FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO"

Transcript

1 FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO MAGGIORAZIONI Maggiorazione notturna comunicazione a ore % tariffa oraria EVENTO spetta al dipendente che effettua una prestazione lavorativa eccezionalmente nella fascia oraria 22.00/6.00, ma senza aumento dell orario settimanale di 36 ore (6 ore giornaliere ). Oppure al dipendente che ORDINARIAMENTE presta servizio nella fascia oraria notturna o in parte di essa. RIFERIMENTO NORMATIVO art comma ccnl 14/9/2000 ( lavoro ordinario notturno o festivo ) art comma lett. b) CCNL 9/5/2006 Maggiorazione festiva comunicazione a ore % tariffa oraria EVENTO ha la stessa logica della precedente ed anche la stessa maggiorazione; la differenza sta nel fatto che spetta al dipendente che effettua una prestazione lavorativa ORDINARIAMENTE di domenica nella fascia oraria diurna. e riposa al lunedi (es.: custode ). Quindi la prestazione nella giornata festiva avviene senza il superamento dell orario di 36 ore settimanali. RIFERIMENTO NORMATIVO art comma ccnl 14/9/2000 ( lavoro ordinario notturno o festivo ) art comma lett. b) CCNL 9/5/2006

2 Maggiorazione notturna e festiva (comunicazione ore) + 30% tariffa oraria EVENTO ha la stessa logica delle due voci precedenti, ma ha una maggiorazione piu alta perché spetta al dipendente che effettua la prestazione lavorativa ordinariamente nella fascia fra le e le o fra le e le 6.00 della domenica, e riposa al lunedì. Anche in questo caso la prestazione nella giornata festiva e durante la fascia notturna, avviene nell ambito del normale orario di 36 ore settimanali. RIFERIMENTO NORMATIVO art comma ccnl 14/9/2000 ( lavoro ordinario notturno e festivo ) art comma lett. b) CCNL 9/5/2006 Maggiorazione festivo art.24 comunicazione a ore % tariffa oraria EVENTO spetta al dipendente che per particolari esigenze di servizio non usufruisca del riposo festivo settimanale ( è diversa quindi dalla voce 300 ). Deve quindi essere corrisposto un numero di ore di maggiorazione quante sono le ore di servizio festivo prestate, ed effettuato il riposo compensativo per altrettante ore. RIFERIMENTO NORMATIVO art comma CCNL 14/9/2000, come modificato dall art. 14 del CCNL del 5/10/2001. art comma lett. b) CCNL 9/5/2006 2

3 TURNO Turno diurno Turno notturno o festivo Turno notturno e festivo EVENTO Prestazione del servizio secondo turni giornalieri di lavoro. Il turno consiste in una effettiva rotazione del personale in prestabilite articolazioni giornaliere. Le prestazioni lavorative svolte in turnazione, ai fini della corresponsione della relativa indennità, devono essere distribuite nell arco del mese, in modo tale da far risultare una distribuzione equilibrata e avvicendata dei turni effettuati in orario antimeridiano, pomeridiano e, se previsto, notturno, in relazione alla articolazione adottata nell ente. I turni diurni, antimeridiani e pomeridiani, possono essere attuati in strutture operative che prevedano l erogazione di un servizio giornaliero di almeno 10 ore. I turni notturni (tra le 22 e le 6 del mattino ) non possono essere superiori a 10 nel mese, facendo comunque salve le eventuali esigenze eccezionali o quelle derivanti da calamità o eventi naturali. L indennità sarà corrisposta se vengono osservate le regole generali suddette. MODALITA DI CALCOLO Il riconoscimento dell indennità di turno si realizza quando in un mese standard di 26 giornate lavorative, il numero dei turni pomeridiani e/o notturni è pari almeno a 9: quando il numero delle giornate lavorate è inferiore a 26 - in quanto ci sono delle giornate di assenza - il numero dei turni pomeridiani viene proporzionalmente ridotto con arrotondamento all unità inferiore. In questo caso la distribuzione dei turni si ritiene equilibrata e l indennità di turno viene erogata per tutte le ore lavorate nel mese. Se non viene raggiunto il rapporto suddetto saranno retribuite con l indennità di turno solo le ore di effettiva rotazione dei turni tra antimeridiani, pomeridiani e notturni. Le Unità Organizzative nelle quali si effettua la prestazione lavorativa secondo turni con un orario di servizio di almeno 10 ore lavorative sono le seguenti: 3

4 Polizia Municipale Museo di Storia Naturale Musei di Arte Antica Informagiovani Biblioteca Ariostea Uffici giudiziari Servizio affari generali assistenza organi Scuole Materne Servizi infrastrutture, edilizia, mobilità (operai) Servizio mobilità e traffico (Musa) RIFERIMENTO NORMATIVO Art. 22 del CCNL del 14/9/2000 art comma lett. c) CCNL 9/5/2006 C.C.D.I. del Comune di Ferrara ADEMPIMENTO L indennità di turno deve essere gestita automaticamente dal modulo di gestione delle presenze/assenze. 4

5 REPERIBILITA Reperibilità feriale Reperibilità feriale maggiorata Reperibilità festiva Reperibilità festiva maggiorata L indennità di reperibilità non spetta per tutte le ore di chiamata in servizio per le quali spetta invece lo straordinario. Per periodi giornalieri inferiori a 12 ore e superiori a 4 spetta una maggiorazione del 10% della tariffa. Non spetta l indennità per periodi inferiori a quattro ore. EVENTO Il dipendente deve rimanere presso la propria residenza, od altro recapito in cui - può essere raggiungibile telefonicamente per tutto il periodo della reperibilità ; - In caso di chiamata in servizio il dipendente deve essere presente sul posto entro mezz ora dalla chiamata stessa. Quindi, il n. di ore di reperibilità retribuite, vengono ridotte in corrispondenza del n. di ore straordinarie prestate. Servizi dove è istituita la reperibilità: Polizia Municipale Museo di Storia Naturale Musei di Arte Antica U. O. Manifestazioni Culturali: gestione sale Biblioteche Autisti di rappresentanza Protezione civile e Ambiente Servizio interventi sociali Servizi infrastrutture, edilizia, mobilità (operai) Turni di Reperibilità previsti: intera giornata, 24 ore feriale e festiva dalle alle 8.00 dalle alle dalle alle dalle alle dalle alle dalle alle

6 RIFERIMENTO NORMATIVO Art. 23 del CCNL del 14/9/2000 C.C.D.I. del Comune di Ferrara ADEMPIMENTO L indennità di reperibilità deve essere gestita automaticamente dal modulo di gestione delle presenze/assenze. 6

7 RISCHIO indennità di rischio EVENTO Viene corrisposta ai dipendenti che effettuano prestazioni di lavoro che comportano continua e diretta esposizione a rischi pregiudizievoli per la salute e l integrità personale. Spetta solo in caso di presenza in servizio: non sarà quindi erogata in tutti i casi di assenza per malattia, maternità, permessi, infortunio. RIFERIMENTO NORMATIVO Art. 37 CCNL 14/9/2000 Art. 41 CCNL 22/1/2004 C.C.D.I. del Comune di Ferrara ADEMPIMENTO L indennità di rischio deve essere gestita in funzione delle mansioni effettivamente svolte o come integrazione stipendiale individuale, per le giornate di effettivo servizio. 7

8 INDENNITA DI MANEGGIO VALORI Indennita di maneggio valori EVENTO Spetta ai dipendenti agenti contabili che maneggiano valori, in base al numero di giornate di servizio effettivo, ed in proporzione all importo medio mensile maneggiato. RIFERIMENTO NORMATIVO Art. 36 CCNL 14/9/2000 C.C.D.I. del Comune di Ferrara ADEMPIMENTO Voce variabile da inserire periodicamente. 8

9 DISAGIO Indennità di disagio Indennità di disagio nido/integrazione EVENTO Spetta ai dipendenti per compensare l esercizio di attività particolarmente disagiate, ed in base al numero di giornate di servizio effettivo. La contrattazione collettiva di livello nazionale prevede all art. 17, comma 2, lettera e), del CCNL del , che possano essere erogate indennità al personale appartenente alle categorie A, B e C per compensare l esercizio di attività svolte in condizioni particolarmente disagiate. L indennità di disagio è rivolta alla ristorazione del pregiudizio relativo alla particolare condizione di difficoltà e disagio che contraddistingue una prestazione lavorativa resa con modalità operative che danno luogo ad un particolare onere, ad uno specifico peso nel loro svolgimento, con valutazione assoluta o, più generalmente,comparativa in relazione ad altre posizioni lavorative. L indennità di disagio è riconosciuta per l importo di 8,75 per giornata di effettiva presenza e di effettivo disagio al personale sottoelencato: agli istruttori di Polizia e agli operatori comunali di mobilità del Corpo di Polizia Municipale; ai dipendenti del Settore OO.PP. e Mobilità che svolgono attività all esterno (manutenzione alla segnaletica orizzontale e verticale, bitumazione); agli autisti facenti capo al Gabinetto del Sindaco e al Settore Attività Culturali, per gli spostamenti effettuati fuori provincia per le funzioni di rappresentanza; agli autisti facenti capo al Gabinetto del Sindaco e al Settore Attività Culturali, per i trasporti speciali e per quelli che prevedano la movimentazione dei carichi, anche all interno del perimetro provinciale; ai tecnici allestitori di mostre del Settore attività culturali, per la movimentazione dei carichi. per l importo di 3,00 per giornata di effettiva presenza e di effettivo disagio al personale sottoelencato: ai messi del Servizio Affari Generali e delle Circoscrizioni; agli istruttori tecnici ed esecutori dei Servizi Tributari per l attività di accertamento svolta all esterno ai vigili informatori del Corpo di Polizia Municipale; alle insegnanti comunali con mansioni di educatrice di nido. Al personale coinvolto nel servizio relativo allo svolgimento dei matrimoni civili nelle giornate festive: agli ufficiali di stato civile ai commessi 9

10 Agli insegnanti comunali con mansioni di educatori di integrazione scolastica e familiare in riferimento alle ore mensili di attività didattica l importo dell indennità disagio è pari a: 30,00 da 24 a 47 h./mensili 50,00 da 48 a 71 h./mensili 70,00 da 72 a 95 h./mensili 90,00 da 96 a 119 h./mensili 110,00 oltre 120 h./mensili; Il disagio non è cumulabile né con l indennità di turno (salvi i casi di servizi esterni svolti con orario differenziato per il quale spetti l indennità di turno) né con l indennità di rischio (salvi i casi di servizi esterni in cui le prestazioni effettive diano titolo al riconoscimento anche dell indennità di rischio). RIFERIMENTO NORMATIVO Art c lett. e ) CCNL C.C.D.I. del Comune di Ferrara ADEMPIMENTO L indennità di disagio per l importo di 8,75 e per l importo di 3,00 deve essere gestite automaticamente dal modulo di gestione delle presenze/assenze. Verrà inserita come variabile per gli educatori di integrazione scolastica e per i matrimoni. 10

11 INDENNITA DI ASILO NIDO indennità di asilo nido EVENTO L indennità di asilo nido è riconosciuta agli insegnanti comunali che svolgono la mansione di educatori di nido E erogata solo per l effettivo svolgimento delle mansioni e solo per i giorni di effettivo servizio. RIFERIMENTO NORMATIVO art. 31 comma 7 del CCNL del 14/9/2000 C.C.D.I. del Comune di Ferrara NON VIENE CORRISPOSTA NEI MESI DI LUGLIO E AGOSTO ADEMPIMENTO L indennità di asilo nido deve essere gestita in funzione delle mansioni effettivamente svolte e delle giornate effettive di servizio 11

12 INDENNITA DI TEMPO POTENZIATO indennità di tempo potenziato EVENTO L indennità di tempo potenziato è riconosciuta agli insegnanti comunali che svolgono la mansione di educatori di scuola materna E erogata solo per l effettivo svolgimento delle mansioni e solo per i giorni di effettivo servizio. RIFERIMENTO NORMATIVO art. 37 comma 2 - del CCNL del C.C.D.I. del Comune di Ferrara NON VIENE CORRISPOSTA NEI MESI DI LUGLIO E AGOSTO ADEMPIMENTO L indennità di tempo potenziato deve essere gestita in funzione delle mansioni effettivamente svolte e delle giornate effettive di servizio 12

13 INDENNITA PROFESSIONALE PER GLI INSEGNANTI DELLA SCUOLA MATERNA E NIDO indennità professionale incremento indennità professionale EVENTO Spetta agli insegnanti comunali che svolgono effettivamente la mansione. RIFERIMENTO NORMATIVO Art. 37 comma 1 lett. C) e D) del CCNL Art. 6 CCNL ADEMPIMENTO L indennità professionale deve essere gestita in funzione delle mansioni effettivamente svolte e non è influenzata dalle assenze di servizio. 13

14 INDENNITA PROFESSIONALE PER L AREA DI VIGILANZA indennità di vigilanza senza qualifica di p.s. indennità di vigilanza con qualifica di p.s. EVENTO Spetta al personale dell area vigilanza che svolge effettivamente l attività RIFERIMENTO NORMATIVO Art. 37 comma 1 lett. a) e b) del CCNL Art. 16 CCNL ADEMPIMENTO L indennità di vigilanza deve essere gestita in funzione delle mansioni effettivamente svolte e non è influenzata dalle assenze di servizio. 14

15 INDENNITA PERSONALE NON VEDENTE Indennità centralinista non vedente EVENTO Spetta a tutti i centralinisti non vedenti occupati in base alle norme relative al loro collocamento obbligatorio, ai quali è corrisposta una "indennità di mansione". RIFERIMENTO NORMATIVO Art. 9 legge 113 del 1985 ADEMPIMENTO Voce variabile da inserire periodicamente. 15

16 LAVORO STRAORDINARIO lavoro straordinario diurno lavoro straordinario notturno o festivo Lavoro straordinario notturno-festivo lavoro straordinario diurno assistenza organi lavoro straordinario notturno o festivo assistenza organi Lavoro straordinario notturno-festivo assistenza organi lavoro straordinario diurno eventi imprevedibili lavoro straordinario notturno o festivo eventi imprevedibili lavoro straordinario notturno-festivo eventi imprevedibili EVENTO Spetta a tutti i dipendenti che effettuano prestazioni lavorative oltre le 36 ore settimanali di servizio. Deve essere gestito per le tipologie suddette. RIFERIMENTO NORMATIVO Art. 14 CCNL art e 5 comma CCNL 14/9/2000 ADEMPIMENTO Lo straordinario deve essere gestito a livello di BUDGET su almeno 4 livelli: Ente, Settore, Servizio, Unità Operativa/Ufficio. Per ogni livello deve essere possibile stabilire un tetto sia in ore che ad importo che automaticamente blocchi il pagamento delle ore/importi eccedenti. Deve essere possibile stabilire per i dipendenti un tetto alle ore. 16

17 STRAORDINARIO ELETTORALE / EVENTI ECCEZIONALI / PERSONALE COMANDATO / CENSIMENTO GENERALE lavoro straordinario diurno elezioni lavoro straordinario notturno o festivo elezioni Lavoro straordinario notturno-festivo elezioni lavoro straordinario diurno eventi eccezionali lavoro straordinario notturno o festivo eventi eccezionali lavoro straordinario notturno-festivo eventi eccezionali lavoro straordinario diurno personale comandato lavoro straordinario diurno censimento generale EVENTO Spetta a tutti i dipendenti che effettuano prestazioni durante i periodi elettorali o referendari per i quali il Comune di Ferrara deve rendicontare la spesa a terzi; per eventi straordinari eccezionali o calamità naturali, per i dipendenti comandati presso altre Amministrazioni e per lo straordinario per le attività del censimento generale. RIFERIMENTO NORMATIVO art. 39 CCNL 14/9/2000 ADEMPIMENTO Lo straordinario deve essere gestito fuori budget. 17

18 INDENNITA PER SPECIFICHE RESPONSABILITA Indennita art. 17 c.2 lett. F) del CCNL del 1/4/1999 Indennita art. 17 c.2 lett. I) del CCNL del 1/4/1999 Indennità specifiche responsabilità art.17 c.2 lett.f Indennità specifiche responsabilità art.17 c.2 lett.i EVENTO Il riconoscimento è finalizzato a compensare specifiche responsabilità affidate al personale, previste e riconosciute volta per volta dal CCDI. RIFERIMENTO NORMATIVO art. 17 c.2 lett.f CCNL come modificato dall art. 7 comma 1 del CCNL del 9/5/2006 C.C.D.I. del Comune di Ferrara ADEMPIMENTO L indennità verrà gestita nei dati retributivi individuali. Non è influenzata dalle assenze dal servizio. 18

19 COMPENSI PREVISTI DALL ART. 15, COMMA 1, LETT. K DEL CCNL DEL 1/4/1999 Compensi Istat Compensi Censimento Incentivi vigilanza ediliza Incentivi progettazione art. 92 Dlgs. 163/2006 Compenso recupero imposte e tasse Art. 59 D.Lgs. 446/97 Compensi Avvocatura RIFERIMENTO NORMATIVO Specifiche disposizioni di legge. ADEMPIMENTO Voce variabili da inserire periodicamente. 19

20 PRODUTTIVITA DIPENDENTI produttività produttività progetti produttività art comma RIFERIMENTO NORMATIVO art. 17 c.2 lett. A CCNL C.C.D.I. del Comune di Ferrara ADEMPIMENTO Voci variabili da inserire periodicamente. 20

21 RETRIBUZIONE DI RISULTATO PER DIRIGENTI, POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ALTE PROFESSIONALITA, SEGRETARIO GENERALE retribuzione di risultato dirigenti retribuzione di risultato posizioni organizzative e alte professionalità retribuzione di risultato Segretario Generale ADEMPIMENTO Voce variabili da inserire periodicamente. 21

22 DIRITTI DI SEGRETERIA SEGRETARIO GENERALE E VICESEGRETARIO Diritti di segreteria RIFERIMENTO NORMATIVO Art. 41 ultimo comma legge 11/7/1980 n. 312 ADEMPIMENTO Voce variabile da inserire periodicamente. 22

23 INDENNITA DI MANCATO PREAVVISO DESCRIZIONE.TIPOLOGIA DI VOCI RETRIBUTIVE. Indennità di mancato preavviso RIFERIMENTO NORMATIVO Art. 39 CCNL , sostituito dall art. 7 del CCNL , per il tempo indeterm., come sostituiti dall 1/1/2004 dall art. 12 CCNL 9/5/2006. ADEMPIMENTO Voce variabile da inserire periodicamente. 23

24 INDENNITA FERIE NON GODUTE DESCRIZIONE TIPOLOGIA DI VOCI RETRIBUTIVE. Indennità ferie non godute RIFERIMENTO NORMATIVO Art.18 del CCNL del Art.39 del CCNL del Art.10 del CCNL del ADEMPIMENTO L indennità deve essere calcolata dalla procedura in base al numero dei giorni di ferie che vengono inseriti dall operatore 24

25 SALARIO ACCESSORIO IMPONIBILE AI SOLI FINI PREVIDENZIALI E FISCALI COMPENSO NOTIFICHE MESSO DEL GIUDICE DI PACE Compenso notifiche messo Giudice di pace EVENTO Spetta ai dipendenti assegnati al Tribunale, per l attività di messo del Giudice di pace. Il compenso viene pagato dal Ministero della Giustizia Tribunale di Ferrara e l ente di appartenenza del dipendente deve assoggettare l importo ai fini previdenziali e fiscali RIFERIMENTO NORMATIVO Art. 21 comma 1 Legge 4/8/2006 n. 248 ADEMPIMENTO Voce variabile da inserire periodicamente. BUONI PASTO Buoni Pasto EVENTO RIFERIMENTO NORMATIVO ADEMPIMENTO l imponibile ai fini previdenziali e fiscali deve entrare tutti i mesi, automaticamente, nel cedolino, attraverso la gestione delle presenze/assenze 25

ACCORDO RELATIVO ALL'APPLICAZIONE DEI TURNI E 35 ORE

ACCORDO RELATIVO ALL'APPLICAZIONE DEI TURNI E 35 ORE ACCORDO RELATIVO ALL'APPLICAZIONE DEI TURNI E 35 ORE La delegazione di parte pubblica composta da: Direttore Generale Cesare VACIAGO Direttore Servizio Centrale Risorse Umane Fausto SORBA Dirigente Servizio

Dettagli

FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO

FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO FATTISPECIE STIPENDIALI E VOCI DI SALARIO ACCESSORIO CONNESSE ALLA PRESENZA IN SERVIZIO FATTISPECIE 1 MAGGIORAZIONI Non spettano ai dirigenti, alle posizioni organizzative, alle alte professionalità..

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell art. 89, comma 6,

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA ART.1 OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO Approvato

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2013 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane Regolamento per la disciplina dell'orario degli uffici e dei servizi comunali e delle attività didattico/educative di pertinenza comunale

Dettagli

LA RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA DEL CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

LA RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA DEL CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO LA RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA DEL CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Nota metodologica: La relazione è preparata dal settore economico-finanziario del comune; è attestata dal collegio dei revisori

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro

Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro C O M U N E D II P A D U L II P rr o v ii n c ii a d ii B e n e v e n tt o Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro allegato alla deliberazione di

Dettagli

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione di assegni per il nucleo familiare al personale dipendente

Dettagli

Parere n. 26/2010 - Trattamento economico del personale nella giornata festiva

Parere n. 26/2010 - Trattamento economico del personale nella giornata festiva Parere n. 26/2010 - Trattamento economico del personale nella giornata festiva Il Comune (omissis) rivolge quesito per sapere quale sia il trattamento economico spettante al dipendente comunale che occasionalmente

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con Deliberazione di GIUNTA MUNICIPALE n. 53 del 28/05/2010 1 REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

ACCORDO DECENTRATO INTEGRATIVO AZIENDALE RELATIVAMENTE ALLA COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DELLE RISORSE DECENTRATE PER L ANNO 2011

ACCORDO DECENTRATO INTEGRATIVO AZIENDALE RELATIVAMENTE ALLA COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DELLE RISORSE DECENTRATE PER L ANNO 2011 ACCORDO DECENTRATO INTEGRATIVO AZIENDALE RELATIVAMENTE ALLA COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DELLE RISORSE DECENTRATE PER L ANNO 2011 In data 29/10/2012 alle ore 15,30 presso il Comune di Levanto,

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2012 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

Quota media Salario Accessorio 2010 liquidata per Settore

Quota media Salario Accessorio 2010 liquidata per Settore Quota media Salario Accessorio 2010 liquidata per Settore 3500 3000 2500 2000 Totale 1500 1000 500 0 AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI GESTIONE DEL TERRITORIO POLIZIA MUNICIPALE RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema)

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) COMUNE DI GERACI SICULO Provincia di Palermo www.comune.geracisiculo.pa.it - Email: segretariogenerale@pec.comune.geracisiculo.pa.it Geraci Siculo Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) Modulo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Articolo 1 Principi generali e definizioni 1. Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro e

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI E SERVIZI DELL ENTE Approvato con delibera di Giunta Municipale

Dettagli

IL DIRIGENTE. Sostanzialmente il fondo è composto da due macroraggruppamenti di risorse definite stabili e variabili:

IL DIRIGENTE. Sostanzialmente il fondo è composto da due macroraggruppamenti di risorse definite stabili e variabili: IL DIRIGENTE Premesso che: il contratto nazionale di lavoro per il personale del comparto Regioni ed Enti Locali (di seguito per brevità CCNL) del 22/1/2004 all art. 31 ha ridisegnato, semplificando e

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI ARTICOLO N.1 DEFINIZIONE La reperibilità è l obbligo del lavoratore di porsi in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE Art. 1 -Definizioni Art. 2 -L orario di servizio Art. 3 -L orario di apertura al Pubblico Art. 4 -L orario di lavoro straordinario

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti)

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

Orario di lavoro. A cura di Luca Tamassia. Lanciano, 30 giugno 2005

Orario di lavoro. A cura di Luca Tamassia. Lanciano, 30 giugno 2005 Orario di lavoro TEMPI DI LAI NON LAVORO La nuova disciplina del d. lgs. 8 aprile 2003, n. 66, e successive modifiche ed integrazioni (D. Lgs. n. 213/2004) A cura di Luca Tamassia Lanciano, 30 giugno 2005

Dettagli

I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI

I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI SLAI Cobas per il Sindacato di Classe Federazione Autisti Operai i C.C.N.L. AUTOTRASPORTI e LOGISTICA per le COOPERATIVE I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI 2004--2007-2006--2010-2011

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 -

CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - CAPO III ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE A.T.A.ED ARTICOLAZIONE DELL ORARIO - 1 - PREMESSA Al fine di evitare equivoci di sorta, a tutto il personale ATA viene consegnata copia individuale dell

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

ACCORDO DECENTRATO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE OO.SS. TERRITORIALI E AZIENDALI SULL EROGAZIONE DELLE INDENNITA DI RISCHIO E DISAGIO.

ACCORDO DECENTRATO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE OO.SS. TERRITORIALI E AZIENDALI SULL EROGAZIONE DELLE INDENNITA DI RISCHIO E DISAGIO. ACCORDO DECENTRATO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE OO.SS. TERRITORIALI E AZIENDALI SULL EROGAZIONE DELLE INDENNITA DI RISCHIO E DISAGIO. ART. 17 COMMA 2 LETT. D)ed E) CCNL 1/4/1999 e ART. 37 CCNL 14/9/2000

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Giunta Regionale della Campania CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO PER IL PERSONALE DELLA GIUNTA REGIONALE, ESCLUSO QUELLO CON QUALIFICA DIRIGENZIALE FONDO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO

Dettagli

E severamente vietata la riproduzione anche parziale delle informazioni contenute nel presente Manuale agli Enti non utenti dei servizi ALMA

E severamente vietata la riproduzione anche parziale delle informazioni contenute nel presente Manuale agli Enti non utenti dei servizi ALMA Azienda Certificata ISO 9001: 2000 Via Frabosa 29/B - 12089 Villanova Mondovì - CN Telefono: 0174/698468-10 linee r.a. Fax 0174/698154 698980 Orario call center 7,30 14 dal lunedì al venerdì sito www.almacentroservizi.it

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Pag. 1 di 9 Articolo 1 Campo di applicazione e durata 1. Il presente contratto decentrato integrativo redatto ai sensi dell art. 5 del CCNL del 01.04.1999, così

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

Sistema integrato per la gestione automatizzata delle INDENNITA di TURNO

Sistema integrato per la gestione automatizzata delle INDENNITA di TURNO SCHEDA PRODOTTO PAG. 1 J O B T I M E P L U S Sistema integrato per la gestione automatizzata delle INDENNITA di TURNO Versione 6.1 Fase Sigla e data Redazione e modifica ga 27/10/2004 Verifica e approvazione

Dettagli

COMUNE DI MONTEFLAVIO (Provincia di ROMA)

COMUNE DI MONTEFLAVIO (Provincia di ROMA) Rispetto dell iter adempimenti procedurale e degli atti propedeutici e successivi alla contrattazione Personale News Modelli operativi www.publika.it Relazione illustrativa e relazione tecnico-finanziaria

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE FONTE NORMATIVA CONTENUTO DELLA NORMA POSSIBILE DISCIPLINA COMPETENZA AUTORE DATA Relazione illustrativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO Approvato con delibera di Giunta Comunale n.69 del 29.04.16 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO ART. 1 DEFINIZIONI Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA Approvato con delibera G.C. n.24 in data 11 febbraio 2009 Modificato con deliberazione di Giunta Comunale n.126 del 15/07/2009 Modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali.

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. Pubblichiamo una serie di pareri resi recentemente dall ARAN che interpreta numerose questioni legate all applicazione del CCNL

Dettagli

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata LICEO CLASSICO STATALE N. FORTEGUERRI LICEO STATALE DELLE SCIENZE UMANE A. VANNUCCI Corso Gramsci, 148 - PISTOIA - Tel. 0573/20302-22328-Fax 0573/24371 Modalità di organizzazione del personale docente

Dettagli

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Raccolta Regolamenti ARPAV n. 28 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Approvato con deliberazione del Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

COMUNE DI ENNA. Sezione I Risorse fisse aventi carattere di certezza e di stabilità

COMUNE DI ENNA. Sezione I Risorse fisse aventi carattere di certezza e di stabilità COMUNE DI ENNA Contratto collettivo decentrato integrativo ai sensi degli artt. 4 e 5 del CCNL 1/4/1999, in merito all utilizzo delle risorse decentrate dell anno 2015. Relazione tecnico-finanziaria Modulo

Dettagli

Comune di Albissola Marina Provincia di Savona

Comune di Albissola Marina Provincia di Savona Comune di Albissola Marina Provincia di Savona Regolamento dell orario di lavoro, dell orario di servizio e di apertura al pubblico degli uffici comunali Approvato con deliberazione della G.C. n. 112 del

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO CITTÀ DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola Ufficio Segreteria REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO 1 Titolo 1 : Personale Comunale. Art. 1 Orario di Servizio. 1. Il comune di

Dettagli

Comune di Cellamare. C.A.P. 70010 - Piazza Risorgimento, 33 Tel. 080-4657920 / fax.: 080-4657930 Cod. Fisc.: 80017750722 - P.

Comune di Cellamare. C.A.P. 70010 - Piazza Risorgimento, 33 Tel. 080-4657920 / fax.: 080-4657930 Cod. Fisc.: 80017750722 - P. Comune di Cellamare Provincia di Bari C.A.P. 70010 - Piazza Risorgimento, 33 Tel. 080-4657920 / fax.: 080-4657930 Cod. Fisc.: 80017750722 - P. IVA: 03827640727 I SETTORE AMMINISTRATIVO Servizio Personale

Dettagli

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012;

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012; RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012; In conformità della circolare della RGS n. 25 / 2012 Modulo I -

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provincia de Aristanis DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 273 del Registro OGGETTO: ISTITUZIONE SERVIZIO PRONTA REPERIBILITA APPROVAZIONE REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. L orario di lavoro giornaliero è fissato in 7 ore e 30 minuti, secondo i seguenti nastri orari:

ORARIO DI LAVORO. L orario di lavoro giornaliero è fissato in 7 ore e 30 minuti, secondo i seguenti nastri orari: L ORARIO DI LAVORO IN INTESASANPAOLO Aggiornamento al 5 Aprile 2013 0 ORARIO DI LAVORO Orario di lavoro giornaliero e settimanale L orario di lavoro giornaliero è fissato in 7 ore e 30 minuti, secondo

Dettagli

NUMERO UNICO EMERGENZA - NUE112 VARESE DISCIPLINA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI

NUMERO UNICO EMERGENZA - NUE112 VARESE DISCIPLINA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI NUMERO UNICO EMERGENZA - NUE112 VARESE DISCIPLINA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI Premessa Si intendono lavori socialmente utili le attività che hanno per oggetto la realizzazione di opere e la fornitura

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE

COMUNE DI SAN SPERATE COMUNE DI SAN SPERATE www.sansperate.net affarigenerali@sansperate.net AFFARI GENERALI Tel. 070/96040209 210 Fax 070/96040231 REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE L ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE Approvato

Dettagli

Art. 1. Definizioni. Art. 2. Rilevazione delle presenze

Art. 1. Definizioni. Art. 2. Rilevazione delle presenze COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI Approvato con Deliberazione della

Dettagli

Approvato con delibera di Giunta Unione n. 45 del 11/05/2011

Approvato con delibera di Giunta Unione n. 45 del 11/05/2011 SETTORE ORGANIZZAZIONE RISORSE UMANE Servizio Sviluppo del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38328 Fax 0545 38440 cavalluccif@unione.labassaromagna.it DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO,

Dettagli

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE Indice IL CONTRATTO DI LAVORO - LE CATEGORIE - I CONTRIBUTI INPS - IL PERIODO DI PROVA - LA TREDICESIMA MENSILITÀ I GIORNI FESTIVI - GLI SCATTI DI ANZIANITÀ - LE FERIE - VITTO E ALLOGGIO - L ORARIO DI

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 13.03.2012 I N D I C E ART. 1 - FINALITA' DEL

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

Città di Salve. Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO

Città di Salve. Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Città di Salve Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 5 del 21 /01/2014 Indice: ART. 1: Orario di servizio Titolo

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 179/07.12.

PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 179/07.12. PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 179/07.12.2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Articolo 1 - (Definizioni) 1.

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente

Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente Approvato con delibera Giunta Comunale n. 97 del 27/08/2013 1 Articolo 1 OGGETTO DEL

Dettagli

COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI

COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI (Anibito 3) 60044 FABRIAN() (AN) (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA D1SCIPLIN DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO E PER LA EROGAZIONE ED UTILIZZO DEI BUONI PASTO

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Regolamento per la gestione dell orario di lavoro e di servizio, del lavoro straordinario, delle ferie, dei permessi, dei ritardi e delle assenze dei dipendenti.

Dettagli

COMUNE DI TRENTINARA

COMUNE DI TRENTINARA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.142 del 9 dicembre 2013 Art. 1 - Finalità e ambito di intervento Il presente Regolamento,

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie

Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie Prot. n. 3631/C16 Istituto di Istruzione Superiore PIETRO SCALCERLE Liceo Linguistico e Istituto Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie 35136 PADOVA - Via delle Cave, 174 Tel. 049/720744 - Fax 049/8685112

Dettagli

COMUNE DI NOCETO SERVIZIO GESTIONE RISORSE UMANE ENTRATE E SERVIZI FISCALI DETERMINE 2014

COMUNE DI NOCETO SERVIZIO GESTIONE RISORSE UMANE ENTRATE E SERVIZI FISCALI DETERMINE 2014 GESTIONE FISCALI FISCALI 1 10/01/2014 ACQUISTO BUONI PASTO MEDIANTE ADESIONE ALLE CONVENZIONI CONSIP 15.314,00 SIG.RA A.O. ESENZIONE DAL DI REPERIBILITA' DAL 1/1/2014 AL 31/12/2014. ------------ FISCALI

Dettagli

ASPETTATIVE/CONGEDI/ASSENZECHE RIDUCONO IL TRATTAMENTO ECONOMICO

ASPETTATIVE/CONGEDI/ASSENZECHE RIDUCONO IL TRATTAMENTO ECONOMICO ASPETTATIVE/CONGEDI/ASSENZECHE RIDUCONO IL TRATTAMENTO ECONOMICO CONGEDO PER MATERNITA - D. LGS. N. 151/2001 Congedo parentale (ex astensione facoltativa) senza retribuzione ----------------------- non

Dettagli

In data 23.11.2010, presso la Residenza Municipale del Comune di Monte Castello di Vibio, ha avuto luogo l incontro tra:

In data 23.11.2010, presso la Residenza Municipale del Comune di Monte Castello di Vibio, ha avuto luogo l incontro tra: CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO PER LA DISCIPLINA DI INCENTIVAZIONE DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E DELLA PRODUTTIVITA VALIDO PER L ANNO 2010 In data 23.11.2010, presso la Residenza Municipale

Dettagli

COMUNE di TODI Provincia di Perugia Piazza del Popolo Telefono 075/89561 Telefax: 075/8943862 Codice Fiscale n. 00316740547 www.comune.todi.pg.

COMUNE di TODI Provincia di Perugia Piazza del Popolo Telefono 075/89561 Telefax: 075/8943862 Codice Fiscale n. 00316740547 www.comune.todi.pg. Approvato con delibera di G.C. n. 366 del 15.12.2008 REGOLAMENTO REPERIBILITA SERVIZIO TECNICO Art. 1 Oggetto del Regolamento. Il presente regolamento disciplina le modalità di attuazione del servizio

Dettagli

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE RIALLINEAMENTO ALLA NORMATIVA CONTRATTUALE NAZIONALE Ad integrazione e specifica di quanto rappresentato nella nota trasmessa a codesto Dipartimento in data 29 aprile 2014,

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare

Le spettanze di una collaboratrice familiare Le spettanze di una collaboratrice familiare La retribuzione base, per una collaboratrice familiare deve essere concordata rispettando i seguenti minimi contrattuali: Minimi contrattuali in vigore dal

Dettagli

1) QUANDO E ENTRATA IN VIGORE LA LEGGE DEL 18 GIUGNO 2009, N. 69? E entrata in vigore il 4 luglio 2009

1) QUANDO E ENTRATA IN VIGORE LA LEGGE DEL 18 GIUGNO 2009, N. 69? E entrata in vigore il 4 luglio 2009 FAQ - LEGGE 1) QUANDO E ENTRATA IN VIGORE LA LEGGE DEL 18 GIUGNO 2009, N. 69? E entrata in vigore il 4 luglio 2009 2) ENTRO QUALE TERMINE SI DEVE DARE ATTUAZIONE ALLE PREVISIONI DELL ART. 21, COMMA 1?

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 40 del 20/03/2014. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

CITTÀ DI ALESSANDRIA

CITTÀ DI ALESSANDRIA CITTÀ DI ALESSANDRIA Approvato con deliberazione G.C. n. 295 del 04.11.2015. - Disciplina per l erogazione dei buoni pasto in vigore dal 09 novembre 2015-1 Art. 1 - PRINCIPI GENERALI 1. La presente Disciplina

Dettagli

Accordo sui servizi essenziali in caso di sciopero novembre 1996

Accordo sui servizi essenziali in caso di sciopero novembre 1996 FEDERAZIONE POTERI LOCALI Segreteria Aziendale Comune di Firenze Accordo sui servizi essenziali in caso di sciopero novembre 1996 Nei giorni 4 e 5 novembre 1996, su tavoli separati, si è esaurito il confronto

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Adottato con atto deliberativo di Giunta Comunale n 83 del 02.08.2002 Modificato

Dettagli

Accordo 12 dicembre 2012 Recupero scatti di anzianità

Accordo 12 dicembre 2012 Recupero scatti di anzianità Accordo 12 dicembre 2012 Recupero scatti di anzianità Ipotesi di CCNL relativo al personale del comparto scuola per il reperimento delle risorse da destinare per le finalità di cui all art. 8, comma 14,

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro

REGOLAMENTO per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro REGOLAMENTO per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni si attribuisce il significato a fianco di ciascuno indicato:

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO Prot. 74899 Corso Vittorio Emanuele II, 17 26100 CREMONA c.f. 80002130195 DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO (NORME ORGANIZZATIVE DI CARATTERE GENERALE) 1. ORARIO DI

Dettagli

Regolamento per l erogazione dei buoni pasto COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI BUONI PASTO IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Regolamento per l erogazione dei buoni pasto COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI BUONI PASTO IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI BUONI PASTO IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 Art.1 PRINCIPI GENERALI... Art.2 VALORE DEL BUONO PASTO E TRATTAMENTO FISCALE. Art.3 DIRITTO AL BUONO PASTO..

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DELLE ASSENZE E DEI PERMESSI DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con decreto del Direttore Generale n. 21 del 18 febbraio 2013 e successivamente modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 14/6/2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ART.

Dettagli

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati CAAF CGIL CGIL UMBRIA tassazione agevolata al 10% Lavoro Notturno Lavoro

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli