NEL SEGNO CAPRICCIOSO DI BISON

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEL SEGNO CAPRICCIOSO DI BISON"

Transcript

1 Isabella Reale NEL SEGNO CAPRICCIOSO DI BISON Disegni COPEttI ANtIquARI

2 Isabella Reale.andava schizzando or con la penna or con la matita, suggetti vari e capricciosi Giuseppe Rossi, 1845 Oserei dire che se, per ipotetica circostanza, andasse perduta tutta la produzione del Bison eccettuata la grafica, questa sarebbe sufficiente a darci la misura dell ingegno dell artista e a tramandarne il nome alle generazioni future. La comunicativa, la potenza stilistica e il fascino del suo eloquio lineare sono infatti pari, se non superiori, alla comunicativa, alla potenza stilistica e al fascino dell opera ufficiale ; di cui questi fogli costituiscono, inoltre, i lieviti indispensabili, le radici prime. Ed è perciò che li amiamo di più Aldo Rizzi, 1962 Perché se il Bison non aderisce al Neoclassicismo né strettamente al Romanticismo ciò avviene per un suo senso figurativo differente per cui ricorrere a precise categorie può risultare rischioso e al fine sviante, a meno di non accogliere una definizione di pittoresco, la più appropriata alla sua pittura sempre gradevole, spesso dilettantesca, fondamentalmente borghese Emerge in superficie il semplice gusto del gioco del pennello, il suo articolarsi agile nel divertimento dell artificio, sicchè ogni situazione, diciamo pure romantica, ma meglio sarebbe romanzesca, si ripropone come divertimento pittorico, rasserenata nella lievità del tocco, nel rabesco del disegno, nel brio dell improvvisazione. Non è cosa dipinge, ma come dipinge il Bison che lo distingue e lo solleva dalla pittura del suo tempo, e, ugualmente, ne fa un protagonista della pittura del suo tempo Franca Zava Boccazzi, 1971 San Gerolamo. Penna, inchiostro bruno, acquarello grigio, tracce di matita; mm 186x247 (particolare) GIUSEPPE BERNARDINO BISON Nel segno capriccioso di Bison COPETTI ANTIQUARI 1

3 in copertina: Nereidi con delfino. Sanguigna; mm 208x312 COPETTI ANTIQUARI - Via Paolo Sarpi, UDINE - Tel GIUSEPPE BERNARDINO BISON Nel segno capriccioso di Bison COPETTI ANTIQUARI 3

4 BISON, PITTORE E DISEGNATORE Era di mediocre statura, di forme regolari, d aspetto geniale; parlava volentieri e gustosamente, e con tono faceto e arguto, anzichenò. Liberale d animo e pietoso, castigato di costumi, non difficile alla collera, ma assai più facile alla mansuetudine e alla serenità. Nimico dell ozio, faceva conto degli stessi ritagli di tempo, e persino tra le tenebre della notte, al pallido lume delle lucerna, andava schizzando or con la penna or con la matita, suggetti vari e capricciosi. Questo vivace ritratto d artista curvo sul suo album da disegno fino a notte fonda, tramandato da Giuseppe Rossi, primo biografo di Bison, solo dopo un anno dalla morte del pittore, (G. Rossi, 1845, p. 170), evidenzia nell esercizio congenialissimo e indefesso della mano uno dei tratti caratterizzanti la sua personalità artistica. Disegno dunque come esercizio quotidiano, non tanto dal vero, o d après, seppure la pratica di riprodurre dalle stampe è accertata fin dagli esordi formativi, ma più spesso come libera espressione della fantasia figurativa, come appunto di memoria visiva, con una funzione esplorativa autonoma e una valenza espressiva primaria. Non solo inteso come esercizio preparatorio e preliminare all attività principale, ovvero la decorazione murale o la pittura da cavalletto, a tempera o a olio, ma il disegno per Bison costituisce un canale privilegiato a fermare il flusso ininterrotto dell immaginario poetico dell artista. Pittore e disegnatore quindi, come segnalato da subito sulla storiografia più avveduta, a partire da Antonio Morassi cui si deve il primo studio sistematico sull artista, già intorno al A definirne poi la personalità seguirono una mostra nel 1953 a Palmanova, sua città natale, nel 1940 una monografia di Carolina Piperata, frutto di una tesi di laurea all Università di Padova, e due anni dopo una mostra allestita a Roma da Alessandro Morandotti. Ma più sistematica e ampia appariva nel 1962, in occasione del bicentenario della nascita e nel più ampio e sistematico contesto di rilettura e delle nuove esplorazioni sugli antichi maestri di nascita friulana, la mostra voluta da Aldo Rizzi dal titolo Cento disegni del Bison, allestita a Udine nella Loggia del Lionello nel dicembre del Dunque l opera di Bison disegnatore come fulcro e chiave di lettura della sua intera produzione, chiamando a raccolta in tale occasione per la prima volta i suoi fogli dalle principali collezioni italiane, dai Musei milanesi, tra il Castello Sforzesco, Brera e la Galleria d Arte Moderna, agli Uffizi, dal Museo Correr di Venezia, a Bassano. Ma in questa prima mostra udinese anche il collezionismo privato ebbe un ruolo importante, come lo ha tutt oggi, nella fortuna dell opera di Bison; tra i collezionisti friulani di spicco, si contavano oltre che molte tra le più prestigiose famiglie nobiliari - ricordiamo una per tutte la collezione Cernazai, come noto andata in asta all inizio del Novecento- anche intenditori votati all arte di Bison in tempi più recenti, primo tra tutti il prof. Tito Miotti, di Tricesimo. Opere su carta di Bison si conservano anche nel Gabinetto disegni e stampe del Museo civico di Udine dove, acquisito già nel 1937, si conserva un vibrante Arcangelo Gabriele, a penna ed acquarello e lumeggiature in biacca, attestante una presenza che meriterebbe ben più spazio in considerazione dell attività friulana oltre che dei natali dell artista. Nel catalogo Rizzi, ponendo le basi per un analisi più ampia dal punto di vista storico e filologico del disegno di Bison, ne evidenziava la valenza di comunicazione privilegiata, rispetto al contesto della Annunciazione. Penna, inchiostro, acquarello bruno con tracce di matita; mm 369x254 (particolare) Paesaggio con ponte e campanile sullo sfondo. Matita; mm 245x182 (particolare) sua opera, ma anche rispetto al suo stesso tempo storico, in quanto in virtù della sua fedeltà ai canoni della tradizione decorativa veneziana, l artista aveva saputo far transitare oltre il livellante accademismo dell età Neoclassica, non senza aver sottoposto le sue strutture compositive alla luce del nuovo principio di chiarificazione, il gusto per il pittoricismo del maturo Settecento veneziano, con una propensione per l estro fantastico e trasfigurante, per il coup de theâtre, perpetuando tale tradizione nel nuovo sentire romantico. In tempi più recenti, gli studi di Franca Zava Boccazzi e di Rodolfo Pallucchini, e un più approfondita analisi della produzione artistica di transizione tra sette e ottocento nel panorama dell arte veneta, portarono a definire Bison come interprete esemplare della pratica accademica tardo-settecentesca. Dopo gli approfondimenti sulle opere triestine a firma di Franco Firmiani, e le pubblicazioni dei vari cataloghi ragionati di musei e collezioni che andavano rivelando ogni dove le opere di Bison, gli studi di Giuseppe Pavanello sulla decorazione tra sette e ottocento nel Veneto e in Friuli, la monografia di Fabrizio Magani, e in particolare la mostra su Giuseppe Bernardino Bison pittore e disegnatore, curata da Giuseppe Bergamini, Fabrizio Magani e Giuseppe Pavanello e allestita nella Chiesa di San Francesco a Udine, tra il 1997 e il 1998, hanno ampiamente rilevato la complessa personalità e la ricca opera dell artista: in questo contesto espositivo in particolare molti disegni inediti vennero offerti al pubblico anche grazie a una capillare indagine tra le collezioni pubbliche nord-americane a firma di Adelheid M. Gealt, che portava inaspettatamente alla luce la fortuna, anche grazie alle attribuzioni e agli studi di Gorge Knox, del segno capriccioso e pittoresco dell artista oltreoceano. Le opere di Bison infatti sono raccolte oggi nei principali musei europei e americani, dal Metropolitan Museum di New York, alla National Gallery di Washington, all Ermitage. TEMI E LINGUAGGI DELL IMMAGINARIO DI BISON Petit maitre, ma fino a un certo punto, Bison, a cavallo tra Sette e Ottocento, è testimone della caduta della Repubblica ma anche erede ultimo e convinto di una tradizione figurativa millenaria lungi da dissolversi di fronte al canone livellante del verbo Neoclassico. E anche un artista che raccogliere le nuove sfide del mercato, mettendosi sempre in gioco di fronte al rapido mutare del gusto, trasferendosi da Venezia alla nuova città emporiale Trieste, per celebrarne i nuovi miti mercantili, e ancora, anziano, di nuovo lo vediamo spostare armi e bagagli, anche per dare forse un nuovo opportunità al figlio, alla volta di Milano, approdandovi nel momento, e certo beneficiando, della piena affermazione di un gusto, quello romantico portatovi da un altro veneziano, Francesco Hayez. Bison, di fatto, rimarrà sempre fedele a se stesso, anche se sa abilmente introdurre nuove tematiche e sperimentare il nuovo, in quanto questa sua pittura di memoria, tutta intrisa di umori lagunari, transiterà, senza grossi scossoni, come un fiume carsico, ad alimentare nuovamente, in pieno ottocento, l orgoglio romantico della tradizione accademica veneziana. La sua arte è dunque all insegna dell eclettismo, della libertà, e non si pone nessuna limitazione, reinvesta e reinterpreta il tema dato e il linguaggio in voga, affermando di fatto il carattere individuale, soggettivo, della creazione artistica, anticipando il gusto romantico, anche nel suo filone più noir, non disdegnando goticismi e stregonerie, ma anche scene di genere d impronta realistica e popolare. L eredità della decorazione tiepolesca e della grande maniera settecentesca, della scena storica e mitologica, viene combinata recependo alcuni dettami del moderno classicismo di fine secolo, anticipando lo stile poi diffuso da Giuseppe Borsato e Giambattista Canal, a Venezia e in terraferma, alternando figurazioni allegoriche dal tocco vivace, a partiture monocrome, al finto rilievo, al gusto per le candelabre, prelevando di volta in volta dall Antico, ma tutto re-interpretando con un gusto capriccioso, aggiungendovi presenze nate dal gioco immaginifico, animaletti, brani di natura, e soprattutto piegando figure e paesaggio a una pittura di tocco compendiaria e veloce. Altro campo prediletto è la pittura di paesaggio, di evasione arcadica, rovinistica, dipinta come finto quadro sulle pareti, senza dimenticare il piacere della scenografia e la prospettiva architettonica, raccogliendo in questo campo l eredità decorativa del secondo Settecento, da Andrea Urbani e Francesco Chiarottini. All interno del caleidoscopico repertorio da ornatista che caratterizza la decorazione ad affresco come la pittura da cavalletto a olio e a tempera di Bison, e anche quando è alle prese con la decorazione per il teatro, il paesaggio ha un posto sicuramente di primo piano, inteso come una scena dove quinte frondose, 4 COPETTI ANTIQUARI GIUSEPPE BERNARDINO BISON Nel segno capriccioso di Bison GIUSEPPE BERNARDINO BISON Nel segno capriccioso di Bison COPETTI ANTIQUARI 5

5 speroni di roccia, casupole, manieri e torrioni, ponti sospesi si articolano come in un fondale teatrale, nel cui contesto ritroviamo gruppi statuari, rovine e macchiette, per lo più viandanti e armenti, o piccole scene di gusto villereccio. I riferimenti spaziano dalla scena arcadica e dalle luminose tempere di Marco Ricci, ai paesaggi di Zais, Zuccarelli, mentre i capricci rielaborano motivi tratti da Carlevarijs e Pedon, senza dimenticare ovviamente Piranesi, analogamente per quel che succede nel campo della veduta, debitrice delle inquadrature veneziane di Canaletto così come, nella figura, dei repertori tiepoleschi divulgati sempre attraverso le stampe. Il capriccio inscena una natura ideale, popolata da antiche vestigia, ruderi, e questo regno dell immaginario evoca architetture gigantesche, sarcofagi, statue barocche o romane, debitrici da una parte della tradizione tardo secentesca sia delle esasperazioni dimensionali e architettoniche piranesiane. Inquadrate attraverso l occhio di Canaletto fissato dalle incisioni di Vicentini e da Brustolon, nelle vedute veneziane la punta di pennello di Bison delinea le leggere increspature delle onde, risolvendole con una ritmica e vibrante sequenza disegnata, sulla scia delle gondole e dei burchielli, e sempre i punta di pennello, fa nevicare sulle Venezie canalettiane, irrorandole di una luce grigiastra e diffusa, anche nel piccolo formato ad uso boudoir, per ogni tasca e per il piacere di ogni occhiale in cerca di finezze miniaturistiche. Le figure, e in particolare le teste, sono variazioni derivate da Tiepolo, ma anche riprese da Rembrandt, attraverso le incisioni di Francesco Novelli tratte dalle raccolte veneziane del collezionista Anton Maria Zanetti, così come i repertori di ambientazione popolare evocano la tradizione di Pietro Longhi rivista attraverso Francesco Maggiotto e divulgata sempre a mezzo stampa. La vita dei contadini, che tanto divertiva il nobile villeggiante messo in scena dalle commedie goldoniane, spaziando tra interni rustici, e riprese neo olandesi nelle scene di osteria, è rappresentata dai bivacchi, dalle feste contadine, sempre sull onda del revival del gusto che le riprese a stampa rinfocolavano nell approccio, doverosamente nordico, al genere. Se il fondale paesistico delle sue composizioni va assimilandosi, anche per l artificiosità dei lumi e la tavolozza acida, a una sorta di tappezzeria, e le figure che lo popolano recitano un ruolo come comparse teatrali, il mondo figurativo di Bison riflette di fatto il gusto per una natura pittoresca, d invenzione, dove per un attimo rivivono le figure del passato, evocate dalla nostalgia di un tempo irrimediabilmente perduto, per una sorta di ultimo sogno ad occhi aperti. ANCORA NUOVI SOGGETTI VARI E CAPRICCIOSI DI BISON Nella decorazione, e ancora più nel disegno, l estro di Bison sa liberare energie nascoste che la pittura non avrebbe potuto permettere, rivelandosi di fatto, come già avvertiva Zava Boccazzi, come il più libero e immediato mezzo espressivo per chi voglia addentrarsi nell immaginario vorticoso dell artista (F. Zava Boccazzi 1973, p. 236). E un collezionismo colto e raffinato ha riservato una particolare attenzione alla sua opera grafica, che la critica ha concordemente ritenuto espressione tra le più abili e raffinate nella storia del disegno a Venezia. Ma ancora, e questa mostra ce lo conferma, molti fogli restano da scoprire e molti inediti vengono qui offerti per la prima volta al pubblico. Firmati spesso uno ad uno, con un probabile intento mercantile che ci fa presupporre che la gran parte di questa produzione ci orienti verso l ultimo periodo della sua attività, alcuni possono essere anche intesi come album repertoriale per eventuali committenze pittoriche, altri hanno un carattere più intimo e quasi sperimentale, o meglio, capriccioso. Da questa silloge significativa emerge pienamente l ampia varietà oltre che di tematiche anche di linguaggio grafico: si passa dal colore a tempera, ai tocchi d acquarello, a macchia, si punta sul contrasto con i toni della carta scelta, fino al tratto esile a inchiostro sul foglio bianco, spaziando tra schizzo e disegno finitissimo, e dalla lumeggiatura, al tratteggio, la linea si contende lo spazio del foglio con il colore, ma anche divaga con una continuità ondulante, da sismografo, senza mai staccare la penna dal foglio. Alcuni disegni sembrano proprio opera di un rabdomante che stia evocando immagini dal profondo della sua psiche, e a questa sorta di raptus ci fa pensare in particolare la straordinaria compresenza di motivi del disegno con una figura femminile dal copricapo orientale, una sorta di sibilla attorno alla quale si materializzano volti di vecchi, di putti, teste di capra, di caprone, di cavalli, che si sovrappongono a esili segni fluttuanti di figure sospese, fermando un campionario di immagini e di segni di libera associazione Sibilla, studio di teste, figure e animali. Penna, inchiostro bruno; mm 215x355 (particolare) repertoriale, di estrema sconcertante modernità per il segno che genera se stesso a sua volta generando immagini del tutto scollegate nello spazio e nel tempo, che solo il ritmo della mano tiene insieme. Un altro divertissement ammiccante è il disegno con un gruppo di amorini fluttuanti nel bianco del foglio, tra nuvolette e colombe, di una materia luminosa pulsante di ritmo e movimento, e pronti a dissolversi come le nuvole, qualora il tratto svirgolato come per incanto venga sfilato via da un capo, dipanando il groviglio segnico della matassa lineare. E ancora dal sogno arcadico si materializzano le scene pastorali, con l attraversamento del guado e la mucca, con le zampe immerse nell acqua trasparente, che ci guarda mite, come da una parete di una villa di campagna, tra delicati tonalismi di terre e bruni. Un paesaggio idillico che si anima di antiche rovine, di statue, e ancora inscena un attraversamento sul ponte di buoi e pastori, riassumendo il gusto per questo genere proprio di Bison: una scenografia composta da due statue paludate contrapposte a un alto sarcofago, come quinte laterali, tra cui la vita quotidiana degli armenti e dei pastori scorre indifferente, illuminata da abili tocchi di luce. Un sogno popolato anche dal mito che genera divinità fluviali, classicheggianti, con ninfe intente a suonare il flauto, che ci parlano di una perduta età dell oro, così come le soffici e morbidezze dei nudi delle Nereidi, pronte anch esse ad animare qualche soffitto di palazzo o villa per le occasioni più mondane. Altre figure ci riportano sulla terra, ancora alla storia antica, come il dialogo tra il soldato e il filosofo, dove ancora echeggia l esempio di Salvator Rosa anche grazie alla fortuna delle sue incisioni, o il gruppo di sacerdoti di evocazione biblica, mentre un osservazione più naturalistica fissa un gruppo famigliare, raccolto forse all interno di un imbarcazione. Ma, di contro alla rigida stilizzazione della testina di una probabile imbronciata divinità classica, c è spazio anche per l osservazione del vero dell espressione, ad esempio nello teste di anziana di profilo, veri studi di carattere che portarono Bison anche a osservare e riprodurre i costumi popolari, anticipando un attenzione al genere che solo il pieno romanticismo porterà alla ribalta artistica. Un appunto dal vero ci sembrerebbe anche lo straordinario scorcio paesistico, tratteggiato morbidamente a matita, nel quale svetta il profilo di un campanile alla sommità di un colle, tra alberature affini per immediatezza e tecnica di ombreggiature a tratteggio al paesaggio con pioppi pubblicato da Aldo Rizzi (1962, p. 66, n. 84) avente le stesse misure e quindi probabilmente appartenente allo stesso album già conservato presso gli eredi dell artista, datato al 1831 e composto da 22 fogli. Una parte importante nell immaginario di Bison è occupata dagli schizzi di architettura, come qui esemplificato dallo straordinario capitello composito, non propriamente canonico, di gusto manieristico 6 COPETTI ANTIQUARI GIUSEPPE BERNARDINO BISON Nel segno capriccioso di Bison GIUSEPPE BERNARDINO BISON Nel segno capriccioso di Bison COPETTI ANTIQUARI 7

6 ELENCO DELLE OPERE Paesaggio monocromo con pastore e statua classica. Penna, inchiostro bruno, tocchi di gessetto bianco, su carta nocciola; mm 280x385. Bibliografia: inedito Paesaggio con ponte e campanile sullo sfondo. Matita; mm 245x182. Firmato in basso a destra. Bibliografia: inedito Paesaggio con animali e pastore al guado. Tempera su carta; mm 425x282. Bibliografia: inedito San Gerolamo. Penna, inchiostro bruno, acquarello grigio, tracce di matita; mm 186x247. Siglato a penna al verso B. Bibliografia: inedito San Gerolamo nel paesaggio. Penna, inchiostro bruno, tracce di matita; mm 268x210. Firmato in basso a destra. Timbro in basso a sinistra AM, indicante la provenienza della collezione di Antonio Morassi, primo studioso di Bison. Provenienza: A. Morassi. Restauro Paesaggio monocromo con pastore e statua classica. Penna, inchiostro bruno, tocchi di gessetto bianco, su carta nocciola; mm 280x385 (particolare) ed eclettico, contraddistinto da una delicata protome avvolta da ghirlande, abilmente macchiato, che si apparenta, anche per l analogo timbro indicante la collezioni di provenienza apposto nell angolo inferiore sinistro, allo studio di architetture esposto alla mostra udinese del 1996, il cui movimentato intreccio di sculture e rilievi è fissato come una vera e propria pagina pittorica grazie all uso dell inchiostratura che vivacizza l impostazione ortogonale di una parete in cui si distingue il particolare di un portale con il timpano curvo e la finestra caratterizzata da un fitto ornato (F. Magani 1996, p. 221, n. 54), un disegno che Magani data, per la rapidità del segno e le bilanciate vibrazioni fra tratto e macchia, all inizio del quarto decennio dell Ottocento. Una parte per il tutto, una sorta di incipit, che rende dunque l idea, il principio compositivo per la definizione plastica di uno spazio più complesso, così come il fregio doppio dall esemplare compendio di elementi decorativi ispirati alla classicità, dove temi di ornato architettonico, vegetale, si mescolano a putti e ovali, o il prospetto di loggia con due figure che si affacciano, vero e proprio omaggio all architettura veneta cinquecentesca. Anche la tematica religiosa è qui rappresentata, attraverso le frequenti figure immerse in preghiera e in meditazione, tra cui i santi eremiti, come il frate davanti al teschio ritagliato in uno schizzo velocissimo di tre quarti, concentrato sul memento mori. Altri santi vivono come antichi filosofi immersi nella natura, memori di Magnasco, o della pittura seicentesca: la frequente immagine di San Girolamo semidisteso, dalla sofferta anatomia, accanto a un mansueto leone, si apparenta, per la posa del tutto similare, al San Girolamo tratteggiato in matita nell album Scaramangà di Trieste (Magani 1996, p. 61 n. 12). Una figura sempre in relazione segnica con lo spazio circostante, come nell altro dei fogli dedicato al santo eremita qui presentati in mostra, già appartenente all illustre studioso di origine goriziana, nonché primo studioso dell opera di Bison, Antonio Morassi. Accanto alla figura esile di un San Giovanni con le mani giunte in preghiera, anche una composizione pensata forse per una pala d altare con l Annunciazione, con lo splendido Angelo librato in diagonale, emulo di Sebastiano Ricci, che stende la sua ala protettrice sulla figura inginocchiata della Madonna, angelo che si ritrova in tutto simile a quello che campeggia nel Sacrificio di Isacco, una tempera su cartone pubblicata da Magani nel 1993 (Il Sacrificio di Isacco, tempera su cartone, cm. 61x46, in F. Magani 1993, pp. 72, 73). Anche da questa piccola raccolta di fogli dunque, emerge, al di là dei temi e della varietà delle invenzioni, e oltre il fascino unico di carte e album che ci rivelano la prima idea, il rapido passaggio dalla visione all immagine, tutta la facilità e felicità del segno di Bison, un segno che come la sua arte, prende forme diverse, tutto sperimentando, forte di quell accademia che, secondo i più antichi precetti, nell esercizio dello stilo vede i fondamenti dell arte stessa, un accademia gravida di memorie e cultura, ma che qui, in particolare, deve fare i conti con un estro bizzarro, con il gusto per la variazione, per l effetto teatrale, per il capriccio, che tutto spiazza, luoghi e tempi, per fare posto all interpretazione, al nuovo che avanza. Annunciazione. Penna, inchiostro, acquarello bruno con tracce di matita; mm 369x254. Bibliografia: inedito Tre sacerdoti conversanti. Penna, inchiostro bruno, tracce di matita; mm 194x147. Bibliografia: inedito San Giovanni Battista. Penna, inchiostro bruno, tracce di matita; mm 242x192. Timbro. Provenienza: collezione Della Bella San Francesco. Penna, inchiostro bruno, tracce di matita; mm 178x150. Timbro. Provenienza: collezione Della Bella Gruppo di viandanti. Penna, inchiostro bruno, matita; mm 189x142. Firmato in basso a destra. Iscrizioni N. 24 C. S. Varni. Provenienza: collezione Santo Varni, n. 24 Archimede e soldato. Penna, inchiostro bruno, tracce di matita; mm 198x137. Siglato in basso a sinistra B. Bibliografia: inedito Nereidi con delfino. Sanguigna; mm 208x312. Bibliografia: A. Rizzi Disegni del Bison, Del Bianco ed., Bologna 1976, pag. 38 n. 139 Divinità fluviale e ninfa nell atto di suonare il piffero. Gesso nero e sfumino, tocchi di gessetto bianco, su carta nocciola; mm 205x272. Firmato in basso a sinistra. Bibliografia: inedito Studio di amorini. Penna, inchiostro tracce di matita; mm 181x256. Firmato in basso a destra. Bibliografia: inedito Sibilla, studio di teste, figure e animali. Penna, inchiostro bruno; mm 215x355. Sul retro disegno con l Angelo custode Progetto architettonico con due figure al balcone. Penna, inchiostro bruno, tracce di matita, tocchi di acquerello, bruno, rosa, azzurro; mm 276x122. Bibliografia: inedito Studio di capitello. Penna, inchiostro, acquarello bruno; mm 134x102. Firmato in basso a sinistra. Timbro. Provenienza: collezione Della Bella. Bibliografia: inedito Fregi architettonici. Penna, inchiostro bruno; mm 173x153. Due timbri. Provenienza: collezione Della Bella Due teste di vecchia con fazzoletto. Penna, inchiostro, acquarello bruno; mm 180x145. Bibliografia: inedito Testina femminile. Penna, inchiostro bruno; mm 132x91. Bibliografia: inedito 8 COPETTI ANTIQUARI GIUSEPPE BERNARDINO BISON Nel segno capriccioso di Bison GIUSEPPE BERNARDINO BISON Nel segno capriccioso di Bison COPETTI ANTIQUARI 9

7 Biografia GIUSEPPE BERNARDINO BISON (Palmanova, 16 giugno Milano, 28 agosto 1844) Ultimogenito di Giovanni Battista, originario di Castelfranco, e di Angelina Granelli, veneziana, venuti in Friuli probabilmente per dedicarsi alla lavorazione della lana, si trasferisce giovanissimo a Brescia dove con la guida di Girolamo Romani apprende il disegno e da Saverio Gandini la geometria. Verso l ottavo decennio è a Venezia, dove è avviato all arte della decorazione murale dall ornatista Giovanni Antonio Zanetti e documentato dal 1779 all Accademia alla scuola di Costantino Cedini, professore di pittura e scultura dal 1775, esercitandosi nello studio dell antico nelle sale della galleria Farsetti. Esordisce come decoratore affiancando l architetto Giannantonio Selva a Ferrara (1787), lo scenografo Antonio Mauro III a Padova, dove decora Palazzo Maffetti Manzoni. Realizza dieci portelle copricamino per il castello del Catajo di Battaglia Terme (Padova) su commissione di Tommaso degli Obizzi, quindi è richiesto come ornatista a Treviso, dove decora verso il 1796 il casino dei Soderini su progetto di Selva, oltre che a Venezia, e nell ultimo decennio del Settecento collabora come ornatista con Cedini e Selva intervenendo in vari palazzi veneziani tra cui Palazzo Dolfin Manin. In particolare nel trevigiano tra il decora villa Raspi a Lancenigo con figurazioni di gusto scenografico ispirate alle regioni d Italia, Villa Spineda a Breda di Piave con eroi e divinità, e su commissione sacra affresca le Chiese di Venegazzù e l Oratorio Bragadin di Ceggia (Portogruaro). Raccogliendo l eredità e l impegno decorativo di prospettici e paesisti come Andrea Urbani e Chiarottini, Bison esibisce un ampio repertorio tematico che spazia dalle figurazioni allegoriche di gusto neo cinquecentesco, a repertori classicistici, paesaggi arcadici, con scene pastorali, rovine, a ornati con putti e ghirlande di ripresa raffaellesca, specializzandosi in originali arabeschi composti da animaletti e motivi vegetali. Tale repertorio si riscontra oltre che nell affresco anche nella parallela pittura da cavalletto, a olio o a tempera, oltre che nell intensa attività disegnativa. Nel 1792 a Venezia sposa Elisabetta Vallotto, da cui ha due figli. Nel 1803 è attivo a Trieste, dove interviene nella decorazione di Palazzo Carciotti su progetto di Matteo Pertsch con episodi tratti dall Iliade in finto bassorilievo di richiamo neoclassico. Decora a partire dal 1805 il Palazzo della Borsa, con allegorie esaltanti nella volta della Gran Sala le attività emporiali, interpretando i gusti della ricca borghesia mercantile triestina. Nel 1807 realizza la decorazione del palazzo del Provveditore a Zara, andata distrutta come quella per il teatro Bandeu a Gorizia ( ) secondo le fonti imperniata su illusionismi prospettici. Persi anche i suoi interventi per il palazzo Sirstat a Lubiana e per la villa dell amico pittore Giuseppe Tominz a Gradiscutta. Dal secondo matrimonio con una donna di Zara nasce nel 1809 il figlio Giuseppe, anch egli pittore. Svolge un intensa attività di scenografo e costumista per il Teatro di Trieste, progettando apparati celebrativi, disegnando scorci di luoghi e costumi triestini litografati per il tipografo Degenhart. Si unisce in matrimonio con la triestina Giuseppina Reaviz nel Nel 1824 in qualità di Pittore di bella immaginativa e di spiritosa esecuzione viene nominato socio onorario all Accademia veneziana. Nel 1831 si trasferisce a Milano, con il figlio, attratto dalla vivacità artistica e dal fervore del collezionismo e delle mostre, dove figura tra gli espositori delle mostre di Brera. Realizza varie vedute della città e continua la sua attività da cavalletto, replicando paesaggi e vedute di Venezia, in ossequio alle richieste dal mercato, ma anche moderne vedute della vita cittadina milanese. Bibliografia essenziale Giuseppe Rossi, Giuseppe Bison Cosmorama pittorico, a.xi, n , p. 170; A. Morassi, Giuseppe Bernardino Bison e il suo soggiorno a Trieste, tra il 1802 e il 1831, in Archeografo Triestino XLIV ; C. Piperata, Giuseppe Bernardino Bison, Padova 1940; Aldo Rizzi, Cento disegni del Bison, cat. d. mostra, Udine 1962; F. Zava Boccazzi, Gli affreschi del Bison in Arte Veneta XXII, 1968, pp ; A. Rizzi, Disegni del Bison, Del Bianco ed., Bologna, 1976; F. Firmiani, Le pitture (Giuseppe Bernardino Bison e la decorazione degli interni) in Il Palazzo della Borsa Vecchia di Trieste. Arte e Storia , Trieste 1981; F. Magani, G.B. Bison, Soncino 1993; F. Magani, G. Pavanello, I disegni di Giuseppe Bernardino Bison dell Album Scaramangà di Trieste, Trieste 1996; A. Delneri, L estro bizzarro di Giuseppe Bernardino Bison, cat. d. mostra, Gorizia COPETTI ANTIQUARI GIUSEPPE BERNARDINO BISON Nel segno capriccioso di Bison

8

Giuseppe Bernardino Bison (Palmanova 1762 Milano 1844)

Giuseppe Bernardino Bison (Palmanova 1762 Milano 1844) Giuseppe Bernardino Bison (Palmanova 1762 Milano 1844) Opere su carta a cura di SILVANA BAREGGI 40 anni di attivià STANZA DEL BORGO Milano 2008 La galleria propone ai collezionisti e agli amatori un corpus

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

LISTA DELLE OPERE IN MOSTRA. Raffaello Dama col Liocorno, 1505 ca. Olio su tavola, 65x 51 cm Roma, Galleria Borghese

LISTA DELLE OPERE IN MOSTRA. Raffaello Dama col Liocorno, 1505 ca. Olio su tavola, 65x 51 cm Roma, Galleria Borghese LISTA DELLE OPERE IN MOSTRA Dama col Liocorno, 1505 ca. Olio su tavola, 65x 51 cm Roma, Galleria Borghese Ritratto di giovane donna (La Fornarina), 1518 1519 Olio su tavola, 85 x 60 cm Roma, Galleria Nazionale

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed. Impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedutmo, Romanticmo ed. Impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed Impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedutmo, romanticmo ed impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

Elenco opere per sezioni

Elenco opere per sezioni LA RISCOPERTA DI UN MAESTRO TRA SIMBOLISMO E NOVECENTO PORDENONE GALLERIA D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA ARMANDO PIZZINATO VIALE DANTE 33 10 APRILE 21 SETTEMBRE 2014 Elenco opere per sezioni Autoritratto

Dettagli

Giambattista Tiepolo. Giambattista Tiepolo. Giambattista Tiepolo

Giambattista Tiepolo. Giambattista Tiepolo. Giambattista Tiepolo CITTA' MUSEO AUTORE TITOLO OPERA San Girolamo in preghiera La fuga in Egitto San Girolamo Eremita Martirio di San Giacomo Decapitazione di una Santa Decapitazione di una Santa L'Annunciazione Sacra Famiglia

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Il Manierismo nel Veneto

Il Manierismo nel Veneto Liceo Scientifico Paritario Ven. A. Luzzago Il Manierismo nel Veneto Jacopo Robusti detto il Tintoretto Paolo Caliari detto il Veronese Andrea Palladio Prof. Antonino Fallanca Tintoretto (1519 ca 94) Fu

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

Vincolo n. 207. Palazzo e giardino Gavazzeni in via Porta Dipinta, 5. Estratto foto prospettica

Vincolo n. 207. Palazzo e giardino Gavazzeni in via Porta Dipinta, 5. Estratto foto prospettica Vincolo n. 207 CULTURALE Estratto foto prospettica Fonte: Pictometry - Compagnia Generale Ripreseaeree CULTURALE Vincolo n. 207 Estratto di decreto di vincolo Elementi identificativi riferiti al decreto

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana Immagini dell ARTE NEOCLASSICA Prof.ssa Ida La Rana Il Neoclassicismo Il Neoclassicismo è un movimento culturale che intende recuperare la grandezza dell arte classica, ovvero di quella greco-romana. Si

Dettagli

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie ANNO SCOLASTICO 2015 - In collaborazione con È un iniziativa proposta alle scuole da

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

Percorsi didattico-museali gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie A cura di Donata Ariot e Agata Keran Sezione didattica Gallerie d Italia - Palazzo Leoni Montanari, Vicenza ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Silvia Serafini Tommaso Paloscia

Silvia Serafini Tommaso Paloscia Silvia Serafini Silvia Serafini nasce nel 1966 e vive a Firenze da sempre. La sua vita è tutta dedicata all arte, dagli studi giovanili all'istituto per l'arte ed il Restauro di Palazzo Spinelli e in seguito

Dettagli

Il Settore Cultura organizza un uscita a Ferrara per abbinare la visita del centro storico della bella città estense con un altra eccezionale mostra a

Il Settore Cultura organizza un uscita a Ferrara per abbinare la visita del centro storico della bella città estense con un altra eccezionale mostra a SETTORE CULTURA VICENZA Circolare n 1612 Responsabile: A. Suriano Vicenza 25 Settembre 2013 Il Settore Cultura organizza un uscita a Ferrara per abbinare la visita del centro storico della bella città

Dettagli

Venezia: dal presente al passato. Da Giorgione e Cima da Conegliano alle novità dell arte contemporanea. Dal 19 al 21 marzo 2010

Venezia: dal presente al passato. Da Giorgione e Cima da Conegliano alle novità dell arte contemporanea. Dal 19 al 21 marzo 2010 Venezia: dal presente al passato. Da Giorgione e Cima da Conegliano alle novità dell arte contemporanea. PROGRAMMA (soggetto a modifiche per gli orari di apertura dei siti da visitare) Direzione culturale:

Dettagli

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine La vita e le opere Per capire bene alcuni aspetti dell arte del primo Rinascimento, proviamo ad analizzare

Dettagli

IMMAGINARTE Laboratori di educazione all immagine

IMMAGINARTE Laboratori di educazione all immagine Il nostro gruppo lavoro, formato da persone che da anni operano nel settore dell illustrazione, della grafica e della didattica, propone laboratori di educazione all immagine, rivolti agli studenti delle

Dettagli

Mediterranea. Mario Criscioné

Mediterranea. Mario Criscioné Mediterranea di Mario Criscioné Mario Criscioné Mediterranea Provincia Regionale di Palermo Palazzo Asmundo - Sala Stucchi 25 Settembre - 8 Ottobre 2009 PRESIDENTE Giovanni Avanti TESTI Sandro Serradifalco

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino

Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino -E BIANCA MARIA? -E BIANCA SFORZA? -E UN ALTRA PERSONA? -E OPERA DI LEONARDO? -E OPERA

Dettagli

Leopoldo Metlicovitz ANNIVERSARIO. Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale. Con il patrocinio e il contributo di:

Leopoldo Metlicovitz ANNIVERSARIO. Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale. Con il patrocinio e il contributo di: Con il patrocinio e il contributo di: PROVINCIA DI COMO COMUNE DI PONTE LAMBRO in collaborazione con il Comitato Organizzatore per il 140 ANNIVERSARIO della nascita di Leopoldo Metlicovitz Leopoldo Metlicovitz

Dettagli

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda.

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. I maestri veneti del Cinquecento e Il Convito in casa di Simone il fariseo di Paolo Veronese (Verona 1528 Venezia 1588)

Dettagli

ANDY Andy nasce a Monza nel 1971. Da sempre attratto dalle arti visive, si forma accademicamente presso l Istituto d Arte di Monza e l Accademia delle Arti Applicate di Milano fino alla specializzazione

Dettagli

LEONARDO DA VINCI. Vol II, pp. 436-445

LEONARDO DA VINCI. Vol II, pp. 436-445 LEONARDO DA VINCI Vol II, pp. 436-445 445 1452-1519 1519 la vita 1452 nasce a Vinci 1469 va a bottega dal Verrocchio 1476 è accusato di sodomia e assolto 1482 si trasferisce a Milano e lascia incompiuta

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

ELIN DANIELSON GAMBOGI, UNA DONNA NELLA PITTURA

ELIN DANIELSON GAMBOGI, UNA DONNA NELLA PITTURA ELIN DANIELSON GAMBOGI, UNA DONNA NELLA PITTURA in immagini Livorno rende omaggio in occasione della Festa della Toscana che quest anno è significativamente dedicata alle donne alla pittrice finlandese

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

LORENZO LOTTO. La cornice. la Pala di Santa Cristina a Quinto di Treviso

LORENZO LOTTO. La cornice. la Pala di Santa Cristina a Quinto di Treviso La cornice La cornice che racchiude attualmente la pala è opera seicentesca (si ipotizza una data intorno al 1623): lavoro complesso e fastoso a testimonianza della grande considerazione in cui era tenuto

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3 anni INFANZIA 4 anni Incontrare l arte

Dettagli

Turisti a Milano con AVIS

Turisti a Milano con AVIS Turisti a Milano con AVIS Programma visite guidate febbraio-maggio 2014 Continua l iniziativa AVIS di scoperta e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale della città di Milano con le visite

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2011/2012 CLASSE: IV BS MATERIA: STORIA DELL ARTE DOCENTE : FACCINI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2011/2012 CLASSE: IV BS MATERIA: STORIA DELL ARTE DOCENTE : FACCINI CLASSE: IV BS IL SEICENTO, MONUMENTALITA E FANTASIA VERSO IL SECOLO DEI LUMI I CARATTERI DEL SETTECENTO GIAMBATTISTA TIEPOLO DALLA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE ALLA RIVOLUZIONE FRANCESE ILLUMINISMO GIOVAN BATTISTA

Dettagli

Veneranda Biblioteca Ambrosiana annuncia che la Casa

Veneranda Biblioteca Ambrosiana annuncia che la Casa Comunicato stampa del 28 aprile 2014 Riapre la Casa Museo Pogliaghi al Sacro Monte di Varese Veneranda Biblioteca Ambrosiana, grazie anche a Regione Lombardia, restituisce al pubblico la villa-atelier

Dettagli

Lista opere. Correggio e l antico Dipinti. Correggio Danae, 1530 1534 circa olio su tela, 161 x 193 Roma, Galleria Borghese

Lista opere. Correggio e l antico Dipinti. Correggio Danae, 1530 1534 circa olio su tela, 161 x 193 Roma, Galleria Borghese Lista opere e l antico Dipinti Danae, 1530 1534 circa olio su tela, 161 x 193 Il ratto di Ganimede, 1530 1534 circa olio su tela, 163,5 x 70,5 Vienna, Kunsthistorisches Museum Giove ed Io, 1530 1534 circa

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE

Dettagli

PROGETTO ATELIER PAESI E PAESAGGI DI COLORE E FANTASIA

PROGETTO ATELIER PAESI E PAESAGGI DI COLORE E FANTASIA PROGETTO ATELIER PAESI E PAESAGGI DI COLORE E FANTASIA INTRODUZIONE AL PROGETTO L atelier è il laboratorio delle attività grafico-pittoriche e plastiche. Questo luogo, sapientemente attrezzato e predisposto,

Dettagli

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie ANNO SCOLASTICO 2013-2014 A cura di Un iniziativa proposta alle scuole da Intesa Sanpaolo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

NEL 1933, durante i lavori per GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA

NEL 1933, durante i lavori per GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA NEL 1933, durante i lavori per la costruzione della Caserma dei Vigili del Fuoco di via Genova, furono scoperti una serie di reperti, risalenti all epoca romana e attribuibili

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare A. opera applicando un metodo di lavoro efficace,

Dettagli

- 354 - Bruno Croatto Trieste 1875-Roma 1948 Melograni e porcellana cm. 69x57 - olio su compensato Firmato b. a s. e datato Roma 1941 5500/7500

- 354 - Bruno Croatto Trieste 1875-Roma 1948 Melograni e porcellana cm. 69x57 - olio su compensato Firmato b. a s. e datato Roma 1941 5500/7500 - 354 - Bruno Croatto Trieste 1875-Roma 1948 Melograni e porcellana cm. 69x57 - olio su compensato Firmato b. a s. e datato Roma 1941 5500/7500-355 - Ciro Garzolini Trieste 1883-1972 Lotto di 2 oli su

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE NOVITA SCUOLE MATERNE FINESTRA O SPECCHIO? Scuola materna ed elementare Il percorso prevede la visita della collezione della Pinacoteca Agnelli, con un approfondimento sulle opere di Henri Matisse. La

Dettagli

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA I percorsi proposti dalla Sezione Didattica dell Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi all interno della Pinacoteca di Brera sono condotti grazie all ausilio di materiale didattico, appositamente

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

CORSO LIBERO DI DISEGNO ARTISTICO (LIVELLO AVANZATO) Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2015/2016

CORSO LIBERO DI DISEGNO ARTISTICO (LIVELLO AVANZATO) Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2015/2016 CORSO LIBERO DI DISEGNO ARTISTICO (LIVELLO AVANZATO) Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2015/2016 DURATA: Annuale (36 lezioni con cadenza settimanale di tre ore ciascuna) INIZIO CORSO: 10 Ottobre 2015 FINE

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

Percorso per bambini. Ogni volta che trovi questo pannello, osserva il dettaglio riprodotto, poi cercalo con attenzione nel quadro.

Percorso per bambini. Ogni volta che trovi questo pannello, osserva il dettaglio riprodotto, poi cercalo con attenzione nel quadro. Exposition Mantegna 26 septembre 2008-5 janvier 2009 Percorso per bambini Andrea Mantegna è un artista che ha dato molta importanza ai dettagli. Guardare da vicino la sua pittura aiuta a capire il suo

Dettagli

(Proposta didattica per scuole dell obbligo)

(Proposta didattica per scuole dell obbligo) Percorsi e giochi intor no a Venezia (Proposta didattica per scuole dell obbligo) Sei un insegnante e hai in programma una visita a Venezia con i tuoi alunni? Affidati a macacotour! Il primo servizio pensato

Dettagli

Picasso, miró, dalí. giovani e arrabbiati: la nascita della modernità

Picasso, miró, dalí. giovani e arrabbiati: la nascita della modernità Picasso, miró, dalí giovani e arrabbiati: la nascita della modernità 12 marzo 17 luglio 2011 Questa mostra presenta le opere di tre grandi artisti spagnoli del Novecento: Pablo Picasso, Joan Miró e Salvador

Dettagli

Leonardo Bazzaro Un protagonista dell Ottocento Lombardo

Leonardo Bazzaro Un protagonista dell Ottocento Lombardo Un protagonista dell Ottocento Lombardo 21 ottobre 23 dicembre 2011 Galleria Bottegantica, Via Manzoni, 45 20121 Milano Galleria d Arte Ambrosiana, Via V. Monti, 2 20123 Milano (Milano 1853-1937) Cannaregio

Dettagli

I DISEGNI DI LEONARDO

I DISEGNI DI LEONARDO a cura di R. Cardini I DISEGNI DI LEONARDO Il disegno come forma della mente Nella pratica artistica e nella ricerca scientifica di Leonardo (15 aprile 1452 2 maggio 1519) il disegno assume un importanza

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

Laboratori di educazione all immagine

Laboratori di educazione all immagine Il nostro gruppo lavoro, formato da persone che da anni operano nel settore dell illustrazione, della grafica e della didattica, propone laboratori di educazione all immagine, rivolti agli studenti delle

Dettagli

Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari

Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari Figline Valdarno Palazzo Pretorio 19 ottobre 2013 19 gennaio 2014 la città degli uffizi Città di Figline Valdarno Assessorato alla Cultura Provincia di Firenze

Dettagli

Dalle macchie all intreccio di colori

Dalle macchie all intreccio di colori I colori intorno a noi Se il mondo non fosse colorato La magia dei colori Alla scoperta delle opere d arte Dalle macchie all intreccio di colori Mescola, dipingi, disegna, modella... laboratorio creativo

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE Il Dipartimento, nell'ambito della discussione preliminare relativa alla Programmazione, ed in considerazione del riordino dei cicli scolastici previsti dalla

Dettagli

MicheleModafferi Essenziale Bellezza

MicheleModafferi Essenziale Bellezza MicheleModafferi Essenziale Bellezza Michele Modafferi Essenziale Bellezza Essenziale Bellezza di Caterina Pellitta Stilizzare, sfoltire, affinare, arrivare all essenza. Questi i principi della ricerca

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE Programmazione biennio a.s. 2013/2014-2014/2015 (Primo e secondo anno di scuola media) L educazione

Dettagli

GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione

GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione Palazzo Foresti, via San. Francesco 20, Carpi 27 novembre 2009-24 gennaio 2010 Mostra promossa e organizzata da Società Palazzo Foresti, Carpi

Dettagli

SCULTURA - CORSO TRADIZIONALE

SCULTURA - CORSO TRADIZIONALE SCULTURA - CORSO TRADIZIONALE I corsi proposti nel nostro centro hanno l obiettivo di formare o consolidare le competenze artistiche e professionalità qualificate, che attraverso l acqusizione sia delle

Dettagli

Ottocento - Arte impressionista

Ottocento - Arte impressionista Giorgione (o Tiziano), Concerto campestre, 1511 circa. Olio su tela, 110x138 cm. Parigi, Museo del Louvre. L opera fa riferimento ad un quadro di Giorgione (o forse di Tiziano), un Concerto campestre,

Dettagli

CORSO DI DISEGNO E PITTURA DEL NUDO ARTISTICO Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2015/2016

CORSO DI DISEGNO E PITTURA DEL NUDO ARTISTICO Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2015/2016 CORSO DI DISEGNO E PITTURA DEL NUDO ARTISTICO Prof. Fabrizio Dell Arno A.A. 2015/2016 DURATA: Annuale (36 lezioni - cadenza settimanale di tre ore ciascuna) FREQUENZA: Sabato 14.30 17.30 sede RUFA di Via

Dettagli

IL NEOCLASSICISMO ARTE, POLITICA E MITOLOGIA J. LOUIS DAVID ANTONIO CANOVA. Prof. Antonio Fosca Doc. di Arte e Immagine

IL NEOCLASSICISMO ARTE, POLITICA E MITOLOGIA J. LOUIS DAVID ANTONIO CANOVA. Prof. Antonio Fosca Doc. di Arte e Immagine IL NEOCLASSICISMO ARTE, POLITICA E MITOLOGIA J. LOUIS DAVID ANTONIO CANOVA Prof. Antonio Fosca Doc. di Arte e Immagine Un po di introduzione.. Il gusto neoclassico si afferma tra il XVIII secolo (1750)

Dettagli

Remo Alessandro Piperno

Remo Alessandro Piperno La non arte quella astratta, surrealista, non tocca il Ferretti perchè egli ama restare nel concreto, ama la fisica e non la metafisica. Il mondo iperuranio, oggetto di favola mistica per primitivi, selvaggi

Dettagli

Il Castello di Carta e la Belle Epoque Milano dall'esposizione Universale del 1906 all'expo 2015

Il Castello di Carta e la Belle Epoque Milano dall'esposizione Universale del 1906 all'expo 2015 COMUNICATO STAMPA Il Castello di Carta e la Belle Epoque Milano dall'esposizione Universale del 1906 all'expo 2015 Dal 9 al 12 settembre immagini, luci e suoni nel Cortile della Rocchetta del Castello

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori Toni Benetton Treviso, Italia 1910-1996, è considerato uno dei maggiori scultori contemporanei, particolarmente autorevole nel campo delle Macrosculture. Nel 1938 frequenta il corso di scultura all Accademia

Dettagli

Giorgio De Chirico 1888-1978

Giorgio De Chirico 1888-1978 Giorgio De Chirico 1888-1978 De Chirico e la Metafisica La Metafisica è quella verità nuova che si cela in ogni oggetto se solo si riesce a vederlo o immaginarlo al di fuori del suo solito contesto La

Dettagli

Canaletto. Il trionfo della veduta ELENCO DELLE OPERE. Roma, Palazzo Giustiniani 12 marzo - 19 giugno 2005 CANALETTO. DIPINTI

Canaletto. Il trionfo della veduta ELENCO DELLE OPERE. Roma, Palazzo Giustiniani 12 marzo - 19 giugno 2005 CANALETTO. DIPINTI Canaletto Il trionfo della veduta Roma, Palazzo Giustiniani 12 marzo - 19 giugno 2005 ELENCO DELLE OPERE CANALETTO. DIPINTI 1) ITALIA, collezione privata, Capriccio con rovine, la basilica di Vicenza e

Dettagli

Martedì 19 maggio 2015 - ore 10

Martedì 19 maggio 2015 - ore 10 Martedì 19 maggio 2015 - ore 10 Dipinti antichi, dell 800, del 900 e contemporanei (1-238) Il Gruppo Missionario Un pozzo per la vita di Merano (GMM) è un organizzazione non governativa, Onlus, fondata

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

Antonio Lani (Lione 1932)

Antonio Lani (Lione 1932) 132 Antonio Lani (Lione 1932) Via Crucis, 1952-1953 14 terrecotte invetriate, cm 60 x 40 ca. (ciascuna) MONTECICCARDO, Chiesa di San Sebastiano 17 Nato a Lione, fratello gemello di Paolo, anch egli artista,

Dettagli

Esperienza in due. arte. Sulle tracce di Hayez - Milano

Esperienza in due. arte. Sulle tracce di Hayez - Milano Esperienza in due arte Sulle tracce di Hayez - Milano SULLE TRACCE DI HAYEZ - MILANO La nostra proposta, destinata alle coppie, prevede un pacchetto di due giorni ripercorrendo la vita artistica di Francesco

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Inserire ritratto fotografico e/o foto di un opera (facoltativo, ma suggerito) Prof. Carlo Falciani Materia di insegnamento: Elementi di Iconografia e iconologia Ricevimento: primo semestre lunedì, martedì,

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

Guerrino Bardeggia. Maternità Blu - tecnica mista collage su tavola 100x100. servizio di Lara Badioli - foto Giuseppe Badioli

Guerrino Bardeggia. Maternità Blu - tecnica mista collage su tavola 100x100. servizio di Lara Badioli - foto Giuseppe Badioli Guerrino Bardeggia Maternità Blu - tecnica mista collage su tavola 100x100 servizio di Lara Badioli - foto Giuseppe Badioli E sempre più difficile individuare esattamente cosa sia Arte. Dall impressionismo

Dettagli

INformAZIONE. impara un arte... incontri di formazione e aggiornamento per docenti

INformAZIONE. impara un arte... incontri di formazione e aggiornamento per docenti incontri di formazione e aggiornamento per docenti In occasione della mostra su Dosso Dossi, artista del Rinascimento attivo presso la corte estense di Ferrara e nel Magno Palazzo del cardinale di Trento,

Dettagli

il lago insegna 2011 proposte per una giornata sul Lago di Como

il lago insegna 2011 proposte per una giornata sul Lago di Como *MUSEI E MONUMENTI MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO P. GIOVIO : contiene reperti archeologici di età preistorica, protostorica, egizia, etrusca e romana. MUSEO CIVICO STORICO G. GARIBALDI : raccoglie testimonianze

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE FINALITA' Sviluppare e potenziare la capacità di leggere e comprendere immagini e creazioni artistiche. Sapersi esprimere e comunicare in modo personale e creativo.

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

ELENCO OPERE. Opere I sezione

ELENCO OPERE. Opere I sezione ELENCO OPERE Opere I sezione I.1 Autoritratto Olio su tavola di pioppo 47,3 x 34,8 cm Firenze, Galleria degli Uffizi, inv. 1890, n. 1706 I.2 Autoritratto di profilo Penna e inchiostro, pietra rossa, carta

Dettagli

PERCORSI PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

PERCORSI PER LA SCUOLA DELL INFANZIA I percorsi proposti dalla Sezione Didattica dell Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi all interno della Pinacoteca di Brera sono condotti da storiche dell arte, esperte in didattica museale.

Dettagli

SIMBOLISMO Paul Gauguin (1848-1903)

SIMBOLISMO Paul Gauguin (1848-1903) Scuola Secondaria di I grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine Prof. Fortunato Rao La pittura deve suggerire più che descrivere, come invero fa la musica. (Paul Gauguin) SIMBOLISMO Paul Gauguin

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA

DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA VALENTINO PARMIANI Paesaggi/Architetture Chiesa dello Spirito Santo, via Milani Cesena 5-29 maggio 2016 Venerdì, 16.30 19.30 Sabato e Domenica, 10.00 13.00 / 16.30 19.30 Inaugurazione Giovedì, 5 maggio

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

Carta della qualità dei servizi

Carta della qualità dei servizi MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Museo: Pinacoteca di Brera. Milano Carta della qualità dei servizi I - PRESENTAZIONE COS È LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI La Carta della qualità dei servizi

Dettagli

Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate

Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate La Venaria Reale Ogni volta, lo stupore della bellezza Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate Dall 11 ottobre 2014 all 8 febbraio 2015 Mostra compresa nel percorso di visita Teatro di Storia e Magnificenza

Dettagli

DISARK 2 - Prof. Valeria Macrì - Seminario: Schikel e il suo tempo

DISARK 2 - Prof. Valeria Macrì - Seminario: Schikel e il suo tempo Karl Friedrich Schinkel (1781 1841) è stato un architetto e pittore prussiano, autore di prestigiosi monumenti che hanno dato un nuovo assetto architettonico al centro di Berlino. Da una parte, fu figura

Dettagli

La collaborazione che l Istituzione Galleria d Arte Moderna di Bologna si è onorata di prestare per la realizzazione della mostra di Giorgio Morandi

La collaborazione che l Istituzione Galleria d Arte Moderna di Bologna si è onorata di prestare per la realizzazione della mostra di Giorgio Morandi COMUNICATO STAMPA documenta (13) rende omaggio al genio di. In mostra a Kassel una selezione di opere e oggetti provenienti in prestito dal Museo Morandi di Bologna. É con viva soddisfazione e orgoglio

Dettagli

Comunicato Stampa. Ulisse (Ultimo recapito conosciuto) olio su tela, 2015. Cornici Pinelli. RegioneLombardia. ittà di RZINUOVI PROVINCIA DI BRESCIA

Comunicato Stampa. Ulisse (Ultimo recapito conosciuto) olio su tela, 2015. Cornici Pinelli. RegioneLombardia. ittà di RZINUOVI PROVINCIA DI BRESCIA MAURO MASSARI IDEA Comunicato Stampa Idea personale di pittura di Mauro Massari, Castello San Giorgio Orzinuovi, Brescia 10 gennaio 2016 Il giorno 10 gennaio 2016, si inaugura alle ore 10,30 la mostra

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria. PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria. Competenze Abilità Conoscenze

ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria. PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria. Competenze Abilità Conoscenze ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria Competenze Abilità Conoscenze Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli