LOGICA DEI PREDICATI. Introduzione. Predicati e termini individuali. Termini individuali semplici e composti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LOGICA DEI PREDICATI. Introduzione. Predicati e termini individuali. Termini individuali semplici e composti"

Transcript

1 Introduzione LOGICA DEI PREDICATI Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Prof. Ing. Fabio Roli La logica dei predicati, o logica del primo ordine (LPO) considera schemi proposizionali composti da proposizioni predicati termini individuali (argomenti dei predicati) connettivi (gli stessi della logica proposizionale (LP) ) i quantificatori corrispondenti agli operatori tutti e qualche del linguaggio naturale Il significato di logica del primo ordine sarà chiarito più avanti La sintassi e la semantica della LPO, decritte in questo capitolo, possono essere considerate un estensione della sintassi e della semantica della LP Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 2 Predicati e termini individuali Termini individuali semplici e composti Nel linguaggio formale della LPO, così come nel linguaggio naturale, sia i predicati che i termini individuali che ne costituiscono gli argomenti possono essere di due tipi: variabili e costanti Luca,!5, il Danubio sono costanti individuali, in quanto denotano un singolo oggetto (o individuo) determinato lui, questo, x sono invece variabili individuali, in quanto denotano un individuo generico, che può variare a seconda dell enunciato e del contesto essere cugino di, essere uguale a sono costanti predicative, in quanto denotano un predicato determinato i simboli usati per indicare predicati generici (per es. il simbolo A nello schema tutti gli uomini sono A ) sono invece variabili predicative, poiché il predicato corrispondente può variare a seconda dell enunciato e del contesto Sia in LPO che nel linguaggio naturale i termini individuali si distinguono tra semplici e composti, indipendentemente dalla distinzione tra costanti e variabili i nomi propri e i pronomi (per es. Luca, il Danubio, lui, questo ) sono termini semplici le espressioni che denotano un singolo individuo in funzione di uno o più altri individui singoli sono invece termini composti (per es.!5, la capitale della Francia, la casa più vecchia della via più lunga di Napoli, 2+3, x 2 y 2, min{x,y,z} ). Nella LPO la dipendenza funzionale va intesa in senso matematico Si noti che i termini semplici possono essere sia costanti individuali (per es. Luca, il Danubio ) che variabili individuali ( lui, questo ) Analogamente, i termini composti possono essere costanti individuali (per es.!5, la capitale della Francia ), oppure possono denotare individui generici ( x 2 y 2, min{x,y,z} ), anche se in quest ultimo caso non hanno lo stesso ruolo sintattico delle variabili individuali Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 3 Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 4

2 Sintassi della LPO: termini individuali Sintassi della LPO: predicati Una delle convenzioni più usate per indicare i termini individuali è la seguente costanti individuali semplici: simboli o nomi con l iniziale maiuscola ed eventuali pedici (es.: X, Y, Z 1, John, Wumpus, ecc.) variabili individuali semplici: simboli o nomi con l iniziale minuscola ed eventuali pedici (a, b, x 1, y 1, pit, ecc.), esclusi i simboli t, t 1, t 2,... (vedi sotto) termini composti: si usa la notazione matematica f(...), dove gli argomenti, separati da virgole, sono a loro volta (ricorsivamente) termini individuali funzioni generiche: si usano i simboli F, F 1, F 2,..., detti variabili funzionali funzioni determinate, di significato già noto: si usano nomi simbolici con l iniziale maiuscola (es.: Successore, Cugino, ecc.), detti costanti funzionali Es.: F(a), F 1 (x,y), Successore(X), Successore(Successore(X)), ecc. In alcuni casi è comodo indicare genericamente un termine individuale senza specificare se sia costante o variabile, semplice o composto: per questo scopo si usano i simboli t, t 1, t 2,... I predicati e le proposizioni sono invece indicati nel modo seguente variabili predicative e proposizionali: le lettere maiuscole P, Q, R,... (la distinzione tra proposizione e predicato sarà chiara dal contesto) costanti predicative: nomi simbolici di predicati determinati, di significato noto (es.: Pari, Dispari, Adiacente, Uguale, ecc.) La notazione usata per indicare un predicato applicato a una sequenza di argomenti (termini individuali) è P(t 1 ) Es.: Pari(X), Adiacente(c 1,c 2 ), Uguale(a,b) Spesso è comodo indicare alcune costanti predicative con simboli di uso comune, per es. = e <, invece che con nomi simbolici come Uguale e Maggiore In questo caso, al posto della notazione prefissa P(t 1 ), si adotta una notazione equivalente derivata dall uso comune, per es.: (x = y) al posto di Uguale(x,y) (A > F(x)) al posto di Maggiore(A,F(x)) Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 5 Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 6 Sintassi della LPO: formule atomiche e composte Formule atomiche e composte: esempi Una fbf atomica della LPO ha la forma P(t 1 ), dove P è un predicato a n argomenti t 1 sono termini individuali semplici Come caso particolare, un intera proposizione può essere vista come un predicato a zero argomenti. Anche una variabile proposizionale (per es. Q) è quindi una fbf atomica della LPO Una formula del tipo P(t 1 ) in cui almeno uno dei termini sia composto è invece una fbf composta I connettivi usati nella LPO sono gli stessi della LP. Di seguito si considereranno i connettivi "# $# % e & Le definizioni di fbf ottenute per mezzo dei connettivi sono le stesse della LP se H è una fbf qualsiasi, "H è una fbf (composta) se H e K sono fbf qualsiasi, H$K, H%K e H&K sono fbf (composte) Formule atomiche P Q(a,b), Q(x,y), Q(a,z) Formule composte R(F 1 (a)), R(F 1 (x)), R(F 1 (F 2 (b,x))), Q(c,F 3 (d)) "P, "Q(a,z), P $ Q(x,y), Q(a,b) % R(F 1 (x)), Q(c,F 3 (d)) & Q(a,b) ( P % Q(x,y) ) $ R(F 1 (x)), Q(a,b) & ( P $ Q(x,y) ) Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 7 Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 8

3 Sintassi della LPO: quantificatori Sintassi della LPO: quantificatori I quantificatori tutti e qualche del linguaggio naturale si indicano in LPO rispettivamente con i simboli ' e ( Indicando con H[x] una generica fbf della LPO contenente la variabile individuale x, i quantificatori sono usati per codificare proposizioni della forma per ogni individuo x la proposizione H[x] è vera per qualche individuo x la proposizione H[x] è vera La sintassi dei due tipi di proposizioni nella LPO è la seguente 'x H[x] (x H[x] Esempi: 'x (R(x) & S(x)), 'x (R(x) % Q(a,x)), (x (R(F 1 (x)) $ Q(x,y)) In realtà non tutte le formule della forma 'x H[x] e (x H[x] sono fbf: la sintassi della LPO pone alcune limitazioni sulla fbf H[x], legate ai concetti di raggio d azione dei quantificatori e di variabili libere o vincolate il raggio d azione di un quantificatore è l espressione subito alla sua destra (delimitata da parentesi per evitare ambiguità), sulla quale esso agisce una variabile individuale in una fbf è vincolata se è compresa nel raggio d azione di un quantificatore che agisce su di essa, è libera altrimenti Esempi il raggio d azione di 'x in 'x (P(x) % Q(x)) $ R(x) è P(x) % Q(x), mentre in 'x ((P(x) % Q(x)) $ R(x)) è (P(x) % Q(x)) $ R(x). Nel primo caso, la x di R(x) è libera, nel secondo caso tutte le occorrenze della x sono vincolate il raggio d azione di (x in (x (R(x,y)) $ Q(y) è R(x,y). La x in R(x,y) è vincolata, mentre le occorrenze della y sono libere Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 9 Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 10 Sintassi della LPO: quantificatori Sintassi della LPO È ora possibile completare la definizione delle fbf della LPO con le seguenti regole: se H è una fbf e x è una variabile individuale libera in H, allora 'x H e (x H sono fbf nient altro è una fbf La prima regola implica che non è consentito quantificare una variabile già vincolata. Es.: se H[x] è una fbf e x è libera in H, non sono fbf formule come 'x ('x H[x]), 'x ((x H[x]), (x ('x H[x]) e (x ((x H[x]) non è consentito quantificare una variabile che non compaia in una fbf. Es.: formule come 'z P(x,y) e (w (P(x) & 'z S(y,z)) non sono fbf Riassumendo, le regole che definiscono la sintassi della LPO sono le seguenti le variabili proposizionali P, Q,... sono fbf (atomiche) i predicati della forma P(t 1 ) sono fbf (atomiche se t 1 sono termini individuali semplici, composte se almeno uno dei t i è composto) se H è una fbf, "H è una fbf (composta) se H e K sono fbf, H$K, H%K e H&K sono fbf (composte) se H è una fbf e x è una variabile individuale libera in H, allora 'x H e (x H sono fbf nient altro è una fbf Se una fbf contiene solo variabili vincolate si dice chiusa, altrimenti si dice aperta Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 11 Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 12

4 Semantica della LPO: termini individuali e predicati Semantica della LPO: formule chiuse La definizione della sematica della LPO, cioè del significato delle sue fbf, è più complessa rispetto a quella della LP, e richiede tre passi preliminari definizione di un universo, o dominio, cioè l insieme (finito o infinito) di individui che si prendono in considerazione (per es., l insieme degli studenti che seguono un dato corso, l insieme dei numeri naturali, ecc.) interpretazione (definizione del significato) delle costanti individuali: una costante individuale denota un determinato individuo del dominio interpretazione dei predicati: il significato di un predicato a n argomenti è la sua estensione, cioè l insieme di n-uple (ordinate) del dominio per cui il predicato è vero. Es.: nel dominio (infinito) dei numeri naturali {0, 1, 2,...} il significato (estensione) del predicato binario maggiore di è l insieme (infinito) di coppie ordinate (m,n) tali che m>n: {(1,0), (2,0),..., (2,1),... } il significato della relazione unaria essere un numero pari è l insieme di singoletti {(2), (4), (6),... } Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 13 Si considerino ora fbf chiuse: analogamente alla LP, tali fbf hanno un valore di verità che può essere o vero oppure falso, e si determina come segue Dati un dominio U e un interpretazione I di costanti individuali e predicati: una fbf atomica chiusa del tipo P(t 1 ) sarà vera se la n-upla di elementi di U (u 1,u 2,...,u n ) tali che u i sia l intepretazione di t i fa parte dell estensione di P, falsa altrimenti se H e K sono fbf chiuse, il valore di verità di "H, H$K, H%K e H&K è definito dalle tavole di verità dei connettivi se H[x] è una fbf in cui solo la variabile x è libera la fbf 'x H[x] è vera se la formula H[t], dove t è una costante individuale, è vera per ogni elemento del dominio, cioè se non esistono elementi del dominio per cui H[t] è falsa (intuitivamente, 'x H[x] rappresenta l enunciato tutti gli elementi del dominio godono della proprietà H ) la fbf (x H[x] è vera se e solo se la fbf H[t] (con t costante individuale) è vera per almeno un elemento del dominio, (intuitivamente, (x H[x] rappresenta l enunciato qualche elemento del dominio gode della proprietà H ) Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 14 Semantica delle formule chiuse: esempi Semantica delle formule chiuse: esempi Si consideri il dominio delle capitali degli stati europei {Roma, Parigi,...} sia l individuo Roma l interpretazione della costante individuale Roma e l individuo Parigi quella della costante individuale Parigi sia {(Roma), (Parigi),...} l estensione del predicato P (P potrebbe quindi rappresentare il predicato essere una capitale ) e ) l estensione di Q (che potrebbe rappresentare il predicato essere un fiume ) Allora, secondo le regole precedenti P(Roma), P(Parigi), P(Roma)$P(Parigi), "Q(Roma), 'x P(x) e "((x Q(x)) sono fbf vere Q(Roma), (x Q(x), "P(Parigi), P(Roma)$Q(Parigi) e P(Roma)&Q(Parigi) sono fbf false Si noti che in LPO non si può parlare di verità o falsità di una fbf in generale, ma solo in rapporto a un dato dominio Si consideri per es. la fbf 'x ((y (y<x)), in cui il simbolo < è una costante predicativa con l usuale significato essere minore di nel dominio dei numeri naturali N={0, 1, 2,...} tale fbf rappresenta l enunciato ogni numero naturale è maggiore di qualche numero naturale. L estensione di < è l insieme delle coppie odinate (m,n) di elementi di N tali che m<n. In tale dominio la fbf è falsa, poiché 0 non è maggiore di nessun numero naturale. In modo più rigoroso, si noti che la fbf (y (y<0) è falsa, e quindi secondo la semantica di ', 'x ((y (y<x)) è falsa nel dominio dei numeri reali la fbf precedente è invece chiaramente vera Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 15 Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 16

5 Semantica della LPO: formule aperte Soddisfacibilità e validità Si consideri la fbf aperta (x<a), nel dominio dei numeri naturali e nell interpretazione usuale del predicato <. Sia inoltre il numero 5 l interpretazione della costante individuale A Nel dominio e nell interpretazione dati, la fbf (x<a) è vera o falsa? Per stabilirlo è necessario un passo ulteriore, che consiste nell intepretare anche la variabile libera x. È chiaro che se x denota per es. il numero 3, la fbf è vera, mentre è falsa se x denota il numero 8 Quindi la verità delle fbf aperte dipende anche dall interpretazione di tutte le variabili libere NOTA: l utilità delle fbf aperte sarà chiarita nel prossimo capitolo, quando si presenterà la regola d inferenza di eliminazione del quantificatore esistenziale Dato un dominio, si dice modello un interpretazione dei predicati e delle costanti individuali In generale, una data fbf (sia chiusa che aperta) potrà essere vera o falsa a seconda del dominio considerato e del modello, come le fbf 'x ((y (y<x)) e (x<a) di esempi precedenti. Tali fbf sono dette soddisfacibili Esistono però anche fbf la cui verità o falsità non dipende nè dal dominio nè dal modello, ma solo dalla loro forma. Tali fbf sono cioè vere (false) per qualunque dominio e qualunque modello, e sono dette valide (contraddittorie). Per es., è facile verificare che 'x (P(x) & P(x)), P(x) % ("P(x)) e P(A) % ("P(A)) sono valide (x (P(x) $ ("P(x))), P(x) $ ("P(x)) e P(A) $ ("P(A)) sono contraddittorie Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 17 Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 18 Osservazione sui quantificatori Formule con il quantificatore universale Si consideri un dominio finito {u 1,..., u m } Dalla semantica di ' si deduce che, in tale dominio, una fbf del tipo 'x H[x] è vera se e solo se sono vere tutte le fbf H[u 1 ],..., H[u m ], cioè se e solo se è vera H[u 1 ]$... $H[u m ] Analogamente, dalla semantica di ( si deduce che una fbf del tipo (x H[x] è vera se e solo se almeno una delle fbf H[u 1 ],..., H[u m ] è vera, cioè se e solo se è vera H[u 1 ]%... %H[u m ] Quindi nel caso di un dominio finito le fbf quantificate possono sempre essere riscritte (almeno in principio) usando solo connettivi Nei dominii infiniti questo non è invece possibile, poiché la congiunzione o disgiunzione di un numero infinito di fbf non è una fbf Questo significa che i quantificatori sono indispensabili solo nel caso di dominii infiniti Si è detto che una fbf del tipo 'x H[x] rappresenta l enunciato tutti gli elementi del dominio godono della proprietà H Nel linguaggio naturale sono comuni proposizioni della forma ogni P è Q (dove P e Q denotano predicati). Tali proposizioni possono essere ricondotte alla forma precedente trasformandole in per ogni individuo x, se x è P allora x è Q In questo caso, il fatto che un singolo individuo x goda della proprietà H può essere espresso mediante la fbf P(x) & Q(x), e quindi la proposizione ogni P è Q può essere espressa con la fbf 'x (P(x) & Q(x)) Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 19 Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 20

6 Formule con il quantificatore universale: esempio Formule con il quantificatore esistenziale Si consideri come dominio un insieme di persone, e due predicati a un argomento Re e Malvagio (con il significato intuitivo). La proposizione tutti i re sono malvagi si può rappresentare con la formula 'x (Re(x) & Malvagio(x)) Si noti che, secondo la semantica della LPO, la fbf precedente è falsa solo se nel dominio c è qualche re che non è malvagio è vera anche se nessun individuo del dominio è un re (poiché in tal caso l antecedente dell implicazione è falso per ogni individuo) in un dominio finito {u 1,..., u m }, indicando con A 1, A 2,..., A m le corrispondenti costanti individuali, la fbf equivale a (Re(A 1 ) & Malvagio(A 1 )) $... $ (Re(A m ) & Malvagio(A m )) Una fbf del tipo (x H[x] rappresenta l enunciato qualche individuo gode della proprietà H A tale forma possono essere ricondotte le proposizioni come qualche P è Q, trasformandole in per qualche individuo x, x è P e x è Q In questo caso, il fatto che un singolo individuo x goda della proprietà H può essere espresso mediante la fbf P(x) $ Q(x), e quindi la proposizione qualche P è Q può essere espressa con la fbf (x (P(x) $ Q(x)) Un errore comune è quello di rappresentare un enunciato come tutti i P sono Q con la formula 'x (P(x) $ Q(x)). Secondo la semantica di ', il significato di tale formula è invece tutti gli individui del dominio sono sia P che Q, che è chiaramente diverso dal significato desiderato Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 21 Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 22 Formule con il quantificatore esistenziale: esempio Legami tra i quantificatori Si considerino ancora il dominio e i predicati dell esempio precedente. La proposizione qualche re è malvagio può essere rappresentata con la formula (x (Re(x) $ Malvagio(x)) Tale fbf è falsa se e solo se nel dominio non esistono individui che siano re e siano malvagi in un dominio finito {u 1,..., u m }, indicando con A 1, A 2,..., A m le corrispondenti costanti individuali, la fbf equivale a (Re(A 1 ) $ Malvagio(A 1 )) %... % (Re(A m ) $ Malvagio(A m )) Un errore comune è quello di interpretare un enuciato come qualche P è Q con per qualche x, se x è P allora x è Q, rappresentandolo quindi con la formula (x (P(x) & Q(x)). Tuttavia tale formula è vera anche se non esiste nessun individuo che sia P e sia anche Q (poiché in questo caso P(x) è falsa per qualsiasi x), e non corrisponde quindi all enunciato qualche P è Q Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 23 È facile dimostrare le seguenti equivalenze, che mettono in relazione i due quantificatori della LPO per mezzo del connettivo di negazione 'x ("H[x]) * "+(x H[x]) "+'x H[x]) * (x ("H[x]) 'x H[x] * "+(x ("H[x])) (x H[x] * "('x ("H[x])) Per es., la prima equivalenza si dimostra come segue: 'x ("H[x]) è vera se e solo se H[x] è falsa per ogni individuo, cioè se e solo se non esiste un individuo x tale che H[x] sia vera, cioè se e solo se "+(x H[x]) è vera Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 24

7 Quantificatori annidati Il predicato di uguaglianza Le fbf in cui compaia una sequenza di variabili quantificate nello stesso modo, come 'x('y('z... H[x,y,z,...]... )) e (x((y((z... H[x,y,z,...]... )) vengono scritte per semplicità come 'x,y,z,... H[x,y,z,...] e (x,y,z,... H[x,y,z,...] Nel caso in cui una fbf contenga sia variabili quantificate universalmente che variabili quantificate esistenzialmente, il suo significato dipende dall ordine dei quantificatori Esempio: è facile verificare che nel dominio dei numeri reali 'x ((y (x>y)) significa ogni numero reale è maggiore di qualche altro numero reale (tale fbf è quidi vera) (y ('x (x>y)) significa invece qualche numero reale è minore di tutti i numeri reali (ed è quindi falsa) Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 25 Si supponga di voler rappresentare l enunciato qualche coppia di individui distinti x, y gode della proprietà H[x,y]. La fbf (x,y H[x,y] lo rappresenta correttamente? In generale la risposta è no, poiché la semantica dei quantificatori non richiede che le variabili denotino individui distinti. Per es., in un dominio finito {u 1,...,u m } i cui individui siano denotati dalle costanti A 1,..., A m, (x,y H[x,y] equivale a H[A 1,A 1 ] %... % H[A 1,A m ] % H[A 2,A 1 ] % H[A 2,A 2 ] %... % H[A m,a m ] Quindi, in generale, (x,y H[x,y] significa: qualche coppia di individui distinti x e y gode della proprietà H[x,y], oppure uno stesso individuo x gode della proprietà H[x,x] Esempio: si considerino un dominio composto da un insieme di persone, il predicato binario Fratello che sta per essere ratello di, e la costante Luca. L enunciato Luca ha almeno due fratelli non è rappresentato correttamente dalla fbf (x,y (Fratello(x,Luca) $ Fratello(y,Luca)) Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 26 Il predicato di uguaglianza Il predicato di uguaglianza Il problema precedente può essere superato introducendo il predicato binario di uguaglianza, la cui estensione consiste nell insieme di tutte le coppie di individui identici del dominio. Per es., nel dominio dei numeri naturali la sua estensione è {(0,0), (1,1), (2,2),...} Per semplicità, tale predicato viene spesso indicato con il simbolo =, e viene scritto nella forma (t 1 = t 2 ) Mediante il pedicato di uguaglianza è possibile rappresentare correttamente enunciati come qualche coppia di individui distinti x, y gode della proprietà H[x,y], nel modo seguente (x,y (H[x,y] $ "(x = y)) Per es., l enunciato Luca ha almeno due fratelli può essere rappresentato da (x,y (Fratello(x,Luca) $ Fratello(y,Luca) $ "(x = y)) Mediante il predicato di uguaglianza è anche possibile rappresentare enunciati del tipo esiste un unico individuo che goda della proprietà H L unicità non è infatti garantita dal quantificatore esistenziale in una fbf del tipo (x H[x]. L enunciato precedente è invece rappresentato correttamente dalla seguente fbf: (x (H[x] $ ('y (H[y] & (x = y)))) Il significato di tale fbf è qualche individuo gode della proprietà H, e ogni individuo che ne gode coincide con esso Per es., Luca ha un solo fratello può essere rappresenta dalla fbf (x (Fratello(x,Luca) $ ('y (Fratello(y,Luca) & (x = y)))) Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 27 Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 28

8 Esempio: gli assiomi di Peano-Russell Esempio: gli assiomi di Peano-Russell Si considerino i seguenti assiomi della teoria dei numeri, proposti dal matematico tedesco R. Dedekind: A1: 0 è un numero naturale A2: il successore di un numero naturale è un numero naturale A3: zero non è il successore di nessun numero naturale A4: se due numeri naturali hanno lo stesso successore, allora sono uguali A5: se 0 è P, e se ogni volta che un numero qualsiasi è P anche il suo successore è P, allora tutti i numeri naturali sono P (dove P denota una proprietà qualsiasi) Gli assiomi di Dedekind furono formalizzati nel linguaggio della LPO da G. Peano e B. Russell, nel modo seguente. Si consideri il dominio dei numeri naturali {0,1,2,...} la costante individuale Z il cui significato sia l individuo 0 il predicato unario N il cui significato sia essere un numero naturale (la sua estensione è dunque {(0), (1), (2),...}, e il predicato di uguaglianza la funzione S, che associa ad ogni numero il suo successore Gli assiomi di Peano-Russell sono i seguenti A1: N(Z) A2: 'x (N(x) & N(S(x))) A3: "(x N(x) $ (Z = S(x)) A4: 'x,y ((N(x) $ N(y) $ (S(x) = S(y)) & (x = y)) A5: (P(Z) $ 'x ( (N(x) $ P(x)) & P(S(x)))) & ('x (N(x) & P(x))) Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 29 Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 30 Logica del primo e del secondo ordine È ora possibile spiegare il significato di logica del primo ordine Nella LPO i quantificatori possono agire solo su variabili individuali, e non su variabili predicative. Nel linguaggio formale della LPO è quindi possibile rappresentare enunciati come ogni individuo x gode della proprietà P, ma non enunciati come per ogni proprietà P, c è almeno un individuo che ne gode Tali enunciati possono invece essere rappresentati in un linguaggio predicativo che consente di quantificare sia le variabili individuali che quelle predicative, che per questo motivo è detto logica del secondo ordine (LSO) La sintassi della LSO si ottiene semplicemente aggiungendo la seguente regola a quelle che definiscono la semantica della LPO: se H è una fbf e la variabile predicativa P è libera in H, allora 'P(H) e (P(H) sono fbf La LSO ha maggiore potere espressivo della LPO (ogni fbf della LPO è anche fbf della LSO, mentre non vale il viceversa). Tuttavia la LSO presenta anche notevoli problemi che la rendono meno utile della LPO Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Logica dei predicati Prof. Ing. F. Roli 31

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Predicati e Quantificatori

Predicati e Quantificatori Predicati e Quantificatori Limitazioni della logica proposizionale! Logica proposizionale: il mondo è descritto attraverso proposizioni elementari e loro combinazioni logiche! I singoli oggetti cui si

Dettagli

Logica dei predicati

Logica dei predicati IV Logica dei predicati 14. FORMULE PREDICATIVE E QUANTIFICATORI 14.1. Dalla segnatura alle formule predicative Il simbolo (x).ϕ(x) [per ogni x, ϕ(x) è vera] denota una proposizione definita, e non c è

Dettagli

Alcune nozioni di base di Logica Matematica

Alcune nozioni di base di Logica Matematica Alcune nozioni di base di Logica Matematica Ad uso del corsi di Programmazione I e II Nicola Galesi Dipartimento di Informatica Sapienza Universitá Roma November 1, 2007 Questa é una breve raccolta di

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Algebra e Logica Matematica. Calcolo delle proposizioni Logica del primo ordine

Algebra e Logica Matematica. Calcolo delle proposizioni Logica del primo ordine Università di Bergamo Anno accademico 2006 2007 Ingegneria Informatica Foglio Algebra e Logica Matematica Calcolo delle proposizioni Logica del primo ordine Esercizio.. Costruire le tavole di verità per

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica

Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Esercitazioni per il corso di Logica Matematica Luca Motto Ros 14 marzo 2005 Nota importante. Queste pagine contengono appunti personali dell esercitatore e sono messe a disposizione nel caso possano risultare

Dettagli

Linguaggi Elementari

Linguaggi Elementari Linguaggi Elementari Marzo 2007 In questi appunti verranno introdotte le conoscenze essenziali relative ai linguaggi del primo ordine e alla loro semantica. Verrà anche spiegato come preprocessare un problema

Dettagli

2. Semantica proposizionale classica

2. Semantica proposizionale classica 20 1. LINGUAGGIO E SEMANTICA 2. Semantica proposizionale classica Ritorniamo un passo indietro all insieme dei connettivi proposizionali che abbiamo utilizzato nella definizione degli enunciati di L. L

Dettagli

Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2007 2008. Parte 1: NOZIONI DI BASE

Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2007 2008. Parte 1: NOZIONI DI BASE Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2007 2008 Parte 1: NOZIONI DI BASE 1 Indice 1 Nozioni introduttive 3 1.1 Insiemi..................................... 3 1.2 Operazioni tra insiemi.............................

Dettagli

LOGICA E LINGUAGGIO. Caserta, 21 febbraio 2011. Dott. Michele Bovenzi

LOGICA E LINGUAGGIO. Caserta, 21 febbraio 2011. Dott. Michele Bovenzi LOGICA E LINGUAGGIO Caserta, 2 febbraio 2 Dott. Michele Bovenzi Una breve introduzione La logica nasce nell antichità come disciplina che studia i principi e le regole del ragionamento, ne valuta la correttezza

Dettagli

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. Universitá di Bologna

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. <sacerdot@cs.unibo.it> Universitá di Bologna Linguaggi 18: Semantica della logica del prim ordine Universitá di Bologna 11/04/2011 Outline Semantica della logica del prim ordine 1 Semantica della logica del prim ordine Semantica

Dettagli

Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2008 2009

Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2008 2009 Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2008 2009 2 Indice I INSIEMI E NUMERI 5 1 Insiemi e applicazioni 7 1.1 Insiemi..................................... 7 1.2 Operazioni tra insiemi.............................

Dettagli

x u v(p(x, fx) q(u, v)), e poi

x u v(p(x, fx) q(u, v)), e poi 0.1. Skolemizzazione. Ogni enunciato F (o insieme di enunciati Γ) è equisoddisfacibile ad un enunciato universale (o insieme di enunciati universali) in un linguaggio estensione del linguaggio di F (di

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Logica del primo ordine Sistema formale sviluppato in ambito matematico formalizzazione delle leggi del pensiero strette relazioni con studi filosofici In ambito Intelligenza Artificiale logica come linguaggio

Dettagli

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2)

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Algebra e Geometria Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Traccia delle lezioni che saranno svolte nell anno accademico 2012/13 I seguenti appunti

Dettagli

Analisi e specifica dei requisiti

Analisi e specifica dei requisiti Capitolo 3 Analisi e specifica dei requisiti In questo capitolo presentiamo alcuni linguaggi e metodi usati nella fase di analisi e specifica dei requisiti. I requisiti descrivono ciò che l utente si aspetta

Dettagli

CAPITOLO 3 TRASFORMARE FORMULE E DEDURRE DA TEORIE.

CAPITOLO 3 TRASFORMARE FORMULE E DEDURRE DA TEORIE. pag. 1 Capitolo 3 CAPITOLO 3 TRASFORMARE FORMULE E DEDURRE DA TEORIE. 1. Sistemi di trasformazione. La nozione di relazione binaria che abbiamo già esaminato nel capitolo precedente è anche alla base della

Dettagli

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI

ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Università di Salerno Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Corso B Docente: Ing. Giovanni Secondulfo Anno Accademico 2010-2011 ALGEBRA DELLE PROPOSIZIONI Fondamenti di Informatica Algebra

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) Un insieme è una collezione di oggetti. Il concetto di insieme è un concetto primitivo. Deve esistere un criterio chiaro, preciso, non ambiguo, inequivocabile,

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica. Dispense del corso di ALGEBRA I

Corso di Laurea in Matematica. Dispense del corso di ALGEBRA I Corso di Laurea in Matematica Dispense del corso di ALGEBRA I a.a. 2012 2013 2 Cos è l anima?. Al negativo è facile da definire: per l appunto ciò che si affretta a rintanarsi quando sente parlare di serie

Dettagli

Dispense per il laboratorio di rappresentazione e algoritmi

Dispense per il laboratorio di rappresentazione e algoritmi Dispense per il laboratorio di rappresentazione e algoritmi 1. Introduzione All interno di un elaboratore esistono diversi livelli di descrizione delle informazioni. Il livello più basso è rappresentato

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

LOGICA MATEMATICA E CONCETTUALIZZAZIONE

LOGICA MATEMATICA E CONCETTUALIZZAZIONE STEFANO FERILLI Monografia su LOGICA MATEMATICA E CONCETTUALIZZAZIONE Università degli Studi di Bari Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Corso di Ingegneria

Dettagli

Il problema della ver-calità. Maffini Achille Liceo Scientifico Ulivi (PR)

Il problema della ver-calità. Maffini Achille Liceo Scientifico Ulivi (PR) Il problema della ver-calità Maffini Achille Liceo Scientifico Ulivi (PR) 1 I problemi della ver-calità: una consegna Quali problemi individui nella costruzione di un curricolo veramente verticale? Su

Dettagli

Il primo teorema di incompletezza di Gödel

Il primo teorema di incompletezza di Gödel Il primo teorema di incompletezza di Gödel Stefano Nasini Dept. of Statistics and Operations Research Universitat Politécnica de Catalunya 1. Introduzione Questo documento vuole essere una spiegazione

Dettagli

Algebra booleana. Si dice enunciato una proposizione che può essere soltanto vera o falsa.

Algebra booleana. Si dice enunciato una proposizione che può essere soltanto vera o falsa. Algebra booleana Nel lavoro di programmazione capita spesso di dover ricorrere ai principi della logica degli enunciati e occorre conoscere i concetti di base dell algebra delle proposizioni. L algebra

Dettagli

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) [# Aii [10 pagine]] Algebre di Boole Un algebra di Boole è una struttura 1. Definizione e proprietá B =< B,,, ν, 0, 1 > in cui B è un insieme non

Dettagli

6.6 Il calcolo relazionale su tuple

6.6 Il calcolo relazionale su tuple Capitolo 6 Approfondimento Web 1 6.6 Il calcolo relazionale su tuple In questo paragrafo e nel successivo descriviamo un altro linguaggio di interrogazione formale per il modello relazionale chiamato calcolo

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Esercitazione. Proposizioni. April 16, 2015. Esercizi presi dal libro di Rosen (useremo 0 per False e 1 per True). Problema 15, sezione 1.1.

Esercitazione. Proposizioni. April 16, 2015. Esercizi presi dal libro di Rosen (useremo 0 per False e 1 per True). Problema 15, sezione 1.1. Esercitazione Proposizioni April 16, 2015 Esercizi presi dal libro di Rosen (useremo 0 per False e 1 per True). Problema 15, sezione 1.1. 1. Consideriamo le proposizioni: - p : Gli orsi grizzly sono stati

Dettagli

Cenni di Logica matematica

Cenni di Logica matematica Cenni di Logica matematica May 8, 2007 1 Calcolo proposizionale Una proposizione è una frase che è o vera oppure falsa ma non entrambe. Esempio 1.1 Le seguenti frasi sono proposizioni. 1. Milano è la capitale

Dettagli

AILA (Associazione Italiana di Logica e Applicazioni)

AILA (Associazione Italiana di Logica e Applicazioni) 1 Ricerca-formazione 2007-2008 Laboratorio di Logica per la Scuola Superiore Inferenza, Simbolo, Linguaggio: la forma logica del linguaggio secondo Frege (Inferenza-simbolo A2) Paolo Gentilini Genova,

Dettagli

Calcolo dei Sequenti Predicativo: Note ed Esercizi

Calcolo dei Sequenti Predicativo: Note ed Esercizi Calcolo dei Sequenti Predicativo: Note ed Esercizi mace@dsi.unive.it 15 novembre 2007 1 Logica predicativa: sintassi La logica proposizionale è piuttosto limitata. La logica predicativa estende quella

Dettagli

Corso di LOGICA II: indagini semantiche su modalità e quantificazione. Uno studio di logica della necessità e della possibilità

Corso di LOGICA II: indagini semantiche su modalità e quantificazione. Uno studio di logica della necessità e della possibilità Corso di LOGICA II: indagini semantiche su modalità e quantificazione. Uno studio di logica della necessità e della possibilità Luisa Bortolotti Trento, 30.04.04 Lezione 26 : IL SISTEMA K-G (3) 2. MODALITA

Dettagli

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Andrea Bobbio Anno Accademico 2000-2001 Algebra Booleana 2 Calcolatore come rete logica Il calcolatore può essere visto come una rete logica

Dettagli

Indecidibilità, indefinibilità e incompletezza. 1

Indecidibilità, indefinibilità e incompletezza. 1 Indecidibilità, indefinibilità e incompletezza. 1 Possiamo ora trattare unitariamente alcuni dei principali risultati negativi della logica: il teorema di Church sull'indecidibilità della logica, il teorema

Dettagli

Presentazione delle lezioni (I parte del corso di Statistica sociale) Corso di Matematica e Statistica 1 Logica, simboli, successioni

Presentazione delle lezioni (I parte del corso di Statistica sociale) Corso di Matematica e Statistica 1 Logica, simboli, successioni Pordenone Corso di Matematica e Statistica Logica, simboli, successioni Presentazione delle lezioni (I parte del corso di Statistica sociale) Lezione : Logica, simboli, successioni Lezione 2: Funzioni,

Dettagli

Matematica Discreta. Gianfranco Niesi. Appunti per il corso di. C.S. in Informatica. Dipartimento di Matematica A.A. 2005-2006

Matematica Discreta. Gianfranco Niesi. Appunti per il corso di. C.S. in Informatica. Dipartimento di Matematica A.A. 2005-2006 Appunti per il corso di Matematica Discreta C.S. in Informatica UNIVERSITÀ DI GENOVA A.A. 2005-2006 Gianfranco Niesi Dipartimento di Matematica URL: http://www.dima.unige.it/ niesi 4 ottobre 2005 2 Indice

Dettagli

f: AxB f(x)=y, f={ per ogni x in A esiste unica y in B f(x)=y} f={<1,2>, <2,3>, <3,3>} : {1,2,3} {1,2,3} f(1)=2, f(2)=3, f(3)=3

f: AxB f(x)=y, f={<x,y> per ogni x in A esiste unica y in B f(x)=y} f={<1,2>, <2,3>, <3,3>} : {1,2,3} {1,2,3} f(1)=2, f(2)=3, f(3)=3 Insieme delle parti di A : Funzione : insieme i cui elementi sono TUTTI i sottoinsiemi di A f: AxB f(x)=y, f={ per ogni x in A esiste unica y in B f(x)=y} f={, , } : {1,2,3} {1,2,3}

Dettagli

Entropia. Motivazione. ? Quant è l informazione portata dalla sequenza? Abbiamo una sequenza S di N simboli (campioni audio, pixel, caratteri,...

Entropia. Motivazione. ? Quant è l informazione portata dalla sequenza? Abbiamo una sequenza S di N simboli (campioni audio, pixel, caratteri,... Entropia Motivazione Abbiamo una sequenza S di N simboli (campioni audio, pixel, caratteri,... ) s,s 2,s 3,... ognuno dei quali appartiene ad un alfabeto A di M elementi.? Quant è l informazione portata

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello V. M. Abrusci 12 ottobre 2015 0.1 Problemi logici basilari sulle classi Le classi sono uno dei temi della logica. Esponiamo in questa

Dettagli

I FONDAMENTI DELLA MATEMATICA

I FONDAMENTI DELLA MATEMATICA I FONDAMENTI DELLA MATEMATICA Concettina Gaccetta 1 Sunto: La scoperta delle geometrie non euclidee ha dimostrato la possibilità di formulare più teorie ugualmente coerenti, riferite agli stessi enti matematici.

Dettagli

Linguaggi del I ordine - semantica. Per dare significato ad una formula del I ordine bisogna specificare

Linguaggi del I ordine - semantica. Per dare significato ad una formula del I ordine bisogna specificare Linguaggi del I ordine - semantica Per dare significato ad una formula del I ordine bisogna specificare Un dominio Un interpretazione Un assegnamento 1 Linguaggi del I ordine - semantica (ctnd.1) Un modello

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE pag. 131 Appendice: Nozioni base e varie G. Gerla APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE 1. Funzioni e relazioni di equivalenza Questi appunti sono rivolti a persone che abbiano già una conoscenza elementare della

Dettagli

LOGICA PER LA PROGRAMMAZIONE. Franco Turini turini@di.unipi.it

LOGICA PER LA PROGRAMMAZIONE. Franco Turini turini@di.unipi.it LOGICA PER LA PROGRAMMAZIONE Franco Turini turini@di.unipi.it IPSE DIXIT Si consideri la frase: in un dato campione di pazienti, chi ha fatto uso di droghe pesanti ha utilizzato anche droghe leggere. Quali

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Calcolo Relazionale Basi di dati e sistemi informativi 1. Calcolo Relazionale. Angelo Montanari

Calcolo Relazionale Basi di dati e sistemi informativi 1. Calcolo Relazionale. Angelo Montanari Calcolo Relazionale Basi di dati e sistemi informativi 1 Calcolo Relazionale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Calcolo Relazionale Basi di dati e sistemi informativi

Dettagli

Anno 1. Definizione di Logica e operazioni logiche

Anno 1. Definizione di Logica e operazioni logiche Anno 1 Definizione di Logica e operazioni logiche 1 Introduzione In questa lezione ci occuperemo di descrivere la definizione di logica matematica e di operazioni logiche. Che cos è la logica matematica?

Dettagli

Rappresentazione della conoscenza. ha poco potere espressivo in quanto ha un ontologia limitata: il mondo consiste di fatti, es.

Rappresentazione della conoscenza. ha poco potere espressivo in quanto ha un ontologia limitata: il mondo consiste di fatti, es. Scaletta argomenti: Rappresentazione della conoscenza Logica del primo ordine Logiche non-monotone Reti semantiche Frame e script Regole di produzione Logica del Primo Ordine - Logica proposizionale ha

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 2 Logica delle proposizioni

Dettagli

APPUNTI ED ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA. Margherita Roggero

APPUNTI ED ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA. Margherita Roggero APPUNTI ED ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA Margherita Roggero A.A. 2005/2006 M. Roggero - Appunti ed Esercizi di Matematica Discreta Introduzione Queste note contengono gli appunti del corso di Matematica

Dettagli

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche 1 Algebra Booleana e Variabili Logiche I fondamenti dell Algebra Booleana (o Algebra di Boole) furono delineati dal matematico George Boole, in un lavoro pubblicato

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

1. PRIME PROPRIETÀ 2

1. PRIME PROPRIETÀ 2 RELAZIONI 1. Prime proprietà Il significato comune del concetto di relazione è facilmente intuibile: due elementi sono in relazione se c è un legame tra loro descritto da una certa proprietà; ad esempio,

Dettagli

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive 2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive Il procedimento costruttivo dato dal teorema di ricorsione suggerisce due fatti importanti. Una buona definizione ricorsiva deve essere tale da garantire

Dettagli

La competenza semantica La semantica frasale

La competenza semantica La semantica frasale La competenza semantica La semantica frasale (1) Gianni è arrivato ieri mattina! (2) Gianni è arrivato ieri (implicazione) Linguistica generale, Parte a.a. 2007-2008 (1 ') Nessuno studente è arrivato ieri

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1

APPUNTI DEL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 APPUNTI DEL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 Gino Tironi Stesura provvisoria del 24 settembre, 2007. ii Indice 1 Insiemi e logica 1 1.1 Preliminari......................................... 1 1.2 Cenni di

Dettagli

Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione

Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione Entropia Informazione associata a valore x avente probabilitá p(x é i(x = log 2 p(x Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione Entropia di v.c. X P : informazione media elementi di X H(X =

Dettagli

FOCUS GROUP. Trento, 06.02.2004 e 13.02.2004

FOCUS GROUP. Trento, 06.02.2004 e 13.02.2004 FOCUS GROUP Trento, 06.02.2004 e 13.02.2004 Progetto Divulgazione della logica come base per la comprensione dell informatica Documentazione C19.2004 Luisa Bortolotti perché un focus group? perché da tempo

Dettagli

Errori più comuni. nelle prove scritte

Errori più comuni. nelle prove scritte Errori più comuni nelle prove scritte Gli errori più frequenti, e reiterati da chi sostiene diverse prove, sono innanzi tutto meta-errori, cioè errori che non riguardano tanto l applicazione delle tecniche,

Dettagli

Lezione 8. La macchina universale

Lezione 8. La macchina universale Lezione 8 Algoritmi La macchina universale Un elaboratore o computer è una macchina digitale, elettronica, automatica capace di effettuare trasformazioni o elaborazioni su i dati digitale= l informazione

Dettagli

Albero semantico. Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni.

Albero semantico. Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni. Albero semantico Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni. A differenza dell albero sintattico (che analizza la formula da un punto di vista puramente

Dettagli

Appendice A. Il sistema assiomatico di Zermelo per la teoria degli insiemi

Appendice A. Il sistema assiomatico di Zermelo per la teoria degli insiemi Appendice A Il sistema assiomatico di Zermelo per la teoria degli insiemi Ernest Zermelo (1871-1953) rilevò che la presenza delle antinomie poteva essere collegata ad un insufficiente definizione del concetto

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

L algebra di Boole. Cenni Corso di Reti Logiche B. Mariagiovanna Sami

L algebra di Boole. Cenni Corso di Reti Logiche B. Mariagiovanna Sami L algebra di Boole Cenni Corso di Reti Logiche B Mariagiovanna Sami Algebra Booleana: sistema algebrico Operazione: Operazione α sull'insieme S={s1,s2,...} = funzione che da SxS (prodotto cartesiano S

Dettagli

Esercitazioni (a cura di R. Basili)

Esercitazioni (a cura di R. Basili) Esercitazioni (a cura di R. Basili) E1. Elementi di Algebra Insiemi Nozione intuitiva di insieme L'insieme vuoto Operazioni tra insiemi Domini Prodotto Cartesiano Proprieta' delle operazioni tra insiemi

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Implicazione logica. p q p q falsa falsa vera falsa vera vera vera falsa falsa vera vera vera

Implicazione logica. p q p q falsa falsa vera falsa vera vera vera falsa falsa vera vera vera Implicazione logica L implicazione logica è un connettivo logico attraverso il quale, a partire da due proposizioni p e q, si forma una nuova proposizione,chiamata p implica q e si scrive p q, la quale

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il concetto di Algoritmo e di Calcolatore Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Cos

Dettagli

Corso di LOGICA II: indagini semantiche su modalità e quantificazione. Uno studio di logica della necessità e della possibilità

Corso di LOGICA II: indagini semantiche su modalità e quantificazione. Uno studio di logica della necessità e della possibilità Corso di LOGICA II: indagini semantiche su modalità e quantificazione. Uno studio di logica della necessità e della possibilità Luisa Bortolotti Trento, 16.04.04 Lezione 24 : IL SISTEMA K-G (1) CAPITOLO

Dettagli

Lezioni di Geometria e Algebra. Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio

Lezioni di Geometria e Algebra. Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio Lezioni di Geometria e Algebra Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio CAPITOLO 0 Preliminari.. Insiemistica e logica Il presente Capitolo introduttivo ha lo scopo di ripassare alcuni argomenti

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 1) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

Insiemi e funzioni. Lorenzo Pisani Facoltà di Scienze Mm.Ff.Nn. Università degli Studi di Bari

Insiemi e funzioni. Lorenzo Pisani Facoltà di Scienze Mm.Ff.Nn. Università degli Studi di Bari Insiemi e funzioni Lorenzo Pisani Facoltà di Scienze Mm.Ff.Nn. Università degli Studi di Bari ottobre 2007 Indice 1 Insiemi 3 1.1 Inclusione............................... 5 1.2 Famiglie di insiemi..........................

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

I Insiemi e funzioni

I Insiemi e funzioni I Insiemi e funzioni 1. INSIEMI ED OPERAZIONI SU DI ESSI 1.1. Insiemi Dal punto di vista intuitivo, il concetto di insieme può essere fatto corrispondere all atto mentale mediante il quale associamo alcuni

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Anno Accademico 2009/2010 Appunti di Calcolabilità e Complessità Lezione 9: Introduzione alle logiche

Dettagli

NORMALIZZAZIONE DI SCHEMI RELAZIONALI. Prof.ssa Rosalba Giugno

NORMALIZZAZIONE DI SCHEMI RELAZIONALI. Prof.ssa Rosalba Giugno NORMALIZZAZIONE DI SCHEMI RELAZIONALI Prof.ssa Rosalba Giugno PROBLEMA GENERALE La progettazione concettuale e logica produce uno schema relazionale che rappresenta la realta dei dati nella nostra applicazione.

Dettagli

Corso di Laurea in INFORMATICA

Corso di Laurea in INFORMATICA Corso di Laurea in INFORMATICA Algoritmi e Strutture Dati MODULO 2. Algebre di dati Dati e rappresentazioni, requisiti delle astrazioni di dati, costrutti. Astrazioni di dati e dati primitivi. Specifica

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Appunti sulla Macchina di Turing. Macchina di Turing

Appunti sulla Macchina di Turing. Macchina di Turing Macchina di Turing Una macchina di Turing è costituita dai seguenti elementi (vedi fig. 1): a) una unità di memoria, detta memoria esterna, consistente in un nastro illimitato in entrambi i sensi e suddiviso

Dettagli

Algoritmo = Dati e Azioni Sistema numerico binario Rappresentazioni di numeri binari Rappresentazione in modulo e segno

Algoritmo = Dati e Azioni Sistema numerico binario Rappresentazioni di numeri binari Rappresentazione in modulo e segno Algoritmo = Dati e Azioni Dati: Numeri (naturali, interi, reali, ) Caratteri alfanumerici (a, b, c, ) Dati logici (vero, falso) Vettori di elementi, matrici, ([1,2,3], [[1,1],[1,2], ]) Azioni o istruzioni:

Dettagli

Operatori logici e porte logiche

Operatori logici e porte logiche Operatori logici e porte logiche Operatori unari.......................................... 730 Connettivo AND........................................ 730 Connettivo OR..........................................

Dettagli

Precorsi: Introduzione naïve alla logica ed alla teoria degli insiemi. Carlo Collari, Lapo Dini, Daniele Angella

Precorsi: Introduzione naïve alla logica ed alla teoria degli insiemi. Carlo Collari, Lapo Dini, Daniele Angella Precorsi: Introduzione naïve alla logica ed alla teoria degli insiemi. Carlo Collari, Lapo Dini, Daniele Angella CAPITOLO 1 Introduzione Per poter seguire un corso universitario di matematica, uno studente,

Dettagli

Se ad ogni elemento di A la relazione R associa un solo elemento di B, allora essa prende il nome di applicazione (funzione) di A in B.

Se ad ogni elemento di A la relazione R associa un solo elemento di B, allora essa prende il nome di applicazione (funzione) di A in B. 6. APPLICAZIONI o FUNZIONI Dati due insiemi A e B, sia R A B una relazione di A in B. Fissato un elemento x A può capitare che ad esso la relazione R associ un solo elemento di B, o che ne associ più di

Dettagli

Rappresentazione della conoscenza. Lezione 11. Rappresentazione della Conoscenza Daniele Nardi, 2008Lezione 11 0

Rappresentazione della conoscenza. Lezione 11. Rappresentazione della Conoscenza Daniele Nardi, 2008Lezione 11 0 Rappresentazione della conoscenza Lezione 11 Rappresentazione della Conoscenza Daniele Nardi, 2008Lezione 11 0 Sommario Pianificazione Deduttiva nel calcolo delle situazioni (Reiter 3.3) Teoria del calcolo

Dettagli

Dispensa del corso di Informatica

Dispensa del corso di Informatica Dispensa 6-Boolean 1 Algebra Booleana Dispensa del corso di Informatica La logica George Boole (1815 1864) è stato un matematico e logico britannico, ed è considerato il padre fondatore della logica matematica.

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Ingegneria della conoscenza

Ingegneria della conoscenza Ingegneria della conoscenza Appunti dalle lezioni 2005-06 Marco Colombetti, Politecnico di Milano Parte I: Le logiche descrittive e il linguaggio OWL 1. L ingegneria della conoscenza Il termine ingegneria

Dettagli

Università di Modena e Reggio Emilia CORSO INTRODUTTIVO DI INFORMATICA. (per gli studenti del primo anno di Ingegneria Informatica ed Elettronica)

Università di Modena e Reggio Emilia CORSO INTRODUTTIVO DI INFORMATICA. (per gli studenti del primo anno di Ingegneria Informatica ed Elettronica) Università di Modena e Reggio Emilia CORSO INTRODUTTIVO DI INFORMATICA (per gli studenti del primo anno di Ingegneria Informatica ed Elettronica) ARGOMENTI: Introduzione e presentazione del corso Parte

Dettagli