Prefazione di Humberto Maturana al libro Cosa succede quando siamo depressi? di A. Ruiz

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione di Humberto Maturana al libro Cosa succede quando siamo depressi? di A. Ruiz"

Transcript

1 Prefazione di Humberto Maturana al libro Cosa succede quando siamo depressi? di A. Ruiz Traduzione a cura di Marco Baggi Centro Ikkyu concessa dall autore (agosto 2001) A mio avviso la psicoterapia si svolge come un processo di recupero dell'amore e del rispetto di sé nel recupero del rispetto e dell'amore nei confronti dell'altro. O, detto in altre parole, secondo me la psicoterapia si svolge come un processo in cui, a partire dal recupero del rispetto e dell'amore di sé e dell'altro, si recupera la libertà riflessiva che consente l'indifferenza a qualsiasi descrizione della propria identità e, pertanto, apre spazio al cambiamento che rende possibile vivere gli eventi della vita senza la sofferenza che porta a consultare lo psicoterapeuta. Per questo stesso motivo penso che la sofferenza che porta a cercare aiuto nella psicoterapia nasca dal vivere nella negazione di sé nella negazione dell'altro, nel vivere basato sulla negazione ricorrente dell'amore o, detto in modo più diretto, nel vivere nella negazione continua della biologia dell'amore come fondamento del convivere sociale. E infine penso, certamente in maniera tautologica, che proprio per questo la sofferenza di chi consulta lo psicoterapeuta svanisca quando tale persona recupera il vivere nella biologia dell'amore, che e' il vivere nell'amore e nel rispetto di sé e dell'altro, come il suo modo fondamentale di vivere. Ciò che ho appena detto e' un'affermazione audace, venendo da chi non pratica la psicoterapia e può per questo non essere valida o risultare scontata per coloro che la praticano. Talvolta potranno apparire eccessivamente semplificate cose che senza dubbio tutti coloro che praticano la psicoterapia sanno essere complicate, anche se a volte la sofferenza si dissolve da un momento all'altro, senza che si capisca completamente perchè e come. Malgrado ciò desidero presentare succintamente i fondamenti sui quali si basa ciò che ho detto a proposito della terapia. Noi essere umani apparteniamo ad una storia evolutiva di espansione dell'infanzia oltre il momento della riproduzione sessuale, sino a abbracciare praticamente tutta la vita. In quanto esseri umani siamo animali neotenici quindi, come adulti, siamo in realtà bambini grandi. Una conseguenza della nostra condizione di animali neotenici e' che siamo o viviamo come animali dipendenti dall'amore in grado estremo anche per dei mammiferi, e ci ammaliamo quando il vivere amoroso ci e' negato nel fluire del vivere quotidiano. In quanto esseri umani la nascita del nostro divenire evolutivo ha coinciso con la conservazione del vivere nell'intimità amorosa della relazione materno-infantile espansa a tutte le relazioni, tanto che il nostro benessere dipende dal piano ludico e amoroso, anche quando facciamo cose orribili negli offuscamenti culturali che creiamo: sorprendente? Si, però al contempo non dovremmo sorprenderci perchè tutti, intimamente, sappiamo che e' così. Come abbiamo già detto in una precedente pubblicazione (Maturana e Verden Zoller, 1993) l'amore non e' una virtù propria della condizione umana, bensì un fenomeno relazionale del convivere animale. Come fenomeno relazionale l'amore e' al contempo semplice, triviale e fondamentale nella convivenza di tutti gli animali. Anche se ha, di fatto, una diversa presenza nel corso del vivere individuale nelle diverse classi di animali, a seconda del loro modo di convivere. Vediamoli: l'amore come fenomeno relazionale biologico consiste nei comportamenti, o classe dei comportamenti, attraverso i quali l'altro sorge nella relazione come un legittimo altro nella vicinanza della convivenza, in 1

2 circostanze in cui l'altro può essere un uguale. Questo, accordandosi sul fatto che la legittimità dell'altro si costituisce nei comportamenti o operazioni che rispettano e accettano la sua esistenza in quanto tale, senza sforzo e come un fenomeno del mero convivere. Legittimità dell'altro e rispetto per lui, o lei, sono due modalità di relazione congruenti e complementari, che si implicano reciprocamente. Se l'altro (me compreso) e' legittimo nella sua esistenza di fronte a me, lo rispetto anche nel disaccordo a partire dal quale posso giungere a negarlo. A partire dal rispetto la mia negazione dell'altro appare come un atto del quale io mi rendo responsabile, nasce come un atto che si convalida a partire da me, senza ch'io pretenda di giustificarlo in maniera trascendente, e di fronte al quale accetto come valide le conseguenze che ricadono su di me, senza alcuna quescia. Se io rispetto l'altro, la sua esistenza e' legittima e non deve, ne' necessita, di essere giustificata da lui, lei o me. Se rispetto me stesso, non devo ne giustificare il mio esistere ne' discolparmi di essere così come sono, anche qualora desiderassi cambiare. Nell'ambito del vivere umano, la legittimità dell'altro - o la propria - avviene nei comportamenti di mutuo rispetto, o di rispetto per se stessi, in cui le discrepanze si vivono senza sforzo, in maniera responsabile, nell'obiezione del fare e non dell'essere. In realtà questo e' precisamente ciò che vediamo nella vita quotidiana in cui lamentiamo il disamore: "tu non mi ami, visto che non mi vedi" "tu non mi ami, papà, pretendi ch'io sia un altro bambino, diverso da quello che sono". Il problema del disamore consiste nel negare l'essere di una persona, non di obiettarne il fare. Se si dice a qualcuno che qualcosa e' fatto male, e gli si indica la procedura adeguata, senza dirgli che e' lui quello che non va bene, non c'e' problema di disamore. Pertanto, parlando di amore e disamore distinguiamo classi di comportamenti, e non ci riferiamo ad alcun comportamento particolare. Così diciamo: "tale persona e' un amante della natura, sta sempre attento a non danneggiare piante e animali"; diciamo anche : "Pedro e' la persona più amorevole che ho conosciuto, guardalo, si rende sempre conto di ciò di cui ho bisogno o che manca in casa". L'amore non e' un sentimento, e' un modo di relazionarsi, e' un modo di comportarsi con l'altro o con se stessi in cui l'altro, o sé, appare nella relazione come un essere legittimo, anche nella discrepanza o nell'irritazione. Lo stesso accade col disamore, che non e' un sentimento ma un'emozione, un dominio di comportamenti, e come tale e' un modo di relazionarsi in cui appaiono i comportamenti che negano la legittimità dell'essere altrui, o di se stesso. La sofferenza nasce nel coltivare il disamore come fenomeno culturale, perché ciò che e' naturale, come modalità basilare del vivere umano, e' l'amore. Proseguiamo. Come ho già detto, l'amore e' un fenomeno biologico proprio all'ambito relazionale animale, che nei mammiferi appare come aspetto centrale della convivenza in intimità della relazione materno - infantile in totale accettazione corporea reciproca. Come ho già detto, noi esseri umani apparteniamo al presente di una storia evolutiva particolare di primati neotenici in cui l'intimità corporea della relazione materno-infantile si e' estesa alla vita adulta, ed e' divenuta tanto fondamentale che siamo diventati essere dipendenti dall'amore durante tutta la vita. Per questo ci ammaliamo se viviamo una cultura che nega sistematicamente l'amore, come di fatto ci capita vivendo nella legittimazione quotidiana della negazione dell'altro che si produce nella competizione, nell'esigenza di un dover essere, nell'apparire ciò che non si e', nella menzogna continua rappresentata dall'intento permanente di proiettare una buona immagine in modo da avere successo e, in effetti, ci ammaliamo perchè il vivere culturale, che trasforma in un modello di vita il vivere nella negazione sistematica della legittimità dell'altro e di se stesso, si oppone al fondamento 2

3 biologico del vivere umano come vivere proprio della classe di primati neotenici che l'essere umano e'. Nella competizione e nell'apparenza neghiamo l'altro, in quanto la soddisfazione dei nostri desideri implica il desiderio che l'altro sparisca o si sottometta come risultato di ciò che facciamo, consapevoli di desiderare che l'altro sparisca o si sottometta come risultato del nostro agire. Però nell'apparenza e nella competizione neghiamo noi stessi, anche se non ne siamo consapevoli, dato che nel competere e nell'apparire il soddisfacimento dei nostri desideri viene a dipendere, di fatto, dall'agire altrui e non dal nostro. Analogamente, vivendo nell'apparenza e nella proiezione di una immagine, neghiamo noi stessi in quanto tentiamo di apparire come non siamo e sappiamo di non essere, e, facendolo, neghiamo anche l'altro in quanto lo inganniamo o cerchiamo di ingannarlo, mentendo rispetto al nostro essere. Vivere nella competizione, nel dovere essere, nell'apparire e nell'immagine di ciò che non si e', genera sofferenza perchè distrugge il rispetto di sé e dell'altro, rende impossibile l'amore per se e l'amore per l'altro, e con ciò nega la propria legittimità e la legittimità altrui, come modalità sistematica del vivere, rimanendo imprigionati, per paura di quella riflessione che mostrerebbe la mancanza di rispetto e di amore per se stessi e per l'altro in cui si vive, in totale irresponsabilità. Vivendo nell'autonegazione ci ammaliamo nell'anima e nel corpo. Come il misantropo di Molière, simulando una vita integra non ci amiamo, non amiamo l'altro, la nostra esistenza perde legittimità e viviamo in continua lotta, senza dignità. Questa e' l'anima malata e questo e' il vivere malato. Nella lotta e nel disamore per se stessi, la dinamica sistemica dell'organismo si altera; cambiando il flusso sanguineo e le tensioni articolari, la configurazione referenziale tonica cambia attraverso il movimento corporeo e la dinamica circolatoria; cambiano le configurazioni di riferimento della dinamica endocrina e si distorcono le coerenze delle produzioni cellulari e molecolari, della rete chiusa di produzioni cellulari e molecolari che costituisce il sistema immunitario. Il risultato finale e' che l'organismo cambia il suo modo sistemico di operare a livello fisiologico, e compaiono in esso reazioni indesiderabili, tanto nei confronti del suo ambiente circostante quanto nelle sue dinamiche interne. Il corpo accompagna l'anima ammalata e si ammala con lei e, come Molière intravede e capta col suo occhio poetico nel misantropo, quando guarisce l'anima, guarisce il corpo. Non e' il caso di parlare in questa sede della storia evolutiva nella quale traiamo origine più di quanto non abbia già fatto. Pertanto vorrei solo dire che ritengo tale storia sia iniziata con la formazione di una specie neotecnica che si separò dalla specie che diede origine allo scimpanzè, più di cinque milioni di anni fa. Il fatto e' che attualmente nasciamo come bambini necessitanti, per la nostra salute di esseri umani, di crescere in una modalità di vita amorosa, in cui apprendiamo la nostra corporeità e la corporeità dell'altro, vivendo nel mutuo rispetto, nell'accettazione della nostra corporeità e della corporeità altrui, in un processo che avviene, normalmente, nell'intimità, in totale accettazione e fiducia, della relazione materno-infantile. Però non e' solo per lo sviluppo della coscienza della propria corporeità e della corporeità altrui, nel rispetto di sé e dell'altro, che la nostra biologia esige che viviamo fin da piccoli nella biologia dell'amore; e' per tutto il vivere umano in coscienza e responsabilità sociale. I mondi che viviamo in quanto adulti e che creiamo nel nostro vivere, dapprima nella piena intimità della relazione materno infantile e più tardi nella relazione con tutti gli altri esseri 3

4 con i quali conviviamo, come espansione del nostro essere a partire da tale vivere infantile, come spazi relazionali che generiamo a partire da lì. E quindi saremo adulti amorevoli e consapevoli, responsabili del nostro essere sociale in un mondo che cambia, con il nostro vivere e in base al nostro vivere, solo se avremo avuto la fortuna di conservare il rispetto e l'amore per l'altro e per noi stessi come esseri sociali, al momento dell'accesso alle occupazioni della vita adulta, o se avremo recuperato o acquisito tale amore e rispetto per l'altro e per noi stessi, intenzionalmente o accidentalmente, all'interno di una terapia efficace che ci abbia segnato la vita.... La mia spiegazione Tutte le pratiche terapeutiche possono dare origine, in mano ad un buon terapeuta, a terapie efficaci. Perchè e come? Credo che il processo terapeutico sia sempre lo stesso, qualunque sia la forma di psicoterapia, e che avvenga quando il terapeuta riesce, mediante la sua interazione con il paziente, a condurlo, coscientemente o incoscientemente, all'abbandono della negazione sistematica di sé e dell'altro e al recupero della biologia dell'amore come modalità o filo conduttore del suo vivere. Questo non significa che le diverse impostazioni epistemologiche in ambito terapeutico siano uguali o equivalenti e che, in fondo, sia lo stesso adottare l'una o l'altra. La differenza sta sia nel modo in cui il terapeuta imposta il suo intervento, sia nel cosa fare per indirizzare le sue intenzioni con i pazienti, a seconda della sua concezione di ciò che avviene in terapia. Questo mostra e indica chiaramente l'autore del libro nelle sue descrizioni e resoconti. Il terapeuta che accetta l'esistenza di una realtà unica e veritiera non può che pensare che sia tale realtà a dover guidare il vivere, e che il suo cliente soffre perchè il suo vissuto ha deviato da questa realtà, qualunque essa sia. In questo caso la terapia dovrà orientarsi, in un modo o nell'altro, a guidare il paziente al recupero del vivere in armonia con la realtà. Il procedimento può essere l'emergere della riflessione, o una strategia coercitiva, o altro che non posso immaginare,visto che non faccio terapia, però qualunque esso sia deve portare il paziente a recuperare la sua connessione con la realtà. Il terapeuta che, al contrario, accetta l'esistenza di molte realtà, tutte diverse e tutte legittime, può unicamente operare facendo in modo che il suo paziente recuperi l'armonia del vivere facendo sorgere quella realtà che ha a che fare con la vita che coscientemente o in maniera inconscia egli desidera vivere. Il procedimento può essere qualunque, ma non può contraddire l'apertura esistenziale implicata dall'accettazione che non esiste una realtà unica. Questo libro mostra ciò che queste due impostazioni epistemologiche implicano, però l'autore fa qualcosa di più: mostra e argomenta la sua preferenza per una delle due, benché abbia fatto l'esperienza di molte terapie riuscite con l'altra. Cosa e' in gioco qui? Vediamolo: 1. L'epistemologia non realista L'impostazione epistemologica non realista postula l'esistenza di molte realtà di cui noi esseri umani facciamo esperienza o che configuriamo nel vivere, e la validità intrinseca di ognuna di queste, però non afferma che tutto sia valido in qualsiasi modo, ne' che qualsiasi cosa pensata sia possibile in quanto tale, in qualsiasi dominio immaginato, ne' che sia vivibile in qualsiasi dominio di coerenza esperienziale. Inoltre, il fatto che le diverse realtà che configuriamo in quanto esseri umani o che esperiamo nel nostro vivere, siano tutte ugualmente legittime come realizzazioni di diversi domini di coerenze esperienziali, 4

5 non significa che tutte siano ugualmente desiderabili, eticamente accettabili o piacevoli da vivere. Le cose stanno così perchè le diverse realtà che noi esseri umani configuriamo o esperiamo nel nostro vivere, emergono dal nostro vivere, nel corso dello stesso, come distinti domini di coerenza esperienziale, e non tutti i nostri vissuti ci risultano ugualmente gradevoli, desiderabili o eticamente accettabili. Infine, per tutti questi motivi, un'affermazione valida in un determinato dominio di realtà, ascoltata a partire da un altro può essere vissuta come un'illusione, un errore o una verità assoluta. Da tutto quel che precede, ogni atto umano risulta essere valido solo nel dominio di realtà in cui avviene, e non in altri, e risulta esserlo secondo le coerenze esperienziali che definiscono tale dominio; inoltre, nella multidimensionalità del nostro esistere umano come esseri nel linguaggio, possiamo sempre definire un dominio di realtà a partire dal quale un altro dominio risulta a noi indesiderabile, ed essere responsabili del mondo quotidiano che esperiamo. Da qui nasce la responsabilità che spetta a tutti nell'educazione dei bambini perchè e' solo se i nostri bambini vivranno nella loro infanzia la biologia dell'amore, e potranno conservarla nel loro passaggio alla vita adulta, che vivranno la coscienza sociale come il riferimento etico per scegliere, in modo consapevole o inconsapevole, i domini di realtà che configurano nel loro vivere. L'impostazione epistemologica non realista, inoltre, non si pone come una fantasia o come una proposizione arbitraria, ma emerge come un'astrazione dalle coerenze del vivere, a partire dalla comprensione dell'operare dell'essere vivente e, pertanto, anche dalla comprensione dell'essere umano in quanto essere vivente e del suo vivere come tale. Questa comprensione del vivente e del vivere mostra che ogni essere vivente e' un sistema determinato strutturalmente e una totalità chiusa su se stessa nella sua dinamica di stati, anche se aperta al cambiamento strutturale in una maniera contingente al corso delle sue interazioni; secondo tale comprensione, inoltre, benché niente di esterno, incidendo sul sistema, possa specificare ciò che avviene in lui, la sua struttura cambia in maniera congruente al cambiamento strutturale del medium. In queste circostanze, l'essere umano e' capace di concepire una realtà esterna solo perché esiste come essere umano nell'ambito relativo all'esistenza, intesa come un fluire nel convivere nel linguaggio. E' per questo che la realtà esterna che concepiamo, per ragioni epistemologiche, come substrato o come fonte ultima di tutto, appare come il nulla o come il divino in quanto appare come una fonte che, come tale, e' inaccessibile all'esperienza diretta, sebbene sia pensabile dalla nostra riflessione razionale e desiderabile a partire dal nostro emozionare. A Partire dalla coerenza con l'ambito biologico da cui nasce l'impostazione epistemologica non realista, accettare o riconoscere la legittimità di tutte le forme di esistenza che essa comporta e' un'opportunità per uscire da qualunque illusione o sofferenza, in quanto vivere desideri o aspettative conflittuali e' un risultato della confusione di due o più domini di realtà si soffre perchè si cerca di essere ciò che non si e' nella continua negazione di sè e dell'altro, e questo per via dell'attaccamento a fonti di tirannia come la competizione, l'apparire, il dover essere o la proiezione di un'immagine. 2. L'arte della terapia La storia dell'umanità mostra che vi sono molti modi efficaci di fare terapia partendo da impostazioni epistemologiche assai diverse. A parer mio le cose stanno così non perchè l'impostazione epistemologica che sottende il lavoro terapeutico sia irrilevante, ma perchè 5

6 il terapeuta si muove, nelle sue interazioni con il paziente, in molti domini relazionali diversi, alcuni certamente inconsci, altri consci, che nella loro operazionalità implicano, di fatto, impostazioni epistemologiche diverse e molte volte contraddittorie. Prova ne sia il fatto che vi sono pratiche terapeutiche che si impostano esplicitamente evitando alcuni di questi domini. A partire dalla mia comprensione del biologico, penso che l'effettività terapeutica si ottenga - o la terapia risulti efficace - quando nel corso della stessa, nel vivere del paziente, si ristabilisce la biologia dell'amore con il recupero del rispetto per se stesso e per l'altro, a prescindere dal che questa sia l'intenzione del terapeuta. Perchè questo avvenga il terapeuta deve incontrarsi con il paziente nel dominio in cui questi vive la propria identità in quel momento, accettando la sua legittimità qualunque essa sia, da qui guidandolo alla dissoluzione del conflitto attraverso il recupero del coincidere emozionale fra l'essere e il desiderare di essere, e questo può avvenire con la consapevolezza o meno, da parte del terapeuta, del dominio epistemologico in cui sta avendo luogo la relazione col paziente che risulta essere terapeutica. Quando ciò avviene la biologia dell'amore diventa il riferimento relazionale fondamentale del paziente e scompare la richiesta di aiuto. Vediamo un esempio di ciò, in un caso semplice del vivere quotidiano. Mobutu e' uno studente nigeriano che fa un dottorato in agricoltura in un'università nordamericana. Alloggia in casa di Henry, un amico professore di fisica. Un giorno si avvicina Henry e gli dice: "Henry, sono stato ingannato, mi hanno truffato, ho comprato una pellicola a colori, però, fotografando una fotografia in bianco e nero della mia famiglia, quello che ottengo e' un'altra fotografia in bianco e nero anziché una fotografia a colori. Sono indignato, sono stato truffato". Henry gli spiega la situazione fisica, dimostrandogli che, anche se la pellicola e' a colori, se l'originale e' in bianco e nero si può solo ottenere bianco e nero. Mobuto contesta, dicendo che conosce molto bene la fisica dei colori e dei pigmenti, ma che ha acquistato una pellicola per fare fotografie a colori e quello che ottiene al posto dei colori e' bianco e nero. Henry chiede ad uno dei suoi figli, anch'egli fisico, di spiegare quel che succede, cosa che questi fa con cura e dettagli, pero' avviene la stessa cosa. Mobuto dice che lo sa, ma che la pellicola che ha comprato e' per fare fotografie a colori e quello che ottiene e' bianco e nero, per cui ritiene di essere stato truffato. La situazione si fa tesa e angosciosa per Mobuto, il quale sostiene di non essere ascoltato. E lo stesso avviene anche per Henry e suo figlio, i quali dicono che Mobuto non e' disposto ad ascoltare. Quando le cose sono a questo punto, arriva Jim, che e' stato per alcuni anni professore in una scuola di Tecnologia in Nigeria, quand'era nel corpo di Pace nordamericano. Jim ascolta il resoconto e, rivolgendosi a Mobutu, gli dice: "non e' come tu pensi, non e' così". Mobutu ascolta, il suo stato d'animo cambia, e dice: "Molte grazie" e poi se ne va tranquillo. Non c'e' più angoscia ne' tensione in lui. Che cos'e' successo? Secondo quel che penso, la risposta di Jim ha permesso ha Mobuto recuperare il rispetto di sé e dell'altro consentendogli di muoversi nuovamente nella biologica dell'amore nelle sue relazioni con se stesso e con gli altri. Come? Vediamolo. Mobuto appartiene ad una cultura autoritaria, e in questo caso il suo conflitto avviene nel dominio dell'autorità. La fisica e' un dominio di autorità, non si equivoca, però la casa produttrice della pellicola, la Kodak, costituisce anch'essa un dominio di autorità e non può dichiarare sull'involucro della pellicola qualcosa di non valido. Mobuto non può risolvere questo conflitto partendo della riflessione, perchè dovrebbe dubitare dell'autorità della fisica, che conosce, accetta, e che, in più, e' convalidata dai due professori di fisica della casa in cui vive, o dovrebbe dubitare della Societa' Kodak, cosa che non può fare per mancanza di elementi. Pertanto l'unica cosa che puo' essere successa e' una truffa, un inganno ad opera di un'altra 6

7 persona e Mobutu cerca appoggio in Henry, lamentandosi dell'inganno di fronte a un'altra autorita'. Pero' non trova l'appoggio che cercava; al contrario incontra negazione e rifiuto, e perde il rispetto di se' nel dubitare, senza necessariamente esserne cosciente, della sua coerenza culturale, entrando in un conflitto relazionale con coloro che rispetta e apprezza e desiderando mantenere la validità simultanea di due domini di realtà contraddittori: l'autorità e l'autonomia nella riflessione. Da qui la sua angoscia. Jim e' stato in Nigeria e conosce il mondo in cui vive Mobutu. Non ha bisogno di pensarci; sa, come in modo naturale, di che si tratta e dice: "non e' come pensi, non succede così, e tutto si trasforma e si chiarisce. Mobutu ascolta, il suo stato d'animo muta, ringrazia e recupera la propria serenità. La risposta di Jim, anche se ci e' estranea (perchè noi cercheremmo di uscire dal conflitto per mezzo della riflessione), accetta la legittimità di Mobuto nel suo dominio di esistenza proprio perché avviene nell'ambito dell'autorità, e fa si che possa recuperare il rispetto di sé a partire dal rispetto per l'altro, che lo rispetta. Nell'accettazione di sé che rinasce in Mobutu grazie all'essere accettato nella sua legittimità da Jim, cambia la sua emozione, non c'e' piu' conflitto con Henry, e gli risuta possibile vedere tutto da un dominio, o prospettiva, in cui puo' entrare nelle riflessione sulla fisica dei colori senza dover negare la legittimità dell'ambito di autorità a cui appartiene. Jim, in modo naturale e senza sforzo, opera nella biologia dell'amore, cosi', semplicemente perche' si muoveva già in essa nel dominio di esistenza di Mobutu essendo partecipe della sua cultura e accettandola nella sua legittimità. Mobutu esce dal conflitto in cui si trovava semplicemente perchè questo si dissolve, ed entra di nuovo, come per incanto, nelle coerenze del suo dominio normale di esistenza. Anche Henry e suo figlio, sorpresi da quello che avviene, ma contenti di vedere Mobutu uscire dal proprio conflitto, si tranquillizzano e rasserenano. C'e' qualcosa di magico in questa danza emozionale che risulta curativa? L'arte del terapeuta, la sapienza del terapeuta, la poetica del terapeuta, stanno nell'incontrarsi col proprio paziente nel dominio di esistenza in cui egli vive, o può vivere, nel rispetto di sé e dell'altro, e, partendo da qui, scegliere un procedimento che permetta di guidarlo ad ampliare tale dominio, o a rimanere in esso in modo che il conflitto si dissolva perchè scompare la confusione fra piani di realtà. Fare questo non e' sempre facile come e' stato fatto con Mobutu. Però l'apparente semplicità di questo caso non deve nasconderci ciò che esso rivela. Perchè il terapeuta possa guidare il suo paziente al recupero del vivere nella biologia dell'amore deve operare, coscientemente o incoscientemente, nell'epistemologia non realista. Se lo fa in maniera inconscia, lo fa perchè la cosa principale nella poetica della relazione spontanea col suo paziente avviene nella sua accettazione di lui o di lei nelle dimensioni in cui vivono il loro conflitto. Se lo fa in maniera consapevole, il terapeuta usa la sua comprensione e la sua visione poetica per scoprire l'ambito in cui il paziente vive il proprio conflitto e, accettandolo, sceglie una delle molteplici forme di interazione che gli permettono di guidarlo nel modo più adeguato fino al successo, l'accettazione di sé e dell'altro, con il conseguente ampliamento della sua libertà riflessiva. Però nulla di tutto ciò può avvenire partendo da un'epistemologia implicitamente o esplicitamente realista. 7

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

INSEGNAMENTI SULL'AMORE

INSEGNAMENTI SULL'AMORE INSEGNAMENTI SULL'AMORE DI THICH NHAT HANH - ED. NERIPOZZA, 2004 Recensione a cura di SIMONA BRANCHI Un libro che emoziona, le cui parole, profonde e piene di grazia, risuonano come poesia nell'animo del

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Hegel: La nascita dello spirito.

Hegel: La nascita dello spirito. Hegel: La nascita dello spirito. dalla Fenomenologia dello Spirito Il testo seguente, tratto dalla sezione Autocoscienza della Fenomenologia dello spirito, è uno dei più celebri dell'opera e di tutta la

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

Cos è il Rifugio, perché Prendere Rifugio?

Cos è il Rifugio, perché Prendere Rifugio? Cos è il Rifugio, perché Prendere Rifugio? Ajahn Sucitto Prendere Rifugio è la frase che esprime l assunzione di un impegno nei riguardi del sentiero del Risveglio, così come originariamente insegnato

Dettagli

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA?

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? Che cos'è il matrimonio? È quella speciale comunione di vita e d'amore tra un uomo e una donna, in cui si attuano particolari

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Sono lieta di presentare al pubblico di lingua italiana l interessante contributo di Fordham a una patologia complessa come l autismo infantile. La pubblicazione di questo

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI CORSO PER CHI VUOLE CAMBIARE LA PROPRIA VITA Questo corso si proporne di insegnare e cambiare. Alterna conoscenza e applicazione. Ha come obiettivo la trasformazione. Perché sono malato? Perché proprio

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 di Danilo Semprini Heidegger è la figura più rappresentativa dell esistenzialismo tedesco. Il termine esistenzialismo, da cui esistenziale, è utilizzato

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

INDICE RIPRESA E INTRODUZIONE

INDICE RIPRESA E INTRODUZIONE INDICE Prefazione 17 Avvertenza 23 RIPRESA E INTRODUZIONE I. Mondo e destino 27 i. L'obiezione al destino 29 n. Il mondo come obiezione al destino 37 in. Lo sfondo e l'obiezione al destino 42 iv. Esser

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli