REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE"

Transcript

1 COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo Toponimo Sconosciuto Scheda n. 401 Via Campaccio n 82 Codice bene 003_054_401 foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 Via n Scheda n Campaccio

2 Via n Scheda n Campaccio

3 Documentazione fotografica Vista laterale box in lamiera Vista fronte box in lamiera Via n Scheda n Campaccio

4 Via n Scheda n Campaccio

5 LOCALIZZAZIONE, ACCESSIBILITA', UTENZE Viabilità Via Campaccio Numero 82 Accessibilità della struttura insediativa Accessibilità diretta Specifiche relative all'accessibilità strada asfaltata Condizioni stradali buone Note Riferimenti cartografici Catasto Terreni Foglio 32 Mappale 20 Particelle Utenze Rete acquedottistica Rete gas Rete telefono Rete elettrica Rete fognaria Note Via n Scheda n Campaccio

6 Via n Scheda n Campaccio

7 CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA, DESCRIZIONE, CONSERVAZIONE E FUNZIONE, DISCIPLINA DI INTERVENTO Codice bene Codice edificio _054_401 Edificio Manufatto Classificazione tipologica Tipo bene Tipologia Note bene individuo VILLETTA UNIFAMILIARE Non aggregata; proprietà privata. Presenza di scala esterna rivestita in mattoni faccia vista. Una porzione del fabbricato è a quota più bassa ad uso garage, con copertura piana a terrazzo praticabile. Strutture edilizie Presenza piano sottotetto no Presenza piano interrato no Numero piani fuori terra 2 Strutture verticali continue e puntiformi Tipo di copertura Due falde (coppi - lastre) Note Presenza di portico con pilastri rivestiti in mattoni faccia vista, e terrazzo sul fronte del fabbricato. Conservazione e funzione Stato di conservazione BUONO STATO Livello di attuazione 1 Funzione principale RESIDENZIALE Funzione secondaria Corpi Secondari Tipologia Capannone Note Presenza di box in lamiera, uso garage. Disciplina Intervento Destinazioni d'uso ammesse U1 Abitazione civile ai sensi del titolo IV delle NTA RUEU32 Residenza agricolau35.1 Attività di prima lavorazione, conservazione, commercializzazione e degustazione dei prodotti (solo per il 50% della SUL esistente)u37.1 Agriturismo, Fattorie didattiche e sociali Categorie d'intervento ammesse Ai sensi della Tab.4.7 NTA RUE Note Via n Scheda n Campaccio

8 Via n Scheda n Campaccio

9 COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo Toponimo Sconosciuto Scheda n. 402 Via Nuova n 1456 Codice bene 003_054_402 foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 Via n Scheda n Nuova

10 Via n Scheda n Nuova

11 Documentazione fotografica Vista fianco fabbricato Vista complessiva fabbricato deposito Vista fronte deposito Vista fianco deposito Via n Scheda n Nuova

12 Via n Scheda n Nuova

13 LOCALIZZAZIONE, ACCESSIBILITA', UTENZE Viabilità Via Nuova Numero 1456 Accessibilità della struttura insediativa Accessibilità diretta Specifiche relative all'accessibilità strada asfaltata Condizioni stradali buone Note Riferimenti cartografici Catasto Terreni Foglio 32 Mappale 326 Particelle Utenze Rete acquedottistica Rete gas Rete telefono Rete elettrica Rete fognaria Note Via n Scheda n Nuova

14 Via n Scheda n Nuova

15 CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA, DESCRIZIONE, CONSERVAZIONE E FUNZIONE, DISCIPLINA DI INTERVENTO Codice bene Codice edificio _054_402 Edificio Manufatto Classificazione tipologica Tipo bene Tipologia Note bene individuo VILLETTA UNIFAMILIARE Non aggregata; proprietà privata. Presenza di scala esterna, coperta da porticato. Strutture edilizie Presenza piano sottotetto no Presenza piano interrato no Numero piani fuori terra 2 Strutture verticali continue e puntiformi Tipo di copertura Padiglione (coppi - lastre) Note Conservazione e funzione Stato di conservazione Livello di attuazione Funzione principale Funzione secondaria DISCRETO STATO RESIDENZIALE Corpi Secondari Tipologia Capannone Note Presenza di un edificio in muratura in condizioni degradate ad uso ricovero attrezzi e deposito. Una porzione è a due piani fuori terra, mentre la porzione adiacente ad un piano fuori terra. La copertura è a falda unica inclinata con pannelli ad ondine. A lato del deposito è situata una tettoia in legno. Disciplina Intervento Destinazioni d'uso ammesse U1 Abitazione civile ai sensi del titolo IV delle NTA RUEU32 Residenza agricolau35.1 Attività di prima lavorazione, conservazione, commercializzazione e degustazione dei prodotti (solo per il 50% della SUL esistente)u37.1 Agriturismo, Fattorie e sociali Categorie d'intervento ammesse Ai sensi della Tab.4.7 NTA RUE Note Via n Scheda n Nuova

16 Via n Scheda n Nuova

17 COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo Casa Fabbri Scheda n. 403 Via Palazzi n 4 Codice bene 003_054_403 foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 Via n Scheda n Palazzi 4 403

18 Via n Scheda n Palazzi 4 403

19 Documentazione fotografica Particolare del capannone Vista della copertura del fabbricato dependance dalla quota del capannone Via n Scheda n Palazzi 4 403

20 Via n Scheda n Palazzi 4 403

21 LOCALIZZAZIONE, ACCESSIBILITA', UTENZE Viabilità Via Palazzi Numero 4 Accessibilità della struttura insediativa Accessibilità indiretta Specifiche relative all'accessibilità strada bianca Condizioni stradali mediocri Note Riferimenti cartografici Catasto Terreni Foglio 42 Mappale 6 Particelle Utenze Rete acquedottistica Rete gas Rete telefono Rete elettrica Rete fognaria Note da verificare Via n Scheda n Palazzi 4 403

22 Via n Scheda n Palazzi 4 403

23 CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA, DESCRIZIONE, CONSERVAZIONE E FUNZIONE, DISCIPLINA DI INTERVENTO Codice bene Codice edificio _054_403 Edificio Manufatto Classificazione tipologica Tipo bene Tipologia Note bene individuo EDIFICI E/O CORPI EDILIZI DI ORIGINE RURALE Proprietà privata, aggregata. Agriturismo " Cascina dei Giaggioli", composto da due fabbricati staccati fra loro fabbricato tutelato al civico 4 e scheda n 127(sfonfo foto 2), dependance con piccoli appartamenti con entrata indipendente e portico (foto 1,2,6 ). Strutture edilizie Presenza piano sottotetto no Presenza piano interrato no Numero piani fuori terra 1 Strutture verticali continue Tipo di copertura Due falde (coppi - lastre) Note Conservazione e funzione Stato di conservazione Livello di attuazione Funzione principale Funzione secondaria DISCRETO STATO TERZIARIA (alberghi, agriturismi) Corpi Secondari Tipologia Capannone Note Ampio Capannone in muratura, apparentemente abbandonato, forse ad uso allevamento, ad un piano fuori terra e copertura a due falde, con annessa tettoia coperta in lamiera (foto 3,4,5). Disciplina Intervento Destinazioni d'uso ammesse U1 Abitazione civile ai sensi del titolo IV delle NTA RUEU14 Artigianato laboratoriale solo se di tipo artistico anche con spazi espositivi (solo per il 50% della SUL esistente)u32 Residenza agricolau35.1 Attività di prima lavorazione, conservazione, commercializzazione e degustazione dei prodotti (solo per il 50% della SUL esistente)u37.1 Agriturismo, Fattorie e dattiche e sociali Categorie d'intervento ammesse Ai sensi della Tab.4.7 NTA RUE Note Via n Scheda n Palazzi 4 403

24 Via n Scheda n Palazzi 4 403

25 COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo Fattoria Paradiso Scheda n. 404 Via Palazzi n Codice bene 003_054_404 foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 Via n Scheda n Palazzi

26 Via n Scheda n Palazzi

27 Documentazione fotografica Stralcio di mappa con indicazione foto Vista della tettoia per degustazioni all'aperto Particolare del portico di collegamento tra i 2 edifici Vista prospettica del fabbricato ad uso cantina Via n Scheda n Palazzi

28 Via n Scheda n Palazzi

29 Documentazione fotografica Vista prospettica del fabbricato ad uso Accademia dei Filergiti Vista prospettica del fabbricato ad uso Accademia dei Filergiti Vista della terrazza Particolare edificio tutelato al civico 285, scheda 135 Via n Scheda n Palazzi

30 Documentazione fotografica Vista fianco fabbricato ad uso Accademia dei Filergiti Via n Scheda n Palazzi

31 LOCALIZZAZIONE, ACCESSIBILITA', UTENZE Viabilità Via Palazzi Numero Accessibilità della struttura insediativa Accessibilità indiretta Specifiche relative all'accessibilità strada bianca Condizioni stradali mediocri Note Riferimenti cartografici Catasto Terreni Foglio Mappale Particelle Utenze Rete acquedottistica Rete gas Rete telefono Rete elettrica Rete fognaria Note Via n Scheda n Palazzi

32 CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA, DESCRIZIONE, CONSERVAZIONE E FUNZIONE, DISCIPLINA DI INTERVENTO Codice bene Codice edificio _054_404 Edificio Manufatto Classificazione tipologica Tipo bene Tipologia Note bene individuo CANTINE Edifici in parte aggregati fra loro attraverso ampie tettoie e porticati, legati all'uso Cantina "Fattoria Paradiso"; proprietà privata. Presenza all'interno dell'area di edificio tutelato indicato con civico 285 e corrispondente alla scheda n 135. Strutture edilizie Presenza piano sottotetto no Presenza piano interrato sì Numero piani fuori terra 1/2 Strutture verticali continue e puntiformi Tipo di copertura Altro Note Copertura dell'edificio ad uso cantina del tipo a padiglione con prosecuzione di una falda a copertura dell'ampio porticato (foto 2,6,7) copertura a due falde per l'edificio ad uso Accademia dei Filergiti (foto 8,9). Copertura a due falde anche per edificio ad uso, presumibilmente, reception con ampio portico in aderenza (foto 3,4). Conservazione e funzione Stato di conservazione DISCRETO STATO Livello di attuazione Funzione principale VITIVINICOLA Funzione secondaria RESIDENZIALE(?) Corpi Secondari Tipologia Capannone Note Presenza di una tettoia aperta sui lati ad uso degustazioni all'aperto, con tavoli e sedie (foto 5). Ampio parcheggio all'arrivo dalla via Palazzi. Per meglio identificare i fabbricati vedi stralcio di mappa con indicazione del punto di vista e il numero delle foto, inserito in coda alla documentazione fotografica. Disciplina Intervento Destinazioni d'uso ammesse U33.1 Attività di coltivazione agricola, floricola e relativi edifici di servizio a basso impatto ambientaleu35.1 Attività di prima lavorazione, conservazione, commercializzazione e degustazione dei prodotti;nelle zone di notevole pregio ambientale è ammesso il solo uso U35.1a - Cantine olivicole e vitivinicole Categorie d'intervento ammesse Ai sensi della Tab.4.7 NTA RUE Note Via n Scheda n Palazzi

33 Via n Scheda n Palazzi

34 COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo Toponimo Sconosciuto Scheda n. 405 Via Palmeggiana n 285 Codice bene 003_054_405 foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 Via n Scheda n Palmeggiana

35 Via n Scheda n Palmeggiana

36 Documentazione fotografica Vista del fabbricato ad uso Bar Vista della Piscina all'aperto Vista della terrazza scoperta ad uso ristorazione Vista della terrazza scoperta ad uso ristorazione Via n Scheda n Palmeggiana

37 Via n Scheda n Palmeggiana

38 LOCALIZZAZIONE, ACCESSIBILITA', UTENZE Viabilità Via Palmeggiana Numero 285 Accessibilità della struttura insediativa Accessibilità diretta Specifiche relative all'accessibilità strada asfaltata Condizioni stradali buone Note Riferimenti cartografici Catasto Terreni Foglio 42 Mappale 26 Particelle Utenze Rete acquedottistica Rete gas Rete telefono Rete elettrica Rete fognaria Note Via n Scheda n Palmeggiana

39 Via n Scheda n Palmeggiana

40 CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA, DESCRIZIONE, CONSERVAZIONE E FUNZIONE, DISCIPLINA DI INTERVENTO Codice bene Codice edificio _054_405 Edificio Manufatto Classificazione tipologica Tipo bene Tipologia Note bene individuo ESERCIZI PUBBLICI (BAR E RISTORANTI) Edificio costituito da due piani fuori terra, ad uso ristorante "Gradisca, Fattoria Paradiso", di recente realizzazione. Proprietà privata. Strutture edilizie Presenza piano sottotetto sì Presenza piano interrato no Numero piani fuori terra 2 Strutture verticali continue e puntiformi Tipo di copertura Due falde (coppi - lastre) Note Ampia porzione di copertura piana ad uso terrazza/solarium, con presenza di pergolati in legno. Conservazione e funzione Stato di conservazione Livello di attuazione Funzione principale Funzione secondaria OTTIMO STATO TERZIARIA (bar, ristoranti) Corpi Secondari Tipologia Capannone Note Corpo edilizio staccato in muratura ad uso Bar, ad un piano fuori terra e copertura a due falde (foto 5 ). Piscina all'aperto con ampia zona lastricata ad uso solarium (foto 6 ). Terrazza annessa al ristorante con tavolini all'aperto per la ristorazione (foto 7,8 ). Disciplina Intervento Destinazioni d'uso ammesse U14 artigianato laboratoriale solo se di tipo artistico anche con spazi espositiviu35.1a Attività di prima lavorazione, conservazione, commercializzazione e degustazione dei prodottiu37.1 Agriturismo, fattoria didattica e socialeu10 Pubblici esercizi (bar e ristoranti)u16.1 solo relativamente ad attività culturali, ricreative e sportive Categorie d'intervento ammesse Ai sensi della Tab.4.7 NTA RUE Note Via n Scheda n Palmeggiana

41 Via n Scheda n Palmeggiana

42 COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo Casino Foschini Scheda n. 406 Via Trentola n 583 Codice bene 003_054_406 foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 Via n Scheda n Trentola

43 Via n Scheda n Trentola

44 Documentazione fotografica Vista del capannone ad uso in parte a garage Vista del capannone ad uso in parte a garage Vista dell'ampio giardino privato Vista del capannone ad uso in parte a garage Via n Scheda n Trentola

45 Via n Scheda n Trentola

46 LOCALIZZAZIONE, ACCESSIBILITA', UTENZE Viabilità Via Trentola Numero 583 Accessibilità della struttura insediativa Accessibilità diretta Specifiche relative all'accessibilità strada bianca Condizioni stradali mediocri Note Riferimenti cartografici Catasto Terreni Foglio 32 Mappale 72 Particelle Utenze Rete acquedottistica Rete gas Rete telefono Rete elettrica Rete fognaria Note da verificare Via n Scheda n Trentola

47 Via n Scheda n Trentola

48 CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA, DESCRIZIONE, CONSERVAZIONE E FUNZIONE, DISCIPLINA DI INTERVENTO Codice bene Codice edificio _054_406 Edificio Manufatto Classificazione tipologica Tipo bene Tipologia Note bene individuo VILLA (di pregio) Edificio costituito da due blocchi disassati e leggermente sfalsati in altezza, ad uso residenziale. Ampio corpo staccato ad uso deposito/garage. Proprietà privata, non aggregata. Strutture edilizie Presenza piano sottotetto no Presenza piano interrato no Numero piani fuori terra 2/3 Strutture verticali continue e puntiformi Tipo di copertura Due falde (coppi - lastre) Note Presenza di portico al piano terra, entro la sagoma, di accesso all'abitazione e di loggia al piano primo. Conservazione e funzione Stato di conservazione Livello di attuazione Funzione principale Funzione secondaria DISCRETO STATO RESIDENZIALE Corpi Secondari Tipologia Capannone Note Corpo edilizio in muratura, ad un piano fuori terra e copertura semicircolare; uso in parte a deposito in parte a garage. Disciplina Intervento Destinazioni d'uso ammesse U1 Abitazione civile ai sensi del titolo IV delle NTA RUE U14 Artigianato laboratoriale solo se di tipo artistico anche con spazi espositivi (solo per il 50% della SUL esistente)u32 Residenza agricolau35.1 Attività di prima lavorazione, conservazione, commercializzazione e degustazione dei prodotti (solo per il 50% della SUL esistente)u37.1 Agriturismo, Fattorie didattiche e sociali U16.1 U16.2 Attività ricreative, sportive e di spettacolo Categorie d'intervento ammesse Ai sensi della Tab.4.7 NTA RUE Note Via n Scheda n Trentola

49 Via n Scheda n Trentola

50 COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo Toponimo Sconosciuto Scheda n. 407 Via Trentola n 228 Codice bene 003_054_407 foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 Via n Scheda n Trentola

51 Via n Scheda n Trentola

52 Documentazione fotografica Vista del retro dell'edificio e di un gazebo in legno (barbecue?) Vista di capanni in lamiera, precari Vista di capanni in lamiera, precari Via n Scheda n Trentola

53 Via n Scheda n Trentola

54 LOCALIZZAZIONE, ACCESSIBILITA', UTENZE Viabilità Via Trentola Numero 228 Accessibilità della struttura insediativa Accessibilità diretta Specifiche relative all'accessibilità strada bianca Condizioni stradali mediocri Note Riferimenti cartografici Catasto Terreni Foglio 32 Mappale 332 Particelle Utenze Rete acquedottistica Rete gas Rete telefono Rete elettrica Rete fognaria Note da verificare Via n Scheda n Trentola

55 Via n Scheda n Trentola

56 CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA, DESCRIZIONE, CONSERVAZIONE E FUNZIONE, DISCIPLINA DI INTERVENTO Codice bene Codice edificio _054_407 Edificio Manufatto Classificazione tipologica Tipo bene Tipologia Note bene individuo VILLETTA BIFAMILIARE Edificio costituito da più blocchi, probabilmente realizzati in fasi diverse. È presenteun ampio portico fuori sagoma, sul fronte e sul retro. Proprietà privata, non aggregata. Strutture edilizie Presenza piano sottotetto no Presenza piano interrato no Numero piani fuori terra 2 Strutture verticali continue e puntiformi Tipo di copertura Padiglione (coppi - lastre) Note In parte copertura a due falde. Conservazione e funzione Stato di conservazione Livello di attuazione Funzione principale Funzione secondaria DISCRETO STATO RESIDENZIALE Corpi Secondari Tipologia Capannone Note Gazebo in legno sul retro, box in lamiera ad uso garage, vari capanni in lamiera precari. Disciplina Intervento Destinazioni d'uso ammesse U1 Abitazione civile ai sensi del titolo IV delle NTA RUEU32 Residenza agricolau35.1 Attività di prima lavorazione, conservazione, commercializzazione e degustazione dei prodotti (solo per il 50% della SUL esistente)u37.1 Agriturismo, Fattorie e sociali Categorie d'intervento ammesse Ai sensi della Tab.4.7 NTA RUE Note Via n Scheda n Trentola

57 Via n Scheda n Trentola

58 COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo Toponimo Sconosciuto Scheda n. 408 Via Nuova n 1122, 1124 Codice bene 003_054_408 foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 Via n Scheda n Nuova 1122,

59 Via n Scheda n Nuova 1122,

60 Documentazione fotografica Vista retro dell'edificio al civico 1124 Particolare corpo edilizio ad uso garage Vista garage staccato Vista retro edificio al civico 1122 Via n Scheda n Nuova 1122,

61 Via n Scheda n Nuova 1122,

62 Documentazione fotografica Vista deposito annesso all'edificio del civico 1122 Vista capannone in muratura ad uso deposito Vista di vari box precari Via n Scheda n Nuova 1122,

63 LOCALIZZAZIONE, ACCESSIBILITA', UTENZE Viabilità Via Nuova Numero 1122, 1124 Accessibilità della struttura insediativa Accessibilità indiretta Specifiche relative all'accessibilità strada bianca Condizioni stradali mediocri Note Riferimenti cartografici Catasto Terreni Foglio 32 Mappale 109 Particelle Utenze Rete acquedottistica Rete gas Rete telefono Rete elettrica Rete fognaria Note Via n Scheda n Nuova 1122,

64 Via n Scheda n Nuova 1122,

65 CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA, DESCRIZIONE, CONSERVAZIONE E FUNZIONE, DISCIPLINA DI INTERVENTO Codice bene Codice edificio _054_408 Edificio Manufatto Classificazione tipologica Tipo bene bene complesso Tipologia Note Strutture edilizie VILLETTA BIFAMILIARE Complesso edilizio aggregato costituito da due edifici, uno recente corrispondente al civico 1124 (vedi foto 1,4,5), articolato su tre blocchi di cui uno ad uso garage (vedi foto 6) e un edificio più vecchio corrispondente al civico 1122 (vedi foto 3,8). I due edifici risultano uniti da un porticato al piano terra, passante, aperto su due lati (vedi foto 2 e 8). Proprietà privata Presenza piano sottotetto no Presenza piano interrato no Numero piani fuori terra 2 Strutture verticali continue e puntiformi Tipo di copertura Due falde (coppi - lastre) Note Presenza di portico fuori sagoma sul fronte strada, annesso all'edificio recente, corrispondente al civico 1124 (vedi foto 1). Conservazione e funzione Stato di conservazione Livello di attuazione Funzione principale Funzione secondaria BUONO STATO RESIDENZIALE Corpi Secondari Tipologia Capannone Note Un deposito in muratura annesso al fabbricato più vecchio, corrispondente al civico 1122, ad un piano fuori terra e copertura a due falde (vedi foto 9); un capannone di medie dimensioni, in muratura e copertura a falda unica inclinata in lamiera (vedi foto 10); vari box in lamiera di piccola dimensione ed altezza (vedi foto 11), ed infine un corpo staccato in muratura ad uso garage (vedi foto 7). Disciplina Intervento Destinazioni d'uso ammesse U1 Abitazione civile ai sensi del titolo IV delle NTA RUEU32 Residenza agricolau35.1 Attività di prima lavorazione, conservazione, commercializzazione e degustazione dei prodotti (solo per il 50% della SUL esistente)u37.1 Agriturismo, Fattorie didattiche e sociali Categorie d'intervento ammesse Ai sensi della Tab.4.7 NTA RUE Note Via n Scheda n Nuova 1122,

66 Via n Scheda n Nuova 1122,

67 COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo Toponimo Sconosciuto Scheda n. 409 Via Nuova n 848 Codice bene 003_054_409 foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 Via n Scheda n Nuova

68 Via n Scheda n Nuova

69 Documentazione fotografica Vista del box in lamiera Via n Scheda n Nuova

70 Via n Scheda n Nuova

71 LOCALIZZAZIONE, ACCESSIBILITA', UTENZE Viabilità Via Nuova Numero 848 Accessibilità della struttura insediativa Accessibilità diretta Specifiche relative all'accessibilità strada asfaltata Condizioni stradali buone Note Riferimenti cartografici Catasto Terreni Foglio 32 Mappale 160 Particelle Utenze Rete acquedottistica Rete gas Rete telefono Rete elettrica Rete fognaria Note Via n Scheda n Nuova

72 Via n Scheda n Nuova

73 CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA, DESCRIZIONE, CONSERVAZIONE E FUNZIONE, DISCIPLINA DI INTERVENTO Codice bene Codice edificio _054_409 Edificio Manufatto Classificazione tipologica Tipo bene Tipologia Note bene individuo VILLETTA UNIFAMILIARE Non aggregata; proprietà privata. Strutture edilizie Presenza piano sottotetto no Presenza piano interrato no Numero piani fuori terra 2 Strutture verticali continue e puntiformi Tipo di copertura Padiglione (coppi - lastre) Note Presenza di ampio portico fuori sagoma, sul fronte strada. Conservazione e funzione Stato di conservazione Livello di attuazione Funzione principale Funzione secondaria BUONO STATO RESIDENZIALE Corpi Secondari Tipologia Capannone Note Due box in lamiera ad uso garage (vedi foto 4,5). Disciplina Intervento Destinazioni d'uso ammesse U1 Abitazione civile ai sensi del titolo IV delle NTA RUEU32 Residenza agricolau35.1 Attività di prima lavorazione, conservazione, commercializzazione e degustazione dei prodotti (solo per il 50% della SUL esistente)u37.1 Agriturismo, Fattorie didattiche e sociali Categorie d'intervento ammesse Ai sensi della Tab.4.7 NTA RUE Note Via n Scheda n Nuova

74 Via n Scheda n Nuova

75 COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo Toponimo Sconosciuto Scheda n. 410 Via Nuova n 0 Codice bene 003_054_410 foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 Via n Scheda n Nuova 0 410

76 Via n Scheda n Nuova 0 410

77 Via n Scheda n Nuova 0 410

78 LOCALIZZAZIONE, ACCESSIBILITA', UTENZE Viabilità Via Nuova Numero 0 Accessibilità della struttura insediativa Accessibilità diretta Specifiche relative all'accessibilità strada asfaltata Condizioni stradali buone Note Riferimenti cartografici Catasto Terreni Foglio 32 Mappale 362 Particelle Utenze Rete acquedottistica Rete gas Rete telefono Rete elettrica Rete fognaria Note Via n Scheda n Nuova 0 410

79 Via n Scheda n Nuova 0 410

80 CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA, DESCRIZIONE, CONSERVAZIONE E FUNZIONE, DISCIPLINA DI INTERVENTO Codice bene Codice edificio _054_410 Edificio Manufatto Classificazione tipologica Tipo bene Tipologia Note bene complesso ALTRO Cimitero di Trentola. Costituito da più corpi edilizi indipendenti con copertura a due falde, distribuiti a "C" con cappella centrale e muro di cinta perimetrale continuo. Strutture edilizie Presenza piano sottotetto no Presenza piano interrato no Numero piani fuori terra 1/2 Strutture verticali continue Tipo di copertura Due falde (coppi - lastre) Note Conservazione e funzione Stato di conservazione Livello di attuazione Funzione principale Funzione secondaria BUONO STATO ALTRO Corpi Secondari Tipologia Capannone Note Disciplina Intervento Destinazioni d'uso ammesse Categorie d'intervento ammesse Note Via n Scheda n Nuova 0 410

81 Via n Scheda n Nuova 0 410

82 COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo Toponimo Sconosciuto Scheda n. 411 Via Nuova n 1179, 1189 Codice bene 003_054_411 foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 Via n Scheda n Nuova 1179,

83 Via n Scheda n Nuova 1179,

84 Documentazione fotografica Vista di un box telonato Vista di un box telonato Via n Scheda n Nuova 1179,

85 Via n Scheda n Nuova 1179,

86 LOCALIZZAZIONE, ACCESSIBILITA', UTENZE Viabilità Via Nuova Numero 1179, 1189 Accessibilità della struttura insediativa Accessibilità diretta Specifiche relative all'accessibilità strada asfaltata Condizioni stradali buone Note Riferimenti cartografici Catasto Terreni Foglio 32 Mappale 305 Particelle Utenze Rete acquedottistica Rete gas Rete telefono Rete elettrica Rete fognaria Note Via n Scheda n Nuova 1179,

87 Via n Scheda n Nuova 1179,

88 CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA, DESCRIZIONE, CONSERVAZIONE E FUNZIONE, DISCIPLINA DI INTERVENTO Codice bene Codice edificio _054_411 Edificio Manufatto Classificazione tipologica Tipo bene Tipologia Note bene individuo VILLETTA BIFAMILIARE Trattasi di tre corpi edilizi attigui, posizionati a "L", uniti fra loro grazie a portici e tettoie al piano terra, tutti con funzione prevalente abitativa. Proprietà privata. Strutture edilizie Presenza piano sottotetto? Presenza piano interrato no Numero piani fuori terra 2 Strutture verticali continue Tipo di copertura Due falde (coppi - lastre) Note Conservazione e funzione Stato di conservazione Livello di attuazione Funzione principale Funzione secondaria DISCRETO STATO RESIDENZIALE Corpi Secondari Tipologia Capannone Note Due box telonati e tettoia annessa al corpo edilizio, in parte chiusa e in parte ad uso garage (vedi foto 3). Disciplina Intervento Destinazioni d'uso ammesse U1 Abitazione civile ai sensi del titolo IV delle NTA RUEU32 Residenza agricolau35.1 Attività di prima lavorazione, conservazione, commercializzazione e degustazione dei prodotti (solo per il 50% della SUL esistente)u37.1 Agriturismo, Fattorie e sociali Categorie d'intervento ammesse Ai sensi della Tab.4.7 NTA RUE Note Via n Scheda n Nuova 1179,

89 Via n Scheda n Nuova 1179,

90 COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo Toponimo Sconosciuto Scheda n. 412 Via Nuova n 1167 Codice bene 003_054_412 foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 Via n Scheda n Nuova

91 Via n Scheda n Nuova

92 Via n Scheda n Nuova

93 LOCALIZZAZIONE, ACCESSIBILITA', UTENZE Viabilità Via Nuova Numero 1167 Accessibilità della struttura insediativa Accessibilità diretta Specifiche relative all'accessibilità strada asfaltata Condizioni stradali buone Note Riferimenti cartografici Catasto Terreni Foglio 32 Mappale 99 Particelle Utenze Rete acquedottistica Rete gas Rete telefono Rete elettrica Rete fognaria Note Via n Scheda n Nuova

94 Via n Scheda n Nuova

95 CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA, DESCRIZIONE, CONSERVAZIONE E FUNZIONE, DISCIPLINA DI INTERVENTO Codice bene Codice edificio _054_412 Edificio Manufatto Classificazione tipologica Tipo bene Tipologia Note bene individuo VILLETTA UNIFAMILIARE Non aggregata; proprietà privata. Strutture edilizie Presenza piano sottotetto no Presenza piano interrato no Numero piani fuori terra 2 Strutture verticali continue Tipo di copertura Due falde (coppi - lastre) Note Conservazione e funzione Stato di conservazione Livello di attuazione Funzione principale Funzione secondaria DISCRETO STATO RESIDENZIALE Corpi Secondari Tipologia Capannone Note Corpo edilizio in muratura, nel retro del lotto, ad un piano fuori terra e copertura a falda unica inclinata, in condizioni degradate; probabile uso deposito (vedi foto 2,4). Disciplina Intervento Destinazioni d'uso ammesse U1 Abitazione civile ai sensi del titolo IV delle NTA RUEU32 Residenza agricolau35.1 Attività di prima lavorazione, conservazione, commercializzazione e degustazione dei prodotti (solo per il 50% della SUL esistente)u37.1 Agriturismo, Fattorie e sociali Categorie d'intervento ammesse Ai sensi della Tab.4.7 NTA RUE Note Via n Scheda n Nuova

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO EDILIZIO (Testo Unico dei Comuni della Bassa Val di Cecina) ANNO 2013 Bibbona, Gennaio 2013 Visto: Il Sindaco Fiorella Marini Il Responsabile Area Edilizia

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

per la redazione delle dichiarazioni di Catasto Fabbricati con il pacchetto applicativo Do.C.Fa.

per la redazione delle dichiarazioni di Catasto Fabbricati con il pacchetto applicativo Do.C.Fa. Territorio per la redazione delle dichiarazioni di Catasto Fabbricati con il pacchetto applicativo Do.C.Fa. Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Lazio - Territorio Roma, 25 Luglio 2013 Pagina 1 di

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE

PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE ALLEGATO 5 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE ALLE NTA DEL RU PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I TITOLO I CARATTERI DEL REGOLAMENTO URBANISTICO 1 RU 2 RU PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE 1

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO

VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI PECETTO TORINESE VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI SINDACO SEGRETARIO PROGETTISTI arch. R. Gambino

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

Comune di Vigolzone Analisi dei fabbricati esterni al territorio urbanizzato

Comune di Vigolzone Analisi dei fabbricati esterni al territorio urbanizzato Pagina 1 RIF. STATO DI FATTO RILEVANZA PAESAGGISTICA PRESCRIZIONI DI PROGETTO 1 a 2 b a Architettura contadina TA1 c 2 b a Architettura contadina TA2 d 2 b a e 2 b a 2 2 b a 3 2 b a Rustici prefabbricati

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA. CAD Solutions. Ver. 1.

Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA. CAD Solutions. Ver. 1. DOCFA Plug-in Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA CAD Solutions www.progecad.com Ver. 1.0 P a g i n a 2 P a g i n a 3 Indice Indice...

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Comune di Santa Croce sull Arno

Comune di Santa Croce sull Arno Comune di Santa Croce sull Arno Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO NORME DI ATTUAZIONE A cura degli estensori del piano Ing. Riccardo Ciuti Arch. Luca Tosi Parte prima - Norme generali Art. 1 Elaborati

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di FIRENZE

REGOLAMENTO. Comune di FIRENZE REGOLAMENTO EDILIZIO Comune di FIRENZE REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato con delibera C.C. n. 14 del 25/03/2014 INDICE SEZIONE I Disposizioni generali Capitolo I Natura e contenuti del regolamento edilizio

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Costruire con la canapa in ITALIA

Costruire con la canapa in ITALIA Costruire con la canapa in ITALIA OLVER ZACCANTI anab architetturanaturale officinadelbuoncostruire@yahoo.it Costruire con la canapa in Italia pannelli in fibra di canapa per isolamenti Pareti divisorie

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E OPERE DI MANUTENZIONE

NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E OPERE DI MANUTENZIONE PROGETTO N. 557/BIS Comune di Bagno a Ripoli Provincia di Firenze Istituto Comprensivo Bagno a Ripoli Capoluogo Ampliamento Plesso Scolastico Francesco Granacci NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E OPERE DI MANUTENZIONE

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio 1. Ogni attività che comporta trasformazione, anche temporanea, urbanistica ed edilizia del territorio comunale, è disciplinata

Dettagli

Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze

Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze Le distanze legali tra pareti finestrate con particolare riguardo al computo di balconi e sporgenze La norma di base sulle distanze legali contenuta nel Codice civile ed il suo rapporto con i regolamenti

Dettagli

FOTOVOLTAICO: PRONTUARIO PER LA VALUTAZIONE DEL SUO INSERIMENTO NEL PAESAGGIO E NEI CONTESTI ARCHITETTONICI

FOTOVOLTAICO: PRONTUARIO PER LA VALUTAZIONE DEL SUO INSERIMENTO NEL PAESAGGIO E NEI CONTESTI ARCHITETTONICI FOTOVOLTAICO: PRONTUARIO PER LA VALUTAZIONE DEL SUO INSERIMENTO NEL PAESAGGIO E NEI CONTESTI ARCHITETTONICI a cura di I. Baldescu / F. Barion Parco solare Eging am See, Baviera, Germania - fonte dati:

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Aggiornamento della Perizia di Stima degli stabilimenti di proprietà della S.O.N. SpA Società Ossigeno Napoli siti in: Dott. Ing. Ugo Maria Cerciello

Aggiornamento della Perizia di Stima degli stabilimenti di proprietà della S.O.N. SpA Società Ossigeno Napoli siti in: Dott. Ing. Ugo Maria Cerciello Aggiornamento della Perizia di Stima degli stabilimenti di proprietà della S.O.N. SpA Società Ossigeno Napoli siti in: 1) MONTEPRANDONE (AP) Via XXIV Maggio n.55 2) FOGGIA Via Trinitapoli n.1 km 0,300

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli