PIEMONTEDALVIVO LA PAROLA AL PUBBLICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIEMONTEDALVIVO LA PAROLA AL PUBBLICO"

Transcript

1 PIEMONTEDALVIVO LA PAROLA AL PUBBLICO Farfalla Una storia d'amore in 3'56" di Alessandro Marzani Una giornata come tante, un'attesa come tante, la solita: seduto in macchina ad aspettare chi è sempre in ritardo. La musica dall'autoradio. E poi, silenzio. Uno, due, tre lunghissimi secondi e poi attacca il pianoforte. Mi sei già passata di fronte e io non me ne sono nemmeno accorto. Ti vedo fermare "Troppo cerebrale per capire che si può star bene". Non ti conosco, ma non riesco a fare a meno di guardarti; non mi conosci ma non puoi fare altro che venire verso di me. Ti fermi, mi fissi. Non una parola tra noi due, non un gesto di intesa, solo i miei occhi su di te, solamente tu dentro i miei occhi. "Togli la ragione, lasciami sognare in pace". Immobile muovo leggermente le labbra per seguire le parole della canzone, tengo il tempo con i polpastrelli sul volante che stringo, stretto, tra le mie mani. "Torre di controllo aiuto, sta finendo l'aria dentro al serbatoio". Ti guardo mentre ti avvicini, ipnotizzato dalle tue gambe eleganti che sbucano avide dal tuo vestito sinuoso. "Libero com'ero stato ieri, ho dei centimetri di cielo sotto i piedi". Conosci questa musica, lo capisco da come ti muovi, hai fatto tue le sue parole, hai fatto tua questa canzone, la nostra canzone. "Non c'è niente che mi sposta o vento che mi sposterà". Sono stregato dai tuoi colori, ammagliato dal tuo incedere lento, perso nella tua leggerezza. Mi sei vicinissima, non una parola, non un gesto, solo un sospiro. Delicatamente mi sfiori una mano. Chiudo gli occhi. "Leggera leggera si bagna la fiamma, rimane la cera e non ci sei più". Il tempo di sbattere le ciglia, il tempo di un battito di ali e sei volata via, come una farfalla. Silenzio. Uno, due, tre lunghissimi secondi ed è già ora di ricominciare. "I remember when I lost my mind" Mi ricordo di quella volta in cui ho davvero perso la testa! (Credits: "Giudizi Universali", Samuele Bersani, "Crazy", Gnarls Barkley) I tamburi di Tozeur di Mariella Amico...il deserto! Finalmente da Tozeur eravamo arrivati al deserto e la prima scoperta era stata il silenzio, un grande, penetrante, immenso silenzio. Gli occhi cercavano un orizzonte che definisse un confine all'infinito. Le dune apparentemente immobili, mutavano continuamente sotto il nostro sguardo, mentre il vento le scolpiva. Il sole caldo si muoveva verso il tramonto. La sera in un accampamento Berbero, i fuochi brillavano alti e raccontavano il colore del giorno, la luce del sole e la speranza di un nuovo mattino. Gli Uomini Blu coperti dalle loro "jiallibie" azzurre, pensieri raccolti in regali turbanti, muovevano velocemente sguardi di giaietto e regalavano candidi sorrisi. Eleganti, ieratici, figure eterne del tempo, suonavano tamburi. Con nostalgia, con grazia, con forza creavano attraverso la musica un forte legame tra noi, la terra, l'aria, il fuoco e quel deserto che ci accoglieva tutti. Quella musica potente produceva un'energia che attraversava i nostri corpi come se essi stessi fossero le casse armoniche dei "dijembè"...suoni profondi,

2 caldi, ritmati...come quelli del nostro cuore, quando riusciamo ad ascoltarlo. Il suono ci racchiudeva nel suo cerchio magico e ci guidava, purificati da tutto ciò che non è essenziale per la vita, verso il sole che rinasceva lentamente sulle dune, in un grande, penetrante, immenso silenzio. Questioni di frequenze di Gabriella Bernardi Esco o rimango a casa? La camicetta bianca con i puntini neri o le equazioni di Lagrange? L esame è alle porte, il dubbio sale Sottrarre un pomeriggio di analisi matematica o percorrere proprio la via dov è nato questo matematico per raggiungere la chiesa di San Filippo? Però Mozart è sempre Mozart, quante volte l ho ascoltato dal vivo? Nessuna, che vergogna! Ed è pure gratis. Basta indugiare, il tram mi sta già portando all appuntamento. La chiesa è grande, c è parecchio brusio. Arrivo in anticipo, ma i posti sono tutti occupati. Mi accomodo in una cappella laterale, in borsa ho un libro di analisi. Ripasso la teoria, mi fa sentire meno colpevole, ma non mi concentro. Finalmente è ora. Si fa silenzio: orchestra, arpa e flauto suonano il primo movimento, tutti tacciono, ma nel secondo movimento noto l ondeggiare di certi vetri che pendono da un lampadario laterale. La luce che filtra dalle finestre a cuore di bue li colpisce e l impercettibile movimento d aria creato dal respiro di tante persone crea dei piccoli arcobaleni. Colori che danzano con la musica. Che bello! Torno bambina, ma il concerto termina. Si fa silenzio e poi esplode l applauso. Nei pomeriggi di fine settembre, con la musica in testa, ritorno ad osservare quel lampadario laterale, sperando che la luce giusta ed una corrente d aria mi restituiscano quelle emozioni. San Pietro in Vincoli di Susanna Bassi Il cortile è squadrato, abbracciato da un portico su tre lati e decorato da lugubri ornamenti che davvero non sembrerebbero i più propizi per un ascolto sereno. Eppure, in quell antico cimitero di San Pietro in Vincoli tante note, tante voci e melodie mi sono venute incontro amichevoli, danzando, da luoghi vicini o remoti; tra pizzichi di corde, battere di tamburi e vibrare di fiati mi hanno sorpresa, cullata, entusiasmata, consolata, divertita il tutto disciolto nell aria tiepida delle sere d estate, odorosa di birra e lozioni antizanzare. Un concerto in particolare mi ricordo, in cui una musica inconsueta e malinconica mi aveva catturata con un aroma che non sapevo se di steppa o di mare, ipnotica e avvolgente come una preghiera: un concerto sfortunato, forse, interrotto più volte da corde che insistevano a spezzarsi dispettose, ma inciso nella memoria dal lungo palpitare d un tamburo che ci accompagnò nell attesa, ritmiche onde di suono che ci blandivano sollevandosi e frangendosi nell aria, instancabili. Mi è mancata, quest anno, l oscurità accogliente di quel cortile, con le note che indugiano leggere nella sera: quasi come se fosse venuto meno un po del sapore dell estate. Il musicista armeno di Fabio Enrici Bellom Duomo di Finale Ligure, aria di vacanza, 27 agosto Suona il vincitore del Concorso Palma d'oro 2007, l'armeno Aram Avetyan, timido ventiseienne. Si va con amici amanti della musica e, come me, pianisti in erba. Tre preludi di

3 Rachmaninov ci lasciano senza parole, uno Scherzo di Chopin ci fa sognare, due pezzi per mano sinistra di Skrjabin ci entusiasmano, tre brani di Vecchiato ci allontanano dalla realtà ed alla fine la Toccata di Khacaturjan ci inebria di potenza e di sogno, mentre lo sguardo di Aram passa dalla tastiera alla chiesa circostante, come fosse in un suo mondo. Ci guardiamo, stiamo piangendo tutti, anche gli sconosciuti intorno a noi. Applausi infiniti e la dovuta standing ovation. La mamma di Aram, paffuta, nel suo vestito da festa armeno, sventola il ventaglio, ci guarda, attraversa la navata centrale e ci abbraccia tutti, con gli occhi pieni di lacrime. Con quell'abbraccio ci ha raccontato tutti i sacrifici per un figlio genio in una terra tanto difficile e contrastata. Emozioni in musica di Beatrice Bonino Quanta musica accompagna la nostra vita, quanti ricordi fatti di note ed emozioni. Nella memoria si rincorrono le melodie: giorni, mesi, anni, istanti unici fatti di suoni e silenzi udibili. In questo flusso di pensieri vibranti riaffiorano le tante colonne sonore della mia vita, le emozioni della musica dal vivo, quella condivisa, che ti fa sentire parte di un unico organismo, quando il pubblico per un attimo sembra avere un solo respiro. E in questo turbinio di idee ripenso alla nostra Torino, all immagine di un palco in piazza Vittorio, illuminata dalle luci della notte, con alle spalle la collina e il Po. È il ricordo di due sere d inverno consecutive, due concerti del Crazy live music, due eventi che nella mia mente si intrecciano in un unico racconto. Ritorno al 23 e al 24 febbraio del 2007, durante le notti dell Universiade: gli artisti hanno richiamato una folla multietnica, gente di tutte le età è fianco a fianco nella piazza. Durante l attesa il freddo pungente si fa sentire ma quando i musicisti salgono sul palco l atmosfera si riscalda, il pubblico canta insieme a loro, balla ed è pulsante di vita. I primi sono i Gotan Project, stelle del suono elettro world, con la loro visione digitale del tango fondono tradizione e nuove sonorità, appaiono come angeli bianchi, raffinati, eleganti e appassionati. Nel loro canto, nei loro strumenti dialogano Parigi e Buenos Aires e tutto è musica, tutto è tango. Sullo stesso palco la magia si ripete con Goran Bregovic e la sua Wedding and Funeral band, i colori di una terra, le radici di un popolo brillano sugli abiti, un energia contagiosa che conquista e commuove si propaga tra allegria e malinconia. Due sere per un viaggio che va dall Argentina ai Balcani passando per Torino, per un dialogo possibile, dove le culture si fondono rispettando le proprie identità. A vincere è l ascolto, il confronto, la commistione dei generi, dove passato, presente e futuro possono coesistere. Ancora una volta la musica si rivela linguaggio universale capace di superare i confini grazie alla forza delle emozioni proprie di ogni uomo. Rivive il ricordo indelebile di un emozione dal vivo con la speranza di gettare un ponte tra le culture, tra i popoli, con la speranza di continuare a sognare sulle ali della musica, pronti a salpare insieme per un nuovo viaggio. La fine dell estate di Giorgio Almasio Estate Diciassette anni. Chiostro del St. Catherine College, Oxford. La luna annegava nel placido stagno accanto al gazebo, non una nuvola nella volta trafitta di stelle. Le voci degli studenti si rincorrevano come lucciole impazzite, mentre attendevano l'inizio del concerto per pianoforte che avrebbe concluso i corsi estivi per stranieri.. Mi guardavo intorno e capivo che quello era il momento che celebrava la fine dell'estate, mentre un carosello di volti sorridenti che condividevano il mio stesso pensiero, lasciavano che quel momento non finisse mai.. E fu lì che le prime note ci

4 rapirono ed il silenzio avvolse tutto come un abbraccio silenzioso.. Il Notturno di Chopin, seguito da quello di Field, scivolarono leggeri sui nostri animi di adolescenti, non ancora uomini né donne. In quell'attimo capii cos'era la felicità.. In mezzo ad una folla di semisconosciuti, compresi il miracolo e la potenza di una nota, di come marchiò nella mia memoria quella sensazione di onnipotenza che è propria della giovinezza, quando tutto sembra possibile ed il mondo è un'autostrada da percorrere.. Ancora oggi, se chiudo gli occhi, posso rivivere quella girandola di emozioni e so che neanche il tempo è riuscito a scalfire quell'attimo di eternità che un pianoforte non perfetto mi ha donato.. Est e Ovest di Marika Cioffi Il concerto più emozionante a cui abbia mai partecipato è stato quello di Goran Bregovich a Gorizia il I maggio Il concerto era organizzato in occasione dell'adesione della Slovenia nell'unione Europea: le sonorità tipicamente balcaniche, la maestosità della fanfara, la profondità vibrante delle 3 voci bulgare mi hanno fatto sentire parte della storia, hanno fatto vibrare in me, allora studentessa di scienze diplomatiche da due anni a Gorizia, la consapevolezza di essere testimone oculare di un evento eccezionale. La presenza di Romano Prodi, allora presidente della Commissione Europea e di altri ospiti illustri e i loro roboanti e ottimistici discorsi si infrangevano contro l'alternanza sonora di "wedding" e "funerals". Quel mio primo intenso contatto con la musica balcanica ha dischiuso davanti ai miei occhi un mondo quasi sconosciuto, con le sue dimensioni, le sue emozioni, le sue speranze di riscatto di fronte all'ingresso in quell'"occidente benestante" da cui per lungo tempo era stato bandito, ma anche la sua estrema determinazione a mantenere le proprie specificità, l'intima necessità di mantenere un legame viscerale con i propri "figli" dispersi nel mondo. Mi stupivo per la capacità di Bregovich di concentrare e rappresentare un universo intero e la mia meraviglia diventava a poco a poco compartecipazione, empatia nella sofferenza e nell'orgoglio. Est e Ovest si riconciliavano, vecchi europei e nuovi cittadini danzavano insieme, il filo spinato che mi ero abituata a vedere costeggiando la frontiera veniva abbattuto, ed io ero lì, non solo assistevo, ma ero partecipe di ciò che avveniva intorno a me e che la musica di Goran Bregovich restituiva sottoforma di emozioni rare. Levarmi in petto questa passion di Giovanna Maccagno Fa caldo, la giornata è stata faticosa, ma quando Vinicio è in zona non si può perdere il suo concerto. Nonostante la fretta riusciamo a litigare, come al solito per una ragione stupida che nemmeno ricordo. Ci troviamo seduti in terra, davanti al palco, ad attenderlo. Arrabbiati, silenziosi, rivolgiamo il viso in direzioni opposte, per non rischiare di incrociare lo sguardo, per far sbollire la rabbia trattenuta. Vorrei tornare a casa, non ho nessuna voglia di starmene qui con te, ci sono anche le zanzare. Eccolo, col solito ritardo, con il viso... nascosto da una maschera da toro! Risate, inizia a sciogliersi la rabbia. Che farò lontan da te pena dell anima, senza vederti, senza averti, nè guardarti......la mia canzone preferita, che tristezza ascoltarla così, arrabbiati, silenziosi, ognuno nel suo mondo come levare via il profumo al fiore? come togliere al vento l armonia?......ti sei spostato dietro di me, mi hai abbracciato, ed hai iniziato a cantare con Vinicio. Chiudo gli occhi, sento il tuo dondolìo lieve, la canzone che scorre dolce, la tua voce calda e sono felice... Fuori dalle braccia tue, sulle ginocchia mie, così levarmi in petto questa passion.

5 Un lunghissimo applauso liberatore di Francesca Bellocchio Emozioni legate alla musica, ne ho moltissime. Spesso sono emozioni che nascono mentre ascolto i miei brani preferiti in solitudine, in un momento di pace assoluta, lontana da tutto e da tutti. La musica è un momento di riflessione per me..e in questo mondo frenetico, ce n'è sempre più bisogno. Eppure ricordo una sera in cui un'emozione personale, si è trasmessa a tutti coloro che erano venuti con me a vedere un concerto del grandissimo Roberto Vecchioni. Ero seduta nell'ultima fila della platea..e non vedevo benissimo il palco, ma la voce era inconfondibile e alla fine bastava quella. L'album che andava a presentare, quella sera, era "Rotary Club of Malindi", un album molto vissuto e sentito, dopo un periodo non troppo sereno dell'autore. Il concerto muoveva su canzoni malinconiche o piene di rabbia..e il mio cuore, attraverso la voce di Vecchioni, riviveva quei momenti bui in cui uno non sa che direzione prendere per tornare alla luce e riprendere il suo cammino..i miei occhi erano già un poco umidi, ma sulle note di Momentaneamente Lontano si sono sciolti in un dolce pianto, quasi per rappresentare la vicinanza dei miei sentimenti a quelli che trasportarono l'autore al momento delle composizione. Cercavo di asciugare le lacrime, per non mostrarle a coloro che mi circondavano..ma mi accorsi ben presto che sia la mia mamma, sia il mio ex ragazzo, in quel momento vivevano con me la stessa sensazione. Fu un momento di commozione generale, che si concluse in un lunghissimo applauso liberatore. Non so, se sono riuscita a trasmettervi l'emozione che provai in quei momenti..ma credo saranno attimi che porterò dentro a lungo e lo devo ad uno dei miei poeti preferiti. La musica che mi suona dentro di Ada Gillio Mi lascio cadere in questo prato di montagna facendo l angelo, spalancando braccia e gambe, sprofondo nell erba che in questo inizio d estate è invitante, folta e alta (cresce fin troppo in fretta per chi la deve tagliare), la mia schiena sente l umido della terra ma mi piace guardare gli steli dal basso con lo sfondo del cielo. Ammiro l abbondanza dei fiori, la varietà delle loro forme, l audacia degli accostamenti al colore verde dell erba, come il giallo-oro della ginestrella e il bluviola della salvia dei prati, di questa prendo una foglia, la schiaccio e ne aspiro il profumo che è elettrizzante. Poi mi viene in mente l adagio del Concerto per clarinetto e orchestra di Mozarth e lo lascio suonare dentro di me: ecco che la musica mi rende più intensa la bellezza del momento. Per contrasto mi tornano in mente i momenti in cui resto imbottigliata nel traffico della tangenziale, al mattino andando in ufficio, quando mi sparo proprio quel brano dal CD che tengo in auto: qui la stessa musica mi aiuta a superare lo stress. E sento la nostalgia di un concerto dal vivo, quando l ambiente privilegiato aiuta tutti i sensi ad aprirsi, a partecipare, i suoni mi colmano la mente e avvolgono il corpo, e la musica suona fuori e dentro di me.

6 Intorno tutto è silente. Il tempo è scandito da note, intorno tutto è silente. E' come essere sul palco, soli. Sguardo fisso sulle dita che danno colore e calore a tasti bianchi e neri da cui scaturiscono suoni accompagnati da altri suoni e poi da altri. L'orologio si è rotto. Il tempo è fermo. Tutto è fermo. Solo la musica danza e scorre.. insieme ad una lacrima, prova che in realtà qualcos'altro si muove, ma dentro. di Simona Colucci Una fiaba per l'umanità intera di Sabrina Olivieri L'ultima volta che un concerto dal vivo mi ha fatto provare una forte emozione è stata al Salone del libro di Torino Mi trovavo lì per lavoro: facevo la standista. Seguivo ritmi allucinanti, cercando però di essere sempre disponibile nei confronti del pubblico. Per altro era un momento in cui infuriava la polemica tra i sostenitori degli autori israeliani e i sostenitori dei palestinesi, che manifestavano fuori dal palazzo. In mezzo centinaia di poliziotti. Sembrava di stare in un castello sotto assedio. Si avvertiva forte la tensione, all'entrata e all'uscita, come se ci si aspettasse uno scontro da un momento all'altro... Durante un turno serale, approfittando della disponibilità di una collega, sono riuscita, dopo un'affannosa ricerca della sala, ad intrufolarmi al concerto-incontro col pubblico del pianista Giovanni Allevi: una volta in ascolto, ho potuto apprezzare la sua grande ironia nel raccontare degli esordi, e poi le sue dita scorrere sul pianoforte. Non c'erano parole, solo note. Era un inno alla vita. C'era qualcosa nella melodia, che mi ha toccato il cuore: non so dire se fosse il ritmo o la passione che l'artista trasmetteva, ma improvvisamente ho sentito la tensione sciogliersi e al suo posto, insieme ai brividi, una sensazione finale di tepore, come un caldo abbraccio. In quel momento ho avuto come la percezione che ogni disputa o conflitto che divide gli abitanti della terra potesse essere risolto con una semplice stretta di mano ed un sorriso, riconoscendosi come appartenenti al genere umano e quindi più simili, che diversi. Era come se improvvisamente fossi tornata bambina, ed un fratello maggiore mi stesse raccontando una fiaba. Una fiaba per l'umanità intera. Quando il concerto è finito ho sentito, insieme agli applausi della platea, una sensazione di tristezza intensa per la fine della bella fiaba e per il distacco dal sogno. La nostalgia mi ha accompagnato ancora per giorni. E ripensandoci, la sento ancora ora.

7 Compagna della nostra vita di FrancaDaniela Aleotti Mia nipote suona la viola, e si è trasferita a vivere da Parigi in Valle Varaita dopo la nascita del piccolo Lorenzo che in questi giorni compie 3 mesi. L'altra domenica lui era un po agitato e non si sapeva più cosa fare. Sua mamma che stava camminando per i sentieri con lui in spalla ha cominciato a suonare e come d'incanto ha smesso di piangere e le espressioni del suo viso erano assorte e serene. E' stata un'emozione fantastica, complice la musica, vedere un bambino così piccolo con quelle stupende espressioni di beatitudine. La musica è magica, la musica è compagna della nostra vita. Una voce di sirena di Elisa Pais Dopo aver sfogliato e risfogliato, girato, rivoltato e infine segnato attentamente cosa seguire tra i miliardi di incontri proposti nella guida della Fiera del Libro: eccomi lì, puntuale, ad una delle mete prescelte per godermi il readingspettacolo di Michele di Mauro sullo Scandalo della Bellezza. Ad un certo punto si insinua tra la mordacità dell attore e le sonorizzazione del dj Fabrizio Vespa una voce femminile di sirena la cui lingua in lontananza mi risulta sconosciuta, ma di cui non posso non ricercarne la fonte, appena terminate le letture. Scopro così Miriam Meghnagi, che ci regala, pezzo dopo pezzo, intense interpretazioni vocali del vasto patrimonio musicale ebraico, accompagnata da quattro musicisti virtuosi che si destreggiano tra più strumenti. Il pubblico ammaliato (compresa la sottoscritta) la segue senza distrarsi neanche un momento, pian piano si aggiunge gente incuriosita, tutti partecipano battendo le mani e lasciandosi trasportare dai ritmi ed i suoni mediterranei. Una mezz ora preziosa di scambio e ascolto tra culture diverse che riescono ad incontrarsi. In un film di Kusturica di Silvia Cittadini Una calda serata di fine luglio. Mi trovavo su un furgoncino che mi portava verso il Kosovo. Ero stanca dopo più di quindici ore di viaggio, chilometri di autostrada in mezzo al nulla, se non qualche vecchio con il suo carretto di angurie e autogrill di nuova costruzione, e tutti i problemi che credevo essermi lasciata dietro a pesarmi sulla testa. Eravamo sulla strada che porta al confine con il Kosovo: la lunga autostrada era finita, solo più piccoli villaggi di serbi che ci vedevano passare e sapevano bene dove stavamo andando. Passando pensavo che quella era una terra abbandonata da Dio, una nuova Eboli, fin quando il furgoncino non si abbatté in una festa di matrimonio; tutto il paese era presente, la banda suonava, la gente ballava e improvvisamente ci risvegliammo dalla nostra sonnolenza in un film di Kusturica. La musica ripetitiva e gioiosa ti travolgeva, costringendoti a scendere e ballare, a bere e salutare gli sposi. Quale emozione? Gioia pura, quella felicità malinconica che si prova ogni volta che si ascolta Bregovic, ma che si può capire solamente tuffandosi nel calderone balcanico. Guerra, povertà, desolazione, ma quello era un giorno di festa e festa nei Balcani è musica ed è per tutti. Tutti sapevano dove stavamo andando ma questo non ci impedì di partecipare, anche solo per qualche istante, alla loro festa.

8 Il senso di appartenenza di Enrico Grande Ricordo con gioia il mio primo concerto importante. Era il 1993 ed andai a vedere i Metallica a Torino. In quel periodo ero un metallaro fedele e sincero. Piovve per gran parte del pomeriggio. Ben presto il mio amico ed io ci ritrovammo zuppi, intenti a vorticare nel bel mezzo di una massa furibonda che si agitava sotto i colpi dei musicisti, resi ulteriormente crudeli dalla pioggia. Ricordo che lo tenevo per un braccio, temendo di poterci perdere nella bolgia infernale. Ad un certo punto la sua mantellina gialla, che aveva messo per limitare i danni della pioggia, cominciò a cedere e in un attimo mi ritrovai con la manica in mano. Ci guardammo e cominciammo a ridere. A ridere e a girare in tondo a causa del "pogo" sfrenato dei fans! Mi sentii felice e libero come mai in vita mia. Ero in mezzo a tanta gente, insieme ad uno dei miei migliori amici, stava piovendo a dirotto ed ero bagnato fradicio. E tutto questo mi faceva sentire parte di un tutto. Una enorme e comprensiva comunità che avrebbe accolto chiunque. E' il senso di appartenenza che mi conquistò e mi fece capire che la musica era davvero una delle cose alle quali non avrei potuto rinunciare in tutta la mia vita. Che quest estate non sia dolore di Eliana Frontini Queste immagini sono dedicate a tutti coloro che, durante un estate, hanno aspettato. Hanno aspettato un amore, hanno aspettato un sorriso, hanno aspettato un cenno, quasi increduli fosse rivolto a loro. Foto di concerti di un estate, non importa dove siano state scattate. Non importa perché le sensazioni provate in questa estate possono essere comuni a tutte le estati di tutto il mondo. Il concerto è attesa, attesa di un qualcosa che succederà dopo. Centinaia, migliaia di persone ascoltano musica, si perdono in essa, le loro ombre si proiettano sul terreno erboso dei vari stadi. Le ombre sono i desideri. Le ombre si trasformano in oro. Il fotografo scatta e ritrae la realtà. L artista opera sulla realtà fotografata, trasformando in oro le ombre e i desideri. Cortigiani in attesa del re di Gianni Contarino Un mare di colori nella platea e nella galleria. Il suono di migliaia di parole di saluti, di commenti e di un unica attesa. L odore della sala, fra arredi ed essenze femminili. Il soffice velluto della poltroncina. Il sapore del caffè dopo un aperitivo consumato a pochi metri dal Regio. Un sipario rosso si apre sulle note di musicisti altri, di esploratori del passato e del futuro, dell armonia e delle parole di altri. Occupano il palcoscenico come cortigiani in attesa del re, che invece arriva in platea dalla porte di ingresso del pubblico. Un manto di ermellino ed un applauso imponente lo riscaldano: già sudato arriva sul palco. Una corona ed una barba da stregone incorniciano le prime parole di una canzone. Non c è superbia, non c è vanto: sul palco c è un vero re, che commenta ci hanno fatto suonare al Regio, mi sono dovuto adeguare. Chi c era ricorda, chi non c era forse non ha mai ascoltato Vinicio.

9 Dove il mondo non esiste di Valentina Quaranta Quando ascolto una musica che mi piace, solitamente mi siedo o mi sdraio... Poi chiudo di occhi e mi lascio trasportare dove vuole Lei, la musica. "Seguimi, avanti!" sembra dirmi. E allora io mi slego, mi slaccio da tutto ciò che ho intorno. Inizio a fluttuare nell'aria, il mio corpo si fa leggero e d'improvviso, senza che la mente glielo abbia comandato, inizia a muoversi, ad agitarsi... poiché ora segue solo più il ritmo delle note, come se ne fosse rimasto affascinato e posseduto nel medesimo istante. Non esiste più nulla, non sento più nulla, non vedo più nulla al di fuori di quello che sto provando. Non sono qui, sono in un posto che non esiste nella realtà, solo nella mia fantasia...ma io sono certa della sua esistenza poiché lo sento qui dentro di me, nel mio cuore che batte all' impazzata, nel brivido che corre veloce lungo la schiena fino a raggiungere le gambe...e infine lo sento nel calore delle lacrime che improvvisamente riempiono i miei occhi senza che io non possa farci nulla. Eccomi, completamente ipnotizzata davanti alla forza disarmante della musica. Totalmente posseduta. Sono un'anima solitaria che è riuscita a spezzare le catene della tristezza e che ha trovato finalmente un posto dove poter fluttuare liberamente, senza vergogna di esprimere la sua essenza più intima poiché qui non esiste dolore, paura, rabbia, rancore... Qui la stupidità del mondo non può arrivare perché questo è un posto dove il mondo non esiste, esiste solo la cosa più bella che la musica possa regalare a tutti noi, la libertà di provare emozioni. Quella canzone di Cinzia Crisafulli Quella canzone: è la vita che gorgoglia, che si fa più viva. Ogni nota risuona lungo la spina dorsale, attraversa le tempie, penetra nei profondi meandri dell'inconscio, per rievocare immagini, colori, odori... Ricordi di amori sfuggiti, di passioni consumate, di caldi abbracci coinvolgenti. Le labbra continuano a ripetere quei suoni, quelle parole, scandiscono il ritmo degli strumenti, affinché quella musica diventi ancora più tua, come ti appartenesse fin nel corpo. Un ritornello sempre uguale che a te appare diverso ad ogni suono di chitarra, ad ogni fiato di voce che ripercorre quella canzone densa di esistenze, di vissuti, di sorrisi alla vita. E poi una lacrima sopraggiunge ad inumidire il viso, i brividi, che fanno sussultare il corpo, si fanno sempre più intensi: la canzone è terminata, la musica non suona più...l'emozione rimane eterna. Cado giù in picchiata di Giulio Pascali Teso ed arrabbiato dissi: non ci credo, non lo capisco, mi dici che la musica è tutto; ma io non credo che questa assurda sequenza di valori sia veramente tesa ad irraggiare i monti e a smuovere i cuori. Non è che rumore in fin dei conti! messo in forma di sirena, ammaliante e traditore. Non è che una bugia che di effimere favole è piena!. Lei avvicinò labbra ed orecchio, sorridendo disse: ma no! ma no! senti qui! senti come la mia voce stonata ti avvicina al sole. Senti qui che nota accompagna quel passo di danza che tanto ci aderisce al dolore. Senti che rabbia accende il tutump di questo ritmo sfrenato. Tutta musica amore mio che mi esprime insieme a te. Io ero zitto ma lo sguardo cedeva, vedevo nel volto sereno di lei l effimera favola farsi sonora; in silenzio capivo; lei continuò: senti! senti! senti se questo non è il nostro lasciarci andare in un amplesso dolce, stiracchiando mani che scorrono note sul corpo. Ascoltiamo insieme queste tenui parole che sembrano un cigolio passeggero di ruote, che girando emettono un suono di pulce.

10 Questo non lo dimenticherai facilmente; come il mio amore non lo toglierai dalla mente. L amore giunse con il suo accordo; allora disse: Dimmi ora se il tuo rumore, quando mi vieni a trovare, non è l accordo delle nostre estasi. Dimmi se il tuo amarmi intenso non è ora questo grido riversato su un file, se non è diventato ora la nostra melodia, che ci accompagna e da questo mondo infame ci porta via. Ammisi gridando: Io si! ora si! ora lo so! ora capisco il tuo senso, che mi guida per il verso giusto. Ascoltando questo suono esatto, finalmente mi alzo di scatto, sobbalzo ed esco dal dubbio. Finalmente cado giù in picchiata, scoprendo insieme a questa musa generosa e cinica, di averla sempre amata Dove le parole finiscono di Dalila Pisapia sai, nel cuore porta tanti ricordi, immagini, atmosfere..profumi.. ricorda la tua voce, il tuo modo di parlare, il gesticolare delle mani.. ricorda te che ascolta per ore i suoi occhi, i suoi pensieri.. ricorda i silenzi, quelli che più amava, insieme a te... quelli che più ama, ancora oggi..che la tua voce è spenta.. lui ama il tuo silenzio, perché sa che dove le parole finiscono, inizia la musica... Un solco, un incisione di Mirko Ardizzone Teatro degli Arcimboldi 24 marzo 2006 Milano. On an island tour David Gilmour. E' ormai trascorso del tempo da quella sera, ma il ricordo è ancora vivo e consistente; profondo. Uno di quei ricordi che lascia il segno; un solco, un incisione, una cicatrice dentro di te. Una traccia indelebile nell intimo del tuo "io" musicale e personale. Un susseguirsi di emozioni nel quale vieni trascinato tuo malgrado, attimi di spettacolo ricchi di suggestione visiva e sensoriale; se per un istante ti guardi intorno cercando lo sguardo di qualcuno che comprenda quello che stai vivendo tu, è inutile; tutti sono li come te a bocca aperta, come ipnotizzati, sedotti; rapiti, musicalmente stregati da quegli artisti che a pensarci bene non stanno facendo musica, stanno facendo qualcosa di più, qualcosa che forse nemmeno loro si rendono conto di fare. Ma io mi rendo conto invece che, ancora oggi, ogni pezzo musicale riascoltato mi riporta a quei momenti irripetibili, per me fantastici. "...la musica è l armonia dell anima..." dal romanzo "Castelli di rabbia" di Alessandro Baricco. "...l amore è l armonia dell anima a cui la musica fa da cornice..." da una lettera della mia carissima amica Giada. Chi si muove per primo è un vigliacco di Enrico Miolano Tensione ed emozione, adrenalina che scorre per ore allo stato puro. Questa, in estrema sintesi, una giornata da direttore artistico di Suoni dal Monviso. Sabato 6 settembre era la volta di uno degli appuntamenti clou, era l ora di Marco Paolini Arrivano le 17, salgo sul palco, e la soluzione cromatica che mi regalano le 1000 persone sedute sul prato di Montoso è un primo tuffo al cuore, poi sale lui, Paolini, insieme ai Mercanti di Liquore, e per 90 minuti è l autentico padrone del palco. Lo guardo e ne scorgo la passione, lo ascolto e non posso fare a meno di apprezzarne la bravura, e poi scruto l espressione della gente, che ascolta e sorride, che applaude, che canta con lui... Magia della voce, magia della musica. La soddisfazione per aver centrato una scommessa importante inizia a prendere il

11 sopravvento, l obiettivo di dare un piccolo contributo per promuovere la cultura e territorio attraverso il connubio musica-teatro è vicino ad essere raggiunto, ma non è ancora finita... Ore 18,35... la pioggia. La sento anch io... tuona dal palco Paolini ma chi si muove per primo è un vigliacco. Il pubblico resta immobile e lui continua lo show... Si va avanti per 10 minuti sotto la pioggia, ma nessuno sembra sentirla, prima della meritatissima standing ovation... Il Paolini teso e serioso del pre-concerto adesso stringe le mani, firma autografi e si dedica alla sua pipa... con tanto di chiave di violino. Il cuore mi batte forte e dentro di me c è un solo pensiero: ce l abbiamo fatta! Voglia di gridare E allora tre, due, uno, via. Sopra le mani alzate risuona un ritmo house, niente fronde di note solo tunzetetunz. Un prato di teste ondeggia piano, bandiere che sventolano a tempo col sound. La gente ascolta, si sbraccia, ride, si diverte, si accende una paglia, respira, attende. Finalmente arrivano le note basse, sono quelle che trascinano e che spaccano le casse. Daniele Silvestri alza i palmi e ammicca, parla di musica funky e di anni ottanta. Ci fa divertire, fa finta di niente. Ma ha in mente qualcosa, è più che evidente. Basta vederlo lassù, dondolare nel mentre. Immagina uno slogan detto da una voce sola è debole, ridicolo, è un uccello che non vola ma lascia che si uniscano le voci di una folla e allora avrai l'effetto di un aereo che decolla Daniele ci sussurra parole discrete, ci ha quasi distratti e il ritmo cresce, cresce. Continuiamo a saltare, alziamo la voce. Attendiamo il ritornello, che arrivi veloce. La gente che grida parole violente non vede, non sente, non pensa per niente. Daniele alza le braccia, è venuto il momento. Gridiamo a gran voce, che la violenza è atroce. Non mi devi giudicare male anch'io ho tanta voglia di gridare ma è del tuo coro che ho paura perché lo slogan è fascista di natura Daniele porge il microfono, e tutto per noi. Tocca a voi, tocca a voi, sù, dài, tocca a voi. lo slogan è fascista di natura gridiamo e ancora lo slogan è fascista di natura sì, sì, certo lo slogan è fascista di natura tutti insieme, le braccia al cielo lo slogan è fascista di natura! Daniele sorride. Ci ha fregati, maledetto. di Alberto Calorosi

12 Una vibrazione musicale di Susanna Vair "Don Giovanni" di Mozart, alcuni anni fa: mi recai al Teatro Regio di Torino per assistere alla rappresentazione di quest'opera. Lo feci solamente per accompagnare mia madre e le sue anziane ma vitali amiche e non per un reale interesse, nonostante io sia un'amante dell'arte in tutte le sue svariate manifestazioni. Seguii le vicende con un certo coinvolgimento ed ecco che, ad un tratto, dimentica di me stessa e di tutto il resto, divenni la musica ed il canto dei protagonisti. Ero quella sorta di onda fluttuante che si espandeva d'intorno e mi sentivo leggiadra anzi, ero leggiadria stessa. L'accadimento fu così intenso al da farmi scordare la scena in cui avvenne la magia, poiché di questo si tratta. Il ricordo dell'esperienza è però rimasto: meraviglioso, indelebile. Capii davvero il significato della parola "TRASPORTO". Raccontai le mie sensazioni alle anziane signore che mi guardavano estasiate e grate perché le avevo rese partecipi di un'emozione speciale. Posso dire di essere stata, per un po di tempo, una vibrazione musicale. È come se spuntasse fuori il sole dietro te di Elisa Bevilacqua Mi ha scritto il testo di Bella più che mai, cantata dagli Stadio. L'ho letto centinaia di volte, fino ad impararlo a memoria. Ma non conoscevo la melodia. Al nostro incontro successivo, me l'ha fatta ascoltare. Bella, bellina, sì, ma io freddina. Forse dovevo ancora farla mia, capire come le parole si inserivano sulla musica, la sua armonia interna. Poi siamo stati lontani per un po', e ogni tanto mi canticchiavo "Che sorriso che c'hai questa sera sembra quasi che sia primavera" ma senza tanta convinzione: sono così stonata! Però sorridevo, questo sì. Quando ci siamo rivisti, in un momento speciale, ha cantato solo per me. "Mentre dai senso a tutto il mondo e incontrarti è come se spuntasse fuori il sole dietro te...". In quel momento ho capito. Ho capito il suo amore e il mio. E la musica, ora, me la porto dentro sempre. La notte zero di Antonella Lacandela Era il Era fine agosto. Fine della stagione estiva. Fine di una parte della mia vita. La mia vita vissuta per ventisette anni nella mia terra madre. Le mie radici. Il mio cuore. Il mio sangue. La Puglia. Come ogni sera si usciva. Quella sera per festeggiare la partenza, io in compagnia dei miei amici siamo andati giù, al fondo degli inferi, al fondo della povera Puglia per ascoltare e ballare la pizzica. Arrivati abbiamo trovato un carnaio di gente che sembrava come impossessata, la musica dal palco arrivava incessante, i suoni dei tamburelli continui, ossessivi, martellanti ti confondevano, ti stordivano, intorno uomini, donne che si torcevano, ruotavano, saltavano, cadevano giù in un ritmo senza freni, ci si abbracciava senza toccarsi veramente, si faceva l amore solo guardandosi e muovendo il corpo a distanza gli uni dagli altri, mantenendo però sempre costante una linea immaginaria di contatto, sopra di noi solo il cielo illuminato da migliaia di stelle, intorno a noi solo armonia pura. Era il 25 agosto. Era la notte zero della mia vita, o almeno della prima parte della mia vita. Sono passati anni da quella serata di addio e di nuovo inizio. È fine agosto, è la fine della stagione estiva. Sono sola con il mio figlioletto di quattro anni. Cammino nelle vie della città magica d Italia. E forse lo è. Giriamo l angolo con la sua manina nella mia e vedo i suoi brillare, comincia a saltare, a muovere incessantemente i piedi, mi guarda, lo guardo, i miei occhi anche brillano, lì dietro l angolo di nuovo il suono del tamburello, qui in una terra non pizzicata, eccolo nuovamente tornare incessante ad irrompere nella mia vita, a

13 ricomporre quella linea immaginaria di contatto che mai si interrompe, dalla punta delle mie dita alla punta delle tue dita, e che ora lega anni, luoghi diversi, presente e futuro col passato, nella mia testa e in quella del mio bimbo che per un attimo nel mio ventre è ritornato. Un elettrochoc di Vittoria Salomè Pino stava lì. Suonava la chitarra davanti a me. Fuori Il Cairo era un casino come sempre. Lui, i suoi due figli, le mie due figlie e la chitarra. Alle prime note non l avevo riconosciuta la canzone ma dopo 15 secondi esatti lacrimoni giganti mi rigavano il viso e un nodo stretto stretto mi stringeva la gola. Piangevo a dirotto, come la pioggia d inverno. Tra i rumori sentivo solo la pioggia della musica e delle parole: Tu lontano da me, pescatore lontano dal mare solitudine e malinconia in ogni angolo e in ogni via. Quella sera avevo il cuore affranto ma felice, lì in Egitto in pochi minuti avevo, grazie ad una canzone, rispolverato e capito tutta la mia vita, che non è mai finita, anche quando ti pare lo sia. Un elettrochoc al cuore. E questa la potenza della musica. Prima della maturità di Susanna Fazio Avevo diciannove anni e il giorno dopo iniziava l esame di maturità. Quel pomeriggio avevo staccato ed ora ero lì nella conca per il gemellaggio con Barjols. Nuvole bianche come gonfaloni, il vento protagonista ad esaltare la musica provenzale di pifferi e tamburi. Tutto in armonia anche i finti cavalli cavalcati da ballerini in costume. Intorno la gente sorridente e felice che avrebbe voluto slanciarsi a ballare. Bella musica, stupendo palcoscenico naturale di Antonio Santise Una bellissima serata "musicale" quella di luglio col concerto di Pino Daniele, a Venaria nell'ambientazione dei giardini della Reggia. Minacciava pioggia ma il tempo ha tenuto, le nuvole sono passate veloci e una mezzaluna gialla è comparsa sulla Reggia. E il maestro Pino Daniele e i suoi compagni di un tempo hanno rallegrato il loro pubblico - anche chi il napoletano non lo parla e fa difficoltà a comprenderlo. In un istante, il pensiero triste e nostalgico va a Massimo Troisi, una scomparsa inattesa; le musiche scritte per i suoi film dall'amico Pino Daniele si identificavano perfettamente col suo sguardo malinconico o era il suo sguardo che si adattava alla musica del film? E' un dubbio che ho sempre avuto e sempre mi rimarrà. Ben vengano queste iniziative, auguri a MITO - Settembre Musica - eccezionale e ben consolidato programma culturale della nostra regione.

14 Luci a San Siro di Anna Piera Neirotti Per me la vita è fatta di colori, calore, suoni e musica, tanta musica. La musica è sempre stata la mia compagna sin dai tempi della mia infanzia, della mia giovinezza. Tempi duri, dolorosi per tanti motivi, ma la musica riusciva sempre a darmi la carica, la spinta a continuare a lottare, a continuare a sperare. C è un musicista e cantante in particolare che io adoro e ascolto sempre: Bruce Springsteen!!! The Boss!! Veramente il Boss per eccellenza della musica!! Volevo perdere il suo concerto a San Siro il 25/06/08??? Ma neanche per sogno!! Dopo un affannosa ricerca dei biglietti, ecco giunto il gran giorno. Si parte per San Siro, chiedo una mezza giornata di ferie e dico il vero motivo della richiesta, santi numi!! ne vien fuori un pasticcio (e dire pasticcio è poco!)! Era meglio dire una bugia? Inventarsi una visita medica? A volte essere sinceri è un peccato anche dopo 32 anni di servizio! Arrivo a S. Siro tempio del calcio e della musica, devo salire al 3 anello, si sale dalle torri, mamma mia che caldo, che stanchezza, arrivo alle gradinate che sembro la sorella gemella di Paperoga!! Lo stadio è tutto un movimento di persone, un fermento di colori, di risate, di voci. Ed ecco l inizio del concerto, grande brivido, una grande emozione, The Boss ci regala una serata indimenticabile, un emozione indescrivibile! Questa sera su S. Siro si sono accese le luci della gioia, dell armonia, di una serata magica. Il tutto nella correttezza, nel rispetto di tante persone diverse tra loro ma con un unico amore: la grande musica. Emozioni alle Olimpiadi di Torino 2006 di Anna Simeone Momento magico per Torino, bella la città, le luci i colori e la musica, l atmosfera che si respirava era di festa e di magia. Ci sii ritrovava sulle strade e sulle piazze e i turisti in città, mai visti così dagli anni 60 La sera in Piazza Castello al concerto Venditti cantava Notte prima degli esami, le persone stavano vicine e si sorridevano, sì perché in questa città la gente è sempre ombrosa e scontrosa, eppure si cantava insieme, nell emozione e sognavamo ad occhi aperti!!!! Venditti è stato grande coinvolgente, presente insieme a noi!! Ecco perché la musica è vita per me.. Con i compagni di scuola di Parigi Manuela Sembra strano da credere ma le più belle emozioni che ho vissuto nella mia vita, le ricordo grazie alla musica di Goran Bregovich. Ricordo in particolare il concerto seguito con la mia classe delle superiori, dove accanto a me era seduto il mio professore di italiano. E grazie a lui che ho cominciato ad ammirare questo splendido artista venuto da lontano, che ha portato nella nostra Italia un genere di musica diverso dal solito. I ritmi dei suoi testi, e l allegria con la quale furono interpretati i brani, riuscirono a suscitare in me un senso di gioia indescrivibile. Allora mi chiedo: chi meglio di me dovrebbe vincere questi due biglietti per andare a vederlo a Torino all Alfieri? Di quell anno scolastico, e anche dei precedenti il momento del concerto di Bregovich è un ricordo per me molto particolare, perché spesso ripenso ai sorrisi dei miei compagni durante quello spettacolo e alla voglia di passare del tempo insieme nell atmosfera della musica balcanica. Quel giorno ha segnato in particolar modo la mia vita, perché ormai nonostante siano passati cinque anni, continuo ad ascoltare le stesse canzoni sentite durante il concerto, e con gioia ripenso ai ricordi di quella splendida giornata dove per la prima volta ho visto questo meraviglioso artista che ormai seguo da parecchio tempo. Per tanti miei compagni quello è stato un giorno indimenticabile, e mi piacerebbe tornare all Alfieri a distanza di qualche hanno per provare di nuovo forti emozioni, e in qualche modo ripensare anche al passato.

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Luigi De Simone POESIE

Luigi De Simone POESIE Poesie Luigi De Simone POESIE Culla la mia anima' Entra nel mio cuore e diffonditi,,,, trema il mio sangue e scalpita.. al desiderio di essere sfiorato,,, baciami e culla la mia anima,,,nutrila di piacere

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La splendida storia d amore di Ferruccio e Fabiola, due coniugi brindisini, ha fatto commuovere tutta l Italia. Ieri sera, i due sono stati

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i

FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i FRAS I e CAN ZON I da scegliere per dedicare al tuo Am ore il 14 Febbraio, S AN VALEN TIN O, alla Locanda dei M assim i Chiam a ai num eri 066550684 e 0665499074 o invia una m ail a even t i@locan dadeim

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C LA NEVE SOFFICE La neve non si sa dov'è ma è bello se c'è. Soffice come un letto dove puoi fare un angioletto, se vai al sole la vedi brillare ma con gli occhiali gli occhi devi riparare. La neve si scioglie

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia!

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia! Introduzione Le rime dell anima, è il titolo di questa raccolta di poesie; tre libri in uno, un universo di emozioni autentiche, scatenate dal cuore, rime suggerite dall anima. Io... voi... e poesia...

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Anno scolastico 2015/2016 anno II DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Siamo finalmente ritornati, non ci credevate più eh!!!, Invece ci siamo. Siamo pronti per ricominciare, per raccontarvi i primi giorni

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano Manuel Loi Vedo un campo di spiche di grano tutto giallo, con un albero di pere a destra del campo, si vedeva un orizzonte molto nitido, e sotto la mezza parte del sole all'orizonte c'era una collina verde

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

IO NON RESTO ALLA FINESTRA Le note son finite, sollevo le mani dai tasti bianchi e neri e poi rimango così. Fermo. Con la schiena curvata in avanti e

IO NON RESTO ALLA FINESTRA Le note son finite, sollevo le mani dai tasti bianchi e neri e poi rimango così. Fermo. Con la schiena curvata in avanti e IO NON RESTO ALLA FINESTRA Le note son finite, sollevo le mani dai tasti bianchi e neri e poi rimango così. Fermo. Con la schiena curvata in avanti e i capelli che sfiorano la tastiera, guardo ad occhi

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

Il tempo e le stagioni

Il tempo e le stagioni Unità IV Il tempo e le stagioni Contenuti - Tempo atmosferico - Stagioni - Mesi - Giorni Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto osserva L Orsoroberto guarda fuori dalla finestra e commenta il tempo atmosferico.

Dettagli

THE POWER OF X. Un evento che farà notizia e che lascerà il segno nel cuore di una Torino che non potrà dimenticare.

THE POWER OF X. Un evento che farà notizia e che lascerà il segno nel cuore di una Torino che non potrà dimenticare. THE POWER OF THE POWER OF X Un evento che farà notizia e che lascerà il segno nel cuore di una Torino che non potrà dimenticare. 2 THE POWER OF X TORINO! Piazza San Carlo. UNA DELLE PIAZZE PIÙ IMPORTANTI

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Calogero Parlapiano. respirami l anima

Calogero Parlapiano. respirami l anima Poesia Aracne 38 Calogero Parlapiano respirami l anima Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 isbn 978

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

UN ARCOBALENO. Ho colto per te, un fiore tutto colorato sotto un arcobaleno colorato con di fronte a me un paradiso stellato. Matteo Bertoli, 1B

UN ARCOBALENO. Ho colto per te, un fiore tutto colorato sotto un arcobaleno colorato con di fronte a me un paradiso stellato. Matteo Bertoli, 1B UN ARCOBALENO Ho colto per te, un fiore tutto colorato sotto un arcobaleno colorato con di fronte a me un paradiso stellato Matteo Bertoli, 1B VELOCE Andare veloce come un fulmine o una saetta. Vincere

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY caosfera www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Angela Grazioso Una corsa in bicicletta Essenza Angela Grazioso Una corsa in bicicletta ISBN 978-88-6628-203-7 copyright 2013 Caosfera Edizioni

Dettagli

Francesca Gallus. Poesie in volo

Francesca Gallus. Poesie in volo Il sole sorge ed è già poesia e il profumo della vita io lo sento, quando l amore ti entra nelle vene, e un sorriso allevia le tue pene, il profumo della vita, io, lo sento! Francesca Gallus Prendi un

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli