Integrali doppi e tripli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integrali doppi e tripli"

Transcript

1 negrli oppi e ripli NEGRAL OPP N OORNAE REANGOLAR Supponimo che l funione ( f si efini in un ominio chiuso e limio el pino O Suiviimo il ominio in mnier rbirri in n sooomini rispeivmene i re σ σ σ n e imero n (il imero i un ominio è l più grne isn r P ξ η in ciscun ue puni ll inerno ello sesso ominio Sceglimo un puno rbirrio ( sooominio e moliplichimo il vlore ell funione nel puno P k con l re el sooominio f sul ominio si efinisce con l sommori: L somm inegrle ell funione ( n k f ( ξ k η k σ k f ( ξ η σ f ( ξ η σ f ( ξ n ηn σ n L inegrle oppio ell funione ( f sul ominio è il limie ell somm inegrle per il mggiore ei imeri ei sooomini che ene ero: Se l funione ( ( σ lim f ( ξ η f m k k σ f è coninu in un ominio chiuso llor il limie ell somm inegrle esise e non ipene come è suiviso il ominio nei sooomini o ll seleione ei puni P k (eorem sull esisen ell inegrle oppio Se f ( > nel ominio llor l inegrle oppio f ( σ è ugule l volume el cilinro limio in lo ll superficie f ( lerlmene ll superficie con generrici prllele ll sse e soo l ominio el pino O n k k k k k k PRNPAL PROPREA EGL NEGRAL OPP [ f ( ± f ( ] σ f ( σ ± f ( o ( σ c f ( c f σ o σ ove c è un ne o Se il ominio inegrione è iviso in ue sooomini e llor ( σ f ( σ f ( f n coorine cresine l inegrle oppio è usulmene scrio come ( σ f

2 REGOLE PER ALOLARE GL NEGRAL OPP i sono ue principli forme el ominio i inegrione l ominio i inegrione è limio sull sinisr e sull esr ue linee ree e b ( < b e soo e sopr curve coninue ϕ( e ϕ ( [ ϕ( ϕ ( ] ciscun elle quli è inersec un line re vericle solo in un puno (fig Per le ominio l inegrle oppio può essere clcolo con l formul: f b ( f ( ϕ ( ϕ ( ϕ ( n queso cso l prim fre è clcolre l inegrle f ( come ne ϕ ( nel qule è consier l ominio i inegrione è limio soo e sopr lle linee ree c e (c < e sull sinisr e sull esr curve coninue ψ ( e ψ ( ( ψ ( ψ ( ciscun elle quli è inersec un line re orionle in un solo puno (fig Per un le ominio l inegrle oppio è clcolo con l formul: f ψ ( ( f ( c ψ ( ψ ( Viene clcolo per prim l inegrle f ( ψ ( nel qule è consier come ne Le espressioni nel membro i esr elle formul preceeni sono chime inegrli ieri n un cso più generle il ominio i inegrione può essere rioo i csi più generli in bse ll scel ell suivisione el ominio

3 ESEMPO lcolre Soluione ln se il ominio è il rengolo e e e ln ln [ ln ] 8 ( e e 8 ESEMPO lcolre ( sin se il ominio è il quro Soluione ( sin ( sin sin sin ESEMPO lcolre ( Soluione 9

4 ESEMPO lcolre ( se il ominio è limio lle curve Soluione osruimo il ominio L prim curv è un prbol con verice nel puno (; simmeric rispeo ll sse L secon curv è un line re Risolveno prllelmene le equioni e rovimo le coorine ei puni inerseione: A (-; -7 B ( (fig l ominio i inegrione è el primo ipo: ( ( ESEMPO lcolre ( se il ominio è limio lle linee ree Soluione [ ] 9 ( ( (

5 ESEMPO 6 mbire l orine i inegrione nell inegrle f ( Soluione l ominio i inegrione è limio lle curve - (fig mbimo l orine i inegrione e rppresenimo il ominio o in ue sooomini (el secono ipo: limio sull sinisr e sull esr i rmi ell prbol ± ( e limio gli rchi i circonferen ± ( f ( f ( f ( AMBAMENO VARABL NEGL NEGRAL OPP negrli oppi in coorine polri L rsformione egli inegrli oppi coorine rengolri coorine polri connesse lle relioni sin può essere esegui rmie l formul: f ( f ( sin Se il ominio i inegrione è limio ue rggi α β ( α < β che prono ll origine e ue curve ( e ( ove ( e ( sono funioni vlore singolo per α β e ( ( llor l inegrle oppio può essere clcolo con l formul: F β α ( ( F( ( ove F ( f ( sin l inegrle F ( nel qule è consier ne esseno il primo essere clcolo ( (

6 negrli oppi in coorine curvilinee Supponimo i voler rsformre un inegrle oppio o in coorine rengolri in coorine curvilinee uv connesse lle relioni (uv (uv ove le funioni (uv e (uv hnno erive prili coninue nel ominio el pino u O v e l rsformione Jcobin non si nnull nel ominio : J u u v v n queso cso l rsformione è biunivoc le equioni possono essere risole rispeo u e v in funione i e e l rsformione invers risulne: u u( v v( è biunivoc r i puni el ominio el pino O e i puni el ominio el pino uo v (fig [ ( u v ( u v ] f ( f J uv v fig K (; ' (u;v O O' u Nel cso i coorine polri: sin J sin Un rsformione biunivoc può essere impieg per rsformre l inegrle oppio ( f in un inegrle oppio sull insieme corrisponene el pino uv on l rsformione l inegrno f( iven g(uv f((uv(uv A 6

7 Per esprimere l elemeno re A v in ermini ell elemeno re uv el pino uv si procee come segue Per ogni vlore i u fisso esempio u c le equioni: (uv (uv efiniscono un curv prmeric (con v come prmero nel pino Ques curv è chim u-curv corrisponene l vlore u c Anlogmene per v fisso le equioni efiniscono un curv prmeric (con prmero u chim v-curv onsierimo l elemeno ri infiniesimo elimio lle u-curve corrisponeni i vlori vicini u e u u e lle v-curve corrisponeni i vlori vicini v e v v Si imosr che un regione rengolre i re uv nel pino uv è rsform in un prllelogrmm curvilineo l cui re è pprossimivmene ero ( ( u v uv A ( P R A v v u u u Q v L errore i ques pprossimione iven rscurbile in confrono A quno u e v enono ero Si imosr che l ( res vli nche se l rsformione non è inieiv o se il eerminne si nnull sull insieme i misur null Eserciio Uilire un cmbimeno i vribili pproprio per eerminre l re el isco elliico E o b Soluione A seguio ell rsformione u bv il isco elliico E è l immgine el isco circolre o u v Supponeno > e b> bbimo 7

8 ( uv ( u v b uv buv Perno l re i E è E buv b (re i b Negli esempi che seguono è l fronier el ominio e l inegrle oppio f ( è espresso meine l formul i riuione in coorine polri ESEMPO 7 è l re ell circonferen f ( sin ESEMPO 8 è l re ell coron circolre specific lle circonferene: e b ove p p b b f ( sin b 8

9 ESEMPO 9 è l re ell circonferen i equione f ( sin ESEMPO è l re el cerchio i equione ( sin f ( sin L coniione che l ngolo ε eriv l fo che l re i equione - è ngene l cerchio nel puno ( ESEMPO è l re esern ll circonferen γ e inern ll circonferen γ rispeivmene i equioni: γ : r e γ : r r r Risolveno il sisem fr le ue equioni preceeni si rovno i puni r r r r comuni lle ue circonferene: e cui si evince che perno: r r f ( sin 9

10 ESEMPO è l re el ominio siuo nel primo qurne limio ll re e ll circonferen Rispeivmene i equioni: e f (sin f ( sin ESEMPO è l re el ominio limio ll prbol e ll re g( f ( sin f ( sin sin g ( f ( sin con g ( n n sec ESEMPO è l re el ominio limio ll ellisse e ll circonferen i equioni: b e b Or se inichimo con il ominio limio ll ellisse e con il ominio limio ll b circonferen llor il nosro scopo è quello i clcolre il nosro inegrle come ifferen i ue inegrli:

11 f ( - Per clcolre l inegrle eseso l ominio relivo ll ellisse operimo prim l seguene sosiuione: u bv cui b uv con ques l ellisse si rsform in un cerchio i rggio con equione: u v con v Perno : b f ( b sin b f ( sin ESEMPO Uilino le coorine polri clcolre ell circonferen se il ominio è il primo qurne Soluione Poneno sin : 6 sin ESEMPO 6 lcolre ln( se il ominio è il isco r le circonferene e e e Soluione

12 Pssno lle coorine polri: e e ln ln ln ln( negrno per pri l inegrle ipenene oenimo: ( ln e e e e ESEMPO 7 lcolre ( ( se il ominio è il quro limio lle linee ree (fig 6 Soluione Ponimo u v cui si h ( v u ( v u Perno il Jcobino ell rsformione è: v u v u J quini J i conseguen uv v u ( ( Poiché il ominio è nche un quro (fig 7 bbimo: ( 6 ( ( u u u u v u v v u u

13 ALOLO AREE FGURE PANE L re i un figur pin limi l ominio può essere rov con l formul: S Se il ominio è specifico lle isugugline b ϕ ϕ ( llor ( S b ϕ ( ϕ ( Se il ominio in coorine polri è specifico lle isugugline ϕ( β f ( llor S ESEMPO 8 β f ( α ϕ ( α β lcolre l re ell figur limi lle curve 6 Soluione Risolveno il sisem i equioni e 6 rovimo le coorine ei puni i inerseione elle curve e (isegnre il grfico ome risulo si h A(; B(; e i conseguen S 6 6 ( ESEMPO 9 (unià i superficie lcolre l re ell figur limi lle circonferene ( (l i fuori ell circonferen (fig 8 Soluione rovimo le coorine el puno A; bbimo ( 6 (quini A(; 6

14 S 6 6 ( ( ( [ sin ] sin ( (unià i superficie 6 8 ESEMPO rovre l re limi ll lemniscl ( Soluione Poneno sin rsformimo l equione ell curv in coorine polri l risulo è sin sin E eviene che il cmbimeno nell ngolo polre è ssocio con il quro i re esier: S sin sin sin ESEMPO rovre l re ell figur limi lle curve (l re ell curv(fig 9 Soluione rsformimo l equione in coorine polri: (sin sin cioè sin (sin L sse i simmeri ell curv è il rggio perno: S sin (sin sin (sin n (n ( n ( n ( n ( n 6 n 6 ( n

15 ALOLO EL VOLUME UN ORPO l volume i un corpo cilinrico limio sopr un superficie coninu f ( soo l pino e i lo un superficie cilinric re inciene un ominio el pino O può essere clcolo rmie l formul ESEMPO V f ( rovre il volume i un corpo limio lle superfici e poso nel primo qurne Soluione l corpo è limio in lo l pino lerlmene l cilinro prbolico pino Perno è un corpo cilinrico l ominio è limio ll prbol linee ree e osì si h: e l e lle V ( [ ] (unià i volume ESEMPO lcolre il volume i un corpo limio lle superfici poso nel primo qurne e Soluione l corpo o è limio sopr l prboloie l ominio i inegrione è un seore circolre limio un rco ell circonferen il qule è l line i inerseione el prboloie con il pino e le linee ree e V ( i conseguen Poiché il ominio i inegrione è un pre ell circonferen e l inegrno ipene è uile pssre lle coorine polri n quese coorine l equione ell circonferen ssume l form l inegrno è ugule e gli esremi i inegrione

16 possono essere eermini lle equioni elle linee ree: k n cioè ; k n cioè osì bbimo: V 8 ( ( (unià i volume ESEMPO rovre il volume el corpo limio lle superfici Soluione onsierimo l ov pre el corpo o (fig : V 8 ( Quini V 6 APPLAZON EGL NEGRAL OPP Se un lmin occup il ominio el pino O e h un superficie i ensià vribile γ γ ( llor l mss M ell lmin è espress ll inegrle oppio M γ ( l momeni sici ell lmin rispeo gli ssi O e O possono essere rovi rmie le formule M ( γ M γ ( Nel cso ell omogeneià ell lmin γ è ne Le coorine el cenro i grvià ell lmin possono essere rove con le formule M M M M 6

17 ove M è l mss ell lmin e M M sono i suoi momeni sici rispeo gli ssi coorini Nel cso i omogeneià ell lmin le formule ssumono l form S S ove S è l re el ominio momeni i ineri ell lmin rispeo gli ssi O e O sono clcoli rmie le formule ( γ e il momeno i ineri rispeo ll origine rmie l formul γ ( ( γ ( Poneno γ ( in quese formule possimo oenere le formule per clcolre i momeni geomerici i ineri i un figur pin ESEMPO rovre le coorine el cenro i grvià ell figur limi lle curve (fig Soluione Poiché l figur è simmeric rispeo ll sse si h Rimne rovre rovimo l re ell figur : S ( ( 7

18 8 8 6 Segue che: ( ( 6 8 ( 6 ( ESEMPO 6 rovre le coorine el cenro i grvià ell figur limi ll ellisse 9 e un su cor Soluione rovimo l re el segmeno: S ( ( ( Abbimo poi: S ( ( ( ( ( 7 ( ( ( ; S ( ( 9 ( 9 ( ( ( ( ( ( 9

19 ESEMPO 7 lcolre il momeno i ineri rispeo ll origine ell figur limi lle curve b Soluione l momeno ineri rispeo ll origine è ( b ( ( b ( b b ( ( ( ( b b b b( b ( ESEMPO 8 lcolre il momeno ineri ell figur limi ll crioie ( rispeo ll sse Soluione Pssno lle coorine polri nell formul oenimo: ( sin sin sin ( sin ( sin ( 6 ESEMPO 9 Si A {( : ²² ; ²² } lcolre : {( : ; /} sin θ A Soluione 9

20 ( ( ( 6 n sin sin sin θ A A Soluione ( ( ( 6 co 6 co sin sin sin sin sin sin g g A A Soluione 6 A ESEMPO Si A {( : ²²- ; ²²- } {( : /} lcolre : A Soluione

21 6 sin ESEMPO sin 6 sin ( sin Si A {( : ² ²- ; } {( : sin /} lcolre : A A Soluione sin 6 sin ( 6sin A 6 ESEMPO lcolre A A ove: A {( : } θ sinθ θ A θ θ θ θ θ sin sin θ θ Veimo che: sinθ θ θ θ θ θ θ θ θ sin sin n n

22 u / Quini sosiueno: ( ln ln ESEMPO lcolre ove: Poneno µ e υ/ si h: ESEMPO lcolre A ln n n θ θ θ θ ( { } sin 6 n θ θ θ θ θ θ θ υ θ µ sin * e A ( ( ( µ υ µ υ µ υ µ δ υ µ e e * n θ θ θ υ µ µ υ S

23 ove A ( : ; ; 9 Se A eno l resriione i A l primo qurne risul: ove: A A B B B ( : 9 ; ; B {( : ; ; } B B Per il clcolo ell inegrle su B ponimo µ e υ; vremo: u B sinθ θ υ ( ( µ υ ( θ υ υ µ µ B 8 sinθ θ ( θ 8 Quini: A 6 8 8

24 ESEMPO A E Poneno u ; v llor 8 u uv A 7 A sin 6 6 sin ( sin sin 8 ( 9 7 sin 8 ( 9 sin 7 ( 9 7 ( 9 e poneno Esseno ( sin n segue che sin 7 ( Quini A A 8 8

25 ESEMPO 6 lcolre A A ( : ; A E A A ove A è l resriione i A l primo qurne A ( ( sin ( ( 6 ( sin 6 ( n e poneno n 6 6 ( l seguene ( ( ( segue che ( rcn

26 Quini A 6 7 ESERZO (Un inegrle molo imporne Mosrre che SOLUZONE: e L inegrle improprio converge e il suo vlore (ovvimene non ipene qule simbolo si us per l vribile inegrione Perno possimo esprimere il quro ell inegrle come prooo i ue inegrli ienici m con le loro vribili inegrione inice in moo iverso Possimo poi inerprere queso prooo come un inegrle oppio e inegrrlo in coorine polri: e e e R ( A e e R lim R R lim e R ove si è enuo presene che in coorine polri ui i puni el pino si oengono preneno il vlore principle ell nomli cioè fceno vrire ( oppure - incluso (oppure escluso e fceno vrire r e 6

27 NEGRAL RPL Supponimo che l funione f ( si efini nel ominio chiuso e limio Suiviimo il ominio rbirrimene in n sooomini n con imeri n e volumi V V V n Prenimo rbirrimene un puno Pk ( ξ k ηk ζ k in ciscun sooominio e moliplichimo il vlore ell funione nel puno P k con il volume el sooominio L somm inegrle per l funione f ( sul ominio è l somm ell form n k f ( ξ η ζ V k k k k L inegrle riplo ell funione f ( sul ominio è il limie ell somm inegrle soo l coniione che il più grne imero ei sooomini ene ero: f V lim m k ( f ( ξ η ζ V n k k k k k Per un funione coninu in un ominio queso limie esise e non ipene l moo in cui è suiviso il ominio nei sooomini o sull scel ei puni P k (eorem ell esisen i un inegrle riplo Se f ( > nel ominio llor l inegrle riplo f ( V è l mss el corpo che riempie il ominio e possiee un ensià vribile γ f ( (inerpreione fisic ell inegrle riplo Le principli proprieà egli inegrli ripli sono simili quelle egli inegrli oppi n coorine cresine l inegrle riplo è usulmene scrio come f ( 7

28 negrli ripli in coorine cresine ome gli inegrli oppi nche gli inegrli ripli si riucono inegrli orinri meine formule i riuione Per gli inegrli ripli in coorine cresine esisono un formul inegrione per sri e un per fili L formul inegrione per sri è: ( f ( f b ( Ques formul si pplic quno il solio viene sego meine pini e quno ogni k seghi secono un ominio pino Z b L formul inegrione per fili è: β ( ( f ( f α ( Ques formul si pplic quno il solio viene sego meine ree prllele ll sse Z e è normle rispeo quese prllele A vole il solio si pres ll pplicione elle ue formule inifferenemene Nei csi non si può pplicre né l un né l lr si spe opporunmene il cmpo ESEMPO 7 lcolre il momeno ineri relivo ll sse el cono roono i rggio i bse e le h Supponimo che il verice el cono coinci con l origine egli ssi Ricvimoci l equione ell superficie conic: siccome è un superficie i roione ricvimo prim l equione el meriino (in queso cso un re sul pino : 8

29 h Avvlenoci i un rificio noo ll Geomeri l posi i sosiuimo Si oiene: h ( equione el cono e qurimo l momeno ineri rispeo ll sse è o : lcolimo per fili: M M ( h h ( ( h h l cmpo è un circonferen i rggio Pssimo or lle coorine polri: Si h llor: M ϕ senϕ h h h ϕ ϕ h h ESEMPO 8 lcolre l inegrle riplo ove ( ; h f e il solio è iniviuo ; lcolimo l inegrle per sri Pssno in coorine cilinriche vremo: h θ Z h θ Per l seione generic Z è: 9

30 F ques consierione l inegrle iven: h quini l soluione è: h rcg h h ESEMPO 9 eerminre il volume el solio elimio lle superfici i equioni: r r lcolimo il volume risolveno l inegrle riplo per fili : r r V l ominio è il semicerchio bse el cilinro (v figur Pssno in coorine polri: θ θ sen si vrà:ù 9 sin ϕ θ ϕ r r r r r V r

31 ESEMPO lcolre: ( log ove il ominio è o : b c l ominio inegrione è un prllelepipeo quini poremmo uilire inifferenemene si l formul inegrione per sri si quel per fili Uiliimo quell per fili: ( log( log c b Per risolvere l inegrle ponimo: per cui: c b log c b b log Per proceere olre conviene porre: Sosiueno: b u l inegrle iven: ( u b ; bu b c b c 6b 8 b b 6 log u bu b log b b 6b b 8 6

32 Per il reso non ci ovrebbe essere nessun ifficolà nel proseguire ll risoluione ell inegrle ESEMPO lcolre l inegrle: ove è il volume ell pre i cilinro roono i equione r con r e h negrimo per sri e si h: r h ove è l proieione el solio sul pino L inegrle Si h: si può clcolre in coorine polri speno opporunmene il ominio sen θ θ r 8 8 r L inegrle proposo vle: 6 r h ESEMPO lcolre cilinriche: eseso l primo one e elimio i pino e e lle superfici

33 L superficie cilinric si proie sul pino nell circonferen i cenro ( e rggio menre l si proie nell circonferen con cenro nell origine e rggio unirio Eseguimo l inegrione per fili: ove è l seione el cilinroie con il pino Sviluppno i clcoli si oiene: ESEMPO lcolre eseso un regione el primo one efini lle equioni: onviene eseguire l inegrione per fili Si pensi i inscrivere il solio in un cilinroie vene generrici prllele ll sse e limio superiormene ll e inferiormene ll ioè: Fig

34 ove è l seione normle el cilinroie come si può veere nell fig b Fig b Sviluppno i clcoli: ( ESEMPO eerminre le coorine el bricenro el segmeno sferico un bse i le h limio ll superficie sferic 6 e vene come sse i simmeri l sse Nel cso in esme è G G ncomincimo clcolre l inegrle che v numerore nell espressione i : G rh L inegrle oppio rppresen l re i un seione generic ell sfer con un pino e cioè: Quini: 8 r ( r ( 6 ( 6 L inegrle che s enominore nell espressione i G rppresen il volume el segmeno sferico quini: n efiniiv: 8 7 ( 6

35 6 G 7 76 ESEMPO lcolre il momeno ineri rispeo ll sse i un ronco i cono vene le segueni imensioni: l momeno ineri è o : negrno per sri oenimo: le h cm rggio mggiore cm rggio minore b cm ( h Z ove Z è un seione el ronco i cono col pino M nell inegrle ( possimo sposre l nell prim pre oeneno: ( h Z L secon pre ell ( non è che l re el cerchio Z Supponimo i glire il cono con un pino pssne per oeneno un rpeio OBG in cui GB b O FE (rggio i Z Abbssimo per B l perpenicolre O: vremo ue ringoli rengoli simili BE e BA i quli si ricv: quini: E A ; m è B AB E b B h A b AB h b b h h cui ricvimo: b h unque esseno l re i Z ugule srà pure: e sosiueno nell ( oerremo: b Z h

36 h b h h ( b h ( b h Poneno in luogo i b h i loro vlori oerremo: ESEMPO 6 rovre il momeno ineri rispeo el solio elimio lle isugugline: Si s ll Meccnic che il momeno ineri rispeo è o : Fig Ι V esseno V il solio iniviuo lle isugugline E comoo eseguire l inegrle riplo per sri; un generic seione con un pino prllelo è quell inic in figur L inegrle si clcol nel moo seguene: Ι V ( lcolimo seprmene l inegrle oppio queso si clcol fcilmene in coorine polri Le formule i pssggio sono: 6

37 7 sen Fig Sosiueno si h: sen ( sen lcolimo seprmene i ue inegrli: 6 ( ( sen sen Ricorno che: Sosiueno e conempornemene sviluppno il enominore si h: ( sen sen sen sen 8 Ricorno che: g g g g sen sosiueno si oiene: g g g g g g g g g g g g 6 8 8

38 8 Ponimo: g Srà i conseguen: rcg Sosiueno si oiene: ( ( Scomponimo il enominore in moo poer risolvere l inegrle con l regol i Hermie: ( 6 ( 8 onsierimo solo l inegrle meno i 8 : ( ( ( lg ' B A erivno mbo i membri: ( ( B A B B A A Eliminno i enominori si h: ( ( ( ( ( B B A A B B B A A Per il principio ienià ei polinomi eve essere: B B A A

39 Risolveno il sisem si oiene : A B L inegrle ' vle : ' ( Ricorimo che : 8 ( Aveno clcolo l inegrle inefinio possimo or proceere clcolno un inegrle generlio col seguene proceimeno : lim k 8 k ( 8 Oenimo ì i ue risuli : ; 6 L inegrle cui bbimo iro fuori quesi prili è : Possimo quini concluere che : Per il momeno ineri vevmo scrio : 6 Ι V Aveno clcolo già l inegrle oppio possimo proceere oeneno : 9

40 Ι V l momeno ineri richieso vle : Ι ( 8

41 negrli ripli in coorine cilinriche Si imosr che nel pssggio inegrli ripli in coorine cresine coorine curvilinee in genere sussise l relione: w v u w v u w v u f f ( ( ( ( in cui è so poso: w w w v v v u u u w v u ( ( Le formule i pssggio lle coorine cresine lle coorine cilinriche sono: l ermine Jcobino vle: ( ( sen sen L formul i rsformione uilire è: f f ( ( n coorine cilinriche si oper come in coorine cresine osservno che il solio eve essere normle rispeo l riferimeno cilinrico Anche in coorine cilinriche sussisono formule nloghe quell per sri e per fili elle coorine cresine: ( ( ( ( α B f f sen

42 ESEMPO 7 lcolre l inegrle: ove è il volume compreso r il cilinro i equione -c e il pino h c con Fceno il seguene cmbimeno i vribili: θ senθ e inegrno per fili si h: θ senθ θ hsenθ h c ove è l proieione el solio sul pino escri θ csenθ Proceenosi h: h senθ sen θ senθ θ ( c c θ h c

43 ESEMPO 8 lcolre l inegrle: ove è il volume compreso r l sfer e i coni ( con onviene spere il cmpo in ue pri e inegrre per fili Pssno in coorine cilinriche si oiene: θ θ θ 7 ESEMPO 9 lcolre l inegrle: sen ove è il volume el cono con h

44 on il cmbimeno seguene: si oiene: θ senθ senθ θ sen θ negrimo per fili: senθ θ θ h sen ove è l proieione el solio sul pino che viene escri con θ h Proceenosi h: h h h senθ θ θ sen h h senh h h 6h senh 6h 6 ESEMPO lcolre l inegrle: ( ove è il volume compreso r il prboloie ( e il cono ( con h

45 Pssno in coorine cilinriche si h: θ e inegrno per sri: h ( θ ( ESEMPO n un sfer i cenro (;; e rggio R viene scvo un foro cilinrico roono i sse e rggio rovre il volume ell pre i sfer rimnene

46 Si può rovre il volume V el cilinro più il volume elle ue cloine inegrno per fili e fceno il seguene cmbimeno i vribili: Quini si h: θ senθ V θ θ ( R ( R ( R ESEMPO lcolre l inegrle: ove è il cilinro i equione: con h Pssno in coorine cilinriche si h: h senθ θ log h ESEMPO lcolre l inegrle: ove è il volume compreso fr il cilinro il prboloie e il primo limimene l one 6

47 Pssno in coorine cilinriche e inegrno per fili si h: θ gθ ( gθ θ ove è l proieione el solio sul pino che viene escri con Quini: θ ( log gθ θ ESEMPO lcolre l inegrle: ( ove è il volume compreso r i coni i equione ( con ol seguene cmbimeno i vribili: θ senθ 7

48 vremo: (θ senθ θ negrno per fili: (θ senθ θ ove è l proieione el solio sul pino che viene escri con θ 6 proceeno nei clcoli: (θ senθ θ o 6 ESEMPO lcolre l inegrle: ove è il volume compreso r l sfer e i pini Pssno in coorine cilinriche si h: θ Ovvero inegrno per sri: 7 θ 8

49 ESEMPO 6 Meine l uso egli inegrli ripli clcolre il volume el solio compreso r il cilinro i equione r i pini e e il cono i equione 9( lcolno l inegrle per sri vremo: V S c e pssno in coorine cilinriche: V S 8 lr pre come verificre si può ener presene che V S V cilinro V cono 8 9

50 negrli ripli in coorine polri Le formule i pssggio lle coorine cresine lle coorine polri nello spio sono: sen ϕ sen senϕ l eerminne Jcobino è: ( ( ϕ ϕ ϕ ϕ ( ϕ ϕ ( ϕ ϕ eneno presene l formul i pssggio coorine cresine curvilineenel cso in esme si euce: f ( F( ϕ sen ϕ

51 ESEMPO 7 rovre le coorine el bricenro el solio limio l cono roono i semiperur 6 e ll clo sferic con cenro nel verice el cono e rggio Siccome l sse è sse i simmeri è: G G menre: G θ senθ ϕ θ senθ ϕ θ ove è il volume ell clo lcolimo seprmene i ue inegrli: θ senθ ϕ θ ϕ θ senθ θ 6 6 senθ ϕ θ ϕ senθ θ 6 8 ( Quini sosiueno in G si oiene: G 6 8

52 ESEMPO 8 lcolre l inegrle: ove è il volume compreso r l semisfer e i pini gα limimene l one Pssno lle coorine polri si h: α sen θ senϕ θ ϕ sen θ θ senϕ ϕ (α 6 ESEMPO 9 lcolre l inegrle: ( ove è il volume compreso r le sfere i equioni - con

53 Pssno in coorine polri l inegrle iven: sen θ θ ϕ ϕ sen θ θ θ 8 ove si è enuo cono che e θ ESEMPO 6 negrre l funione: f nel cmpo elimio ll sfer i cenro nell origine e rggio l pino e l pino onviene ricorrere lle coorine polri: ϕ sinθ sinϕ sinθ θ J sinθ on le sosiuione si h: ( ( sin θ ϕ sin θ sin ϕ θ sinθϕ θ 6

54 ESEMPO 6 n un sfer i rggio R viene ricv un cvià vene form i cono roono i verice O sse e semiperur rovre il volume ell pre i sfer rimnene onviene rppresenre uno spcco el solio con il pino Esseno il solio in quesione simmeri sfericconviene inrourre le coorine polri nello spio: ϕ sinθ sinϕ sinθ θ L inegrle i volume iven: V sinθ ϕ θ ϕ sinθ θ R R ESEMPO 6 eerminre il volume el solio rcchiuso ll superficie: b c on un opporuno rificio si possono renere le e molo fcilibs effeure un cmbio i vribili: u bv c w L equione ell superficie iven: J bc w u v w e il solio si rsform in un sfer i rggio L inegrle i volume iven: bc u v w w

55 Pssno lle coorine polri ello spio: u sinθ ϕ v sinθ sinϕ w θ si h: V bc u v w bc sinθ 8 ϕ θ bc w θ Nell sosiuione l inegrle w non si iene cono che può nche ssumere vlori negiviper cui sinθ θ ssumerebbe vlori immginri per θ θ Per ovvire queso inconveniene bserà clcolre l inegrle fr e e moliplicre per il risulo oenuo Avremo: sinθ sinθ θ θ θ θ ESEMPO 6 eerminre il volume el solio compreso r le superfici i equioni: ( ( r l solio è rcchiuso r coni veni verice nell origine egli ssi e un sfer con cenro nell origine;srà meglio re un seione ell figur col pino

56 onviene pssre lle coorine polri ello spio: sinθ ϕ sinθ sinϕ θ Si oiene quini: V sinθ ϕ θ ϕ sinθ θ 6 r r ( ESEMPO 6 lcolre il volume el solio limio lle superfici i equioni: Si r ell inerseione r ue cilinri prbolici con le generrici prllele ll sse limi l pino e l prboloie roono Queso solio si proie sul pino nell regione limi lle ue prbole e (vei figurlcolimo l inegrle riplo per fili : V Risolvimo l inegrle oppio per vericli : V ( 6 6 6

57 ESEMPO 6 lcolre l sciss el bricenro ell pre i ellissoie i equione: b c conenu nel primo one L sciss el bricenro i un solio si rov clcolno l inegrle riplo: G L inegrle enominore è immeio l volume ell inero ellissoie vle bc e quini bc l volume ell ov pre vle V 6 lcolimo l inegrle numerore fceno un cmbio i vribile: u bv cw J bc L equione ell ellissoie iven l equione i un sfer i rggio uniri si h quini: bc u u v w Pssno lle coorine polri: bc u sinθ ϕ v sinθ sinϕ w θ uuvw bc sinθ ϕ sinθϕθ bc ϕϕ sin θθ bc 6 L sciss el bricenro vle : G 8 7

58 ESEMPO 66 lcolre l inegrle: ( ove è il cmpo elimio : Pssimo in coorine polri: sinθ ϕ sinθ sinϕ θ L inegrle proposo iven: 7 ( ϕ sinθ ϕ θ ESEMPO 67 lcolre il volume el solio compreso nel primo one fr i cilinri: l volume richieso è: 8

59 V ( onviene pssre lle coorine polri: V ( ( sin θ θ 6 ESEMPO 68 rovre il momeno ineri rispeo ll sse el solio compreso r le sfere i rggi e b ( < b con cenro nell origine consierno l pre l i sopr el pino l momeno ineri è o : ( rnosi i un solio elimio superficie sferiche ci conviene operre in coorine polri poneno: ϕ sinθ Y sinϕ θ θ J sinθ ϕ θ L funione inegrno si moific in: ( sin θ ϕ sin θ sin ϕ sin θ e quini: L sin θ ϕ θ 8 poiimo che il ominio i inegrione è specifico lle isugugline ( ( ( ( ove ( ( ( ( sono funioni coninue Allor l inegrle riplo ell funione f ( eses l ominio può essere clcolo con l formul f ( ( ( ( ( f ( 9

60 Se nel clcolo i un inegrle riplo è necessrio pssre lle vribili lle nuove vribili uvw connesse con lle relioni ( u v w ( u v w ( u v w ove le funioni ( u v w ( u v w ( u v w coninue insieme lle loro erive prime prili sbiliscono un corrisponen biunivoc coninu in enrmbe le ireioni r i puni el ominio ello spio O e i puni ello sesso ominio ello spio Ouvw e il Jcobino J el ominio non si nnull u v w J u v w u v w llor si us l formul f ( f [ ( u v w ( u v w ( u v w ] J uvw n pricolre pssno lle coorine cresine lle coorine cilinriche (Fig connesse con lle relioni ϕ ϕ sinϕ ( ϕ l rsformione jcobin J B e l formul i rsformione i un inegrle riplo in coorine cilinriche h l form f ( f ( ϕ sinϕ ϕ Pssno lle coorine cresine lle coorine sferiche lle relioni ϕ (Fig6 connesse con sin ϕ sin sinϕ ( ϕ L rsformione jcobin J sin e l formul i rsformione i un inegrle riplo in coorine sferiche h l form f ( f ( sin ϕ sin sinϕ sinϕ 6

61 ESEMPO 69 lcolre ove il ominio è specifico lle isugugline Soluione ( ( ESEMPO 7 lcolre se è l sfer R Soluione Pssimo lle coorine sferiche Nel ominio le coorine ϕ vri come segue: R ϕ i conseguen sin ϕϕ sin ϕϕ sin ϕ sin ϕ R R ( ( R R ESEMPO 7 lcolre se il ominio è limio l cilinro e i pini Soluione Pssimo lle coorine cilinriche n quese coorine l equione el cilinro ssume l form ϕ sin ϕ ϕ o ( ϕ sin ϕ ϕ cioè ϕ i conseguen nel ominio le coorine ϕ vrino come segue: ϕ ϕ Perno 6

62 ϕ ϕ ϕ ϕϕ 8 ( sin ϕ (sinϕ sinϕ sin ϕ 9 ϕ ϕ ESEMPO 7 lcolre ( se il ominio è l meà superiore ell sfer r Soluione Usimo le coorine sferiche; le nuove vribili vrino nel seguene moo: r ϕ Perno si h: ( sin ϕ sin ϕ ( ( r r r r APPLAZON EGL NEGRAL RPL l volume i un corpo occupne il ominio è eermino ll formul V Se l ensià el corpo è un qunià vribile cioè γ γ ( llor l mss el corpo occupne il ominio è eermin ll formul M γ ( Le coorine el cenro i grvià el corpo sono specifice lle formule Per γ bbimo γ γ γ M M M 6

63 V V V ( sono le coorine el cenro i grvià momeni i ineri (geomerici rispeo gli ssi coorini sono uguli rispeivmene ( ( ( ESEMPO 7 lcolre il volume el corpo limio lle superfici h h (Fig7 Soluione l corpo o è limio soo l prboloie ( h e sopr l pino h e si proie sul cerchio h el pino O Usimo le coorine cilinriche rmie le quli l equione el prboloie ssume l form h l volume el corpo è ugule V h h ϕ h h ϕ ϕ ϕ h h h h h h h h ϕ ESEMPO 7 rovre le coorine el cenro i grvià el corpo prismico limio i pini Soluione rovimo il volume el corpo in quesione: 6

64 6 V ( 9 ( Allor bbimo: ; 9 ( ( ( ; 9 ( 9 ( ( ( 8 8 ( 9 9 9

F (r(t)), d dt r(t) dt

F (r(t)), d dt r(t) dt Cmpi vettorili Un cmpo vettorile è un funzione vlori vettorili F : A R, con A R n, ove in questo cso l imensione el ominio e el coominio è l stess. F ( 1, 2,..., n ) (f 1 ( 1, 2,..., n ), f 2 ( 1, 2,...,

Dettagli

LS-DYNA3D ABAQUS-explicit PAMCRASH RADIOSS. Vediamo come si sviluppa la soluzione esplicita del problema

LS-DYNA3D ABAQUS-explicit PAMCRASH RADIOSS. Vediamo come si sviluppa la soluzione esplicita del problema Anlisi rnsiori L'nlisi dinmic rnsiori (de nche nlisi emporle) è un ecnic che consene di deerminre l rispos dinmic di un sruur sogge d un generic eccizione emporle Gli eei emporli sono li d rendere imporni

Dettagli

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO 27 nrouzione Per i pali si può fare un iscorso analogo a quello viso per le fonazioni superficiali. Si è viso che nel caso elle fonazioni superficiali l analisi ella eformabilià ella sruura non poeva essere

Dettagli

Regime dell interesse composto.

Regime dell interesse composto. Regime dell ineresse composo Formule d usre : M = monne ; I = ineresse ; C = cpile ; r = fore di cpilizzzione K = somm d sconre ; s = sso di scono unirio ; i = sso di ineresse unirio V = vlore ule ; ν

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

τ yz =τ zx =0 (14.3)

τ yz =τ zx =0 (14.3) G. Perui Leioni di Cosruione di Mine 14. MECCANCA DELLA FRATTURA Spesso gli elemeni sruurli sono soggei roure improvvise per solleiioni sie inferiori ll ensione di rour del merile sen e si verifiino deformioni

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 Corso i Economia el Lavoro Daniele Checchi Blanchar-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 I MERCATI FINANZIARI Esise una grane varieà i aivià finanziarie. Il risparmiaore eve scegliere in quali forme eenere

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario.

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario. . Operazioni finanziarie Si efinisce operazione finanziaria (O.F.) ogni operazione relativa a impegni monetari e si efinisce operazione finanziaria elementare uno scambio, tra ue iniviui, i capitali iversi.

Dettagli

A.A.2009/10 Fisica 1 1

A.A.2009/10 Fisica 1 1 Mhine termihe e frigoriferi Un mhin termi è un mhin he, grzie un sequenz i trsformzioni termoinmihe i un t sostnz, proue lvoro he può essere utilizzto. Un mhin solitmente lvor su i un ilo i trsformzioni

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

capacità si può partire dalla sua definizione: C = e dalla relazione fra la differenza di potenziale ed il campo elettrico: V

capacità si può partire dalla sua definizione: C = e dalla relazione fra la differenza di potenziale ed il campo elettrico: V secizio (ll ppello 6/7/4) n conenstoe pino è costituito ue mtue qute i lto b septe un istnz. Il conenstoe viene completmente cicto ll tensione e poi scollegto ll bttei ust pe ciclo, così est isolto ll

Dettagli

ITEC/REF E L Indice di Costo Termoelettrico. Formula

ITEC/REF E L Indice di Costo Termoelettrico. Formula ITC/RF L Indice di Coso Termoelerico Formul L formul dell indice ITC/RF è: ITC/RF (euro/mw) L formul di ITCccg/RF è: ITCccg/RF dove: i. è il mese di riferimeno dell indice ii. iii. e rppresenno le quoe

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri Superiore Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di FISICA-TECNICA Ki Gllucci ki.gllucci@univq.i kgllucci@unie.i Progr del corso Dinic dei fluidi: Regii di oo; Moo szionrio di un fluido idele; Moo szionrio di un fluido rele; Il eore di Bernoulli; Perdie

Dettagli

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO L RLZIONI L FUNZIONI serizi in più SRIZI IN PIÙ SRIZI I FIN PITOLO TST Nell insieme ell figur, l relzione rppresentt goe ell o elle proprietà: TST L relzione «essere isenente i», efinit nell insieme egli

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri i Primo Gro Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

ondulatorio della luce; tuttavia l'ottica geometrica eç un punto di partenza

ondulatorio della luce; tuttavia l'ottica geometrica eç un punto di partenza O2. Introuzione all'ottica geometrica Premessa Lo stuio egli strumenti astronomici non puoç prescinere al comportamento onulatorio ella luce; tuttavia l'ottica geometrica eç un punto i partenza necessario,

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

d coulomb d volt b trasformatore d alternatore b amperometro d reostato

d coulomb d volt b trasformatore d alternatore b amperometro d reostato ppunti 7 TEST DI VERIFICA 1 Unità i misur ell ri elettri: henry weer volt oulom 2 Unità i misur ell pità elettri: oulom henry fr volt 3 Gener orrente lternt: umultore resistenz 4 Misur l tensione: resistometro

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ).

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ). L iloide L urv no oggi ome iloide fu onsider per primo d Glileo, he in un primo momeno ongeurò he l re dell figur rhius fosse re vole quell del erhio he l gener Più rdi, forse us di qulhe esperimeno ml

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

Dinamica: Applicazioni delle leggi di Newton

Dinamica: Applicazioni delle leggi di Newton Fisic Fcolà di Scienze MM FF e, Uniesià Snnio Dinmic: Appliczioni delle leggi di ewon Gionni Filell (filell@unisnnio.i) Il poblem genele dell dinmic Quindi se conoscimo ue le foze che giscono su un oggeo

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN GEOFISICA-XXIIICICLO/ EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI (Prof. BONAFEDE)

DOTTORATO DI RICERCA IN GEOFISICA-XXIIICICLO/ EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI (Prof. BONAFEDE) DOTTORATO DI RICERCA IN GEOFISICA-XXIIICICLO/ EQUAZIONI ALLE DERIVATE PARZIALI (Prof. BONAFEDE) Mggi C. & Bccesci P. Soluzioe problem V Puto 1: T Clcolre l soluzioe stziori dell (1) euivle d imporre l

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Terza. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Terza. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri Superiore Clsse Terz Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca - Facoltà di Economia Matematica Generale Modulo B - 15 Luglio 2003. Soluzione

Università degli Studi di Milano-Bicocca - Facoltà di Economia Matematica Generale Modulo B - 15 Luglio 2003. Soluzione Universià degli Sudi di Milano-Bicocca - Facolà di Economia Maemaica Generale Modulo B - 5 Luglio 00 Eserciio. Dare la definiione di rango di una marice. Enunciare il Teorema di Rouchè-Capelli., verifi-

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

Integrali curvilinei e integrali doppi

Integrali curvilinei e integrali doppi Integrli curvilinei e integrli doppi Integrli curvilinei di prim specie Prim di inizire l trttzione di questo rgomento dimo l definizione di curv. Per curv nello 3 3 spzio R intendimo un sottoinsieme di

Dettagli

Le molle. M. Guagliano

Le molle. M. Guagliano Le molle M. Guagliano Introuzione Le molle sono organi meccanici che hanno la proprietà i eformarsi molto sotto carico, ma rimaneno nel campo elastico el materiale i cui sono costituite, ovvero non accumulano

Dettagli

3. Si determini l area del segmento parabolico di base AB e si verifichi che essa è 3

3. Si determini l area del segmento parabolico di base AB e si verifichi che essa è 3 MINIERO DELL'IRUZIONE,DELL'UNIERIÀ E DELLA RICERCA CUOLE IALIANE ALL EERO EAMI DI AO DI LICEO CIENIFICO essioe Ordiri s 00/005 ECONDA PROA CRIA em di Mtemtic Il cdidto risolv uo dei due problemi e quesiti

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Nome..Cognome. classe 3D 26 Gennaio 2013. Verifica: Parabola e circonferenza

Nome..Cognome. classe 3D 26 Gennaio 2013. Verifica: Parabola e circonferenza Nome..Cognome. classe D Gennaio 0 erifica: Parabola e circonferenza. Dai la definizione di parabola. Considera la parabola di fuoco F(,) e direrice r:, deermina: a) l equazione dell asse b) le coordinae

Dettagli

STRATEGIA DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ERRORI CAMPIONARI 1

STRATEGIA DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ERRORI CAMPIONARI 1 INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE STRATEGIA DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ERRORI CAMPIONARI - INTRODUZIONE La popolazione i interesse ell inagine è costituita alle onne i età compresa

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati L FIME a.a. 8-9 9 eoria elle opzioni e Prooi sruurai Giorgio onsigli giorgio.consigli@unibg.i Uff 58 ricevimeno merc:.-3. Programma. Mercao elle opzioni e conrai erivai. eoria elle opzioni 3. ecniche i

Dettagli

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R S. a Si ha Soluioni Esercitaione VIII PT > + ptt ptt perché pt per t u + perché

Dettagli

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA Slvtore Loris Pelell Corso di Mtemtic RCS LIBRI EDUCATION SPA ISBN 88-45-084-3 004 RCS Libri S.p.A.- Milno Prim edizione: gennio 004 Ristmpe 004 005 006 3 4 5 Stmp: V. Bon, Torino Coordinmento editorile

Dettagli

L'equazione di continuità

L'equazione di continuità L'equazione i continuità Una prima imostrazione. Consieriamo il volume occupato a una istribuzione i cariche ρ (t, x). È possibile esprimere la proprietà i conservazione ella carica nel seguente moo t

Dettagli

Esercitazione n. 2. Gian Carlo Bondi VERO/FALSO

Esercitazione n. 2. Gian Carlo Bondi VERO/FALSO Eseritzioni svolte 2010 Suol Duemil 1 Eseritzione n. 2 Aspetti eonomii e lusole el ontrtto i omprvenit Risultti ttesi Spere: gli spetti tenii, giuriii e eonomii el ontrtto i omprvenit. Sper fre: eterminre

Dettagli

Collegamenti Albero-mozzo

Collegamenti Albero-mozzo Collegameni Albero-mozzo /11/01 Obieivo: Collegare assialmene ue organi (in moo fisso o mobile) al fine i rasmeere coia orcene e quini eviare che vi sia un moo roaorio relaivo Accoiameno i forma Faore

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari :

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari : Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >, per ogni R se, per tutti e soli gli R se

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica ar. 64686 olla ad elica cicilindrica Eserciazione n 9 In figura è rappresenao un basameno sospeso anivibrane di una macchina nella quale viene originaa una forza perurbane alernaa sinusoidale di inensià

Dettagli

Nozioni generali. Tipi di cuscinetti 6. Normalizzazione ed intercambiabilità 12. Dimensioni e codifica 14. Precisione di esecuzione dei cuscinetti 18

Nozioni generali. Tipi di cuscinetti 6. Normalizzazione ed intercambiabilità 12. Dimensioni e codifica 14. Precisione di esecuzione dei cuscinetti 18 Nozioni generali Tipi i cuscinetti 6 efinizioni 6 Vocabolario 8 Attituini 9 Normalizzazione e intercambiabilità 12 Le norme 12 Intercambiabilità 12 imensioni e coifica 14 Coifica generale 14 Coice completo

Dettagli

VALUTAZIONE ECONOMICA E VALORE DI OPZIONE: IL CASO DEL TRASPORTO FERROVIARIO

VALUTAZIONE ECONOMICA E VALORE DI OPZIONE: IL CASO DEL TRASPORTO FERROVIARIO VALUTAZIONE ECONOMICA E VALORE DI OPZIONE: IL CASO DEL TRASPORTO FERROVIARIO di Psqule Lucio Scndizzo Universià degli Sudi di Rom Tor Verg. VALUTAZIONE ECONOMICA E VALORE DI OPZIONE: IL CASO DEL TRASPORTO

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

Criteri di dimensionamento per cilindri e servocilindri

Criteri di dimensionamento per cilindri e servocilindri www.atos.com Tabella -2/I Criteri i imensionamento per cilinri e servocilinri SWC Cyliners esigner SWC è un ottimo software per la progettazione veloce e efficace ei Cilinri e Servocilinri Atos, isponibile

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA 2

COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA 2 COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA Ecco una piccola e semplice guida che illusra come risolvere, a grandi linee gli esercii proposi agli esami di Analisi Maemaica (del DM 509/99, cioè successione

Dettagli

SOLUZIONE PROBLEMI Insegnamento di Fisica dell Atmosfera Seconda prova in itinere

SOLUZIONE PROBLEMI Insegnamento di Fisica dell Atmosfera Seconda prova in itinere Doente: rof Dino Zri serittore: in lessio Bertò OLUZION PROBLMI Insenento i Fisi ell tosfer eon rov in itinere /3 Vlori elle ostnti Rio terrestre eio: 637 Rio solre eio: 7 5 Distnz ei terr-sole : 9 6 Vlore

Dettagli

ESPONENZIALI LOGARITMI

ESPONENZIALI LOGARITMI ESPONENZIALI LOGARITMI Prerequisiti: Conoscere e sper operre con potenze con esponente nturle e rzionle. Conoscere e sper pplicre le proprietà delle potenze. Sper risolvere equzioni e disequzioni. Sper

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri i Primo Gro Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

Componenti per l elaborazione binaria dell informazione. Sommario. Sommario. Approfondimento del corso di reti logiche. M. Favalli.

Componenti per l elaborazione binaria dell informazione. Sommario. Sommario. Approfondimento del corso di reti logiche. M. Favalli. Sommrio Componenti per l elorzione inri ell informzione Approfonimento el orso i reti logihe M. Fvlli Engineering Deprtment in Ferrr Porte logihe 2 Il livello swith 3 Aspetti tenologii 4 Reti logihe omintorie

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S Sessione ordinri 996 Liceo di ordinmento Soluzione di De Ros Nicol ) In un pino, riferito d un sistem di ssi crtesini ortogonli (O), sono ssegnte le prbole di equzione:, dove è un numero rele positivo.

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO 5 Premettiamo una Definizione: si chiama atto i moto i un sistema materiale in un ato istante t, l insieme elle velocità i tutti i punti el sistema all istante t. E errato parlare

Dettagli

Problemi: dinamica. blocco M: blocco m: i due corpi hanno stressa accelerazione a!!! T + decimali e cifre significative!!

Problemi: dinamica. blocco M: blocco m: i due corpi hanno stressa accelerazione a!!! T + decimali e cifre significative!! Poblemi: inmic. Un blocco i mss M. k scoe su un supeicie oizzontle senz ttito. le blocco è leto meinte un une che pss ttveso un pulei un secono blocco i mss m. k. une e pulei sono pive i mss. Mente il

Dettagli

L INTEGRALE DEFINITO b f (x) d x a 1

L INTEGRALE DEFINITO b f (x) d x a 1 L INTEGRALE DEFINITO ( ) d ARGOMENTI. Il Trpezoide re del Trpezoide. L itegrle deiito de. Di Riem. Proprietà dell itegrle deiito teorem dell medi. L uzioe itegrle teorem di Torricelli-Brrow e corollrio

Dettagli

Studio di una funzione razionale fratta (autore Carlo Elce)

Studio di una funzione razionale fratta (autore Carlo Elce) Stuio i funzioni Carlo Elce 1 Stuio i una funzione razionale fratta (autore Carlo Elce) Per rappresentare graficamente una funzione reale i una variabile reale bisogna seguire i seguenti passi: Passo 1)

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

Equilibrio degli elementi articolati

Equilibrio degli elementi articolati UNITÀ F Equilibrio egli elementi rticolti TEORI Elementi rticolti, vincoli interni e gri i libertà Elementi rticolti isosttici: rezioni vincolri rchi tre cerniere 4 Trvi Gerber 5 Elementi reticolri 6 lcolo

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

Novità ADR 2013. Francesca Belinghieri. AssICC Milano, 13 marzo 2014

Novità ADR 2013. Francesca Belinghieri. AssICC Milano, 13 marzo 2014 Novià ADR 2013 Frncesc Belinghieri AssICC Milno, 13 mrzo 2014 Agend Novià ADR 2013 ADR spei pplicivi: - movimenzione e sivggio merci (crgo securing); - responsbilià dei soggei coinvoli nel rsporo di merci

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Codice [m 3 /h] DN [mm] H7200W630-S7 630 200 GV12-24-SR-T GV12-230-3-T H7250W1000-S7 1000 250 GV12-24-SR-T GV12-230-3-T

Codice [m 3 /h] DN [mm] H7200W630-S7 630 200 GV12-24-SR-T GV12-230-3-T H7250W1000-S7 1000 250 GV12-24-SR-T GV12-230-3-T Schea ecnica 7..W..S7 Valvole a globo 3-vie N 200 / N 250 con flange PN 16 Per circuiti iraulici chiusi a acqua frea e acqua cala a bassa temperatura Per la regolazione moulante ella portata in sistemi

Dettagli

Adottando il metodo più corretto (in riferimento al Manuale di Meccanica, Hoepli) verificare la resistenza strutturale del dente.

Adottando il metodo più corretto (in riferimento al Manuale di Meccanica, Hoepli) verificare la resistenza strutturale del dente. 1) Risolvere i segueni due esercizi (empo assegnao 2h) a) Un riduore cosiuio da una coppia di ruoe nae a ni drii a proporzionameno normale ve rasmeere una poenza di 5kW. Inolre si hanno i segueni dai:

Dettagli

Determinazione della quota sul livello del mare del monte Etna

Determinazione della quota sul livello del mare del monte Etna Deterinazione ella quota sul livello el are el onte Etna a.s. 998/999 classe 5 oorinatore: Prof.. Epainona Preessa Per ottenere una isura i tutto rispetto, ci siao avvalsi ella consulenza e ella collaborazione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SIMULAZIONE DELLA II PROVA A.S. 014-15 Indirizzo: SCIENTIFICO Tema di: MATEMATICA 1 Nome del candidao Classe Il candidao risolva uno dei due problemi; il problema da

Dettagli

del segnale elettrico trifase

del segnale elettrico trifase Rappresenazione del segnale elerico rifase Gli analizzaori di poenza e di energia Qualisar+ consenono di visualizzare isananeamene le caraerisiche di una ree elerica rifase. Rappresenazione emporale I

Dettagli