EDITORIALE. combattimento Gripen

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDITORIALE. combattimento Gripen"

Transcript

1 MARZO APRILE 2

2

3 L Ufficio presidenziale della SSIC TI ha deciso di prendere posizione su 4 dei 7 temi in votazione popolare il 18 maggio, così come indicato nel riquadro a lato. NO al salario minimo unico Questa iniziativa, lanciata dall Unione sindacale svizzera, mira ad introdurre un salario minimo per tutti i lavoratori (indipendentemente dal settore di attività, dalle conoscenze professionali e dall età dei lavoratori) pari a Fr./mese (22.- Fr./h). Il salario minimo unico stabilito dallo Stato, oltretutto il più alto del mondo, risulterebbe fatale dal punto di vista economico e sociale. A soffrirne maggiormente sarebbero i lavoratori meno qualificati e coloro che hanno appena terminato gli studi o la formazione in quanto non troverebbero più un impiego. Il salario minimo di franchi per tutti comporterebbe anche la delocalizzazione della produzione industriale con conseguente aumento della disoccupazione. Nei casi migliori, la massa salariale delle aziende verrebbe ridistribuita abbassando gli stipendi medio/alti e assumendo personale qualificato al posto dei più deboli. Pure l intero sistema svizzero di formazione professionale duale ne risentirebbe, dato che l interesse per l apprendistato calerebbe se un giovane a 16 anni, senza nessuna formazione, guadagnasse Fr./mese. Il settore della costruzione, sebbene non direttamente toccato dal salario minimo (già ora superiore ai franchi/mese), respinge fermamente l iniziativa per prediligere la via della trattativa tra partner sociali fatta settore per settore e considerando tutti i fattori in gioco nel delicato equilibrio economico/sociale. SÌ all acquisto degli aerei da combattimento Gripen Ogni Nazione deve poter contare su una corretta organizzazione della sicurezza e il controllo dello spazio aereo rappresenta, in tal senso, un tassello importante. Se si pensa che sono circa gli aerei che transitano ogni anno sopra il territorio svizzero, è più che giustificata la scelta di sostituire parte dei 54 aerei da combattimento F-5 Tiger, ormai obsoleti, con 22 moderni aviogetti. Lasciare scoperto lo spazio aereo svizzero sarebbe come consentire il transito dei veicoli pesanti nella galleria del San Gottardo (anch essi ben oltre il milione all anno) senza averne il controllo. EDITORIALE Votazione popolare del 18 maggio Raccomandazioni di voto dell Ufficio presidenziale della SSIC TI Votazione federale NO all Iniziativa popolare del 23 gennaio 2012 «Per la protezione di salari equi (Iniziativa sui salari minimi)» SÌ alla Legge federale del 27 settembre 2013 sul fondo per l acquisto dell aereo da combattimento Gripen Votazione cantonale SÌ all introduzione degli articoli 309e e 314e nella Legge tributaria del 21 giugno 1994 (amnistia fiscale cantonale) NO all introduzione dei nuovi articoli 34bis e 34ter nella Costituzione cantonale riguardanti i principi della gestione finanziaria e il freno ai disavanzi (coefficiente d imposta cantonale) Pure le ricadute economiche di questo progetto quelle dirette in termini di controprestazioni interessanti per imprese svizzere e ticinesi e quelle indirette legate alla credibilità e all indipendenza del nostro esercito meritano di essere considerate per questa votazione. SÌ all amnistia fiscale cantonale L amnistia fiscale è un valido strumento per agevolare la reintroduzione di capitali non dichiarati nel circolo economico, con tutti i benefici fiscali e gli investimenti che ne derivano. È chiaro che la soluzione migliore sarebbe stata quella di un amnistia federale ma, viste le difficoltà, occorre accontentarsi della soluzione cantonale. La SSIC TI è dunque favorevole alla modifica della Legge tributaria con la quale si offre la possibilità ai contribuenti che vorranno far capo all autodenuncia esente da pena, di essere tassati con un aliquota del 30% per il recupero delle imposte cantonali sottratte negli ultimi 10 anni. NO al coefficiente d imposta cantonale Le finanze del Canton Ticino sono problematiche e, per questo, la SSIC TI è da sempre schierata a favore della revisione dei compiti dello Stato, finalizzata alla riduzione delle spese correnti (compito delicato e impopolare, ma necessario). L introduzione del moltiplicatore cantonale d imposta (un meccanismo di aumento automatico delle imposte ogni volta che il disavanzo cantonale supera il 4% annuo) va proprio nella direzione opposta al freno alla spesa pubblica. Il freno ai disavanzi pubblici rappresenta infatti una soluzione troppo comoda (almeno politicamente) per migliorare i bilanci, il tutto a detrimento delle persone e delle aziende che già ora si assumono il carico fiscale. Il prossimo 18 maggio è dunque importante respingere la modifica della Costituzione cantonale per evitare ulteriori aumenti delle imposte a carico delle persone fisiche e giuridiche oltre che per non compromettere l attrattività della piazza economica ticinese, già oggi confrontata da una crescente pressione internazionale. ing. Cleto Muttoni Presidente SSIC Sezione Ticino 1 EDITORIALE 3 LA POLTRONA Intervista a Renzo Ambrosetti, Presidente dell Associazione interprofessionale di controllo 5 GRAN CONSIGLIO Approvata la terza tappa del deposito di inerti di Stabio e relativa area per il riciclaggio VISITE Tribunale penale federale 6 7 STUDIO CREDIT SUISSE Il mercato immobiliare svizzero 9 ANNUARIO IMPRESARI Pubblicata l edizione ESPOPROFESSIONI Grande l interesse dei giovani 11 CAPO MURATORE Consegnati i diplomi del NEO-DIPLOMATI SSSTE Tecnici dell edilizia agli onori 12 HG COMMERCIALE Viaggio in Lapponia per clienti HGC e SYTEC AG Responsabile Nicola Bagnovini Editore SSIC Sezione Ticino Viale Portone Bellinzona tel fax Fotografie redazionali SSIC TI, Bellinzona Stampa Tipo Print Roncoroni+Sulmoni Mendrisio Grafica Guido Robbiani Tiratura copie 6 volte all anno In copertina: alcuni dei pannelli triangolari (prefabbricati in cemento) che formano i lati delle cupole delle sale del Tribunale penale federale di Bellinzona. I pannelli contengono dei fori fonoassorbenti intessuti nel disegno dell ornamento fino a diventarne parte integrante. La trama floreale riveste le cupole come ramificazioni e fogliame di una corona d albero. Foto: SSIC TI, Bellinzona. 1 marzo-aprile

4 mailing riviste brochure confezione spedizione libri stampati pubblicitari stampati commerciali grafica etichette vino autocollanti in continuo fustellatura e taglio oro e argento a caldo rilievo a secco stampa offset e digitale tipo print tipografia di roncoroni + sulmoni sa Via Vignalunga 13 / 6850 Mendrisio tel / fax /

5 Le aziende ticinesi sono da sempre abituate ad operare in un mercato di libera concorrenza, purché leale. Confrontarsi con ditte o lavoratori indipendenti che non rispettano le nostre regole per quanto attiene minimi salariali, orari e condizioni di lavoro è però impossibile. Proprio per questo è nata, nel 2002, l Associazione interprofessionale di controllo (AIC) su volontà di una ventina di Commissioni paritetiche che rappresentano sostanzialmente l intero settore dell edilizia e dell artigianato della costruzione. Signor Ambrosetti, quali sono i principali obiettivi dell AIC e come è strutturata l Associazione da lei presieduta? LA POLTRONA Intervista a Renzo Ambrosetti L AIC è nata prima dell entrata in vigore della libera circolazione delle persone (LCP). Era già allora chiaro ai partners sociali che la LCP avrebbe messo sotto pressione il mercato del lavoro ticinese e la concorrenzialità delle aziende ticinesi del ramo della costruzione da parte delle imprese italiane. Si è così voluto anticipare la realizzazione di un dispositivo di controllo che poi avrebbe fatto scuola nel resto della Svizzera. Grazie al fatto che il Consiglio di Stato di allora capì la posta in gioco e le preoccupazioni espresse dai partners sociali fu possibile partire con un ispettore che controllava questa è la missione principale che le ditte estere che distaccano lavoratori sul territorio cantonale rispettassero le condizioni contrattuali di lavoro previste dai contratti collettivi del rispettivo ramo professionale. Oggi l AIC conta 6 ispettori e 4 unità amministrative. L associazione è diretta da un comitato di 8 membri, pariteticamente composto. I controlli eseguiti per verificare il rispetto dei contratti collettivi di lavori vigenti sul nostro territorio da parte delle ditte estere rientrano in un contesto generale di salvaguardia degli interessi sociali ed economici del nostro Cantone. Basta pensare, solo per citare un esempio, alla situazione del mercato del lavoro dove, per far fronte alle necessità di formazione degli apprendisti e di assunzione dei giovani lavoratori, occorre poter contare su aziende solide e messe in condizione di lavorare in un mercato sano e rispettoso delle regole. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una vera e propria esplosione del numero di notifiche per i prestatori di servizio di breve durata (massimo 90 giorni all anno) che approdano dall estero al mercato ticinese della costruzione. Dal suo osservatorio privilegiato, cosa ci può dire in merito a questa tendenza e quali sono le principali inadempienze rilevate dall AIC nell ambito dei controlli svolti sui cantieri ticinesi? Innanzitutto posso confermare che il numero delle notifiche di lavoratori distaccati è aumentato in modo esponenziale. Analogamente sono aumentati i padroncini. Due cifre sugli ultimi anni: nel 2010 le notifiche erano mentre a fine 2013 ben Le notifiche dei padroncini sono passate, nel medesimo lasso di tempo, dalle alle unità. Le infrazioni più importanti toccano il salario, l orario di lavoro, il mancato versamento delle cauzioni laddove sono previste e la presenza di falsi indipendenti. A questo proposito giova ricordare che un intervento contro i falsi indipendenti è stato introdotto nella legge federale a metà Noi, in Ticino, ci siamo dati da subito nostre regole e abbiamo colpito con l espulsione immediata quegli attori che non presentavano i requisiti per essere riconosciuti quali indipendenti. La votazione popolare dello scorso 9 febbraio contro l immigrazione di massa ha evidenziato il disagio di buona parte della popolazione svizzera di fronte agli effetti negativi causati, nella maggior parte dei casi, dai lavoratori distaccati e dagli indipendenti. Per questo la SSIC Sezione Ticino ha scritto recentemente al Consiglio federale invitandolo a valutare la possibilità di escludere proprio i prestatori di servizio dall Accordo sulla libera circolazione delle persone. Cosa ne pensa di questa idea e quali sviluppi immagina sulla delicata questione della libera circolazione delle persone con l UE? L esclusione dei prestatori di servizi dall accordo sulla LCP è problematica. In tutta Europa la prestazione di servizi fa parte della libera circolazione delle persone. Dove ci porterà il risultato del 9 febbraio è difficile da dirsi. Certo è che si tratta, con il ritorno ai contingenti, di un enorme passo indietro. Occorrerà vedere se la messa in cantiere di quanto voluto dal popolo è conforme agli accordi bilaterali Svizzera UE, di cui fa parte l accordo sulla LCP. Personalmente ne dubito e anche dai contatti internazionali che ho, ricevo segnali che l UE non farà deroghe al principio della libera circolazione delle persone. Si dovrà quindi un giorno, inevitabilmente ritornare davanti al popolo e porre il quesito come vogliamo gestire i nostri rapporti con l UE. Ma non dimentichiamolo, anche l UE dovrà anch essa dire come intende continuare con i rapporti bilaterali con la Svizzera. Renzo Ambrosetti, Presidente dell Associazione interprofessionale di controllo. 3 marzo-aprile

6 Zeiss Neutra SA Osogna Ufficio di consulenza: 6963 Lugano-Pregassona Tel Fax Visitate le nostre esposizioni permanenti! Zeiss-neutra Osogna HG-Commerciale Castione HG-Commerciale Losone Taiana SA Manno Articoli per giardino Articoli per arredo urbano Elementi di protezione per alberi Elementi per scarpate Elementi fonoassorbenti Garage prefabbricati Impianti di depurazione Sistemi di pavimentazione

7 Lo scorso 16 aprile, il Gran Consiglio ticinese ha approvato (61 favorevoli, 5 astenuti, 0 contrari) il Messaggio del Consiglio di Stato (nr del ) riferito all approvazione del Piano di utilizzazione cantonale (PUC) della discarica per materiali inerti (tappa 3) e dell area per il riciclaggio ed il deposito provvisorio di Stabio, con la relativa autorizzazione al dissodamento e lo stanziamento di un credito di CHF per la sua attuazione. Si tratta di una risposta importante e fornita in tempi brevi (da notare che il Messaggio è stato esaminato in due commissioni: la Pianificazione del territorio e la Gestione) che la SSIC TI apprezza molto vista l emergenza esistente nel Sottoceneri in merito proprio ai depositi di materiali inerti. Come indicato nel Messaggio del Consiglio di Stato, l evoluzione dei rifiuti edili in Ticino mostra che negli ultimi 12 anni il materiale di scavo e demolizione smaltito in discarica è raddoppiato, passando da circa m 3 /anno (media ) a ca m 3 /anno (media ). L analisi delle tipologie di materiali depositati evidenzia come, a livello cantonale, il 73% del materiale depositato provenga dall attività di scavo, mentre il restante 27% trova origine da scarti di demolizione (asfalto, calcestruzzo, demolizione mista) e materiali inquinati. Nel Sopraceneri si conferma una proporzione di ca. il 50% fra materiale di scavo e scarti di demolizione, mentre nel Sottoceneri il materiale di scavo è nettamente preponderante (ca. 80%). Ciò è da ricondurre principalmente alle scarse caratteristiche geotecniche del materiale di scavo nel Sottoceneri (limi, argille) che lo rendono difficilmente riutilizzabile. Diversa la situazione nel Sopraceneri dove prevalgono materiali alluvionali o detritici, idonei ad essere riutilizzati. I dati attuali mostrano chiaramente come a livello cantonale si presenti un importante deficit di volumetrie disponibili per garantire i fabbisogni di smaltimento a medio-lungo termine. La situazione è particolarmente preoccupante nel Sottoceneri, a causa della chiusura della seconda tappa della discarica di Stabio avvenuta a fine novembre 2013 e la prevista conclusione della discarica di Monteceneri-Mezzovico Vira (Petasio) prevista nel. Ritornando al deposito di Stabio, il Piano di gestione dei rifiuti cantonale (PGR) prevede GRAN CONSIGLIO la realizzazione di una terza tappa della discarica con un volume di m 3. La tappa 1 ha preso avvio nel 2002 con una capacità di ca m 3 e si è conclusa nell agosto del Di seguito è stata aperta la tappa 2, con capacità preventivata di circa m 3 e successivamente limitata, d intesa con le autorità italiane, a m 3. Per la terza tappa di Stabio, che garantisce il fabbisogno dell intero Mendrisiotto, vi è pertanto la necessità di procedere in tempi brevi in vista dell apertura, come peraltro già previsto dal Piano di gestione dei rifiuti cantonale (PGR) e dalla misura contenuta nella scheda V7 del PD, quale dato acquisito. Oltre alla terza tappa della discarica, il PUC integra pure un area di occupazione temporanea per il riciclaggio ed il deposito provvisorio di materiali inerti. Sebbene quest ultima destinazione d uso apporti dei benefici alla discarica, favorendone una durata maggiore, essa non è concepita quale misura subordinata all apertura della terza tappa, bensì assume una propria autonomia, legata alla necessità di mettere in atto da subito quanto previsto dalla politica di riciclaggio degli inerti (scheda V6 del PD). In questo senso, l area per il riciclaggio ed il deposito provvisorio Ha riscontrato grande interesse la visita guidata del Tribunale penale federale di Bellinzona organizzata dalla SSIC TI lo scorso 8 aprile. I partecipanti all evento (una trentina in totale) hanno dapprima potuto scoprire l organizzazione e il funzionamento di questa prestigiosa infrastruttura giudiziaria (inaugurata il e che occupa complessivamente 65 collaboratori), grazie alle spiegazioni fornite dalla Segretaria generale Mascia Gregori Al-Barifi e dal Cancelliere Giampiero Vacalli. Nella suggestiva aula penale principale è poi seguita la parte dedicata alle spiegazioni dell Arch. Aldo Nolli (dello studio Durich + Nolli di Lugano, membro del Consorzio di progettazione) sugli aspetti architettonici dell edificio. Un opera pregevole, come constatato durante la visita dei vai spazi, anche dal profilo edificatorio, in di materiali inerti è intesa quale tappa temporanea, in vista del consolidamento, di un centro logistico per inerti di tipo A nel Mendrisiotto, la cui ubicazione al momento non è ancora stata definitivamente individuata. Ciò è espressamente sottolineato nel Messaggio del Consiglio di Stato citato in entrata in quanto a differenza delle ubicazioni definite come dato acquisito per i Centri logistici del Luganese, del Locarnese e del Bellinzonese e valli si menziona per il Mendrisiotto la località di Stabio esclusivamente quale risultato intermedio, in quanto vanno svolti ulteriori approfondimenti per attestare l idoneità del sito o l orientamento su un altra ubicazione. Il centro avrà, almeno per il momento, una valenza di carattere regionale. Anche in questo ambito, tutti chiedono di potenziare il riciclaggio, poi però nessuno vuole ospitare le necessarie infrastrutture. Le premesse per continuare con celerità la progettazione in vista dell apertura della terza tappa di Stabio sembrano comunque date e la SSIC TI guarda con ottimismo a quella che sarebbe una sana boccata d ossigeno per la gestione degli inerti nel Mendrisiotto. Nicola Bagnovini Vicedirettore SSIC Sezione Ticino VISITE particolare per le opere in calcestruzzo armato realizzate dall Impresa di costruzione Casada SA di Malvaglia. Approvata la terza tappa del deposito di inerti di Stabio e relativa area per il riciclaggio Tribunale penale federale Informazioni e immagini sul Tribunale penale federale sono disponibili su 5 marzo-aprile

8 Qualche settimana fa, il Credit Suisse Economic Research di Zurigo ha pubblicato l annuale studio sul mercato immobiliare svizzero. Questo documento dal titolo «Mercato immobiliare - Strutture e prospettive» analizza nel dettaglio diversi parametri direttamente correlati al mercato immobiliare e lo fa a livello nazionale, con riferimenti puntuali alle singole regioni. Gli addetti ai lavori possono così trovare risposte a diverse domande cruciali: i nuovi spazi abitativi stanno nascendo nel posto giusto? Cosa può insegnare il mercato degli alloggi di Ginevra sulla eccessiva regolamentazione? Le grandi imprese continuano a lasciare i centri delle città? In che misura il commercio online limita la domanda di superfici di vendita e quale potenziale d investimento offrono gli immobili logistici? Lo studio è disponibile su internet mentre i clienti della banca possono richiederlo in formato cartaceo al proprio consulente. Al fine di rappresentare in modo corretto il forte radicamento regionale dei mercati immobiliari, per la prima volta quest anno, sono state elaborate delle schede informative per tutte le 110 regioni economiche della Svizzera. Per il nostro Cantone, le stesse sono suddivise in Bellinzona, Tre Valli, Locarno, Lugano e Mendrisio. Nelle singole schede vengono toccati temi quali l economia e la demografia, il mercato degli appartamenti, l andamento dei prezzi degli appartamenti e delle locazioni nei diversi comuni della regione. I clienti del Credit Suisse possono ordinare le schede relative a singole regioni (Factsheets disponibili anche in italiano) allo stesso link indicato in precedenza oppure telefonando allo Ritornando allo studio nazionale, si nota sin dall introduzione come siano sempre più decisi i segnali che indicano un superamento dello zenit da parte del mercato immobiliare svizzero. Benché i prezzi continuino a salire nella maggioranza dei segmenti, la dinamica è rotta e i tassi di crescita stanno diminuendo. Nel contempo però, i dati fondamentali generalmente intatti impediscono un crollo. Il mercato dovrebbe perciò tendere, secondo gli specialisti dell Economic Research del Credit Suisse, sempre più verso una stagnazione. Sembrerebbe il preludio ottimale per un atterraggio morbido (soft landing). STUDIO CREDIT SUISSE Di seguito sono riportati alcuni aspetti significativi ripresi dallo studio citato in entrata. Superfici abitative Il mercato degli immobili residenziali svizzero si trova in un superciclo alimentato dai bassi tassi d interesse e da un immigrazione che sembra inesauribile. Questa costellazione dura ormai già da così tanto tempo che il carattere ciclico, caratteristico dei mercati immobiliari, rischia di scivolare in secondo piano. Tuttavia prima o poi finiscono anche i supercicli a seguito di un consistente rialzo dei tassi d interesse o di una grave recessione, che attualmente non ci aspettiamo, o in virtù di un graduale prevalere dell offerta di alloggi sulla domanda. Quest ultimo aspetto dovrebbe essere motivo di consistenti preoccupazioni in futuro, ma non ancora nell anno in corso. Il sarà ancora all insegna della stabilità, che potrà venir meno solo in seguito a sconsiderate limitazioni politiche dell immigrazione o a eccessive reazioni sul piano normativo. Il raffreddamento procede in modo ottimale ancora prematuro il cessato allarme Il mercato delle abitazioni resta stabile. Il livello dei prezzi nel frattempo raggiunto agisce sempre più da fattore frenante e genera spostamenti della domanda in regioni caratterizzate da proprietà abitativa più economica. I provvedimenti in materia di regolamentazione adottati finora, oltre ai primi rialzi dei tassi, hanno a loro volta fornito un contributo al rallentamento della crescita dei prezzi delle abitazioni di proprietà e del volume dei crediti concessi e quindi al ridimensionamento del rischio di un crash immobiliare. Altri passi imminenti sul piano della regolamentazione dovrebbero allungare la fase di raffreddamento, che finora si è svolta in modo ottimale in equilibrio tra euforia e panico. Nel medio termine, solo la normalizzazione del livello dei tassi avrà il potere di innescare delle correzioni dei prezzi. È dunque ancora troppo presto per un segnale di cessato allarme, anche perché i dati fondamentali intatti assicurano una domanda tuttora elevata di spazi abitativi. Questa domanda corrisponde tuttavia solo in modo subottimale all offerta in termini spaziali: mentre i posti di lavoro vengono creati sempre più nei centri cittadini, creando così pressioni della domanda particolarmente marcate nelle agglomerazioni, l offerta di appartamenti reagisce in misura poco conforme alla domanda a livello spaziale e Il mercato immobiliare svizzero Lo scorso anno, le vendite di abitazioni si sono svolte rapidamente evidenziando un cambiamento poco significativo rispetto al Si denotano comunque rilevanti differenze regionali per questo indicatore. Fonte: Credit Suisse, Economic Research, Studio Mercato immobiliare (Figura 14). 6 marzo-aprile

9 ripiega sempre più sulla periferia. Alla persistente penuria di spazi abitativi nei centri cittadini, con canoni di locazione in ulteriore crescita nel breve termine, si accompagna quindi un incremento delle superfici sfitte e dei problemi di assorbimento degli appartamenti destinati a locazione nelle aree periferiche. Sono aumentati, a fronte dell approvazione dell iniziativa contro l immigrazione di massa, i rischi latenti di un eccesso d offerta nel medio termine, già elevati per via della consistente dipendenza dell assorbimento delle abitazioni dall immigrazione; ciò determina un crescente nervosismo. L elevato livello dei prezzi limita l accesso alla proprietà abitativa Per via dei prezzi elevati, oltre al requisito di un capitale proprio sufficiente anche la sostenibilità dei costi di appartamenti e case diventa sempre più un ostacolo, rendendo difficile per molte economie domestiche l accesso alla proprietà abitativa. Al fine di proteggere i clienti da impasse sul piano della liquidità nell eventualità di un incremento dei tassi e di evitare perdite dei crediti erogati, le banche, nonostante i tassi bassi, calcolano con dei tassi decisamente più elevati. Impiegando un tasso d interesse calcolatorio del 5%, corrispondente alla media a lungo termine di un ipoteca fissa a 5 anni prima dello scoppio della crisi finanziaria, più l 1% del prezzo d acquisto per la manutenzione, si ottengono, a seconda della regione, prerequisiti non proprio modesti in termini di reddito lordo disponibile. Secondo la regola aurea in materia di finanziamenti, le spese abitative non dovrebbero superare un terzo del reddito lordo di un economia domestica. La figura riportata in alto (Figura 1) evidenzia l applicazione di queste regole relative alla sostenibilità e riporta le notevoli differenze regionali con riferimento alle condizioni reddituali necessarie per la concessione di un finanziamento ipotecario. Essa chiarisce inoltre il motivo per cui molte regioni periferiche lontane dai centri sono diventate solidi poli di attrazione della domanda per la proprietà abitativa. A questo scopo, per ogni regione della Svizzera viene illustrato nella Figura 1 l ammontare del reddito lordo necessario all acquisto di un appartamento di proprietà standard esistente di 110 m 2 applicando il tasso d interesse calcolatorio più un supplemento per la manutenzione. A livello svizzero, il reddito minimo necessario, sulla base delle condizioni di accessibilità di cui sopra, ammontava lo scorso anno a CHF Secondo le nostre stime un appartamento di proprietà standard svizzero con un prezzo intorno a CHF oggi dovrebbe essere sostenibile, sulla base della regola di finanziamento (ipotesi: finanziamento dell 80%) per il 45% di tutte le economie domestiche costituite da famiglie elvetiche. Un appartamento di nuova costruzione all attuale prezzo medio di CHF sarebbe sostenibile solo per il 28% delle economie domestiche. A titolo di confronto, si consideri che secondo l Ufficio federale di statistica a fine 2010 la quota di proprietà abitativa in Svizzera si attestava poco al di sotto del 37%. A livello regionale i redditi minimi necessari possono variare sensibilmente a seconda del livello dei prezzi delle singole regioni. Per ogni regione indichiamo quindi la quota delle economie domestiche costituite da famiglie in Svizzera che dispongono del reddito lordo necessario per ottenere un indicazione relativa alla domanda esistente. In circa un terzo di tutte le regioni la maggior parte delle economie domestiche non raggiunge il reddito necessario. In questo caso le economie domestiche sono costrette a fare delle concessioni riguardo a dimensioni, standard di costruzione, ubicazione o età dell immobile di proprietà. Per le economie domestiche composte da una sola persona la sostenibilità rappresenta probabilmente un ostacolo ancor più grande rispetto alle economie domestiche costituite da famiglie, che in parte possono contare su due redditi. Il timore di un rialzo dei tassi e di una regolamentazione più rigida crea maggiore prudenza Gli sviluppatori di proprietà abitativa si sono fatti più prudenti. Ciò sembra essere dovuto alla crescente preoccupazione che i tassi ipotecari possano aumentare ulteriormente nel corso della fase di costruzione o che la regolamentazione venga nuovamente inasprita e che la vendita di appartamenti di proprietà possa subirne il contraccolpo. Di conseguenza, oggi sono in progetto sempre più immobili idonei per entrambi i tipi di utilizzo. Gli investitori si assicurano così la possibilità di cedere in locazione gli appartamenti nel caso venisse meno l interesse all acquisto. Per via degli standard architettonici tipicamente più elevati nel caso degli appartamenti di proprietà, potrebbero risultare troppo elevati i prezzi delle locazioni. Per ottenere i prezzi di riferimento regionali si è ricorso ai prezzi al metro quadro di tutti gli immobili di proprietà messi in vendita sui portali immobiliari. Fonte: Credit Suisse, Economic Research, Studio Mercato immobiliare (Figura 1). La copertina dello Studio del Credit Suisse. 7 marzo-aprile

10 Via Piodella 18, 6933 Muzzano Tel Fax mazzantini.com PIANTE DA ESTERNI PIANTE D APPARTAMENTO ORCHIDEE PIANTE AROMATICHE PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE E MANUTENZIONE GIARDINI LAVORI IN PIETRA RECINZIONI GIOCHI D ACQUA, IRRIGAZIONE, BIOTOPI

11 Lo scorso mese di marzo è stata pubblicata la nuova edizione dell Annuario degli impresari costruttori ticinesi che raccoglie i dati delle imprese di costruzione abilitate ad eseguire lavori pubblici e privati il cui importo supera i franchi. La novità principale riportata nell edizione di questo apprezzato strumento di consultazione (edito da Pubblicità Sacchi, Edizioni Tecniche & Commerciali con sede a Manno e realizzato in collaborazione con il Dipartimento del territorio e con la SSIC Sezione Ticino) riguarda la pubblicazione della nuova Legge sull esercizio della professione di impresario costruttore e di operatore specialista nel settore principale della costruzione (LEPICOSC). Questa legge (nata dalla modifica della precedente LEPIC) assoggetta, oltre alle imprese di costruzione che lo erano già, anche le ditte che si occupano della posa dell acciaio d armatura, dell esecuzione di casseforme per il calcestruzzo, della costruzione di murature e della posa di sottofondi. Queste quattro attività sono infatti specializzazioni che rientrano nella formazione del muratore e quindi appartengono al settore principale della costruzione. Anche le imprese che operano in questi rami hanno ora l obbligo di iscriversi nello speciale Albo cantonale per poter eseguire i lavori pubblici e ANNUARIO IMPRESARI privati il cui importo preventivato supera i franchi. A breve termine saranno modificati anche il regolamento di applicazione della Legge (RLEPIC) che diventerà (RLEPICOSC), nonché l Art. 23 del regolamento della Legge edilizia (RLE) che prevederà l obbligo, anche per le imprese qualificate quali operatori specialisti del settore principale della costruzione, di notificare l inizio dei lavori al Municipio, rispettivamente a quest ultimo di verificarne la corretta iscrizione all Albo. La lista degli operatori specialisti non figura ancora nell edizione dell Annuario in quanto, al momento di andare in stampa era ancora in fase di elaborazione. Perfettamente a giorno è invece l Albo delle imprese di costruzione abilitate ad eseguire lavori superiori ai franchi. Per l iscrizione bisogna disporre, tra le altre cose, di un responsabile tecnico con i titoli di studio e l esperienza richiesta oltre che dimostrare il corretto versamento degli oneri sociali. Ecco perché, prima di assegnare lavori di impresario costruttore o di specialisti della costruzione, è importante che i committenti o i progettisti verifichino che la ditta deliberataria sia regolarmente iscritta all Albo, consultabile anche su Internet all indirizzo Oltre alla particolarità di elencare le imprese iscritte all Albo suddivise per distretto e per comune (così da facilitarne la localizzazione), il documento riporta pure: l elenco delle imprese associate alla SSIC Sezione Ticino unitamente alle strutture di contatto dell Associazione di categoria; i principali recapiti del Dipartimento del territorio. La versione cartacea è stata distribuita gratuitamente agli Enti pubblici, alle ditte dell edilizia e agli studi tecnici del Cantone Ticino. Chi fosse interessato a riceverne una copia può contattare il Segretariato della SSIC Sezione Ticino di Bellinzona (tel ). Pubblicata l edizione Da sinistra: il Direttore della SSIC TI, ing. Vittorino Anastasia, il Consigliere di Stato e Direttore del Dipartimento del territorio, On. Claudio Zali, e l editore dell Annuario degli impresari costruttori, Fabio Sacchi. ESPOPROFESSIONI Sono stati oltre i visitatori dell edizione di Espoprofessioni (conclusasi lo scorso 29 marzo) che hanno avuto la possibilità di informarsi attivamente sulle 227 formazioni di base e perfezionamenti professionali offerti nella regione. Numeri che fanno ben capire l interesse di questo evento dedicato all orientamento scolastico e professionale indirizzato ai giovani, alle loro famiglie e alle aziende presenti sul territorio, che garantiscono solidità all economia e consentono l ingresso nel mercato del lavoro. Il grande impegno profuso da tutti gli addetti ai lavori coinvolti nel nostro sistema formativo duale continua a dare ottimi frutti; lo ha sottolineato anche il Consigliere federale Ueli Maurer durante la sua visita ad Espoprofessioni. Per quanto riguarda la professione di muratore, allo stand curato dal Centro SSIC TI di Gordola, l interesse dei giovani è stato catturato grazie al pregevole lavoro di muratura realizzato da 4 apprendisti del secondo anno (nella foto: Matteo Bernasconi, Salvatore D Amico, Simone Gobba e Danilo Longhi). Una bella dimostrazione di abilità pratica ed impegno che hanno permesso di valorizzare l arte del costruire. Bravi ragazzi! Grande l interesse dei giovani Una raccolta di immagini su Espoprofessioni è disponibile nella galleria fotografica del sito 9 marzo-aprile

12 <wm>10cfwmsq6emaxdv6ivnzsskbgxiybt7vkq8_3_djqnyzys69n7hlpf43u7vtsncegrjm1wcxfw7x50q02mgkilqaujdpfax3yzds5adqbgvk9ybgw6wvlhq441tp7o6w8mkkcegaaaaa==</wm> <wm>10casnsjy0mday0buwmje3ngiav5w-fq8aaaa=</wm> La tua Agenzia di collocamento lavoro fisso e temporaneo MURALTO LUGANO CHIASSO BELLINZONA www. +41 (0) job-contact.ch JOB-CONTACT LA SOLUZIONE IMMEDIATA PER I VOSTRI CANTIERI! Installazioni elettriche Impianti telefonici Impianti EDV Quadri elettrici Progettazioni Partner Swisscom N via P.F. Mola Bellinzona Tel. +41 (0) Fax +41 (0) IGIENE PROFESSIONALE Tel Tel L Aspirapolvere a spalla V-BP-7 di Tennant è facile da utilizzare in qualsiasi ambiente grazie al suo design ergonomico e leggero ed è equipaggiato con filtro HEPA e attrezzi speciali per una pulizia personalizzata.

13 Sabato 29 marzo si è svolta, al Centro di formazione professionale (CFP) della SSIC TI a Gordola, la cerimonia di consegna dei diplomi di capo muratore, ottenuti durante la sessione d esame di inizio gennaio. Alla stessa si sono iscritti una quindicina di candidati, 13 dei quali hanno sostenuto l esame e tutti sono stati promossi ottenendo il diploma federale di capo muratore. Anche per la SSIC TI è motivo di soddisfazione l esito dell esame e si complimenta con i neodiplomati. Da segnalare che la miglior media a livello svizzero è stata conseguita nel nostro circondario con il 5.2 ottenuto da Francesco Chiappini. La formazione dei nuovi capi dura dai 3 ai 4 anni (1 anno di formazione di capo squadra, 2 anni di formazione di capo muratore e, per alcuni, 1 anno supplementare per l ottenimento dell Attestato federale di capacità di muratore), per un totale di 114/158 giorni di formazione. Il ruolo del capo cantiere è di fondamentale importanza per il buon andamento dei lavori dell edilizia e del genio civile. La loro funzione è triplice: professionisti del settore, amministratori e mediatori. Essi sanno CAPO MURATORE organizzare il cantiere, ripartire e coordinare i compiti all interno della squadra, attribuire le responsabilità, istruire gli operai e controllare la qualità dei lavori eseguiti. In altre parole, pianificano il lavoro dei loro collaboratori e l impiego economico dei mezzi di produzione tenendo conto delle disponibilità e delle condizioni quadro specifiche nelle quali sono chiamati ad operare. Sanno affrontare e risolvere eventuali problemi che si presentano sul cantiere, tenendo un occhio attento sull applicazione delle misure di sicurezza sul lavoro e di salvaguardia dell ambiente. La parte ufficiale dell evento è stata introdotta dal Direttore del CFP Paolo Ortelli e alla stessa sono intervenuti Silvia Gada (Capoufficio della formazione professionale), Vittorino Anastasia (Direttore SSIC Sezione Ticino) e Udo Oppliger (Presidente commissione d esami per il circondario III). Marco Fässler Resp. formazione di base CFP SSIC TI, Gordola NEO-DIPLOMATI SSSTE Il Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport ha organizzato, lo scorso 13 marzo presso l Auditorium della Banca dello Stato a Bellinzona, la cerimonia di consegna dei diplomi di Tecnici SSS negli indirizzi chimicofarmaceutico, costruzioni meccaniche, edilizia, elettrotecnica ed impiantistica. Alla cerimonia sono intervenuti il direttore aggiunto della Divisione della formazione professionale Gian Marco Petrini, il direttore del Centro professionale di Bellinzona Manolo Zanella, il direttore del Centro professionale di Trevano Roberto Valaperta, i rappresentanti delle Associazioni di categoria (ATST, Quadri dell edilizia svizzera, SSIC TI, Farma Industria Ticino, AMETI) e delle ditte ABB ed Edilcentro Wullschleger che hanno provveduto alla consegna dei premi di merito. La figura professionale dell assistente tecnico riveste grande importanza anche nell ambito della gestione dei cantieri della costruzione e dunque, come buona consuetudine, la SSIC TI ha voluto premiare, per mano del direttore Consegnati i diplomi del Elenco neodiplomati capi muratori circondario III di lingua italiana Cognome Nome Domicilio ANGEI Andrea Gravedona (I) CACCHERO Corrado Osogna CADUFF Marcello San Bernardino CARANGELO Claudio Fehraldorf CARROCCIA Cosma Damiano Balzers CHIAPPINI Francesco Casnate con Bernate (I) FRANCHINA Salvatore Viggiù (I) IOZZO Domenico Balzers JANNER Stefano Bosco Gurin LANDI Giovanni Osogna RUKA Eduart Grandola ed Uniti (I) SPADINI Davide Roveredo GR WYSS Jonas Gordola Tecnici dell edilizia agli onori Elenco dei tecnici diplomati SSS dell edilizia nel Cognome Nome Domicilio BERTA Aram Losone CAMCI Riza San Fedele Intelvi (I) CAPPELLETTI Marzio Gerra Verzasca FERRARIO Matteo S. Bartolomeo Val Cavargna (I) HAUSER Daniel Losone KAPPELER Sinue Curio LJAMA Elham Roveredo GR MARZOLI Giada Cresciano MASTROBERARDINO Patrizio Viggiù (I) POZZI Cristiano Valsolda (I) RONDINI Giordan Biasca ROSA Giorgio Lostallo SPOSITO Marco Maggia TOGNINI Karin Malvaglia VALSECCHI Giada Melide Vittorino Anastasia, i migliori risultati agli esami di diploma. Il primo premio, con la nota del 5.5, è stato assegnato a Marzio Cappelletti di Gerra Verzasca seguito da Aram Berta di Losone e da Giorgio Rosa di Lostallo, classificatisi entrambi al secondo rango con il 5.3. Marzio Cappelletti si è pure aggiudicato il premio dell ATST per la miglior media generale, mentre Giorgio Rosa il riconoscimento dei Quadri svizzeri dell edilizia per il miglior lavoro pratico. Il Dir. Anastasia ha consegnato i premi della SSIC TI a Giorgio Rosa (a sinistra) e a Marzio Cappelletti. 11 marzo-aprile

14 Sono rimasta impressionata dallo stupendo paesaggio scarsissimamente popolato a nord del circolo polare, nella Lapponia finlandese, dove tutto é rimasto primordiale e arcaico, immerso in una natura spettacolare in grado di trasmettere una serenità e una calma interiore davvero speciali. È questo il primo pensiero che mi torna in mente dopo il viaggio organizzato, dal 9 al 12 marzo, dalla HG COMMERCIALE in collaborazione con la ditta SYTEC Bausysteme AG di Niederwangen (BE). Un viaggio particolare caratterizzato dai voli Lugano-Zurigo, Zurigo- Helsinki e Helsinki-Rovaniemi per poi raggiungere l albergo Villa Honka Säikkärä che si trova sul lago Raanujärvi, a circa 70 km a nord di Rovaniemi. All evento hanno partecipato una decina di nostri importanti clienti, con i quali si è subito instaurato un clima cordiale e amichevole oltre ad un bel legame nato durante le avventurose uscite svoltesi in una natura tanto selvaggia quanto incantevole. Essere alla guida di slitte trainate da stupendi cani, vedere la pesca nei laghi ghiacciati, sfrecciare con motoslitte nella neve profonda o semplicemente girovagare attraverso paesaggi incontaminati è stato davvero bello. Particolarmente interessanti sono state anche le uscite per vedere un po come vivono in Lapponia. Il secondo giorno, abbiamo ad esempio fatto visita ad una famiglia di allevatori di renne, con la quale abbiamo gustato un tradizionale pranzo in tenda lappone. Durante il terzo giorno abbiamo invece partecipato ad una spedizione con le motoslitte sui laghi ghiacciati, attraverso boschi innevati e cime con fantastiche vedute sugli sconfinati spazi della Lapponia. Mi è piaciuta molto la visita ai pescatori sui laghi ghiacciati e il pranzo in loro compagnia al fuoco aperto. Il breve ma intenso soggiorno è poi stato allietato da un pernottamento di qualità che, con il suo ambiente accogliente e caldo, ha saputo coccolarci durante la piacevole permanenza. Insomma, è stata davvero una bella esperienza e dunque vorremmo riproporla anche il prossimo anno. Chi fosse interessato a partecipare, può contattare la sottoscritta per maggiori informazioni e/o per preannunciarsi. HG COMMERCIALE Viaggio in Lapponia per clienti HGC e SYTEC AG Alcune immagini del viaggio in Lapponia organizzato dalla HG COMMERCIALE e dalla SYTEC Bausysteme AG. Foto: HG COMMERCIALE. Karin Marti Direttrice HG COMMERCIALE Ticino 12 marzo-aprile

15 Testo e foto: Rut Verdegaal Corso Segnaletica di cantiere corretta : cantieri senza incidenti, affinché possiate dormire sonni tranquilli. Dopo avere offerto con successo questo corso pratico per la prima volta nel 2013, il 20 maggio lo proporremo nuovamente presso la scuola edile del Centro Formazione Professionale (CFP) di Gordola. Il corso è rivolto in particolare ai responsabili dei cantieri: muratori, capi squadra, capi muratore e tecnici diplomati. Si presuppone che i partecipanti abbiano già una certa esperienza pratica con la segnaletica di cantiere. Il corso non è indicato alle persone che devono allestire e rilasciare perizie sulla segnaletica di cantiere per conto delle autorità! Come l anno scorso, anche quest anno il corso sarà suddiviso in due parti. In aula, il mattino dalle 9.00 alle 12.00, verranno trattate la norma VSS/SN e le 28 regole per una corretta segnaletica di cantiere. Con l ausilio di esempi di situazioni e di esercizi si concretizzeranno le nozioni acquisite. Dopo la pausa pranzo, a partire dalle 13.00, i partecipanti verranno suddivisi in gruppi di lavoro per realizzare all esterno della scuola diverse situazioni presenti sui cantieri con il materiale messo a disposizione; al termine seguirà una discussione in comune. Al più tardi per le i partecipanti potranno tornare a casa e, già dal giorno seguente, dovrebbero essere in grado di trasporre con successo sui loro cantieri le conoscenze acquisite. Il corso si basa anche molto sullo scambio delle esperienze personali fra i partecipanti. A questo riguardo le seguenti domande saranno di particolare interesse: - Come applico la norma sul mio cantiere? - Quali modifiche sono valide dall ? - Quali disposizioni si applicano per le tavole di sbarramento e i tabelloni? - Che margine di interpretazione hanno gli enti di certificazione per il collaudo della segnaletica? - Qual è la responsabilità legale del personale del cantiere in caso di incidente? In sede di collaudo della situazione simulata da parte del gruppo di lavoro nascono discussioni interessanti e proficue. La norma non è sempre applicabile tale e quale alle reali situazioni di cantiere. Si richiede la creatività dei praticanti. Importante: eventuali scostamenti della segnaletica dalla norma devono essere fatti in ogni caso collaudare e omologare dalle autorità competenti e/o dalla polizia. Per costi e iscrizione consultare il sito Corso Segnaletica di cantiere corretta del aprile 2013 a Gordola.

16 GAB 6850 MENDRISIO-STAZIONE

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Rigips Trophy 2016. Concorso-costruzioni a secco unico per artigiani e architetti

Rigips Trophy 2016. Concorso-costruzioni a secco unico per artigiani e architetti Rigips Trophy 2016 Concorso-costruzioni a secco unico per artigiani e architetti I costruttori dell opera vincitrice 2016 riceveranno : il Gold-Trophy, tanta pubblicità sui media specializzati e l invito

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Consigliere di Stato On. Michele Barra, Arbedo 11 giugno 2013.

Consigliere di Stato On. Michele Barra, Arbedo 11 giugno 2013. In tal senso il costituirsi oggi di un associazione che, in pratica, evidenzia e difende la qualità del lavoro sui cantieri in tutti i suoi aspetti, mi è di aiuto. Consigliere di Stato On. Michele Barra,

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Rapporto alla Cittadinanza Bellinzona, dicembre 2003

Rapporto alla Cittadinanza Bellinzona, dicembre 2003 Il Consiglio di Stato della Repubblica e Cantone del Ticino Rapporto alla Cittadinanza Bellinzona, dicembre 2003 Aggregazione dei Comuni di Brione Verzasca, Corippo, Frasco, Gerra Verzasca (frazione di

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli