DOCUMENTO 15 MAGGIO (ai sensi dell art.5 del D.P.R.323 del 23/07/1998) CLASSE 5 a A SIA A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO 15 MAGGIO (ai sensi dell art.5 del D.P.R.323 del 23/07/1998) CLASSE 5 a A SIA A.S. 2014-2015"

Transcript

1 Istituto Tecnico Commerciale e per Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere V. Bachelet Via Mons. Ruggero Bovelli, 7/ FERRARA TEL. 0532/ ; FAX:0532/202365; Cod. Meccanografico FETD08000Q - Cod.Fisc DOCUMENTO 15 MAGGIO (ai sensi dell art.5 del D.P.R.323 del 23/07/1998) CLASSE 5 a A SIA A.S Pag. 1 di 36

2 Docenti IL CONSIGLIO DI CLASSE Disciplina Ore di lezione Cognome Nome Settimanali Annuali Bozzini Angela Matematica 3 99 Grandi Gabriella Italiano Grandi Gabriella Storia 2 66 Parisi M. Teresa Economia aziendale Zanardo Ornella Inglese 3 99 Lerza Patrizia Diritto 2 66 Lerza Patrizia Economia politica 3 99 Maranini M. Rita Informatica Mandrioli Marina Informatica laboratorio 2 66 Marani Lorena Scienze motorie 2 66 Rizzi Antonella Religione 1 33 Coordinatore: Lerza Patrizia GLI ALUNNI COGNOME NOME 1 ABUZAN IURIE 2 ANDREGHETTI LUCA 3 BENASSI FILIPPO 4 BENAZZI VITTORIO 5 BITAOUI MIRIAM 6 BITAOUI SARA 7 BRANCALEONI GIULIA 8 CAMPANELLA CHIARA 9 COBIANCHI ALESSANDRO 10 FERRARESI NICOLO 11 LUNGHI FABIO 12 MICHELINI CARLOTTA 13 MONTONCELLO SARA 14 MORETTI RICCARDO 15 MOTTA RICCARDO 16 NEGRI EDOARDO 17 NEGRI LUCA 18 PORA GIACOMO 19 PRANDO ALESSIA 20 RAVAGNANI MARTINA 21 RELLA CHIARA 22 SILVESTRI EDOARDO 23 STELLA ANNA 24 SQUARZOLA CRISTIAN 25 TELEAGA ANATOLIE Pag. 2 di 36

3 PRESENTAZIONE SINTETICA DEL PERCORSO DI STUDI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI L indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing, con le sue due articolazioni (SIA e RIM), si riferisce ad ambiti e processi essenziali per la competitività del sistema economico e produttivo del Paese, come quelli amministrativi, finanziari, del marketing e dei sistemi informativi aziendali di cui vengono approfonditi tecnologie e metodologie; in modo particolare, l articolazione Sistemi informativi aziendali approfondisce competenze relative alla gestione informatica delle informazioni, alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi, alla realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, della comunicazione in rete e della sicurezza informatica DISCIPLINE 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana Storia Lingua inglese Seconda lingua comunitaria 3 Matematica Informatica Economia aziendale Diritto Economia politica Scienze motorie e sportive Religione Cattolica o att. alternative Insegnante tecnico pratico in compresenza (3) (3) (3) Totale ore CARATTERISTICHE PRINCIPALI Due lingue straniere: Inglese e, fino alla classe terza, una seconda lingua comunitaria. Competenze informatiche avanzate per l utilizzo dei software applicativi d ufficio, con particolare riferimento al sistema di archiviazione (database e foglio elettronico); competenze relative all organizzazione della comunicazione in rete (siti web) e alla sicurezza informatica. NORMATIVA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO: 1. Il Piano dell Offerta Formativa; 2. il patto Educativo di Corresponsabilità fra Scuola-Studenti e Famiglie; 3. lo statuto delle Studentesse e degli studenti della scuola secondaria; 4. il Regolamento d Istituto; 5. il Regolamento di disciplina; 6. il Regolamento dei viaggi di istruzione, delle visite guidate e dei viaggi connessi all attività sportiva; 7. la Carta dei servizi. Il Consiglio di classe adotta come obiettivi i principi fondamentali specificati nel P.O.F. (pag.5). Per quanto riguarda le specifiche competenze, conoscenze e abilità disciplinari (triennio), si vedano i piani di lavoro dei singoli docenti. Pag. 3 di 36

4 IL PROFILO DELLA CLASSE La classe è composta da 25 allievi, 21 provenienti dalla 4 A Sia, 3 dalla 5 A Mercurio e 1 dalla 5 B Mercurio; si rileva la presenza di 8 allievi con un curriculum scolastico con almeno una ripetenza. Nel corso del triennio, il Consiglio di classe annota i seguenti fatti rilevanti: fruizione di continuità didattica: dalla classa quarta in poi c è stata continuità didattica in tutte le discipline poiché nessun insegnante del CdC è in possesso della certificazione C1 non è stato effettuato nessun percorso CLIL annotazioni sul comportamento: durante il secondo biennio, la classe, molto eterogenea, grazie alla presenza di un gruppo trainante, ha mantenuto compattezza e solidità, affrontando il percorso scolastico in modo sereno e costruttivo, con una buona collaborazione tra i compagni ed un adeguata capacità d interazione con i docenti anche in numerose attività extracurriculari, portate sempre a termine e con risultati soddisfacenti. Nel corso dell ultimo anno, tuttavia, c è stato un cambiamento nel delicato equilibrio della classe, dovuto anche, forse, alla non ammissione in quinta di alcuni allievi e all inserimento di nuovi compagni, non ammessi all esame. Il gruppo trainante non è stato più in grado di influenzare così positivamente la classe e sono emersi con più forza individualismi, differenze di comportamento e di approccio allo studio e alla vita scolastica nel suo complesso e questo ha finito per influire negativamente sul rendimento degli allievi più fragili e/o tendenzialmente meno collaborativi. caratteristiche del profitto conseguito: Il profitto complessivo è sufficiente, ma non deve trarre in inganno perché, se una parte della classe si è effettivamente impegnata in modo alterno e finalizzato solo al raggiungimento della sufficienza, l altra parte ha, invece, affrontato seriamente l impegno scolastico, studiando con continuità e approfondendo le discipline, anche per un reale interesse personale. In questo caso il rendimento è buono, con due allievi veramente eccellenti che emergono in modo netto all interno della classe e che sono stati costante punto di riferimento per i compagni, per i loro insegnanti e per i docenti al di fuori del Consiglio di classe, a causa della loro determinante partecipazione a numerose attività d Istituto. METODOLOGIE E STRUMENTI I docenti, nella specificità delle loro discipline, adottano le seguenti metodologie METODOLOGIE Lezione frontale, anche con sussidi multimediali Discussione guidata Lezione partecipata Lavoro di gruppo Attività di laboratorio Problem solving Attività di feedback Simulazioni di casi professionali Interventi di specialisti esterni DISCIPLINE Tutte Tutte Tutte Tutte Informatica, Economia Aziendale, Matematica, Lettere, Inglese Matematica, Diritto, Economia politica Tutte Informatica, Economia aziendale Diritto, Economia politica, Economia aziendale Pag. 4 di 36

5 I docenti, nella specificità delle loro discipline si avvalgono di seguenti strumenti STRUMENTI Testi, compreso quello in adozione Materiale audio-visivo, giornali, riviste, documenti Cd rom,dvd Software dedicato Calcolatrici e/o tabelle di calcolo Laboratori linguistici, informatici, scientifici Aula video, biblioteca, aula magna e palestra interna Visite guidate DISCIPLINE Tutte Tutte Inglese Informatica Matematica, Economia aziendale, Informatica Informatica, Inglese, Economia aziendale Matematica Tutte Economia aziendale VERIFICHE E VALUTAZIONE I docenti, nella specificità delle loro discipline usano quanto segue Modalità di valutazione Griglie Strumenti Discipline Prove Interrogazione tutte Verifiche formative per Tema Italiano controllare l adeguatezza Saggio breve Italiano dei processi di Analisi del testo Italiano insegnamento e di apprendimento Articolo di giornale Italiano Verifiche sommative per Relazione Italiano la classificazione del Trattazione sintetica Informatica profitto (solo conoscenze Prova strutturata e Tutte e abilità), alla fine di semistrutturata ogni unità didattica Risoluzione di problemi e casi professionali Informatica, Economia aziendale Prova pratica Informatica, Scienze motorie Traduzione Inglese Mappa concettuale Tutte Produzione di elaborati multimediali Informatica Le griglie di valutazione della condotta e del profitto sono riportate nel sito e nel P.O.F. (pag. 19 e 20). ATTIVITA DI RECUPERO Il Consiglio di classe, oltre al recupero curriculare effettuato da tutte le discipline durante l intero anno scolastico, ha utilizzato anche: Tipo intervento Studio autonomo Corso di recupero Disciplina Diritto, Economia Politica, Italiano, Storia Matematica, Informatica, Economia aziendale Pag. 5 di 36

6 VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE I seguenti alunni hanno frequentato corsi di approfondimento: Alunno corso Durata in ore Ferraresi Nicolò Inglese Inglese B1 corso presso Wall 20 Street Street Montoncello Sara Inglese B1 corso presso Wall 20 Street Pora Giacomo Inglese B2 20 Pora Giacomo Corso presso Wall Street B2 40 Stella Anna Inglese B1 corso presso Wall 20 Street Silvestri Edoardo Inglese B1 corso presso Wall Street 20 PROGETTI E ATTIVITA INTEGRATIVE 1. Olimpiadi della matematica - referente prof. Campini Marco (referente per la classe prof. Bozzini Angela) 2. Il quotidiano in classe - referente unico prof. Grandi Gabriella 3. Educazione alla salute. Classi quinte: educazione alla solidarietà Incontri con volontari AIDO,AVIS e ADMO- referente prof. Bianchi Brunella (referente per la classe prof. Marani Lorena) 4. Educazione alla solidarietà e alla pace. Classi quinte: giornata informativa sulle modalità di accesso al servizio civile, con testimonianze dirette di volontari del C.O.P.E.S.C. - referente prof. Scaglianti Davide (referente per la classe prof. Rizzi Antonella) 5. Lo spettacolo continui - referente unico prof. Grandi Gabriella: proiezioni cinematografiche Il giovane favoloso e The imitation game 6. Approfondimento lingue e certificazioni esterne - referente prof. Chiarioni Antonia (referente per la classe prof. Zanardo Ornella) 7. Orientamento Alma Diploma- Alma Orientati- referente unico prof. Bozzini Angela 8. Job Shadow : affiancamento imprenditore per produrre filmato di tre minuti- referente prof. Mandrioli Marina 9. Viaggio d istruzione a Strasburgo-Monaco di Baviera (referente prof. Parisi M. Teresa) 10. Partecipazione a due incontri con il prof. Fazioli dell università di Economia di Ferrara, sui temi relativi al business plan e sullo sviluppo sostenibile e pianificazione ambientale 11. Partecipazione alla conferenza del prof. Mascellani sul reddito fiscale d impresa 12. Incontro con alcuni rappresentanti Confartigianato e Città del ragazzo PROGRAMMI SVOLTI In allegato sono presenti i programmi didattici svolti per le singole discipline, con i commenti che i docenti abbiano ritenuto opportuni. Pag. 6 di 36

7 CLASSE: 5A DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE DOCENTI: MARIA TERESA PARISI ITP: MARINA MANDRIOLI Note sullo sviluppo del programma Il programma svolto rispetta, in linea di massima, quello preventivato. Si fa comunque presente che, per quanto riguarda l Unità relativa alle imprese bancarie, i contenuti affrontati sono stati semplificati, ridotti ed escluse le rilevazioni in PD. Presentazione della classe Per quanto attiene al profitto, si rileva una certa eterogeneità, la maggior parte della classe si è accontentata di risultati soltanto sufficienti limitando il proprio impegno nello studio in occasione delle verifiche e comunque in modo non sempre adeguatamente approfondito. Qualche allievo ha ottenuto un rendimento scolastico discreto, grazie ad una partecipazione all attività didattica costante e costruttiva, in fine non manca chi, grazie ad interesse per la disciplina, metodo di studio e attiva partecipazione al dialogo educativo, ha conseguito sempre brillanti risultati. Autori: Boni Robecchi Trivellato Editore: Scuola & Azienda Pag. 7 di 36

8 Contenuti disciplinari sviluppati per raggiungere gli obiettivi UNITA A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali Il bilancio d esercizio La clausola generale e i principi di redazione del bilancio La struttura del bilancio Lo Stato Patrimoniale IL Conto Economico UNITA B Le analisi di bilancio per indici e per flussi L interpretazione della gestione e le analisi di bilancio Le analisi di bilancio Le analisi per indici La metodologia delle analisi per indici La riclassificazione finanziaria dello Stato Patrimoniale La riclassificazione degli impieghi La riclassificazione delle fonti Il processo di rielaborazione La rielaborazione del Conto Economico La rielaborazione a valore aggiunto L analisi della struttura patrimoniale dell azienda La composizione degli impieghi La composizione delle fonti L analisi della situazione finanziaria L analisi della solidità L analisi della liquidità L analisi della situazione economica Gli indici di redditività Il coordinamento degli indici di bilancio L analisi del ROE L analisi del ROI Analisi di bilancio per flussi: concetti generali I concetti di fondo e di flusso I flussi di capitale circolante netto I vari tipi di variazioni La metodologia dell analisi dei flussi di capitale circolante netto La riclassificazione dello Stato patrimoniale Le variazioni reddituali Il flusso di Ccn della gestione reddituale Le variazioni finanziarie patrimoniali Il rendiconto delle variazioni di capitale circolante netto L interpretazione del rendiconto La sezione I del rendiconto La sezione II del rendiconto UNITA C Reddito d impresa Il reddito fiscale d impresa: principi generali I principi generali Dal reddito di bilancio al reddito fiscale I ricavi, le plusvalenze e le sopravvenienze attive I ricavi Le plusvalenze Le sopravvenienze attive La valutazione fiscale delle rimanenze Le rimanenze di magazzino Prodotti in corso di lavorazione Continuità dei valori delle rimanenze L ammortamento delle immobilizzazioni materiali Il valore ammortizzabile La misura dell ammortamento fiscale Le variazioni fiscali Le spese di manutenzione e riparazione La svalutazione fiscale dei crediti commerciali Pag. 8 di 36

9 UNITA D La pianificazione strategica e il sistema di programmazione e controllo della gestione La gestione strategica d impresa La gestione come attività programmata Concetto di strategia La pianificazione strategica Il controllo dei costi: la contabilità analitica I rendimenti dei fattori produttivi La contabilità analitica I costi nelle imprese industriali: classificazioni e configurazioni Le varie configurazioni di costo La metodologia del calcolo dei costi di prodotto La raccolta e la localizzazione dei costi L imputazione dei costi La contabilità analitica a costi pieni o full costing La contabilità a costi variabili o direct costing L activity based costing o metodo ABC I costi nelle decisioni aziendali Alcuni problemi di convenienza La break-even analysis Il controllo di gestione e i suoi strumenti Gli strumenti del controllo di gestione La contabilità a costi standard Il budget annuale e la sua articolazione La formazione dei budget settoriali Il budget delle vendite Il budget delle scorte e dei prodotti finiti Il budget della produzione Il budget dei consumi e il budget delle scorte di materie Il budget degli approvvigionamenti Il budget dei costi diretti Il budget dei costi generali di produzione Il budget delle rimanenze Il budget dei costi commerciali Il budget dei costi amministrativi e generali Il budget del risultato operativo Il budget degli investimenti e il budget finanziario Il budget generale d esercizio Il controllo budgetario e il sistema di reporting L analisi degli scostamenti nei costi Gli scostamenti nei costi diretti Il business plan: parte descrittiva Il business plan: il piano economico-finanziario IL SISTEMA FINANZIARIO E L ATTIVITA BANCARIA Le funzioni della banca Operazioni di raccolta: c/c di corrispondenza La tecnica del conto corrente: metodo scalare, procedimento amburghese Estratto conto Lo scalare interesse Liquidazione delle competenze Il fido e i finanziamenti alla clientela Istruttoria di fido Apertura di credito in conto corrente Sconto cambiario Il portafoglio salvo buon fine Gli anticipi su fattura Nel corso dell intero anno scolastico sono stati elaborati fogli di calcolo, utilizzando Excel, attinenti al programma svolto, nonché creazione di pagine HTML e utilizzo del software Zucchetti per la contabilità integrata. Pag. 9 di 36

10 CLASSE: 5A Sia DISCIPLINA: DIRITTO DOCENTE: PATRIZIA LERZA LIBRO DI TESTO Zagrebelsky, Oberto, Stalla, DIRITTO per il quinto anno Ed. Le Monnier Trucco NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA Il programma preventivato è stato interamente svolto. Il profitto complessivo è sufficiente; una parte della classe si è impegnata in modo alterno e finalizzato solo al raggiungimento della sufficienza, l altra parte ha, invece, affrontato seriamente l impegno scolastico, studiando con continuità e approfondendo le discipline, anche per un reale interesse personale. In questo caso il rendimento è buono, con due allievi veramente eccellenti. PROGRAMMA SVOLTO LO STATO Introduzione allo Stato; la nascita e le diverse forme di Stato; introduzione alla Costituzione; origine, caratteri e struttura della Costituzione; i principi fondamentali della Costituzione I DIRITTI E I DOVERI DEI CITTADINI I diritti della persona; i diritti individuali di libertà; i diritti collettivi di libertà; i doveri. L ORGANIZZAZIONE COSTITUZIONALE I principi della forma di Governo. IL PARLAMENTO. Il bicameralismo, la legislatura; la posizione dei parlamentari; l organizzazione interna delle Camere; i lavori delle Camere; il potere legislativo ordinario; la legislazione costituzionale; il referendum abrogativo. IL GOVERNO Aspetti generali; la formazione del Governo; il rapporto di fiducia; le crisi di Governo; struttura e poteri del Governo; i poteri legislativi; i poteri regolamentari. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Caratteri generali; elezione, durata in carica, supplenza; i poteri del Presidente della Repubblica; i decreti del Presidente della Repubblica e la Costituzione LA CORTE COSTITUZIONALE La giustizia costituzionale; struttura e funzionamento della Corte Costituzionale; il giudizio sulla costituzionalità delle leggi; i procedimenti, le sentenze; i conflitti costituzionali; il giudizio penale -costituzionale; il controllo sull ammissibilità del referendum I GIUDICI E LA FUNZIONE GIURISDIZIONALE I giudici e la giurisdizione; magistrature ordinarie e speciali; la soggezione dei giudici solo alla legge; l indipendenza della magistratura e il CSM; l indipendenza dei giudici; i caratteri della giurisdizione; le sentenze. IL DIRITTO AMMINISTRATIVO L amministrazione; i principi della pubblica amministrazione; l organizzazione amministrativa centrale; il Consiglio di Stato; l atto amministrativo; l invalidità dell atto amministrativo I caratteri del decentramento Pag. 10 di 36

11 CLASSE: 5A Sia DISCIPLINA: EC. POLITICA DOCENTE: PATRIZIA LERZA LIBRO DI TESTO Crocetti-Cernesi Economia pubblica: una questione di scelte ed. Tramontana NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA Il programma preventivato è stato interamente svolto. Il profitto complessivo è sufficiente; una parte della classe si è impegnata in modo alterno e finalizzato solo al raggiungimento della sufficienza, l altra parte ha, invece, affrontato seriamente l impegno scolastico, studiando con continuità e approfondendo le discipline, anche per un reale interesse personale. In questo caso il rendimento è buono, con due allievi veramente eccellenti. PROGRAMMA SVOLTO LA FINANZA PUBBLICA Caratteri; bisogni e servizi pubblici; le principali teorie sull attività finanziaria; le principali teorie sulle funzioni della finanza pubblica; gli obiettivi della finanza pubblica; nascita, sviluppo, crisi dello Stato sociale LE SPESE PUBBLICHE E LE ENTRATE PUBBLICHE Nozione; classificazione, effetti economici; l aumento tendenziale delle spese pubbliche Nozione; classificazioni; il patrimonio degli enti pubblici; le imprese pubbliche; i prezzi; imposte, tasse e contributi IL BILANCIO DELLO STATO Nozione; le funzioni del bilancio; i requisiti del bilancio; vari tipi di bilancio; il pareggio di bilancio; il bilancio annuale di previsione; il bilancio pluriennale di previsione; i documenti della programmazione di bilancio; la legge finanziaria; fondi di bilancio e assestamento; esecuzione e controllo del bilancio; la Tesoreria dello Stato L IMPOSTA Gli elementi dell imposta; imposte dirette ed imposte indirette; imposte reali ed imposte personali; imposte generali ed imposte speciali; imposte proporzionali, progressive, regressive; forme tecniche di progressività; le imposte dirette; le imposte indirette; la ripartizione dell onere dell imposta; la teoria della capacità contributiva; la discriminazione qualitativa dei redditi; la pressione tributaria; il drenaggio fiscale; gli effetti dell imposizione fiscale; l evasione fiscale; l erosione; l elisione; l elusione; la traslazione (caratteri generali); i principi giuridici ed amministrativi delle imposte LA FINANZA STRAORDINARIA Gli strumenti della finanza straordinaria; l emissione di moneta; la vendita dei beni patrimoniali dello Stato; l imposta straordinaria; i prestiti pubblici; debito fluttuante e debito consolidato; scelta tra imposta straordinaria e debito pubblico L ORDINAMENTO TRIBUTARIO ITALIANO La struttura del sistema tributario italiano; l anagrafe tributaria e il codice fiscale IRPEF: caratteri generali e presupposto; i soggetti passivi; base imponibile e redditi esclusi; le categorie di reddito; la determinazione del reddito imponibile; le fasi del calcolo dell imposta; la tassazione separata; i regimi sostitutivi IRES: funzione e caratteri; presupposto ed elementi dell IRES; i soggetti passivi; il reddito imponibile; l aliquota IRAP: caratteri; il presupposto dell imposta; i soggetti passivi; la determinazione dell imponibile; aliquote e dichiarazione Le imposte indirette sui trasferimenti e sugli affari; l imposta di registro; l imposta di bollo Imu,Tasi,Tari: caratteri generali sulla Iuc L obbligo dichiarativo L accertamento e i rapporti con il fisco Pag. 11 di 36

12 CLASSE: 5A DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: BOZZINI ANGELA NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA Il programma preventivato è stato svolto in modo regolare. Gli alunni dimostrano mediamente una conoscenza discreta degli argomenti proposti, evidenziando capacità prevalentemente applicative. Le competenze non sono state raggiunte in modo uniforme da tutta la classe. LIBRO DI TESTO Baroncini, Manfredi, Fabbri, Grassi LINEAMENTI.MATH ROSSO vol. 5 Ghisetti &Corvi PROGRAMMA SVOLTO 1. FUNZIONI REALI DI DUE VARIABILI REALI - Le disequazioni e i sistemi di disequazioni in due variabili. - elementi di geometria analitica dello spazio: coordinate cartesiane nello spazio; - definizione di funzione reale di due o più variabili reali; determinazione del dominio (semplici casi riconducibili a rette, circonferenze, parabole). - rappresentazione mediante linee di livello - derivate parziali (solo definizione operativa) - equazione del piano tangente ad una superfice - determinazione dei max e min relativi mediante lo studio delle derivate - determinazione dei max e min vincolati per una funzione lineare soggetta a vincoli costituiti da disequazioni lineari con il metodo delle linee di livello. 2. L ECONOMIA E LE FUNZIONI DI DUE VARIABILI - La determinazione del massimo del profitto nel caso di un impresa per due beni in regime di concorrenza perfetta. - La determinazione del massimo del profitto nel caso di un impresa per due beni in regime di monopolio. 3. RICERCA OPERATIVA - La Ricerca Operativa e le sue fasi. - Problemi di scelta nel caso continuo in condizioni di certezza con effetti immediati: problemi di massimo guadagno, costo e costo unitario minimo, problemi con più alternative. - Problemi di scelta in condizioni di certezza con effetti differiti: risoluzione con i metodi del risultato economico attualizzato e del tasso di rendimento interno. - Il problema delle scorte di magazzino. - La programmazione lineare: i problemi della programmazione lineare in due variabili. 4. INTERPOLAZIONE E REGRESSIONE - Che cosa è l interpolazione. - Interpolazione statistica con il metodo dei minimi quadrati. - Funzioni interpolanti di tipo lineare. - Indice di scostamento. - La regressione: la teoria della regressione lineare; i coefficienti di regressione; l angolo fra le rette di regressione (trattazione dal punto di vista grafico) Pag. 12 di 36

13 Classe 5A SIA Disciplina: ITALIANO Docente: GRANDI GABRIELLA NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA: lo svolgimento, rispetto a quanto preventivato, è stato sostanzialmente completato. Gli obiettivi prefissati, in complesso, sono stati raggiunti dalla maggior parte degli allievi, anche grazie a un costante lavoro di recupero e ripresa degli argomenti, approfondimenti di arte, letture e analisi di articoli giornalistici. All interesse e partecipazione positiva al dialogo didattico di un buon gruppo non ha corrisposto un adeguato metodo di studio e un impegno costante da parte di diversi studenti, apparsi molto demotivati in questo anno scolastico, oltre che poco portati per le discipline umanistiche. Libro di testo: Cataldi-Angioloni-Panichi: L esperienza della letteratura, vol.3 (Tomi A-B), Ed. Palumbo PROGRAMMA SVOLTO Dal romanzo realistico al romanzo sperimentale Cultura e intellettuali tra fine Ottocento e inizio Novecento F.DOSTOEVSKIJ, Come ubriachi per le vie di Pietroburgo C.DARWIN, La bellezza della natura e l elezione naturale E. ZOLA L inizio dell Ammazzatoio Il Naturalismo francese e il Verismo italiano La Scapigliatura milanese La narrativa per ragazzi in Italia E.DE AMICIS, da Cuore : Il ragazzo di Reggio Calabria G. VERGA Novelle:"Rosso Malpelo". Il tema del diverso. Il lavoro minorile "I Malavoglia" : La Prefazione; Mena, Compare Alfio e le stelle ; L addio di Ntoni "Mastro don Gesualdo" : La morte del protagonista Il ciclo dei Vinti - Tecniche narrative e lingua Il paesaggio verista Nascita della lirica moderna Decadentismo e Simbolismo Crisi della soggettività e angoscia esistenziale: i poeti maledetti C. BAUDELAIRE I fiori del male : L albatro ; Paesaggio ; Perdita d aureola P.VERLAINE Canzone d autunno G. CARDUCCI: poesia intimistica e tradizione classicistica Alla stazione ; Nevicata ; Pianto antico ; Ad Annie; San Martino G. PASCOLI Il fanciullino. Il simbolismo naturale e il mito della famiglia "Myricae" : "Novembre", "Lavandare "Canti di Castelvecchio" : "Il gelsomino notturno" Primi poemetti : Italy. La sperimentazione linguistica Il simbolismo impressionistico. Il tuono, Temporale G. D' ANNUNZIO Il superuomo e la vita come opera d'arte. Il piacere : Andrea Sperelli; La conclusione Il mito panico. "Alcyone" : "La pioggia nel pineto". I pastori La sera fiesolana, La sabbia del tempo, Nella Belletta La poesia del primo Novecento: Futuristi e Crepuscolari F.T. MARINETTI Manifesto del Futurismo ; Bombardamento A. PALAZZESCHI Lasciatemi divertire G. GOZZANO La signorina Felicita (parte III) C.GOVONI: Crepuscolo ferrarese, Il palombaro Il nuovo romanzo del Novecento fra inettitudine e nevrosi I. SVEVO Il romanzo psicanalitico "La coscienza di Zeno : La morte del padre; La proposta di matrimonio; Lo scambio di funerale; Pag. 13 di 36

14 La vita è una malattia L. PIRANDELLO "Novelle per un anno" : "Ciàula scopre la luna", "La patente", Il treno ha fischiato "Il fu Mattia Pascal": Pascal porta i fiori sulla propria tomba La perdita di identità; incomunicabilità e follia Umorismo e comicità. Una vecchia signora imbellettata L'inquietudine esistenziale del Novecento L'orrore della guerra - Il male di vivere- Il paesaggio essenziale G. UNGARETTI "L' Allegria" : "Veglia", Mattina, In memoria "Natale", Soldati, S. Martino del Carso S. QUASIMODO: Milano, agosto 1943 ; Ed è subito sera E. MONTALE "Ossi di seppia": "Spesso il male di vivere ho incontrato", Meriggiare pallido e assorto Satura : Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale E ancora possibile la poesia? Letteratura come impegno e testimonianza Il Neorealimo: gli intellettuali e la società italiana dagli Anni Trenta al II dopoguerra A.Moravia, P.Levi, G.Bassani, V.De Sica: cinema e romanzo alle prese con la storia Letteratura e industria. P.Volponi Lettura individuale, a scelta degli allievi, di opere del 900, funzionali alla predisposizione delle tesine per l Esame di Stato. DANTE ALIGHIERI Divina Commedia, Paradiso, Canti I- III- XV- XXXIII (approfondimento sul tema della corruzione). Pag. 14 di 36

15 Classe 5A SIA Disciplina: STORIA Docente: GRANDI GABRIELLA Note sullo sviluppo del programma: lo svolgimento, rispetto a quanto preventivato, è stato effettuato per macrounità, in particolare per quanto riguarda gli ultimi capitoli del testo, e completato nelle sue linee essenziali. Gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti dalla maggior parte degli allievi anche grazie a un costante lavoro di ripresa degli argomenti e integrazione con l ausilio di documentari, filmati storici, schede di approfondimento. La classe, in generale, ha seguito le lezioni con sufficiente attenzione e partecipazione; molto vivace è stato il dialogo sui temi di attualità sollecitato dalla lettura del quotidiano in classe. Libro di testo: Palazzo-Bergese-Rossi, Storia Magazine per la Riforma, vol.3 (Tomi A-B), Ed. La Scuola PROGRAMMA SVOLTO La spartizione imperialistica del mondo Le rivoluzioni industriali L'Italia dopo il 1870: problemi post-unitari La società di massa L età giolittiana La prima guerra mondiale La rivoluzione russa Il primo dopoguerra in Europa e in Italia La grande crisi: economia e società negli anni '30 Nascita dei regimi totalitari: Fascismo e Nazismo L'Italia fascista La guerra civile spagnola La seconda guerra mondiale- Olocausto- Resistenza italiana Dopoguerra e guerra fredda La decolonizzazione nel Terzo Mondo La distensione L'Italia nel II dopoguerra: ricostruzione e miracolo economico La globalizzazione La rivoluzione tecnologica Problemi e conflitti del mondo contemporaneo (Progetto Quotidiano in classe) Pag. 15 di 36

16 CLASSE: 5A SIA DISCIPLINA: Lingua Inglese DOCENTE: Ornella Zanardo NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA 1.Profitto: Il profitto raggiunto dalla classe non è omogeneo: un esiguo gruppo di studenti ha sempre attivamente partecipato alle lezioni e al dialogo educativo proponendo argomenti di discussione e confronto raggiungendo livelli di eccellenza grazie ad un impegno costante e un adeguato metodo di studio. Il resto della classe ha partecipato in maniera appena sufficiente soprattutto nel corso degli ultimi mesi, incontrando incertezze e difficoltà nell esposizione in lingua straniera, mentre le verifiche scritte sono state affrontate in maniera più facile e con risultati quasi per tutti sufficienti. 2.Obiettivi extracognitivi: gli obiettivi extracognitivi sono stati raggiunti da un esiguo gruppo della classe, per alcuni l attitudine allo studio della lingua straniera soprattutto nelle attività orali ha riservato difficoltà e il metodo di studio e l interesse dimostrati non sono stati appropriati per il superamento delle difficoltà.c è stato un certo interesse per la disciplina soprattutto nella lettura di materiale autentico tratto da riviste e schede prodotte dall insegnante. 3. Obiettivi cognitivi: la capacità di analizzare, sintetizzare e di esporre con competenza sono limitate ad un gruppo ristretto di studenti che hanno sempre partecipato attivamente con interesse cercando anche di trascinare il gruppo classe che invece, soprattutto nell ultimo periodo, si è limitato a studiare solo per le verifiche senza mantenere un impegno costante volto al superamento delle difficoltà. Si è mirato a dotare gli alunni di conoscenze linguistiche sia a carattere generale sia specifiche all indirizzo comunque non estranee alla loro esperienza culturale al fine di favorire un apprendimento interiorizzato e non stereotipato dei linguaggi settoriali. Abilità: Si è privilegiato sia lo sviluppo delle abilità di lettura e di comprensione orale che di produzione scritta mediante esercitazioni di vario genere (relazioni, domande di comprensione e lettere). Si è effettuata inoltre l analisi di argomenti di vario tipo, affrontandoli, se possibile, su base comparativa con argomenti analoghi in Economia Aziendale. E stata apportata qualsiasi attività che consentisse agli studenti di gestire la propria preparazione in vista dell Esame di Stato soprattutto esercizi con quesiti a risposta singola con un numero minimo di righe : Reading Comprehension (tipologia B). Criteri di valutazione: Le verifiche hanno mirato ad accertare in quale misura gli studenti hanno raggiunto gli obiettivi (soprattutto quelli a breve e medio termine) prefissati nella programmazione e a determinare la validità dell approccio metodologico utilizzato. Le verifiche formative hanno sempre preceduto quelle sommative. Nell ultimo anno si è mirato a testare la capacità di comprensione e di produzione di testi di carattere specifico all indirizzo. La valutazione di tali verifiche ha considerato i seguenti obiettivi: comprendere un testo di qualsiasi tipo, comunicare efficacemente utilizzando un appropriato linguaggio, decodificare documenti, saper sintetizzare, saper collegare argomenti delle singole discipline o di discipline diverse quando possibile. Le verifiche orali non si sono limitate agli argomenti del libro di testo ma hanno affrontato diversi argomenti sia di vita quotidiana che di interesse comune che proposti dalla classe. Si è utilizzata una scala di valutazione dal tre al dieci. Libro di testo: In Business F. Bentini Ed: Longman Pag. 16 di 36

17 PROGRAMMA SVOLTO INTRODUCTION TO BUSINESS: - Module 1 - Into Business and business organisation - Trade and commerce; the channels of distribution; the business transaction - Module 2 : World Trade - Unit 3: Methods of communication - Unit 4: The internet Revolution - Unit 5: International trade - Unit 7: Business Report - Unit 8: Globalisation - Module 3: Business Basics - Unit 9: Business organisations - Unit 11: Applying for a job - Module 4: Marketing and advertising - Unit 13: Marketing - Unit 16: Advertising in the world today - Module 5 - Unit 17: Foreign trade terms: Incoterms and trade documents - Module 8: Distribution - Unit 29: Transport and Delivery - Unit 32: Global risks BUSINESS CORRESPONDENCE: Module 11/12 Lay-out of business letter Enquiries: working on model documents, letter building and guided practice Replies to enquiries: working on model documents, letter building and guided practice Orders: working on model documents, letter building and guided practice Complaint: working on model documents, letter building and guided practice Job application and curriculum vitae: working on model documents and letter building HISTORY: The Magna Carta; The Industrial Revolution Un ripasso delle principali strutture e funzioni grammaticali è stato fatto in classe con vari esercizi differenziati di writing, reading, multiple choice e fill-in presentati dall insegnante su schede di lavoro o sul libro di grammatica in uso. Al momento della stesura del Documento del 15 maggio alcuni argomenti citati nel programma saranno affrontati e approfonditi nelle prossime settimane. Nel mese di Maggio la classe parteciperà a n. 3 incontri pomeridiani di rafforzamento e ripasso in preparazione della Terza Prova Esame di Stato. Pag. 17 di 36

18 CLASSE: 5A SIA DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTE: MARIA RITA MARANINI NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA Il programma svolto rispetta, in linea di massima, quello preventivato. Si fa comunque presente che, alcuni argomenti sono stati affrontati senza particolari approfondimenti.. Gli studenti sono in grado di costruire semplici modelli concettuali e logici di dati, gestire basi di dati con i prodotti software presenti in laboratorio (Access, MySql), individuare i componenti di base, hardware e software, necessari per comunicare in reti LAN e WAN, utilizzare i servizi fondamentali di Internet. Hanno svolto attività in laboratorio per realizzare pagine web dinamiche utilizzando il linguaggio HTML, i fogli di stile e PHP: ottima l autonomia acquisita da un numero ristretto di studenti, discreta per un secondo gruppo, appena sufficiente per una parte consistente della classe, anche per il diverso interesse ed impegno manifestati. Libri di testo Lorenzi e Cavalli Progettazione dei DataBase Linguaggio SQL Dati in rete Atlas Lorenzi e Giupponi Informatica e reti per i sistemi informativi aziendali Atlas Manuali on line Contenuti disciplinari sviluppati DATA BASE Conoscenze Metodologia di sviluppo di un progetto informatico, modellazione dei dati a livello concettuale e logico, implementazione di un data base in ambiente Access, comandi e funzioni del linguaggio SQL, reportistica. Abilità Rappresentare modelli di dati in diversi contesti. Gestire una base di dati negli aspetti funzionali e organizzativi. DBMS Funzioni e caratteristiche dei data base: economicità, flessibilità, sicurezza, ecc. Funzioni del data base management system. Livello concettuale, logico e fisico. Il modello Entity-Relationship. Il modello relazionale; integrità referenziale; gli operatori relazionali; regole di normalizzazione. La traduzione di un modello Entity-Relationship in un modello relazionale. ACCESS e SQL Il dbms Access : tabelle, query, form, report. SQL: identificatori e tipi dei dati; DDL (create table, create index, alter table, drop table, drop index); DML (insert, update e delete); QL (select; operatori between, like, is null; funzioni di aggregazione; ordinamenti e raggruppamenti, join esterni) TELEMATICA, INTEGRAZIONE WEB E DATABASE Conoscenze Conoscere gli elementi fondamentali della trasmissione dati. Acquisire consapevolezza sul ruolo delle reti nei sistemi informativi. Ottenere informazioni mediante pagine web dinamiche. Abilità Individuare i componenti hw e sw necessari per la trasmissione dati. Scrivere pagine web con moduli di invio richiesta e pagine web con risultati di interrogazioni su data base. Pag. 18 di 36

19 HTML Il linguaggio HTML: tag di base per formattazione del testo, inserimento di elenchi e tabelle, link Form: caselle di testo, di controllo, pulsanti di opzione e di comando Fogli di stile CSS: in linea, incorporati, collegati Selettori speciali: class e id DATA BASE NEL WEB Il dbms MYSQL : caratteristiche, tipi di dati, comandi SQL Phpmyadmin: l ambiente, creazione di data base, tabelle, chiavi esterne esecuzione di query esportazione di tabelle in file esterni PHP: variabili, operatori, strutture di controllo, array associativi, passaggio di dati da un modulo HTML, funzioni per interagire con server MySQL, in particolare: mysql_connect, mysql_select_db, mysql_query, mysql_fetch-array, mysql_close. Filezilla Web Server: Apache Ambiente di sviluppo: DSV PHP editor RETI Definizione di rete Reti Wan, Man e Lan; topologie; architetture (peer to peer, client/server) Tecnologie di trasmissione (point to point e broadcast) Commutazione di circuito e di pacchetto Modello ISO/OSI Architettura TCP/IP: Livello Network Interface Livello Physical (schede di rete, i principali mezzi trasmissivi, modem e linee telefoniche, hub, identificatori di host: MAC, nome logico; Standard IEEE 802) Livello Data Link ( metodi di accesso a contesa e a scansione, switch) Livello Internetwork (IP, router, algoritmi di routing, router NAT, indirizzi IP, netmask, ARP ) Livello Transport (TCP e UDP, porte) Livello Application (HTTP, SSH, SMTP, POP3, TELNET, FTP, PROXY, DHCP, DNS, VOIP) Internet: principali definizioni (sito, URL, web, dominio.; motori di ricerca; provider; navigazione e altri servizi; IPv6), WEB 2.0 Intranet ed Extranet Il cloud computing La sicurezza : firewall, tunneling e virtual private network (VPN), backup, tecnologia RAID La crittografia per la sicurezza dei dati La firma digitale SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO Conoscenze Essere consapevoli del flusso delle informazioni dei diversi processi aziendali. Classificare i sistemi informativi da diversi punti di vista. Abilità Progettare sistemi informativi di semplici processi aziendali Il sistema informativo aziendale Il sistema informatico: aspetti applicativi, soluzioni informatiche, ERP Figure professionali Cenni su Datawarehouse e Business Intelligence SCM, CRM, dematerializzazione dei documenti e-government (agenda digitale europea), PEC Pag. 19 di 36

20 CLASSE: 5A DISCIPLINA: RELIGIONE DOCENTE: ANTONELLA RIZZI NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA Il programma è stato svolto completamene. Il profitto raggiunto è complessivamente più che distinto. Alla classica lezione frontale molto spesso è stata preferita una attiva partecipazione degli alunni attraverso dialoghi che cercavano di coinvolgere l intera classe, con l intenzione di ascoltare degli alunni stessi ogni domanda, curiosità, esperienza e scoperta, anche personale, e quanto altro potesse risultare per essi importante e formativo a favore di una maggiore e migliore conoscenza, accompagnata da una più completa maturazione dell intera persona. Continuamente si sono verificati l interesse, l attenzione e l attiva partecipazione degli alunni, sollecitati al dialogo costante all interno dell intera classe. Le domande degli allievi, le risposte che essi davano alle sollecitazioni dell insegnante, gli eventuali lavori presentati formano l insieme delle valutazioni LIBRO DI TESTO E ALTRO MATERIALE DIDATTICO: M. Contadini, A.Marcuccini, A.P.Cardinali, Nuovi Confronti, vol. U., Elledici PROGRAMMA SVOLTO L etica della vita nelle religioni La vita; il concepimento; l aborto La donna, la famiglia, il matrimonio, il divorzio L eutanasia La pena di morte Incontro di culture e religioni Complessità e diversità del l attuale contesto sociale Manifestazioni di indifferenza, disinteresse e intolleranza I cristiani di fronte a coloro che credono in altre fedi religiose Le relazioni:pace, solidarietà e mondialità Teologia della pace Giustizia, carità, solidarietà Vincere il razzismo Pag. 20 di 36

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli