Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 7 Le scritture di assestamento"

Transcript

1 Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio della competenza economica in ragione di esercizio Le scritture di integrazione (o di imputazione) di fine esercizio Le scritture di rettifica (o di storno) di fine esercizio Le scritture di ammortamento dei costi anticipati-pluriennali Le rettifiche di valore di elementi patrimoniali attivi. 1. Il completamento Con questo paragrafo iniziamo a studiare le scritture fondamentali ai fini della determinazione del reddito di esercizio denominate scritture di assestamento. Queste scritture sono piuttosto numerose, ma noi tratteremo il problema con gradualità iniziando da un gruppo denominato: scritture di completamento. Queste consentono di rilevare costi e ricavi maturati nell esercizio non ancora pagati o riscossi o per il regolamento dei quali non è stata ricevuta o emessa fattura alla data del 31/12. Vale la pena ricordare che questa è la data a cui deve far riferimento l imprenditore quando determina il reddito dell esercizio. Le scritture di completamento che tratteremo in questa sede riguardano: 1. la liquidazione degli interessi attivi maturati in banca; 2. lo stralcio di crediti inesigibili; 3. gli eventuali ammanchi di cassa; 4. la liquidazione della posizione IVA verso lo Stato, anche se non è una scrittura di completamento in senso stretto, pur rientrando tra le scritture di assestamento. a) Liquidazione degli interessi attivi maturati in banca Le banche, di norma nel mese di gennaio, spediscono ai propri clienti l estratto conto e il calcolo degli interessi maturati sui saldi a credito del correntista, al netto della ritenuta fiscale del 27%; addebitano, inoltre, le spese per il servizio di tesoreria offerto ai clienti. Per semplicità non si prenderà in considerazione la ritenuta che verrà ripresa più avanti.

2 134 Capitolo 7 Esempio - Gli Interessi in banca A fine esercizio sono maturati in c/c interessi attivi per e 1.500,00, le spese di tenuta conto ammontano a e 400,00. Analisi del fatto amministrativo Conti Variazione Sezione Banca c/c Variazione fin. Attiva Dare Spese di banca Variazione economica negativa Dare Patrimonio netto Variazione economica positiva Avere Scrittura a giornale Data Codice Conti Descrizione Dare Avere 31/ Banca c/c attivo liquidati interessi e competenze 1.100,00 31/ Spese di banca competenze bancarie 400,00 31/ /001 Interessi att. bancari interessi a credito sul c/c 1.500,00 Si può osservare che l importo addebitato in c/c è dato dalla differenza tra interessi attivi e spese. b) Lo stralcio di crediti inesigibili Può accadere che alla fine dell anno l imprenditore venga a conoscenza di dissesti finanziari che hanno colpito alcuni suoi clienti. In questo caso, se egli reputa che il credito non sarà più riscosso, è bene che ne stralci l importo dalla contabilità. Il Codice civile impone, infatti, di calcolare il reddito di esercizio con la massima prudenza, il che significa considerare tutte le perdite su fatti sorti nell esercizio (art. 2423bis). Quando si rilevano perdite su crediti occorre: accreditare («avere») il conto crediti v/clienti nel quale si rileva una VFP per diminuzione di crediti da riscuotere; addebitare («dare») il conto economico di reddito perdite su crediti (costo d esercizio) nel quale si rileva una VEN.

3 Le scritture di assestamento 135 La scrittura a giornale è la seguente: Data Codice Conti Descrizione Dare Avere 31/ Perdite su crediti stralciati crediti inesigibili X 31/ Crediti v/clienti stralciati crediti inesigibili X c) Ammanchi in cassa Come è noto, i movimenti di contanti vengono registrati nel libro di cassa o nella prima nota cassa e l importo che risulta a saldo nel libro deve corrispondere al denaro e agli altri valori (francobolli, marche da bollo) esistenti in cassa. Se da questo riscontro emerge un ammanco per esempio un biglietto falso è necessario rilevare la minore disponibilità che si traduce in un costo di natura straordinaria: non si può certamente negare la natura eccezionale di un simile evento. Analisi del fatto amministrativo Conti Variazione Sezione Cassa Variazione finanziaria passiva Avere Sopravven. passiva VEN o costo straordinario Dare Scrittura a giornale Data Codice Conti Descrizione Dare Avere 31/ Sopravven. passiva ammanco di cassa X 31/ Denaro in cassa ammanco di cassa X d) Liquidazione della posizione IVA Durante l esercizio, quando si rilevano in contabilità generale le operazioni imponibili si movimentano i seguenti conti: IVA a credito, con il quale si evidenzia il credito che sta maturando verso l Erario; IVA a debito, con il quale si evidenzia il debito che sta maturando verso l Erario. Si supponga che le eccedenze dei conti in questione siano le seguenti: IVA a credito IVA a debito Dare Avere Dare Avere , ,00

4 136 Capitolo 7 Dal confronto delle due eccedenze è chiaro che il contribuente ha un debito verso l Erario, ma questo debito di ,00 deve essere contabilizzato in un conto che ne evidenzi l importo esatto. Questo conto è denominato Erario c/iva, conto finanziario che espone: in «dare» il credito, in «avere» il debito, verso l Erario. Per conseguire lo scopo occorre stornare: 1. l importo dell IVA a credito in «dare» del conto Erario c/iva; con questa scrittura si liquida l IVA a credito; 2. l importo dell IVA a debito in «avere» del conto Erario c/iva; con questa scrittura si liquida l IVA a debito. Si osservino i movimenti eseguiti nei conti di mastro: IVA a credito IVA a debito Dare Avere Dare Avere , , ,00 (s) ,00 (s) IVA a credito Dare Avere ,00 (s) ,00 (s) Le scritture a giornale sono le seguenti: Liquidazione IVA a credito: Data Codice Conti Descrizione Dare Avere 31/ Erario c/iva liquidata IVA a credito ,00 31/ IVA a credito liquidata IVA a credito ,00 Data Codice Conti Descrizione Dare Avere 31/ IVA a debito liquidata IVA a debito ,00 31/ Erario c/iva liquidata IVA a debito ,00

5 Le scritture di assestamento Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio della competenza economica in ragione di esercizio Le scritture di assestamento (o scritture di bilancio) sono le scritture di fine periodo che modificano, con operazioni di storno e di integrazione, i «dati grezzi» desunti dalla contabilità generale al fine di: a) trasformare i valori di conto rilevati secondo il principio della manifestazione finanziaria documentale (o data contabile) e della competenza temporale (o data temporale) in valori calcolati secondo il principio della correlazione dei costi e dei ricavi in ragione di esercizio (o principio della competenza economica); b) consentire una valutazione prudenziale dei componenti del patrimonio desumibili dalle scritture contabili. Le predette scritture servono per determinare nel contempo la competenza economica dei costi e dei ricavi in ragione di esercizio. La base di partenza per individuare i costi e i ricavi di competenza dell esercizio è rappresentata dai costi e ricavi con formazione finanziaria nell esercizio in chiusura o in esercizi precedenti. Le valutazioni che si rendono necessarie per stabilire la competenza dei costi e dei ricavi in ragione di esercizio sono, di fatto, anche valutazioni delle attività e delle passività del capitale di funzionamento. Così, le stime e le congetture che si rendono necessarie al termine dell esercizio per stabilire la competenza dei costi e dei ricavi collegati con la gestione in corso di svolgimento a fine periodo concorrono congiuntamente alla determinazione del reddito di esercizio (prima) e del capitale di funzionamento (dopo). Naturale (fisiologico) sfasamento tra l aspetto finanziario e l aspetto economico delle operazioni di gestione Costi e ricavi da rinviare al futuro (es.: risconti attivi e passivi, rimanenze di magazzino) Valori finanziari presunti di fine periodo (es.: ratei attivi e passivi, fondi per rischi ed oneri di futura manifestazione) Il divario temporale tra la dinamica finanziaria e la dinamica reddituale è il fondamento delle zone economiche del capitale (es.: scorte di magazzino, costi e ricavi anticipati, risconti attivi e passivi etc.) e dei valori finanziari presunti di fine periodo (es.: ratei attivi e passivi, fondi per oneri di futura manifestazione, fondi per rischi di futura manifestazione etc.).

6 138 Capitolo 7 Costi di acquisizione Fattori produttivi che hanno esaurito la loro utilità economica (costi morti = valori vuoti di utilità economica) Fattori produttivi che non hanno ancora esaurito la loro utilità economica (costi vivi = valori pieni di utilità economica) Costi di competenza dell esercizio Costi di competenza di futuri esercizi Rilevazione a Conto economico Rilevazione nello Stato patrimoniale Ricavi di vendita Ricavi conseguiti per utilità cedute nell esercizio (ricavi morti) Ricavi conseguiti per utilità da cedere in esercizi successivi (ricavi vivi) Ricavi di competenza dell esercizio Ricavi di competenza di futuri esercizi Rilevazione a Conto economico Rilevazione nello Stato patrimoniale Vale la pena sottolineare che le valutazioni di bilancio compiute alla chiusura dell esercizio non producono i loro effetti soltanto sul reddito di quell esercizio, ma condizionano anche la formazione del reddito che sarà determinato negli esercizi futuri (es.: valutazione delle rimanenze di magazzino, stanziamenti a fondi per rischi ed oneri di futura manifestazione ecc.). Le stime e le congetture di fine esercizio vengono effettuate, sul piano contabile, attraverso cd. scritture di assestamento di fine esercizio, che si articolano in quattro macro-categorie: scritture di completamento: completano la contabilità esistente attraverso l'inserimento di valori che, pur essendo di competenza dell'esercizio, per diverse ragioni non erano stati in precedenza contabilizzati (interessi attivi e passivi sui c/c bancari, quota maturata TFR, imposta di competenza ecc.);

7 Le scritture di assestamento 139 scritture di integrazione: hanno lo scopo di aggiungere nel corso della determinazione del reddito quei costi e quei ricavi che sono già maturati ma che non hanno ancora avuto manifestazione finanziaria. In questo caso la manifestazione economica precede quella finanziaria (es.: ratei, stanziamenti ai fondi per rischi ed oneri di futura manifestazione, svalutazioni crediti); scritture di rettifica: sono finalizzate a stornare e detrarre dal risultato economico di esercizio quei componenti positivi e negativi di reddito che hanno avuto manifestazione finanziaria nel corso dell esercizio o in esercizi precedenti, ma che danno utilità e sono di competenza dei successivi esercizi. In questo caso la manifestazione finanziaria precede quella economica (es.: rimanenze finali di magazzino, risconti attivi e passivi); scritture di ammortamento: sono caratterizzate dall imputazione all esercizio in corso di una quota di costo anticipato-pluriennale, relativo ad un bene, solitamente a fecondità ripetuta, che cede la propria utilità alla produzione di più esercizi. Le scritture di assestamento determinano sempre una variazione nel sistema dei valori di reddito (aspetto originario) ed una variazione di uguale importo e segno nel sistema dei valori del capitale di funzionamento (aspetto derivato). Ciò perché, in fase di chiusura dell esercizio l aspetto economico costituisce il momento privilegiato di osservazione della gestione incompiuta esistente al termine del periodo amministrativo. I valori configurati mediante le scritture di assestamento hanno un riflesso su due (o più) periodi amministrativi, contigui. Sotto il profilo contabile, la correlazione costi-ricavi può essere realizzata seguendo diverse modalità: a) valutazione delle operazioni in corso in base al costo che «rinvia» tutti i costi all esercizio in cui si realizzeranno i ricavi; b) valutazione delle operazioni in corso in base al ricavo che «anticipa» i ricavi futuri all esercizio di sostenimento dei costi; c) valutazione ad un qualsiasi valore intermedio tra i due precedenti che scinde, in tal modo, il risultato in corso di formazione tra il periodo di riferimento e i periodi successivi. Il legislatore ha privilegiato il criterio di valutazione al costo, in conformità all applicazione del principio di prudenza. La scelta del costo storico quale criterio base delle valutazioni di bilancio dell impresa in funzionamento è stata supportata dalle seguenti motivazioni: a) il costo rappresenta il valore delle qualità funzionali dei beni che partecipano al processo di produzione del reddito, ossia è espressione del valore di funzionamento; b) l applicazione del costo, caratterizzato dal requisito di certezza e verificabilità, lascia minore spazio a valutazioni discrezionali; c) il criterio del costo è di facile attuazione ed applicazione.

8 140 Capitolo 7 L utilizzo del criterio del costo mira palesemente ad evitare la creazione di sopravvalutazioni di poste dell attivo (o di sottovalutazioni di poste del passivo) e, di conseguenza, la possibile determinazione di utili fittizi che potrebbero dare origine a distribuzioni di capitale sotto forma di utili. Al contrario della prassi nazionale, gli IAS privilegiano la valutazione dei beni in base al criterio del valore di mercato, cd. fair value, anziché al costo storico, in modo da facilitare le valutazioni degli investitori. I valori che sorgono per effetto della valutazione della gestione in corso a fine esercizio sono qualitativamente diversi da quelli che, durante il periodo amministrativo, vengono rilevati per effetto delle operazioni di scambio monetario con terze economie. Infatti, mentre dalle operazioni di esterna gestione derivano quantità oggettive (o quantità economiche o valori di scambio), i valori che si impiegano nelle valutazioni per il bilancio di esercizio sono in gran parte costituiti da quantità soggettive frutto di stime e di congetture. I valori stimati sono riferiti a grandezze che presentano solo un certo grado di approssimazione al vero; per essi è possibile accertare, a posteriori, la validità della stima fatta (es.: valore netto di realizzo dei crediti). I valori congetturati si riferiscono a grandezze della cui misurazione non è mai possibile una verifica a posteriori, in quanto sono il frutto di ipotesi non verificabili nel concreto; per essi può essere verificata in futuro solo la congruenza delle ipotesi assunte a base del loro calcolo (es.: ratei, risconti, scorte di magazzino, quote di ammortamento ecc.). I valori stimati e congetturati di fine periodo derivano dall applicazione del principio di competenza dei costi e dei ricavi in ragione di esercizio nella prospettiva di continuazione dell attività aziendale. I conti accesi ai valori stornati o imputati in sede di chiusura si possono distinguere in due classi: 1. la classe dei conti transitori di bilancio, i quali sono destinati ad accogliere valori che favoriscono il conguaglio economico fra due esercizi consecutivi, cioè fra quello in chiusura ed il successivo (es.: ratei, rimanenze ecc.); 2. la classe dei conti permanenti di bilancio, i quali sono destinati ad accogliere valori che favoriscono il conguaglio economico fra diversi esercizi successivi nel tempo (es.: fondi di ammortamento, fondi per rischi ed oneri di futura manifestazione ecc.). Tale distinzione ha un fondamento solo di ordine pratico, in relazione alla doppia apertura-chiusura che, come vedremo in seguito, caratterizza i soli conti transitori di bilancio. 3. Le scritture di integrazione di fine esercizio Le scritture di integrazione o di imputazione di fine esercizio aggiungono ai costi e ricavi già rilevati durante l esercizio le quote di competenza dell esercizio in chiusura di costi e ricavi che non si sono ancora manifestati sotto l aspetto finanziario, an-

9 Le scritture di assestamento 141 ticipando l effetto economico che si dovrebbe manifestare sotto il profilo finanziario nell esercizio successivo o in esercizi successivi. Lo scopo di queste scritture è quello di far confluire, nella determinazione del reddito dell esercizio in chiusura, i costi ed i ricavi che gli competono economicamente e, nella formazione del capitale di funzionamento, i derivati valori finanziari presunti di fine periodo. Le scritture di integrazione rettificano in aumento costi e ricavi per incrementarli delle quote di competenza non ancora rilevate: comportano quindi il sorgere di nuovi costi e di nuovi ricavi. Le scritture in questione si rendono necessarie soprattutto per effetto dei seguenti fenomeni: a) imputazione di ratei attivi e passivi finali; b) stanziamenti ai fondi per oneri specifici di futura manifestazione; c) stanziamenti ai fondi per rischi specifici di futura manifestazione. A) Imputazione di ratei attivi e passivi I ratei misurano la quota già maturata nell esercizio di costi o ricavi relativi a servizi: la cui manifestazione finanziaria avverrà in uno degli esercizi successivi; di competenza di due o più esercizi; la cui entità è legata al decorrere del tempo. Secondo il segno contabile, si distinguono in ratei attivi e ratei passivi. I ratei attivi esprimono crediti presunti in moneta e misurano quote di ricavi relativi a servizi la cui manifestazione finanziaria avverrà in un successivo esercizio ma di competenza, per la parte da essi misurata, dell esercizio in chiusura. I ratei passivi esprimono debiti presunti in moneta e misurano quote di costi di servizi la cui manifestazione finanziaria avverrà in un successivo esercizio ma di competenza, per la parte da essi misurata, dell esercizio in chiusura. I ratei traggono origine da contratti di durata (es.: locazione, affitto, mutuo, somministrazione ecc.) relativi ad un arco di tempo riguardante due o più esercizi consecutivi, quando il prezzo (fitto, interesse ecc.), in corso di maturazione alla data del bilancio, sia liquidato in via posticipata. I ratei sono la specializzazione di costi e ricavi a manifestazione finanziaria posticipata quando maturano in relazione al decorrere del tempo. Si consideri il seguente esempio. Esempio - Tra i debiti figura un mutuo passivo di euro , tasso 8% annuo, con interessi pagabili in via posticipata il 1 aprile ed il 1 ottobre di ogni anno. Il prossimo 1 febbraio si dovrà incassare un fitto trimestrale posticipato di euro

10 142 Capitolo 7 Calcoliamo e rileviamo i due ratei. I = = euro (importo degli interessi semestrali relativi al mutuo) 1) Schema di calcolo rateo passivo Periodo complessivo di maturazione economica del costo Quota di competenza da imputare all esercizio in chiusura: rateo passivo Quota di competenza del nuovo esercizio 1/10/n 31/12/n 1/4/n + 1 Inizio Chiusura Data di pagamento: VF maturazione dell esercizio e registrazione in contabilità Il valore del rateo si calcola come segue: 6 : = 3 : x (mesi) (mesi) da cui x = euro 600 (rateo passivo) 2) Schema di calcolo di rateo attivo Periodo complessivo di maturazione economica del ricavo Quota di competenza da imputare all esercizio in chiusura: rateo attivo Quota di competenza del nuovo esercizio 1/11/n 31/12/n 1/2/n + 1 Inizio Chiusura Data di pagamento: VF + maturazione dell esercizio e registrazione in contabilità Il valore del rateo si calcola come segue: 3 : = 2 : x (mesi) (mesi) da cui x = euro (rateo attivo) A giornale: Interessi passivi su mutui (VE ) Ratei passivi (VF ) Ratei attivi (VF + ) Fitti attivi (VE + ) 600, ,00 600, ,00

11 Le scritture di assestamento 143 I ratei attivi sono componenti del capitale di funzionamento che misurano componenti positivi del reddito di esercizio alla data del bilancio. I ratei passivi sono componenti negativi del capitale di funzionamento che misurano componenti negativi del reddito di esercizio alla data del bilancio. B) Stanziamenti di debito o fondi per la copertura di oneri specifici di futura manifestazione I debiti o fondi per oneri futuri sono poste debitorie destinate a contenere ed assorbire oneri di natura specifica (non generica) di esistenza certa dei quali al termine dell esercizio risulta indeterminato o l ammontare o la futura data di accadimento. La contropartita economica dei debiti o fondi per oneri futuri che si definisce accantonamento (di natura esclusivamente economica senza che vi sia alcuna movimentazione di mezzi finanziari) è un costo di futura manifestazione finanziaria di pertinenza dell esercizio in chiusura in quanto connesso ad operazioni di gestione già effettuate e quindi di competenza dell esercizio. Gli stanziamenti ai fondi per oneri di futura manifestazione hanno la natura di componenti negativi del reddito dell esercizio (VE ) e di componenti passivi del capitale di funzionamento alla chiusura dell esercizio (VF ). Sotto il profilo contabile, i predetti stanziamenti danno luogo alla composizione di articoli del tipo seguente: Acc.to operazioni a premio (VE ) Fondo operazioni a premio (VF ) Acc.to TFR (VE ) Debiti TFR (VF ) Acc.to manutenzioni cicliche (VE ) Fondo manutenzioni cicliche (VF ) Acc.to premi di fedeltà al personale (VE ) Fondo premi di fedeltà al personale (VF ) Acc.to oneri di garanzia prodotti (VE ) Fondo garanzia prodotti (VF ) Acc.to oneri di ristrutturazione (VE ) Fondo oneri di ristrutturazione (VF ) Acc.to imposte di esercizio (VE ) Debiti tributari (VF ) La movimentazione finanziaria relativa ai fondi oneri si verifica con l utilizzo nel momento in cui gli oneri troveranno la loro effettiva materializzazione. C) Stanziamenti ai fondi per la copertura di rischi specifici di futura manifestazione I rischi specifici che gravano sulle operazioni in corso di svolgimento alla chiusura dell esercizio, quando non sono trasferiti su terze economie con contratto di assicura-

12 144 Capitolo 7 zione, debbono essere riflessi nel bilancio attraverso la costituzione e l utilizzo di appositi «fondi rischi». I predetti fondi sono poste debitorie (= passività potenziali rappresentative di probabili uscite di cassa) destinate a coprire soltanto perdite di natura specifica (non generica), di esistenza probabile delle quali al termine dell esercizio risulta indeterminato o l ammontare o la futura data di accadimento. La contropartita economica dei fondi rischi che si definisce accantonamento (di natura esclusivamente economica senza che vi sia alcuna movimentazione di mezzi finanziari) è un costo di futura manifestazione finanziaria connesso alla gestione in corso e quindi da anticipare all esercizio in chiusura in conformità ai principi di prudenza e di competenza economica. Gli stanziamenti ai fondi per rischi di futura manifestazione hanno la natura di componenti negativi del reddito dell esercizio (VE ) e di componenti passivi del capitale di funzionamento alla chiusura dell esercizio (VF ). Dal punto di vista contabile, i predetti stanziamenti danno origine alla composizione di articoli del tipo seguente: Acc.to di quiescenza Fondo trattamento di quiescenza Acc.to rischi su cambi (VE ) Fondo rischi su cambi (VF ) Acc.to rischi di collaudo (VE ) Fondo rischi di collaudo (VF ) Acc.to garanzie e penali (VE ) Fondo garanzie e penali (VF ) Acc.to rischi ritardate consegne (VE ) Fondo rischi ritardate consegne (VF ) Acc.to rischi per imposte (VE ) Fondo rischi per imposte (VF ) Acc.to rischi per risarc. danni (VE ) Fondo rischi per risarc. danni (VF ) La movimentazione finanziaria relativa ai fondi rischi si verifica con l utilizzo nel momento in cui i fattori di rischio troveranno la loro effettiva materializzazione. Ratei, fondi e debiti per oneri di futura manifestazione e fondi per rischi di futura manifestazione, pur essendo tutti valori finanziari stimati di fine periodo (ratei attivi = crediti in corso di formazione; ratei passivi, fondi per rischi ed oneri = debiti in corso di formazione), si differenziano tra loro per un diverso grado di incertezza insito nella loro quantificazione monetaria: a) i ratei vengono calcolati in base ad un riparto proporzionale al tempo (fisico o economico) di costi o ricavi misurati da variazioni finanziarie future delle quali si conosce l esistenza, l ammontare e la data di accadimento;

13 Le scritture di assestamento 145 b) i fondi e debiti per oneri di futura manifestazione vengono costituiti per fronteggiare (contabilmente) oneri futuri specifici certi nella loro esistenza, ma incerti nei tempi e nei valori di manifestazione; c) i fondi per rischi di futura manifestazione vengono costituiti per fronteggiare (contabilmente) le conseguenze economiche di rischi specifici gravanti sulla gestione in corso, incerti non solo nei tempi e nei valori di manifestazione, ma anche nella loro stessa esistenza. La funzione dei conti di bilancio accesi ai valori finanziari presunti di fine periodo consiste nel trasferire quote di costi (ratei passivi, fondi per rischi ed oneri) e ricavi (ratei attivi) dal perio do nel quale avranno manifestazione finanziaria a quello al quale devono essere imputati. 4. Le scritture di rettifica (o di storno) di fine esercizio Le scritture di rettifica o di storno di fine esercizio hanno lo scopo di individuare, nell ambito dei costi e dei ricavi che hanno avuto manifestazione finanziaria nel periodo contabile in chiusura o in periodi precedenti, le quote da rinviare, in modo distinto o indistinto, al futuro e quindi, in via residuale, quelle di competenza del periodo contabile di riferimento. Queste scritture rettificano in diminuzione costi e ricavi già presenti in contabilità per rinviare al futuro le quote non di competenza: ciò che viene sospeso dalla formazione del reddito di un dato esercizio diventa un componente del capitale di funzionamento e influisce, con segno opposto, sul reddito dell esercizio successivo. Le scritture di rettifica danno luogo ad una trasmigrazione contabile di valori dai conti di reddito accesi ai costi e ricavi di esercizio ai conti di reddito accesi ai costi e ricavi sospesi (comuni a due o più esercizi) e, quindi, dal reddito di esercizio al capitale di funzionamento. Nelle scritture di rettifica sono coinvolti due conti di reddito. Si tratta, infatti, di scindere un costo o un ricavo nella parte di esercizio ed in quella sospesa. La parte di esercizio diventa un componente del reddito dell esercizio in chiusura, mentre la parte sospesa concorre a formare il capitale di funzionamento alla chiusura dell esercizio (compito statico) per diventare un componente di reddito di esercizi futuri (compito dinamico). Le scritture di storno si rendono necessarie soprattutto per effetto dei seguenti fenomeni: a) rimanenze di magazzino di fine esercizio; b) stanziamento di risconti attivi e passivi finali; c) stanziamento di costi e ricavi anticipati finali; d) incrementi (di valore) di immobilizzazioni per lavori interni. A) Rilevazione delle rimanenze di magazzino di fine esercizio Le rimanenze di magazzino di fine esercizio sono costituite da beni destinati alla vendita (prodotti finiti, merci) oppure da beni in attesa di trasformazione che partecipano a quella che viene considerata la normale attività aziendale (materie prime, materie

14 146 Capitolo 7 sussidiarie, prodotti semilavorati, materie di consumo, prodotti in corso di lavorazione) e che saranno destinati alla vendita dopo essere stati trasformati in prodotti finiti. Le rimanenze di magazzino rappresentano costi di beni acquistati e/o prodotti che si rinviano all esercizio successivo, in quanto si ritiene che si possano recuperare tramite ricavi di futuri periodi. La loro contabilizzazione a fine esercizio non comporta un aumento del reddito, ma solo una sua corretta determinazione in base al principio della competenza economica dei costi e dei ricavi in ragione di esercizio. Tale contabilizzazione, che comporta una trasmigrazione contabile di valori dal reddito di esercizio al capitale di funzionamento, si realizza con la seguente scrittura: Rimanenze finali di merci (VE ) Rimanenze finali di imballaggi (VE ) Variazioni rimanenze merci (VE + ) Variazioni rimanenze imballaggi (VE + ) Nei conti di sintesi finali il valore delle rimanenze di magazzino appare in Dare dello Stato patrimoniale finale (Bilancio di chiusura) ed in Avere del Conto economico (Conto di risultato economico): D Stato patrimoniale A D Conto economico A Rimanenze finali di merci Variazioni rim. merci Rimanenze finali di imballaggi Variazioni rim. imballaggi L imputazione nella sezione Avere del Conto economico realizza uno storno generale e indistinto di costi, rettificando indirettamente i costi via via rilevati nel corso del periodo amministrativo, affinché sia rispettato il fondamentale principio della competenza economica in ragione di esercizio. L imputazione nella sezione Dare dello Stato patrimoniale finale, oltre a consentire il rinvio dei costi in questione a carico economico dell esercizio successivo, può essere interpretata come l immissione nel conto del patrimonio di un elemento attivo del capitale di funzionamento, proprio perché le rimanenze altro non sono che costi ad utilità futura. Le rimanenze di magazzino sono, quindi, valori che hanno una duplice valenza: patrimoniale e reddituale. Come componenti del capitale di funzionamento esprimono investimenti in attesa di realizzo diretto (es.: merci destinate alla vendita) o indiretto (es.: materiali di consumo). Come componenti del reddito esprimono uno storno generale e indistinto di costi di esercizio. Le rimanenze di magazzino sono valori che con segno opposto partecipano alla determinazione del reddito di due esercizi: quello che si chiude e quello immediatamente successivo; la determinazione del loro valore è quindi di basilare importanza in quanto esso condiziona il risultato dei due esercizi. Una sopravvalutazione delle rimanenze finali provoca una anticipazione di utili o una posticipazione di perdite, mentre una sottovalutazione ha come conseguenza l effetto opposto.

15 Le scritture di assestamento 147 B) Risconti attivi e passivi I risconti sono la quota non ancora maturata nell esercizio di costi o ricavi relativi a servizi: la cui manifestazione finanziaria si è già verificata; di competenza di due o più esercizi; la cui entità è legata al decorrere del tempo. Secondo il segno contabile, si distinguono in risconti attivi e risconti passivi. I risconti attivi riguardano quote di costi di servizi da trasferire a carico economico dell esercizio o di esercizi successivi; sono quindi costi sospesi, atti a trasferire al futuro le quote di costo non attribuibili all esercizio in chiusura. I risconti passivi riguardano quote di ricavi relativi a servizi da trasferire a beneficio economico dell esercizio o di esercizi successivi; sono quindi ricavi sospesi, atti a trasferire al futuro le quote di ricavo non attribuibili all esercizio in chiusura. I risconti sono la specializzazione di costi e ricavi a manifestazione finanziaria anticipata quando maturano in relazione al decorrere del tempo. Esempio n. 1 - In data 1 ottobre l impresa ha pagato un premio di assicurazione annuo di euro Al momento della chiusura dell esercizio (31/12) si provvede a determinare la competenza in ragione di esercizio del premio di assicurazione. Il pagamento del premio di assicurazione, in data 1 ottobre, ha dato luogo alla seguente scrittura contabile: Premi di assicurazione (VE ) Banca c/c (VF ) 2.400, ,00 Nel conto Premi di assicurazione è stato rilevato l intero costo, in parte di competenza dell esercizio in chiusura ed in parte di competenza dell esercizio successivo. Periodo complessivo di maturazione economica del costo Quota di competenza dell esercizio in chiusura Quota da rinviare al futuro: risconto attivo 1/10/n 31/12/n 1/10/n + 1 Data di pagamento: VF Chiusura Fine e registrazione in contabilità dell esercizio maturazione Il valore del risconto si calcola come segue: 12 : = 9 : x (mesi) (mesi) da cui x = euro (risconto attivo finale)

16 148 Capitolo 7 La rilevazione dell indicato risconto dà luogo ad una VE + di euro (aspetto originario) per lo storno diretto e distinto di costo dall esercizio in chiusura e ad una corrispondente VE di pari importo (aspetto derivato) che esprime la parte di costo di competenza dell esercizio successivo. L articolo in P.D. da redigere a fine esercizio è il seguente: Risconti attivi (VE ) Premi di assicurazione (VE + ) 1.800, ,00 Dopo la rilevazione del risconto attivo, il conto Premi di assicurazione esprime, con il suo saldo (euro = euro 600), la parte di costo di competenza dell esercizio in chiusura. Esempio n. 2 - In data 1 dicembre l impresa ha riscosso un fitto trimestrale anticipato di euro IVA 21% relativo ad un fabbricato ceduto in locazione a terzi. Al momento della chiusura dell esercizio (31/12) si provvede a determinare la competenza in ragione di esercizio del fitto attivo. La riscossione del fitto, in data 1/12, ha dato luogo alle seguenti scritture contabili: Crediti v/clienti (VF + ) Fitti attivi (VE + ) IVA ns/debito (VF ) Cassa (VF + ) Crediti v/clienti (VF ) 1.815, , ,00 315, ,00 Nel conto Fitti attivi è stato rilevato l intero ricavo, in parte di competenza dell esercizio in chiusura ed in parte di competenza dell esercizio successivo. Periodo complessivo di maturazione economica del costo Quota di competenza dell esercizio in chiusura Quota da rinviare al futuro: risconto passivo 1/12/n 31/12/n 1/3/n + 1 Data di pagamento: VF + Chiusura Fine e registrazione in contabilità dell esercizio maturazione Il valore del risconto si calcola come segue: 3 : = 2 : x (mesi) (mesi) da cui x = euro (risconto passivo) La rilevazione contabile dell indicato risconto dà luogo ad una VE di euro (aspetto originario) per lo storno diretto e distinto di ricavo dall esercizio in chiusura e ad

17 Le scritture di assestamento 149 una corrispondente VE + di pari importo (aspetto derivato) che esprime la parte di ricavo di competenza dell esercizio successivo. L articolo in P.D. da redigere a fine esercizio è il seguente: Fitti attivi (VE ) Risconti passivi (VE + ) 1.000, ,00 Dopo la rilevazione del risconto passivo, il conto Fitti attivi esprime, con il suo saldo (euro = euro 500), la parte di ricavo di competenza dell esercizio in chiusura. I risconti attivi sono componenti positivi del reddito e del capitale di funzionamento alla data del bilancio e partecipano, con segno opposto, alla determinazione del reddito dell esercizio successivo. I risconti passivi sono componenti negativi del reddito e del capitale di funzionamento alla data del bilancio e partecipano, con segno opposto, alla determinazione del reddito dell esercizio successivo. C) Stanziamento di costi e ricavi anticipati I costi ed i ricavi anticipati appartengono alla categoria dei componenti di reddito sospesi. Presentano analogie con i risconti dai quali si differenziano perché la ripartizione del componente di reddito tra gli esercizi interessati non può essere effettuata in proporzione al tempo. Per l imputazione dei costi e ricavi anticipati agli esercizi interessati si deve infatti ricorrere a stime e congetture che prescindono da calcoli di proporzionalità rispetto al tempo. I costi anticipati sono costituiti da quote congetturate di costi che hanno trovato solo in parte i correlativi ricavi e si presume troveranno la restante parte di ricavi nell esercizio o in esercizi successivi; sono valori da trasferire a carico economico della gestione futura. I ricavi anticipati sono costituiti da quote congetturate di ricavi che hanno trovato solo in parte i correlativi costi e si presume troveranno la restante parte di costi nell esercizio o in esercizi successivi; sono valori da trasferire a beneficio economico della gestione futura. A giornale possono comporsi articoli del tipo seguente: Costi anticipati di pubblicità (VE ) Spese di pubblicità (VE + ) Ricavi per abbonamenti (VE ) Ricavi anticipati per abbonamenti (VE + )

18 150 Capitolo 7 D) La rilevazione degli incrementi di valore di immobilizzazioni per lavori interni L autoproduzione o l esecuzione di lavori interni o cd. «in economia» rappresenta una delle modalità attraverso cui un impresa può acquisire fattori produttivi a fecondità ripetuta di tipo materiale (es.: fabbricati, macchinari) o di tipo immateriale (es.: brevetti, marchi) o migliorarne altri già posseduti, incrementandone il valore. Il problema da risolvere, in questi casi, è quello di sospendere dalla formazione del reddito i costi di quei fattori produttivi che troveranno solo in futuro correlazione nei ricavi di vendita ottenuti tramite l utilizzazione dei cespiti alla cui costruzione o al cui miglioramento hanno concorso. Tale problema è noto come «capitalizzazione dei costi di esercizio». Capitalizzare un costo vuol dire non considerarlo un componente negativo del reddito dell esercizio in cui si manifesta finanziariamente bensì un componente attivo del capitale di funzionamento, rinviandolo alla formazione del reddito dei futuri esercizi. La capitalizzazione dei costi è, quindi, un processo economico-contabile mediante il quale un coacervo di costi, tipicamente di esercizio, si trasforma in un costo pluriennale, da ripartire quindi per quote di competenza nei vari esercizi nei quali sono attesi i correlativi ricavi. Con la capitalizzazione si realizza un trasferimento contabile di valori dal reddito di esercizio al capitale di funzionamento. La capitalizzazione può riguardare: a) i costi dei fattori consumati nelle costruzioni in economia di beni e servizi durevoli; b) i costi di manutenzione straordinaria, che incrementano in maniera duratura il valore di una immobilizzazione materiale e cedono la loro utilità reddituale ai diversi esercizi in cui la stessa potrà ancora essere utilizzata; c) i cd. oneri pluriennali, ossia i costi di impianto e di ampliamento, i costi di ricerca e sviluppo ed i costi di pubblicità aventi utilità pluriennale. La capitalizzazione di costi di esercizio determina una variazione economica negativa (VE ) per la rilevazione del costo pluriennale ed una correlativa variazione economica positiva (VE + ) di pari importo, quale storno generale e indistinto di costi di esercizio. A giornale possono comporsi articoli del tipo seguente: Fabbricati (VE ) Manutenzioni e riparaz. (VE + ) Impianti (VE ) Costruzioni interne (VE + ) Macchinari (VE ) Lavori in economia (VE+) Costi di ricerca capitalizzati (VE ) Costi di ricerca (VE + ) Costi di sviluppo capitalizzati (VE ) Costi di sviluppo (VE + )

19 Le scritture di assestamento 151 Con l iscrizione dei lavori interni per incrementi di immobilizzazioni tra i componenti positivi di reddito nel Conto economico si effettua uno storno generale e indistinto dei costi dei fattori produttivi indicati tra i componenti negativi di reddito, allo scopo di quantificare correttamente il reddito di competenza dell esercizio. 5. Le scritture di ammortamento dei costi pluriennali L ammortamento è il procedimento tecnico-contabile mediante il quale si effettua la ripartizione sistematica del costo anticipato-pluriennale di una immobilizzazione tra gli esercizi della sua vita economicamente utile al fine di esprimere, con le quote congetturate che si determinano, la partecipazione del bene alla produzione dei ricavi dei singoli esercizi. Le quote di ammortamento si calcolano secondo un piano la cui redazione richiede la conoscenza dei seguenti elementi: a) il valore da ammortizzare; b) la residua possibilità di utilizzazione del bene; c) i criteri di ripartizione del valore da ammortizzare. Il valore da ammortizzare è rappresentato dalla differenza tra il valore di acquisizione del bene ed il presumibile valore netto di realizzo dello stesso al termine del periodo di vita utile, purché sia apprezzabile e oggettivamente stimabile in termini monetari omogenei. La residua possibilità di utilizzazione è l orizzonte temporale, espresso in termini di periodi amministrativi, in cui si prevede di utilizzare il bene nell attività produttiva. Il periodo di utilizzo del bene è normalmente inferiore alla sua durata fisica e deve essere ragionevolmente stimato sulla base dei seguenti fattori: a) deperimento fisico; b) obsolescenza tecnica; c) obsolescenza commerciale; d) condizioni di utilizzo; e) politiche di manutenzione e riparazione; f) piani aziendali relativi alla sostituzione dei cespiti. I criteri di ripartizione del valore da ammortizzare devono assicurare una razionale e sistematica imputazione del valore dei cespiti durante la stimata vita utile dei medesimi. In base a quanto disposto dall art. 2426, al punto n. 2, del codice civile, il costo storico (di acquisto oppure di produzione) delle immobilizzazioni deve essere sistematicamente ammortizzato in ogni esercizio in relazione con la loro residua possibilità di utilizzazione. Il criterio di calcolo più diffuso è quello a quote costanti, che si fonda sull ipotesi semplificatrice che l utilità reddituale del bene oggetto di ammortamento si ripartisce nella stessa misura su ogni anno di vita utile del bene stesso.

20 152 Capitolo 7 Lo scopo delle scritture di ammortamento è quello di far confluire nella determinazione del reddito dell esercizio in chiusura la parte del costo pluriennale che è stata utilizzata nell esercizio e, nella formazione del capitale di funzionamento, la parte del costo pluriennale che è rimasta da utilizzare per la produzione dei redditi dei futuri esercizi. Sotto il profilo contabile, l ammortamento provoca una VE per la rilevazione della quota di esercizio del costo pluriennale ed una correlativa VE + che esprime il minor costo pluriennale. Due sono le forme di rappresentazione contabile, all epoca della formazione del bilancio di esercizio, delle quote di ammortamento da spesare a carico economico dell esercizio in chiusura: l ammortamento diretto (o in conto); l ammortamento indiretto (o fuori conto). Con l ammortamento diretto la quota di ammortamento di competenza dell esercizio viene portata in diretta diminuzione del costo residuo da ammortizzare del precedente esercizio. A giornale: Ammortamento impianti (VE ) Ammortamento brevetti (VE ) Ammortamento costi di ampliamento (VE ) Impianti (VE + ) Brevetti (VE + ) Costi di ampliamento (VE + ) L ammortamento indiretto si effettua invece aprendo, per ogni bene ammortizzabile, un apposito fondo di ammortamento che, a fine periodo, funziona quale contropartita contabile della quota di ammortamento. A giornale: Ammortamento impianti (VE ) Ammortamento brevetti (VE ) Ammortamento costi di ampliamento (VE ) Fondo ammortamento impianti (VE + ) Fondo ammortamento brevetti (VE + ) Fondo ammortamento avviamento (VE + ) Il fondo ammortamento non è né un debito né un accantonamento di mezzi liquidi o di speciali disponibilità, ma una semplice invenzione contabile. Esso, di per sé, non esiste, ma serve soltanto per rettificare il valore delle immobilizzazioni. Sotto il profilo contabile il fondo ammortamento rappresenta la somma delle quote di utilità cedute agli esercizi passati e a quello in corso. Esso esprime il grado di disinve-

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Il bilancio civilistico

Il bilancio civilistico Il bilancio civilistico Dispense a cura del Prof. Coronella 1 Il bilancio civilistico Dispense a cura del Prof. Stefano Coronella Il bilancio civilistico Dispense a cura del Prof. Coronella 2 1. Considerazioni

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE

PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE OIC 2 PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE ottobre 2005 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) nasce dall esigenza, avvertita dalle principali parti

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli