ambiente o meglio in freezer. Quali sono i sintomi? Come si effettua la diagnosi?

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ambiente o meglio in freezer. Quali sono i sintomi? Come si effettua la diagnosi?"

Transcript

1 prevenzione Occhio al pidocchio! a cura di: M. Ferri, A. Carpeggiani - Farmaciste La pediculosi del capo è un problema frequente nei bambini in età scolare ed è spesso causa di ansia e vergogna per le famiglie. La convinzione che avere i pidocchi sia un segno di scarsa igiene è, infatti, ancora molto diffusa, anche se completamente infondata. È opportuno che il medico di base ed il farmacista non solo forniscano consigli adeguati sui prodotti da utilizzare per liberarsi dai parassiti, ma sottolineino anche l importanza di segnalare il problema a tutte le comunità (scolastica, lavorativa, sportiva, ecc.) frequentate dal soggetto infestato. Il controllo ed il trattamento precoce sono infatti le uniche misure efficaci per impedire il diffondersi del contagio. Come avviene il contagio? Quali sono i soggetti maggiormente a rischio? Il Pediculus hominis è un insetto parassita, lungo 2-3 millimetri, di colore bruno-grigio. Si nutre obbligatoriamente del sangue dell uomo, non è in grado di volare, né di saltare e sopravvive solo 1-2 giorni, se separato dal suo ospite (le uova possono sopravvivere una decina di giorni). La varietà capitis infesta il cuoio capelluto: la femmina depone da 4 a 6 uova (lendini) al giorno alla base dei capelli, attaccandovele con una sostanza collosa, secreta dall apparato ghiandolare. Le zone preferite per deporre le uova sono la nuca e dietro alle orecchie. Dopo 6-9 giorni nascono nuovi parassiti, che diventano adulti in 3-5 giorni ed iniziano a deporre a loro volta altre uova. La vita media di un pidocchio è di giorni. Il contatto diretto testa-testa è senza dubbio la principale fonte di contagio: i bambini in età scolare sono quindi i soggetti più colpiti, perché trascorrono molto tempo giocando in gruppo. La prevalenza della pediculosi non varia stagionalmente: le epidemie che si osservano in determinati periodi sono dovute probabilmente all aumento delle occasioni di contatto, ad esempio con l inizio della scuola. I pidocchi non sono indice di scarsa igiene: infestano con la stessa probabilità persone più o meno pulite. Il contagio indiretto (attraverso spazzole, pettini, sciarpe, berretti, ecc.) è possibile, anche se non molto frequente, data la limitata sopravvivenza dei parassiti lontano dall uomo. È comunque opportuno, in caso di infestazione, lasciare immersi spazzole e pettini in acqua molto calda e lavare a 60 C biancheria da letto e da bagno, cappelli, sciarpe e vestiti. Qualora non sia possibile il lavaggio in acqua calda, risulta efficace anche il lavaggio a secco. Se entrambi non fossero praticabili (es. pelouche), si può chiudere l oggetto in un sacchetto di plastica e lasciarvelo per almeno 7/10 giorni a temperatura ambiente o meglio in freezer. Quali sono i sintomi? Come si effettua la diagnosi? Nella maggior parte dei casi e soprattutto in fase iniziale, la pediculosi del capo è asintomatica. Il prurito, causato da una reazione allergica alla saliva del parassita, interessa dal 15% al 36% dei casi e può manifestarsi anche dopo 3 mesi, durante i quali il soggetto non si accorge di essere contagiato. Nei soggetti che presentano prurito, è frequente rilevare piccole croste causate dal grattamento. È opportuno controllare sempre i bambini ad ogni lavaggio dei capelli, ma nel caso in cui sia in corso un allarme pidocchi, il controllo va effettuato almeno ogni due giorni. Se un soggetto risulta affetto da pediculosi, i familiari e tutte le persone che abbiano avuto contatti con lui nell ultimo mese vanno sottoposti a controllo. È quindi fondamentale che il medico o il farmacista sottolineino l importanza di avvertire subito tutte le comunità frequentate dal soggetto, senza nascondere il problema, come invece spesso accade. La ricerca delle uova va effettuata in un luogo illuminato, utilizzando una lente d ingrandimento evitando la luce diretta perché la luce sui capelli rende più difficile evidenziare le lendini. Le uova sono bianche, traslucide e, a differenza della forfora, sono saldamente attaccate alla base del capello. La tecnica di rilevazione più efficace consiste nel pettinare, ciocca per ciocca, i capelli umidi o bagnati con un apposito pettine a denti fitti (distanza tra i denti 0,2-0,3 mm). Tenendosi sopra ad un foglio bianco, oppure pulendo il pettine con un tessuto bianco dopo ogni passaggio, i pidocchi eventualmente presenti cadranno sul foglio oppure rimarranno sul tessuto. La zona della nuca e quella dietro le orecchie vanno controllate con particolare attenzione. I pettini da utilizzare sono quelli 120 n. 3 Maggio-Giugno 2001

2 forniti nelle confezioni dei prodotti antiparassitari oppure le pettinelle per la crosta lattea, disponibili in farmacia o nei negozi di articoli per neonato. Un comune pettine a denti fitti non è sufficiente. L utilizzo del pettine è utile sia per la rilevazione che per l eventuale eliminazione manuale dei parassiti, in associazione al trattamento con prodotti chimici, oppure in sua sostituzione, nei limitati casi in cui non sia possibile utilizzare questi prodotti, come vedremo in seguito. Quando la notifica? A chi compete? I medici che diagnosticano l infestazione hanno l obbligo (ai sensi del D.M. 15/12/90) della notifica presso il Distretto Sanitario di Base competente o il Servizio Igiene Sanità Pubblica. Questo obbligo ha una motivazione razionale: la pediculosi rientra infatti tra le malattie per le quali sono applicabili le misure di profilassi per esigenza di sanità pubblica, vale a dire misure di prevenzione, sia a livello individuale che collettivo, che permettono l interruzione della catena di contagio. È comunque abbastanza raro che il familiare o il diretto interessato si rivolgano al proprio medico per un problema di pediculosi: spesso è il farmacista l unico sanitario consultato al riguardo. Il farmacista non ha alcun obbligo di notifica ma, come già detto, riveste un ruolo molto importante sia nel fornire consigli adeguati sui prodotti da utilizzare, sia sottolineando l importanza di avvertire subito tutte le comunità frequentate dal soggetto, sia suggerendo di far controllare sempre tutti i componenti della famiglia dal medico del Distretto o dal medico curante. Nel caso in cui la presenza di pediculosi venga segnalata e/o riscontrata all interno di una comunità scolastica (ad esempio, scuola materna o elementare), è compito dell insegnante o del direttore effettuare la comunicazione al Distretto. Una volta attivato, il Distretto ha il compito di attuare tutte le misure di profilassi previste per le comunità scolastiche, allo scopo di interrompere la catena di trasmissione. Il personale sanitario del Distretto effettua un ispezione nella comunità scolastica per accertarsi della presenza dell infestazione. I bambini che risultano infestati possono riprendere a frequentare la scuola dopo aver eseguito un trattamento idoneo, che deve essere certificato dal medico. Attualmente è quindi sufficiente che il medico certifichi che il bambino è stato trattato in modo opportuno, mentre non è necessario che risulti completamente privo di lendini per essere riammesso a scuola. È comunque consigliabile il controllo del bambino da parte del personale del Distretto prima del rientro nella comunità scolastica. La politica di riammettere i bambini a scuola o in comunità solo quando siano completamente senza lendini non si è dimostrata efficace e può portare a ri-trattamenti non appropriati. Tuttavia è altrettanto vero che non è mai facile stabilire e certificare quando sia stato eseguito un idoneo trattamento: l unica certezza potrebbe essere proprio l assenza di lendini. La prevenzione In commercio esistono prodotti che vantano un azione preventiva del contagio, che però non è mai stata dimostrata. Il principio attivo contenuto in questi prodotti è il benzoato di benzile, sostanza utilizzata come repellente per zanzare e mosche. Probabilmente la sua attività nei confronti dei pidocchi si esplica grazie all odore sgradevole, che allontana sicuramente compagni ed amici e riduce quindi drasticamente le possibilità di contagio! Molte persone sono inoltre convinte che l utilizzo regolare di un prodotto contro i pidocchi, ad esempio di una lozione spruzzata tutte le mattine, oppure il lavaggio settimanale con uno shampoo antiparassitario, sia in grado di prevenire l infestazione. Questa convinzione, peraltro molto diffusa, deve essere sfatata con decisione: infatti nessuno di questi prodotti può vantare un attività preventiva ed il loro utilizzo frequente espone inutilmente, in particolar modo i bambini, alla tossicità degli antiparassitari e favorisce l insorgere di resistenze che costituiscono ormai un problema sempre più frequente. Tutti i prodotti anti-pidocchi vanno impiegati solo quando si è sicuri della presenza dei parassiti. L unica forma efficace di prevenzione è rappresentata dalla denuncia e dal controllo precoce. Il trattamento Perché è opportuno liberarsi dei pidocchi? Il Pediculus hominis non è in grado di trasmettere alcuna malattia, anche se la sua presenza può essere molto fastidiosa. Il prurito indotto dalla puntura, però, induce l ospite a grattarsi e le escoriazioni prodotte possono infettarsi, causando una piodermite (infezione cutanea superficiale). Quali prodotti o tecniche utilizzare? In commercio sono disponibili numerosi prodotti chimici per il trattamento della pediculosi, in diverse formulazioni (tabella 1). Per orientarsi nella scelta, è opportuno considerare diversi fattori. Nessun principio attivo ha dimostrato di essere più efficace degli altri. Gli estratti di piretro, le piretrine sintetiche, il malathion sono i principi attivi meglio documentati e più utilizzati, ma proprio l utilizzo estensivo può cau- n. 3 Maggio-Giugno

3 Tabella 1 - Prodotti per il trattamento della pediculosi Estratto di piretro, associato a piperonilbutossido AZOLIN shampoo antiparassitario shampoo estratto di piretro 1%; piperonilbutossido 1,2% CRUZZY lozione lozione estratto di piretro 0,5%; piperonilbutossido 0,6% CRUZZY shampoo al piretro shampoo estratto di piretro 0,2%; piperonilbutossido 0,5% Estratto di piretro, associato a piperonilbutossido e carbaryl AZOLIN polvere aspersoria polvere carbaryl 1%; estratto di piretro 0,8%; antiparassitaria piperonilbutossido 1% Piretrine sintetiche Permetrina NIX crema fluida crema fluida 1% Fenotrina CRUZZY shampoo potenziato alla sumitrina shampoo 0,5% MEDIKER A.P. shampoo antiparassitario shampoo 0,23% MOM gel gel 0,4% MOM shampoo schiuma antiparassitario shampoo 0,3% Fenotrina MOM shampoo antiparassitario + tetrametrina al piretro shampoo fenotrina 0,368%; tetrametrina 0,276% NEOMOM polvere antiparassitaria polvere fenotrina 0,4%; tetrametrina 0,4% Carbaryl AZOLIN lozione antiparassitaria lozione 1% Malathion AFTIR gel antiparassitario* gel 0,50% Piperonilbutossido MOM piretro emulsione e neopinamina crema fluida piperonilbutossido 0,4%; neopinamina 0,333% * Attenzione:Aftir shampoo, a differenza di Aftir gel NON è un prodotto antiparassitario. Anche se viene indicato dalla Ditta produttrice come in grado di favorire l allontanamento dei parassiti morti e delle loro uova, non contiene alcun principio attivo contro i pidocchi. sare una riduzione di efficacia, per la comparsa di resistenze. L efficacia dipende non solo dal principio attivo contenuto nel prodotto, ma anche dalla sua formulazione. In generale, le lozioni,i gel e le creme penetrano più facilmente nelle uova, gli shampoo restano sui capelli per un periodo troppo breve e vanno quindi utilizzati eventualmente come trattamento complementare, per lavare i capelli dopo l applicazione di un altro prodotto, le polveri penetrano scarsamente nelle uova. Attenzione!! Prodotti con lo stesso nome commerciale possono contenere principi attivi diversi. Inoltre, l efficacia dipende dal corretto utilizzo del prodotto: applicarlo nella giusta quantità, in modo uniforme (impregnare i capelli ciocca per ciocca, aiutandosi con la pettinella, per tutta la loro lunghezza e cospargere anche il cuoio capelluto, specialmente dietro le orecchie e sulla nuca); rispettare i tempi di applicazione (almeno 10 minuti per creme, gel e lozioni, 3-6 ore per le polveri). Nelle condizioni reali di utilizzo nessuno dei prodotti in commercio può essere ritenuto attivo al 100% sulle uova: per questo è consigliabile eliminarne manualmente il maggior numero possibile dopo il primo trattamento. La rimozione manuale si effettua pettinando per almeno 30 minuti, con l apposito pettine a denti 122 n. 3 Maggio-Giugno 2001

4 fitti, i capelli inzuppati con acqua e aceto, per staccare con maggiore facilità le uova. In commercio esistono prodotti a base di enzimi vegetali (es. Step2 ) per questo scopo, ma la loro efficacia non è generalmente superiore a quella di acqua e aceto. Spesso le lendini sono così saldamente attaccate ai capelli che si rende necessario sfilarle una per una con le dita. È inoltre opportuno ripetere il trattamento con lo stesso prodotto dopo 7-10 giorni, per eliminare gli eventuali parassiti nati dalle uova rimaste. Se, nonostante un ciclo completo di trattamento consistente nelle due applicazioni, si dovesse riscontrare ancora la presenza di parassiti, è possibile che essi siano resistenti al prodotto utilizzato. In questo caso sarà necessario ripetere il ciclo, ma con un prodotto appartenente ad un altra classe: ad esempio, dopo aver utilizzato un prodotto contenente una piretrina sintetica, si dovrà usare un prodotto a base di malathion o carbaryl. In alcuni casi non è possibile utilizzare i prodotti chimici, ad esempio nei bambini molto piccoli. In questi casi può essere utile la rimozione totalmente manuale di uova e pidocchi, che va effettuata come descritto precedentemente. L operazione va ripetuta ogni 3-4 giorni, per almeno 2 settimane e presenta il vantaggio di essere totalmente priva di effetti collaterali.tuttavia, si tratta di un metodo che richiede un impiego elevato di tempo e di pazienza: la probabilità che non venga eseguito in modo corretto è quindi elevata. Far accorciare i capelli favorisce l operazione. Nel caso di infestazione delle ciglia, è necessario ricorrere alla rimozione meccanica dei parassiti e delle uova, applicando una pomata oftalmica a base di vaselina (es. Duratirs ) per facilitare l operazione. I prodotti chimici possono avere effetti collaterali? I prodotti per il trattamento della pediculosi sono in genere sicuri e ben tollerati, se utilizzati in modo appropriato. L assorbimento attraverso la cute integra è scarso e l effetto collaterale più comune è rappresentato dall irritazione locale causata dagli eccipienti, specialmente a seguito di un uso prolungato. Le lozioni possono causare broncospasmo ed il loro impiego è perciò controindicato nei soggetti asmatici.vanno comunque utilizzate sempre in ambienti ventilati, evitando di direzionare lo spruzzo verso gli occhi, la bocca o il naso. Come già ricordato in precedenza, l utilizzo prolungato di antiparassitari aumenta l insorgenza di resistenze. Non sono noti gli effetti a lungo termine di un trattamento prolungato, ad esempio dell utilizzo scorretto di shampoo o lozioni a scopo preventivo, in particolar modo nei bambini in età scolare. Questo utilizzo, come si è già detto, va assolutamente scoraggiato. Quali prodotti utilizzare in gravidanza e durante l allattamento? Un esame della letteratura disponibile e le raccomandazioni degli organismi internazionali (es. del Centre of Disease Control) indicano i prodotti a base di permetrina come i più sicuri in gravidanza. La permetrina è scarsamente assorbita (< 2%) dalla cute intatta e non ha dimostrato attività teratogena nell animale o nell uomo. Il passaggio nel latte materno è risultato scarso negli studi sugli animali e, anche se non esistono dati relativi all uomo, si può supporre che il suo utilizzo sia sicuro anche durante l allattamento. La rimozione totalmente manuale di uova e pidocchi rimane un alternativa al trattamento chimico. Si ringrazia la dott.ssa G. Napoletano (Servizio Igiene Ulss 20, Verona) per il prezioso contributo fornito nella stesura dell articolo. BIBLIOGRAFIA - Chosidow O. Scabies and pediculosis. Lancet 2000; 355: Treating head louse infections. DTB 1998; 3(6): Peli L, Naldi L. Pediculosi e scabbia, che fare? Informazioni sui Farmaci 1997; 21(5): Wargon O. Treating head lice. Australian Prescriber 2000; 23(3): Un animaletto da eliminare. Salutest 1999; 22: Pediculosis and scabies 1998 CDC Guidelines. Micromedex Drug Consult vol Scabies/Pediculosis Therapy during pregnancy. Micromedex Drug Consult vol Treating head lice and scabies. The Cochrane Library 2000, issue 2. - Red Book Benenson AS. Manuale per il controllo delle malattie trasmissibili. 16 Edizione, Errata corrige Nella tabella dell articolo Comunicato sui prezzi di riferimento di DsF n. 2/2001 (pag ), il codice ATC J01DA04 identifica il principio attivo Cefazolina in fiale da 500 e 1000 mg, e non Piperacillina come erroneamente riportato. Inoltre, nella stessa tabella, il principio attivo Diclofenac (M01AB05) comprende, tra le confezioni di riferimento, quella da 5 f 75 mg e non quella da 5 cpr 75 mg come è stato invece pubblicato causa refuso tipografico. n. 3 Maggio-Giugno

5 informazioni per il cittadino Pidocchi: pregiudizi e domande I pregiudizi da sfatare - I pidocchi sono indice di sporcizia Non è vero, colpiscono anche le persone molto pulite! - Solo i bambini prendono i pidocchi Anche gli adulti vengono infestati, specialmente le mamme!! - I capelli tinti non vengono infestati dai pidocchi Non è vero, anche i capelli tinti e/o decolorati vengono attaccati dai pidocchi! - Il lavaggio periodico dei capelli con lo shampoo antiparassitario o una spruzzatina di lozione antiparassitaria prima di andare a scuola tengono lontani i pidocchi Niente di più sbagliato!! I prodotti antiparassitari non servono a prevenire l infestazione. Usati in questo modo possono essere dannosi per la persona e favorire la selezione di parassiti resistenti, verso i quali i prodotti non sono più efficaci. pettinella. Applicarlo quindi anche sul cuoio capelluto, soprattutto nella zona della nuca e dietro le orecchie. Le lozioni vanno utilizzate sempre in ambienti ventilati, evitando di direzionare lo spruzzo verso gli occhi, la bocca o il naso. I prodotti vanno tenuti in posa per almeno 10 minuti (per le polveri da 3 a 6 ore). Dopo il primo trattamento, cosa devo fare? I prodotti in commercio non sono completamente efficaci sulle uova, che possono quindi sopravvivere e dare origine ad una nuova popolazione di pidocchi! L unico metodo sicuro per eliminarle è staccarle manualmente. Le uova sono attaccate molto saldamente al capello, con una sostanza collosa. Spesso passare la pettinella non è sufficiente a staccarle e bisogna quindi sfilarle manualmente, ad una ad una, con le dita. Impregnare i capelli con una soluzione di acqua e aceto può essere utile per facilitare il distacco. dialogo sui farmaci Come faccio ad accertarmi se un membro della famiglia ha i pidocchi? La diagnosi non è semplice da effettuare: spesso è difficile trovare i pidocchi vivi e le uova sono molto piccole e traslucide, difficili da individuare. Una guardata veloce ai capelli non è assolutamente sufficiente per escludere la presenza di pidocchi!! È invece necessario un esame scrupoloso, soprattutto nella zona della nuca e dietro le orecchie, effettuato alla luce del sole o di una lampada (evitando la luce diretta perché il riflesso sui capelli rende più difficile evidenziare le lendini) utilizzando la lente d ingrandimento e pettinando i capelli bagnati, ciocca per ciocca, con la pettinella a denti fitti (quella da crosta lattea). Nel caso Lei abbia il sospetto che qualcuno della famiglia abbia preso i pidocchi, si rivolga al suo medico o al pediatra, oppure al Distretto, dove il personale sanitario è molto allenato ad individuare il parassita. Nel caso in cui siano stati segnalati dei casi di pediculosi, è necessario effettuare il controllo dei capelli ogni 2 o 3 giorni per più settimane. Quali sono i prodotti migliori contro i pidocchi? Tutti i prodotti in commercio contengono principi attivi efficaci contro i pidocchi, anche se in genere non sono altrettanto efficaci contro le uova. La formulazione è importantissima ed è consigliabile utilizzare sempre prodotti in crema, gel oppure lozione, che penetrano meglio nelle uova. Le polveri invece sono scomode da usare e poco efficaci sulle uova. Gli shampoo rimangono a contatto con i capelli per troppo poco tempo: possono essere usati per lavare i capelli dopo il trattamento con una crema, un gel o una lozione. Come vanno applicati i prodotti contro i pidocchi? Bisogna impregnare bene i capelli con il prodotto (crema o gel), ciocca per ciocca, in modo uniforme, aiutandosi con la Un solo trattamento è sufficiente? Anche se un solo trattamento, seguito dalla eliminazione manuale delle uova, può essere sufficiente per liberarsi dei pidocchi, è consigliabile effettuarne un altro, a distanza di 7-10 giorni, utilizzando lo stesso prodotto. In questo modo si elimineranno i pidocchi nati dalle uova eventualmente rimaste. È consigliabile un controllo finale per verificare l assenza di uova. Ci sono altre precauzioni da prendere? Lasciare immersi in acqua molto calda le spazzole ed i pettini e lavare a 60 C i cappelli, le sciarpe, la biancheria da letto e da bagno ed i vestiti venuti a contatto con i capelli. In alternativa, si può usare il lavaggio a secco. I pelouche possono essere disinfestati chiudendoli in un sacchetto di plastica e lasciandoli per 7-10 giorni, a temperatura ambiente o in freezer. Posso usare i prodotti contro i pidocchi anche se sono in gravidanza o sto allattando? I prodotti a base di permetrina sono ritenuti sicuri in gravidanza: questo principio attivo, infatti è scarsamente assorbito (< 2%) dalla cute intatta e non ha dimostrato di causare danni al feto. Il passaggio nel latte materno è risultato scarso negli studi sugli animali e, anche se non esistono dati relativi all uomo, si può supporre che il suo utilizzo sia sicuro anche durante l allattamento. Si rivolga al suo farmacista per sapere quali prodotti in commercio contengono permetrina. Importante! Per evitare di essere infestato di nuovo dai pidocchi: - controllare attentamente tutti i componenti della famiglia. - avvisare tutte le persone che hanno avuto contatti con il bambino affinché si sottopongano ad un controllo. 124 Dialogo sui farmaci autorizza ed incentiva la riproduzione fotostatica di questa pagina da parte del medico e del farmacista, per consegnarla al paziente n. 3 Maggio-Giugno 2001

PER I PAZIENTI DIALOGO SUI FARMACI PIDOCCHI

PER I PAZIENTI DIALOGO SUI FARMACI PIDOCCHI Il Pediculus humanus è un insetto parassita, lungo 2-3 millimetri, di colore bruno-grigio. Si nutre obbligatoriamente del sangue dell uomo, non è in grado di volare, né di saltare e sopravvive solo 1-2

Dettagli

Pediculosi. Un bel grattacapo per tutti

Pediculosi. Un bel grattacapo per tutti Pediculosi Un bel grattacapo per tutti POSSIAMO SCONFIGGERLA! MA SOLO SE C'E' COLLABORAZIONE TRA... Famiglia Scuola Famiglia Includere tra le normali cure parentali il controllo periodico della testa del

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SUL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI

OPUSCOLO INFORMATIVO SUL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI OPUSCOLO INFORMATIVO SUL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI A cura del Servizio Igiene e Sanità Pubblica DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE 1 IL PIDOCCHIO DEL CAPO Il pidocchio del capo è un parassita specifico dell

Dettagli

LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA PEDICULOSI

LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA PEDICULOSI LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA PEDICULOSI AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI VARESE DIREZIONE SANITARIA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA LA PEDICULOSI:

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze LA PEDICULOSI NELLE SCUOLE prevenzione e controllo Assistente Sanitario Dott.ssa Elisa Sereno, Dott.ssa Daniela Zocchi U.O. Assistenza Sanitaria in Ambito Preventivo Direttore

Dettagli

IL PIDOCCHIO DEI CAPELLI

IL PIDOCCHIO DEI CAPELLI IL PIDOCCHIO DEI CAPELLI INFORMAZIONI SULLA GESTIONE DELLA PEDICULOSI IN FAMIGLIA E NELLA SCUOLA AZIENDA USL 5 DI PISA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE UF IGIENE E SANITA PUBBLICA IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

Dettagli

Scritto da Ale Giovedì 22 Ottobre 2009 23:00 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 11 Luglio 2012 19:51

Scritto da Ale Giovedì 22 Ottobre 2009 23:00 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 11 Luglio 2012 19:51 Con il termine di pediculosi si indica l'infiammazione causata dal pidocchio, si tratta di un parassita simile è il Pthirus Pubis (chiamato comunemente piattola che vive e si riproduce tra il pelo del

Dettagli

I pidocchi della testa

I pidocchi della testa I pidocchi della testa Kit informativo per i genitori Cosa succede se il vostro bambino prende i pidocchi. Niente panico, qualsiasi bambino può avere i pidocchi e il trattamento non è difficile. Iniziate

Dettagli

Pediculosi del capo (i pidocchi)

Pediculosi del capo (i pidocchi) Pediculosi del capo (i pidocchi) Scarsi sintomi, molta preoccupazione La pediculosi del capillizio è una malattia infettiva dovuta al pidocchio del capo. Si tratta del Pediculus humanus varietà capitis,

Dettagli

Pediculosi del capo. Che cos'è

Pediculosi del capo. Che cos'è Pediculosi del capo Che cos'è La pediculosi è una infestazione da parte di pidocchi, piccoli insetti che vivono succhiando il sangue dell'ospite. Esistono 3 tipi di pidocchi: il pidocchio della testa,

Dettagli

ATTENZIONE AL PIDOCCHIO!!

ATTENZIONE AL PIDOCCHIO!! DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Viale Vellei, 16 63100 ASCOLI PICENO Tel. 0736358075 Fax 0736358061 ATTENZIONE AL PIDOCCHIO!! e... se c'è, togliamocelo dalla testa COSA

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Premessa La pediculosi è un infestazione del cuoio capelluto, causata da piccoli parassiti (lunghi 1-4 mm) che depongono uova chiamate lendini.

Dettagli

I pidocchi della testa. Contro i pidocchi non serve il martello

I pidocchi della testa. Contro i pidocchi non serve il martello I pidocchi della testa Kit informativo per i genitori Contro i pidocchi non serve il martello 1. Controlla i capelli del tuo bambino ogni settimana 2.Esegui immediatamente il trattamento 3.Avvisa la scuola

Dettagli

I pidocchi della testa. Contro i pidocchi non serve il martello

I pidocchi della testa. Contro i pidocchi non serve il martello I pidocchi della testa Kit informativo per i genitori Contro i pidocchi non serve il martello Controlla i capelli del tuo bambino ogni settimana Esegui immediatamente il trattamento Avvisa la scuola Presentazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTERVENTO

PROTOCOLLO DI INTERVENTO Sito internet: www.icmontaltotaverna.gov.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TAVERNA 87046 MONTALTO UFFUGO (Cosenza) Via Paolo Borsellino, s.n.c.

Dettagli

Protocollo per la gestione dei casi di pediculosi del capo Premessa

Protocollo per la gestione dei casi di pediculosi del capo Premessa Protocollo per la gestione dei casi di pediculosi del capo Premessa La pediculosi è un infestazione del cuoio capelluto, causata da piccoli parassiti (lunghi 1-4 mm) che depongono uova chiamate lendini.

Dettagli

LA PEDICULOSI DEL CAPO

LA PEDICULOSI DEL CAPO LA PEDICULOSI DEL CAPO L infestazione da pidocchi è un problema che si presenta ciclicamente, soprattutto all interno di comunità di bambini,adolescenti o anziani. L evento, di per sé, non ha risvolti

Dettagli

S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA

S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA ALL. D REGIONE PIEMONTE Azienda Sanitaria Locale n 13 via dei Mille n 2-28100 Novara P.I./C.F. 01522670031 --------------------------------------- DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA'

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI PREMESSA

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI PREMESSA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SERVIZIO SANITARIO NOTA INFORMATIVA PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI PREMESSA Nel corso dell anno scolastico pervengono al Servizio di Igiene

Dettagli

CIRCOLARE N. 172 PERUGIA 12 novembre 2015

CIRCOLARE N. 172 PERUGIA 12 novembre 2015 Istituto di Istruzione Superiore Cavour Marconi Pascal Sede centrale: loc. Piscille, Via Assisana 40/d 06154 - PERUGIA Tel. 0755838322 Fax 07532371 Sede coordinata loc. Olmo, Via Trasimeno Ovest PG Tel.

Dettagli

Pidocchi? Lendini? Panico?

Pidocchi? Lendini? Panico? Pidocchi? Lendini? Panico? Con NYDA la soluzione è rapida. Cari genitori, Se il medico ha riscontrato nel vostro bambino la presenza dei pidocchi, l obiettivo prioritario è combattere efficacemente le

Dettagli

PEDICULOSI: PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI DEL CAPO

PEDICULOSI: PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI DEL CAPO Dipartimento Cure Primarie Pediatria di Comunità Distretto di Correggio Responsabile:Dr. Luigi Moscara mailto:luigi.moscara@ausl.re.it Tel. 0522 630374 Allegato 2 PEDICULOSI: PROTOCOLLO PER LA GESTIONE

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE

MINISTERO DELLA SALUTE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE UFFICIO III - MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE una raccolta di schede informative

Dettagli

LINEE GUIDA per la PREVENZIONE e per la GESTIONE della PEDICULOSI

LINEE GUIDA per la PREVENZIONE e per la GESTIONE della PEDICULOSI Torino, 15 ottobre 2015 Prot. n. 3241/B9 DIREZIONE DIDATTICA STATALE ROBERTO D'AZEGLIO Agli Insegnanti del Circolo Al personale ATA Al personale della Cooperativa Ai collaboratori SAFATLETICA Ai genitori

Dettagli

Diamoci una mano per combatterli.

Diamoci una mano per combatterli. PIDOCCHI Diamoci una mano per combatterli. SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA 1 Nel periodo di tempo in cui i bambini iniziano a frequentare la scuola materna o le prime classi della scuola elementare molte

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "SALVATORE TODARO" Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria

Dettagli

Dipartimento di Farmacia Prof. Luigina Cellini Università G. d Annunzio Chieti-Pescara LA PEDICULOSI

Dipartimento di Farmacia Prof. Luigina Cellini Università G. d Annunzio Chieti-Pescara LA PEDICULOSI Dipartimento di Farmacia Prof. Luigina Cellini Università G. d Annunzio Chieti-Pescara LA PEDICULOSI Pediculus capitis (comunemente noto come pidocchio) è l agente etiologico responsabile della pediculosi.

Dettagli

PRODOTTI PER IL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI

PRODOTTI PER IL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI 172 > OSSERVATORIO FARMACEUTICO PRODOTTI PER IL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI un mercato inadeguato A Carpeggiani, Farmacista di Verona Sconsigliati i prodotti per la prevenzione. Pettini e prodotti chimici

Dettagli

San Benedetto del Tronto Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dott. Gregorio Carnessale. Pediculosi del capo

San Benedetto del Tronto Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dott. Gregorio Carnessale. Pediculosi del capo San Benedetto del Tronto Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dott. Gregorio Carnessale Pediculosi del capo La pediculosi del capo Malattia trasmissibile che si riscontra in tutti

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE IN AMBITO FAMIGLIARE

MISURE DI PREVENZIONE IN AMBITO FAMIGLIARE PEDICULOSI: Dipartimento Cure Primarie Distretto di Reggio Emilia S.O.C. SALUTE DONNA E INFANZIA S.O.S Pediatria di Comunità Pad.Bertolani -via Amendola, 2 42122 Reggio Emilia tel. 0522/335521 fax 0522/335550

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI pagina 1 di 10 ALLEGATO 10 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI pagina 2 di 10 1. SCOPO Da

Dettagli

Occhio al pidocchio... e se c è togliamocelo dalla testa. consigli utili per i genitori

Occhio al pidocchio... e se c è togliamocelo dalla testa. consigli utili per i genitori Occhio al pidocchio...... e se c è togliamocelo dalla testa consigli utili per i genitori Occhio al pidocchio...... e se c è togliamocelo dalla testa UOVA COSA SUCCEDE SE IL VOSTRO BAMBINO PRENDE I PIDOCCHI

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 80 LE PARASSITOSI CUTANEE IN AMBITO SCOLASTICO

Bollettino Epidemiologico n. 80 LE PARASSITOSI CUTANEE IN AMBITO SCOLASTICO Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 80 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - Tel. 0824-308 284-5-6-9 - Fax 0824-308302 - e-mail sep@aslbenevento.it LE PARASSITOSI

Dettagli

Pidocchi... non perdere la testa!

Pidocchi... non perdere la testa! Dipartimento di Prevenzione Medico Servizio Medicina Preventiva nelle Comunità 22100 Como via Castelnuovo,1 Tel. 031/370421 Fax 031/370425 E-mail: medicina.comunita@asl.como.it Pidocchi... non perdere

Dettagli

ULSS N 4 Alto Vicentino Regione Veneto

ULSS N 4 Alto Vicentino Regione Veneto CITTA DI THIENE Settore Servizi Istituzionali ed al Cittadino ULSS N 4 Alto Vicentino Regione Veneto Linee guida igienico - sanitarie per le comunità infantili Indicazioni per i genitori Ammissione del

Dettagli

Concetti base sulle comuni Parassitosi

Concetti base sulle comuni Parassitosi Concetti base sulle comuni Parassitosi 1 Parassitosi nei nostri bambini Sono molte: Amebiasi, Scabbia, Giardiasi, Teniasi, Toxoplasmosi, etc Interessano per lo più l intestino Le due più comuni forme di

Dettagli

Parasidose LA SOLUZIONE PIDOCCHI LENDINI. contro i pidocchi

Parasidose LA SOLUZIONE PIDOCCHI LENDINI. contro i pidocchi Parasidose LA SOLUZIONE contro i pidocchi Carta d identita del pidocchio Nome: Pediculus Humanus Capitis Famiglia: Insetto ematofago (si nutre di sangue) Habitat: Si nasconde fra i capelli, vicino al collo

Dettagli

Pidocchi?... non perdiamo la testa

Pidocchi?... non perdiamo la testa Pidocchi?... non perdiamo la testa INFORMAZIONI SULLA PEDICULOSI DEL CAPO Ripartizione Sanità Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 02 COME AVVIENE IL CONTAGIO?... 07 03 PREVENZIONE... 09 04 TRATTAMENTO:

Dettagli

PEDICULOSI SCOLASTICA tutto quello che bisogna sapere

PEDICULOSI SCOLASTICA tutto quello che bisogna sapere OSSERVATORIO PARASSITOSI SCOLASTICHE PEDICULOSI SCOLASTICA tutto quello che bisogna sapere Una guida per immagini a cura del Dott. Gaetano Scanni Medico Scolastico-Specialista Dermatologo ASL-Bari, distretto

Dettagli

LA PEDICULOSI DEL CAPO

LA PEDICULOSI DEL CAPO LA PEDICULOSI DEL CAPO L infestazione da pidocchi è un problema che si presenta ciclicamente, soprattutto all interno di comunità di bambini, adolescenti o anziani. L evento, di per sé, non ha risvolti

Dettagli

LINEE GUIDA per la PREVENZIONE e per la GESTIONE della PEDICULOSI

LINEE GUIDA per la PREVENZIONE e per la GESTIONE della PEDICULOSI Torino, 27 ottobre 2014 Prot. n.3168 /A23 DIREZIONE DIDATTICA STATALE ROBERTO D'AZEGLIO Agli Insegnanti del Circolo Al personale ATA Al personale della Cooperativa Ai collaboratori SAFATLETICA Ai genitori

Dettagli

APPROFONDIMENTO SUI PIDOCCHI E LA PEDICULOSI

APPROFONDIMENTO SUI PIDOCCHI E LA PEDICULOSI APPROFONDIMENTO SUI PIDOCCHI E LA PEDICULOSI domande e risposte La pediculosi continua a rappresentare un problema frequente, soprattutto nelle scuole. Quando si presenta, deve essere affrontata con tempestività,

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI CASI DI PEDICULOSI 1. SCOPO Da alcuni anni ormai si manifesta in modo sempre più frequente il fenomeno della pediculosi nelle scuole, anche nel nostro Istituto. Per evitare

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

Dipartimento Cure Primarie UOC Pediatria Territoriale INFORMAZIONI PER I GENITORI. Anno scolastico 2013-14

Dipartimento Cure Primarie UOC Pediatria Territoriale INFORMAZIONI PER I GENITORI. Anno scolastico 2013-14 INFORMAZIONI PER I GENITORI Anno scolastico 2013-14 AMMISSIONE A SCUOLA Prima di iniziare la frequenza alla scuola per alcuni bambini è necessario un controllo da parte del Servizio di Pediatria Territoriale:

Dettagli

SCABBIA. www.fisiokinesiterapia.biz

SCABBIA. www.fisiokinesiterapia.biz Epidemie frequenti in comunità a stretto contatto: ospedali, carceri, case di riposo, caserme Riaccensioni cicliche ventennali www.fisiokinesiterapia.biz SARCOPTES SCABIEI VAR. HOMINIS -Specie specifico

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. Gemadol 10% crema Etofenamato

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. Gemadol 10% crema Etofenamato Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Gemadol 10% crema Etofenamato 000020_024180_20150829_Rev 01 Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché contiene importanti

Dettagli

LA PEDICULOSI il pidocchio del capo il pidocchio del corpo il pidocchio del pube stadi successivi

LA PEDICULOSI il pidocchio del capo il pidocchio del corpo il pidocchio del pube stadi successivi LA PEDICULOSI La pediculosi è un'infestazione causata dalla presenza di pidocchi, piccoli insetti grigio-biancastri senza ali, con il corpo appiattito e le zampe fornite di uncini particolari, che permettono

Dettagli

Torna a sorridere senza i pidocchi

Torna a sorridere senza i pidocchi 185-08/2006-5.000 Torna a sorridere senza i pidocchi È un dispositivo medico ALCUNI UTILI CONSIGLI PER DEBELLARE I PIDOCCHI Cari lettori, Edizione 2000 / 07. 2006 Testo Beck & Partner GmbH, Amburgo Fotocomposizione

Dettagli

VECTAVIR LABIALE 1% crema penciclovir

VECTAVIR LABIALE 1% crema penciclovir FOGLIO ILLUSTRATIVO PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare disturbi lievi

Dettagli

Ai Dirigenti Scolastici

Ai Dirigenti Scolastici DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA Prot. N Responsabile del Procedimento Dott. Roberto Boni Ai Dirigenti Scolastici Ai Referenti Scolastici per la Educazione alla Salute

Dettagli

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla Consigli ai genitori La dermatite atopica Come curarla I consigli Quando? Al momento di una diagnosi certa o nelle ricadute Come? Con spiegazioni orali, con scheda Perché Serve a rendere autonomo il genitore,

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

PROTOCOLLO GESTIONE MALATTIE SCUOLA DELL INFANZIA ASSOCIAZIONE GENITORI SCUOLA MATERNA CESIOLO

PROTOCOLLO GESTIONE MALATTIE SCUOLA DELL INFANZIA ASSOCIAZIONE GENITORI SCUOLA MATERNA CESIOLO PROTOCOLLO GESTIONE MALATTIE SCUOLA DELL INFANZIA ASSOCIAZIONE GENITORI SCUOLA MATERNA CESIOLO Responsabile gestione sanitaria: Bellini Raffaella Presidente Comitato di Gestione: Erbisti Ciro Genitori

Dettagli

IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI

IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI Contro pulci, zecche, zanzare e pappataci IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI I più comuni parassiti TRASMETTERE Le malattie trasmesse da vettore Pulci, zecche, zanzare e anche pappataci sono un problema per

Dettagli

Istruzioni per l uso PIASTRA PER CAPELLI. PIASTRA PER CAPELLI IT pagina. 00332.indd 1 29-05-2010 11:10:4

Istruzioni per l uso PIASTRA PER CAPELLI. PIASTRA PER CAPELLI IT pagina. 00332.indd 1 29-05-2010 11:10:4 Istruzioni per l uso PIASTRA PER CAPELLI PIASTRA PER CAPELLI IT pagina 002.indd 29-0-200 :0:4 6 4 2 [Z] Type H290 00-240 V 0/60 Hz 42 W 002.indd 29-0-200 :0:4 ISTRUZIONI PER L USO DELLA PIASTRA PER CAPELLI

Dettagli

LA SCABBIA NELLA STORIA

LA SCABBIA NELLA STORIA LA SCABBIA LA SCABBIA NELLA STORIA Il termine scabbia deriva dal latino scabere = grattare. La scabbia è già menzionata nelle Sacre Scritture ed è ampiamente trattata nel De Ornatum Mulierum della dott.

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Opuscolo informativo. I pidocchi o pediculosi del capo

Opuscolo informativo. I pidocchi o pediculosi del capo Opuscolo informativo I pidocchi o pediculosi del capo I pidocchi sono ectoparassiti, specie-specifici per l'uomo nei confronti del quale si comportano come veri e propri "predatori di sangue". L'uomo può

Dettagli

Le radiazioni ultraviolette e la fotoprotezione

Le radiazioni ultraviolette e la fotoprotezione Le radiazioni ultraviolette e la fotoprotezione DURANTE La più importante sorgente di raggi ultravioletti è il sole. Mentre i raggi UVC vengono quasi completamente assorbiti dallo strato di ozono dell

Dettagli

La Pediculosi. Chi si prende cura di voi. per stare bene insieme

La Pediculosi. Chi si prende cura di voi. per stare bene insieme Chi si prende cura di voi per stare bene insieme La Pediculosi Nell ambito delle comunità scolastiche di ogni ordine e grado e dei Servizi all infanzia del territorio di competenza, la ASL di Milano si

Dettagli

DAS GEHEIMNIS GEGEN KOPFLÄUSE UND NISSEN LE SECRET CONTRE POUX ET LENTES IL SECRETO CONTRO PIDOCCHI E LENDINI THE SECRET AGAINST HEAD LICES AND NITS

DAS GEHEIMNIS GEGEN KOPFLÄUSE UND NISSEN LE SECRET CONTRE POUX ET LENTES IL SECRETO CONTRO PIDOCCHI E LENDINI THE SECRET AGAINST HEAD LICES AND NITS DAS GEHEIMNIS GEGEN KOPFLÄUSE UND NISSEN LE SECRET CONTRE POUX ET LENTES IL SECRETO CONTRO PIDOCCHI E LENDINI THE SECRET AGAINST HEAD LICES AND NITS OPUSCOLO Tempi duri per lendini e pidocchi In questi

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Elisa Fabemoli LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Ovvero come sensibilizzare genitori, insegnanti, educatori e bambini su un problema che tormenta i pensieri dentro e sopra le nostre teste 1 In una scuola

Dettagli

Istruzioni per l uso PIASTRA PER CAPELLI. PIASTRA PER CAPELLI IT pagina M1501 M1502 M1503 M1504. Type

Istruzioni per l uso PIASTRA PER CAPELLI. PIASTRA PER CAPELLI IT pagina M1501 M1502 M1503 M1504. Type Istruzioni per l uso PIASTRA PER CAPELLI PIASTRA PER CAPELLI IT pagina 1 Type M1501 M1502 M1503 M1504 140 C 230 C GUIDA ILLUSTRATIVA 1 2 3 4 5 7 6 8 9 DATI TECNICI TYPE M1501 M1502 M1503 M1504 100-240V

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Prot. n. 29949 Imola, 8 settembre 2014. Oggetto: Direttive sanitarie per gli ASILI NIDO del comprensorio di Imola

Prot. n. 29949 Imola, 8 settembre 2014. Oggetto: Direttive sanitarie per gli ASILI NIDO del comprensorio di Imola Distretto Dipartimento Cure Primarie Prot. n. 29949 Imola, 8 settembre 2014 Oggetto: Direttive sanitarie per gli ASILI NIDO del comprensorio di Imola Ai RESPONSABILI DEGLI ASILI NIDO p.c. AI PEDIATRI DI

Dettagli

PUNTURE DI INSETTI ( zanzare, tafani, cimici)

PUNTURE DI INSETTI ( zanzare, tafani, cimici) Giovedì 11 Agosto 2011 10:36 Ultimo aggiornamento Giovedì 11 Agosto 2011 11:00 PUNTURE DI INSETTI ( zanzare, tafani, cimici) 1 / 6 Giovedì 11 Agosto 2011 10:36 Ultimo aggiornamento Giovedì 11 Agosto 2011

Dettagli

Prot. n. 29947 Imola, 8 settembre 2014. Oggetto: DIRETTIVE SANITARIE PER GLI ISTITUTI SUPERIORI anno scolastico 2014-2015

Prot. n. 29947 Imola, 8 settembre 2014. Oggetto: DIRETTIVE SANITARIE PER GLI ISTITUTI SUPERIORI anno scolastico 2014-2015 Distretto Dipartimento Cure Primarie Pediatria di Comunità Prot. n. 29947 Imola, 8 settembre 2014 Oggetto: DIRETTIVE SANITARIE PER GLI ISTITUTI SUPERIORI anno scolastico 2014-2015 AI DIRIGENTI DEGLI ISTITUTI

Dettagli

Protezione naturale Prevenzione contro pappataci (lesmania), zecche e pulci

Protezione naturale Prevenzione contro pappataci (lesmania), zecche e pulci Protezione naturale Prevenzione contro pappataci (lesmania), zecche e pulci PROTECTIVE CANE - GATTO Il rischio per gli animali domestici di essere infestati da parassiti è sempre presente. Il cane e il

Dettagli

Denominazione del medicinale STILLA DECONGESTIONANTE 0,05% collirio, soluzione Tetrizolina Cloridrato

Denominazione del medicinale STILLA DECONGESTIONANTE 0,05% collirio, soluzione Tetrizolina Cloridrato PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo e un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Foglio Illustrativo: Informazioni per il paziente. Lidocaina Formenti 5% cerotto medicato Lidocaina

Foglio Illustrativo: Informazioni per il paziente. Lidocaina Formenti 5% cerotto medicato Lidocaina Foglio Illustrativo: Informazioni per il paziente Lidocaina Formenti 5% cerotto medicato Lidocaina Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale, perché contiene importanti informazioni

Dettagli

L Acchiappa Pidocchio

L Acchiappa Pidocchio U.O. Pediatria di Comunità L Acchiappa Pidocchio TEMPI DURI PER LENDINI E PIDOCCHI Nei tempi moderni si assiste sempre più alla comparsa dei pidocchi. Il fenomeno si verifica in maniera analoga in campagna

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Soluzione Schoum soluzione orale

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Soluzione Schoum soluzione orale Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Soluzione Schoum soluzione orale Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni per lei.

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. Voltaren Emulgel 2% gel diclofenac dietilammonio

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. Voltaren Emulgel 2% gel diclofenac dietilammonio Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Voltaren Emulgel 2% gel diclofenac dietilammonio Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché contiene importanti informazioni

Dettagli

Per prodotti dermatologicamente. e approvati.

Per prodotti dermatologicamente. e approvati. Per prodotti dermatologicamente testati e approvati. La pelle sensibile richiede cure speciali La pelle è, fra gli organi del nostro corpo, quello di maggiori dimensioni. Giorno dopo giorno ci protegge

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI Allegato 3 Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: Descrizione prodotto: : soluzioni di acqua

Dettagli

Istruzioni per l uso STYLER PER CAPELLI. STYLER PER CAPELLI IT pagina. 00331.indd 1 30/06/10 13.2

Istruzioni per l uso STYLER PER CAPELLI. STYLER PER CAPELLI IT pagina. 00331.indd 1 30/06/10 13.2 Istruzioni per l uso STYLER PER CAPELLI STYLER PER CAPELLI IT pagina 1 00331.indd 1 30/06/10 13.2 [Z] 1 2 3 6 9 7 5 4 8 TYPE G3501 220-240V 50/60 Hz 105 W 00331.indd 1 30/06/10 13.2 ISTRUZIONI PER L USO

Dettagli

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it IL RICOVERO IN CASA DI CURA DIECI SUGGERIMENTI PER UNA MAGGIOR SICUREZZA DELLA CURA tratte ed adattate da: Guida per i cittadini è la mia salute e io ci sono e Guida per i familiari prendersi cura insieme

Dettagli

Quegli ospiti SGRA. Cosa fare per garantire il minor di rischio al nostro animale? Innanzi tutto precisiamo che esistono due tipi di parassitosi:

Quegli ospiti SGRA. Cosa fare per garantire il minor di rischio al nostro animale? Innanzi tutto precisiamo che esistono due tipi di parassitosi: Quegli ospiti SGRA Con la bella stagione molti proprietari non perdono l opportunità di uscire con il proprio cane. Ciò favorisce senz altro il benessere di entrambi ma può comportare degli inconvenienti.

Dettagli

Prot. N DI/30377 Imola, 27 luglio 2005

Prot. N DI/30377 Imola, 27 luglio 2005 Distretto Dipartimento Cure Primarie Pediatria di Comunità Prot. N DI/30377 Imola, 27 luglio 2005 Oggetto: Direttive sanitarie per le Scuole MATERNE, ELEMENTARI e MEDIE INFERIORI situate nel territorio

Dettagli

SCALIBOR PROTECTORBAND collare antiparassitario per cani - 48 cm Taglia media e piccola

SCALIBOR PROTECTORBAND collare antiparassitario per cani - 48 cm Taglia media e piccola FOGLIETTO ILLUSTRATIVO SCALIBOR PROTECTORBAND collare antiparassitario per cani - 48 cm Taglia media e piccola 1. NOME E INDIRIZZO DEL TITOLARE DELL AUTORIZZAZIONE ALL IMMISSIONE IN COMMERCIO E DEL TITOLARE

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore. Dequadin 0,25 mg compresse Dequalinio cloruro

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore. Dequadin 0,25 mg compresse Dequalinio cloruro Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Dequadin 0,25 mg compresse Dequalinio cloruro Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti informazioni

Dettagli

FERRO ARRICCIACAPELLI

FERRO ARRICCIACAPELLI Istruzioni per l uso FERRO ARRICCIACAPELLI FERRO ARRICCIACAPELLI IT pagina 1 Type M2901-M2902-M2903-M2904 rt. 11225 XST31720 GUIDA ILLUSTRATIVA [Z] 9 10 8 DATI TECNICI TYPE M2901-02-03-04 100-240 V 50/60

Dettagli

C5 Acquapendente,.^-f -2QJ 5. - dei genitori degli alunni le classi 3^ della Scuola Primaria di Acquapendente

C5 Acquapendente,.^-f -2QJ 5. - dei genitori degli alunni le classi 3^ della Scuola Primaria di Acquapendente Prot.n.Q>l5 Ministero dell'istruzione, dell'università' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO "LEONARDO DA VINCI" ACQUAPENDENTE Via G.CARDUCCI s.n.c. 01021

Dettagli

L INFERMIERE INFORMA...

L INFERMIERE INFORMA... L INFERMIERE INFORMA... IPASVI...e ti insegna i comportamenti più adeguati per ottimizzare il tuo stato di salute Il Morso di vipera Usare calzature alte, pantaloni lunghi e aderenti. Camminare con passo

Dettagli

L apparato tegumentario

L apparato tegumentario L apparato tegumentario... o di rivestimento protegge il nostro corpo e permette gli scambi con l esterno, è formato da pelle o cute + annessi cutanei La pelle riveste tutta la parte esterna del corpo.

Dettagli

Pediculosi Studiamo i pidocchi da vicino per saperli riconoscere e combattere.

Pediculosi Studiamo i pidocchi da vicino per saperli riconoscere e combattere. Pediculosi Studiamo i pidocchi da vicino per saperli riconoscere e combattere. Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari Il CISS, Consorzio Intercomunale per i Servizi Socio Sanitari, ha

Dettagli

TINTURE AD OSSIDAZIONE

TINTURE AD OSSIDAZIONE SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO COSMETICO AD USO PROFESSIONALE TINTURE AD OSSIDAZIONE INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: PLURA COLORAZIONE 1:1,5 Descrizione prodotto: Azienda: associazione di coloranti

Dettagli

Opuscolo a cura di: Alessandro Martella, Caterina Longo, Annalisa Santucci, Alessio Amoroso (Clinica Dermatologica di Modena).

Opuscolo a cura di: Alessandro Martella, Caterina Longo, Annalisa Santucci, Alessio Amoroso (Clinica Dermatologica di Modena). IO SONO IL MELANOMA! Opuscolo a cura di: Alessandro Martella, Caterina Longo, Annalisa Santucci, Alessio Amoroso (Clinica Dermatologica di Modena). Sono un tumore maligno della pelle e se non mi controlli,

Dettagli

Il Chihuahua è un cane molto piccolo e molto pulito per sua natura. Diversamente dalla maggior parte dei cani, inoltre, emana cattivo odore.

Il Chihuahua è un cane molto piccolo e molto pulito per sua natura. Diversamente dalla maggior parte dei cani, inoltre, emana cattivo odore. IL BAGNO LA TOELETTATURA Il Chihuahua è un cane molto piccolo e molto pulito per sua natura. Diversamente dalla maggior parte dei cani, inoltre, non emana cattivo odore. Ad ogni modo, essendo il cane da

Dettagli

SCALIBOR collare previene le infestazioni da zecche per 6 mesi, da pulci per 4 mesi; previene la puntura dei flebotomi per 5 mesi e repelle le

SCALIBOR collare previene le infestazioni da zecche per 6 mesi, da pulci per 4 mesi; previene la puntura dei flebotomi per 5 mesi e repelle le SCALIBOR collare previene le infestazioni da zecche per 6 mesi, da pulci per 4 mesi; previene la puntura dei flebotomi per 5 mesi e repelle le zanzare per 6 mesi. L effetto repellente (antifeeding) di

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole zanzare,

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E CURA DELLA SCABBIA

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E CURA DELLA SCABBIA PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E CURA DELLA SCABBIA 1. SCOPO Il presente protocollo vuole essere uno strumento per la gestione degli interventi da attuare negli operatori sanitari in caso di esposizione

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica La Desensibilizzazione o Immunoterapia Allergene specifica Le allergie interessano il 25% della popolazione italiana e raggiungeranno 1 persona su 2 entro il 2010 La ragione di questo aumento è in parte

Dettagli

Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti?

Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti? Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti? Gli ascaridi sono i parassiti intestinali più frequenti nel cane e nel gatto, in questo articolo ci si propone come scopo quello di approfondire l argomento

Dettagli