storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino"

Transcript

1 storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

2 LA CONQUISTA DELLO SPAZIO Cronologia: 1926: gli Americani lanciano nello spazio il primo razzo a combustibile liquido 4 ottobre 1957: i Russi mettono in orbita il primo satellite artificiale, lo Sputnik I. 3 novembre 1957: i Russi mandano in orbita un essere vivente: la cagnetta Laika 12 aprile 1961: Juri Gagarin, il primo uomo nello spazio a bordo della Vostok 1 20 luglio 1969: l allunaggio sulla Luna di tre cosmonauti a bordo dell Apollo : la missione Pathfinder su Marte L IMPRESA DI JURI GAGARIN Juri Gagarin fu il primo astronauta della storia, il primo uomo che portò a compimento un volo spaziale attorno alla Terra. La sua missione venne realizzata il 12 aprile Gagarin venne lanciato alle 9,07 (ora di Mosca) dal cosmodromo di Baikonur a bordo dell astronave Vostok 1. Entrò in orbita compiendo un giro attorno alla Terra; dopo 78 minuti di volo accese i retrorazzi che frenarono la corsa dell astronave e la portarono sulla traiettoria del rientro. Secondo le fonti sovietiche l astronauta rimase all interno della capsula che scese dolcemente sulla terraferma per mezzo del paracadute; in base alle fonti americane invece l astronauta venne catapultato dalla capsula e discese con un proprio paracadute. L atterraggio avvenne alle 10,55. L impresa di Gagarin dimostrò che l uomo era in grado di resistere alle intense sollecitazioni della partenza e del rientro e all ambiente dello spazio extraterrestre. Gagarin morì il 27 marzo 1968 precipitando durante un volo di addestramento con un aeroplano. In sua memoria in Russia è stato dedicato il centro di addestramento dove si preparano i cosmonauti prescelti per le missioni spaziali. Per altre informazioni

3 In questo brano è lo stesso Gagarin a narrare la sua esperienza nello spazio: Cominciai a ricevere gli ordini relativi al lancio. E finalmente il direttore di volo ordinò: - Partenza!- Al che risposi: - Andiamo! Tutto funziona normalmente. Mi sento bene. Il mio sguardo cadde sul quadrante del cronometro: le lancette segnavano le 9 e sette minuti, tempo di Mosca. Udii un sibilo, poi un rombo sempre più alto, sentii che il missile gigante vibrava da cima a fondo violentemente e che lentamente, molto lentamente, si staccava dalla rampa di lancio. Il rumore, per la verità, non era molto più assordante di quello che si deve sopportare nella carlinga di un aereo a reazione, ma qui si traduceva in risonanze musicali e timbri così particolari che nessun compositore avrebbe potuto riprodurli né con l impiego di strumenti musicali né con la voce umana. I potenti motori del missile sembravano inventare una musica del futuro forse ancora più commovente e più bella delle più grandi opere del passato. Poi cominciarono a farsi sentire i sovraccarichi. Una forza irresistibile mi appiattiva contro la poltrona, inclinata con un certo angolo per ridurre il peso enorme che mi schiacciava. [...] Quando il missile ebbe superati gli strati densi dell atmosfera, il cono protettivo che ne ricopriva la testa fu espulso automaticamente e dagli oblò mi apparve, lontanissima la superficie della Terra. In quel momento il Vostok sorvolava un largo fiume siberiano e ne distinguevo nettamente gli isolotti coperti d alberi, illuminati dal Sole. - Com è bello! Il grido m era sfuggito dalle labbra [...] La nave cosmica aveva raggiunto la sua orbita nella larga strada del cosmo e adesso, finiti i sovraccarichi, mi trovavo nello stato di imponderabilità. [...] Dagli oblò vedevo le nuvole e le loro ombre leggere proiettate sulla lontana e cara Terra [...] il cielo era nero, pieno di stelle, come un campo arato e seminato di fresco. Le stelle, brillanti e pure, mi facevano pensare ai chicchi di grano. Anche il sole aveva un suo straordinario splendore e non si poteva guardare ad occhio nudo, nemmeno socchiudendo le palpebre. Dal mio posto di osservazione lo vedevo splendere decine, e forse centinaia di volte di più che sulla Terra. Era più accecante del metallo fuso che avevo lavorato in fonderia. Di tanto in tanto per attenuare la violenza della sua luce, ero costretto a chiudere gli schermi protettivi degli oblò. [...] Naturalmente non guardavo soltanto il cielo ma anche la Terra. Com era la superficie delle acque? Come una macchia scura dai riflessi cangianti. Era percepibile la rotondità della Terra? Nel modo più netto. Guardando verso l orizzonte, ero colpito da un violento contrasto tra la superficie chiara della Terra e la nera profondità del cielo. E bellissima la Terra con la sua ricca gamma di colori. La vedevo circondata da un aureola azzurra. [...] Dagli apparecchi di bordo seppi che il Vostok si trovava rigorosamente sull orbita prestabilita e stava per sorvolare la zona inferiore del pianeta attualmente non rischiarata dal Sole. Il passaggio dalla luce alle tenebre fu improvviso. In un attimo mi trovai a volare nel buio. Probabilmente stavo attraversando l oceano perché non vedevo più niente in basso, nemmeno la polvere dorata delle città illuminate. Da Juri Gagarin, La via del cosmo, Editori Riuniti, Roma, in Celestino Caramello, Aldo Giudice, Chiara Lasi, L Europa e l Italia di ieri e di oggi, Paravia, Torino 1969

4 Analizzo: chi è stato il primo uomo in orbita nello spazio? quel era la sua nazionalità? dove avvenne il lancio della navetta? Quando? quanto tempo durò il volo? che cosa vide l astronauta dalla navetta mentre sorvolava la Terra? quali furono le sue osservazioni sul Sole? perché ad un certo punto si trovò a volare nel buio? che cosa dimostrò l impresa di Gagarin? L UOMO SULLA LUNA Il 16 luglio 1969 dal Centro Spaziale di Cape Kennedy, in Florida, si assistette al lancio dell Apollo 11 che avrebbe portato per la prima volta due uomini sul suolo lunare. L equipaggio era composto da tre astronauti: Neil Armstrong, comandante della missione, Edwin Aldrin, pilota del Modulo Lunare Eagle e Michael Collins, pilota del modulo di comando Columbia. Alle 15,27 del 20 luglio ebbe inizio la fase finale del volo per la Luna: Armstrong e Aldrin presero posto nella cabina di Eagle e si prepararono per l allunaggio. Dopo dieci minuti di volo sul modulo Eagle, Armstrong e Aldrin cercarono il luogo prefissato per l allunaggio, ma quello che videro non coincideva con quanto si aspettavano: invece di una liscia pianura avevano di fronte un vasto cratere che richiese loro di sostituirsi ai comandi automatici ed allunarono usando il controllo manuale. Alle 4,17 del 20 luglio 1969, ora di Houston, la voce di Armstrong raggiunse la base spaziale: «Qui Base della Tranquillità. Eagle è atterrato». I due astronauti scesero sul suolo lunare ripresi da una telecamera che permise a tutto il mondo di assistere al primo passo di Neil Amstrong sulla Luna. RAaccolsero alcuni campioni di terreno e piantarono la bandiera americana; dopo quasi tre ore di permanenza sulla Luna risalirono sulla Eagle e ritornarono sull Apollo 11, alle ore 23,40. Alle 3,26 ora italiana il Modulo Lunare venne sganciato dall Apollo 11 e abbandonato nello spazio. Alle 19,50 la capsula con a bordo i tre astronauti era di ritorno sulla Terra e si tuffava nell oceano vicino a Honolulu, a circa 20 Km dalla portaerei Hornet.

5 Il documento che segue è la trascrizione del dialogo radiotrasmesso tra gli astronauti e il centro di Houston. Armstrong: - Sono ai piedi della scala. I piedi del LEM sono affondati nella superficie soltanto di tre o quattro centimetri circa. Benché la superficie sembri essere di grana molto fine, come uno si avvicina. è quasi come una polvere. Qui e là è molto fine. Sto per scendere dal LEM. E un piccolo passo per l uomo, ma un passo gigante per l umanità. Come la superficie è molto fine e polverosa! Posso, posso raccoglierla abbastanza bene col mio tacco. Aderisce in sottili strati alla suola e ai lati dei miei stivali come polvere di carbone. Affondo solo per una frazione di centimetro, forse per otto millimetri. Ma posso vedere le impronte dei miei stivali Houston: - Neil, qui Houston. Ti registriamo. Armstrong: - Non sembra che ci sia difficoltà nel muoversi qui intorno, come pensavamo. E forse anche più facile delle prove a un sesto di gravità che abbiamo eseguito nei simulatori a Terra. Non c è effettivamente alcun problema del camminare. Il razzo di discesa non ha scavato alcun cratere. E circa a trenta centimetri dal suolo. Buzz, siamo pronti a portar giù la telecamera. Aldrin: - Sono pronto. Penso che tutto sia a posto Sembra che venga fuori bene e senza difficoltà. Armstrong: - E molto scuro qui all ombra e mi è un po difficile vedere se ho un buon appoggio. Mi sposterò verso la zona illuminata dal Sole Houston: - Va bene, Neil, ti sentiamo forte e chiaro. Vediamo che scatti delle foto e che prendi il campione d emergenza. Armstrong: - E interessantissimo. La superficie è molto morbida, ma qua e là, quando la premo con il raccoglitore, la trovo molto dura. Cercherò di prendere una roccia. Aldrin: - Sembra bellissima da qui, Neil. Armstrong: - Ha una sua selvaggia bellezza, tutta particolare. E come uno degli alti deserti degli Stati Uniti. E differente ma è molto bello qui fuori. Stai attento che molti campioni di roccia dura sembrano avere vescichette sulla superficie. Ne sto guardando uno che sembra presentare qualche forma di cristallizzazione. Aldrin: - Neil sta ora scoprendo la targa. Houston: - Va bene. Vi vediamo da lontano. Armstrong: - Per coloro che non l hanno letta, leggeremo la targa che è sul supporto frontale di atterraggio del LEM. Ci sono due emisferi, ognuno dei quali mostra uno dei due emisferi della Terra. Sotto sta scritto: Qui l uomo venuto dal pianeta Terra pose il piede sulla Luna. Luglio 1969, A.D. Siamo venuti in pace per tutta l umanità. Da Senza frontiere, classe quinta, Casa Editrice Testi Elementari, Milano, Marzo 1979

6 LE PAROLE DI PAPA PAOLO VI E DI GIUSEPPE SARAGAT SULL AVVENTURA LUNARE Il Papa, parlando ai fedeli dal balcone di Castelgandolfo dice che è un giorno grande per l umanità. Ma mette in guardia dal pericolo che l uomo diventi schiavo del sistema di vita tecnocratico. Nell ebbrezza di questo giorno fatidico, continua Paolo VI, vero trionfo dei mezzi prodotti dall uomo per il dominio del cosmo, noi dobbiamo non dimenticare il bisogno e il dovere che l uomo ha di dominare se stesso. Ancora vi sono guerre che si combattono sulla Terra, ricorda il Papa: nel Vietnam, in Africa, nel Medio Oriente. La fame ancora affligge intere popolazioni. Possa invece, conclude Paolo VI, il progresso, di cui oggi festeggiamo una sublime vittoria, rivolgersi al vero bene, temporale e morale, dell umanità. Il Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat esprime la gratitudine dell Italia verso il popolo americano, formato dagli innumerevoli immigrati provenienti da tutti i paesi, che ha dato all umanità una così grande vittoria e che ha democraticamente accettato, per la vittoria o per la sconfitta, la testimonianza del mondo intero. Saragat ricorda poi quanti nel tempo hanno reso possibile questa impresa, primo fra tutti Galileo Galilei. E aggiunge: Possa questa vittoria essere auspicio per una vittoria ancora più grande: la conquista definitiva della pace, della giustizia della libertà per tutti i popoli della Terra. Da Denis Mack Smith, L ITALIA del 20 SECOLO, dal 1951 al 1970, Rizzoli, volume 4, 1977 Spunti per la ricerca: cerca informazioni sugli studi effettuati da Galileo Galilei relativi allo spazio il Presidente Saragat ricorda che il popolo americano è formato da immigrati provenienti da molti paesi, tra cui anche l Italia: cerca informazioni sui fenomeni di emigrazione transoceanica dal nostro Paese, precisandone i periodi e le cause determinanti. Non sempre le missioni spaziali si sono concluse nel migliore dei modi. Uno degli ultimi avvenimenti che ha scosso l opinione pubblica e ha posto numerosi interrogativi sulla sicurezza dei voli spaziali è quello accaduto a febbraio del Riportiamo l articolo del 1 febbraio 2003 che tratta il triste avvenimento tratto da Repubblica.it

7 L INCIDENTE DELLO SHUTTLE La tragedia in fase di atterraggio, la navetta si è disintegrata Bush: "Ma il nostro viaggio nello spazio continuerà" Texas, esplode lo Shuttle Morti i sette astronauti La Nasa: "Programma sospeso fino al chiarimento delle cause" Escluso l'attentato: "Erano troppo in alto per essere colpiti" WASHINGTON - La navetta spaziale Columbia si è disintegrata in volo. Un'esplosione di cui ancora non si conoscono le cause nella fase del rientro. A bordo c'erano sette astronauti. Il primo comunicato della Nasa è: "Forse abbiamo perso navetta ed equipaggio". Poi, un lungo silenzio, mentre le immagini tv mostrano al mondo il passaggio della Columbia su Dallas, Texas: una serie di scie luminose nel cielo che testimoniano il disastro. La navetta si è spezzata. Solo dopo quattro ore, la Nasa conferma tutto con una conferenza stampa al Kennedy Space Center di Cape Canaveral, in Florida. "Oggi è un giorno tragico per la nostra famiglia - dice l'amministratore Sean O'Keefe - per le famiglie degli astronauti e per la nazione". "Non sembra" che ci siano superstiti, ma una dichiarazione ufficiale sulla morte dei sette astronauti è prevedibile solo quando saranno stati ritrovati il relitto della navetta e i resti dell'equipaggio. O'Keefe, voce spezzata, volto affranto, ammette che non si conoscono le cause. "Lo Shuttle - dice - si è disintegrato in volo". In seguito Ron Dittemore, direttore del programma, annuncia che nessuna navetta partirà fino a quando non saranno state chiarite le cause della tragedia. E rende noto che le prime indicazioni di problemi sul Columbia sono state la perdita dei sensori di temperatura nel sistema idraulico dell'ala sinistra, la perdita dei sensori di pressione dei pneumatici e indici di eccessiva temperatura esterna. Significativa l'indicazione dell'ala sinistra: al decollo, il 16 gennaio, un pezzo si era staccato dal velivolo e, cadendo, aveva colpito proprio quella parte. Dittemore dice di non potere escludere che ci sia un nesso, anche se l'effetto dell'incidente, dopo le verifiche, era stato giudicato "accettabile". Sarebbero andate perdute anche alcune piastrelle dello scudo termico, ma questo è un fatto non insolito. Al termine di una giornata drammatica, il presidente Bush rivolge alla nazione un messaggio che va persino oltre la Nasa nella certezza della perdita di sette vite umane: "Il Columbia è perduto, non ci sono sopravvissuti. Non ci resta che pregare per loro anime". Poi aggiunge: "Il nostro viaggio nello spazio continuerà". Ora tocca agli esperti capire che cosa è successo. Una cosa sembra certa: non si è trattato di un attentato. "Non ci sono indicazioni che l'incidente sia stato causato da qualcosa o qualcuno a terra", dice O'Keefe e precisa che le squadre di investigatori sono al lavoro e tengono i responsabili della Nasa costantemente informati. Anche la Casa Bianca esclude l'ipotesi di un attacco terroristico: un funzionario l'ha definita "altamente improbabile" visto che la Columbia era troppo in alto per essere colpito da terra.

8 Lo Shuttle, con a bordo i sette astronauti - fra cui il primo israeliano in orbita, Ilan Ramon e due donne - al comando del responsabile della missione, Rick Husband, doveva tornare sulla Terra alle 09,16 locali (le 15,16 in Italia). I contatti sono stati persi alle 15 italiane. In quel momento la navetta spaziale viaggiava alla velocità di chilometri orari a un'altitudine di metri. Quando ha perso i contatti con la navetta, la Nasa ha proclamato lo stato d'emergenza e ha inviato delle squadre di ricerca. Kykle Herring, portavoce della Nasa, ha assicurato che fino a quel momento non erano stati segnalati problemi: "Dobbiamo proprio tornare?" erano state le ultime parole dell'astronauta David Brown. Nelle ore di silenzio ufficiale, le emittenti americane hanno mandato in onda il momento in cui la scia bianca dello Shuttle si è divisa in diversi tronconi. Secondo quanto riferito da alcuni esperti, alla velocità a cui viaggiava la navetta (mach 6, cioé sei volte la velocità del suono) gli astronauti non avevano alcuna possibilità di abbandonare lo Shuttle. Dopo la notizia del ritrovamento in Texas di alcuni rottami, la Casa Bianca ha annunciato una riunione d'emergenza con i rappresentanti delle agenzie di sicurezza. E Bush ha deciso di rientrare da Camp David a Washington. L'agenzia spaziale americana ha portato i parenti degli astronauti in un locale protetto a Cape Canaveral. Intanto Israele sta seguendo col fiato sospeso il dramma della Columbia. Le fasi finali dell'atterraggio erano trasmesse in diretta da due reti televisive nazionali, quando è si è appreso che i contatti radio si erano bruscamente interrotti. Il governo israeliano ha trasferito in una località segreta i familiari di Ilan Ramon per tenerli lontani dai giornalisti. La Columbia effettuò la sua prima missione nel E' il primo serio incidente che coinvolge uno Shuttle dal 28 gennaio 1986, quando il Challenger esplose al decollo da Cape Canaveral e i sette astronauti a bordo persero la vita. Qualche giorno fa, a bordo, l'equipaggio aveva ricordato con un minuto di raccoglimento le vittime di quella tragedia. Spunto per la conversazione e la produzione: discuti con i compagni sull utilità dei voli spaziali, individuando le cause e le conseguenze positive e negative: raccogliete le opinioni a favore e contrarie in una tabella e utilizzatele come spunto per produrre un testo argomentativo sul problema analizzato. LE MISSIONI SU ALTRI PIANETI Molte missioni spaziali hanno avuto come obiettivo quello di ottenere nuove informazioni sugli altri corpi celesti presenti nello spazio nel tentativo di individuare altre forme di vita, anche diverse da quelle che caratterizzano il nostro pianeta, e di accertare le condizioni strutturali degli altri pianeti. Tra queste ricordiamo la missione Pathfinder, sul pianeta Marte. Riportiamo un articolo di cronaca sulla missione, del 30 luglio 1998, tratto da Repubblica.it

9 Cronaca dei risultati della missione Pathfinder sulle rocce del Pianeta Rosso La grande alluvione che formò Marte di MATTHEW P. GOLOMBEK LA MISSIONE PATHFINDER SU MARTE "Rocce, rocce, guardate quante rocce" esclamai rivolto ai presenti nella sala di controllo della missione Mars Pathfinder il 4 luglio Il modulo di atterraggio della sonda stava inviando le prime immagini della superficie di Marte. Le rocce marziane erano ciò che ci interessava, ma prima della discesa del veicolo non potevamo essere certi che le avremmo osservate: Pathfinder avrebbe potuto scendere su una pianura piatta e priva di rocce. Le rocce contengono la storia della propria formazione. Facendo atterrare il veicolo allo sbocco di un gigantesco canyon, dove anticamente fluì per breve tempo un enorme volume d'acqua, speravamo di individuare rocce che offrissero elementi sul clima primordiale di Marte, permettendo di stabilire se anticamente le condizioni ambientali fossero propizie allo sviluppo della vita. La sonda recava a bordo tre strumenti più il veicolo mobile rover, che a sua volta doveva condurre 10 esperimenti. La parte più difficile erano la discesa e l'atterraggio. Via via che Pathfinder si avvicinava alla superficie, l'altimetro radar azionò tre piccoli razzi frenanti. Giganteschi airbag si gonfiarono intorno alle facce del lander, il guinzaglio fu tagliato e il modulo entrò in contatto con la superficie a 50 chilometri all'ora. Il lander rimbalzò almeno 15 volte prima di fermarsi; poi gli airbag vennero sgonfiati e iniziarono le operazioni. Il mosaico costruito con le prime immagini ha rivelato un paesaggio pianeggiante e sassoso che sembra creato e modellato da inondazioni catastrofiche. Ed è quanto avevamo previsto basandoci sui dati ottenuti dall'orbita e sulla posizione del sito di atterraggio. L'analogia con alcune regioni terrestri fa pensare che Ares Vallis si sia formata quando un enorme volume d'acqua, liberato in maniera catastrofica, scavò un canyon in poche settimane. Le rocce sono simili ai depositi creati da inondazioni catastrofiche sulla Terra, inclinate e impilate l'una sull'altra come se fossero state depositate da una veloce corrente d'acqua. Le più grandi hanno la sommità appiattita, un'altra caratteristica coerente con questo tipo di deposizione. E una coppia di alture a sud-ovest ha i fianchi erosi dal flusso. Il rover ha misurato la composizione di otto rocce, rilevando in alcune di esse un contenuto di silicio molto più alto di quello delle meteoriti marziane. Se queste sono rappresentative della costituzione degli altopiani, si dovrebbe concludere che la crosta antica di Marte sia simile alla crosta continentale terrestre. Alcune rocce mostrano strati simili a quelli delle rocce sedimentarie terrestri, e potrebbero essere conglomerati prodotti da acqua corrente. L'acqua avrebbe arrotondato i ciottoli e li avrebbe depositati in una matrice di sabbia e argilla, poi compressa, indurita e trasportata nella sua attuale posizione dalla corrente. Se questa ipotesi è corretta bisogna concludere che un tempo su Marte l'acqua allo stato liquido era stabile. Il cielo ripreso dal Pathfinder aveva un colore giallo ambrato, spiegabile con la presenza di polvere finissima nell'atmosfera, mentre le immagini riprese da Hubble avevano fatto prevedere un'atmosfera molto limpida. Il risultato di Pathfinder fa pensare invece o che l'atmosfera contenga sempre un poco di polvere sollevata da tempeste locali o che l'opacita' atmosferica vari in archi di tempo molto brevi.

10 Nell'insieme, i risultati ottenuti indicano che un tempo Marte era più simile alla Terra di quanto non si fosse ritenuto finora. Alcuni materiali della crosta assomigliano alla crosta continentale terrestre. Inoltre, i ciottoli arrotondati e gli ipotetici conglomerati inducono a supporre che il pianeta un tempo fosse ricco d'acqua. L'antico ambiente di Marte poteva essere più caldo e più umido dell'attuale, forse simile a quello della Terra primitiva. Viceversa, dall'epoca in cui le grandi inondazioni modellarono il punto di atterraggio - fra 3,5 e 1,8 miliardi di anni fa - Marte è un pianeta estremamente diverso dalla Terra. Sebbene non si possa essere certi che in epoca primordiale Marte fosse relativamente simile alla Terra, i dati inviati da Pathfinder sono estremamente suggestivi. Le informazioni che ci fornirà il Mars Global Surveyor, la sonda ora in orbita intorno al Pianeta rosso, dovrebbero aiutarci a rispondere alle domande fondamentali ancora in sospeso. Dopo aver letto l articolo rispondi alle domande: perché era importante che il modulo Pathfinder atterrasse in una zona ricca di rocce? quali erano le intenzioni scientifiche di coloro che si occupavano dell invio del modulo su Marte? quali elementi osservati nelle immagini inviate dal Pathfinder hanno portato gli scienziati a ritenere che Marte possa essere stata colpita da una violenta alluvione? quali elementi potrebbero far pensare a un antica somiglianza tra Marte e la Terra? ESISTONO ALTRE FORME DI VITA NELLO SPAZIO? Il progresso scientifico e le nuove tecnologie spostano sempre più avanti il limite delle conoscenze umane e ad ogni nuova conquista si ripresenta il dubbio se esistano o meno altre forme di vita al di fuori del nostro pianeta. I presunti avvistamenti di UFO dagli anni 30 in poi vengono periodicamente rivisitati e commentati alla ricerca di una risposta che per ora appare ancora lontana. Riportiamo un articolo pubblicato su Il Corriere della Sera del 5 febbraio 2003 che tratta questo complesso argomento. Un dossier consegnato all'ex cosmonauta Pavel Popovic Documenti del Kgb sulla presenza degli ufo Tre dischi volanti nel 1989 avrebbero sorvolato il centro spaziale di Kasputin Yar sfuggendo ai caccia MOSCA - Gli ufo sorvolavano le basi spaziali sovietiche. Documenti dei servizi segreti sovietici (l'ex Kgb), pubblicati dalla stampa russa, riportano avvistamenti di presunte astronavi aliene in Urss. Il quotidiano «Komsomolskaya Pravda» ha iniziato mercoledì la pubblicazione degli archivi del Kgb consegnati nel 1991 all'ex cosmonauta Pavel Popovic, presidente della Associazione ufologica panrussa, che da tempo li aveva richiesti, e da questi consegnati al giornale.

11 1989: TRE ASTRONAVI SORVOLANO CENTRO SPAZIALE In una lettera al cosmonauta, un generale pluridecorato, il Kgb spiega che, benché i servizi segreti non fossero preposti direttamente all'accertamento dell'esistenza degli extraterrestri, avevano continuato per anni a raccogliere materiale e testimonianze in merito. Secondo il primo rapporto pubblicato dalla Komsomolskaya Pravda, nel giugno del 1989 tre astronavi aliene avrebbero sorvolato il centro spaziale e di lancio di Kapustin Yar, nella regione di Astrakhan, nella Russia meridionale. Le astronavi, a forma di disco del diametro di 4-5 metri con una cupola luminosa - avvistate dai militari, tra cui ufficiali e sottufficiali che riferirono a un agente del Kgb sul posto - si avvicinavano e allontanavano e nel momento in cui erano più vicine si trovarono a un'altezza da terra tra 20 e 60 metri. A un certo punto, secondo le testimonianze dei militari che erano a una distanza di circa 300 metri dagli ufo, questi scattarono apparentemente foto del poligono emettendo un forte raggio di luce. Il comando del poligono fece decollare un caccia per intercettare gli ufo, senza però riuscirci in quanto le astronavi si allontanavano rapidamente a ogni tentativo di contatto. Pavel Popovic, di nazionalità ucraina, fu uno dei primi cosmonauti sovietici. Il 12 agosto 1962 compì 45 orbite intorno alla Terra con la Vostok 4. Durante le sue rivoluzioni affermò di aver visto «particelle luminose» che giudicò essere astronavi aliene.

Qualche cenno al Sole

Qualche cenno al Sole Qualche cenno al Sole Corso di Astronomia Daniele Gasparri Lezione 7, 27/01/2012: La conquista dello spazio - L uomo sulla Luna - L esplorazione del sistema solare - Curiosità 1 Una domanda di tanto tempo

Dettagli

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta.

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta. Il Sistema Solare Il Sole Il Sole è nato circa cinque miliardi d anni fa e, secondo gli scienziati, vivrà per altri cinque miliardi di anni. Esso ci appare come un enorme palla di fuoco solo per la sua

Dettagli

STORIA DELL ASTRONAUTICA

STORIA DELL ASTRONAUTICA STORIA DELL ASTRONAUTICA La preistoria La propulsione a reazione è un idea già rudimentalmente applicata da Erone che ad Alessandria attorno al II secolo a.c. realizzò l' eliopila, una sfera riempita di

Dettagli

Le tre Teorie sull origine della Luna

Le tre Teorie sull origine della Luna Nicol Sebastiano Silvia Gatta Martina Banfi 5F «?la luna è un astro solido ed è l unico satellite della Terra, forma un sistema Biplanetario con essa» Il termine "Luna" deriva dal latino lūna, in particolare

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

IL SOLE. STRUTTURA del SOLE. CONFRONTO TRA sole e terra. macchie solari SOLE ATTIVO E SOLE TRANQUILLO

IL SOLE. STRUTTURA del SOLE. CONFRONTO TRA sole e terra. macchie solari SOLE ATTIVO E SOLE TRANQUILLO IL SOLE Nell universo ci sono tantissime stelle, ma il Sole è quella più vicina a noi, attorno alla quale ruotiamo insieme agli altri pianeti del sistema solare. E nato circa 5 miliardi di anni fa ed è

Dettagli

Nascita e morte delle stelle

Nascita e morte delle stelle Nascita e morte delle stelle Se la materia che componeva l universo primordiale fosse stata tutta perfettamente omogenea e diffusa in modo uguale, non esisterebbero né stelle né pianeti. C erano invece

Dettagli

Marte: il Pianeta Rosso

Marte: il Pianeta Rosso SPAZIO ASTRONOMIA divulgazione la carta d identità del pianeta le prime osservazioni le conoscenze acquisite tramite le sonde marziane le lune di Marte il futuro dell esplorazione di Marte Marte: il Pianeta

Dettagli

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI!

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! 17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! IL TI-ENNE-GI SUL VULCANO Con quella tua giravolta, navicella imbranata, sembravi ubriaca peggio di un pirata! Siamo finiti in un cratere rosso e arancione: ho fame, ho sete

Dettagli

La Guerra Fredda. La Guerra Fredda

La Guerra Fredda. La Guerra Fredda La Guerra Fredda Alla fine della 2 Guerra Mondiale due potenze spiccano nel mondo: USA Democrazia Capitalismo concorrenziale Libertà di impresa Vasto apparato tecn.-milit. Vasta rete di relazioni internazionali

Dettagli

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce Colori e Arcobaleno Noi vediamo grazie alla luce, ma che cosa sono tutti i colori che ci circondano? La luce del Sole è proprio bianca come la vediamo? Come si forma l arcobaleno? Perché il cielo è azzurro?

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 Introduzione è formato dal Sole, da otto pianeti e da altre parti di materia (vedi figura 1). Figura1.. Tutte le parti del Sistema Solare si sono formate quasi 5 miliardi di anni fa. Esse si sono formate

Dettagli

Il sistema solare SOLE. Terra

Il sistema solare SOLE. Terra Il sistema solare SOLE Terra Il Sole, la stella a noi più vicina In quanti modi si può vedere il Sole? Luce bianca Luce da atomi di Calcio Luce da atomi di idrogeno Luce ultravioletta Raggi X Onde radio

Dettagli

Le distanze delle stelle, un problema fondamentale dell astronomia

Le distanze delle stelle, un problema fondamentale dell astronomia Le distanze delle stelle, un problema fondamentale dell astronomia Ciao, riprendiamo oggi a studiare le stelle. L ultima volta abbiamo parlato della loro luminosità, e abbiamo scoperto che la luminosità

Dettagli

ExoMars è la prima missione del programma di esplorazione Aurora dell ESA, portato

ExoMars è la prima missione del programma di esplorazione Aurora dell ESA, portato EXOMARS: la missione su Marte ExoMars è la prima missione del programma di esplorazione Aurora dell ESA, portato avanti in collaborazione con la NASA. La missione è volta a dimostrare fattibilità di alcune

Dettagli

Le meteoriti. Meteoriti in Antartide

Le meteoriti. Meteoriti in Antartide Le meteoriti sono rocce di origine extraterrestre, catturate dal campo gravitazionale della Terra. Al loro ingresso nell'atmosfera danno luogo a scie luminose e boati che le hanno rese evidenti sin dall'antichità.

Dettagli

Sommario. Ho perso il filo!...26. RILEVATORI DI FUMO Vietato fumare!...30. TERMOMETRI A INFRAROSSI Oggi ho l orecchio caldo...34

Sommario. Ho perso il filo!...26. RILEVATORI DI FUMO Vietato fumare!...30. TERMOMETRI A INFRAROSSI Oggi ho l orecchio caldo...34 Sommario 6 Astrotest... 8 Allacciamo le cinture!...10 1 LENTI E TELESCOPI Con il naso all insù...12 2 RAZZI E VEICOLI SPAZIALI Terra chiama Marte, rispondi Marte......16 Jules Verne sapeva già tutto...20

Dettagli

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia" 1

URANO E NETTUNO. I due pianeti glaciali del Sistema Solare. Ricerca Astronomia 1 URANO E NETTUNO I due pianeti glaciali del Sistema Solare Ricerca Astronomia" 1 Introduzione: Urano e Nettuno fanno parte dei pianeti recenti, ovvero quelli scoperti nel 19 secolo. Sono infatti stati i

Dettagli

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo"

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche disturbo Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo" esterno, si iniziano a formare dei "grumi" più densi che

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2

IL SISTEMA SOLARE. Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2 IL SISTEMA SOLARE Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2 A cura di Gaia Pieraccioni e Arianna Canu PER FARSI UN IDEA 1. Li riconosci? Sono,.. e..

Dettagli

Disegnata da Olga Minardo Scritta da Rosario Frasca

Disegnata da Olga Minardo Scritta da Rosario Frasca Disegnata da Olga Minardo Scritta da Rosario Frasca C era una volta un extraterrestre, di nome Celestino, che viveva nel pianeta Oltresol, in un paese chiamato Regard. La sua vita scorreva lenta e tranquilla

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Le GRANDI TAPPE della CONQUISTA SPAZIALE

Le GRANDI TAPPE della CONQUISTA SPAZIALE Le GRANDI TAPPE della CONQUISTA SPAZIALE (Pubblicato su Rivista GRAFFITI-on-line.com, nel 2011 Nel periodo della guerra fredda, il faccia a faccia fra Washington e Mosca si sviluppa ugualmente anche nello

Dettagli

IN SECONDA ELEMENTARE ABBIAMO RACCONTATO COM E FATTO IL SISTEMA SOLARE Vi ricordate?

IN SECONDA ELEMENTARE ABBIAMO RACCONTATO COM E FATTO IL SISTEMA SOLARE Vi ricordate? IN SECONDA ELEMENTARE ABBIAMO RACCONTATO COM E FATTO IL SISTEMA SOLARE Vi ricordate? altre lezioni su www.giocomania.org lezione preparata con materiale da www.scopriticielo.it IN TERZA INVECE ABBIAMO

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

EVENTI NUCLEARI MAI RESI NOTI!

EVENTI NUCLEARI MAI RESI NOTI! EVENTI NUCLEARI MAI RESI NOTI! LA MADDALENA : sottomarini nucleari Il 25 ottobre 2003 un sottomarino statunitense a propulsione nucleare si incaglia in una secca nell'arcipelago della Maddalena, tra la

Dettagli

Il nostro Universo. Che differenza c è tra stella, satellite e pianeta

Il nostro Universo. Che differenza c è tra stella, satellite e pianeta Il nostro Universo Che cosa sono i corpi celesti? Che differenza c è tra stella, satellite e pianeta Come si sono formati il sole ed i pianeti Quanto sono grandi la terra, il sole e l universo? Perchè

Dettagli

MARTE terrestri MARTE

MARTE terrestri MARTE MARTE I Pianeti più vicini al Sole sono detti terrestri perché la loro costituzione è simile a quella della Terra: sono solidi e di dimensioni contenute rispetto ai pianeti esterni, i cosiddetti giganti

Dettagli

Galileo Galilei. Anna-Cinzia Colavita

Galileo Galilei. Anna-Cinzia Colavita Galileo Galilei Anna-Cinzia Colavita Padova, 1610 (all inizio dell anno) : un uomo osserva il cielo dalla finestra - rivoluzionerà lo stato delle conoscenze astronomiche e scientifiche. Si può considerare

Dettagli

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE Rivedere i fattori ambientali che rendono la Terra abitabile e confrontarli con quelli di altri mondi dentro il nostro Sistema Solare. Usare il pensiero creativo per

Dettagli

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA .IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA C era una volta un mago di nome Mattia che era considerato il mago più bravo di tutti i tempi e per questo veniva invitato in tutte le città del mondo

Dettagli

VIAGGIO TRA LO SPAZIO

VIAGGIO TRA LO SPAZIO PROGETTO DI ASTRONOMIA VIAGGIO TRA LO SPAZIO Soggetti coinvolti: bambini di 5 anni della scuola dell infanzia statale di Ceregnano SEZIONE TRILLY ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLADOSE (RO) Insegnanti impegnate

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

Ciao! Una sola raccomandazione: non fissare mai il Sole direttamente, può danneggiarti gli occhi!

Ciao! Una sola raccomandazione: non fissare mai il Sole direttamente, può danneggiarti gli occhi! 1 Ciao! Il tuo Osservatorio di Monte Rosa si apre questa mattina e così inizia questa avventura alla scoperta del Cielo, per conoscere e comprendere quel che succede nell Universo, di cui la nostra Terra

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

A lezione sulla Stazione Spaziale Internazionale

A lezione sulla Stazione Spaziale Internazionale A lezione sulla Stazione Spaziale Internazionale Ideazione a cura di Vittorio Cotronei Donatella Marucci A lezione sulla Stazione Spaziale Internazionale Copyright Agenzia Spaziale Italiana 2014 Tutti

Dettagli

Application: the Vajont Landslide

Application: the Vajont Landslide Application: the Vajont Landslide Extract from a meeting in Lecco about landslides By M. Papini www.engeology.eu VAJONT: 9 OTTOBRE 1963 Un sasso è caduto in un bicchiere, l acqua è uscita sulla tovaglia.

Dettagli

LEZIONI DI SCIENZE DELLA NATURA IL SOLE IL SOLE

LEZIONI DI SCIENZE DELLA NATURA IL SOLE IL SOLE 1 IL SOLE 1. FORMAZIONE DEL SOLE FIG. 1 a) l alta velocità di rotazione determinò l appiattimento della nebulosa; b) la temperatura della nebulosa diminuiva verso la sua periferia; lungo questa direzione

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra

Dettagli

Un breve percorso per conoscere un ambiente acquatico vicino a noi: - I TORRENTI IMMISSARI NATURALI DEL LAGO TRASIMENO - IL CANALE, IMMISSARIO

Un breve percorso per conoscere un ambiente acquatico vicino a noi: - I TORRENTI IMMISSARI NATURALI DEL LAGO TRASIMENO - IL CANALE, IMMISSARIO Un breve percorso per conoscere un ambiente acquatico vicino a noi: - I TORRENTI IMMISSARI NATURALI DEL LAGO TRASIMENO - IL CANALE, IMMISSARIO ARTIFICIALE ANGUILLARA L'idrologia del Lago Trasimeno, lago

Dettagli

Martina Zaminato Classe III A A.S. 2012/2013

Martina Zaminato Classe III A A.S. 2012/2013 Martina Zaminato Classe III A A.S. 2012/2013 IL SOLE Tutti prima o poi si chiedono cosa sia il Sole, già da bambini chi non è stato incuriosito dalla nostra stella? Il Sole non è altro che una gigantesca

Dettagli

Gabriela Mesia Bolivar

Gabriela Mesia Bolivar Gabriela Mesia Bolivar Ho visto il cielo arancione e la forma del sole, che tramontava, e un albero che si nascondeva, tra l'oscurità, i gabbiani che se ne andavano, mentre la luce spariva e la notte veniva

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

LA LUNA Satellite della terra, fasi lunari, eclissi La Luna E il satellite naturale della terra Ruota attorno alla terra La Luna e' il corpo celeste più vicino alla Terra e l'unico, finora, parzialmente

Dettagli

Salve ragazze e ragazzi!

Salve ragazze e ragazzi! Salve ragazze e ragazzi! Iniziamo con questa pagina il nostro viaggio che ci porterà dalla scoperta della nostra Galassia fino ai confini dell Universo, così come oggi possiamo osservarli e conoscerli

Dettagli

E facile imparare con il computer - Viaggiare fra le stelle, comete e pianeti con Celestia

E facile imparare con il computer - Viaggiare fra le stelle, comete e pianeti con Celestia E facile imparare con il computer - Viaggiare fra le stelle, comete e pianeti con Celestia Descrizione del software Celestia (ultima versione 1.3.2) è un software di simulazione 3D (tridimensionale) opensource,

Dettagli

Uscita didattica del 29 Aprile 2013 al Castello di San Pelagio(Due Carrare) Museo del Volo

Uscita didattica del 29 Aprile 2013 al Castello di San Pelagio(Due Carrare) Museo del Volo Uscita didattica del 29 Aprile 2013 al Castello di San Pelagio(Due Carrare) Museo del Volo La scuola dell infanzia S.G.B De La Salle di Conselve Lunedì 29 Aprile 2013 si è recata al Castello di San Pelagio

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Esperimenti Informazioni per il PD

Esperimenti Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/7 Compito Gli alunni conducono degli esperimenti sul tema dell auto con propulsione a razzo usando diversi materiali. Obiettivo Gli alunni acquisiscono nuove conoscenze e rafforzano

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. Obiettivi: Livello linguistico: B1. Strategie di studio: lettura selettiva ATTIVITÁ DI PRE-LETTURA

IL SISTEMA SOLARE. Obiettivi: Livello linguistico: B1. Strategie di studio: lettura selettiva ATTIVITÁ DI PRE-LETTURA IL SISTEMA SOLARE LC.17.03.06 Prerequisiti: conoscenza del sistema metrico decimale e delle figure geometriche conoscenza simboli chimici capacità di lettura di mappe concettuali Obiettivi: fare ipotesi

Dettagli

SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA

SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA L ottica nei Massimi Sistemi Nella prima giornata del Dialogo sui massimi sistemi c è una lunga discussione dedicata al confronto tra l aspetto apparente della

Dettagli

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante La scienza è lo studio di tutte le cose, viventi e non viventi, che ci sono sulla Terra e nell Universo. La scienza

Dettagli

Nulla è come appare. Viaggio nello Spazio

Nulla è come appare. Viaggio nello Spazio Nulla è come appare Viaggio nello Spazio Oggi, 12 marzo 2012 è venuto nella nostra scuola, il dott. Renzo Rancoita, biofisico vegetale nonché studioso e appassionato di scienza e filosofia orientale e

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/ Salve a tutti è un po che vedo e leggo su internet discussioni infinite sulla RR e sul paradosso dei gemelli, ma alla fine si gira sempre intorno al problema senza mai risolverlo e capirlo. Io non sono

Dettagli

EXPLORASCUOLA di Lunedì 2 aprile 2007

EXPLORASCUOLA di Lunedì 2 aprile 2007 EXPLORASCUOLA di Lunedì 2 aprile 2007 Lunedì 2 aprile dalle ore 11:00 alle 12:00 e in replica ogni 8 ore (19:00 e 03:00) sul canale satellitare in chiaro RAIEDU 1, che è anche digitale terrestre, andrà

Dettagli

La scienza italiana nello spazio: prove tecniche di comunicazione

La scienza italiana nello spazio: prove tecniche di comunicazione JCOM 2 (2), June 2003 La scienza italiana nello spazio: prove tecniche di comunicazione Elisabetta Tommasi Unità "Osservazione dell'universo", Agenzia Spaziale Italiana Questo lavoro analizza l immagine

Dettagli

Foto dell Astronauta Douglas Wheelock. Bellissime!

Foto dell Astronauta Douglas Wheelock. Bellissime! Foto dell Astronauta Douglas Wheelock Bellissime! L astronauta della NASA, Douglas Wheelock, che si trova sulla ISS Stazione Spaziale Internazionale, condivide con il mondo via twitter le sue foto del

Dettagli

Il Sistema solare Gainotti, Modelli Incontro con le scienze integrate Zanichelli editore 2014

Il Sistema solare Gainotti, Modelli Incontro con le scienze integrate Zanichelli editore 2014 Il Sistema solare In viaggio nello spazio Insieme con altri pianeti la Terra orbita attorno a una stella, il Sole. Il Sole e i pianeti formano il Sistema solare. Il Sistema solare fa parte di una galassia

Dettagli

checkin Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo In Antartide con gente viaggi 40 GenteViaggi

checkin Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo In Antartide con gente viaggi 40 GenteViaggi checkin a v v e n t u r a g l i a l p i n i d o p o l a s p e d i z i o n e s u l m o n t e v i n s o n Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo Un impresa unica, fin nei minimi particolari. «Immagini

Dettagli

SILICIO, BEN E IL FURTO DELLE BOTTIGLIE

SILICIO, BEN E IL FURTO DELLE BOTTIGLIE SILICIO, BEN E IL FURTO DELLE BOTTIGLIE Un giorno Silicio fu messo nella campana del vetro. Era lì quando, ad un tratto, sentì una voce che diceva: - Svuotiamo la campana nel camion! Silicio disse: - Evviva!

Dettagli

Luna e Pianeti. Programma di osservazione

Luna e Pianeti. Programma di osservazione Luna e Pianeti Programma di osservazione 1 Il programma osservativo Luna e Pianeti Gli antichi osservatori del cielo si resero conto che fra le molte stelle che rimanevano ferme una rispetto all altra,

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

SCIENZE. L Universo e le Stelle. Introduzione. il testo:

SCIENZE. L Universo e le Stelle. Introduzione. il testo: 01 Introduzione Noi viviamo su un pianeta che si chiama Terra. La Terra si trova in uno spazio grandissimo (spazio infinito). In questo spazio infinito ci sono tante cose (tante parti di materia). Come

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 GLI OMINIDI Originariamente l uomo non aveva l attuale struttura corporea e non possedeva le capacità e le potenzialità che vediamo

Dettagli

Verità convenzionale e realtà ultima *

Verità convenzionale e realtà ultima * 17 Verità convenzionale e realtà ultima * Gli organi dei sensi ci rappresentano il mondo circostante in maniera distorta; sono come delle lenti deformanti. Ciò è dovuto al fatto che nella nostra fase di

Dettagli

IL SOLE. LauraCondorelli2014 Pagina 1

IL SOLE. LauraCondorelli2014 Pagina 1 IL SOLE Il Sole è nato circa 4,6 miliardi di anni fa e resisterà per altri 5 miliardi di anni circa. E una stella relativamente fredda, piccola rispetto alle altre ed è interamente gassoso. La temperatura

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX Una favola scritta da Maura Cari bambini, dovete sapere che il Dottor ENERGIX è un simpatico scienziato dall aria un po stralunata, sempre alle

Dettagli

Mito degli indiani Yakima

Mito degli indiani Yakima Piancallo, 14 ottobre 2011 Progetto LO SPAZIO Mito degli indiani Yakima Agli inizi del mondo c era solo acqua. Il Grande Capo Lassù viveva su nel cielo tutto solo. Un giorno decide di fare il mondo, viene

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

la storia ANNA PEIRETTI

la storia ANNA PEIRETTI la storia ANNA PEIRETTI 10 Mattia era un bambino felice, perché convinto di aver avuto grandi fortune nella vita. La più grande di tutte, quella di avere avuto un papà pittore. Era contento di avere una

Dettagli

La Luna appena formata era molto più vicina alla Terra dalla quale si è in seguito allontanata (tendenza che continua attualmente).

La Luna appena formata era molto più vicina alla Terra dalla quale si è in seguito allontanata (tendenza che continua attualmente). LA LUNA Si è formata agli inizi del sistema solare dallo scontro tra la PROTOTERRA e un corpo celeste delle dimensioni di Marte chiamato THEIA: il nucleo di Theia si fuse col nucleo della Terra ma il resto

Dettagli

ARTICOLO TRATTO DA FOCUS.IT. Numeri, retroscena e curiosità: l'impresa di Gagarin in pillole

ARTICOLO TRATTO DA FOCUS.IT. Numeri, retroscena e curiosità: l'impresa di Gagarin in pillole ARTICOLO TRATTO DA FOCUS.IT Numeri, retroscena e curiosità: l'impresa di Gagarin in pillole Il volto concentrato di Jurij Gagarin fotografato durante il tragitto verso la rampa di lancio. Cinquant'anni

Dettagli

I.C. Giovanni Falcone Mappano. Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone. Classe II A. Prof. Bombonati Massimiliano

I.C. Giovanni Falcone Mappano. Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone. Classe II A. Prof. Bombonati Massimiliano I.C. Giovanni Falcone Mappano Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone Classe II A Prof. Bombonati Massimiliano IL MIO FUTURO Il mio futuro lo vorrei così, come il sole che splende e la pioggia

Dettagli

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1 il testo: 01.1 sperimentale Le scienze studiano i fenomeni della natura (fenomeni naturali). Spesso noi osserviamo la natura e ci chiediamo perché avvengono certi fenomeni. Ad esempio, ti sarà capitato

Dettagli

Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di. primo grado

Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di. primo grado Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di primo grado Premessa per i docenti L'intento con cui è stato preparato questo materiale è quello di fornire i presupposti

Dettagli

Sud Africa: Blyde River Canyon La forza della natura in uno scenario insuperabile

Sud Africa: Blyde River Canyon La forza della natura in uno scenario insuperabile Con i suoi 26 Km di lunghezza e gli 800 metri di profondità, nella lontana provincia di Mpumalanga, il Blyde Canyon è considerato per importanza ed estensione il terzo nel mondo.. eppure non è molto noto,

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli