Sicurezza sul lavoro in edilizia a Bologna e provincia: dati e riflessioni sul 2010 Convegno CPTO-IIPLE Bologna e provincia, 23/04/2011

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza sul lavoro in edilizia a Bologna e provincia: dati e riflessioni sul 2010 Convegno CPTO-IIPLE Bologna e provincia, 23/04/2011"

Transcript

1 La sicurezza del cantiere in Europa: Analisi e Riflessioni Analisi comparativa dei dati statistici degli infortuni nel settore delle costruzioni di Italia, Germania e Regno Unito (a cura del prof. Marco Bragadin Università di Bologna) L Italia continua a vantare una frequenza degli infortuni nel settore delle costruzioni, in rapporto ai lavoratori impegnati, inferiore alla media europea. Infatti i dati Eurostat confermano che nel 2007 si sono registrati in Italia 4249 infortuni ogni occupati nel settore delle costruzioni contro i 5237 della media UE. Questa confortante situazione è però contraddetta dai dati relativi agli infortuni mortali. Nel 2007 la media dell Unione Europea si attesta sui 1,5 morti ogni 1000 infortuni contro il dato italiano che è di 2,6 infortuni mortali ogni 1000 infortuni, dato che in Gran Bretagna scende a 1,5 e in Germania addirittura si attesta a 1,0. Si tratta quindi di un incidenza quasi doppia rispetto a quella media. Questo è invece un dato preoccupante, in quanto sono proprio gli infortuni più gravi gli indicatori più sinceri del reale livello di sicurezza del settore industriale delle costruzioni. Per indagare questo fenomeno è stata svolta una operazione di benchmarking con il settore delle costruzioni tedesco ed inglese. Il settore tedesco è analizzato in virtù delle similitudini con il contesto nazionale e della posizione di riferimento dell economia germanica nell ambito dell Unione Europea. Infatti, in realtà, numerose sono le somiglianze tra i due settori delle costruzioni di Italia e Germania, a partire dalla polverizzazione del tessuto imprenditoriale (e della contestuale polarizzazione delle dimensioni aziendali in piccole medie imprese ed imprese di grandi dimensioni), per proseguire nell impiego di tecniche costruttive similari e/o comparabili (con la corrispondente correlazione con i rischi specifici), per finire con il recepimento della normativa comunitaria nei rispettivi contesti legislativi nazionali con notevoli affinità. Invece l analisi comparativa con il settore delle costruzioni inglese è stata svolta per valutare come una diversa struttura organizzativa sia della normativa che degli stessi operatori della sicurezza si rifletta in buoni risultati statistici, vicini a quelli della Germania. Analisi delle statistiche degli infortuni. Confronti Italia, Germania e Inghilterra Il primo dato in grado di misurare l efficacia di un sistema in materia di sicurezza sul lavoro è quello relativo agli infortuni. In particolare sono stati presi in considerazione unicamente gli incidenti più gravi, quindi gli incidenti mortali, poiché questi vengono denunciati nella quasi totalità dei casi, cosa che non può non avvenire per gli infortuni di entità minore soprattutto in caso di lavoro irregolare. Secondo i dati Eurostat nel 2007 il numero assoluto di infortuni mortali, per il settore delle costruzioni, è stato di 219 unità in Italia, di 145 in Germania e di soli 72 casi in Inghilterra. Fortunatamente i dati estesi al decennio presentano un calo percentuale costante molto simile. Per quanto riguarda il caso inglese è importante sottolineare come nel Regno Unito non sia presente un sistema assicurativo specifico, per cui è presente un fenomeno di sottodichiarazione che arriva fino al 50% dei casi. Per poter svolgere un confronto diretto tra il quadro italiano, quello tedesco ed inglese relativo ai dati infortunistici nei cantieri, i valori assoluti sono stati relazionati al numero di ore lavorate annue, ottenendo in questo modo un fattore di incidenza indipendente dalla dimensione assoluta delle economie nazionali e dalle distorsioni date da momenti di particolare espansione o contrazione dell economia. 1

2 Nell anno 2007 secondo Eurostat in Germania il numero di ore lavorate nel solo settore delle costruzioni è stato pari a , in Italia è stato pari a e in Inghilterra pari a Rapportando tale volume di lavoro al numero di incidenti mortali verificatisi nello stesso anno, pari a 145 per la Germania, a 219 per l Italia e 72 per l Inghilterra, si ottiene un fattore di incidenza di 0,07 infortuni mortali per ogni milione di ore lavorate in Germania, a fronte di 0,11 infortuni italiani, quasi il doppio. Per l Inghilterra il fattore si attesterebbe su un valore di 0,03 (poco affidabile), che diventa 0,06 cioè paragonabile al tedesco, se si tiene conto dei livelli di sottodenuncia citati. Il secondo elemento su cui si è indagato è la conformazione delle imprese edili. Partendo sempre dai dati Eurostat, si è osservato come in Germania il settore delle costruzioni sia dominato dalle piccole imprese, come in Italia. Infatti il 78% del totale delle aziende edili tedesche è costituito da meno di 10 lavoratori, in comparazione con il 95,5% del dato italiano. Il numero medio di lavoratori per impresa edile è di 3 unità in Italia, di 7,4 in Germania e di 6 nel Regno Unito. Dunque anche i settori tedesco ed inglese sono caratterizzati da piccole imprese, mediamente di dimensioni maggiori di quelle italiane, ma sostanzialmente simili per quanto può riguardare gli aspetti organizzativi. Questo concetto trova un riscontro diretto a partire dallo stesso recepimento della direttiva cantieri 92/57/CEE nei vari paesi. Infatti la dimensione dei cantieri che comporta l invio della notifica preliminare, il primo strumento di verifica del cantiere a disposizione degli enti di controllo, è di almeno 30 giornate lavorative di durata con 20 lavoratori occupati o di almeno 500 uomini - giorno, esattamente come previsto dalla direttiva europea, in Germania, e similmente di 30 giorni di durata o 500 uomini giorno in Inghilterra. In Italia invece è noto come, dopo diverse modificazioni normative, attualmente il Testo Unico per la sicurezza renda obbligatoria l elaborazione e la trasmissione della notifica preliminare sempre in caso di più imprese esecutrici e a partire dai 200 uomini giorno nel caso di un'unica impresa. Questo dimostra la maggiore volontà del legislatore italiano di controllare anche le realtà più piccole, nelle quali operano più frequentemente le imprese con pochi dipendenti. 2

3 Le statistiche degli infortuni e delle malattie professionali nel settore delle costruzioni in Europa I dati infortunistici Per una maggiore comprensione del fenomeno infortunistico nel settore edile in Europa si presentano le seguenti tabelle che riportano i dati di Eurostat. Tabella 1. Numero degli infortuni con più di tre giorni di assenza dal lavoro nel settore delle costruzioni in Europa. GEO/TIME European Union (15 countries) Belgium Denmark Germany Ireland Greece : Spain France Italy Luxembourg Netherlands Austria Portugal Finland Sweden Great Britain Norway Switzerland : 3

4 Tabella 2. Numero di infortuni sul lavoro con più di tre giorni lavorativi d assenza nel settore delle costruzioni. Comparazione Italia Germania - Inghilterra Francia European TIME/GEO Italy Germany Great Britain France Union (15) Tabella 3. Numero degli infortuni mortali sul lavoro nel settore delle costruzioni in Europa GEO/TIME European Union (15) Belgium Bulgaria : : : : : : Czech Republic : : : : : : Denmark Germany Estonia : 6 : : : : : : : : Ireland Greece : Spain France Italy Cyprus : : : : : : Latvia : : : : : : Lithuania : : : : : : Luxembourg : 4 4 : : Hungary : : : : : : Netherlands Austria Poland : : : : : : : Portugal Romania : : : : : : : Slovenia : : : : : : : Slovakia : : : : : : Finland Sweden Great Britain (u) Norway Switzerland : : : : : : Legenda: (u) = dato non affidabile 4

5 Tabella 4. Numero degli infortuni mortali sul lavoro nel settore delle costruzioni in Europa. Comparazione Italia Germania Inghilterra - Francia Great Britain (u) European Union (15 countries) TIME/GEO Italy Germany France Legenda: (u) = dato non affidabile Nelle seguenti tabelle si considera l indice di frequenza degli infortuni che hanno comportato più di tre giorni lavorativi di assenza, ma non vengono tenuti in considerazione gli incidenti avvenuti sulla strada da e verso il luogo di lavoro. Tabella 5. Infortuni registrati nel settore delle costruzioni de paesi UE Indici di frequenza per occupati. GEO/TIME European Union (15) Belgium Denmark Germany Ireland Greece : Spain France Italy Luxembourg Netherlands Austria Portugal Finland Sweden Great Britain Norway Switzerland : : : : : : 5

6 Tabella 6. Infortuni registrati nel settore delle costruzioni. Comparazione tra Italia Germania - Inghilterra Francia. Indici di frequenza per occupati. European TIME/GEO Italy Germany Great Britain France Union (15 countries) Considerando le tabelle precedenti si nota come in una decina di anni il numero degli incidenti sul lavoro nel settore delle costruzioni sia diminuito. Organizzazione del settore e infortuni La tipologia e la dimensione delle imprese edili è un ulteriore aspetto da tenere in considerazione. Tabella 7. Numero di imprese settore costruzioni per classe di dimensione in Europa, anno 2007 Between Between 10 Between or Between or SIZE_EMP 1 and 9 and 19 and 49 more and 249 more GEO/TIME European Union (27 countries) : Belgium Bulgaria Czech Republic Denmark Germany Estonia Ireland : : Greece Spain France Italy Cyprus Latvia Lithuania Luxembourg : Hungary Netherlands Austria Poland

7 (continua tabella 7) Sicurezza sul lavoro in edilizia a Bologna e provincia: dati e riflessioni sul 2010 Between Between 10 Between or Between or SIZE_EMP 1 and 9 and 19 and 49 more and 249 more GEO/TIME Portugal Romania Slovenia Slovakia Finland Sweden United Kingdom Norway Tabella 8. Numero medio di dipendenti per impresa del settore costruzioni in Europa GEO/TIME Belgium 4,1 4,2 4,2 4,2 4,5 : Bulgaria Czech Republic Denmark 5,8 6,0 6,1 6,1 6,1 6,2 Germany : 7,4 7,5 7,2 7,6 7,8 Estonia Ireland 52,8 56,1 68,2 64,7 62,1 : Greece 2,8 2,8 2,8 2,7 2,9 2,9 Spain 6,3 6,5 6,6 6,5 6,6 6,6 France 4,0 4,0 3,9 4,1 4,1 4,4 Italy 3,2 3,1 3,1 3,1 3,1 2,9 Cyprus Latvia : Lithuania Luxembourg 16,6 16,4 16,3 16,4 16,3 : Hungary Netherlands 5,7 5,9 6,4 6,3 6,5 6,8 Austria 9,7 9,8 10,2 10,4 10,8 11,6 Poland Portugal 4,2 4,0 4,0 4,1 4,0 4,7 Romania Slovenia Slovakia Finland 3,6 3,7 : : 5,4 4,0 Sweden 4,1 3,9 3,9 3,9 4,0 4,2 United Kingdom 6,0 6,1 6,3 6,4 6,6 6,7 Norway 4,1 4,0 3,8 3,9 : 3,7 7

8 Tabella 9. Numero di ore lavorate nel settore delle costruzioni in Europa GEO/TIME Belgium : Bulgaria Czech Republic Germany Estonia Greece Spain : France Italy Cyprus Latvia : : Lithuania Luxembourg : : Hungary Netherlands Austria Portugal Romania Slovakia Finland : Sweden : United Kingdom Norway : Dai seguenti dati si può notare come si possa stabilire una correlazione tra frequenza di incidenti e dimensioni dell azienda. Tabella 10. Incidenti che hanno comportato più di tre giorni lavorativi di assenza nel settore delle costruzioni in Europa (European Union, 15 countries and Norway) in relazione al numero di dipendenti delle imprese. Between 1 Between 10 Between 50 Between or TIME/SIZECLAS and 9 and 49 and 249 and 499 more

9 Tabella 11. Infortuni mortali nel settore delle costruzioni in Europa (European Union, 15 countries and Norway) in relazione al numero di dipendenti. TIME/SIZECLAS Between 250 and 499 Between 1 and 9 Between 10 and 49 Between 50 and or more 9

10 Il recepimento della direttiva cantieri nel regno unito Quadro normativo Nel Regno Unito la disciplina della salute e sicurezza sul lavoro si basa sia sulla Statute Law che sulla Common Law. La Common Law indica il complesso di norme di formazione giurisprudenziale che storicamente costituiscono il cardine del diritto anglosassone, mentre la Statute Law indica il complesso di norme emesse dal legislatore in senso proprio. Le leggi emanate dal Parlamento sono la principale fonte legislativa. I principi della Common Law hanno stabilito nell evoluzione giurisprudenziale sino all inizio degli anni 1960, dei chiari limiti legali per il controllo dei rischi. La Health and Safety at Work Act del 1974 è stata la prima legge emanata dal Parlamento Britannico sulla salute e sicurezza sul lavoro. Si tratta di una legge quadro del tipo prestazionale, o meglio goal setting, per obiettivi, che ha esteso le responsabilità di base di salute e sicurezza non solo a datori di lavoro e ai lavoratori ma anche a tutti quelli che possono essere coinvolti dalle attività lavorative. In questo modo il legislatore stabilisce solo l obiettivo ultimo da raggiungere e non più come deve essere raggiunto e con quali modalità. In buona sostanza non è il legislatore che deve prevedere i rischi ma il datore di lavoro. Questa concezione prestazionale è giustificata dal fatto che le normative di tipo prescrittivo di dettaglio possono divenire inadeguate molto presto a causa della continua evoluzione tecnologica e dei differenti processi produttivi e dei luoghi di lavoro. Questa normativa fondamentale continua a dispiegare i suoi effetti anche sulle norme successive inglesi ed è stata sostanzialmente recepita anche a livello europeo, per gli aspetti di impostazione prestazionale, dalla direttiva quadro 89/391/CE, recepita in Italia prima con il D.lgs. 626/94 e ora con il testo unico D.lgs. 81/08 e s.m.i. Le Health and Safety Regulations sono norme specifiche che sono solitamente elaborate dal Segretario di Stato per l ambiente che delibera sulle proposte formulate dall Health and Safety Commission (HSC). Infine la maggior parte delle leggi relative alla salute e sicurezza sul lavoro per il settore delle costruzioni sono attuate dall Health and Safety Executive (HSE) e occasionalmente dall Enviromental Health Departement delle Autorità Locali. Il quadro legislativo è stato consolidato nel 1992 con il recepimento della direttiva 89/391/CE e in seguito con il recepimento della direttiva cantieri 92/57/CE con le leggi Construction (Design and Management) Regulations 1994 (CDM 94) e Construction Health and Safety and Welfare Regulations (CHSW 96) del Questo sistema ha portato nel UK un sostanziale miglioramento nell andamento infortunistico a lungo termine. All inizio degli anni 60 il numero di lavoratori morti nelle costruzioni ogni anno era circa 275. Nel 1970 era circa 200, nel 1980 circa 135 e nel 1990 circa 100. Nel 1997/98 i morti erano circa 74 e nel 2007 è di 72 (anche se il dato deve essere soggetto a verifica). Dal 6 aprile 2007 è entrato in vigore il Construction (Design and Management) Regulations 2007 (CDM 2007) che sostituisce sia il CDM 94 che il CHSW 96. Specifici consigli per rispettare gli obblighi della legge Construction (Design and Management) Regulations del 2007 sono disponibili nel Codice di Pratiche approvate (Approved Code of Practice - ACOP), pubblicato dalla HSC dal titolo Gestione delle costruzioni dal punto di vista della salute e sicurezza. 10

11 Il construction (design and management) regulations 2007 L obiettivo del CDM 2007 è quello di integrare la gestione della salute e della sicurezza in tutte le fasi del processo costruttivo ed incoraggiare tutti i soggetti coinvolti a lavorare insieme per migliorare la gestione e la pianificazione del progetto, identificare i rischi dalla fase iniziale ed eliminare la burocrazia superflua (ACOP 07). Importante è notare che il CDM 2007 introduce la figura del CDM Co-ordinator per i progetti soggetti a notifica, sostituendo l attività di vigilanza del precedente Planning Supervisor. Un progetto deve essere notificato se la durata dei lavori è superiore a 30 giorni o se l intervento è superiore a 500 uomini giorno. L intervento notificabile richiede la nomina da parte del Committente (Client) di un Coordinatore della Sicurezza CDM Co-ordinator e di un impresa affidataria Principal Contractor. In questo caso il Client ha l obbligo di fornire informazioni per la salute e la sicurezza in fase preventiva alla gara di appalto e di richiedere lo sviluppo di un Construction Phase Plan da parte del Principal Contractor affidatario. Il Client deve garantire che Designers e Contractors: siano competenti; lavorino sotto la supervisione di persone competenti; abbiano risorse adeguate; abbiano il tempo necessario, per produrre una corretta gestione della salute e della sicurezza. Il Client deve assicurarsi che tra le diverse figure coinvolte nel progetto ci sia buona comunicazione, cooperazione e coordinamento e che la progettazione e conduzione del cantiere sia conforme alle norme di sicurezza. Il Client deve fornire il Pre-Construction Information (Piano di Sicurezza Pre-gara di appalto) a tutti i Designers e Contractors. Il Principal Contractor deve pianificare, gestire e coordinare i lavori al fine di assicurare che i rischi siano identificati ed adeguatamente controllati. Deve dimostrare al Client di disporre di risorse sufficienti per realizzare l intervento in modo sicuro e prima di iniziare i lavori deve realizzare un Construction Phase Plan che sarà aggiornato con l avanzare dei lavori. Deve garantire la comunicazione e il coordinamento di tutti i Contractors, che a loro volta si devono attenere al Construction Phase Plan. ll CDM Co-ordinator deve assistere e consigliare il Client per gli adempimenti in merito alla sicurezza e salute, deve notificare il progetto all HSE, raccogliere i documenti necessari per la realizzazione del Pre-Construction Information o, se già realizzato, verificarne l idoneità o dare eventuali consigli al Client per migliorarlo, gestire le informazioni sulla salute e sicurezza tra Client, Designers e Contractors, infine deve produrre e aggiornare l Health and Safety File (Fascicolo dell Opera). Dovere fondamentale dei Designers è quello di realizzare progetti che non comportino rischi per la salute e la sicurezza durante la fase di costruzione, utilizzo e mantenimento della struttura. In particolare devono fornire suggerimenti sulle sequenze di costruzione al fine di mostrare come l intervento possa essere realizzato in modo sicuro. 11

12 Comparazione con la normativa nazionale italiana Le differenze tra le due discipline, a prescindere dalla origine comune data dalla direttiva cantieri 92/57/UE, sono abbastanza nette. Per quanto riguarda gli strumenti il Pre-Construction Information (PCI) consiste essenzialmente in uno studio iniziale che prevede la raccolta di informazioni utili sia ai Designers e ai Contractors, ma in modo particolare ai potenziali Principal Contractors, realizzato a cura del Client. In Italia è il Piano di Sicurezza e Coordinamento, ma ha contenuti differenti, più dettagliati, ha carattere prescrittivo ed è redatto dal Coordinatore della sicurezza in fase di progettazione. È noto come in Italia l impresa debba redigere il Piano Operativo di sicurezza (POS) in base al PSC ed alla propria valutazione dei rischi (DVR) e il POS sia da considerare come un piano complementare e di dettaglio del Piano di Sicurezza e Coordinamento. In realtà i contenuti del PSC si avvicinano di più al Piano Operativo Inglese, il Construction Phase Plan redatto dal Principal Contractor una volta aggiudicata la gara. Tale piano include infatti le scelte progettuali ed organizzative inerenti la sicurezza del cantiere inclusa la realizzazione del Construction Programme (Cronoprogramma), lo sviluppo del Site Layout (Layout di Cantiere) e di tutte le disposizioni che dovranno essere seguite anche dai subappaltatori. Ancora differente è il ruolo dei coordinatori nei due paesi. Il nostro Coordinatore della Progettazione si avvicina abbastanza al ruolo del CDM Coordinator il quale ha la funzione principale di coordinare gli aspetti riguardanti la salute e sicurezza dell intervento e di assistere il Client nelle proprie funzioni. Ma il CDM Co-ordinator non deve redigere il Pre-Construction Information (PCI) che è redatto a cura del Client stesso. Il Coordinatore dell Esecuzione (CSE) in Italia non può essere il datore di lavoro delle imprese affidatarie ed esecutrici o un suo dipendente o il responsabile del servizio di prevenzione e protezione da lui designato, a meno che non ci sia coincidenza tra committente e impresa esecutrice. Il CSE deve inoltre verificare con opportune azioni di coordinamento e controllo l applicazione da parte delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi delle misure di sicurezza. Queste funzioni in Inghilterra sono svolte dal Principal Contractor. Questo in Italia non è possibile perché si verificherebbe un conflitto di attribuzioni. Il CDM Co-ordinator inglese è si presente anche nella fase di costruzione ma non ha il dovere di controllare i lavori, deve soprattutto coordinare quegli aspetti che inevitabilmente influiranno sulla prevenzione e pianificazione dei rischi, garantendo la comunicazione e la cooperazione di tutti i soggetto coinvolti nei lavori, oltre a garantire l aggiornamento in corso d opera dal Health and Safety File. Dall analisi comparata si evince che i paesi come l Inghilterra con maggior cultura di impresa e sensibilità sociale, pur adottando regole apparentemente meno rigide hanno dalla loro parte un positivo riscontro statistico, pur mediato dai già citati elementi critici derivanti dalla mancanza di specificità del sistema assicurativo. 12

13 Riflessioni L elevato numero di infortuni sul lavoro e di malattie professionali si può ricondurre soprattutto ad una disapplicazione della normativa antinfortunistica, all emersione del lavoro nero e alla mancanza di formazione e controlli in materia di sicurezza sul lavoro. La dimensione del fenomeno può essere in larga parte addebitabile anche ai cambiamenti nei modelli organizzativi della produzione e del lavoro, cioè la frammentazione pianificata dei processi produttivi in imprese e squadre di lavoro sempre più piccole, collegate da lunghe catene di esternalizzazioni a cascata e subappalti, che disincentiva la formazione alla sicurezza. E in molti casi la rende tecnicamente inattuabile. Il fenomeno infortunistico va visto come un meccanismo complesso interagente con la realtà economica, con il mondo del lavoro, con la società nel suo complesso. Il rischio infatti è sensibile: all andamento della situazione economica (in genere esso cresce con la congiuntura favorevole, diminuisce nei periodi di crisi); all innovazione tecnologica (le macchine di nuova concezione e la riorganizzazione dei processi produttivi riducono i rischi); ai ritmi di lavoro (con essi aumenta lo stress, diminuisce la manutenzione, cresce il rischio); al settore lavorativo; all età degli addetti (il rischio diminuisce e la gravità delle lesioni cresce al crescere dell età); alla stagionalità (la temperatura elevata, ad esempio, comporta un aumento degli infortuni); alla dimensione aziendale (il rischio è, in genere, inversamente proporzionale ad essa); alla mansione; al grado di rappresentatività dei lavoratori; al pendolarismo; al grado di coinvolgimento nell azione di prevenzione che la dirigenza riesce ad ottenere sul luogo di lavoro. La mancanza di pianificazione e coordinamento è un ulteriore fattore di rischio, infatti l infortunio si verifica soprattutto nei punti deboli delle articolazioni del sistema: ad esempio tra due squadre, tra due posti di lavoro oppure tra due categorie diverse di operatori che insistono sul medesimo spazio o che hanno obiettivi differenti; oppure ancora in occasioni dette di recupero, quelle messe in atto al di fuori del normale processo, al fine di ritornare ad una situazione di normalità dopo una perturbazione, oppure quando si utilizzano procedure o strumenti per funzioni diverse da quelle per cui sono previsti. Quindi la prevenzione degli infortuni deve basarsi sulla valutazione dell intero sistema lavorativo, iniziando in primo luogo dall analisi dei comportamenti adottati dai soggetti coinvolti. È chiara la correlazione con una molteplicità di fattori: aspetti socioeconomici; aspetti culturali; aspetti organizzativi; aspetti tecnici; la formazione del singolo lavoratore (ad esempio: la disattenzione dei lavoratori che sottovalutano i rischi o la tendenza ad evitare dispositivi di protezione allo scopo di effettuare manovre più agevolmente ed aumentare la produttività). Nel contesto europeo i paesi del Nord Europa si distinguono per il basso numero di infortuni. Ciò può essere dovuto ai seguenti fattori: 13

14 un ampio spazio dedicato alla ricerca applicata, soprattutto alle innovazioni tecnologiche; una particolare attenzione ai problemi dell organizzazione del lavoro; un forte rilievo delle relazioni industriali; un sistema di vigilanza fondato soprattutto sulla programmazione anche nel medio lungo periodo; una diffusione della cultura della prevenzione e della legalità; un forte radicamento nella coscienza sociale di un severo giudizio nei confronti di chi non rispetta le norme in materia di sicurezza e provoca danni alla salute degli individui. Da questo emerge che viene avvertito come socialmente sbagliato il provocare infortuni e malattie e ogni problema viene affrontato con altissima professionalità. Riferimenti Banca dati Eurostat B. Fabiano, F. Currò, R. Pastorino A Study of the relationship between occupational injuries and firm size and type in the Italian Industry Safety Science 42 (2004) pp Chiara Scarpellini e Marco Bragadin, Normativa e strumenti per la gestione della sicurezza in cantiere: confronti Italia Germania Ingegneri CC, n. 13 Gennaio 2011 Ed. Maggioli. Il quadro normativo e la gestione della sicurezza nei cantieri edili in Gran Bretagna: il caso del Neo Bankside di Londra tesi di laurea di Eleonora Severi. INAIL (a cura di) Direttiva Cantieri - Come applicare le norme per la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili, Inail,

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA di Tommaso Di Nardo Sommario: 1. La pressione fiscale in Italia dal 1980 al 2014. 2. Pressione tributaria diretta e indiretta. 3. La pressione fiscale in Europa.

Dettagli

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI Erasmus + ASPETTI FINANZIARI KA1 per l Istruzione Superiore Mobilità per Studio (ex SMS) Mobilità per Traineeship (ex SMP) Staff Mobility (ex STA IN/OUT STT) Organisational Support (ex OM) KA1 - Mobilità

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010 OSSERVATORIO SULLA DIFFUSIONE DELLE RETI TELEMATICHE E DEI SERVIZI ON LINE IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES Roma, 20 aprile 2010

Dettagli

Piemonte in focus. Piemonte in focus 06/2009

Piemonte in focus. Piemonte in focus 06/2009 OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE DINAMICHE DI PENETRAZIONE DELLA BANDA LARGA IN PIEMONTE: 1) LO STATO DELLA COPERTURA ED UN CONFRONTO CON L EUROPA Piemonte in focus Indice GIUGNO 2009 La situazione della

Dettagli

ASTRA ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI

ASTRA ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI STRANIERI DA PARTE DEGLI STATI MEMBRI DELL ECAC EUROPEAN CIVIL AVIATION CONFERENCE. CHE COSA È L ECAC? L ECAC è una organizzazione

Dettagli

sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Piemonte in Focus - giugno 2009 sistemapiemonte.it OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE DINAMICHE DI PENETRAZIONE DELLA BANDA LARGA IN PIEMONTE: 1) LO STATO DELLA COPERTURA ED UN CONFRONTO CON

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZO DEL PETROLIO (da Gennaio 2010 ) RAPPORTO DI CAMBIO /$ (da Gennaio 2010

Dettagli

"SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero

SMS senza frontiere: la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero IP/08/1144 Bruxelles, 15 luglio 2008 "SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero Le cifre pubblicate oggi dalla Commissione europea

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020)

Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Pesaro, 11 febbraio 2014 Agenzia ERASMUS +/INDIRE ITALIA c.grano@indire.it L Architettura di E+ 7 esistenti programmi

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

Donne e mercato del lavoro in Italia: tra la grande crisi e ritardi strutturali

Donne e mercato del lavoro in Italia: tra la grande crisi e ritardi strutturali Donne e mercato del lavoro in Italia: tra la grande crisi e ritardi strutturali GIUSEPPE GAROFALO Prof. di Economia Dipartimento di Economia e Impresa Università della Tuscia Occupati in Italia 9,2 milioni

Dettagli

Lavorare sul lavoro. La definizione del sé tra famiglia, lavoro e buone pratiche aziendali

Lavorare sul lavoro. La definizione del sé tra famiglia, lavoro e buone pratiche aziendali Lavorare sul lavoro. La definizione del sé tra famiglia, lavoro e buone pratiche aziendali Università Cattolica 2 ottobre 2014 Introduzione Giancarlo Rovati Direttore Dipartimento di Sociologia Studio

Dettagli

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica CARTE COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI RINNOVABILI TERMICHE ED EFFICIENZA L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Raffaele Scialdoni

Dettagli

Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009)

Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009) Un Paese fra declino e ineguaglianze (1998-2009) di Roberto Fanfani e Francesco Pagliacci* La discussione se l Italia stia declinando o meno ha subito fasi alterne nell ultimo decennio. Nelle analisi degli

Dettagli

prezzi industriali Di Mauro Novelli 25-9-2013

prezzi industriali Di Mauro Novelli 25-9-2013 Il PuntO n 277 UE 28. Capacità di spesa pro capite (PPS) e prezzi di benzina e gasolio. Una analisi comparata: A) Tra tutti i paesi UE. B) Tra i 5 maggiori paesi UE e C) Tra Lussemburgo e Italia Fonti:

Dettagli

Dexia Crediop SpA. Italian Subsovereign Debt and Debt Management Perspectives. FABIO VITTORINI Responsabile delle Politiche Commerciali

Dexia Crediop SpA. Italian Subsovereign Debt and Debt Management Perspectives. FABIO VITTORINI Responsabile delle Politiche Commerciali Dexia Crediop SpA Italian Subsovereign Debt and Debt Management Perspectives FABIO VITTORINI Responsabile delle Politiche Commerciali 11 91 316 municipalities in the EU in 2008 80% of municipalities in

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Econpubblica - Centre for Research on the Public Sector La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Giampaolo Arachi Università del Salento e Econpubblica Alberto Zanardi, Università di Bologna

Dettagli

JEREMIE HOLDING FUND FESR SICILIA

JEREMIE HOLDING FUND FESR SICILIA JEREMIE HOLDING FUND FESR SICILIA Cos è JEREMIE L Iniziativa JEREMIE (Joint European Resources for Micro to Medium Enterprises - Risorse europee congiunte per le piccole e medie imprese) offre agli Stati

Dettagli

IL COMMITTENTE PUBBLICO UN PIANO PER GARANTIRE SICUREZZA AI CANTIERI EDILI

IL COMMITTENTE PUBBLICO UN PIANO PER GARANTIRE SICUREZZA AI CANTIERI EDILI Direzione IL COMMITTENTE PUBBLICO UN PIANO PER GARANTIRE SICUREZZA AI CANTIERI EDILI venerdì 30 maggio 2008 Caselle Torinese Jet Hotel Direzione PRESENTAZIONE DIRIGENTE REFERENTE SICUREZZA CANTIERI SCR

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CAPO 1 Articolo 89 - DEFINIZIONI COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata RESPONSABILE DEI LAVORI soggetto che può essere incaricato dal

Dettagli

Il progetto europeo PHE Power House Europe: the big green housing and energy exchange

Il progetto europeo PHE Power House Europe: the big green housing and energy exchange Piattaforma Italiana Power House Europe Incontro Seminariale GdL2 - Questioni tecniche Roma, 10 Novembre 2010 - Palazzo della Cooperazione Il progetto europeo PHE Power House Europe: the big green housing

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I LE NOVITA RILEVANTI DIVO PIOLI Art. 89 C 1 c RESPONSABILE DEI LAVORI SOGGETTO CHE PUÒ ESSERE INCARICATO, DAL COMMITTENTE, DELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it sistemapiemonte Mappa ragionata dei fabbisogni di banda nelle province piemontesi 2008 sistemapiemonte.it WI-PIE LINEA STRATEGICA 1- CONOSCERE IL TERRITORIO OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE MAPPA RAGIONATA

Dettagli

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Come previsto dalle vigenti normative in materia di contratti pubblici: D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e D.P.R. 207/2010 e s.m.i., il Responsabile Unico del Procedimento è il soggetto responsabile incaricato

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Post-Kyoto Le sfide energetiche-ambientali del 2020

Post-Kyoto Le sfide energetiche-ambientali del 2020 Post-Kyoto Le sfide energetiche-ambientali del 2020 Catia Bastioli Presidente Kyoto Club Ex Hotel Bologna - Senato della Repubblica, Via Santa Chiara 5 Kyoto Club: oltre 200 imprese, enti locali, associazioni

Dettagli

DOSSIER PER LA STAMPA

DOSSIER PER LA STAMPA DOSSIER PER LA STAMPA INDICE ERASMUS GIOVANI IMPRENDITORI : UN NUOVO PROGRAMMA DI SCAMBIO...3 CHI PUO' PARTECIPARE?... 5 QUALI BENEFICI E PER CHI?...6 COME FUNZIONA? STRUTTURA E IMPLEMENTAZIONE...7 CHI

Dettagli

Avv. Franco Toffoletto. La disciplina delle mansioni. Optime - Grand Hotel et de Milan. 1 luglio 2015

Avv. Franco Toffoletto. La disciplina delle mansioni. Optime - Grand Hotel et de Milan. 1 luglio 2015 La disciplina delle mansioni Optime - Grand Hotel et de Milan 1 luglio 2015 Jobs Act 1 (L. 16 maggio 2014, n. 78) Contratti a termine (superato dal D.lgs 15 giugno 2015, n. 81) Jobs Act 2 (L. 23 dicembre

Dettagli

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI - analisi, confronto e rafforzamento del sistema sanitario Stefano Scarpetta, Direttore della Direzione del Lavoro, Occupazione e Affari Sociali Il Lavoro dell

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E RINATURAZIONE DEL TRATTO FINALE DELLA ROGGIA CAVOLTO IN COMUNE DI MERONE Interventi per il miglioramento delle acque e degli habitat nella Valle del Lambro (Lambro vivo)

Dettagli

Ruolo e responsabilità del Committente

Ruolo e responsabilità del Committente www.ordingbo.it Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Ruolo e responsabilità del Guida alla sicurezza dei cantieri Coordinatore Premessa Prevenire è meglio che curare. Molti degli incidenti

Dettagli

Compiti e responsabilità dei Coordinatori

Compiti e responsabilità dei Coordinatori Seminario Tecnico sui piani di sicurezza e di coordinamento: ruolo del C.S.P. E DEL C.S.E. Pistoia, 26 ottobre 2010 Compiti e responsabilità dei Coordinatori dott. ing. Biagio Mugnieco Direzione Provinciale

Dettagli

Archiviazione elettronica e Gestione della conoscenza Dott. Timur Khoussainov Toffoletto De Luca Tamajo e Soci Studio Legale

Archiviazione elettronica e Gestione della conoscenza Dott. Timur Khoussainov Toffoletto De Luca Tamajo e Soci Studio Legale Archiviazione elettronica e Gestione della conoscenza Toffoletto De Luca Tamajo e Soci Studio Legale Bologna, 30 ottobre 2015 CHE COS È (PER NOI) LA CONOSCENZA? Toffoletto De Luca Tamajo e Soci 2015 2

Dettagli

IL LAVORO SULLA SALUTE ALL OCSE

IL LAVORO SULLA SALUTE ALL OCSE IL LAVORO SULLA SALUTE ALL OCSE Francesca Colombo, Divisione Salute OCSE 2 Aprile 2013 Il lavoro sulla sanità all OCSE è cresciuto nel tempo, come il budget sanità % GDP 12 France Germany Italy United

Dettagli

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi Occupazione femminile e maternità Alessandra Casarico Università Bocconi Donne: nuove regole, nuove opportunità Roma, 25 maggio 2015 Temi I differenziali di genere nel mercato del lavoro Le ragioni dei

Dettagli

Ingresso nella fase europea. Paola Giancane, Lawyer, EPO Filippo Santi, European and Italian Patent Attorney, Barzanò & Zanardo

Ingresso nella fase europea. Paola Giancane, Lawyer, EPO Filippo Santi, European and Italian Patent Attorney, Barzanò & Zanardo Ingresso nella fase europea Paola Giancane, Lawyer, EPO Filippo Santi, European and Italian Patent Attorney, Barzanò & Zanardo 10 November 2015 Outline Ingresso nella fase europea Risposta obbligatoria

Dettagli

Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS)

Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS) Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS) Milano, 01-06-06 Per approfondimenti: Sara Faglia, faglia@avanzi.org Tel. 02-36518110 Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518113 Cell

Dettagli

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SIENA IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI GUIDA PRATICA SUGLI OBBLIGHI E REPONSABILITA DEL COMMITTENTE E DEL RESPONSABILE DEI LAVORI PREMESSA Con

Dettagli

7 novembre 2008 Forum di Omegna PROVINCIA DEL VCO. MINISTERO DEL WELFARE Regione Piemonte Direzione Provinciale del Lavoro del VCO

7 novembre 2008 Forum di Omegna PROVINCIA DEL VCO. MINISTERO DEL WELFARE Regione Piemonte Direzione Provinciale del Lavoro del VCO Ordine degli Ingegneri della Provincia del VCO Collegio dei Geometri della Provincia del VCO Ordine degli Architetti delle Provincie di Novara e VCO Collegio dei periti della Provincia del VCO PROVINCIA

Dettagli

Assolvere al ruolo di CSE nel migliore dei modi

Assolvere al ruolo di CSE nel migliore dei modi Assolvere al ruolo di CSE nel migliore dei modi Introduzione Assolvere al ruolo di CSE nel migliore dei modi corrisponde per lo più all idea di come fare per evitare profili di colpa nel caso di violazioni

Dettagli

La partecipazione regionale alla priorità tematica PEOPLE del VII Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo. Gruppo indicatori Giugno 2011

La partecipazione regionale alla priorità tematica PEOPLE del VII Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo. Gruppo indicatori Giugno 2011 La partecipazione regionale alla priorità tematica PEOPLE del VII Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Gruppo indicatori Giugno 2011 United Kingdom France Germany Spain Italy Netherlands Greece Sweden

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Regione Lazio NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE D.Lgs. 81/08: PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER I COMMITTENTI DI OPERE EDILI Azienda

Dettagli

Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08

Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08 Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08 L obbiettivo di tale documento è quello di fornire all amministratore chiarezza proprio sulle responsabilità specifiche del suo ruolo e, non meno importante, di proporre

Dettagli

Digital Payment Summit. Roma, 12 Giugno 2014

Digital Payment Summit. Roma, 12 Giugno 2014 Digital Payment Summit Roma, 12 Giugno 2014 Internet People & Internet Banking People - Worldwide Internet Banking (Percentage of individuals who used Internet in the last 3 months) Self-first I Finland

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI E NEGLI AMBIENTI DI LAVORO IN EUROPA E USA. Ing.

L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI E NEGLI AMBIENTI DI LAVORO IN EUROPA E USA. Ing. Ing. Gabriella Magri COMMISSIONE SICUREZZA FEDERAZIONE ORDINI DEGLI INGEGNERI EMILIA ROMAGNA L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI E NEGLI AMBIENTI DI LAVORO IN EUROPA E

Dettagli

Le principali evidenze dalla 5th EWCS e gli sviluppi futuri

Le principali evidenze dalla 5th EWCS e gli sviluppi futuri Le principali evidenze dalla 5th EWCS e gli sviluppi futuri Maurizio Curtarelli Research Officer Working Conditions and Industrial Relations Unit Eurofound Overview della presentazione Datipresentatirelativia

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1%

UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1% UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1% Il mercato delle autovetture registra a settembre 2014 un incremento del 6,1%, grazie alla chiusura positiva per tutti

Dettagli

Dichiarazione Committente/Responsabile lavori AL COMUNE DI RAGUSA. Sportello Unico per l Edilizia S.U.E.

Dichiarazione Committente/Responsabile lavori AL COMUNE DI RAGUSA. Sportello Unico per l Edilizia S.U.E. AL COMUNE DI RAGUSA Sportello Unico per l Edilizia S.U.E. DICHIARAZIONE DEL COMMITTENTE O RESPONSABILE DEI LAVORI (art.90 D.Lgs. n. 81 del 09.04 08 come modificato dall art 59 del D.Lgs n. 106 del 03.08.09)

Dettagli

3 luglio 2015 Fatturazione Elettronica: dalla Pubblica Amministrazione al B2B. Un percorso dove il controllo di gestione fa la differenza.

3 luglio 2015 Fatturazione Elettronica: dalla Pubblica Amministrazione al B2B. Un percorso dove il controllo di gestione fa la differenza. 3 luglio 2015 Fatturazione Elettronica: dalla Pubblica Amministrazione al B2B. Un percorso dove il controllo di gestione fa la differenza. Aspetti tecnici e di compliance, esperienze e case history, incentivi

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI DLGS 81/200 08 CAPO I MISURE PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio Decreto IMT Rep. 02400(222).V.6.04.07.14 Rep. Albo Online 02401(179).I.7.04.07.14 IL DIRETTORE VISTO lo Statuto di IMT Alti Studi, Lucca (nel seguito denominato IMT o Istituto ), emanato con Decreto Direttoriale

Dettagli

UNIONE EUROPEA-Efta Nel 1 trimestre 2015 aumentano del 29,1% le immatricolazioni di vetture ad alimentazione alternativa.

UNIONE EUROPEA-Efta Nel 1 trimestre 2015 aumentano del 29,1% le immatricolazioni di vetture ad alimentazione alternativa. UNIONE EUROPEA-Efta Nel 1 trimestre 2015 aumentano del 29,1% le immatricolazioni di vetture ad alimentazione alternativa..totale Alimentazioni Alternative (AVFs 1 ) L Italia è il paese dell Unione europea

Dettagli

EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE 2014

EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE 2014 we are social EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE ANALISI DI WE ARE SOCIAL DEI PRINCIPALI DATI & STATISTICHE DELLO SCENARIO DIGITAL Wearesocial.it @wearesocialit 1 PAESI ANALIZZATI IN QUESTO REPORT 17 12 28 37

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti.

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti. IL D.Lgs 81/2008 IL Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, (approvato il 9 aprile 2008 ed entrato in vigore il 9 maggio 2008) incorpora al proprio interno, riordinandoli e innovandoli secondo

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli

D.L.vo 81/08 Novità STRUTTURA AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE. Il TU: 13 Titoli e 306 articoli D.L.vo 81/08 Novità ARGOMENTI NOVITA Il TU: 13 Titoli e 306 articoli Titolo I diviso in 4 Capi Capo I Disposizioni generali Capo II definisce il Sistema Istituzionale della Tutela e Sicurezza Capo III

Dettagli

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica 14 Ottobre 2009 T.U. SALUTE E SICUREZZA (D.LGS. 81/2008): prime analisi e commenti

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza significa svolgimento dell attività lavorativa in condizioni tali che la vita, l incolumità fisica e la salute non siano esposte a pericolo. Oggetto di tutela non è esclusivamente

Dettagli

Un quadro di riferimento a scala Europea Federica Thomasset

Un quadro di riferimento a scala Europea Federica Thomasset Un quadro di riferimento a scala Europea Federica Thomasset Il sistema delle Aree Protette Un quadro di riferimento a scala Europea Centro Europeo di Documentazione sulla Pianificazione dei Parchi Naturali

Dettagli

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Giornata di Studio 8 Giugno 2006 Ing. Sandro Vescovi INFN - LNF Il settore delle Costruzioni presenta un rischio

Dettagli

Sistemi di pagamento per consumatori consapevoli

Sistemi di pagamento per consumatori consapevoli Sistemi di pagamento per consumatori consapevoli Domenico Gammaldi Servizio Supervisione sui mercati e sul sistema dei pagamenti Roma, 24 ottobre 2012 1 Pagamenti senza contante in Europa (numero pagamenti

Dettagli

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013 Modulo Vb Il sistema elettrico Italiano Energia Elettrica per fonte 2011 Nord America Altre Rinnovabili 3% Idroelettrico 16% Nucleare 17%

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza significa svolgimento dell attività lavorativa in condizioni tali che la vita, l incolumità fisica e la salute non siano esposte a pericolo. Oggetto di tutela non è esclusivamente

Dettagli

Lo stato dell arte delle politiche per la casa in Europa quale ruolo per la UE?

Lo stato dell arte delle politiche per la casa in Europa quale ruolo per la UE? Lo stato dell arte delle politiche per la casa in Europa quale ruolo per la UE? Alice Pittini Rome, February 12, 2015 Seminar L Italia incontra l Europa Estonia Romania Bulgaria Hungary Slovakia Lithuania

Dettagli

PROGRAMMA ERASMUS + AZIONE CHIAVE 1 (KA1)- ISTRUZIONE SUPERIORE VADEMECUM

PROGRAMMA ERASMUS + AZIONE CHIAVE 1 (KA1)- ISTRUZIONE SUPERIORE VADEMECUM MOBILITA INDIVIDUALE DEL PERSONALE PER FORMAZIONE PROGRAMMA ERASMUS + AZIONE CHIAVE 1 (KA1)- ISTRUZIONE SUPERIORE VADEMECUM Si riportano i seguenti adempimenti necessari ai fini della mobilità per formazione

Dettagli

Lo Scenario Internazionale dei Mercati dei Servizi Postali. Enrico Barboglio Segretario Generale Xplor Italia

Lo Scenario Internazionale dei Mercati dei Servizi Postali. Enrico Barboglio Segretario Generale Xplor Italia Lo Scenario Internazionale dei Mercati dei Servizi Postali Enrico Barboglio Segretario Generale Xplor Italia Cosa è Xplor Xplor (The Electronic Document Association) è una associazione che raggruppa fornitori

Dettagli

16/01/2012. Roma, 12 Gennaio 2012

16/01/2012. Roma, 12 Gennaio 2012 Roma, 12 Gennaio 2012 Il quadro mondiale Nel XX Secolo il mondo ha aumentato di 20 volte il consumo di combustibili fossili, e di 34 volte le attività estrattive. Con questo modello ed ai livelli di oggi,

Dettagli

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Corso di laurea in Ingegneria Edile Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Il TITOLO IV del Testo Unico 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 MAGGIO 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Valutazione dei rischi

Valutazione dei rischi Valutazione dei rischi Prossima scadenza il 31 maggio L adempimento che interessa le aziende con meno di 10 dipendenti Argomento Novità Riferimenti Il D. Lgs. n. 81/2008, Testo Unico della salute e sicurezza

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

Marco Giustini & Franco Taggi, "I dati europei della sicurezza stradale: confronti

Marco Giustini & Franco Taggi, I dati europei della sicurezza stradale: confronti www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Marco Giustini & Franco Taggi

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S.

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. La versione aggiornata del Testo Unico: Rev. 13^ - Maggio 2013 TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I - MISURE PER LA SALUTE

Dettagli

L'impatto della crisi economica (e dell austerità) sul mercato del lavoro e sulla situazione sociale. Un confronto europeo.

L'impatto della crisi economica (e dell austerità) sul mercato del lavoro e sulla situazione sociale. Un confronto europeo. Senato della Repubblica, S.Com. Pol. sociali, 1 Aprile 2015 L'impatto della crisi economica (e dell austerità) sul mercato del lavoro e sulla situazione sociale. Un confronto europeo. Pasquale Tridico

Dettagli

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA"

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA Il Piano Oativo di Sicurezza POS Pag.1 POS OPERATIVO SICUREZZA ART. 89 D.Lgs 10609- DEFINIZIONI Comma 1, lettera h) Piano Oativo di Sicurezza: il documento che il datore di lavoro dell impresa esecutrice

Dettagli

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Premessa Il presente documento è stato elaborato dal Gruppo di Lavoro Standard di qualità ai fini

Dettagli

INFORTUNI A PERSONALE DI IMPRESE ESECUTRICI DI LAVORI O SERVIZI APPALTATI DA RETE FERROVIARIA ITALIANA s.p.a.

INFORTUNI A PERSONALE DI IMPRESE ESECUTRICI DI LAVORI O SERVIZI APPALTATI DA RETE FERROVIARIA ITALIANA s.p.a. Sistema Integrato Gestione della Sicurezza 1 di 9 INFORTUNI A PERSONALE DI IMPRESE ESECUTRICI DI LAVORI O SERVIZI APPALTATI DA RETE FERROVIARIA ITALIANA s.p.a. Rev. Data Descrizione modifiche Redatto Verificato

Dettagli

UNIONE EUROPEA Inizio anno con il segno positivo: a gennaio il mercato auto cresce del 6,2%.

UNIONE EUROPEA Inizio anno con il segno positivo: a gennaio il mercato auto cresce del 6,2%. UNIONE EUROPEA Inizio anno con il segno positivo: a gennaio il mercato auto cresce del 6,2%. I Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA 1 a gennaio 2015 registrano 1.028.760 nuove immatricolazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Ciclo di Seminari Sicurezza Cantieri Temporanei e Mobili

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Ciclo di Seminari Sicurezza Cantieri Temporanei e Mobili UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Presidenza della Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Edile e delle Costruzioni Civili Ciclo di Seminari Sicurezza Cantieri Temporanei e Mobili Aggiornamento

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

SIMULAZIONE DI SECONDA PROVA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

SIMULAZIONE DI SECONDA PROVA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA SIMULAZIONE DI SECONDA PROVA DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA Leggi con attenzione il seguente brano composto da due parti, una tratta dal sito ufficiale dell Unione europea e l altra dal sito Eurostat, l

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS Istruzioni per la compilazione delle linee d indirizzo per la redazione del POS 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS (Documento da non allegare al POS) Il

Dettagli

Adoption and take up of standards and profiles for e-health Interoperability

Adoption and take up of standards and profiles for e-health Interoperability Adoption and take up of standards and profiles for e-health Interoperability Gilda De Marco, Assinter/INSIEL, Italy based on a presentation by Ib Johanson, MedCom, DK Antilope ANTILOPE Rete Tematica Promuovere

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri

Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri Efficienza Energetica: un nuovo paradigma nel mercato dell energia Mario Mauri Milano, 13 giugno 2013 Uso: Confidential Enel oggi Operatore energetico internazionale Presenza in 40 paesi Capacità installata

Dettagli

AZIENDA U.S.L. RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro

AZIENDA U.S.L. RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro AZIENDA U.S.L. RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro PROCEDURE DEL COORDINATORE PER LA GESTIONE DEL CANTIERE P.S.C., IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE: APPLICAZIONE

Dettagli

IL MODELLO SEMPLIFICATO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PSC ED IL RUOLO DEL CSP

IL MODELLO SEMPLIFICATO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PSC ED IL RUOLO DEL CSP Servizio Prevenzione Sicurezza Luoghi di Lavoro Responsabile: Dott. Vito Liberati IL MODELLO SEMPLIFICATO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PSC ED IL RUOLO DEL CSP Teramo, 25 marzo 2015 Giovanni Di Feliciantonio

Dettagli

La Rete Euroguidance: 20 anni di guidance per la mobilità in Europa

La Rete Euroguidance: 20 anni di guidance per la mobilità in Europa La Rete Euroguidance: 20 anni di guidance per la mobilità in Europa www.euroguidance.net 20 anni con la Rete europea dei National Resource Centres for Vocational Guidance 1992: primi Centri NRCVG istituiti

Dettagli