De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.)"

Transcript

1 Il dominio diviso

2 De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.) Si quaeratur de superficiario et emphiteoticario an sint fructuari, quia fruuntur utuntur, dicimus quia non, quia fruuntur utuntur rebus alienis, sed quomodo domini intelliguntur. Si enim cadunt de possessione, licebit eis agere actione in rem quod non liceret nisi quomod domini intelligerentur. Se si chiede del superficiario o dell enfiteuta se siano usufruttuari, perché usano e traggono frutti dalla cosa, diciamo di no, perché usano e sfruttano cose altrui, ma devono essere visti come proprietari. Se infatti cadono dal loro possesso, sarà loro lecito agire con azione reale, cosa che non sarebbe lecita se non fossero visti come proprietari.

3 Glossa Magna di Accursio fiorentino Testo romano (Paolo) Taluni fra i terreni delle città sono detti vectigales, altri non vectigales. Sono detti vectigales quelli che vengono dati in locazione perpetua, a questa condizione, che né a coloro che ne sono conduttori né ai loro eredi è concesso di abbandonarli. Quelli non vectigales sono quei fondi che vengono dati a coltivare allo stesso modo in cui siamo soliti affittare i nostri terreni privati. Coloro i quali conducono in perpetuo un fondo per trarne i frutti, sebbene non ne diventino proprietari (D), tuttavia è sembrato opportuno che competesse loro l azione reale (E) contro un qualsiasi possessore, come anche contro gli stessi municipi.

4 Glossa Magna di Accursio fiorentino Glosse D) sebbene non ne diventino proprietari: ossia non diventano proprietari diretti; E) azione reale: ossia l azione reale utile.. E tu dì, seguendo Giovanni Bassiano, che anche se la legge romana non dice che abbiano la proprietà utile della cosa, tuttavia lo si può ben affermare. Difatti la legge romana non definisce in genere erede o proprietario chi abbia soltanto le azioni utili

5 Il dominio diviso Dominio diretto: la proprietà formale del concedente, priva di qualsiasi facoltà concreta, di qualsiasi rapporto con il bene. Dominio utile: la proprietà concreta che spetta al concessionario, che è in rapporto immediato e diretto con la cosa, la lavora e ne trae i frutti.

6 Caratteristiche Le due proprietà sono liberamente trasmissibili per atto tra vivi e si trasferiscono in ogni caso mortis causa, una indipendentemente dall altra. Il dominio utile si oppone al diretto; il direttario potrà rientrare in possesso del bene solo ove riesca a escludere l utilista da un rapporto immediato e diretto con la cosa. Per questo, non basta il decorso del termine di concessione: occorre la materiale restituzione.

7 La definizione di proprietà in Bartolo da Sassoferrato Chiedo cosa sia la proprietà, visto che essa può essere definita nel modo píù ampio, come quando si dice di avere la proprietà di un diritto di credito o di un diritto di usufrutto [ ] Che cosa è dunque la proprietà? Rispondo: la proprietà è il diritto di disporre perfettamente della cosa corporale, se la legge non lo proibisce.

8 Criteri della definizione Dico che è un diritto, per tenere distinta la proprietà dalla cosa corporale sulla quale insiste e che è al contrario un fatto; su cosa corporale, ho detto, per tenere distinta la proprietà dai diritti sulle cose incorporali, nelle quali non si può avere una proprietà nel senso vero del termine; diritto a disporre pienamente della cosa, a differenza del possesso, che è il diritto a insistere materialmente sulla cosa.. a meno che la legge non lo proibisca: per esempio a causa delle cose in proprietà del minore sottoposto alla potestà del suo tutore, le quali non possono essere vendute liberamente...

9 Le due specie di dominio Chiedo: quante sono le specie di proprietà? Quel certo dottore francese, come dice anche quell'altro tedesco che ieri è stato qui a insegnare, afferma che la proprietà sia di una sola specie, invece sono due e posso provarlo attraverso la lex possessores, dove si dice che l'enfiteuta è proprietario e tuttavia rimane proprietario anche il concedente. per cui se vi sono due proprietari esistono due diversi diritti di proprietà, poiché non può esistere lo stesso diritto a titolo diverso per due persone.

10 Le molte specie del dominio utile Chiedo se la proprietà utile sia di un solo tipo o di molti. Rispondo; di molti tipi. Un primo tipo di proprietà utile è quello di colui il quale si oppone al vero proprietaio; Un secondo tipo di proprietà utile è quello che si ottiene attraverso la prescrizione dell'originario diritto di proprietà, se si ricostruisse questa vicenda diversamente, ne conseguirebbe che colui che diviene proprietario in virtù della prescrizione del pieno diritto altrui non manterrebbe alcun diritto per sé sul fondo se costituisse a sua volta un altro soggetto come enfiteuta o feudatario...

11 La perdita del dominio utile Chiedo se queste proprietà utili vengano a decadere e a perdersi nello stesso modo delle proprietà dirette. Rispondo: nel caso di quella proprietà utile che si acquista in virtù della prescrizione della proprietà diretta altrui, essa si perde nello stesso modo e per la stessa ragione del dominio diretto. Gli altri tipi di proprietà utile decadono più difficilmente perché quelli partecipano comunque della natura di una qulche obbligazione personale.

12 Le proprietà in Baldo degli Ubaldi Tema: il divieto di alienare i beni ecclesiastici. dobbiamo prima di tutto dire che occorre considerare una pluralità di principi, per comprendere questo istituto sotto il profilo del diritto temporale. Uno è un principio che viene detto proprietà. La proprietà è il principale tipo di dominio, la cui cessione è alienazione nel senso più vero e proprio del termine... In secondo luogo, tuttavia, occorre considerare il dominio utile, e questo è duplice, poiché ve n'è uno che è subordinato al dominio diretto e nasce da questo, come il dominio che sulla cosa ha l'enfiteuta o il feudatario, il quale, se si trasferisce, dà luogo ad un'alienazione...

13 Ipotesi persistenti di dominio In terzo luogo bisogna considerare l'usufrutto, nel caso del cui trasferimento si può vedere un'alienazione.. In quinto luogo occorre considerare il possesso, come nell'ipotesi da cui parte questa legge, e se il possesso esiste pur nei confronti di una proprietà delimitata nei poteri, tuttavia la sua costituzione nella titolarità di un soggetto diverso dal proprietario diretto può essere definita come alienazione

14 L usus facti come dominio In sesto luogo bisogna tener presente l'uso di fatto della cosa, che deriva più dal permesso del proprietario diretto che dalla natura del possesso...in questo caso, se questa utilità viene trasferita ad altri per un lungo termine, sebbene non sia un'alienazione in senso proprio, tuttavia realizza una materia proibita per gli ecclesiastici, perché si può comunque causare frode e danno [...]

De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.)

De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.) Il dominio diviso De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.) Si quaeratur de superficiario et emphiteo2cario an sint fructuarii, quia fruuntur utuntur, dicimus quia non, quia fruuntur utuntur rebus alienis,

Dettagli

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali.

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali. DIRITTI REALI DI GODIMENTO SU COSA ALTRUI Funzione: attribuiscono ad un soggetto diverso dal proprietario della res alcune delle facoltà e/o dei poteri che tipicamente spettano al proprietario. Si tratta

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

SOGGETTI PASSIVI. Giurisprudenza Cass. 13.9.63 n. 2502; Cass. 6.7.84 n. 3974; Cass. 27.9.87 n. 8815; Cass. 31.7.89 n. 3565; Cass. 24.7.2003 n.

SOGGETTI PASSIVI. Giurisprudenza Cass. 13.9.63 n. 2502; Cass. 6.7.84 n. 3974; Cass. 27.9.87 n. 8815; Cass. 31.7.89 n. 3565; Cass. 24.7.2003 n. 10 SOGGETTI PASSIVI Prassi C.M. 8.10.76 n. 31/250873; R.M. 7.6.80 n. 7/441; R.M. 13.12.89 n. 460196; C.M. 10.6.93 n. 7/1106; C.M. 7.8.2000 n. 156; Ris. Agenzia delle Entrate 7.8.2002 n. 272; Ris. DRE Emilia

Dettagli

La divisione ereditaria

La divisione ereditaria La divisione ereditaria La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti i soggetti che partecipano alla comunione; ha natura dichiarativa

Dettagli

GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI

GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI IN USO A TERZI I Venerdì dell Avvocatura 10-11 aprile 2014 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 - Milano Elisabetta Mapelli IMMOBILI: USO DIRETTO E CESSIONE A TERZI

Dettagli

Le vicende della quota nelle società personali

Le vicende della quota nelle società personali Le vicende della quota nelle società personali A causa dell INTUITUS PERSONAE, nelle società di persone le variazioni nella composizione soggettiva della compagine sociale sono apprezzate come vere e proprie

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88/E. Roma, 01 aprile 2009

RISOLUZIONE N. 88/E. Roma, 01 aprile 2009 RISOLUZIONE N. 88/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 01 aprile 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Credito d imposta per investimenti in aree

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

I DIRITTI REALI IN RE ALIENA

I DIRITTI REALI IN RE ALIENA Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Prof. VINCENZO FRANCESCHELLI SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO - ad uso degli studenti vietata la riproduzione- (Avvertenza- Gli schemi costituiscono

Dettagli

6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI

6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI 6 IL TRASFERIMENTO DEI BENI AZIENDALI L IMPRESA è L ATTIVITA SVOLTA DALL IMPRENDITORE IN MODO PROFESSIONALE ED ORGANIZZATO DIVERSO è IL CONCETTO DI AZIENDA AZIENDA COMPLESSO DI BENI ORGANIZZATI DALL IMPRENDITORE

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Vengono posti al Servizio scrivente diversi quesiti in ordine alla caducazione del

Dettagli

TASI: Guida alla Tassa sui Servizi Indivisibili

TASI: Guida alla Tassa sui Servizi Indivisibili 2 TASI: Guida alla Tassa sui Servizi Indivisibili La prima casa La TASI è, dopo la cancellazione dell IMU, l unica imposta sul valore dell immobile che viene pagata dal contribuente a livello comunale.

Dettagli

Istituzioni di Diritto Privato I. Indice

Istituzioni di Diritto Privato I. Indice INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE IX I DIRITTI REALI SU BENI ALTRUI PROF.SSA ANNAFLORA SICA Indice 1 La superficie -----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco AFFITTO AZIENDA a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco 1 ASPETTI CIVILISTICI } L affitto d azienda non ha una disciplina ad hoc NORME DEL CODICE CIVILE APPLICABILI : } L art. 2562

Dettagli

S E R V I Z I O B I L A N C I O. Programma dei criteri per la concessione di mutui fondiari agli iscritti della Fondazione SETTEMBRE 2014

S E R V I Z I O B I L A N C I O. Programma dei criteri per la concessione di mutui fondiari agli iscritti della Fondazione SETTEMBRE 2014 S E R V I Z I O B I L A N C I O Programma dei criteri per la concessione di mutui fondiari agli iscritti della Fondazione SETTEMBRE 2014 Sommario Art. 1 - Norme generali... 3 Art. 2 - Garanzia ipotecaria...

Dettagli

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia Pubblicità La PUBBLICITÀ è il sistema predisposto dal legislatore per

Dettagli

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione 45 Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione di Anna Liconti Traccia Tizio conduce l immobile sito nel Comune

Dettagli

COMUNICAZIONE PER L IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

COMUNICAZIONE PER L IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI COMUNICAZIONE PER L IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI I ISTRUZIONI GENERALI In quali casi occorre presentare la comunicazione Vi é l obbligo di presentare la comunicazione se si verifica una delle seguenti

Dettagli

a cura di VANESSA PESENTI

a cura di VANESSA PESENTI ! a cura di VANESSA PESENTI! ! INDICE Parte Prima: INTRODUZIONE Capitolo I: L ORDINAMENTO GIURIDICO 1. Le parole del diritto.... 13 2. Prescrizioni, regole, norme.... 14 3. L idea di fonti del diritto....

Dettagli

LICEO SIGONIO I.T.C. BAROZZI LA PROPRIETA LA PROPRIETA E I DIRITTI REALI. Fausta Labidonisia 22/09/2013

LICEO SIGONIO I.T.C. BAROZZI LA PROPRIETA LA PROPRIETA E I DIRITTI REALI. Fausta Labidonisia 22/09/2013 LICEO SIGONIO I.T.C. BAROZZI LA PROPRIETA LA PROPRIETA E I DIRITTI REALI Fausta Labidonisia 22/09/2013 La proprietà; i diritti reali di godimento; la comunione e il condominio; il possesso 1.5 I modi di

Dettagli

14 24 febbraio SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE DI ROMA NELLA CAUSA TRA BORBONA E POSTA PER LA TENUTA DI VALLEMARE

14 24 febbraio SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE DI ROMA NELLA CAUSA TRA BORBONA E POSTA PER LA TENUTA DI VALLEMARE 1912 14 24 febbraio SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE DI ROMA NELLA CAUSA TRA BORBONA E POSTA PER LA TENUTA DI VALLEMARE 2001 trascrizione di Roberto Mancini (dalla copia conservata nell Archivio storico

Dettagli

I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate.

I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. REDDITI DIVERSI INDICAZIONI GENERALI Cosa sono i redditi diversi I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. Per

Dettagli

107. Ambito di applicabilità della norma: le locazioni ultranovennali concluse dal proprietario.

107. Ambito di applicabilità della norma: le locazioni ultranovennali concluse dal proprietario. 105 I mutamenti giuridici da pubblicizzare ai fini dell art. 2644 c.c. [ 107-108] HH) LE IPOTESI DI CUI AL N. 8 107. Ambito di applicabilità della norma: le locazioni ultranovennali concluse dal proprietario.

Dettagli

A CURA DI DINA d'onofrio CACCAVAIO PRESIDENTE REGIONALE F.I.M.A.A. MOLISE

A CURA DI DINA d'onofrio CACCAVAIO PRESIDENTE REGIONALE F.I.M.A.A. MOLISE A CURA DI DINA d'onofrio CACCAVAIO PRESIDENTE REGIONALE F.I.M.A.A. MOLISE NUDA PROPRIETA : Come acquistare una casa pagandola meno del valore di mercato. In diritto la nuda proprietà è un caso di proprietà

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al

Dettagli

Decadenza dalle agevolazioni per la piccola proprietà contadina in caso di affitto del terreno anche se di durata limitata

Decadenza dalle agevolazioni per la piccola proprietà contadina in caso di affitto del terreno anche se di durata limitata Decadenza dalle agevolazioni per la piccola proprietà contadina in caso di affitto del terreno anche se di durata limitata 1. Premessa. La sentenza n. 6688/2014 è tra le poche pronunce di legittimità sulla

Dettagli

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE Circolare 21 del 3 novembre 2014 Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza... 2 3 Ambito soggettivo... 3 3.1 Soggetti legittimati

Dettagli

Devono dichiarare i redditi fondiari tutti i possessori di immobili.

Devono dichiarare i redditi fondiari tutti i possessori di immobili. I REDDITI FONDIARI NOZIONI GENERALI Cosa sono i redditi fondiari Come si individuano gli immobili I redditi fondiari Il criterio di imputazione Dove indicare i redditi fondiari Chi dichiara i redditi fondiari

Dettagli

O TT ESTRA Contratti_impresa_2015_2.indd 1 27/01/15 16:45

O TT ESTRA Contratti_impresa_2015_2.indd 1 27/01/15 16:45 ESTRATTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RENT TO BUY ACQUISTO 221 CAPITOLO 4 Rent to buy SOMMARIO A. Conclusione del contratto... 1838 B. Funzionamento... 1861 C. Inadempimento... 1902 D. Fallimento...

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE UNILATERALE DI COSTITUZIONE DI DIRITTO DI SUPERFICIE ****

CONTRATTO PRELIMINARE UNILATERALE DI COSTITUZIONE DI DIRITTO DI SUPERFICIE **** CONTRATTO PRELIMINARE UNILATERALE DI COSTITUZIONE DI DIRITTO DI SUPERFICIE **** INVESTITORE nella persona del legale rappresentante.., così come risulta nel documento di identità e codice fiscale in allegato

Dettagli

GENOVA, 15 APRILE 2015 Sede Regione Liguria via Fieschi 15 sala A piano terra Ore 14-18 L'ABITAZIONE BRUNO PASTORINO

GENOVA, 15 APRILE 2015 Sede Regione Liguria via Fieschi 15 sala A piano terra Ore 14-18 L'ABITAZIONE BRUNO PASTORINO GENOVA, 15 APRILE 2015 Sede Regione Liguria via Fieschi 15 sala A piano terra Ore 14-18 L'ABITAZIONE BRUNO PASTORINO INCIDENZA DELLA POPOLAZIONE ANZIANA Numero famiglie in Italia: 21.810.676 Over 65 in

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Art. 1571 Nozione Art. 1572 Locazioni e anticipazioni eccedenti l'ordinaria amministrazione Art. 1573 Durata della locazione

Art. 1571 Nozione Art. 1572 Locazioni e anticipazioni eccedenti l'ordinaria amministrazione Art. 1573 Durata della locazione Art. 1571 Nozione La locazione è il contratto col quale una parte si obbliga a far godere all'altra una cosa mobile o immobile per un dato tempo (1572 e seguenti), verso un determinato corrispettivo (att.

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI GROTTE DI CASTRO (Provincia di VITERBO) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Orientamenti in materia di anticipazioni agli iscritti ex art. 11, commi 7, 8 e 9, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 1. 1.

Orientamenti in materia di anticipazioni agli iscritti ex art. 11, commi 7, 8 e 9, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 1. 1. Orientamenti in materia di anticipazioni agli iscritti ex art. 11, commi 7, 8 e 9, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 1 1. Premessa In relazione ai numerosi chiarimenti che nel corso del tempo

Dettagli

GLI STRUMENTI ECONOMICI A DISPOSIZIONE DELLA FAMIGLIA PER LA PROGETTAZIONE DEL DOPO DI NOI

GLI STRUMENTI ECONOMICI A DISPOSIZIONE DELLA FAMIGLIA PER LA PROGETTAZIONE DEL DOPO DI NOI GLI STRUMENTI ECONOMICI A DISPOSIZIONE DELLA FAMIGLIA PER LA PROGETTAZIONE DEL DOPO DI NOI PREMESSA Con il presente documento ci proponiamo di illustrare a chiunque si interroghi sulla maniera migliore

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL CODICE CIVILE. Titolo Preliminare Disposizioni generali. Capo 1. Sezione 1

INDICE SOMMARIO DEL CODICE CIVILE. Titolo Preliminare Disposizioni generali. Capo 1. Sezione 1 Le Leggi e la loro applicazione INDICE SOMMARIO DEL CODICE CIVILE Titolo Preliminare Disposizioni generali La legge e il diritto Applicazione delle leggi Conflitto di leggi nel tempo Conflitto di leggi

Dettagli

«VISION, STRATEGY, TEAM, ACTION. WITH US.» LA NOSTRA STORIA INIZIA COSì...

«VISION, STRATEGY, TEAM, ACTION. WITH US.» LA NOSTRA STORIA INIZIA COSì... «VISION, LA NOSTRA STORIA INIZIA COSì... STRATEGY, TEAM, ACTION. WITH US.» Work Revolution è in grado di proporre soluzioni innovative per la gestione delle esigenze di Personale; nasce dall unione di

Dettagli

NOTA ILLUSTRATIVA SULLE MODIFICHE ALLA PROCEDURA DI VOLTURA AUTOMATICA

NOTA ILLUSTRATIVA SULLE MODIFICHE ALLA PROCEDURA DI VOLTURA AUTOMATICA NOTA ILLUSTRATIVA SULLE MODIFICHE ALLA PROCEDURA DI VOLTURA AUTOMATICA Controlli formali sui dati della nota Sono stati inseriti controlli formali sia sui dati della nota che sui dati aggiuntivi forniti

Dettagli

PINNA ROSSELLA SINDACO

PINNA ROSSELLA SINDACO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DLg N. 139 del 12-07-2012 OGGETTO Trasformazione del diritto di superficie in diritto di piena proprietà all'interno del Piano per l'edilizia Economica Popolare. Approvazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio 5-2007/A La Legge cinese sul diritto di proprietà Approvato dalla Commissione Affari Europei e Internazionali il 6 novembre 2007 Lo Studio in sintesi (Abstract)

Dettagli

SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE. Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia )

SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE. Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia ) SEGNALAZIONE NOVITA NORMATIVE Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto Sblocca Italia ) Art. 23 (Disciplina dei contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili) 1. I

Dettagli

All. A LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

All. A LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO PROMOZIONE DEGLI INTERVENTI DI UTILIZZO DI FONTI DI ENERGIE RINNOVABILI, CALDAIE ALIMENTATE A BIOMASSA BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI NEL COMUNE DI VICOPISANO Anno 2012 LA RESPONSABILE DEL

Dettagli

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria Indice 1 Leggi di capitalizzazione 5 1.1 Introduzione............................ 5 1.2 Richiami di teoria......................... 5 1.2.1 Regimi notevoli...................... 6 1.2.2 Tassi equivalenti.....................

Dettagli

Circolare N. 143 del 30 Ottobre 2014

Circolare N. 143 del 30 Ottobre 2014 Circolare N. 143 del 30 Ottobre 2014 Annotazione sulla carta di circolazione dei dati dell utilizzatore dell auto solo per gli atti posti in essere dal 03.11.2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contenere il consumo di suoli agricoli

Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contenere il consumo di suoli agricoli Atti consiliari CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA *********************************************************************************************** IX LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROPOSTE

Dettagli

ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA

ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA 1) Che cosa stabilisce la costituzione e il codice civile in materia di diritto alla proprietà privata e di esproprio. L art. 42 della costituzione stabilisce che la

Dettagli

Regola n.7 Accertamenti ed informazioni relativi ai privilegi immobiliari.

Regola n.7 Accertamenti ed informazioni relativi ai privilegi immobiliari. Regola n.7 Accertamenti ed informazioni relativi ai privilegi immobiliari. 1. Nell indagine preliminare al ricevimento degli atti per i quali sussiste l obbligo di visure ipotecarie, il Notaio deve esaminare

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato in Milano.

I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato in Milano. FORMAZIONE PERMANENTE PER AVVOCATI - 2014 Le successioni internazionali alla luce del nuovo regolamento (UE) n. 650/2012 I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato

Dettagli

Roberto Calvo CONTRATTI E MERCATO. G. Giappichelli Editore - Torino

Roberto Calvo CONTRATTI E MERCATO. G. Giappichelli Editore - Torino Roberto Calvo CONTRATTI E MERCATO G. Giappichelli Editore - Torino INDICE PARTE PRIMA I CONTRATTI DI SCAMBIO DI BENI E SERVIZI CAPITOLO I LA COMPRAVENDITA Sezione I - L'EFFETTO TRASLATIVO 3 1. La derogabilità

Dettagli

CHIEDE L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO DI ASSISTENZA ECONOMICA. A titolo di prestito: SÌ

CHIEDE L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO DI ASSISTENZA ECONOMICA. A titolo di prestito: SÌ Unità operativa di N domanda 1/8 DATI DEL RICHIEDENTE Il sottoscritto Nato a Residente a Telefono Codice fiscale ISEE il Via Scadenza (solo se a titolo di prestito) CHIEDE L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI PALERMO Allegato alla delibera n. 329 del 17/04/2015

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI PUBBLICI DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI PUBBLICI DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI PUBBLICI DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA (Approvato con Delibera N 22 del 16/02/1978) ART.1 Il servizio pubblico di noleggio da rimessa con autovetture, nell'ambito del territorio

Dettagli

COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO. per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE

COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO. per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali

Dettagli

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 23/06/2015 1 Soggetti Circolare 10 giugno 2004, n. 24/E Nel caso

Dettagli

Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione

Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione 1 L attività economica L attività umana diventa attività ECONOMICA quando comporta l uso di beni, risorse ovvero di mezzi scarsi, per la

Dettagli

Terra nuda. Opere di miglioramento fondiario ESEMPI DI MIGLIORAMENTI FONDIARI

Terra nuda. Opere di miglioramento fondiario ESEMPI DI MIGLIORAMENTI FONDIARI STIMA DEI MIGLIORAMENTI FONDIARI (CAP. 12) Cosa sono i miglioramenti fondiari Un miglioramento fondiario è dato da qualsiasi investimento stabile e duraturo di capitale e lavoro effettuato su un terreno

Dettagli

GRUPPO D2013. 3. Quali veicoli sono assoggettati al R.D.L. 436/27 istitutivo del P.R.A.? A) motocicli B) filoveicoli C) ciclomotori

GRUPPO D2013. 3. Quali veicoli sono assoggettati al R.D.L. 436/27 istitutivo del P.R.A.? A) motocicli B) filoveicoli C) ciclomotori GRUPPO D2013 1. Le registrazioni al P.R.A. avvengono A) con il criterio reale B) con il criterio personale C) con nessuno dei due criteri 2. Il P.R.A. è gestito A) dall Automobile Club provinciale competente

Dettagli

FAQ IMU AGRICOLA. Di seguito vengono messe a disposizione le risposte ad alcune domande frequentemente

FAQ IMU AGRICOLA. Di seguito vengono messe a disposizione le risposte ad alcune domande frequentemente FAQ IMU AGRICOLA Di seguito vengono messe a disposizione le risposte ad alcune domande frequentemente poste all amministrazione finanziaria da contribuenti, operatori professionali, associazioni di categoria

Dettagli

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST La Repubblica Italiana con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989, entrata in vigore il 1 gennaio 1992, ha ratificato la sottoscrizione della Convenzione

Dettagli

La raccolta delle ultime istruzioni ICI per il versamento 1999

La raccolta delle ultime istruzioni ICI per il versamento 1999 12/06/1999 n. 24/99 Pag. 3015 La raccolta delle ultime istruzioni ICI per il versamento 1999 Circolare del Ministero delle Finanze - (CIR) n. 120 E del 27 maggio 1999 SOMMARIO Pag. A) Chi deve eseguire

Dettagli

Cedolare secca sugli affitti Risposte a quesiti

Cedolare secca sugli affitti Risposte a quesiti CIRCOLARE N.20/E Roma, 4 giugno 2012 OGGETTO: Cedolare secca sugli affitti Risposte a quesiti Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa - Ufficio Redditi Fondiari e di Lavoro Via Cristoforo

Dettagli

Emission trading Profili Iva

Emission trading Profili Iva Emission trading Profili Iva Avv. Sara Armella Armella & Associati www.studioarmella.com 1 Distinzione tra cessioni di beni e prestazioni di servizi nella disciplina Iva comunitaria Cessione di beni (art.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 56 DEL 28-11-1986 REGIONE VALLE D'AOSTA. Norme per la concessione di finanziamenti agevolati a favore delle cooperative edilizie.

LEGGE REGIONALE N. 56 DEL 28-11-1986 REGIONE VALLE D'AOSTA. Norme per la concessione di finanziamenti agevolati a favore delle cooperative edilizie. Legge 1986056 Pagina 1 di 12 LEGGE REGIONALE N. 56 DEL 28-11-1986 REGIONE VALLE D'AOSTA Norme per la concessione di finanziamenti agevolati a favore delle cooperative edilizie. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

MUDE Piemonte. Modalità operative per la Compilazione del Quadro Informativo 3. SOGGETTI COINVOLTI

MUDE Piemonte. Modalità operative per la Compilazione del Quadro Informativo 3. SOGGETTI COINVOLTI MUDE Piemonte Modalità operative per la Compilazione del Quadro Informativo 3. SOGGETTI COINVOLTI STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V01 Tutto il documento

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO A TITOLO ONEROSO TRA

CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO A TITOLO ONEROSO TRA CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO A TITOLO ONEROSO TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (di seguito l UNIVERSITÀ ), con sede legale in Napoli, alla Via Ammiraglio F. Acton n. 38,

Dettagli

consulenza alle Imprese a 360

consulenza alle Imprese a 360 consulenza alle Imprese a 360 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare del 12 gennaio 2010 OGGETTO: Dal 1 gennaio 2010 cambia il tasso di interesse: le ripercussioni sul calcolo del ravvedimento operoso

Dettagli

INDICE - SOMMARIO PARTE PRIMA LA LOCAZIONE SECONDO IL CODICE CIVILE

INDICE - SOMMARIO PARTE PRIMA LA LOCAZIONE SECONDO IL CODICE CIVILE INDICE - SOMMARIO Introduzione... pag. V PARTE PRIMA LA LOCAZIONE SECONDO IL CODICE CIVILE di Aldo Ferrari IL CONTRATTO DI LOCAZIONE: ASPETTI GENERALI E CARATTERISTICHE 1. Nozione e natura del contratto

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NATURA E REQUISITI DEL CONTRATTO DI VENDITA

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NATURA E REQUISITI DEL CONTRATTO DI VENDITA Elenco delle principali abbreviazioni... XIII CAPITOLO PRIMO NATURA E REQUISITI DEL CONTRATTO DI VENDITA Guida bibliografica... 3 Sezione I Caratteri generali 1. Nozioneecaratteridellavendita... 7 2. L

Dettagli

CASE STUDY: il Beneficio Parrocchiale di Santa Maria Assunta a Ciciano dell IISC di Siena

CASE STUDY: il Beneficio Parrocchiale di Santa Maria Assunta a Ciciano dell IISC di Siena CASE STUDY: il Beneficio Parrocchiale di Santa Maria Assunta a Ciciano dell IISC di Siena Istituto Interdiocesano per il Sostentamento del Clero Arcidiocesi Siena - Colle Val d Elsa - Montalcino e Abbazia

Dettagli

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA OGGETTO CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA RIFERIMENTI ART. 7 L. N. 448/1998 CM 19/2001; CIRCOLARE aggiornata alle norme sino al 18/10/2010 Sintesi: il credito d imposta per il riacquisto

Dettagli

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. norme per la regolarizzazione delle concessioni cimiteriali

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. norme per la regolarizzazione delle concessioni cimiteriali CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO norme per la regolarizzazione delle concessioni cimiteriali integrazione al Regolamento Comunale per i servizi di Polizia Mortuaria e del Cimitero APPROVATO CON ATTO DEL CONSIGLIO

Dettagli

INDICE. Parte prima I CONTRATTI AGRARI LEGGE 3 MAGGIO 1982, N. 203 NORME SUI CONTRATTI AGRARI

INDICE. Parte prima I CONTRATTI AGRARI LEGGE 3 MAGGIO 1982, N. 203 NORME SUI CONTRATTI AGRARI INDICE Parte prima I CONTRATTI AGRARI LEGGE 3 MAGGIO 1982, N. 203 NORME SUI CONTRATTI AGRARI Titolo I DISPOSIZIONI INTEGRATIVE E MODIFICATIVE DELL AFFITTO DEI FONDI RUSTICI Capo I Durata dei contratti

Dettagli

L affitto d azienda: profili civilistici, contabili, Prof. Filippo Dami 5/11/2010 09:00 18:00. Villa Borromeo Sarmeola di Rubano (PD)

L affitto d azienda: profili civilistici, contabili, Prof. Filippo Dami 5/11/2010 09:00 18:00. Villa Borromeo Sarmeola di Rubano (PD) L affitto d azienda: profili civilistici, contabili, fiscalie giuslavoristici 09:00 18:00 Prof. Filippo Dami Una premessa Il contratto di affitto e l atto istitutivo di usufrutto d azienda Devonoessere

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI

GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI I pensionati vivono meglio e più a lungo. Sono sempre più una parte rilevante della popolazione italiana, un segmento demografico fiorente,

Dettagli

Allegato A ACCORDO DI FINANZIAMENTO SUBORDINATO Tra la REGIONE TOSCANA, con sede in Firenze, via Cavour n. 18, codice fiscale.., rappresentata dal

Allegato A ACCORDO DI FINANZIAMENTO SUBORDINATO Tra la REGIONE TOSCANA, con sede in Firenze, via Cavour n. 18, codice fiscale.., rappresentata dal Allegato A ACCORDO DI FINANZIAMENTO SUBORDINATO Tra la REGIONE TOSCANA, con sede in Firenze, via Cavour n. 18, codice fiscale.., rappresentata dal nato a e domiciliato per la carica presso la sede dell

Dettagli

ART. 1 FINALITÀ ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI ART. 3 SETTORI DI INTERVENTO

ART. 1 FINALITÀ ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI ART. 3 SETTORI DI INTERVENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI ALLE AZIENDE AGRICOLE PER L ACQUISTO DI ATTREZZATURE, FINALIZZATE ALLA QUALIFICAZIONE E ALLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI. Del. C.P. 72/04) ART.

Dettagli

DISCIPLINARE DI VENDITA DEI PRODOTTI DEL MERCHANDISING LA SAPIENZA

DISCIPLINARE DI VENDITA DEI PRODOTTI DEL MERCHANDISING LA SAPIENZA ALLEGATO 2 DISCIPLINARE DI VENDITA DEI PRODOTTI DEL MERCHANDISING LA SAPIENZA ALL INTERNO DEL LOCALE DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA OVE SVOLGERE IL SERVIZIO DI GESTIONE DEL CAFFE LETTERARIO Università degli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI Art.1 Principi Generali CAPO I NORME GENERALI 1.Il presente regolamento disciplina: a) l apertura, il trasferimento di sede, la variazione di superficie ed il subentro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 5/E QUESITO RISOLUZIONE N. 5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 gennaio 2011 OGGETTO: Consulenza Giuridica - Rapporto di concessione Beni realizzati dalla società concedente e beni realizzati dalla società concessionaria

Dettagli

Milano, 18 settembre 2010

Milano, 18 settembre 2010 !!" " # " " # # # Milano, 18 settembre 2010 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 24/2010: Manovra correttiva Novità in materia di immobili e fondi immobiliari $%&$&" '!( )*+',( %+-.+//%0/-,12304%$.0/++/512304%$.06&&-#

Dettagli

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI TUTELA PATRIMONIALE FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ. Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ.

Dettagli

ALLEGATO I. Apprendistato Professionalizzante o Contratto di Mestiere (art. 4 D.Lgs. 14 settembre 2011, n.167)

ALLEGATO I. Apprendistato Professionalizzante o Contratto di Mestiere (art. 4 D.Lgs. 14 settembre 2011, n.167) Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE

Dettagli

RIGO E7 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE

RIGO E7 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE RIGO E7 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE Vanno indicati gli importi degli interessi passivi, gli oneri e le quote di rivalutazione pagati nel periodo d imposta in dipendenza

Dettagli

DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia

DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia Ai gentili clienti Loro sedi DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia (DL n. 133 del 12.09.2014) Premessa Con il DL n. 133 del 12.09.2014 sono state introdotte alcune nuove disposizioni in materia

Dettagli

La procedura di erogazione dei contributi della: Legge 9 gennaio 1980, n. 13. Legge Regionale 12 luglio 2007, n. 16

La procedura di erogazione dei contributi della: Legge 9 gennaio 1980, n. 13. Legge Regionale 12 luglio 2007, n. 16 La procedura di erogazione dei contributi della: Legge 9 gennaio 1980, n. 13 Legge Regionale 12 luglio 2007, n. 16 1 A cura di Paolo Dalle Carbonare Dottore Commercialista - Treviso INDICE I contributi

Dettagli

La «Banca della terra»

La «Banca della terra» La «Banca della terra» 1. - Vorrei dire qualcosa su un tema classico della riflessione economica e giuridica: l utilizzazione dei terreni abbandonati o incolti. Per discorrerne tuttavia non in generale

Dettagli

Comune di Leggia REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Leggia REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Leggia Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Pagina 1 di 13 REGOLAMENTO SUL CIMITERO L`assemblea del comune Politico di Leggia - vista la legge Cantonale sull`igiene pubblica del 2 dicembre

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Matematica Finanziaria Un utile premessa Negli esercizi di questo capitolo, tutti gli importi in euro sono opportunamente arrotondati al centesimo. Ad esempio,e2 589.23658 e2 589.24 (con un

Dettagli

Periodico informativo n. 32/2014. Ritenuta 20% sui bonifici esteri

Periodico informativo n. 32/2014. Ritenuta 20% sui bonifici esteri Periodico informativo n. 32/2014 Ritenuta 20% sui bonifici esteri Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 febbraio 2014 è scattato l obbligo per

Dettagli

L affitto di poltrona

L affitto di poltrona Divisione Economica e Sociale Ufficio politiche fiscali L affitto di poltrona Analisi della disciplina fiscale alla luce della prima risposta dell Agenzia delle entrate La risposta dell Agenzia delle Entrate

Dettagli

il seguente Regolamento contenente le modalità e criteri per la concessione in uso temporaneo e precario delle palestre scolastiche.

il seguente Regolamento contenente le modalità e criteri per la concessione in uso temporaneo e precario delle palestre scolastiche. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado "Pascoli - Giovinazzi " Via Mazzini n. 25 - Tel. 099.849.11.43

Dettagli