anno IX Editoriale: Firmato il rinnovo del CCNL ENAV

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "anno IX Editoriale: Firmato il rinnovo del CCNL ENAV"

Transcript

1 Mensile dei dipendenti di ENAV SpA - Controllo e sicurezza della navigazione aerea 3 anno IX Editoriale: Firmato il rinnovo del CCNL ENAV marzo 2012 Noi il CISM 2012 ENAV all ATC Global 2012 ENAV: non solo più aeroplani La parola a.gerardo Pelosi Poste Italiane SpA - Spedizione in abbonamento postale - 70% DCB - Roma

2 n 3 - Marzo 2012 EDITORIALE di Umberto Musetti Responsabile Funzione Risorse Umane ENAV UN ACCORDO DI RESPONSABILITÀ Venerdì 23 marzo 2012 è stato sottoscritto l accordo di rinnovo del contratto collettivo di lavoro del personale di ENAV. L accordo sottoscritto dalle Organiz - zazioni sindacali della FILT-CGIL, FIT- CISL, UIL-T, UGL-T, USAE-AV, ASSIVOLO QUADRI, ANPCAT, LICTA, CILA-AV e COBAS, è stato preceduto da uno specifico protocollo d intesa con le Segreterie Nazionali del trasporto aereo di CGIL, CISL, UIL e UGL che ha ulteriormente contribuito alla rapida conclusione della trattativa aziendale. Un primo aspetto caratterizzante l accordo di rinnovo è stato il superamento della tradizionale contrapposizione dei ruoli finalizzata ad una mera logica di scambio negoziale, con gli immancabili rituali tipici di un modo superato di fare relazioni industriali, per evolvere, invece, a favore di una comune volontà di potenziare i livelli di professionalità e di competitività aziendali, al fine di mantenere e sviluppare il ruolo di centralità di ENAV nel sistema del trasporto aereo nazionale e rafforzare la sua capacità di penetrazione a livello europeo. È stato un accordo di responsabilità. Nei tempi: chiuso rapidamente, in meno di tre mesi dalla scadenza del precedente contratto evitando rischiosi prolungamenti della trattativa a ridosso del periodo estivo. Nel metodo: il confronto tra le parti si è sviluppato in maniera serrata, in alcuni frangenti anche accesa, ma senza forzature, senza la pressione di scioperi o di minacce di agitazioni tipiche anche questo del passato che avrebbero peraltro danneggiato inutilmente non solo l azienda ma anche e soprattutto la continuità e la regolarità dei nostri servizi. È un accordo responsabile per la maturità dimostrata dalla componente sindacale anche nella scelta delle tematiche oggetto dell intesa. Sono stati privilegiati gli aspetti professionali (l inquadramento nella parte di revisione o nuova definizione di specifici profili professionali, la nuova politica sui Quadri con l attribuzione di un sistema premiante basato sulla valutazione delle prestazioni a fronte di obiettivi preventivamente assegnati e l introduzione di mirate indennità di funzione etc.), le regole di sistema (la politica degli organici, le tutele sociali, i recuperi di produttività e competitività, il Comitato dei Saggi e gli Enti Bilaterali etc.) oltre agli aspetti meramente economici con l applicazione degli accordi interconfederali sul riconoscimento degli indici inflattivi previsti per il triennio 2012/2014. Anche sulla materia dell orario di lavoro il senso di responsabilità delle Parti ha consentito di costruire una norma dinamica che nell arco del prossimo triennio e nell ottica di miglioramento della competitività contiene la possibilità di prevedere e concordare la crescita della resa oraria operativa in funzione della evoluzione della domanda di traffico di cui tutti auspichiamo la ripresa. L intesa raggiunta ha mantenuto e consolidato nella necessaria sinte- 2 si delle diverse posizioni l unitarietà sindacale; unitarietà che riteniamo indispensabile per un sistema di relazioni industriali orientato da un lato alla prevenzione del conflitto e, dall altro, al coinvolgimento e alla valorizzazione delle persone di ENAV. Sul piano più generale del costo del lavoro, gli oneri dell accordo si presentano come compatibili con i vincoli, rilevanti e non contrattabili, fissati nel Piano di Performance Nazionale 2012/2014; è di tutta evidenza come il conseguimento di tale obiettivo garantisca stabilità e certezze ai piani aziendali del prossimo triennio ma anche i giusti riconoscimenti al fattore lavoro. In conclusione possiamo pertanto affermare che questo accordo rappresenta l ultimo successo di un percorso virtuoso di crescita del nostro modello di Relazioni Industriali, così come si è sviluppato negli ultimi dieci anni con il contributo di tutte le Parti Sociali. Il senso di responsabilità dimostrato in questa occasione rispetto alle criticità del quadro macroeconomico internazionale ed europeo, alla pesante contrazione delle frequenze dei voli e delle unità di servizio e alle difficoltà del settore del trasporto aereo nazionale, consente però di guardare ad un futuro che si preannuncia sempre più complesso e sfidante forti della consapevolezza di aver acquisito un metodo di confronto e una capacità di risoluzione dei problemi di assoluta eccellenza. l

3 n 3 - Marzo 2012 NOI IL CISM HF CISM 2012 di Nicoletta Lombardo Responsabile Settore Human Factor ENAV Il 21 e 22 febbraio 2012 si è tenuto a Roma il Meeting Noi il CISM Il CISM (Critical Incident Stress Management) costituisce un pilastro fondamentale del Settore Human Factor all interno del quale è collocato, garantendo assistenza strutturata alle persone che hanno vissuto un evento critico durante l esercizio della professione di Controllore del Traffico Aereo. L incontro, che si è svolto in un simpatico e familiare clima di amicizia, cordialità e condivisione, ha posto in evidenza il forte e continuativo investimento aziendale sul programma e soprattutto l entusiasmo e la grande motivazione di tutti i Peer per questa importante e delicata attività. L organizzazione ha posto la massima attenzione alla cura di ogni dettaglio, dagli inviti, ad un dolce presente, alla ricreazione di un ambiente informale e familiare con l importante obiettivo di far sentire ciascun Peer accolto e coccolato così come ciascuno dei nostri 63 Peer fa prendendosi cura e accogliendo le persone che a loro si rivolgono. Questo a sottolineare come in ogni momento la centralità della persona sta diventando una realtà sempre più concreta e riconosciuta in ENAV. Il CISM è un processo centrato sulla persona e le persone sono per ENAV un elemento prezioso ed in quanto tale vanno valorizzate e tutelate. NOI IL CISM A seguito della nascita del settore Human Factor alle dirette dipendenze del Responsabile Area Operativa il progetto CISM trova la sua formalizzazione all interno della struttura operativa aziendale evolvendo verso un nuovo modello operativo più aderente allo stato di maturità del programma CISM stesso. Il meeting è stato il momento per formalizzare la nuova struttura operativa e per condividere con tutti i Peer un nuovo approccio alla gestione del programma basato sulla formazione continua, sulla condivisione delle esperienze e su un processo di Knowledge Sharing. Condividere conoscenza significa interazione e scambio di informazioni, esperienze, pratiche tra gruppi con obiettivi comuni al fine di valorizzare sempre più il programma CISM e permettere la crescita continua di ciascuno di noi e dei Peer futuri all interno di esso. Il settore Human Factor fungerà da facilitatore di questo processo fornendo tutto il supporto necessario allo svolgimento della attività dei Peer. Il CISM è un processo per le persone svolto da persone che sono state scelte dai propri colleghi per fare questo. STRUTTURA OPERATIVA CISM La struttura operativa formalizzata è snella e piatta in modo da garantire un contatto e uno scambio costanti e continui tra i ruoli centrali e quelli territoriali. In particolare le attività centrali vertono principalmente sulla gestione degli spunti e delle esigenze espresse dal territorio. 3 La struttura, che delinea ruoli e compiti, è così articolata: i CISM Peer; i CISM Referenti Locali; il CISM Programme Manager e il Responsabile del Settore HF. Un ruolo importante è svolto dal coordinatore Support line h24. INVESTIMENTO E FORMAZIONE CONTINUA È forte il commitment aziendale. Massimo Bellizzi, Responsabile Area Operativa, ha ribadito durante il proprio intervento al meeting la stima nei confronti dei Peer e della loro attività sottolineando l impegno di ENAV a continuare ad investire sempre più sullo sviluppo del programma. Punto di partenza sarà la formazione continua e mirata allo sviluppo ed al mantenimento delle competenze del peer. Importante è stato in tal senso l impegno del Responsabile di Academy, Giuseppe Baldetti che con il Settore HF ed i Peer costruirà un training plan dedicato ed amplierà la presenza del valore del CISM nei corsi ab initio. CONCLUSIONI La formalizzazione della struttura operativa è un passaggio importante come anche l emissione di procedure certificate da inserire in maniera standardizzata nelle IPI (Istruzioni Permanenti Interne), la proposta di riconoscimento della figura del Peer nel nuovo CNNL e tutte le attività che contribuiranno alla diffusione della cultura CISM. Aspetto fondamentale è una omogeneità di sviluppo del programma su tutto il territorio raccogliendo le proposte e le iniziative degli stessi Peer per diffonderle e renderle patrimonio comune. Il CISM è uno strumento importante a disposizione di ogni CTA. In prospettiva si auspica di poterlo estendere a tutte le professionalità connesse all ambito operativo. Nei prossimi numeri sarà dettagliato il nuovo programma. l

4 ATC GLOBAL 2012 EXHIBITION n 3 - Marzo 2012 ENAV AD AMSTERDAM PER LA FIERA DELL ATC 2012 di Giulio Gamaleri Responsabile Immagine e Web Communication ENAV L a partecipazione alla 22 edizione dell ATC Global 2012, una delle più importanti manifestazioni fieristiche europee dedicate ai servizi ed alla tecnologia per il controllo del traffico aereo, svoltasi ad Amsterdam dal 6 all 8 marzo, è stata l occasione per sottolineare il ruolo primario che ENAV riveste a livello internazionale e per presentare la propria offerta commerciale dedicata al mercato globale. Inoltre ha costituito il primo momento di presentazione ufficiale del nuovo luogo tricolore dell ENAV. Erano presenti come espositori le maggiori organizzazioni internazionali di settore (EUROCONTROL, CANSO, SESAR JU, etc), i maggiori provider europei (AENA, DFS, LVNL, NITA, etc) ed anche le più rilevanti industrie legate all ATM (SELEX, Thales, Lockeed Martin). L AU Garbini insieme al responsabile Risorse Umane ENAV, Umberto Musetti. Al nostro stand da destra l AU di ENAV, Massimo Garbini, il responsabile dell Area Operativa Massimo Bellizzi, l AU di Techno Sky Mauro Cipollini ed il responsabile dell Area Tecnica ENAV, Vincenzo Smorto. In questo contesto ENAV ha optato per la realizzazione di uno spazio espositivo caratterizzato dalla doppia veste Istituzionale e commerciale, strutturato per favorire le attività relazionali, di rappresentanza e di presentazione dei servizi commerciali ENAV Services. L evento, oltre a costituire un importante momento di confronto con le istituzioni internazionali e gli altri Service Provider, rappresenta anche una notevole occasione di incontro con potenziali clienti provenienti da tutto il mondo. All interno dello spazio espositivo di ENAV, nell area istituzionale, era anche presente la controllata Techno Sky, specializzata nella gestione, assistenza e manutenzione degli impianti per il controllo del traffico aereo. Nel corso dell ATC Global 2012 di particolare rilievo è stata la firma della dichiarazione congiunta di intenti per i sistemi futuri ATM tra l Alleanza A6, composta da alcuni dei maggiori fornitori di servizi della navigazione ae- rea europei, e la FAA, l agenzia federale statunitense per l aviazione civile. LO SPAZIO ESPOSITIVO ENAV Particolare attenzione è stata prestata, in fase di progettazione, all impiego di una comunicazione integrata che coinvolgesse sia la struttura espositiva sia tutti i prodotti promo informativi di carattere cartaceo ed elettronico presentati da ENAV. Presso il RAI Exhibition Congress Center di Amsterdam che ospitava la manifestazione, lo stand di ENAV è stato infatti concepito in modo da favorire al massimo l afflusso e la permanenza dei visitatori. Per quanto riguarda la parte strutturale, le due aree istituzionale e commerciale sono state entrambe dotate di un proprio accesso e distinte da pareti mobili. All interno dello spazio espositivo sono state realizzate due sale riunioni per meeting internazionali dotate di postazioni multimediali e dieci po- 4

5 ATC GLOBAL 2012 EXHIBITION n 3 - Marzo 2012 Da destra: il responsabile Comunicazione ENAV, Alessandro Di Giacomo, l AU, Massimo Garbini, il Direttore Esecutivo della SESAR JU, Patrick KY ed il responsabile Attività Internazionali ENAV, Iacopo Prissinotti. LE VISITE Presso lo stand si sono svolti me - eting internazionali che hanno coinvolto i maggiori rappresentanti dei progetti in cui la Società è coinvolta. In particolare questi hanno ristazioni dotate di supporto Apple i- Pad ed Apple i-mac per la consultazione e presentazione dei ser vizi aziendali. Per l occasione è stata realizzata un applicazione ENAV su i-pad che ha permesso, nelle presentazioni face to face commerciali, di utilizzare uno strumento innovativo e di forte appeal. I servizi presentati da ENAV Services in 4 aree dedicate sono stati: 1. Aeronautical Consulting and Design 2. Flight Inspection 3. Training 4. Techno Sky Maintenance Engineering Met Services Un incontro di lavoro presso il nostro spazio espositivo. In questa edizione lo spazio espositivo è stato fortemente caratterizzato dall utilizzo di tecnologie multimediali di ultima generazione. Sono stati infatti proiettati su un sistema composto da 6 monitor, in modalità sincronizzata, video girati in High Definition relativi all offerta commerciale ENAV Services ed alle attività istituzionali di ENAV. Era inoltre presente un maxi schermo da 105, posizionato strategicamente come linea di demarcazione tra le due aeree, dove sono stati riprodotti un filmato di presentazione generale della Società, nonché dei video di interesse internazionale, come ad esempio il filmato di ENAV su SESAR: video che hanno suscitato molto interesse nel pubblico presente e che sono ora visualizzabili sul canale You Tube di ENAV al seguente indirizzo: channel Nello stand ENAV inoltre è stato dedicato un spazio autonomo al pro- getto BLUE MED dove la Società, in qualità di responsabile della Comunicazione del Progetto, ha svolto una continua attività informativa e relazionale. La firma della dichiarazione congiunta tra l'alleanza A6 e la statunitense FAA per un futuro sistema ATM interoperativo e tecnologico. Al tavolo, al centro, Rick Ducharme, FAA Deputy Chief Operating Officer Air Traffic Organisation firma l accordo con i CEO di AENA, DFS, DSNA, ENAV, NATS e NORACON. 5

6 ATC GLOBAL 2012 EXHIBITION n 3 - Marzo 2012 guardato i principali programmi e le attività internazionali in cui ENAV è impegnata, tra cui SESAR e BLUE MED. Nel corso del ATC Global lo spazio di ENAV è stato visitato da molte delle migliaia di esperti del settore ATM che ogni anno affollano la manifestazione olandese, dando loro modo di conoscere le nostre attività in campo internazionale. Il Vertice aziendale è stato presente con il nostro Amministratore Unico, Massimo Garbini, e l Amministratore Unico di Techno Sky, Mauro Cipollini, nonché dalla Dirigenza strettamente Massimo Garbini, AU di ENAV e Patrick Dlamini, CEO di ATNS, dopo la firma del Memorandum d intesa. Al nostro stand da sinistra: l AU ENAV Massimo Garbini, il Chairman di CANSO, Paul Riemens, il CFO di DFS Jens Bergmann, il DG della DFS Ralph Rieddle annunciano la collaborazione dei due service provider nelle attività di ricerca e sviluppo del programma SESAR. Lo staff di Comunicazione ENAV che ha curato l organizzazione e la partecipazione della Società all edizione dell ATC Global 2012, con l AU Garbini: da sinistra il responsabile della Comunicazione, Alessandro Di Giacomo, Federico Maranghi, Massimo Garbini (AU ENAV), Giulio Gamaleri (responsabile Immagine e Web Communication), Andrea Pietrosanti, Gianluca Ciacci (Techno Sky), Simone Stellato e Maika D Alesio. coinvolta nelle attività internazionali e di business. Lo spazio espositivo ENAV è stato visitato inoltre dai delegati dei numerosi service provider europei e Organiz - zazioni presenti alla manifestazione, tra cui il Direttore Generale della DFS Ralph Rieddle, il Direttore Esecutivo della SESAR JU, Patrik Ky, il responsabile del Direttorato Single Sky EU- ROCONTROL, Luc Tytgat ed il nuovo Chairman di CANSO Paul Riemens. Al nostro stand è stato inoltre firmato, tra l AU di ENAV Garbini ed il CEO del service provider sudafricano ATSN, Patrick Dlamini, un Memorandum d Intesa per stabilire un piano ufficiale di cooperazione nel campo della gestione del traffico aereo e intraprendere comuni attività commerciali sui mercati esteri. LE CONFERENZE E I SEMINARI Nel corso dell ATC Global, ENAV ha preso parte come di consueto alle iniziative della Seminar Agenda 2012; due sono stati gli speech di ENAV presentati al pubblico internazionale. Il primo è stato tenuto dal responsabile Attività Internazionali, Iacopo Pris - sinotti sul tema: ANSPs leading role in ATM evolution ; il secondo è stato tenuto dal responsabile della funzione BLUE MED FAB, Giovanni Torre, dal titolo: BLUE MED FAB initiative: a step forward for the Single European Sky. Anche il responsabile della Funzione Sviluppo Commerciale ENAV, Mauro Iannucci, ha partecipato al Regional Runaway Safety Seminar con una sua presentazione. l 6

7 ATC GLOBAL 2012 EXHIBITION n 3 - Marzo 2012 Una sintesi di immagini al nostro stand nel corso dell ATC Global

8 n 3 - Marzo 2012 ENAV: NON PIÙ SOLO AEROPLANI IN VIGORE DA APRILE 2012 LA NUOVA ROTTA ELICOTTERI R-NAV TRACCIATA DA ENAV di Stefano Felici Funzione Progettazione Spazi Aerei ENAV Lo sviluppo del traffico ad ala rotante è oggi più che mai una realtà sempre crescente; con minime infrastrutture a terra e impatto acustico ridotto rispetto all ala fissa, l elicottero consente spostamenti rapidi ed efficienti. Qui s inserisce l impegno di ENAV che assiste il volo sui cieli italiani, compreso il traffico ad ala rotante che dovrà avere sempre più nel futuro le stesse infrastrutture (airside) attualmente disponibili per gli aeroplani. Fino ad oggi l uso dell elicottero è stato vincolato alle condizioni meteo,il maggior numero di voli infatti viene registrato nei periodi estivi. L operatività del mezzo legata alle VMC (Visual Meteorological Conditions) lo ha sempre messo in secondo piano rispetto al mondo dell ala fissa. Gli ultimi anni, però, hanno segnato lo sviluppo dell avionica di bordo che risulta spesso molto più avanzata di quella disponibile sui tipici wide-body commerciali. È proprio così che si aprono le porte del volo strumentale a questa categoria che ora è in grado di utilizzare anche tipi di navigazione più avanzata come l RNP. Nello sviluppo europeo, in ottica PBN(Performance Based Navigation, nuovo concetto di navigazione che si basa sulle capacità e la precisione di navigazione dell aeromobile.), l ENAV è tra i primi ANSP (Air Navigation Service Provider) ad aver elaborato ed implementato una rotta a bassa quota dedicata agli elicotteri con capacità IFR (Instrument Flight Rules). La rotta attraversa tutto il Nord Italia, da Torino fino a Venezia e viceversa. I primi test furono eseguiti già nel 2009 con l ausilio di elicotteri di produzione italiana della AgustaWestland, gli AW139. La realizzazione di questa rotta è frutto del lavoro svolto in collaborazione con l ente regolatore ENAC, e la partnership di AgustaWestland. Il contributo di ENAC è fondamentale soprattutto per la particolarità della materia (attualmente ancora poco definita) ed il suo futuro sviluppo. A tal proposito è stata elaborata l informativa per l utenza per mezzo AIC, già pubblicata dal 26 Gennaio Per ENAV questo è solo il primo passo verso la pubblicazione di procedure di avvicinamento strumentali dedicate, per gli aeroporti più trafficati dall ala rotante. L obiettivo è quello di creare una rete che consenta l utilizzo di questo mezzo, in condizione IMC (Instrument Meteorological Conditions), da un aeroporto all altro; il tutto senza compromettere la sicurezza del traffico ad ala fissa e mantenendo invariato, per quanto possibile, il livello di carico di lavoro per il personale operativo. Proprio per questo la rotta è stata progettata in modo da non interferire con i CTR (Control Zone) militari e ridurre al massimo le interferenze con le procedure strumentali delle aree terminali interessate. Il network dedicato agli elicotteri potrà inoltre facilitare la gestione, e quindi favorire nuovi flussi, di tutto quel traffico elicotteristico che si muove all interno di aeree particolarmente congestionate, come quelle di Roma e Milano. Grazie anche al lavoro di ENAV l EXPO 2015 di Milano, costituirà un ottima vetrina per tutto il settore aeronautico italiano, con un occhio di riguardo per quello elicotteristico. LA ROTTA IN PILLOLE: La rotta attraversa tutto il Nord Italia, percorrendo circa 205NM ed è divisa in 8 tratte. La quota operativa è 4000/5000ft rispettivamente Eastbound e Westbound. Tale scelta è stata dettata Studio Interagenze Rotte. 8 dalla necessità di evitare zone a rischio ghiaccio. La specifica di navigazione RNP 2 riduce l incertezza della posizione durante il volo fino a 4NM di ampiezza rispetto alla rotta nominale di navigazione. Proprio così è stato possibile inserirla, in modo sinergico, all interno di uno spazio aereo complesso come quello italiano, in particolare nel nord Italia, laddove coesiste traffico GAT e OAT. I numerosi CTR militari, le svariate aree regolamentate utili attività dei velivoli militari, hanno reso il lavoro molto impegnativo. Sono state valutate le attuali procedure di volo e in particolare le holding per consentire, in caso di necessità, la gestione del traffico su base tattica. Inoltre, ogni giorno vengono sottoposte ad analisi tutte le nuove procedure di volo per ridurre al minimo le interagenze con la nuova rotta. Nel corso dei quattro anni di lavoro, il percorso della rotta è stato rivisto e modificato numerose volte, in funzione degli attuali flussi di traffico, fino a presentarsi come mostra la figura in basso. La rotta s incunea tra i vari CTR militari e non, evitando le zone P,R,D (come R103 Suzzara), perseguendo l obiettivo di non gravare sulla gestione del traffico ad ala fissa e di rispettare le separazioni previste. Le analisi dei flussi e delle interagenze vengono eseguite applicando gli standard imposti dall ente regolatore, ENAC, pubblicati sul documento ATM-06. Nell ottica della sicurezza delle operazioni, la rotta è stata sviluppata totalmente al di sopra della copertura radar nominale, fattore che consente di gestire al meglio anche le situazione di contingecy. l

9 n 3 - Marzo 2012 CLEARED NEWS di Luca Morelli Funzione Comunicazione Interna ed Editoria ENAV L EUROPARLAMENTARE MARINESCU VISITA L ACC DI ROMA L Europarlamentare e membro della Commissione Trasporti e Turismo del Parlamento europeo e relatore del Single European Sky II, Marian-Jean Marinescu, ha visitato il Centro di Controllo d Area (ACC) ENAV di Roma. L On. Marinescu è stato accolto e guidato nella visita dall Amministratore Unico di ENAV, Massimo Garbini e dal responsabile delle Attività Internazionali, Iacopo Prissinotti, che hanno illustrato la struttura operativa e le principali tematiche internazionali in cui la Società è direttamente coinvolta, Single European Sky e BLUE MED in particolare. L On. Marinescu ha apprezzato molto l alto livello tecnologico di ENAV e si è complimentato con Garbini per le performance raggiunte dal service provider italiano riconosciute a livello europeo ormai da diversi anni. l ENAV OSPITA PRESSO L ACC DI BRINDISI IL 9 MEETING DEL SOUTH EAST AXIS DI EUROCONTROL Lo scorso marzo, ENAV ha ospitato presso l ACC di Brindisi il South East Axis 2012, evento significativo voluto da EUROCONTROL per la gestione delle problematiche relative ai flussi di traffico lungo la direttrice europea Nord Ovest/Sud Est (Area Balcanica). Dopo il benvenuto del responsabile dell ACC, Bartolomeo Pinto, e l introduzione dell FMP Manager dell ACC Brindisi Joseph Massaro, il Chairman dell evento, Keith Crawford, insieme ai suoi partner, i rappresentanti delle Compagnie aeree, i Provider dei servizi di navigazione aerea ed in particolare gli FMP Manager degli ACC coinvolti, hanno analizzato gli attuali scenari ATFCM, evidenziando le difficoltà e le azioni di remedial messe in campo, ipotizzando possibili soluzioni per la prossima stagione estiva. L analisi degli scenari ha evidenziato il difficile contesto nazionale ed internazionale, caratterizzato dalla persistente crisi economica e finanziaria che oggi incombe sulle prospettive di crescita del sistema trasporto aereo. Nell ambito della direttrice sud est europea, per quanto di interesse di ENAV, ci si attende un lento ritorno alla normalità dopo le note penalizzazioni derivanti dalla congiuntura internazionale (spazio aereo chiuso in nord Africa e crisi greca): in tale ambito assume rilievo la ormai avviata normalizzazione della situazione libica (accordo ENAV-LCAA). In ambito operativo sono state trattate alcune problematiche connesse al non rispetto della Flight Level Adherence e della Flight Efficiency, analizzando anche scenari alternativi, Staffing, Unit Rates, Fuel Prices etc, con l impegno da parte di tutti a ridurre i ritardi. l L AERONAUTICA MILITARE ED ENAV SOTTOSCRIVONO UNA DICHIARAZIONE D INTENTI L Aeronautica Militare ed ENAV hanno sottoscritto lo scorso marzo la Dichiara - zione d Intenti per l avvio di una collaborazione con l obiettivo di analizzare il potenziale di Interoperabilità Sistemica nazionale National Interoperability and Data Management, aperta verso una successiva armonizzazione su scala multinazionale. Il documento, sottoscritto dal Generale di Squadra Aerea, Carlo Magras si, per l Aeronautica Militare e da Giovanni Torre per ENAV, prevede uno sforzo comune per comprendere e identificare l ambito di applicabilità del concetto di Interoperabilità Sistemica nazionale per supportare l affermazione del sistema Paese in un contesto di piena collaborazione civile-militare. Ciò non solo in relazione alle reciproche esigenze nei domini dei Ser vizi della Navigazione Aerea, di Gestione del Traffico Aereo e della Difesa ma, con una prospettiva di grande rilevanza statale e industriale, con la previsione di una condivisione degli obiettivi per uno stretto coordinamento e cooperazione con altri significativi domini e istituzioni in ambito nazionale quali, a mero titolo esemplificativo, oltre ovviamente l ENAC, quelli di Protezione Civile, Sanità, Ordine Pubblico e Tele - comunicazioni. l INCONTRO ENAV E AGENZIA FEDERALE RUSSA SU DATA-LINK ENAV ha incontrato a Roma a marzo scorso i rappresentanti della FATA (Federal Air Transport Agency), l agenzia federale russa del trasporto aereo. La visita è stata un importante occasione di confronto per i rappresentanti dell autorità e dell industria russa e gli esperti di ENAV tra cui anche l AU, Massimo Garbini, che ha salutato la delegazione presso la Sede centrale della Società, sui rispettivi piani di sviluppo ed implementazione delle future tecnologie, con particolare attenzione ai sistemi di comunicazione Data- Link. La cooperazione con le autorità russe riveste un importanza strategica per la Società, che è già in una posizione di leadership in Europa e nei rapporti con la FAA statunitense. La collaborazione con le autorità della Federazione Russa, impegnate in un ambizioso programma di 9 ammodernamento dei propri centri e dell infrastruttura tecnologica, rappresenta un utile strumento per la condivisione dei rispettivi piani nazionali e regionali (SESAR per l Europa) al fine di assicurare l allineamento tra le tecnologie utilizzate in Europa e quelle utilizzate nel vastissimo territorio russo. La delegazione russa ha anche avuto l occasione di visitare l ACC di Roma, apprezzando il sistema in uso nonché i piani che prevedono la prossima introduzione nelle sale operative di ENAV delle tecnologie Data-Link e Modo S. l

10 C ontinuando il tema del precedente articolo, nel quale avevamo fatto cenno all impegno di ENAV di garantire la formazione al TEM (Threat and Error Management) a tutti i controllori, approfondiamo ruolo e importanza delle c.d. Competenze Non Tecniche (Non Technical Skill - NTS), cioè decision-making, situation awareness, leadership e comunicazione. Abbiamo visto come anche la presenza di visitatori in una sala operativa, il modo di porsi rispetto agli ospiti, le reazioni dei controllori, abbiano costituito un fattore della mancata collisione tra due aerei. Appare evidente che, in quell episodio i margini di sicurezza sono stati infranti non per avarie tecniche nè a causa di gravi violazioni di procedure, ma per le risposte ad eventi che inducevano all errore e ponevano minacce al migliore svolgimento del lavoro del tipo distrazioni, stato d animo di risentimento e vergogna, incomprensioni e fraintendimenti. Le analisi relative a diversi settori industriali hanno mostrato che in sistemi complessi in cui vi è un interazione uomo-macchina, una percentuale variabile degli incidenti (fino all 80%) ha a che fare con l errore umano, che, unitamente alle problematiche connesse al lavoro di gruppo,risulta essere causa di un numero di incidenti maggiore rispetto ai malfunzionamenti delle apparecchiature tecniche. Da ciò discende la necessità di comprendere i comportamenti umani associati alle singole operazioni e in particolare quelli di chi opera al front-line (grosso modo quella che noi chiamiamo la linea operativa) dell organizzazione. Gli errori umani non possono essere eliminati, ma è possibile individuarli, minimizzarli e mitigarli favorendo la diffusione di Competenze Non Tecniche, le NTS appunto, utili alla gestione dei rischi e delle richieste provenienti dai compiti lavorativi. In sostanza le Competenze Non Tecniche sono tutte quelle abilità che esulano dall expertise tecnica di una determinata professione ma che si rivelano altrettanto importanti non solo per la qualità ma soprattutto per la sicurezza dell attività. Trent anni fa si è verificata una serie di gravi incidenti aerei per i quali non è stato possibile individuare una causa tecnica primaria. Ciò ha costretto gli investigatori a ricercare altri fattori contribuenti.il più famoso è tuttora l incidente di Tenerife del LE COMPETENZE NON TECNICHE DEL PERSONALE OPERATIVO INCIDENTI NON-TECNICI IN AVIAZIONE di Roberto Di Carlo Responsabile Funzione Safety e Security ENAV Il KLM è in corsa di decollo mentre il Pan Am tenta di uscire dall intersezione numero 4 avendo superato la numero 3 che, secondo le istruzioni della torre di controllo, avrebbe dovuto prendere. TENERIFE Alle 17:06 del 27 marzo 1977, due Boeing 747 si sono scontrati sulla pista dell aeroporto di Los Rodeos, a Tenerife. I jet coinvolti erano stati dirottati a Tenerife a causa di un attentato terroristico a Las Palmas.Dopo diverse ore l aeroporto di Las Palmas era stato riaperto e gli aerei si erano preparati per ripartire dal congestionato (a causa degli aerei dirottati), e in quel momento nebbioso, aeroporto di Los Rodeos. Il 747 della KLM si era posizionato alla fine della pista di decollo e stava aspettando l autorizzazione del controllo del traffico aereo. Al Pan Am era stato richiesto di rullare sulla pista di decollo e poi di uscire su una via di rullaggio. In quel momento, il KLM aveva ricevuto l autorizzazione dal controllo del traffico aereo per la rotta che doveva seguire ma non aveva ancora ricevuto l autorizzazione per iniziare il decol- 1 Il Flight Engineer o tecnico di volo è un membro dell equipaggio (membro di condotta) di aerei civili e militari, identificato anche come CM3 (Crew Member).È addetto al controllo e gestione di tutti gli impianti di bordo, tra cui controllo di spinta dei motori, regolazione della pressurizzazione e del condizionamento, distribuzione e trasferimento del carburante, impianto elettrico ed è integrato con i due piloti per la gestione della navigazione, delle radiocomunicazioni, delle procedure normali, anormali e di emergenza.sugli aerei di linea moderni non è più prevista questa figura professionale (opera soltanto sugli anziani DC-8, DC-10, Airbus A300, Boeing 707, Boeing 727, Boeing 747 Jumbo ancora in operazioni) mentre è impiegata, con mansioni analoghe a quelle citate, sullo Space Shuttle. 10

11 valutazioni periodiche basate sull osservazione e sul controllo dei comportamenti operativi. Come era stato applicato in aviazione? Relazione tra Non-Technical Skill e Mancati Incidenti lo. Pare che il comandante del KLM avesse scambiato tale messaggio come un autorizzazione al decollo, liberando il freno e, nonostante il copilota avesse detto qualcosa, continuando a far accelerare l aereo sulla pista.a causa della nebbia, l equipaggio del KLM non era riuscito a vedere che il Pan Am 747 stava rullando sulla pista dritto verso di loro. Nessuno dei due jet era in vista della torre di controllo. Il Flight Engineer 1 (pag. 10) del KLM, nel sentire una chiamata radio proveniente dal Pan Am, aveva espresso il dubbio che l aereo americano non fosse ancora uscito dalla pista, ma venne subito zittito dal comandante. Dieci secondi prima della collisione, l equipaggio del Pan Am era stato avvertito del decollo del KLM, ma troppo tardi per riuscire a spostare il proprio aereo fuori dalla pista di decollo. Tutti i 234 passeggeri e i 14 membri dell equipaggio del KLM e 335 passeggeri su 396 a bordo del Pan Am morirono. Le investigazioni di safety dell incidente rilevarono problemi connessi alle comunicazioni con il controllo del traffico aereo, al coordinamento dei membri del team di lavoro a bordo, alle valutazioni di decision-making, alla stanchezza e ai comportamenti del leader (comandante) ossia proprio le scarse NTS avevano costituito fattori contributivi rilevanti all accadimento. Non fu un caso isolato.sono avvenuti altri incidenti aerei che non facevano rilevare fallimenti tecnici particolari.la United Airlines fece registrare una serie di eventi di pericolo alla fine degli anni 70, la cui responsabilità venne attribuita a ciò che oggi chiamiamo errore umano. A causa dell aumento delle preoccupazioni su tali argomenti, nel 1979 venne promossa una conferenza alla NA- SA che coinvolse psicologi e piloti per discutere sulle modalità con cui identificare e gestire i fattori umani che favoriscono gli incidenti.il settore dell aviazione aveva il vantaggio di possedere un importante fonte di informazione, ovvero le registrazioni delle voci dei membri della cabina di pilotaggio contenute nella scatola nera, un dispositivo che era stato costruito sugli aerei moderni. Tali registrazioni rivelarono quanto detto dall equipaggio nei minuti precedenti e durante tali incidenti. Le analisi di queste conversazioni suggerirono la presenza di fallimenti a livello di leadership, uno scarso coordinamento del gruppo, processi comunicativi difettosi, mancanza di assertività, disattenzione, processi inadeguati di decision-making e limiti personali, generalmente legati allo stress e all affaticamento. Come nell ambito dell aviazione, le industrie ad alto rischio, i servizi di emergenza e le organizzazioni militari cominciano a comprendere che non possono gestire i problemi legati alla sicurezza basandosi unicamente sugli aspetti tecnologici e sulle competenze tecniche. Bisogna considerare altri aspetti relativi alle abilità dei lavoratori.l espressione NTS è utilizzata in diversi settori di attività, ma è stata introdotta nel comparto dell aviazione dalla Joint Aviation Authorities (JAA), ente che regolava l aviazione civile degli stati europei, e che identificava con il termine NOTECHS tra le materie del syllabus nella formazione obbligatoria dei piloti commerciali. La relazione tra NTS ed errore umano è illustrata nella figura che segue: la mancanza di NTS aumenta la probabilità che si verifichi un errore, il quale a sua volta accresce la probabilità che si generi un evento avverso. La presenza di buone abilità non tecniche (ad esempio, un elevata vigilanza, una comunicazione efficace, leader capaci di mantenere gli standard) può ridurre la probabilità di commettere errori e, conseguentemente, di provocare eventi di pericolo. Analizzando e apprendendo dai mancati incidenti è possibile acquisire nuove conoscenze in merito alle competenze e alle componenti comportamentali che determinano risultati negativi.come mostra la figura precedente, queste informazioni dovrebbero essere reinserite all interno dei sistemi di formazione, oltre che essere utilizzate per la conduzione delle IDENTIFICAZIONE E APPRENDI- MENTO DELLE NON-TECHNICAL SKILL IN AVIAZIONE A un certo punto, quindi, nel mondo dell aviazione si cominciò ad attivare una serie diversificata di programmi per l identificazione delle NTS-chiave.Queste competenze non costituiscono schemi comportamentali misteriosi o straordinari; infatti esse rappresentano delle abilità ben note che i piloti consideravano come parte essenziale della loro professione.ma, tradizionalmente, le NTS non venivano chiaramente esplicitate e venivano trattate tacitamente, di conseguenza si sono tramandate in modo informale da una generazione di piloti all altra. Gli studi sull identificazione di queste competenze sono stati commissionati dalle compagnie aeree e dalle autorità per permettere agli psicologi di condurre ricerche con i piloti sull individuazione di comportamenti affidabili.essi cominciarono a effettuare degli esperimenti nei simulatori di volo, a intervistare i piloti e ad analizzare i rapporti sugli incidenti con l obiettivo di scoprire quali aspetti contribuivano alla generazione degli errori o, per contro, erano efficaci per la prevenzione degli incidenti.una volta identificate le NTS, le compagnie aeree iniziarono a sviluppare specifici programmi di formazione che consentissero al personale di prendere consapevolezza dell importanza di queste abilità e di assumere le conoscenze di base necessarie al loro sviluppo e alla loro diffusione. Questi corsi inizialmente erano stati chiamati Cockpit Resource Management - CRM (Gestione delle risorse della cabina di pilotaggio), più tardi sono stati rinominati con Crew Resource Management (Gestione delle risorse dell equipaggio), coinvolgendo anche altri membri dell equipaggio come gli assistenti di volo.negli ultimi dieci anni, altri settori dell aviazione hanno cominciato a introdurre percorsi di formazione basati sui principi del CRM come nel caso dei controllori del traffico aereo la cui applicazione è denominata TRM Team Resource Management. Ci si è resi conto che il personale necessita non solo di acquisire conoscenze ma anche competenze. Pertanto gli operatori non devono più dimostrare soltanto di conoscere cosa fare ma devono tradurre efficacemente queste conoscenze nelle pratiche operative.quando si parla di performance operativa si intende un adeguata integrazione fra competenze tecniche, facenti parte del tradizionale percorso di formazione, e Competenze Non Tecniche oggetto di quest articolo. l 11

12 n 3 - Marzo 2012 LA PAROLA A... GERARDO PELOSI DIRETTORE GENERALE DELLA DIREZIONE GENERALE PER GLI AEROPORTI ED IL TRASPORTO AEREO DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI In qualità di Ufficiale (CP) ha prestato servizio presso la Capitaneria di Porto di Roma, rivestendo l incarico di Capo Sezione Naviglio, Proprietà Navale e Pesca. Ha comandato il porto petrolifero di Gela. Vice Responsabile dell Ufficio Affari Giuridici e Legislativi del Comando Generale delle Capitanerie di Porto. Ha ricoperto l incarico di Ufficiale Superiore Addetto al Ministro, presso il Gabinetto del Ministro della Marina Mercantile e svolto le funzioni di Capo della Segreteria Tecnica del Ministro. Ha rivestito l incarico di Capo della Segreteria Tecnica del Ministro dei Lavori Pubblici. È entrato a far parte dei ruoli del Ministero dei Lavori Pubblici ed è stato preposto alla Direzione Generale delle Opere marittime del Ministero dei Lavori Pubblici. Capo dell Ufficio Coordinamento Direttive CEE del Ministro dei Lavori Pubblici. Provveditore regionale alle Opere Pubbliche per il Trentino Alto Adige, organo decentrato del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Attualmente svolge l incarico di Direttore Generale della Direzione Generale per gli Aeroporti ed il Trasporto Aereo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Quali sono le Sue valutazioni sull impatto del Cielo Unico Europeo in particolare sul Piano delle Performance Nazionale in relazione alle tariffe per la gestione dello spazio aereo nazionale? La nuova regolamentazione europea per piani di prestazione non può che costituire un naturale ed indispensabile complemento al nuovo contesto operativo delineato dal processo di integrazione a livello comunitario, dall abbandono del sistema di full cost recovery e dallo sviluppo tecnologico dei sistemi di gestione delle rotte. Per quanto riguarda, specificatamente, l obiettivo di efficienza economica, la Commissione Europea ha previsto, nel triennio , una riduzione da 59,97 a 53,92 del tasso unitario medio per i soli servizi di navigazione di rotta, non essendo ancora intervenuto nel settore delle tariffe di terminale. L Italia, nell ultimo Piano delle Performance presentato, prevede una tariffa che da 71,38 debba scendere a 66,78, con un DUR (determinated unit rate) medio per anno del 2,7% (considerando solamente ENAV, si ha un DUR del 3%). Purtroppo, l andamento del traffico in questo primo scorcio del 2012 non fornisce segnali incoraggianti in merito al rispetto delle previsioni di traffico contenute nel Piano, con imprevedibili ricadute sul rischio traffico e, anche, sulle tariffe, in base a quanto previsto dalla normativa comunitaria. Il contesto economico nazionale e la crisi europea può, quindi, ingenerare difficoltà nell applicazione di detto sistema, anche per le possibili ricadute negative sull andamento del traffico stesso. Particolarità del Piano è il meccanismo dell incentivo bonus/malus, che prevede per ogni 0.01 minuti in più o meno di ritardo medio, a partire dalle soglie prefissate, un bonus/malus di 700 k, con un tetto verso l alto o il basso di 8 M per anno. L incentivo adottato dall Italia è l unico caso in Europa e, quindi, è tenuto particolarmente sotto osservazione dalla Commissione. Tema particolarmente delicato in questo settore è la tariffa di terminale che, sebbene non soggetta ancora alla procedura comunitaria, subirà, per effetto della legge di stabilità 2012, un notevole incremento (più del doppio), in conseguenza dell eliminazione dei contributi pubblici a partire dal luglio Questa Direzione ha segnalato la delicatezza della questione e si stanno valutando possibili interventi correttivi, quanto meno per limitare gli effetti della predetta manovra. È da notare che in Italia, in tema di contenimento dei costi, abbiamo precorso i tempi. Già dal Contratto di programma Stato/ENAV , è stato abbandonato il principio del cost recovery, prevedendo un sistema di efficientamento dei costi operativi. Ciò ha consentito ad ENAV di potersi rapidamente adeguare ai nuovi concetti che la normativa europea ha oggi introdotto. Nell ambito della normativa di settore ci può fornire qualche indicazione sul progetto di revisione della regolamentazione dei servizi della navigazione aerea e su altri progetti che si stanno portando avanti a livello di Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti? Attualmente è istituito, presso questo Ministero, un Gruppo di Lavoro per la revisione della normativa nazionale sulla fornitura dei servizi di navigazione aerea, con la partecipazione di qualificati rappresentanti di questa Amministrazione, di ENAC, ENAV ed Aeronautica Militare. L obiettivo è quello di mettere ordine in una normativa nazionale di settore ormai superata ed eccessivamente articolata, anche alla luce dell entrata in vigore, nel corso degli ultimi anni, delle normative europee sempre più puntuali e cogenti. Se tutto procederà per il meglio, è possibile ipotizzare, quindi, una normativa aggiornata e, auspicabilmente, più semplice e chiara che riguarderà alcune importanti aree quali la fornitura dei servizi, le tariffe, le prestazioni, lo spazio aereo ed anche il coordinamento tra Enti militari e Fornitori civili, nel rispetto delle regole europee. Come vede l evoluzione del ruolo degli ANSP europei, e quello di ENAV in particolare, nell Europa dei FAB? L Italia è leader del progetto FAB BLUE MED che vede direttamente coinvolte Malta, Grecia e Cipro ed indirettamente altri Paesi del Mediterraneo, e riveste quindi un ruolo di assoluto prestigio nella definizione del nuovo assetto europeo per la gestione degli spazi aerei. Di conseguenza, è certamente prevedibile un consolidamento del già riconosciuto ruolo di leadership del provider nazionale, in un processo di generale integrazione, quale quello richiesto dal Cielo Unico Europeo. In tale contesto, gli ANSP europei sono chiamati ciascuno a fornire il proprio contributo all efficientamento del sistema europeo di trasporto aereo. Gli stessi pillars del Cielo Unico, del resto, costituiscono una base di confronto comune su differenti tematiche che porteranno gli ANSP a migliorare il sistema, superando ogni eventuale divergenza sul piano tecnico, procedurale e politico. Inoltre, l importanza del ruolo svolto dall Italia e da ENAV in particolare, è dimostrata dal riconoscimento della Commissione Europea a Massimo Garbini, Amministratore Unico di ENAV, che è stato nominato Presidente dell ATM Network Management Board dell UE, con il pieno consenso dei vettori aerei, dei gestori aeroportuali, di tutti gli altri service provider europei nonché con il pieno supporto del Comitato per il Cielo Unico Europeo della UE, organo che riunisce i rappresentanti degli Stati e delle aviazioni civili e militari dei paesi membri dell Unione. l c l e a r e d Editore: ENAV SpA Massimo Garbini (Amministratore Unico) Consulta l archivio di Cleared online Cleared Direttore responsabile: Alessandro Di Giacomo Comitato editoriale: Massimo Bellizzi, Roberto Di Carlo, Francesco Fidenzoni, Iacopo Prissinotti, Elvira Savini Nicci,Vincenzo Smorto Redazione: Via Salaria, Roma. Tel Fax Coordinamento Editoriale: Luca Morelli In redazione: Francesco Fidenzoni, Luca Morelli Ha collaborato: Federico Maranghi (grafica) Impaginazione e stampa: Marchesi Grafiche Editoriali SpA Roma Registrazione Tribunale di Roma n. 526 del Numero chiuso in redazione il 30 Marzo 2012

su proposta del Ministro dei trasporti d'intesa con la Presidenza del Consiglio

su proposta del Ministro dei trasporti d'intesa con la Presidenza del Consiglio ALLEGATO IL CONSIGLIO DEI MINISTRI su proposta del Ministro dei trasporti d'intesa con la Presidenza del Consiglio e con Ministro dell economia e delle finanze Ministro dello sviluppo economico delibera

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

08.3. Attività. Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica

08.3. Attività. Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica 08.3 Attività Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica ENAV progetta per l aviazione civile tutte le procedure strumentali di volo e realizza la cartografia aeronautica. Il servizio comprende

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici Con la pubblicazione della IV edizione della Norma CEI 11-27: Lavori su impianti elettrici sono state introdotte alcune sostanziali modifiche rispetto alla precedente edizione che non è più applicabile

Dettagli

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano Finalità, metodo e strumenti 1 1. LE FINALITA DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI Il sistema di valutazione delle prestazioni

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA CONVENZIONE CONVENZIONE TRA - l Associazione ItaliaCamp, con sede in viale Pola, 12, 00198 Roma (di seguito, ItaliaCamp ), nella persona del Presidente Pier Luigi Celli, nato a Verucchio (Rimini) l 8 luglio

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

«Priority Setting: identificazione delle priorità tecnologiche Roma, 3-4 ottobre 2013. Tavolo tematico: Aerospazio

«Priority Setting: identificazione delle priorità tecnologiche Roma, 3-4 ottobre 2013. Tavolo tematico: Aerospazio PON GAT 2007-2013 Asse I Obiettivo Operativo I.4 Progetto «Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali)» «Priority

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Nei prossimi anni Roma sarà chiamata a competere in un contesto internazionale ed in uno scenario dominato da alcune macrotendenze

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

VIENE STIPULATO IL SEGUENTE PROTOCOLLO D INTESA

VIENE STIPULATO IL SEGUENTE PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PARTENARIATO PUBBLICO / PRIVATO A FAVORE DELLA MOBILITA EUROPEA GEOGRAFICA E PROFESSIONALE DEI LAVORATORI NELL AMBITO DEL PROGRAMMA COMUNITARIO EURES (EUROPEAN

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Negli anni abbiamo operato in molte realtà industriali ed insieme costituiamo un gruppo di lavoro molto affiatato e collaudato.

Negli anni abbiamo operato in molte realtà industriali ed insieme costituiamo un gruppo di lavoro molto affiatato e collaudato. CHI SIAMO La PROGETTI S.r.l., con sede a Mantova, è stata creata nel marzo del 1993, da professionisti che sin dal 1987 hanno operato all interno del Gruppo Eni (Stabilimenti di Mantova, Ferrara, Porto

Dettagli

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE

DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Pagina 1 di 10 COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO DOCUMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 28 del 27.02.2013 Si attesta che il presente

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006

Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006 Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006 a cura di Maria

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane

Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane Quadro di riferimento Le opzioni per le aziende per crescere e garantirsi continuità incrementano: si acquisiscono imprese o

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008 Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG L infortunio è una tragedia e una sconfitta, una tragedia per le conseguenze che trascina,

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE NELL AMBITO DELL ESAME CONGIUNTO DEI DDL 1110, 1410 E 1544

AUDIZIONE INFORMALE NELL AMBITO DELL ESAME CONGIUNTO DEI DDL 1110, 1410 E 1544 AUDIZIONE DELLA FEDERAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELL AEROSPAZIO, DIFESA E SICUREZZA () E DELL ASSOCIAZIONE PER I SERVIZI, LE APPLICAZIONI E LE TECNOLOGIE ICT PER LO SPAZIO () AUDIZIONE INFORMALE NELL

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

IVU IL NUOVO SISTEMA LA SITUAZIONE ATTUALE

IVU IL NUOVO SISTEMA LA SITUAZIONE ATTUALE FILT Lombardia Fed er azion e Italiana Lavorat ori Trasporti IL NUOVO SISTEMA IVU LA SITUAZIONE ATTUALE I Turni del personale di macchina e bordo sono da sempre costruiti successivamente alla definizione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo.

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo. MASTER si propone come facilitatore nella costruzione e pianificazione di strategie di medio e lungo termine necessarie ad interagire con gli scenari economici e sociali ad elevato dinamismo. Vuole rappresentare

Dettagli

SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011

SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011 SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011 Risultati 2011 in crescita rispetto all esercizio 2010 Ricavi gestionali 1 : 579,3 milioni di Euro (+5,3%) EBITDA gestionale 1

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il vento: energia per le idee

Il vento: energia per le idee Il vento: energia per le idee Essere manager delle energie rinnovabili: l energia eolica CORSO DI FORMAZIONE ROMA 19-22 MAGGIO 2009 Introduzione Diverse sono le problematiche che devono affrontare coloro

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011 Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA Oggetto:- Apertura conflitto di lavoro a livello Nazionale.- Ormai da tempo si denota una preoccupante indifferenza

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Intervento Giuseppe Castelli Vice Presidente Assolombarda Seminario LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Sala Falck Assolombarda 10 febbraio 2009 Tutte le relazioni

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli