aprile 2013 Relazione Tecnica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "aprile 2013 Relazione Tecnica"

Transcript

1 aprile 2013 Relazione Tecnica

2 Aggiornamento a seguito della trasmissione da parte dell Autorità di Bacino della Puglia, con nota prot. 4384/2013 del 28/03/2013, della documentazione integrativa dell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica per il territorio di Francavilla Fontana, con riferimento e ad integrazione della nota prot. 3628/2013 del della stessa Autorità di Bacino della Puglia. Avendo confrontato i dati contenuti nelle suddette note e verificata la corrispondenza degli elementi denominati Ingresso di grotta naturale e Voragine, inghiottitoio e pozzo di crollo con quelli già utilizzati negli elaborati grafici allegati alla precedente stesura datata marzo 2013, acquisita al protocollo comunale n del , si conferma la correttezza degli stessi, che pertanto restano invariati.

3 SOMMARIO Introduzione p. 3 Territori costruiti p. 5 Ambiti Territoriali Distinti (ATD) e beni paesaggistici soggetti a tutela statale p. 9 ATD del sistema dell assetto geologico, geomorfologico, idrogeologico p. 11 ATD del sistema della copertura botanico vegetazionale, colturale e della potenzialità p. 18 faunistica ATD del sistema della stratificazione storica dell organizzazione insediativa p. 19 Ambiti Territoriali Estesi (ATE) p. 24 Note di carattere metodologico p. 25 Conclusioni p. 26 Allegati p Perimetrazioni su cartografia catastale dei territori costruiti di cui al punto 5.3 p. 26 dell art.1.03 delle NTA del PUTT/P 2. Planimetrie dei piani di lottizzazione p. 33 ELENCO TAVOLE Tav. 01 Perimetrazione dei Territori Costruiti su CRT Regione Puglia 2006 e su PdF vigente scala 1:5000 Tav. 02 Riporto degli ATD dei Sistemi dell assetto geologico, geomorfologico, idrogeologico, della copertura botanico vegetazionale, colturale e della potenzialità faunistica e della stratificazione storica dell organizzazione insediativa su CTR Regione Puglia 2006 scala 1:25000 Tav. 03 Riporto degli ATE su CTR Regione Puglia 2006 scala 1:25000 Tav. 04 Riperimetrazione degli ATD del Sistema dell assetto geologico, geomorfologico, idrogeologico su CTR Regione Puglia 2006 scala 1:25000 Tav. 05 Riperimetrazione degli ATD del Sistema della copertura botanico vegetazionale, colturale e della potenzialità faunistica su CTR Regione Puglia 2006 scala 1:25000 Tav. 06 Riperimetrazione degli ATD del Sistema della stratificazione storica dell organizzazione insediativa su CTR Regione Puglia 2006 scala 1:25000 Tav. 07 Riperimetrazione degli ATD sui Territori Costruiti su CTR Regione Puglia scala 1:25000 Tav. 08 Riporto degli ATE sui Territori Costruiti su CTR Regione Puglia scala 1:

4 2

5 Introduzione La pianificazione a scala comunale è strettamente vincolata al rispetto dei Piani Paesaggistici, strumenti di pianificazione a scala regionale per la tutela del paesaggio, sovraordinati agli strumenti di pianificazione comunale, la verifica del cui adeguamento è oggetto del controllo di compatibilità previsto dalla Lr 20/2001. In Puglia è attualmente in vigore il Piano Urbanistico Territoriale Tematico per il Paesaggio, approvato con delibera Giunta Regionale n del 15 Dicembre 2000, che ha la finalità di promuovere la salvaguardia e la valorizzazione delle risorse territoriali e paesaggistiche. Con l entrata in vigore del D.lgs. n. 42 del Codice dei Beni Culturali e Paesaggistici la Regione Puglia ha dato il via all elaborazione del nuovo Piano Paesaggistico, il cui procedimento di approvazione è ad uno stato avanzato, avendo la Giunta Regionale approvato, con delibera n. 1 del , la Proposta di Piano Paesaggistico Territoriale Regionale. Nonostante ciò, il PUTT/p è l unico piano vigente in materia di tutela del paesaggio, fino al perfezionamento del procedimento di approvazione del PPTR. Nell ambito del percorso di formazione del Piano Urbanistico Generale del Comune di Francavilla Fontana, avviato con l Atto di Indirizzo approvato con del. G.C. n. 207 del , in attuazione di quanto indicato dalle NTA del PUTT/P, nonché dall allegato II del DRAG Indirizzi, criteri e orientamenti per la formazione, il contenuto, il dimensionamento dei Piani Urbanistici Generali (PUG), approvato con delibera di Giunta Regionale n del (BURP n.120 del ), e dalla Circolare 1/2011 Indicazioni per migliorare l efficacia delle conferenze di copianificazione nella formazione dei piani urbanistici generali della Regione Puglia (BURP n. 25 del ), i presenti primi adempimenti costituiscono il primo passo verso l adeguamento della pianificazione comunale alle tutele previste dalla disciplina del PUTT/P, che sarà perfezionato con l adozione del PUG adeguato al PUTT/P, ciò principalmente allo scopo di applicare le prescrizioni delle NTA del PUTT/P alle componenti paesaggistiche come individuate dal PUG, ottenendo anche lo scopo di liberare da tali prescrizioni eventuali territori individuati dagli atlanti della documentazione cartografica del PUTT come Ambiti Territoriali Distinti, ma nella realtà privi delle relative componenti paesaggistiche. Tale definizione, oltre ad avere l evidente vantaggio di allineare le tutele normativamente poste in essere dal PUTT/P alle conoscenze più approfondite sullo stato dei beni costruite [ ] con il PUG e permettere dunque un più attento ed efficace perseguimento della tutela paesaggistica nelle fasi autorizzatorie delle trasformazioni territoriali, permette un riallineamento tra conoscenze regionali e conoscenze comunali utile al fine del controllo di compatibilità previsto dalla legge 20/2001, che, per gli aspetti paesaggistici, dovrà in primo luogo verificare la coerenza delle Invarianti paesistico ambientali individuate nella Parte Strutturale del PUG con gli indirizzi generali di tutela del PUTT/P. 1 Per la elaborazione dei Primi adempimenti si è fatto riferimento al quadro conoscitivo elaborato ai fini della costruzione del PUG, ivi compresi: l aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica della Puglia dell Autorità di Bacino della Puglia, aggiornamento prodotto a seguito dei lavori del tavolo tecnico con l AdB stessa aperto ai fini della redazione del PUG e trasmesso all Amministrazione comunale con note prot. 3628/2013 del e prot. 4384/2013 del , lo studio geologico a cura del Dott. Pietro Pepe; la Carta Archeologica comunale, affidata con Delibera di Giunta Comunale n. 361 del al Koninklijk Nederlands Instituut Rome (KNIR Reale Istituto Olandese a Roma), consegnata al Comune di Francavilla Fontana in data 22 febbraio 2013 e condivisa dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia di Taranto con nota prot. n del Circolare 1/2011 Indicazioni per migliorare l efficacia delle conferenze di copianificazione nella formazione dei piani urbanistici generali della Regione Puglia (BURP n. 25 del ). 3

6 Contestualmente si è proceduto alla definizione dei Territori costruiti di cui all art Efficacia delle norme tecniche di piano delle NTA del PUTT/P, per i quali si è fatto riferimento alla ricognizione dello stato della pianificazione generale e attuativa nel Comune di Francavilla Fontana. A seguito della redazione dei primi adempimenti, il Comune di Francavilla Fontana potrà assegnare alla redazione del PUG, e in particolare della parte strutturale (PUG/S), il valore di vero e proprio adeguamento della Pianificazione comunale al PUTT/P, prevista dall art Adeguamento degli strumenti urbanistici al Piano delle NTA del PUTT quale esito della costruzione dei quadri interpretativi e della lettura critica dello stato di fatto del territorio e delle sue tendenze di trasformazione, ed ha come corpo principale la definizione delle vere e proprie politiche e norme di tutela del paesaggio agenti sul territorio. 4

7 Territori Costruiti Il PUTT/P specifica, all art Efficacia delle norme tecniche di piano, che le norme da esso stesso definite non trovano applicazione all interno dei territori costruiti così definiti: 5.1: aree tipizzate dagli strumenti urbanistici vigenti come zone omogenee A e B; 5.2: aree tipizzate dagli strumenti urbanistici vigenti come zone omogenee "C" oppure come zone "turistiche" "direzionali" "artigianali" "industriali" "miste" se, alla data del 6 giugno 1990, incluse in strumento urbanistico esecutivo (piano particolareggiato o piano di lottizzazione) regolarmente presentato e, inoltre, le aree incluse, anche se in percentuale, in Programmi Pluriennali di Attuazione approvati alla stessa data; 5.3: aree che, ancorché non tipizzate come zone omogenee "B" dagli strumenti urbanistici vigenti: o ne abbiano di fatto le caratteristiche (ai sensi del DIM n. 1444/1968), vengano riconosciute come regolarmente edificate (o con edificato già sanato ai sensi della legge n. 47/1985) e vengano perimetrate su cartografia catastale con specifica deliberazione di Consiglio Comunale; o siano intercluse nell interno del perimetro definito dalla presenza di maglie regolarmente edificate, e vengano perimetrate su cartografia catastale con specifica deliberazione di Consiglio Comunale; 6: aree disciplinate dai Piani nelle Aree di Sviluppo Industriale (oggi aree SISRI). Con la circolare 1/2011 Indicazione per migliorare l efficacia delle conferenze di copianificazione nella formazione dei piani urbanistici generali della Regione Puglia, pubblicata sul BURP n. 25 del , vengono ulteriormente chiarite le modalità per la definizione dei territori costruiti, che devono comprendere: a. le zone omogenee tipizzate A e B dallo strumento urbanistico vigente alla data di entrata in vigore del PUTT/P ( ); b. le aree tipizzate dagli strumenti urbanistici vigenti alla data dell entrata in vigore del PUTT/P ( ) come zone omogenee C oppure come zone turistiche direzionali artigianali industriali miste, incluse in strumenti urbanistici esecutivi regolarmente presentati alla data del 6/6/1990, indicando gli specifici formali riferimenti temporali di presentazione; c. le aree tipizzate dagli strumenti urbanistici vigenti alla data dell entrata in vigore del PUTT/P ( ) come zone omogenee C oppure come zone turistiche direzionali artigianali industriali miste, incluse, anche se in percentuale, in Programmi Pluriennali di Attuazione approvati alla data del 6/6/1990: per dette zone devono essere riportati gli specifici riferimenti temporali di approvazione del PPA; d. le aree che, pur non essendo tipizzate B, di fatto ne abbiano le caratteristiche e siano riconosciute come regolarmente edificate. Per queste ultime necessita una puntuale dimostrazione della sussistenza delle condizioni urbanistiche per essere qualificate come assimilabili alle zone omogenee B, ossia del ricorrere dei presupposti giuridici di cui al D.M. 2/4/1968 n relativamente ai parametri di superficie coperta e densità territoriale dell edificato esistente. Questa dimostrazione deve essere effettuata con riferimento al reale stato dei luoghi ed estesa a tutte le aree del territorio comunale assimilabili per caratteristiche alle zone B alla data della redazione dei territori costruiti. A tal proposito è utile ricordare che l inclusione in zona B di un area in un piano approvato successivamente alla data del 6/6/1990, in mancanza dei presupposti di densità e superficie di cui al DM 1444/68 non è condizione sufficiente a decretarne l inclusione in detta categoria. Per tali aree è necessario riportare, per tutti gli edifici ricadenti nella perimetrazione, i riferimenti specifici circa la legittimità dell edificato esistente, 5

8 ossia l elenco delle concessioni edilizie già rilasciate e/o la relativa attestazione del dirigente dell UTC. Queste aree devono essere perimetrate su cartografia catastale con specifica del. di C.C.; e. le aree che, pur non essendo tipizzate B, di fatto ne abbiano le caratteristiche e vengano riconosciute come edificato sanato, ai sensi della L. 47/85. Anche per queste aree dovrà essere puntualmente dimostrata la sussistenza delle condizioni urbanistiche per essere qualificate come assimilabili alle zone omogenee B, vale a dire il ricorrere dei presupposti giuridici di cui al D.M. 2/4/1968 n relativamente ai parametri di superficie coperta e densità territoriale dell edificato esistente. La condizione di fabbricato sanato dovrà essere dimostrata, in relazione ai singoli provvedimenti sanzionatori e sanatori rilasciati, con elenco delle concessioni edilizie in sanatoria già rilasciate e/o attestazione del dirigente dell UTC. Queste aree devono essere perimetrate su cartografia catastale con specifica del. di C.C.; f. le aree che, pur non essendo tipizzate B, risultino intercluse all interno del perimetro definito dalla presenza di maglie regolarmente edificate. Per area interclusa è da intendersi un area che abbia almeno tre lati su quattro del proprio perimetro racchiuso entro maglie dello strumento urbanistico vigente alla data di approvazione del PUTT/P regolarmente edificate. È forse utile ricordare che per maglia, in urbanistica, comunemente si intende una parte della città o dello strumento urbanistico delimitata da viabilità esistente o di progetto, dotata di specifici caratteri fisici e/o funzionali. Queste aree devono essere perimetrate su cartografia catastale con specifica del. di C.C.; g. le aree disciplinate dai Piani delle Aree di Sviluppo Industriale (oggi aree SISRI) eventualmente presenti. Pertanto per la individuazione dei Territori costruiti si è proceduto, in applicazione dall art Efficacia delle norme tecniche di piano delle NTA del PUTT/P, così come esplicitato dalla circolare n. 1/2011 dell Assessorato alla Qualità del Territorio della Regione Puglia, analizzando quali aree ricadano nelle condizioni indicate nei punti 5.1, 5.2, 5.3 e 6 del suddetto articolo del Piano Urbanistico Territoriale Tematico del Paesaggio. In particolare: per il punto 5.1 sono state individuate tutte le aree tipizzate A, B, B1, B2 e B3 dal Programma di Fabbricazione vigente; per il punto 5.2 sono state individuate tutte le aree tipizzate C 2 e quelle destinate a nuovi insediamenti per impianti industriali o ad essi assimilati dal vigente Programma di Fabbricazione, incluse in strumenti urbanistici esecutivi regolarmente presentati alla data del 6/6/1990. Ovvero le zone 3 : C1: Piano di lottizzazione Cappuccini, presentato in data /// prot. /// approvato con D.C.C. n. 86 del 13/04/1976; C2 e C3: Piano quadro, presentato in data 10/01/1985 prot. 690 approvato con D.C.C. 266 del 10/10/1988; C4, C5 E C6: Piano di lottizzazione Insule C4 C5 C6, presentato in data 27/07/1983 prot approvato con D.C.C. n.23 del 11/03/1985; C7: Piano di lottizzazione Ruggiero, presentato in data 26/05/1978 approvato con D.C.C. 31/07/1978 e 97 del 03/04/1979 modificata con D.C.C. n. 82 del 21/03/1982; 2 Le planimetrie dei piani lottizzazione sono riportate nell Allegato 2 Planimetrie dei piani di lottizzazione. 3 Sono riportati i dati di presentazione e approvazione nella disponibilità dell Ufficio Tecnico Comunale. 6

9 C8: Piano di lottizzazione Peschiera, presentato in data /// approvato con D.C.C. n. 117 del 23/12/1970; C10: Piano di lottizzazione Creta Rossa, presentato in data 13/07/1972 approvato con D.C.C. n. 41 del 04/01/1973; C11: Piano di lottizzazione S. Lorenzo, presentato in data /// approvato con D.C.C. n. 42 del 04/01/1973; C12: PEEP San Lorenzo, presentato in data /// approvato con Decreto Provveditoriale di Bari n /URB del 29/07/1970; C13: Piano di lottizzazione Di Punzio, presentato in data /// approvato con D.G.R. n. 650 del 11/02/1980; C14: Piano di lottizzazione Resta, presentato in data /// approvato con D.C.C. n. 97 del 03/04/1979; C15: Piano di lottizzazione via Gorizia, presentato in data 23/02/1978 approvato con D.C.C. n.207 del 31/07/1978 e D.C.C. n. 97 del 03/04/1979; C16: Piano di lottizzazione via Brindisi, presentato in data /// approvato con D.C.C. n. 67 del 26/01/1982; C17: Piano di lottizzazione via Oria Casalini, presentato in data 12/12/1989 prot , approvato con D.C.C. n. 30 del 23/03/1990; Piano per gli Insediamenti Produttivi, presentato in data 03/04/1979 dal C.C. n. 100 del 03/04/1979, approvato con delibera di Giunta Regionale n. 396 del e riapprovato in data 01/08/2003 con D.C.C. n. 24; per il punto : relativamente alle aree regolarmente edificate che, pur non essendo tipizzate B, di fatto ne abbiano le caratteristiche, allo stato attuale, sono state individuate le seguenti aree: variante per ampliamento dalla zto E in zto D, approvata con CdS prot. n ; variante per ampliamento dalla zto E in zto D, approvata con CdS prot. n UTC del ; relativamente alle aree che, pur non essendo tipizzate B risultano intercluse all interno di maglie regolarmente edificate, sono state individuate le seguenti aree: F23, destinata alla zona ospedaliera, in quanto interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (C3, C4, B1, B) regolarmente edificate; F24, destinata a servizi, in quanto area interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (C1, C2, C3, B) regolarmente edificate; F25, destinata a servizi, in quanto area interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (C4, C5, C7, B1) regolarmente edificate; F27, destinata a servizi, in quanto area interclusa su quattro lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B, C15, C14, B2) regolarmente edificate P; F28, destinata a servizi, in quanto area interclusa su quattro lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B, C16, B3) regolarmente edificate; F29, destinata a servizi, in quanto area interclusa su quattro lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B) regolarmente edificate; 4 Le perimetrazioni su cartografia catastale delle aree individuate al punto 5.3 sono riportate nell Allegato 1 Perimetrazioni su cartografia catastale dei territori costruiti di cui al punto 5.3 dell art.1.03 delle NTA del PUTT/P 7

10 F30, destinata a servizi, in quanto area interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B e linea ferroviaria) regolarmente edificate; F31, destinata all ampliamento della Fiera, in quanto area interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B e linea ferroviaria) regolarmente edificate; Ep18, destinata a verde attrezzato e impianti sportivi e ricreativi ad uso privato, in quanto area interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B) regolarmente edificate; C9 in quanto area interclusa su tre lati entro maglie dello strumento urbanistico vigente (B, C8 e C10) regolarmente edificate; Sedi stradali e relative fasce di rispetto stradale intercluse tra le predette maglie, necessarie per completare l inviluppo urbano. per il punto 6 è stata individuata la relativa area ASI, approvata definitivamente con delibera di Giunta Regionale n. 59 del

11 Ambiti Territoriali Distinti (ATD) e beni paesaggistici soggetti a tutela statale Nel Titolo V all art Primi adempimenti per l attuazione del Piano delle NTA, il PUTT/P dispone che si provveda a riportare su cartografia dello strumento urbanistico generale vigente le perimetrazioni degli Ambiti Territoriali Estesi così come definiti nel Titolo II, e le perimetrazioni degli Ambiti Territoriali Distinti così come definiti nel Titolo III, adeguandoli alle situazioni di fatto documentate dalla cartografia comunale in scala maggiore più aggiornata. Con la circolare 1/2011 Indicazione per migliorare l efficacia delle conferenze di copianificazione nella formazione dei piani urbanistici generali della Regione Puglia, pubblicata sul BURP n. 25 del , vengono ulteriormente chiariti i contenuti previsti dalle NTA del PUTT/P, evidenziando chiaramente tra questi i beni paesaggistici soggetti a tutela statale; le elaborazioni pertanto devono comprendere: a. i beni tutelati ai sensi dell art. 134 comma 1, lettera a): Decreti di vincolo ex lege 1497 del 1939; Decreti di vincolo cosiddetti Galassini, emanati l 1/8/1985 e pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale del 06/02/1986). b. i beni tutelati ai sensi dell art 142 del Codice, ovvero: territori costieri (i territori costieri compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i terreni elevati sul mare); territori contermini ai laghi (i territori contermini ai laghi compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i territori elevati sui laghi); fiumi, torrenti, corsi d'acqua (i fiumi, i torrenti, i corsi d'acqua iscritti negli elenchi previsti dal testo unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici, approvato con regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775, e le relative sponde o piedi degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna); aree protette (i parchi nazionali del Gargano e dell Alta Murgia, le Riserve Naturali Statali istituite ai sensi dell art. 2 della L. 6 dicembre 1991, n. 394, i Parchi Naturali Regionali e le Riserve Naturali Regionali integrali o orientate istituite ai sensi della L.r. 24 luglio 1997, n. 19); boschi e macchie (i territori coperti da foreste e da boschi, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco, e quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento, come definiti dall'articolo 2, commi 2 e 6, del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 227); zone gravate da usi civici (aree assegnate alle università agrarie e le zone gravate da usi civici); zone umide Ramsar (le zone umide incluse nell'elenco previsto dal DPR 13 marzo 1976, n. 448); zone di interesse archeologico. c. le aree da escludere dalla tutela paesaggistica di cui all art. 142 lettere a), b), c), d), e), g), h), l), m), del Codice, ai sensi del comma 2 dello stesso articolo: le aree che alla data del 6 settembre 1985 erano delimitate negli strumenti urbanistici, ai sensi del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, come zone territoriali omogenee A e B; le aree che alla data del 6 settembre 1985 erano delimitate negli strumenti urbanistici ai sensi del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, come zone territoriali omogenee diverse dalle zone A e B, limitatamente alle parti di esse ricomprese in piani pluriennali di attuazione, a condizione che le relative previsioni siano state concretamente realizzate; nei Comuni sprovvisti di tali strumenti, le aree che alla data del 6 settembre 1985 ricadevano nei centri edificati perimetrati ai sensi dell'articolo 18 della legge 22 ottobre 1971, n

12 Sulla base di queste indicazioni si è proceduto alla verifica dei beni paesaggistici presenti; in particolare: i beni di cui alla lettera a) del precedente elenco non sono presenti nel territorio comunale di Francavilla Fontana; i beni di cui alla lettera b) del precedente elenco sono stati articolati per sistemi così come da art Gli elementi strutturanti il territorio delle NTA del PUTT/P, e comunque specificatamente individuati, come di seguito descritto ; le aree da escludere dalla tutela paesaggistica di cui alla lettera c) del precedente elenco non sono presenti nel territorio comunale di Francavilla Fontana. Per quanto riguarda la ricognizione degli Ambiti Territoriali Distinti, tutti gli elementi individuati dal PUTT/P sono stati singolarmente sottoposti a verifica ed aggiornamento, nonché integrati con altri elementi di valore paesaggistico individuati sulla scorta di studi di dettaglio e indagini sul campo, sulla base dell Ortofoto della Regione Puglia, della Carta Tecnica Regionale in scala 1:5.000 della Regione Puglia, dell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica redatto dall Autorità di Bacino della Puglia, della Carta Archeologica comunale, della Carta dei Beni Culturali della Regione Puglia e degli strati conoscitivi prodotti in occasione della redazione del PPTR. Tali elementi, in riferimento all art Gli elementi strutturanti il territorio del Titolo III delle NTA del PUTT/P, sono stati articolati, distinguendo quali di essi siano soggetti anche a tutela statale, in: Sistema dell assetto geologico, geomorfologico e idrogeologico; Sistema della copertura botanico vegetazionale, colturale e della potenzialità faunistica; Sistema della stratificazione storica dell organizzazione insediativa. 10

13 ATD del sistema dell assetto geologico, geomorfologico e idrogeologico Il sistema si articola in: Corsi d acqua iscritti negli elenchi delle acque pubbliche (aree tutelate per legge) Rientrano tra i beni tutelati ai sensi dell art. 142 del Codice dei beni culturali e del paesaggio e corrispondono ai corsi d acqua iscritti negli elenchi delle acque pubbliche approvati con R.D. 11 dicembre 1933 n. 1775, che nel Comune di Francavilla individuano una porzione del Canale Reale e la fascia di tutela paesaggistica di 150 m a partire dalla sua area di pertinenza, quest ultima definita sulla base degli elementi dell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica della Puglia. 11

14 Corsi d acqua e area annessa Corrispondono alle acque correnti lungo solchi di impluvio che presentano un tracciato e una conformazione trasversale relativamente stabili, così come definiti nell art Corsi d acqua delle NTA del PUTT/P, che conservano un interesse paesaggistico e sono rilevanti ai fini della rete di connessione ecologica regionale definita nel PPTR. Nel Comune di Francavilla Fontana sono stati individuati il Canale Reale e i valloni Bottari e Bax ai sensi dell art Corsi d acqua delle NTA del PUTT/P, appartenenti alla classe 2.2, territorio non montano con pendenza inferiore al 30%. Ai fini della tutela del Canale Reale, a partire dai corsi d acqua e dai cigli di sponda fluviale riportati nell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica della Puglia si è definita l area di pertinenza, come alveo compreso tra due cigli di sponda, e l area annessa, a ciascuno dei due perimetri dell area di pertinenza, per una fascia costante della profondità di 150 m. 12

15 Ai fini della tutela dei valloni Bottari e Bax, a partire dai corsi d acqua e dalle ripe di erosione fluviale riportati nell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica della Puglia si è definita l area di pertinenza comprensiva dell alveo, ancorchè asciutto; nei casi in cui gli elementi della Carta Idrogeomorfologica non permettessero di individuare l alveo, lo stesso è stato definito sulla base degli elementi della CTR della Regione Puglia (caso 1), sulla base della fotointerpretazione dell Ortofoto (caso 2), raccordando gli elementi della Carta Idrogeomorfologica e della CTR (caso 3). caso 3 caso 1 caso 2 13

16 Doline e aree annesse Corrispondono ai siti con presenza di doline individuati a partire dagli elementi riportati nell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica della Puglia. Ai sensi dell art Le emergenze delle NTA del PUTT/P si è definita l area di pertinenza, coincidente col sedime individuato dalla Carta Idrogeomorfologica, e l area annessa, costituita da una fascia parallela al contorno del sedime della dolina, della profondità costante di 100 m. 14

17 Vore e aree annesse Corrispondono ai siti con presenza di voragini individuati a partire dagli elementi riportati nella Carta Idrogeomorfologica integrata dallo studio geologico a scala di maggior dettaglio e da rilevi diretti e ricognizioni in sito. Nel territorio ne sono state individuate quattro: la Vora Reale (n. cat. 383), la Voragine di Palmo (n. cat. 503), la Grotta Tarantina e l Abisso Clemente. Ai sensi dell art Le emergenze delle NTA del PUTT/P l area annessa è costituita da una fascia parallela al contorno del sedime della vora, della profondità costante di 150 m. Si allega l elenco delle vore ricadenti nel Comune di Francavilla Fontana. Grotte e aree annesse Corrispondono ai siti con presenza di grotte individuati a partire dalle grotte individuate dal PUTT/P e dagli elementi riportati nella Carta Idrogeomorfologica integrati dallo studio geologico a scala di maggior dettaglio e da rilevi diretti e ricognizioni in sito, con cui è stata verificata la reale consistenza ed estensione delle grotte già riportate, di quelle riportate nel Catasto Grotte e quelle ostruite. La cartografia del PUTT/P riporta 4 grotte nel territorio francavillese, comprendendo anche la Voragine di Palmo e la Grotta Tarantina; in seguito all approfondimento effettuato dallo studio geologico, ne sono state riportate altre 12 sulla CTR, per un totale di 14 grotte presenti sul territorio (con l esclusione della Voragine di Palmo e della Grotta Tarantina, classificate tra le vore). Ai sensi dell art Le emergenze delle NTA del PUTT/P l area annessa è costituita da una fascia parallela all accesso alla grotta, della profondità costante di 100 m. Si allega l elenco delle grotte ricadenti nel Comune di Francavilla Fontana. 15

18 Cigli di scarpata Corrispondono all orlo superiore dei versanti con significato morfologico, individuati a partire dagli elementi riportati nell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica della Puglia. Ai sensi dell art Versanti e crinali delle NTA del PUTT l orlo individuato è stato classificato come ciglio non montano con pendenza inferiore al 30% di classe 2.2, l area annessa è costituita da una fascia della larghezza dalla linea di ciglio pari a 50 m, per ciascuno dei due lati. Sono state inoltre individuate e cartografate le aree annesse degli elementi non ricadenti nel territorio comunale di Francavilla Fontana, così come riportati dall aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica dell AdB, ma la cui disciplina di tutela ricade nel territorio comunale; ciò vale per il ciglio di scarpata nel territorio di San Marzano di San Giuseppe e le doline nei territori di Ceglie Messapica e San Michele Salentino. E necessario specificare che le aste riportate nel reticolo idrografico dell aggiornamento della Carta Idrogeomorfologica non sono state inserite tra gli ATD del sistema dell assetto geologico, geomorfologico e idrogeologico in quanto linee di ruscellamento o linee superficiali di impluvio e pertanto non sono sottoposte dal PUTT/P a prescrizioni di base, così come previsto dall art del PUTT/P stesso. 16

19 Beni geomorfologici segnalati dal PUTT/P Vore 1. Voragine di Palmo 2. Vora Reale Grotte 1. Grotta Bax 1 2. Grotta Bax 2 3. Grotta Tarantina Beni geomorfologici individuati nei Primi Adempimenti per l attuazione del PUTT/P Vore 1. Voragine di Palmo 2. Vora Reale 3. Abisso Clemente 4. Grotta Tarantina Grotte 1. Grotta Bax 1 2. Grotta Bax 2 3. Grotta Bax 3 4. Grotta Bax 4 5. Grotta Bottari 6. Grotta Cantagallo 7. Grotta Sant Ulivino 8. Grotta di Santa Francesca 9. Grotta Giovannella 10. Grotta Palmarino 11. Grotta Santa Candita 12. Grotta Sciaiani Grotta Sciaiani Grotta Serafino 17

20 ATD del sistema della copertura botanico vegetazionale, colturale e presenza faunistica Il sistema si articola in: Boschi e aree a macchia mediterranea (aree tutelate per legge) Consistono nei territori coperti da boschi e macchie, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco, e in quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento, come definiti dall art. 2, commi 2 e 6, del D.lgs. 18 maggio 2001, n Ai sensi dell art Boschi e macchie delle NTA del PUTT/P sono stati effettuati rilievi diretti e ricognizioni in sito al fine di verificare e riperimetrare quanto riportato nelle cartografie del PUTT/P per definirne l area di pertinenza. Non sono stati considerati come bosco e aree a macchia gli appezzamenti di terreni ricoperti da vegetazione arbustiva o macchia che hanno superficie inferiore a 2000 mq e distanza da altri appezzamenti a macchia superiore a 300 m, misurati fra i margini più vicini. L area annessa è costituita da una fascia della larghezza costante di 100 m contermine all intero contorno dell area di pertinenza. Oasi provinciali di protezione faunistica Sono le aree finalizzate alla protezione delle popolazioni di fauna selvatica ai sensi dell art Aree protette delle NTA del PUTT/P, così come cartografate nel Piano Faunistico Venatorio della Regione Puglia, approvato con Del. di Consiglio Regionale n. 217 del 21 luglio 2009 (BURP n. 117 del 30 luglio 2009). Nel Comune di Francavilla Fontana ricadono l Oasi di protezione faunistica denominata S. Totaro e quella sita nell agro di Villa Castelli e Francavilla Fontana denominata Fonte del Canale Reale. Aree arborate con assetto colturale consolidato Sono costituiti dagli uliveti di pregio, con assetto colturale consolidato secondo quanto indicato al punto 1.01 dell art Il sistema della copertura botanico vegetazionale, colturale e della potenzialità faunistica delle NTA del PUTT/P. A partire dalla Carta dell uso del suolo della Regione Puglia, integrata dalle ricognizioni in sito effettuate e dallo studio naturalistico a scala di dettaglio finalizzati alla elaborazione del PUG, sono stati individuate le aree interessate dalla presenza delle seguenti categorie di uliveti di pregio: uliveti secolari a sesto irregolare; uliveti secolari a sesto regolare; uliveti secolari misti a uliveti di recente impianto a sesto regolare. Aree interessate da attività estrattive dismesse Corrispondono alle cave abbandonate che, per estensione o per vicinanza ad altri ATD, possono contribuire ad integrare il patrimonio ambientale, individuate a partire dall aggiornamento della Carta idrogeomorfologica della Puglia, secondo quanto indicato al punto 1.04 dell art Sistema della copertura botanico vegetazionale, colturale e della potenzialità faunistica delle NTA del PUTT/P. Muri a secco Ai sensi dell art Beni diffusi nel paesaggio agrario del PUTT/P si riconosce un notevole significato paesaggistico alle pareti a secco, con relative siepi, delle divisioni dei campi, dei terrazzamenti e delle delimitazioni stradali. Per essi si definisce area del bene quella direttamente interessata dal bene così come riportato nella Carta Tecnica Regionale; mentre l area annessa, non cartografata considerata la scala di elaborazione, verrà definita in fase di redazione del PUG in funzione della natura e significatività del rapporto esistente tra il bene e il suo intorno in termini sia ambientali sia di fruizione visiva. 18

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA

COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA PIANO PER LA VALUTAZIONE DELLA COMPATIBILITA PAESISTICA DEGLI INTERVENTI EDILIZI ABUSIVI ESEGUITI NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n.

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 53 suppl. del 15 04 2015 9 LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. 17 Disciplina della tutela e dell uso della costa. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb.

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013 Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Valeria Polizzi CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

(1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 31 gennaio 2006, n. 25. (2) Titolo così corretto con Comunicato 2 marzo 2006 (Gazz. Uff. 2 marzo 2006, n. 51).

(1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 31 gennaio 2006, n. 25. (2) Titolo così corretto con Comunicato 2 marzo 2006 (Gazz. Uff. 2 marzo 2006, n. 51). D.P.C.M. 12 dicembre 2005 (1). Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo 146, comma 3, del Codice

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

Regol@mento edilizio ed urbanistico

Regol@mento edilizio ed urbanistico . Comune di Spoleto Direzione Pianificazione Urbanistica Regol@mento edilizio ed urbanistico.......... Il Regolamento edilizio ed urbanistico è stato adottato dal Consiglio comunale con la deliberazione

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli