Session Initiation Protocol (SIP)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Session Initiation Protocol (SIP)"

Transcript

1 Session Initiation Protocol (SIP) SIP 1

2 Outline Signalling generalities Signalling in packet networks SIP generalities SIP functionality and architecture SIP components SDP SIP-T SIP 2

3 Signalling generalities La PSTN risale al 1876 Negli anni si è però evoluta ed arricchita di servizi Fondamentalmente basata su una architettura a commutazione di circuito Architettura della PSTN utilizza due piani funzionali distinti: Piano di trasporto a commutazione di circuito Piano di controllo Piano di trasporto formato (oggi) da autocommutatori di livello 5 e di livello 4 Piano di controllo formato da un complesso di nodi e database Il piano di controllo gestisce il comportamento degli autocommutatori del piano di trasporto e fornisce tutti i servizi della PSTN SIP 3

4 Architettura PSTN Service Node STP SCP Control plane Transport plane SIP 4

5 Next Generation Telephone Systems Successiva generazione di sistemi telefonici basata sulle tecnologie di Internet In Internet assenza di un vero e proprio piano di controllo La rete Internet carica di molti problemi da risolvere Sistemi telefonici di nuova generazione faranno uso di reti private basate sulla tecnologia di Internet Possibili per un periodo transitorio soluzioni miste SIP 5

6 Problemi della VoIP Serve pur sempre un sistema di segnalazione Anzi volendo fornire un complesso molto più ricco di servizi serve un sistema di segnalazione dotato di più ampie potenzialità 1. Trasporto della segnalazione di chiamata su una rete packet switching Internet è best effort ma in telefonia si vuole una garanzia di qualità 2. Controllo della QoS Coesistenza per lungo periodo della PSTN e VoIP 3. Costruzione di una rete PSTN/VoIP SIP 6

7 Converged Network STP VoIP Control Network VoIP/PSTN Gateway Service Node SCP Control plane Transport plane Trunk line Routed Data Network Residential/Access Gateway PVC SIP 7 Dynamic, routed path SS7 line Other link

8 Signalling in packet networks H.323 (H.225/H.245) Troppo complesso e pesante per essere scalabile e non sufficientemente flessibile a adattabile SIP Semplice, flessibile e scalabile anche a grandi scenarii Si deve dire però che a poco a poco è diventato complesso quasi tanto quanto H.323 SIP 8

9 Architettura H.323 SIP 9

10 Confronto SIP-H.323 SIP H.323 Un componente di un sistema di comunicazioni Una suite completa ed integrata di protocolli di comunicazione Protocollo flessibile integrabile con altri protocolli (IETF) Sistema integrato e chiuso (ITU-T) Progettato come protocollo di WAN Progettato come protocollo di N Diversi concetti derivato da HTTP Componenti derivati da protocolli ITU-T Implementazione facile Implementazione complessa SIP 10

11 SIP generalities SIP è parte della Internet multimedia conferencing architecture, un set di protocolli che possono essere usati per fornire servizi multimedia SIP 11

12 SIP generalities (2) L edizione attuale di SIP è la 2.0, definita nella RFC 3261 la quale ha aggiornato la precedente RFC 2543 Molte altre RFC come la 3312 definiscono varie estensioni e dettagli SIP opera a livello Sessione SIP è simile ad HTTP e condivide alcune delle sue idee progettuali: È leggibile dagli uomini Ha una struttura request-response SIP fa uso del paradigma client/server SIP è basato su un modello di transazione SIP 12

13 Layered Structure SIP può utilizzare come protocollo di trasporto TCP, UDP o SCTP Una transaction è una richiesta trasmessa da una client transaction a una server transaction, insieme a tutte le risposte a quella richiesta trasmesse all indietro dalla server transaction alla client transaction SIP è un protocollo a strati, con tre layers Transaction layer Transport layer Syntax ed Encoding layer SIP 13

14 Layered Structure (2) Il transaction layer gestisce la ritrasmissione dell application-layer, l abbinamento dei response alle request, e i timeout dell application layer Il transport layer definisce come un client invia delle request e riceve dei response e come un server riceve delle request e invia response sulla rete Il syntax ed encoding layer si trova al livello più basso della struttura di SIP e il suo encoding è specificato con la BNF grammar Ciascun elemento SIP contiene i due layer più bassi, mentre non tutti contengono il transaction layer SIP 14

15 Various features SIP è un protocollo text based ed usa il set di caratteri UTF-8 che è uno dei tre formati di codifica UNICODE Due tipi di messagi SIP: Request Response Request inviati dai client ai server Response inviati dai server ai client I due tipi di messaggi vengono distinti tra loro in base alla struttura della loro prima linea (start line) SIP 15

16 SIP Logical Entities User Agent Proxy server Registrar server Redirect server Locator server Media server Applicazione operante sul sistema terminale che contiene un UAC ed un UAS. Lo UAC invia le request SIP ed opera come agente di chiamata per l utente. Lo UAS riceve le request Intermediario e restituisce che agisce le response come Server da parte e come dell utente Client per servire le request presentate dai client o per inoltrarle Consente ad un user di cambiare l address a cui è contattabile. Un client invia al Registar una request Accetta le request SIP ed invia al client un response di deviazione contenente l indirizzo del server successivo. Non viene coinvolto nelle successive fasi di segnalazione. Elabora le request (provenienti da redirect o proxy server) per fornire informazione circa la posizione Noti come Media Gateway e controllabili variamente AAA server Authentication, Authorization, e Accounting SIP 16

17 Proxy Server Opera a beneficio degli UAC per facilitare l instaurazione delle sessioni Un proxy server può essere stateful o stateless Se stateless è un semplice elemento per il forwarding Se stateful ST = Server Transaction CT = Client Transaction SIP 17

18 Proxy Server 2, 3 5, 6 Redirect Server Location Service Proxy Server 11 Proxy Server 10 Proxy Server 9 8 Media Transport Protocol SIP 18

19 Location Server Updates Database Query Response Componente che frequentemente è soltanto logico Riceve gli updates dal Registrar server Scambia queries e responses con il registrar server SIP 19

20 Registrar Server Registrar Server SIP User Agent Register Request Register Reply Non-SIP Protocol Location Server SIP 20

21 Redirect Server Elemento usato quando il Proxy server riceve una richiesta di connessione verso un host fuori dalla rete coperta SIP request Redirected URI Redirect Server SIP 21

22 User Agent SIP 22

23 Funzionalità di SIP SIP supporta 5 funzioni fondamentali User location: User availability: User capabilities e QoS: Session setup: Identificazione del sistema terminale da usare per la comunicazione Determinazione della disponibilità della parte chiamata ad accettare la comunicazione Determinazione dei media e dei valori da usare per i diversi parametri Ringing, impostazione dei parametri di sessione ad entrambe le estremità Session management: Compreso il trasferimento e la chiusura delle sessioni, la modifica dei parametri di sessione e la richiesta di servizi SIP 23

24 SIP Logical Entities (2) Componenti chiave: User Agent, Proxy server e Redirect server Un physical device può avere le funzionalità di una o più logical entities Frequentemente un Proxy server è anche Registrar, Locator e Media server SIP 24

25 Architectural Model SIP UA Public IP Network Proxy Server Registrar UAC UAS Redirect Server Private IP Network SIP UA Location Server UAC UAS SIP 25

26 Layout Nel caso più semplice si ha SIP 26

27 Scambio di messaggi Semplificando all estremo, si ha lo scambio di messaggi: SIP 27

28 SIP Messages Protocollo SIP basato su un modello di transazione Request/Response simile ad http Transazione formata da una Request che invoca un particolare metodo o funzione sul server ed almeno una Response SIP usa diversi metodi REGISTER INVITE ACK CANCEL BYE OPTIONS UPDATE INFO INVITE RE-INVITE SUBSCRIBE UNSUBSCRIBE MESSAGE NOTIFY REFER PRACK PUBLISH SIP 28

29 Request e Response Ambedue i tipi di messaggi SIP sono formati da: Una Start line Uno o più campi header Una linea vuota che indica la fine dei campi di header Un message body opzionale La start line, le linee dello header e la linea vuota devono essere terminate da un CRLF I due tipi di messaggio SIP request e response sono distinti tra loro in base alla struttura della start line, che è rispettivamente una request line o una status line SIP 29

30 SIP Request Message INVITE SIP/2.0 Request line: Method type, request URI (SIP addres of called party), SIP version Via: SIP/2.0/UDP :9918; branch=z9.. SIP version, Transport protoco, IP-addr:portl Max-Forwards:70 Contact: To Bob b. From: Alice A. Call-ID: CSeq: 1 INVITE Subject: Lunch today Massimo numero di proxies o gateways SIP URI che può essere contattata Utente invitato, come specificato all origine Utente che origina la request ID globally unique di questa call Command sequence. Identifica la transazione Soggetto e/o natura della call Content-type: application/sdp Tipo del body (in questo caso SDP) SIP 30

31 SIP Request Message (cont) Content-Length: 182 Numero di bytes nel body v=0 Versione di SDP Linea vuota di fine degli header SIP O=Alice IN IP S=Call from Alice C=IN IP4 alice_ws.radvision.com M=audio 3456 RTP/AVP Owner/creator e session identifier, session version, address type e address Oggetto della sessione Informazioni circa la connessione Descrizione del media: type, port, possibili formati che il caller vuole ricevere e inviare SIP 31

32 Request e Response (2) Request line Response line Method Request-URI SIP-Version CRLF SIP-Version Status-code Reason-phrase CRLF esempio esempio INVITE SIP/2.0 SIP/ Bad extension La coppia Request/Response viene considerata come unico elemento di una transaction SIP Per questo motivo Request e Respoonse hanno lo stesso formato di intestazione SIP 32

33 Status Codes I response messages contengono due campi caratteristici Status-Code: intero di tre cifre che indica il risultato della richiesta Reason-Phrase: fornisce una descrizione testuale comprensibile. La prima cifra dello status-code definisce la classe della Response 1xx Provisional, searching, ringing, queueing, etc Provisional 2xx Success 3xx Redirection, forwarding 4xx Request failure (client mistakes) Final 5xx Server failure 6xx Global failure (busy, refusal, not available anywhere) SIP 33

34 Header Fields Header field formato da field-name seguito da : e field-value field-name: field-value Header fields estendibili su più linee facendo precedere ogni linea aggiuntiva da almeno un SP o un HT Ordine degli header fields non significativo Possibile combinare header fields con lo stesso field-name se separati da, Ordine relativo degli header field con lo stesso field-name significativo Per rapidità di analisi raccomandato porre in testa gli header fields che devono essere elaborati dai proxy server SIP 34

35 Header Fields (2) Molti header field Quattro tipi: Gli header field in posizione errata sono ignorati Generic header Entity header Request header Response header Alcuni fondamentali e frequenti Call-ID Contact Content-Type Content-Length CSeq Date From Record-Route Reply-To Route Server Subject To Via SIP 35

36 Header Fields (3) From Route Date Subject Via Call-ID To Indica l iniziatore della request (può essere differente dall iniziatore del dialogo) Usato per forzare il routing di una request attraverso un elenco di proxy Contiene la data e l ora Fornisce un sommario o indica la natura della call Indica il path seguito dalla request fino ad allora e indica quello che dovrebbe essere seguito dalle response Stringa, globalmente unica, generata dall UAC (contiene IP-address o hostname) Identifica l original recipient della request indicato dallo user identificato nel field From. Può non coincidere con lo UAS che elabora la request SIP 36

37 Body Request e Response possono includere un message body Interpretazione del body dipende dal metodo della request e dal response status code SIP 37

38 Metodo INVITE Inizia una sessione Il metodo include la descrizione della sessione ed il tipo di informazioni che si vogliono scambiare Vengono inviate informazioni circa il chiamante ed il chiamato nonché circa il tipo di media che si vuole scambiare SIP 38

39 Metodo ACK Metodo inviato dal client che trasmette il metodo INVITE ACK è trasmesso per confermare che la sessione è stabilita Dopo la trasmissione del metodo ACK si possono scambiare i media SIP 39

40 Metodo BYE Metodo usato per terminare una sessione Il metodo BYE può essere trasmesso da un uno user qualsiasi SIP 40

41 Metodo CANCEL Metodo CANCEL usato per annullare una request inviata in precedenza dal client (pending request come può essere in INVITE) Questo metodo richiede all UAS di interrompere la request e di generare un response di tipo error alla request Da usare prima del BYE che terminerebbe la sessione CANCEL non produce effetto su una request alla quale l UAS ha già dato un response finale Siccome le request diverse da INVITE ricevono risposta immediata, mentre INVITE è una request che richiede del tempo, CANCEL non dovrebbe essere inviato per annullare una request diversa da INVITE SIP 41

42 Metodo REGISTER REGISTER è usato da un client per effettuare il login e registrarsi con un registrar server SIP 42

43 Metodo OPTIONS Metodo usato per richiedere la capabilities di un server o di altri dispositivi Può essere utilizzato per controllare la capacità (media supportati) prima di trasmettere un INVITE SIP 43

44 Authentication Le funzioni di SIP sono molto critiche per la gestione della rete L accesso di un eventuale attacker può provocare gravi danni È allora opportuno richiedere che gli utenti di SIP si autentichino prima di svolgere le diverse funzioni di SIP In questo modo nessuno può spacciarsi per un altro Ma, non è opportuno richiedere lo stesso livello di autenticazione per tutti gli utenti e le rispettive funzioni In ogni modo un attacker può sempre condurre un attacco DoS SIP 44

45 Ricerca del Next Hop Lo UAC può usare un outbound proxy configurato manualmente Outbound proxy può anche essere conosciuto alla registrazione Se la request URI contiene IP-address e porta il messaggio può essere inviato direttamente Diversamente si determina il server SIP del next hop tramite il DNS Richiesta di un record SRV Richiesta di un record A SIP 45

46 SIP Address Resolution Steps SIP 46

47 SIP Address Resolution Steps Il proxy controlla il suffisso del domain. Consulta il location servic, usa il DNS per localizzare il remote domain Il DNS fornisce l IP-address del proxy 2 SIP 47

48 SIP Address Resolution Steps UA 2 convalida il il SIP URI nei confronti degli user attivi per allertare l interessato o rifiutare la connessione SIP 48

49 Autenticazione È possibile richiedere che gli user SIP users si autentichino fra loro prima che realizzino le varie funzioni SIP Così nessuno può dichiarare di essere un altro Ma, se si richiede l autenticazione per tutte le funzioni, alcune funzionalità di SIP risultano compromesse SIP 49

50 Registration La registrazione crea dei collegamenti in un location service per un particolare dominio che associa un address-of-record URI con uno o più contact address La registrazione comporta l invio di una request REGISTER ad un tipo speciale di UAS conosciuto come un registrar Un registrar opera come front-end al location service per un dominio, leggendo e scrivendo i mapping basati sul contenuto delle request di tipo REGISTER Questo location service è allora consultato tipicamente dal proxy server responsabile del routing delle request per il domain Un registrar per un dominio DEVE essere capace di leggere e scrivere i dati al location service, e un proxy o un redirect server per quel dominio DEVE essere capace di leggere quei dati SIP 50

51 Processo di Registrazione bob UA acme.com Registrar 2) Store Location Service 4) Query 5) Response Proxy 3) INVITE sip.acme.com 1) REGISTER cube2214a UA alice 6) INVITE SIP 51

52 Outbound Proxy Un proxy che riceve delle request da un client, anche se può non essere il server risolto dalla Request-URI Tipicamente, uno UA viene configurato manualmente con un outbound proxy, o può conoscerne uno tramite protocolli di auto configurazione L outbound proxy è un normale proxy SIP Voi configurate il vostro client, sia esso un telefono che un software, per usare il proxy per tutte le sessioni SIP, come quando configurate il vostro browser Web ad usare un proxy Web per tutte le transazioni Web In alcuni casi, l outbound proxy è posto a fianco del firewall ed l unico percorso tramite il quale il traffico SIP passa dalla rete interna ad Internet L outbound proxy usato da uno UA può essere configurato automaticamente con il DHCP SIP 52

53 SIP URI Una URI SIP o SIPS identifica una resource di comunicazione Una URI SIP contiene informazione sufficiente per iniziare e mantenere una sessione di comunicazione con la risorsa Nel caso di una SIP URI, la sua forma generica è: user: Identificatore di una particolare resource presso l host indirizzato password: Una password associata con lo user (opzionale) host: L host che fornisce la risorsa SIP port: Il numero di porta cui è inviata la richiesta SIP SIP 53

54 SIPS Dalla RFC 3261: SIP also provides a secure URI, called a SIPS URI Un esempio potrebbe essere Una call ad una SIPS URI garantisce che si userà un trasporto sicuro e criptato (TL) per il trasporto di tutti i messaggi SIP dal caller al dominio del callee Da qui in poi, la request è inviata in modo sicuro al callee, Ma con meccanismi di sicurezza che dipendono dalla policy del dominio del callee SIP 54

55 SDP Session Description Protocol [RFC 2327] è il protocollo utilizzato nel body del messaggio SIP per specificare l informazione la codifica usata in una sessione Non comprende meccanismi di trasporto e/o negoziazione Serve a trasferire, in modo definito, le informazioni necessarie ad un sistema per unirsi ad una sessione multimediale Le descrizioni di sessione SDP sono di tipo text-based SIP 55

56 SDP (2) Una descrizione di sessione formata da una serie di linee di testo: Type = value Type sempre formato da un solo carattere Formato del value dipendente dal Type cui si applica Informazioni a livello di: Session Si applicano all intera sessione Media-level Si applicano ad un particolare media stream Descrizione di sessione con SDP inizia sempre con l informazione session-level SIP 56

57 SDP (3) Prima linea descrizione session-level v=0 (SDP version 0) v=0 o=bob IN IP s=sip seminar i=a Seminar on the Session Initiation Protocol u=http://www.cs.columbia.edu/sip c=in IP /127 t= a=recvonly SIP 57

58 SDP (4) Sezioni media-level formate da linee m e a Iniziano con una linea m (media line) m=<media type> <port number> <transport protocol> <media formats> Linee a (attribute line) trasportano informazioni circa il formato di media usato, come il clock rate o il numero di canali m=audio RTP/AVP 0 a=rtpmap:0 PCMU/8000 Espansioni possibili di SDP m=video RTP/AVP 31 a=rtpmap:31 H261/90000 m=video RTP/AVP 32 a=rtpmap:32 MPV/90000 SIP 58

59 RFC 3227 types v b o z s k i a u t e r p m c i Protocol version Bandwidth information Owner of the session and session identifier Time zone adjustments Name of the session Encryption key Information about the session Attribute lines URL containing a description of the session Time when the session is active address to obtain information about the session Times when the session will be repeated Phone number to obtain information about the session Media line Connection information Information about a media line SIP 59

60 Servizio di Trasporto per SIP SIP... È indipendente dal trasporto Può girare sopra un qualsiasi servizio di trasporto Reliable o unrealiable Message o byte oriented SIP SCTP TCP UDP Connection oriented Connectionless IP SIP 60

61 Caratteristiche di Trasporto UDP TCP SCTP Fast Retransmit N Y Y Congestion Control N Y Y Transp. layer frag. N Y Y Head of Line Blocking N Y N Easier Parsing Y N Y Multihoming N N Y SIP 61

62 SIP-T SIP-T = Session Initiation Protocol Telephony Conosciuto in precedenza come SIP+ o SIP BCP-T RFC Session Initiation Protocol for Telephones (SIP-T) Context and Architectures SIP-T definisce l interwork tra SIP e ISUP SIP-T consente una negoziazione diretta tra i gateways Informazione trasportata con SDP che opera negli ambienti IP e ATM SIP 62

63 Scopi di SIP-T Trasporto su IP della segnalazione PSTN MGC 1 IP network SIP enabled MGC 2 SS7 network Proxy SS7 network Proxy Interworking PSTN-IP MGC IP network SIP enabled SS7 network IP (SIP) phone SIP 63

64 Approcci di SIP-T Due approcci fondamentali: Encapsulation Translation SIP 64

65 Implementazione di SIP-T SIP-T richiede fondamentalmente tre Extension Estensione del metodo INFO del protocollo base Gestione di servizi complessi Gestioni di eventi nel corso di una chiamata Potenziamento di meccanismi di inizio e terminazione Aggiunta del tipo MIME Necessità di incapsulare segnalazioni legacy Semplificazione dell interworking tra varianti Mappaggio tra ISUP e SIP SIP 65

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Tutto il VoIP in 45 minuti!! Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP

Tutto il VoIP in 45 minuti!! Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP Tutto il in 45 minuti!! Giuseppe Tetti Ambiente Demo 1 Ambiente Demo Ambiente Demo 2 Ambiente Demo ATA Ambiente Demo Internet ATA 3 Ambiente Demo Internet ATA Rete Telefonica pubblica Ambiente Demo Internet

Dettagli

Il VoIP parla Wireless. Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP. Internet. Soft Phone

Il VoIP parla Wireless. Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP. Internet. Soft Phone Il VoIP parla Wireless Giuseppe Tetti Ambiente Demo VoIP IP PBX SIP Internet Soft Phone 1 Obiettivi Realizzare un sistema di comunicazione vocale basato interamente su tecnologie VoIP utilizzando: Trasporto

Dettagli

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento INDICE Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti Architettura di riferimento La codifica vocale Il trasporto RTP e RTCP QoS in reti IP e requirements La segnalazione H.323 SIP Cenni

Dettagli

I rischi e le misure per rendere sicure le reti VoIP. Stefano Sotgiu

I rischi e le misure per rendere sicure le reti VoIP. Stefano Sotgiu VIP(i VoIP (in)security I rischi e le misure per rendere sicure le reti VoIP Stefano Sotgiu Agenda Il VoIP e la rete telefonica tradizionale Il VoIP più in dettaglio (SIP) Le minacce nel VoIP Cosa e come

Dettagli

Il VoIP. Ing. Mario Terranova

Il VoIP. Ing. Mario Terranova Il VoIP Ing. Mario Terranova Ufficio Servizi sicurezza e Certificazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione terranova@cnipa.it SOMMARIO Le tecnologie La convergenza Problematiche

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Elettrica La segnalazione telefonica e VoIP (Overview) Michele Luca Fasciana Prof. Luigi Alcuri 2 La segnalazione telefonica

Dettagli

Marco Sommani Il Session Initiation Protocol

Marco Sommani Il Session Initiation Protocol Il Session Initiation Protocol Marco Sommani CNR-IIT, Pisa marco.sommani@cnr.it GARR-WS9, Roma GARR-WS9, 15 giugno 2009 1/44 SIP SIP (Session Initiation Protocol) è un protocollo utilizzato per iniziare,

Dettagli

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE Telefonia su IP Voice over IP Traffico vocale storicamente associato alla commutazione di circuito Dal 1995 possibilità di veicolare segnali vocali su reti per computer caratterizzate dall uso della commutazione

Dettagli

Abraham Gebrehiwot CNR Istituto di Informatica e Telematica - Pisa. Attività di TERENA sulla SIP identity

Abraham Gebrehiwot CNR Istituto di Informatica e Telematica - Pisa. Attività di TERENA sulla SIP identity Abraham Gebrehiwot CNR Istituto di Informatica e Telematica - Pisa 1 Attività di TERENA sulla SIP identity Problema da risolvere: Si vuole accertare l identità del chiamante integrità e autenticità dei

Dettagli

SVILUPPARE APPLICAZIONI VoIP SU SYMBIAN: UNA CORSA AD OSTACOLI

SVILUPPARE APPLICAZIONI VoIP SU SYMBIAN: UNA CORSA AD OSTACOLI Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica SVILUPPARE APPLICAZIONI VoIP SU SYMBIAN: UNA CORSA AD OSTACOLI Tesi di Laurea

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. SIP Session Initiation Protocol

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. SIP Session Initiation Protocol Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.8 Session Initiation Protocol (SIP) Prof. Raffaele Bolla Telematica 2 dist SIP Session Initiation

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

imparare & approfondiredi GRAZIA ANCONA

imparare & approfondiredi GRAZIA ANCONA imparare & imparare & approfondiredi GRAZIA ANCONA (parte quarta) INTRODUZIONE AL VOIP In questa quarta e ultima puntata affronteremo insieme il protocollo SIP. Esso rappresenta la tendenza più attuale

Dettagli

SIP (Session Initiation Protocol) Lelio Spadoni

SIP (Session Initiation Protocol) Lelio Spadoni SIP (Session Initiation Protocol) Lelio Spadoni Argomenti trattati Repro SIP Proxy Introduzione al protocollo SIP Analisi di alcuni messaggi (SIP) come: register, invite, ecc Cenni sui protocolli SDP,

Dettagli

VoIP. Introduzione. Telefonia VoIP Prima fase. Telefonia tradizionale

VoIP. Introduzione. Telefonia VoIP Prima fase. Telefonia tradizionale Introduzione VoIP Introduzione Il VoIP (Voice over IP) è la trasmissione della voce in tempo reale su una rete IP Rispetto alla rete telefonica tradizionale (PSTN - Public Switched Telephon Network) Consente

Dettagli

VoIP Security. Studenti: Angelo Reppucci matr. 0521/000728 Antonio Picardi matr. 0521/000730. Docente: Alfredo De Santis

VoIP Security. Studenti: Angelo Reppucci matr. 0521/000728 Antonio Picardi matr. 0521/000730. Docente: Alfredo De Santis VoIP Security Studenti: Angelo Reppucci matr. 0521/000728 Antonio Picardi matr. 0521/000730 Docente: Alfredo De Santis Anno accademico 2007/2008 Indice Public Switched Telephone Network Vantaggi del VoIP

Dettagli

Esercitazioni di Tecnologie e Servizi di Rete: Voice over IP (VoIP)

Esercitazioni di Tecnologie e Servizi di Rete: Voice over IP (VoIP) 1 Esercitazioni di Tecnologie e Servizi di Rete: Voice over IP (VoIP) Esercizio 1 Data la cattura riportata in figura relativa alla fase di registrazione di un utente SIP, indicare: 1. L indirizzo IP del

Dettagli

STUDIO ED ANALISI DELLA SICUREZZA DEI SERVIZI VOICE OVER IP CON SIP E RTP

STUDIO ED ANALISI DELLA SICUREZZA DEI SERVIZI VOICE OVER IP CON SIP E RTP Università degli studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni STUDIO ED ANALISI DELLA SICUREZZA DEI SERVIZI VOICE OVER IP CON SIP E RTP Relatore

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

SIP - Session Initiation Protocol

SIP - Session Initiation Protocol SIP - Session Initiation Protocol courtesy of Marco Sommani CNR-IIT, Pisa marco.sommani@cnr.it 1/44 SIP SIP (Session Initiation Protocol) è un protocollo utilizzato per iniziare, modificare o terminare

Dettagli

Universita' di Verona Dipartimento di Informatica

Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Universita' di Verona Dipartimento di Informatica 1 2 Problematiche Conferenza e sessione sono la generalizzazione della telefonata Fare una chiamata (protocollo di segnalazione) trovare l'utente negoziare

Dettagli

Session Initiation Protocol

Session Initiation Protocol 12. SIP-1 Pag. 1 Session Initiation Protocol SIP is a signaling protocol standardized by the IETF; it is used together with other protocols such as Session Description Protocol (SDP), Real Time Streaming

Dettagli

Reti di Calcolatori AA 2011/2012. Protocolli di applicazione. Livello di applicazione (3) Capitolo 2: Livello di applicazione (3)

Reti di Calcolatori AA 2011/2012. Protocolli di applicazione. Livello di applicazione (3) Capitolo 2: Livello di applicazione (3) Reti di Calcolatori AA 2011/2012 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching-duties/computer-networks Protocolli di applicazione (3) Csaba Kiraly Renato Lo Cigno Livello di applicazione (3) A note

Dettagli

Protocolli di applicazione

Protocolli di applicazione Reti di Calcolatori AA 2011/2012 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching-duties/computer-networks Protocolli di applicazione (3) Csaba Kiraly Renato Lo Cigno Livello di applicazione (3) A note

Dettagli

SIP e SDP. Segnalazione nelle reti VoIP. Fulvio Risso. Politecnico di Torino

SIP e SDP. Segnalazione nelle reti VoIP. Fulvio Risso. Politecnico di Torino SIP e SDP Segnalazione nelle reti VoIP Fulvio Risso Politecnico di Torino fulvio.risso[at]polito.it http://netgroup.polito.it/netlibrary/voip-intro/text.htm#73 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it

Dettagli

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP,

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, VoIP Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, SIP, H.323, ENUM Parte delle slide sono riadattate da : Reti di calcolatori

Dettagli

IP Multimedia Subsystem

IP Multimedia Subsystem Introduzione 2 IP Multimedia Subsystem Gli standard tecnologici per la fornitura di servizi VoIP stanno evolvendo verso architetture IP Multimedia Subsystem (IMS) in grado di erogare tramite un unica piattaforma

Dettagli

VoIP e SIP, La nuova frontiera della (tele)comunicazione

VoIP e SIP, La nuova frontiera della (tele)comunicazione VoIP e SIP, La nuova frontiera della (tele)comunicazione Storia Una volta c'erano centraliniste che ci facevano comunicare dall'altra parte del mondo attraverso l'instaurazione manuale di un circuito di

Dettagli

Protocolli applicativi: FTP

Protocolli applicativi: FTP Protocolli applicativi: FTP FTP: File Transfer Protocol. Implementa un meccanismo per il trasferimento di file tra due host. Prevede l accesso interattivo al file system remoto; Prevede un autenticazione

Dettagli

l'introduzione a Voice over IP

l'introduzione a Voice over IP Voice over IP (VoIP) l'introduzione a Voice over IP Voice Over IP (VoIP), noto anche come telefonia tramite Internet, è una tecnologia che consente di effettuare chiamate telefoniche tramite una rete di

Dettagli

Ed. 00. Guida SIP Trunking 11. 2006

Ed. 00. Guida SIP Trunking 11. 2006 Ed. 00 Guida SIP Trunking 11. 2006 COPYRIGHT Il presente manuale è esclusivo della SAMSUNG Electronics Italia S.p.A. ed è protetto da copyright. Nessuna informazione in esso contenuta può essere copiata,

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Connessione di reti private ad Internet. Fulvio Risso

Connessione di reti private ad Internet. Fulvio Risso Connessione di reti private ad Internet Fulvio Risso 1 Connessione di reti private ad Internet Diffusione di reti IP private Utilizzo di indirizzi privati Gli indirizzi privati risolvono il problema dell

Dettagli

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Indice Standard ISO/OSI e TCP/IP Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Modello Client / Server I Socket Il World Wide Web Protocollo HTTP Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A.

Dettagli

Servizi Applicativi su Internet SIP. Session Initiation Protocol Ing. Pierluigi Gallo

Servizi Applicativi su Internet SIP. Session Initiation Protocol Ing. Pierluigi Gallo Servizi Applicativi su Internet SIP Session Initiation Protocol Introduzione 1/2 2 Protocollo di segnalazione basato su IP Standard IETF (poi accettato anche da 3GPP) Utilizza alcuni paradigmi e strumenti

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Protocolli di segnalazione VoIP H.323 e SIP Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dai Prof. Stefano Paris, Vittorio Trecordi, Antonio Capone

Dettagli

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento INDICE Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti Architettura di riferimento La codifica vocale Il trasporto RTP e RTCP QoS in reti IP e requirements La segnalazione H.323 SIP Cenni

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

Protocolli per il Web. Impianti Informatici. Protocolli applicativi

Protocolli per il Web. Impianti Informatici. Protocolli applicativi Protocolli per il Web Protocolli applicativi I protocolli applicativi 2 Applicazioni Socket interface HTTP (WEB) SMTP (E-MAIL) FTP... NFS RPC DNS... Trasporto TCP UDP Rete ICMP RIP OSPF IP ARP RARP Non

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Stack protocolli TCP/IP

Stack protocolli TCP/IP Stack protocolli TCP/IP Application Layer Transport Layer Internet Layer Host-to-Nework Layer DNS SMTP Telnet HTTP TCP UDP IP Insieme di eterogenei sistemi di rete... 1 Concetti base Differenza tra i concetti

Dettagli

Vallarino Simone. Corso di sicurezza A.A. 2003/2004 HTTPS

Vallarino Simone. Corso di sicurezza A.A. 2003/2004 HTTPS Vallarino Simone Corso di sicurezza A.A. 2003/2004 HTTPS INTRODUZIONE Per cominciare a parlare di https è necessario aprire la discussione ricordando le caratteristiche dell http: HTTP Nel sistema telematico

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

HANDYTONE 486. Adattatore Telefonico Analogico GUIDA ALL INSTALLAZIONE

HANDYTONE 486. Adattatore Telefonico Analogico GUIDA ALL INSTALLAZIONE HANDYTONE 486 Adattatore Telefonico Analogico GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA Handytone 486 Guida all Installazione Rev1-0 pag.2 INDICE SCOPO...2 SERVIZIO EUTELIAVOIP...2 COLLEGAMENTO FISICO APPARATO...3 ACCESSO

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 5 Martedì 18-03-2014 1 Livello di applicazione Architetture

Dettagli

Posta elettronica DEFINIZIONE

Posta elettronica DEFINIZIONE DEFINIZIONE E-mail o posta elettronica è un servizio Internet di comunicazione bidirezionale che permette lo scambio uno a uno oppure uno a molti di messaggi attraverso la rete Un messaggio di posta elettronica

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Panasonic PIT-BC-PBX Panasonic KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Centrali Telefoniche KX-TDA 15/30/100/200 Informazione Tecnica N 021 Panasonic Italia S.p.A.

Dettagli

CONFIGURAZIONE VIA WEB BROWSER

CONFIGURAZIONE VIA WEB BROWSER CONFIGURAZIONE VIA WEB BROWSER Prima di procedere con la configurazione del vostro Pirelli NetGate VoIP via WEB Browser è importante che vi assicuriate di avere a disposizione i dati della connessione

Dettagli

TCP/IP un introduzione

TCP/IP un introduzione TCP/IP un introduzione Introduzione Il successo di Internet (rate di crescita annuo > 200 %) e dovuto all uso di protocolli standard aperti (IETF) TCP/IP (Transmission Control Protocol/Internet Protocol)

Dettagli

Progetto di servizi di presenza in scenari mobili di terza generazione

Progetto di servizi di presenza in scenari mobili di terza generazione Tesi di Laurea Progetto di servizi di presenza in scenari mobili di terza generazione Candidato: Renato Contestabile Relatore: Chiar.mo Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Dott.ssa Giovanna De Zen Sommario

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Sicurezza dei servizi Voice over IP con SIP e RTP

Sicurezza dei servizi Voice over IP con SIP e RTP Sicurezza dei servizi Voice con Program Manager: Francesco Limone f.limone@elis.org Project Manager: Emilio Tonelli Team Members CONSEL: Sebastiano Di Gregorio Matteo Mogno Alessandro Tatti Contents Introduzione

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche per la fornitura del servizio di Interconnessione IP/VOIP su rete TISCALI ITALIA per l anno 2013

Condizioni tecniche ed economiche per la fornitura del servizio di Interconnessione IP/VOIP su rete TISCALI ITALIA per l anno 2013 Condizioni tecniche ed economiche per la fornitura del servizio di Interconnessione IP/VOIP su rete TISCALI ITALIA per l anno 2013 1 Sommario 1. PREMESSA... 3 2. SERVIZIO TERMINAZIONE DI CHIAMATE DESTINATE

Dettagli

Strumenti e Protocolli per il controllo dello Streaming

Strumenti e Protocolli per il controllo dello Streaming UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori L-A Strumenti e Protocolli per il controllo dello Streaming Tesi di laurea di: Emanuele

Dettagli

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s Voice over IP e Telephony over IP architetture, protocolli e quality of service B Codifica segnale nelle reti POTS Richiami sulle reti di TLC Convertitore A/D 10110000000000011111101001101101 Segnale analogico

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Livello cinque (Livello application)

Livello cinque (Livello application) Cap. VII Livello Application pag. 1 Livello cinque (Livello application) 7. Generalità: In questo livello viene effettivamente svolto il lavoro utile per l'utente, contiene al suo interno diverse tipologie

Dettagli

Sicurezza dei sistemi SIP: analisi sperimentale di possibili attacchi e contromisure

Sicurezza dei sistemi SIP: analisi sperimentale di possibili attacchi e contromisure UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Sicurezza dei sistemi SIP: analisi sperimentale di possibili attacchi e contromisure

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

ATA-G81022MS GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP

ATA-G81022MS GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP ATA-G81022MS GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP ATA-G81022MS Guida alla Configurazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SCOPO...3 SCHEMA DI COLLEGAMENTO...3 ACCESSO ALL APPARATO...4 CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP...7

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

SIEMENS GIGASET S450 IP GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP

SIEMENS GIGASET S450 IP GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP SIEMENS GIGASET S450 IP GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP Gigaset S450 IP Guida alla configurazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SCOPO...3 TELEFONARE CON EUTELIAVOIP...3 CONNESSIONE DEL TELEFONO

Dettagli

PIRELLI Discus NetGate VoIP v2 VOIP ADSL ROUTER GUIDA ALL INSTALLAZIONE

PIRELLI Discus NetGate VoIP v2 VOIP ADSL ROUTER GUIDA ALL INSTALLAZIONE VoIP ADSL Router Discus NetGate VoIP v2 Pirelli (0.56S) Manuale operativo Pag. 1 PIRELLI Discus NetGate VoIP v2 VOIP ADSL ROUTER GUIDA ALL INSTALLAZIONE Release 0.56S VoIP ADSL Router Discus NetGate VoIP

Dettagli

* Sistemi Mobili e VOIP *

* Sistemi Mobili e VOIP * * Sistemi Mobili e VOIP * Luca Leone lleone@thundersystems.it Sommario VoIP Dispositivi mobili e VoIP Protocolli Firewall e VoIP Skype VoIP Voice Over Internet Protocol Tecnologia che rende possibile una

Dettagli

Web e HTTP. path name. host name Realizzato da Roberto Savino. www.someschool.edu/somedept/pic.gif

Web e HTTP. path name. host name Realizzato da Roberto Savino. www.someschool.edu/somedept/pic.gif Web e HTTP Terminologia Una pagina web consiste di oggetti Un oggetto può essere un file HTML, una immagine JPG, ecc. Una pagina web consiste di un file HTML base che fa riferimento a diversi oggetti al

Dettagli

Real Time Streaming Protocol

Real Time Streaming Protocol Real Time Streaming Protocol Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il protocollo RTSP è stato sviluppato da RealNetworks, Netscape Communications, e Columbia University. L'RTSP ottimizza il flusso di dati.

Dettagli

La rete è una componente fondamentale della

La rete è una componente fondamentale della automazioneoggi Attenti alle reti La telematica si basa prevalentemente sulle reti come mezzo di comunicazione per cui è indispensabile adottare strategie di sicurezza per difendere i sistemi di supervisione

Dettagli

Firewall VPN Cisco RV120W Wireless-N

Firewall VPN Cisco RV120W Wireless-N Firewall VPN Cisco RV120W Wireless-N La connettività di base raggiunge nuovi livelli Il firewall VPN Cisco RV120W Wireless-N offre connettività a elevata sicurezza a Internet, anche da altre postazioni

Dettagli

VoIP e IPSec: uno studio sulla coesistenza e cooperazione

VoIP e IPSec: uno studio sulla coesistenza e cooperazione Università degli Studi di Siena Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni VoIP e IPSec: uno studio sulla coesistenza e cooperazione Relatore: Chiar.mo Prof. Giuliano Benelli

Dettagli

PIRELLI DISCUS NETGATE VoIP v2 GUIDA ALL INSTALLAZIONE. Pirelli Discus Netgate Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0

PIRELLI DISCUS NETGATE VoIP v2 GUIDA ALL INSTALLAZIONE. Pirelli Discus Netgate Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 PIRELLI DISCUS NETGATE VoIP v2 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Pirelli Discus Netgate Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Potenzialità e servizi della Core Network IMS nella nuova rete integrata di TLC. Rinaldo Negroni

Potenzialità e servizi della Core Network IMS nella nuova rete integrata di TLC. Rinaldo Negroni Potenzialità e servizi della Core Network IMS nella nuova rete integrata di TLC Rinaldo Negroni Servizi TLC PES Multimedia Connectivity VCC Presence Conference Multimedia Conferencing Internet IPTV Streaming

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un applicativo Push-To-Talk con segnalazione SIP per terminali Symbian

Progettazione e realizzazione di un applicativo Push-To-Talk con segnalazione SIP per terminali Symbian UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Progettazione e realizzazione di un applicativo Push-To-Talk con segnalazione SIP

Dettagli

Modelli di comunicazione

Modelli di comunicazione omunicazione End-to-end o Relayed UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PRM Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http://www.tlc.unipr.it/veltri

Dettagli

La sicurezza delle reti

La sicurezza delle reti La sicurezza delle reti Inserimento dati falsi Cancellazione di dati Letture non autorizzate A quale livello di rete è meglio realizzare la sicurezza? Applicazione TCP IP Data Link Physical firewall? IPSEC?

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

Firegate SSL 5 - Release notes

Firegate SSL 5 - Release notes Firmware Versione: 3.19 Versione di rilascio ufficiale Aggiunto menu Diagnostics per Ping e Traceroute Aggiunto modalità NAT in DMZ Supporto per VoIP SIP in QoS Aggiunto Traffic Collector per analisi tipologia

Dettagli

Email. E-mail: SMTP, POP, IMAP. E-Mail: mail server. E-Mail: smtp [RFC 821] Tre componenti: user agent mail server simple mail transfer protocol: smtp

Email. E-mail: SMTP, POP, IMAP. E-Mail: mail server. E-Mail: smtp [RFC 821] Tre componenti: user agent mail server simple mail transfer protocol: smtp E-:, POP, IMAP E Tre componenti: simple transfer protocol: smtp User Agent Funzionalità: per leggere, editare ed inviare Eudora, Outlook, Pine, MacMail Messaggi sono memorizzati nel outgoing message queue

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Guida rapida alla configurazione della rete

Guida rapida alla configurazione della rete POWER REC NETWORK POWER REC NETWORK Guida rapida alla configurazione della rete Connessione alla rete mediante router Utilizzando un router, è possibile collegare il computer e i dispositivi DVR 1 ~ 3

Dettagli

SMS Gateway interfaccia HTTP

SMS Gateway interfaccia HTTP SMS Gateway interfaccia HTTP Versione 2.3.0 2001, 2002, 2003, 2004 GlobalSms.it www.globalsms.it 1 1 Introduzione 1.1 Sommario Solo gli utenti autorizzati hanno accesso al nostro SMS Gateway e possono

Dettagli

Reti di calcolatori e Internet

Reti di calcolatori e Internet Corso di Laboratorio di Tecnologie dell'informazione Reti di calcolatori e Internet Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Cos è Internet: visione dei componenti Milioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni SALVATORE PAGANO

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazioni, a.a. 00/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli

Firegate SSL 5 - Release notes

Firegate SSL 5 - Release notes Firmware Versione: 3.24u Aggiunto supporto NE per Windows 7 32/64bit Problemi noti: Rimosso NE_WEB. Usare prima NE e poi aprire nuova sessione/pagina/tab http verso il server desiderato Non supportato

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DELLE COMUNICAZIONI E DELLE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE Specifica d'interconnessione tra reti. Versione 1.

ISTITUTO SUPERIORE DELLE COMUNICAZIONI E DELLE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE Specifica d'interconnessione tra reti. Versione 1. SPECIFICA TECNICA No 769 Soluzioni tecniche di interconnessione in tecnologia a commutazione di pacchetto per servizi telefonici Parte A Network-to-Network Interface (NNI) in tecnologia VoIP/IP basata

Dettagli

Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward

Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward Sommario 1) L evoluzione della comunicazione: dalla rete PSTN alla

Dettagli

ZyXEL Prestige 2602R GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP

ZyXEL Prestige 2602R GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP ZyXEL Prestige 2602R GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP ZyXEL Prestige 2602R-61 Guida alla configurazione EUTELIAVOIP pag.2 INDICE SCOPO...3 ACCESSO ALLA USER INTERFACE...3 CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP

Dettagli

Lucidi a cura di Andrea Colombari, Carlo Drioli e Barbara Oliboni. Lezione 4

Lucidi a cura di Andrea Colombari, Carlo Drioli e Barbara Oliboni. Lezione 4 Lucidi a cura di Andrea Colombari, Carlo Drioli e Barbara Oliboni Lezione 4 Introduzione alle reti Materiale tratto dai lucidi ufficiali a corredo del testo: D. Sciuto, G. Buonanno e L. Mari Introduzione

Dettagli

Capitolo 6: sommario. Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access

Capitolo 6: sommario. Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access 6: Wireless and Mobile 6-1 Capitolo 6: sommario Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, CDMA IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access architettura standard (es. GSM)

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Esempi di applicazioni internet. WEB Trasferimento File Posta Elettronica Sistema dei nomi di dominio (DNS)

Esempi di applicazioni internet. WEB Trasferimento File Posta Elettronica Sistema dei nomi di dominio (DNS) Esempi di applicazioni internet WEB Trasferimento File Posta Elettronica Sistema dei nomi di dominio (DNS) 17 Il Web: terminologia Pagina Web: consiste di oggetti indirizzati da un URL (Uniform Resource

Dettagli