La quarta prova nazionale: ciò che le scuole devono sapere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La quarta prova nazionale: ciò che le scuole devono sapere"

Transcript

1 del primo ciclo di istruzione La quarta prova nazionale: ciò che le scuole devono sapere ANNA MARIA CAPUTO Dirigente tecnico INVALSI Indice Quali sono le finalità della prova? Perché una valutazione esterna? Quali sono le caratteristiche della prova? Qual è il valore della prova all'interno dell'esame di Stato? Com è la struttura della prova? Come si valutano le competenze in matematica? Come si sono definiti gli ambiti della valutazione? Quali caratteristiche ha il testo? Come è organizzata la prova? Come si corregge la prova? Cosa va restituito all INVALSI? Quali sono le attività di preparazione? Cosa restituisce l INVALSI alle scuole? Sono Anna Maria Caputo e qui sono in veste, più che altro, non di direttore tecnico dell INVALSI, ma quanto di responsabile della prova nazionale per l INVALSI stesso, infatti ho la responsabilità dell'intero progetto. La mia relazione l'avrete sicuramente vista già sul sito, anche se ho aggiunto altre slides, soprattutto per quanto riguarda l'ultima parte e quindi parlerò piuttosto rapidamente perché poi mi interesserebbe soprattutto sentire le vostre domande, anche per vedere che cosa ancora pubblicare sul sito dell INVALSI, per venire incontro alle esigenze di questa innovazione che nessuno si aspettava. Come vi hanno già detto, la prova nazionale è stata introdotta dalla legge n. 176 del 25 ottobre 2007 che recita proprio: L'esame di Stato comprende anche una prova scritta - quindi dà una caratteristica ben precisa alla prova, che deve essere una prova scritta - a carattere nazionale, volta a verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti. I testi relativi alla suddetta prova sono scelti dal Ministro della Pubblica Istruzione tra quelli predisposti annualmente dall Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione (INVALSI), conformemente alla direttiva periodica emanata dal Ministro stesso, e inviata alle istituzioni scolastiche competenti. Per quanto riguarda la direttiva che cita i criteri rispetto ai quali costruire la prova, questa è del 25 gennaio Quindi i tempi, anche per l INVALSI, per approntare delle prove, tra cui poi il Ministro ha scelto alla fine di febbraio quale doveva essere la prova nazionale, sono stati estremamente stretti. La circolare che poi chiarisce di più la normativa riguardante questa prova nazionale è della metà di marzo del 2008.

2 del primo ciclo di istruzione Quali sono le finalità della prova? Le finalità della prova sono riprese esattamente dalla direttiva per l INVALSI, la prova dovrebbe integrare gli elementi di valutazione propri della scuola con elementi rilevati a livello nazionale in modo da avviare azioni per migliorare la qualità della scuola; dovrebbe completare l'autonomia scolastica e allineare progressivamente gli standard delle singole scuole rispetto a standard nazionali - tenendo conto che standard nazionali ancora non sono esistenti - e poi acquisire ulteriori elementi per definire lo stato del sistema di istruzione. Quindi la finalità di questa prova è duplice: da una parte deve servire alle scuole, dall'altra deve servire al sistema. Perché una valutazione esterna? Una valutazione esterna restituisce consapevolezza agli studenti, in quanto li colloca su una scala assoluta e non più relativa. Uno dei problemi dell'esame di Stato della scuola media era proprio quello relativo al fatto che ogni scuola costruisce delle proprie scale che non sono confrontabili da una scuola all'altra. Per cui uno degli elementi di novità di questa prova nazionale, che è uguale per tutti, è quello di costruire una scala assoluta, su cui poi si possono posizionare tutti gli studenti. Restituisce consapevolezza alle scuole, in quanto permette di confrontarsi rispetto a quelle che sono delle prove nazionali e soprattutto restituisce consapevolezza ai decisori politici perché dovrebbe aiutare ad identificare le priorità. Naturalmente restituisce credibilità alla valutazione interna alle scuole. Quali sono le caratteristiche della prova? Questa è la prima applicazione della prova, ed essendo una prima applicazione ha delle caratteristiche ben delineate. Quello che si vuole accertare sono i livelli di apprendimento di italiano e matematica, poi vedremo l accezione italiano cosa significa e come è stata pensata per la prova nazionale di quest'anno. Questa prova permette la valutazione degli apprendimenti in base a procedure standardizzate, nel senso che tutti i punteggi dei singoli quesiti sono decisi a livello centrale; contribuisce poi al monitoraggio e alla valutazione dell'andamento dell'apprendimento alla fine del primo ciclo di istruzione; poi è somministrata lo stesso giorno su tutto il territorio nazionale e si deve avvalere, nella sua applicazione, di criteri di gradualità e flessibilità. Questi criteri di gradualità e flessibilità derivano proprio dal fatto di aver avuto pochissimo tempo, sia l INVALSI, sia le scuole, per prepararsi a questa nuova prova. Qual è il valore della prova all'interno dell'esame di Stato? Per quanto riguarda gli studenti, il valore della prova all interno delle altre prove che compongono l'esame di Stato, quindi i criteri di incidenza e di peso della prova vengono stabiliti dalle singole commissioni esaminatrici, nella seduta di insediamento. Per quanto invece riguarda il sistema, i risultati della prova, gli elaborati dell INVALSI, dovranno contribuire a conoscere i livelli di apprendimento in due discipline, che sono anche giudicate dall'unione Europea e sono già inserite anche negli obiettivi di Lisbona come fondamentali, che sono la comprensione della lettura e la matematica. Per quest'anno la prova ha carattere esplorativo, questo significa che non è detto che il prossimo anno avrà la stessa connotazione; potrà essere diversa, anche perché già ci si accorge subito che c'è un grosso problema, che le prove scritte per gli esami di Stato della scuola media sono tante, in alcune scuole medie. Per esempio nelle scuole medie ad indirizzo musicale la prova nazionale corrisponde alla quinta prova scritta, il che significa che è un aggravio non indifferente per gli studenti. La prova è quindi esplorativa anche per vedere come si può migliorare e come si può inserire una prova nazionale all'interno delle prove che invece sono stilate dalle singole scuole. Com è la struttura della prova? Per quanto riguarda la struttura della prova c è a riguardo un indicazione ben precisa contenuta nella direttiva del Ministro questo essere in linea con le tecniche che l INVALSI aveva già adottato per quanto riguarda le varie indagini condotte dal 2000 fino al degli apprendimenti nazionali, ed anche in linea con le indagini internazionali. Questo significava che la prova doveva essere oggettiva e semistrutturata. L'oggettività della prova significa che a livello esisterà una griglia di correzione ben precisa, a cui tutti si dovranno attenere; semistrutturata perché la prova è composta sia da quesiti chiusi, che riportano dopo la consegna quattro alternative di risposta all'interno delle quali c'è la risposta corretta e poi risposte aperte che si connotano in modo diverso per quanto riguarda la matematica e l italiano. Un'esigenza che era subito stata considerata dal SNV è che la prova si dovesse basare anche sulle pratiche didattiche dei docenti in italiano e matematica, quindi non deve essere una prova copiata dalle indagini internazionali, di

3 del primo ciclo di istruzione cui sicuramente ne siete venuti a conoscenza. L OCSE-PISA non poteva essere un modello per noi, perché ancora le prove OCSE-PISA non sono nella prassi didattica dei docenti. La prova è divisa in due sezioni, in realtà ogni sezione corrisponde ad un fascicolo, quindi lo studente riceverà due fascicoli, uno dedicato alla valutazione in italiano e l'altro dedicato alla valutazione in matematica; l altro contiene quesiti sia a scelta multipla che a risposta aperta. Andiamo a vedere la sezione di valutazione in matematica. Si è deciso, dopo varie alternative, per cui adesso finalmente non è più modificabile, che il primo fascicolo a cui risponderà lo studente è il fascicolo di matematica; questo perché si è ritenuto che la matematica è un po' più la bestia nera rispetto alla comprensione della lettura. Il Fascicolo è composto esattamente da 22 domande, di cui la percentuale di quesiti aperti è abbastanza bassa - mi pare che siano un quattro o cinque quesiti aperti - che riguardano i principali argomenti studiati nella scuola secondaria di primo grado, sono proprio quelli che si sono ritenuti gli argomenti basilari. Si tratta di due tipi di quesiti, quesiti a scelta multipla e a risposta aperta, che si deve intendere risposta aperta estesa, perché richiedono quasi sempre o di giustificare la risposta, quindi commentare, spiegare la risposta, argomentare il perché si appone un si o un no, oppure riportare il procedimento seguito. I calcoli sono semplicissimi, si possono fare a mente e per questo non è permesso l'uso della calcolatrice tascabile. In futuro si penserà di diversificare, se ancora ci sarà la matematica, con una sezione che consente invece l'uso della calcolatrice tascabile. Come si valutano le competenze in matematica? Naturalmente ciascuno di noi al termine competenze dà un significato diverso. Quello che è importante sottolineare è che la valutazione perde senso in matematica, se non si poggia su dei contenuti e su delle abilità che sono caratteristiche del pensiero matematico. Per quanto riguarda quindi la sezione di matematica abbiamo come due domini, un dominio dei contenuti e un dominio delle abilità. Come si sono definiti gli ambiti della valutazione? Per costruire le prove si è definito un quadro di riferimento che si è costruito a partire da un confronto, piuttosto puntuale, fra gli OSA e le indicazioni per il curricolo; poi si è confrontato questo quadro di riferimento con le ricerche valutative internazionali simili, ovvero l IEA Timss. L IEA Timss è un'indagine a cui l Italia partecipa dal 1995, è un indagine longitudinale che viene ripetuta ogni quattro anni, in cui vengono comparati, fra tutti gli Stati partecipanti, le conoscenze, le abilità in matematica e in scienze degli studente dopo otto anni di scolarità, quindi è corrispondente esattamente alla nostra terza media. Dal 1995 fino al 2003 quello che vi posso dire è che l'apprendimento sia in matematica, che in scienze, da parte dell'italia, è circa intorno alla media, quindi non è molto brillante, ma non si è minimamente spostato. L'indagine è stata ripetuta nel 2007; si stanno elaborando i dati a livello internazionale e quindi a dicembre del 2008 dovremmo presentare anche i risultati in Italia e quindi vedere nel 2007, quando tutte le scuole si attenevano agli OSA, se qualcosa è cambiato nell apprendimento della matematica e le scienze rispetto agli altri Paesi. Come vi dicevo prima, la valutazione si basa sulla prassi didattica e sulle osservazioni degli insegnanti, che mi sono giunte e sono state utilissime durante le indagini del SNV. I due domini sono il dominio dei contenuti e il dominio cognitivo, o le abilità. Sul dominio dei contenuti non mi soffermo, perché è molto specifico. Vi ho riportato grosso modo gli argomenti che saranno trattati nei vari quesiti; nel fascicolo vengono toccati i numeri naturali, numeri interi, numeri razionali, l elevamento a potenza e poi c è una sezione geometria costituita soprattutto da figure piane e solide e poi abbiamo una sezione che si è chiamata Relazioni e funzioni, proprio per il discorso prima che faceva il collega, di un discorso di assi culturali; in realtà è quella che noi chiamiamo algebra e poi abbiamo misure, dati e previsioni. Qual è invece il dominio cognitivo? Il dominio cognitivo è soprattutto costituito dalla capacità di eseguire algoritmi, sia di routine, che non di routine; sono considerati di routine l eseguire un'operazione, una moltiplicazione; calcolare un'area; calcolare un volume; non sono di routine quando il problema non è più in forma matematica, ma c è la necessità prima di passare da una problematica a un problema di tipo matematico. È costituito poi dall'uso di linguaggi specifici e soprattutto una certa sensibilità numerica e geometrica. Per quanto riguarda invece il fascicolo 2, che è la valutazione in italiano, la scelta che si è fatta, anche perché non poteva essere altrimenti, in quanto una delle prove della scuola era proprio il tema, quindi il saggio, è stato quello di suddividere in due parti la sezione di valutazione in italiano, una riguarda la comprensione della lettura, quindi la prova della scuola riguarda la scrittura; la prova nazionale riguarda la comprensione della lettura. Quindi si ha un breve testo, una pagina seguita da 15 quesiti sul testo stesso; poi vi è una sezione a parte ed è stato deciso di farla a parte proprio per le osservazioni che avevo avuto durante le indagini SNV, in cui i quesiti di conoscenza

4 del primo ciclo di istruzione grammaticali erano ricercati nel testo stesso. La critica che molti insegnanti mi avevano fatto è che questo interrompeva la comprensione del testo stesso e quindi consigliavano di fare una sezione a parte di conoscenze grammaticali. Nella prova nazionale ho fatto proprio una sezione a parte di conoscenze grammaticali, che poi sono una riflessione sulla lingua, molto simile agli esercizi che si fanno quotidianamente a scuola e quindi non c è nulla di particolare. Anche qui ci sono due i tipi di quesiti: i quesiti a scelta multipla e i quesiti a breve risposta aperta. Per quanto riguarda la comprensione del tasto, i quesiti a risposta aperta ricercano un informazione contenuta nel testo stesso; quindi gli studenti devono andare sul testo stesso a ricercare l'informazione che gli viene chiesta. Per quanto riguarda invece le conoscenze grammaticali, sono a completamento o a riconoscimento; completamento significa che gli si chiede di inserire una forma verbale all'interno di una frase; a riconoscimento significa che gli si chiede, ad esempio, che tipo di complemento è, ponendogli diversi tipi di complemento. Se non sono stata chiara nelle domande mi stimolate. Quali caratteristiche ha il testo? Il testo è di una pagina e si è deciso di prendere un testo narrativo, perché nel SNV quello che viene sempre fuori è che se si ha un testo narrativo e un testo espositivo, gli studenti vanno tradizionalmente in Italia meglio nel testo narrativo. Si è deciso allora di scegliere un testo narrativo, originariamente in italiano, quindi significa che è un testo non tradotto, quindi di un autore italiano non conosciuto nella scuola, perché un altro dei grandi problemi è che è una comprensione della lettura, il che significa che il testo non deve essere noto altrimenti uno risponde non per quello che ha letto e compreso del testo, ma rispetto a quelle che sono i ricordi. È un testo narrativo di un certo spessore, per questo è quello che si dice un testo letterario, di un autore contemporaneo, è un racconto breve e quindi è presentato nella sua interezza senza tagli, è di immediata fruizione e quindi abbastanza semplice la storia, ma anche denso di significato per permettere 15 domande e soprattutto è dal contenuto accattivante. Uno dei problemi del Ministro Fioroni era che il racconto non fosse lacrimevole; non si sa bene perché ma c'è una certa tendenza da parte degli autori INVALSI sempre di proporre anche racconti non molto allegri. Per quanto riguarda la valutazione, si è partiti, anche qui, come per quanto riguarda la matematica, da un confronto degli OSA e delle indicazioni per il curricolo; si è tenuto conto delle indagini internazionali, in particolare delle indagini IEA PIRLS, che sono proprio sulla comprensione della lettura, e soprattutto sulla prassi didattica. Vediamo sulla parte A) quali sono gli ambiti che vengono presi in considerazione. Viene presa in considerazione la comprensione locale e globale del testo, quindi questo significa riconoscimento di informazioni già inserite nel stesso, alcune esplicite, altre implicite, che debbono essere tratte dal testo stesso. In quasi tutti i quesiti ci sono poi le indicazioni delle righe a cui riferirsi nel testo, per poter rispondere con una certa facilità. È quindi importante ricalcare nelle indicazioni, nelle istruzioni agli studenti la necessità di ritornare più volte sul testo per rispondere. C è poi l organizzazione logico-semantica e poi il lessico, sempre inteso all'interno del testo. La parte B concerne invece la riflessione sulla lingua, le cosiddette conoscenze grammaticali. Queste vertono essenzialmente su due ambiti, uno che riguarda le parti del discorso, quindi il nome, il verbo, l'avverbio, l'aggettivo, il pronome, le congiunzioni, che sono prassi quotidiana; l'altro ambito riguarda l'organizzazione logica dentro la frase e oltre la frase. Come è organizzata la prova? A tutt'oggi la prova è fissata per il 17 giugno, anche se tutti si è consapevoli del fatto che la domenica e il lunedì precedente alla prova, in Sardegna e in Sicilia, ci sono le elezioni regionali, per cui probabilmente questa data può essere anticipata, posticipata o rimanere tale e quale. Questo nodo non è stato sciolto per cui per adesso la prova è il 17 giugno. Ho aggiunto qualcosa in più rispetto a quello che altre volte ho presentato, perché ho cominciato ad indicare quelle che saranno poi le istruzioni rivolte alla Commissione per la somministrazione della prova. Intanto è necessario che il Presidente della Commissione, o un suo delegato, illustri la prova agli studenti, informando gli studenti sul significato della prova e sull'importanza che la prova riveste in quanto è uno strumento per lo studente per conoscere le proprie capacità, in modo abbastanza disteso, in modo da motivare gli studenti stessi. Uno dei problemi grossi, che l Italia ha nelle indagini internazionali, riguarda proprio il fatto che gli studenti non sono motivati, per cui preferiscono non rispondere ed andare avanti; invece è da far capire che è importante rispondere, non tanto per il voto, o per il giudizio, ma quanto per conoscere le proprie capacità rispetto a un qualcosa che non è noto prima; quindi è una prova a cui lo studente è posto di fronte. È anche da precisare che gli interventi degli insegnanti, che fanno assistenza, sono soprattutto limitati a chiarire le modalità di risposta; non possono intervenire a dare

5 del primo ciclo di istruzione suggerimenti su come rispondere; questo è estremamente importante. È chiaro che le commissioni dovranno dare un valore a questa prova; il valore che danno a questa prova dipende da come l avranno somministrata ed è quindi estremamente importante attenersi ad un minimo di rigore nella somministrazione. Non so se suggerirò anche che assistenza ad italiano sia fatta da un insegnante non di italiano o viceversa; anche perché questo può essere solo un suggerimento, perché come sapete le commissioni godono di una loro autonomia. L INVALSI può solo suggerire in questo caso. Va definito che non si possono usare il vocabolario per quanto riguarda la prova di comprensione della lettura e l'uso della calcolatrice per quanto riguarda quello della matematica. Per alcune categorie di studenti è consentito l'uso di questi strumenti. Il tempo di somministrazione è di un ora per fascicolo. È escluso il tempo di consegna del fascicolo e di lettura delle istruzioni. Le istruzioni sono riportate identiche su ambedue i fascicoli, ma vanno lette una volta sola, ad inizio della prova; sono riportate anche nel secondo fascicolo perché lo studente potrebbe avere necessità di andare a rivederle. La modalità di somministrazione è abbastanza semplice. Viene consegnato individualmente, ad ogni studente, il fascicolo 1; vengono lette da parte degli insegnanti le istruzioni; possono essere date delle spiegazioni sulle istruzioni ed è importante che lo studente risponda in modo che sia comprensibile per la commissione che dovrà correggere la prova. Finita la lettura delle istruzioni, si dà inizio alla prova e da questo momento decorrono i 60 minuti. Alla conclusione dei 60 minuti va ritirato il fascicolo 1, si é prevista una pausa, che può essere di norma 15 minuti, ma è a discrezione della commissione, perché mi sembra un po' esagerato che ci mettiamo a discutere sui minuti della pausa. Dopodiché viene consegnato il fascicolo 2, non vengono rilette le istruzioni; si può decidere - molto probabilmente deciderò - di lasciare 5 minuti perché lo studente rilegga velocemente le istruzioni, dopodiché di nuovo un'ora, l insegnante dà il segnale di procedere e da quel momento decorre un ora per il fascicolo 2. Quindi fine della prova. Tra una cosa e un'altra dovete calcolare che circa due ore e mezza, due ore e tre quarti vanno via. Qui non ho riportato più questa parte, perché mi sembrava superata e conosciuta da tutti, l INVALSI fornirà ai provveditorati le prove in cartaceo per ogni istituzione scolastica; quindi ogni istituzione scolastica avrà il suo pacco sigillato che contiene le prove per tutte le sezioni di classe terza che fanno l esame di Stato, questo per quanto riguarda la prova del 17 giugno. Diversa è stata la scelta per le prove suppletive. Poiché non si conosce il numero di candidati per le prove suppletive, ma comunque giudicato dal Ministero poche centinaia di candidati, si è deciso di fare una prova; invece di inviare i fascicoli in cartaceo, anche perché non si farebbe in tempo, si é deciso di utilizzare una modalità telematica. Spero che in futuro, anche per le prove normali, sia utilizzata la modalità telematica perché risolverebbe molti problemi organizzativi. Modalità telematica significa che le scuole che hanno candidati ammalati si collegano la mattina del 27 giugno con l INVALSI, utilizzando il codice meccanografica della scuola e la password che hanno utilizzato per riconfermare i dati e dalle ore otto possono stampare loro stessi le prove, i due fascicoli da somministrare. Naturalmente viene anche fornita agli uffici scolastici regionali e ai provinciali per via telematica perché vi potrebbe essere per qualche scuola qualche problema. Come si corregge la prova? I criteri di come valutare la prova sono stabiliti dalla commissione; quello che invece fornisce l INVALSI è una griglia di correzione, cioè una griglia che si usava anche ai tempi del SNV, quesito per quesito vi saranno le etichettature, ad esempio se si tratta di matematica, quali sono i contenuti e accanto cosa è considerato corretto e cosa invece è considerate errato. Il valore da attribuire alla prestazione dell alunno è in senso di punteggio, è in punteggio grezzo: 0, 1, 2 al massimo, per matematica e anche per italiano in certe condizioni. La correzione della prova deve essere collegiale, come per tutte le altre prove, a cura dei commissari, secondo un calendario fissato nella seduta di insediamento. La griglia di correzione verrà fornita dall INVALSI in tarda mattinata, così ha stabilito il Ministero della Pubblica Istruzione. Qui ho riportato un esempio di griglia di correzione. Qui c'è il numero del quesito, i quesiti di matematica hanno una C perché inizialmente matematica era posizionata dopo italiano, poi io ho voluto richiamare i quesiti C, mentre per quanto riguarda l'italiano abbiamo una A e una B, la A corrisponde alla comprensione della lettura, la B corrisponde alle conoscenza grammaticali. Questo è un pezzo di griglia di correzione ripresa da un esempio. È abbastanza banale, bisogna contare i triangolini, e scrivere quanti sono i triangolini per la figura tre, mentre per la figura quattro c'è una regola e quindi bisogna utilizzare la regola, capire come si sono generati i triangolini. Vengono assegnati zero punti se almeno una delle risposte è sbagliata, il che significa zero punti se ambedue sono sbagliate e se una è sbagliata; un punto se indicano il numero corretto di triangolino. Per quanto riguarda B, si chiedeva nella settima figura quant era il numero dei triangolini, quindi viene assegnato

6 del primo ciclo di istruzione un punto se la risposta corretta, zero punti per tutte le altre risposte. Naturalmente se si avesse una lettera C, in cui si chiede la generalizzazione della risposta, anche lì ci sarebbe un punteggio a seconda di quello che viene richiesto. Cosa va restituito all INVALSI? La restituzione dei dati è un altro argomento spinoso. Istruzioni particolareggiate saranno poi poste sul sito dell INVALSI e anche all'interno del pacco. Sicuramente non va restituito all INVALSI il nome e cognome degli studenti, perché l INVALSI non è interessato al nome e cognome degli studenti; quello che va restituito all INVALSI è la risposta di ogni singolo studente ovvero la compilazione di un modulo risposta da parte della commissione durante la correzione. Poiché i fascicoli, essendo prova d esame, devono rimanere alla scuola si è pensato allora di fare un foglio risposta, molto semplice, già predisposto dall INVALSI, non con il nome e cognome dello studente, ma semplicemente con un numero progressivo e con la classe, quindi accoppiamento numero progressivo e studente a cura della commissione. Tutti i dati sono a conoscenza della scuola, per l INVALSI i singoli studenti sono rappresentati da dei numeri, 01, 02, 03,, che poi hanno poco significato perché, rispetto alla prima versione, adesso ho pensato di mettere sia le risposte del primo fascicolo, che del secondo fascicolo, sullo stesso foglio in maniera che così l'accoppiamento fascicolo uno - fascicolo due sia estremamente semplice da parte di tutti. Nella parte superiore del fascicolo ci sono soltanto alcune informazioni di sfondo, del tipo il candidato interno o esterno, il candidato risponde alla prova normale o alla prova personalizzata; questo perché se risponde alla prova personalizzata il modulo non va compilato ma va lasciato in bianco. Viene indicato il sesso del candidato, se maschio o femmina e poi l'anno di nascita del candidato. Siccome i moduli verranno forniti prima, saranno scaricabili dal sito dell INVALSI a partire dal 31 maggio 2008, alcune informazioni possono essere riportate a cura della segreteria stessa, per cui il lavoro da parte della commissione è quello di trascrivere soltanto le singole risposte, A,B,C,D per quanto riguarda le risposte chiuse; 0,1,2 la valutazione data dalla commissione per quanto riguarda le risposte aperte. Dopo di che i fogli risposta vengono raccolti dalla commissione e vengono rispediti all INVALSI stesso. Io avrei visto questa modalità in una modalità di tipo telematico, perché era molto più semplice per tutti, però altre considerazioni circa le segreterie delle varie scuole hanno consigliato, ancora per quest'anno, di usare una modalità cartacea. Quali sono le attività di preparazione? Tutte le istituzioni per avere il numero giusto di fascicoli uno e due debbono verificare i propri dati che sono già presenti su un data base dell INVALSI. La Campania per il 94% lo ha già fatto. Sono presenti ancora esempi, sia per quanto riguarda esempi di prova, sia per quanto riguarda esempi di prova per gli studenti disabili. È presente sia sul sito del ministero, che su quello dell INVALSI, un sistema di FAQ che abbiamo costruito da una serie di domande che abbiamo sempre ricevuto. Molti sono stati i quesiti sulla somministrazione e soprattutto sulle modalità di somministrazione per alcune categorie di studenti. Su 662 scuole medie hanno riconfermato 639, questi dati sono di venerdì alle ore 17, speriamo che anche i pochi altri riconfermino in modo da avere per tutti il pacco confezionato in modo giusto, soprattutto per quanto riguarda i candidati esterni. Vado adesso nel particolare perché tante sono state le domande per quanto riguarda le prove a cui devono sottostare alcune categorie di alunni. La prova è obbligatoria per tutti gli alunni ammessi all esame, anche per quelli con cittadinanza non italiana; la prova è la stessa per tutti. Per gli alunni con dislessia o altri disturbi specifici di apprendimento la prova è la stessa, ma il tempo di somministrazione può essere più lungo. La lunghezza del tempo di somministrazione dipende dalla commissione e quindi dipende dagli insegnanti, che conoscono lo studente e quindi sanno di quanto tempo ha necessità. Lo studente o la studentessa può usare per rispondere alla prova la strumentazione cosiddetta compensativa, in alcuni casi è l'uso del vocabolario, in altri è l'uso della calcolatrice. Per questa categoria di studenti è consentita. Per gli studenti con disabilità psichica riconosciuta che seguono il Piano Educativo Individualizzato, che hanno quindi PEI, la prova deve essere messa a punto da parte della sottocommissione, quindi significa che gli insegnanti di classe, in particolare aiutati dall insegnante di sostegno, debbono preparare una prova da sottoporre allo studente, la quale può non essere uguale alla prova nazionale, in quanto gli insegnanti non la conoscono e quindi devono pensare loro, in base al PEI, a costruire una prova che sia bene localizzata all'interno del PEI stesso, quindi deve essere qualche cosa che sta all'interno del percorso educativo dello studente stesso. Noi abbiamo messo in rete tutte le prove che erano state costruite per l SNV per un discorso analogo; poi raccoglieremo, questo sempre maniera libera da parte delle scuole,

7 del primo ciclo di istruzione esempi, cioè modelli di prove che loro hanno dato quest'anno per aumentare la banca di prove come esempi da fornire alle scuole. Per gli studenti con disabilità visiva poiché l INVALSI fornisce sia le prove in Braille, che le prove ingrandite se richieste dalla scuola, sono state indicate all atto della riconferma dei dati. Anche in questo caso il tempo, soprattutto per chi utilizza il braille, deve essere più lungo; deve essere la commissione che stabilisce il tempo in base alla strumentazione che viene utilizzata dal disabile visivo. Per gli adulti, siano questi compresi nei centri territoriali, che nella scuola media normale, in prima applicazione non vengono sottoposti alla prova nazionale. Gli alunni di lingua non italiana rispondono alla prova nazionale e i livelli raggiunti debbono essere opportunamente valutati dalle commissioni, in quanto i risultati di questi studenti possono servire per programmare interventi mirati di sostegno o di recupero o di potenziamento in vista del secondo ciclo. Cosa restituisce l INVALSI alle scuole? Restituisce sicuramente alcuni dati che non hanno una validità statistica in quanto la somministrazione non è controllata, ma hanno una validità soprattutto per la scuola come confronto fra la sua realtà e la realtà che la circonda; quindi restituirà un riferimento provinciale; un riferimento regionale e un riferimento nazionale in modo da potersi confrontare con altre realtà del proprio territorio. Si parla anche che l INVALSI sorteggi un campione in modo che in quel campione il Ministero garantisca anche la somministrazione, in modo che siano più affidabili i riferimenti. Non so se questo avverrà, perché le cose cambiano in continuazione. Un'altra cosa che l INVALSI invece vorrebbe fare, perché sollecitata da alcune scuole medie, ma anche questo è ancora in forse, è quella di costruire un piccolo applicativo da mettere a disposizione delle scuole stesse, che permetta rapidamente il calcolo del punteggio e soprattutto la possibilità di confrontare l andamento di una classe con l'andamento di un'altra classe, in maniera da avere un ritorno immediato per gli insegnanti stessi. Questo è un confronto interno, mentre quello che vi dicevo sopra è un confronto esterno. Con questo, avrei finito.

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato n.1 (Prova di ammissione per i corsi di laurea e laurea magistrale cui agli articoli 2, 4, 5 e 6 ) 1. Il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca si avvale del CINECA Consorzio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE COPYRIGHT 2008 PROCTER & GAMBLE CINCINNATI, OH 45202 U.S.A. AVVERTENZA: Tutti i diritti riservati. Questo opuscolo non può essere riprodotto in alcun

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

D.S. Agostino Miele 1

D.S. Agostino Miele 1 SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE D.S. 1 Indice La Commissione d esame La procedura di ammissione Il credito scolastico L esame Le prove d esame La prima prova scritta La seconda prova scritta La terza prova

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO XII DI VERONA NUCLEO DI SUPPORTO ALL ESAME DI STATO L ESAME DI STATO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO XII DI VERONA NUCLEO DI SUPPORTO ALL ESAME DI STATO L ESAME DI STATO UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO XII DI VERONA NUCLEO DI SUPPORTO ALL ESAME DI STATO L ESAME DI STATO a cura di Marcello Schiavo A.S. 2011/2012 1 NUCLEO DI SUPPORTO ALL ESAME

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici

Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici Ogni qual volta si effettua una raccolta di dati di tipo numerico è inevitabile fornirne il valore medio. Ma che cos è il valore

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

RILEVAZIONI NAZIONALI SUGLI APPRENDIMENTI 2011 12

RILEVAZIONI NAZIONALI SUGLI APPRENDIMENTI 2011 12 0 RILEVAZIONI NAZIONALI SUGLI APPRENDIMENTI 2011 12 Il quadro di sistema La rilevazione degli apprendimenti nelle classi II e V primaria, nelle classi I e III (Prova nazionale) della scuola secondaria

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli