Prefazione di Humberto Maturana al libro Cosa succede quando siamo depressi? di A. Ruiz

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione di Humberto Maturana al libro Cosa succede quando siamo depressi? di A. Ruiz"

Transcript

1 Prefazione di Humberto Maturana al libro Cosa succede quando siamo depressi? di A. Ruiz Traduzione a cura di Marco Baggi Centro Ikkyu concessa dall autore (agosto 2001) A mio avviso la psicoterapia si svolge come un processo di recupero dell'amore e del rispetto di sé nel recupero del rispetto e dell'amore nei confronti dell'altro. O, detto in altre parole, secondo me la psicoterapia si svolge come un processo in cui, a partire dal recupero del rispetto e dell'amore di sé e dell'altro, si recupera la libertà riflessiva che consente l'indifferenza a qualsiasi descrizione della propria identità e, pertanto, apre spazio al cambiamento che rende possibile vivere gli eventi della vita senza la sofferenza che porta a consultare lo psicoterapeuta. Per questo stesso motivo penso che la sofferenza che porta a cercare aiuto nella psicoterapia nasca dal vivere nella negazione di sé nella negazione dell'altro, nel vivere basato sulla negazione ricorrente dell'amore o, detto in modo più diretto, nel vivere nella negazione continua della biologia dell'amore come fondamento del convivere sociale. E infine penso, certamente in maniera tautologica, che proprio per questo la sofferenza di chi consulta lo psicoterapeuta svanisca quando tale persona recupera il vivere nella biologia dell'amore, che e' il vivere nell'amore e nel rispetto di sé e dell'altro, come il suo modo fondamentale di vivere. Ciò che ho appena detto e' un'affermazione audace, venendo da chi non pratica la psicoterapia e può per questo non essere valida o risultare scontata per coloro che la praticano. Talvolta potranno apparire eccessivamente semplificate cose che senza dubbio tutti coloro che praticano la psicoterapia sanno essere complicate, anche se a volte la sofferenza si dissolve da un momento all'altro, senza che si capisca completamente perchè e come. Malgrado ciò desidero presentare succintamente i fondamenti sui quali si basa ciò che ho detto a proposito della terapia. Noi essere umani apparteniamo ad una storia evolutiva di espansione dell'infanzia oltre il momento della riproduzione sessuale, sino a abbracciare praticamente tutta la vita. In quanto esseri umani siamo animali neotenici quindi, come adulti, siamo in realtà bambini grandi. Una conseguenza della nostra condizione di animali neotenici e' che siamo o viviamo come animali dipendenti dall'amore in grado estremo anche per dei mammiferi, e ci ammaliamo quando il vivere amoroso ci e' negato nel fluire del vivere quotidiano. In quanto esseri umani la nascita del nostro divenire evolutivo ha coinciso con la conservazione del vivere nell'intimità amorosa della relazione materno-infantile espansa a tutte le relazioni, tanto che il nostro benessere dipende dal piano ludico e amoroso, anche quando facciamo cose orribili negli offuscamenti culturali che creiamo: sorprendente? Si, però al contempo non dovremmo sorprenderci perchè tutti, intimamente, sappiamo che e' così. Come abbiamo già detto in una precedente pubblicazione (Maturana e Verden Zoller, 1993) l'amore non e' una virtù propria della condizione umana, bensì un fenomeno relazionale del convivere animale. Come fenomeno relazionale l'amore e' al contempo semplice, triviale e fondamentale nella convivenza di tutti gli animali. Anche se ha, di fatto, una diversa presenza nel corso del vivere individuale nelle diverse classi di animali, a seconda del loro modo di convivere. Vediamoli: l'amore come fenomeno relazionale biologico consiste nei comportamenti, o classe dei comportamenti, attraverso i quali l'altro sorge nella relazione come un legittimo altro nella vicinanza della convivenza, in 1

2 circostanze in cui l'altro può essere un uguale. Questo, accordandosi sul fatto che la legittimità dell'altro si costituisce nei comportamenti o operazioni che rispettano e accettano la sua esistenza in quanto tale, senza sforzo e come un fenomeno del mero convivere. Legittimità dell'altro e rispetto per lui, o lei, sono due modalità di relazione congruenti e complementari, che si implicano reciprocamente. Se l'altro (me compreso) e' legittimo nella sua esistenza di fronte a me, lo rispetto anche nel disaccordo a partire dal quale posso giungere a negarlo. A partire dal rispetto la mia negazione dell'altro appare come un atto del quale io mi rendo responsabile, nasce come un atto che si convalida a partire da me, senza ch'io pretenda di giustificarlo in maniera trascendente, e di fronte al quale accetto come valide le conseguenze che ricadono su di me, senza alcuna quescia. Se io rispetto l'altro, la sua esistenza e' legittima e non deve, ne' necessita, di essere giustificata da lui, lei o me. Se rispetto me stesso, non devo ne giustificare il mio esistere ne' discolparmi di essere così come sono, anche qualora desiderassi cambiare. Nell'ambito del vivere umano, la legittimità dell'altro - o la propria - avviene nei comportamenti di mutuo rispetto, o di rispetto per se stessi, in cui le discrepanze si vivono senza sforzo, in maniera responsabile, nell'obiezione del fare e non dell'essere. In realtà questo e' precisamente ciò che vediamo nella vita quotidiana in cui lamentiamo il disamore: "tu non mi ami, visto che non mi vedi" "tu non mi ami, papà, pretendi ch'io sia un altro bambino, diverso da quello che sono". Il problema del disamore consiste nel negare l'essere di una persona, non di obiettarne il fare. Se si dice a qualcuno che qualcosa e' fatto male, e gli si indica la procedura adeguata, senza dirgli che e' lui quello che non va bene, non c'e' problema di disamore. Pertanto, parlando di amore e disamore distinguiamo classi di comportamenti, e non ci riferiamo ad alcun comportamento particolare. Così diciamo: "tale persona e' un amante della natura, sta sempre attento a non danneggiare piante e animali"; diciamo anche : "Pedro e' la persona più amorevole che ho conosciuto, guardalo, si rende sempre conto di ciò di cui ho bisogno o che manca in casa". L'amore non e' un sentimento, e' un modo di relazionarsi, e' un modo di comportarsi con l'altro o con se stessi in cui l'altro, o sé, appare nella relazione come un essere legittimo, anche nella discrepanza o nell'irritazione. Lo stesso accade col disamore, che non e' un sentimento ma un'emozione, un dominio di comportamenti, e come tale e' un modo di relazionarsi in cui appaiono i comportamenti che negano la legittimità dell'essere altrui, o di se stesso. La sofferenza nasce nel coltivare il disamore come fenomeno culturale, perché ciò che e' naturale, come modalità basilare del vivere umano, e' l'amore. Proseguiamo. Come ho già detto, l'amore e' un fenomeno biologico proprio all'ambito relazionale animale, che nei mammiferi appare come aspetto centrale della convivenza in intimità della relazione materno - infantile in totale accettazione corporea reciproca. Come ho già detto, noi esseri umani apparteniamo al presente di una storia evolutiva particolare di primati neotenici in cui l'intimità corporea della relazione materno-infantile si e' estesa alla vita adulta, ed e' divenuta tanto fondamentale che siamo diventati essere dipendenti dall'amore durante tutta la vita. Per questo ci ammaliamo se viviamo una cultura che nega sistematicamente l'amore, come di fatto ci capita vivendo nella legittimazione quotidiana della negazione dell'altro che si produce nella competizione, nell'esigenza di un dover essere, nell'apparire ciò che non si e', nella menzogna continua rappresentata dall'intento permanente di proiettare una buona immagine in modo da avere successo e, in effetti, ci ammaliamo perchè il vivere culturale, che trasforma in un modello di vita il vivere nella negazione sistematica della legittimità dell'altro e di se stesso, si oppone al fondamento 2

3 biologico del vivere umano come vivere proprio della classe di primati neotenici che l'essere umano e'. Nella competizione e nell'apparenza neghiamo l'altro, in quanto la soddisfazione dei nostri desideri implica il desiderio che l'altro sparisca o si sottometta come risultato di ciò che facciamo, consapevoli di desiderare che l'altro sparisca o si sottometta come risultato del nostro agire. Però nell'apparenza e nella competizione neghiamo noi stessi, anche se non ne siamo consapevoli, dato che nel competere e nell'apparire il soddisfacimento dei nostri desideri viene a dipendere, di fatto, dall'agire altrui e non dal nostro. Analogamente, vivendo nell'apparenza e nella proiezione di una immagine, neghiamo noi stessi in quanto tentiamo di apparire come non siamo e sappiamo di non essere, e, facendolo, neghiamo anche l'altro in quanto lo inganniamo o cerchiamo di ingannarlo, mentendo rispetto al nostro essere. Vivere nella competizione, nel dovere essere, nell'apparire e nell'immagine di ciò che non si e', genera sofferenza perchè distrugge il rispetto di sé e dell'altro, rende impossibile l'amore per se e l'amore per l'altro, e con ciò nega la propria legittimità e la legittimità altrui, come modalità sistematica del vivere, rimanendo imprigionati, per paura di quella riflessione che mostrerebbe la mancanza di rispetto e di amore per se stessi e per l'altro in cui si vive, in totale irresponsabilità. Vivendo nell'autonegazione ci ammaliamo nell'anima e nel corpo. Come il misantropo di Molière, simulando una vita integra non ci amiamo, non amiamo l'altro, la nostra esistenza perde legittimità e viviamo in continua lotta, senza dignità. Questa e' l'anima malata e questo e' il vivere malato. Nella lotta e nel disamore per se stessi, la dinamica sistemica dell'organismo si altera; cambiando il flusso sanguineo e le tensioni articolari, la configurazione referenziale tonica cambia attraverso il movimento corporeo e la dinamica circolatoria; cambiano le configurazioni di riferimento della dinamica endocrina e si distorcono le coerenze delle produzioni cellulari e molecolari, della rete chiusa di produzioni cellulari e molecolari che costituisce il sistema immunitario. Il risultato finale e' che l'organismo cambia il suo modo sistemico di operare a livello fisiologico, e compaiono in esso reazioni indesiderabili, tanto nei confronti del suo ambiente circostante quanto nelle sue dinamiche interne. Il corpo accompagna l'anima ammalata e si ammala con lei e, come Molière intravede e capta col suo occhio poetico nel misantropo, quando guarisce l'anima, guarisce il corpo. Non e' il caso di parlare in questa sede della storia evolutiva nella quale traiamo origine più di quanto non abbia già fatto. Pertanto vorrei solo dire che ritengo tale storia sia iniziata con la formazione di una specie neotecnica che si separò dalla specie che diede origine allo scimpanzè, più di cinque milioni di anni fa. Il fatto e' che attualmente nasciamo come bambini necessitanti, per la nostra salute di esseri umani, di crescere in una modalità di vita amorosa, in cui apprendiamo la nostra corporeità e la corporeità dell'altro, vivendo nel mutuo rispetto, nell'accettazione della nostra corporeità e della corporeità altrui, in un processo che avviene, normalmente, nell'intimità, in totale accettazione e fiducia, della relazione materno-infantile. Però non e' solo per lo sviluppo della coscienza della propria corporeità e della corporeità altrui, nel rispetto di sé e dell'altro, che la nostra biologia esige che viviamo fin da piccoli nella biologia dell'amore; e' per tutto il vivere umano in coscienza e responsabilità sociale. I mondi che viviamo in quanto adulti e che creiamo nel nostro vivere, dapprima nella piena intimità della relazione materno infantile e più tardi nella relazione con tutti gli altri esseri 3

4 con i quali conviviamo, come espansione del nostro essere a partire da tale vivere infantile, come spazi relazionali che generiamo a partire da lì. E quindi saremo adulti amorevoli e consapevoli, responsabili del nostro essere sociale in un mondo che cambia, con il nostro vivere e in base al nostro vivere, solo se avremo avuto la fortuna di conservare il rispetto e l'amore per l'altro e per noi stessi come esseri sociali, al momento dell'accesso alle occupazioni della vita adulta, o se avremo recuperato o acquisito tale amore e rispetto per l'altro e per noi stessi, intenzionalmente o accidentalmente, all'interno di una terapia efficace che ci abbia segnato la vita.... La mia spiegazione Tutte le pratiche terapeutiche possono dare origine, in mano ad un buon terapeuta, a terapie efficaci. Perchè e come? Credo che il processo terapeutico sia sempre lo stesso, qualunque sia la forma di psicoterapia, e che avvenga quando il terapeuta riesce, mediante la sua interazione con il paziente, a condurlo, coscientemente o incoscientemente, all'abbandono della negazione sistematica di sé e dell'altro e al recupero della biologia dell'amore come modalità o filo conduttore del suo vivere. Questo non significa che le diverse impostazioni epistemologiche in ambito terapeutico siano uguali o equivalenti e che, in fondo, sia lo stesso adottare l'una o l'altra. La differenza sta sia nel modo in cui il terapeuta imposta il suo intervento, sia nel cosa fare per indirizzare le sue intenzioni con i pazienti, a seconda della sua concezione di ciò che avviene in terapia. Questo mostra e indica chiaramente l'autore del libro nelle sue descrizioni e resoconti. Il terapeuta che accetta l'esistenza di una realtà unica e veritiera non può che pensare che sia tale realtà a dover guidare il vivere, e che il suo cliente soffre perchè il suo vissuto ha deviato da questa realtà, qualunque essa sia. In questo caso la terapia dovrà orientarsi, in un modo o nell'altro, a guidare il paziente al recupero del vivere in armonia con la realtà. Il procedimento può essere l'emergere della riflessione, o una strategia coercitiva, o altro che non posso immaginare,visto che non faccio terapia, però qualunque esso sia deve portare il paziente a recuperare la sua connessione con la realtà. Il terapeuta che, al contrario, accetta l'esistenza di molte realtà, tutte diverse e tutte legittime, può unicamente operare facendo in modo che il suo paziente recuperi l'armonia del vivere facendo sorgere quella realtà che ha a che fare con la vita che coscientemente o in maniera inconscia egli desidera vivere. Il procedimento può essere qualunque, ma non può contraddire l'apertura esistenziale implicata dall'accettazione che non esiste una realtà unica. Questo libro mostra ciò che queste due impostazioni epistemologiche implicano, però l'autore fa qualcosa di più: mostra e argomenta la sua preferenza per una delle due, benché abbia fatto l'esperienza di molte terapie riuscite con l'altra. Cosa e' in gioco qui? Vediamolo: 1. L'epistemologia non realista L'impostazione epistemologica non realista postula l'esistenza di molte realtà di cui noi esseri umani facciamo esperienza o che configuriamo nel vivere, e la validità intrinseca di ognuna di queste, però non afferma che tutto sia valido in qualsiasi modo, ne' che qualsiasi cosa pensata sia possibile in quanto tale, in qualsiasi dominio immaginato, ne' che sia vivibile in qualsiasi dominio di coerenza esperienziale. Inoltre, il fatto che le diverse realtà che configuriamo in quanto esseri umani o che esperiamo nel nostro vivere, siano tutte ugualmente legittime come realizzazioni di diversi domini di coerenze esperienziali, 4

5 non significa che tutte siano ugualmente desiderabili, eticamente accettabili o piacevoli da vivere. Le cose stanno così perchè le diverse realtà che noi esseri umani configuriamo o esperiamo nel nostro vivere, emergono dal nostro vivere, nel corso dello stesso, come distinti domini di coerenza esperienziale, e non tutti i nostri vissuti ci risultano ugualmente gradevoli, desiderabili o eticamente accettabili. Infine, per tutti questi motivi, un'affermazione valida in un determinato dominio di realtà, ascoltata a partire da un altro può essere vissuta come un'illusione, un errore o una verità assoluta. Da tutto quel che precede, ogni atto umano risulta essere valido solo nel dominio di realtà in cui avviene, e non in altri, e risulta esserlo secondo le coerenze esperienziali che definiscono tale dominio; inoltre, nella multidimensionalità del nostro esistere umano come esseri nel linguaggio, possiamo sempre definire un dominio di realtà a partire dal quale un altro dominio risulta a noi indesiderabile, ed essere responsabili del mondo quotidiano che esperiamo. Da qui nasce la responsabilità che spetta a tutti nell'educazione dei bambini perchè e' solo se i nostri bambini vivranno nella loro infanzia la biologia dell'amore, e potranno conservarla nel loro passaggio alla vita adulta, che vivranno la coscienza sociale come il riferimento etico per scegliere, in modo consapevole o inconsapevole, i domini di realtà che configurano nel loro vivere. L'impostazione epistemologica non realista, inoltre, non si pone come una fantasia o come una proposizione arbitraria, ma emerge come un'astrazione dalle coerenze del vivere, a partire dalla comprensione dell'operare dell'essere vivente e, pertanto, anche dalla comprensione dell'essere umano in quanto essere vivente e del suo vivere come tale. Questa comprensione del vivente e del vivere mostra che ogni essere vivente e' un sistema determinato strutturalmente e una totalità chiusa su se stessa nella sua dinamica di stati, anche se aperta al cambiamento strutturale in una maniera contingente al corso delle sue interazioni; secondo tale comprensione, inoltre, benché niente di esterno, incidendo sul sistema, possa specificare ciò che avviene in lui, la sua struttura cambia in maniera congruente al cambiamento strutturale del medium. In queste circostanze, l'essere umano e' capace di concepire una realtà esterna solo perché esiste come essere umano nell'ambito relativo all'esistenza, intesa come un fluire nel convivere nel linguaggio. E' per questo che la realtà esterna che concepiamo, per ragioni epistemologiche, come substrato o come fonte ultima di tutto, appare come il nulla o come il divino in quanto appare come una fonte che, come tale, e' inaccessibile all'esperienza diretta, sebbene sia pensabile dalla nostra riflessione razionale e desiderabile a partire dal nostro emozionare. A Partire dalla coerenza con l'ambito biologico da cui nasce l'impostazione epistemologica non realista, accettare o riconoscere la legittimità di tutte le forme di esistenza che essa comporta e' un'opportunità per uscire da qualunque illusione o sofferenza, in quanto vivere desideri o aspettative conflittuali e' un risultato della confusione di due o più domini di realtà si soffre perchè si cerca di essere ciò che non si e' nella continua negazione di sè e dell'altro, e questo per via dell'attaccamento a fonti di tirannia come la competizione, l'apparire, il dover essere o la proiezione di un'immagine. 2. L'arte della terapia La storia dell'umanità mostra che vi sono molti modi efficaci di fare terapia partendo da impostazioni epistemologiche assai diverse. A parer mio le cose stanno così non perchè l'impostazione epistemologica che sottende il lavoro terapeutico sia irrilevante, ma perchè 5

6 il terapeuta si muove, nelle sue interazioni con il paziente, in molti domini relazionali diversi, alcuni certamente inconsci, altri consci, che nella loro operazionalità implicano, di fatto, impostazioni epistemologiche diverse e molte volte contraddittorie. Prova ne sia il fatto che vi sono pratiche terapeutiche che si impostano esplicitamente evitando alcuni di questi domini. A partire dalla mia comprensione del biologico, penso che l'effettività terapeutica si ottenga - o la terapia risulti efficace - quando nel corso della stessa, nel vivere del paziente, si ristabilisce la biologia dell'amore con il recupero del rispetto per se stesso e per l'altro, a prescindere dal che questa sia l'intenzione del terapeuta. Perchè questo avvenga il terapeuta deve incontrarsi con il paziente nel dominio in cui questi vive la propria identità in quel momento, accettando la sua legittimità qualunque essa sia, da qui guidandolo alla dissoluzione del conflitto attraverso il recupero del coincidere emozionale fra l'essere e il desiderare di essere, e questo può avvenire con la consapevolezza o meno, da parte del terapeuta, del dominio epistemologico in cui sta avendo luogo la relazione col paziente che risulta essere terapeutica. Quando ciò avviene la biologia dell'amore diventa il riferimento relazionale fondamentale del paziente e scompare la richiesta di aiuto. Vediamo un esempio di ciò, in un caso semplice del vivere quotidiano. Mobutu e' uno studente nigeriano che fa un dottorato in agricoltura in un'università nordamericana. Alloggia in casa di Henry, un amico professore di fisica. Un giorno si avvicina Henry e gli dice: "Henry, sono stato ingannato, mi hanno truffato, ho comprato una pellicola a colori, però, fotografando una fotografia in bianco e nero della mia famiglia, quello che ottengo e' un'altra fotografia in bianco e nero anziché una fotografia a colori. Sono indignato, sono stato truffato". Henry gli spiega la situazione fisica, dimostrandogli che, anche se la pellicola e' a colori, se l'originale e' in bianco e nero si può solo ottenere bianco e nero. Mobuto contesta, dicendo che conosce molto bene la fisica dei colori e dei pigmenti, ma che ha acquistato una pellicola per fare fotografie a colori e quello che ottiene al posto dei colori e' bianco e nero. Henry chiede ad uno dei suoi figli, anch'egli fisico, di spiegare quel che succede, cosa che questi fa con cura e dettagli, pero' avviene la stessa cosa. Mobuto dice che lo sa, ma che la pellicola che ha comprato e' per fare fotografie a colori e quello che ottiene e' bianco e nero, per cui ritiene di essere stato truffato. La situazione si fa tesa e angosciosa per Mobuto, il quale sostiene di non essere ascoltato. E lo stesso avviene anche per Henry e suo figlio, i quali dicono che Mobuto non e' disposto ad ascoltare. Quando le cose sono a questo punto, arriva Jim, che e' stato per alcuni anni professore in una scuola di Tecnologia in Nigeria, quand'era nel corpo di Pace nordamericano. Jim ascolta il resoconto e, rivolgendosi a Mobutu, gli dice: "non e' come tu pensi, non e' così". Mobutu ascolta, il suo stato d'animo cambia, e dice: "Molte grazie" e poi se ne va tranquillo. Non c'e' più angoscia ne' tensione in lui. Che cos'e' successo? Secondo quel che penso, la risposta di Jim ha permesso ha Mobuto recuperare il rispetto di sé e dell'altro consentendogli di muoversi nuovamente nella biologica dell'amore nelle sue relazioni con se stesso e con gli altri. Come? Vediamolo. Mobuto appartiene ad una cultura autoritaria, e in questo caso il suo conflitto avviene nel dominio dell'autorità. La fisica e' un dominio di autorità, non si equivoca, però la casa produttrice della pellicola, la Kodak, costituisce anch'essa un dominio di autorità e non può dichiarare sull'involucro della pellicola qualcosa di non valido. Mobuto non può risolvere questo conflitto partendo della riflessione, perchè dovrebbe dubitare dell'autorità della fisica, che conosce, accetta, e che, in più, e' convalidata dai due professori di fisica della casa in cui vive, o dovrebbe dubitare della Societa' Kodak, cosa che non può fare per mancanza di elementi. Pertanto l'unica cosa che puo' essere successa e' una truffa, un inganno ad opera di un'altra 6

7 persona e Mobutu cerca appoggio in Henry, lamentandosi dell'inganno di fronte a un'altra autorita'. Pero' non trova l'appoggio che cercava; al contrario incontra negazione e rifiuto, e perde il rispetto di se' nel dubitare, senza necessariamente esserne cosciente, della sua coerenza culturale, entrando in un conflitto relazionale con coloro che rispetta e apprezza e desiderando mantenere la validità simultanea di due domini di realtà contraddittori: l'autorità e l'autonomia nella riflessione. Da qui la sua angoscia. Jim e' stato in Nigeria e conosce il mondo in cui vive Mobutu. Non ha bisogno di pensarci; sa, come in modo naturale, di che si tratta e dice: "non e' come pensi, non succede così, e tutto si trasforma e si chiarisce. Mobutu ascolta, il suo stato d'animo muta, ringrazia e recupera la propria serenità. La risposta di Jim, anche se ci e' estranea (perchè noi cercheremmo di uscire dal conflitto per mezzo della riflessione), accetta la legittimità di Mobuto nel suo dominio di esistenza proprio perché avviene nell'ambito dell'autorità, e fa si che possa recuperare il rispetto di sé a partire dal rispetto per l'altro, che lo rispetta. Nell'accettazione di sé che rinasce in Mobutu grazie all'essere accettato nella sua legittimità da Jim, cambia la sua emozione, non c'e' piu' conflitto con Henry, e gli risuta possibile vedere tutto da un dominio, o prospettiva, in cui puo' entrare nelle riflessione sulla fisica dei colori senza dover negare la legittimità dell'ambito di autorità a cui appartiene. Jim, in modo naturale e senza sforzo, opera nella biologia dell'amore, cosi', semplicemente perche' si muoveva già in essa nel dominio di esistenza di Mobutu essendo partecipe della sua cultura e accettandola nella sua legittimità. Mobutu esce dal conflitto in cui si trovava semplicemente perchè questo si dissolve, ed entra di nuovo, come per incanto, nelle coerenze del suo dominio normale di esistenza. Anche Henry e suo figlio, sorpresi da quello che avviene, ma contenti di vedere Mobutu uscire dal proprio conflitto, si tranquillizzano e rasserenano. C'e' qualcosa di magico in questa danza emozionale che risulta curativa? L'arte del terapeuta, la sapienza del terapeuta, la poetica del terapeuta, stanno nell'incontrarsi col proprio paziente nel dominio di esistenza in cui egli vive, o può vivere, nel rispetto di sé e dell'altro, e, partendo da qui, scegliere un procedimento che permetta di guidarlo ad ampliare tale dominio, o a rimanere in esso in modo che il conflitto si dissolva perchè scompare la confusione fra piani di realtà. Fare questo non e' sempre facile come e' stato fatto con Mobutu. Però l'apparente semplicità di questo caso non deve nasconderci ciò che esso rivela. Perchè il terapeuta possa guidare il suo paziente al recupero del vivere nella biologia dell'amore deve operare, coscientemente o incoscientemente, nell'epistemologia non realista. Se lo fa in maniera inconscia, lo fa perchè la cosa principale nella poetica della relazione spontanea col suo paziente avviene nella sua accettazione di lui o di lei nelle dimensioni in cui vivono il loro conflitto. Se lo fa in maniera consapevole, il terapeuta usa la sua comprensione e la sua visione poetica per scoprire l'ambito in cui il paziente vive il proprio conflitto e, accettandolo, sceglie una delle molteplici forme di interazione che gli permettono di guidarlo nel modo più adeguato fino al successo, l'accettazione di sé e dell'altro, con il conseguente ampliamento della sua libertà riflessiva. Però nulla di tutto ciò può avvenire partendo da un'epistemologia implicitamente o esplicitamente realista. 7

Linguaggio e realtà: l'origine dell'umano. Humberto Maturana

Linguaggio e realtà: l'origine dell'umano. Humberto Maturana Linguaggio e realtà: l'origine dell'umano. Humberto Maturana Traduzione a cura di Marco Baggi - Centro Ikkyu autorizzata dall'autore (agosto 2001) L'autore propone che: 1. nei sistemi viventi una specie

Dettagli

Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna

Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna Autore: Margherita Spagnuolo Lobb QUARTA DI COPERTINA La psicoterapia della Gestalt vede la relazione

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Nuova Formazione di integrazione posturale Un ciclo di incontri residenziali di gruppo

Nuova Formazione di integrazione posturale Un ciclo di incontri residenziali di gruppo Ottobre 2015 Nuova Formazione di integrazione posturale Un ciclo di incontri residenziali di gruppo Incontri caratterizzati da: 1) Una logica prevalentemente esperienziale con il proprio corpo (corpo mente).

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Corso Seminario Breve Lezione N 5

Corso Seminario Breve Lezione N 5 Corso Seminario Breve Lezione N 5 Istruzioni: Il seguente messaggio è composto da 3 parti: - La prima parte la trovi nella pagina successiva con scritte in verde. Essa indica i temi e gli esercizi della

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL Se ATTRAVERSO IL MOVIMENTO CREATIVO

LA CONOSCENZA DEL Se ATTRAVERSO IL MOVIMENTO CREATIVO LA CONOSCENZA DEL Se ATTRAVERSO IL MOVIMENTO CREATIVO Il movimento creativo o danzaterapia o espressività corporea è un particolare modo di utilizzare il corpo, il movimento e il contatto, che ha come

Dettagli

Mirella Bolondi, Terra di silenzi

Mirella Bolondi, Terra di silenzi C'è sempre una prima volta a cura di CHIARA BERTAZZONI Mirella Bolondi, Terra di silenzi di CHIARA BERTAZZONI Quando la diversità diventa una ricchezza Con l'appuntamento di questo mese nel nostro salotto

Dettagli

CONVERSAZIONE CON VITTORIO GUIDANO - agosto 1999. A cura di Alfredo Ruiz (Direttore Istituto di Terapia Cognitiva Santiago del Cile)

CONVERSAZIONE CON VITTORIO GUIDANO - agosto 1999. A cura di Alfredo Ruiz (Direttore Istituto di Terapia Cognitiva Santiago del Cile) CONVERSAZIONE CON VITTORIO GUIDANO - agosto 1999 A cura di Alfredo Ruiz (Direttore Istituto di Terapia Cognitiva Santiago del Cile) Traduzione dallo spagnolo curata da Gianni Cutolo In questa conversazione,

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Dott.ssa Simona Di Giovanni Psicologa Psicoterapeuta familiare Convegno 9 giugno 2012 Tivoli Indice argomenti Reazioni e vissuti alla diagnosi di tumore

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO 20-21 maggio 2011 La necessità del sostegno territoriale alle famiglie Dr.ssa Alessandra Bianchi Psicoterapeuta A.G.S.A.T. CHE COS E IL DISTURBO AUTISTICO? L'Autismo è un

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

E ADESSO... Art Counselling

E ADESSO... Art Counselling E ADESSO... Art Counselling l'arte è un' avventura che ci conduce in un mondo sconosciuto. Soltanto coloro che per libera volontà si assumono tale rischio, possono scoprire questo mondo Rothko ANNO 2000

Dettagli

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 La famiglia etica EDUCAZIONE AUTORITARIA 1. Comando 2. Responsabilità del padre 3. Severità 4. Esemplarità 5. Paura e senso di colpa del bambino La famiglia

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

CAPITOLO TRE: IL PERCORSO DI COUNSELING CON PATRIZIA

CAPITOLO TRE: IL PERCORSO DI COUNSELING CON PATRIZIA CAPITOLO TRE: IL PERCORSO DI COUNSELING CON PATRIZIA Nelle sedute di Counseling con Patrizia ho utilizzato l approccio Gestaltico Integrato della scuola ASPIC. I modelli da me utilizzati sono stati: Modello

Dettagli

ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole

ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole Questa metodologia di lettura astrologica nasce dal presupposto che esista una connessione intrinseca, tra la dimensione esterna della realtà

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

INSEGNAMENTI SULL'AMORE

INSEGNAMENTI SULL'AMORE INSEGNAMENTI SULL'AMORE DI THICH NHAT HANH - ED. NERIPOZZA, 2004 Recensione a cura di SIMONA BRANCHI Un libro che emoziona, le cui parole, profonde e piene di grazia, risuonano come poesia nell'animo del

Dettagli

ASPETTI CLINICI E RELAZIONALI DEI DISTURBI ALIMENTARI

ASPETTI CLINICI E RELAZIONALI DEI DISTURBI ALIMENTARI Il Cibo nemico ASPETTI CLINICI E RELAZIONALI DEI DISTURBI ALIMENTARI - Il cibo nemico. (prima parte) Da quando esiste la vita, nutrimento e cibo sono elementi fondamentali per la sopravvivenza di qualsiasi

Dettagli

Cosa desideri dalla vita?

Cosa desideri dalla vita? Cosa desideri dalla vita? L'Amore? L'Amore? Se quello che desideri è l'amore, quello con la A maiuscola Se desideri realmente amarti,amare ed essere riamata Se desideri trovare la persona giusta Se desideri

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16 Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 OFFERTE LAVORO PSICOLOGI: Consigli per trovare lavoro in psicologia Trovare lavoro come psicologi non è sempre semplice.

Dettagli

SPIEGAZIONI - SUGGERIMENTI - CONSIGLI - REGOLE PRIMA, DURANTE E DOPO IL BAGNO DI GONG

SPIEGAZIONI - SUGGERIMENTI - CONSIGLI - REGOLE PRIMA, DURANTE E DOPO IL BAGNO DI GONG 22. oktober 2012 SPIEGAZIONI - SUGGERIMENTI - CONSIGLI - REGOLE PRIMA, DURANTE E DOPO IL BAGNO DI GONG CHE COS'E' IL BAGNO DI GONG? Anche se il Bagno di Gong, si svolge con un gruppo di persone, ogni Bagno

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE?

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? Quando si ha l inseminazione e la fecondazione artificiali omologhe? Quando lo spermatozoo e l ovulo provengono dalla stessa

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Studio Attiva la Mente Psicologia e Psicoterapia

Studio Attiva la Mente Psicologia e Psicoterapia Relazione, Intimità e Crisi Secondo molti autori (Sternberg, 1998) la vita di coppia segue un percorso che alterna diverse fasi lungo tutto l'arco della vita, quasi un filo rosso che accomuna le coppie.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza VOLARE E PERICOLOSO? È certamente una domanda legittima, che molti piloti, più o meno consciamente, presto o tardi si pongono. Sorprendentemente, la risposta è a portata di mano: LA RISPOSTA E DENTRO NOI

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

Spazio il Respiro. Scuola di Massaggio Integrato e Tecniche Psicocorporee, Counseling e Bodywork. Organizza a Bologna. Formazione biennale per

Spazio il Respiro. Scuola di Massaggio Integrato e Tecniche Psicocorporee, Counseling e Bodywork. Organizza a Bologna. Formazione biennale per Spazio il Respiro Scuola di Massaggio Integrato e Tecniche Psicocorporee, Counseling e Bodywork Organizza a Bologna Formazione biennale per Operatore Olistico in Tecniche Psicocorporee, Massaggio e Movimento

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLA PSICOTERAPIA

DOMANDE FREQUENTI SULLA PSICOTERAPIA Pagina 1 di 5 DOMANDE FREQUENTI SULLA PSICOTERAPIA 1 Domanda - Cos e la psicoterapia e cosa la differenzia dalla psichiatria? Seppur semplificando, si può dire che la psicoterapia e un sorta di terapia

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

LA FAMIGLIA IN TILT. Mondo Teen- - Ser.T. Parma

LA FAMIGLIA IN TILT. Mondo Teen- - Ser.T. Parma Mondo Teen- - Ser.T. Parma LA FAMIGLIA IN TILT Dott.ssa Maria Caterina Antonioni Dott.ssa Alessia Ravasini, Dott.ssa Eleonora Gravino, Dott.ssa Valentina Nucera, Dott. Filippo Tinelli MONDO TEEN Ser.T.

Dettagli

Luce dai buchi neri. Tenuto da GIANNI FRANCESETTI. 12 novembre 2011 presso Associazione Italiana Gestalt Analitica - Roma

Luce dai buchi neri. Tenuto da GIANNI FRANCESETTI. 12 novembre 2011 presso Associazione Italiana Gestalt Analitica - Roma * SEMINARIO TEORICO-PRATICO Luce dai buchi neri Tenuto da GIANNI FRANCESETTI 12 novembre 2011 presso Associazione Italiana Gestalt Analitica - Roma Depressione quale?..nella letteratura del 900 troviamo

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1.1. Verso una definizione della psicologia clinica Definire che cosa si intenda per psicologia clinica non è compito facile in quanto essa è una materia

Dettagli

Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick

Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick Premessa Lo studio della comunicazione umana si articola in tre settori di indagine: 1. quello della sintassi, che

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

"La libertà e l'amore"

La libertà e l'amore "La libertà e l'amore" Per il lavoro, la riflessione e la preghiera LA SCRITTURA: Gal 5,13-14; Fil 2; Gal 2,20; Gv 15; Rm 7,15; LA LETTERATURA Da Il Piccolo Principe scritto da Antoine de Saint-Exupéry

Dettagli

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento L ansia, è ciò che permette all uomo di sopravvivere: parleremo in questo caso di ansia reale che viene utilizzata per segnalare un pericolo interno (proveniente dal mondo inconscio), o esterno (proveniente

Dettagli

FORMAZIONE UMANA GLOBALE

FORMAZIONE UMANA GLOBALE FORMAZIONE UMANA GLOBALE Effetti di un ciclo di otto sessioni di Meditazione Vigile (Mindfulness) sulla qualità di vita, la riduzione del livello di stress e il miglioramento di alcune abilità cognitive

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

Adriano Pessina. Aborto dopo la nascita? Confutazione di una tesi filosofica che equipara aborto a infanticidio.

Adriano Pessina. Aborto dopo la nascita? Confutazione di una tesi filosofica che equipara aborto a infanticidio. Adriano Pessina Aborto dopo la nascita? Confutazione di una tesi filosofica che equipara aborto a infanticidio. Premessa: questo testo intende analizzare e confutare alcune tesi proposte nell articolo

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Il Cavaliere delle Energie

Il Cavaliere delle Energie Massime tratte dal libro Il Cavaliere delle Energie di Andrea Pangos www.andreapangos.it ISBN 88-88914-00-5 Andrea Pangos Edizioni Copyright 2003 Andrea Pangos Il Cavaliere delle Energie Tu sei per te

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

Programma delle attività 2015

Programma delle attività 2015 Programma delle attività 2015 Sede dei corsi a Napoli Hotel S. Francesco al Monte Corso Vittorio Emanuele, 328 Per nascere Anemos ha atteso che il vento fosse favorevole in modo da permettere alla nave

Dettagli

Capitolo 4 L INTENZIONALITA E LE SUE REGIONI

Capitolo 4 L INTENZIONALITA E LE SUE REGIONI Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Capitolo 4 L INTENZIONALITA E LE SUE REGIONI Do1.ssa Mabel Giraldo CHE COS È L INTENZIONALITÀ? Storia e:mologica

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

La pragmatica della comunicazione secondo la Scuola di Palo Alto

La pragmatica della comunicazione secondo la Scuola di Palo Alto La pragmatica della comunicazione secondo la Scuola di Palo Alto 1. La pragmatica della comunicazione e i suoi assiomi Un enorme contributo alla spiegazione dei complessi meccanismi di interazione degli

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE Capitolo 4 LE COMPETENZE La qualità principale che l osteopata professionista deve possedere e applicare nell approccio terapeutico è la competenza, caratteristica fondamentale dell iter formativo, dell

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

«Persona e formazione. Riflessioni per la pratica educativa e psicoterapeutica» a cura di A. Manenti, S. Guarinelli e H. Zollner *

«Persona e formazione. Riflessioni per la pratica educativa e psicoterapeutica» a cura di A. Manenti, S. Guarinelli e H. Zollner * Tredimensioni 5(2008) 105-110 «Persona e formazione. Riflessioni per la pratica educativa e psicoterapeutica» a cura di A. Manenti, S. Guarinelli e H. Zollner * Carlo Bresciani E ssendo un libro scritto

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

FIABE, FAVOLE E FANTASIA

FIABE, FAVOLE E FANTASIA SCUOLA DELL INFANZIA SACRO CUORE DI NOVARA LABORATORIO DI STORIE FIABE, FAVOLE E FANTASIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONE COCCINELLE (BAMBINI DI 4 ANNI) INSEGNANTE: BRUGNONE MARIA Il progetto laboratoriale

Dettagli