DELIBERAZIONE N. 501/2013 ADOTTATA IN DATA 11/04/2013. OGGETTO: Piano di Organizzazione Aziendale Presa d atto DGR n. IX/5005/2013.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE N. 501/2013 ADOTTATA IN DATA 11/04/2013. OGGETTO: Piano di Organizzazione Aziendale 2011-2014. Presa d atto DGR n. IX/5005/2013."

Transcript

1 DELIBERAZIONE N. 501/2013 ADOTTATA IN DATA 11/04/2013 OGGETTO: Piano di Organizzazione Aziendale Presa d atto DGR n. IX/5005/2013. IL DIRETTORE GENERALE Assistito dal Direttore Sanitario f.f. e dal Direttore Amministrativo, che svolge le funzioni di verbalizzante; Richiamata la delibera n. 330 dell 1 marzo 2013, con la quale l Azienda Ospedaliera approvava il Piano di Organizzazione Aziendale in conformità alle indicazioni riportate nelle Linee guida approvate con DGR n. VII/14049 dell 8 agosto 2003 e con DGR n. VIII/7289 del 19 maggio 2008 ed alla nota a firma del Direttore Generale Sanità di cui al protocollo H del 21 dicembre 2012; Dato che il citato provvedimento n. 330/2013 è stato approvato dalla Giunta Regionale Lombarda con Deliberazione n. IX/5005 del 07 marzo 2013 con le precisazioni ed indicazioni di seguito elencate: l istituzione dell U.S.C. Chirurgia Toracica potrà avvenire solo se rientrante nel riordino della rete delle alte specialità, successivamente alla loro emanazione e previa ridenominazione di altra Unità Operativa; la validità del P.O.A. è confermata alla data del 31 dicembre Entro tale data dovrà essere completato il processo di soppressione delle Strutture Complesse per le quali è stata indicata la cessazione; la copertura delle nuove strutture, sia semplici che complesse, potrà essere effettuata in conformità al Piano Assunzioni approvato dalla Regione Lombardia e dopo l avvenuto processo di accreditamento; l attuazione del P.O.A. dovrà compiersi senza ulteriori oneri finanziari in aggiunta a quelli annualmente assegnati dai competenti organi regionali; gli organigrammi allegati al Piano Organizzativo dovranno essere sempre ritenuti prevalenti rispetto a quanto indicato nella parte descrittiva; eventuali modifiche potranno essere presentate una volta all anno; Responsabile del Procedimento: dr Santo Radici DIPARTIMENTO RISORSE UMANE SR/cd FIRMATA DIGITALMENTE dal Direttore Generale / Direttore Sanitario f.f. / Direttore Amministrativo

2 Visto il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992 n. 502; Vista la legge Regionale 30 dicembre 2009 n. 33; Vista la DGR n. IX/2633 del 06 dicembre 2011; Vista la DGR n. IX/4334 del 26 ottobre 2012; DELIBERA 1. di dare atto che il Piano di Organizzazione Aziendale dell Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo che, allegato al presente provvedimento è parte integrante, è stato approvato dalla Giunta Regionale con Deliberazione n. IX/5005 del 07 marzo 2013 con le limitazioni e precisazioni meglio evidenziate in premessa; 2. di dare avvio alle procedure di organizzazione sanitaria ed amministrativa, d attuazione del P.O.A., in conformità al cronoprogramma allo stesso allegato. IL DIRETTORE GENERALE dr Carlo Nicora IL DIRETTORE SANITARIO F.F. dott. Fabio Pezzoli IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO dr Peter Assembergs Responsabile del Procedimento: dr Santo Radici DIPARTIMENTO RISORSE UMANE SR/cd FIRMATA DIGITALMENTE dal Direttore Generale / Direttore Sanitario f.f. / Direttore Amministrativo

3 pag. 1 di 96 Piano di organizzazione aziendale

4 pag. 2 di 96 1 Premessa: Gli scenari per l ospedale del 2020 Per delineare la struttura che i moderni ospedali avranno tra alcuni anni (nel medio periodo) è utile analizzare i trends in essere nel settore sanitario e nella Pubblica Amministrazione in generale secondo il modello della progettazione organizzativa di Mintzberg (1996). I Trends esterni al settore e componenti esterne del settore sanitario sono: 1. La congiuntura economica. Quello che stiamo vivendo è un periodo caratterizzato da una profonda revisione delle relazioni economiche nei Paesi industrializzati, con particolare riferimento alla spesa pubblica. Con l impegno al pareggio di bilancio, sancito per equiparazione all ambito europeo 1, il nostro Paese sa che dovrà rinunciare ad un finanziamento di alcuni milioni di nei prossimi due anni 2. Visti gli andamenti complessivi dell economia non si possono prevedere aumenti (ma anzi tagli) fino al 2015, e probabilmente oltre, sancendo la trasformazione da crisi congiunturale a crisi strutturale. 2. Aspettative dell utenza. Il crescente livello di attenzione della popolazione nei Paesi ad economia avanzata verso benessere e salutismo è solo il segnale di quanto l atteggiamento verso la sanità sia mutato negli ultimi 20 anni. Fine della vita, cronicità, malattia sono elementi della vita ai quali non ci si rassegna più nelle nuove generazioni. Con tutte le conseguenze che questo punto di vista ha nei comportamenti verso la sanità ed i suoi operatori, anche rispetto alla litigiosità legale. 3. Modifica della popolazione servita. La provincia di Bergamo ha nel 2012 una presenza di cittadini immigrati da altri Paesi pari al 12% dei maschi ed al 10% delle femmine. Anche se inferiore alla regione Lombardia ed all intera Italia (IV = 141), la struttura demografica della popolazione della provincia di Bergamo nel 2012 presenta un indice di vecchiaia pari a 121,8, con ulteriore peggioramento rispetto all anno precedente (pari a 114,2). I componenti medi per famiglia della Provincia sono pari a 2,42. Questi tre dati ci indicano i trends della popolazione: sempre più immigrati, sempre più anziani e con famiglie con meno componenti. Le conseguenze immediate: confronto sulla salute con culture diverse, crescita delle patologie cronico degenerative e comorbidità, crescita della fascia fragile della popolazione. Il fenomeno dell invecchiamento della popolazione italiana è legata al fenomeno del baby boom del dopoguerra: le classi di età più numerose sono quelle nate dopo il 1945 fino al termine degli anni Il WWW. È uso attuale tra gli utenti della rete informarsi sui propri problemi di salute e di quelli dei familiari attraverso i motori di ricerca sulla rete. Internet per definizione è un luogo libero, dove le informazioni (ed i siti) non vengono controllate se non in caso di indagini per reati. La crescita dell uso di internet per la salute è elevato, circa il 52 % 1 LEGGE COSTITUZIONALE 20 aprile 2012, n. 1, Introduzione del principio del pareggio di bilancio nella Carta costituzionale 2 ad oggi circa 5,5 miliardi di Euro in meno rispetto al Patto per la salute nel 2013 e quasi 8 miliardi nel 2014, fatte salvo le eventuali entrate aggiuntive per compartecipazione alla spesa.

5 pag. 3 di 96 della popolazione 3 italiana. L uso non controllato porta a volte gli utenti a formarsi convinzioni (su autodiagnosi) non corrette che implicano almeno un tempo più lungo per la gestione del rapporto medico-paziente e infermiere-paziente, senza tener conto dei parenti nel caso di anziani od altre categorie fragili. I trends interni al settore sanitario sono i seguenti: 1. Sviluppo della conoscenza in medicina attraverso l iperspecializzazione. L iperspecializzazione è la strada percorsa dalla medicina (e non solo) per raggiungere gli importanti risultati di conoscenza oggi a disposizione (oncologia, cardiologia, infettivologia solo per tre esempi). Tuttavia se il paziente diviene anziano, cronico, e/o comorboso l organizzazione per specialità entra in difficoltà soprattutto per la presa in carico. La conseguenza per gli ospedali è la crescita della medicina interna come ruolo (e posti letto). Altri modelli organizzativi possono essere adottati (ad esempio hospitalist, co-management) ma sono ancora embrionali nell esperienza italiana. 2. Incremento della conoscenza attraverso le tecnologie (e dei presidi in particolare), Revisione dei processi. Il rapido incremento della conoscenza in medicina ha permesso l introduzione di farmaci e presidi particolarmente importanti per la salute della popolazione. La tenue regolazione e la spinta all innovazione hanno provocato una importante crescita del numero (e della spesa) per presidi che ha di fatto tecnologizzato l ospedale odierno. L introduzione delle conoscenze ha modificato percorsi e processi di diagnosi e cura, senza che questi siano rivisti a livello complessivo (logistica, uso delle risorse comuni), creando a volte disorganizzazione e assorbimento di risorse elevato. Un uso continuo degli strumenti a disposizione (PDT, Linee guida) è indispensabile e richiamato anche dal recente decreto Balduzzi Basso morale / clinical governance. La bassa adesione a modelli professionali di eccellenza produce risultati clinici modesti che causano disaffezione nelle strutture. L organizzazione professionale 5 richiede una conduzione strettamente correlata alla ricerca dell eccellenza e della qualità del servizio offerto, così da soddisfare professionalmente gli operatori. In questo significato clinical governance 6 e organizzazione professionale coincidono perfettamente, creando un antidoto al riconosciuto basso morale degli operatori Cambio generazionale. Come osservato la popolazione italiana è più numerosa nelle classi di età nate nel dopoguerra. Non fanno differenza i medici e gli operatori sanitari che nel giro di 10 anni cambieranno (regole sulla quiescenza permettendo) per almeno il 50%. Questo cambio modificherà profondamente le organizzazioni in pochi anni. 5. Reti con hub e spoke. L offerta di servizi sanitari deve essere organizzata per evitare duplicazioni di servizi e garantire i volumi minimi di produzione per assicurare servizi di 3 L utilizzo di internet per avere informazioni sulla salute e la sanità è divenuto ormai comune per la maggior parte delle categorie demografiche. In Italia è il 52% delle persone a citare internet, con un incremento dell utilizzo che nel 2006 era solo il 36% (SESTO BAROMETRO INTERNAZIONALE EUROP ASSISTANCE -CERCLE SANTÉ 2012) 4 Il DL 158/2012 riporta all art. 3 Il Giudice nell accertare tiene conto delle linee-guida e delle buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica nazionale e internazionale 5 Chambers 1962, Mintzberg 1980, Rebora NHS UK White paper A First Class Service Quality in the new NHS, dicembre Scally G., L.J. Donaldson, BMJ 1998; 317: WHO, World Health Report 2010

6 pag. 4 di 96 qualità (vedi clinical governance). La rete per hub & spoke garantisce la massima efficacia di intervento con la miglior efficienza per patologia. Se abbinata ad una approfondita revisione dei punti di offerta permette l efficacia di sistema. 6. Rapporti tra le professioni. La sostenibilità dei servizi sanitari richiede una revisione dei percorsi per garantire il giusto livello di professionalità per ciascuna attività eseguita. In altri termini il medico deve intervenire al momento necessario, evitando duplicazioni di ruoli e derive organizzative (tipica la distribuzione di farmaci antiretrovirali in reparto). 7. Pay for performance. Al fine di incentivare le attività con livelli qualitativi organizzativi elevati i Paesi industrializzati si stanno organizzando per trasferire quote dei rimborsi a prestazione (DRG) da ospedali con prestazioni inferiori ad ospedali con migliori prestazioni (P4P). Tipico il caso di Medicare (circa 1 miliardo di dollari nel 2012, sarà seguito dai francesi nel 2013) che usa indicatori di customer satisfaction, mortalità in determinate aree (es. cardiologica), infezioni ospedaliere, ricoveri ripetuti, ecc.. I trends osservati sopra determinano, più o meno significativamente, un cambio del modello organizzativo ospedaliero, cioè una lettura differente dalla classica organizzazione per UUOO. Il focus passa da Struttura semplice/struttura complessa/dipartimento a Sale Operatorie, prestazioni ambulatoriali per esterni, Pronto Soccorso, degenze in elezione, MAC, week hospital, terapie intensive, riabilitazione ecc., attraverso quindi una lettura trasversale dell organizzazione non più focalizzata sui saperi delle singole specialità ma sui saperi dell organizzazione nel suo complesso. La conseguenza è una più o meno accentuata enfasi sui raggruppamenti omogenei di specialità (per sostenere il paziente comorboso), sui percorsi infraspecialistici e sulla complessità assistenziale. Fig. 1: Passaggio da una organizzazione dell ospedale di tipo specialistico (verticale) a una di tipo trasversale (per attività omogenee) Le dimensioni della progettazione organizzativa diventano le seguenti. 1. Per urgenza: percorsi di emergenza ed elezione; 2. Per durata della degenza: DH, WH, ordinaria;

7 pag. 5 di Per percorso clinico/utenza: aree omogenee, intensità di cura e gestione delle comorbidità; 4. Per organizzazione dell assistenza: complessità assistenziale; 5. Per attività omogenee (risorse condivise): sale operatorie, ambulatoriale (ricoveri = percorsi, aree omogenee). Se si usano più dimensioni progettuali l approccio si allarga verso un modello di organizzazione ospedaliera definibile per conoscenza o per sapere. Riprendendo i trends esterni in una matrice di impact assessment ricaviamo la figura sotto. Tab. 1: Impatto tra trends interni ed esterni al servizio sanitario. 1. Sviluppo della conoscenza in medicina attraverso l iperspecializzazione 2. Incremento della conoscenza attraverso le tecnologie (e dei presidi in particolare), Revisione dei processi. 3.Basso morale / clinical governance 4.Cambio generazionale 1. Congiuntura economica Ricerca efficienza di Introduzione di nuove tecnologie dopo analisi di investimento disinvestimento (pari spesa) Recupero della dimensione professionale Mancata sostituzione, snellimento organici degli 5.Reti con hub e spoke Focus sulla creazione delle reti sinergiche 6.Rapporti tra le professioni Empowerment delle professioni sanitarie 7.Pay for performance Richiesta di efficienza 2.Aspettative dell utenza Ricerca di servizi specializzati e di informazioni Ricerca servizi specializzati di Bassa customer satisfaction, crescita del contenzioso Basso livello di redention di struttura I pazienti si rivolgono verso l hub Difficoltà di relazione paziente struttura I pazienti si rivolgono verso le strutture meglio valutate 3.Modifica della popolazione servita Crisi del modello sui comorbosi, ricerca di modelli organizzativi patient based Offerta customizzata 4. WWW Crescita dell offerta, uso sempre più elevato del web in cerca di informazioni Uso sempre più elevato del web in cerca di informazioni Crescita del Crescita delle problema difficoltà di relazione organizzativo con l utenza che ospedaliero per arriva con richieste mancata adesione dei clinici e delle specifiche individuate sul professioni sanitarie WWW Opportunità di Miglioramento della introduzione di comunicazione per modelli di flessibilità vicinanza organizzativa e generazionale professionale Opportunità di coerente miglioramento del servizio Miglioramento delle Opportunità di relazioni ampliamento della gamma delle prestazioni Coerente Ulteriore crescita delle strutture meglio valutate Il driver principale che ha governato la progettazione della nuova organizzazione è stato il concetto di conoscenza in medicina. Con uno slogan si potrebbe dire che il nuovo ospedale di Bergamo Papa Giovanni XXIII è allestito, ordinato per conoscenza (Ospedale organizzato per

8 pag. 6 di 96 sapere ed integrazione), legante della clinical governance e della medicina del futuro, evoluzione dell ospedale per intensità di cura e per complessità assistenziale. Le sette torri ospitano le degenze e gli ambulatori, mentre una piastra centrale, vero cuore pulsante del Papa Giovanni XXIII, ospita tutti i servizi di diagnosi e cura, dalle sale operatorie alle terapie intensive, dai laboratori al Pronto Soccorso. L organizzazione si fonda non tanto sulla suddivisione tra reparti, ma sui diversi livelli di intensità dell assistenza di cui il paziente ha bisogno. La fase acuta di urgenza-emergenza viene gestita nella piastra, mentre le degenze ordinarie trovano spazio nelle torri, così come l attività ambulatoriale. Le torri e la piastra sono collegate da passerelle ai piani superiori e a piano terra dall Hospital Street, un percorso interno sul quale si affacciano gli ambulatori, i servizi d accoglienza, il CUPS, il Centro Prelievi e i servizi commerciali. Oltre al nuovo presidio ospedaliero l'azienda eroga prestazioni di alto livello sanitario tecnico scientifico in ambito riabilitativo neurologico e neuropsicologico presso il presidio di Mozzo dove trovano assistenza i pazienti affetti da gravi lesioni cerebrovascolari e spinali di natura sia traumatica che vascolare. In tale ambito si sviluppa anche il sostegno psicologico delle famiglie. Presso l'hospice di Borgo Palazzo viene assicurata l'assistenza sanitaria di malati terminali anche in età pediatrica, mediante un'équipe che nell'ottica della continuità con il territorio e la famiglia garantisce anche la collaborazione con le associazioni di volontariato oltre che garantire l'erogazione delle cure palliative. Sempre in relazione allo stretto rapporto tra l'ospedale e territorio di competenza dell A.O. gestisce, tramite il Dipartimento Salute Mentale, alloggi in comunità protette nei quali i pazienti sperimentano forme di aggregazione, di vita comune, di reciproca assistenza di vita con la società civile. In coerenza con quanto riportato dalla tabella che prevede gli impatti sulle organizzazioni ospedaliere dei prossimi anni, i criteri che hanno supportato l analisi organizzativa del nuovo POA nella nuova struttura nosocomiale dell AO in coerenza con le Linee Guida della DG Sanità della Regione Lombardia (Deliberazione Giunta regionale 25/07/ n. IX/3822) sono stati: lettura dell organizzazione per aree omogenee, in coerenza con il superamento delle UUOO richiesto dall attenzione al paziente ed alle sue evoluzioni; rilettura organizzativa per aree di attività trasversali (Sale Operatorie con Recovery Room, Day Surgery, Terapie intensive, prestazioni specialistiche per pazienti esterni, Pronto Soccorso, ecc.); concentrazione delle attività per pazienti esterni in un unico piano; organizzazione delle attività di assistenza in moduli per migliorare i carichi di lavoro ed evidenziare le capacità; lettura trasversale dell organizzazione per l attraversamento di pazienti comorbosi, introduzione di PDT; avvio della logica di hub & spoke (politrauma, politrauma pediatrico, cardiologica, stroke); organizzazione per intensità di cura nella psichiatria attraverso l introduzione di scale di valutazione. Al fine di garantire percorsi trasversali alle aree omogenee e dare spazio alla logica strategica dell ospedale del futuro sono state pensate le seguenti strutture organizzative: 1. Emergenza Urgenza, con integrazione alle reti; 2. Cancer centre;

9 pag. 7 di Trapianti, con particolare riferimento a pediatria, fegato e polmone; 4. Ospedale per il bambino: dalla nascita alla presa in carico di qualunque patologia. Le aree trasversali accentueranno la propensione del personale dell ospedale alla ricerca ed alla formazione in aggiunta all assistenza qualitativamente elevata, completando le condizioni di base per garantire la clinical governance, cioè una strategia di politica sanitaria mediante la quale le organizzazioni sanitarie si rendono responsabili del miglioramento continuo della qualità dei servizi e del raggiungimento-mantenimento di elevati standard assistenziali, favorendo la creazione di un ambiente che favorisca l espressione dell eccellenza professionale. Fig. 2: albero della clinical governance secondo il NHS inglese, riadattato da Ricciardi. Bibliografia H. Mintzberg, La progettazione dell organizzazione aziendale, Il Mulino 1996 G. Rebora, Manuale di organizzazione aziendale, Carocci 2001 F. Lega, A. Prenestini, M. Mauri, L'ospedale tra presente e futuro. Analisi, diagnosi e linee di cambiamento per il sistema ospedaliero italiano, Egea, 2010 G. Damiani, W. Ricciardi, Manuale di programmazione e organizzazione sanitaria, Idelson Gnocchi 2011

10 pag. 8 di 96 SOMMARIO 1 Premessa: Gli scenari per l ospedale del PARTE PRIMA Ospedale Papa Giovanni XXIII COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE Identità Sedi distaccate dell Azienda LA MISSION Le linee di sviluppo: Relazioni dell Azienda con l esterno Ufficio URP Rapporti con l'a.s.l Rapporti con Università Information & Communication Technology nelle Aziende Sanitarie LA VISION GLI ORGANI DELL'AZIENDA Il Direttore Generale Le strutture in staff al Direttore Generale USS Ufficio Stampa e Comunicazione Le funzioni in Staff al Direttore Generale Il Collegio Sindacale Il Collegio di Direzione Gli Organismi coordinati dal Direttore Generale Comitato di valutazione del codice etico-comportamentale Nucleo di valutazione I DIRETTORI SANITARIO E AMMINISTRATIVO Il Direttore Sanitario Le strutture in line al Direttore Sanitario e loro funzionamento La Direzione Medica di Presidio Ospedaliero (DMPO) e la Direzione Medica di Presidio Territoriale (DMPT) La Direzione Professioni Sanitarie (DPS) Il Servizio Farmacia Ospedaliera Formazione, Marketing e Libera Professione Medicina del Lavoro Le USSD e USS in staff alla Direzione Sanitaria USSD Continuità Ospedale e territorio USSD Psicologia Clinica USSD Farmacia Esterna USSD Prevenzione e Protezione USSD Ingegneria Clinica USSD Coordinamento Prelievo e Trapianti di organo USS Medicina Legale USS Gestione Qualità Gli Organismi coordinati dal Direttore Sanitario Comitato di Bioetica Comitato per il buon uso del sangue Comitato Ospedale senza dolore Commissione Technology Assessment Consiglio dei Sanitari... 31

11 pag. 9 di Gruppo di coordinamento per l'attività di gestione del rischio e Comitato valutazione sinistri Formazione universitaria delle professioni sanitarie Il Direttore Amministrativo Gli Organismi coordinati dal Direttore Amministrativo Comitato unico di garanzia Commissione Lotta al Tabagismo IL MODELLO I Dipartimenti Dipartimenti aziendali e/o interaziendali Dipartimenti funzionali: Dipartimento inter-aziendale di Farmacologia Clinica (DIFARC) Dipartimento inter-provinciale Oncologico (DIPO) Dipartimento inter-aziendale Medicina Trasfusionale ed Ematologia della Provincia di Bergamo (DMTE) Dipartimenti gestionali Anestesia e Rianimazione Cardiovascolare Chirurgico I punti di eccellenza sono gli ambiti trapiantologico, oncologico avanzato e di emergenza/urgenza soprattutto trapiantologica Diagnostica per immagini Emergenza-Urgenza Materno infantile e pediatrico Medicina Medicina di laboratorio Neuroscienze Oncologia ed ematologia Salute mentale Dipartimenti Area Tecnico-Amministrativa Dipartimento Amministrativo Dipartimento Servizi & Tecnologie Strutture complesse e semplici I MECCANISMI DI DELEGA L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI I SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE Il piano e gli indirizzi strategici La programmazione annuale: il sistema di budget e Controllo di Gestione LA CONTABILITÀ, GLI ACQUISTI E I CONTRATTI La contabilità economica Il bilancio La contabilità analitica Il patrimonio e il finanziamento Gli acquisti I contratti IL PERSONALE La programmazione e il reclutamento La valutazione e il sistema premiante POLITICHE RETRIBUTIVE La libera professione e attività a solvenza aziendale... 49

12 pag. 10 di L area a pagamento Le Sperimentazioni cliniche e le collaborazioni scientifiche liberamente svolte dall A.O Progetti speciali aziendali Attività svolte in economia di gestione I RAPPORTI SINDACALI NORMA TRANSITORIA DI PRIMA APPLICAZIONE Allegati Allegato 1: Organigrammi aziendali Allegato 2: Tabella comparativa tra assetto organizzativo vigente (ultimo assetto organizzativo già approvato dalla Giunta Regionale) e quello proposto (comprendente la totalità delle strutture dell azienda) comprendente la scheda delle competenze di ogni singola struttura (funzionigramma) Cronoprogramma Attivazione POA

13 pag. 11 di 96 PARTE PRIMA Ospedale Papa Giovanni XXIII Qui di seguito è riportato il Piano di Organizzazione Aziendale rappresentativo dell'azienda Ospedaliera "Papa Giovanni XXIII" con sede a Bergamo in Piazza Organizzazione Mondiale della Sanità OMS n. 1 2 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE 2.1 Identità Regione Lombardia, con D.c.r. 13 luglio 2010 n. IX/15, ha autorizzato il cambio di denominazione dell Azienda ospedaliera, da Ospedali Riuniti a Papa Giovanni XXIII. Questa circostanza ha dato l opportunità di esplicitare i tratti salienti dell identità aziendale, coinvolgendo i quadri aziendali in una riflessione che ha condotto alla scelta del nuovo marchio e della marca. L ospedale si concepisce come un laboratorio, un luogo di ricerca e confronto mai paghi, in cui tendere sempre non solo alla qualità, ma al miglioramento continuo. Tutte le attività sono tese a raggiungere uno scopo, e non alla pura ripetizione dell esistente. Un dinamismo destinato a perpetuarsi senza fine, come accade ai viaggiatori che vogliono toccare l orizzonte. L ospedale è un luogo aperto: alla città, al Paese, al mondo. Un luogo di cura e di cultura, d incontro e di scambio. L ospedale è un luogo flessibile: nell organizzazione, nella struttura, ma soprattutto nel concepirsi pronto a mettersi in discussione, a cambiare, a migliorare. Questi concetti si sono tradotti in un marchio dinamico, contemporaneo e coraggioso, capace di conciliare queste istanze con la forte identità sottesa al nome Papa Giovanni XXIII, di sintetizzare tradizione e innovazione. Il numero romano XXIII si mette in movimento, fino a richiamare l elica del Dna, simbolo per eccellenza della ricerca scientifica. Sette barre che richiamano inevitabilmente le sette torri del nuovo ospedale. I colori e il lettering sono stati scelti per trasmettere benessere, dinamismo e insieme solidità. La marca, espressione verbale di tutte le suggestioni precedenti, sottolinea il nostro essere luogo di conoscenza, il prendersi cura e la tensione al miglioramento.

14 pag. 12 di Sedi distaccate dell Azienda Struttura Ospedaliera Riabilitativa Mozzo (BG) - via Del Coppo Struttura Ambulatoriale " Matteo Rota" : Bergamo - via Garibaldi n.13/15 Struttura Ambulatoriale " Borgo Palazzo : Bergamo - via Borgo Palazzo n.130 Centri di Dialisi ed Assistenza Limitata (CAL): San Giovanni Bianco (BG) - via Castelli n Bergamo - via Borgo Palazzo n.130 Centri Psicosociali (CPS) - Centri Diurni e Comunita' Protette Media assistenza (CRM): Bergamo - via Boccaleone, Bergamo - via Borgo Palazzo, Bergamo - via Montale, Bergamo - via Tito Livio, Bergamo - via Calzecchi Onesti, Bergamo - via Longuelo, Bergamo - via Nino Bixio, 2 Sede di " Largo Barozzi" : Bergamo Largo Barozzi n.1 3 LA MISSION L Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo è un azienda del sistema regionale previsto dall art. 1, comma 1, della l.r. 27 dicembre 2006, n. 33, finalizzata a dare risposta ai bisogni di salute della popolazione, attraverso l erogazione di prestazioni e servizi di diagnosi, cura e riabilitazione alla persona. L Azienda Ospedaliera profonde il suo impegno e le proprie risorse in tutti i settori della medicina utilizzando le conoscenze più avanzate. I dati dell attività e i risultati ottenuti collocano l azienda tra le strutture di maggior rilievo a livello nazionale. L Ospedale, nel territorio in cui è collocato, concorre alla realizzazione di una rete integrata di strutture e di servizi finalizzata ad offrire la migliore risposta ai bisogni di salute dell utenza

15 pag. 13 di 96 proveniente dalla provincia di Bergamo, dalla regione Lombardia e, per particolari competenze, da tutto il territorio nazionale. L Azienda Ospedaliera esplica la propria leadership: perseguendo lo sviluppo e la valorizzazione delle competenze professionali di elevata specializzazione, contribuendo alla attivazione della rete provinciale organizzata secondo i network di patologia, svolgendo al riguardo il ruolo di struttura di riferimento provinciale per l alta specialità e collaborando alla continuità ospedale-territorio in stretta sinergia con l ASL provinciale. confermando il proprio ruolo di riferimento nell area dell emergenza-urgenza di alta specializzazione, operando in stretta collaborazione funzionale con l Agenzia regionale per l emergenza e urgenza (AREU); consolidando la collaborazione ormai pluriennale con Istituti di Ricerca e Università Italiane e Straniere, svolgendo attività di formazione finalizzata a trasferire alla clinica le conoscenze e i metodi della ricerca, mantenendo in piena efficienza e potenziando il proprio patrimonio tecnologico. 3.1 Le linee di sviluppo: Emergenza Urgenza La mission è finalizzata al miglioramento dello stato di salute dell'utenza con patologie di area ortopedico traumatologica e chirurgica, quindi centro di riferimento per pazienti con lesioni traumatiche gravi toraco addominali e multiple degli arti, vertebro midollari e cranio cerebrali. Unica struttura di riferimento Regionale per il trauma pediatrico grave. L'attività clinica in emergenza è svolta con un gruppo professionale di assistenza dedicato, di una sala operatoria H24, un centro di Stroke di terzo livello e un centro per l' I.M.A. Cancer Center La mission è quella di salvaguardare e promuovere ulteriormente le eccellenze già disponibili in ospedale, quindi migliorare un corretto approccio diagnostico e terapeutico al paziente affetto da neoplasia solida ed ematologica in un area geografica (provincia di Bergamo) attualmente sprovvista. Il Dipartimento di Oncologia e Ematologia con la presenza di cure palliative, la terapia di supporto e il controllo del dolore permettono un approccio multidisciplinare di intervento anche attraverso una logica di rete ben governata con le strutture del territorio per la gestione dei pazienti neoplastici. I dirigenti delle Strutture a impronta oncologica e del Dipartimento sono presenti ai massimi livelli nelle organizzazioni scientifiche e gestionali del settore sia in ambito nazionale che internazionale. Trapianti Una delle eccellenze della nostra AO è costituita dall attività trapiantologica. Dal 1985, anno in cui venne effettuato il primo trapianto di cuore, ad oggi le capacità, l esperienza, il lavoro multidisciplinare e la numerosità dei pazienti trapiantati (basti solo pensare agli oltre trapianti di fegato fino ad oggi effettuati, di cui circa la metà per pazienti pediatrici) hanno portato quest AO ad essere una delle prime in Italia. Presso l AO vengono routinariamente eseguiti trapianti di organi solidi (cuore, rene, fegato, polmone e trapianti multi-viscerali con combinazioni di più organi, come ad esempio trapianto di fegato-polmone, rene-pancreas, ecc ), trapianti di cornee e trapianti di midollo osseo (allogenico e autologo). È inoltre attivo da anni un programma di trapianto pediatrico che ha acquisito il prestigio di primo centro nazionale in termini di numerosità di trapianti effettuati (oltre 500 trapianti di fegato eseguiti) e centro

16 pag. 14 di 96 pioniere per quanto concerne i trapianti di intestino e multi-viscerale pediatrico (una decina quelli eseguiti finora). Ospedale per il bambino L AO pone particolare attenzione alla tutela della salute del bambino. Fin dalla nascita e fino al termine dell età evolutiva vengono infatti assicurati i più alti livelli di assistenza garantendo un approccio multiprofessionale che integra le migliori competenze mediche, neuropsichiatriche e chirurgiche specializzate accompagnate poi da un altrettanto adeguata fase riabilitativa. Molta attenzione è inoltre posta all aspetto dell umanizzazione durante la degenza in ospedale, in modo da favorire il rapporto tra il bambino e la sua famiglia. L Azienda Ospedaliera di Bergamo intende promuovere la salute, anche attraverso il confronto con Organizzazioni Sanitarie Europee e a tal fine aderisce alla rete internazionale HPH (Health Promoting Hospitals) nell ambito del programma dell Ufficio Europeo dell OMS. 3.2 Relazioni dell Azienda con l esterno Ufficio URP L Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) contribuisce alla mission aziendale, che vede l organizzazione dei servizi rivolti all utenza orientata ai bisogni di quest ultima e alla nascita di un costruttivo dialogo per comprendere le aspettative sull ospedale, i punti di forza e quelli di debolezza secondo il parere degli utenti. Il tutto per progettare un servizio realmente a misura d uomo. L URP attua tale contributo occupandosi della gestione di tutte le segnalazioni presentate dai cittadini, in forma sia scritta che verbale, dando il dovuto riscontro all utente e comunicando all interno la problematica. Nel caso di segnalazioni scritte, viene attivata una formale istruttoria che prevede il coinvolgimento delle figure responsabili dell unità interessata. Al termine, è quindi data al cittadino una formale risposta, vagliata dalla Direzione Aziendale. L URP rileva poi sistematicamente la qualità percepita dagli utenti, effettuando indagini con questionari di gradimento, per l area sia di degenza che ambulatoriale. Si occupa di fornire informazioni / orientamenti ai cittadini che hanno bisogno di supporto per usufruire dei servizi ospedalieri. Tutti i dati raccolti dall ufficio sono sistematicamente elaborati e portati a conoscenza della Direzione e delle unità per le parti di competenza. Promuove un efficace sistema di comunicazione interna orientato all umanizzazione e all accoglienza, proponendo alla Direzione interventi migliorativi per avvicinare il servizio alle esigenze dell utenza e collaborando con la Direzione stessa per l effettuazione di progetti specifici utili ad accrescere e migliorare il dialogo con i cittadini. Collabora con la Direzione Aziendale nella gestione delle Associazioni di Volontariato che operano in ospedale, svolgendo soprattutto la funzione d interlocutore per l azienda. Nell ambito dell accoglienza dell utenza e della gestione delle sue aspettative, collabora attivamente con l Ufficio di Pubblica Tutela. Questa è una struttura indipendente dall azienda che ha il compito di tutelare e rappresentare le istanze sociali e civili dei cittadini, affinchè siano salvaguardati i loro diritti, occupandosi anche di eventuali approfondimenti circa istruttorie relative a reclami, qualora l'utente non si ritenesse soddisfatto della risposta ottenuta dall'azienda ospedaliera. Gestisce la Carta dei Servizi Aziendale, curandone l aggiornamento, la condivisione all interno dell azienda e l opportuna divulgazione all utenza. Importante attività svolta dall ufficio è quella di ascolto e mediazione dei conflitti in ambito sanitario per una risoluzione dei problemi relazionali nati all interno del rapporto tra utente e operatore ospedaliero.

17 pag. 15 di Rapporti con l'a.s.l. L AO ha costanti rapporti istituzionali con l ASL di Bergamo correlati alle specifiche funzioni e ruoli che le due Aziende rivestono all interno del SSR e che vanno dalla sottoscrizione dei contratti per l erogazione delle prestazioni di ricovero e ambulatoriali, al monitoraggio dei volumi di prestazioni erogate, alla segnalazione di malattie infettive e contagiose, alla partecipazione ai controlli di completezza e congruenza delle prestazioni mettendo a disposizione dell ASL tutta la documentazione sanitaria richiesta, alla partecipazione ai controlli relativi al mantenimento dei requisiti di accreditamento fornendo tutta la documentazione richiesta. Oltre a queste funzioni le due Aziende, nel rispetto dei rispettivi ruoli, svolgono diverse altre attività in collaborazione, che vengono di seguito specificate: in materia di programmazione socio-sanitaria il tema relativo alla continuità assistenziale, attraverso il supporto della Centrale Operativa Dimissioni protette, i rapporti con l'asl si articolano su progetti di attivazione dei posti letto per sub-acuti e post-acuti, sulla definizione di protocolli comuni (scheda unica provinciale per la continuità ospedaleterritorio), sul protocollo per la continuità dell'assistenza nel paziente terminale. attivazione e monitoraggio Ospedalizzazione Domiciliare Cure Palliative; attivazione e controllo prescrizione informatizzata protesica (RL Assistant); collaborazione con servizio di promozione della salute dell'asl in tema di HPH; partecipazione al Comitato di Distretto dell ASL, organismo che riunisce il Direttore del Distretto di Bergamo dell ASL, i rappresentanti dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta del Distretto e, in qualità di invitato, un rappresentante della Direzione Medica dell AO. Il Comitato affronta tematiche relative alla medicina territoriale e ai rapporti tra questa e le prestazioni offerte dall AO (ad esempio problematiche inerenti le prestazioni ambulatoriali); la Nostra Azienda si coordina con la ASL per la progressiva diffusione dei servizi offerti dal Call Center Regionale nelle strutture pubbliche della Provincia attraverso un periodico riesame delle prestazioni rese prenotabili agli utenti tramite questo servizio; nell'ambito del progetto CReG è garantita la partecipazione degli specialisti ospedalieri ai tavoli per l'aggiornamento e la definizione dei percorsi diagnostici e terapeutici (PDT) oltre che la disponibilità degli stessi specialisti all'erogazione di visite specialistiche presso gli studi dei Medici di Assistenza Primaria; nell'ambito dei progetti di Screening Oncologici è assicurata la partecipazione degli specialisti ospedalieri ai tavoli interaziendali per l'aggiornamento e la definizione di documenti scientifici d'intesa per garantire il mantenimento delle perfomance di qualità e di risultato degli screening oncologici offerti 3.4 Rapporti con Università L azienda ospedaliera, consapevole del fatto che l integrazione tra l assistenza, la didattica e la ricerca scientifica costituisce una garanzia di qualità delle cure e un insieme di fattori chiave verso l innovazione e il miglioramento, ha stipulato nel corso degli anni e ha attualmente in essere specifici atti convenzionali con numerosi atenei, concorrendo così a realizzare una rete di ospedali di riferimento nazionale per l insegnamento. La vocazione all insegnamento dell azienda ospedaliera è testimoniata anche dal numero dei dirigenti medici che svolgono attività didattica presso diverse scuole di specializzazione e dalla regolare presenza, in molte strutture dell azienda, di studenti, specializzandi e personale in formazione. Coerentemente con l evoluzione normativa e con la trasformazione della figura dello specializzando da borsista a titolare di contratto di formazione, l azienda promuove la piena

18 pag. 16 di 96 partecipazione degli specializzandi alla totalità delle attività istituzionali, nel pieno rispetto delle competenze degli organi universitari nel definirne il percorso formativo. L azienda ospedaliera ha inoltre stipulato accordi convenzionali per l espletamento, presso le proprie strutture, di master di I e II livello. Relativamente ai corsi di laurea triennale, sono in vigore convenzioni per la formazione del personale delle professioni sanitarie, in quanto sede dei corsi di laurea in fisioterapia, infermieristica, ostetricia e tecniche di radiologia per immagini. L azienda ospedaliera concorre a realizzare una rete di ospedali di insegnamento di riferimento nazionale. Tale obiettivo è perseguito con un continuo investimento in sviluppo della professionalità, costante ed organica integrazione tra insegnamento, formazione continua ed assistenza, ricerca scientifica di base, clinica ed assistenziale. Gli obiettivi dell azienda sono perseguiti nella consapevolezza che assistenza, didattica e ricerca costituiscono una garanzia di qualità delle cure e un insieme di fattori chiave verso l innovazione e il miglioramento. Nel rispetto delle finalità istituzionali proprie di ciascun ente, i rapporti tra azienda e università sono regolati da specifici accordi convenzionali, stipulati nel corso di molti anni. Esistono poi specifiche autorizzazioni all espletamento di master e dottorati di ricerca presso le strutture dell azienda ospedaliera Nell ambito della collaborazione tra azienda ospedaliera e Università di Bergamo, è attiva una convenzione quadro finalizzata allo sviluppo di forme di collaborazione nei campi della didattica, della formazione e della ricerca, su temi di interesse comune. Grazie a tale accordo quadro sono stati attivati, negli anni, specifici contratti di ricerca e forme di collaborazione che hanno consentito lo sviluppo di progetti in ambito clinico, tecnologico e manageriale, anche con l introduzione di terapie innovative, di nuove tecnologie e di moderni modelli organizzativi, con risultati di indubbia e reciproca utilità. Recentemente, è stata sottoscritta con lo stesso Ateneo la convenzione di collaborazione scientifica per la costituzione del centro di ricerca universitario in ambito sanitario, denominato Human factors and technology in healthcare. Scopi e finalità del centro sono quelli di sviluppare conoscenze che possano migliorare la natura e la fruibilità dei servizi medico-sanitari. 3.5 Information & Communication Technology nelle Aziende Sanitarie Le moderne organizzazioni sanitarie sono chiamate ad affrontare grandi sfide rivolte all aumento della qualità, della produttività delle risorse, del rapporto costo-efficacia e della soddisfazione lungo tutto il percorso di cura del paziente. È sempre più evidente la necessita di un processo costante di miglioramento nella qualità e nella sicurezza delle cure: maggiore aderenza alle linee guida, gestione più attenta dell assistenza, innovazione nella prescrizione dei farmaci, riduzione degli errori medici, acquisizione e presentazione dei dati clinici ovunque sia creata l informazione e ovunque sia questa necessaria. La riduzione delle risorse finanziarie deve portare all aumento dell efficienza e della produttività: uso più appropriato dei servizi, disponibilità dei prontuari farmaceutici, efficace archiviazione e ritrovamento delle cartelle cliniche, migliore gestione dei rimborsi. L incremento qualitativo nell assistenza e nella soddisfazione è indirizzato a tutti gli attori del percorso di cura: miglioramento della comunicazione, maggiore soddisfazione degli operatori sanitari e soddisfazione dei pazienti che percepiscono di ricevere un servizio di elevato livello qualitativo. In questo contesto si inseriscono l introduzione e la diffusione degli strumenti informatici che, in accordo con la Direzione Aziendale, vengono governate dalla funzione ICT.

19 pag. 17 di 96 L innovazione tecnologica ICT rientra quindi in un processo complessivo, che coinvolge l intera organizzazione aziendale, e viene attuata con progetti strategici che vedono la cooperazione di un numero crescente di attori. Tutti i progetti prevedono un intenso e diffuso sforzo di riorganizzazione dell intera struttura per supportare il cambiamento organizzativo che ha nell'innovazione tecnologica un elemento abilitante. L'introduzione e l evoluzione del Sistema Informativo Ospedaliero porteranno a: fornire un supporto ICT allineato alle esigenze aziendali; completa dematerializzazione dei documenti, anche in ambito amministrativo completa informatizzazione del percorso clinico, fino alla eliminazione della cartella clinica cartacea; allineamento preciso e puntuale agli obiettivi regionali per l ambito ICT ed al progetto CRS- SISS. La collocazione ad un livello strategico della funzione ICT assume quindi un ruolo decisivo per: definire un piano di comunicazione che illustri vantaggi e possibili criticità dell introduzione delle tecnologie informatiche; la creazione di gruppi di lavoro misti tra professionisti sanitari, management, personale ICT e personale amministrativo al fine di costruire insieme soluzioni su misura per l intera organizzazione; avviare un percorso di formazione continua per tutto il personale all utilizzo delle innovazioni introdotte. 4 LA VISION Nei processi di erogazione delle attività sanitarie, tecniche ed amministrative l'azienda Ospedaliera di Bergamo si ispira ai seguenti principi: a. Qualità delle cure e verifica dei risultati Prestare massima attenzione alla qualità delle cure perseguendo con determinazione l efficacia e l appropriatezza delle prestazioni erogate, sulla base dei principi e della metodologia della medicina fondata sulle prove di efficacia. Introdurre nella gestione corrente, ad ogni livello di responsabilità, i principi del miglioramento continuo della qualità. Consolidare la realizzazione di un sistema di indicatori orientato alla valutazione delle prestazioni offerte e alla verifica dei risultati raggiunti. b. Integrazione e continuità delle cure Assicurare integrazione e coordinamento tra le diverse professionalità e le varie unità organizzative, garantendo la continuità delle cure attraverso l organizzazione dipartimentale e la formalizzazione di percorsi diagnostico-terapeutici orientati alla soluzione globale dei problemi di salute delle persone; riorientare i servizi sanitari anche rispetto all idea della promozione della salute, tramite la rete degli Health Promoting Hospitals. c. Innovazione scientifica e ricerca Promuovere l innovazione, la formazione, l aggiornamento e la ricerca clinica in linea con la vocazione di un ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione e in stretto collegamento con le attività di assistenza, avvalendosi anche della Fondazione Ospedale Maggiore di Bergamo e delle Università Italiane e Straniere.

20 pag. 18 di 96 d. Equità Garantire ai cittadini uguali opportunità di accesso alle prestazioni sanitarie, secondo criteri espliciti e coerenti con la mission aziendale, curando la personalizzazione e l umanizzazione delle cure, nel rispetto dei diritti e della dignità della persona. e. Sicurezza Assicurare una adeguata qualità di vita lavorativa agli operatori che, a vario titolo, prestano la loro attività negli ambienti ospedalieri, garantendo luoghi di lavoro salubri e sicuri; riducendo il più possibile i rischi al fine di evitare possibili danni agli operatori e alle persone assistite. f. Coordinamento e rete di servizi Promuovere l integrazione ospedale-territorio, anche attraverso l avvio di sperimentazioni finalizzate all attivazione di un livello intermedio tra ospedale e domicilio e all utilizzo appropriato ed efficiente dei reparti ospedalieri e sviluppare nuove modalità di assistenza domiciliare. g. Partecipazione e volontariato Sostenere le Associazioni di tutela dei diritti del cittadino e di volontariato che operano in campo sanitario, coinvolgendole nel raggiungimento delle finalità dell Azienda e favorendo le azioni di sensibilizzazione che le Associazioni vorranno promuovere in maniera integrata e coerente con la strategia e la mission aziendali. h. Rapporto con le istituzioni Mantenere un alto livello di confronto con le Istituzioni locali e con le rappresentanze sindacali in modo da rendere esplicite le scelte organizzative e la politica sanitaria perseguita. i. Efficienza e responsabilità Eliminare gli sprechi e le inefficienze organizzative e gestionali, assegnando ai dirigenti l autonomia circa l utilizzo delle risorse loro attribuite e la responsabilità del raggiungimento degli obbiettivi loro assegnati. Attivare forme concrete di verifica dei comportamenti aziendali. j. Sviluppo della qualità professionale Promuovere, ad ogni livello funzionale, opportunità di qualificazione e di sviluppo professionale, attraverso la pianificazione e la realizzazione di programmi di formazione e aggiornamento continuo finalizzati alle specifiche esigenze di sviluppo e miglioramento di ogni singolo settore. k. Sviluppo dell etica aziendale Creare una cultura aziendale ispirata a principi e valori etici condivisi, al fine di garantire un equa ed efficace gestione delle relazioni umane e delle transazioni, promuovere un immagine positiva dell azienda e creare fiducia verso l esterno, definendo le responsabilità etiche e sociali dei propri dirigenti e dipendenti nonché dei fornitori, verso i diversi gruppi di stakeholders. l. Cooperazione internazionale Promuovere e sostenere iniziative a favore di Paesi in via di sviluppo, con l obiettivo di migliorare le capacità di intervento da parte delle strutture sanitarie, sia attraverso missioni in loco di équipe multidisciplinari, sia attraverso la formazione presso l azienda ospedaliera di personale proveniente dai Paesi stessi

21 pag. 19 di 96 L Ospedale dovrà essere sempre di più organizzato per essere luogo a misura d uomo, centrato sulla persona e sulle sue esigenze, luogo dell accoglienza e della cura. L A.O. di Bergamo è deputata all assistenza sanitaria polispecialistica per patologie acute di alto e medio livello di complessità: intende quindi concorrere allo sviluppo della rete sanitaria provinciale nel rispetto delle indicazioni, della programmazione e degli indirizzi regionali. Obiettivi prioritari sono il miglioramento dell efficienza e dell efficacia degli interventi, l aumento dell appropriatezza nell uso delle risorse, la messa a punto di strumenti e modelli innovativi attraverso cui sostenere un sistema di qualità e di valutazione delle azioni intraprese per la tutela del benessere oltre che della salute dei cittadini, la promozione di strategie di confronto e la ricerca di sinergie, il superamento di servizi settoriali e l introduzione di servizi integrati, che considerino la globalità delle persona in tutte le sue dimensioni, in aderenza alle linee di sviluppo fissate dal Piano Socio Sanitario Regionale. All interno di tale rete l Azienda Ospedaliera si propone quale nodo primario di riferimento assicurando la collaborazione, il confronto e l integrazione delle competenze specifiche, nel rispetto del ruolo e della mission propria di ogni Struttura. L azienda ospedaliera Papa Giovanni XXIII è un luogo di cura, ricerca e formazione. Si prende cura di coloro che scelgono l Ospedale di Bergamo per rispondere al loro bisogno di salute. Cura e assistenza sono rivolte ai pazienti; per questo tutta l organizzazione mette al centro la persona che si affida all AO, cercando soluzioni innovative e senza smettere mai di porsi domande. Opera puntando alla massima appropriatezza possibile, così ricerca, formazione e integrazione delle conoscenze sono elementi essenziali del modo in cui concepire la propria attività quotidiana. L AO è un azienda pubblica a valenza nazionale, con rapporti di collaborazione in ogni parte del mondo, grazie alla considerazione acquisita in oltre 80 anni di vita dagli Ospedali Riuniti. E' centro di riferimento per numerose attività, e punta a consolidare il ruolo internazionale di benchmark per l appropriatezza e la qualità di cura, assistenza e processi. I traguardi raggiunti, infatti, non sono mai considerati dei punti d arrivo, ma tappe di un percorso in continua evoluzione. 5 GLI ORGANI DELL'AZIENDA 5.1 Il Direttore Generale E il Legale rappresentante nonché Responsabile della gestione complessiva dell Azienda. Adotta il Piano di Organizzazione Aziendale, nomina il Direttore Amministrativo, il Direttore Sanitario e i Responsabili delle Strutture Aziendali. Al Direttore Generale sono riservati tutti i poteri di gestione: in particolare verifica, anche attraverso l istituzione dell apposito servizio di controllo interno di cui al D.L.vo 502/92, mediante valutazione comparativa dei costi, dei rendimenti e dei risultati, la corretta gestione delle risorse attribuite ed introitate, nonché l imparzialità e il buon andamento dell azione amministrativa. Il Direttore Generale per lo svolgimento delle proprie attività di indirizzo programmatorio e gestionale si avvale della Direzione Aziendale, del Collegio di Direzione, della Conferenza dei primari con il supporto del nucleo di valutazione.

22 pag. 20 di Le strutture in staff al Direttore Generale USS Ufficio Stampa e Comunicazione L Ufficio Stampa e Comunicazione supporta la Direzione Generale dell Azienda nella programmazione e nella gestione delle attività di comunicazione, con particolare riferimento ai rapporti con i media, alla comunicazione interna e alla comunicazione e alle relazioni esterne con altri enti e istituzioni. In particolare l Ufficio propone alla Direzione il Piano di Comunicazione annuale, in linea con gli obiettivi di comunicazione regionali e con le linee strategiche aziendali coordinandone le attività in esso previste, gestisce le media relation in riferimento alle procedure aziendali, funge da redazione centrale del sito Internet e dell Intranet aziendale (coordinando l attività delle redazioni decentrate) e si rapporta con la struttura di comunicazione della Direzione Generale Sanità di Regione Lombardia e con gli Uffici Stampa e Comunicazione di altri enti e istituzioni L Ufficio supporta il personale di tutte le Unità dell Azienda nei rapporti con i media e nelle comunicazioni interne, rapportandosi in particolare con l USC Formazione, Marketing e Libera Formazione, l URP e la Direzione Medica di Presidio Le funzioni in Staff al Direttore Generale Risk management Funzione aziendale che, in un contesto di muldisciplinarietà ed integrazione con altre funzioni aziendali, si propone come elemento catalizzatore di sviluppo di politiche, progetti e strumenti volti alla individuazione e di monitoraggio del rischio clinico, di promozione di tutte le azioni necessarie alla riduzione del rischio e di sviluppo della cultura della sicurezza. Prevenzione protezione Funzioni stabilite dall art.9 del D.Lgs. 626/94, integrato e modificato dal D.Lgs. 242/96. Con l avvento del D.Lgs 81/08 e s.m.i. tali funzioni sono state confermate e consistono nella valutazione dei rischi lavorativi, nell elaborazione delle misure preventive e protettive e nella formazione ed informazione dei lavoratori. Tali funzioni sono assicurate, secondo un impostazione metodologica multidisciplinare, privilegiando nella prassi operativa i rapporti di collaborazione e integrazione con gli altri attori del sistema prevenzionale disegnato dal decreto 81/2008 s.m.i., a partire dal medico competente, l esperto qualificato, il medico autorizzato e i Rappresentati dei lavoratori per la sicurezza. Medico autorizzato Funzione aziendale che assicura la sorveglianza medica dei lavoratori esposti al rischio da radiazioni ionizzanti classificati come lavoratori esposti di categoria A". E altresì assicurata la sorveglianza medica eccezionale (art. 91, D.Lgs. n. 230/1995) e gli adempimenti in caso di esposizioni accidentali o di emergenza (art. 89, comma 1, lett. d), D.Lgs. n. 230/1995). Esperto qualificato Funzione aziendale mediante la quale sono assicurate le misurazioni, gli esami, le verifiche e le valutazioni di carattere fisico, tecnico e radio tossicologico sia per assicurare il corretto funzionamento dei dispositivi di protezione sia per fornire tutte le altre indicazioni necessarie a formulare provvedimenti atti a garantire la sorveglianza fisica della protezione dei lavoratori e della popolazione. La sorveglianza fisica della radioprotezione è definita dall`art. 4, comma 3, lettera u) del d.lgs. 230/1995 come l`insieme dei dispositivi adottati, delle valutazioni, delle misure e degli esami effettuati, delle indicazioni fornite e dei provvedimenti formulati dall`esperto qualificato al fine di garantire la protezione sanitaria dei lavoratori e della popolazione

23 pag. 21 di 96 Medico Competente Funzione Aziendale avente la finalità di affrontare le problematiche inerenti la salute dei lavoratori, di concerto con gli attori della prevenzione e con i diversi interlocutori aziendali coinvolti a vario titolo nella gestione delle problematiche stesse La funzione già delineata nel D.Lgs. 303/56, è stata introdotta e definita dal D.Lgs.277/91, quindi dal D.Lgs.626/94 e ripresa dal D.Lgs. 81/08, (riferimento attuale per la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro). Tale funzione assicura la sorveglianza sanitaria dei lavoratori che discende dal Documento di Valutazione dei rischi, alla cui stesura il Medico Competente partecipa. Allo scopo di assicurare la salute e la prevenzione della stessa a tutti i lavoratori sono programmate delle visite preventive, periodiche, su richiesta dell interessato ed al rientro dopo assenze per malattia superiori ai 60 giorni, nonché è prevista la tenuta della documentazione sanitaria e la partecipazione a sopralluoghi. 5.2 Il Collegio Sindacale È un organo dell Azienda Ospedaliera disciplinato in conformità all art. 3 comma 1 quater del D.Lgs 502/92. Il Collegio Sindacale: vigila sull osservanza delle leggi, accerta la regolare tenuta della contabilità e la conformità del bilancio alle risultanze dei libri e delle scritture contabili, ed effettua periodicamente verifiche di cassa riferisce periodicamente alla Regione, anche su richiesta di quest ultima, sui risultati del riscontro eseguito, denunciando immediatamente i fatti se vi è fondato sospetto di gravi irregolarità. 5.3 Il Collegio di Direzione È un organo dell Azienda Ospedaliera disciplinato in conformità all art. 3 comma 1 quater del D.Lgs 502/92. L istituzione e la composizione dell organo è disciplinata dalla Regione Lombardia, in modo da garantire la partecipazione di tutte le figure professionali presenti nell azienda o nell ente e specificandone le competenze e i criteri di funzionamento, nonché le relazioni con gli altri organi aziendali. Il Collegio di direzione, in particolare, concorre al governo delle attività cliniche, partecipa alla pianificazione delle attività, incluse la ricerca, la didattica, i programmi di formazione e le soluzioni organizzative per l attuazione dell attività libero-professionale intramuraria. Il Collegio di direzione concorre inoltre allo sviluppo organizzativo e gestionale delle aziende, con particolare riferimento all individuazione di indicatori di risultato clinicoassistenziale e di efficienza, nonché dei requisiti di appropriatezza e di qualità delle prestazioni. Partecipa altresì alla valutazione interna dei risultati conseguiti in relazione agli obiettivi prefissati ed è consultato obbligatoriamente dal direttore generale su tutte le questioni attinenti al governo delle attività cliniche. 5.4 Gli Organismi coordinati dal Direttore Generale Sono coordinati operativamente dal Direttore Generale i seguenti Organismi:

24 pag. 22 di Comitato di valutazione del codice etico-comportamentale Organo collegiale, dotato di autonomia e indipendenza rispetto all organo di gestione dell azienda ospedaliera, preposto a vigilare in ordine all efficacia e all osservanza del Codice etico comportamentale. In particolare il CdV deve: vigilare sull effettiva applicazione del modello organizzativo, verificando la coerenza tra i comportamenti teorici ed i comportamenti di fatto; analizzare l adeguatezza del modello organizzativo, verificando la sua capacità di prevenire di fatto i comportamenti non voluti; vigilare affinché vengano mantenuti nel tempo i requisiti di solidità e funzionalità del Codice etico-comportamentale; curare il necessario aggiornamento dinamico del Codice etico-comportamentale, nel caso in cui le analisi operate rendano necessario effettuare correzioni ed adeguamenti Nucleo di valutazione Il Nucleo di valutazione, così come disciplinato in Regione Lombardia, assolve le funzioni espressamente previste dal d.lgs. n. 150/2009 e supporta l attività di programmazione strategica dell Azienda. In particolare è strumento e supporto del Direttore Generale per la corretta attività di controllo interno anche attraverso il confronto con i Responsabili delle Strutture Aziendali coinvolte nei processi di valutazione. 6 I DIRETTORI SANITARIO E AMMINISTRATIVO 6.1 Il Direttore Sanitario Coadiuva il Direttore Generale nell esercizio delle sue funzioni. Partecipa, unitamente al Direttore Generale, che ne ha la responsabilità, e al Direttore Amministrativo, alla direzione dell Azienda. Dirige, a livello strategico, i Servizi sanitari ai fini tecnico-organizzativi ed igienico-sanitari e fornisce parere obbligatorio al Direttore Generale sugli atti relativi alle materie di competenza devolute dall ordinamento, identificando ai fini programmatori la domanda di assistenza sanitaria. Svolge attività di indirizzo, coordinamento, supporto, verifica nei confronti dei Responsabili dei Servizi sanitari e promuove l integrazione dei Servizi stessi. Definisce le strategie e gli indirizzi per l adozione di provvedimenti, anche straordinari, contingibili e/o urgenti. Il Direttore Sanitario, per esercitare il ruolo affidatogli dalla normativa e dal presente atto di indirizzo organizzativo, si avvale delle strutture dei dipartimenti sanitari, della direzione medica di presidio, della direzione delle professioni sanitarie e del servizio di farmacia ospedaliera, da lui dipendenti gerarchicamente.

25 pag. 23 di Le strutture in line al Direttore Sanitario e loro funzionamento Le moderne esigenze delle aziende sanitarie, ispirate al modello organizzativo della governance clinica e la specificità dell Azienda Ospedaliera, richiedono l applicazione di un modello organizzativo innovativo. In materia di gestione dei servizi sanitari aziendali, deve essere rafforzata ulteriormente l autonomia tra le funzioni di direzione strategica, affidate dalle norme nazionali e regionali al Direttore Sanitario Aziendale, e le funzioni di gestione operativa, affidate dalle stesse norme alla Direzione Medica di Presidio, alla Direzione delle professioni sanitarie. Tale suddivisione deve garantire la chiarezza degli ambiti di reciproca responsabilità e soprattutto l efficacia degli interventi a garanzia del raggiungimento degli obiettivi di mandato e di quelli annuali della Direzione strategica aziendale La Direzione Medica di Presidio Ospedaliero (DMPO) e la Direzione Medica di Presidio Territoriale (DMPT) La USC Direzione Medica di Presidio comprende organizzativamente la seguente struttura: USS Ufficio Relazioni con il pubblico Il Direttore dell USC Direzione Medica Presidio Ospedaliero ha la responsabilità organizzativa, gestionale ed igienico-sanitaria del Presidio ospedaliero e dirige con autonomia tecnicofunzionale i Servizi sanitari relativi, con particolare riferimento alle attività dello stabilimento ospedaliero. Ha anche competenze medico-legali, scientifiche, di formazione ed aggiornamento e di promozione della qualità delle prestazioni sanitarie. Il Direttore dell USC Direzione Medica Presidio Territoriale ha la responsabilità organizzativa, gestionale ed igienico-sanitaria del Presidio ambulatoriale e territoriale e dirige con autonomia tecnico-funzionale i Servizi sanitari relativi, con particolare riferimento alle attività ambulatoriali extra-ospedaliere ed ai rapporti con il Territorio. Ha anche competenze medico-legali, scientifiche, di formazione ed aggiornamento e di promozione della qualità delle prestazioni sanitarie. Entrambi i Direttori operano sulla base degli indirizzi stabiliti dal Direttore Sanitario Aziendale e concorrono al raggiungimento degli obiettivi fissati dal Direttore Generale. Si avvalgono, nell esercizio delle proprie competenze, delle USS e degli uffici di staff aziendali con i quali sono chiamati a collaborare La Direzione Professioni Sanitarie (DPS) La USC Direzione delle Professioni Sanitarie è una struttura complessa, dotata di autonomia gestionale, che opera in staff al Direttore Sanitario Aziendale. La DPS è una struttura titolare di indirizzo, direzione, organizzazione e coordinamento del personale infermieristico, ostetrico, tecnico-sanitario, riabilitativo e della prevenzione nonché degli operatori di supporto e dell ambito sociale che operano nell'azienda ospedaliera in conformità con la pianificazione strategica e gli obiettivi aziendali. ll Dirigente della DPS è responsabile del governo assistenziale nelle sue diverse componenti e concorre al perseguimento della mission aziendale assicurando qualità, appropriatezza, efficacia ed efficienza tecnico-organizzativa delle attività assistenziali erogate nell ambito della prevenzione, cura, riabilitazione e palliazione sulla base delle funzioni e delle responsabilità attribuite a ciascun professionista nel rispetto dei profili delineati dalla norma nonché degli specifici codici deontologici.

26 pag. 24 di 96 Concorre all'organizzazione di idonei percorsi clinico-assistenziali basati sull'integrazione delle diverse competenze professionali per garantire una risposta appropriata ai bisogni di assistenza sanitaria delle persone assistite. La DPS si articola in tre livelli: livello Aziendale con funzioni di pianificazione e programmazione strategica, direzione, indirizzo, coordinamento e valutazione delle articolazioni decentrate secondo gli obiettivi e le linee di indirizzo della Direzione Aziendale; livello Dipartimentale con funzioni di integrazione organizzativa e funzionale delle risorse; sviluppo della qualità dell'assistenza attraverso la progettazione, gestione e valutazione di interventi di miglioramento trasversali; livello di Struttura Complessa con funzioni di programmazione, organizzazione, verifica delle prestazioni erogate e coordinamento delle risorse professionali coinvolte. Alla DPS sono attribuite le seguenti responsabilità: partecipazione al processo di budget per quanto attiene la definizione degli obiettivi e l'attribuzione delle risorse; progettazione e sviluppo di modelli organizzativi assistenziali innovativi coerenti con le indicazioni legislative e della letteratura e considerati in un ottica di qualità e di sostenibilità economica; gestione del personale attraverso la programmazione, gestione e direzione delle risorse garantendone il migliore impiego nei processi di lavoro attraverso la pianificazione del fabbisogno, la valutazione delle competenze, l elaborazione dei programmi di accoglienza e di inserimento, la valutazione e la valorizzazione; analisi del fabbisogno formativo, definizione dei piani formativi, promozione e realizzazione di interventi di formazione e aggiornamento del personale afferente in coerenza con gli obiettivi aziendali; la definizione e l adozione di standard assistenziali, la misurazione degli esiti e la valutazione del rischio clinico e della sicurezza dei processi finalizzata a garantire la massima tutela per gli utenti e per gli operatori; partecipazione allo sviluppo e verifica del sistema informativo aziendale con particolare riguardo ai flussi e agli strumenti informativi relativi alle attività assistenziali; utilizzo di una documentazione clinico-assistenziale integrata e sviluppata a tutti i livelli dell organizzazione; partecipazione all'elaborazione e all'implementazione dei progetti relativi al miglioramento della qualità e promozione di progetti di ricerca e di sviluppo professionale; partecipazione alla definizione degli indirizzi concernenti l'applicazione del contratto dì lavoro, l'identificazione di sistemi premianti e di un sistema di valutazione delle prestazioni professionali Il Servizio Farmacia Ospedaliera Il Servizio, governato dalla USC Farmacia, è preposto alla gestione di farmaci, dispositivi medici e diagnostici, supportando la Direzione nella definizione della politica aziendale del farmaco e dei dispositivi. L USC Farmacia si articola nelle seguenti strutture: USS Galenica Clinica USS Farmacoeconomia Logistica del Farmaco USS Dispositivi Medici Le principali funzioni del Servizio di farmacia ospedaliera sono: informazione al corpo sanitario sulle caratteristiche dei farmaci, disinfettanti, dispositivi medici, diagnostici e consulenza alle Strutture aziendali per il loro impiego

27 pag. 25 di 96 partecipazione al processo di budget per quanto attiene alla definizione ed all attribuzione dei prodotti farmaceutici da impiegarsi in relazione agli obiettivi fissati produzione di galenici magistrali (formule magistrali, farmaci orfani, farmaci non reperibili in commercio o preparazioni sperimentali, antiblastici, miscele nutrizionali e monodose). partecipazione allo sviluppo e verifica del sistema informativo aziendale con particolare riguardo ai flussi,agli strumenti informativi relativi all impiego dei prodotti farmaceutici e alla prescrizione informatizzata. concorso nell analisi dei costi dei fattori produttivi, dei consumi per centro di costo, nell analisi di farmacoeconomia e di farmacoepidemiologia, con particolare riguardo alla gestione del File F e dei farmaci Off-label farmacovigilanza e vigilanza sull impiego dei dispositivi medici su delega del Direttore Sanitario Aziendale collaborazione alla gestione delle sperimentazioni cliniche di farmaci e presidi Formazione, Marketing e Libera Professione La USC Formazione, Marketing e Libera Professione attua la propria attività negli ambiti di seguito descritti: Ambito formazione: governa i processi di sviluppo e crescita professionale del personale afferente all Azienda in quanto definisce il Piano di Formazione Aziendale annuale, coordina l attività del Comitato tecnico scientifico e delle attività connesse allo status Aziendale di Provider ECM accreditato presso il sistema ECM-CPD Lombardo. Gestisce inoltre le attività didattiche e di aggiornamento a favore del personale afferente all Azienda intra ed extra sede, supporta a livello amministrativo, logistico e organizzativo le attività didattiche interne, la realizzazione di attività congressuali, seminari e di attività scientifica in genere organizzate dalle strutture aziendali per utenti interni ed esterni alla stessa. Infine gestisce sia gli spazi didattici e congressuali aziendali, e le relative attrezzature tecnologiche, che il centro di documentazione scientifica / Biblioteca scientifica aziendale e di suoi rapporti con il Servizio Bibliotecario Biomedico Lombardo (SBBL) a favore del personale afferente alla azienda stabilmente o temporaneamente, compresi gli studenti iscritti alle sedi distaccate presso l azienda dei Corsi di Laurea universitari. Ambito Marketing sanitario, Libera professione e attività scientifica: governa le politiche aziendali di offerta di servizi in regime di solvenza e delle attività di ricerca e sviluppo in particolare; definisce il Piano di Marketing aziendale, supporta la gestione amministrativa alle attività di Fund raising, promuove le attività connesse alle prestazioni erogate in solvenza e libera professione con coordinamento gestionale e organizzativo dei settori che per i vari ambiti di competenza presidiano le attività collegate (Ufficio Servizi a pagamento presso la USC Bilancio e programmazione, CUPS, DMP e DPS, USC Risorse umane, Sistemi informativi). Gestisce le convenzioni attive per servizi erogati a soggetti terzi, coordina le attività aziendali di raccordo con le attività specifiche della Fondazione Ricerca Ospedale Maggiore (FROM) e con le funzioni proprie del Comitato di bioetica a supporto dell attività scientifica Medicina del Lavoro La USC Medicina del lavoro comprende organizzativamente la seguente struttura: USS Sorveglianza Sanitaria dei Lavoratori. Le Funzioni e compiti della USC (UOOML) sono definiti nella DGR 3/12/1999 N. 6/46797

28 pag. 26 di 96 La UOOML è una USC certificata qualità, fa parte della rete pubblica della Prevenzione nei luoghi di lavoro della Regione Lombardia ed è coordinata dalla UO Prevenzione. La sua mission si identifica nella tutela della salute della popolazione lavorativa della provincia di Bergamo Le principali attività sono sia di tipo clinico-diagnostico, quali la diagnosi di Malattia Professionale e Giudizi di Idoneità alla mansione specifica (tipo DH), che di tipo consulenziale, sui temi della valutazione dei rischi, sorveglianza sanitaria, ergonomia, tossicologia industriale, stress e lavoro. La USC ha inoltre compiti di ricerca in MdL, epidemiologia, sviluppo e formazione in collaborazione con DP ASL e UO Prevenzione della RL (Piani Regionali) Le USSD e USS in staff alla Direzione Sanitaria Le USSD in staff al Direttore Sanitario si caratterizzano per una responsabilità diretta a livello aziendale; tale connotazione le identifica nel POA quali articolazioni sovradipartimentali (viene per semplicità mantenuta la sigla USSD e viene identificato, da un punto di vista gestionale, il Direttore Sanitario quale equivalente del Direttore di Dipartimento) USSD Continuità Ospedale e territorio L'aumento delle persone affette da patologie croniche e degenerative e/o ridotta autonomia funzionale, il processo di riqualificazione della funzione d'assistenza ospedaliera unitamente allo sviluppo di una sensibilità più attenta agli aspetti qualitativi delle cure, hanno imposto negli ultimi anni, un radicale mutamento delle strategie sanitarie con un'attenzione particolare al rilancio e allo sviluppo dei progetti di cure a domicilio o in strutture socio-assistenziali. Per affrontare il problema della continuità delle cure si fa riferimento ai modelli concettuali quali quelli di Disease management e Clinica! Governance, che facilitino la comunicazione, l'informazione e l'interazione fra i diversi attori della rete e la popolazione assistita. L'efficacia delle cure in queste fasce di popolazione è strettamente correlata alla loro continuità, quindi all'efficienza organizzativa del sistema sanitario locale. Anche la D.G.R. n VIII/10804 del che definisce le regole per la gestione del Servizio Sanitario Regionale per il 2010 sottolinea come la promozione della continuità delle cure e l'integrazione dell'ospedale con il territorio sono elementi fondamentali di un sistema sanitario improntato a principi di efficienza, efficacia, qualità e di autentica tutela della salute. In materia di programmazione socio-sanitaria il tema relativo alla continuità assistenziale, intesa come "il prendersi cura" della persona e della sua famiglia nella loro globalità e complessità, risulta essere prioritario e centrale sia per la nostra Azienda che per quanto concerne la programmazione dell'asl (deliberazione del Direttore Generale n 145 del Marzo 2010), della provincia di Bergamo, che quella degli Ambiti territoriali del territorio. L'obiettivo è quello di individuare possibili percorsi integrati di risposta ai bisogni delle persone che si trovano in particolari situazioni di fragilità e che necessitano di assistenza continua. La Centrale Dimissioni Protette afferisce alla Direzione Professioni Sanitarie e risponde ai bisogni di salute che nascono dalla condizione di fragilità. Assicura in primo luogo una correlazione tra gli interventi assistenziali e un coordinamento dei diversi settori impegnati in grado di garantire alle persone fragili ricoverate nella nostra Azienda la necessaria continuità delle cure ospedaliere, domiciliari e residenziali, in secondo luogo una lettura adeguata della complessità dei problemi da affrontare attraverso la valutazione multi dirnensionale e multidisciplinare capace di misurare le diverse componenti della fragilità e infine lo sviluppo di competenze in grado di gestire la complessità del percorso di cura.

29 pag. 27 di 96 Sostiene la continuità assistenziale quale parte integrante della buona pratica clinica e assistenziale collaborando nell'attivazione della rete provinciale organizzata secondo gruppi di patologia sostenendo la continuità ospedale territorio in stretta sinergia con 1'ASL provinciale ed i Comuni della Provincia, gestendo lo sviluppo dei percorsi di integrazione Ospedale-Territorio, in modo da favorire una concreta continuità delle cure attraverso il miglioramento dei rapporti con i Servizi Socio-Sanitari Territoriali, sostenendo l'integrazione ospedale territorio anche attraverso l'avvio di sperimentazioni finalizzate all'attivazione di un livello intermedio tra ospedale e domicilio e l'utilizzo appropriato ed efficiente delle strutture ospedaliere, sviluppando nuove modalità di assistenza domiciliare e garantendo il coordinamento della rete dei servizi intraospedaliera e la loro integrazione con i servizi territoriali, con l'obiettivo di creare un servizio centralizzato per il governo delle dimissioni protette e di raccordo tra le attività ospedaliere e territoriali, per una pianificazione precoce e multidisciplinare delle dimissioni USSD Psicologia Clinica L Unità di Psicologia Clinica ha il compito di programmare ed organizzare le prestazioni di natura professionale psicologica in ambito ospedaliero anche mediante una sistematica rilevazione ed analisi dei bisogni e delle domande di intervento psicologico connesse all attività e all organizzazione all Azienda Ospedaliera. Promuove e gestisce progetti che si avvalgono della professionalità dello psicologo nel campo dell attività diagnostica, terapeutica, riabilitativa e di sostegno, svolge, inoltre, attività didattica e formativa e di ricerca psicologica in ambito sanitario in collaborazione con le Unità e i Dipartimenti ospedalieri, le Università e gli Enti esterni convenzionati. Collabora, per quanto di competenza, all attività che l Azienda Sanitaria svolge a favore dei detenuti della Casa Circondariale. Le attività vengono svolte in favore di soggetti ricoverati in regime ordinario, di day hospital o di day surgery e nella fase successiva o precedente al ricovero su progetti specifici. Afferiscono all Unità di Psicologia Clinica gli Psicologi che prestano la loro attività nelle singole realtà dell Azienda ad eccezione della Psichiatria e Neuropsichiatria Infantile. E prevista la presenza dello psicologo anche presso le sedi distaccate dell USC Medicina Fisica e Riabilitativa e dell Hospice. L'Unità di Psicologia Clinica articola le proprie attività nell area diagnostica clinico-psicologica, nell area della consultazione e del sostegno, nell area della valutazione psicologica relativamente ad ambiti quali, ad esempio, il trapianto e valutazione e riabilitazione neuropsicologica; nell ambito della psicologia del lavoro e della promozione della salute e dell attenzione al soggetto in cura e alla famiglia e nell area della ricerca e valutazione dei processi e degli esiti e nell area della formazione USSD Farmacia Esterna La mission è finalizzata a garantire l attività istituzionale sul territorio di Farmacia aperta al Pubblico convenzionata nel complesso degli interventi che accompagnano la dispensazione del farmaco. La Farmacia Esterna si preoccupa di fornire al paziente le informazioni e i chiarimenti opportuni circa: conservazione, contenuto, attività terapeutica, posologia, controindicazioni, effetti collaterali e incompatibilità di qualunque natura dei medicinali dispensati. In questo contesto la Farmacia Esterna deve fornire, in condizione di riservatezza per il paziente, consigli e indicazioni igieniche, sanitarie e alimentari, a completamento e sostegno dell'evoluzione e della appropriatezza della terapia, mirando al recupero e al mantenimento dello stato di salute. Grande rilevanza riveste l informazione fornita agli operatori sanitari dell Azienda attraverso invio di circolari, organizzazione di incontri nei singoli reparti o dipartimenti e informazioni telefoniche su tutto ciò che concerne gli aspetti farmacologici, tecnici e normativi relativi dei farmaci e presidi medici.

30 pag. 28 di 96 Infine favorisce lo sviluppo della qualità dei processi di competenza attraverso la progettazione e la gestione di interventi di miglioramento orientati alla soddisfazione del cliente La farmacia esterna è sempre un importante punto di riferimento per i pazienti che accedono ai servizi dell azienda ospedaliera. A garanzia della particolare attenzione riservata al cliente la Farmacia Esterna si è dotata di un sistema gestione qualità e attualmente lavora al miglioramento continuo in ottemperanza alla normativa vigente in materia UNI EN ISO 9001: USSD Prevenzione e Protezione Il Servizio di Prevenzione e Protezione (SPP) agisce in stretto contatto con tutte le organizzazioni funzionali della AO, con rapporti di contiguità operativa soprattutto con le Funzioni aziendali che agiscono per mandato istituzionale in maniera trasversale: Direzione medica di presidio, Direzione delle professioni sanitarie, Ufficio qualità, Formazione e aggiornamento, Uffici dell area amministrativa. Al SPP è richiesta la verifica del rispetto sostanziale di tutto il complesso quadro normativo nel campo dell igiene e della sicurezza nei luoghi di lavoro e la messa a regime di un sistema in sintonia con le indicazioni della letteratura e delle Regione Lombardia in tema di gestione del rischio clinico USSD Ingegneria Clinica L Ingegneria Clinica si occupa dell aspetto gestionale e strategico delle tecnologie biomediche con l obiettivo primario di garantirne l uso sicuro, appropriato e vantaggioso dal punto di vista economico e della sicurezza. In tal modo contribuisce alla mission aziendale per ciò che riguarda la sicurezza e l appropriatezza delle prestazioni, il costante investimento in tecnologie d avanguardia e l innovazione continua. Svolge un ruolo di supporto alla Direzione Aziendale per l aspetto gestionale e strategico delle tecnologie, attraverso le seguenti principali attività: programmazione degli acquisti (in collaborazione con la Struttura amministrativa di riferimento e la direzione medica di presidio), valutazioni di Hospital based Technology Assessment finalizzate all introduzione di nuove tecnologie o dispositivi, attuazione del piano degli investimenti tecnologici (capitolati, valutazione offerte, collaudo, formazione), controllo dell effettuazione della manutenzione delle apparecchiature in dotazione all azienda, analisi delle possibili situazioni di rischio. Le attività multidisciplinari inerenti la gestione delle tecnologie biomediche svolte dall Ingegneria Clinica, per il ruolo di interfaccia fra tecnologia e cura della salute giustificano la necessità di collaborazione con diverse realtà aziendali ed extra aziendali. Per quanto riguarda la consulenza alla pianificazione del fabbisogno delle tecnologie biomediche, l attività viene svolta con i direttori delle strutture sanitarie, la direzione medica di presidio, la farmacia interna e le strutture amministrative deputate all effettuazione delle procedure di gara necessarie alle acquisizioni. In fase di installazione, addestramento e collaudo delle tecnologie è spesso inevitabile interfacciarsi con la struttura tecnica, i sistemi informativi, la fisica sanitaria, il servizio di prevenzione e protezione e le ditte fornitrici. Durante l esercizio delle apparecchiature, oltre alla ditta che gestisce direttamente la manutenzione, le attività vengono svolte in collaborazione con le ditte fornitrici o manutentrici. Per la valutazione di eventuali situazioni di rischio, la collaborazione è costante con il servizio di prevenzione e protezione aziendale.

31 pag. 29 di 96 Collabora con i servizi tecnici per fornite loro le specifiche tecnologiche necessarie all allestimento di locali di nuova realizzazione o in ristrutturazione in modo congruo con le tecnologie in essi utilizzati. Esternamente all azienda, l Ingegneria Clinica collabora con gli organi Regionali partecipando attivamente alle riunioni del Gruppo Tecnico Ingegneri Clinici Lombardi (GTICL) USSD Coordinamento Prelievo e Trapianti di organo La Unità Strutturale Semplice Coordinamento prelievo e trapianto d organi dell Azienda Ospedaliera ha la competenza per quanto attiene il processo donazione e trapianto relativo a tutta l area della provincia di Bergamo che comprende oltre alla stessa Azienda Ospedaliera anche altre due aziende ospedaliere pubbliche (Bolognini di Seriate e Treviglio Caravaggio) e tre ospedali privati accreditati ( Policlinico San Marco di Zingonia, Policlinico San Pietro di Ponte San Pietro e Istituto Humanitas Gavazzeni), dotati di terapia intensiva e tutti inseriti nella Rete di donazione e prelievo d organi e tessuti per trapianto attivamente dal Quanto sopra esplicitato è previsto dalla DGR di Regione Lombardia dell 8 febbraio 2002, N 7/7987, avente per oggetto la Riorganizzazione delle attività di prelievo a scopo di trapianto; in tale delibera sono stati istituiti i 18 Coordinamenti di Area Vasta della Lombardia, corrispondenti al territorio provinciale di competenza. In tal modo il Coordinamento di Bergamo ottempera a tutti gli effetti al punto 4. della Conferenza stato-regioni del 21 marzo 2002, che istituisce la Rete Nazionale Trapianti e che si riporta qui di seguito: 4. I Coordinamenti Locali, a carattere aziendale o interaziendale, esercitano la loro attività di strutture primarie addette al reperimento di organi e tessuti nel territorio e nelle strutture ospedaliere dell Azienda sanitaria di loro competenza. L Azienda Ospedaliera ha una intensa attività di prelievo di organi e tessuti compreso il sangue da cordone ombelicale, insieme ad una spiccata attività trapiantologica di organi e tessuti; vengono trapiantati tutti gli organi a pazienti adulti e bambini USS Medicina Legale L attività medico legale è svolta nel pieno rispetto della Mission aziendale. Svolge in autonomia attività di istruttoria delle richieste di risarcimento danni per responsabilità professionale in ambito aziendale, attività di gestione del contenzioso giudiziario, di espressione di pareri per eventi di responsabilità professionale e sulla gravità della colpa in eventi di responsabilità professionale in ambito aziendale. Svolge inoltre attività di consulenza aziendale in ambito di medicina necroscopica e di consulenza aziendale (responsabile procedimento) in merito a problematiche inerenti il consenso informato alle cure, il segreto e la privacy, il rilascio di documentazione sanitaria a privati o enti, attività di informativa all Autorità Giudiziaria (referto ex art. 365 c.p. per ipotesi di delitti perseguibili d ufficio, segnalazioni di violenza sessuale, segnalazione al tribunale dei Minori di abusi su minori). Svolge inoltre attività di consulenza aziendale per il riconoscimento a dipendenti di patologia grave che richieda terapia salvavita. Coordina il gruppo di lavoro aziendale sulla redazione della Procedura contenzione e la Commissione permanente aziendale Verifica qualità della documentazione sanitaria e consenso informato. Offre consulenza su richiesta in merito a problematiche medico legali in corso di redazione di specifiche procedure aziendali e media i conflitti (in collaborazione con l URP) per la prevenzione/riduzione del contenzioso Aziendale. Partecipa al collegio per accertamento sulla realtà della morte.

32 pag. 30 di USS Gestione Qualità La Unità Strutturale Semplice Gestione Qualità collabora e supporta la Direzione Aziendale nella promozione del sistema gestione qualità Aziendale. In particolare assicura che i processi necessari per il Sistema Gestione per la Qualità siano predisposti, attuati e tenuti aggiornati riferendo alla direzione sulle prestazioni del sistema e su ogni esigenza per il miglioramento. Compito dell ufficio è anche promuovere l analisi dei processi gestionali, organizzativi e produttivi dell Azienda, collaborando alla definizione delle procedure correlate ed al piano di qualità aziendale. Coordina la stesura della documentazione del Sistema Qualità, redigendo il rapporto del Sistema Qualità, al fine di consentire il riesame della Direzione, tutto questo attraverso il coordinamento delle attività richieste dall iter di certificazione del sistema qualità aziendale, mantenendo i rapporti con l Ente Terzo e le società di consulenza. Svolge inoltre attività di collaborazione nell ambito della gestione di iniziative da intraprendere nell ambito della customer satisfation, e all interno dei gruppi di lavoro in tema di qualità e sicurezza, nonché referente aziendale per il progetto regionale di miglioramento della qualità Gli Organismi coordinati dal Direttore Sanitario Sono coordinati operativamente dal Direttore Sanitario i seguenti organismi: Comitato di Bioetica E un organismo autonomo che ha il compito di valutare i protocolli di sperimentazioni cliniche e di esprimere parere vincolante in merito: il parere positivo è necessario per l autorizzazione allo svolgimento dello studio clinico in Azienda. Sviluppa riflessioni in tema di bioetica correlate allo svolgimento dell attività sanitaria e promuove la crescita delle medical- humanities nel contesto assistenziale aziendale. Promuove e realizza iniziative di formazione sui temi specifici di bioetica, in collaborazione con la struttura formazione ed aggiornamento. Promuove la riflessione in azienda sull uso etico delle risorse. L attività del Comitato è disciplinata da un regolamento che definisce gli ambiti di intervento, la composizione, l organizzazione e i principi di funzionamento Comitato per il buon uso del sangue Definisce gli standard e le procedure per l utilizzazione del sangue, la richiesta massima di sangue per tipo di intervento (MSBOS); promuove la pratica della trasfusione di sangue autologo (autotrasfusione); coinvolge organizzativamente le Unità Operative di diagnosi e cura su programmi di risparmio di sangue, emocomponenti e plasmaderivati; contribuisce al perseguimento dell autosufficienza di sangue, emocomponenti e plasmaderivati; definisce i controlli di sicurezza e verifica; valuta la pratica trasfusionale nei singoli reparti (audit-medico); favorisce l informatizzazione del sistema di donazione e trasfusione ospedaliero, stabilisce rapporti di collaborazione con i referenti per le attività trasfusionali delle case di cura private Comitato Ospedale senza dolore Ha il compito di assicurare un osservatorio specifico del dolore nelle strutture sanitarie; di coordinare le azioni delle differenti équipe e della formazione continua del personale medico e delle professioni sanitarie. Promuove gli interventi idonei ad assicurare nelle strutture sanitarie la disponibilità dei farmaci analgesici, in particolare degli oppioidi, in coerenza con le indicazioni

33 pag. 31 di 96 fornite dall OMS, assicurando inoltre la valutazione periodica del loro consumo. Promuove protocolli di trattamento delle differenti tipologie di dolore; l educazione continua sui principi di trattamento del dolore, sull uso dei farmaci e sulle modalità di valutazione del dolore. Effettua il monitoraggio dei livelli di applicazione delle linee guida e della valutazione di efficacia delle stesse; promuove, elabora e diffonde del materiale informativo rivolto agli utenti Commissione Technology Assessment E un organismo che si occupa della gestione delle tecnologie sanitarie in Azienda. Si compone di tre sottogruppi: Commissione per l uso razionale del farmaco: revisione ed aggiornamento del Prontuario Terapeutico Ospedaliero; definizione di linee guida di utilizzo dei farmaci e promozione dell analisi del consumo dei farmaci attraverso il monitoraggio di specifiche categorie; promozione dell attività di informazione sull uso del farmaco; promozione dell attività di farmacovigilanza. Commissione per l'uso razionale del Diagnostico: opera in ambito di Diagnostica per Immagini e Medicina di Laboratorio con la finalità di definire, alla luce della Medicina delle Evidenze, i corretti percorsi diagnostici anche al fine di abolire esami desueti e/o introdurne di nuovi con miglior rapporto costo/efficacia. La Commissione opererà in stretta collaborazione col Controllo di Gestione per la sorveglianza degli aspetti economici. Commissione per l'uso razionale del dispositivo medico: revisione ed aggiornamento del Repertorio dei Dispositivi Medici Ospedaliero; definizione di linee guida di utilizzo dei Dispositivi Medici e promozione dell analisi del consumo dei Dispositivi Medici attraverso il monitoraggio di specifiche categorie; promozione dell attività di informazione sull uso del Dispositivo Medico; promozione dell attività di "dispositivo-vigilanza" Consiglio dei Sanitari E un organismo con funzioni di consulenza tecnico-sanitaria presieduto dal Direttore Sanitario. Fornisce parere al Direttore Generale per le attività tecnico-sanitarie, anche sotto il profilo organizzativo e per gli investimenti ad esse correlati Gruppo di coordinamento per l'attività di gestione del rischio e Comitato valutazione sinistri Le funzioni che i due organismi devono svolgere sono integrate e tra loro coordinate in quanto, mentre il Gruppo di coordinamento diventa il riferimento per tutta la gestione del rischio in azienda, il Comitato ristretto si occupa della specifica tematica relativa alla gestione dei sinistri. Obiettivo che il Comitato Valutazione Sinistri deve perseguire è la minimizzazione dell impatto economico del sinistro, fornendo un contributo alla definizione della politica di copertura assicurativa aziendale. La composizione di tali Organismi rispetta quanto esplicitamente indicato dalle rispettive fonti normative e dagli specifici atti costitutivi Formazione universitaria delle professioni sanitarie I Corsi di Laurea in Fisioterapia, Infermieristica, Ostetricia, Tecniche di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia, attivati in Azienda in collaborazione con l Università degli studi di Milano-Bicocca, sono organizzati e gestiti nel rispetto degli specifici Ordinamenti Didattici e dei Piani degli Studi Universitari attualmente vigenti in materia.

34 pag. 32 di 96 L'organizzazione dei Corsi è articolata in tre anni e comprende diverse attività formative di base, caratterizzanti, affini o integrative che si sviluppano sia attraverso l attività didattica teoricopratica sia con tirocinio clinico. Per l'apprendimento di alcuni contenuti scientifici ritenuti significativi vengono organizzate attività elettive, seminariali e visite documentative presso strutture e centri di rilevante interesse. Il numero degli studenti assegnati all Università di riferimento è determinato in base alla programmazione nazionale e regionale con Decreto Ministeriale mentre il numero di studenti assegnati alla sede dell A. O. è stabilito dall Università di riferimento. L insegnamento teorico è affidato a docenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università degli studi di Milano - Bicocca sia da docenti dipendenti dell Azienda Ospedaliera di Bergamo o di istituzioni del servizio sanitario collegate per le attività di tirocinio. Alcune lezioni teoriche, sono trasmesse in teledidattica direttamente dalla sede dell Università degli studi di Milano Bicocca. Le attività di tirocinio consentono agli studenti di acquisire capacità e competenza attraverso la sperimentazione diretta sul campo. 6.2 Il Direttore Amministrativo coadiuva il Direttore Generale nell esercizio delle sue funzioni. partecipa, unitamente al Direttore Generale, che ne ha la responsabilità, e al Direttore Sanitario, alla direzione dell Azienda. dirige a livello strategico i servizi amministrativi ai fini tecnico-organzzativi e fornisce parere obbligatorio al direttore generale sugli atti relativi alle materie di competenza devolutegli dall ordinamento; svolge attività di indirizzo, coordinamento, supporto, verifica nei confronti dei responsabili dei servizi amministrativi e di supporto e promuove l integrazione dei servizi stessi; definisce le strategie e gli indirizzi per l adozione di provvedimenti anche straordinari, contingibili e/o urgenti, sugli atti relativi alle materie di competenza. Il Direttore Amministrativo, per esercitare il ruolo affidatogli dalla normativa e dal presente atto di indirizzo organizzativo, si avvale delle strutture dei dipartimenti amministrativi a lui dipendenti gerarchicamente Gli Organismi coordinati dal Direttore Amministrativo Sono coordinati operativamente dal Direttore Amministrativo i seguenti organismi: Comitato unico di garanzia Il comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni è costituito ai sensi dell art.57 del D.lgs n 165/2001 e si propone di ottimizzare la produttività, migliorare l efficienza del lavoro pubblico, stimolare il senso di appartenenza collegato alla garanzia di un ambiente di lavoro rispettoso dei principi di pari opportunità, di benessere organizzativo e di contrasto a qualsiasi forma di discriminazione e di violenza morale o psichica per i lavoratori. Il Comitato opera in stretto rapporto con la direzione aziendale ed esercita compiti propositivi consultivi e di verifica coerenti con le finalità previste dalle disposizioni di legge in materia con specifico riferimento alla direttiva della PCM del 4 marzo Formula proposte di azioni positive in ordine alla prevenzione e risoluzione delle situazioni di criticità, anche al fine di realizzare misure di tutela dei dipendenti dell A.O. Raccoglie dati relativi agli aspetti quantitativi e qualitativi del fenomeno.

35 pag. 33 di Commissione Lotta al Tabagismo Promuove e coordina le azioni rivolte agli operatori e ai pazienti per la prevenzione del tabagismo effettuando il monitoraggio dell efficacia di tali iniziative. Convocazione, verbali e archiviazione sono a cura della Segreteria del Commissione stessa. 7 IL MODELLO 7.1 I Dipartimenti L organizzazione dipartimentale continua ad essere il modello ordinario di gestione operativa di tutte le attività aziendali con la finalità di assicurare la buona gestione amministrativa e finanziaria, nonché dare concreta attuazione alle politiche di governo clinico. Il Dipartimento può essere costituito solo se raggruppa più strutture complesse e semplici di particolare specificità. Il Dipartimento è pertanto un articolazione organizzativa dell'azienda che raggruppa un insieme omogeneo di attività complesse e semplici che richiedono una programmazione ed un coordinamento unitario con risultati in termini di efficienza ed efficacia misurabili. 7.2 Dipartimenti aziendali e/o interaziendali Sono dipartimenti derivati dall aggregazione di Strutture appartenenti all azienda o ad aziende sanitarie diverse. Le tipologie possono essere: gestionale: dove si realizza la gestione integrata di attività assistenziali funzionale: con limitata integrazione operativa e gestionale, ma con un ruolo di indirizzo e di governo culturale e tecnico di alcuni settori sanitari. L organizzazione dei singoli Dipartimenti è definita da un regolamento generale aziendale, nelle cui linee di indirizzo vengono successivamente definiti i singoli regolamenti dipartimentali. Ognuno di questi regolamenti tiene conto e rispetta le esigenze, gli obiettivi e i compiti specifici assegnati dalla Direzione Aziendale a ciascun Dipartimento e definisce gli ambiti di integrazione tra i vari Dipartimenti. Sono organi del Dipartimento il Direttore del Dipartimento e il Comitato di Dipartimento. La Direzione di Dipartimento è affidata su base fiduciaria dal Direttore Generale ad uno dei Direttori delle Strutture Complesse afferenti al Dipartimento, tenendo conto degli obiettivi assegnati al Dipartimento stesso, nonché dell esperienza professionale, organizzativa e gestionale e della capacità di leadership dei candidati. 7.3 Dipartimenti funzionali: Dipartimento inter-aziendale di Farmacologia Clinica (DIFARC) Il Dipartimento di Farmacologia Clinica, già operativo presso l AO dal 1996, si propone di proseguire le attività scientifico/organizzative in atto e di promuovere una nuova realtà dipartimentale che si configuri come rete di strutture sanitarie a valenza provinciale in linea con le esigenze aziendali ed innovativa nella realtà lombarda. Il DIFARC, in linea con gli obiettivi regionali di assicurare la continuità e l integrazione delle cure, attraverso la valutazione, la condivisione, la gestione dei percorsi diagnostici terapeutici omogenei ed integrati, si pone l obiettivo di promuovere l attuazione di programmi multidisciplinari nell ambito farmaceutico/farmacologico per garantire la miglior cura possibile

36 pag. 34 di 96 alla persona assistita mediante la sinergia di competenze clinico/assistenziali e tecnico/organizzative. Il DIFARC è uno strumento funzionale flessibile che risponde agli obiettivi delle Aziende Sanitarie coinvolte favorendo sia l appropriatezza, la sicurezza, la qualità e l efficienza delle prestazioni sanitarie che il mantenimento e lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze dei professionisti coinvolti. Il DIFARC si propone di contribuire a: migliorare le prestazioni diagnostico/terapeutiche e clinico/assistenziali con l integrazione delle professionalità facenti parte del Dipartimento; realizzare una migliore e più efficace assistenza sanitaria a livello di informazione, prevenzione, diagnosi e terapia, attraverso un razionale utilizzo delle risorse assegnate, la definizione di linee guida e protocolli terapeutici e la verifica delle prestazioni condivise; promuovere l'attività di ricerca e didattica, la formazione e l'aggiornamento professionale degli operatori sanitari. Il DIFARC individua competenze specifiche, professionalità, settori di attività da coinvolgere nel dipartimento attivando collaborazioni privilegiate, permanenti o estemporanee, con professionalità e strutture fortemente coinvolte nella problematica del bene sanitario; a tal proposito può richiedere la collaborazione di altre strutture esterne a quelle storicamente integrate nelle varie aziende, quali ad esempio l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e Dipartimenti Universitari, con modalità che saranno concordate con la Direzione Sanitaria delle Aziende Ospedaliere e di consolidare i rapporti collaborativi con l ASL Provincia di Bergamo. Il DIFARC promuove l uso razionale del bene farmaceutico-sanitario (farmaci e dispositivi medici) nell ottica della continuità assistenziale offrendo gli strumenti per il corretto trattamento terapeutico, la valutazione farmaceutica, farmacologica, farmacoeconomica e la farmaco e dispositivo vigilanza. Tale mission viene perseguita mediante le professionalità individuate e la sinergia delle competenze cliniche, di diagnosi e cura e di monitoraggio proprie delle esperienze ospedaliere e delle strutture esterne coinvolte. Vuole garantire la tracciabilità del farmaco e del dispositivo medico per singolo paziente, dalla prescrizione all allestimento e somministrazione/impiego, secondo appropriatezza e verificando interazioni del farmaco e del dispositivo nel rispetto di linee guida accreditate e di protocolli operativi condivisi. Articolazione organizzativa funzionale USC Farmacia Ospedaliera - Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Bergamo USD Farmacia Esterna - Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII - Bergamo USC Farmacia Ospedaliera - Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate USC Farmacia Ospedaliera - Azienda Ospedaliera Treviglio Il DIFARC si propone di: - individuare percorsi terapeutici innovativi volti alla appropriatezza prescrittiva e alla razionalizzazione e contenimento della spesa e la farmaco e dispositivo vigilanza, al fine di garantire la prestazione erogata alla persona assistita assicurandone la cura migliore nell ottica della continuità assistenziale ospedale-territorio. - garantire un informazione scientifica indipendente agli operatori sanitari e alle persone assistite relativamente al bene farmaceutico-sanitario per assicurare l appropriatezza prescrittiva anche nell ottica della razionalizzazione della spesa farmaceutica e garantire informazioni corrette sull uso dei farmaci e dei dispositivi medici. - ottimizzare la gestione del Farmaco e del Dispositivo Medico secondo logiche di efficacia, sicurezza, qualità, economicità ed equità.

37 pag. 35 di 96 - garantire la Formazione del personale sanitario e delle persone assistite al fine di migliorare il percorso del bene farmaceutico sanitario dalla prescrizione alla somministrazione/utilizzo nell ottica della razionalizzazione delle risorse e della continuità assitenziale ospedaleterritorio relativamente alla: corretta prescrizione, dispensazione e somministrazione del bene farmaceutico sanitario indirizzato al personale medico; corretta gestione, preparazione/somministrazione/utilizzo del bene farmaceutico sanitario indirizzato al personale infermieristico; farmacovigilanza/dispositivo vigilanza; programmi formativi specifici relativi alla tematica oncologica, nutrizionale, health tecnology assessment, rischio clinico, nuove metodiche. - promuovere la cultura della Farmaco/Dispositivo Vigilanza attraverso la sensibilizzazione e la formazione degli operatori sanitari relativamente alla normativa, alle basi teoriche, agli strumenti e alle modalità applicative delle segnalazioni spontanee. - proporre e aderire a progetti /protocolli di gestione innovativa del bene sanitario: Il Dipartimento funzionale interaziendale svolge un ruolo di coordinamento di funzioni e di attività specifiche svolte in Aziende diverse Dipartimento inter-provinciale Oncologico (DIPO) I D.I.P.O. sono stati istituiti dalla Regione Lombardia nel 1999 a supporto alla Rete Oncologica Lombarda (ROL) per promuovere l'integrazione a livello provinciale delle competenze professionali, delle strutture e delle risorse tecnologiche che operano in campo oncologico, per assicurare qualità ed efficienza nella prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione delle paziente con malattia oncologica. I D.I.P.O. svolgono un ruolo di collegamento e integrazione tra tutti i soggetti che si occupano di patologia oncologica nelle diverse province, secondo i principi della interdisciplinarietà orientata al paziente. Il Piano Oncologico della Regione Lombardia prevede 22 Dipartimenti Interaziendali Oncologici Provinciali. Mission: la promozione della collaborazione su obiettivi chiari e definiti di tutti i soggetti coinvolti nella gestione del paziente oncologico la condivisione delle risorse la condivisione delle conoscenze scientifiche garantire che il malato neoplastico riceva la terapia più appropriata. Tali obiettivi vengono raggiunti tramite: la definizione di percorsi clinico assistenziali e il migliore accesso alle prestazioni la promozione dell interdisciplinarietà nei processi diagnostici e terapeutici la sperimentazione di modelli organizzativi per migliorare l integrazione ospedale territorio la promozione della ricerca e della crescita professionale la valorizzazione del volontariato Il DIPO di Bergamo è stato istituito nel 1999 ed ha operato seguendo quanto in precedenza elencato. Fanno parte del DIPO di Bergamo i rappresentanti delle seguenti strutture: AO Papa Giovanni XXIII (USC Cure Palliative, USC Immunoematologia e Medicina Trasfusionale, USC Ematologia) AO Treviglio-Caravaggio

38 pag. 36 di 96 AO Bolognini Seriate (Ospedale Pesenti Fenaroli di Alzano Lombardo) ASL della provincia di Bergamo Humanitas Gavazzeni (Bergamo) Policlinico San Marco (Zingonia) Policlinico San Pietro (Ponte S. Pietro) Clinica Castelli (Bergamo) Casa di Cura San Francesco (Bergamo) Associazione Cure Palliative Onlus Dipartimento inter-aziendale Medicina Trasfusionale ed Ematologia della Provincia di Bergamo (DMTE). Il DMTE Bergamo, ai sensi della legge regionale dell 8 febbraio 2005, è struttura di coordinamento, indirizzo e organizzazione delle attività concernenti il sistema donazionetrasfusione, e la prevenzione, diagnosi e cura delle malattie del sangue, di cui all art. 5 della legge n 107/90. Il DMTE Bergamo comprende i SIMT di Bergamo, Seriate e Treviglio, ha sede presso l Azienda Ospedaliera di Bergamo e svolge le funzioni indicate all art. 7 della citata legge regionale per il seguente territorio di competenza e per le seguenti Aziende Sanitarie e Istituti di ricovero e cura: Azienda Ospedaliera papa Giovanni XXIII di Bergamo, Azienda Ospedaliera Bolognini Seriate, Azienda Ospedaliera Treviglio-Caravaggio, Cliniche Humanitas-Gavazzeni, Clinica Castelli, Casa di cura S. Francesco, Casa di cura Villa Sant Apollonia, Policlinico San Pietro, Policlinico San Marco, Istituto Beato Palazzolo. Il DMTE ha il compito di : Promuove l unificazione dei percorsi delle varie strutture, con particolare riferimento ai percorsi di qualità in conformità alle Linee Guida, ai protocolli e alle procedure adottate Verifica periodicamente gli obiettivi programmati e i risultati raggiunti Promuove attività innovative anche nell ambito della ricerca 7.4 Dipartimenti gestionali Anestesia e Rianimazione Il Dipartimento di Anestesia e Rianimazione svolge un ruolo cruciale nell ambito delle attività cliniche del Ospedale Papa Giovanni XXIII. Infatti fornisce un supporto continuo a tutte le diverse attività chirurgiche che vi si svolgono, alcune di estrema complessità e specializzazione (chirurgia dei trapianti, cardiochirurgia, trapianti di cuore). Il lavoro quotidiano degli anestesisti rianimatori, impegnati nelle sale operatorie e nei reparti di terapia intensiva, consente ai chirurghi di svolgere una notevole mole di interventi chirurgici in sicurezza e con le più moderne metodiche di anestesia e rianimazione post-operatoria. In molti casi l apporto dei rianimatori è essenziale nella conduzione di casi complessi, spesso provenienti da varie parti d Italia. Inoltre gli anestesisti rianimatori forniscono assistenza e supporto ai reparti e al Pronto soccorso nel trattamento delle emergenze, in particolare grazie all'attività del personale del 118, fornendo primo soccorso ai casi di arresto cardiaco e grave insufficienza respiratoria e seguendo il paziente attraverso il delicato percorso terapeutico (diagnostica, trasporto intra ed extraospedaliero). Parallelamente all'attività di supporto anestesiologico, il Dipartimento di Anestesia Rianimazione è impegnato nell'applicazione e nello sviluppo di tutte le più moderne tecnologie mediche, di cui questo ambito è particolarmente ricco, tra cui l'utilizzo delle tecniche di assistenza circolatoria e respiratoria extracorporea, l'utilizzo dell'ecografia per il monitoraggio cardiaco, il trattamento del politraumatizzato, l'esecuzione dei blocchi periferici, e molto altro.

39 pag. 37 di 96 Svolge inoltre attività didattica per alcune università lombarde, consentendo la frequenza di specializzandi del corso di specializzazione in anestesia e rianimazione Cardiovascolare Il Dipartimento Cardiovascolare dell Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo rappresenta, in ambito europeo, uno dei pochi modelli clinico-organizzativi in grado di diagnosticare e trattare tutte le patologie cardiovascolari, dalle cardiopatie congenite del neonato e del bambino alle patologie cardiovascolari complesse dell adulto, adottando le tecniche mediche, interventistiche e chirurgiche più moderne e attivando collaborazioni scientifiche a progetti di ricerca. Oltre alla cura dei pazienti il Dipartimento Cardiovascolare ha profuso enormi sforzi negli ultimi anni nella ricerca clinica e sperimentale e nel campo della solidarietà internazionale nei paesi in via di sviluppo, inglobando questa attività nella mission Dipartimentale. Tutte le strutture afferenti al Dipartimento si confrontano costantemente con la comunità scientifica attivando il trasferimento di conoscenze nei paesi in via di sviluppo essendo sede dell International Heart School che opera nel settore da circa 20 anni con lo scopo di : formare medici stranieri provenienti da tutti i Paesi in sviluppo o da Paesi di recente o prossima associazione alla Unione Europea, nei differenti settori delle discipline cardiovascolari (Cardiochirurgia, Cardiologia, Anestesia e Terapia Intensiva); contribuire a creare, in questi Paesi, uno staff di medici specializzati nelle varie discipline in campo cardiovascolare che possano assumere, nell arco di breve tempo, ruoli di responsabilità nell ambito delle strutture sanitarie del Paese. aumentare i livelli assistenziali, sia da un punto di vista qualitativo che quantitativo, per le malattie cardiovascolari in questi Paesi. Promuovere continuamente la Solidarietà e l opportunità di scambi culturali e scientifici tra medici, ricercatori, infermieri durante missioni, sia pediatriche che per adulti, in paesi emergenti, paesi originari di studenti/ex-studenti dell IHS Chirurgico Il Dipartimento di Chirurgia dell Ospedale Papa Giovanni XXIII fornisce ai pazienti prestazioni chirurgiche integrate di alto livello, in collaborazione con altre discipline come la Gastroenterologia, la Pneumologia, l Oncologia Medica, l Anatomia Patologica, l Anestesia e Rianimazione e la Radiologia diagnostica e operativa. I punti di eccellenza sono gli ambiti trapiantologico, oncologico avanzato e di emergenza/urgenza soprattutto trapiantologica. La prestazione chirurgica è inserita in un percorso multidisciplinare che coinvolge anche altre discipline e che viene modellato in funzione delle esigenze cliniche specifiche del paziente. La costruzione dei processi di cura, costantemente aggiornati, è ispirata al principio di centralità del paziente e si fonda sempre sulla migliore evidenza scientifica disponibile. L elevata complessità della casistica trattata e un forte impegno da parte degli operatori consentono e stimolano una costante attività di ricerca, soprattutto clinica, nell ambito delle terapie innovative, in partcolar modo rispetto ai trapianti d organo, all oncologia avanzata e nel campo dell emergenza/urgenza Diagnostica per immagini Il dipartimento è costituito da quattro Unità Strutturali Complesse: Fisica Sanitaria, Medicina Nucleare, Neuroradiologia, Radiologia, e da un Unità Semplice Dipartimentale USSD Radiologia interventistica. Le differenti unità operative mantengono la loro autonomia, indipendenza e responsabilità, riconoscendo nel contempo la loro interdipendenza, adottando di conseguenza codici

40 pag. 38 di 96 concordati di comportamenti clinico-assistenziali, didattici e di ricerca, e sequenze operative condivise (processo produttivo). Il dipartimento rappresenta un punto nodale di numerosissimi processi produttivi aziendali, perciò il suo funzionamento è in grado di condizionare il raggiungimento di molti obiettivi aziendali. Infatti i compiti della diagnostica radiologica (Radiologia e Neuroradiologia), unitamente alla Medicina Nucleare e con il supporto della Fisica Sanitaria, comprendono oggi numerose e diversificate prestazioni sia diagnostiche, sia terapeutiche, la cui qualità è ovviamente dipendente dalla quantità e dalla qualità del personale dei vari ruoli, dalle risorse in apparecchiature di elevata tecnologia, dagli investimenti nella stessa evoluzione tecnologica, dalla quantità e qualità di sviluppo dei sistemi informativi. L armonizzazione delle funzioni clinico-diagnostiche all interno del dipartimento deve consentire la fluidificazione dei processi produttivi globali dell'azienda, non solo nei termini della qualità del servizio offerto al paziente e al medico referente, ma anche ottimizzando i costi secondo il criterio dell'efficienza (in generale tanto più i processi sono standardizzabili, tanto minore è il loro costo). Fondamentali all interno del dipartimento sono considerate finalità quali implicano la formazione e l'aggiornamento, la didattica, la ricerca, l'educazione e l'informazione sanitaria, oltreché la promozione di iniziative finalizzate all'umanizzazione dei rapporti degli operatori della struttura sanitaria con gli assistiti e i loro familiari. Tra gli obiettivi strategici e generali del dipartimento verranno quindi riconosciuti anche la corresponsabilizzazione di tutti gli operatori sanitari di ogni livello sul piano professionale, in relazione alle rispettive mansioni o funzioni, l'aggiornamento e il perfezionamento professionale ai fini di un assistenza sanitaria sempre più qualificata, l'incremento della ricerca, la valutazione e verifica della qualità dell'assistenza fornita. L attività globale del dipartimento pone anche attenzione ai processi sanitari che avvengono nel territorio. Infatti lo stesso paziente passa attraverso gli uni e gli altri in rapporto alle sue necessità e al suo stato di salute. I ricoveri ordinari ospedalieri (ove vengono concentrati i processi di terapia del malato "acuto") possono essere resi appropriati e puntuali, riducendo i costi della ospedalizzazione, solo razionalizzando e in qualche modo unificando i processi diagnostico-terapeutici in cui è coinvolta la diagnostica per immagini, adattandoli alle esigenze del paziente non ospedalizzato e a quelli del medico di medicina generale, non trascurando inoltre il ruolo che può svolgere la diagnostica per immagini in nuove aree di servizio assistenziale quale la prevenzione e la diagnosi precoce prima del ricovero e la riabilitazione e l'assistenza domiciliare dopo il ricovero in ospedale Emergenza-Urgenza Il Dipartimento ha come mission il miglioramento dello stato di salute dell'utenza con patologie di area ortopedico traumatologica, chirurgica e inerenti alle cure alla patologia della persona in condizioni di urgenza attraverso l'erogazione di prestazioni sanitarie e assistenziali, di base e di alta complessità rispettando gli aspetti di accessibilità, tempestività e la continuità degli interventi assistenziali, i livelli e le modalità di erogazione delle prestazioni nell'ottica del governo clinico. Obiettivi del Dipartimento sono l'integrazione nell'attività assistenziale, didattica e di ricerca che si realizza mediante la pianificazione di attività realmente funzionali a quella di integrazione, tra assistenza didattica e ricerca. L'attività di ricerca deve essere finalizzata all applicazione clinica. Il miglioramento dell'efficienza organizzativa è ottenuta tramite l'integrazione delle attività, delle strutture e l'adozione di un metodo di lavoro interdisciplinare. La predisposizione di linee guida aventi lo scopo di definire i livelli qualitativi e quantitativi delle prestazioni tramite l'ottimizzazione della gestione del personale, la gestione e l'utilizzo comune di spazi, attrezzature e tecnologie.

41 pag. 39 di 96 Il miglioramento della qualità del servizio coerentemente con le linee stabilite dall'azienda quali: appropriatezza delle prestazioni, umanizzazione, riduzione delle lista d'attesa, qualità percepita dall'utente rappresenta un ulteriore obiettivo del dipartimento. Una stretta cooperazione con altre discipline, in particolare la Chirurgia plastica ricostruttiva, la chirurgia maxillofacciale, la neurochirurgia ed il Dipartimento di Anestesia e Rianimazione garantisce un trattamento ottimale. L alto numero di pazienti con traumi multipli trattati si riflette nella attività clinica ed in alcuni indirizzi di ricerca. L attività clinica in emergenza è svolta utilizzando strutture e risorse dedicate quali un gruppo professionale di assistenza al Trauma (Trauma Team) che agisce in un ambiente dedicato (Shock Room) e ha a dsiposizione una sala operatoria h 24 con il supporto continuo delle Unità di Anestesia e Rianimazione Materno infantile e pediatrico Il Dipartimento Materno-Infantile e Pediatrico è un articolazione organizzativa che raggruppa un insieme di strutture semplici e complesse di particolare specificità che si occupano della tutela della salute della donna, della tutela della maternità e della paternità, della tutela della salute dei bambini e degli adolescenti. L insieme di queste attività richiede una programmazione ed un coordinamento unitari. Mission del Dipartimento è fornire servizi completi e di qualità per la salute della donna e del bambino, tenendo anche conto degli aspetti culturali, etici e sociali di una società multietnica. In particolare la tutela della salute femminile e del bambino passa attraverso: - l assistenza alla famiglia nel desiderio di procreazione, che può contare sulla disponibilità dei migliori strumenti tecnico-professionali; - la professionalità nel percorso di preparazione ed assistenza al parto, con programmi che accompagnano le mamme in attesa dall inizio della gravidanza fino ai primi mesi di vita del bambino; - l assistenza e la cura durante e dopo la dimissione dei neonati patologici che hanno bisogno di vari livelli di terapia (compresa l assistenza pre e post operatoria al neonato chirurgico); - percorsi di prevenzione e cura medico-chirurgica e riabilitativa specializzata che accompagnano tutti i bambini dalla nascita fino al termine dell età evolutiva; - l attenzione agli aspetti di umanizzazione durante la permanenza in ospedale in modo da favorire il rapporto tra il bambino e la sua famiglia; - l approccio multi-professionale, integrando le diverse competenze mediche, neuropsichiatriche e chirurgiche specializzate per l età infantile, garantisce un assistenza globale; - l integrazione con le strutture territoriali; - la garanzia di un efficace servizio di emergenza-urgenza ostetrico-ginecologica e pediatrica 24 ore su 24 con integrazione tra le diverse strutture ospedaliere. Presso il Dipartimento è inoltre attivo da tempo un programma di trapianto pediatrico che ha acquisito il prestigio di primo centro nazionale in termini di numerosità di trapianti effettuati (oltre 500 trapianti di fegato effettuati e centro pioniere per quanto concerne i trapianti di intestino e multi-viscerale pediatrico, una decina quelli effettuati fino ad oggi) ed esperienza del team medico-infermieristico Medicina Il Dipartimento di Medicina è costituito da insieme di strutture semplici e complesse di particolare specificità che includono tutte le specializzazioni internistiche dell Azienda

42 pag. 40 di 96 Ospedaliera. Gli obiettivi del Dipartimento si concretizzano in un forte impegno a garantire i migliori livelli di assistenza nel campo della Medicina Interna, generale e specialistica, coniugando questo impegno con la ricerca clinica e la didattica. Il Dipartimento inoltre è l ambito in cui vengono discusse collegialmente le soluzioni organizzative e di indirizzo nell impiego delle risorse nel momento fondamentale della contrattazione di budget. Nell ambito del Dipartimento, le unità trovano un terreno comune per collaborazioni cliniche e scientifiche e uno spazio per momenti formativi di approfondimento a gruppi di lavoro su temi di comune interesse Medicina di laboratorio Il Dipartimento di Medicina di laboratorio (DML) fornisce informazioni clinicamente utili al fine di orientare al meglio la diagnosi, prognosi e monitoraggio dello stato di salute e/o malattia dei pazienti; svolge la propria attività attraverso l analisi di campioni costituiti da liquidi biologici e tessutali di origine umana all interno di un Sistema di Gestione della Qualità conforme alla norma UNI EN ISO 9001:2008. Il DML si articola sulle seguenti Unità Strutturali rispondenti ai requisiti costitutivi dei Servizi di Medicina di Laboratorio ed attività di prelievo : USC SMeL specializzato in Anatomia patologica USC SMeL specializzato in Microbiologia e Virologia USC SMeL generale di base - Analisi Chimico-Cliniche USD Centro Unico Prelievo USD Controllo Infezioni Ospedaliere USD SMeL specializzato in Citogenetica e Genetica Medica USD Banca Biologica L attività dipartimentale è codificata in un Regolamento di Dipartimento che disciplina la programmazione di incontri tra i Direttori di Unità ed il responsabile del Comparto e un Comitato di Dipartimento al fine di pianificare, coordinare ed aggiornare l attività del DML sulla base della strategia aziendale Neuroscienze Il Dipartimento è costituito da insieme di strutture semplici e complesse di particolare specificità che includono tutte le aree delle specializzazioni. Gli obiettivi perseguiti dal dipartimento sono i seguenti: L integrazione tra le varie componenti del dipartimento, inclusa quella infermieristica Miglioramento nella gestione della patologia oncologica e dell emergenza, L inizio di una organizzazione in rete per la gestione dell emergenza neurologica e neurochirurgica; Il proseguimento dell attività didattica nei confronti degli specializzandi nelle singole discipline. Il Dipartimento è impegnato in progetti di ricerca clinica in attività didattica a livello nazionale ed europeo per la formazione dei giovani neurochirurghi sin dai primi anni di specializzazione con un progetto didattico riguardante le craniotomie su modelli di plastica. Il Dipartimento è in contatto con numerose istituzioni italiane e straniere d eccellenza: Oncologia ed ematologia Il Dipartimento di Oncologia ed Ematologia ha tra i suoi più importanti obiettivi: garantire piani di continuità assistenziale e terapeutica, in una logica di attenzione al paziente nella sua globalità non solo nella fase terminale della malattia;

43 pag. 41 di 96 realizzazione di un piano di formazione del personale e promozione di eventi formativi; promozione della ricerca scientifica in ambito clinico e di laboratorio; valorizzazione della presenza delle forme di volontariato mediante azioni di formazione e condivisione; condivisione di procedure comuni per la formazione ed inserimento del personale infermieristico neo assunto; verifica di una corretta comunicazione tra reparti e Farmacia per la predisposizione dei farmaci chemioterapici Salute mentale I Dipartimenti di Salute Mentale sono l articolazione voluta dalla Regione Lombardia all interno delle Aziende Ospedaliere, per farsi carico della cura dei disturbi psichici, ma soprattutto della promozione della salute mentale. Sono stabilmente in rapporto con uno specifico territorio di riferimento, dal quale provengono i pazienti in cura. Questo garantisce il principio della continuità terapeutica, cioè la possibilità di essere seguito stabilmente dagli stessi professionisti. Dal punto di vista dell impegno istituzionale, questo consente un rapporto stabile, coerente e reciproco con le istituzioni e gli enti pubblici territoriali, per realizzare quella che viene oggi chiamata psichiatria di comunità. Il DSM del Papa Giovanni XXIII comprende due strutture complesse di psichiatria, e si prende carico integralmente dei pazienti residenti in Bergamo e nei numerosi comuni limitrofi. Caratteristiche peculiari dell impegno nei confronti dei pazienti sono: 1. l attenzione al lavoro d équipe, con il coinvolgimento appropriato di tutti i professionisti necessari, 2. essere l erogazione di interventi anche psicoterapeutici, secondo diversi orientamenti e scuole, ponendosi tra le strutture pubbliche lombarde più attive in tal senso 3. il legame con il territorio, attraverso la collaborazione con il privato sociale, con il volontariato e con le istituzioni, e attraverso la partecipazione a progetti clinico scientifici innovativi (come Lavoro&Psiche, dedicato agli inserimenti lavorativi dei pazienti con problemi psichiatrici). Il DSM si è assunto alcuni impegni non convenzionali e fortemente innovativi: il riconoscimento e la presa in carico precoce dei disturbi dell umore in adolescenza, in una dimensione fortemente integrata con tutte le agenzie del territorio; l approfondimento, sul piano clinico e terapeutico, oltre che gestionale, delle specificità poste dal disagio psichico dei pazienti migranti; la costruzione di specifici percorsi di integrazione territoriale attraverso lo strumento del case manager, rispetto al quale il DSM ha anche promosso ed attuato, con l Università di Milano-Bicocca, un Master di primo livello; la promozione e non solo la cura della salute mentale, attraverso la promozione di specifici progetti di ricerca e di lavoro contro lo stigma per individuare nuove e più efficaci strategie di comunicazione, in particolar modo rivolte ai più giovani e con il supporto delle istituzioni scolastiche, e per riorganizzare secondo gli innovativi principi dell intensità di cura l assistenza all interno dei reparti ospedalieri; la promozione e tutela della salute mentale in carcere, così come il supporto, per quanto necessario, a pazienti disabili psichici con una eventuale sovrapposizione di problematiche psichiatriche; rapporto articolato su molteplici livelli con le Associazioni dei familiari.

44 pag. 42 di Dipartimenti Area Tecnico-Amministrativa I Dipartimenti dell area tecnica Amministrativa, seguendo la linea di programmazione aziendale, contribuiscono al perseguimento delle qualità e dell efficienza dei processi amministrativi attraverso l adozione di modalità organizzative improntate all innovazione. I principi generali su cui i Dipartimenti dell area tecnica Amministrativa costruiscono la loro articolazione e azione sono: il decentramento delle responsabilità gestionali e la graduazione delle funzioni dirigenziali, al fine di conseguire gli obiettivi generali e specifici concordati con la Direzione Generale; l integrazione delle competenze e delle professionalità attraverso la sperimentazione di progetti specifici contenenti nuove soluzioni organizzative; l introduzione di elementi di innovazione tecnologica e strutturale, dominati dalla flessibilità e disponibilità al cambiamento; la costituzione di gruppi multidisciplinari per la realizzazione di progetti-obiettivo, con attribuzione di compiti predefiniti di carattere organizzativo, gestionale, di studio e di ricerca. I Dipartimenti previsti dal piano organizzativo della nostra Azienda Ospedaliera sono: Dipartimento Amministrativo II Dipartimento Amministrativo è la struttura identificata per concorrere al raggiungimento degli obiettivi delle aree amministrative con funzione di coordinamento dell'attività, oltre che strumento di condivisione ed integrazione di know-how. Trattasi di dipartimento gestionale volto all'individuazione di linee guida per l'ottimizzazione dell'attività e per l'omogeneizzazione dei procedimenti amministrativi. In particolare, il dipartimento amministrativo ha il compito di : - definire la regolamentazione delle procedure operative, curandone l'integrazione perché siano utilizzabili contestualmente da più UU.OO.; - sviluppare e attivare progetti o procedure trasversali da attuarsi per il raggiungimento di specifici risultati, che possono essere gestiti da équipe composte dalle diverse unità operative di area amministrativa; - promuovere azioni di monitoraggio della rispondenza delle decisioni e delle attività delle unità amministrative agli indirizzi generali di programmazione e alle disposizioni della Direzione Aziendale, nel rispetto delle competenze attribuite o delegate agli altri livelli dirigenziali; - rilevare il fabbisogno formativo degli operatori e dei dirigenti afferenti alle unità operative; - attuare il rispetto e l'attuazione della normativa regionale e nazionale; - verificare il raggiungimento degli obiettivi perseguiti con l'organizzazione dipartimentale ed in particolare il razionale utilizzo delle risorse umane, tecnologiche e dei materiali di consumo; - attuare la gestione operativa del budget assegnato al Dipartimento. Garantisce inoltre un'attività continua di analisi e valutazione dei percorsi amministrativi e delle relative performance, al fine di ridurre il carico burocratico nei confronti dei cittadini e degli operatori e aumentare l'efficienza del servizio sanitario offerto Dipartimento Servizi & Tecnologie II Dipartimento Servizi e Tecnologie è la struttura identificata per concorrere alla Mission Aziendale mediante il raggiungimento degli obiettivi delle aree tecniche e di supporto alle attività sanitarie con funzione di coordinamento dell'attività, oltre che strumento di condivisione ed integrazione di know-how. Trattasi di dipartimento gestionale volto all'individuazione di linee guida per l'ottimizzazione dell'attività di supporto e servizio alle UU.OO. Sanitarie ed amministrative, di gestione delle

45 pag. 43 di 96 concessioni, della cura e valorizzazione dei beni patrimoniali di tutta l Azienda, d implementazione, sviluppo e innovazione dei servizi informatici. In particolare, il dipartimento servizi & tecnologie ha il compito di : - definire la regolamentazione delle procedure operative, curandone l'integrazione perché siano utilizzabili contestualmente da più UU.OO.; - sviluppare e attivare progetti o procedure trasversali da attuarsi per il raggiungimento di specifici risultati, che possono essere gestiti da équipe composte dalle diverse unità operative di area tecnica e dei servizi; - promuovere azioni di monitoraggio della rispondenza della decisioni e delle attività delle unità tecniche e amministrative agli indirizzi generali di programmazione e alle disposizioni della Direzione Aziendale, nel rispetto delle competenze attribuite o delegate agli altri livelli dirigenziali; - rilevare il fabbisogno formativo degli operatori e dei dirigenti afferenti alle unità operative; - implementare il rispetto e l'attuazione della normativa regionale e nazionale; - verificare il raggiungimento degli obiettivi perseguiti con l'organizzazione dipartimentale ed in particolare il razionale utilizzo delle risorse umane, tecnologiche e dei materiali di consumo; - attuare la gestione operativa del budget assegnato al Dipartimento. Garantisce inoltre un'attività continua di analisi e valutazione dei bisogni sanitari allo scopo di assicurare l implementazione e garantire l efficienza delle nuove tecnologie. Assicura il puntuale approvvigionamento di farmaci e presidi sanitari allo scopo di aumentare l'efficacia del servizio sanitario offerto. 7.6 Strutture complesse e semplici Le Strutture Complesse (USC) sono costituite da un insieme di attività individuabili dall'omogeneità delle prestazioni, delle competenze e dei servizi erogati. La loro costituzione presuppone l individuazione di fattori di complessità in relazione ai quali si determina la graduazione delle strutture. I fattori di complessità, oggettivamente dimostrabili, sono: strategicità rispetto alla mission aziendale; complessità e specializzazione delle materie o delle patologie trattate; complessità del sistema di relazioni intra ed extra aziendale; interdisciplinarietà; servizi sul territorio livello di autonomia e responsabilità; rilevanza economica ed autonomia delle risorse gestite. Sono strutture complesse anche quei servizi aziendali, di forte rilevanza strategica, dotati di autonomia gestionale e/o tecnico professionale. Per strutture semplici s'intendono articolazioni di Strutture Complesse (USS), di Dipartimento (USSD) o in staff alla Direzione Aziendale (USSD), individuate come un insieme di attività che richiedono una programmazione e gestione unitaria dettata da criteri dì efficienza ed efficacia. Le strutture semplici a valenza dipartimentale o in staff alla Direzione Aziendale godono di autonomia gestionale e finanziaria. I criteri di identificazione per ciascuna delle tipologie sono: le USS, articolazioni di Strutture Complesse, rispondono all esigenza di suddividere dal punto di vista organizzativo la complessità di alcune Strutture Complesse; sono quindi a tutti gli effetti settori presidiati da un dirigente responsabile delle risorse assegnate, dell attività clinico assistenziale o amministrativa e di ricerca e del raggiungimento degli obiettivi assegnati direttamente dal Direttore della USC

46 pag. 44 di 96 le USSD, articolazioni di Dipartimento, devono possedere i requisiti di cui sopra oltre ad un grado di autonomia del responsabile particolarmente elevato e non riconducibile all interno di una Struttura Complessa. Queste Strutture Semplici afferiscono direttamente al Direttore di Dipartimento e negoziano annualmente in ambito dipartimentale con la Direzione le risorse e gli obiettivi. le USSD e USS IN STAFF hanno la caratteristica di riguardare funzioni tipicamente coordinate dalla Direzione Generale o Sanitaria; esprimono un elevato contenuto professionale e rispondono al mandato di svolgere la loro attività funzionalmente e trasversalmente su tutte le Strutture Aziendali. 8 I MECCANISMI DI DELEGA Il conferimento delle deleghe si basa su criteri che identificano nei dirigenti la responsabilità nella fase di attuazione delle politiche gestionali dell azienda ospedaliera. Il Direttore Generale ha responsabilità di indirizzo generale e di controllo e si avvale per la gestione dell azienda del Direttore Amministrativo e del Direttore Sanitario e dei dirigenti per le specifiche competenze individuate in questo piano o in appositi regolamenti. Al fine di favorire il processo di integrazione delle attività, le deleghe possono essere definite in base a specifici contenuti di responsabilità evidenziati dal piano di organizzazione e dai relativi regolamenti. 9 L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI Tutti gli incarichi, sia gestionali che professionali nonché di responsabile di posizione organizzativa, sono attribuiti nel rispetto di quanto previsto dalla vigente normativa dal CCNL e dall accordo aziendale. Gli incarichi gestionali previsti sono quelli di Direzione di: Dipartimento Struttura Complessa Struttura Semplice Gli incarichi di eccellenza previsti sono di tre tipologie: Incarichi di Alta Specializzazione Incarichi Professionali: - affidati a dirigenti con anzianità inferiore ai 5 anni. - affidati a dirigenti con anzianità superiore ai 5 anni Tutti gli incarichi devono essere attribuiti con provvedimento motivato. 10 I SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE 10.1 Il piano e gli indirizzi strategici Periodicamente è definito, sentite le OO.SS., un piano strategico aziendale che ha lo scopo di individuare gli obiettivi a medio termine soprattutto in funzione dell implementazione delle attività presso il nuovo ospedale. In particolare il piano deve contenere: gli obiettivi strategici;

47 pag. 45 di 96 il quadro delle risorse necessarie e disponibili; le priorità aziendali anche in funzione dell implementazione delle attività del nuovo ospedale il coerente piano di sviluppo delle professionalità i sistemi di valutazione delle performance Il piano strategico è adottato dal Direttore Generale, secondo quanto stabilito dalle Direttive regionali e identifica le linee guida per la realizzazione del budget annuale La programmazione annuale: il sistema di budget e Controllo di Gestione Il budget rappresenta la modalità attraverso cui realizzare la programmazione delle attività e l allocazione delle risorse annuali. Per ciascuna Struttura e per ciascun Dipartimento gestionale sono individuati gli obiettivi da perseguire, le risorse destinate, le principali azioni da percorre, le politiche da realizzare. E affidata dal responsabile ad ogni specifico dirigente la responsabilità del raggiungimento degli obiettivi espressi. I dirigenti preposti alle articolazioni organizzative sono responsabili del perseguimento degli obiettivi assegnati. Il modello aziendale si sviluppa secondo il seguente percorso: la Direzione Aziendale identifica (sulla base degli obiettivi determinati dalla Regione, dal piano strategico, dalle specificità organizzative, dalla disponibilità di risorse, dalle emergenze ed urgenze), i criteri necessari alla realizzazione della proposta di budget da parte delle varie articolazioni organizzative. i Dipartimenti Gestionali, le Strutture Complesse, le Strutture Semplici in staff o dipartimentali predispongono una proposta di piano di attività annuale. la Direzione Aziendale definisce gli obiettivi di ciascuna articolazione organizzativa attraverso un processo di confronto e approfondimento secondo il metodo della contrattazione. L insieme dei budget delle articolazioni aziendali costituisce il budget aziendale Il sistema di reporting dei costi e delle attività costituisce sistema informativo indispensabile per tutta la dirigenza aziendale. Il sistema di Budget è gestito dalla USS di Controllo di Gestione che è dotata di competenze gestionali, organizzative ed economico-finanziarie finalizzate a supportare la Direzione Aziendale e i Direttori di Struttura nel perseguire gli obiettivi aziendali attraverso la predisposizione e l utilizzo degli strumenti gestionali più opportuni. Le principali attività della USS Controllo di Gestione consistono nella predisposizione della reportistica periodica Direzionale e di Struttura, riferita ai principali paramenti aziendali, con particolare riferimento agli obiettivi di budget; al coordinamento del processo di budget, inclusa la predisposizione di proposte relative ad azioni correttive. Si occupa della corretta tenuta della contabilità analitica al fine di provvedere alla rilevazione di costi, ricavi e risultati per tutte le articolazioni organizzative dell azienda; della gestione del piano dei centri di costo, nonché della verifica della coerenza tra lo stesso e la struttura organizzativa aziendale definita dal POA. Gestisce inoltre i dati di Contabilità Analitica destinati ad alimentare i flussi istituzionali verso la Regione Lombardia, supporta la funzione di auditing interno mediante la predisposizione dei report per la Direzione Aziendale in collaborazione con la Direzione Medica di Presidio, il Dipartimento di Farmacologia Clinica, l USC Amministrazione, Finanza e Controllo e l USC Approvvigionamenti. Predispone e gestisce il Nomenclatore Aziendale. La USS opera in completa autonomia gestionale ed in stretto coordinamento con altre strutture aziendali ed in particolare con La Direzione Medica di Presidio, la Direzione delle Professioni Sanitarie, la USC Farmacia, la USC Approvvigionamenti, la USC Amministrazione, Finanza e Controllo.

48 pag. 46 di LA CONTABILITÀ, GLI ACQUISTI E I CONTRATTI 11.1 La contabilità economica La contabilità economico patrimoniale ha lo scopo di determinare il risultato di esercizio e il correlato capitale di funzionamento, nonché di fornire tutte le informazioni utili per la gestione economica dell azienda. L Azienda Ospedaliera di Bergamo adotta questo sistema contabile in base alla normativa nazionale e regionale vigente, nonché in relazione alle specifiche direttive regionali, conformi ai principi del codice civile ed ai principi contabili nazionali e comunitari. La contabilità generale rileva e registra i fatti esterni di gestione, con il metodo della partita doppia, le scritture di assestamento e di rettifica e si conclude con le scritture di chiusura ed il bilancio di verifica. Per il monitoraggio ed il controllo concomitante della spesa sanitaria, la contabilità generale viene chiusa virtualmente ogni tre mesi con la redazione dei documenti contabili richiesti dalla Regione per adempiere a quanto richiesto dai Ministeri interessati. Nel conto economico del rendiconto trimestrale sono indicati tutti i costi e i ricavi di competenza del periodo, con proiezione alla chiusura dell esercizio. La Struttura Amministrazione, Finanza e Controllo, tramite le USS Bilancio e Rendicontazione e Economico Finanziario, cura tutti i processi di acquisizione, di classificazione e di gestione delle risorse finanziarie dell Azienda, di qualsiasi natura e provenienza, nel rispetto delle norme statali, regionali e regolamentari disciplinanti la materia e delle competenze ed attribuzioni degli altri Servizi Amministrativi dell Azienda Il bilancio L Azienda annualmente redige un bilancio preventivo ed un consuntivo. Il bilancio preventivo ha lo scopo di prevedere, programmare, autorizzare e controllare i costi ed i ricavi. Lo schema di bilancio è quello indicato dalle direttive regionali e si compone dello Stato Patrimoniale, del Conto Economico e della Nota integrativa, documenti redatti ai sensi delle disposizioni vigenti su schemi e modulistica predisposti dalla Regione Lombardia. Tutti i documenti contabili, ivi compresi i bilanci, sono verificati dal Collegio Sindacale. I bilanci sono accompagnati da una circostanziata Relazione sulla gestione del Direttore Generale e del Collegio Sindacale. Il bilancio d esercizio (o consuntivo): Fornisce tutte le informazioni utili alla direzione strategica, alla Regione, ai dipendenti, agli operatori economici in contatto con l Azienda; Rispetta i seguenti postulati: completezza, prevalenza degli aspetti sostanziali ed economici rispetto a quelli formali, chiarezza, neutralità, prudenza, periodicità, comparabilità dei dati fra le Aziende del S.S.R. e nell ambito della stessa azienda tra un anno e l altro. Nella relazione sulla gestione vengono forniti elementi utili alla sua intelligibilità in aggiunta a quanto scritto nella nota integrativa ovvero l andamento della gestione, la situazione aziendale, il contesto in cui opera, i piani operativi che l azienda intende sviluppare, i rapporti con le altre Aziende pubbliche o private operanti nel SSR La contabilità analitica L Azienda adotta la contabilità analitica allo scopo di rilevare costi, rendimenti e risultati per centro di costo, nonché per verificare costantemente il livello di realizzazione degli obiettivi di budget.

49 pag. 47 di 96 La contabilità analitica produce report periodici a cadenza mensile o trimestrale con la rilevazione di costi, ricavi e risultati per tutte le articolazioni organizzative dell Azienda Il patrimonio e il finanziamento L Azienda, per il conseguimento dei propri obiettivi e dei propri fini istituzionali utilizza il proprio patrimonio che è costituito da tutti i beni mobili ed immobili ad essa appartenenti come risultanti a libro cespiti, nonché da tutte le condizioni materiali e immateriali impiegate nei processi di produzione tecnica e di produzione dei servizi Gli acquisti La funzione acquisti è garantita in modo unitario per tutta l Azienda dalla struttura Approvvigionamenti. La funzione acquisti è svolta utilizzando tutte le tecnologie che possono promuovere una economicità e un incremento di servizio nei confronti di tutti gli utilizzatori dei beni e servizi. In virtù della DGR n. 8/3776 del , l USC Approvvigionamenti dispone di un organizzazione strutturale con al centro il RUP (Responsabile Unico del Procedimento, individuato nel Dirigente Responsabile dell USC Approvvigionamenti) e attorno una serie di ambiti di responsabilità suddivisi per competenze e grado di autonomia. L Azienda aderisce ai progetti: osservatorio acquisti regionali e osservatorio regionale prezzi e tecnologie, impegnandosi a fornire, alla scadenza determinata e con le modalità previste, i dati relativi ai propri acquisti I contratti L attività contrattuale per l acquisizione di beni e servizi è organizzata nel rispetto dei criteri di trasparenza, economicità dell attività amministrativa, concorrenza e par condicio dei concorrenti e seguendo le procedure previste dal Nuovo Codice dei contratti entrato in vigore il 1 luglio 2006 L. 163/2006. Le modalità specifiche e dell attività contrattuale sono disciplinate da uno specifico regolamento. 12 IL PERSONALE Le risorse umane, se da un lato assorbono una significativa entità di risorse finanziarie, dall altro rappresentano un importante elemento qualificante delle strutture e della qualità delle prestazioni per la rilevanza della professionalità da esprimere e della delicatezza e centralità del rapporto con l utenza. La gestione del personale rappresenta per l Azienda Ospedaliera di Bergamo la leva gestionale di maggiore importanza per tutti i processi di miglioramento della qualità del servizio. Per questo motivo le persone rappresentano il fattore critico di successo per un azienda che eroga servizi. La funzione personale dell Azienda Ospedaliera di Bergamo focalizza il proprio modello di gestione sugli elementi che ruotano attorno ai valori della qualità del servizio, dell orientamento al risultato, dell efficacia, dell efficienza e del senso di appartenenza all organizzazione, abbandonando tutti i retaggi dell approccio burocratico. Sono quindi rilevanti gli investimenti in procedure, strumenti, e cultura orientati a supportare l azienda e i suoi operatori nello sviluppo di nuove modalità di gestione, cogliendo le opportunità a tal fine offerte dai CC.CC.LL e ponendo la dovuta attenzione al monitoraggio del clima aziendale. La crescita dell Azienda si ottiene attraverso la professionalità degli operatori e dell ambiente di lavoro a vantaggio del paziente.

50 pag. 48 di La programmazione e il reclutamento La selezione del personale nell Azienda Ospedaliera di Bergamo è volta a mantenere e sviluppare il patrimonio aziendale di risorse umane, in termini quantitativi e qualitativi, ottimizzando funzionalmente la dotazione complessiva e rispettando i valori aziendali. Oltre a rappresentare la modalità di acquisizione di nuove risorse umane è anche momento importante per costruire l immagine dell Azienda sul mercato; è proprio attraverso la qualità dei propri operatori che l Azienda Ospedaliera riesce ad essere performante sia in termini clinico assistenziali che di qualità percepita dagli utenti. La selezione quindi diventa un momento essenziale e delicato per la scelta delle qualità individuali che siano poste al servizio della migliore utilizzazione possibile al fine di sinergizzare i comportamenti e favorire quindi uno sviluppo armonico di tutta l attività dell azienda. Il processo di selezione aziendale persegue, nel rispetto della vigente normativa in materia, l obiettivo di scegliere gli individui che possiedono le qualità e caratteristiche più idonee al livello di attività e dei compiti da svolgere, con soddisfazione reciproca La valutazione e il sistema premiante La valutazione delle risorse professionali dell Azienda Ospedaliera di Bergamo rappresenta un processo molto importante e di grande valore. Si tratta di uno strumento molto articolato e problematico poiché riguarda le persone. Valutare nelle organizzazioni significa dare valore, apprezzare comportamenti organizzativi e capacità tecniche - professionali, finalizzati a un risultato in un ottica di sviluppo. Nel valutare le attività di un dirigente o di un operatore del comparto, la valutazione è rappresentata da un "apprezzamento" delle prestazioni e dei risultati8 dei singoli all'interno del più ampio sistema organizzativo (unità operative o centri di costo per il controllo di gestione) e del rapporto tra risultati attesi e risultati effettivi. Il sistema di valutazione dell Azienda Ospedaliera di Bergamo basa le proprie attività sul piano triennale delle performance di cui all art.10 del D.lvo 150/2009 e fa riferimento ai seguenti principi: aumentare il livello di responsabilizzazione e promuovere l autonomia dirigenziale; orientare i comportamenti verso gli aspetti ritenuti più critici dall organizzazione; retribuire equamente; assegnare gli incarichi; favorire l identificazione con l Azienda; orientare verso obiettivi predefiniti; riorientare i ruoli; sostenere i processi di cambiamento; favorire nuovi percorsi di crescita professionale. I meccanismi operativi contemperano le richieste normativo contrattuali ai principi ispiratori e presidiano la valutazione di posizione, la valutazione di risultato e l incentivazione nonché la valutazione per la progressione orizzontale e verticale del personale dirigente e del comparto. 13 POLITICHE RETRIBUTIVE L Azienda Ospedaliera di Bergamo deve regolamentare con specifica disciplina le retribuzioni accessorie riconosciute ai propri dipendenti in virtù dell espletamento di attività che, detto personale, individualmente o in équipe, esercita fuori dall orario di lavoro con costi a carico 8 in questo caso diretto è il collegamento con il sistema budgetario che utilizza gli obiettivi e i risultati raggiunti dai dirigenti (collegati alle quantità di risorse umane e materiali utilizzate) per esprimere valutazioni sui dirigenti dei diversi centri di responsabilità.

51 pag. 49 di 96 diretto dell assistito, delle assicurazioni, dei fondi integrativi del SSN specificatamente finalizzati o di sponsor esterni. L Azienda mediante un piano di programmazione determina i volumi di attività istituzionale e accessoria nel rispetto dei parametri stabiliti dalle Leggi e dai Regolamenti, fissa le condizioni di esercizio di entrambe e i criteri che regolano l erogazione delle prestazioni e le priorità di accesso alle suddette attività. Tale attività genera per il dipendente un debito orario, qualora sia svolta nel normale orario di lavoro e non può superare il tetto orario settimanale fissato dalla normativa di riferimento e dai contratti di lavoro. Rientrano nelle retribuzioni accessorie: la libera professione; l area a pagamento; le sperimentazioni cliniche e le collaborazioni scientifiche liberamente svolte dall Azienda Ospedaliera; progetti speciali aziendali; attività svolte in economia di gestione La libera professione e attività a solvenza aziendale Per attività svolte in libera professione si intendono le attività di diagnosi e cura che, avendo optato per il rapporto di lavoro esclusivo, i dirigenti medici e altre professionalità della dirigenza del ruolo sanitario possono esercitare fuori dall orario di lavoro istituzionale, in regime ambulatoriale, di day hospital, day surgery e di ricovero ordinario, in favore e su libera scelta dell assistito che individua nominativamente il professionista di riferimento cui affidarsi fiduciariamente e con oneri a carico dello stesso, anche a mezzo di assicurazioni o fondi sanitari integrativi. L esercizio delle attività deve essere preventivamente autorizzato. L attività di libera professione intramuraria del professionista titolare della autorizzazione è sempre aggiuntiva rispetto alla attività istituzionale e deve essere resa fuori dall orario di servizio e con incremento del debito orario. Per attività di solvenza si intendono le prestazioni richieste all Azienda da parte di singoli utenti o da parte di organizzazioni collettive (es. assicurazioni o fondi integrativi) ovvero altre aziende sanitarie e non, che si rivolgono all Azienda Ospedaliera per ottenere prestazioni secondo tariffe predefinite tramite contratti o convenzioni onerose. Sono comprese nell attività in solvenza sia prestazioni che coinvolgono la dirigenza sanitaria, sia prestazioni erogabili direttamente da altre tipologie di professionisti nell ambito dei rispettivi servizi di cui gli utenti facciano eventuale richiesta con oneri a proprio carico (es. assistenza ostetrica al parto, attività infermieristica ambulatoriale, attività di riabilitazione fisioterapica ecc.). L Azienda provvede ad erogare le prestazioni richieste nel contesto organizzativo delle proprie attività ordinarie, avvalendosi di professionisti idonei per specialità e settore di attività. Questi potranno essere: - professionisti dipendenti che operano nell ambito del proprio debito orario contrattuale ovvero, qualora effettuino le attività in orario aggiuntivo al normale debito orario, operano in regime assimilato alla libera professione facendo riferimento ai compensi definiti con tariffario aziendale per tale tipologia di attività; - professionisti non dipendenti selezionati in base a criteri di qualificazione ed esperienza, idonei a garantire gli stessi standard di assistenza che l Azienda è in grado di fornire con il proprio personale, che operano con contratti specificamente individuati in rapporto alle esigenze delle attività cliniche previste. L esercizio dell attività libero-professionale intramuraria viene garantito ai professionisti nel rispetto dei seguenti principi:

52 pag. 50 di 96 corrispondere alle normative vigenti ed al regolamento aziendale sull esercizio della libera professione e delle attività in solvenza aziendale non essere in contrasto con le finalità dell Azienda, salvaguardando l integrale e prioritario assolvimento dei compiti d istituto e la piena funzionalità dei servizi; salvaguardare il primario ruolo istituzionale del servizio pubblico, diretto ad assicurare l accessibilità alle cure sanitarie necessarie a chiunque ne faccia richiesta nei tempi utili a soddisfare il bisogno sanitario; garantire parità di trattamento degli utenti, indipendentemente dall avvalersi del regime istituzionale ovvero di quello libero-professionale, garantendo la medesima qualità ed efficacia di prestazioni e rispetto dei tempi di risposta previsti dalle esigenze cliniche, dalle norme, nonché dalle linee guida e dagli indirizzi regionali; garantire la trasparenza dell offerta di prestazioni e delle relative tariffe attraverso la predisposizione di apposito Tariffario; valorizzare le professionalità del personale dipendente operante nell Azienda; sviluppare il lavoro di gruppo, della solidarietà degli operatori anche riconoscendo economicamente il differente apporto quali-quantitativo dei singoli L area a pagamento E istituita nell Azienda Ospedaliera di Bergamo l area a pagamento, prevista ai sensi del D.G.R. n. VI/47675 del 29 dicembre 1999 e disciplinata da specifico Regolamento. L area a pagamento è finalizzata a ridurre i tempi di attesa per l esecuzione delle prestazioni di specialistica ambulatoriale, in conformità ai parametri di riferimento fissati dalla Regione e dalle ASL, in modo che l erogazione di tali prestazioni sia garantita nei tempi previsti. A tal fine nelle unità strutturali critiche si incrementano i volumi di attività mediante prestazioni aggiuntive all attività ordinaria, permettendo all utente di ottenere la prestazione in tempi congrui. L Area a Pagamento è uno degli istituti economici delle retribuzioni accessorie riconosciuti dai contratti collettivi nazionali di lavoro ai dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale e recepito dal contratto collettivo integrativo aziendale sottoscritto con le Rappresentanze Sindacali dei dipendenti. I soggetti istituzionali di riferimento per l area a pagamento sono: la Direzione Aziendale la Direzione Sanitaria, la Direzione Amministrativa tramite gli uffici competenti Le Sperimentazioni cliniche e le collaborazioni scientifiche liberamente svolte dall A.O. L A.O. di Bergamo in quanto struttura aperta all innovazione scientifica e alla ricerca clinica si è dotata di un nuovo regolamento che disciplina l attività di ricerca con l obiettivo di incrementarla mediante procedure e regole nuove e più snelle. Contestualmente vuole incentivare e avviare la partecipazione di un numero sempre maggiore di figure professionali verso la ricerca. La sperimentazione clinica finalizzata al miglioramento della pratica clinica quale parte integrante dell assistenza sanitaria non ai fini industriali, consiste in qualsiasi studio sull uomo finalizzato a scoprire o verificare gli effetti clinici, farmacologici e/o altri effetti farmacodinamici di uno o più medicinali sperimentali, e/o a individuare qualsiasi reazione avversa ad uno o più medicinali sperimentali, e/o a studiarne l assorbimento, la distribuzione, il metabolismo e l eliminazione, con l obiettivo di accertarne la sicurezza e/o l efficacia (art. 2, comma 1 lettera a del D. Lgs. n.211/2003), che presenti tutti gli ulteriori requisiti previsti dall art. 1, comma 2, del D.M e dal D.M. 21/12/07. Rientrano nella nuova disciplina anche l acquisizione di sponsorizzazioni e finanziamenti esterni per i progetti di studio e ricerca, attraverso fondi pubblici.

53 pag. 51 di Progetti speciali aziendali Il lavoro nell Azienda Ospedaliera di Bergamo è strutturato in funzione della mission aziendale e degli obiettivi che la Regione assegna annualmente al Direttore Generale. Tali obiettivi, in ragione della loro priorità e valenza, vengono scomposti e partecipati alle aree sanitarie, tecniche e amministrative, secondo le proprie competenze, ruolo e responsabilità. Il percorso seguito è suddiviso per fasi: La programmazione con l individuazione del progetto speciale costruito per raggiungere l obiettivo La scelta del metodo realizzata in funzione delle risorse disponibili e in termini di costi/benefici L attività con la concretizzazione del processo Il risultato quale momento di produzione dell output La verifica tramite il confronto tra l obiettivo e il risultato raggiunto La valutazione come il momento di analisi delle cause degli scostamenti tra il risultato e l obiettivo Il raggiungimento degli obiettivi, ancorché legato al riconoscimento di una retribuzione accessoria, rappresenta un importante strumento di incentivazione al miglioramento continuo della qualità e appropriatezza delle prestazioni nella nostra Azienda Ospedaliera Attività svolte in economia di gestione L Azienda Ospedaliera di Bergamo deve disciplinare con proprio Regolamento quelle attività espletate all interno dell Azienda che possono determinare economie di gestione e/o incrementi di produttività e miglioramento dei servizi, anche in relazione all ottimizzazione delle risorse. Partendo dagli obiettivi di: recupero dello spirito motivazionale e di riconoscimento della professionalità del personale da un lato, e dall altro di favorire l innovazione dell organizzazione e la realizzazione di maggiori entrate per l Azienda saranno realizzate dal personale, preventivamente autorizzato, iniziative e lavori, fuori dall orario di lavoro, che consentiranno entrate economiche e risparmi di gestione per l Azienda Ospedaliera. Vi rientrano quelle attività che rispondono alle seguenti caratteristiche: svolgimento dell attività fuori dall orario di servizio, non riconducibilità all attività ordinaria, eccezionalità e durata limitata, effettiva convenienza economica dell attività svolta, aumento qualitativo e/o quantitativo delle attività anche in relazione e una eventuale ottimizzazione delle risorse, non riconducibilità ad attività commerciale. Il ricorso a tale forma di retribuzione accessoria è considerato eccezionale, da svolgersi all interno dell Azienda anche in alternativa alla concessione di servizi in appalto. 14 I RAPPORTI SINDACALI L Azienda attribuisce a stabili relazioni sindacali una valenza strategica, finalizzata a creare un clima ambientale favorevole allo sviluppo delle migliori condizioni di lavoro e all ottimale utilizzo delle risorse umane. Il confronto con le rappresentanze sindacali assume quindi un ruolo centrale nella gestione delle risorse umane. Per tale ragione la Direzione Aziendale presidia direttamente gli aspetti di organizzazione e di gestione del personale a livello di politiche e strategie, affidando lo svolgimento della ordinaria attività di gestione dei rapporti sindacali al

54 pag. 52 di 96 Direttore della USC Organizzazione e sviluppo che, nell ambito della delega ricevuta, agisce in nome e per conto dell Azienda. Egli assicura: la calendarizzazione degli incontri con le OO.SS. nel rispetto delle normative contrattuali; la informazione preventiva e successiva alle OO.SS. aziendali come previsto dalla normativa e la informazione e comunicazione interna relativa agli accordi sindacali; la rendicontazione degli incontri e la predisposizione le proposte degli accordi sindacali interni; le funzioni di interfaccia tra la Direzione Aziendale, le organizzazioni presenti nell Azienda e gli altri organismi a ciò deputati (Unità di valutazione, ecc); il supporto alla Direzione Aziendale nell individuazione delle linee di indirizzo riguardanti la contrattazione decentrata. 15 NORMA TRANSITORIA DI PRIMA APPLICAZIONE Per adeguare la realtà esistente al nuovo modello organizzativo l Azienda è legittimata a variare l articolazione interna delle strutture attualmente operanti (Dipartimenti, Strutture Complesse, Semplici e le altre Strutture Organizzative previste) secondo la necessaria gradualità e i tempi coerenti con la normativa di riferimento e la finalità degli obiettivi da realizzare. Ciò avverrà attraverso specifici piani attuativi che definiranno tempi e modalità. Per eventuali modificazioni che si rendessero necessarie, relativamente agli incarichi dirigenziali ed alle posizioni organizzative in atto, si procederà nel rispetto della vigente normativa di riferimento e dei regolamenti aziendali in materia, precisando che l approvazione del presente piano non comporta nessuna modifica automatica degli stessi.

55 pag. 53 di Allegati 16.1 Allegato 1: Organigrammi aziendali Tavola 1.1 Direzioni e Dipartimenti DIRETTORE GENERALE DIRETTORE AMMINISTRATIVO DIRETTORE SANITARIO DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO DIPARTIMENTO SERVIZI & TECNOLOGIE DIPARTIMENTO CARDIOVASCOLARE DIPARTIMENTO DI ANESTESIA E DIPARTIMENTO CHIRURGICO DIPARTIMENTO EMERGENZA-URGENZA DIPARTIMENTO INTER- DI FARMACOLOGIA CLINICA DIPARTIMENTO INTER-PROVINCIALE ONCOLOGICO DIPARTIMENTO INTER- MEDICINA TRASFUSIONALE ED EMATOLOGIA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO DIPARTIMENTO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO DI MEDICINA DIPARTIMENTO DELLE NUEROSCIENZE DIPARTIMENTO DIAGNOSTICO PER IMMAGINI DIPARTIMENTO MEDICINA DI LABORATORIO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE PEDIATRICO

56 pag. 54 di 96 Tavola 1.2 Organi Aziendali COLLEGIO DI DIREZIONE DIRETTORE GENERALE COLLEGIO SINDACALE

57 pag. 55 di 96 Tavola 2.1 staff delle Direzioni Aziendali DIREZIONE GENERALE Comitato di valutazione del codice eticocomportamentale Nucleo di Valutazione Responsabile delle Funzioni: Esperto qualificato, Risk Management, Prevenzione e Protezione, Medico competente, Medico autorizzato DIREZIONE AMMINISTRAZIONE DIREZIONE SANITARIA Comitato Unico di Garanzia Comitato lotta al tabagismo Consiglio dei sanitari Comitato di Bioetica Comitato valutazione sinistri Gruppo Coor. Attività di gestione del rischio Comitato Ospedale senza dolore Comitato per il buon uso del sangue Commissione Tecnology Assessment Formazione Universitaria delle Professioni Sanitarie

58 pag. 56 di 96 Tavola 2.1 staff delle Direzioni Aziendali

59 pag. 57 di 96 Tavola 2.2 Dipartimento Gestionali

60 pag. 58 di 96 Tavola 2.2 Dipartimento Gestionali

61 pag. 59 di 96 Tavole 2.2 Dipartimenti Gestionali

62 pag. 60 di 96 Tavole 2.2 Dipartimenti Gestionali

63 pag. 61 di 96 Tavole 2.2 Dipartimenti Gestionali

64 pag. 62 di 96 Tavole 2.2 Dipartimenti Gestionali

65 pag. 63 di 96 Tavole 2.2 Dipartimenti Gestionali

66 pag. 64 di 96 Tavole 2.2 Dipartimenti Gestionali

67 pag. 65 di 96 Tavole 2.2 Dipartimenti Gestionali

68 pag. 66 di 96 Tavole 2.2 Dipartimenti Gestionali

69 pag. 67 di 96 Tavole 2.2 Dipartimenti Gestionali

70 pag. 68 di 96 Tavole 2.2 Dipartimenti Gestionali

71 pag. 69 di 96 Tavole 2.2 Dipartimenti Gestionali

72 pag. 70 di 96 Tavole 3.1. Descrizione Dipartimenti Funzionali

73 pag. 71 di 96 Tavole 3.1. Descrizione Dipartimenti Funzionali

74 pag. 72 di 96 Tavole 3.1. Descrizione Dipartimenti Funzionali

75 pag. 73 di 96 Tavola 1.1 Direzioni e Dipartimenti POA DIRETTORE GENERALE DIRETTORE AMMINISTRATIVO DIRETTORE SANITARIO DIPARTIMENTO RISORSE UMANE DIPARTIMENTO CARDIOVASCOLARE DIPARTIMENTO INTER- DI FARMACOLOGIA CLINICA DIPARTIMENTO TECNICO E DEI SERVIZI ALBERGHIERI DIPARTIMENTO BILANCIO E PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI ANESTESIA E RIANIMAZIONE DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA DIPARTIMENTO DELLE CHIRURGIE SPECIALISTICHE DIPARTIMENTO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA DIPARTIMENTO INTER- PROVINCIALE ONCOLOGICO DIPARTIMENTO INTER- MEDICINA TRASFUSIONALE ED EMATOLOGIA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO DIPARTIMENTO EMERGENZA - URGENZA DI ALTA SPECIALIZZAZIONE DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO PREVENZIONE SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI DIPARTIMENTO DI MEDICINA DIPARTIMENTO CHIRURGIA SISTEMA NERVOSO E SCIENZE NEUROLOCHICHE DIPARTIMENTO IMMUNOLOGIA E CLINICA DEI TRAPIANTI DIPARTIMENTO DIAGNOSTICO PER IMMAGINI DIPARTIMENTO MEDICINA DI LABORATORIO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE PEDIATRICO

76 pag. 74 di 96 Tavola 1.2 Organi Aziendali POA DIRETTORE GENERALE COLLEGIO SINDACALE

77 pag. 75 di 96 Tavola 2.1 staff delle Direzioni Aziendali POA DIREZIONE GENERALE USC Affari generali e Legali USSA Controllo di Gestione USC Sistemi Informativi e organizzativi DIREZIONE AMMINISTRAZIONE DIREZIONE SANITARIA USC Pianificazion e e Sviluppo USSA Valutazione e Gestione Attività Strategiche USSA Dimissioni Protette USSA Farmacia Esterna USSA Tossicologia Clinica - Centro Antiveleni USSA Ingegneria Clinica USSA Prevenzione e Protezione (in line) DIREZIONE MEDICA DI USSA Ospedale Beato Papa Giovanni XXIII USSA Epidemiologia USSA Coordinamento Prelievo e Trapianti USSA Igiene USC Farmacia USC Formazione e Aggiornamento USSA Continuità Ospedale e Territorio USS Galenica USC Presidio Ospedaliero USC Presidio Ambulatorial e Territoriale USS Farmacoeconomia Logistica

78 pag. 76 di 96 Tavola 2.2 Dipartimento Gestionali - Dipartimento Risorse Umane POA

79 pag. 77 di 96 Tavola 2.2 Dipartimento Gestionali - Dipartimento Tecnico e dei Servizi Alberghieri POA

80 pag. 78 di 96 Tavola 2.2 Dipartimento Gestionali - Dipartimento Bilancio e Programmazione POA

81 pag. 79 di 96 Tavola 2.2 Dipartimenti Gestionali POA

82 pag. 80 di 96 Tavola 2.2 Dipartimenti Gestionali POA

83 pag. 81 di 96 Tavola 2.2 Dipartimenti Gestionali POA

84 pag. 82 di 96 Tavola 2.2 Dipartimenti Gestionali POA

85 pag. 83 di 96 Tavola 2.2 Dipartimenti Gestionali POA

86 pag. 84 di 96 Tavola 2.2 Dipartimenti Gestionali POA

87 pag. 85 di 96 Tavola 2.2 Dipartimenti Gestionali POA

88 pag. 86 di 96 Tavola 2.2 Dipartimenti Gestionali POA

89 pag. 87 di 96 Tavola 2.2 Dipartimenti Gestionali POA

90 pag. 88 di 96 Tavola 2.2 Dipartimenti Gestionali POA

91 pag. 89 di 96 Tavola 2.2 Dipartimenti Gestionali POA

92 pag. 90 di Allegato 2: Tabella comparativa tra assetto organizzativo vigente (ultimo assetto organizzativo già approvato dalla Giunta Regionale) e quello proposto (comprendente la totalità delle strutture dell azienda) comprendente la scheda delle competenze di ogni singola struttura (funzionigramma) SINTESI POA 2008 SINTESI POA 2012 Staff della Direzione Generale USC Affari generali e legali USC Sistemi Informativi e organizzativi USSA Controllo di gestione Staff della Direzione Generale USS Staff Ufficio Stampa e Comunicazione Dipartimento Amministrativo USC Affari Generali Dipartimento Bilancio e Programmazione USC Approvvigionamenti USS Approvvigionamenti area sanitaria USC Bilancio e Programmazione USS Servizi a pagamento USS Servizi finanziari USC Accoglienza e Front-Office USS Accettazione Amministrativa USC Amministrazione, Finanza e Controllo USS Bilancio e Rendicontazioni USS Economico-Finanziario USS Legale interno e Audit USS Controllo di gestione Dipartimento Risorse Umane USC Politiche del Personale USS Gestione personale dipendente USS Gestione personale non dipendente USC Gestione Economico e Previdenziale del Personale USSD Gestione personale convenzionato Specializzandi e frequentatori Dipartimento Tecnico e dei Servizi Alberghieri USC Impiantistica USS Tecnica USC Servizi alberghieri e di supporto USC Politiche e Gestione del Personale USS Acquisizione e gestione del personale USS Gestione Economica e Previdenziale USSD Valutazione risorse umane e obiettivi di mandato Dipartimento Servizi & Tecnologie USC Approvvigionamenti USS Approvvigionamenti sanitari USC Informatica e Telecomunicazioni USC Servizi a gestione diretta Staff della Direzione Amministrativa USC Pianificazione e sviluppo organizzativo USC Ufficio Tecnico USS Proprietà esterne e Nuovi Progetti USSA Valutazione e Gestione Strategica USSD Servizi in concessione Dipartimento Cardiovascolare Dipartimento Cardiovascolare USC Cardiochirurgia USC Cardiochirurgia 1 USS Chirurgia dei Trapianti USC Cardiologia I USS Chirurgia delle coronarie USS Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione Cardiaca

93 pag. 91 di 96 USC Cardiologia II Diagnostica interventistica USC Cardiologia 2- Diagnostica interventistica USC Chirurgia Vascolare USS Chirurgia Endovascolare USC Cardiologia 1 - Scompenso e Trapianti di cuore USS Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione Cardiaca USSD Centro Trapianti di cuore USSD Ambulatori Dipartimento Cardiovascolare USSD Cardiochirurgia Pediatrica e delle Cardiopatie Cangenite USSD Cardiochirurgia Adulti USC Chirurgia Vascolare USS Chirurgia Endovascolare USSD Cardiochirurgia 2 - Pediatrica e delle Cardiopatie Cangenite Dipartimento di Anestesia e Rianimazione Dipartimento di Anestesia e Rianimazione USC Anestesia e Rianimazione 1 USC Anestesia e Rianimazione 1 USS Anestesia Pediatrica USS Prericovero, Day-Week Surgery USS Gestione anestesiologica nei Trapianti USC Anestesia e Rianimazione 2 USC Anestesia e Rianimazione 2 USS Anestesia Cardiochirurgica USS Anestesia Ostetrica USS Anestesia Specialistica 1 USS Anestesia e rianimazione Neurochirurgica USS Terapia Intensiva Cardiochirugia USS Anestesia e rianimazione Cardiochirurgica USS Anestesia in Ostetricia e Ginecologia USC Anestesia e Rianimazione 3 USC Anestesia e Rianimazione 3 USS Endoscopia respiratoria interventistica USC Anestesia e Rianimazione 4 USSD Terapia Intensiva Pediatrica USSD Coordinamento Attività Terapia Intensiva Pediatrica USSD Gestione Blocchi Operatori USSD Centrale SSUEm 118 Dipartimento di Chirurgia USC Chirurgia Generale 1 Dipartimento Chirurgico USC Chirurgia Generale 2 - Senologica USC Chirurgia Generale 2 USC Chirurgia Generale 3 e dei Trapianti addominali USC Chirurgia Generale 3 USC Oculistica USC Urologia USC Chirurgia Plastica USSD Chirurgia Toracica USSD Chirurgia Tiroidea USC Urologia USC Odontoiatria e Stomatologia USC Dermatologia USC Chirurgia Toracica USSD Chirurgia Maxillo Facciale Dipartimento delle Chirurgie Specialistiche Dipartimento di Emergenza urgenza USC Ortopedia e Traumatologia USC Chirurgia Generale 1 USS Traumatologia D'Urgenza USS Chirurgia oncologica avanzata USC Medicina Fisica e Riabilitazione USC Ortopedia e Traumatologia

94 pag. 92 di 96 USS Riabilitazione per i gravi traumi cranio encefalici USS Unità spinale USS Traumatologia D'Urgenza USS Chirurgia sostitutiva articolare USC Medicina del Lavoro USS Servizio Sanitario Aziendale USC Centro di EAS USS Medicina d'urgenza USS Cardiologia del Lavoro ed Egonometria USC Chirurgia Plastica USC Ocolustica USSD AAT Bergamo (struttura organizzativa non Accreditabile) USSD Centrale Operativa Bergamo USSD Tossicologia - Centro Antiveleni USC Odontoiatria USS Patologia orale USSD Chirurgia Maxillo - Facciale Adulti Dipartimento di Chirurgia del sistema nervoso e scienze neurologiche USC Neurochirurgia USC Neurofisiopatologia USS Centro per la Diagnosi e la Cura dell'epilessia USS Neuro-Monitoraggio Intraoperatori USC Neurologia USC Otorinolaringoiatria USS ORL Day Hospital e Day Surgery USSD Accettazione ed Emergenza Neurologica USSD Centro provinciale Malattie di Parkinson Dipartimento delle Neuroscienze USC Neurochirurgia USS Neurotraumatologia USC Neurologia USS Neurofisiopatologia USS Malattie autoimmuni USC Otorinolaringoiatria USC Riabilitazione Specifica USS Riabilitazione per i gravi traumi cranio encefalici USS Unità spinale USSD Neuroimmunologia per la diagnosi ed il trattamento della sclerosi multipla USSD Neurologia- Centro Provinciale Malattie Parkinson Dipartimento di Medicina USC Dermatologia USC Diabetologia Dipartimento di Medicina USC Malattie Endocrine - Diabetologia USS Endocrinologia USS Dietologia Clinica USC Gastroenterologia 1 epatologia e trapiantologia USC Endocrinologia USC Gastroenterologia 2 endoscopia digestiva USC Gastroenterologia I - epatologia e trapiantologia USC Epatologia USC Gastroenterologia II - endoscopia Digestiva UCS Malattie Infettive USS Terapia Antivirale UCS Malattie Infettive USS Patologie HIV correlate e terapie innovative USC Medicina Interna USS Medicina Geriatrica e delle Fragilità

95 pag. 93 di 96 USC Medicina Generale I USC Medicina Generale II USC Nefrologia e Dialisi USS Emodialisi Intra Ospedaliera USS Dialisi Peritoneale USS Trapianti Renali USS Patofisiologia Renale USC Pneumologia USS Oncologia Pneumologica USS Gestione Ambulatoriale e day service USC Nefrologia abilitazione al trapianto di rene USS Fisiopatologia renale USS Dialisi USC Pneumologia USS Centro Trapianti di Reni USS Fisiopatologia respiratoria USSD Reumatologia USSD Malattie Rare ( struttura organizzativa non Accreditabile) USC Centro EAS USS Medicina d'urgenza Breve USSD Reumatologia USSD Neuroendocrinologia USSD Dietologia Clinica Dipartimento di Oncologia ed Ematologia USC Cure Palliative USC Ematologia USS Malattie Mieloproliferattive Croniche USS Day Hospital Ematologico USC Oncologia I USS Oncologia Gastroenterologica Dipartimento di Oncologia ed Ematologia USC Cure Palliative e Hospice USC Ematologia USS Malattie Mieloproliferattive Croniche USS Centro di Terapia Cellulare USS Centro trapianto midollo osseo USC Oncologia II USC Radioterapia USC Oncologia USS Oncologia Gastroenterologica USC Immunoematologia e Medicina Trasfusionale USS Immunogenetica USS Aferesi Produttiva USS Emostasi e Trombosi USC Radioterapia USC S.I.M.T USS Immunogenetica USS Aferesi produttiva Dipartimento di Salute Mentale Dipartimento di Salute Mentale USC Psichiatria I USC Psichiatria I USS Servizio Psichiatrico di diagnosi e cura 1 USS Servizio Psichiatrico di diagnosi e cura 1 USS Centro Psico Sociale 1 USS Centro Psico Sociale 1 USC Psichiatria II USS Riabilitazione psicosociale 1 USS Servizio Psichiatrico di diagnosi e cura 2 USS Centro Psico Sociale 2 USC Psichiatria II USS Comunità Protette USS Servizio Psichiatrico di diagnosi e cura 2 USS Centro Psico Sociale 2 USSD Psichiatria di consultazione USS Riabilitazione psicosociale 2

96 pag. 94 di 96 USSD Psicologia Clinica USSD Psichiatria psichiatria di consultazione Dipartimento Diagnostica per immagini USC Fisica Sanitaria USC Medicina Nucleare USC Neuroradiologia USC Radiodiagnostica USSD Radiologia Interventistica Dipartimento Diagnostica per immagini USC Fisica Sanitaria USC Medicina Nucleare USC Radiologia diagnostica per immagini 1 USC Radiologia diagnostica per immagini 2 Neuroradiologia USSD Radiologia diagnostica per immagini Radiologia Interventistica Dipartimento Medicina di Laboratorio USC Anatomia e Istologia Patologica Dipartimento Medicina di Laboratorio USC SMeL specializzato in Anatomia Patologica USC Laboratorio analisi chimico-cliniche USC SMeL generale di base - Analisi chimico cliniche USC Microbiologia e Virologia USC SMeL specializzato in Microbiologia e Virologia USS Microbiologia Ambientale e Prevenzione e Sorveglianza delle Infezioni USSD Centro Unico Prelievo USSD Laboratorio Genetica Medica USSD Punto Prelievi USSD Banca biologica (struttura organizzativa non Riscontrabile attualmente nell assetto accreditato) USSD SMeL specializzato in Citogenetica e Genetica Medica USSD Controllo Infezioni Ospedaliere Dipartimento materno- infantile e pediatrico USC Ostetricia e ginecologia Dipartimento materno- infantile e pediatrico USC Chirurgia Pediatrica USS Area del Parto: Ambulatori e Reparto di Ostetricia Fisiologica USS Day Hospital e Diagnosi Ambulatoriale USC Neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza USS Area di Medicina Materno Fetale: Ambulatori e Reparto di Patologia della gravidanza e Diagnosi Prenatale USS Centro di fisiopatologia della riproduzione USC Patologia Neonatale USS Terapia Intensiva Neonatale USC Chirurgia Pediatrica USC Ostetricia e ginecologia USS Gravidanza Fisiologica e parto USS Medicina Materno Fetale USC Patologia Neonatale USS Terapia Intensiva Neonatale USC Neuropsichiatria infantile USC Pediatria 1 USS Oncologia Pediatrica USC Pediatria USS Pediatria d'urgenza

97 pag. 95 di 96 USSD Pediatria 2 - Epatologia e Gastroenterologia Pediatrica e dei Trapianti USSD Ecografia Neonatale e Pediatrica USSD Epatologia e Gastroenterologia Pediatrica e dei Trapianti USSD Chirurgia Cranio-Maxillo facciale pediatrica USSD Ostetricia e Ginecologia - Procreazione Medicalmente Assistita USSI Cardiologia Pediatrica e delle cardiopatie congenite Staff della Direzione Sanitaria USC Farmacia USS Galenica USS Farmacoeconomia Logistica USSA Tossicologia Clinica - Centro Antiveleni Direzione Professoni Sanitarie Staff della Direzione Sanitaria USC Farmacia USS Galenica Clinica USS Farmacoeconomia Logistica del Farmaco USS Dispositivi Medici USC Direzione Professioni Sanitarie Strutture coordinate dal DS USC Formazione e Aggiornamento USSA Prevenzione e Protezione USSA Farmacia Esterna USSA Dimissioni Protette USSA Ingegneria Clinica Direzione Medica di Presidio Ospedaliero USC Presidio Ospedaliero USC Formazione, Marketing e Libera Professione USC Direzione Medica Presidio Ospedaliero USS Ufficio Relazione con il pubblico USC Medicina del Lavoro USS Sorveglianza Sanitaria dei Lavoratori USC Direzione Medica Presidio Territoriale USC Presidio Ambulatoriale e Territoriale USSA "Ospedale Beato Papa Giovanni XXIII" USSA Epidemiologia USSA Coordinamento Prelievo e Trapianto d'organi USSA Continuità Ospedale Territorio USSA Igiene DIPARTIMENTI TECNICO SCIENTIFICI Dipartimento Emergenza Urgenza di Alta Specializzazione Dipartimento Immunoematologia e clinica dei trapianti Dipartimento inter-aziendale di Farmacologia clinica USSD Continuità Ospedale e Territorio USSD Coordinamento Prelievo e Trapianti d'organo USSD Psicologia Clinica USSD Farmacia Esterna USSD Prevenzione e Protezione USSD Ingegneria Clinica USS Staff Gestione della Qualità USS Staff Medicina Legale DIPARTIMENTI FUNZIONALI Dipartimento inter-aziendale di Farmacologia clinica Dipartimento inter- provinciale oncologico Dipartimento inter-aziendale medicina trasfusionale ed ematologia della provincia Dipartimento inter-aziendale medicina trasfusionale ed di Bergamo ematologia della provincia di Bergamo Dipartimento Prevenzione e Sorveglianza delle infezioni Dipartimento oncologico provinciale

98 pag. 96 di Cronoprogramma Attivazione POA 2012 CRONOPROGRAMMA ATTIVAZIONE POA FASE 1 - ATTI AMMINISTRATIVI AZIENDALI DI APPROVAZIONE POA FASE 2 - RIORGANIZZAZIONE - ATTIVAZIONE NUOVE STRUTTURE - CAMBIAMENTO AFFERENZA AI DIPARTIMENTI - DISMISSIONE STRUTTURE FASE 3 - RIDEFINIZIONE COMPETENZE - RIDEFINIZIONE FUNZIONI E RESPONSABILITA' - ASSEGNAZIONI NUOVI INCARICHI FASE 4 - ATTIVAZIONE NUOVO ASSETTO FASE 5 - COMPLETAMENTO NUOVO POA SOPPRESSIONE - USC Cardiologia I ASSEGNAZIONE GERARCHICAdella USS Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione Cardiaca A USC CARDIOLOGIA - SCOMPENSO TRAPIANTI DI CUORE SOPPRESSIONE - USC Neurofisiopatologia SOPPRESSIONE - USS Centro per la Diagnosi e dell'epilassia TRASFORMAZIONE - USS Neuro - Monitoraggio intraoperatori IN USS Neurofisiopatologia

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Indicazioni operative per la redazione dei Piani di Organizzazione aziendale

Indicazioni operative per la redazione dei Piani di Organizzazione aziendale Indicazioni operative per la redazione dei Piani di Organizzazione aziendale Indicazioni generali Le aziende ospedaliere, le aziende sanitarie locali, le fondazioni I.R.C.C.S. pubbliche e l Azienda Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale Azienda ULSS n. 8 - Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ALLEGATO N. 2 L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

Lecce, 19 Novembre 2012. - Al Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi

Lecce, 19 Novembre 2012. - Al Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi Lecce, 19 Novembre 2012 - Al Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi - Al Presidente della Conferenza Stato-Regioni Ministro per gli Affari regionali, Turismo e Sport, Dr. Piero Gnudi - Ai Sigg. Presidenti

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario) è parte integrante

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco

Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco Documento di programmazione e coordinamento dei servizi iis Sanitari i e Socio Sanitari Sanitari anno 2014 Lecco, 28 gennaio 2014 1 Documento di programmazione

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012 PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE anno Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale

Dettagli

DATI ANAGRAFICI AZIENDA OSPEDALIERA PAPA GIOVANNI XXIII

DATI ANAGRAFICI AZIENDA OSPEDALIERA PAPA GIOVANNI XXIII DATI ANAGRAFICI AZIENDA OSPEDALIERA PAPA GIOVANNI XXIII INDICE 1. IDENTIFICAZIONE DELL'AZIENDA... 2 2. IDENTIFICAZIONE DEI SOGGETTI... 2 3. IDENTIFICAZIONE DELLE UNITA STRUTTURALI... 3 3.1 Unità Strutturali

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA Sormani Luisa*, Goggi Ezio *Responsabile Ufficio Formazione, Direzione Sanitaria Aziendale Ente Ospedaliero Valduce di Como (ospedale religioso

Dettagli

Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi. La salute, costruiamola insieme

Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi. La salute, costruiamola insieme Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi Il Bilancio di Mandato dell'azienda Ulss 9 Treviso La modalità di lavoro per la realizzazione del Bilancio di Mandato

Dettagli

Direzione Generale Sanità

Direzione Generale Sanità SICUREZZA DEL PAZIENTE E ACCREDITAMENTO IN ITALIA IL PERCORSO DI REGIONE LOMBARDIA Enrico Burato AO Carlo Poma di Mantova Gruppo di lavoro regionale per la programmazione delle attività di risk management

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Regione Marche Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Argomento: Qualità e sicurezza del sistema 1 Inquadramento realtà regionale: Qualità

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

Verona, 18 Luglio 2013

Verona, 18 Luglio 2013 Verona, 18 Luglio 2013 Dott. Leonardo Padrin, Presidente Dott. Sinigaglia Claudio, Vice Presidente Sigg. Consiglieri Regionali Componenti OGGETTO: Adeguamento delle schede di dotazione ospedaliera delle

Dettagli

Il Distretto che vuole la Regione Veneto

Il Distretto che vuole la Regione Veneto IL NUOVO PIANO SOCIO-SANITARIO REGIONALE Il Distretto che vuole la Regione Veneto Este, 13 aprile 2012 Dott.ssa M.Cristina Ghiotto LA STORIA La DGR n.3242/2001 ha sancito l importanza del Distretto nel

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale della Performance - Obiettivi Aziendali

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale della Performance - Obiettivi Aziendali Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Master Budget 2015 Piano annuale la Performance - Obiettivi Aziendali Dimensione la 1 Performance la produzione 1.a Efficienza dei Processi Ottimizzazione dei

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza-responsabilità nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (revisione dei profili di competenza

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO XI DOCUMENTO SUI REQUISITI MINIMI E LE MODALITA

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC PIANO ANNUALE DI ATTIVITA approvato dal CC Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale 2009-

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

! "# $% $ A. Gorel i!!!

! # $% $ A. Gorel i!!! !"# $%!! ! " # $ && %!&!%&!%'( &!%&!%'( %&!%&!%'( ) $ * +,-./ ) $ 1 + -./ 0 $ + -../! + -../ -./1+ -../ ' ( 3 ' & 2! )) 2 $ )!!$*!! #!!* 2!%% &)! 2 *!% ) *!!! 2!! ) 2 #$ $*)! +%!$ 2! )) * #!! )*%!!%*)!,#-&)

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1611/2012 ADOTTATA IN DATA 19/12/2012 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1611/2012 ADOTTATA IN DATA 19/12/2012 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1611/2012 ADOTTATA IN DATA 19/12/2012 OGGETTO: Bando pubblico di ricerca di soggetti candidati alla gestione di servizi triennali di Contact center sanitari con copertura finanziaria garantita

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1236/2015 ADOTTATA IN DATA 06/08/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1236/2015 ADOTTATA IN DATA 06/08/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1236/2015 ADOTTATA IN DATA 06/08/2015 OGGETTO: Integrazione del bando di ricerca contributi da privati n. 16 con il progetto P16-02.07 Quasi a casa proposto dall USC Pediatria 1 USS Oncologia

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

LE ATTIVITA DI PRELIEVO E TRAPIANTO COME LEVA STRATEGICA PER LA PROGRAMMAZIONE E RIORGANIZZAZIONE AZIENDALE.

LE ATTIVITA DI PRELIEVO E TRAPIANTO COME LEVA STRATEGICA PER LA PROGRAMMAZIONE E RIORGANIZZAZIONE AZIENDALE. FORUMPA SANITA' 2001 Azienda Ospedaliera Niguarda Cà Granda Direzione Sanitaria LE ATTIVITA DI PRELIEVO E TRAPIANTO COME LEVA STRATEGICA PER LA PROGRAMMAZIONE E RIORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Parte 1 : Anagrafica

Dettagli

19.08.1955 AZIENDA OSPEDALIERA PAPA GIOVANNI XXIII DIRETTORE USC DIREZIONE MEDICA PRESIDIO OSPEDALIERO

19.08.1955 AZIENDA OSPEDALIERA PAPA GIOVANNI XXIII DIRETTORE USC DIREZIONE MEDICA PRESIDIO OSPEDALIERO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Nome FABIO PEZZOLI Telefono 0352675175 E-mail Nazionalità Fax 0352674971 fpezzoli@hpg23.it ITALIANA Data di nascita Amministrazione Incarico

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Giovanni Corsello, Maria Piccione Dipartimento di Promozione della Salute e Materno-Infantile

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006

RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006 RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006 INDICE: 1. Premessa 3 1.1. Linea guida di prevenzione delle cadute accidentali del paziente ricoverato 3 1.2. Progetto di Gestione dei rischi in sala operatoria 4 1.3.

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA. Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto

DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA. Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto LA NOSTRA ATTIVITA DI TRAPIANTO CHI PUO DONARE L attività di trapianto agli Ospedali Riuniti di Bergamo, oggi Ospedale Papa Giovanni

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1449/2015 ADOTTATA IN DATA 24/09/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1449/2015 ADOTTATA IN DATA 24/09/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1449/2015 ADOTTATA IN DATA 24/09/2015 OGGETTO: Istituzione del Coordinatore associazioni di volontariato in ambito pediatrico. IL DIRETTORE GENERALE Assistito dal Direttore sanitario e

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio 1 Il territorio 2 Il territorio: tendenze evolutive Aumentata l aspettativa di vita: U = 76 anni D = 82,4 anni Patologie croniche prevalgono su quelle acute Possibilità di eseguire piccoli interventi chirurgici

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Con il presente documento il Comitato di Settore per il Comparto Regioni-Sanità

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1

INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1 INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1 A seguito del confronto con le Direzioni delle Aziende del Sistema Sanitario Regionale e con alcune Conferenze o Rappresentanze dei Sindaci

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera Regione Marche Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera 1 Analisi della realtà regionale, per sistemi e processi Differenziali nel consumo di giornate di degenza tra le diverse aree vaste Scambi interni

Dettagli

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Descrizione specifica delle attività e della collocazione del 1

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

VIVERE MEGLIO A MILANO. La carta dei diritti dei cittadini malati

VIVERE MEGLIO A MILANO. La carta dei diritti dei cittadini malati Le giornate della salute per VIVERE MEGLIO A MILANO La carta dei diritti dei cittadini malati Milano, Sala Alessi - Palazzo Marino 19 maggio 2012, 9.00-12.30 Walter Locatelli Direttore Generale ASL Milano

Dettagli

Il Progetto di sviluppo del Sistema di Gestione per la

Il Progetto di sviluppo del Sistema di Gestione per la Il Progetto di sviluppo del Sistema di Gestione per la Qualità dell ASL 2 Savonese Presentazione Convegno Regionale 30 marzo 2006 Gli strumenti del governo clinico: l auditl clinico, il risk management,

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre CURE PALLIATIVE Troverete copia di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Presentazione Atto aziendale 2015

Presentazione Atto aziendale 2015 AOU San Luigi Gonzaga Orbassano Presentazione Atto aziendale 2015 Direzione Generale 14 settembre 2015 1 Contenuti Presentazione dell Atto aziendale AOU San luigi Gonzaga Descrizione dei criteri, delle

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

L esperienza dell Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate. Flavia Gherardi Responsabile Qualità

L esperienza dell Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate. Flavia Gherardi Responsabile Qualità L esperienza dell Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate Flavia Gherardi Responsabile Qualità A.O. Bolognini di Seriate (BG) L Azienda opera all interno del Servizio Sanitario Lombardo. L Azienda 7

Dettagli

SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4

SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4 SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4 Glossario...4 Norme Generali...6 Art. 1 Oggetto del Regolamento...6 Principi di organizzazione...7 Art. 2 I Principi fondanti...7 Art. 3 La Struttura

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA

A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA A.O. Ordine Mauriziano di Torino BOZZA ORGANIGRAMMA Bozza di discussione Settembre 2015 1 Direzione Generale Collegio Sindacale DIREZIONE GENERALE Collegio di Direzione Organismo Indipendente di Valutazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE ORGANISMO DI RAPPRESENTANZA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SANITARIO ISTITUITO DALL ART. 5 della LEGGE PROVINCIALE

Dettagli

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015 Direzione Generale Sanità 1 ARGOMENTI TRATTATI NELLE REGOLE DI SISTEMA 1. Inquadramento economico e finanziario: il bilancio ponte 2. Il livello programmatorio:

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA 118 LOMBARDIA

AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA 118 LOMBARDIA AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA 118 LOMBARDIA L AREU è un azienda regionale attivata il 2 aprile 2008 (delibera della Giunta regionale VIII/6994) con il compito di promuovere l evoluzione del SSUEm

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 26/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 97

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 26/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 97 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 15 novembre 2013, n. U00461 Recepimento della "Intesa, ai sensi dell'art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, tra

Dettagli

Indirizzi regionali e la legge 38/2010. DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010

Indirizzi regionali e la legge 38/2010. DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010 Indirizzi regionali e la legge 38/2010 DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010 Settore Servizi alla Persona sul territorio Hospice e Cure Palliative 1 Diritto Diritti di cittadinanza

Dettagli