8 settembre e patatrach

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "8 settembre 1943. e patatrach"

Transcript

1 8 settembre 1943 e patatrach in quei giorni, prima settimana di settembre, viene l a... l armistizio, una pagina vergognosa. L Italia che alla chetichella e alle spalle dell alleato firma l Armistizio di Cassibile. (Anonimo ) Alle 19,45 dell 8 settembre, la radio trasmise la voce di Pietro Badoglio che annunciava l accoglimento dell armistizio richiesto dal governo italiano alle forze alleate anglo-americane nell intento di risparmiare ulteriori e più gravi sciagure alla nazione. Qualche ora dopo il maresciallo era già pronto alla fuga. Tutto era già stato predisposto fin dai primi di agosto e due cacciatorpediniere si tenevano pronte, nel porto di Civitavecchia, per trasportare la corte ed il governo in Sardegna. Quella notte però tutto andò storto e i tedeschi invece di ritirarsi pacificamente verso il nord Italia, come ingenuamente si era sperato, cominciarono ad attaccare. I tedeschi erano già a conoscenza dell armistizio sin dal primo pomeriggio dell 8 settembre. La notizia era stata captata attraverso un intercettazione telefonica e venne confermata ufficialmente all ambasciatore tedesco Rudolph Rhan dal ministro degli esteri Raffaele Guariglia, attorno alle 17. Alle 16 e 30, comunque, era già stata resa pubblica da Radio New York e più o meno alla stessa ora, i due marescialli che si dividevano il comando delle armate tedesche in Italia, Albert Kesserling ed Erwin Rommel, avevano ricevuto l ordine di dare attuazione al piano d invasione della penisola italiana. Il piano Alarico, già pronto da mesi in previsione di un eventuale tradimento. Il piano si articolava in quattro operazioni distinte: Schwarz per il controllo delle posizioni militari italiane e la smilitarizzazione dell esercito; Achse per impadronirsi della flotta italiana, Student per l occupazione di Roma, l arresto del re e la restaurazione del governo fascista; Eiche per la liberazione di Mussolini. Kesserling, che comandava le forze tedesche dislocate nell Italia centrale e meridionale, sapeva fin dal giorno 6 che gli anglo-americani stavano preparando uno sbarco fra Napoli e Salerno e ne temeva altri in altre località. Aveva paura di essere preso in trappola e prima di incominciare un ripiegamento verso il nord, per attestarsi sulla linea degli Appennini che precedono la pianura padana (come era nei piani di Rommel e dello stesso Hitler), decise di compiere alcune operazioni per saggiare il terreno. Ordinò di occupare Civitavecchia e tutta la costa tirrenica sino a Formia e bloccare così la fuga al sovrano, di cui era già da tempo al corrente. Contemporaneamente manovrò le proprie divisioni per liberarsi le spalle e per accerchiare la capitale. L iniziativa di Kesserling sconvolse i piani di Badoglio e della corte che si videro perduti. Questa era la situazione che si presentava attorno all una di notte del 9 settembre Non si sa nulla di certo su quanto avvenne nelle ore che

2 seguirono, sino alle 4 e 30 circa, ora della partenza del sovrano. Un ipotesi, che seppure avvalorata da una gran numero di indizi, resta pur sempre tale, è quella dell accordo segreto con il maresciallo Kesserling. Accordo che avrebbe garantito al sovrano, a Badoglio e ai maggiori capi militari italiani la fuga verso il sud, in cambio della piena libertà di manovra per consolidare le posizioni delle divisioni tedesche nell Italia centro-meridionale. La fuga veniva permessa, anzi agevolata, purché non fossero impartiti ordini di attacco contro le forze germaniche. Cosa che puntualmente avvenne e che in seguito si cercò di imputare ad una dimenticanza dovuta alla confusione del momento. Probabilmente nell accordo si trattò anche della persona di Mussolini, che invece di essere consegnato agli anglo-americani, come era nelle clausole dell armistizio, doveva essere lasciato dov era. Badoglio, il sovrano, la corte, il comando supremo e gli stati maggiori dell esercito partirono, come si è detto, alle 4 e 30 del 9 settembre diretti verso Pescara, dove una corvetta era ad attenderli, già pronta a salpare per un porto sicuro dell Italia meridionale, in mano agli alleati. Le truppe tedesche, che incontrarono più volte lungo tutto il percorso, non fecero difficoltà a lasciarli passare. Kesserling aveva giocato le poche carte che aveva a disposizione con astuzia e quando la mattina del 9 settembre furono attaccate le prime caserme dei reparti italiani, senza trovare alcuna resistenza, capì di aver vinto la prima mano della partita. L esercito italiano, senza ordini, era nel caos più completo. I pochi ed esemplari tentativi di resistenza furono inutili nella loro sporadicità. In seguito, anche Hitler riconobbe a Kesserling il merito della vittoria e rimosso Rommel dal comando delle armate che occupavano l Italia settentrionale, il 21 novembre 1943, gli affidò a il comando di tutto lo scacchiere italiano. io ero in piazza Oberdan, proprio nel centro di Trieste. In piazza Oberdan, sulla destra del marciapiede c era una casa dove c erano le finestre blindate mezze aperte e si vedeva, passando, che di fronte a questa finestra c era una mitragliatrice e così la porta, che era mezza aperta con una catenina e anche lì si vedevano due mitragliatrici. Lì c era un comando tedesco. Io camminavo per piazza Oberdan per andare verso il centro e tutto in un momento si spalancano le finestre La guerra è finita! La guerra è finita! Badoglio ha annunciato così! Questi tedeschi brum, brum Sentii chiudere porte e finestre e sprangare tutto... Io mi ritirai subito in caserma e da quel momento il comando del Corpo d armata non diede più notizie di sé. Riuscimmo a parlare con il Capo di stato maggiore e dice: Da ora in avanti il comando del Corpo d armata è in movimento vi sapremo dire dove andiamo. Lo debbo ancora sapere. (Werter Soldati ) E siamo quindi all 8 di settembre. All 8 di settembre io mi trovo a Lavezzola, ecco e sto acquistando il grano perché sia inviato all armata che si trova sul Don, in Russia. E sono investito così improvvisamente della responsabilità di disporre di quintali di grano che erano pronti a partire ma che non potevano più andare in Russia. (...) il colonnello Alvernia che è comandante [della direzione di commissariato] del gruppo di Bologna (...) abbandona la sede. Io telefono per avere ordini da Bologna non trovo nessuno (...) E quindi, ecco, ho presentato al Podestà di Lavezzola ho presentato i quintali di grano, ecco e questo è il documento. 10 novembre Io a nome della Commissione consegno questo grano al popolo. E qui c è la ricevuta. (Michele Massarelli )

3 Da Campoformido poi sono stato trasferito a Treviso. A fare un corso (...) i tedeschi i radar li avevano... perché io andai a Treviso a fare un corso per i radar. Io li ho visti (...) Il corso non lo abbiamo fatto perché il tempo non c era... perchè io son stato trasferito alla fine d agosto a Treviso al Secondo Capta, si chiamava [così] questo corso che si doveva fare (...) Io ho visto questi radar. Li ho visti che eran lì pronti. Li ho visti ma non sono andato nemmeno a provarli. Invece cera chi a andava a provarli (...) e arrivò l 8 settembre (...) Gli istruttori erano tedeschi lì. All 8 settembre i tedeschi sparirono completamente. Andarono via. Rimanemmo solo noi italiani. Sparirono, sparirono completamente. Il giorno dopo il comandante, che era un colonnello di aviazione, ci riunì sul piazzale e ci fece tutta una paternale... Ci disse che avremmo dovuto depositare tutto il nostro... che avevamo un fucile... il nostro fucile. Quindi siamo stati disarmati completamente. E che sarebbero venuti i tedeschi e che noi avremmo dovuto fargli buon viso... erano i nostri amici... era... uno di quelli che non aveva obbedito al... coso... di Badoglio. Voleva consegnarci ai tedeschi. Non c era proprio possibilità di dubbio (...) Uno... era un sergente, gli disse Lei c ha quel nastrino (...) che era uno (...) della marcia su Roma noi invece siamo dei ragazzi che.... Insomma, lì ci fu il primo... Questo sergente si ribellò al discorso che fece il comandante. Poi come sia andato a finire io non lo so perchè poi le cose precipitarono. Il giorno dopo, consegnati tutti i fucili... ai carabinieri eh! (...) quando è alla sera arrivano i tedeschi. Arrivarono camion di tedeschi. E io che ero lì che feci? Scappai. In pochi siamo scappati. Siamo scappati perchè nelle baracche... era contornate da (...) una muratura di cemento (...) però sotto era stato fatto (...) un buco (...) dove si poteva passare (...) quando si entrava dalla libera uscita e si rientrava tardi. E siamo usciti lì, in cinque o sei da questo buco. C era anche un carabiniere che faceva la guardia lì a questo buco. Il carabiniere ci voleva prima impedire, poi, dopo, parlando (...) ci lasciò andare e noi (...) ci siamo dispersi nella campagna. Quando siamo stati un po lontani abbiamo sentito sparare al campo... ma io non ho saputo più niente. (Giorgio Dragoni ) Kesserling, comandante del gruppo armate sud, stanziato nell Italia meridionale, sia perché direttamente impegnato con il nemico, sia per paura di scatenare una possibile reazione degli italiani che avrebbero ancora potuto tagliargli la ritirata, decise di favorire, in tutti i modi, l esodo dalle caserme. Si giunse finalmente a Caselle, a un chilometro da Sibari, furono schierati i cannoni puntati verso il mare a lato di una risaia (...) Cominciò la malaria (...) su 110 soldati e ufficiali, solo 17 non prendemmo la malaria. Si diceva che fumare era un antidoto, e così cominciai anch io (...) Si diceva ancora che facevano bene i peperoni in umido, così, qualche sera, li preparava il cuoco Carrer. (...) Ai soldati non dispiaceva trascorrere qualche settimana fuori, e non davano importanza alle infezioni. Non c era il chinino da prendere, sostituito con pastigliette del tutto inutili. Cominciarono le incursioni notturne dei caccia con i mitragliamenti: un proiettile e un razzo luminoso alternati per scoprire gli insediamenti militari da bombardare. Quando capitava, subito i compagni si addossavano ai muri, e si rifugiavano dentro, mentre io me ne stavo all aperto in attesa di essere colpito, stanco come ero della vita delusa. (...) Pervenne l ordine della ritirata (...) il trasferimento, con tanto materiale; durò più giorni, schierammo i cannoni poi sotto Doria presso un bosco, ora non più scoperto come prima. (...) in mezzo al bosco trovai la grande capanna trasformata in polveriera con sei settemila proiettili. Solo che, lasciate alcune cassette, con la targa Skoda, sulla strada presso la fureria, un ufficialetto tedesco le notò. - Nostre, nostre. - esclamò. Presente anche il capitano Datola se ne preoccupò. Non ci voleva niente che i tedeschi requisissero i cannoni. Io non avevo più la radio, in quanto il soldato in licenza non era tornato, e così il Comando di gruppo mi portò via l apparecchio. Tuttavia, verso sera dell 8 settembre 1943, seppi che era avvenuto l armistizio tra l Italia e gli Alleati; noi eravamo traditori verso i tedeschi. Infatti i nostri soldati si nascondevano quando vedevano i tedeschi. Il mattino dopo, vidi un curioso fenomeno. Lungo la ferrovia transitavano centinaia di soldati italiani, alcuni vestiti già in borghese, in fuga verso il nord. Per la strada passarono alcuni semoventi tedeschi con lunghi cannoni, con a cavallo e sopra tanti nostri

4 disertori. Anche a Doria c era il presidio militare comandato da un colonnello, tutti i soldati in fuga, rimasero solo alcuni. Verso sera ne arrivò uno in fureria dicendo che il suo comandante voleva il capitano Datola a rapporto. C era il collegamento con la linea pezzi, ma non funzionava. Visto un nostro conducente, lo chiamai dicendogli di recarsi alla linea pezzi per avvertire il nostro capitano. Quello corse via a nascondersi. Anche Zanin, l attendente del capitano fece lo stesso. Che potevo fare? Dovevo andarci io. (...) Lungo la strada c erano circa venti carri armati tedeschi fermi; erano stati accesi dei focherelli al margine per riscaldare qualcosa. Se fossi stato aggredito ero pronto a sparare, non importava se ci avessi rimesso la vita, tanto... Guten nacht. Guten nacht, kamarad dissi loro. Nessuno mi disse niente (...) Quando fui vicino, all imbrunire, scorsi schierate davanti una decina di autoblinde tedesche coi cannoncini puntati. Mi arrampicai su per la scarpata, ma subito il cric crac di un fucile e un alt di intimidazione! - Sono il furiere - gridai - Non sparate. - La parola d ordine - pretese il soldato di guardia. - Non è arrivata - precisai. (...) trovai Datola tutto nervoso. Gli dissi che doveva recarsi a rapporto, ma lui... - E che comanda più quello là, con tutti i soldati in fuga? Se vuole, venga lui da me, la mia Batteria è ancora intera. - (...) Stetti lì tutta la notte, non successe niente. Il capitano mi disse che non avrebbe mai ceduto le armi ai tedeschi, caso mai avrebbe fatto saltare i cannoni e incendiare la polveriera. (...) Nel pomeriggio Datola mi mandò a dire di bruciare la documentazione, ma non il rolino di marcia, e di fare saltare i cannoni. Ero lì di fuori a bruciare le carte quando comparvero gli amici. Perché non darcela a gambe anche noi come gli altri soldati? (...) Dissi di sì (...) Essendo ormai buio, entrai in fureria, fracassai il centralino telefonico, misi nello zaino solo il necessario, il resto lo posi sotto le tavole, mentre si udivano i colpi dei cannoni saltati. Allora ci pensai sopra. Ero un maestro, e una volta disertore, avrei poi ottenuta una scuola? Non volevo restare contadino. Decisi di raggiungere il capitano e quindi di tradire i compagni. (...) trovammo i cannoni saltati, ma uno no, ancora tappato, subito fu tolto il proiettile. Si apprese che, dalla buca, il caporal maggiore Schiffini non aveva tirato la cordicella nel modo giusto. (...) Dov era la polveriera, di certo scoppiata durante la notte, per mezzo chilometro il bosco era raso al suolo, si era formato una specie di macero. (...) Il mattino dopo, finalmente giunsero a Doria i liberatori con le macchine e l altoparlante a tutta voce senza che capissimo una parola. Dovevano essere di sicuro dei canadesi. Fecero conto che noi, soldati, non esistessimo. Poi se ne andarono. Nel pomeriggio, al di là della ferrovia, scorsi a cavallo il nostro maggiore e il suo aiutante che stavano osservando. Poi scesero giù con le rivoltelle in mano. Ma i tedeschi non c erano più. Legati i cavalli, si arrampicarono su per una scarpata, giunti sulla strada: - Adunata! - gridò il tenete. Avvenne nella piccola spianata dietro al filare dei cavalli, il capitano Datola davanti a noi. Giussani forse era andato a vedere i cannoni con le bocche da fuoco a pezzi. Quel maggiore si fece avanti rabbioso e se la prese con Datola che aveva rovinato i cannoni e le munizioni dicendo che lo avrebbe denunciato per tradimento. Ora il Gruppo non era più in grado di continuare la guerra contro i tedeschi. Sarebbe stato degradato. Cosa emerse? I soldati si resero conto che con il suo gesto valoroso il capitano ci aveva salvati, altrimenti si sarebbe dovuto andare al fronte a combattere e a rischiare la vita. Come poi appresi, i soldati schierati ebbero la tentazione di assalire il maggiore che, invece di elogiare il capitano, riuscito a non cedere le armi ai tedeschi, lo trattava come un cane. Datola non fiatò, poi quei due andarono via. (Da: Le mie memorie di Lazzaro Rossi. - Cesena : Wafra, stampa 1993) Eravamo militari in Jugoslavia, poi siamo arrivati a Roma e quando abbiamo visto che la situazione si stava sfasciando siamo andati via. Anche altri. Si cominciavano a buttare le armi nel Tevere, c era lo sfasciamento dell esercito, così ci siamo allontanati. (...) a Roma prima dell 8 settembre non abbiamo trovato nessuna organizzazione al di fuori di qualche pallottino di carta che arrivava nei tram, era propaganda, parlo di una settimana prima dell 8 settembre. Ci fu un combattimento fra tedeschi ed esercito italiano, ci fu un reparto italiano che resistette. In quell occasione si sono visti ufficiali vestiti da marinaio, vestiti alla buona, che scappavano e noi siamo venuti a casa. Io sono arrivato da solo, da Roma mi sono trovato a Sarsina. Ho marciato in treno, in corriera, in camion, a piedi. Da Sarsina siamo venuti giù in corriera, abbiamo sentito una professoressa che delirava, che

5 insultava questa gente che scappava, che eravamo noi, ma lei non lo sapeva... La volontà c era di prenderla per il collo, ma era vecchia e poi c era da rischiare e non l abbiamo fatto. (Edoardo Gazza dattiloscritto 1984) Mi trovavo a Roma allo Stato Maggiore (...) Io facevo il servizio informazioni militare, il marconista, l intercettazione militare a Roma. (...) [Dopo l annuncio dell armistizio] Prima di tutto scomparvero gli ufficiali. Nel mio reparto non vedemmo più nessun ufficiale. Poi, siccome io mi trovavo in quel momento all ospedale militare Buon Pastore... Il fatto è che i tedeschi dopo il breve combattimento di Roma, a Porta San Paolo (...) arrivarono all ospedale e lo vuotarono perché ne avevano bisogno loro, per i loro feriti, i loro soldati. Per cui, a casa... Fummo spediti... In questo caso fui proprio spedito regolarmente a casa con armi e bagagli (...) Quando arrivai in piazza Saffi [a Forlì] (...) due persone, io sotto il campanile di San Mercuriale (...) e una seconda al Rialto piazza, che era un mio amico. Mi prese sulla canna della bicicletta e mi portò a casa a Caiossi... Due persone alle cinque, le quattro, del pomeriggio del 12 settembre 1944 [1943]. (Luciano Marzocchi ) Prema a s era militer pó cun la sfata ad Roma a sò vnù ca (...) [dalla Jugoslavia] i s à rimpatriè tot e regiment. Ch ema d andè zó int e sberch, quand i sbarcheva a Napoli, là zó Che invece pó a ngn i sam rivat. A sam rivat a Roma e pó j ot ad setembar l è avnù e patatrach. Pó a s sam sbandè e a sam avnù ca da Roma. (...) un po pè, un po in treno. Dop a ot dé ch a sò stè ca i m à mandè la cartulina ch aveva d andè in Germania e me, invece d andè in Germania a sò andè a la Calabrina, no? A sò stè qué. Ma degh No! A vagh a la Calabrina da Campena [Alvaro Campana]. E ò fat e partigien. (Pio Tamburini 1983) Rommel, invece, applicò alla lettera gli ordini di Hitler. Per questo, nell Italia del nord e in quella parte dell Italia centrale che ricadeva sotto la sua giurisdizione, si aprì la caccia all uomo. I militari italiani furono braccati e una volta catturati, messi di fronte all alternativa di arruolarsi nell esercito tedesco o di essere deportati in Germania. [Subito dopo l 8 settembre] la gente scappava chiedevano vestiti andavano dai contadini Mi dia un paio di pantaloni per fare Perché l esercito tedesco si era già mosso ma erano pattuglie, pattuglie che se trovavano dei soldati ( ) li convogliavano Adesso lei vada là ma dopo non lo controllavano più... questi scappavano via e era un caos.. un caos che durò sette, otto giorni ma anche più. Ma quando poi l esercito tedesco cominciò a organizzarsi e piantare [dei posti di blocco] alla porta delle città [e la] gente che scappava la convogliava la portava in campo di concentramento... e allora la cosa si fece seria e quindi chi scappava scappava con delle difficoltà non indifferenti e si nascondeva bene ( ) c era il pericolo di essere presi e mandati mandati anche fuori. (Ferruccio (Rino) Biguzzi 1999) [A Santa Colomba vicino a Siena] avevamo un campo armato di tedeschi ch l era a 5-6 chilometri. (...) e avema l aeroporto di sotto (...) a tre chilometri, a gema avei, tre chilometri e mez, con duemila reclute u j era (...) J i era andè da poch. E lè cun di mutur, cun i cavel, cun di sumer, j è ciapè via tot. (...) Io suggerii col nostro capitano, al pruvet in che mument che lè, Adesso cosa facciamo?, u i ciapet la tremarela. L aveva fifa, parché i tedesch u l saveva che j era cativ. Cosa facciamo? (...) avete i carri armati. A j andem [a] ocupè, quii che lè i n sa zà ancora gnent lor. Andiamo a occupare? (...) Nun a avama parec cararmè. Eravamo armati. (...) Lou [gli ufficiali] j è andè via tot. E noi, a i sam andè nenca nun. E a la porta u j era j antifascesta ch i tuleva agli ermi. Prelevavano le armi e i fucili e nun inveci andesm a tó delle vivande par magné. Andesm a tó dal vivandi e pó quand a j em mandè vi tot a avdesum una sera che venne su... ch l avniva só al

6 camiuneti di tedesch. Parché là j eva ocupè prema che da noi. E alora noi eravamo su un cocuzzolo a sandesum zó. Andesum nel monte di là, a fasesum temp.(...) A sama du e du quatar. A stasesum me, un ent rumagnol e magazinir, un ad Ronta, ma Ronta lè sora da Modigliena e un tuschen (...) e faseva l autista, era più anziano di me (...) [prima di partire] noi dormimmo, a s cambiesum tot la roba (...) [Per la strada] vendevamo le coperte per far quattrini (...) a pè fino a Certaldo.(...) Avam durmì nei fienili noi. (...) Eravamo sempre in quattro fino a Prato. Mantenevamo sempre quei cento, duecento metri [fra noi] (...) Col magazziniere avem fat un po ad pruvesti. Poi avevamo le nostre bombe a mano s u j era bisogn. Perchè i carabinieri non da tutte le parti j era antifascesta (...) Comunque a Certaldo (...) c era il treno, ma là l era un brulichio ad zenta ch j andeva e... I ciapeva via tot sti suldè. Te pensa un po duemila! Cun tot i servizi! (...) A sam muntè só in treno. E dopo c erano gli ufficiali, j aveva ancora la divisa e nun a i ragnema parché gli ufficiali era[no] un pericolo [per] rientrare alle nostre case. Ah! dico Fate come noi, andate alle famiglie e vuit a v fasì dè i quel... da boghese e acsé avete la possibilità di arrivare a casa anche voi. Quii ch i n scalet zó me a i get acsé, ch j andes in clet vagon, che nun a vlema stè tranquel. Perché noi siamo armati e se capita degh qualcadun nun a fasem saltè pr aria gnaquel! Quindi a i trasferesum (...) Fuori stazione (...) [i tedeschi] j eva fat un campo di concentramento (...) di raduno. Du ch j eva cunvugliè tot i militari. Amo, u i n è che j i à freghè. Alora, io ero esperto di ferrovie (...) e a s farmesum la stazione prima e andesum a esplorè. U j era i tedesch, j era ad sarvizi. Alora a s mitesum a distanza, a staseum a spitè la nostra coincidenza perché c era il bando che dovevamo consegnare tutte le armi (...) a ciacaret e nench cun di tedesch, ch i faseva sarvizi (...) e loro tutti tranquilli. (...) A s trasferem a Prato e dop da Prato a muntesum só e a lé la fu piò dura, perché dovevi prendere quei treni che erano affollatissimi e me, ch u ngn era e post da muntè só, a m faset tiré só da i finistrin. E qualcheduno a stasesum, a s dasemi e cambi, nei respingenti e int e quel... Avem fat tot (...) la Porrettana (...) dop a scalet zó (...) ad ciora da Bologna (...) la stazione prima (...) [a] la faset a pè, ch a scavidet nench Bologna, ch u j era un gros quel ad concentrament ch j eva ciapè una masa ad militer (...) Arivet a ca (...) una smena dop, gnenca. Me u m pè i treg ad setembar (...) quand a sandesum a Bologna (...) [la situazione] era normale. A là [in Toscana] l era tot tedesch cun tot i canun (...) j eva ocupè tutti i punti strategici nelle strade. Li vedevi tutti. Nun quand andema zó a Siena a e regimént j era tot a lé. J era indipartot, negli ultimi momenti. Inveci a que, liberi!. (...) me a faset djit ot dis chilometri a pè e poi a ciapet [e treno] (...) a Mirandola. (Otello Sbrighi- 1998) Dopo l 8 settembre scappammo [da Fossano], eravamo in cinque, ci portammo vicino alla Maddalena nei pressi di Cuneo dove ci ospitò un contadino e ci invitò a raggiungere il grosso di un corpo di armata della zona di Cuneo, che si era rifugiato sulla Maddalena e invece di aderire decidemmo di ritornare alle nostre case. Dopo una serie di peripezie per riuscire a sfuggire alla cattura dei tedeschi e dei fascisti, attraversammo tutta la campagna arrivando fino ad Asti, dove trovammo la casa di un industriale della Simmenthal. Il padrone della Simmenthal. Che ci ospitò perché anche lui aveva un figlio che era rimasto prigioniero in Russia. Dormimmo lì nel cascinale, ci diede da mangiare e poi ci diede anche i vestiti, permettendoci così di toglierci la divisa e di vestire abiti civili. Mi diede un vestito bellissimo, da signore, con la cravatta. Ognuno di noi scelse poi la strada che riteneva più opportuna. (...) io, così vestito, non davo nell occhio e potevo attraversare i posti di blocco e passai sul ponte di Voghera. Nessuno mi fermò. Presi la mia corriera ed arrivai fino a Piacenza. Di qui presi il treno ed ebbi la fortuna di incontrare una ragazza di Ancona. Mi sedetti vicino a lei e le dissi di dire che era la mia fidanzata per sfuggire eventualmente ad un controllo da parte dei tedeschi. Infatti, quando arrivammo a Modena, dove c era un forte concentramento di tedeschi, tutti i passeggeri che avevano scarpe da militare o che erano vestiti da militare furono portati al campo di concentramento di Fossoli. A me invece andò liscia, perché ero vestito con abiti civili. Mi fermai addirittura a Bologna, dove c era ancora un forte concentramento di tedeschi. Scesi dal treno, perché c era da aspettare la coincidenza, mangiammo, poi ripartii ed

7 arrivai a Cesena senza avere avuto nessuna noia da parte dei tedeschi e dei fascisti. (Luciano Rasi - dattiloscritto Ero all ospedale di Modena perché avevo la malaria. Davano le licenze di convalescenza ma io ero lì da pochi giorni, quindi scappai via con un contadino che era ricoverato con me, era di Modena, mi ospitò tre giorni a casa sua. Poi mi misi in viaggio. A piedi fino a Bologna e lì presi il treno per Cesena. Dopo ci hanno richiamato... mi sono presentato a Varese e da lì sono scappato e ho aderito alla resistenza. A Varese sono stato due giorni... non ricordo il mese, erano gli inizi del 44. (Armando Gardini - dattiloscritto )... sono andato via, avevo 18 anni [nel 1940] e all 8 settembre... a San Pietro del Carso (Trieste)... e son rimasto prigioniero a San Pietro del Carso e lì io vidi che mi portavano via in Germania. Io e altri cinque militari italiani... e siamo scappati via e dopo sono riuscito a venire a casa. Quando sono stato a casa ho collaborato insieme con il gruppo di Mazzini e gli altri. (Romeo Motta ) E [prima del]l 8 settembre tornai a Forlì dove era stata costituita la compagnia per la difesa antiaerea; naturalmente non avevamo né un cannone antiaereo, né batterie, ma solo un telemetro e con quello andavamo lungo il fiume... praticamente non facevamo niente. Quando venne data la comunicazione [dell armistizio] rientrai in caserma. Due giorni dopo la caserma era stata abbandonata completamente dagli ufficiali e noi ci trovammo in balia... C erano già le notizie che arrivavano i tedeschi che avrebbero occupato la caserma. Insieme al caporale Lucchi presi la decisione di uscire dalla caserma. Allora ero nell ufficio della nostra compagnia, con due permessi falsi uscimmo dalla caserma e andammo a casa di mio cugino che abitava a Forlì e ci vestimmo in borghese. Tornammo a casa in due su una bicicletta. (Scevola Franciosi - dattiloscritto ) Sono partito militare nel 41 (...) l 8 settembre ero a Milano (...) io, in un primo tempo fui preso dai... dai tedeschi. Che Milano doveva essere una zona libera e invece a un dato momento la occuparono i tedeschi e fui preso in un bivio, in una via, però riuscii a scappare e mi rifugiai presso una casa di Milanesi. Rimasi lì tre o quattro giorni poi presi il treno e... arrivai a casa. (Antonio Ballani ) Io son andato militare a diciannov anni del 42. L 8 settembre mi trovavo a Faenza, ero nei bersaglieri (...) La gente... ce l han detto la gente, perché noi eravamo tutti chiusi. Quando siam scappati, la gente Eh! E finita la guerra! (...) Però non ci han lasciato liberi,ci hanno mandato a Brisighella un paesino in mezzo a Faenza e Forlì. Ci han mandato là in un castello, che stavano arrivando i tedeschi. Per la paura che ci prendessero i tedeschi ci han mandato là e poi di là siam scappati tutti. Ci han mandato i nostri comandanti lì. Ma loro dicevano, chi lo sa i nostri comandanti com erano, dicevano Aspettate qui, dopo vi diamo il congedo. Col fucile [e] bombe a mano siam scappati in tre o quattro di qui e siamo venuti a casa a piedi. Uno era di Ronta, uno di Diegaro, uno di coso... lassù vicino a Borello. Noi siamo tornati a piedi. Abbiamo scavidato il coso... il campo di aviazione di Forlì perché era circondato dai tedeschi. E alora siam passati un po più lontano, un po più sui monti e siam venuti a piedi. (Sergio (Savolino) Mazzotti ) Lo stesso avveniva fuori d Italia nei paesi occupati dalle forze dell Asse: Grecia, Albania, Jugoslavia. Mi ero reso conto da tempo che noi di fronte ai tedeschi non eravamo [incomprensibile]. Non c era anche la mentalità, anche i mezzi non c erano. Loro erano motorizzati, noi tutti a piedi. Su qualche camion... Ma c era proprio un altro modo di concepire la guerra, di sentirla (...) Loro si muovevano sempre (...) noi si rimaneva in un posto dei mesi, poi si creava con la popolazione qualche rapporto (...) Quando ci fu l armistizio io mi feci subito il bagno perché Chissà quando potrò farlo ancora?

8 [pensai] (...) Ero a Gianina, a un certo punto tutti a brindare Eh! Ma be. Ma desso viene il bello! [pensai]. Ad un certo punto improvvisamente è arrivato... è arrivato una squadra... non lo so... un manipolo tedesco per portare via i nostri apparecchi di comunicazione. Subito, subito, la sera. C è stato un intervento del colonnello Conti. Comandante capo (...) E riuscito a intervenire. Ha fatto tempo a intervenire e a impedirlo. E dopo lui ha mandato lì una compagnia di alpini (...) Poi ho dormito [incomprensibile] con le giberne, proprio vestito, pronto. E al mattino (...) dalle finestre del mio ufficio ho visto (...) i cannoni tedeschi puntati su di noi, a zero. E allora, proprio per sfida, per reazione, me ne andai subito a Gianina (...) Ci sarà ancora l alzabandiera? [pensai] (...) Tutto deserto (...) arrivo in piazza (...) io solo in piazza, per sfida. Dico La guerra è persa ma l Italia continua. Poi ho gironzolato un poco (...) I comandi non han fatto niente (...) c è stata proprio un abulia, un accidia (...) c è stato l immobilismo (...) una stanchezza (...) Questo è successo la mattina del 9. (...) I tedeschi (...) disarmavano i titubanti, gli incerti. Questo al mattino. Poi, mi pare il pomeriggio, o il giorno 10 o il giorno 9, al pomeriggio verso sera, sono andato in piazza (...) Ho visto [che] avevan creato una specie di impalcatura, non so, un ufficio. I tedeschi. Un ufficio per l iscrizione dei volontari italiani (...) Un ufficio provvisorio creato sul momento. E ho visto qualche soldato arrivare. (...) Quando imparai che alla sera dell 11 c era un incontro con il generale [di corpo d armata] Dellabona [Guido], il nostro comandante [andai ad attendere notizie, aspettando fuori dalla porta] (...) imparai subito che il giorno dopo alle due c era la resa. (...) Al mattino ho lasciato il fucile in una casa (...) ho potato tutta la roba (...) lì (...) e dopo mi sono affidato a loro (...) Dissi Voglio andare in montagna (Pietro Vaenti ) Al otto settembre noi ci trovavamo dislocati nel isola del Egeo Idra, eravamo uomini rimasti smarriti dalle voci che giungevano, e ancor di più da quello che non veniva detto dai comandi superiori. Siamo rimasti qualche giorno in attesa, una mattina presto suona l'allarme si stavano avvicinando delle imbarcazioni, dato che diversi ufficiali non volevano continuare la guerra per i tedeschi schierarono gl'alpini di cui facevo parte attendendo lo sbarco degli sconosciuti. Apena sulla spiaggia inalzarono lo stemma delle camicie nere, erano i fascisti che venivano a prendere [l ]isoletta nelle loro mani, gli uomini schierati al ordine degl'ufficiali aprirono il fuoco con fucili mitragliatori e armi leggere, presi alla sprovista i fascisti i più caddero sulla spiaggia, gl altri si diedero alla fuga ritornando sulle loro Barche. Il tempo stringeva e ci sarebbe stato un altro tentativo e sarebbe stata la fine per tutti noi, fu fatta l'adunata e un ufficiale disse che ci rimaneva solo una selta quella di allearci ai partigiani greci presenti nel isola la stragrande maggioranza segui la scelta degl[i] ufficiali passando coi partigiani dopo brevi coloqui, la notte stessa raggiungemmo la terraferma, appena in tempo, gl'stucas tedeschi bombardavano e mitragliavano mettevano tutto ferro e fuoco, poco tempo dopo i soldati e ufficiali rimasti furono massacrati. Noi seguimmo la sorte di tutti gl'italiani che si affiancarono ai partigiani fatte di azioni contro i tedeschi e poi la ritirata fra i monti in zone sicure, la popolazione ci a aiutato come aiutava i suoi figli, gli scontri si ripetevano sempre con maggior violenza, i nazifascisti erano in ritirata imboscate, far saltare i ponti, Raccogliere le armi che gli alleati lanciavano col paracadute, medicinali e viveri. La Resistenza diventava sempre più forte, ma le perdite fra di noi della Brigata Garibaldi fu altissimo, Viene descritto in diversi libri, si calcola che solo il 30/35 [per cento] arrivo a Belgrado, voi sapete liberata la Grecia le forze si unirono per sconfiggere e cacciare i nazifascisti dai Balcani, Ritornammo in Italia alla fine del 1945 e dai mie[i] seppi che la nostra casa era una Casa sicura per i GAP, e tutta la resistenza della Bassa Cesenate. (Ottavio Sbrighi - testo manoscritto da Vittorio (Quarto) Fusconi, 2001) Nel 41 andai militare in Jugoslavia e stetti due anni. Mi trovavo lì l 8 settembre. Quando sapemmo che il governo era caduto fummo titubanti. C era il compagno Migliozzi, sergente della mia

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri?

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri? LEONE PIERINA nata a Rivoli il 22/08/1929 - deceduta ad Alpignano il 22/08/2009 Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Pierina Leone il 2 aprile 2003 presso il laboratorio di storia della

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Ronta 29 aprile 1944. Quand che a j arivet a capì che a n i capiva a ciacarè...

Ronta 29 aprile 1944. Quand che a j arivet a capì che a n i capiva a ciacarè... Ronta 29 aprile 1944 Quand che a j arivet a capì che a n i capiva a ciacarè... Verso la fine di aprile il grande rastrellamento diretto a distruggere l 8a. brigata Garibaldi non è ancora terminato e già

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La Guardia Imperiale in Star Quest

La Guardia Imperiale in Star Quest La Guardia Imperiale in Star Quest Gli squadroni della Guardia Imperiale sono composti da 10 soldati ed hanno questa composizione: 1 Sergente armato di pistola laser e spada catena: Combattimento a distanza

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E 1865 SARDINIA Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E Attenzione: il regolamento originale va comunque letto. Il presente sunto ha il solo scopo di fare da introduzione e veloce

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

BUROCCHI LORENZO nato a Rivoli il 5/11/1922 - deceduto a Rivoli nell ottobre del 2008

BUROCCHI LORENZO nato a Rivoli il 5/11/1922 - deceduto a Rivoli nell ottobre del 2008 BUROCCHI LORENZO nato a Rivoli il 5/11/1922 - deceduto a Rivoli nell ottobre del 2008 Intervista rilasciata su videocassetta dal Sig. Burocchi Lorenzo il 19 maggio 2004 presso il Laboratorio di Storia

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo?

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo? IL BIGLIETTO INFLESSIBILE di Giorgio Mottola CLAUDIA DI PASQUALE Tutto si gioca sull Alta Velocità. Intanto i pendolari si devono arrangiare perché sembra che non interessino a nessuno. Ma i passeggeri

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli