OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa"

Transcript

1 Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

2 CONSUMO E PRODUZIONE ATTIVITA ECONOMICA ATTIVITA DI CONSUMO ATTIVITA' DI PRODUZIONE UNITA DI CONSUMO UNITA' DI PRODUZIONE OFFERTA DOMANDA FAMIGLIE Consumatori MERCATO IMPRESE DOMANDA OFFERTA TIPOLOGIE DI AZIENDE AZIENDE DI CONSUMO OBIETTIVO - APPAGAMENTO DIRETTO DEI BISOGNI MEZZO - PROCACCIAMENTO DEI BENI CARATTERISTICA - INCAPACITA' PROPRIA DI ESISTENZA

3 TIPOLOGIE DI AZIENDE AZIENDE DI PRODUZIONE OBIETTIVO - RENDERE DISPONIBILI BENI E SERVIZI PER APPAGARE I BISOGNI MEZZO - PRODUZIONE DI BENI E SERVIZI CARATTERISTICA - CAPACITA' PROPRIA DI ESISTENZA CARATTERISTICA DELLE IMPRESE SVOLGONO COME ATTIVITA PREPONDERANTE LA PRODUZIONE PER LO SCAMBIO DI MERCATO ACQUISIZIONE DI FATTORI PRODUTTIVI CESSIONE DI PRODOTTI E SERVIZI

4 CARATTERISTICHE DELLE IMPRESE INSIEME DI ELEMENTI DIVERSI INSIEME DI ELEMENTI CORRELATI ENTITA COMPLESSA REALIZZARE E VENDERE PRODOTTI E SERVIZI SISTEMA DELL'IMPRESA INPUTS FATTORI PRODUTTIVI VINCOLI E CONDIZIONAMENTI IMPRESA PROCESSI DI TRASFORMAZIONE OUTPUTS PRODOTTI E SERVIZI VINCOLI E CONDIZIONAMENTI MERCATO AMBIENTE

5 SISTEMA DELL'IMPRESA CARATTERISTICHE L'INSIEME E' DIVERSO DAGLI ELEMENTI COSTITUTIVI * ELEMENTI COORDINATI SISTEMA SOCIALE (ELEMENTO UMANO) SISTEMA FINALIZZATO AD OBIETTIVI SISTEMA APERTO (AMBIENTE - MERCATO) SISTEMA DINAMICO * INTERAZIONE CON AMBIENTE/MERCATO SISTEMA ARTICOLATO IN SUB-SISTEMI * INTERAZIONE TRA SUB-SISTEMI INPUTS DEL SISTEMA FATTORI PRODUTTIVI - CAPITALE TIPO: MEZZI MONETARI - MEZZI PRODUZIONE VINCOLO: PIENO RISCHIO - RISCHIO LIMITATO - LAVORO TIPO: DIPENDENTE - AUTONOMO VINCOLI E CONDIZIONAMENTI AMBIENTALI

6 INPUTS DEL SISTEMA ALTRI INPUT DEL SISTEMA - NORME DI LEGGE - VINCOLI SINDACALI - VINCOLI CULTURALI - VINCOLI ECOLOGICI - VINCOLI TECNOLOGICI - VINCOLI DEL SISTEMA ORGANIZZATIVO PUBBLICO * TELECOMUNICAZIONI * TRASPORTI * BUROCRAZIA - ALTRI OUTPUTS DEL SISTEMA PRODOTTI E SERVIZI VINCOLI E CONDIZIONAMENTI AMBIENTALI - CONDIZIONAMENTI CULTURALI - CONDIZIONAMENTI ECOLOGICI - CONDIZIONAMENTI TECNOLOGICI - ALTRI

7 FLUSSI DELLA GESTIONE FLUSSI ECONOMICI SI RIFLETTONO IN SCAMBI MONETARI SCAMBI CON IL MERCATO ACQUISTI VENDITE COSTI USCITE ENTRATE RICAVI ASPETTO MONETARIO ASPETTO ECONOMICO

8 AMBIENTE AMBIENTE FISICO-NATURALE AMBIENTE POLITICO-LEGISLATIVO AMBIENTE ECONOMICO AMBIENTE CULTURALE AMBIENTE SOCIALE CONDIZIONAMENTI - GEOGRAFICI - DEMOGRAFICI INPUTS AMBIENTE FISICO-NATURALE - DISPONIBILITA' MATERIE PRIME - UBICAZIONE RISORSE - TRASPORTI - COMUNICAZIONI - LOCALIZZAZIONE DEMOGRAFICA OUTPUTS - UTILIZZO DI RISORSE NATURALI - INQUINAMENTO AMBIENTALE - MODIFICA DEL CLIMA - MODIFICHE DEMOGRAFICHE

9 CONDIZIONAMENTI - VALORI CULTURALI - TECNOLOGIE INPUTS AMBIENTE CULTURALE - LIVELLO DI SCOLARITA - IDEOLOGIE SOCIO-ECONOMICHE - ETICA RELIGIOSA - EVOLUZIONE MANAGEMENT - EVOLUZIONE CULTURALE OUTPUTS - EVOLUZIONE CULTURALE - EVOLUZIONE MANAGEMENT AMBIENTE CULTURALE INFLUENZA I MODELLI DI MANAGEMENT CON RIFERIMENTO A - STRUTTURE ORGANIZZATIVE - STILI DI LEADERSHIP - MODALITA' DI ESECUZIONE DEL LAVORO

10 AMBIENTE SOCIALE CONDIZIONAMENTI - STRUTTURA DELLA SOCIETA - ORGANIZZAZIONE POLITICA - ORGANIZZAZIONE SINDACALE INPUTS - STRUTTURA DELLE CLASSI SOCIALI - MOBILITA' SOCIALE TRA CLASSI - TIPOLOGIE DI FASCE SOCIALI - PROBLEMI ETNICI - CLIMA SOCIALE OUTPUTS - MODIFICA CLASSI SOCIALI - TRASFORMAZIONE TESSUTO SOCIALE * REGIME POLITICO * ORDINAMENTO GIURIDICO AMBIENTE POLITICO-LEGISLATIVO CONDIZIONAMENTI - MODELLO POLITICO - CLIMA POLITICO INPUTS - STRUTTURA POLITICA - LEGISLAZIONE GENERALE - LEGISLAZIONE SPECIFICA OUTPUTS - INFLUENZA POLITICA

11 AMBIENTE ECONOMICO o CONDIZIONAMENTI MODELLO ECONOMICO ECONOMIA DI MERCATO ECONOMIA PIANIFICATA ECONOMIA MISTA o INPUTS STRUTTURA ECONOMICA PRODOTTO NAZIONALE TASSI DI SVILUPPO TASSI DI INTERESSE o OUTPUTS INFLUENZA ECONOMICA

12 MANAGEMENT ORGANIZZAZIONE GESTIONE EFFICIENZA ORGANIZZATIVA EFFICIENZA OPERATIVA * IDONEITA' STRUTTURA * IDONEITA' STRUTTURA ORGANIZZATIVA OPERATIVA * CORRETTE DIMENSIONI * CORRETTE DIMENSIONI STRUTTURA PRODUTTIVE CICLO DELLA GESTIONE ACQUISIZIONE DI CAPITALE - CAPITALE DI RISCHIO - CAPITALE DI DEBITO INVESTIMENTO IN ATTIVITA' - IMPIANTI - MAGAZZINO - CREDITI

13 CATENA DEL VALORE OGNI ATTIVITA' DI VALORE CONTRIBUISCE ALLA FORMAZIONE DEL VANTAGGIO COMPETITIVO ATTIVITA' DIRETTE ATTIVITA' INDIRETTE ATTIVITA' INFRASTRUTTURALI CATENA DEL VALORE SCOMPOSIZIONE IMPRESA IN ATTIVITA' DI VALORE E NON OGNI ATTIVITA' DI VALORE CONTRIBUISCE ALLA FORMAZIONE DEL VANTAGGIO COMPETITIVO ATTIVITA' DIRETTE ATTIVITA' INDIRETTE ATTIVITA' INFRASTRUTTURALI

14 CATENA DEL VALORE ATTIVITA' DI VALORE DIRETTE RICERCA E SVILUPPO - RICERCA DI BASE - SVILUPPO PRODOTTI - SVILUPPO PROCESSI PRODUZIONE - DIMENSIONI CAPACITA' PRODUTTIVA - APPROVVIGIONAMENTO - LAVORAZIONE MARKETING - PROMOZIONE - VENDITA - DISTRIBUZIONE FISICA - SERVIZIO POST-VENDITA CATENA DEL VALORE ATTIVITA' DI VALORE INDIRETTE - FAVORISCONO EFFICACIA - FAVORISCONO EFFICIENZA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE GESTIONE DELLE RISORSE INFORMATIVE

15 CATENA DEL VALORE ATTIVITA' INFRASTRUTTURALI - CONTRIBUISCONO AL SOSTEGNO DI TUTTA LA CATENA E NON DI SINGOLE ATTIVITA' PUBBLICITA' ESTERNA RAPPORTI CON LE COMUNITA' LOCALI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CATENA DEL VALORE RICERCA E SVILUPPO PRODUZIONE MARKETING CLIENTI FORNITORI RICERCA DI BASE SVILUPPO PROCESSI SVILUPPO PRODOTTI CAPACITA PRODUTTIVA APPROVVIG. MANUTENZIONE PUBBLICITA PROMOZIONE LOGISTICA ASSISTENZA PROFITTO GESTIONE DELLE RISORSE UMANE GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE GESTIONE DELLE RISORSE INFORMATIVE CLIENTI

16 EQUILIBRI DI GESTIONE GESTIONE VITALITA' ECONOMICA PROPRIA EQUILIBRIO FINANZIARIO EQUILIBRIO ECONOMICO ENTRATE E USCITE RICAVI COSTI + P.N. OBIETTIVI DEL MANAGEMENT OBIETTIVI LIQUIDITA' REDDITIVITA' CASH-FLOW UTILE CASH-FLOW STATEMENT STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO

17 CICLO DELLA GESTIONE ACQUISIZIONE DI CAPITALE - CAPITALE DI RISCHIO - CAPITALE DI DEBITO INVESTIMENTO IN ATTIVITA - IMPIANTI - MAGAZZINO - CREDITI - TITOLI EQUILIBRI GESTIONALI ECONOMICO - FLUSSI DI RICAVI - FLUSSI DI COSTI FINANZIARIO - MONETARIO - FLUSSI DELLE FONTI - FLUSSI DEGLI IMPIEGHI - FLUSSI DI ENTRATE - FLUSSI DI USCITE PATRIMONIALE - INVESTIMENTI - ATTIVITA - FINANZIAMENTI PASSIVITA

18 EQUILIBRIO ECONOMICO EQUILIBRIO ECONOMICO RISULTATO GESTIONE CORRENTE RISULTATO GESTIONE STRAORDINARIA RISULTATO NETTO SQUILIBRIO ECONOMICO RISULTATO GESTIONE CORRENTE RISULTATO GESTIONE STRAORDINARIA RISULTATO NETTO EQUILIBRIO FONTI EQUILIBRIO FINANZIARIO INVESTIMENTI 500 PATRIMONIO NETTO 300 DEBITI 200 SQUILIBRIO FONTI INVESTIMENTI 500 PATRIMONIO NETTO 50 DEBITI 450

19 EQUILIBRIO FINANZIARIO EQUILIBRIO FONTI - IMPIEGHI INV. LUNGO TERM. 500 INV. BREVE TERM. 50 FONTI LUNGO TERM. 500 FONTI BREVE TERM. 50 SQUILIBRIO FONTI - IMPIEGHI INV. LUNGO TERM INV. BREVE TERM. 50 FONTI LUNGO TERM. 50 FONTI BREVE TERM

20 AREE FUNZIONALI PIANIFICAZIONE MARKETING PRODUZIONE E LOGISTICA RICERCA E SVILUPPO FINANZA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO AREE FUNZIONALI AREE CARATTERISTICHE (AREE DI ATTIVITA' TIPICA) - RICERCA E SVILUPPO - MARKETING - PRODUZIONE E LOGISTICA AREE INTEGRATIVE (AREE DI SUPPORTO) - ORGANIZZAZIONE E PERSONALE - FINANZA AREE DI CONTROLLO E INFORMAZIONE (AREE UNIFICANTI) - PIANIFICAZIONE - AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO 1

21 AREE FUNZIONALI PIANIFICAZIONE - OBIETTIVI E STRATEGIE MARKETING - RELAZIONI IMPRESA - MERCATO PRODUZIONE E LOGISTICA - ORGANIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE RICERCA E SVILUPPO - CONOSCENZA AREE FUNZIONALI FINANZA - ACQUISIZIONE FONTI - VALUTAZIONE INVESTIMENTI ORGANIZZAZIONE E PERSONALE - ORGANIZZAZIONE * STRUTTURE ORGANIZZATIVE - PERSONALE * SELEZIONE E GESTIONE PERSONALE AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO - GESTIONE DELLE INFORMAZIONI - CONTROLLO 2

22 PIANIFICAZIONE PROCESSO DI - COSTRUZIONE DI SCENARI FUTURI - PREDISPOSIZIONE MEZZI IDONEI ORIZZONTE DI RIFERIMENTO - 3/5 ANNI AMBIENTE E MERCATO DA UNA PARTE VARIABILITA' CONDIZIONI MERCATO - STAGIONALITA - CICLICITA - ANDAMENTO CONGIUNTURALE - TENDENZA DALL ALTRA RIGIDITA DELL IMPRESA 3

23 PIANIFICAZIONE MOTIVI CHE INDUCONO LA PIANIFICAZIONE - GLOBALIZZAZIONE DEI MERCATI - DINAMISMO DEI MERCATI - ALTO GRADO DI SATURAZIONE DEI MERCATI - AUMENTO DELLA COMPETIZIONE - COMPLESSITA' DELLA PROGETTAZIONE DEI NUOVI PRODOTTI - ALTO RITMO DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA - DIMENSIONE DEGLI INVESTIMENTI NECESSARI - LIMITATA DISPONIBILITA' DI MATERIE PRIME - NECESSITA' DI SOTTRARSI AI CICLI CONGIUNTURALI DI SETTORE - VINCOLI DI NATURA SOCIO-POLITICA - RESPONSABILITA' SOCIALE IMPRESA FASI DEL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA E DELLA SUA PREVEDIBILE EVOLUZIONE DEFINIZIONE OBIETTIVI GENERALI DEFINIZIONE APPROCCIO CON STAKEHOLDERS DEFINIZIONE DEL BUSINESS ANALISI PROFILO COMPETITIVO DEL BUSINESS SCELTA MISSIONE DEL BUSINESS DEFINIZIONE STRATEGIE DI PORTAFOGLIO REDAZIONE DEL PIANO APPROVAZIONE DEL PIANO CONTROLLO DEL PIANO 4

24 PIANIFICAZIONE FASI DEL PROCESSO ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA E DELLA SUA PREVEDIBILE EVOLUZIONE - AMBIENTE GENERALE - SETTORE SPECIFICO - IMPRESA PIANIFICAZIONE ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA AMBIENTE GENERALE - AMBIENTE CULTURALE - AMBIENTE SOCIALE - AMBIENTE POLITICO-LEGISLATIVO - AMBIENTE ECONOMICO - AMBIENTE TECNOLOGICO - AMBIENTE FISICO-NATURALE TIPOLOGIE DI AMBIENTE - AMBIENTE STAZIONARIO - AMBIENTE CICLICO-RIPETITIVO - AMBIENTE DINAMICO 5

25 PIANIFICAZIONE ANALISI DEL SETTORE DOMANDA GLOBALE - FUNZIONE DEL PRODOTTO/SERVIZIO - SOSTITUIBILITA' - STABILITA' DELLA DOMANDA - POSIZIONE NEL CICLO DI VITA - DIMENSIONE E SVILUPPO - SEGMENTAZIONE DELLA DOMANDA OFFERTA GLOBALE - SEGMENTAZIONE MERCATO - CANALI DISTRIBUTIVI - LIVELLO TECNOLOGICO PIANIFICAZIONE ANALISI DEL SETTORE QUADRO COMPETITIVO - FATTORI CHIAVE DI SUCCESSO - COMPORTAMENTO CONCORRENZA - INTERVENTI PUBBLICI - OPINIONE PUBBLICA 6

26 PIANIFICAZIONE IMPRESA NEL SETTORE POSIZIONE DI MERCATO - QUOTA DI MERCATO - QUALITA' DEI PRODOTTI - POTENZIALE DI INNOVAZIONE - CONTROLLO FATTORI CRITICI ANALISI DELLA CONCORRENZA - DIFFERENZE COMPETITIVE - STRUMENTI COMPETITIVI - BARRIERE ALL'INGRESSO - BARRIERE ALL'USCITA PIANIFICAZIONE IMPRESA NEL SUO INTERNO ANALISI DELLE SINGOLE FUNZIONI - MARKETING - PRODUZIONE - RICERCA E SVILUPPO - PERSONALE E ORGANIZZAZIONE - FINANZA - SISTEMA INFORMATIVO QUADRO COMPLESSIVO DELL'IMPRESA 7

27 PIANIFICAZIONE ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA COSTRUZIONE DI SCENARI MULTIPLI PIANIFICAZIONE OBIETTIVI OBIETTIVI GLOBALI - SAGGIO DI REMUNERAZIONE A LUNGO TERMINE DEI FATTORI OBIETTIVI INTERMEDI - OBIETTIVI DI FUNZIONE - OBIETTIVI DI PROCESSO - OBIETTIVI DI PRODOTTO 8

28 PIANIFICAZIONE OBIETTIVI INTERMEDI MARKETING - ZONE GEOGRAFICHE - TARGET CONSUMATORI - TIPOLOGIE PRODOTTI/SERVIZI - PREZZI - VOLUMI DI VENDITA - MIX DEI PRODOTTI/SERVIZI - CANALI DISTRIBUTIVI - PUBBLICITA' E PROMOZIONE PIANIFICAZIONE OBIETTIVI INTERMEDI PRODUZIONE E LOGISTICA - QUANTITA' PRODOTTI/SERVIZI - QUALITA' PRODOTTI/SERVIZI - TASSO DI UTILIZZO IMPIANTI - INVESTIMENTI - PROCESSI PRODUTTIVI - COSTI DI PRODUZIONE 9

29 PIANIFICAZIONE OBIETTIVI INTERMEDI RICERCA E SVILUPPO - TIPO DI RICERCA - RISULTATI DELLA RICERCA - PROCESSI NUOVI - PRODOTTI NUOVI PERSONALE E ORGANIZZAZIONE - RICERCA DEL PERSONALE - FORMAZIONE - PIANI DI CARRIERA - RELAZIONI SINDACALI - STILE DI DIREZIONE - INCENTIVI PIANIFICAZIONE OBIETTIVI INTERMEDI FINANZA - CONTROLLO INVESTIMENTI - TIPOLOGIE DI FONTI - COSTO DEL CAPITALE - RISCHI DI CAMBIO - RISCHI DI TASSO - REDDITIVITA' - SITUAZIONE PATRIMONIALE - STRUTTURA PATRIMONIALE AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO - GESTIONE INFORMAZIONI - TEMPI DI ELABORAZIONE - INTEGRAZIONE SISTEMI 10

30 PERSONALE PIANIFICAZIONE OBIETTIVI SOCIALI - CONDIZIONI DI LAVORO - STABILITA' POSTI DI LAVORO - FORMAZIONE - PROFESSIONALITA' - VITA SOCIALE AMBIENTE ESTERNO - INQUINAMENTO - CERTIFICAZIONE QUALITA' - INFORMAZIONE - IMMAGINE AZIENDALE PIANIFICAZIONE RAPPORTI CON GLI STAKEHOLDERS STRUTTURA FINANZIARIA POLITICA DEI DIVIDENDI POLITICA OCCUPAZIONALE RAPPORTI CON I SINDACATI RAPPORTI CON CLIENTI RAPPORTI CON FORNITORI 11

31 PIANIFICAZIONE RAPPORTI CON GLI STAKEHOLDERS RAPPORTI CON LE ISTITUZIONI RAPPORTI CON COMUNITA LOCALI RAPPORTI CON L AMBIENTE RAPPORTI CON I MEDIA RAPPORTI CON L ERARIO PIANIFICAZIONE DEFINIZIONE DEL BUSINESS FUNZIONI D USO PRODOTTI E SERVIZI MERCATI E SEGMENTI DI CLIENTELA TECNOLOGIE UTILIZZABILI GRADO DI INTEGRAZIONE DELLA PRODUZIONE COMPETENZE DISTINTIVE 12

32 PIANIFICAZIONE ANALISI DEL PROFILO COMPETITIVO ANALISI DEL PROFILO COMPETITIVO - COSTO - DIFFERENZIAZIONE FATTORI CHIAVE DI SUCCESSO CONFRONTO CON LA CONCORRENZA VALUTAZIONE PUNTI DI FORZA VALUTAZIONE PUNTI DI DEBOLEZZA INDIVIDUAZIONE REAZIONI PIANIFICAZIONE MISSIONE DEL BUSINESS INDIVIDUAZIONE PERCORSO STRATEGICO - INGRESSO - SVILUPPO - DIFESA/SFRUTTAMENTO - DISINVESTIMENTO CORRISPONDENZA CON CICLO DI VITA DIVERSE IMPLICAZIONI ECONOMICHE DIVERSE IMPLICAZIONI FINANZIARIE 13

33 PIANIFICAZIONE CICLO DI VITA DEL PRODOTTO INTRODUZ. ESPANSIONE MATURITA' DECLINO PIANIFICAZIONE MATRICE POSIZIONAMENTO - ATTRATTIVITA TASSO DI SVILUPPO ALTO BASSO COSTI > RICAVI RICAVI > COSTI COSTI > RICAVI COSTI = RICAVI ALTA BASSA QUOTA DI MERCATO RELATIVA 14

34 PIANIFICAZIONE STRATEGIE DI PORTAFOGLIO DEFINIZIONE PORTAFOGLIO PRODOTTI/SERVIZI - CICLO DI VITA DEI SINGOLI PRODOTTI/SERVIZI - COMPATIBILITA ECONOMICO - FINANZIARIA - SISTEMA DI PRODOTTI/SERVIZI PIANIFICAZIONE PORTAFOGLIO PRODOTTI/SERVIZI VOLUMI DI VENDITA ANNI 15

35 STRATEGIE MARKETING PIANIFICAZIONE STRATEGIE FUNZIONALI - STRATEGIE OFFENSIVE (INTRODUZIONE) - STRATEGIE DI SVILUPPO (ESPANSIONE) - STRATEGIE DI DIFESA (MATURITA') - STRATEGIE DI SVINCOLO (DECLINO) - STRATEGIE DI RILANCIO (DECLINO) STRATEGIE DI PRODUZIONE - SVILUPPO INTERNO - ACQUISIZIONE AZIENDE - OUTSOURCING PIANIFICAZIONE REDAZIONE DEL PIANO PIANI DI FUNZIONE PIANO GLOBALE - PIANO ECONOMICO - PIANO INVESTIMENTI - PIANO FINANZIAMENTI - PIANO PATRIMONIALE 16

36 PIANIFICAZIONE ESECUZIONE DEL PIANO APPROVAZIONE DEL PIANO - CONTRATTAZIONE OBIETTIVI ESECUZIONE DEL PIANO - SINGOLE AREE FUNZIONALI PIANIFICAZIONE ESECUZIONE DEL PIANO CONTROLLO BUDGETARIO - REDAZIONE DEL BUDGET - INDIVIDUAZIONE SCOSTAMENTI - INDIVIDUAZIONE RESPONSABILI - AZIONI CORRETTIVE - AGGIORNAMENTO PIANO CONTROLLO CONSUNTIVO - BILANCIO D'ESERCIZIO - CONTABILITA' ANALITICA 17

37 CONTROLLO DIREZIONALE CONTAB. GENERALE BUDGET CONTAB. ANALITICA REPORTING DIREZIONALE INFORMAZIONI EXTRA-CONTAB. AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO INFORMATIVA ESTERNA - CONTABILITA E BILANCIO INFORMATIVA MANAGERIALE - CONTROLLO DI GESTIONE - CONTABILITA ANALITICA REPORTING 18

38 AMMINISTRAZIONE RILEVAZIONE DATI - CONTABILITA GENERALE GESTIONE PROCEDURE PRODUZIONE DI INFORMATIVA - BILANCIO - ADEMPIMENTI FISCALI - REPORTING - STATISTICHE VERIFICA OUTPUTS - INTERNAL AUDITING CONTROLLO DI GESTIONE BUDGET STRUMENTO DI PROGRAMMAZIONE A BREVE TERMINE COINVOLGE - STRUTTURA ORGANIZZATIVA - STILE DI LEADERSHIP - MECCANISMI PREMIANTI PRIMO ANNO DEL PIANO 19

39 ITER DI FORMAZIONE DEL BUDGET OBIETTIVI DEL PIANO OBIETTIVI DEL BUDGET BUDGET VENDITE BUDGET PRODUZIONE BUDGET ALTRE AREE BUDGET AZIENDA BUDGET DI VENDITA BUDGET DOCUMENTI BUDGET DELLE SCORTE BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET APPROVVIGIONAMENTI AREE FUNZIONALI BUDGET PERSONALE BUDGET ENTI CENTRALI BUDGET INVESTIMENTI BUDGET FINANZIARIO BUDGET ECONOMICO AZIENDA BUDGET PATRIMONIALE 20

40 BUDGET BUDGET DI VENDITA PREVISIONE RICAVI DI VENDITA - QUANTITA' - PREZZI - MIX PRODOTTI COSTI MARKETING - PERSONALE DI VENDITA - TRASPORTI A CLIENTI - PUBBLICITA' - SEDI COMMERCIALI - ASSISTENZA CLIENTI BUDGET BUDGET DELLE SCORTE POLITICA DELLE SCORTE - GIACENZE - PREZZI DI ACQUISTO - ROTAZIONE 21

41 BUDGET BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET DEI COSTI DI PRODUZIONE - QUANTITA' DA PRODURRE - LOTTI DI PRODUZIONE - EFFICIENZA PRODUTTIVA - INVESTIMENTI NECESSARI - QUALITA' PRODOTTO - LIVELLO DIFETTI BUDGET BUDGET DEGLI APPROVVIGIONAMENTI FABBISOGNI UNITARI DI MATERIE (DISTINTA BASE) DIMENSIONE LOTTI DI ACQUISTO RAPPORTI CON I FORNITORI COSTI DI LOGISTICA MATERIALI DI CONSUMO 22

42 BUDGET BUDGET DEL PERSONALE FABBISOGNO DI PERSONALE COSTO DEL PERSONALE PROGRAMMI DI ASSUNZIONE PROGRAMMI DI FORMAZIONE CARRIERE BUDGET BUDGET ENTI CENTRALI RICERCA E SVILUPPO - COSTO DEL PERSONALE - COSTI DI MATERIALI PER RICERCA FINANZA - COSTO DEL PERSONALE - DIVIDENDI - INTERESSI PASSIVI 23

43 BUDGET BUDGET ENTI CENTRALI AMMINISTRAZIONE - INVESTIMENTI HARDWARE - INVESTIMENTI SOFTWARE - COSTO DEL PERSONALE DIREZIONE GENERALE - COSTO DEL PERSONALE - COSTO SEDE BUDGET BUDGET INVESTIMENTI CAPITALE FISSO - INVESTIMENTI PER AREA FUNZIONALE - BUDGET GLOBALE DI AZIENDA CAPITALE CIRCOLANTE - INVESTIMENTI PER AREA FUNZIONALE - BUDGET GLOBALE DI AZIENDA 24

44 BUDGET BUDGET FINANZIAMENTI BUDGET FINANZIARIO - FONTI E IMPIEGHI - CONTROLLO STRUTTURA FINANZIARIA BUDGET DI TESORERIA - ENTRATE E USCITE DI CASSA (CONTROLLO LIQUIDITA') BUDGET BUDGET ECONOMICO - CONSOLIDAMENTO BUDGET DI FUNZIONE - CONTO ECONOMICO PREVISIONALE BUDGET PATRIMONIALE - STRUTTURA PATRIMONIALE PREVISTA 25

45 BUDGET CONTROLLO DEL BUDGET REDAZIONE CONSUNTIVI ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI (FEED-BACK) SCOMPOSIZIONE SCOSTAMENTI QUANTITA PRODOTTA PREZZO DI ACQUISTO EFFICIENZA UTILIZZO RISORSE ADATTAMENTO DEL BUDGET (FEED-FORWARD) 26

AREE FUNZIONALI PIANIFICAZIONE MARKETING PRODUZIONE E LOGISTICA RICERCA E SVILUPPO FINANZA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO

AREE FUNZIONALI PIANIFICAZIONE MARKETING PRODUZIONE E LOGISTICA RICERCA E SVILUPPO FINANZA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO AREE FUNZIONALI PIANIFICAZIONE MARKETING PRODUZIONE E LOGISTICA RICERCA E SVILUPPO FINANZA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO AREE FUNZIONALI AREE CARATTERISTICHE (AREE DI ATTIVITA'

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015 I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA Economia Aziendale CLASSE 5 SEZIONE: A Amm.Finanz.Mark. DOCENTE Antonio Barone ORE DI LEZIONE 8 Ore Settimanali STRUMENTI Con noi

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Dall'idea all'impresa. Dott.ssa Zifaro Maria 1

Dall'idea all'impresa. Dott.ssa Zifaro Maria 1 Dall'idea all'impresa BUSINESS PLAN Dott.ssa Zifaro Maria 1 Glossario dei principali termini economici e finanziari Ammortamento Saldo Attività Passività Bilancio d'esercizio Break-even point Profitto

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale.

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale. IL BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI Le strutture centrali riguardano le funzioni aziendali non coinvolte direttamente nel processo produttivo - distributivo. Tra queste ricordiamo: la direzione del personale;

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

Alcuni spunti relativi ad un nuovo Progetto D impresa (Startup)

Alcuni spunti relativi ad un nuovo Progetto D impresa (Startup) Alcuni spunti relativi ad un nuovo Progetto D impresa (Startup) L'idea Imprenditoriale e Le Persone Il Prodotto/Servizio Il Piano Di Marketing Il Piano Di Produzione Gli Aspetti Economico-Finanziari L'

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Indice PIANO STRATEGICO PROGRAMMAZIONE LA PIANIFICAZIONE AZIENDALE ACTION PLAN PIANO AZIENDALE IL BUSINESS PLAN FUNZIONI DEL BUSINESS PLAN DESTINATARI DEL BUSINESS

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione. Ringraziamenti dell Editore

Indice. Prefazione alla seconda edizione. Ringraziamenti dell Editore Indice Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XXI XXII Capitolo 1 Elementi di economia e organizzazione aziendale 1 1.1 La natura e il fine economici dell impresa 1 1.1.1

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

Costituzione dell azienda

Costituzione dell azienda START UP E PMI INNOVATIVE - DALL IDEA ALL IMPRESA: SVILUPPO E STRUMENTI NORMATIVI I vantaggi, le agevolazioni fiscali, i finanziamenti regionali Costituzione dell azienda Giovedì 26 novembre 2015 Gli Step

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Argomenti - Il controllo in azienda - Il controllo di direzione - Il controllo antecedente - Il controllo concomitante - Il controllo susseguente

Dettagli

Introduzione Azienda ed organizzazione

Introduzione Azienda ed organizzazione Introduzione Azienda ed organizzazione 1 L AZIENDA E IL SUO AMBIENTE AZIENDA: sistema aperto che instaura rapporti di input e output con l ambiente esterno, sociale e naturale Condizioni fondamentali per

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE II R

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE II R 1 CLASSE II R U.D. I credito e i relativi calcoli finanziari - I finanziamenti dell attività economica - Remunerazione del credito: l interesse - Compenso per l anticipata riscossione di un credito: lo

Dettagli

Master in General Management

Master in General Management Master in General Management CALENDARIO Cenni di contabilità e Controllo di Gestione Dott.ssa Annarita Gelasio Venerdì 12 novembre dalle 9,00 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 Finanza e Gestione Aziendale

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

La finanza e l intraprendere

La finanza e l intraprendere Istituto G. Sommeiller La finanza e l intraprendere Torino, 17 aprile 2015 Intervento: Dr. Giancarlo Somà L origine del fabbisogno finanziario Sfasamento del ciclo economico e del ciclo monetario 17 aprile

Dettagli

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1. 2. 3. 4. 5. La logica e i contenuti del Piano Le assumptions

Dettagli

Facoltà di Economia-sede di Forlì Corso di Economia Aziendale (CLEA) Introduzione allo studio dell Economia aziendale. Prof.

Facoltà di Economia-sede di Forlì Corso di Economia Aziendale (CLEA) Introduzione allo studio dell Economia aziendale. Prof. Facoltà di Economia-sede di Forlì Corso di Economia Aziendale (CLEA) Introduzione allo studio dell Economia aziendale Prof. Luca Mazzara A.A. 2004/2005 Economia aziendale: aspetti introduttivi L economia

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

5 L AZIENDA DI PRODUZIONE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

5 L AZIENDA DI PRODUZIONE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 5 L AZIENDA DI PRODUZIONE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 Due principali tipologie di aziende Tutte le aziende esercitano attività di acquisizione, produzione ed uso dei beni economici

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Piano di marketing internazionale

Piano di marketing internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CORSO DI MARKETING INTERNAZIONALE anno accademico 2004/2005 ISSUE 6: Piano di marketing internazionale Prof. Mauro Cavallone Dott.ssa Chiara Zappella Materiale didattico

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Economia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Economia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Economia Programmazione e controllo IL PROCESSO DI BUDGET prof. Pagina 1 di 58 IL PROCESSO DI BUDGET IN AZIENDA Pagina 2 di 58 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE DEL

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Programmazione e controllo

Programmazione e controllo Programmazione e controllo IL SISTEMA DI CONTROLLO DIREZIONALE: BUDGETING 1 IL BUDGET DELLE ALTRE AREE IL BUDGET GLOBALE 2 TIPOLOGIE DI COSTO SONO PREVALENTI I COSTI DEL PERSONALE, OSSIA STIPENDI IMPIEGATI

Dettagli

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, CONTROLLO DI GESTIONE (O DIREZIONALE), CONTROLLO OPERATIVO

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, CONTROLLO DI GESTIONE (O DIREZIONALE), CONTROLLO OPERATIVO PIANIFICAZIONE STRATEGICA, CONTROLLO DI GESTIONE (O DIREZIONALE), CONTROLLO OPERATIVO NECESSITA DI DISTINGUERE ALCUNI CONCETTI DELIMITAZIONE DEL CAMPO DI STUDIO INSERIMENTO NEL QUADRO COMPLESSIVO PIANIFICAZIONE

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, 20-21-22 Maggio 2008 Agenda Gli

Dettagli

IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CONTABILITÀ GESTIONALE

IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CONTABILITÀ GESTIONALE ISTITUTO TECNICO STATALE P. BRANCHINA ADRANO (CT) Programma Classe Quinta Sez. B IGEA Anno Scolastico 2013 2014 Prof. Angelo Leocata Materia d Insegnamento Economia Aziendale LE CARATTERISTICHE DELLE IMPRESE

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELL ATTIVITA DI ACCONCIATORE Pisa 16 marzo 2014 Pisa 16 marzo 2014 1 VALUTAZIONE-CONFRONTO RISULTATI DI DUE AZIENDE: Impresa A Impresa B CAPITALE INVESTITO 50 100

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Finanza aziendale per non specialisti

Finanza aziendale per non specialisti Corso Formazione Obiettivo Finanza aziendale per non specialisti I fondamenti della finanza aziendale sono indispensabili per completare le competenze di ogni manager con responsabilità aziendali. Il corso

Dettagli

Una gestione tipica aziendale: il magazzino. Prof. Luigi Trojano 1

Una gestione tipica aziendale: il magazzino. Prof. Luigi Trojano 1 Una gestione tipica aziendale: il magazzino Prof. Luigi Trojano 1 INDICE Aspetti della gestione tipica aziendale La gestione del magazzino La politica delle scorte Le scorte Scorta funzionale Scorta di

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

I processi di approvvigionamento

I processi di approvvigionamento azienda/fornitori I processi di acquisto/utilizzazione dei fattori produttivi correnti circuiti sempre aperti: flussi fisico tecnici ed economici (in entrata) flussi monetari-finanziari (in uscita) settore

Dettagli

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte II LA STRUTTURA DEL SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE definizione di una struttura organizzativa costruzione della struttura tecnico contabile attivazione del

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Programmazione disciplina: Tecniche professionali dei servizi commerciali. Impostare ed elaborare le scritture di assestamento.

Programmazione disciplina: Tecniche professionali dei servizi commerciali. Impostare ed elaborare le scritture di assestamento. MODULO 0 LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO E LA CHIUSURA DEI CONTI RISULTATI DI APPRENDIMENTO Impostare ed elaborare le scritture di assestamento. Elaborare le scritture di chiusura CONOSCENZE Il concetto di

Dettagli

IL PROCESSO DI BUDGETING

IL PROCESSO DI BUDGETING IL PROCESSO DI BUDGETING DAI BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI AL MASTER BUDGET BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI OGGETTO Tutte le aree funzionali non direttamente coinvolte nel ciclo operativo: amministrazione,

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Il Reporting Direzionale

Il Reporting Direzionale L offerta di consulenza di Professionisti per l Impresa www.piconsulenza.it A cosa serve il controllo individuare i fattori che determinano le performance misurare le performance informare i responsabili

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) Le operazioni di interna ed esterna gestione b) Le diverse fasi dell attività gestionale: - la fase della costituzione - la fase di funzionamento - la fase della

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 INDICE Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione Autori IX XVII XIX XXV PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 Capitolo 1 Sviluppo economico

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE E

IL CONTROLLO DI GESTIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE E IL BUDGET A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Il Processo di Budgeting Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100

Dettagli

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese.

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese. Modulo N: 01 TECNICA TURISTICA classe V L serale Prof. Franco Denominazione: Il Capitale Argomento: Teoria e pratica inerenti al capitale di un impresa in generale. sviluppare la capacità di comprensione

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo Giuridico Economico Aziendale (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali del progetto Sirio ) Tema di economia aziendale

Dettagli

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE Prof. Massimo Saita Direttore Istituto Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Università degli Studi di Milano Bicocca Professore ordinario

Dettagli

Il piano di marketing

Il piano di marketing Il piano di marketing I benefici di un piano aziendale (1) Il piano può essere uno strumento di comunicazione: nei confronti dei livelli superiori nei confronti dei livelli inferiori (perché possano capire

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali I Sistemi Informativi Direzionali I reporting direzionali Concezioni del controllo Concezione tradizionale valutare l efficienza, l onestà e la diligenza dei dipendenti Concezione moderna (p.e. Anthony)

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA FINANCE CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA Come le scelte operative, commerciali, produttive impattano sugli equilibri finanziari dell azienda CORSO EXECUTIVE CUOA FINANCE 1 fondazione cuoa Da oltre 50 anni

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

Logistica e sistemi informativi: il vantaggio strategico dell informazione

Logistica e sistemi informativi: il vantaggio strategico dell informazione Logistica e sistemi informativi: il vantaggio strategico dell informazione prof. Maurizio Pighin Dipartimento di Matematica ed Informatica Facoltà di Economia Università degli Studi di Udine Obiettivo

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Università degli Studi di Messina Facoltà di Ingegneria AA 2005/2006 Lezione n. 6 Prof. S. Loprevite Il sistema informativo aziendale 1 Sistema informativo Controllo di gestione Per attuare il controllo

Dettagli

Valutazione del merito creditizio criteri generali

Valutazione del merito creditizio criteri generali Valutazione del merito creditizio criteri generali Corso: Analisi di bilancio per indici e il rendiconto finanziario 1 1) L impresa L e il suo business La banca vuole comprendere la capacità competitiva

Dettagli