PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA"

Transcript

1 università degli studi di padova CICLO DI LEZIONI SCIENZE DI BASE PER I DOTTORATI DI RICERCA DELL AREA MEDICA anno accademico 2005/2006 PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA Francesco Grigoletto

2 Lo sviluppo storico dei clinical trial (1) 1948 Primo clinical trial randomizzato con un appropriato gruppo di controllo: studio sull effetto della streptomicina nel trattamento della tubercolosi polmonare Lo studio coinvolse pazienti da diversi centri, e fu condotto con grande accuratezza nella pianificazione, esecuzione e reporting I pazienti furono randomizzati (tramite numeri casuali in buste sigillate) a streptomicina con riposo a letto, o riposo La valutazione era effettuata tramite raggi X

3 Lo sviluppo storico dei clinical trial (2) 1950 Primo clinical trial con uso del placebo sull effetto di antistaminici Dopo il 1950: Grande quantità di studi clinici Studi sulla chemioterapia in USA Studi sul trattamento dell infarto del miocardio Sviluppo di clinical trial nell industria farmaceutica

4 Tipi di studi sperimentali Studi clinici controllati randomizzati- utilizzati generalmente per valutare interventi terapeutici in soggetti malati Studi randomizzati controllati di popolazione - mirati a valutare l efficacia di misure di prevenzione su soggetti sani (es.: studi controllati sui vaccini, studi sull efficacia dell aspirina nel prevenire eventi cardiovascolari)

5 T STATISTICA TEORICA STATISTICA APPLICATA E O STATISTICA MEDICA R I RICERCA MEDICA P R A T I C A PRATICA MEDICA A

6 POPOLAZIONE (per la quale vorremmo conoscere l effetto) CAMPIONE (in cui osserviamo l effetto) Inferenza statistica

7 STATISTICA vs ETICA Persegue ciò che è vero Si basa sulla probabilità Riguarda ciò che potrebbe accadere Opera su eventi incerti Persegue ciò che è giusto Si basa sulla moralità Riguarda ciò che dovrebbe accadere Opera su eventi incerti

8 Sperimentazioni cliniche Una corda a tre fili Teoria Pratica Etica

9 Statistica medica e sperimentazioni cliniche La Statistica medica fornisce alla sperimentazione clinica il gold standard per stabilire inferenze tipo causa-effetto Lo sperimentatore clinico opera sulla base di una attenta combinazione di teoria, pratica ed etica

10 STATISTICA TEORICA T E RICERCA MEDICA E T I C A O P R A T I C A R STATISTICA APPLICATA I PRATICA MEDICA A

11 Principi etici nei trial clinici Possono provvedere a giustificare ragionevolmente: il razionale dello studio l uso della randomizzazione la necessità di ottenere il consenso informato il mascheramento dei trattamenti (cecità) l accettabilità del placebo la numerosità campionaria ecc.

12 Due domande per l evidenza scientifica Qual è il miglior trattamento per la condizione del Sig. Rossi? richiesta da un determinato medico che cura uno specifico paziente oppure Quale trattamento può essere dimostrato come il migliore per questa malattia? richiesta dalla comunità medica per tutti i pazienti in generale

13 Due ruoli per i medici Al letto dell ammalato, facendo del loro meglio per il paziente presente, perseguendo le finalità della professione medica oppure Come ricercatori clinici, facendo del loro meglio per il progresso scientifico e per i futuri pazienti, perseguendo le finalità della sperimentazione clinica

14 Etica individuale verso etica collettiva: il problema nella sperimentazione Etica individuale: il paziente riceve il trattamento che è considerato maggiormente indicato per la sua condizione Etica collettiva: raggiungimento del progresso scientifico nel modo più efficiente possibile, con beneficio per i pazienti futuri

15 Il dilemma etico Etica collettiva Ricerca sperimentale Etica individuale Professione medica

16 Tipi di sperimentazioni Nessuna sperimentazione è uguale ad un altra Ai fini delle valutazioni etiche, è importante distinguere: Fase della sperimentazione: I, II, III o IV Prevalenza della malattia Gravità della malattia

17 Ruolo dell etica (I = individuale, C = collettiva) Gravità/ Fase Prevalenza Leggera Moderata Grave A rischio di vita I Rara Comune I I I I I I I II Rara Comune C I I I III Rara Comune C C C I IV Rara Comune C C C C C C C Fonte: C. Palmer (Cambridge), Comunicazione Congresso SISMEC 1999.

18 Si pongono alcune questioni Quanto raro è raro? Quanto grave è grave? Chi fornisce le definizioni? Si possono applicare entrambe le tecniche statistiche derivanti dalle due scuole di pensiero bayesiana e frequentista?

19 MODELLO SPERIMENTALE (1) È un esperimento programmato al fine di valutare l efficacia di un trattamento o di un intervento, mediante il confronto degli eventi osservati in un gruppo di unità che ricevono il trattamento sotto esame con quelli osservati in un altro gruppo, comparabile al primo, di pazienti sottoposti al trattamento di controllo. I soggetti dell uno e dell altro gruppo devono essere reclutati, trattati e seguiti durante lo stesso periodo di tempo.

20 MODELLO SPERIMENTALE (2) È un modello in cui il ricercatore manovra la variabile indipendente ed è interessato a verificare ipotesi sul corrispondente comportamento della variabile dipendente. Questo tipo di modello consente di verificare ipotesi predittive sulla relazione causa-effetto tra le variabili.

21 Gli studi clinici controllati randomizzati possono essere suddivisi, sulla base dell obiettivo e della complessità, in studi di: Fase I -finalizzati alla produzione di informazioni preliminari sull azione chimica e sulla sicurezza (assenza di effetti avversi) di un farmaco. Spesso sono eseguiti su piccoli numeri di volontari sani. Fase II- il cui scopo è produrre informazioni sull efficacia del trattamento nonché informazioni supplementari sulla sua sicurezza. Generalmente sono svolti su pazienti ammalati e individuano i trattamenti su cui procedere con ricerche più approfondite.

22 Fase III -finalizzati alla produzione di informazioni definitive sui dosaggi, l efficacia e la sicurezza di un trattamento. In questi studi il disegno prevede il trattamento controllato e l assegnazione randomizzata. Il superamento delle fasi I, II e III, con risultati congruenti con l ipotesi di efficacia e sicurezza del farmaco, porta alla sua commercializzazione. Fase IV- il cui scopo è produrre informazioni sull efficacia e la sicurezza a lungo termine del trattamento, dopo la sua commercializzazione.

23 Obiettivi dello studio Perché uno studio viene proposto? la necessità di un nuovo studio deve essere sempre dimostrata deve essere disponibile un completo esame di quanto è già noto sull argomento

24 DISEGNO ED ANALISI DI UNO STUDIO CLINICO Alcuni aspetti critici: 1. Definizione della variabile di risposta primaria 2. Presenza del gruppo di controllo 3. Comparabilità dei gruppi di trattamento 4. Controllo della variabilità intersoggetto 5. Mascheramento (o cecità) 6. Numerosità campionaria 7. Interpretazione dei risultati

25 DISEGNO ED ANALISI DI UNO STUDIO CLINICO Alcuni aspetti critici: 1. Definizione della variabile di risposta primaria

26 VARIABILI DI RISPOSTA PRIMARIA BUONE Facili da diagnosticare o osservare Libere da errori di misura o di valutazione Osservabili indipendentemente dal trattamento ricevuto Rilevanti clinicamente Scelte prima dell inizio della raccolta dati Se si tratta del tasso di un evento, questo deve essere alto abbastanza da permettere di evidenziare l effetto di trattamento

27 DISEGNO ED ANALISI DI UNO STUDIO CLINICO Alcuni aspetti critici: 1. Definizione della variabile di risposta primaria 2. Presenza del gruppo di controllo

28 Studi non controllati E lo studio di un unico gruppo di soggetti ai quali viene somministrato un determinato trattamento Studi controllati verso il basale (prepost) il confronto avviene verso il dato basale

29 Studio non controllato

30 Studi clinici controllati Studi con un gruppo di controllo osservato contemporaneamente (parallelo) e assegnazione randomizzata ai trattamenti Gruppo A Gruppo B tempo

31 Studio con controllo attivo

32 Controllo attivo + placebo

33 DISEGNO ED ANALISI DI UNO STUDIO CLINICO Alcuni aspetti critici: 1. Definizione della variabile di risposta primaria 2. Presenza del gruppo di controllo 3. Comparabilità dei gruppi di trattamento

34 Bias Forma di distorsione introdotta sui risultati Deve essere prevenuto attraverso un adeguato disegno sperimentale e la sua corretta esecuzione Non è limitato o evitato attraverso un ampliamento della casistica (non è legato alla precisione)

35 Randomizzazione Procedura mediante la quale i pazienti vengono assegnati casualmente a ricevere uno dei trattamenti previsti dallo studio (nel momento in cui si sta decidendo l entrata di un paziente nello studio ci deve essere incertezza sul tipo di trattamento che gli verra assegnato) A B

36 Perché randomizzare? La randomizzazione: tende a produrre gruppi di pazienti comparabili rispetto a fattori prognostici noti ed ignoti evita la presenza di fattori sistematici di distorsione nella valutazione dei pazienti assicura la valida applicazione dei test statistici

37 DISEGNO ED ANALISI DI UNO STUDIO CLINICO Alcuni aspetti critici: 1. Definizione della variabile di risposta primaria 2. Presenza del gruppo di controllo 3. Comparabilità dei gruppi di trattamento 4. Controllo della variabilità inter-soggetto

38 Stratificazione Suddivisione di un campione in più sotto-campioni omogenei rispetto a specificate variabili (ad es., età, sesso, gravità della patologia, clinica di appartenenza) Finalizzata a ridurre la variabilità indotta sulla risposta sperimentale dalla variabile secondo cui si stratifica Aiuta a generare gruppi di trattamento meglio confrontabili

39 DISEGNO ED ANALISI DI UNO STUDIO CLINICO Alcuni aspetti critici: 1. Definizione della variabile di risposta primaria 2. Presenza del gruppo di controllo 3. Comparabilità dei gruppi di trattamento 4. Controllo della variabilità intersoggetto 5. Mascheramento (o cecità)

40 Mascheramento Procedura mediante la quale il trattamento assegnato non è portato a conoscenza di alcune parti coinvolte nello studio (pazienti, sperimentatori, statistici) E un mezzo per migliorare l obiettività nelle procedure di assegnazione del trattamento, raccolta dei dati, analisi ed interpretazione dei risultati

41 Livello di cecità (Blinding) Nessuna cecita (in aperto) sia il paziente che il ricercatore conoscono il trattamento assegnato. Conseguenza: possibile bias dell osservatore nella valutazione e possibile suggestione da parte del paziente Singolo cieco - il paziente (o il ricercatore) non conosce il trattamento Doppio cieco: - né il paziente né il ricercatore conoscono il trattamento (che e conservato in buste sigillate per i soli casi di evento avverso grave)

42 DISEGNO ED ANALISI DI UNO STUDIO CLINICO Alcuni aspetti critici: 1. Definizione della variabile di risposta primaria 2. Presenza del gruppo di controllo 3. Comparabilità dei gruppi di trattamento 4. Controllo della variabilità intersoggetto 5. Mascheramento (o cecità) 6. Numerosità campionaria

43 NUMEROSITÀ DEL CAMPIONE Fare il calcolo della numerosità campionaria scoraggia l effettuazione di piccoli trial inconcludenti Non è etico mettere i pazienti a rischio senza la prospettiva di imparare qualcosa Se il numero di pazienti necessario è alto, si possono modificare i piani di ricerca: Più centri Follow-up più lunghi

44 POPOLAZIONE (per la quale vorremmo conoscere l effetto) CAMPIONE (in cui osserviamo l effetto) inferenza

45 Il problema conoscitivo nella sperimentazione clinica I risultati della sperimentazione fanno dire che il farmaco è Non efficace Efficace Nella realtà (ignota) il farmaco è Non efficace (H 0 ) Decisione corretta Errore (di primo tipo) α Efficace (H 1 ) Errore (di secondo tipo) β Decisione corretta

46 ERRORE DI I TIPO α È la misura della significatività statistica del test È la probabilità di rifiutare H 0 quando è vera (probabilità di un risultato significativo spurio) Noi vogliamo che α sia piccolo Possibili valori di α: 0,10 0,05 0,01 Più piccolo è α più alta è la numerosità campionaria

47 ERRORE DI II TIPO β è la probabilità di rifiutare H 1 (accettando H 0 ) quando H 1 è vera 1 β è la potenza del test La potenza è la probabilità di ottenere una significatività statistica quando realmente la sostanza provata è efficace Possibili valori per la potenza: 0,80 0,90 0,95 Noi vogliamo una potenza alta ma Più alta la potenza più alta numerosità

48 Cosa occorre sapere per calcolare la numerosità campionaria Non esistono numeri magici statisticamente significativi La numerosita campionaria dipende da: livello di α potenza desiderata possibile differenza tra i trattamenti variabilità del fenomeno

49 Potenza (1-β) in funzione della numerosità campionaria per tre diversi valori di Delta (effetto del trattamento) 1,0 0,9 0,8 Potenza (1-beta) 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 0, Numerosità campionaria Delta = 0,5 Delta = 0,25 Delta = 0,1

50 Studi sotto-dimensionati Rappresentano uno spreco di risorse Espongono inutilmente i pazienti al rischio della sperimentazione Possono non portare alla significatività statistica anche in presenza di differenze clinicamente rilevanti (bassa potenza)

51 Studi sovra-dimensionati Rappresentano uno spreco di risorse Espongono al rischio della sperimentazione un numero eccessivo di pazienti Possono portare alla significatività statistica anche in presenza di differenze clinicamente irrilevanti

52 DISEGNO ED ANALISI DI UNO STUDIO CLINICO Alcuni aspetti critici: 1. Definizione della variabile di risposta primaria 2. Presenza del gruppo di controllo 3. Comparabilità dei gruppi di trattamento 4. Controllo della variabilità intersoggetto 5. Mascheramento (o cecità) 6. Numerosità campionaria 7. Interpretazione dei risultati

53 Test statistico di significatività Una procedura di calcolo statistico che, quando applicata ad un insieme di dati osservati, fa ottenere un valore p relativo a definite ipotesi (farmaco efficace/non efficace) (Ad esempio: test z, test t di Student, test di Wilcoxon, test chi-quadrato, ecc.)

54 Livello di significatività Il livello di probabilità del valore p a cui ci si accorda che l ipotesi nulla sarà rifiutata Di solito è posto pari a 0,05 (5%) Se si ha p < 0,05, si dice che c è la significatività statistica Non significativo non è sinonimo di fallimento e significativo di successo

55 Il valore p La probabilità di osservare un valore della funzione test (z, t di Student, chiquadrato, ecc.) quale quello osservato, o ancora più lontano dall ipotesi nulla rispetto a quello osservato, quando l ipotesi di nessuna efficacia è vera

56 Il valore p dipende in funzione inversa da: Effetto del trattamento Numerosità campionaria δ = n

57 Risultato di una sperimentazione clinica Non limitarsi alla decisione: significativo/non significativo Contribuire a conoscere la dimensione dell effetto (da valutare con risposte forti ), possibilmente in relazione a specifiche caratteristiche dei pazienti Il valore p non basta

58 Il valore p È al più una misura grezza dell evidenza contro una ipotesi Va interpretato alla luce della numerosità campionaria Un suo valore p = 0,05, ottenuto con un campione piccolo, rappresenta una forte evidenza, mentre se deriva da un grande campione è molto debole È sempre bene accompagnarlo con una stima dell effetto mediante un intervallo di confidenza, che va discusso clinicamente

59 Significatività clinica vs Significatività statistica Con grandi campioni, piccole differenze senza alcuna importanza clinica possono risultare statisticamente significative I risultati della ricerca medica vanno sempre giudicati secondo la loro importanza clinica e non solo secondo la loro significatività statistica

60 Studi di equivalenza (o di non-inferiorità) un risultato non statisticamente significativo non rappresenta una prova di equivalenza gli studi di equivalenza vanno programmati secondo presupposti diversi debbono dimostrare che la differenza tra i trattamenti è inferiore ad un valore soglia considerato clinicamente non rilevante normalmente necessitano di numerosità campionarie più ampie

61 Good Clinical Practice (Standard internazionale di etica e qualità scientifica) Procedure per proteggere i pazienti Consenso informato Comitati etici Responsabilità Sponsor Investigatore Monitor Ispezioni autorità regolatorie per assicurare Adeguatezza dei sistemi Accuratezza delle documentazioni

62

63

64

Classificazione degli studi epidemiologici

Classificazione degli studi epidemiologici Classificazione degli studi epidemiologici STUDI DESCRITTIVI - DI CORRELAZIONE O ECOLOGICI - CASE REPORT/SERIES - DI PREVALENZA O TRASVERSALI STUDI ANALITICI O OSSERVAZIONALI - A COORTE - CASO-CONTROLLO

Dettagli

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica EPIDEMIOLOGIA Ha come oggetto lo studio della distribuzione delle malattie in un popolazione e dei fattori che la influenzano

Dettagli

LE TIPOLOGIE DEGLI STUDI CLINICI

LE TIPOLOGIE DEGLI STUDI CLINICI LE TIPOLOGIE DEGLI STUDI CLINICI Domenico Criscuolo Negrar, 29 aprile 2014 Nelle ricerche clinico-terapeutiche si persegue lo scopo di saggiare l efficacia della nuova terapia in termini quantitativi e

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno Prof. Paolo Chiari Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Bologna STUDIO CLINICO STUDIO CLINICO: esperimento rigorosamente controllato

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

Statistiche campionarie

Statistiche campionarie Statistiche campionarie Sul campione si possono calcolare le statistiche campionarie (come media campionaria, mediana campionaria, varianza campionaria,.) Le statistiche campionarie sono stimatori delle

Dettagli

PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA: I TEST DIAGNOSTICI

PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA: I TEST DIAGNOSTICI Università degli Studi di Padova CICLO DI LEZIONI SCIENZE DI BASE PER I DOTTORATI DI RICERCA DELL AREA MEDICA Anno accademico 2005-06 Temi di Statistica ed Epidemiologia PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA:

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Titolo. Background. Obiettivi. Metodi Tipo di studio (disegno) Centro/i partecipante/i Popolazione

Titolo. Background. Obiettivi. Metodi Tipo di studio (disegno) Centro/i partecipante/i Popolazione La SIFC promuove la ricerca clini ca nel campo della Fibrosi Cistica in Italia mediante la valutazione di progetti scientifici multicentrici e m ultidisciplinari. La Commissione Permanente Ricerca e Sviluppo

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari Gabriella Serio Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari GOOD CLINICAL PRACTICE GCP LE GCP SONO UNO STANDARD IN BASE AL QUALE GLI STUDI CLINICI SONO

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati Ciclo della ricerca Scelta del soggetto Sviluppo del protocollo Pretest e revisione del protocollo Effettuazione dello studio Analisi dei risultati Conclusioni e loro pubblicazione ANATOMIA DELLA RICERCA:

Dettagli

La gestione delle sperimentazioni cliniche

La gestione delle sperimentazioni cliniche La gestione delle sperimentazioni cliniche Dott.ssa Barbara Mosso bmosso@cittadellasalute.to.it LA SPERIMENTAZIONE CLINICA Che cosa è la sperimentazione clinica? Ogni forma di esperimento pianificato su

Dettagli

Concetto di potenza statistica

Concetto di potenza statistica Calcolo della numerosità campionaria Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università di Verona Concetto di potenza statistica 1 Accetto H 0 Rifiuto H 0 Ipotesi Nulla (H

Dettagli

Empoli, 17 Dicembre 2009. Aspetti etici e normativi della sperimentazione clinica

Empoli, 17 Dicembre 2009. Aspetti etici e normativi della sperimentazione clinica Empoli, 17 Dicembre 2009 Aspetti etici e normativi della sperimentazione clinica Good Clinical Practice REGOLE DI BUONA PRATICA CLINICA Definizione: Good Clinical Practice (GCP) 1. Standard internazionale

Dettagli

Test d ipotesi. Statistica e biometria. D. Bertacchi. Test d ipotesi

Test d ipotesi. Statistica e biometria. D. Bertacchi. Test d ipotesi In molte situazioni una raccolta di dati (=esiti di esperimenti aleatori) viene fatta per prendere delle decisioni sulla base di quei dati. Ad esempio sperimentazioni su un nuovo farmaco per decidere se

Dettagli

Classificazione degli studi epidemiologici

Classificazione degli studi epidemiologici Classificazione degli studi epidemiologici STUDI DESCRITTIVI - DI CORRELAZIONE O ECOLOGICI - CASE REPORT/SERIES - DI PREVALENZA O TRASVERSALI STUDI ANALITICI O OSSERVAZIONALI - A COORTE - CASO-CONTROLLO

Dettagli

L Investigator s Brochure. Marisa Dell Aera Comitato Etico Azienda Ospedaliera Policlinico Bari. Maglie 25 novembre 2004

L Investigator s Brochure. Marisa Dell Aera Comitato Etico Azienda Ospedaliera Policlinico Bari. Maglie 25 novembre 2004 L Investigator s Brochure Marisa Dell Aera Comitato Etico Azienda Ospedaliera Policlinico Bari Maglie 25 novembre 2004 Investigator s Brochure Good Clinical Practice DM 15/07/97 Cosa è? L IB è una raccolta

Dettagli

Centro Studi ANMCO Fondazione per il Tuo cuore HCF onlus

Centro Studi ANMCO Fondazione per il Tuo cuore HCF onlus AGENDA Corso di formazione su metodologia, strategie e tecniche della Ricerca clinica Firenze Centro Studi ANMCO Fondazione per il Tuo cuore HCF onlus Modulo 1 Ottobre 2015 Metodologia della Ricerca clinica

Dettagli

Che cosa è la Validità?

Che cosa è la Validità? Validità Che cosa è la Validità? Un test è valido quando misura ciò che intende misurare. Si tratta di un giudizio complessivo della misura in cui prove empiriche e principi teorici supportano l adeguatezza

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino In corso la procedura di attivazione da parte degli organi accademici di competenza, al termine della quale potrà essere pubblicato il bando nel sito di Ateneo nell ambito dell offerta formativa 2014-2015.

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati BIOSTATISTICA 3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA Tutti i test statistici di significatività assumono inizialmente la cosiddetta ipotesi zero (o ipotesi nulla) Quando si effettua il confronto fra due o più gruppi di dati, l'ipotesi

Dettagli

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE A.A. 2014-2015 Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE Utilizzare gli strumenti epidemiologici e statistici appropriati per ridurre l'area dell'incertezza nella rilevazione

Dettagli

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Check-list per la lettura di un protocollo di trial clinico Protocollo Definizione degli obiettivi

Dettagli

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1

ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI. critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 ARTICOLO SCIENTIFICO: ANALISI E VALUTAZIONE CRITICA DELLE INFORMAZIONI critical appraisal BOSCARO GIANNI 1 BOSCARO GIANNI 2 Analisi Statistica analisi descrittiva: descrizione dei dati campionari con grafici,

Dettagli

LA METODOLOGIA DELLA RICERCA CLINICA

LA METODOLOGIA DELLA RICERCA CLINICA LA METODOLOGIA DELLA RICERCA CLINICA Dr Marzia Lazzerini IRCCS Burlo Garofolo, Trieste lazzerini@burlo.trieste.it Dr Marco Ercolani Ibn Hindu (10th-11th century CE ) Miftah al-tibb wa-minhaj al-tullab

Dettagli

Per il suo compleanno, il goloso Re di un lontano regno riceve in regalo da un altro sovrano un grande canestro contenente 4367 caramelle di tanti

Per il suo compleanno, il goloso Re di un lontano regno riceve in regalo da un altro sovrano un grande canestro contenente 4367 caramelle di tanti Per il suo compleanno, il goloso Re di un lontano regno riceve in regalo da un altro sovrano un grande canestro contenente 4367 caramelle di tanti colori, tra cui 382 rosse. Qualche tempo dopo il donatore

Dettagli

GOOD CLINICAL PRACTICES

GOOD CLINICAL PRACTICES GOOD CLINICAL PRACTICES Marco Ercolani, MD Trieste, 21 maggio 2008 GOOD CLINICAL PRACTICE UNA SERIE DI PRINCIPI CHE GUIDANO IL DISEGNO, LA CONDUZIONE, LA REGISTRAZIONE E LA COMUNICAZIONE DEGLI STUDI CLINICI,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013)

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) PREMESSE 1. L Associazione Medica Mondiale (WMA) ha elaborato la Dichiarazione di Helsinki come dichiarazione di principi etici per la ricerca medica che coinvolge

Dettagli

Comparabilità fra le somministrazioni successive effetto di trascinamento ( carry-over ) effetto di periodo

Comparabilità fra le somministrazioni successive effetto di trascinamento ( carry-over ) effetto di periodo Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 2 Gli studi crossover Periodo 1 Periodo 2 R A N D O M A B A B Valutazione Tempo 1 0 1 1 2 0 2 1 Gli studi crossover Metodo epidemiologici per la clinica

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici

Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici Test non parametrici Test non parametrici Il test T di Student per uno o per due campioni, il test F di Fisher per l'analisi della varianza, la correlazione, la regressione, insieme ad altri test di statistica

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale di area tecnica Corso di Statistica Medica Campionamento e distribuzione campionaria della media Corsi di laurea triennale di area tecnica -

Dettagli

INDICE PREFAZIONE VII

INDICE PREFAZIONE VII INDICE PREFAZIONE VII CAPITOLO 1. LA STATISTICA E I CONCETTI FONDAMENTALI 1 1.1. Un po di storia 3 1.2. Fenomeno collettivo, popolazione, unità statistica 4 1.3. Caratteri e modalità 6 1.4. Classificazione

Dettagli

Igiene. Dott. Pamela Di Giovanni. Definizione

Igiene. Dott. Pamela Di Giovanni. Definizione Igiene Dott. Pamela Di Giovanni Definizione Disciplina medica che ha come obiettivo la tutela e la promozione della salute umana, intendendo per salute umana un completo stato di benessere psichico, fisico

Dettagli

Esercizi test ipotesi. Prof. Raffaella Folgieri Email: folgieri@mtcube.com aa 2009/2010

Esercizi test ipotesi. Prof. Raffaella Folgieri Email: folgieri@mtcube.com aa 2009/2010 Esercizi test ipotesi Prof. Raffaella Folgieri Email: folgieri@mtcube.com aa 2009/2010 Verifica delle ipotesi - Esempio quelli di Striscia la Notizia" effettuano controlli casuali per vedere se le pompe

Dettagli

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI Tre punti importanti o Dati e ipotesi In tutte le discipline scientifiche che studiano gli organismi viventi, molto raramente i dati ottenuti attraverso

Dettagli

GCP. Le Figure. Ruolo, interazioni e responsabilità SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR

GCP. Le Figure. Ruolo, interazioni e responsabilità SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR GCP Ruolo, interazioni e responsabilità Le Figure SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR Ruoli Sponsor: individuo o organizzazione che inizia, dirige e/o finanzia uno studio Monitor: persona designata dallo Sponsor,

Dettagli

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2 Gli studi caso controllo Obiettivi Negli ultimi decenni questo modello di indagine è stato applicato soprattutto per lo studio delle malattie cronicodegenerative (le più frequenti cause di morte in tutti

Dettagli

LE LINEE GUIDA: UTILI, INUTILI, AUTOGOAL? Antonio Carbone

LE LINEE GUIDA: UTILI, INUTILI, AUTOGOAL? Antonio Carbone LE LINEE GUIDA: UTILI, INUTILI, AUTOGOAL? Antonio Carbone LINE GUIDA PERCHE ESISTONO? LINEE GUIDA: create affinché i medici potessero esprimere pareri clinici senza fondarsi esclusivamente su criteri esperienziali

Dettagli

Metodologia sperimentale in agricoltura

Metodologia sperimentale in agricoltura Metodologia sperimentale in agricoltura Principi di disegno sperimentale Andrea Onofri January 2, 2012 Contents 1 Introduzione 1 2 Trattamenti 2 3 Unità sperimentali 3 4 Esperimenti efficaci 4 5 Esperimenti

Dettagli

Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi. Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo.

Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi. Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo. Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo. A822523 Lo studio SOLSTICE verrà condotto in circa 200 centri di ricerca

Dettagli

PROBLEMI versus COMPITI

PROBLEMI versus COMPITI PROBLEMI versus COMPITI Quando il messaggio effettivo è diverso dal messaggio legale siamo di fronte a problemi p.d. Quando il messaggio effettivo è eguale al messagio legale, siamo di fronte a compiti

Dettagli

Procedure autorizzative rispetto alle tipologie di studi clinici

Procedure autorizzative rispetto alle tipologie di studi clinici DALLA CLINICA ALLA METODOLOGIA PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLA RICERCA LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI Procedure autorizzative rispetto alle tipologie di studi clinici Dr.ssa Elvia

Dettagli

LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014

LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014 LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014 Il ruolo del Clinical Research Coordinator Data manager nella fase di conduzione dello studio clinico Maurizio

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Fasi dello studio Disegni di ricerca sperimentale Barbara Gorini, Investigator Site Development Lead, Development Operations- Pfizer ITALIA

Dettagli

Misure di Associazione

Misure di Associazione Misure di Associazione Prof. Tommaso Staniscia Introduzione Esposizione e Malattia Esposizione (E) = variabile esplicativa Qualsiasi agente, ospite, o fattore ambientale che può avere un effetto sulla

Dettagli

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Definire il ruolo dell epidemiologia nella valutazione dei bisogni sanitari e nell allocazione delle risorse Acquisire le conoscenze sulle principali

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al primo anno.

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al primo anno. Corso di Statistica Medica Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al primo anno. Sono previste 40 ore complessive, di cui almeno 16 di lezione frontale e le restanti

Dettagli

La Qualità del clinical trial. M. Primula Leone Clinical Operations Director-GSK Bergamo, 10 giugno 2014

La Qualità del clinical trial. M. Primula Leone Clinical Operations Director-GSK Bergamo, 10 giugno 2014 La Qualità del clinical trial M. Primula Leone Clinical Operations Director-GSK Bergamo, 10 giugno 2014 Agenda Qualità: definizione GCP: definizione GCP: scopo e principi GCP: ruoli e responsabilità GCP:

Dettagli

Elementi di Psicometria

Elementi di Psicometria Elementi di Psicometria E2-Riepilogo finale vers. 1.2 Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca 2010-2011 G. Rossi (Dip. Psicologia) ElemPsico 2010-2011

Dettagli

La relazione causale. Tipi di relazione causale

La relazione causale. Tipi di relazione causale La relazione causale In epidemiologia gi studi sono rivolti a determinare il nesso di causalità La valutazione dei risultati presenta come obiettivo principale l esclusione o la conferma (quali/quantitativa)

Dettagli

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca Corso di Statistica medica e applicata Dott.ssa Donatella Cocca 1 a Lezione Cos'è la statistica? Come in tutta la ricerca scientifica sperimentale, anche nelle scienze mediche e biologiche è indispensabile

Dettagli

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre.

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre. Corso di Statistica Medica 2004-2005 Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre. Sono previste 30 ore di lezione di statistica e 12 di

Dettagli

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 010-011 Corso di Psicometria - Modulo B Dott. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Rev. 10/01/011 La distribuzione F di Fisher - Snedecor

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 2 LEZIONE Statistica descrittiva STATISTICA DESCRITTIVA Rilevazione dei dati Rappresentazione

Dettagli

Una breve discussione degli studi sperimentali randomizzati e

Una breve discussione degli studi sperimentali randomizzati e Una breve discussione degli studi sperimentali randomizzati e controllati FS Studi sperimentali Sono caratterizzati idll dalla somministrazione i i attiva di un intervento da parte dello sperimentatore

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumenti di indagine per la valutazione psicologica 3 Disegni sperimentali Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Perché misurare 1. Per valutare le caratteristiche di uno specifico individuo (comune

Dettagli

Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica

Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica Quesito 1: Un ricercatore intende studiare la comunicazione delle emozioni nell interazione madrebambino in bambini di età inferiore a un anno.

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE

STATISTICA INFERENZIALE STATISTICA INFERENZIALE Premessa importante: si ipotizza che il comportamento della popolazione rispetto ad una variabile casuale X viene descritto attraverso una funzione parametrica di probabilità p

Dettagli

IL DISEGNO DELLO STUDIO

IL DISEGNO DELLO STUDIO IL DISEGNO DELLO STUDIO Le strategie dell epidemiologia clinica Epidemiologia osservazionale Studi descrittivi Case-report Case-series Studi costruttivi Trasversali Caso-controllo Coorte Epidemiologia

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 1 SUI PERCORSI ASSISTENZIALI

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 1 SUI PERCORSI ASSISTENZIALI TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 1 SUI PERCORSI ASSISTENZIALI 1.1 QUESTIONARIO SULLE CONDIZIONI ORGANIZZATIVE DELL AZIENDA DI APPARTENENZA (fattori di cui tener conto nella riorganizzazione

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

ESERCITAZIONE 2. TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore

ESERCITAZIONE 2. TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore ESERCITAZIONE 2 TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore Modalità di lettura della tabella di contingenza 2x2 sull associazione tra l esposizione

Dettagli

dal Dualismo alla Co-Produzione Qualche riflessione

dal Dualismo alla Co-Produzione Qualche riflessione Le giornate di Bertinoro per l economia civile 10-11 ottobre 2014 dal Dualismo alla Co-Produzione Qualche riflessione Gian Paolo Barbetta Università Cattolica e Fondazione Cariplo 10 ottobre 2014 14/10/2014

Dettagli

Introduzione alle relazioni multivariate. Introduzione alle relazioni multivariate

Introduzione alle relazioni multivariate. Introduzione alle relazioni multivariate Introduzione alle relazioni multivariate Associazione e causalità Associazione e causalità Nell analisi dei dati notevole importanza è rivestita dalle relazioni causali tra variabili Date due variabili

Dettagli

FASE I identificazione e definizione del problema. Formulazione del quesito o ipotesi di ricerca

FASE I identificazione e definizione del problema. Formulazione del quesito o ipotesi di ricerca FASE I identificazione e definizione del problema Identificazione del problema e dello scopo FASE V Utilizzazione dei risultati DIFFUSIONE RISULTATI Revisione della letteratura Identificazione delle variabili

Dettagli

TEST DI AUTOVALUTAZIONE INTERVALLI DI CONFIDENZA E TEST

TEST DI AUTOVALUTAZIONE INTERVALLI DI CONFIDENZA E TEST TEST DI AUTOVALUTAZIONE INTERVALLI DI CONFIDENZA E TEST I diritti d autore sono riservati. Ogni sfruttamento commerciale non autorizzato sarà perseguito. Statistica 1 Parte A 1.1 La formula µ = x ± s n

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Biotecnologie Mediche. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Biotecnologie Mediche. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Biotecnologie Mediche Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea magistrale in biotecnologie mediche - Statistica Medica Disegno

Dettagli

Statistica. Esercitazione 15. Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it. Università degli studi di Cassino. Statistica. A. Iodice

Statistica. Esercitazione 15. Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it. Università degli studi di Cassino. Statistica. A. Iodice Esercitazione 15 Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it Università degli studi di Cassino () 1 / 18 L importanza del gruppo di controllo In tutti i casi in cui si voglia studiare l effetto di un certo

Dettagli

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia Introduzione 1. Obiettivi e caratteristiche dell indagine L indagine è progettata dal Settore Pianificazione Integrata

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

(dal Greco επι= sul, δηµος= popolo e λογος= discorso, studio)

(dal Greco επι= sul, δηµος= popolo e λογος= discorso, studio) Cenni di epidemiologia Cos è l epidemiologia (dal Greco επι= sul, δηµος= popolo e λογος= discorso, studio) è la disciplina biomedica che si occupa dello studio della distribuzione e frequenza di malattie

Dettagli

GLOSSARIO EBM http://aifa.clinev.it/metodologia.php?let=v

GLOSSARIO EBM http://aifa.clinev.it/metodologia.php?let=v GLOSSARIO EBM http://aifa.clinev.it/metodologia.php?let=v Analisi di regressione L analisi di regressione è una tecnica statistica che studia l eventuale presenza di una relazione tra una variabile definita

Dettagli

I metodi per la misura della diagnosi

I metodi per la misura della diagnosi C.I. di Metodologia clinica I metodi per la misura della diagnosi Obiettivo Conoscere ed utilizzare i principali strumenti per interpretare l'attendibilità e la rilevanza dei test diagnostici ai fini della

Dettagli

Protocollo dello studio

Protocollo dello studio Protocollo dello studio Indagine su disturbi e malattie respiratorie e fattori ad essi correlati nella popolazione infantile residente nell area di S. Polo e nel resto del comune di Brescia Premessa A

Dettagli

LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI

LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI GfK Group e gli orientamenti degli italiani e dei giovani LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI Roma, Isabella Cecchini Direttore

Dettagli

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi Come posso confrontare diverse ipotesi? Nella statistica inferenziale classica vengono sempre confrontate due ipotesi: l ipotesi nulla e l ipotesi

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

Istituzioni di Statistica e Statistica Economica

Istituzioni di Statistica e Statistica Economica Istituzioni di Statistica e Statistica Economica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia, Assisi, a.a. 2013/14 Esercitazione n. 4 A. Si supponga che la durata in giorni delle lampadine prodotte

Dettagli

Un occhio sul Controllo di Qualità (Dott. Roberto Balducci)

Un occhio sul Controllo di Qualità (Dott. Roberto Balducci) Un occhio sul Controllo di Qualità (Dott. Roberto Balducci) In tempi recenti si è dibattuto tanto e giustamente sugli aspetti dell appropriatezza degli esami di laboratorio nel contesto più generale della

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Il Promotore di studi no-profit

Il Promotore di studi no-profit Il Promotore di studi no-profit La fattibilità e gli obblighi regolatori Alberto De Marchi Quintiles Spa Bergamo, 4 Giugno 2014 Copyright 2013 Quintiles L ambito di ricerca Settore Pubblico Settore Privato

Dettagli

Test statistici di verifica di ipotesi

Test statistici di verifica di ipotesi Test e verifica di ipotesi Test e verifica di ipotesi Il test delle ipotesi consente di verificare se, e quanto, una determinata ipotesi (di carattere biologico, medico, economico,...) è supportata dall

Dettagli

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 L4, Corso Integrato di Psicometria - Modulo B Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Rev. 18/04/2011 Inferenza statistica Formulazione

Dettagli

INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1)

INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1) INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1) 151 Introduzione Un esperimento è una prova o una serie di prove. Gli esperimenti sono largamente utilizzati nel campo dell ingegneria. Tra le varie applicazioni;

Dettagli

Inferenza statistica. Statistica medica 1

Inferenza statistica. Statistica medica 1 Inferenza statistica L inferenza statistica è un insieme di metodi con cui si cerca di trarre una conclusione sulla popolazione sulla base di alcune informazioni ricavate da un campione estratto da quella

Dettagli