aprile 2013 Relazione Tecnica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "aprile 2013 Relazione Tecnica"

Transcript

1 aprile 2013 Relazione Tecnica

2 Aggiornamento a seguito della trasmissione da parte dell Autorità di Bacino della Puglia, con nota prot. 4384/2013 del 28/03/2013, della documentazione integrativa dell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica per il territorio di Francavilla Fontana, con riferimento e ad integrazione della nota prot. 3628/2013 del della stessa Autorità di Bacino della Puglia. Avendo confrontato i dati contenuti nelle suddette note e verificata la corrispondenza degli elementi denominati Ingresso di grotta naturale e Voragine, inghiottitoio e pozzo di crollo con quelli già utilizzati negli elaborati grafici allegati alla precedente stesura datata marzo 2013, acquisita al protocollo comunale n del , si conferma la correttezza degli stessi, che pertanto restano invariati.

3 SOMMARIO Introduzione p. 3 Territori costruiti p. 5 Ambiti Territoriali Distinti (ATD) e beni paesaggistici soggetti a tutela statale p. 9 ATD del sistema dell assetto geologico, geomorfologico, idrogeologico p. 11 ATD del sistema della copertura botanico vegetazionale, colturale e della potenzialità p. 18 faunistica ATD del sistema della stratificazione storica dell organizzazione insediativa p. 19 Ambiti Territoriali Estesi (ATE) p. 24 Note di carattere metodologico p. 25 Conclusioni p. 26 Allegati p Perimetrazioni su cartografia catastale dei territori costruiti di cui al punto 5.3 p. 26 dell art.1.03 delle NTA del PUTT/P 2. Planimetrie dei piani di lottizzazione p. 33 ELENCO TAVOLE Tav. 01 Perimetrazione dei Territori Costruiti su CRT Regione Puglia 2006 e su PdF vigente scala 1:5000 Tav. 02 Riporto degli ATD dei Sistemi dell assetto geologico, geomorfologico, idrogeologico, della copertura botanico vegetazionale, colturale e della potenzialità faunistica e della stratificazione storica dell organizzazione insediativa su CTR Regione Puglia 2006 scala 1:25000 Tav. 03 Riporto degli ATE su CTR Regione Puglia 2006 scala 1:25000 Tav. 04 Riperimetrazione degli ATD del Sistema dell assetto geologico, geomorfologico, idrogeologico su CTR Regione Puglia 2006 scala 1:25000 Tav. 05 Riperimetrazione degli ATD del Sistema della copertura botanico vegetazionale, colturale e della potenzialità faunistica su CTR Regione Puglia 2006 scala 1:25000 Tav. 06 Riperimetrazione degli ATD del Sistema della stratificazione storica dell organizzazione insediativa su CTR Regione Puglia 2006 scala 1:25000 Tav. 07 Riperimetrazione degli ATD sui Territori Costruiti su CTR Regione Puglia scala 1:25000 Tav. 08 Riporto degli ATE sui Territori Costruiti su CTR Regione Puglia scala 1:

4 2

5 Introduzione La pianificazione a scala comunale è strettamente vincolata al rispetto dei Piani Paesaggistici, strumenti di pianificazione a scala regionale per la tutela del paesaggio, sovraordinati agli strumenti di pianificazione comunale, la verifica del cui adeguamento è oggetto del controllo di compatibilità previsto dalla Lr 20/2001. In Puglia è attualmente in vigore il Piano Urbanistico Territoriale Tematico per il Paesaggio, approvato con delibera Giunta Regionale n del 15 Dicembre 2000, che ha la finalità di promuovere la salvaguardia e la valorizzazione delle risorse territoriali e paesaggistiche. Con l entrata in vigore del D.lgs. n. 42 del Codice dei Beni Culturali e Paesaggistici la Regione Puglia ha dato il via all elaborazione del nuovo Piano Paesaggistico, il cui procedimento di approvazione è ad uno stato avanzato, avendo la Giunta Regionale approvato, con delibera n. 1 del , la Proposta di Piano Paesaggistico Territoriale Regionale. Nonostante ciò, il PUTT/p è l unico piano vigente in materia di tutela del paesaggio, fino al perfezionamento del procedimento di approvazione del PPTR. Nell ambito del percorso di formazione del Piano Urbanistico Generale del Comune di Francavilla Fontana, avviato con l Atto di Indirizzo approvato con del. G.C. n. 207 del , in attuazione di quanto indicato dalle NTA del PUTT/P, nonché dall allegato II del DRAG Indirizzi, criteri e orientamenti per la formazione, il contenuto, il dimensionamento dei Piani Urbanistici Generali (PUG), approvato con delibera di Giunta Regionale n del (BURP n.120 del ), e dalla Circolare 1/2011 Indicazioni per migliorare l efficacia delle conferenze di copianificazione nella formazione dei piani urbanistici generali della Regione Puglia (BURP n. 25 del ), i presenti primi adempimenti costituiscono il primo passo verso l adeguamento della pianificazione comunale alle tutele previste dalla disciplina del PUTT/P, che sarà perfezionato con l adozione del PUG adeguato al PUTT/P, ciò principalmente allo scopo di applicare le prescrizioni delle NTA del PUTT/P alle componenti paesaggistiche come individuate dal PUG, ottenendo anche lo scopo di liberare da tali prescrizioni eventuali territori individuati dagli atlanti della documentazione cartografica del PUTT come Ambiti Territoriali Distinti, ma nella realtà privi delle relative componenti paesaggistiche. Tale definizione, oltre ad avere l evidente vantaggio di allineare le tutele normativamente poste in essere dal PUTT/P alle conoscenze più approfondite sullo stato dei beni costruite [ ] con il PUG e permettere dunque un più attento ed efficace perseguimento della tutela paesaggistica nelle fasi autorizzatorie delle trasformazioni territoriali, permette un riallineamento tra conoscenze regionali e conoscenze comunali utile al fine del controllo di compatibilità previsto dalla legge 20/2001, che, per gli aspetti paesaggistici, dovrà in primo luogo verificare la coerenza delle Invarianti paesistico ambientali individuate nella Parte Strutturale del PUG con gli indirizzi generali di tutela del PUTT/P. 1 Per la elaborazione dei Primi adempimenti si è fatto riferimento al quadro conoscitivo elaborato ai fini della costruzione del PUG, ivi compresi: l aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica della Puglia dell Autorità di Bacino della Puglia, aggiornamento prodotto a seguito dei lavori del tavolo tecnico con l AdB stessa aperto ai fini della redazione del PUG e trasmesso all Amministrazione comunale con note prot. 3628/2013 del e prot. 4384/2013 del , lo studio geologico a cura del Dott. Pietro Pepe; la Carta Archeologica comunale, affidata con Delibera di Giunta Comunale n. 361 del al Koninklijk Nederlands Instituut Rome (KNIR Reale Istituto Olandese a Roma), consegnata al Comune di Francavilla Fontana in data 22 febbraio 2013 e condivisa dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia di Taranto con nota prot. n del Circolare 1/2011 Indicazioni per migliorare l efficacia delle conferenze di copianificazione nella formazione dei piani urbanistici generali della Regione Puglia (BURP n. 25 del ). 3

6 Contestualmente si è proceduto alla definizione dei Territori costruiti di cui all art Efficacia delle norme tecniche di piano delle NTA del PUTT/P, per i quali si è fatto riferimento alla ricognizione dello stato della pianificazione generale e attuativa nel Comune di Francavilla Fontana. A seguito della redazione dei primi adempimenti, il Comune di Francavilla Fontana potrà assegnare alla redazione del PUG, e in particolare della parte strutturale (PUG/S), il valore di vero e proprio adeguamento della Pianificazione comunale al PUTT/P, prevista dall art Adeguamento degli strumenti urbanistici al Piano delle NTA del PUTT quale esito della costruzione dei quadri interpretativi e della lettura critica dello stato di fatto del territorio e delle sue tendenze di trasformazione, ed ha come corpo principale la definizione delle vere e proprie politiche e norme di tutela del paesaggio agenti sul territorio. 4

7 Territori Costruiti Il PUTT/P specifica, all art Efficacia delle norme tecniche di piano, che le norme da esso stesso definite non trovano applicazione all interno dei territori costruiti così definiti: 5.1: aree tipizzate dagli strumenti urbanistici vigenti come zone omogenee A e B; 5.2: aree tipizzate dagli strumenti urbanistici vigenti come zone omogenee "C" oppure come zone "turistiche" "direzionali" "artigianali" "industriali" "miste" se, alla data del 6 giugno 1990, incluse in strumento urbanistico esecutivo (piano particolareggiato o piano di lottizzazione) regolarmente presentato e, inoltre, le aree incluse, anche se in percentuale, in Programmi Pluriennali di Attuazione approvati alla stessa data; 5.3: aree che, ancorché non tipizzate come zone omogenee "B" dagli strumenti urbanistici vigenti: o ne abbiano di fatto le caratteristiche (ai sensi del DIM n. 1444/1968), vengano riconosciute come regolarmente edificate (o con edificato già sanato ai sensi della legge n. 47/1985) e vengano perimetrate su cartografia catastale con specifica deliberazione di Consiglio Comunale; o siano intercluse nell interno del perimetro definito dalla presenza di maglie regolarmente edificate, e vengano perimetrate su cartografia catastale con specifica deliberazione di Consiglio Comunale; 6: aree disciplinate dai Piani nelle Aree di Sviluppo Industriale (oggi aree SISRI). Con la circolare 1/2011 Indicazione per migliorare l efficacia delle conferenze di copianificazione nella formazione dei piani urbanistici generali della Regione Puglia, pubblicata sul BURP n. 25 del , vengono ulteriormente chiarite le modalità per la definizione dei territori costruiti, che devono comprendere: a. le zone omogenee tipizzate A e B dallo strumento urbanistico vigente alla data di entrata in vigore del PUTT/P ( ); b. le aree tipizzate dagli strumenti urbanistici vigenti alla data dell entrata in vigore del PUTT/P ( ) come zone omogenee C oppure come zone turistiche direzionali artigianali industriali miste, incluse in strumenti urbanistici esecutivi regolarmente presentati alla data del 6/6/1990, indicando gli specifici formali riferimenti temporali di presentazione; c. le aree tipizzate dagli strumenti urbanistici vigenti alla data dell entrata in vigore del PUTT/P ( ) come zone omogenee C oppure come zone turistiche direzionali artigianali industriali miste, incluse, anche se in percentuale, in Programmi Pluriennali di Attuazione approvati alla data del 6/6/1990: per dette zone devono essere riportati gli specifici riferimenti temporali di approvazione del PPA; d. le aree che, pur non essendo tipizzate B, di fatto ne abbiano le caratteristiche e siano riconosciute come regolarmente edificate. Per queste ultime necessita una puntuale dimostrazione della sussistenza delle condizioni urbanistiche per essere qualificate come assimilabili alle zone omogenee B, ossia del ricorrere dei presupposti giuridici di cui al D.M. 2/4/1968 n relativamente ai parametri di superficie coperta e densità territoriale dell edificato esistente. Questa dimostrazione deve essere effettuata con riferimento al reale stato dei luoghi ed estesa a tutte le aree del territorio comunale assimilabili per caratteristiche alle zone B alla data della redazione dei territori costruiti. A tal proposito è utile ricordare che l inclusione in zona B di un area in un piano approvato successivamente alla data del 6/6/1990, in mancanza dei presupposti di densità e superficie di cui al DM 1444/68 non è condizione sufficiente a decretarne l inclusione in detta categoria. Per tali aree è necessario riportare, per tutti gli edifici ricadenti nella perimetrazione, i riferimenti specifici circa la legittimità dell edificato esistente, 5

8 ossia l elenco delle concessioni edilizie già rilasciate e/o la relativa attestazione del dirigente dell UTC. Queste aree devono essere perimetrate su cartografia catastale con specifica del. di C.C.; e. le aree che, pur non essendo tipizzate B, di fatto ne abbiano le caratteristiche e vengano riconosciute come edificato sanato, ai sensi della L. 47/85. Anche per queste aree dovrà essere puntualmente dimostrata la sussistenza delle condizioni urbanistiche per essere qualificate come assimilabili alle zone omogenee B, vale a dire il ricorrere dei presupposti giuridici di cui al D.M. 2/4/1968 n relativamente ai parametri di superficie coperta e densità territoriale dell edificato esistente. La condizione di fabbricato sanato dovrà essere dimostrata, in relazione ai singoli provvedimenti sanzionatori e sanatori rilasciati, con elenco delle concessioni edilizie in sanatoria già rilasciate e/o attestazione del dirigente dell UTC. Queste aree devono essere perimetrate su cartografia catastale con specifica del. di C.C.; f. le aree che, pur non essendo tipizzate B, risultino intercluse all interno del perimetro definito dalla presenza di maglie regolarmente edificate. Per area interclusa è da intendersi un area che abbia almeno tre lati su quattro del proprio perimetro racchiuso entro maglie dello strumento urbanistico vigente alla data di approvazione del PUTT/P regolarmente edificate. È forse utile ricordare che per maglia, in urbanistica, comunemente si intende una parte della città o dello strumento urbanistico delimitata da viabilità esistente o di progetto, dotata di specifici caratteri fisici e/o funzionali. Queste aree devono essere perimetrate su cartografia catastale con specifica del. di C.C.; g. le aree disciplinate dai Piani delle Aree di Sviluppo Industriale (oggi aree SISRI) eventualmente presenti. Pertanto per la individuazione dei Territori costruiti si è proceduto, in applicazione dall art Efficacia delle norme tecniche di piano delle NTA del PUTT/P, così come esplicitato dalla circolare n. 1/2011 dell Assessorato alla Qualità del Territorio della Regione Puglia, analizzando quali aree ricadano nelle condizioni indicate nei punti 5.1, 5.2, 5.3 e 6 del suddetto articolo del Piano Urbanistico Territoriale Tematico del Paesaggio. In particolare: per il punto 5.1 sono state individuate tutte le aree tipizzate A, B, B1, B2 e B3 dal Programma di Fabbricazione vigente; per il punto 5.2 sono state individuate tutte le aree tipizzate C 2 e quelle destinate a nuovi insediamenti per impianti industriali o ad essi assimilati dal vigente Programma di Fabbricazione, incluse in strumenti urbanistici esecutivi regolarmente presentati alla data del 6/6/1990. Ovvero le zone 3 : C1: Piano di lottizzazione Cappuccini, presentato in data /// prot. /// approvato con D.C.C. n. 86 del 13/04/1976; C2 e C3: Piano quadro, presentato in data 10/01/1985 prot. 690 approvato con D.C.C. 266 del 10/10/1988; C4, C5 E C6: Piano di lottizzazione Insule C4 C5 C6, presentato in data 27/07/1983 prot approvato con D.C.C. n.23 del 11/03/1985; C7: Piano di lottizzazione Ruggiero, presentato in data 26/05/1978 approvato con D.C.C. 31/07/1978 e 97 del 03/04/1979 modificata con D.C.C. n. 82 del 21/03/1982; 2 Le planimetrie dei piani lottizzazione sono riportate nell Allegato 2 Planimetrie dei piani di lottizzazione. 3 Sono riportati i dati di presentazione e approvazione nella disponibilità dell Ufficio Tecnico Comunale. 6

9 C8: Piano di lottizzazione Peschiera, presentato in data /// approvato con D.C.C. n. 117 del 23/12/1970; C10: Piano di lottizzazione Creta Rossa, presentato in data 13/07/1972 approvato con D.C.C. n. 41 del 04/01/1973; C11: Piano di lottizzazione S. Lorenzo, presentato in data /// approvato con D.C.C. n. 42 del 04/01/1973; C12: PEEP San Lorenzo, presentato in data /// approvato con Decreto Provveditoriale di Bari n /URB del 29/07/1970; C13: Piano di lottizzazione Di Punzio, presentato in data /// approvato con D.G.R. n. 650 del 11/02/1980; C14: Piano di lottizzazione Resta, presentato in data /// approvato con D.C.C. n. 97 del 03/04/1979; C15: Piano di lottizzazione via Gorizia, presentato in data 23/02/1978 approvato con D.C.C. n.207 del 31/07/1978 e D.C.C. n. 97 del 03/04/1979; C16: Piano di lottizzazione via Brindisi, presentato in data /// approvato con D.C.C. n. 67 del 26/01/1982; C17: Piano di lottizzazione via Oria Casalini, presentato in data 12/12/1989 prot , approvato con D.C.C. n. 30 del 23/03/1990; Piano per gli Insediamenti Produttivi, presentato in data 03/04/1979 dal C.C. n. 100 del 03/04/1979, approvato con delibera di Giunta Regionale n. 396 del e riapprovato in data 01/08/2003 con D.C.C. n. 24; per il punto : relativamente alle aree regolarmente edificate che, pur non essendo tipizzate B, di fatto ne abbiano le caratteristiche, allo stato attuale, sono state individuate le seguenti aree: variante per ampliamento dalla zto E in zto D, approvata con CdS prot. n ; variante per ampliamento dalla zto E in zto D, approvata con CdS prot. n UTC del ; relativamente alle aree che, pur non essendo tipizzate B risultano intercluse all interno di maglie regolarmente edificate, sono state individuate le seguenti aree: F23, destinata alla zona ospedaliera, in quanto interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (C3, C4, B1, B) regolarmente edificate; F24, destinata a servizi, in quanto area interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (C1, C2, C3, B) regolarmente edificate; F25, destinata a servizi, in quanto area interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (C4, C5, C7, B1) regolarmente edificate; F27, destinata a servizi, in quanto area interclusa su quattro lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B, C15, C14, B2) regolarmente edificate P; F28, destinata a servizi, in quanto area interclusa su quattro lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B, C16, B3) regolarmente edificate; F29, destinata a servizi, in quanto area interclusa su quattro lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B) regolarmente edificate; 4 Le perimetrazioni su cartografia catastale delle aree individuate al punto 5.3 sono riportate nell Allegato 1 Perimetrazioni su cartografia catastale dei territori costruiti di cui al punto 5.3 dell art.1.03 delle NTA del PUTT/P 7

10 F30, destinata a servizi, in quanto area interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B e linea ferroviaria) regolarmente edificate; F31, destinata all ampliamento della Fiera, in quanto area interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B e linea ferroviaria) regolarmente edificate; Ep18, destinata a verde attrezzato e impianti sportivi e ricreativi ad uso privato, in quanto area interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B) regolarmente edificate; C9 in quanto area interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B, C8 e C10) regolarmente edificate; Sedi stradali e relative fasce di rispetto stradale intercluse tra le predette maglie, necessarie per completare l inviluppo urbano. per il punto 6 è stata individuata la relativa area ASI, approvata definitivamente con delibera di Giunta Regionale n. 59 del

11 Ambiti Territoriali Distinti (ATD) e beni paesaggistici soggetti a tutela statale Nel Titolo V all art Primi adempimenti per l attuazione del Piano delle NTA, il PUTT/P dispone che si provveda a riportare su cartografia dello strumento urbanistico generale vigente le perimetrazioni degli Ambiti Territoriali Estesi così come definiti nel Titolo II, e le perimetrazioni degli Ambiti Territoriali Distinti così come definiti nel Titolo III, adeguandoli alle situazioni di fatto documentate dalla cartografia comunale in scala maggiore più aggiornata. Con la circolare 1/2011 Indicazione per migliorare l efficacia delle conferenze di copianificazione nella formazione dei piani urbanistici generali della Regione Puglia, pubblicata sul BURP n. 25 del , vengono ulteriormente chiariti i contenuti previsti dalle NTA del PUTT/P, evidenziando chiaramente tra questi i beni paesaggistici soggetti a tutela statale; le elaborazioni pertanto devono comprendere: a. i beni tutelati ai sensi dell art. 134 comma 1, lettera a): Decreti di vincolo ex lege 1497 del 1939; Decreti di vincolo cosiddetti Galassini, emanati l 1/8/1985 e pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale del 06/02/1986). b. i beni tutelati ai sensi dell art 142 del Codice, ovvero: territori costieri (i territori costieri compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i terreni elevati sul mare); territori contermini ai laghi (i territori contermini ai laghi compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i territori elevati sui laghi); fiumi, torrenti, corsi d'acqua (i fiumi, i torrenti, i corsi d'acqua iscritti negli elenchi previsti dal testo unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici, approvato con regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775, e le relative sponde o piedi degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna); aree protette (i parchi nazionali del Gargano e dell Alta Murgia, le Riserve Naturali Statali istituite ai sensi dell art. 2 della L. 6 dicembre 1991, n. 394, i Parchi Naturali Regionali e le Riserve Naturali Regionali integrali o orientate istituite ai sensi della L.r. 24 luglio 1997, n. 19); boschi e macchie (i territori coperti da foreste e da boschi, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco, e quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento, come definiti dall'articolo 2, commi 2 e 6, del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 227); zone gravate da usi civici (aree assegnate alle università agrarie e le zone gravate da usi civici); zone umide Ramsar (le zone umide incluse nell'elenco previsto dal DPR 13 marzo 1976, n. 448); zone di interesse archeologico. c. le aree da escludere dalla tutela paesaggistica di cui all art. 142 lettere a), b), c), d), e), g), h), l), m), del Codice, ai sensi del comma 2 dello stesso articolo: le aree che alla data del 6 settembre 1985 erano delimitate negli strumenti urbanistici, ai sensi del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, come zone territoriali omogenee A e B; le aree che alla data del 6 settembre 1985 erano delimitate negli strumenti urbanistici ai sensi del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, come zone territoriali omogenee diverse dalle zone A e B, limitatamente alle parti di esse ricomprese in piani pluriennali di attuazione, a condizione che le relative previsioni siano state concretamente realizzate; nei Comuni sprovvisti di tali strumenti, le aree che alla data del 6 settembre 1985 ricadevano nei centri edificati perimetrati ai sensi dell'articolo 18 della legge 22 ottobre 1971, n

12 Sulla base di queste indicazioni si è proceduto alla verifica dei beni paesaggistici presenti; in particolare: i beni di cui alla lettera a) del precedente elenco non sono presenti nel territorio comunale di Francavilla Fontana; i beni di cui alla lettera b) del precedente elenco sono stati articolati per sistemi così come da art Gli elementi strutturanti il territorio delle NTA del PUTT/P, e comunque specificatamente individuati, come di seguito descritto ; le aree da escludere dalla tutela paesaggistica di cui alla lettera c) del precedente elenco non sono presenti nel territorio comunale di Francavilla Fontana. Per quanto riguarda la ricognizione degli Ambiti Territoriali Distinti, tutti gli elementi individuati dal PUTT/P sono stati singolarmente sottoposti a verifica ed aggiornamento, nonché integrati con altri elementi di valore paesaggistico individuati sulla scorta di studi di dettaglio e indagini sul campo, sulla base dell Ortofoto della Regione Puglia, della Carta Tecnica Regionale in scala 1:5.000 della Regione Puglia, dell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica redatto dall Autorità di Bacino della Puglia, della Carta Archeologica comunale, della Carta dei Beni Culturali della Regione Puglia e degli strati conoscitivi prodotti in occasione della redazione del PPTR. Tali elementi, in riferimento all art Gli elementi strutturanti il territorio del Titolo III delle NTA del PUTT/P, sono stati articolati, distinguendo quali di essi siano soggetti anche a tutela statale, in: Sistema dell assetto geologico, geomorfologico e idrogeologico; Sistema della copertura botanico vegetazionale, colturale e della potenzialità faunistica; Sistema della stratificazione storica dell organizzazione insediativa. 10

13 ATD del sistema dell assetto geologico, geomorfologico e idrogeologico Il sistema si articola in: Corsi d acqua iscritti negli elenchi delle acque pubbliche (aree tutelate per legge) Rientrano tra i beni tutelati ai sensi dell art. 142 del Codice dei beni culturali e del paesaggio e corrispondono ai corsi d acqua iscritti negli elenchi delle acque pubbliche approvati con R.D. 11 dicembre 1933 n. 1775, che nel Comune di Francavilla individuano una porzione del Canale Reale e la fascia di tutela paesaggistica di 150 m a partire dalla sua area di pertinenza, quest ultima definita sulla base degli elementi dell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica della Puglia. 11

14 Corsi d acqua e area annessa Corrispondono alle acque correnti lungo solchi di impluvio che presentano un tracciato e una conformazione trasversale relativamente stabili, così come definiti nell art Corsi d acqua delle NTA del PUTT/P, che conservano un interesse paesaggistico e sono rilevanti ai fini della rete di connessione ecologica regionale definita nel PPTR. Nel Comune di Francavilla Fontana sono stati individuati il Canale Reale e i valloni Bottari e Bax ai sensi dell art Corsi d acqua delle NTA del PUTT/P, appartenenti alla classe 2.2, territorio non montano con pendenza inferiore al 30%. Ai fini della tutela del Canale Reale, a partire dai corsi d acqua e dai cigli di sponda fluviale riportati nell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica della Puglia si è definita l area di pertinenza, come alveo compreso tra due cigli di sponda, e l area annessa, a ciascuno dei due perimetri dell area di pertinenza, per una fascia costante della profondità di 150 m. 12

15 Ai fini della tutela dei valloni Bottari e Bax, a partire dai corsi d acqua e dalle ripe di erosione fluviale riportati nell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica della Puglia si è definita l area di pertinenza comprensiva dell alveo, ancorchè asciutto; nei casi in cui gli elementi della Carta Idrogeomorfologica non permettessero di individuare l alveo, lo stesso è stato definito sulla base degli elementi della CTR della Regione Puglia (caso 1), sulla base della fotointerpretazione dell Ortofoto (caso 2), raccordando gli elementi della Carta Idrogeomorfologica e della CTR (caso 3). caso 3 caso 1 caso 2 13

16 Doline e aree annesse Corrispondono ai siti con presenza di doline individuati a partire dagli elementi riportati nell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica della Puglia. Ai sensi dell art Le emergenze delle NTA del PUTT/P si è definita l area di pertinenza, coincidente col sedime individuato dalla Carta Idrogeomorfologica, e l area annessa, costituita da una fascia parallela al contorno del sedime della dolina, della profondità costante di 100 m. 14

17 Vore e aree annesse Corrispondono ai siti con presenza di voragini individuati a partire dagli elementi riportati nella Carta Idrogeomorfologica integrata dallo studio geologico a scala di maggior dettaglio e da rilevi diretti e ricognizioni in sito. Nel territorio ne sono state individuate quattro: la Vora Reale (n. cat. 383), la Voragine di Palmo (n. cat. 503), la Grotta Tarantina e l Abisso Clemente. Ai sensi dell art Le emergenze delle NTA del PUTT/P l area annessa è costituita da una fascia parallela al contorno del sedime della vora, della profondità costante di 150 m. Si allega l elenco delle vore ricadenti nel Comune di Francavilla Fontana. Grotte e aree annesse Corrispondono ai siti con presenza di grotte individuati a partire dalle grotte individuate dal PUTT/P e dagli elementi riportati nella Carta Idrogeomorfologica integrati dallo studio geologico a scala di maggior dettaglio e da rilevi diretti e ricognizioni in sito, con cui è stata verificata la reale consistenza ed estensione delle grotte già riportate, di quelle riportate nel Catasto Grotte e quelle ostruite. La cartografia del PUTT/P riporta 4 grotte nel territorio francavillese, comprendendo anche la Voragine di Palmo e la Grotta Tarantina; in seguito all approfondimento effettuato dallo studio geologico, ne sono state riportate altre 12 sulla CTR, per un totale di 14 grotte presenti sul territorio (con l esclusione della Voragine di Palmo e della Grotta Tarantina, classificate tra le vore). Ai sensi dell art Le emergenze delle NTA del PUTT/P l area annessa è costituita da una fascia parallela all accesso alla grotta, della profondità costante di 100 m. Si allega l elenco delle grotte ricadenti nel Comune di Francavilla Fontana. 15

18 Cigli di scarpata Corrispondono all orlo superiore dei versanti con significato morfologico, individuati a partire dagli elementi riportati nell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica della Puglia. Ai sensi dell art Versanti e crinali delle NTA del PUTT l orlo individuato è stato classificato come ciglio non montano con pendenza inferiore al 30% di classe 2.2, l area annessa è costituita da una fascia della larghezza dalla linea di ciglio pari a 50 m, per ciascuno dei due lati. Sono state inoltre individuate e cartografate le aree annesse degli elementi non ricadenti nel territorio comunale di Francavilla Fontana, così come riportati dall aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica dell AdB, ma la cui disciplina di tutela ricade nel territorio comunale; ciò vale per il ciglio di scarpata nel territorio di San Marzano di San Giuseppe e le doline nei territori di Ceglie Messapica e San Michele Salentino. E necessario specificare che le aste riportate nel reticolo idrografico dell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica non sono state inserite tra gli ATD del sistema dell assetto geologico, geomorfologico e idrogeologico in quanto linee di ruscellamento o linee superficiali di impluvio e pertanto non sono sottoposte dal PUTT/P a prescrizioni di base, così come previsto dall art del PUTT/P stesso. 16

19 Beni geomorfologici segnalati dal PUTT/P Vore 1. Voragine di Palmo 2. Vora Reale Grotte 1. Grotta Bax 1 2. Grotta Bax 2 3. Grotta Tarantina Beni geomorfologici individuati nei Primi Adempimenti per l attuazione del PUTT/P Vore 1. Voragine di Palmo 2. Vora Reale 3. Abisso Clemente 4. Grotta Tarantina Grotte 1. Grotta Bax 1 2. Grotta Bax 2 3. Grotta Bax 3 4. Grotta Bax 4 5. Grotta Bottari 6. Grotta Cantagallo 7. Grotta Sant Ulivino 8. Grotta di Santa Francesca 9. Grotta Giovannella 10. Grotta Palmarino 11. Grotta Santa Candita 12. Grotta Sciaiani Grotta Sciaiani Grotta Serafino 17

20 ATD del sistema della copertura botanico vegetazionale, colturale e presenza faunistica Il sistema si articola in: Boschi e aree a macchia mediterranea (aree tutelate per legge) Consistono nei territori coperti da boschi e macchie, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco, e in quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento, come definiti dall art. 2, commi 2 e 6, del D.lgs. 18 maggio 2001, n Ai sensi dell art Boschi e macchie delle NTA del PUTT/P sono stati effettuati rilievi diretti e ricognizioni in sito al fine di verificare e riperimetrare quanto riportato nelle cartografie del PUTT/P per definirne l area di pertinenza. Non sono stati considerati come bosco e aree a macchia gli appezzamenti di terreni ricoperti da vegetazione arbustiva o macchia che hanno superficie inferiore a 2000 mq e distanza da altri appezzamenti a macchia superiore a 300 m, misurati fra i margini più vicini. L area annessa è costituita da una fascia della larghezza costante di 100 m contermine all intero contorno dell area di pertinenza. Oasi provinciali di protezione faunistica Sono le aree finalizzate alla protezione delle popolazioni di fauna selvatica ai sensi dell art Aree protette delle NTA del PUTT/P, così come cartografate nel Piano Faunistico Venatorio della Regione Puglia, approvato con Del. di Consiglio Regionale n. 217 del 21 luglio 2009 (BURP n. 117 del 30 luglio 2009). Nel Comune di Francavilla Fontana ricadono l Oasi di protezione faunistica denominata S. Totaro e quella sita nell agro di Villa Castelli e Francavilla Fontana denominata Fonte del Canale Reale. Aree arborate con assetto colturale consolidato Sono costituiti dagli uliveti di pregio, con assetto colturale consolidato secondo quanto indicato al punto 1.01 dell art Il sistema della copertura botanico vegetazionale, colturale e della potenzialità faunistica delle NTA del PUTT/P. A partire dalla Carta dell uso del suolo della Regione Puglia, integrata dalle ricognizioni in sito effettuate e dallo studio naturalistico a scala di dettaglio finalizzati alla elaborazione del PUG, sono stati individuate le aree interessate dalla presenza delle seguenti categorie di uliveti di pregio: uliveti secolari a sesto irregolare; uliveti secolari a sesto regolare; uliveti secolari misti a uliveti di recente impianto a sesto regolare. Aree interessate da attività estrattive dismesse Corrispondono alle cave abbandonate che, per estensione o per vicinanza ad altri ATD, possono contribuire ad integrare il patrimonio ambientale, individuate a partire dall aggiornamento della Carta idrogeomorfologica della Puglia, secondo quanto indicato al punto 1.04 dell art Sistema della copertura botanico vegetazionale, colturale e della potenzialità faunistica delle NTA del PUTT/P. Muri a secco Ai sensi dell art Beni diffusi nel paesaggio agrario del PUTT/P si riconosce un notevole significato paesaggistico alle pareti a secco, con relative siepi, delle divisioni dei campi, dei terrazzamenti e delle delimitazioni stradali. Per essi si definisce area del bene quella direttamente interessata dal bene così come riportato nella Carta Tecnica Regionale; mentre l area annessa, non cartografata considerata la scala di elaborazione, verrà definita in fase di redazione del PUG in funzione della natura e significatività del rapporto esistente tra il bene e il suo intorno in termini sia ambientali sia di fruizione visiva. 18

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. Schema della relazione paesaggistica ai sensi dell'art. 3 del D.C.P.M. 12 dicembre 2005 approvato dall'osservatorio Regionale per la qualità del Paesaggio nella seduta del 13.07.2006 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. D.P.C.M. 12-12-2005 Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo 146, comma 3, del Codice dei beni culturali

Dettagli

streaming presso un certo numero di sedi dislocate sul territorio regionale con il rilascio ove, previsto dal proprio ordine, di crediti formativi.

streaming presso un certo numero di sedi dislocate sul territorio regionale con il rilascio ove, previsto dal proprio ordine, di crediti formativi. Percorso di accompagnamento all esercizio delle funzioni delegate per i Responsabili dei Procedimenti di rilascio delle Autorizzazioni Paesaggistiche e i membri delle Commissioni Locali del Paesaggio.

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. N. 1449 IN 30/11/2012 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA RICHIAMATI: il

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

COMUNE DI. 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica /società/impresa/ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO (3) :

COMUNE DI. 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica /società/impresa/ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO (3) : U.T.A. - Ufficio Tecnico Associato Settore Urbanistica, Edilizia, SUE, SUAP e Ambiente Borgo Tossignano Casalfiumanese Castel Guelfo di Bologna Fontanelice P.zza Unità d Italia 7 P.zza A. Cavalli 15 Via

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica 12 13 11 4 5 Estratto Elaborato A7 PIT 10 6 7 3 2 8 9 1 1) Località Terrafino 2) Località Terrafino 3) Località Castelluccio 4) Località Avane 5) Località S. Maria 6) Empoli centro 7) Empoli centro 8)

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI Prot. Generale N. 0042306 / 2014 Atto N. 1764 OGGETTO: AUTORIZZAZIONE

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 21/04/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLI BARI, 31 DICEMBRE 2010 N. 195 Sede Presidenza Giunta Regionale

Dettagli

Problematica Idraulica e piani urbanistici

Problematica Idraulica e piani urbanistici Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: UN COMPITO PER LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA (Art. 28 Legge Rg. 24 Marzo 2000 n 20) Scheda dei vincoli Progettista responsabile CCDP: Arch. Aldo Caiti Gruppo di lavoro CCDP: Grazia Bagnacani (Coordinamento)

Dettagli

LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO

LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Il territorio agricolo Forte dei Marmi, 15 dicembre 2014 Arch. Antonino Gandolfo Responsabile del Settore Assetto del Territorio Comune di Montespertoli

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Aggiornato 01.07.05 ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Applicato in forma sperimentale agli interventi edilizi maggiori. (Approvato ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI Prot. Generale N. 0059507 / 2013 Atto N. 2490 OGGETTO: ACCERTAMENTO

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-225 del 30/06/2015

118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-225 del 30/06/2015 118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2015-DL-225 del 30/06/2015 DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA PROPOSTA PRESENTATA DALLA SOGEGROSS S.P.A.,

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO (26): VINCOLO DEL CENTRO STORICO DI ROMA

ISTRUZIONI PER L USO (26): VINCOLO DEL CENTRO STORICO DI ROMA ISTRUZIONI PER L USO (26): VINCOLO DEL CENTRO STORICO DI ROMA Va premesso che con Decreto Legislativo (in sigla D.Lgs.) n. 42 del 22 febbraio 2004 è stato emanato il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Anagrafica. Parzialmente accolta L osservazione è parzialmente accolta. Elaborato/i di piano osservati

Anagrafica. Parzialmente accolta L osservazione è parzialmente accolta. Elaborato/i di piano osservati Anagrafica n. ID 928 n. Prot. 11826 Data prot. 27/12/2013 Soggetto proponente Pubblico Mittente Comune di Spinazzola Comune Informazioni catastali Elaborato/i di piano osservati 6 - Sistema delle tutele:

Dettagli

DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO STORICO E ISOLE DELLA LAGUNA

DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO STORICO E ISOLE DELLA LAGUNA Modello da compilarsi a cura del richiedente COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Marca da bollo 16,00 DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO

Dettagli

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana L.R. 23 marzo 2010, n. 6. Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. Pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 26 marzo 2010, n. 14. ***********************

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Adozione Piano di Lottizzazione della zona F4B2 PRUSST Via Ciccotti ed approvazione progetto preliminare strada di collegamento tra

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea).

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea). VARIANTE URBANISTICA AL PRG VIGENTE RELATIVA A CINQUE IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI FIRENZE, DELLA REGIONE TOSCANA, DELLA PROVINCIA DI FIRENZE E DEL DEMANIO DELLO STATO A SEGUITO DELPROTOCOLLO D

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

PUGLIA: DALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E PAESISTICA AL PIANO CASA bis.

PUGLIA: DALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E PAESISTICA AL PIANO CASA bis. Seconda sessione tematica: L ATTACCO AL PAESAGGIO "NON C'È TUTELA SENZA PIANIFICAZIONE": PUGLIA: DALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E PAESISTICA AL PIANO CASA bis. Arch. Giacinto Giglio Referente C.R. Puglia

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO)

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) Prot. n. 5915 Imbersago, 4 ottobre 2012 Cat. 6 Classe 1 Fasc. 1 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) l autorità competente per la VAS d intesa con l autorità procedente

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale N. 00 del 00/00/014 Area: AREA TECNICA Oggetto: CONTRODEDUZIONE ALLE RISERVE FORMULATE DALLA GIUNTA PROVINCIALE E ALLE OSSERVAZIONI PERVENUTE E APPROVAZIONE DELLA VARIANTE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (testo modificato in accoglimento di osservazioni)

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (testo modificato in accoglimento di osservazioni) REGIONE PUGLIA ASSESSORATO URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO PIANO URBANISTICO TERRITORIALE TEMATICO PAESAGGIO NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (testo modificato in accoglimento di osservazioni) REGIONE

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ;

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ; CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI DI GESTIONE PRODUTTIVA DEGLI AMBITI TERRITORIALI ESTRATTIVI (Art. 11 della L.R. 8 Agosto 1998, N. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Autorizzazione paesaggistica per opere e/o interventi il cui impatto paesaggistico è valutato mediante una documentazione semplificata (1)

Autorizzazione paesaggistica per opere e/o interventi il cui impatto paesaggistico è valutato mediante una documentazione semplificata (1) PROTOCOLLO All Ufficio Tecnico Comunale del COMUNE di FOLLINA Autorizzazione paesaggistica per opere e/o interventi il cui impatto paesaggistico è valutato mediante una documentazione semplificata (1)

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione PREMESSO CHE:

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione PREMESSO CHE: OGGETTO: ADOZIONE, AI SENSI DELL'ART. 30 DELLA L.R. 34/92 E S.M.I. DELLE MODIFICHE AL PIANO ATTUATIVO COMPARTO DI RICUCITURA URBANA IN LOC. SASSONIA V.LE D.ALIGHIERI - ST1_P11, APPROVATO CON D.G.C. N 496

Dettagli

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO Prot. n. 5991 del 29 Novembre 2001 Oggetto : Servizio autorizzativo al cittadino: Linee guida per progetti riguardanti la viabilità montana e rurale Al Presidente della COMUNITA' DEL PARCO VALLO DELLA

Dettagli

PIANO CASA LAZIO SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA LAZIO SCHEDA SINTETICA PIANO CASA LAZIO SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/8/2009 n. 21; Deliberazione giunta 23/12/2009, n. 985, L. 3/2/2010 n. 1, L. 13/8/2011, n. 10, Circolare Lazio

Dettagli

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative ALLEGATO Sub.B ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 015 IN DATA 03.04.2012 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE dott. Roberto Varisco IL SEGRETARIO GENERALE dott.ssa Carmen Cirigliano Comune di

Dettagli

1 Premessa 2 Inquadramento territoriale

1 Premessa 2 Inquadramento territoriale PROGETTO PRELIMINARE DEL RISCHIO IDRAULICO ASI MOLFETTA CONSORZIO per l'area di SVILUPPO INDUSTRIALE di BARI Via delle Dalie, 5 - Z.I. - 70026 - MODUGNO Tel.080.964.16.00 - fax 080.990.43.06 - info@asibari.net

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

RETE FARI TORRI ED EDIFICI COSTIERI SICILIA FARO DI BRUCOLI, AUGUSTA (SR)

RETE FARI TORRI ED EDIFICI COSTIERI SICILIA FARO DI BRUCOLI, AUGUSTA (SR) RETE FARI TORRI ED EDIFICI COSTIERI SICILIA FARO DI BRUCOLI, AUGUSTA (SR) 1. IL PROGETTO Valore Paese DIMORE E LA RETE Fari, torri ed edifici costieri Valore Paese DIMORE è un progetto volto al rafforzamento

Dettagli

1. INSERIMENTO URBANISTICO

1. INSERIMENTO URBANISTICO A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance OPERE DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA AL NUOVO DEPURATORE RELAZIONE INSERIMENTO URBANISTICO Data Aprile 2015 Codice PGI G089-0636-000 Codice Commessa

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI LUCIGNANO Provincia di Arezzo DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Atto n. 17 Seduta del 12 maggio 2008 Oggetto: Variante n. 9/R.U. per il Piano di Recupero in loc. Tozzo ai sensi dell art. 73,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI NEL TERRITORIO COMUNALE DI GUAGNANO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI NEL TERRITORIO COMUNALE DI GUAGNANO COMUNE DI GUAGNANO Provincia di Lecce ------------------------------------------------ REGOLAMENTO IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI NEL TERRITORIO COMUNALE DI GUAGNANO (il regolamento

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Pubblicato all Albo Pretorio di questo Comune dal 26/05/2008 al 10/06/2008 Numero di registro 317 L incaricato della pubblicazione C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail RICHIESTA Autorizzazioni paesistiche. Provincia di Milano Settore Agricoltura, parchi, caccia e pesca Viale Piceno, 60 20129 MILANO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER INTERVENTI IN AREA BOSCATA

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio tavola rotonda su L INNOVAZIONE POSSIBILE: DEMATERIALIZZAZIONE

Dettagli

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI COMUNE DI ANCONA Provincia di Ancona Regione Marche Piano di Recupero tav. scala: C 5 data: Luglio 2011 agg.: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE APPROVAZIONE PROPRIETA' : Sig.ra Maria Lodovica Cesaroni, Ancona

Dettagli

PRG C. Città di Rivoli. Schede Normative (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino. piano regolatore generale comunale

PRG C. Città di Rivoli. Schede Normative (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino. piano regolatore generale comunale Regione Piemonte Provincia di Torino Città di Rivoli PRG C piano regolatore generale comunale Variante ai sensi dell art. 17, comma 7- L.R. 56/77 s.m. e i. PROGETTO DEFINITIVO Variante parziale n. 10P/2006

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 68/16 DEL 29.11.2010. PROVINCIA DI BRINDISI Servizio Ecologia ed Ambiente

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 68/16 DEL 29.11.2010. PROVINCIA DI BRINDISI Servizio Ecologia ed Ambiente ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 68/16 DEL 29.11.2010 PROVINCIA DI BRINDISI Servizio Ecologia ed Ambiente REGOLAMENTO PER LA REDAZIONE DEGLI STUDI E LA VALUTAZIONE DELLA COMPATIBILITA AMBIENTALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Dettagli

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO REGIONE TOSCANA REGIONE LAZIO Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO Legge 18 maggio 1989 n. 183 art. 17 comma 6 - ter, Legge 3 agosto 1998 n. 267 modificata con

Dettagli

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.01. Modificato a seguito accoglimento osservazioni.

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.01. Modificato a seguito accoglimento osservazioni. Provincia di Pavia ai sensi della L.R. 11 marzo 25, n. 12 e s.m.i. Progettisti Incaricati dott. ing. Fabrizio Sisti via C. Battisti, 46-2749 Stradella (PV dott. arch. Giuseppe Dondi via San Pietro, 48-2726

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805

COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805 COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (Art. 20 L.R. 31 del 25/11/02) DESCRIZIONE DELL INTERVENTO.. LOCALIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA C o m u n e d i M o m b e r c e l l i Piazza Alfieri, n.2-14047 Mombercelli - Provincia di Asti c.f. e p.i. 00206070054 - Tel. 0141 959.610 Fax 0141 959.756 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA, L ADEGUAMENTO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DEGLI IMPIANTI DI RADIOTRASMISSIONE IN GENERE. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa 3 SETTORE Ufficio Urbanistica RELAZIONE TECNICA-URBANISTICA ISTRUTTORIA PRATICA EDILIZIA: n 04/2010 Intestatario:Taliani Luigi ed altri Oggetto Intervento: Lottizzazione

Dettagli

Progettisti: Arch. Marco Zaoli (Capogruppo) Arch. Roberto Ricci

Progettisti: Arch. Marco Zaoli (Capogruppo) Arch. Roberto Ricci PIANO URBANISTICO COMUNALE PSC POC RUE PUT K1 Sistema ambientale + K2 Sistema sociale + K3 Sistema economico COMUNE DI VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI PSC PIANO STRUTTURALE COMUNALE Sindaco: Giorgio Pruccoli

Dettagli

Visti il D.Lgs. 4/2008 e il D.Lgs. 128/2010 recanti modifiche ed integrazioni al D.lgs. 152/2006, di seguito denominato D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii.

Visti il D.Lgs. 4/2008 e il D.Lgs. 128/2010 recanti modifiche ed integrazioni al D.lgs. 152/2006, di seguito denominato D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii. Anno Prop. : 2014 Num. Prop. : 1979 Determinazione n. 1788 del 07/10/2014 OGGETTO: COMUNE DI GABICCE MARE - PROVVEDIMENTO FINALE DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A VAS - ART. 12 D.LGS. 152/2006 S.M.I.

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

COMUNE DI SAN CASSIANO Norme Tecniche di Attuazione con adeguamento del PRG al PUTT/P) COMUNE DI SAN CASSIANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI SAN CASSIANO Norme Tecniche di Attuazione con adeguamento del PRG al PUTT/P) COMUNE DI SAN CASSIANO PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI SAN CASSIANO PROVINCIA DI LECCE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Con adeguamento del PRG al PUTT/P Responsabile dell incarico: Arch. Mauro Lazzari Consulenti: Arch. Juri Battaglini Arch. Gaetano

Dettagli

COMUNE DI CASALE SUL SILE

COMUNE DI CASALE SUL SILE COMUNE DI CASALE SUL SILE Provincia di Treviso PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DELLA ZTO C2/020 DI VIA BONISIOLO ATTUAZIONE DELLA ZTO C2/020 MEDIANTE P.U.A. Articolo 21 NTO P.I. Articoli 19 e 20 Legge Regionale

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA. Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Pianificazione Urbanistica. Variante al PRG

COMUNE DI PERUGIA. Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Pianificazione Urbanistica. Variante al PRG COMUNE DI PERUGIA Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Pianificazione Urbanistica Variante al PRG di adeguamento ai contenuti paesaggistici del PTCP, e ai contenuti degli art.

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

COMUNE PROV. INDIRIZZO DESCRIZIONE

COMUNE PROV. INDIRIZZO DESCRIZIONE REGIONE PIEMONTE BU33 20/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 13 luglio 2015, n. 13-1729 Piano regionale delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare - Proposta di nuove destinazioni

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 26 ottobre 2006, n. 30. Istituzione del Parco naturale regionale. Costa Otranto-S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase.

LEGGE REGIONALE 26 ottobre 2006, n. 30. Istituzione del Parco naturale regionale. Costa Otranto-S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase. 19196 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 3-11-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 26 ottobre 2006, n. 30 Istituzione del Parco naturale regionale Costa Otranto-S.

Dettagli

PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE 31/08 ART.47)

PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE 31/08 ART.47) PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE (l.r. 31/08 ART.47) LINEE GUIDA IN APPLICAZIONE DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (NTA) Varese, Maggio 2013 Sommario 1. PREMESSA... 4 2. INQUADRAMENTO NORMATIVO... 5 3. NOTE

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA D.A. n. 502/DRU REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L'ASSESSORE Regionale del Territorio ed Ambiente VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTA la Legge 17/08/42, n. 1150 e successive modifiche

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli