione del gene ZENK, coinvolto nella regolazione dell attività sinaptica. Attività motoria legata al canto Esposizione al canto di altri canarini Incremento nell espressione di questo gene nelle aree motorie Incremento nell espressione di questo gene nelle aree uditive (Jarvis et al., 1997). Il grado di espressione del gene dipende dal tipo di canto a cui è esposto: Canto della propria specie > espressione maggiore Canto di altre specie > espressione minore (Mello et al., 1992). L espressione genetica è fortemente influenzata dalla specifica esperienza a cui l individuo è esposto. 60

61 Gottlieb (1995) 61

62 62

63 Concetto di EPIGENESI processo per il quale da uno stato di relativa globalità, indifferenziazione e disorganizzazione, ogni sistema biologico complesso passa a uno stato di progressiva diversificazione e maggiore complessità, attraverso continui scambi bidirezionali tra organismo e ambiente. 63

64 Gottlieb (1992) distingue tra: EPIGENESI PREDETERMINATA: il rapporto tra struttura e funzione nel corso dello sviluppo è di tipo unidirezionale Geni Strutture neurali Funzioni psichiche Esperienza * Ontogenesi ricapitola la filogenesi Es. Approccio maturazionista L informazione procede lungo una sola direzione dai geni alle proteine. Crick, 1958: DNA RNA proteine Il genoma costituisce una sorta di impronta, di piano preordinato per la costruzione e la determinazione dell organismo. Nel 1960: Retrovirus: RNA DNA Il più noto è il virus dell'immunodeficenza umana (HIV) Un enzima di trascrittasi inversa è in grado di retrotrascrivere il genoma del virus da RNA a DNA. 64

65 Gottlieb (1992) distingue tra: EPIGENESI PROBABILISTICA: il rapporto tra struttura e funzione nel corso dello sviluppo è di tipo bidirezionale Geni Strutture neurali Funzioni psichiche Esperienza Es. Neuroscienze cognitive dello sviluppo Il genoma è parte di un sistema di sviluppo olistico e bidirezionale dell organismo, aperto ai segnali che hanno origine dall interno della cellula stessa (citoplasma) o dall esterno della cellula (ormoni), così come dai segnali che provengono dall ambiente esterno all organismo. Il genoma si esprime in maniera appropriata solo in risposta alla stimolazione che ha origine dall interno e dall esterno dell organismo. Es. In alcune specie di rettili, temperatura di incubazione determina il sesso dell individuo. Nematodi, presenza o assenza di cibo, facilitazione o inibizione della trascrizione del genoma. Specie umana, esposizione a fattori di rischio (fumo, dieta), sviluppo di malattie a cui si è predisposti. Nel feto, madri esposte a forte stress, maggior probabilità di parti pretermine o neonati sottopeso 65 (ormoni relati allo stress raggiungono il feto attraverso la placenta).

66 EPIGENESI PROBABILISTICA Lo sviluppo è caratterizzato da momenti di instabilità nei quali le potenzialità sono massime, e da momenti di successiva stabilità. A partire da un iniziale stato di equipotenzialità, lo sviluppo consiste nel progressivo restringimento dei percorsi e degli esiti evolutivi possibili. Lo stato finale dipende dall insieme specifico di vincoli che hanno agito in momenti precisi dello sviluppo. 66

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

LO SVILUPPO COGNITIVO

LO SVILUPPO COGNITIVO SIGNIFICATO DEL TERMINE CONOSCENZA ( COGNIZIONE, PROCESSI COGNITIVI ) Alcuni processi mentali, patrimonio esclusivo dell uomo, sono universalmente considerati cognitivi: pensiero, ragionamento, soluzione

Dettagli

Tiziana Aureli Universita di Chieti-Pescara. Quando apprendere è più difficile AIRIPA, 27 Giugno 2015 Pescara

Tiziana Aureli Universita di Chieti-Pescara. Quando apprendere è più difficile AIRIPA, 27 Giugno 2015 Pescara Suscettibilità alle influenze ambientali e gradualità delle specializzazioni funzionali come fattori di plasticità nel primo sviluppo Tiziana Aureli Universita di Chieti-Pescara Quando apprendere è più

Dettagli

Le origini culturali della cognizione umana. Lo sviluppo cognitivo oltre Piaget. Tomasello. Tomasello. Michael Tomasello

Le origini culturali della cognizione umana. Lo sviluppo cognitivo oltre Piaget. Tomasello. Tomasello. Michael Tomasello Lo sviluppo cognitivo oltre Piaget Le origini culturali della cognizione umana Michael Tomasello Tomasello Homo sapiens ha imparato a conservare molte scoperte dei singoli La trasmissione culturale permette

Dettagli

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani LE MOLECOLE INFORMAZIONALI Lezioni d'autore Treccani Introduzione (I) I pionieri della biologia molecolare, scoperta la struttura degli acidi nucleici, pensarono di associare al DNA una sequenza di simboli,

Dettagli

di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore

di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore 1. La definizione di addestramento nel Decreto Legislativo Tra le attività che il datore di lavoro, o la persona da esso delegata, deve mettere in atto

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Psicologia generale 1

Anteprima Estratta dall' Appunto di Psicologia generale 1 Anteprima Estratta dall' Appunto di Psicologia generale 1 Università : Università degli studi Macerata UNIMC Facoltà : Sc.Formazione Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito

Dettagli

LIFE SPAN PSYCHOLOGY Prof Anna Pelama7 AA 2013-14

LIFE SPAN PSYCHOLOGY Prof Anna Pelama7 AA 2013-14 LIFE SPAN PSYCHOLOGY Prof Anna Pelama7 AA 2013-14 1 Psicologia dell età evolutiva Per molto tempo l oggetto principale è stato lo sviluppo dalla nascita alla fine dell adolescenza Necessità pratiche: Ø

Dettagli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NELLA PRIMA INFANZIA

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NELLA PRIMA INFANZIA 1 LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NELLA PRIMA INFANZIA Comunicazione e linguaggio 2 Comunicazione: trasmissione di informazioni che tenga conto della sorgente e della destinazione codici comunicativi

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

Capitolo 1. La psicologia come scienza

Capitolo 1. La psicologia come scienza Capitolo 1. La psicologia come scienza 1. Cos è la psicologia 2. La nascita della psicologia come scienza 3. Principali correnti nello sviluppo della psicologia 1. Che cos è la psicologia! Psicologia:

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

PROFESSIONE DOCENTE GUIDA ALLE AVVERTENZE AI PROGRAMMI D ESAME

PROFESSIONE DOCENTE GUIDA ALLE AVVERTENZE AI PROGRAMMI D ESAME P. CATTANEO / A. DE ANGELIS / M. GUASTAVIGNA E. MAROTTA / G. MORELLO / A.TOSOLINI PROFESSIONE DOCENTE GUIDA ALLE AVVERTENZE AI PROGRAMMI D ESAME I REQUISITI CULTURALI E PROFESSIONALI INDISPENSABILI ALL

Dettagli

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione.

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione. Premessa Un due tre stella ecco MAGA BEA! Laboratorio per il potenziamento delle abilità di ascolto e di attenzione L attenzione comprende la disponibilità a recepire la capacità di selezione dello stimolo

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi L intelligenza Cos è l intelligenza? Non è un abilità cognitiva unitaria Non è un abilità cognitiva generale Non è innata Non

Dettagli

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE MUSICA ATTIVA SPERIMENTAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE Fare musica è importante. Psicologi dell età evolutiva, pedagogisti, esperti del settore sono concordi nell affermare che un attività

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE Le competenze sono state definite dal Dipartimento di Scienze Umane tenendo presenti sia le Competenze chiave di cittadinanza sia le Competenze base (4 assi), sia le Competenze

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio 178 Interviews Interviste Intervjuoj 5 luglio 2011 Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio Intervista a Maria Teresa Guasti Mauro Viganò Presentazione Maria Teresa Guasti è professore ordinario

Dettagli

E-learning e teorie sull apprendimento

E-learning e teorie sull apprendimento Istituto Nazionale Previdenza Sociale Gestione Dipendenti Pubblici E-learning e teorie sull apprendimento E-Learning per la Pubblica Amministrazione - Teorie sull apprendimento Apprendimento Cambiamento

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

PIANO ISS LEGGERE L AMBIENTE. Organismi modello: drosophila melanogaster

PIANO ISS LEGGERE L AMBIENTE. Organismi modello: drosophila melanogaster PIANO ISS LEGGERE L AMBIENTE Organismi modello: drosophila melanogaster PRESIDIO Liceo Scientifico A: Genoino Cava de Tirreni ( Salerno) PROGETTAZIONE Le attività sperimentali con Drosophila Melanogaster

Dettagli

Sergio Sanarnecchi PIAGET E LA PSICOLOGIA DEL 900. 1. Vita.

Sergio Sanarnecchi PIAGET E LA PSICOLOGIA DEL 900. 1. Vita. 1 Sergio Sanarnecchi PIAGET E LA PSICOLOGIA DEL 900. 1. Vita. Jean Piaget (1896-1980) nasce a Neuchatel, in Svizzera. Da giovane i suoi interessi spaziano dalle scienze naturali alla filosofia: quando

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione Psicologia Generale A.A. 2013-2014 Docente: prof.ssa Tiziana Lanciano t.lanciano@psico.uniba.it

Dettagli

SVILUPPO PERCETTIVO diverse modalità percettive

SVILUPPO PERCETTIVO diverse modalità percettive SVILUPPO PERCETTIVO Come il neonato, il bambino e l adolescente utilizzano diverse modalità percettive, di cui sono già dotati alla nascita e che si perfezionano nel corso dello sviluppo Come, grazie ai

Dettagli

Appunti di Psicologia

Appunti di Psicologia 2. Piaget e Viygotskij 1 Parte 2 Piaget e Viygotskij Indice dei contenuti Appunti di Psicologia Indice dei contenuti... 1 La Teoria di Piaget... 2 Intelligenza e adattamento... 2 Gli stadi dello sviluppo...

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA. M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione

APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA. M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione PSICOLOGIA COGNITIVA Studia le reazioni ed i comportamenti di soggetti

Dettagli

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

Dettagli

UN PARAGONE TRA MODELLI ABA E RDI

UN PARAGONE TRA MODELLI ABA E RDI curiousmindsbc.com/assets/2/.../therapy_comparison and_.pdf UN PARAGONE TRA MODELLI E Terapia contro Stile di vita In genere con l i genitori assumono uno staff che lavori con il proprio bambino. Questi

Dettagli

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione PAOLO CANGIANO DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO SOCIALE (Nettuno) Matricola nr 710756 RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione Aprile 2012 Indice 1. Introduzione p. 2 2. Procedura di raccolta dati

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo 3. Lo sviluppo emotivo 1 Lo sviluppo emotivo Psicologia dello sviluppo Oltre allo sviluppo cognitivo, che viene spesso associato alle capacità intellettive, è importante comprendere il grado di competenza

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA...

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA... INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA............................................1 1.1 Nascita della Psicologia attuale................................................1 1.2 Correnti

Dettagli

ADHD e funzionamento adattivo nel contesto scolastico. Claudio Vio, Psicologo ULSS 10 San Donà di Piave AIRIPA

ADHD e funzionamento adattivo nel contesto scolastico. Claudio Vio, Psicologo ULSS 10 San Donà di Piave AIRIPA TRAIETTORIE NEGATIVE DELL ADHD: SCOLASTICA, SOCIALE, PSICOPATOLOGICA ADHD e funzionamento adattivo nel contesto scolastico Claudio Vio, Psicologo ULSS 10 San Donà di Piave AIRIPA ADHD e problemi scolastici

Dettagli

TITOLO: Dall azione alla Comunicazione. Strutturazione delle competenze comunicative in soggetti con disturbo della comunicazione.

TITOLO: Dall azione alla Comunicazione. Strutturazione delle competenze comunicative in soggetti con disturbo della comunicazione. Cognitive Neurorehabilitative Approach to the Potentiality Process Centro Studi e Ricerca in Neuroriabilitazione Via Boldetti 12 00162 Roma www.cnapp.it info@cnapp.it C.F. 97221180587 P.Iva 07027831002

Dettagli

CAPITOLO 3 Previsione

CAPITOLO 3 Previsione CAPITOLO 3 Previsione 3.1 La previsione I sistemi evoluti, che apprendono le regole di funzionamento attraverso l interazione con l ambiente, si rivelano una risorsa essenziale nella rappresentazione di

Dettagli

Percorso sensoriale su prodotti lattiero caseari ZEPPA G. Università degli Studi di Torino

Percorso sensoriale su prodotti lattiero caseari ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Percorso sensoriale su prodotti lattiero caseari ZEPPA G. Università degli Studi di Torino La scelta del cibo non è genetica (il dolce è buono, il piccante cattivo, ma non sempre!) La scelta del cibo è

Dettagli

Lo sviluppo dell' intelligenza numerica

Lo sviluppo dell' intelligenza numerica Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Matematica per la formazione di base Lo sviluppo dell' intelligenza numerica i G.Perticone gennaio 2012 DOMANDA: Come giungono

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO PERCHE ABILITAZIONE/ RIABILITAZIONE? DISLESSIA ACQUISITA Rieducazione e riabilitazione DISLESSIA EVOLUTIVA

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO L.Carretti-logopedista- HSA - Como 1 1 2 L.Carretti-logopedista- HSA 2 - Como 3 L.Carretti-logopedista- HSA 3 - Como 4 L.Carretti-logopedista- HSA 4 - Como L.Carretti-logopedista-

Dettagli

Percezione della musica e del linguaggio

Percezione della musica e del linguaggio 11 Percezione della musica e del linguaggio 11 Music and Speech Perception Musica Linguaggio 11 Music La musica come mezzo per esprimere pensieri ed emozioni Pitagora: Numeri e intervalli musicali Alcuni

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE - malattie cardiovascolari - cancro Il processo di BIOSENESCENZA implica le caratteristiche seguenti: 1. è deleterio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE CLASSE II ANNO SCOLASTICO 2013/2014 classe 2^ COMPETENZE DISCIPLINARE ISTITUO COMPRENSIVO LEVANTO 2013/2014 ITALIANO 1. Ascolta e interagisce nelle conversazioni

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA

VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA I.C. Gonzaga dr.ssa Di Palma Monia, psicologa dr.ssa Dicembrini Valentina, psicologa QUALI STRATEGIE PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA? - Spazio - Strategie metacognitive - Metodo

Dettagli

LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI:

LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI: LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI: SPUNTI TEORICI E STRATEGIE DI INTERVENTO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA 5 dicembre 2012 Federica Vandelli, Fabiana Zani STRUTTURA DELL

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO

UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO www.aiditalia.org UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO RELATORE: Chiara Barausse insegnante, psicopedagogista, formatore AID L APPRENDIMENTO

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

AC-MT 6-11 Test di valutazione delle abilità di calcolo

AC-MT 6-11 Test di valutazione delle abilità di calcolo AC-MT 6-11 Test di valutazione delle abilità di calcolo C. Cornoldi, D. Lucangeli, M. Bellina Irene C. Mammarella Università degli Studi di Padova irene.mammarella@unipd.it AC-MT Prova di primo livello:

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Progetto Vivere in Italia seconda edizione

Progetto Vivere in Italia seconda edizione Progetto Vivere in Italia seconda edizione ACCOMPAGNAMENTO ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEI DOCENTI INCARICATI NEI CORS DI 80/100 ORE DI LIVELLO A1/A2 14 gennaio 2013 Aspetti cognitivi nell apprendimento

Dettagli

Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi

Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi Department of Brain and Behavioral Sciences, Università di Pavia Brain Connectivity Center, IRCCS Mondino I fondamenti psicologici dell esperienza musicale

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!!

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!! UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!! di GIUSTI ROBERTA Anno scolastico 2013-2014 (bambini di 5 anni) Da: Gennaio a Maggio 1. LA TIPOLOGIA DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

Dettagli

2. Psicologia dello sviluppo e teorie

2. Psicologia dello sviluppo e teorie 1) La crescita dell individuo Lo sviluppo umano è un processo che dura tutta la vita e implica una serie di adattamenti che si realizzano attraverso l interazione continua tra organismo e ambiente. La

Dettagli

Con il termine elettronic learning o e-learninge indichiamo l apprendimento supportato dalla rete. Le definizioni sono molte e dalle mille sfumature

Con il termine elettronic learning o e-learninge indichiamo l apprendimento supportato dalla rete. Le definizioni sono molte e dalle mille sfumature Il ricercatore ha bisogno di una serie di ipotesi da cui partire per orientare le sue azioni, che possono essere verificate sperimentalmente [...]. Senza una teoria le sue attività possono essere inconsulte

Dettagli

MANUALI UMANISTICA 1

MANUALI UMANISTICA 1 MANUALI UMANISTICA 1 MANUALI UMANISTICA 1. Luciana Brandi, Beatrice Salvadori, Dal suono alla parola: percezione e produzione del linguaggio tra neurolinguistica e psicolinguistica, 2004 Luciana Brandi

Dettagli

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST Le Malattie dell encefalo comunemente causano modificazioni del comportamento capacitàdi mantenere una

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA I DISURBI SPECIFICI DEL LINGUAGGIO Relatrice: Chiar. ma Prof.ssa Annalisa SCANU Candidata:

Dettagli

COME SI IMPARA A LEGGERE E A SCRIVERE?

COME SI IMPARA A LEGGERE E A SCRIVERE? COME SI IMPARA A LEGGERE E A SCRIVERE? a cura della Counselor Psicopedagogica dott.ssa P. Paolini Ogni bambino ha una sua SCRITTURA SPONTANEA TEORIA LINGUISTICA: idee e regole che ha ricavato osservando

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

E possibile misurare l intelligenza l dei processi di pensiero e di apprendimento

E possibile misurare l intelligenza l dei processi di pensiero e di apprendimento E possibile misurare l intelligenza l? La valutazione dei processi di pensiero e di apprendimento Processi di apprendimento ed Educazione cognitiva. Nuove competenze per sviluppare l intelligenza e promuovere

Dettagli

Il bosco delle sensazioni

Il bosco delle sensazioni Programmazione sezione prima SCUOLA DELL'INFANZIA "VILLA FLAMINIA" A.S. 2015 /2016 Il bosco delle sensazioni INSEGNANTI Maela Avvisati Oriana Riina Tina Iavarone Dimmi e io dimentico Mostrami e io ricordo

Dettagli

Linguaggio e comunicazione (parte I: Chomsky e il problema della metafora) Filosofia del linguaggio 2013-14 (dott.ssa Filomena Diodato)

Linguaggio e comunicazione (parte I: Chomsky e il problema della metafora) Filosofia del linguaggio 2013-14 (dott.ssa Filomena Diodato) Linguaggio e comunicazione (parte I: Chomsky e il problema della metafora) Filosofia del linguaggio 2013-14 (dott.ssa Filomena Diodato) Modello del codice Assunti teorici: 1. Tutto ciò che vuole essere

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Consapevolezza ed espressione culturale riguarda l importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione,

Dettagli

Un cervello, due lingue, tanti vantaggi: perchè bisogna incoraggiare il bilinguismo nella prima infanzia

Un cervello, due lingue, tanti vantaggi: perchè bisogna incoraggiare il bilinguismo nella prima infanzia Perchè bilingue è meglio? Essere bilingue vuol dire usare due o più lingue regolarmente; NON vuol dire parlare due lingue perfettamente. Un cervello, due lingue, tanti vantaggi: perchè bisogna incoraggiare

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia disgrafia disortografia - discalculia Come si sviluppa un abilità Predisposizione innata: le funzioni superiori si insediano nell uomo per sola esposizione

Dettagli

La sordità: classificazioni, facoltà di linguaggio ed educazione vocale

La sordità: classificazioni, facoltà di linguaggio ed educazione vocale Poesia in LIS La sordità: classificazioni, facoltà di linguaggio ed educazione vocale Lagonegro settembre 2010 Dr.ssa Benedetta Marziale Sportello sulla sordità Istituto Statale Sordi di Roma La sordità

Dettagli

LA MENTE MODULARE JERRY FODOR

LA MENTE MODULARE JERRY FODOR LA MENTE MODULARE JERRY FODOR Per quel che riguarda l analisi del linguaggio, basta che ti ricordi che si tratta sostanzialmente di un riflesso, da questa intuizione di Merrill Garrett parte la riflessione

Dettagli

Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare

Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare All interno di un approccio a base relazionale Nella cornice di un affetto fortemente positivo Per programmi

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Già nella vita fetale ci sono sensibilità alla luce, al suono, al dolore, movimenti coordinati

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia dello sviluppo ANNOTAZIONI INTRODUTTIVE 1 Il percorso didattico (obiettivi) 1) apprendere il lessico della psicologia

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

Dalla diagnosi al PDP nell'adhd: strategie e strumenti

Dalla diagnosi al PDP nell'adhd: strategie e strumenti Dalla diagnosi al PDP nell'adhd: strategie e strumenti Dott.ssa Paola Cerratti Psicologa cerratti.psy@hotmail.it 333.5031546 1 Dalla diagnosi al PDP nell'adhd strategie e strumenti 1.Chi è il bambino con

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche

Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche Centro Territoriale per l Inclusione MI EST Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche Patrizia Pezzoni Unità Operativa Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE 1 Scuola dell infanzia e primi anni scuola primaria Segnali di rischio e difficoltà IDENTIFICAZIONE PRECOCE Intervenire: risolvere

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli