Impianti idrosanitari: Generalità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impianti idrosanitari: Generalità"

Transcript

1 Impianti idrosanitari: Generalità C A R AT T E R I S T I C H E D E L L A C Q U A L'acqua normalmente distribuita dagli impianti idrici può essere potabile o non potabile. Acqua potabile È l'acqua destinata al consumo umano. Le sue caratteristiche (chimiche, fisiche e batteriologiche) devono essere conformi a quanto stabilito da apposite leggi o regolamenti. In Italia è attualmente in vigore un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri emanato l' e pubblicato sulla G.U. 108 del Acqua non potabile È l'acqua che, pur non rispondendo alle caratteristiche dell'acqua potabile, non contiene sostanze o microrganismi pericolosi per le persone che ne vengono a contatto. SOSTANZE SOSPESE E DISCIOLTE NELL'ACQUA L'acqua disponibile in natura non è allo stato puro, contiene bensì (in sospensione o disciolte) sostanze he possono causare gravi danni sia agli impianti di distribuzione, sia agli apparecchi che utilizzano l'acqua stessa. Nelle nostre acque possono essere presenti: Sali incrostanti Sono sali (soprattutto di calcio e magnesio) che si trovano normalmente sciolti nell'acqua. Si depositano solo quando l'acqua viene riscaldata, e depositandosi formano incrostazioni molto dure e tenaci, tali da: compromettere il funzionamento di componenti essenziali dell'impianto, quali ad esempio: le valvole, i miscelatori, le pompe e i rubinetti di erogazione agli apparecchi: formare, nelle tubazioni, strozzature che possono impedire il regolare flusso dell'acqua; ridurre notevolmente l'efficienza termica degli scambiatori di calore; causare il surriscaldamento, fino a rottura, degli scambiatori di calore interni alle caldaie. La grandezza che indica la quantità di sali incrostanti presenti nell'acqua è la durezza, il cui valore si esprime in mole al metro cubo o in gradi (francesi, tedeschi, inglesi o americani) di durezza. Generalmente in Italia si usano i gradi francesi ( f), in base al cui valore l'acqua può essere così classificata: Sabbia e corpuscoli solidi Queste impurità si trovano normalmente in sospensione nell'acqua e possono: compromettere il funzionamento di componenti essenziali dell'impianto, quali ad esempio: i disconnettori, i riduttori di pressione e i rubinetti di erogazione agli apparecchi; recare danno alle apparecchiature che utilizzano l'acqua (es. lavatrici e lavastoviglie); innescare fenomeni di corrosione localizzata. Ferro Se presente in quantità troppo elevate può compromettere la potabilità Cloro È utilizzato per disinfettare l'acqua distribuita negli acquedotti. La sua presenza(specie se elevata) può tuttavia: alterare il sapore dell'acqua; creare problemi a chi soffre di malattie intestinali; essere dannosa in processi tecnologici quali la tintura o la produzione di bevande.

2 A P PA R E C CH I S A N I TA R I Devono avere caratteristiche conformi a quanto stabilito dalle norme vigenti. In ogni caso devono essere: resistenti alle sollecitazioni (meccaniche e termiche) previste, idrorepellenti, facili da pulire. Inoltre non devono: assorbire sostanze coloranti (per evitare che si macchino) trattenere odori. Principali materiali con cui sono costruiti gli apparecchi sanitari Porcellana vetrificata (vitreous china): Si ottiene con una miscela di caolino, quarzo e feldspato. Si utilizza soprattutto per costruire sanitari di dimensioni ridotte e di elevata qualità. Gres porcellanato (fireclay):si ottiene con un impasto di argille, composti di feldspato e silice. Solitamente tale impasto è poi rivestito con uno strato di porcellana bianca o di smalto. Ghisa smaltata o porcellanata Acciaio inossidabile Metacrilato: È un materiale plastico molto resistente agli urti e con superfici lucide. È inoltre un buon isolante e pertanto evita il rapido raffreddamento dell'acqua calda. MATERIALI PER TUBAZIONI TUBI IN ACCIAIO ZINCATO Configurazione tipo: tubo nudo, tubo rivestito con juta e catrame o con resine,tubo preisolato con poliuretano e rivestito in PEad. TUBI IN ACCIAIO INOSSIDABILE TUBI IN RAME Configurazione tipo: tubo nudo, tubo rivestito con guaina stellare in PVC, tubo preisolato con guaina in polietilene espanso, tubo preisolato con poliuretano e rivestito in PEad. TUBI IN PVC (polivinilcloruro) Campo di utilizzo: acqua fredda.

3 TUBI IN PEad (polietilene ad alta densità) Campo di utilizzo: acqua fredda. TUBI IN PEX (polietilene reticolato) Configurazione tipo: tubo nudo, tubo preisolato con PE espanso e rivestito con guaina. TUBI IN PPR (polipropilene random copolimerizzato) TUBI IN PB (polibutene) tubo preisolato con guaina in polietilene espanso. TUBI MULTISTRATO Sono tubi ottenuti con due o più strati di materiali metallici e plastici. Si possono suddividere nei seguenti gruppi (per primo è riportato lo strato interno): o PEX-AL-PE = Polietilene reticolato/alluminio/polietilene o PEX-AL-PEX = Polietilene reticolato/alluminio/polietilene reticolato o PPR-AL-PPR = Polipropilene R.C./Alluminio/Polipropilene R.C. o PB-AL-PB = Polibutene/Alluminio/Polibutene o CU-PEX = Rame/Polietilene reticolato

4 DISPOSITIVI CONTATORI D ACQUA Servono a determinare la quantità d'acqua che passa attraverso una tubazione. RIDUTTORI DI PRESSIONE Sono dispositivi che servono a ridurre la pressione disponibile ad un valore predefinito e costante. DISCONNETTORI Sono dispositivi antinquinamento che servono a garantire il non ritorno dell'acqua. Si usano per proteggere le reti di acqua potabile da possibili contaminazioni di natura chimica o batteriologica. VALVOLE DI RITEGNO Sono valvole che servono a consentire il passaggio del fluido in un solo senso. REGOLATORI DI PORTATA Servono a mantenere costante, indipendentemente dalla pressione che sussiste a monte, la quantità di fluido che passa attraverso le derivazioni su cui sono posti. PRESSOSTATI Servono a controllare e a regolare la pressione dell'acqua entro valori prefissati.

5 VALVOLE DI SICUREZZA Servono a scaricare nell'atmosfera il fluido quando la sua pressione supera un valore predefinito. VASI DI ESPANSIONE Servono a limitare gli incrementi di pressione dovuti alla dilatazione dell'acqua. Sono costituiti da un contenitore suddiviso,da una membrana atossica, in due parti: una riservata all'acqua dell'impianto, l'altra ad un gas (in genere azoto)il cui compito è quello di assorbire le variazioni di volume dell'acqua. MISCELATORI Consentono di regolare (al valore richiesto) la temperatura di distribuzione dell acqua calda. La regolazione è ottenuta miscelando fra loro acqua fredda e acqua calda alla temperatura di produzione o di accumulo. I miscelatori possono essere del tipo con regolare termostatico, oppure con valvola motorizzata. Miscelatori termostatici Sono dotati di un elemento termostatico che, con le sue dilatazioni e contrazioni, regola i flussi dell'acqua fredda e calda in modo da mantenere l'acqua miscelata alla temperatura di taratura impostata. Miscelatori a valvola motorizzata Sono costituiti da un sensore di temperatura, da un quadro di comando e da una valvola motorizzata. Quest'ultima, in base ai rilievi del sensore di temperatura, regola i flussi dell'acqua fredda e calda in modo da mantenere l'acqua miscelata alla temperatura impostata sul quadro di comando.

6

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO RACCOMANDAZIONI E consigliabile applicare schemi semplici e di provata efficacia e dotare il sistema di elementi utili a verificare il buon

Dettagli

IMPIANTI IDRICI NEGLI EDIFICI

IMPIANTI IDRICI NEGLI EDIFICI IMPIANTI IDRICI NEGLI EDIFICI Dimensionamento delle reti e progettazione Acqua di consumo, reti antincendio, piscine e sistemi di irrigazione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Indice Prefazione Installazione

Dettagli

Premessa Prefazione alla seconda edizione. Capitolo 1 Approvvigionamento...1

Premessa Prefazione alla seconda edizione. Capitolo 1 Approvvigionamento...1 Premessa Prefazione alla seconda edizione XI XIII Capitolo 1 Approvvigionamento...1 1.1 Acquedotto...3 1.2 Requisiti di qualit...7 1.3 Controllo dei requisiti...7 1.4 Requisiti relativi al ph...8 1.5 Requisiti

Dettagli

V PLUS. bollitore verticale in acciaio vetrificato LE NUOVE ENERGIE PER IL CLIMA

V PLUS. bollitore verticale in acciaio vetrificato LE NUOVE ENERGIE PER IL CLIMA BOLLITORI 3.12 1.2009 V PLUS bollitore verticale in acciaio vetrificato Bollitori ad accumulo verticali in acciaio, protetti da doppia vetrificazione, dotati di serpentina di scambio ad elevata superficie

Dettagli

SEZIONE 8 Bollitori a doppio serpentino TANK BV 200-300-430-550-750-1000

SEZIONE 8 Bollitori a doppio serpentino TANK BV 200-300-430-550-750-1000 SEZIONE 8 Bollitori a doppio serpentino TANK BV 200-300-30-550-750-1000 8.1 Guida al capitolato bollitore ad accumulo verticale in acciaio vetrificato (doppia vetrificazione) accumulo con scambiatore di

Dettagli

Gli impianti idrico sanitari. prof. arch. Sciurpi Fabio prof. arch. Simone Secchi Dipartimento Ingegneria Industriale Università di Firenze

Gli impianti idrico sanitari. prof. arch. Sciurpi Fabio prof. arch. Simone Secchi Dipartimento Ingegneria Industriale Università di Firenze Gli impianti idrico sanitari prof. arch. Sciurpi Fabio prof. arch. Simone Secchi Dipartimento Ingegneria Industriale Università di Firenze Componenti dell impianto idrico sanitario L'impianto idrico sanitario

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Biella Provincia di Biella PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DELLE PRESTAZIONI OGGETTO: Messa in sicurezza ristrutturazione manutenzione straordinaria della Scuola

Dettagli

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA ISO 9001:2008 COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA D.G.R. 1136/2012 - PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO E DI RIQUALIFICAZIONE DELL'AREA EX CENTRALE

Dettagli

INDICE. 1. Descrizione delle opere da eseguire pag. 2. 1.1 Impianto idrico sanitario pag. 2

INDICE. 1. Descrizione delle opere da eseguire pag. 2. 1.1 Impianto idrico sanitario pag. 2 INDICE 1. Descrizione delle opere da eseguire pag. 2 1.1 Impianto idrico sanitario pag. 2 1.2 Impianti di scarico dei servizi e degli accessori sanitari pag. 3 1.3 Impianto di scarico delle acqua meteoriche

Dettagli

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE

REGIONE PUGLIA Comune di Modugno (Ba) Riqualificazione urbana di aree degradate presso il Quartiere S. Cecilia INDICE INDICE 1. OGGETTO... 2 2. SCOPO... 3 3. IMPIANTO IDRICO... 4 4.1 TUBAZIONI IMPIANTO ADDUZIONE ACQUA... 4 4. MATERIALI E PEZZI SPECIALI... 6 5. LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 7 1 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE _ SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TERMO-MECCANICI INDICE 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...

Dettagli

Vaso di espansione chiusi per impianti sanitari Serie ACS-CE

Vaso di espansione chiusi per impianti sanitari Serie ACS-CE Vaso di espansione chiusi per impianti sanitari Serie ACS-CE Caratteristiche principali - Recipienti a pressione in acciaio con diaframma intercambiabile - Disponibili con capacità compresa tra 2 a 24

Dettagli

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Pulizia, manutenzione e collaudo delle reti idiriche Gli impianti idraulici prima di essere consegnati all utente devono essere ripuliti

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO ESECUTIVO DESCRIZIONE

Dettagli

IMPIANTI IDRICO-SANITARI

IMPIANTI IDRICO-SANITARI IMPIANTI IDRICO-SANITARI 1 Un impianto idrico-sanitario ha il compito di addurre e distribuire l acqua fredda e/o calda alle utenze e di allontanare la stessa una volta usata. E composto essenzialmente

Dettagli

Gli impianti per la climatizzazione

Gli impianti per la climatizzazione Università IUAV di Venezia Gli impianti per la climatizzazione 1 Tipologie secondo il fluido termovettore Componenti elementi costruttivi Produzione del calore/ frigorifera Dimensioni dei canali d aria

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Informazioni generali L'impianto idrico-sanitario comprende l'insieme delle reti, i componenti, le apparecchiature e gli accessori che permettono l'adduzione e la distribuzione dell'acqua fredda e calda,

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di TODI Provincia di PERUGIA PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DELLE PRESTAZIONI (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI

Dettagli

VIESMANN VITOCELL 100-L Bollitore per impianti di produzione acqua calda sanitaria in sistema ad accumulo

VIESMANN VITOCELL 100-L Bollitore per impianti di produzione acqua calda sanitaria in sistema ad accumulo VIESMANN VITOCELL 100-L Bollitore per impianti di produzione acqua calda sanitaria in sistema ad accumulo Foglio dati tecnici Articoli e prezzi: vedi listino prezzi VITOCELL 100-L Tipo CVL Bollitore verticale

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO L intervento in oggetto consiste nel completamento di un porzione del Polo Scolastico di Trescore Balneario (BG) attraverso la creazione del terzo piano al corpo di fabbrica

Dettagli

Sistema di tubazioni preisolate flessibili

Sistema di tubazioni preisolate flessibili Sistema di tubazioni preisolate flessibili A Division of Watts Water Technologies Inc. Fornitura in rotoli da max 100 metri Disponibile fascicolo tecnico con istruzioni di posa Primo in flessibilità Componenti

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRAULICO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE

MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE Rev. 07 del 03/02/2015 Pag. 1 di 5 Impianto di produzione e distribuzione Acqua alta Qualità FONTANELLO ACQUA CR-ISTAL MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE Rev. 07 del 03/02/2015 Pag. 2 di 5 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

Regolatore di acqua calda sanitaria C-2000

Regolatore di acqua calda sanitaria C-2000 Introduzione Cos è la legionellosi? È un infezione che non si distingue nettamente da altre infezioni batteriche causa di polmonite. Si manifesta dopo un periodo di incubazione fino a dieci giorni con

Dettagli

Il Tecnico Ing. Renato Borrini

Il Tecnico Ing. Renato Borrini COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO E DI RICAMBIO DELL ARIA E DELL IMPIANTO IDRICO- SANITARIO A SERVIZIO DELLA DISCOTECA SESTO SENSO SITA

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere IMPIANTI TERMICI Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere Secondo lutenza da servire gli impianti di riscaldamento si dividono in: IMPIANTI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE Il dimensionamento dei diametri delle tubazioni costituenti la rete è determinato tenendo conto del coefficiente di contemporaneità, dei diametri minimi delle

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Marzo 2012 Descrizione impianti - Quinzano Eureka Immobiliare

Dettagli

SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE. Per l impiego con caldaie, pannelli solari e pompe di calore. Guida all installazione, uso e manutenzione

SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE. Per l impiego con caldaie, pannelli solari e pompe di calore. Guida all installazione, uso e manutenzione SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE Per l impiego con caldaie, pannelli solari e pompe di calore Guida all installazione, uso e manutenzione SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE Guida all installazione, uso

Dettagli

SUPER SIRIO Vip. Libretto istruzioni. Installatore Utente Tecnico. Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale

SUPER SIRIO Vip. Libretto istruzioni. Installatore Utente Tecnico. Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale SUPER SIRIO Vip Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale Libretto istruzioni Installatore Utente Tecnico 1. Pompa di circolazione. Le caldaie serie Super Sirio Vip

Dettagli

Tubazioni preisolate TECNOTHERM. La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT

Tubazioni preisolate TECNOTHERM. La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT Tubazioni preisolate TECNOTHERM La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT Il Gruppo Amenduni Tubi Acciaio è l unica azienda del settore delle tubazioni preisolate da teleriscaldamento a produrre

Dettagli

VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35 kw

VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35 kw VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35 kw VITODENS 100-W Tipo WB1B Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35.0 kw Per gas metano e gas liquido VTP 100-W WB1B 06/008 VTD

Dettagli

menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE

menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE Principio di funzionamento Nelle piscine medio grandi, la normativa prevede una ricambio giornaliero dell acqua totale delle vasche, nella

Dettagli

Addolcitori Serie Pura S

Addolcitori Serie Pura S Addolcitori Serie Pura S ADDOLCITORI PURA S APPLICAZIONE La linea estremamente raffinata dei PURA S (monocorpo) rende possibile il loro inserimento in qualsiasi ambiente. La struttura robusta dei PURA

Dettagli

PLUS Comune di Monterotondo (RM) Intervento n 3: Nuova sostenibilità del verde

PLUS Comune di Monterotondo (RM) Intervento n 3: Nuova sostenibilità del verde 0 Indice 0 Indice... 2 1 Premessa... 3 2 Impianto termico... 3 3 Impianto idrico sanitario... 4 3.1 Descrizione impianto acqua potabile... 4 3.2 Dati di progetto impianto distribuzione acqua potabile...

Dettagli

PREZZO UNITARIO RIF. P.U. PREZZO TOTALE Q.TÀ POS. DESCRIZIONE 1. CENTRALE TERMICA ED IDRICA

PREZZO UNITARIO RIF. P.U. PREZZO TOTALE Q.TÀ POS. DESCRIZIONE 1. CENTRALE TERMICA ED IDRICA 1. CENTRALE TERMICA ED IDRICA 1.01 MO.17.02 Gruppo termico a condensazione: potenzialità al focolare 75 kw potenzialità utile (80-60 C) 74 kw potenzialità utile (50-30 C) 81,5 kw 1.02 MO.18 Sistema di

Dettagli

T-CONTROL T-CONTROL Pompa di calore Geotermica

T-CONTROL T-CONTROL Pompa di calore Geotermica Pompe di Calore Herz - Scheda Tecnica EnergyCenter SW WW Rev.713 T-CONTROL T-CONTROL Pompa di calore Geotermica Salamoia/Acqua SW 3~ (3x4 VAC) 1~ (1x23 VAC) Commotherm SW,7 kw 4,8 kw Commotherm 7 SW 7,3

Dettagli

IL NUOVO LIBRETTO IMPIANTO (Dpr. 74/2013)

IL NUOVO LIBRETTO IMPIANTO (Dpr. 74/2013) IL NUOVO LIBRETTO IMPIANTO (Dpr. 74/2013) GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PARTI RIGUARDANTI IL TRATTAMENTO ACQUA (2 e 14.4) CHE COS E IL NUOVO LIBRETTO IMPIANTO? Il 7 marzo 2014 la Gazzetta Ufficiale ha

Dettagli

Documentazione tecnica Sistemi di accumulo

Documentazione tecnica Sistemi di accumulo Risparmio energetico e tutela ambientale di serie Documentazione tecnica Sistemi di accumulo N M L K B/D F E K D F L E B 1 Risparmio energetico e tutela ambientale di serie Sistemi di accumulo ccumulatori

Dettagli

VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 26.0 kw

VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 26.0 kw VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 6.0 kw VITODENS 100-E Tipo AB1B Caldaia murale a gas a condensazione versione per installazione ad

Dettagli

La corretta progettazione di un impianto solare termico: gli errori da evitare

La corretta progettazione di un impianto solare termico: gli errori da evitare La corretta progettazione di un impianto solare termico: gli errori da evitare Dott. Ing. Norbert Klammsteiner Energytech INGEGNERI s.r.l. 39100 Bolzano www.energytech.it 08.02.2013 Quadro generale PARTE

Dettagli

Fondamenti di Impianti e Logistica

Fondamenti di Impianti e Logistica Fondamenti di Impianti e Logistica Prof. Ing. Riccardo Melloni Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Tubazioni: elementi 1 Programma del Corso Tubazioni Impianti idrici Impianti pneumatici Scambiatori

Dettagli

SUPRAPUR. Per caldaie con scambiatore primario in alluminio KBR 65-3, KBR 98-3 KBR 120-3, KBR 160-3, KBR 200-3, KBR 240-3, KBR 260-3

SUPRAPUR. Per caldaie con scambiatore primario in alluminio KBR 65-3, KBR 98-3 KBR 120-3, KBR 160-3, KBR 200-3, KBR 240-3, KBR 260-3 Registro sulla qualità dell'acqua Per caldaie con scambiatore primario in alluminio SUPRAPUR KBR 65-3, KBR 98-3 KBR 120-3, KBR 160-3, KBR 200-3, KBR 240-3, KBR 260-3 6 720 643 380 (2010/02) IT/CH Contenuti

Dettagli

COMPUTO METRICO. Grandistazioni Roma

COMPUTO METRICO. Grandistazioni Roma Grandistazioni Roma LAVORI - Aggiornamento 0-3 Agosto 200 Accessori e componenti Impianto idrosanitario IT.ID.B.20 Posa in opera di rubinetti di arresto di qualunque tipo delle voci elencate dal numero

Dettagli

EuroPex. Sede Commerciale e Stabilimento Via Vicenza, 45 31050 Vedelago (TV) Tel. 0423.400621 Fax 0423.401177

EuroPex. Sede Commerciale e Stabilimento Via Vicenza, 45 31050 Vedelago (TV) Tel. 0423.400621 Fax 0423.401177 EuroPex Ed. 01-15/12/2008 STUDIOVERDE Sede Commerciale e Stabilimento Via Vicenza, 45 31050 Vedelago (TV) Tel. 0423.400621 Fax 0423.401177 Sede Legale Via Barison, 12 35010 Onara (PD) info@zetaesse.it

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI GENERALITA Scopo della presente Relazione tecnica, è quello di descrivere le proposte tecniche necessarie per la realizzazione dell impianto di riscaldamento, idrico sanitario

Dettagli

Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM IDRASOLAR

Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM IDRASOLAR Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM PROTEZIONE E PULIZIA PER IMPIANTI TERMICI IDRASOLAR ANTIGELO PREMISCELATO PER IL RIEMPIMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti tecnici Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti idrici Requisiti - Coibentazione: riferimento ai requisiti di legge per le tubazioni di acqua calda; - Protezione dalla condensa; - Protezione

Dettagli

TUBI MULTISTRATO IN PE-X/AL/PE-X PER DISTRIBUZIONE SANITARIA, IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI RAFFRESCAMENTO

TUBI MULTISTRATO IN PE-X/AL/PE-X PER DISTRIBUZIONE SANITARIA, IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI RAFFRESCAMENTO TUBI MULTISTRATO IN PE-X/AL/PE-X PER DISTRIBUZIONE SANITARIA, IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI RAFFRESCAMENTO R999 R999I SOMMARIO R999 1. IMPIEGO 2. CARATTERISTICHE TECNICHE 2. DATI TECNICI 4. CARATTERISTICHE

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEI LAVORI DI RIFACIMENTO IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELLA PALAZZINA SPOGLIATOI BAR TENNIS MODULO DELL OFFERTA

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEI LAVORI DI RIFACIMENTO IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELLA PALAZZINA SPOGLIATOI BAR TENNIS MODULO DELL OFFERTA COMUNE DI BARZIO PROVINCIA DI LECCO VIA A. MANZONI,12-23816 BARZIO Tel. 0341996125 - Fax 0341999161 E-mail: ufficiotecnico@comune.barzio.lc.it amministrativoufficiotecnico@comune.barzio.lc.it ALLEGATO

Dettagli

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI...

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... Pagina 1 di 6 1. PREMESSA La presente relazione intende

Dettagli

Alunno...classe...data...

Alunno...classe...data... ERIICA DI EDUCAZIONE TECNICA UN MONDO NEL SOTTOSUOLO LA RETE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS IMPIANTI DOMESTICI MANUTENZIONE E SICUREZZA DELL IMPIANTO A GAS DOMESTICO Esercizio n. 1 - Rispondi alle seguenti domande:

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE

IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE Negli ospedali, come pure nelle comunità, nelle case di riposo e nei grandi alberghi, gli impianti di riscaldamento e produzione di acqua

Dettagli

17/10/2013. calda alimentati a biomassa SOLIDO

17/10/2013. calda alimentati a biomassa SOLIDO 1 1 1 Questa presentazione illustra i principali elementi contenuti nella legislazione e nelle norme tecniche di volta in volta richiamate Questa presentazione ma non sostituisce gli atti richiamati e

Dettagli

RELAZIONE TECNICA - Impianto idrico sanitario e fognante

RELAZIONE TECNICA - Impianto idrico sanitario e fognante Collaborazione con: Dott. Angelo Capuzzimati Architetto Dott. Francesca Delfino Architetto partecipazione alla procedura didi selezione di interventi relativi alla riqualificazione del patrimonio infrastrutturale

Dettagli

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Sommario PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Tipologie d impianto... 4 1 - Impianto riscaldamento a pannelli

Dettagli

DATI GENERALI DELL AZIENDA

DATI GENERALI DELL AZIENDA Dipartimento di Sanità Pubblica Area Dipartimentale Sanità Pubblica DOCUMENTO DI ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI PER ANZIANI Redatto sulla base

Dettagli

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 INDICE 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 2.2 - trattamento acqua di consumo e produzione acqua calda sanitaria pag.

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 31:1978 01/06/1978 Lavabi. Quote di raccordo. UNI EN 31 FA 244-88:1988 01/09/1988 Foglio di aggiornamento n. 1 alla UNI EN 31 (giu. 1978). Lavabi. Quote di raccordo. UNI EN 32:1978 01/06/1978 Lavabi

Dettagli

AVVERTENZE E SICUREZZE

AVVERTENZE E SICUREZZE AVVERTENZE E SICUREZZE SIMBOLI UTILIZZATI NEL SEGUENTE MANUALE ATTENZIONE: indica azioni alle quali è necessario porre particolare cautela ed attenzione PERICOLO: VIETATO: indica azioni pericolose per

Dettagli

A N T I L E G I O N E L L A

A N T I L E G I O N E L L A ACCORGIMENTI IMPIANTISTICI A N T I L E G I O N E L L A Pagina 1 di 7 PREMESSA L impiantistica progettata e realizzata al servizio del Monoblocco Mellino Mellini in Chiari (BS) è stata condotta nel rispetto

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

BOLLITORI SOLARI A DOPPIO SERPENTINO SW 200-300-500-750-1000 LIBRETTO DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

BOLLITORI SOLARI A DOPPIO SERPENTINO SW 200-300-500-750-1000 LIBRETTO DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE BOLLITORI SOLARI A DOPPIO SERPENTINO SW 200-300-500-750-000 LIBRETTO DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE Leggere attentamente questo libretto che fornisce importanti indicazioni riguardanti la sicurezza,

Dettagli

CAPITOLO 12 CENTRALI TERMICHE

CAPITOLO 12 CENTRALI TERMICHE CAPITOLO 12 CENTRALI TERMICHE Cap. 12 1 CENTRALE TERMICA IMPIANTO DI PRODUZIONE DEL CALORE, CHE VIENE RESO DISPONIBILE AD UNA RETE DI DISTRIBUZIONE, CHE LO TRASFERISCE ALL UTENZA LA SCHEMATIZZAZIONE DI

Dettagli

PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI

PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI PRODOTTI CHIMICI CONDIZIONANTI 50 IL TRATTAMENTO CHIMICO Il trattamento chimico dell acqua è spesso un indispensabile sistema per molteplici applicazioni a cui essa è destinata. Il trattamento chimico

Dettagli

MACERATORI E POMPE DI SCARICO ACQUE NERE

MACERATORI E POMPE DI SCARICO ACQUE NERE MACERATORI E POMPE DI SCARICO ACQUE NERE Pompa maceratrice per lo scarico dei servizi igienici.incorpora una lama rotante che sminuzza i rifiuti prima che vengano pompati dentro o fuori dal serbatoio di

Dettagli

INFORMAZIONE DI PRODOTTO

INFORMAZIONE DI PRODOTTO Ci curiamo del Vostro futuro INFORMAZIONE DI PRODOTTO Bollitore combinato pipe in tank Centrale di calore HTC Manuale tecnico Solarbayer Italia srl 1 Indice Breve descrizione 2 Caratteristiche tecniche

Dettagli

Tower GREEN Tower GREEN 28 B.S.I. 130 Tower GREEN Tower GREEN Tower GREEN TOP 28 B.S.I. 130

Tower GREEN Tower GREEN 28 B.S.I. 130 Tower GREEN Tower GREEN Tower GREEN TOP 28 B.S.I. 130 Tower Green Tower GREEN è una caldaia a basamento a condensazione equipaggiata di serie con bollitore da 137 litri e separatore idraulico. Nella versione Tower GREEN 28 B.S.I. 130 può gestire una zona

Dettagli

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI CENTRALE TERMICA/ FRIGORIFERA COLLEGAMENTI TUBI/CANALI ELEMENTI TERMINALI La Centrale Termicasolitamente trova spazio in luoghi chiusi di edifici civili ed industriali. La progettazione deve scrupolosamente

Dettagli

daltech dalsun KIT SOLARI TERMICI SOLUZIONI COMPLETE PER LA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA SFRUTTANDO L ENEGRIA TERMICA DEL SOLE

daltech dalsun KIT SOLARI TERMICI SOLUZIONI COMPLETE PER LA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA SFRUTTANDO L ENEGRIA TERMICA DEL SOLE KIT SOLARI TERMICI SOLUZIONI COMPLETE PER LA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA SFRUTTANDO L ENEGRIA TERMICA DEL SOLE daltech dalsun Nicoll, per venire incontro alle esigenze del cliente, ha creato dei

Dettagli

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81 Miglioramenti Energetici Solare Termico Scolastico 2014-2015 81 Sostituzione Generatore di Calore Sostituzione adeguamento sistema di Distribuzione Sostituzione del sistema di emissione Installazione Solare

Dettagli

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione SISTEMA SOLARE BSTD Manuale di montaggio e messa in funzione 1 INDICE AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 3 ELENCO DEI COMPONENTI 4 INFORMAZIONI GENERALI 4 ACCUMULO BSTD 4 Descrizione generale 4 Dati tecnici 5

Dettagli

Uno stimolo al lavoro

Uno stimolo al lavoro Un investimento edilizio si basa principalmente su considerazioni di ordine economico, tra cui i costi d esercizio e di manutenzione delle varie infrastrutture. Vanno considerati senz altro i consumi energetici,

Dettagli

CALEFFI. Gruppo di circolazione anticondensa. serie 282 01225/11. Completamento codice Taratura 45 C 55 C 60 C 70 C. Funzione

CALEFFI. Gruppo di circolazione anticondensa. serie 282 01225/11. Completamento codice Taratura 45 C 55 C 60 C 70 C. Funzione Gruppo di circolazione anticondensa serie 282 ACCREDITED CALEFFI 01225/11 ISO 9001 FM 21654 ISO 9001 No. 0003 Funzione Il gruppo di circolazione anticondensa svolge la funzione di collegare il generatore

Dettagli

AQUATECHNIK A PROGETTO COMFORT SOLUZIONI PER L IDRAULICA E L IMPIANTISTICA

AQUATECHNIK A PROGETTO COMFORT SOLUZIONI PER L IDRAULICA E L IMPIANTISTICA AQUATECHNIK A PROGETTO COMFORT SOLUZIONI PER L IDRAULICA E L IMPIANTISTICA Aquatechnik produce e distribuisce sistemi per impianti idrico-sanitari, di riscaldamento, condizionamento e aria compressa utilizzabili

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz L'acqua nei circuiti termici Dott. Michele Canauz L'acqua Viene utilizzata per la sua capacità di trasportare energia E' un ottimo solvente per sali inorganici(bicarbonati, idrossidi, fosfati, silicati

Dettagli

chromagen ITALIA ITALIA Sistemi a circolazione naturale Soluzioni Solari per il risparmio energetico Alta efficienza Risparmio energetico

chromagen ITALIA ITALIA Sistemi a circolazione naturale Soluzioni Solari per il risparmio energetico Alta efficienza Risparmio energetico Sistemi a circolazione naturale Soluzioni Solari per il risparmio energetico Alta efficienza Risparmio energetico Unico sistema al mondo a profilo ribassato s o l a r e n e r g y s y s t e m s 1. Descrizione

Dettagli

Filtri e Filtri-Riduttori GAMMA DEI PRODOTTI. L acqua è vita: noi la manteniamo pulita in modo semplice.

Filtri e Filtri-Riduttori GAMMA DEI PRODOTTI. L acqua è vita: noi la manteniamo pulita in modo semplice. Filtri e Filtri-Riduttori GAMMA DEI PRODOTTI L acqua è vita: noi la manteniamo pulita in modo semplice. L acqua è vita L acqua è un elemento indispensabile alla vita ed è, quindi, doveroso prestare la

Dettagli

IMPIANTI SOLARI. Manuale installazione impianti solari a Circolazione forzata

IMPIANTI SOLARI. Manuale installazione impianti solari a Circolazione forzata IMPIANTI SOLARI Manuale installazione impianti solari a Circolazione forzata 1 IMPIANTI SOLARI 1. Schema Generale combinazioni impiantistiche per Sistemi Solari Tecnosolar Pannelli Solari Energia Solare

Dettagli

DESCRIZIONE U.M. Q.TÀ

DESCRIZIONE U.M. Q.TÀ 1 IMPIANTO TERMICO PRODUZIONE ACQUA CALDA 1.01 MM.19.01 Pompa di calore a gas potenza frigorifera 71 kw potenza termica 84 kw nr. 1 23.901,00 23.901,00 1.02 MM.20.01 Modulo idronico per la produzione di

Dettagli

Giunto di riparazione

Giunto di riparazione Giunto di riparazione Corpo in ottone CW614N Attacchi intercambiabili per tubi rame, plastica e multistrato Doppio o-ring di tenuta in EPDM Possibile installazione sottotraccia Disponibile versione EUROKONUS

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI Relazione Tecnica Specialistica 11594-11595. R im

IMPIANTI MECCANICI Relazione Tecnica Specialistica 11594-11595. R im IMPIANTI MECCANICI Relazione Tecnica Specialistica 11594-11595 R im Luglio 2012 I N D I C E I N D I C E...1! 1 - Criteri generali di distribuzione...2! 1.1 - Generalità...2! 1.2 - Impianti termici...2!

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD

DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD 1 Indice 1. Descrizione del prodotto 3 1.1 Funzionamento con aria neutra 3 1.2 Funzionamento in integrazione 4 2. Descrizione componenti principali 5 2.1 Predisposizione e ingombri

Dettagli

RETE DI DISTRIBUZIONE

RETE DI DISTRIBUZIONE Impianti centralizzati di riscaldamento ad acqua calda La quasi totalità degli impianti di riscaldamento impiega, come fluido di trasporto del calore dalla generazione all'utenza, acqua calda in circolazione

Dettagli

LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE

LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE INCONTRO 4 CHIACCHERE SUL LAGO UFFICIO IGIENE BARDOLINO (VR) MERCOLEDI 04/03/2015 LEGIONELLA: PROFILASSI E MISURE DI PREVENZIONE FATTORI DI RISCHIO Il rischio di acquisizione della Legionellosi dipende

Dettagli

ACCUMULATORE PER ACQUA CALDA SANITARIA BE-SSP-2R

ACCUMULATORE PER ACQUA CALDA SANITARIA BE-SSP-2R DESCRIZIONE DEL PRODOTTO BE-SSP-2R Accumulatore solare per acqua calda sanitaria con due serpentine L'accumulatore solare per acqua calda sanitaria della serie BE-SSP è un serbatoio per la produzione di

Dettagli

Tecniche di risanamento e sistemi di trattamento anti-legionella

Tecniche di risanamento e sistemi di trattamento anti-legionella CONVEGNO Mercoledì 9 marzo 2011 TRATTAMENTI ANTILEGIONELLA I recenti sviluppi normativi, le soluzioni, le tecnologie e la manutenzione degli impianti idrico sanitari Tecniche di risanamento e sistemi di

Dettagli

BOLLITORI PENSILI CON SCAMBIATORE SPIROIDALE FISSO (Art. DE) ISTRUZIONI TECNICHE 1

BOLLITORI PENSILI CON SCAMBIATORE SPIROIDALE FISSO (Art. DE) ISTRUZIONI TECNICHE 1 BOLLITORI PENSILI CON SCAMBIATORE SPIROIDALE FISSO (Art. DE) Tutti i dati e le dimensioni riportati nel presente libretto non sono da considerarsi vincolanti, O.M.B. Srl si riserva la facoltà di apportare

Dettagli

VANTAGGI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE

VANTAGGI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE SOLARE TERMICO Accumulo con produzione istantanea di acqua calda sanitaria Riello 7200 KombiSolar 3S è un accumulo integrato per la produzione di acqua calda sanitaria istantanea e l integrazione riscaldamento

Dettagli

I pannelli solari Lsk-P e Lsk-T sono certificati CE e UNI EN 12975. 000415900041590 LSKC 300 T 2 Installazione per tetto a falda inclinato

I pannelli solari Lsk-P e Lsk-T sono certificati CE e UNI EN 12975. 000415900041590 LSKC 300 T 2 Installazione per tetto a falda inclinato Lskc T Lskc P Semplice soluzione d'impianto per la produzione di acqua calda sanitaria a circolazione naturale. Pannelli solari verticali Piastra captante in alluminio selettivo e tubi in rame: assorbimento

Dettagli

ELENCO NORME PER SELEZIONE al: 30/06/02

ELENCO NORME PER SELEZIONE al: 30/06/02 UNI 10674:22 01/03/02 46,50 23,25 01 Acque destinate al consumo umano - Guida generale per determinazioni microbiologiche UNI 10779:22 01/05/02 51,50 25,75 Impianti di estinzione incendi - Reti di idranti

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli