Orario di lavoro. A cura di Luca Tamassia. Lanciano, 30 giugno 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Orario di lavoro. A cura di Luca Tamassia. Lanciano, 30 giugno 2005"

Transcript

1 Orario di lavoro TEMPI DI LAI NON LAVORO La nuova disciplina del d. lgs. 8 aprile 2003, n. 66, e successive modifiche ed integrazioni (D. Lgs. n. 213/2004) A cura di Luca Tamassia Lanciano, 30 giugno 2005

2 TEMPO DI LAVORO E TEMPO DI NON LAVORO Le finalità del D.Lgs. 66/2003 (art. 1) Dare attuazione alle direttive comunitarie a) n. 104 del 23 Novembre 1993 b) n. 34 del 22 Giugno 2000 Con lo scopo di armonizzare la disciplina del rapporto di lavoro connessa all organizzazione dell orario di lavoro, nel rispetto della autonomia negoziale collettiva elaborazione di Luca Tamassia 2

3 ESCLUSIONI DAL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL DECRETO (art. 2, comma 3) Le disposizioni del decreto legislativo n. 66/2003 non si applicano agli addetti al servizio di Polizia municipale e provinciale, in relazione alle attività operative specificamente istituzionali È da ritenere, quindi, che non tutti gli addetti siano esclusi, bensì solo coloro che svolgono funzioni operative di polizia elaborazione di Luca Tamassia 3

4 TEMPO DI LAVORO E TEMPO DI NON LAVORO Le definizioni (art. 1) Orario di lavoro: qualsiasi periodo in cui il lavoratore: a) sia in attività (al lavoro) b) sia a disposizione del datore di lavoro c) sia nell esercizio delle sue attività o funzioni Occorre la contemporanea presenza di tutti e tre i requisiti, quindi la mera situazione di disponibilità non è sufficiente a configurare l attività lavorativa ai sensi della definizione di orario di lavoro. elaborazione di Luca Tamassia 4

5 le altre definizioni Periodo di riposo: qualsiasi periodo che non rientra nell orario di lavoro Lavoro straordinario: lavoro prestato oltre l orario normale di lavoro come definito dall art. 3 (40 ore settimanali, per cui lo straordinario è determinato dal superamento del debito orario settimanale e non di quello giornaliero) I CCNL possono stabilire una durata inferiore Nel pubblico impiego locale l orario di lavoro settimanale è determinato in 36 ore (art. 17, comma 1, CCNL 6 luglio 1995) elaborazione di Luca Tamassia 5

6 le altre definizioni Periodo notturno: periodo di almeno sette ore consecutive comprendenti l intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino; Lavoratore notturno: Chi svolge almeno 3 ore, durante il periodo notturno, del suo tempo di lavoro giornaliero impiegato in modo normale Chi svolge, durante il periodo notturno, almeno una parte del suo orario di lavoro secondo le norme definite dai CC.CC.NN.LL. elaborazione di Luca Tamassia 6

7 le altre definizioni In assenza di disciplina collettiva è considerato lavoratore notturno chi svolge almeno 80 giorni all anno di lavoro durante il periodo notturno In caso di lavoro part-time il limite è riproporzionato elaborazione di Luca Tamassia 7

8 Per gli Enti Locali La disciplina collettiva prevede, all art. 22 del CCNL 14 settembre 2000: per turno notturno si intende il periodo lavorativo svolto tra le ore 22 e le ore 6 del mattino. I turni notturni non possono essere superiori a 10 nel mese, fatte salve esigenze particolari elaborazione di Luca Tamassia 8

9 Lavoro notturno: inidoneità e divieti art. 11 La non idoneità al lavoro notturno deve essere accertata attraverso le competenti strutture sanitarie pubbliche (anche a richiesta del lavoratore) DIVIETI: è vietato in ogni caso adibire a lavoro notturno, dalle ore 24 alle ore 6, le donne dall accertamento dello stato di gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino elaborazione di Luca Tamassia 9

10 Lavoro notturno: categorie non obbligate art. 11 Non sono obbligati a prestare lavoro notturno (quindi vi è la possibilità di prestarlo se il lavoratore intende fornirlo): a) La lavoratrice madre di un figlio di età inferiore a 3 anni o, in alternativa, il lavoratore padre convivente; b) La lavoratrice o il lavoratore che sia l unico affidatario di un figlio convivente di età inferiore a 12 anni c) La lavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge 104/92 d) Altri eventuali lavoratori i cui requisiti sono individuati dai ccnl elaborazione di Luca Tamassia 10

11 Lavoro notturno: vincoli procedurali art. 12 L introduzione del lavoro notturno, come scelta organizzativa, deve essere preceduta dalla consultazione delle rappresentanze sindacali dell ente aderenti alle organizzazioni sindacali firmatarie del CCNL. La disposizione, quindi, deve intendersi integrativa del sistema di relazioni sindacali contrattualmente previsto (art. 7, ult. Comma, CCNL 1 aprile 1999 consultazione). La consultazione va effettuata e conclusa entro un periodo di sette giorni, periodo che si ritiene decorrente dall attivazione della consultazione. elaborazione di Luca Tamassia 11

12 Lavoro notturno: dovere di informazione art. 12, comma 2 Gli enti devono informare annualmente per iscritto i servizi ispettivi delle Direzioni provinciali del lavoro della esecuzione del lavoro notturno svolto in modo continuativo o compreso in regolari turni periodici, salvo che esso sia disposto dal CCNL. L informativa è estesa alle organizzazioni sindacali elaborazione di Luca Tamassia 12

13 Durata del lavoro notturno art. 13 L orario di lavoro dei lavoratori notturni non può superare le otto ore di media nelle 24 ore, salva l introduzione, da parte dei contratti collettivi, anche aziendali, di un periodo di riferimento più ampio sul quale calcolare come media il suddetto limite elaborazione di Luca Tamassia 13

14 Valutazione dello stato di salute art. 14 La valutazione dello stato di salute del lavoratore notturno deve avvenire: A cura e spese del datore di lavoro Per il tramite delle strutture sanitarie pubbliche o del medico competente Attraverso controlli preventivi e periodici almeno ogni due anni Al fine di verificare l assenza di controindicazioni al lavoro notturno elaborazione di Luca Tamassia 14

15 le altre definizioni Lavoro a turni si ha quando: Organizzazione del lavoro anche a squadre Lavoratori occupati in successione negli stessi posti di lavoro secondo un determinato ritmo di lavoro, anche rotativo continuo o discontinuo Necessità per i lavoratori di compiere il lavoro a ore differenti su un periodo determinato di giorni o settimane ne discende che Il lavoratore a turni è colui il cui orario di lavoro è inserito nel quadro del lavoro a turni elaborazione di Luca Tamassia 15

16 nell Ente Locale Il lavoro a turni si ha quando sussistono i seguent requisiti (art. 22 del CCNL 14 settembre 2000): Effettiva rotazione del personale in prestabilite articolazioni giornaliere Distribuzione avvicendata ed equilibrata, nell arco del mese, in turni antimeridiani, pomeridiani e, se previsti, notturni Strutture con orario di servizio di almeno 10 ore giornaliere elaborazione di Luca Tamassia 16

17 ORARIO NORMALE DI LAVORO (art. 3) L orario di lavoro normale è fissato in 40 ore settimanali i contratti collettivi di lavoro possono stabilire, ai fini contrattuali, una durata minore, riferendo l orario normale alla durata media delle prestazioni lavorative in un periodo non superiore all anno elaborazione di Luca Tamassia 17

18 ORARIO NORMALE DI LAVORO (art. 3) Per il comparto delle regioni e delle autonomie locali, come, peraltro, per tutti i comparti pubblici, resta confermata la vigente quantificazione dell orario di lavoro in 36 ore settimanali (Art. 17, comma 1, CCNL 6 luglio1995) elaborazione di Luca Tamassia 18

19 La durata massima dell orario settimanale (art. 4) La durata massima settimanale dell orario di lavoro è: Determinata dai contratti collettivi di lavoro Di 48 ore medie settimanali (periodo di sette giorni), compreso il lavoro straordinario, calcolate su quattro mesi (in attesa della disciplina del ccnl) Se si superano le 48 ore (settimanali e non medie), con prestazioni straordinarie, occorre informare, in caso di unità con un numero di dipendenti superiore a 10 unità, la Direzione provinciale del lavoro (entro 30 giorni dalla scadenza del quadrimestre di riferimento art. 4, comma 5, e circolare del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali dell 11 Settembre 2003) elaborazione di Luca Tamassia 19

20 La durata massima dell orario settimanale (art. 4) I contratti collettivi di lavoro possono elevare il limite dei 4 mesi per la rilevazione della durata media dell orario di lavoro fino a sei mesi (senza alcuna motivazione specifica), ovvero fino a 12 mesi per ragioni obiettive di natura tecnica o inerenti all organizzazione del lavoro specificate negli stessi CCNL Nel calcolo della media non si computano i periodi di ferie e le assenze per malattia (art. 6, comma 1), nonché i riposi compensativi previsti in aggiunta o in alternativa alla maggiorazione economica nel caso di lavoro straordinario elaborazione di Luca Tamassia 20

21 LAVORO STRAORDINARIO (art. 5) Il ricorso al lavoro straordinario deve essere contenuto (!) I CCNL regolamentano le modalità di esecuzione delle prestazioni di lavoro straordinario In assenza di disciplina collettiva applicabile, è ammesso lavoro straordinario solo previo accordo con il lavoratore per un massimo di 250 ore annuali Il lavoro straordinario deve essere retribuito con apposite maggiorazioni retributive. I contratti collettivi possono prevedere che, in alternativa o in aggiunta alle maggiorazioni, i lavoratori usufruiscano dei riposi compensativi elaborazione di Luca Tamassia 21

22 LAVORO STRAORDINARIO (art. 5) l ricorso al lavoro straordinario è ammesso, inoltre, salva diversa disposizione dei CCNL, nei casi di (la previsione è integrativa delle vigenti disposizioni contrattuali): a) Eccezionali esigenze tecnico-produttive ed impossibilità di assunzione di lavoratori b) Casi di forza maggiore c) Casi di pericolo grave ed immediato o di danno alle persone o alla produzione d) Eventi particolari (mostre, fiere, manifestazioni, etc.) elaborazione di Luca Tamassia 22

23 LAVORO STRAORDINARIO per gli Enti Locali Resta confermata, per gli enti locali, la disciplina di cui all art. 14 del ccnl 1 aprile 1999 ed all art. 38 del ccnl 14 settembre 2000: a) 180 ore individuali annue b) Per esigenze eccezionali, in relazione all attività di assistenza agli organi istituzionali, per un numero max del 2% dell organico, il limite può essere elevato in sede di contrattazione integrativa c) Per le prestazioni straordinarie occorre l autorizzazione espressa del dirigente, sulla base delle esigenze organizzative e di servizio individuate dall ente elaborazione di Luca Tamassia 23

24 LAVORO STRAORDINARIO per gli Enti Locali d) Solo in assenza di disciplina collettiva applicabile si osserva il dettato dell art. 5, comma 3: lavoro straordinario solo previo accordo tra il datore di lavoro e il lavoratore. In effetti la vigente disciplina contrattuale prevede una autorizzazione del dirigente non negoziale e) Banca delle ore, ove confluiscono le prestazioni di lavoro straordinario nel limite stabilito dal contratto integrativo (art. 38-bis del CCNL 14/09/2000) f) Il limite stabilito dall art. 14 del CCNL 1/4/99 (180 ore) può essere superato in caso di consultazioni elettorali e referendarie, per eventi straordinari e per calamità naturali elaborazione di Luca Tamassia 24

25 LAVORO STRAORDINARIO per gli Enti Locali I casi indicati nel comma 4 dell art. 5 integrano la disciplina contrattuale, pertanto, oltre a fronteggiare situazioni di lavoro eccezionali (art. 38 del ccnl 14 settembre 2000), il ricorso al lavoro straordinario è ammesso per: eccezionali esigenze tecnico produttive, casi di forza maggiore, pericolo grave ed immediato, eventi particolari come mostre, fiere e altre manifestazioni istituzionali. Gli oneri a titolo di straordinario devono essere contenuti, comunque, entro il plafond di cui all art. 14 del ccnl elaborazione di Luca Tamassia 25

26 Riposo giornaliero e pause Riposo giornaliero (art. 7) Il lavoratore ha diritto ad undici ore di riposo consecutive ogni 24 ore (fatte salve le attività caratterizzate da periodi di lavoro frazionati durante la giornata) elaborazione di Luca Tamassia 26

27 Riposo giornaliero e pause Pause (art. 8) Obbligo di un intervallo per pausa qualora l orario di lavoro giornaliero ecceda le sei ore (modalità e durata sono stabilite dai contratti collettivi) al fine di: - recuperare le energie psico-fisiche - consumare il pasto - attenuare il lavoro monotono e ripetitivo elaborazione di Luca Tamassia 27

28 Riposo giornaliero e pause Pause (art. 8) In assenza di disciplina collettiva che preveda un intervallo a qualsiasi titolo, al lavoratore deve essere concessa una pausa (non retribuita), anche sul posto di lavoro, di durata non inferiore a dieci minuti Resta ferma la disciplina dell art. 45 del CCNL sulla pausa minima di 30 minuti per fruire del buono-pasto (assorbente i 10 minuti) IL DIRITTO AL GODIMENTO DEL RIPOSO E DELLA PAUSA E DA RITENERSI INDISPONIBILE elaborazione di Luca Tamassia 28

29 Riposo settimanale: Art. 9 Riposi settimanali Il lavoratore ha diritto ad almeno 24 ore di riposo consecutivo ogni sette giorni (di regola la domenica) Il riposo settimanale di 24 ore si cumula con il riposo giornaliero di 11 ore, ne consegue il diritto ad un riposo complessivo continuativo (tra riposo settimanale e riposo giornaliero) di almeno 35 ore elaborazione di Luca Tamassia 29

30 Riposo settimanale: Art. 9 Riposi settimanali Il riposo settimanale può essere determinato in misura inferiore alle 24 ore consecutive per: Il personale interessato dal lavoro a turni limitatamente ai casi di modifica della turnazione per cambio di squadra Le attività caratterizzate da periodi di lavoro frazionati durante la giornata Le previsioni derogatorie stabilite dai contratti collettivi Nel lavoro a turni non è possibile, pertanto, fruire della giornata di riposo (24 ore) dopo il settimo giorno, in quanto il diritto verrebbe esercitato oltre il periodo settimanale di computo elaborazione di Luca Tamassia 30

31 Orario massimo lavorativo giornaliero Il decreto legislativo n. 66/2003 non offre una disciplina specifica dell orario massimo giornaliero, ma dall affermazione del diritto ad 11 ore consecutive di riposo giornaliero si può ricavare il criterio induttivo delle 13 ore teoriche massime di lavoro ogni 24 ore (detratte le pause) (art. 9, comma 1) mentre la previsione dell art. 38, comma 6, del ccnl recita: La prestazione individuale di lavoro a qualunque titolo resa non può, in ogni caso, superare, di norma, un arco massimo giornaliero di 10 ore elaborazione di Luca Tamassia 31

32 PROBLEMATICHE APERTE Orario di lavoro degli Autisti di rappresentanza Orario di lavoro degli Operatori di Polizia Municipale/Locale Generalmente non vengono garantiti i seguenti diritti: Pausa di 10 minuti ogni sei ore di lavoro Riposo di 11 ore consecutive ogni 24 ore Media settimanale di 48 ore di lavoro nei 4 mesi elaborazione di Luca Tamassia 32

33 Ferie (art. 10) Il lavoratore ha diritto ad almeno 4 settimane di ferie annuali retribuite quale periodo legale minimo di riconoscimento (i contratti collettivi possono stabilire condizioni di miglior favore: cfr. art. 18 del CCNL 6 luglio 1995) Il periodo di ferie, fatto salvo quanto previsto dalla contrattazione collettiva, deve essere goduto per almeno due settimane - che, nel caso di richiesta del lavoratore, devono essere consecutive - nel corso dell anno di maturazione e, per le residue due settimane, nei diciotto mesi successivi alla conclusione dell anno di maturazione elaborazione di Luca Tamassia 33

34 Ferie (art. 10) Il periodo minimo di quattro settimane non può essere sostituito dalla relativa indennità per ferie non godute, salvo il caso di risoluzione del rapporto Gli ulteriori periodi di ferie eventualmente previsti, quali condizioni migliorative, dai contratti collettivi sono da ritenersi monetizzabili Permane, a maggior ragione, il divieto di cumulo delle ferie annuali per ottenere il pagamento sostitutivo a conclusione del rapporto elaborazione di Luca Tamassia 34

35 e nel CCNL EE.LL. art. 18 del CCNL 6/7/95 Il lavoratore ha diritto a 32 giorni di ferie annuali e 30 per i neo assunti (in caso di settimana corta i giorni di ferie spettanti sono rispettivamente 28 e 26 - commi 2, 3 e 5) Sono assicurate, al dipendente che ne abbia fatto richiesta, almeno 2 settimane consecutive nel periodo giugno/settembre (comma 10) In caso di indifferibili esigenze di servizio che non abbiano reso possibile il godimento delle ferie nell anno, le stesse dovranno essere fruite entro il primo semestre dell anno successivo (comma 12) elaborazione di Luca Tamassia 35

36 e nel CCNL EE.LL. art. 18 del CCNL 6/7/95 In caso di motivate esigenze personali e compatibilmente con le esigenze di servizio, il dipendente dovrà fruire delle ferie residue al 31 dicembre entro il mese di aprile dell anno successivo a quello di spettanza (comma 13) Le ferie non sono monetizzabili, salvo il caso di cessazione del rapporto di lavoro qualora le ferie spettanti non siano state fruite per esigenze di servizio (comma 16) elaborazione di Luca Tamassia 36

37 DEROGHE art. 17, comma 5 La disciplina sull orario, sulle pause, sui riposi e sul lavoro notturno non si applica ai dirigenti, al personale direttivo e ad altri soggetti aventi potere di decisione autonomo Si può ritenere che la deroga investa anche i titolari di posizione organizzativa (soprattutto negli enti privi di dirigenza) elaborazione di Luca Tamassia 37

38 ALTRE DEROGHE art. 17 Le disposizioni sul riposo giornaliero, sulle pause, sulla organizzazione del lavoro notturno e sulla durata del lavoro notturno possono essere derogate dai contratti collettivi nazionali o, secondo le regole fissate in tale livello, dai contratti integrativi aziendali Le deroghe sono consentite solo a condizione che ai lavoratori siano accordati periodi equivalenti di riposo compensativo o, in casi eccezionali, sia accordata una PROTEZIONE APPROPRIATA Di salute e sicurezza (!) Economica (?) elaborazione di Luca Tamassia 38

39 DIRITTI INDISPONIBILI d. lgs. n. 66 Le prescrizioni poste dal d. lgs. 66/2003 devono intendersi rivolte alla tutela psico-fisica dei lavoratori, quindi i relativi obblighi sono posti a carico dei datori di lavoro con le deroghe di legge I conseguenti diritti sono riconducibili alla categoria giuridica dei diritti indisponibili, sottratti, quindi, alla disponibilità delle parti. Eventuali rinunce e transazioni, anche scritte, dei lavoratori interessati sono sanzionate da nullità insanabile con possibilità di risarcimento dei danni causati a carico dei datori di lavoro (dirigenti) elaborazione di Luca Tamassia 39

40 Il ruolo della contrattazione collettiva Il d. lgs. 66 non distingue tra contratti collettivi nazionali ed integrativi di lavoro, ancorché ove intende individuare il secondo livello di contrattazione opera espresso riferimento al contratto aziendale (cfr. art. 13, comma 1). E da ritenersi, pertanto, che, ove tale richiamo non sia riportato, il riferimento sia da intendersi operato al contratto collettivo nazionale di lavoro elaborazione di Luca Tamassia 40

41 DECRETI DI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 8 APRILE 2003 n. 66 Norma di riferimento Art. 2, comma 2 (campo di applicazione) Decreto del Ministro competente, di concerto con i Ministri del lavoro e delle politiche sociali, della salute, dell economia e delle finanze e per la funzione pubblica, da adottare entro 120 gg dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Contenuto del decreto Individuazione di particolari esigenze inerenti al servizio espletato o di ragioni connesse ai servizi di ordine e sicurezza pubblica, di difesa e protezione civile, nonché degli altri servizi espletati dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco, in base alle quali le norme contenute nel decreto legislativo non trovano applicazione nei riguardi delle forze armate e di polizia, dei servizi di protezione civile, ivi compres quelli del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, nonché nell ambito delle strutture giudiziarie, penitenziarie e di quelle destinate per finalità istituzionali alle attività degli organi con compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica, delle biblioteche, dei musei e delle aree archeologiche dello Stato. elaborazione di Luca Tamassia 41

42 DECRETI DI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 8 APRILE 2003 n. 66 Norma di riferimento Art. 9, comma 5 (riposi settimanali) Per i pubblici dipendenti Decreto del Ministro per la funzione pubblica, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, adottato sentite le organizzazioni sindacali nazionali di categoria comparativamente più rappresentative, nonché le organizzazioni nazionali dei datori di lavoro. Contenuto del decreto Individuazione delle attività aventi le caratteristiche di cui al comma 3, che non siano già ricomprese nel decreto ministeriale 22 giugno 1935, e successive modifiche, nonché quelle di cui al comma 2, lettera d), salve le eccezioni di cui alle lettere a), b) e c), per le quali è consentito il riposo di 24 ore consecutive in un giorno diverso dalla domenica e attuato mediante turni particolari. Con le stesse modalità il Ministro del lavoro e delle politiche sociali ovvero per i pubblici dipendenti il Ministro per la funzione pubblica di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, provvede all aggiornamento e alla integrazione delle predette attività elaborazione di Luca Tamassia 42

43 DECRETI DI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 8 APRILE 2003 n. 66 Norma di riferimento Art. 13, comma 3 (durata del lavoro notturno) Per i pubblici dipendenti Decreto del Ministro per la funzione pubblica, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, previa consultazione delle organizzazioni sindacali nazionali di categoria comparativamente più rappresentative e delle organizzazioni nazionali dei datori di lavoro. Contenuto del decreto Contenuto del decreto Individuazione attraverso un elenco, delle lavorazioni che comportano rischi particolari o rilevanti tensioni fisiche o mentali, il cui limite è di otto ore nel corso di ogni periodo di 24 ore elaborazione di Luca Tamassia 43

44 DECRETI DI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 8 APRILE 2003 n. 66 Norma di riferimento Art. 16, comma 2 (deroghe alla disciplina della durata settimanale dell orario) Per i pubblici dipendenti Decreto del Ministro per la funzione pubblica, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, da adottare sentite le organizzazioni sindacali nazionali maggiormente rappresentative, nonché le organizzazioni nazionali dei datori di lavoro Contenuto del decreto Contenuto del decreto Aggiornamento e armonizzazione con i princìpi contenuti nel decreto legislativo 66/2003 delle attività e delle prestazioni indicate alle lettere da a) ad n) del comma 1 del medesimo articolo 16 ed escluse dall ambito della disciplina della durata settimanale dell orario prevista dall art. 3 elaborazione di Luca Tamassia 44

45 DECRETI DI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 8 APRILE 2003 n. 66 Norma di riferimento Art. 17, comma 2 (deroghe alla disciplina in materia di riposo giornaliero, pause, lavoro notturno, durata massima settimanale) Per i pubblici dipendenti e in mancanza di disciplina collettiva Decreto del Ministro per la funzione pubblica, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, su richiesta delle organizzazioni sindacali nazionali di categoria comparativamente più rappresentative o delle associazioni nazionali di categoria dei datori di lavoro firmatarie dei CCNL. Contenuto del decreto Contenuto del decreto Individuazioni delle deroghe agli articoli 4, terzo comma, nel limite di sei mesi, 7, 8, 12 e 13 con riferimento a particolari settori indicati dal medesimo art. 17, comma 2. elaborazione di Luca Tamassia 45

46 elaborazione di Luca Tamassia 46

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Adottato con atto deliberativo di Giunta Comunale n 83 del 02.08.2002 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell art. 89, comma 6,

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 26 novembre 1999, n. 532 Disposizioni in materia di lavoro notturno, a norma dell'articolo 17, comma 2, della legge 5 febbraio 1999, n. 25. (G.U. 21 gennaio 2000, n. 16). IL PRESIDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA ART.1 OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell

Dettagli

Dott.ssa Margareth Stefanelli

Dott.ssa Margareth Stefanelli IL RAPPORTO DI LAVOR0 NORME CHE TUTELANO IL DIRITTO DEL LAVORO Leggi del lavoro Norme Costituzionali Codice Civile Leggi Speciali Direttive Comunitarie Tutela della maternità Lavoro minorile Integrità

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO Approvato

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro

Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro C O M U N E D II P A D U L II P rr o v ii n c ii a d ii B e n e v e n tt o Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro allegato alla deliberazione di

Dettagli

Manuale di autodifesa contro la flessibilità che ti stravolge la vita,per lavoratori della sanità e enti locali

Manuale di autodifesa contro la flessibilità che ti stravolge la vita,per lavoratori della sanità e enti locali Comparto pubblico impiego Sede Nazionale: via Laurentina, 185 00142 - Roma / tel 06 59640004 - fax 06 54070448 info@sdlintercategoriale.it - www.sdlintercategoriale.it Sede di riferimento del comparto

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI

I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI SLAI Cobas per il Sindacato di Classe Federazione Autisti Operai i C.C.N.L. AUTOTRASPORTI e LOGISTICA per le COOPERATIVE I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI 2004--2007-2006--2010-2011

Dettagli

Il lavoro straordinario

Il lavoro straordinario Il lavoro straordinario Il titolo XVI (artt. 77-78) del Ccnl degli studi professionali regolamenta il lavoro straordinario. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. c del d.lgs. n. 66/2003, il lavoro straordinario

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE

COMUNE DI GROTTAMMARE COMUNE DI GROTTAMMARE 63013 PROVINCIA DI ASCOLI PICENO P.IVA 00403440449 * Tel. 0735-7391 * Fax 0735-735077 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 8 APRILE 2003, N.

DECRETO LEGISLATIVO 8 APRILE 2003, N. DECRETO LEGISLATIVO 8 APRILE 2003, N. 66 - ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 93/104/CE E 2000/34/CE CONCERNENTI TALUNI ASPETTI DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'ORARIO DI LAVORO. (S.O. ALLA G.U. N.87 DEL 14 APRILE 2003)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO Approvato con delibera di Giunta Comunale n.69 del 29.04.16 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO ART. 1 DEFINIZIONI Il presente

Dettagli

Parere n. 26/2010 - Trattamento economico del personale nella giornata festiva

Parere n. 26/2010 - Trattamento economico del personale nella giornata festiva Parere n. 26/2010 - Trattamento economico del personale nella giornata festiva Il Comune (omissis) rivolge quesito per sapere quale sia il trattamento economico spettante al dipendente comunale che occasionalmente

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GESTIONE DEL PERSONALE Orario di lavoro Disciplina legale R.D.L. 15 marzo 1923, n. 692 L. 17 aprile 1925, n. 473 L. 30 ottobre 1955, n. 1079 L. 24 giugno 1992, n. 196 (art.13)

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

L orario di lavoro, i riposi giornalieri e settimanali

L orario di lavoro, i riposi giornalieri e settimanali N.298 del 14.07.2011 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti L orario di lavoro, i riposi giornalieri e settimanali Il corpo principale della disciplina dell orario di lavoro è rappresentata dal D.Lgs.

Dettagli

IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO.

IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO. . Prot. n 2110/22 Circolare N 11/AGOSTO 2015 AGOSTO 2015 A tutti i colleghi (*) IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO. È stato pubblicato sulla

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 16 del 21 gennaio 2000

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 16 del 21 gennaio 2000 Decreto Legislativo 26 novembre 1999, n. 532 "Disposizioni in materia di lavoro notturno, a norma dell'articolo 17, comma 2, della legge 5 febbraio 1999, n. 25" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 16

Dettagli

CONGEDO PARENTALE 2015

CONGEDO PARENTALE 2015 CONGEDO PARENTALE 2015 Si riportano di seguito le modifiche, tardive e parziali, apportate a tale istituto dal Jobs act con validità limitata al periodo dal 25 giugno al 31 dicembre 2015 Art. 32 decreto

Dettagli

MARANELLO PATRIMONIO SRL

MARANELLO PATRIMONIO SRL MARANELLO PATRIMONIO SRL REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO approvato con determina dell Amministratore Unico nr. 15 del 13/12/2012 e modificato con determina dell Amministratore Unico nr.4 del 10/02/2014

Dettagli

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità Modifica delle norme di tutela della maternità È stato pubblicato sulla G.U. n. 144 del 26 giugno 2015 Supplemento ordinario n. 34, il Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 80 "Misure per la conciliazione

Dettagli

Orario di lavoro le novità introdotte dall articolo 41 del decreto legge 112/2008.

Orario di lavoro le novità introdotte dall articolo 41 del decreto legge 112/2008. Orario di lavoro le novità introdotte dall articolo 41 del decreto legge 112/2008. Il decreto legge 25.6.2008 n.112 convertito in legge n.33 del 2008 introduce una serie di modifiche alla normativa in

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Raccolta Regolamenti ARPAV n. 28 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Approvato con deliberazione del Decreto

Dettagli

DISCIPLINA COMUNITARIA

DISCIPLINA COMUNITARIA DISCIPLINA COMUNITARIA La direttiva 2003/88/Ce del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4.11.2003, disciplina a livello comunitario l organizzazione dell orario di lavoro. Ai sensi dell art. 1, la dir.

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo REGOLE DI CARATTERE GENERALE PER LA RILEVAZIONE INFORMATIZZATA DELLE PRESENZE Al fine della corretta gestione della rilevazione informatizzata delle presenze e in applicazione del C.C.N.L. 9.8.2000, sono

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali.

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. Pubblichiamo una serie di pareri resi recentemente dall ARAN che interpreta numerose questioni legate all applicazione del CCNL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34;

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34; Accordo Sindacale Regolamento Lavoro Straordinario: durata minima lavoro straordinario e limite individuale ore/anno liquidabili nonché norme di utilizzo flessibilità modificative dell attuale regolamento

Dettagli

L organizzazione dell orario di lavoro ha sapore d Europa di Luciano Rimoldi Consulente del lavoro

L organizzazione dell orario di lavoro ha sapore d Europa di Luciano Rimoldi Consulente del lavoro L organizzazione dell orario di lavoro ha sapore d Europa di Luciano Rimoldi Consulente del lavoro RIF. NORMATIVI Il decreto legislativo n. 66/2003, di recepimento della direttiva europea n. 93/104 in

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. (CCNL AF c/o MIT Orario 19.10.11) 2.1 Definizioni: c) agli stessi fini..

ORARIO DI LAVORO. (CCNL AF c/o MIT Orario 19.10.11) 2.1 Definizioni: c) agli stessi fini.. (CCNL AF c/o MIT Orario 19.10.11) ORARIO DI LAVORO 1.7 Per orario spezzato di cui alle lettere c) e d) del precedente punto 1.6, si intende il periodo di lavoro giornaliero nel corso del quale è previsto

Dettagli

> All Agenzia del lavoro

> All Agenzia del lavoro Prot. n.p. 25955 Cagliari, 24 GIUGNO 2005 > Alla Presidenza della Regione - Ufficio di Gabinetto - Direzioni Generali - Ufficio Ispettivo > Agli Assessorati regionali - Uffici di Gabinetto - Direzioni

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1,

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183, RECANTE DELEGHE AL GOVERNO IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DEI SERVIZI

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO

FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO MAGGIORAZIONI Maggiorazione notturna comunicazione a ore - + 20 % tariffa oraria EVENTO spetta al dipendente che

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015

CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015 CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

COMUNE DI TRENTINARA

COMUNE DI TRENTINARA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.142 del 9 dicembre 2013 Art. 1 - Finalità e ambito di intervento Il presente Regolamento,

Dettagli

Circolare N.116 del 07 Settembre 2011. Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità

Circolare N.116 del 07 Settembre 2011. Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità Circolare N.116 del 07 Settembre 2011 Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno

Dettagli

Decreto Legislativo 8 aprile 2003, n. 66

Decreto Legislativo 8 aprile 2003, n. 66 Decreto Legislativo 8 aprile 2003, n. 66 "Attuazione delle direttive 93/104/CE e 2000/34/CE concernenti taluni aspetti dell'organizzazione dell'orario di lavoro" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010)

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) 1 INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Articolazione dell orario di lavoro Art.

Dettagli

CITTA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE. Approvato con deliberazione G.C. del 22 dicembre 2015 n.

CITTA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE. Approvato con deliberazione G.C. del 22 dicembre 2015 n. CITTA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione G.C. del 22 dicembre 2015 n. 235 1 INDICE Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione pag.

Dettagli

Comune di Albissola Marina Provincia di Savona

Comune di Albissola Marina Provincia di Savona Comune di Albissola Marina Provincia di Savona Regolamento dell orario di lavoro, dell orario di servizio e di apertura al pubblico degli uffici comunali Approvato con deliberazione della G.C. n. 112 del

Dettagli

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 96 del 30.12.2014 In vigore dal 01.01.2015 ART. 1 ORARIO DI LAVORO 1. Per orario di

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro.

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro. COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) Via Sarno, 80040 Striano Tel. 081.8276202 Fax 081. 8276103 P.I. 01254261215 - C.F. 01226000634 segreteria@comune.striano.na.it www.comune.striano.na.it REGOLAMENTO

Dettagli

RAPPRESENTANZE SINDACALI DI BASE Federazione di Pubblico Impiego

RAPPRESENTANZE SINDACALI DI BASE Federazione di Pubblico Impiego RAPPRESENTANZE SINDACALI DI BASE Federazione di Pubblico Impiego 06/762821 - fax 06/7628233 E-mail: pubblicoimpiego@rdbcub.it - Sito internet www.rdbcub.it Roma, 11 febbraio 2003 SI PUBBLICA IL DECRETO

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Regolamento per la gestione dell orario di lavoro e di servizio, del lavoro straordinario, delle ferie, dei permessi, dei ritardi e delle assenze dei dipendenti.

Dettagli

Genitori adottivi o affidatari

Genitori adottivi o affidatari Genitori adottivi o affidatari Congedo di maternità Il congedo di maternità spetta, per un periodo massimo di cinque mesi, anche alle lavoratrici che abbiano adottato un minore. In caso di adozione nazionale,

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI FRUIZIONE DELLE FERIE E DEI PERMESSI EX FESTIVITA

REGOLE IN MATERIA DI FRUIZIONE DELLE FERIE E DEI PERMESSI EX FESTIVITA REGOLE IN MATERIA DI FRUIZIONE DELLE FERIE E DEI PERMESSI EX FESTIVITA Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banca Prossima Banche della

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO LAVORO NOTTURNO ED ETÀ ANAGRAFICA QUESITO (posto in data 26 luglio 2012) Sono un dirigente medico in servizio presso un Azienda Ospedaliera. Desidero essere informata se dopo il compimento del

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITA ISPETTIVA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITA ISPETTIVA CIRCOLARE N. 8/2005 Ministero del Lavoro e delle DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITA ISPETTIVA DIREZIONE GENERALE DELLA TUTELA DELLE CONDIZIONI DI LAVORO Prot. n. 210 Oggetto: Disciplina di alcuni aspetti

Dettagli

N o v e m b r e 2 0 0 7. Gli infermieri e l orario di lavoro. Riferimenti normativi. d e

N o v e m b r e 2 0 0 7. Gli infermieri e l orario di lavoro. Riferimenti normativi. d e 20 N o v e m b r e 2 0 0 7 Gli infermieri e l orario di lavoro Riferimenti normativi I Q U A D E R N I d e F E D E R A Z I O N E N A Z I O N A L E C O L L E G I I P A S V I 20 N o v e m b r e 2 0 0 7 Supplemento

Dettagli

Procedure del personale

Procedure del personale Liquidazione delle ferie non godute Giovanni Donzella Analista funzionale software paghe WKI In quanti mesi è fissato il limite temporale massimo per usufruire delle ferie annuali? In quali casi è possibile

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO del personale dirigente adottato con deliberazione n. 78 del 09.05.2011 Art. 1. ORARIO DI LAVORO 1. Per Orario di Lavoro è da intendersi qualsiasi periodo in cui il Dirigente

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L.

Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L. Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L. In relazione alle convergenti valutazioni espresse in occasione del rinnovo del c.c.n.l., Vi confermiamo che, per la vigenza del contratto

Dettagli

DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, RITARDI, PAUSE E MANCATE TIMBRATURE DA PARTE DEL PERSONALE DIPENDENTE. IL SINDACO (Walter Marongiu)

DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, RITARDI, PAUSE E MANCATE TIMBRATURE DA PARTE DEL PERSONALE DIPENDENTE. IL SINDACO (Walter Marongiu) Allegato atto GC n.39 del 7/5/2015 COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, RITARDI, PAUSE E MANCATE TIMBRATURE DA PARTE DEL PERSONALE DIPENDENTE. IL SINDACO

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

ORARIO DI LAVORO Pag. 1 di 36. Edizione n. 02 ORARIO DI LAVORO. Redatta Verificata Approvata Distribuita In vigore da

ORARIO DI LAVORO Pag. 1 di 36. Edizione n. 02 ORARIO DI LAVORO. Redatta Verificata Approvata Distribuita In vigore da ORARIO DI LAVORO Pag. 1 di 36 Edizione n. 02 ORARIO DI LAVORO Redatta Verificata Approvata Distribuita In vigore da HRO/RI/NS HRO/RI HRO HRO/ RI Novembre 2007 ORARIO DI LAVORO Pag. 2 di 36 INDICE ELENCO

Dettagli

CIRCOLARE N. 62/2000 OGGETTO: LAVORO DISCIPLINA DEL LAVORO NOTTURNO - D.LGVO 26/11/1999, N. 532, SU G.U. N. 16 DEL 21/1/2000 - CIRCOLARE MIN.

CIRCOLARE N. 62/2000 OGGETTO: LAVORO DISCIPLINA DEL LAVORO NOTTURNO - D.LGVO 26/11/1999, N. 532, SU G.U. N. 16 DEL 21/1/2000 - CIRCOLARE MIN. Roma, 21 aprile 2000 CIRCOLARE N. 62/2000 OGGETTO: LAVORO DISCIPLINA DEL LAVORO NOTTURNO - D.LGVO 26/11/1999, N. 532, SU G.U. N. 16 DEL 21/1/2000 - CIRCOLARE MIN. LAVORO N. 13 DEL 14/3/2000. Con il decreto

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO Art. 1 Fonti e campo di applicazione Il presente regolamento si applica al personale

Dettagli

Orario di lavoro tra disciplina comunitaria, nazionaleecontrattazionecollettiva... 6. Ferie: disciplina e rapporto con altri istituti...

Orario di lavoro tra disciplina comunitaria, nazionaleecontrattazionecollettiva... 6. Ferie: disciplina e rapporto con altri istituti... INDICE GENERALE Orario di lavoro tra disciplina comunitaria, nazionaleecontrattazionecollettiva... 6 Disciplina comunitaria; Finalità del Dlgs n. 66/2003; Definizioni; Orario di lavoro; Campo di applicazione

Dettagli

C O M U N E D I L U V I N A T E

C O M U N E D I L U V I N A T E C O M U N E D I L U V I N A T E P R O V I N C I A D I V A R E S E REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Definizioni:

Dettagli

ACCORDO REGIONALE QUADRO SULL ORARIO DI LAVORO DELLE DIREZIONI PROVINCIALI

ACCORDO REGIONALE QUADRO SULL ORARIO DI LAVORO DELLE DIREZIONI PROVINCIALI Direzione Regionale del Veneto ACCORDO REGIONALE QUADRO SULL ORARIO DI LAVORO DELLE DIREZIONI PROVINCIALI I Rappresentanti della Direzione Regionale del Veneto e delle Organizzazioni Sindacali regionali,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMI 1 e 2, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2010, N. 183, IN TEMA DI ACCESSO ANTICIPATO AL PENSIONAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE LAVORAZIONI PARTICOLARMENTE

Dettagli

100 PERMESSI RETRIBUITI

100 PERMESSI RETRIBUITI 100 PERMESSI RETRIBUITI. I permessi retribuiti spettano al dipendente, in presenza dei presupposti richiesti dal contratto o da altre disposizioni di legge, senza decurtazione della retribuzione e della

Dettagli

ACCORDO RELATIVO ALL'APPLICAZIONE DEI TURNI E 35 ORE

ACCORDO RELATIVO ALL'APPLICAZIONE DEI TURNI E 35 ORE ACCORDO RELATIVO ALL'APPLICAZIONE DEI TURNI E 35 ORE La delegazione di parte pubblica composta da: Direttore Generale Cesare VACIAGO Direttore Servizio Centrale Risorse Umane Fausto SORBA Dirigente Servizio

Dettagli

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora Ferie: il vademecum che riepiloga le complesse regole Tutto sull irrinunciabilità, l indennità sostitutiva, il differimento per ferie collettive e i contributi sulle ferie non godute. VADEMECUM FERIE di

Dettagli

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923 Lo straordinario Questa materia e' regolata da leggi e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria (contratti Federmeccanica e Confapi).

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

Attuazione delle direttive 93/104/CE e 2000/34/CE concernenti taluni aspetti dell'organizzazione dell'orario di lavoro.

Attuazione delle direttive 93/104/CE e 2000/34/CE concernenti taluni aspetti dell'organizzazione dell'orario di lavoro. DECRETO LEGISLATIVO 8 aprile 2003, n. 66 Attuazione delle direttive 93/104/CE e 2000/34/CE concernenti taluni aspetti dell'organizzazione dell'orario di lavoro. Vigente al: 17-11-2011 CAPO I Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO Art.1 Principi generali Art.2 Definizione, affidamento, gestione e fruizione del servizio di mensa Art.3 Diritto al servizio

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DELLE ASSENZE E DEI PERMESSI DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con decreto del Direttore Generale n. 21 del 18 febbraio 2013 e successivamente modificato

Dettagli

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica LEGGI e CIRCOLARI D.lgs. 151/2001 http://www.slp-cisl.it/elementi/testo%20unico%20maternità%20e%20paternità.pdf

Dettagli

Anno XXXII n. 13 Chieti 22.5.2003-1 - ASSOCIAZIONE PROVINCIALE ALBERGATORI. in questo numero:

Anno XXXII n. 13 Chieti 22.5.2003-1 - ASSOCIAZIONE PROVINCIALE ALBERGATORI. in questo numero: Anno XXXII n. 13 Chieti 22.5.2003-1 - ASSOCIAZIONE PROVINCIALE ALBERGATORI in questo numero: ORARIO DI LAVORO LAVORO NOTTURNO PREVENZIONE INCENDI - aggiornamento DIVIETO DI FUMO SCONTI SIAE LOCAZIONI IMMOBILI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Allegato alla deliberazione di G.C. n. 23 del 16.02.2013 Art. 1 - Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 40 del 20/03/2014. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente

Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente Approvato con delibera Giunta Comunale n. 97 del 27/08/2013 1 Articolo 1 OGGETTO DEL

Dettagli