Integrali doppi e tripli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integrali doppi e tripli"

Transcript

1 negrli oppi e ripli NEGRAL OPP N OORNAE REANGOLAR Supponimo che l funione ( f si efini in un ominio chiuso e limio el pino O Suiviimo il ominio in mnier rbirri in n sooomini rispeivmene i re σ σ σ n e imero n (il imero i un ominio è l più grne isn r P ξ η in ciscun ue puni ll inerno ello sesso ominio Sceglimo un puno rbirrio ( sooominio e moliplichimo il vlore ell funione nel puno P k con l re el sooominio f sul ominio si efinisce con l sommori: L somm inegrle ell funione ( n k f ( ξ k η k σ k f ( ξ η σ f ( ξ η σ f ( ξ n ηn σ n L inegrle oppio ell funione ( f sul ominio è il limie ell somm inegrle per il mggiore ei imeri ei sooomini che ene ero: Se l funione ( ( σ lim f ( ξ η f m k k σ f è coninu in un ominio chiuso llor il limie ell somm inegrle esise e non ipene come è suiviso il ominio nei sooomini o ll seleione ei puni P k (eorem sull esisen ell inegrle oppio Se f ( > nel ominio llor l inegrle oppio f ( σ è ugule l volume el cilinro limio in lo ll superficie f ( lerlmene ll superficie con generrici prllele ll sse e soo l ominio el pino O n k k k k k k PRNPAL PROPREA EGL NEGRAL OPP [ f ( ± f ( ] σ f ( σ ± f ( o ( σ c f ( c f σ o σ ove c è un ne o Se il ominio inegrione è iviso in ue sooomini e llor ( σ f ( σ f ( f n coorine cresine l inegrle oppio è usulmene scrio come ( σ f

2 REGOLE PER ALOLARE GL NEGRAL OPP i sono ue principli forme el ominio i inegrione l ominio i inegrione è limio sull sinisr e sull esr ue linee ree e b ( < b e soo e sopr curve coninue ϕ( e ϕ ( [ ϕ( ϕ ( ] ciscun elle quli è inersec un line re vericle solo in un puno (fig Per le ominio l inegrle oppio può essere clcolo con l formul: f b ( f ( ϕ ( ϕ ( ϕ ( n queso cso l prim fre è clcolre l inegrle f ( come ne ϕ ( nel qule è consier l ominio i inegrione è limio soo e sopr lle linee ree c e (c < e sull sinisr e sull esr curve coninue ψ ( e ψ ( ( ψ ( ψ ( ciscun elle quli è inersec un line re orionle in un solo puno (fig Per un le ominio l inegrle oppio è clcolo con l formul: f ψ ( ( f ( c ψ ( ψ ( Viene clcolo per prim l inegrle f ( ψ ( nel qule è consier come ne Le espressioni nel membro i esr elle formul preceeni sono chime inegrli ieri n un cso più generle il ominio i inegrione può essere rioo i csi più generli in bse ll scel ell suivisione el ominio

3 ESEMPO lcolre Soluione ln se il ominio è il rengolo e e e ln ln [ ln ] 8 ( e e 8 ESEMPO lcolre ( sin se il ominio è il quro Soluione ( sin ( sin sin sin ESEMPO lcolre ( Soluione 9

4 ESEMPO lcolre ( se il ominio è limio lle curve Soluione osruimo il ominio L prim curv è un prbol con verice nel puno (; simmeric rispeo ll sse L secon curv è un line re Risolveno prllelmene le equioni e rovimo le coorine ei puni inerseione: A (-; -7 B ( (fig l ominio i inegrione è el primo ipo: ( ( ESEMPO lcolre ( se il ominio è limio lle linee ree Soluione [ ] 9 ( ( (

5 ESEMPO 6 mbire l orine i inegrione nell inegrle f ( Soluione l ominio i inegrione è limio lle curve - (fig mbimo l orine i inegrione e rppresenimo il ominio o in ue sooomini (el secono ipo: limio sull sinisr e sull esr i rmi ell prbol ± ( e limio gli rchi i circonferen ± ( f ( f ( f ( AMBAMENO VARABL NEGL NEGRAL OPP negrli oppi in coorine polri L rsformione egli inegrli oppi coorine rengolri coorine polri connesse lle relioni sin può essere esegui rmie l formul: f ( f ( sin Se il ominio i inegrione è limio ue rggi α β ( α < β che prono ll origine e ue curve ( e ( ove ( e ( sono funioni vlore singolo per α β e ( ( llor l inegrle oppio può essere clcolo con l formul: F β α ( ( F( ( ove F ( f ( sin l inegrle F ( nel qule è consier ne esseno il primo essere clcolo ( (

6 negrli oppi in coorine curvilinee Supponimo i voler rsformre un inegrle oppio o in coorine rengolri in coorine curvilinee uv connesse lle relioni (uv (uv ove le funioni (uv e (uv hnno erive prili coninue nel ominio el pino u O v e l rsformione Jcobin non si nnull nel ominio : J u u v v n queso cso l rsformione è biunivoc le equioni possono essere risole rispeo u e v in funione i e e l rsformione invers risulne: u u( v v( è biunivoc r i puni el ominio el pino O e i puni el ominio el pino uo v (fig [ ( u v ( u v ] f ( f J uv v fig K (; ' (u;v O O' u Nel cso i coorine polri: sin J sin Un rsformione biunivoc può essere impieg per rsformre l inegrle oppio ( f in un inegrle oppio sull insieme corrisponene el pino uv on l rsformione l inegrno f( iven g(uv f((uv(uv A 6

7 Per esprimere l elemeno re A v in ermini ell elemeno re uv el pino uv si procee come segue Per ogni vlore i u fisso esempio u c le equioni: (uv (uv efiniscono un curv prmeric (con v come prmero nel pino Ques curv è chim u-curv corrisponene l vlore u c Anlogmene per v fisso le equioni efiniscono un curv prmeric (con prmero u chim v-curv onsierimo l elemeno ri infiniesimo elimio lle u-curve corrisponeni i vlori vicini u e u u e lle v-curve corrisponeni i vlori vicini v e v v Si imosr che un regione rengolre i re uv nel pino uv è rsform in un prllelogrmm curvilineo l cui re è pprossimivmene ero ( ( u v uv A ( P R A v v u u u Q v L errore i ques pprossimione iven rscurbile in confrono A quno u e v enono ero Si imosr che l ( res vli nche se l rsformione non è inieiv o se il eerminne si nnull sull insieme i misur null Eserciio Uilire un cmbimeno i vribili pproprio per eerminre l re el isco elliico E o b Soluione A seguio ell rsformione u bv il isco elliico E è l immgine el isco circolre o u v Supponeno > e b> bbimo 7

8 ( uv ( u v b uv buv Perno l re i E è E buv b (re i b Negli esempi che seguono è l fronier el ominio e l inegrle oppio f ( è espresso meine l formul i riuione in coorine polri ESEMPO 7 è l re ell circonferen f ( sin ESEMPO 8 è l re ell coron circolre specific lle circonferene: e b ove p p b b f ( sin b 8

9 ESEMPO 9 è l re ell circonferen i equione f ( sin ESEMPO è l re el cerchio i equione ( sin f ( sin L coniione che l ngolo ε eriv l fo che l re i equione - è ngene l cerchio nel puno ( ESEMPO è l re esern ll circonferen γ e inern ll circonferen γ rispeivmene i equioni: γ : r e γ : r r r Risolveno il sisem fr le ue equioni preceeni si rovno i puni r r r r comuni lle ue circonferene: e cui si evince che perno: r r f ( sin 9

10 ESEMPO è l re el ominio siuo nel primo qurne limio ll re e ll circonferen Rispeivmene i equioni: e f (sin f ( sin ESEMPO è l re el ominio limio ll prbol e ll re g( f ( sin f ( sin sin g ( f ( sin con g ( n n sec ESEMPO è l re el ominio limio ll ellisse e ll circonferen i equioni: b e b Or se inichimo con il ominio limio ll ellisse e con il ominio limio ll b circonferen llor il nosro scopo è quello i clcolre il nosro inegrle come ifferen i ue inegrli:

11 f ( - Per clcolre l inegrle eseso l ominio relivo ll ellisse operimo prim l seguene sosiuione: u bv cui b uv con ques l ellisse si rsform in un cerchio i rggio con equione: u v con v Perno : b f ( b sin b f ( sin ESEMPO Uilino le coorine polri clcolre ell circonferen se il ominio è il primo qurne Soluione Poneno sin : 6 sin ESEMPO 6 lcolre ln( se il ominio è il isco r le circonferene e e e Soluione

12 Pssno lle coorine polri: e e ln ln ln ln( negrno per pri l inegrle ipenene oenimo: ( ln e e e e ESEMPO 7 lcolre ( ( se il ominio è il quro limio lle linee ree (fig 6 Soluione Ponimo u v cui si h ( v u ( v u Perno il Jcobino ell rsformione è: v u v u J quini J i conseguen uv v u ( ( Poiché il ominio è nche un quro (fig 7 bbimo: ( 6 ( ( u u u u v u v v u u

13 ALOLO AREE FGURE PANE L re i un figur pin limi l ominio può essere rov con l formul: S Se il ominio è specifico lle isugugline b ϕ ϕ ( llor ( S b ϕ ( ϕ ( Se il ominio in coorine polri è specifico lle isugugline ϕ( β f ( llor S ESEMPO 8 β f ( α ϕ ( α β lcolre l re ell figur limi lle curve 6 Soluione Risolveno il sisem i equioni e 6 rovimo le coorine ei puni i inerseione elle curve e (isegnre il grfico ome risulo si h A(; B(; e i conseguen S 6 6 ( ESEMPO 9 (unià i superficie lcolre l re ell figur limi lle circonferene ( (l i fuori ell circonferen (fig 8 Soluione rovimo le coorine el puno A; bbimo ( 6 (quini A(; 6

14 S 6 6 ( ( ( [ sin ] sin ( (unià i superficie 6 8 ESEMPO rovre l re limi ll lemniscl ( Soluione Poneno sin rsformimo l equione ell curv in coorine polri l risulo è sin sin E eviene che il cmbimeno nell ngolo polre è ssocio con il quro i re esier: S sin sin sin ESEMPO rovre l re ell figur limi lle curve (l re ell curv(fig 9 Soluione rsformimo l equione in coorine polri: (sin sin cioè sin (sin L sse i simmeri ell curv è il rggio perno: S sin (sin sin (sin n (n ( n ( n ( n ( n 6 n 6 ( n

15 ALOLO EL VOLUME UN ORPO l volume i un corpo cilinrico limio sopr un superficie coninu f ( soo l pino e i lo un superficie cilinric re inciene un ominio el pino O può essere clcolo rmie l formul ESEMPO V f ( rovre il volume i un corpo limio lle superfici e poso nel primo qurne Soluione l corpo è limio in lo l pino lerlmene l cilinro prbolico pino Perno è un corpo cilinrico l ominio è limio ll prbol linee ree e osì si h: e l e lle V ( [ ] (unià i volume ESEMPO lcolre il volume i un corpo limio lle superfici poso nel primo qurne e Soluione l corpo o è limio sopr l prboloie l ominio i inegrione è un seore circolre limio un rco ell circonferen il qule è l line i inerseione el prboloie con il pino e le linee ree e V ( i conseguen Poiché il ominio i inegrione è un pre ell circonferen e l inegrno ipene è uile pssre lle coorine polri n quese coorine l equione ell circonferen ssume l form l inegrno è ugule e gli esremi i inegrione

16 possono essere eermini lle equioni elle linee ree: k n cioè ; k n cioè osì bbimo: V 8 ( ( (unià i volume ESEMPO rovre il volume el corpo limio lle superfici Soluione onsierimo l ov pre el corpo o (fig : V 8 ( Quini V 6 APPLAZON EGL NEGRAL OPP Se un lmin occup il ominio el pino O e h un superficie i ensià vribile γ γ ( llor l mss M ell lmin è espress ll inegrle oppio M γ ( l momeni sici ell lmin rispeo gli ssi O e O possono essere rovi rmie le formule M ( γ M γ ( Nel cso ell omogeneià ell lmin γ è ne Le coorine el cenro i grvià ell lmin possono essere rove con le formule M M M M 6

17 ove M è l mss ell lmin e M M sono i suoi momeni sici rispeo gli ssi coorini Nel cso i omogeneià ell lmin le formule ssumono l form S S ove S è l re el ominio momeni i ineri ell lmin rispeo gli ssi O e O sono clcoli rmie le formule ( γ e il momeno i ineri rispeo ll origine rmie l formul γ ( ( γ ( Poneno γ ( in quese formule possimo oenere le formule per clcolre i momeni geomerici i ineri i un figur pin ESEMPO rovre le coorine el cenro i grvià ell figur limi lle curve (fig Soluione Poiché l figur è simmeric rispeo ll sse si h Rimne rovre rovimo l re ell figur : S ( ( 7

18 8 8 6 Segue che: ( ( 6 8 ( 6 ( ESEMPO 6 rovre le coorine el cenro i grvià ell figur limi ll ellisse 9 e un su cor Soluione rovimo l re el segmeno: S ( ( ( Abbimo poi: S ( ( ( ( ( 7 ( ( ( ; S ( ( 9 ( 9 ( ( ( ( ( ( 9

19 ESEMPO 7 lcolre il momeno i ineri rispeo ll origine ell figur limi lle curve b Soluione l momeno ineri rispeo ll origine è ( b ( ( b ( b b ( ( ( ( b b b b( b ( ESEMPO 8 lcolre il momeno ineri ell figur limi ll crioie ( rispeo ll sse Soluione Pssno lle coorine polri nell formul oenimo: ( sin sin sin ( sin ( sin ( 6 ESEMPO 9 Si A {( : ²² ; ²² } lcolre : {( : ; /} sin θ A Soluione 9

20 ( ( ( 6 n sin sin sin θ A A Soluione ( ( ( 6 co 6 co sin sin sin sin sin sin g g A A Soluione 6 A ESEMPO Si A {( : ²²- ; ²²- } {( : /} lcolre : A Soluione

21 6 sin ESEMPO sin 6 sin ( sin Si A {( : ² ²- ; } {( : sin /} lcolre : A A Soluione sin 6 sin ( 6sin A 6 ESEMPO lcolre A A ove: A {( : } θ sinθ θ A θ θ θ θ θ sin sin θ θ Veimo che: sinθ θ θ θ θ θ θ θ θ sin sin n n

22 u / Quini sosiueno: ( ln ln ESEMPO lcolre ove: Poneno µ e υ/ si h: ESEMPO lcolre A ln n n θ θ θ θ ( { } sin 6 n θ θ θ θ θ θ θ υ θ µ sin * e A ( ( ( µ υ µ υ µ υ µ δ υ µ e e * n θ θ θ υ µ µ υ S

23 ove A ( : ; ; 9 Se A eno l resriione i A l primo qurne risul: ove: A A B B B ( : 9 ; ; B {( : ; ; } B B Per il clcolo ell inegrle su B ponimo µ e υ; vremo: u B sinθ θ υ ( ( µ υ ( θ υ υ µ µ B 8 sinθ θ ( θ 8 Quini: A 6 8 8

24 ESEMPO A E Poneno u ; v llor 8 u uv A 7 A sin 6 6 sin ( sin sin 8 ( 9 7 sin 8 ( 9 sin 7 ( 9 7 ( 9 e poneno Esseno ( sin n segue che sin 7 ( Quini A A 8 8

25 ESEMPO 6 lcolre A A ( : ; A E A A ove A è l resriione i A l primo qurne A ( ( sin ( ( 6 ( sin 6 ( n e poneno n 6 6 ( l seguene ( ( ( segue che ( rcn

26 Quini A 6 7 ESERZO (Un inegrle molo imporne Mosrre che SOLUZONE: e L inegrle improprio converge e il suo vlore (ovvimene non ipene qule simbolo si us per l vribile inegrione Perno possimo esprimere il quro ell inegrle come prooo i ue inegrli ienici m con le loro vribili inegrione inice in moo iverso Possimo poi inerprere queso prooo come un inegrle oppio e inegrrlo in coorine polri: e e e R ( A e e R lim R R lim e R ove si è enuo presene che in coorine polri ui i puni el pino si oengono preneno il vlore principle ell nomli cioè fceno vrire ( oppure - incluso (oppure escluso e fceno vrire r e 6

27 NEGRAL RPL Supponimo che l funione f ( si efini nel ominio chiuso e limio Suiviimo il ominio rbirrimene in n sooomini n con imeri n e volumi V V V n Prenimo rbirrimene un puno Pk ( ξ k ηk ζ k in ciscun sooominio e moliplichimo il vlore ell funione nel puno P k con il volume el sooominio L somm inegrle per l funione f ( sul ominio è l somm ell form n k f ( ξ η ζ V k k k k L inegrle riplo ell funione f ( sul ominio è il limie ell somm inegrle soo l coniione che il più grne imero ei sooomini ene ero: f V lim m k ( f ( ξ η ζ V n k k k k k Per un funione coninu in un ominio queso limie esise e non ipene l moo in cui è suiviso il ominio nei sooomini o sull scel ei puni P k (eorem ell esisen i un inegrle riplo Se f ( > nel ominio llor l inegrle riplo f ( V è l mss el corpo che riempie il ominio e possiee un ensià vribile γ f ( (inerpreione fisic ell inegrle riplo Le principli proprieà egli inegrli ripli sono simili quelle egli inegrli oppi n coorine cresine l inegrle riplo è usulmene scrio come f ( 7

28 negrli ripli in coorine cresine ome gli inegrli oppi nche gli inegrli ripli si riucono inegrli orinri meine formule i riuione Per gli inegrli ripli in coorine cresine esisono un formul inegrione per sri e un per fili L formul inegrione per sri è: ( f ( f b ( Ques formul si pplic quno il solio viene sego meine pini e quno ogni k seghi secono un ominio pino Z b L formul inegrione per fili è: β ( ( f ( f α ( Ques formul si pplic quno il solio viene sego meine ree prllele ll sse Z e è normle rispeo quese prllele A vole il solio si pres ll pplicione elle ue formule inifferenemene Nei csi non si può pplicre né l un né l lr si spe opporunmene il cmpo ESEMPO 7 lcolre il momeno ineri relivo ll sse el cono roono i rggio i bse e le h Supponimo che il verice el cono coinci con l origine egli ssi Ricvimoci l equione ell superficie conic: siccome è un superficie i roione ricvimo prim l equione el meriino (in queso cso un re sul pino : 8

29 h Avvlenoci i un rificio noo ll Geomeri l posi i sosiuimo Si oiene: h ( equione el cono e qurimo l momeno ineri rispeo ll sse è o : lcolimo per fili: M M ( h h ( ( h h l cmpo è un circonferen i rggio Pssimo or lle coorine polri: Si h llor: M ϕ senϕ h h h ϕ ϕ h h ESEMPO 8 lcolre l inegrle riplo ove ( ; h f e il solio è iniviuo ; lcolimo l inegrle per sri Pssno in coorine cilinriche vremo: h θ Z h θ Per l seione generic Z è: 9

30 F ques consierione l inegrle iven: h quini l soluione è: h rcg h h ESEMPO 9 eerminre il volume el solio elimio lle superfici i equioni: r r lcolimo il volume risolveno l inegrle riplo per fili : r r V l ominio è il semicerchio bse el cilinro (v figur Pssno in coorine polri: θ θ sen si vrà:ù 9 sin ϕ θ ϕ r r r r r V r

31 ESEMPO lcolre: ( log ove il ominio è o : b c l ominio inegrione è un prllelepipeo quini poremmo uilire inifferenemene si l formul inegrione per sri si quel per fili Uiliimo quell per fili: ( log( log c b Per risolvere l inegrle ponimo: per cui: c b log c b b log Per proceere olre conviene porre: Sosiueno: b u l inegrle iven: ( u b ; bu b c b c 6b 8 b b 6 log u bu b log b b 6b b 8 6

32 Per il reso non ci ovrebbe essere nessun ifficolà nel proseguire ll risoluione ell inegrle ESEMPO lcolre l inegrle: ove è il volume ell pre i cilinro roono i equione r con r e h negrimo per sri e si h: r h ove è l proieione el solio sul pino L inegrle Si h: si può clcolre in coorine polri speno opporunmene il ominio sen θ θ r 8 8 r L inegrle proposo vle: 6 r h ESEMPO lcolre cilinriche: eseso l primo one e elimio i pino e e lle superfici

33 L superficie cilinric si proie sul pino nell circonferen i cenro ( e rggio menre l si proie nell circonferen con cenro nell origine e rggio unirio Eseguimo l inegrione per fili: ove è l seione el cilinroie con il pino Sviluppno i clcoli si oiene: ESEMPO lcolre eseso un regione el primo one efini lle equioni: onviene eseguire l inegrione per fili Si pensi i inscrivere il solio in un cilinroie vene generrici prllele ll sse e limio superiormene ll e inferiormene ll ioè: Fig

34 ove è l seione normle el cilinroie come si può veere nell fig b Fig b Sviluppno i clcoli: ( ESEMPO eerminre le coorine el bricenro el segmeno sferico un bse i le h limio ll superficie sferic 6 e vene come sse i simmeri l sse Nel cso in esme è G G ncomincimo clcolre l inegrle che v numerore nell espressione i : G rh L inegrle oppio rppresen l re i un seione generic ell sfer con un pino e cioè: Quini: 8 r ( r ( 6 ( 6 L inegrle che s enominore nell espressione i G rppresen il volume el segmeno sferico quini: n efiniiv: 8 7 ( 6

35 6 G 7 76 ESEMPO lcolre il momeno ineri rispeo ll sse i un ronco i cono vene le segueni imensioni: l momeno ineri è o : negrno per sri oenimo: le h cm rggio mggiore cm rggio minore b cm ( h Z ove Z è un seione el ronco i cono col pino M nell inegrle ( possimo sposre l nell prim pre oeneno: ( h Z L secon pre ell ( non è che l re el cerchio Z Supponimo i glire il cono con un pino pssne per oeneno un rpeio OBG in cui GB b O FE (rggio i Z Abbssimo per B l perpenicolre O: vremo ue ringoli rengoli simili BE e BA i quli si ricv: quini: E A ; m è B AB E b B h A b AB h b b h h cui ricvimo: b h unque esseno l re i Z ugule srà pure: e sosiueno nell ( oerremo: b Z h

36 h b h h ( b h ( b h Poneno in luogo i b h i loro vlori oerremo: ESEMPO 6 rovre il momeno ineri rispeo el solio elimio lle isugugline: Si s ll Meccnic che il momeno ineri rispeo è o : Fig Ι V esseno V il solio iniviuo lle isugugline E comoo eseguire l inegrle riplo per sri; un generic seione con un pino prllelo è quell inic in figur L inegrle si clcol nel moo seguene: Ι V ( lcolimo seprmene l inegrle oppio queso si clcol fcilmene in coorine polri Le formule i pssggio sono: 6

37 7 sen Fig Sosiueno si h: sen ( sen lcolimo seprmene i ue inegrli: 6 ( ( sen sen Ricorno che: Sosiueno e conempornemene sviluppno il enominore si h: ( sen sen sen sen 8 Ricorno che: g g g g sen sosiueno si oiene: g g g g g g g g g g g g 6 8 8

38 8 Ponimo: g Srà i conseguen: rcg Sosiueno si oiene: ( ( Scomponimo il enominore in moo poer risolvere l inegrle con l regol i Hermie: ( 6 ( 8 onsierimo solo l inegrle meno i 8 : ( ( ( lg ' B A erivno mbo i membri: ( ( B A B B A A Eliminno i enominori si h: ( ( ( ( ( B B A A B B B A A Per il principio ienià ei polinomi eve essere: B B A A

39 Risolveno il sisem si oiene : A B L inegrle ' vle : ' ( Ricorimo che : 8 ( Aveno clcolo l inegrle inefinio possimo or proceere clcolno un inegrle generlio col seguene proceimeno : lim k 8 k ( 8 Oenimo ì i ue risuli : ; 6 L inegrle cui bbimo iro fuori quesi prili è : Possimo quini concluere che : Per il momeno ineri vevmo scrio : 6 Ι V Aveno clcolo già l inegrle oppio possimo proceere oeneno : 9

40 Ι V l momeno ineri richieso vle : Ι ( 8

41 negrli ripli in coorine cilinriche Si imosr che nel pssggio inegrli ripli in coorine cresine coorine curvilinee in genere sussise l relione: w v u w v u w v u f f ( ( ( ( in cui è so poso: w w w v v v u u u w v u ( ( Le formule i pssggio lle coorine cresine lle coorine cilinriche sono: l ermine Jcobino vle: ( ( sen sen L formul i rsformione uilire è: f f ( ( n coorine cilinriche si oper come in coorine cresine osservno che il solio eve essere normle rispeo l riferimeno cilinrico Anche in coorine cilinriche sussisono formule nloghe quell per sri e per fili elle coorine cresine: ( ( ( ( α B f f sen

42 ESEMPO 7 lcolre l inegrle: ove è il volume compreso r il cilinro i equione -c e il pino h c con Fceno il seguene cmbimeno i vribili: θ senθ e inegrno per fili si h: θ senθ θ hsenθ h c ove è l proieione el solio sul pino escri θ csenθ Proceenosi h: h senθ sen θ senθ θ ( c c θ h c

43 ESEMPO 8 lcolre l inegrle: ove è il volume compreso r l sfer e i coni ( con onviene spere il cmpo in ue pri e inegrre per fili Pssno in coorine cilinriche si oiene: θ θ θ 7 ESEMPO 9 lcolre l inegrle: sen ove è il volume el cono con h

44 on il cmbimeno seguene: si oiene: θ senθ senθ θ sen θ negrimo per fili: senθ θ θ h sen ove è l proieione el solio sul pino che viene escri con θ h Proceenosi h: h h h senθ θ θ sen h h senh h h 6h senh 6h 6 ESEMPO lcolre l inegrle: ( ove è il volume compreso r il prboloie ( e il cono ( con h

45 Pssno in coorine cilinriche si h: θ e inegrno per sri: h ( θ ( ESEMPO n un sfer i cenro (;; e rggio R viene scvo un foro cilinrico roono i sse e rggio rovre il volume ell pre i sfer rimnene

46 Si può rovre il volume V el cilinro più il volume elle ue cloine inegrno per fili e fceno il seguene cmbimeno i vribili: Quini si h: θ senθ V θ θ ( R ( R ( R ESEMPO lcolre l inegrle: ove è il cilinro i equione: con h Pssno in coorine cilinriche si h: h senθ θ log h ESEMPO lcolre l inegrle: ove è il volume compreso fr il cilinro il prboloie e il primo limimene l one 6

47 Pssno in coorine cilinriche e inegrno per fili si h: θ gθ ( gθ θ ove è l proieione el solio sul pino che viene escri con Quini: θ ( log gθ θ ESEMPO lcolre l inegrle: ( ove è il volume compreso r i coni i equione ( con ol seguene cmbimeno i vribili: θ senθ 7

48 vremo: (θ senθ θ negrno per fili: (θ senθ θ ove è l proieione el solio sul pino che viene escri con θ 6 proceeno nei clcoli: (θ senθ θ o 6 ESEMPO lcolre l inegrle: ove è il volume compreso r l sfer e i pini Pssno in coorine cilinriche si h: θ Ovvero inegrno per sri: 7 θ 8

49 ESEMPO 6 Meine l uso egli inegrli ripli clcolre il volume el solio compreso r il cilinro i equione r i pini e e il cono i equione 9( lcolno l inegrle per sri vremo: V S c e pssno in coorine cilinriche: V S 8 lr pre come verificre si può ener presene che V S V cilinro V cono 8 9

50 negrli ripli in coorine polri Le formule i pssggio lle coorine cresine lle coorine polri nello spio sono: sen ϕ sen senϕ l eerminne Jcobino è: ( ( ϕ ϕ ϕ ϕ ( ϕ ϕ ( ϕ ϕ eneno presene l formul i pssggio coorine cresine curvilineenel cso in esme si euce: f ( F( ϕ sen ϕ

51 ESEMPO 7 rovre le coorine el bricenro el solio limio l cono roono i semiperur 6 e ll clo sferic con cenro nel verice el cono e rggio Siccome l sse è sse i simmeri è: G G menre: G θ senθ ϕ θ senθ ϕ θ ove è il volume ell clo lcolimo seprmene i ue inegrli: θ senθ ϕ θ ϕ θ senθ θ 6 6 senθ ϕ θ ϕ senθ θ 6 8 ( Quini sosiueno in G si oiene: G 6 8

52 ESEMPO 8 lcolre l inegrle: ove è il volume compreso r l semisfer e i pini gα limimene l one Pssno lle coorine polri si h: α sen θ senϕ θ ϕ sen θ θ senϕ ϕ (α 6 ESEMPO 9 lcolre l inegrle: ( ove è il volume compreso r le sfere i equioni - con

53 Pssno in coorine polri l inegrle iven: sen θ θ ϕ ϕ sen θ θ θ 8 ove si è enuo cono che e θ ESEMPO 6 negrre l funione: f nel cmpo elimio ll sfer i cenro nell origine e rggio l pino e l pino onviene ricorrere lle coorine polri: ϕ sinθ sinϕ sinθ θ J sinθ on le sosiuione si h: ( ( sin θ ϕ sin θ sin ϕ θ sinθϕ θ 6

54 ESEMPO 6 n un sfer i rggio R viene ricv un cvià vene form i cono roono i verice O sse e semiperur rovre il volume ell pre i sfer rimnene onviene rppresenre uno spcco el solio con il pino Esseno il solio in quesione simmeri sfericconviene inrourre le coorine polri nello spio: ϕ sinθ sinϕ sinθ θ L inegrle i volume iven: V sinθ ϕ θ ϕ sinθ θ R R ESEMPO 6 eerminre il volume el solio rcchiuso ll superficie: b c on un opporuno rificio si possono renere le e molo fcilibs effeure un cmbio i vribili: u bv c w L equione ell superficie iven: J bc w u v w e il solio si rsform in un sfer i rggio L inegrle i volume iven: bc u v w w

55 Pssno lle coorine polri ello spio: u sinθ ϕ v sinθ sinϕ w θ si h: V bc u v w bc sinθ 8 ϕ θ bc w θ Nell sosiuione l inegrle w non si iene cono che può nche ssumere vlori negiviper cui sinθ θ ssumerebbe vlori immginri per θ θ Per ovvire queso inconveniene bserà clcolre l inegrle fr e e moliplicre per il risulo oenuo Avremo: sinθ sinθ θ θ θ θ ESEMPO 6 eerminre il volume el solio compreso r le superfici i equioni: ( ( r l solio è rcchiuso r coni veni verice nell origine egli ssi e un sfer con cenro nell origine;srà meglio re un seione ell figur col pino

56 onviene pssre lle coorine polri ello spio: sinθ ϕ sinθ sinϕ θ Si oiene quini: V sinθ ϕ θ ϕ sinθ θ 6 r r ( ESEMPO 6 lcolre il volume el solio limio lle superfici i equioni: Si r ell inerseione r ue cilinri prbolici con le generrici prllele ll sse limi l pino e l prboloie roono Queso solio si proie sul pino nell regione limi lle ue prbole e (vei figurlcolimo l inegrle riplo per fili : V Risolvimo l inegrle oppio per vericli : V ( 6 6 6

57 ESEMPO 6 lcolre l sciss el bricenro ell pre i ellissoie i equione: b c conenu nel primo one L sciss el bricenro i un solio si rov clcolno l inegrle riplo: G L inegrle enominore è immeio l volume ell inero ellissoie vle bc e quini bc l volume ell ov pre vle V 6 lcolimo l inegrle numerore fceno un cmbio i vribile: u bv cw J bc L equione ell ellissoie iven l equione i un sfer i rggio uniri si h quini: bc u u v w Pssno lle coorine polri: bc u sinθ ϕ v sinθ sinϕ w θ uuvw bc sinθ ϕ sinθϕθ bc ϕϕ sin θθ bc 6 L sciss el bricenro vle : G 8 7

58 ESEMPO 66 lcolre l inegrle: ( ove è il cmpo elimio : Pssimo in coorine polri: sinθ ϕ sinθ sinϕ θ L inegrle proposo iven: 7 ( ϕ sinθ ϕ θ ESEMPO 67 lcolre il volume el solio compreso nel primo one fr i cilinri: l volume richieso è: 8

59 V ( onviene pssre lle coorine polri: V ( ( sin θ θ 6 ESEMPO 68 rovre il momeno ineri rispeo ll sse el solio compreso r le sfere i rggi e b ( < b con cenro nell origine consierno l pre l i sopr el pino l momeno ineri è o : ( rnosi i un solio elimio superficie sferiche ci conviene operre in coorine polri poneno: ϕ sinθ Y sinϕ θ θ J sinθ ϕ θ L funione inegrno si moific in: ( sin θ ϕ sin θ sin ϕ sin θ e quini: L sin θ ϕ θ 8 poiimo che il ominio i inegrione è specifico lle isugugline ( ( ( ( ove ( ( ( ( sono funioni coninue Allor l inegrle riplo ell funione f ( eses l ominio può essere clcolo con l formul f ( ( ( ( ( f ( 9

60 Se nel clcolo i un inegrle riplo è necessrio pssre lle vribili lle nuove vribili uvw connesse con lle relioni ( u v w ( u v w ( u v w ove le funioni ( u v w ( u v w ( u v w coninue insieme lle loro erive prime prili sbiliscono un corrisponen biunivoc coninu in enrmbe le ireioni r i puni el ominio ello spio O e i puni ello sesso ominio ello spio Ouvw e il Jcobino J el ominio non si nnull u v w J u v w u v w llor si us l formul f ( f [ ( u v w ( u v w ( u v w ] J uvw n pricolre pssno lle coorine cresine lle coorine cilinriche (Fig connesse con lle relioni ϕ ϕ sinϕ ( ϕ l rsformione jcobin J B e l formul i rsformione i un inegrle riplo in coorine cilinriche h l form f ( f ( ϕ sinϕ ϕ Pssno lle coorine cresine lle coorine sferiche lle relioni ϕ (Fig6 connesse con sin ϕ sin sinϕ ( ϕ L rsformione jcobin J sin e l formul i rsformione i un inegrle riplo in coorine sferiche h l form f ( f ( sin ϕ sin sinϕ sinϕ 6

61 ESEMPO 69 lcolre ove il ominio è specifico lle isugugline Soluione ( ( ESEMPO 7 lcolre se è l sfer R Soluione Pssimo lle coorine sferiche Nel ominio le coorine ϕ vri come segue: R ϕ i conseguen sin ϕϕ sin ϕϕ sin ϕ sin ϕ R R ( ( R R ESEMPO 7 lcolre se il ominio è limio l cilinro e i pini Soluione Pssimo lle coorine cilinriche n quese coorine l equione el cilinro ssume l form ϕ sin ϕ ϕ o ( ϕ sin ϕ ϕ cioè ϕ i conseguen nel ominio le coorine ϕ vrino come segue: ϕ ϕ Perno 6

62 ϕ ϕ ϕ ϕϕ 8 ( sin ϕ (sinϕ sinϕ sin ϕ 9 ϕ ϕ ESEMPO 7 lcolre ( se il ominio è l meà superiore ell sfer r Soluione Usimo le coorine sferiche; le nuove vribili vrino nel seguene moo: r ϕ Perno si h: ( sin ϕ sin ϕ ( ( r r r r APPLAZON EGL NEGRAL RPL l volume i un corpo occupne il ominio è eermino ll formul V Se l ensià el corpo è un qunià vribile cioè γ γ ( llor l mss el corpo occupne il ominio è eermin ll formul M γ ( Le coorine el cenro i grvià el corpo sono specifice lle formule Per γ bbimo γ γ γ M M M 6

63 V V V ( sono le coorine el cenro i grvià momeni i ineri (geomerici rispeo gli ssi coorini sono uguli rispeivmene ( ( ( ESEMPO 7 lcolre il volume el corpo limio lle superfici h h (Fig7 Soluione l corpo o è limio soo l prboloie ( h e sopr l pino h e si proie sul cerchio h el pino O Usimo le coorine cilinriche rmie le quli l equione el prboloie ssume l form h l volume el corpo è ugule V h h ϕ h h ϕ ϕ ϕ h h h h h h h h ϕ ESEMPO 7 rovre le coorine el cenro i grvià el corpo prismico limio i pini Soluione rovimo il volume el corpo in quesione: 6

64 6 V ( 9 ( Allor bbimo: ; 9 ( ( ( ; 9 ( 9 ( ( ( 8 8 ( 9 9 9

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di FISICA-TECNICA Ki Gllucci ki.gllucci@univq.i kgllucci@unie.i Progr del corso Dinic dei fluidi: Regii di oo; Moo szionrio di un fluido idele; Moo szionrio di un fluido rele; Il eore di Bernoulli; Perdie

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ).

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ). L iloide L urv no oggi ome iloide fu onsider per primo d Glileo, he in un primo momeno ongeurò he l re dell figur rhius fosse re vole quell del erhio he l gener Più rdi, forse us di qulhe esperimeno ml

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R S. a Si ha Soluioni Esercitaione VIII PT > + ptt ptt perché pt per t u + perché

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come Numeri complessi 9 Da questi esempi si può osservare che, facendo le successive potene di un numero complesso, i punti corrispondenti girano attorno all origine. Se inoltre > allora i punti si allontanano

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco.

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco. I NUMERI DECIMALI A.Osserva il brco: è formato a parti. Colora l intero brco, 1 brco. Hai colorato s parti el brco, ieci ecimi el brco, cioè 1 brco. Ne poi colorare meno i no? Prova! B.Colora 2/ el brco.

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP Swisscoes 2003 Corso i postformazione SUP SIA 267 Geotecnica Basi e concetto i imensionamento 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA 267 - Geotecnica 1 Basi e concetti i imensionamento 1. Introuzione,

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo Catalogo isowel Il sistema i fissaggio a inuzione Nuovo isowel l innovativo sistema i fissaggio a inuzione i SFS intec Il nuovo sistema isowel TM i SFS intec è un sistema i fissaggio a inuzione innovativo

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Corso di Storia ed epistemologia della matematica Prof. Lucio Benaglia Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Specializzando: Stefano Adriani Matricola 56152 Relatore: prof. Lucio Benaglia Anno

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli