Trascrizione intervento registrato di Ernesto Belisario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trascrizione intervento registrato di Ernesto Belisario"

Transcript

1 Trascrizione intervento registrato di Ernesto Belisario Introduzione all intervento Buongiorno a tutti e grazie ad Alberto Ardizzone ancora una volta per l'invito. Purtroppo quest'anno non sono lì con voi a discutere e confrontarmi sui temi della Giornata aperta sul web. Tuttavia nella speranza di provare a dare un utile contributo mi è piaciuto comunque esserci, sebbene nella modalità virtuale che le nuove tecnologie ci consentono, per provare a fare quello che è ormai da un po' di anni il mio compito: da un lato provare a tracciare le principali tendenze della normativa quello che è successo nel corso degli ultimi 12 mesi, tanto in termini di intervento del legislatore, quanto in termini di interpretazione e di applicazione concreta delle norme. E dall'altro anche provare a lasciarvi con qualche indicazione su quello che ci attende sul what's next, come dicono gli anglosassoni. Proverò a farlo in questi pochi minuti che ruberò del vostro tempo. Quindi, da un lato cercando di spiegarvi e di illustrarvi quello che vi e ci aspetta nel corso del prossimo anno e dall'altro provando a fare il punto su ciò che invece è successo dal nostro ultimo incontro rispondendo ad alcune delle tantissime domande che sono arrivate e per le quali vi ringrazio, perché il bello della Giornata aperta sul web è che anche i relatori come me imparano grazie allo scambio e grazie alle domande e le interazioni che vengono sviluppate. Questo video poi verrà immagino caricato sul canale Youtube di Porte aperte sul web e mi auguro che possa rappresentare ulteriore inizio di discussioni anche online; per cui vi invito di recuperare il limite della mancanza di interazione immediata con delle domande, utilizzando i canali che tutti voi già conoscete, in primis l'infaticabile Alberto. Cosa ci aspetta? Dunque, dicevamo "Cosa ci aspetta?". Proviamo a guardare oltre. Se guardiamo ai mesi che ci separeranno al prossimo Porte aperte sul web, il mio pensiero è che saremo e sarete impegnati soprattutto e ancora dalla normativa in materia di digitalizzazione della pubblica amministrazione. Vi è una serie importante di decreti attuativi di norme già vigenti; in primis il codice dell'amministrazione digitale, che finalmente e sia pur tardivamente consente ad alcuni obblighi di diventare effettivamente operativi. Fatturazione elettronica Pensiamo alla fatturazione elettronica, cioè all'obbligo per tutti i fornitori della pubblica amministrazione di inviare fatture in modalità esclusivamente elettronica. Ebbene si tratta di un obbligo di legge dal 2008, ma le regole tecniche sono arrivate soltanto nel 2013 e la fatturazione elettronica vera e propria partirà a partire dal 6 giugno del 2014 per le amministrazioni centrali e il processo si chiuderà entro il marzo 2015.

2 Si tratta di una novità, perché in origine il processo avrebbe dovuto chiudersi entro il giugno del 2015, ma il governo Renzi con il decreto legge 66 del 2014, il recentissimo decreto Irpef, tuttora in corso di conversione in legge, ha deciso di anticipare questo termine. Si tratta, a mio avviso, a prescindere dall'importanza pratica: tanto per dare un numero, la fatturazione elettronica significa risparmiare un miliardo di euro annuo per la pubblica amministrazione italiana; quindi un anticipo di 3 mesi può essere comunque molto importante dal punto di vista economico; È, a mio avviso, rilevantissimo dal punto di vista psicologico del messaggio: la digitalizzazione non è un processo da cui si torna indietro; la digitalizzazione è un processo che semmai viene anticipato. A prescindere, e oltre la fatturazione elettronica, oltre i pagamenti elettronici, oltre l'identità digitale, oltre l'anagrafe nazionale della popolazione residente, che è un altro processo che dovrebbe arrivare a maturazione entro il 2015, importantissimo per tutti coloro che abbiano bisogno di trattare i dati dei cittadini --e conosciamo bene la rilevanza e quanto abbia inciso l'effettiva esistenza di una base dati funzionante davvero - il vero tema è proprio quello della digitalizzazione degli uffici intesa come eliminazione della carta e gestione dell'informatica. Protocollo informatico Eh già, perché il 3 dicembre del 2013 sono stati firmati due DPCM, due regolamenti: il regolamento sul protocollo e il regolamento sulla conservazione. Non mi sono sbagliato; non ho parlato di protocollo informatico perché il protocollo è necessariamente informatico. Ogni qualvolta parliamo di protocollo, parliamo di protocollo informatico È così già dal 2004, ma le nuove regole tecniche aggiornano le precedenti regole; quindi ci impongono di cambiare, di aggiornare i nostri sistemi di protocollo con tutto quello che questo significa tanto in termini di approvvigionamento quanto in termini di procedura. Ma si esce, e questo è il bello delle nuove regole tecniche, dalla logica per cui il protocollo informatico significhi solo sostituire un registro cartaceo con un registro informatico. Ad essere informatizzata è tutta la procedura di gestione dei documenti. Quindi significa anche implementazione dei fascicoli informatici e dei flussi informatici all'interno degli uffici. Quindi significa far sparire finalmente fascicoli cartacei e carte sulle scrivanie nostre e dei nostri collaboratori. Conservazione dei documenti informatici Come corollario a questo principio, c'è il secondo decreto, sempre del dicembre del 2013 che, come il precedente, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale nel marzo del 2014 e, quindi, già entrato in vigore che prevede la conservazione dei documenti informatici, ovviamente soltanto in modalità digitale. Quindi, il quadro che noi dovremo gestire nel corso dei prossimi mesi è quello di originali che devono essere non più fatti in carta firmando e timbrando, ma originali che devono essere documenti informatici sottoscritti elettronicamente, archiviati digitalmente, inviati via posta elettronica o via pec e pubblicati in forma accessibile sui nostri siti web. Questi documenti delle pubbliche amministrazioni devono essere conservati per tempo, per il termine di legge, in modo tale da garantirne sempre la integrità, il rispetto della normativa in materia di riservatezza dei dati personali e, ovviamente, in modo tale da garantire la loro accessibilità.

3 I tempi Queste norme hanno un termine di alcuni mesi: 18 per le norme sul protocollo, 36 per le norme in materia di conservazione, affinché tutte le amministrazioni si adeguino. Attenzione però a non ridursi all'ultimo momento, perché adeguarsi a queste norme significa approvvigionarsi delle tecnologie giuste compatibilmente con le nostre risorse. Questo può essere un problema per noi, ma allo stesso tempo significa anche cambiare i nostri modelli organizzativi e cambiare i flussi all'interno dell'amministrazione e, quindi, rivedere tutti quelli che sono i provvedimenti, gli atti organizzativi e i regolamenti. Il termine di 18 mesi, il termine di 36 mesi sono termini appena necessari per innescare questi processi in realtà complesse come l'amministrazione scolastica. La priorità: la riorganizzazione delle procedure e del back-office Quindi, la priorità nel corso dei prossimi mesi sarà sicuramente quella del back-office, quella di digitalizzare le procedure, di digitalizzare i documenti. Ovviamente, e qui veniamo a quello che è stato, la digitalizzazione impatta tantissimo in tema di trasparenza, in tema di pubblicazione. Quanto volte, parlando con ds e dsga, mi è capitato di sentirmi dire "Ah, ma questo decreto 33 ci complica terribilmente il lavoro". Beh, il decreto 33 introduce dei nuovi obblighi e quindi da questi nuovi obblighi scaturisce del lavoro ulteriore se non altro in sede di prima applicazione. Ma uno dei motivi per cui la sensazione è quella di lavorare di più o comunque di affaticarci di più deriva dal fatto che abbiamo provato a gestire una norma scritta per un'amministrazione digitale molte volte in uffici che di digitale hanno ben poco o che continuano a girare per la gran parte sulla carta. Il presupposto delle norme in materia di accessibilità, di pubblicazione all'albo e di decreto 33 è quello di un'amministrazione digitale. Un'amministrazione che lavori utilizzando il protocollo informatico, originali informatici e un sistema di conservazione efficace ed efficiente. Domande & Risposte Veniamo ora al nostro tema clou, anche per cominciare dalle domande che ci sono state fatte. Decreto legislativo 33/2013 Le prime, forse le più cospicue, riguardano il decreto 33: croce e delizia degli istituti scolastici. Esistono ancora degli open points sull'applicazione del decreto 33, ma un punto che possiamo portare assolutamente a casa come consolidato è che il decreto 33 si applica integralmente, sia pure con i dovuti distinguo, alle amministrazioni scolastiche. A mio avviso, e se lo ricorderà sicuramente chi ha avuto modo di parlare con me in questi mesi, non poteva essere altrimenti. Non poteva essere altrimenti perché nell'ambito soggettivo di applicazione del decreto 33 è chiaro l'articolo 11, in cui si parla di tutte le amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2 del decreto 165 del 2001, il testo unico sul pubblico impiego, in cui sono, come ricorderete, compresi gli istituti scolastici di ogni ordine e grado. Quindi si applicano alle scuole tuttti e tre i macroadempimenti previsti dal decreto 33. Quali sono questi tre macroadempimenti? La nomina del responsabile della trasparenza, la predisposizione di un programma triennale per la trasparenza e l'integrità e la pubblicazione sul web dei contenuti minuziosamente individuati dal decreto. Su questo facciamo qualche specificazione.

4 Responsabile trasparenza Il responsabile della trasparenza ci deve essere necessariamente, perché laddove c'è un obbligo il cittadino ha la necessità di avere un punto di riferimento che deve essere doverosamente all'interno dell'istituto in omaggio al principio dell'autonomia scolastica. La soluzione, in attesa di ulteriori indicazioni che arriveranno, che stanno per arrivare dal Miur e dall'autorità nazionale anticorruzione, sembra proprio essere che il responsabile per la trasparenza debba essere il dirigente scolastico, con buona pace di tutti gli orientamenti contrari che nel corso dei mesi si erano succeduti e che poggiavano su una identificazione del responsabile della trasparenza con il responsabile per la prevenzione della corruzione. Pare che il ministero abbia fatto chiarezza affermando che dobbiamo tenere con riferimento agli istituti scolastici distinte le due normative, quindi, distinti i discorsi relativi ai due responsabili. Per il responsabile della trasparenza non si applicano tutte quelle pregiudiziali relative al livello del dirigente, relative all'assenza di situazioni di rischio gestite, dal momento che il responsabile della trasparenza di fatto ha come principale obbligo quello di coordinare il procedimento di pubblicazione sul web di dati, documenti e informazioni. Programma triennale per la trasparenza Il secondo macroadempimento è quello della predisposizione di un programma triennale per la trasparenza, in cui, di fatto, descrivere quali sono i contenuti, quali sono le modalità con cui noi adempiamo al decreto 33 e identificare le modalità ulteriori. Anche in questo caso l'orientamento è quello di ritenere che anche gli istituti scolastici debbano redigere il programma sui cui contenuti si pronunceranno - sui contenuti tipo - Anac e Miur, ma ovviamente non è possibile pensare di gestire la trasparenza in un istituto, in un'organizzazione mediamente complessa senza un documento. Pubblicazione dei dati previsti dall allegato A del d.lgs 33/2013 Il terzo tipo di adempimento invece è quello di pubblicare tutti i dati previsti dall'allegato A. Ovviamente soltanto le informazioni di pertinenza degli istituti scolastici; non dovremmo sicuramente inserire dei dati relativi alle informazioni ambientali, oppure quelli alle strutture sanitarie. A questo punto dobbiamo fronteggiare due domande sul decreto trasparenza. La prima è sulle priorità. Da dove partire? Secondo me la priorità è quella relativa al check; cosa abbiamo pubblicato: tutto? Ci manca qualcosa? La seconda. Per uscire da una logica di emergenza, come quella legata all'adempimento Avcp del 31 gennaio, la mia idea è quella di provare, per quanto possibile, ad essere schematici e quindi, utilizzando come base la tabella allegata alla delibera Civit 50 del 2013, quella del programma triennale, le linee guida per la predisposizione del programma triennale, provare a individuare per ciascuna delle informazioni qual è il soggetto responsabile della produzione dell'informazione e conseguentemente della sua pubblicazione. Questo ci aiuterà a oliare il meccanismo in cui ciascuno contribuisce in modo ordinato al popolamento della sezione e all'aggiornamento del sito. Trasparenza: cosa ha funzionato e cosa no La seconda domanda è quella relativa a cosa ha funzionato e cosa no e a quali sono le opportunità offerte dal decreto. Innanzitutto il decreto trasparenza è sicuramente problematico perché sembra avere dietro di sé un concetto unitario di pubblica amministrazione, perché prevede adempimenti unici che si applicano per tutti, laddove noi abbiamo quotidianamente

5 esperienza di un'amministrazione che non può essere trattata in modo unitario: LA Pubblica Amministrazione non esiste; esistono LE pubbliche amministrazioni e anche tra istituti scolastici, anche tra comuni, amministrazioni che hanno lo stesso livello non sono omologhe per numero di utenti, per complessità del territorio. Quindi questo è sicuramente un ostacolo che noi dobbiamo trovarci a fronteggiare. Del decreto 33 ha funzionato sicuramente il fatto che in solo un anno è riuscito a porre un tema: il tema della trasparenza. Certo, c'è stato uno iato tra la fuga in avanti di molti che sono anche lì, che hanno visto come una sconfitta quando il ministero ha provato a dare un po' più di tempo a chi era rimasto indietro, ma in realtà non la vedo in questo modo. La vedo semplicemente come una implicita ammissione che chi era andato avanti, chi aveva lavorato duramente, aveva fatto bene perché quella era la direzione; quindi, in questo caso, secondo me, sono premiati e non penalizzati coloro che sono andati avanti. Perché hanno capito che il decreto 33 non è un norma da approccio burocratico, cioè non è soltanto l'ennesima vessazione normativa di un legislatore, ma il tentativo di ridare credibilità alla pubblica amministrazione e, quindi, utilizzare i diversi adempimenti, in primis il programma triennale per la trasparenza, non come l'ennesimo documento da copia-incollare vedendo quello che ha fatto un altro istituto, ma cercando di utilizzarlo davvero come documento di procedura per spiegare in modo efficiente e in modo chiaro ai nostri utenti che noi siamo trasparenti, che noi siamo efficienti; come si dice dalle mie parti "facciamo le nozze con i fichi secchi". Ormai è una cosa che ci può riuscire soltanto se facciamo vedere i dati, soltanto se facciamo vedere le informazioni. Allo stesso tempo utilizziamo quel documento per vincolare la nostra struttura al rispetto di una serie di importanti standard. Dominio.gov.it e scuole Vengo poi a ulteriori temi. C'è una domanda relativa alla cogenza del dominio.gov.it: è una domanda ricorrente. Io su questo rimando agli atti, nel senso che davvero mi sembra molto increscioso che ci sia ancora questo tema, questa resistenza. La obbligatorietà di un dominio.gov.it per tutte le amministrazioni, di cui all'articolo 2, comma 1 del decreto 165, ci viene fornita dalla direttiva Brunetta numero 8 del 2009, del ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione. Non vi sono sanzioni dirette, questo è vero, non c'è scritto che chi non ha il dominio.gov.it ha delle frustate sulla pubblica piazza, però innanzitutto vedo numerosi vantaggi ad avere un dominio certificato; dopo di che potrebbero esserci delle sanzioni indirette e cioè: quando le norme parlano di adempimenti che dobbiamo fare su siti istituzionali, non danno la definizione di sito istituzionale, eppure in tutta una serie di altri provvedimenti normativi, in primis la direttiva 8 del 2009, c'è scritto che il sito istituzionale è quello con il dominio.gov.it. Quindi, di fatto c'è il rischio che davanti a una contestazione, anche giudiziaria, potrebbe venir fuori, ripeto, utilizzo il condizionale perché non abbiamo precedenti in materia, ma dobbiamo attribuire comunque un significato alle norme, c'è possibilità che qualcuno ci dica che l'albo se non è su dominio.gov.it, la sezione amministrazione trasparente se non è su dominio.gov.it, non ha l'efficacia prevista dalla norma. Pubblicazione esiti scrutini in albo Altri temi sono quelli relativi, ad esempio, alla pubblicazione degli scrutini sull'albo dell'istituto. Su questo il garante privacy ha affermato in una serie di documenti che già abbiamo diffuso, ma possiamo riportare, che i voti dei compiti in classe, delle interrogazioni, degli esiti degli scrutini o

6 degli esami di stato sono pubblici e, quindi, queste informazioni sono soggette a un regime di trasparenza e il loro regime di conoscibilità è stabilito dal ministero dell'istruzione. Ovviamente sono necessari, anche nel caso di pubblicazione telematica, alcune cautele e, quindi, è necessario evitare di fare riferimento a informazioni sulle condizioni di salute degli studenti, ad esempio con il riferimento a prove differenziate o altro. Tali dati non dovranno essere riportati in quanto pubblicato. Cosa fare quando altre amministrazioni mandano pdf immagine? Vi sono poi delle domande relative alla pubblicazione all'albo di documenti che ci vengono da altre fonti che non sono in linea con la normativa in materia di accessibilità. Su questo è sicuramente apprezzabile che chi riceve un documento provi il più possibile a renderlo rispondente alla normativa vigente. Dobbiamo però affermare un principio, evitando di aggravare quello che è il lavoro degli uffici, per cui io posso garantire, posso essere chiamato a garantire l'accessibilità, e quindi la conformità, dei documenti che produco direttamente; quelli che mi vengono inviati da altra fonte, anche altri uffici pubblici, posso provare nei limiti delle mie disponibilità tecnologiche e di tempo e organizzative, a farlo, ma non vi sono assolutamente tenuto. Mi rendo conto che questo crea un problema all'utenza e quindi è necessario fare pressioni nei confronti di chi tali documenti produce senza cautela sull'accessibilità. Registro elettronico Altre domande sono quelle relative al registro elettronico. Quali sono le cautele, quali sono le priorità. Sul registro elettronico dobbiamo stare assolutamente attenti su due profili. Il primo: stiamo parlando di un atto pubblico, e quindi dobbiamo stare attenti a che si tratti di un sistema informatico che tenga assolutamente traccia degli accessi in maniera sicura, che quindi abbia una gestione di profili e di autorizzazioni compatibili con la normativa vigente, in particolar modo il codice dell'amministrazione digitale. Nulla ci vieta, e qui rispondo a un'altra domanda, di poter gestire questo prodotto internamente; è ovvio che sarà molto più semplice rivolgersi a una delle tante soluzioni presenti sul mercato, che, oltre, a garantirci aggiornamenti, ci consentono anche di scaricare sul fornitore una serie di rischi di obsolescenza e di sicurezza normativa. Ma vi è di più: se noni siamo in condizioni di poter incidere o di poter far pressione, possiamo privilegiare quei fornitori che ci garantiscono contrattualmente la rispondenza alle norme, ad esempio, in tema di conservazione oppure che hanno sviluppato questi sistemi già in modo compatibile con la normativa in materia di riservatezza dei dati personali. Comunicazioni scuola-famiglia Con riferimento alle comunicazioni scuola-famiglia, anche in questo caso ci sono due domande specifiche, rimando al fatto che gli istituti possono sicuramente utilizzare posta elettronica, posta elettronica certificata, laddove vi sia un'elezione di domicilio da parte delle famiglie, da parte dei genitori. può essere utilizzata altresì un'area riservata sul sito dell'istituto e questa è una delle cautele che noi consigliamo caldamente, perché consente con poche risorse a disposizione di poter beneficiare di grandi vantaggi. Ovviamente attraverso l'area riservata potrò avere sia comunicazioni dell'istituto nei confronti della famiglia, tanto potrò avere, con piena validità legale, ai sensi degli articoli 64 e 65 del codice dell'amministrazione digitale, le comunicazioni da parte degli utenti nei confronti della pubblica

7 amministrazione. Ovviamente dovrò stare attento; non basterà una iscrizione e una registrazione unicamente telematica; avrò bisogno di un'autenticazione strong e, quindi, di un riconoscimento degli utenti fisicamente prima di assegnare le credenziali. Questioni di Cig Dopo questa abbiamo delle domande relative alla gestione del Cig. Collaboratori e consulenti: confermo l'orientamento per cui non c'è necessità di Cig. Questo lo confermano anche le Faq sulla tracciabilità pubblicate sul sito dell'autorità di vigilanza in materia di contratti pubblici; medesima raccomandazione è desumibile dalle medesime Faq per quanto riguarda le cosiddette minute spese. Finisco, nella speranza di essere stato nei tempi, ma soprattutto di avere dato risposte, con altre due domande. Responsabilità del webmaster La prima è sulle responsabilità del webmaster, che non è responsabile del procedimento di pubblicazione. Non sono censite dal legislatore; quindi, bisognerà capire di volta in volta qual è il conferimento dell'incarico che viene dato al docente o al soggetto esterno. Quindi, dovremo ben capire qual è l'incarico; se l'incarico è soltanto di preparare un sito o di preparare delle pagine, il tema sarà sempre lo specifico che noi diamo. Quindi, quando daremo queste specifiche, dovranno essere chiare e soprattutto rispondenti alla normativa vigente. Allo stesso tempo, potrò dire, se non lo nomino espressamente responsabile del procedimento di pubblicazione, che il webmaster è anche responsabile dei contenuti che vengono pubblicati sul sito. Poi magari su questo punto l'amico Roberto Scano potrà sicuramente darci ulteriori specificazioni. Diritto d autore e materiali autoprodotti Da ultimo, parlo di un tema che mi è particolarmente caro e cioè quello del diritto d'autore, perché esiste da qualche tempo un regolamento Agcom, dell'autorità per le garanzie delle comunicazioni, che prevede delle norme in materia di diritto d'autore online, cioè per il titolare dei diritti di un'opera protetta, in caso di violazione online dei propri diritti di riproduzione, di riutilizzo non autorizzato. Questo significa che dovremo fare particolare attenzione, visto che non sarà più necessario andare di fronte all'autorità giudiziaria, ma si instaura un piccolo procedimento precontenzioso, che peraltro è oggetto di contestazione. Per evitare che il sito dell'istituto sia oggetto di richieste per i contenuti prodotti è particolarmente utile che all'interno dell'istituto, tanto i ragazzi quanto i docenti che preparano i contenuti che verranno pubblicati, siano educati a utilizzare bene il materiale che trovano in rete e siano educati a non compiere dei comportamenti che possano esporre l'istituto al rischio di contenzioso. Da questo punto di vista, sarà semplice provare a utilizzare e riutilizzare non soltanto materiali prodotti, penso a fotografie, immagini, testi, musica, direttamente all'interno dell'istituto, applicandoci poi la licenza che vorrete, meglio se è aperta, meglio se è una Creative Commons, ma, quando si riutilizzano contenuti altrui, andare a vedere le licenze. Quindi: privilegiare i siti di immagini copyleft o Creative Commons; se devo inserire delle immagini, poi magari l'amica Catepol, che è presente, potrà darvi ulteriori chiarimenti, oppure, lo stesso per la musica, da siti come Jamendo, da saccheggiare liberamente se ci servono dei contenuti per finalità diverse da quelli lucrative.

8 Saluti Bene, spero di non avervi annoiato; probabilmente sono stato lungo con i tempi, ma era tanta la voglia di partecipare a questa festa che è la Giornata aperta sul web, provando a farvi sentire il mio punto di vista: quello di qualcuno che vi parla di diritto, e, quindi, ahimè, non di una cosa assolutamente semplice, ma allo stesso tempo provo a dirvi che la via per una pa digitale, per una pa veramente trasparente, è possibile ed è sostenibile e, lo dice il figlio di una docente sebbene in pensione, il futuro della scuola, tanto in termini di amministrazione tanto in termini di struttura educativa, è quello di mostrarsi più all'avanguardia di tutti gli altri livelli amministrativi. Grazie ancora per l'invito e buona giornata a tutti.

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali DATAMATIC S.p.A DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI Allegato 5 - Informativa Clienti e Fornitori Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp Come specificato dalla Direttiva N.8/2009 del Ministero della Pubblica Amministrazione e Innovazione, la registrazione di nomi a dominio.gov.it è richiesta a tutte le Pubbliche Amministrazioni, al fine

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a?

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 4 4 1a) In che misura valuta l'impegno di suo/sua figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 1% 4 1 B 1b)

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione (Bozza di delibera) Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Parte I - Questioni generali 1. Ricognizione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Oggetto: D.lgs 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali. Informativa all interessato.

Oggetto: D.lgs 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali. Informativa all interessato. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL FRIULI-VENEZIA GIULIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI ROVEREDO IN PIANO Comuni di Roveredo in Piano e San Quirino

Dettagli

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti web della PA 2011 Dipartimento per la Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e l Innovazione Tecnologica DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Domanda di partecipazione alla Fiera:

Domanda di partecipazione alla Fiera: Domanda di partecipazione alla Fiera: ARTI & MESTIERI EXPO -Roma, Fiera di Roma, 12 15 dicembre 2013 MODULO DA RESTITUIRE DEBITAMENTE COMPILATO ENTRO E NON OLTRE L 11 NOVEMBRE 2013 a: FIERA ROMA SRL SEGRETERIA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013) Art.1 - Disposizioni di carattere generale 1. Il presente codice di comportamento, di seguito denominato "Codice", definisce, ai fini dell'articolo

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione A Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione... 3 A.1 Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione a livello nazionale...

Dettagli

Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina

Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina Commissione Ingegneria dell Informazione La Firma Digitale e La PEC Come Strumenti di Comunicazione Nell era digitale GdL:Ingg Luigi Di Santo Filippo Filippella

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Concorso nazionale La mia

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

*** NORMATTIVA - Export HTML ***

*** NORMATTIVA - Export HTML *** Pagina 1 di 7 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62 Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell'articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62 Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell'articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO FUNZIONE STRUMENTALE. AREA SERVIZI E SOSTEGNO AI DOCENTI e GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO

RELAZIONE FINALE PROGETTO FUNZIONE STRUMENTALE. AREA SERVIZI E SOSTEGNO AI DOCENTI e GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO RELAZIONE FINALE AREA SERVIZI E SOSTEGNO AI DOCENTI e GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DOCENTE: Maria Rosaria Sebastiani DATA: 12 giugno 2013 FIRMA Il presente progetto è stato rivolto

Dettagli

attività regolamentate BOVELACCI ANNELISA 50,00% -5,00% 45,00%

attività regolamentate BOVELACCI ANNELISA 50,00% -5,00% 45,00% Modifiche alle risorse umane rispetto il Piano Performance 2013 vers.1 approvato con Delibera di Giunta Camerale n. 15 del 31/01/2013 Tabella A) Codice Descrizione Nominativo Perc. Var. Totale 3.4.1.1

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione Radar Web PA Valutazione della qualità dei siti web Livello d interazione Sezione di trasparenza Open data Open Content Valutazione Partecipazione Presenza 2.0 Contenuti minimi Dominio.gov Dichiarazioni

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP Vista la Legge N 228 del 24/12/2012 (entrata in vigore il 01/01/2013) e la circolare n 18/2013 Prot. N. 11054, nell ottica di procedere in modo uniforme all

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 Sintesi Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it GUIDA PRATICA La trasmissione degli esposti alla COVIP Cosa c'è in questa guida Le domande di base Cosa fare prima di inviare un esposto Come si prepara un esposto Come la COVIP esamina gli esposti Memo

Dettagli

La presente copia informatica, destinata unicamente alla pubblicazione sull'albo Pretorio on Line, e' conforme al documento originale ai sensi del

La presente copia informatica, destinata unicamente alla pubblicazione sull'albo Pretorio on Line, e' conforme al documento originale ai sensi del COMUNE DI MILANO Dichiarazione di conformità dei documenti informatici con gli originali cartacei. Ai sensi del DPR 445/2000 attesto che il documento che precede, composto di n. 20 fogli, è copia conforme

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

nome/funzione Dirigente Scolastico Direttore Servizi Generali e Amministrativi R.G.Q. Nel raccoglitore in aula docenti

nome/funzione Dirigente Scolastico Direttore Servizi Generali e Amministrativi R.G.Q. Nel raccoglitore in aula docenti 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITA. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONE 8. ALLEGATI LISTA DI DISTRIBUZIONE nome/funzione Dirigente

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli